Umanesimo rinascimentale



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Umanesimo rinascimentale sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Umanesimo rinascimentale. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Umanesimo rinascimentale e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Umanesimo rinascimentale. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Umanesimo rinascimentale qui sotto. Se le informazioni su Umanesimo rinascimentale che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' umanesimo è un movimento di pensiero europeo durante il Rinascimento , caratterizzato da un ritorno ai testi antichi come modello di vita, scrittura e pensiero. Il termine è formato sulla latina  : nel XVI °  secolo , l'umanista, gli "umanisti" si occupa di scienze umane , studia humanitatis in latino  : insegna lingue, letterature e culture latina e greca. Più in generale, il termine humanitas è inteso nel senso ciceroniano e rappresenta "la cultura che, completando le qualità naturali dell'uomo, lo rende degno di questo nome". L'umanesimo nel senso di studio letterario e filologico della cultura antica va di pari passo con questo significato esteso per tutto il periodo e ancora oggi nella storiografia.

L'umanesimo è nato in Italia con Petrarca ( 1304 - 1374 ) . Il poeta inizia raccogliendo le iscrizioni sulle antiche pietre di Roma e prosegue nei manoscritti la sua ricerca degli Antichi. Trova così lettere di Cicerone , resuscita uno scrittore statutizzato dalle scuole. Si distinse anche per aver scoperto un documento falso a beneficio del suo sovrano . Lorenzo Valla ( 1407 - 1457 ), traccia anche la verità storica, propugnando lo studio filologico dei testi e il ritorno alla purezza classica. Partendo dall'Italia, la corrente umanista si irradia in tutta Europa .

Origine e sviluppo

Movimento di pensiero nato in Italia nel XIV °  secolo, è radicata nella nascita della cultura secolare che fiorisce in questo momento nelle città italiane. Toccando varie arti di questo periodo (pittura, scultura, letteratura), si evolve rapidamente e in seguito influenza anche la filosofia e la religione.

Gli inizi

L'ambiente iniziale in cui nasce la cultura umanistica è il nord Italia, dove le città stato generano una proliferazione culturale dovuta, in parte, alla loro apertura al mondo e alle loro rivalità.

Un ambiente di studiosi appassionati di storia e poesia

La comunità alfabetizzata italiana sta vivendo un'abbondanza di attività letterarie per lo più storiche, in parte dovute a studiosi che non sono professionisti. Molti notai, scrivani di cancelleria, giudici, medici, mercanti, banchieri, iniziarono a scrivere storie delle loro città, per lodarne i meriti. Queste persone scrivono anche le loro vite, per edificare i loro successori, e inseriscono nelle loro storie riflessioni filosofiche e religiose.

Firenze conosce molti prosatori, come Ricordano Malispini , Dino Compagni o Filippo Villani il Giovane. Venezia a Martino Canal o Andrea Dandolo , Asti a Ogerio Alfi, Padova a Rolandino.

Diverse personalità iniziarono anche a tradurre poesie in lingua volgare già prima del trecento. All'interno della corte palermitana di Federico II , diversi poeti cercano di restaurare l'amor cortese in un siciliano misto a latino e dialetti provenzali. All'inizio del Trecento anche la scuola del dolce stil novo canta dell'amore e della donna, mescolando i propri testi di filosofia e considerazioni morali. Composti principalmente da Guido Cavalcanti , Guido Guinizelli o Cino da Pistoia , annoverano Dante tra i loro giovani allievi. Allo stesso tempo, un altro movimento si impegna a riprendere la poesia antica in via di riscoperta. Nato a Padova nel secondo XIII °  secolo, attorno alla figura del giudice Lovato Lovati prosegue con Albertino Mussato alla fine del XIII °  secolo e l'inizio del XIV ° .

Il posto di Dante

In un ambiente dove si moltiplicano le opere intellettuali in lingua volgare, Dante Alighieri è il primo “ad aver elevato il discorso veicolare dei suoi concittadini ad autentica lingua letteraria” . Senza essere stato l'unico a lavorare per questo obiettivo, il poeta fiorentino è colui che compie una grande rivoluzione, in particolare con la Divina Commedia .

Iniziando un'importante carriera politica, vide la sua vita cambiare nel 1301 quando il partito ghibellino prese il potere e si esiliò come guelfo . Nei vent'anni successivi, fino alla morte, vagò di città in città, di protettore in protettore. Fu durante questo periodo che scrisse la maggior parte della sua opera, con la quale sperava di fondare un linguaggio puro che unisse le città italiane. Questa utopia, che condivide con diversi studiosi, si basa sul fatto che i popoli italiani hanno una cultura comune, che una lingua pura deve permettere di diffondere pienamente. Questo lavoro ha un impatto immenso non appena viene trasmesso. "Il colto pubblico italiano dell'epoca ebbe per la prima volta il sentimento di appartenenza a una civiltà che, pur nella sua varietà e nel suo policentrismo, aveva fondamenti comuni" .

Dante è pienamente umanista sia per la riconciliazione tra il suo stato personale e la condizione dell'uomo in generale, ma anche per le intonazioni liriche, patetiche, potenti che permeano la sua opera.

Lo sviluppo dell'umanesimo nel Trecento e nel Quattrocento

Dopo i fondatori del movimento, Petrarca e Boccaccio, molti studiosi stanno studiando gli autori antichi in un modo nuovo, veramente umanista. La critica filologica e la contestualizzazione degli autori distinguono fortemente questo movimento intellettuale dai precedenti revival medievali . Un'altra novità è la nascita dell'insegnamento del greco e dell'ebraico in Europa.

Petrarca e Boccaccio

I due uomini, nonostante le diverse provenienze, sono gli archetipi dell'umanista rinascimentale. Geniali manipolatori della lingua volgare quanto del latino, instancabili ricercatori di testi antichi che scoprono e diffondono, scrivono testi che toccano molti generi: racconto, storia, filosofia, biografia, geografia. Ma né PetrarcaBoccaccio saranno reclusi, sono coinvolti nella vita pubblica delle loro città. I due, infine, sono ponti tra la cultura classica e il messaggio cristiano. Molto conosciuti e celebrati durante la loro vita, sostengono molti altri scienziati umanisti, diffondendo le loro conoscenze e il loro metodo.

Altri umanisti del XIV ° e XV °  secolo

Se il centro più notevole dell'umanesimo dell'epoca era Firenze, con Coluccio Salutati in particolare , cancelliere che creò la prima cattedra di greco della città, non fu l'unico. Innanzitutto, gli umanisti si spostano molto da una città all'altra e molti principati cercano di assicurarsi i servizi di questi studiosi. Così molti papi del XV °  secolo come Nicolas V , Pio II e Sisto IV cercano di attirare grandi nomi dell'Università romana, come Lorenzo Valla , Teodoro Gaza , Argyropoulos .

Caratteristiche intellettuali del Rinascimento

Critica dei testi

La novità radicale comune a tutti questi scienziati non è quella di ricercare, scavare e divulgare testi antichi, tali imprese sono state effettuate durante il periodo carolingio o XII °  secolo . Ma proprio la critica che questi studiosi portano a questi testi. Sono consapevoli dei due cambiamenti specifici dei testi che leggono dall'antichità: il contesto e la distorsione dovuta alle copie. Si sforzano così tanto di trovare attraverso la ricerca filologica il testo iniziale nella sua massima accuratezza, quanto di trovare il contesto in cui è stato scritto, per comprenderne il significato originario.

Riscoperta della filosofia greca: Platone

Inoltre, in molte città si sta sviluppando l'insegnamento della lingua greca. Realizzato con l'esodo di molti studiosi bizantini prima e soprattutto dopo la conquista turca della dell'impero bizantino , ci permette di riscoprire molti autori antichi dai testi originali. Il primo di questi è Platone , la cui filosofia conquista l'Europa. Ma Tucidide , Senofonte , Erodoto , Tolomeo , Strabone , Aristofane , Eschilo vengono scoperti, e poi tradotti in latino.

Prima della sua rilettura nel testo, nel Medioevo, Platone è poco conosciuto. Tornò in Europa in particolare con Giovanni Aurispa , che riportò a Firenze negli anni Trenta dell'Ottocento l'opera completa in greco del filosofo acquistato a Costantinopoli . Poco dopo, lo studioso bizantino Gemist Pletone venne in Italia e diffuse il pensiero platonico. Sorge allora una controversia tra i sostenitori della filosofia di Aristotele e Platone. Cosimo il Vecchio sostiene lo studio di Platone appoggiando Marsilio Ficino e fondando quella che sarebbe diventata l'" Accademia Platonica di Firenze ". Ficino tradusse gradualmente gran parte dell'opera di Platone in latino.

Umanesimo nel XVI °  secolo

Il ruolo della stampa in Europa

Il Rinascimento non dipendeva dalla comparsa e dall'esistenza della stampa. Grandi umanisti del Rinascimento italiano , come Petrarca, morirono prima dell'invenzione della stampa. Le grandi scoperte dei testi classici erano già state fatte: nelle università italiane esistevano gli studia humanitatis . Allo stesso modo, nelle università d'Europa, il movimento intellettuale del Rinascimento era già in corso.

Tuttavia, senza avere un ruolo improvviso, la stampa giocherà un ruolo chiave nella diffusione delle idee umanistiche, accelerando notevolmente il processo dall'Italia al Nord Europa. Il Rinascimento italiano si è svolto in tre o quattro generazioni. Grazie alla stampa, il Rinascimento degli altri paesi europei è avvenuto in meno di due generazioni.

Distribuzione e prezzi

La stampa consente un aumento esponenziale del numero di libri. Pertanto, si stima che la prima edizione della Bibbia di Gutenberg (1455) sia stata stampata, secondo gli storici, tra le 70 e le 270 copie, quindi la tiratura per una singola edizione aumenta gradualmente fino a mille. Al XVI °  secolo Venezia , edizione di mille copie è lo standard consueto per i titoli si spera una vendita normale. I "  best seller  ", che speriamo vendano su scala europea, possono essere tirati fino a quattro o cinquemila copie. A ciò si aggiungono le eventuali riedizioni e contraffazioni che possono essere effettuate da altri tipografi concorrenti (assenza del diritto d' autore in quel momento, fino alla comparsa del privilegio ).

Prima costosi, i libri diventano accessibili a un costo inferiore. Le prime opere a stampa ( incunaboli ) potevano valere tra i 2 e gli 8 ducati per volume, un professore universitario di modesta fama, guadagnava tra i 50 ei 100 ducati all'anno, i più famosi fino a 200 ducati e oltre. Agli albori della stampa, solo i principi, i nobili ei ricchi borghesi con un reddito annuo di diverse migliaia di ducati potevano facilmente acquistare libri.

Nel corso del XVI esimo  prezzi dei libri secolo caduta di almeno un fattore dieci. Il prezzo di un volume da 150 a 400 in 8 pagine diventa meno di 40 soldi (un ducato = 124 soldi ), e molti libri più piccoli si vendono a meno di 10 soldi. Alla fine del secolo chiunque sapesse leggere, con un reddito annuo di poche decine di ducati, poteva possedere qualche libro; un professore universitario può allestire una biblioteca personale di cento o più libri; fino a diverse migliaia di volumi da ricchi collezionisti (15.000 titoli per Fernand Colomb ).

Questo processo si auto-rafforza in quanto è più facile imparare a leggere e scrivere da testi stampati che da manoscritti. Scolari e adulti hanno accesso personale alla grammatica latina, ai glossari e ai testi di lettura di base. Attraverso questa produzione, la stampa amplia il proprio mercato di lettori.

Accesso e diversificazione delle conoscenze

La stampa partecipa a una sorta di democratizzazione della conoscenza. Chi conosce un po' di latino, con una conoscenza elementare dei testi classici pagani e cristiani, può partecipare alle maggiori discussioni del suo tempo (accademici, politici, religiosi...). Inoltre, i vari testi iniziano ad essere tradotti o pubblicati in volgare e non più in lingua franca come prima. Nel corso di un breve periodo, centrata sulla metà del XVI E  secolo, qualsiasi individuo che ha i mezzi e il gusto, può costituire una biblioteca personale di qualche centinaio di libri che rappresentano tutte le conoscenze del suo tempo. Un famoso esempio è quello di Michel de Montaigne .

La stampa promuove anche la diversificazione delle materie trattate: non solo i classici antichi, ma anche autori medievali, opere accademiche contemporanee, romanzi cavallereschi, aritmetica commerciale, ecc. quindi un eclettismo proprio dell'umanesimo rinascimentale.

Questa molteplicità è rafforzata dal commercio internazionale di libri che viene impostate nel corso della XVI E  secolo. Per la diffusione delle idee, le grandi città commerciali assumono più importanza delle città universitarie. Ad esempio, Venezia stampa libri spagnoli e Londra libri italiani. Gli stampatori di Venezia distribuiscono le loro opere a Londra, Madrid, Cracovia o in Medio Oriente. La Fiera del Libro di Francoforte è la più importante: si tiene due volte l'anno, accogliendo tipografi-editori-librai, accademici e autori da tutta Europa. Allo stesso modo in Francia, la città di Lione si sta affermando come una delle principali città di stampatori.

Nella scienza, la stampa offre il vantaggio di riprodurre fedelmente le illustrazioni (arti grafiche dell'incisione ), a differenza delle miniature nei manoscritti. Infatti, disegni anatomici, figure geometriche, disegni di piante o animali, carte geografiche, piani di macchine, ecc. può essere rappresentato in migliaia di copie identiche, ed essere oggetto di critiche in caso di errore o imprecisione durante la correzione. Le rappresentazioni favolose o improbabili, la cui realtà non può essere trovata, cominciano a essere respinte.

Polemiche e censura

Gli uomini del Rinascimento non erano più polemici di quelli del Medioevo, ma le loro polemiche sono molto amplificate dalla stampa.

Prima della stampa, due autori impegnati in una discussione pubblica, orale o per corrispondenza, avevano solo un pubblico molto ristretto e ci vollero lunghissimi anni perché la controversia si diffondesse. Con la stampa, è questione di settimane, persino di giorni ("veloce come un autore può scrivere e uno stampatore può stampare"). Le polemiche hanno poi un pubblico nazionale, addirittura europeo. Ad esempio, quello di Reuchlin sul valore dell'ebraico; quello di Erasmo  ; quello di Lutero  ; quello di Servet  ; quelli di Copernico e Galileo  ; o la guerra dei pamphlet in Francia durante le guerre di religione ecc.

Questa libertà di ricerca, coscienza ed espressione è accompagnata in reazione dalla censura dei testi stampati, soprattutto dopo la separazione religiosa in Europa ( Riforma e Controriforma ). Quindi non si può dire che la libertà di pensiero sia apparsa con il Rinascimento, ma ha trasmesso la visione ottimistica di un'umanità capace di condurre una ricerca aperta al mondo.

L'ascesa del greco: ritorno alle origini

L'apprendimento del greco lasciò l'Italia per diffondersi in tutta Europa, quindi gli studiosi si cimentarono nella ritraduzione delle opere maggiori per ritrovarne il significato originario. Tommaso Moro pubblica i Dialoghi di Luciano di Samosate nel 1506, Erasmo propone una nuova traduzione del Nuovo Testamento nel 1516, diversa dalla Vulgata . Strumenti di lavoro per trovare una perfetta comprensione del greco furono stampati prima da Guillaume Budé con i Commentarii linguæ graecæ del 1529 e poi da Henri II Estienne con il Thesaurus linguæ graecæ nel 1578.

Questo lavoro di redazione si basa sull'esame comparativo delle diverse versioni manoscritte. Sembra poi che le Sacre Scritture siano documenti trasmessi da esseri umani che possono sbagliare. Qualsiasi edizione può essere rivista e migliorata, è anche l'inizio di un approccio scientifico alla critica dei testi o della filologia .

Sfaccettature dell'umanesimo rinascimentale

L'umanesimo e le sue storie

Il termine umanista deriva dal latino umanista , il maestro che insegna le "scienze umane", cioè la grammatica e soprattutto la retorica latina e greca. Questo significato risale all'educazione antica e medievale. Un secolo prima della fine dell'Impero Romano d'Oriente , dotti greci erano venuti in Italia e avevano insegnato lezioni di greco a Firenze . Il Concilio di Basilea-Ferrara-Firenze-Roma , dove fallì il tentativo di unire la Chiesa latina e quella ortodossa, portò in Italia grandi studiosi come il cardinale Bessarion . Con la caduta dell'Impero Bizantino nel 1453 e la presa della sua capitale Costantinopoli , molti studiosi si rifugiarono in Italia, portando con sé le loro conoscenze e libri. Le cattedre di greco vengono gradualmente create all'interno o accanto alle università. Questi studiosi hanno un ruolo nello sviluppo dell'umanesimo nel senso dello studio dei testi dell'antichità greco-latina, legato al progresso della filologia e all'edizione dei testi, un'altra attività di questi umanisti.

Un secolo dopo gli inizi dell'umanesimo, la diffusione dei testi fu facilitata dallo sviluppo della stampa , sviluppata intorno al 1455 da Johannes Gutenberg a Magonza . Il numero di libri in circolazione aumenta e libri a basso costo vengono stampati all'inizio del XVI °  secolo . Con un gap di oltre cinquant'anni, gli umanisti migliorarono i metodi di redazione dei testi antichi, attraverso l'uso della collazione, del confronto tra manoscritti, e la discussione avviata nel 1480 sui meriti comparativi della correzione ope ingenii e della correzione ope codicii infuriò per tutto il secolo successivo. Compaiono nuove professioni, legate all'insegnamento, all'editoria o al pensiero della vita sociale. Gli artisti sono ispirati da queste nuove idee. Il movimento si sta diffondendo in tutto il continente per il XV ° e XVI °  secolo attraverso la cosiddetta Repubblica delle Lettere , nato troppo tardi, e grazie ai nuovi luoghi di socialità e di emulazione sono le Accademie , nati in Italia.

Il termine umanista è utilizzato anche in un senso completamente diverso: designa una corrente culturale , filosofica e politica che propone un “modello umano” definito come sintesi delle qualità intellettuali, sociali, affettive proprie della “natura umana”. L'umanesimo è una corrente di pensiero idealista e ottimista che pone l'Uomo al centro del mondo , e onora i valori umani .

Umanesimo e linguaggio

Gli umanisti sono appassionati di civiltà antiche, romane e greche, ma anche aramaiche e mediorientali. Si impegnano a curare e tradurre tutti i testi antichi dei testimoni sopravvissuti, per alcuni riscoperti (come Quintiliano da Le Pogge ) o ritrovati nell'antico impero romano d'Oriente da greci incaricati dai principi occidentali di arricchire le loro collezioni come Antoine Éparque e Janus Lascaris  : la Bibbia , tradotta direttamente dall'ebraico o dall'aramaico , gli autori greci che costituiscono la base degli studi, che traduciamo nuovamente per quelli che già leggevamo in latino degli scolastici o che ora leggiamo sempre più negli testo originale. Gli umanisti modificano (in senso scientifico) e spiegano i testi, limitandosi a un approccio filologico che li differenzia dai filosofi che, allo stesso tempo, riflettono sui testi, riprendono i miti e le leggende caricandoli di nuovi significati ; è il tempo di una nascente specializzazione nel settore, e altri diventano "antiquari", cioè storici, o geografi. Erasmo critica la "lingua barbara", cioè il cattivo latino degli scolastici, la loro ignoranza delle lettere e delle lingue. Ne seguì una battaglia intorno all'uso della lingua di Cicerone e Ciceronianus , umanisti che rispondevano l'un l'altro attraverso pubblicazioni come Étienne Dolet . Dopo un periodo in cui la Bibbia è trattata come altri testi antichi (con per esempio l'edizione dei Salmi a Parigi in diverse versioni antiche di Henri Estienne ), i teologi si oppongono alla traduzione di Erasmo dal greco al latino del Nuovo Testamento e poco a poco all'opera degli umanisti sui testi sacri, vedendo in essi un pericoloso relativismo.

Erasmo scrive negli Antibarbares che solo la cultura legata ai testi antichi è in grado di trasformare i selvaggi o "uomini di pietra" in persone civili e di buone maniere: solo la padronanza del latino e del greco rende possibile fare un uomo onesto. Gli studi linguistici consentono agli umanisti di porre fine alla spiegazione soprannaturale della diversità delle lingue, vale a dire il mito della Torre di Babele.

Umanesimo ed educazione

Pedagogia è per gli umanisti del XV ° e XVI °  secolo, una zona particolarmente importante. Il bambino deve essere formato in modo continuo e progressivo, dalla nascita all'età adulta, e anche oltre, per diventare un uomo conforme all'ideale professato dagli umanisti. L'ambiente specifico dell'uomo è il mondo della cultura e non della natura. Ma per l'insegnamento gli umanisti si oppongono alla tradizionale "formazione" dove percosse, abusi, torture sono all'ordine del giorno. A questo proposito Erasmo dichiarò nel 1529 "Dobbiamo educare i bambini alla virtù e alle lettere in uno spirito liberale e quello dalla nascita". Si oppone alle punizioni corporali nell'educazione: «Questo tipo di addestramento, altri lo approvano, non spingerò mai a farlo chi vuole che suo figlio sia educato con uno spirito liberale […] È vero che il comune il metodo è più economico perché è più facile per uno costringere diversi con la paura che formarne uno nella libertà. Ma non è niente di eccezionale comandare asini o buoi. È formare esseri liberi nella libertà che è insieme difficile e molto bello. È degno di un tiranno opprimere i cittadini nella paura, tenerli al dovere con la benevolenza, la moderazione, la saggezza, cioè di un re…”. Guarino a Venezia , Ferrara o Verona , Victorin de Feltre a Mantova , propongono una nuova pedagogia dove lo sport ei giochi all'aperto sono in primo piano quanto il latino, la retorica e la Bibbia . Uno dei libri più studiati rimane quindi l' Etica Nicomachea di Aristotele .

Rabelais denuncia in Gargantua , l'educazione tradizionale con il suo dogmatismo religioso che non ammette evoluzioni poiché si basa su precetti divini. Critica la sua severità e la sua negligenza verso il corpo. L'umanesimo educativo si oppone all'educazione scolastica imponendo lo studio delle lettere latine e greche nei loro testi "autentici". Le idee umaniste nell'educazione portano alla creazione di nuove scuole in tutta Europa dove si forma la nuova élite amministrativa degli Stati: Deventer nei Paesi Bassi o Saint-Paul a Londra , Corpus Christi College a Oxford , il Ginnasio di Sturm a Strasburgo, il Trilingual College di Lovanio (latino, greco ed ebraico). François Ho st fondò il Collegio dei lettori reali , su istigazione di Guillaume Bude , al fine di usufruire questa pedagogia basata sullo studio delle "scienze umane" antichi .

Umanesimo e scienze

Il nuovo pensiero dà il primo posto alla sperimentazione. I dogmi, anche dalla bibliografia greco-romana, sono messi in discussione, e devono passare attraverso la prova dei fatti (vedi Bernard Palissy, Discours admirable aux Eaux et Fontaines ). È così che si sviluppa il pensiero critico, dove l'esperienza scientifica consente di liberare una conoscenza libera da pregiudizi. Artisti, studiosi e studiosi si imbarcano nella costruzione del sapere moderno. Leonardo da Vinci, ad esempio, è interessato all'anatomia e opera diverse dissezioni come mostrato nei suoi taccuini. Copernico progetta il modello eliocentrico, in reazione al modello geocentrico di Tolomeo e Aristotele. Rabelais dà nel suo Gargantua l'esempio di un'educazione ideale e universale, aggiungendo alle lingue antiche le conoscenze della matematica, dell'astronomia e delle scienze naturali.

Umanesimo e religione

Gli umanisti sostengono i valori morali e intellettuali contenuti nella letteratura greco-latina e il loro adattamento ai nuovi bisogni. Di conseguenza, alcuni scolastici li accusano di paganesimo . Per gli umanisti, la filosofia greca ha preparato il mondo alla religione cristiana, quella del Vangelo , delle epistole di san Paolo e dei Padri della Chiesa .

Erasmo è uno dei più ferventi sostenitori dell'umanesimo cristiano . Fa la congiunzione tra religione e libertà nel suo libro del 1503, Enchiridion milites christiani . A una religione basata su rituali e obblighi senz'anima come la messa domenicale, oppone una religione dell'uomo che si rivolge direttamente a Dio. Di conseguenza, l'umanesimo cristiano riguarda esclusivamente le pratiche ecclesiastiche, e non la religione . Come tale, gli umanisti sono in parte la causa della Riforma protestante del XVI °  secolo, introdotto da Martin Lutero in Germania e Giovanni Calvino a Ginevra . Nel 1524, Erasmo iniziò una controversia con Lutero pubblicando Saggio sul libero arbitrio . Il riformatore tedesco gli risponde con il Saggio sull'arbitro . I dibattiti vertono sulla libertà dell'uomo e sul modo in cui la usa di fronte alla Grazia divina.

Umanesimo e politica

Gli umanisti sono generalmente pacifisti e cosmopoliti. Anche quando sono al servizio di un principe, come Guillaume Budé , antepongono i loro imperativi morali alle considerazioni politiche. Erasmus, nel frattempo, è un consulente tempo di Carlo V . Nel 1516 scrisse L'istituzione del principe cristiano. Loda la nozione di bene comune in uno Stato in cui il dovere del popolo è posto in parallelo con quello del principe. A volte inviano lettere o dedicano le loro opere a un sovrano per cercare di esercitare un'influenza salutare sulle loro decisioni politiche. Essi offrono volontariamente riforme politiche, come Erasmus in Elogio della follia nel 1511, Thomas More in Utopia nel 1515-1516, Rabelais in Gargantua nel 1534. A Firenze , per tutto il XV °  secolo e l'inizio del XVI E  secolo, i grandi umanisti della città sono anche i Cancellieri della Repubblica: Leonardo Bruni , Ange Politien , Nicolas Machiavelli ...

Umanesimo e pittura

Il famoso parallelo di Orazio tra le due arti, Ut Pictura Poesis , diventa uno dei riferimenti quasi obbligati in ogni discorso sull'arte. Nei primi anni del XVI °  secolo, ha elogiato il pittore è un genere letterario stabilita. Tuttavia, gli scrittori rimangono relativamente silenziosi sul rinnovamento pittorico che è loro contemporaneo. Nel suo Della Pittura del 1435, Alberti propone il primo manuale di pittura che è anche un trattato teorico che esalta la dignità dell'arte prevista, ma non cita a sostegno della sua intenzione, nessun pittore contemporaneo, evocando solo un'immagine di Giotto , la Navicella . Nell'atmosfera culturale del Quattrocento, "lo spirito ha sempre la precedenza sul visivo". L'umanesimo letterario non registra nemmeno i nomi di coloro che orientarono decisamente il Rinascimento pittorico , anche se l'umanesimo contribuisce a definire la nuova cultura della pittura "moderna".

Per la maggior parte degli umanisti, la pittura rimane un'arte di imitazione, inferiore all'arte della conoscenza e della persuasione che è la retorica. C'è però una serie di testi dell'ambiente umanista raccolti intorno a Guarino che è entusiasta dell'immagine. Si tratta di descrizioni letterarie di opere pittoriche, di cui ammiriamo le qualità narrative. Questo genere letterario, l' ekphrasis , è di origine bizantina ed era inizialmente un esercizio di apprendimento oratorio nelle scuole di retorica. Pisanello è onorata dalla ekphrasis umanista inizi del XV °  secolo, che si dedicano poesie descrittive e panegirici. La pittura è apprezzata se permette, per la sua composizione e abbondanza aneddotica, un discorso così descrittivo.

L'ambiente fiorentino che ruota attorno a Marsilio Ficino riconosce nell'immagine un particolare prestigio perché è un simbolo visivo che permette di vedere a colpo d'occhio ciò che il discorso mostrerebbe a costo di una catena logica di argomentazioni o spiegazioni. È nel contesto di un approccio ermetico, “egiziano” ed esoterico al simbolo visivo che il neoplatonismo ficiniano inizia apprezzando e valorizzando il dominio dell'immagine. Il lavoro del "saggio moderno" consiste, in particolare, nel decifrare e decifrare immagini incomprensibili e strane. Landino si distingue all'interno del movimento neoplatonico per il merito che dà alla vita attiva, degna quanto la vita contemplativa di guadagnarsi la salvezza, mentre Ficino sposa in modo molto più radicale la causa della vita "contemplativa". . Il neoplatonico “attivo” registra l'importanza “concreta” assunta dalla pittura nella vita mentale e politica della città. Il dipinto acquista la sua dignità a questo prezzo.

Note e riferimenti

Nota

  1. Tale movimento aveva avuto inizio nel Medioevo , soprattutto con le traduzioni latine del XII °  secolo dal greco; Gli autori latini erano stati studiati ancora più a lungo nei monasteri

Riferimenti

  1. Secondo Cicerone , ad esempio in Pro Sexto Roscio Amerino , § 63, nell'80 a.C. d.C.: Magna est enim uis humanitatis ...
    “In effetti, i diritti dell'umanità sono molto potenti; i legami di sangue hanno una grande forza; la natura stessa respinge questi orribili sospetti. È senza dubbio la più mostruosa di tutte le meraviglie, che un essere vestito di sembianze umane sia tanto feroce da rubare la luce da cui è nato, mentre i mostri delle foreste si attaccano per istinto agli animali che li danno alla luce. vita e cibo. »(Tradotto sotto la direzione di Désiré Nisard, 1840 , II, p. 39-40 ). Vedi più riferimenti latini nel Gaffiot, 1934, p. 757.
  2. Milza 2005 , p.  367
  3. Milza 2005 , p.  370
  4. Milza 2005 , p.  371
  5. Milza 2005 , p.  369
  6. Milza 2005 , p.  373
  7. Milza 2005 , p.  376
  8. Milza 2005 , p.  372
  9. Milza 2005 , p.  374
  10. Giuliano Procacci , Storia degli Italiani , Parigi, Fayard , coll.  "Storia senza confini",, 447  pag. ( avviso BnF n o  FRBNF35302860 ) , p.  56
  11. Milza 2005 , p.  375
  12. Milza 2005 , p.  376-377
  13. Milza 2005 , p.  376-378
  14. Milza 2005 , p.  376-379
  15. Milza 2005 , p.  380
  16. Delumeau 1984 , p.  92
  17. (en) Paul F. Grendler, Stampa e censura , Cambridge University Press ,( ISBN  0-521-25104-4 ) , pag.  37-41.
    in The Cambridge History of Renaissance Philosophy, CB Schmitt (a cura di).
  18. Paul F. Grendler 1988, op. cit., p.  28-31 .
  19. Paul F. Grendler 1988 op. cit., p.  33 .
  20. Questi tre mestieri erano originariamente uniti in una sola persona, quella del tipografo.
  21. Paul F. Grendler 1988 op. cit., p.  53 .
  22. Paul F. Gendler 1988, op. cit., p.  36 .
  23. La correzione ope codicii si basa sulla testimonianza e sul confronto di altri manoscritti. La correzione ope ingenii si effettua per congettura, per immaginazione o intuizione del correttore.
  24. Marc Durand, “Dalla scolastica all'umanesimo. Genealogia di una rivoluzione ideologica: L'educazione corporea di Gargantua”, Staps , n o  65, 2004/3, p.  43-59 .
  25. Jean-Claude Margolin, Humanism Article , Encyclopaedia Universalis, DVD 2007
  26. Rabelais, 1534, cap. XV-XVI.
  27. Michel Péronnet, il XVI °  secolo , Hachette, coll. "U", 1981, p.  119 .
  28. Daniel Arasse, L' uomo in prospettiva - I primitivi d'Italia , Parigi, Hazan,, 336  pag. ( ISBN  978-2-7541-0272-8 )
  29. Michael Baxandall
  30. Arasse, p.  103
  31. Arasse, p.  104
  32. Arasse, p.  107

Vedi anche

Bibliografia

  • Caroline Trotot, Umanesimo e Rinascimento: Antologia , Flammarion, 2009
  • Jean-Marie Le Gall, Umanisti in Europa , Ellissi, 2008
  • Jean-Claude Margolin, Antologia degli umanisti del Rinascimento europeo , Gallimard, Folio, 2007
  • Christine Bénévent, Umanesimo , Gallimard, 2006
  • Eugenio Garin , Umanesimo italiano , Albin Michel, 2005
  • Max Engammare (a cura di), Lo studio del Rinascimento nunc et cras . Droz, Ginevra 2003, ( ISBN  2-600-00863-2 )
  • Francisco Rico , Il sogno dell'umanesimo - da Petrarca a Erasmo , Les Belles Lettres, coll. "L'Âne d'or", Parigi, 2002 ( ISBN  2-251-42019-3 )
  • Pierre Mari, Umanesimo e Rinascimento , Ellissi, 2000.
  • Jean Delumeau , Una storia del Rinascimento , Perrin, 1999 ( ISBN  2-262-01288-1 )
  • Emmanuel Faye , Filosofia e perfezione dell'uomo. Dal Rinascimento a Cartesio , Parigi, Librairie J. Vrin, “Philologie et Mercure”, 1998 ( ISBN  2-7116-1331-3 )
  • André Chastel , Robert Klein, Humanism: Renaissance Europe , Skira, 1995.
  • Collettivo, Rinascimento e umanesimo , Gallimard-Larousse, coll. Enciclopedia Junior Discovery, 1992
  • Michael Baxandall , Gli umanisti alla scoperta della composizione nella pittura, 1340-1450 , Seuil, 1989. Edizione originale: Giotto e gli oratori , 1971. Nuove edizioni francesi con il titolo Giotto et les humanistes. La scoperta della composizione nella pittura, 1340-1450 , prefazione di Patrick Boucheron , Seuil, 2013.
  • André Chastel , Arte e umanesimo a Firenze al tempo di Laurent il Magnifico , PUF, 1959; 3 ° edizione 1982
  • Jean Claude Margolin, L' umanesimo e l'Europa al tempo del Rinascimento , PUF, 1981, 127p.
  • Jean Delumeau , La civiltà del Rinascimento , Parigi, Arthaud , coll.  "Le grandi civiltà",, 539  pag. ( ISBN  2-7003-0471-3 , avviso BnF n o  FRBNF36607664 )
  • (de) Paul Oskar Kristeller , Humanismus und Renaissance , (2 vol.) UTB, Wilhelm Fink Verlag, München, 1976 ( ISBN  3-7705-1815-2 )
  • Pierre Chaunu , Tempo di riforme. II. La Riforma Protestante . Fayard, 1975; Ristampa: Complex, 1984
  • André Chastel e Robert Klein , The Age of Humanism , Editions of Knowledge, Bruxelles, 1963.
  • Jacob Burckhardt , La civiltà del Rinascimento in Italia , prima edizione: 1860. Ed. Fr. in tre volumi, Pocket Book, 1986, Ultima edizione: 2012.
  • Daniel Arasse, L'uomo in prospettiva - I primitivi d'Italia , Parigi, Hazan,, 336  pag. ( ISBN  978-2-7541-0272-8 ).
Per l'etimo
  • Alain Hus , “Doctor, doctrina” e le parole di significato simile nel latino classico , in Revue de Philologie, de Littérature et d'Histoire Ancienne , 48, 1974, 1, p.  35-45 .

Per un primo sguardo all'Italia umanista durante il Rinascimento:

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Umanesimo rinascimentale ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Umanesimo rinascimentale e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Umanesimo rinascimentale su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Benito Rinaldi

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Umanesimo rinascimentale

Ivano Caruso

Finalmente un articolo su Umanesimo rinascimentale che è facile da leggere, Grazie per questo post su Umanesimo rinascimentale

Cesare Mazzoni

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Umanesimo rinascimentale scritto in modo così didascalico. Mi piace

Nadia Castelli

Il linguaggio sembra vecchio, ma le informazioni sono affidabili e in generale tutto ciò che è scritto su Umanesimo rinascimentale dà molta fiducia, Ho trovato questo articolo su Umanesimo rinascimentale molto interessante