Zoologia



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Zoologia sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Zoologia. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Zoologia e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Zoologia. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Zoologia qui sotto. Se le informazioni su Zoologia che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

La zoologia (termine derivato dal greco antico  : ζῷον  / zôion , "animale" e λόγος  / lógos , "discorso") è la scienza che studia gli animali . Gli specialisti in questa disciplina sono chiamati zoologi o zoologi .

Riunendo diverse discipline e utilizzando molte tecniche, questa scienza si è lentamente sviluppata nel corso dei secoli sin dalla preistoria . Storicamente, le prime riflessioni scientifiche sulla zoologia che ci sono state trasmesse sono quelle di Aristotele . Da allora i grandi tentativi di classificare le specie animali sono stati numerosi e spesso rivisti.

La distinzione tra zoologia e botanica

Il confine tra la zoologia, che studia gli animali, e la botanica , che studia le piante, è stato ed è tuttora oggetto di controversia. Alcuni esseri viventi, considerati piante, si sono rivelati animali; Per alcuni altri ancora agli albori del XXI °  secolo, oggetto di discussioni. Per questi esseri viventi atipici, l'appartenenza all'una o all'altra delle scienze è stata modificata grazie ai progressi e alle scoperte tecniche o scientifiche (tra cui la microscopia o l'analisi del DNA).

Mentre la maggior parte metazoi sono sempre stati collocati tra gli animali, alcuni metazoi inferiori erano ancora nel XIX °  secolo, collocato in una categoria speciale chiamata "  zoofiti  " (etimologicamente: animale-vegetale). Questo grande gruppo tradizionalmente comprendeva le spugne , gli cnidari e i ctenofori . Carl von Linné ha classificato in questa categoria Molluschi come Seppie , Aplysia , Holothuria , ma anche Echinodermi ( ricci di mare e stelle marine ). Fu solo nel 1744 che Jean André Peyssonnel riconobbe il corallo come animale; Allo stesso modo, le spugne non furono riconosciute come animali fino al 1825.

Il caso dei protozoi è ancora più problematico. Lo studio degli esseri viventi unicellulari rivela forme ambigue dove la distinzione tra animale e pianta non è assoluta. Alcuni di essi, come l' euglene o certi Peridinidi che possono avere una dieta autotrofa o eterotrofa , sono da tempo posti al confine tra le due discipline. Pertanto, alcuni organismi unicellulari sono dotati di clorofilla (carattere dello "stato vegetale"), sono mobili e hanno una membrana cellulare flessibile (carattere dello "stato animale").

Nella seconda metà del XIX °  secolo, Ernst Haeckel , mentre la coesistenza di questi personaggi è stato ereditato da antenati comuni ad animali e piante, definisce per gli organismi unicellulari del regno dei protisti ( protisti ) nel 1866. La protistologia , studio scienziato della Protisti, poi si è trovato attaccato sia alla zoologia che alla botanica. Tuttavia, rimaneva una certa dicotomia tradizionale: gli zoologi studiano forme con "affinità animale" e i botanici forme con "affinità vegetale". I confini e le classificazioni dei Protisti proposti dagli scienziati quindi divergono notevolmente a seconda della disciplina interessata. I ricercatori hanno tentato di delimitare i due regni "animale" e "pianta", che tendono a fondersi all'interno di Flagellati , distinguendo Zooflagellati e Fitoflagellati.

Per i biologi, come Cavalier-Smith alla fine del XX °  secolo, consigliamo di non usare il termine "animali unicellulari" Zoologia è lo studio degli animali e protozoi.

Agli inizi del XXI °  secolo, i dati di biologia molecolare utilizzati per valutare in modo più affidabile parentela tra lignaggi di organismi viventi.

Moderni metodi di cladistica hanno permesso di distinguere la linea verde (che indubbiamente riguarda botanica e ficologia ), gli opistoconti (che riguardano la zoologia e la micologia ), la linea marrone (la psicologia) e le varie linee che appartengono a questa o quella disciplina non è sempre risolti e che rientrano nella protistologia per impostazione predefinita.

La distinzione tra zoologia e botanica diventa sfumata al punto che nel 2012 si presume che, tra i Metazoi , gli animali marini ( Cnidari come coralli e anemoni di mare) vengano trasformati in piante per endosimbiosi con alghe clorofilliane: zooxantelle , dinofite fotosintetiche che forniscono loro con materia organica. In alcuni casi, queste alghe endosimbiotiche vengono trasmesse di generazione in generazione dalle uova dell'ospite, sul modello dell'eredità dei plastidi nelle piante.

Storia

Preistoria

Uro rappresentato nella grotta di Lascaux .

L' Homo sapiens del Paleocene superiore ha prodotto molti dipinti, incisioni e sculture rupestri. Queste rappresentazioni artistiche, senza dubbio ritualistiche, mostrano che i nostri antenati osservavano attentamente la fauna, rappresentando dettagli che indicano una buona conoscenza degli animali del loro ambiente, come la muta del bisonte o la piega cutanea presente alla base delle code del mammut .

Il bestiario varia a seconda delle regioni e dei tempi del Paleolitico superiore  : troviamo però per lo più erbivori di grandi dimensioni ( cavalli , bisonti , uro ), come nella grotta di Lascaux .

Altre specie sono rappresentate più raramente, a volte con forte predominanza geografica o cronologica: leoni e rinoceronti nella grotta Chauvet , in Ardèche , cervi nelle grotte della regione Cantabres in Spagna o mammut a Rouffignac , in Dordogna . Succede anche che siano rappresentati animali indeterminati o "fantastici": una figura della sala dei tori di Lascaux viene talvolta chiamata "  unicorno  ".

Il periodo neolitico mostra anche rappresentazioni animali molto realistiche. Nel Sahara , una civiltà di pastori risalenti al VI millennio a.C. AD è responsabile delle incisioni e pitture rupestri classificate nello stile di "hartebeest" e "bovidae". Nella sua forma più antica, il "periodo bubalino" ha caratterizzato solo incisioni di animali selvatici: bovidi, equini, felini, giraffe, mufloni, antilopi, gazzelle, elefanti, rinoceronti, struzzi, ecc. Nella sua forma più recente, il "periodo bovidiano" ”Corrisponde a dipinti di fauna domestica: buoi, capre e pecore.

antichità

La rivoluzione neolitica , caratterizzata dall'addomesticamento degli animali, continuò durante il periodo dell'antichità.

L'antica conoscenza della fauna selvatica è illustrata dalla rappresentazione realistica di animali selvatici e domestici nel Vicino Oriente , in Mesopotamia e in Egitto .

Gli animali nel Vicino Oriente antico così come gli animali nell'antico Egitto sono campo culturale della zoologia, estendendo il simbolismo sacro e l'arte, attraverso le pratiche e le tecniche dell ' allevamento , della caccia o della pesca .

L'invenzione della scrittura si riflette nella zoologia dalla presenza di animali nei geroglifici egizi .

Il periodo dell'Antichità fu quello di Aristotele in tutta l'estensione scientifica del campo della zoologia.

Il filosofo greco Aristotele (384 a.C.-322 a.C.) dedica molti trattati al mondo animale. Aristotele cerca di fare una classificazione comprensibile degli animali nella sua Storia degli animali . Scrive Historia Animalium , una biologia generale degli animali, De Partibus Animalium , un'anatomia comparata e fisiologia degli animali, e De Generatione Animalium , sulla biologia dello sviluppo. In particolare in Parti di animali , affronta la questione della classificazione degli animali per genere e per specie.

Il naturalista romano Plinio il Vecchio (23-79) dedica quattro libri (VIII, IX, X e XI) agli animali nella sua opera enciclopedica L' Histoire naturelle (Naturalis Historia) composta da 37 volumi scritti in lingua latina. Nei quattro libri sugli animali di Plinio il Vecchio si studiano successivamente animali terrestri, "pesci" (cioè animali marini e pesci di fiume), uccelli e insetti.

  • Il Physiologos è un bestiario greca, probabilmente risalente al II °  secolo. Si occupa delle proprietà di animali, uccelli e creature fantastiche.

Le poesie didattici di Oppio Corycos di della pesca sulla pesca e Ixeutiques sulla caccia, contengono anche un sacco di descrizioni e racconti sugli animali noti agli antichi II °  secolo.

  • Elian (c. 175-c. 235): oratore e naturalista romano di lingua greca. I 17 libri delle sue caratteristiche animali (Περὶ Ζῴων Ἰδιότητος / Perì Zôiôn Idiótêtos) raccolgono aneddoti su 70 specie di mammiferi, 109 specie di uccelli, una cinquantina di rettili e circa 130 pesci.

Oppio della Siria , vissuto nel III °  secolo, è l'autore di un'opera poetica dedicata alla caccia, caccia con i cani anche descrivendo gli animali esotici.

Medio Evo

Animali favolosi e tabù biblici.

La conoscenza degli animali progredì relativamente poco durante il Medioevo. La maggior parte degli autori che hanno studiato la vita degli animali sono dipendenti di Isidoro di Siviglia (c. 560-636), che ha riunito agli inizi del VII °  secolo nel suo Etymologiae ( Etimologie o Origini ) alcune osservazioni, ma anche i miti trasmessi da Plinio nella sua naturale Storie .

Nel VIII °  secolo, Al-Asma'i (c. 740-828), un linguista di Bassora in Iraq , ha scritto i primi grandi trattati del mondo islamico in zoologia. Le sue opere, Kitab al-Khail (Il libro del cavallo) e Kitab al-Ibil (Il libro del cammello) descrivono in dettaglio la fisiologia di questi animali.

Ha anche scritto altri libri sulle pecore Kitab al-Sha , sugli animali rari Kitab al-Farq e sulla fauna selvatica Kitab al-wuhûsh .

Durante il periodo medievale al IX °  secolo, altri studiosi arabi come Al-Jāḥiẓ (c. 776-868), autore di un libro di animali Kitab al-Hawayan , mantengono un interesse in studio zoologico.

Il XII °  secolo ha visto la riscoperta di Aristotele e dei suoi animali trattati dedicati, in particolare attraverso i commenti degli arabi filosofo Averroè (1126-1198) e traduzioni del filosofo scolastico Michele Scoto (c. 1175-c. 1236). Questo sarà il punto di partenza per un rinnovato interesse per il mondo animale.

  • Federico II del Sacro Romano Impero (1194-1250) scrisse un manuale illustrato di falconeria e ornitologia, De arte venandi cum avibus , in cui descriveva più di 900 specie di uccelli. Registra osservazioni molto precise sul comportamento degli uccelli che sono molto più avanti dei suoi tempi. Non esita a criticare Aristotele, al quale rimprovera di avere solo una conoscenza teorica degli uccelli.
  • Alberto Magno (1200-1280 circa) è l'autore di un vasto trattato, De animalibus , dedicato alla fauna. Questo autore ha dato particolare importanza alla riproduzione e alla sessualità degli animali. Quanto allo studio della zoologia, le sue opere sono paragonabili per importanza a quelle di Aristotele .

Allo stesso tempo, a partire dalla fine del XII °  secolo , la storia naturale degli animali che passano attraverso quello che potrebbe essere chiamato il suo favoloso periodo con la proliferazione di "  Bestiario  " dedicata alla descrizione e la rappresentazione simbolica di animali reali e immaginari. I ricchi bestiari medievali ispirato un'opera orientale anonima, probabilmente risalente al II °  secolo e probabilmente composta in Alessandria il Physiologos . Arricchita nel tempo da mutui dall'Etymologiae d'Isidore di Siviglia e da autori assenti dalla versione primitiva, diventa la fonte principale dei bestiari medievali. Così vediamo apparire in queste collezioni una miriade di animali favolosi o fantastici, alcuni ereditati dall'antichità, altri nati in immagini popolari del medioevo, tra cui: l' unicorno , la fenice , l' uccello delle rocce , il wurm , il drago , il basilisco , il mare. serpente , sirena , grifone .

Nella sua enciclopedia naturalistica lingua di olio , Li libri tesoro dou (1265), il dotto fiorentino Brunetto Latini (c. 1220-1294) rispetta il quadro dell'animale tradizione bestiario commistione scienza XIII °  secolo e leggende .

Rinascimento

Viaggi esplorativi e microscopisti.

Intorno al 1480 , Juliana Berners , probabilmente priora del convento di Sopwell vicino a St Albans, pubblicò un'opera sulla falconeria e un'altra sulla pesca .

Ippolito Salviani (1514-1572) fu un pioniere nello studio della fauna acquatica, con la pubblicazione nel 1554 dell'opera intitolata Aquatilium animalium historiæ .

Guillaume Rondelet (1507-1566) era un medico a Montpellier, un importante centro della scienza francese, principalmente botanica e medicina, durante il Rinascimento. Nel 1555 pubblicò la sua Universæ aquatilium historiæ pars altera in cui presentava tutti gli animali acquatici, anche mitici, che conosceva. Aggiunge molte osservazioni personali di alta qualità.

Pierre Belon (c. 1517-1564) è l'autore, nel 1551, di La storia naturale di strani pesci marini con l'immagine reale e la descrizione del Daulphin e di molti altri della sua specie . Scrisse anche, nel 1555, un'opera intitolata Histoire de la nature des oiseaux . Il suo lavoro si concentra in particolare sull'anatomia comparata. A lui è dedicato un uccello paleartico: il Belon Volpoca .

Conrad Gessner (1516-1565) pubblicò la sua Historia animalium a Zurigo tra il 1551 e il 1558. Compilatore instancabile, soprannominato il Plinio svizzero, Gessner raccoglie tutte le conoscenze sugli animali di cui ha conoscenza. Li presenta, organizzati in ordine alfabetico, analizzando ogni animale su un modello identico. L'obiettivo di Gessner non è giudicare ma rendere un'enciclopedia il più esauriente possibile. La sua opera, riccamente illustrata, tra gli altri, da Albrecht Dürer , sarà molto spesso ristampata per più di tre secoli.

Ulisse Aldrovandi (1522-1605) pubblica dal 1559 al 1605 i primi quattro volumi di una storia naturale (compreso il De Animalibus saladis nel 1602 che è appunto il settimo volume) che saranno quattordici, gli altri pubblicati dopo la sua morte (ultimo volume che appare nel 1668). Questo naturalista adora ancora l'antichità e dà tanto merito a Strabone e Plinio quanto alle sue stesse osservazioni.

XVII ° e XVIII esimo  secolo

The Lynx , disegnato da Jacques de Sève .
Illustrazione dalla Storia dei quadrupedi di Buffon .

John Ray (1627-1705) e Francis Willughby (1635-1672) hanno svolto un ruolo essenziale nella botanica e nella zoologia durante questo periodo. Questi due uomini si incontrano a Cambridge e presto diventano amici. Viaggiano insieme in Europa dove osservano gli animali nei loro dintorni.

In zoologia Ray è il primo a proporre una classificazione degli animali basata su criteri anatomici e non comportamentali o ambientali. La sua classificazione, soprattutto degli uccelli, è la più avanzata fino all'opera di Linneo.

La morte prematura di Willughby gli impedisce di completare diverse opere che Ray arricchirà (a volte considerevolmente) e pubblicherà sotto il solo nome di Willughby. È il caso di Ornithologia (Londra, 1676) e De historia piscium (Oxford, 1686). Tra le opere principali di Ray, dobbiamo menzionare Synopsis animalium quadrupedum et serpentini generis (Londra, 1693). Molte delle sue opere apparvero postume, come Historia insectorum a Londra nel 1710 o Synopsis avium et piscium ancora a Londra nel 1713.

Francesco Redi (1626-1697) si interessa di parassitologia e descrive quasi 100 specie di parassiti microscopici o piccolissimi. È all'origine di numerose osservazioni sulla generazione degli insetti e sui vermi intestinali.

Marcello Malpighi (1628-1694), il padre dell'anatomia microscopica o istologia , ha oggi il suo nome associato a dozzine di strutture nel corpo umano e negli insetti.

Jan Swammerdam (1637-1680), il cui lavoro si concentra sull'anatomia degli insetti da lui studiata utilizzando un micro-materiale da dissezione da lui realizzato, pubblicò, nel 1669, una Storia generale degli insetti dove li classifica in base al tipo di metamorfosi . Swammerdam distingue tra insetti con metamorfosi completa e incompleta e descrive attentamente queste trasformazioni.

Girolamo Fabrizi d'Acquapendente (1537-1619) è particolarmente interessato allo sviluppo embrionale degli animali. La sua ricerca fu completata da uno dei suoi studenti, Hieronymus Fabricius (1537-1619), che studiò lo sviluppo embrionale dei polli.

I primi lavori sugli insetti risalgono agli inizi del XVII °  secolo. Thomas Muffet (c. 1552-1604), medico e naturalista inglese, pubblicò post mortem , nel 1634, il Theatrum Insectorum , un libro interamente dedicato agli insetti (termine che indica efficacemente insetti ma anche molti altri invertebrati). Charls Butler (1559-1647) pubblicò nel 1609 il primo libro interamente dedicato alle api.

Il naturalista olandese Jan Goedart (1617-1668) pubblicò, tra il 1662 e il 1667, un trattato dal titolo Metamorphosis et historia naturalis insectorum in cui descriveva 140 insetti rappresentati con l'ausilio di numerose illustrazioni. È stato il primo a descrivere il ciclo di vita completo della farfalla , dall'uovo all'adulto.

Il progresso essenziale nel campo dell'anatomia comparata è dovuto, in Francia, a Claude Perrault (1613-1688) e Joseph Guichard Duverney (1648-1730) che sono legati da una stretta collaborazione.

Claude Perrault ha dato un esempio a Joseph Guichard Duverney nella ricerca sulla struttura degli animali.

Joseph Guichard Duverney (1648-1730) pubblicato agli inizi del XVIII °  tanti ricordi importanti secolo per l'Accademia delle Scienze di Parigi sui sistemi circolatorio e respiratorio vertebrati a sangue freddo come le rane, serpenti,  ecc .

Nel 1720 Michael Bernhard Valentini (1657-1729) pubblicò uno studio in cui confrontava l'anatomia di diversi vertebrati.

Nel 1734 Jacob Theodor Klein (1685-1759) pubblicò Naturalis dispositio Echinodermatum , un lavoro pionieristico sui ricci di mare .

Martin Lister (c. 1638-1712) è un medico e naturalista britannico il cui lavoro riguarda molte specie di invertebrati, in particolare tra molluschi e ragni.

Martin Lister diede nel 1682 una traduzione inglese di Metamorphosis et historia naturalis insectorum di Jan Goedart e pubblicò nel 1685 una versione migliorata in latino secondo un ordine metodico e una classificazione a lui peculiare.

Anna Maria Sibylla Merian (1647-1717) occupa davvero un posto speciale nella storia dell'entomologia. Appartiene a una prestigiosa famiglia di incisori e ha imparato molto presto il disegno e la pittura. È appassionata di insetti e in particolare del fenomeno della metamorfosi, già oggetto di osservazioni e illustrazioni di Jan Goedart (1617-1668). Ha scoperto nei Paesi Bassi diverse collezioni di farfalle dalle Americhe. Desiderando osservarli di persona, fece un viaggio nel 1699 in Suriname. Le illustrazioni che produce sono molto apprezzate, si sforza di illustrare le diverse fasi di crescita degli insetti (larve, ninfeo e adulti). Le sue immagini non sono accompagnate da testo, quindi il suo impatto sull'evoluzione dell'entomologia è piuttosto piccolo, è notevole soprattutto perché è una delle rare naturaliste femminili del suo tempo.

Johann Leonhard Frisch (1666-1743) dimostra che lo sviluppo di una pianta può essere ritardato dall'azione dei suoi parassiti. Dal 1696 al 1700 Antonio Vallisneri (1661-1730) pubblica su La Galleria di Minerva i Dialoghi sopra la curiosa Origine di molti Insetti . Lì espone i suoi primi esperimenti sulla riproduzione di insetti che, con le osservazioni di Francesco Redi (1626-1697) e Marcello Malpighi (1628-1694), contribuiscono a negare la credenza nella generazione spontanea. Pierre Lyonnet (1708-1789) pubblicò le sue prime osservazioni sull'anatomia degli insetti nel 1750 dedicando una monografia a un bruco con il nome di Traite anatomique de la chenille qui chonge le bois de Saule . Sebbene le sue dissezioni e le sue illustrazioni siano notevoli, non essendo un medico, gli mancano le conoscenze anatomiche e le sue osservazioni sono talvolta influenzate.

Moses Harris (1731-1785), illustratore ed entomologo britannico, fu il primo a utilizzare le vene delle ali di farfalla per la classificazione.

L'entomologia ottiene le sue lettere di nobiltà con René-Antoine Ferchault de Réaumur (1683-1757). Membro dell'Accademia delle Scienze nel 1708, condusse esperimenti in un gran numero di soggetti, il più noto è lo sviluppo di un termometro e il suo lavoro sulla terracotta. Ma lo scienziato non disdegna la storia naturale di zoofiti , molluschi , crostacei , insetti , ragni , pesci e uccelli . Ha pubblicato, dal 1734 al 1742, i sei volumi delle Memorie per servire la storia degli insetti . Nella sua introduzione precisa i motivi della sua pubblicazione: “Non siamo ancora arrivati, quasi, al momento in cui possiamo ragionevolmente intraprendere una storia generale degli insetti. Scienziati di tutto il paese hanno trascorso più di un secolo a studiarli. L'attenzione che hanno riservato ci ha fatto guadagnare un gran numero di osservazioni sicure e curiose. Tuttavia, non ce ne sono ancora abbastanza da raccogliere. Il numero di osservazioni necessarie per una storia abbastanza completa di tanti piccoli animali è prodigioso ”.

Poi fa notare che il numero di insetti è prodigioso. Delle dodici-tredicimila piante conosciute ai suoi tempi, fa notare che ognuna mantiene centinaia di specie di insetti differenti, che sono preda di predatori particolari. Questa analisi ecologica della biodiversità anticipa i tempi. E prosegue: "L'immensità delle opere della natura non appare migliore da nessuna parte che nell'innumerevole molteplicità di tante specie di piccoli animali".

Dopo aver notato che la diversità degli insetti è tale che nessuna mente può aggirarli, sottolinea che è particolarmente utile conoscere le forme principali. Egli giustifica anche l'interesse e l'importanza dello studio degli insetti: "Anche se restringiamo molto i limiti dello studio della storia degli insetti, ci sono persone che scopriranno che li lasciamo ancora troppo ampi ...". Sono gli stessi che considerano inutile ogni conoscenza di questa parte di storia naturale, che la trattano, senza esitazione, come un divertimento frivolo ”.

Réaumur elenca poi i contributi che possono essere apportati da quella che non è ancora chiamata entomologia: la cera e il miele forniti dalle api (il miele che era la principale fonte di dolcezza all'epoca), i coloranti presi dalla cocciniglia , i fichi la cui maturazione dipende dagli insetti. .. Indica anche che la conoscenza degli insetti permette di combatterli.

Le sue Memorie assomigliano spesso a monografie. Il volume IV è interamente dedicato a tre specie di cicale . Descrive l'anatomia esterna, gli organi orali, la deposizione delle uova, la produzione di stridulazione, la deposizione delle uova, ecc. Réaumur studia in particolare le api, che battezza i suoi cari piccini. Per osservare meglio il comportamento delle api, fu il primo a progettare un alveare con un sistema di vetro, una persiana per proteggere l'interno dell'alveare dalla luce, Réaumur sollevandolo solo per fare le sue osservazioni.

Réaumur era in contatto con i principali scienziati del suo tempo. Mantenne un'abbondante corrispondenza con altri naturalisti che furono allo stesso tempo suoi allievi, suoi corrispondenti e suoi fornitori di osservazioni zoologiche. Abraham Trembley (1710-1784) ha fatto nel 1740 la scoperta sorprendente della riproduzione dal scissiparità della acqua dolce Hydra . Incoraggiato da Réaumur, pubblicò le sue osservazioni nel 1744 sotto il titolo di Memorie per servire la storia di un genere di polipi d'acqua dolce con braccia a forma di corno . Charles Bonnet (1720-1793), corrispondente di Réaumur a Ginevra e cugino di Trembley, pubblicò nel 1745 le sue osservazioni sulla partenogenesi degli afidi . Charles de Geer (1720-1778) sviluppò il suo capolavoro sugli insetti, che continuò l'opera di Réaumur, descrivendo i costumi e l'anatomia di oltre 1.500 specie, sotto lo stesso titolo di Memorie per servire la storia degli insetti e nella stessa forma , in sette volumi in-4 ° pubblicati dal 1752 al 1778. Lazaro Spallanzani (1729-1799) riprese migliorando la tecnica delle "mutande" di Réaumur poste con le rane per determinare il ruolo del seme maschile nella generazione e dimostrò che la fecondazione è esterno in rane e rospi. Osservatore e sperimentatore di prim'ordine, Spallanzani eseguì, nel 1777, la prima fecondazione artificiale , studiando il meccanismo di riproduzione negli anfibi. Nel 1779 riuscì alla prima inseminazione artificiale di una cagna.

Carl von Linné (1707-1778) è un naturalista svedese che ha gettato le basi per il moderno sistema di nomenclatura binomiale . Conosciuto come il padre della tassonomia moderna, è in questa veste che è importante per la zoologia, anche se era principalmente un botanico. Nella decima edizione (1758) di Systema Naturae , Linneo elencava circa 4.400 specie animali diverse, di cui quasi un terzo, o 1335 specie, erano Vertebrati.

Buffon (1707-1788) è un naturalista francese la cui opera principale, L'Histoire naturelle, générale et particular , ha segnato il suo tempo ed è principalmente dedicata agli animali, tra cui L'Histoire des Animaux quadrupèdes (12 volumi, 1753-1767) e The Storia degli uccelli (9 volumi, 1770-1783).

Il naturalista gallese Pennant (1726-1798), attraverso il suo importante lavoro sulla zoologia britannica British Zoology (4 volumi, 1761-1766), stimolò la ricerca zoologica in Gran Bretagna, in particolare in ornitologia. Anche le altre sue opere, tra cui Indian Zoology (1769), History of Quadrupeds (1781) e Arctic Zoology (2 volumi, 1784-1785), furono ampiamente lette.

Il XVIII °  secolo fu un periodo in cui lo studio dei parassiti comincia ad emergere. Possiamo citare in particolare l'opera dell'italiano Giovanni Targioni Tozzetti (1712-1783).

Nell'ultimo quarto del XVIII °  secolo, la zoologia, la scienza che si occupa di tutti gli animali in natura, è diviso in più parti separate, che può essere ridotto a sei:

  1. Tetrapodologia, storia di quadrupedi ricoperti di peli;
  2. Ornitologia, storia degli uccelli;
  3. Anfibiologia, storia di animali anfibi come serpenti, lucertole, rane, tartarughe, ecc. ;
  4. Ittiologia, storia del pesce;
  5. Entomologia, storia degli insetti;
  6. Zoofitologia, storia delle zoofite .

Il XIX °  secolo

Fenicottero rosso ( Phoenicopterus ruber ).
Disegno di John James Audubon per il suo libro The Birds of America .

Scienziati naturalisti come Lamarck, Cuvier, Geoffroy Saint-Hilaire e Darwin incarnano lo spirito del XIX °  secolo segnato in zoologia dalle teorie della evoluzione delle specie.

Jean-Baptiste de Lamarck (1744-1829) fu il primo a sistematizzare l'idea di una trasformazione di specie ea darne un resoconto coerente. Nella sua Filosofia zoologica pubblicata nel 1809, Lamarck propose una teoria esplicativa dell'evoluzione delle specie animali, ipotizzando la graduale trasformazione delle specie nel tempo secondo due tendenze congiunte, una di complessificazione degli organismi sotto l'effetto delle loro dinamiche interne e l'altra diversificazione delle specie per effetto delle circostanze. Effettua anche la classificazione degli invertebrati .

Georges Cuvier (1769-1832) è il promotore dell'anatomia comparata e della paleontologia dei vertebrati . Cuvier enunciò, nel 1812, le leggi della subordinazione degli organi e della correlazione delle forme .

Étienne Geoffroy Saint-Hilaire (1772-1844) descrive l'unità dei piani organizzativi all'interno del regno animale . Le opere zoologiche di Geoffroy Saint-Hilaire tendono a dimostrare l'unità della composizione organica degli animali, da una prospettiva trasformista. Secondo questo scienziato, esisterebbe quindi, per il regno animale, un piano generale di organizzazione che verrebbe modificato, nel tempo, dall'ambiente. Ha quindi cercato analogie tra le specie animali e ha affermato la legge di connessione, permanenza e influenza.

Henri Milne-Edwards (1800-1885) innova combinando l'anatomia comparata di Georges Cuvier con la fisiologia . La sua opera più considerevole, Lezioni di fisiologia e anatomia comparata dell'uomo e degli animali , realizzata presso la Facoltà di Scienze di Parigi , fu pubblicata tra il 1857 e il 1881 in 14 volumi in-8 .

Isidore Geoffroy Saint-Hilaire (1805-1861) ha suddiviso il processo di addomesticamento delle specie animali in tre fasi successive corrispondenti a tre stati dell'animale: cattività, addomesticamento e domesticità.

Il naturalista Richard Owen (1804-1892), affermandosi come l'erede di Cuvier, ha dato numerosi lavori sull'anatomia e la paleontologia dei vertebrati. Nel 1842, Owen è l'inventore del nome dei Dinosauri dato Reptile fossili dal Mesozoico .

In The Origin of Species che pubblicò nel 1859, Charles Darwin (1809-1882) sviluppò una teoria dell'adattamento delle specie, basata sul meccanismo della selezione naturale . Espone la sua teoria secondo la quale ogni specie vivente si evolve, in particolare per sopravvivere in un ambiente particolare. Sebbene non usi questa espressione, questa teoria sarà interpretata in seguito come una teoria dell'evoluzione delle specie . Da allora questa dottrina evolutiva è stata chiamata "darwinismo".

Il naturalista Thomas Huxley (1825-1895), convinto dalla teoria di Darwin, si proponeva di dimostrare le affinità dell'uomo con le scimmie antropoidi. Ma il lavoro scientifico di Huxley è prima di tutto quello di uno zoologo che ha dato importanti contributi alla biologia degli invertebrati e poi dei vertebrati. Inoltre, Huxley attribuisce al fenomeno della convergenza un ruolo essenziale nel processo evolutivo.

Wallace (1823-1913) concepì, indipendentemente e contemporaneamente a Darwin, il principio della selezione naturale. Wallace era il promotore della geografia zoologica o zoogeografia quando pubblicò, nel 1876, il suo lavoro su The Zoological Distribution of Animals .

Il naturalista Louis Agassiz (1807-1873) chiarì le nozioni di omologia e analogia nel suo studio Of Species and Classification in Zoology pubblicato nel 1869.

John James Audubon (1785-1851) ha viaggiato in Nord America per trentacinque anni, dal Labrador alla Louisiana . Accumula appunti, disegni e acquerelli. I suoi quattro volumi su The Birds of America apparvero tra il 1827 e il 1838.

Gli studi ornitologici di John Gould (1804-1881) sono illustrati dalla moglie Elizabeth (1804-1841) e da altri illustratori naturalisti come Edward Lear , Henry Constantine Richter e Joseph Wolf .

Karl Ernst von Baer (1792-1876) ha studiato l' embriologia dei mammiferi . La sua scoperta più famosa è quella dell'ovulo , fino ad allora confuso con il follicolo ovarico , nei mammiferi nel 1827, dopo la dimostrazione, nel 1824, del ruolo fertilizzante degli spermatozoi da parte di Prevost (1790-1850) e Dumas (1800-1884) ). Il passaggio da un'embriologia descrittiva a una vera embriologia comparata fu compiuto nel 1828 da Von Baer che formulò la “  legge delle somiglianze embrionali  ” relativa ai vertebrati . L'embrione è costituito da tre strati dai quali si formano successivamente gli organi; le prime fasi sono simili in tutti gli animali. Ernst Haeckel (1834-1919) diede lavoro in embriologia comparata e propose, nel 1866, una legge biogenetica fondamentale: "L' ontogenesi è una breve ricapitolazione della filogenesi  ". Nel 1875, l'embriologo Oscar Hertwig (1849-1922) osservò, durante la fecondazione artificiale di un riccio di mare , la penetrazione di uno spermatozoo nella cellula uovo , la fusione dei maschili e femminili nuclei e la divisione del uovo. In due cellule .

Alfred Brehm (1829-1884) pubblicò una vasta opera in diversi volumi sul mondo animale sotto il nome di Illustrirtes Thierleben ( Vita degli animali illustrati ) dal 1864 al 1869, poi Brehms Thierleben (La vita degli animali secondo Brehm ) nelle edizioni successive, rendendo il suo autore famoso in tutto il mondo. La popolare serie sulla vita degli animali, Illustrirtes Thierleben , del divulgatore tedesco appare in un'edizione francese, con il titolo Les Merveilles de la Nature , dal 1878 al 1885, in 15 volumi in-4 ° .

Douglas Spalding (1840-1877) condusse esperimenti sul comportamento animale , scoprendo il fenomeno dell'imprinting .

L'entomologo Jean-Henri Fabre (1823-1915) trascorse gran parte della sua vita a studiare gli insetti viventi nel loro biotopo . I suoi ricordi entomologiche sono state pubblicate in serie dieci tra il 1879 e il 1907 e scade al XX °  secolo.

Alphonse Milne-Edwards (1835-1900) si occupò particolarmente della fauna abissale durante le esplorazioni sottomarine del lavoratore e del talismano , dal 1880 al 1883. La missione di esplorazione scientifica del Golfo di Biscaglia , che sarà estesa alle Isole Canarie , Isole di Capo Verde e Azzorre , hanno permesso di riportare in barattolo numerosi campioni di animali ( pesci , crostacei , molluschi , echinodermi , zoofiti ) raccolti fino a 5.000 metri di profondità (un vero spettacolo per l'epoca).

Nel corso del XIX °  secolo, è apparso settori specializzati disciplinari secondo il gruppo degli animali studiati. I principali sono:

Gli specialisti istituzionali sono stati formati per studiare un particolare gruppo di animali, identificare la sua specie, sviluppare o rivedere la sua classificazione ...

Il XX °  secolo

Dal momento che il XIX °  secolo, il XX °  sega secolo, con una maggiore conoscenza, Zoologia continuano ad essere suddiviso in molte discipline.

Durante i primi decenni del XX °  secolo, entomologia è messo al servizio della genetica come un risultato di una ricerca condotta in Drosophila dal team Morgan (1866-1945).

Oskar Heinroth (1871-1945) ha sviluppato metodi adattati dalla morfologia comparativa al comportamento animale . Studia in particolare gli Anatidi e dimostra il legame tra il loro comportamento e la loro posizione tassonomica all'interno di questa famiglia .

Lo studio degli uccelli sarà spinto dai francesi Jean Delacour e René d'Abadie , il cui lavoro sarà riconosciuto a livello internazionale.

René Jeannel (1879-1965) ed Emil Racovitza (1868-1947) esplorano le grotte sotterranee dell'Europa e dell'Africa dove studiano la fauna delle caverne .

Padre dell'ecologia animale, Elton (1900-1991) descrisse, nel suo libro Animal Ecology pubblicato nel 1927, le comunità biotiche come associazioni di specie organizzate attorno alle relazioni alimentari esistenti al loro interno e alle interazioni tra gli animali selvatici.

Grassé (1895-1985) iniziò la pubblicazione di un progetto molto ampio nel 1946: il Trattato di Zoologia . I 38 volumi richiederanno quasi quarant'anni di lavoro e riuniranno i più grandi nomi della zoologia. Costituiscono tuttora riferimenti difficilmente eludibili per l'anatomia, la sistematica e la biologia dei gruppi di animali trattati.

Con la rivoluzione dell'ingegneria genetica e della biologia molecolare , le discipline naturalistiche tradizionali sono state in parte eclissate dagli anni '50 . Molti paesi per decenni hanno limitato i fondi loro assegnati. L'attribuzione del Premio Nobel per la fisiologia o la medicina nel 1973 a tre etologi ( Karl von Frisch , Konrad Lorenz e Nikolaas Tinbergen ) mette in luce gli studi zoologici e darà un certo merito a queste attività. Nel suo libro del 1976 The Question of Animal Awareness , Griffin (1915-2003) propose il termine "  etologia cognitiva  " per lo studio dell'intelligenza animale .

Zoologia contemporanea

Sebbene il termine zoologia sia caduto in disuso (i nomi biologia degli organismi o biologia animale sono più comuni) lo studio degli animali è stato notevolmente rinnovato, integrando i contributi di filogenesi , biochimica e genetica delle popolazioni .

Tuttavia, i problemi di ricerca sono ora raramente concentrati su un singolo organismo o taxon . In altre parole, con alcune eccezioni, non è più il materiale (insetto, pesce, fungo, uccello, ecc.) Che viene utilizzato per definire la disciplina, ma le questioni biologiche che questo materiale permette di porre e possibilmente risolvere.

La zoologia non appare più come un campo disciplinare unitario, suddiviso secondo i cladi maggiori , ma si ritrova scissa in diversi rami:

Evoluzione delle classificazioni zoologiche

I primi tentativi di classificazione

Ray è il primo a proporre una classificazione degli animali basata su criteri anatomici e non comportamentali o ambientali. La sua classificazione, soprattutto di uccelli e pesci, è la più evoluta fino all'opera di Linneo.

Nelle loro varie opere, John Ray (1627-1705) e Francis Willughby (1635-1672) migliorano la classificazione degli animali.

John Ray distingue, tra gli animali, quelli senza sangue, gli incruenti e quelli con sangue, il sangue. La sua classificazione degli animali è schematicamente la seguente:

  • Animali senza sangue (cioè invertebrati)
  • Animali del sangue (cioè vertebrati)
    • respirazione branchia (cioè pesce)
    • respirazione polmonare
      • il cui cuore ha un ventricolo (cioè rettili)
      • il cui cuore ha due ventricoli
        • ovipari e piumati (cioè uccelli)
        • vivipari e glabri (cioè mammiferi)

La parte zoologica del Systema naturæ , che divide gli animali in sei gruppi (Quadrupedi, Uccelli, Anfibi, Pesci, Insetti e Vermi), stabiliti secondo caratteri anatomici (denti, becchi, pinne o ali), sarà oggetto di numerose modifiche . Linneo tra il 1 °  edizione (1735) e il 13 °  edizione (1770). Pertanto, gli esseri umani , per la prima volta nell'anno 1758, saranno classificati con i Primati . Nella decima edizione (1758) trasferisce balene dai Pesci ai mammiferi e pipistrelli dagli uccelli ai mammiferi.

Linneo ha assegnato il nome di animali a sangue bianco a insetti e vermi.

Nel 1777, Pennant distinse tra crostacei e insetti.

Latreille separò gli insetti dai crostacei, dagli aracnidi e dai miriapodi nella sua Précis des characters generiques des Insects, organizzata in ordine naturale , pubblicata nel 1796.

Lamarck propose di chiamare "Animali senza vertebre" o Invertebrati quelli che in precedenza erano stati considerati prima come privi di sangue e poi come animali a sangue bianco e di dare il nome di Vertebrati a coloro che trasportano le vertebre per sostituire quello degli animali a sangue rosso.

Nel 1806 Duméril aveva sviluppato, nella sua Zoologia analitica , un metodo contenente la divisione generale degli Animali in nove classi: Vertebrati suddivisi in quattro classi (1. Mammiferi , 2. Uccelli , 3. Rettili , 4. Pesci ) e Invertebrati suddivisi in cinque classi (5. Molluschi , 6. Crostacei , 7. Vermi , 8. Insetti , 9. Zoofite ).

Nel 1809, Lamarck aveva suddiviso gli invertebrati in dieci classi tassonomiche: 1. Infusori, 2. Polipi, 3. Radiali, 4. Vermi, 5. Insetti, 6. Aracnidi, 7. Crostacei, 8. Anellidi, 9. Cirrhiped, 10 Molluschi . Per quanto riguarda i vertebrati, mantiene la classificazione di Linneo in quattro classi: 1. Pesci, 2. Rettili, 3. Uccelli, 4. Mammiferi.

Blainville ha indicato diverse modifiche alla classificazione degli animali nel suo Prodrome pubblicato nel 1816. Ha elevato i rettili e gli anfibi (o Batraci) al rango di classi indipendenti .

Nel suo lavoro sul regno animale pubblicato nel 1817, Cuvier ammette quattro gruppi principali che chiama rami o grandi divisioni di animali: vertebrati, molluschi, articolati e zoofiti (o irradiati).

  • I. Vertebrati: mammiferi, uccelli, rettili, pesci.
  • II. Molluschi: cefalopodi, pteropodi, gasteropodi, acefali, brachiopodi, cirrhopodi.
  • III. Articolato: Anellidi, Crostacei, Aracnidi, Insetti.
  • IV. Zoofiti: echinodermi, intestini, acalefi, polipi, infusori.

Nel 1860, Owen divise il mondo animale elevando al regno dei protozoi per classificare i protozoi che separò dal regno Animalia .

Filogenesi animale

I primi difensori della teoria dell'evoluzione, Jean-Baptiste de Lamarck (1744-1829), Charles Darwin (1809-1882), Thomas Henry Huxley (1825-1895) ed Ernst Haeckel (1834-1919), riconobbero le correlazioni filetiche tra gruppi di animali e completavano il sistema naturale del regno animale con alberi genealogici (o meglio con "cespugli filogenici").

Nel 1874 Ernst Haeckel propose, sotto il nome di "albero genealogico dell'uomo", una filogenesi del regno animale costruita a partire dai dati di anatomia comparata e di embriologia. Lo scienziato tedesco ha distinto protozoi ( protozoi ), invertebrati metazoi ( Metazoa evertebrata ), vertebrati ( Vertebrata ) e ha posto mammiferi ( mammiferi ) in cima al suo albero filogenetico .

A differenza di Haeckel, Alfred Giard (1846-1908) costruì, nel 1889, un albero filogenetico del regno animale in cui i Vertebrati non rappresentano le forme "superiori" degli esseri viventi, ma solo una delle possibilità seguite dall'evoluzione organica.

Nomenclatura degli animali

La nomenclatura è la disciplina della tassonomia e della sistematica che mira a definire e attuare le regole per l'attribuzione e la priorità dei nomi scientifici di organismi viventi (o vissuti) , chiamati taxa . Fu Linneo a stabilire le regole di base della nomenclatura binomiale in uso ancora oggi.

In particolare, la nomenclatura zoologica designa l'insieme di regole che consentono di nominare i taxa (come le specie ) riguardanti gli animali. Tutte queste regole che fissano i nomi dei taxa costituiscono il Codice internazionale di nomenclatura zoologica . Questa nomenclatura zoologica è definita da un'organizzazione, la Commissione internazionale sulla nomenclatura zoologica .

La decima edizione del Systema Naturae di Linneo , pubblicata nel 1758, serve come punto di partenza per la nomenclatura zoologica.

Cladistico

Zoologi pionieri, tra cui Mitchell nel 1901 e Rosa nel 1918, hanno partecipato in modo indipendente alle basi dei concetti e del vocabolario della sistematica cladistica .

Il cladistico è un metodo di ricostruzione filogenetica sviluppato negli anni 1950 da entomologo tedesco Willi Hennig e di parentela sulla base di comuni caratteri stati derivati o sinapomorfie .

Le continue scoperte della zoologia

Molte specie animali non sono attualmente note alla zoologia, o perché per il momento sono rimaste in raccolte non studiate, o perché non sono state ancora scoperte.

Questi risultati a volte possono essere importanti, ad esempio:

  • A livello tassonomico: l'intero phylum di Pogonophores , che non fu riconosciuto e creato fino al 1944, e il primo individuo di questo gruppo non fu scoperto fino al 1914.
  • In termini di dimensioni dell'animale: l' Okapi , un mammifero africano, è stato scoperto solo nel 1900 e descritto nel 1901. Lo squalo bigmouth , che misura più di 4  m di lunghezza, non è stato scoperto che nel 1976 e descritto nel 1983 .
  • In termini di conoscenza dell'evoluzione delle specie: il Celacanto era conosciuto dagli scienziati solo come fossile fino al 1938.
  • A livello culturale: il genere Architeuthis , all'origine della leggenda del Kraken , fu descritto solo nel 1857 da Japetus Steenstrup (da cui il nome Architeuthus ) e istituito solo nel 1860 da James Edmund Harting .

La tassonomia Sibley-Ahlquist , pubblicata nel gennaio 1991, si basa su ibridazioni del DNA "in vitro". Sconvolgendo completamente le precedenti classificazioni degli uccelli, fu adottato abbastanza rapidamente in America, molto più lentamente in Europa con forti riserve, in particolare nel mondo francofono.

Congressi internazionali

Congressi internazionali di zoologia

  • 1889 1 °  Congresso Internazionale di Parigi.
  • 1892 2 °  Congresso Internazionale di Mosca.
  • 1895 3 °  Congresso Internazionale di Leida.
  • 1898 4 °  Congresso Internazionale di Cambridge.
  • 1901 5 °  Congresso Internazionale di Berlino.
  • 1904 6 °  Congresso Internazionale di Berna.
  • 1907 7 °  Congresso Internazionale di Boston.
  • 1910 8 °  Congresso Internazionale di Graz.
  • 1913 9 °  Congresso Internazionale di Monte Carlo.
  • 1927 10 °  Congresso Internazionale di Budapest.
  • 1930: 11 °  Congresso Internazionale di Padova.
  • 1935 12 °  Congresso Internazionale di Lisbona.
  • 1948: 13 °  Congresso Internazionale di Parigi.
  • 1953: 14 °  Congresso Internazionale di Copenaghen.
  • 1958: 15 °  Congresso Internazionale a Londra.
  • 1963: 16 °  Congresso Internazionale di Washington.
  • 1972: 17 °  Congresso Internazionale di Monte Carlo.
  • 2000 18 °  Congresso Internazionale di Atene.
  • 2004 19 °  Convegno Internazionale di Pechino.
  • 2008: 20 °  congresso internazionale a Parigi.
  • 2012: 21 °  Congresso Internazionale di Haifa.
  • 2016: 22 °  Congresso Internazionale di Okinawa in Giappone.

Congressi internazionali di protozoologia

Congressi internazionali di protozoologia
  • 1961: 1 °  Congresso Internazionale di Praga.
  • 1965: 2 °  congresso internazionale a Londra.
  • 1969: 3 °  Congresso Internazionale di Leningrado.
  • 1973: 4 °  Congresso Internazionale di Clermont-Ferrand.
  • 1977 5 °  Congresso Internazionale di New York.
  • 1981 6 °  Congresso Internazionale di Varsavia.
  • 1985 7 °  Congresso Internazionale di Nairobi.
  • 1989 8 °  Congresso Internazionale di Tsukuba.
  • 1993 9 °  Congresso Internazionale di Berlino.
  • 1997 10 °  Congresso Internazionale di Sydney.
  • 2001 11 °  Congresso Internazionale di Salisburgo.
  • 2005: 12 °  Congresso Internazionale di Guangzhou.
Congressi internazionali di protistologia
  • 2009 13 °  Congresso Internazionale di Rio de Janeiro.
  • 2013: 14 °  Congresso Internazionale di Vancouver.
  • 2017: 15 °  Congresso Internazionale di Praga.

Note e riferimenti

  1. Valmont de Bomare (1775) Dizionario universale di storia naturale , Brunet, Parigi, tomo IX, p.  474
  2. Collettivo, Grande enciclopedia alfa delle scienze e delle tecniche, Zoologia volume I (1974), Grange Batelière , Parigi.
  3. (in) Thomas Cavalier-Smith , "A revised six-kingdom system of life", Biological Reviews , Cambridge Philosophical Society , Vol.73, No.3, agosto 1998 v. DOI : 10.1111 / j.1469-185X.1998.tb00030.x
  4. "Alvélobiontes" in Lecointre e Hervé Le Guyader , classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  111 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  5. "Amoebozoaires" in Lecointre e Hervé Le Guyader, classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  144 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  6. Richard Dawkins ( trad.  Marie-France Desjeux), "Rendez-vous 35: Les Amibozoaires" , in C'era una volta i nostri antenati: una storia dell'evoluzione ["  The Ancestor's Tale  "], Parigi, Robert Laffont ,, 798  p. ( ISBN  978-2-221-10505-4 ) , p.  600-603
  7. "Euglénobiontes" in Lecointre e Hervé Le Guyader, classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  128-129 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  8. "Percolozoaires" in Lecointre e Hervé Le Guyader, classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  133 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  9. Richard Dawkins ( trad.  Marie-France Desjeux), "Rendez-vous 37: Zone de brume" , in C'era una volta i nostri antenati: una storia dell'evoluzione ["  The Ancestor's Tale  "], Parigi, Robert Laffont ,, 798  p. ( ISBN  978-2-221-10505-4 ) , p.  625-630
  10. "Rhizariens" in Lecointre e Hervé Le Guyader, classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  122 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  11. Marc-André Selosse , “  fanno le piante esiste ancora  », Piante insolite , Dossier Pour la Science , n .  77, ottobre-dicembre 2012, p.  8-13 .
  12. "Stramenopiles" in Lecointre e Hervé Le Guyader, classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  118-119 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  13. "Opisthocontes" in Lecointre e Hervé Le Guyader, classificazione filogenetica di vita , 3 °  edizione (riveduta e ampliata), Belin, Paris, 2006, p.  135 . ( ISBN  2-7011-4273-3 )
  14. Michaël Manuel, "Animal evolution: the up and downs of phylogeny", Universalia 2009: Politics, knowledge, culture in 2008 , Encyclopædia Universalis , Paris, 2009, p. 134-149. ( ISBN  978-2-85229-336-6 )
  15. Marc-André Selosse , "  Animale o pianta Una distinzione obsoleta  ", Pour la Science , n .  350,, p.  66-72 .
  16. (en) Paula R. Stiles, "Zootecnia", in Josef W. Meri, (ed.) Medievale civiltà islamica: An Encyclopedia , Volume 1: AK, Index , Taylor & Francis , New York , 2006, p.46-47. ( ISBN  0-415-96691-4 )
  17. Walters (2003): 20-23.
  18. Brunetto Latini , Li dou tresor books on Gallica , Book One, Part Five, p.182-254.
  19. cfr. Gascoigne (1987): 204.
  20. Salmon et al. (2000): 117-119.
  21. Bernard Chevassus-au-Louis , "Le sfide della biodiversità animale", Bollettino dell'Accademia veterinaria di Francia , Volume 158, n °  2, 2005, p.  91-110 . [ leggi online ]
  22. "Zoologia", in Denis Diderot (a cura di), Encyclopedia o Dictionary of science, arts and Crafts , volume trentaseiesimo, Pellet printer-libraire, Ginevra , 1779, p.  474-475 .
  23. Isidore Geoffroy Saint-Hilaire , Acclimatization and domestication of useful animals , Quarta edizione, Librairie agricole de La Maison Rustique, Paris, 1861, p.  151-157 .
  24. Louis Agassiz , Delle specie e della classificazione in zoologia , libraio editore Germer Baillière, Parigi, 1869.
  25. Karl Ernst von Baer , De Ovi Mammalium et Hominis Generi , Lipsia, 1827.
  26. (in) Donald Redfield Griffin , The Question of Animal Awareness: Evolutionary continuity of mental experience , New York, Rockefeller University Press ,, viii + 135  p. ( ISBN  0-87470-020-5 , leggi online )
  27. Francis Willughby , Ornithologia libri tres , pubblicazione postuma a cura di John Ray, 1676.
    Francis Willughby, De Historia Piscium , pubblicazione postuma a cura di John Ray, 2 volumi, 1686.
    John Ray , Synopsis methodica animalium quadrupedum et serpentini generis , 1693.
    John Ray, Historia insectorum , pubblicazione postuma, 1710.
    John Ray, Synopsis methodica avium & Synopsis methodica piscium , pubblicazione postuma, 1713.
  28. AM Constant Duméril , Analytical Zoology, o Natural Method of Classification of Animals, reso più facile con l'aiuto di tavole sinottiche , Imprimerie de HL Perronneau, Allais libraire, Paris, 1806. [ leggi online ]
  29. Jean-Baptiste de Monet de Lamarck , "Tableau du Règne Animal" in Ricerche sull'organizzazione dei corpi viventi , Parigi, 1806.
    Jean-Baptiste de Monet de Lamarck, Philosophy zoologique o Esposizione di considerazioni relative alla storia naturale degli animali , Parigi, 1809.
  30. Henri-Marie Ducrotay de Blainville , Prodrome of a new sistematic distribution of the animal kingdom , Bulletin de la Société philomatique de Paris, Vol.8, 1816.
  31. Georges Cuvier , Il regno animale distribuito secondo la sua organizzazione  : servire come base per la storia naturale degli animali e un'introduzione all'anatomia comparata , Déterville libraire, Imprimerie de A. Belin, Parigi, 4 volumi, 1817.
    Volume I, contenente l'introduzione, mammiferi, uccelli.
    Volume II, contenente rettili, pesci, molluschi e anellidi.
    Volume III, contenente crostacei, aracnidi e insetti.
    Volume IV, contenente le zoofite, tabelle e piatti.
  32. (in) Richard Owen , Paleontology gold Un riassunto sistematico degli animali estinti e delle loro relazioni geologiche , Adam e Charles Black, Edimburgo , 1860.
  33. Peter Rietschel (a cura di ), Erich Thenius (a cura di ) e Herbert Wendt , "Capitolo III: Animali invertebrati" , in Irenäus Eibl-Eibesfeldt , Bernhard Grzimek , Otto Koehler , Otto Kraus , Bernhard Rensch , Peter Rietschel, Erich Thenius ( ed.), Le Monde Animal en 13 Volumes: Encyclopédie de la vie des bêtes [“  Grzimeks Tierleben  ”], t.  I: Animali inferiori , Zurigo , Parigi, Bruxelles, Losanna, Francoforte , Innsbruck , Éditions Stauffacher SA,, 588  p. ( ISBN  3-287-00202-3 ) , p.  85-91.
  34. (De) Ernst Haeckel , Anthropogenie: oder, Entwickelungsgeschichte des Menschen , Engelmann, Lipsia , 1874.
  35. (in) Laurent Loison , French Roots of French Neo-Lamarckisms, 1879-1985  " , Journal of the History of Biology , Springer , vol.  44, n o  4,, p.  713-744 ( ISSN  0022-5010 e 1573-0387 , DOI  10.1007 / s10739-010-9240-x )
  36. (in) Gareth Nelson e Norman Platnick , Systematics and Biogeography: Cladistics and Vicariance , New York, Columbia University Press ,, xi + 567  p. ( ISBN  0-231-04574-3 , OCLC  299405013 , SUDOC  022831509 ) , "A Note on History" , p.  325-328.
  37. (in) Robin Craw , "Margins of Cladistics: Identity, Difference and Place in the Emergence of Phylogenetic Systematics 1864-1975" , in Paul Griffiths (a cura di), Trees of Life: Essays in Philosophy of Biology , Dordrecht , Boston , Londra, Kluwer Academic Publishers , coll.  "Australian Studies in History and Philosophy of Science" ( n o  11),, 276  p. ( ISBN  0-7923-1709-2 e 978-90-481-4153-1 , OCLC  25507924 , DOI  10.1007 / 978-94-015-8038-0 ) , p.  65-107.
  38. ITIS, sul sito SITI Nome scientifico: Okapia johnstoni (PL Sclater, 1901)
  39. ITIS, sul sito SITI Nome scientifico: Megachasma pelagios Taylor, Compagno e Struhsaker, 1983
  40. ITIS, sul sito SITI Nome scientifico: Architeuthis Steenstrup, 1857 a Harting, 1860

Vedi anche

Bibliografia

Documento utilizzato per scrivere l'articolo : documento utilizzato come fonte per questo articolo.

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Zoologia ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Zoologia e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Zoologia su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Lucia Cattaneo

Le informazioni fornite su Zoologia sono veritiere e molto utili. Bene

Massimo Guerra

Questo post su Zoologia mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Zoologia mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Daniele Filippi

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla Zoologia, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla Zoologia, Ottimo post sulla Zoologia