Claudio Tolomeo



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Claudio Tolomeo sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Claudio Tolomeo. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Claudio Tolomeo e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Claudio Tolomeo. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Claudio Tolomeo qui sotto. Se le informazioni su Claudio Tolomeo che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Claudio Tolomeo
Immagine in Infobox.
Tolomeo dopo un'incisione tedesca del XVI °  secolo.
Biografia
Nascita
Circa 100
Alto Egitto , provincia romana d'Egitto (l'attuale Egitto )
Morte
Intorno al 168
Canopo , provincia romana d'Egitto (l'attuale Egitto)
Nome in lingua madre
αύδιος ολεμαῖος
Tempo
Nazionalità
Probabilmente romano
Casa
Attività
Persone
Altre informazioni
Lavorato per
le zone
Influenzato da
Pronuncia
opere primarie

Claudio Tolomeo (in greco antico Κλαύδιος Πτολεμαῖος Claudios Ptolemaios in latino Claudio Tolomeo ), comunemente noto come Tolomeo (Tolemaide di Tebaide ( Alto Egitto ), nato intorno al 100 e morto circa 168 a Canopo , è un astronomo , astrologo , matematico e geografo greco visse ad Alessandria ( Egitto ). È anche uno dei precursori della geografia . La sua vita non è ben nota. Il suo cognomen Ptolemæus sembra indicare origini greco-egizie, e il suo nomen Claudio una cittadinanza romana. Il suo prænomen è sconosciuto.

Tolomeo è autore di numerosi trattati scientifici, due dei quali hanno esercitato una grande influenza sulle scienze occidentali e orientali. Uno è il trattato di astronomia, ora noto come Almagesto (arabizzazione di Ἡ Μεγάλη Σύνταξις  / hê Megálê Súntaxis , La Grande Composition , poi Ὴ μεγίστη , ʿē megístē , La Très Grande , al-Mijisti , ma il cui titolo originale in greco era Μαθηματική σύνταξις , Mathēmatikḗ súntaxis , Composizione matematica ). L'altro è Geografia , che è una sintesi della conoscenza geografica del mondo greco-romano.

L'opera di Tolomeo è la continuazione di una lunga evoluzione della scienza antica basata sull'osservazione delle stelle, dei numeri, del calcolo e della misurazione. Con l'opera di Aristotele , è essenzialmente attraverso di essa, trasmessa sia dagli Arabi che dai Bizantini, che l'Occidente riscoprirà la scienza greca nel Medioevo e nel Rinascimento, lasciando all'oscuro i propri predecessori. . Tuttavia Tolomeo non manca di fare abbondante riferimento a questi nei suoi scritti.

Astronomia

L' Almagesto è l'unica opera completa di astronomia antica che ci sia pervenuta. Gli astronomi babilonesi, che avevano accuratamente registrato, per secoli, preziose osservazioni (posizioni delle stelle, datazione delle eclissi, ecc.), avevano sviluppato tecniche di calcolo per la previsione dei fenomeni astronomici. Astronomi greci, come Eudosso di Cnido e soprattutto Ipparco , avevano integrato queste osservazioni e le loro in modelli geometrici (teoria degli epicicli ) per calcolare i movimenti di alcuni corpi celesti. Nel suo trattato, Tolomeo riprende questi diversi modelli astronomici e li migliora, in particolare aggiungendo la nozione di equant . Le sue osservazioni, unite ai dati precedenti a sua disposizione, offrono una prospettiva che consente una misurazione molto precisa dei movimenti astronomici, poiché l'insieme copre un periodo di quasi nove secoli. Le sue "tavole" di dati, indispensabili per determinare la posizione delle stelle, hanno infatti come punto di partenza il primo giorno del calendario egizio del primo anno del regno di Nabonassar , cioè il 26 febbraio 747 prima del nostro tempo. Tolomeo dedica quindi il modello geocentrico di Ipparco, che gli fu spesso attribuito e che fu accettato per più di milletrecento anni, anche se in maniera discontinua. Nell'Europa occidentale, infatti, cadde nell'oblio all'inizio del Medioevo, prima di essere riscoperto alla fine di questo periodo. Tale patrimonio fu comunque conservato nel mondo arabo e, con alterne vicende, nell'Impero Romano d'Oriente e più precisamente a Bisanzio . Il suo metodo e modello di calcolo sono stati adottati con alcune modifiche anche nel mondo arabofono e in India , perché sufficientemente precisi da soddisfare le esigenze di astronomi, astrologi, portatori di calendari e navigatori.

Tolomeo produsse anche una sorta di manuale essenzialmente pratico, chiamato "Le tavole facili" o talvolta "Le tavole manuali" (Πρόχειροι όανόνες, Prócheiroi kanónes), derivato dall'Almagesto e destinato a eseguire calcoli della posizione delle stelle e delle eclissi. .

Contrariamente alla credenza popolare, Tolomeo non raccolse l' idea di Aristotele che le stelle fossero poste su sfere di cristallo. Dice addirittura espressamente che "le stelle nuotano in un fluido perfetto che non oppone resistenza ai loro movimenti". Non sappiamo se questa visione, vicina alla nozione di vuoto, fosse già presente in Ipparco o se dovesse essere attribuita a Tolomeo. Per lui deferenti ed epicicli sono quindi immateriali. Nicolas Halma ritiene inoltre che la sua scelta del sistema degli epicicli piuttosto che di quella degli eccentrici derivi più da un desiderio di rendere più convenienti i calcoli, che da una fede nella realtà materiale del sistema.

Durante i tredici secoli che seguirono, l'astronomia fece pochi progressi. L' Almagesto e le tavole facili ricevettero solo lievi correzioni, sebbene alla fine dell'Antichità furono oggetto di numerose pubblicazioni di "commentatori", il più noto dei quali è Théon d'Alessandria . Furono quindi le tavole ei testi di Tolomeo ad essere usati direttamente o indirettamente come riferimenti finché il progresso degli strumenti di osservazione e la teoria sviluppata da Nicolas Copernico e perfezionata da Johannes Kepler non ne portò all'abbandono. Ma fu con grande difficoltà: il sistema eliocentrico di Copernico (1543), sostenuto da Galileo (1630) fu rifiutato dalla Chiesa cattolica e Galileo fu costretto a rinunciare ufficialmente alle sue teorie nel 1633. Il modello di Tolomeo non fu abbandonato definitivamente solo dalla Chiesa sotto papa Benedetto  XIV intorno al 1750.

L' Almagesto contiene anche un catalogo di 1.022 stelle raggruppate in quarantotto costellazioni . Pur non coprendo l'intera sfera celeste , questo sistema è stato il punto di riferimento per molti secoli. Tolomeo descrisse anche l' astrolabio , probabilmente inventato da Ipparco .

Geografia

La mappa del mondo di Tolomeo, ha ricostruito la XV °  secolo dalla sua geografia , dice il paese Serica , Sinae ( Cina ) all'estrema destra, oltre l'isola di Taprobane ( Sri Lanka , di grandi dimensioni) e Aurea Chersonesus ( sud-est asiatico ).

La sua Geografia è un'altra opera importante. È una raccolta di conoscenze geografiche dal tempo dell'Impero Romano sotto il regno di Adriano (125), che copre l'intero mondo conosciuto o ecumene . Come con il modello del sistema solare nell'Almagesto , Tolomeo unifica tutte le informazioni a sua disposizione in un grande insieme.

Il primo libro definisce il tema della Geografia e presenta i dati e il metodo utilizzati per disegnare una mappa del mondo abitato. Nei libri dal secondo al settimo, fornisce elenchi topografici e assegna le coordinate a tutti i luoghi e le caratteristiche geografiche, elencando 8.000 luoghi in Europa, Asia e Africa disposti in una griglia. Si parte ad ovest con Irlanda e Gran Bretagna per poi spostarsi ad est attraverso Germania, Italia, Grecia, Nord Africa, Asia Minore e Persia, per finire in India. Il libro otto presenta una divisione dell'ecumene in ventisei mappe regionali: dieci per l'Europa, quattro per l'Africa (chiamata Libia ) e dodici per l'Asia. Oltre ai dati geografici, Tolomeo integra dati astronomici e testimonianze di viaggiatori.

Tolomeo dà alla terra una forma sferica e stima la sua circonferenza in 180.000  stadi (circa 33.345  km ). Segue in questo il calcolo di Posidonios piuttosto che quello di Eratostene rivisto da Ipparco , che lo stimò in 250.000  stadi (circa 39.375  km ), molto più vicini ai 40.075 km effettivamente misurati all'equatore. Riprendendo il sistema sessagesimale dei Babilonesi , divide questa sfera in 360° di longitudine di 500 stadi ciascuno. Fissa il meridiano di longitudine zero nel punto più occidentale conosciuto a suo tempo, cioè le Isole “Fortunata” ( Isole dei Beati ), identificate con le Isole Canarie . Fissa intervalli di cinque gradi corrispondenti a un terzo d'ora di equinozio e coprendo un totale di dodici ore, ovvero 180° fino a Cattigara, che corrisponderebbe ad Hanoi .

La latitudine è stata misurata da Thule , situata a 63°N, ad Agisymba nell'Africa subsahariana, che Tolomeo pone a 16°S, la distanza totale coprendo così 79°. Ponendo il grado zero all'equatore , come oggi, Tolomeo calcola la distanza in base alla lunghezza del giorno più lungo piuttosto che in gradi , perché la durata del solstizio d'estate va da dodici a ventiquattro ore. e man mano che ci si allontana da l'equatore verso il circolo polare . Utilizza incrementi di quindici minuti per grado, fino al parallelo in cui il giorno più lungo dura quindici ore e mezza e poi passa a incrementi di trenta minuti, fino a Thule, dove il giorno più lungo dura venti ore.

Nella zona così delimitata si distingue una parte abitabile, estesa in longitudine oltre 72.000 stadi e in latitudine oltre 40.000 stadi.

Tolomeo si è basato principalmente sul lavoro di un altro geografo, Marinos de Tire , le cui opere non sono pervenute fino a noi. Si basava anche sugli indici geografici degli imperi romano e persiano , ma la maggior parte delle sue fonti oltre il perimetro dell'impero erano di dubbia origine.

Le mappe basate su criteri scientifici erano state realizzate sin da Eratostene , ma Tolomeo migliorò le tecniche di proiezione cartografica , attingendo alla geometria di Euclide , producendo un metodo che esercitò un'influenza duratura su come proiettare una sfera su una superficie piana. Le sue mappe sono orientate a nord. Una carta del mondo sviluppata sulla base della sua Geografia è stata esposta ad Autun in Francia alla fine dell'epoca romana.

Quest'opera è andata perduta nel mondo occidentale fino alla sua riscoperta da parte del bizantino Maximus Planudes , intorno al 1300. Le mappe dei manoscritti di Geografia possono risalire solo a questo periodo. Tuttavia, all'inizio del IX °  secolo, è stato oggetto di una traduzione in arabo del califfo abbaside al-Mamun , e servirà come base per il lavoro di Ibn Khordadhbih , Ibn Khordadhbeh , Suhrab, Al Kwarizmi , Ibn Hawqal e Al Idrissi . Sarà una delle fonti dell'Imago Mundi di Pierre d'Ailly , che ispirò Cristoforo Colombo  : in particolare, il capitolo 8 riporta la stima di Tolomeo per la circonferenza della terra, inferiore del 14% alla realtà.

Dal XV °  secolo, le riproduzioni prima stampati su carta apparso. La copia stampata prima della Geografia è stato pubblicato con le carte in Bologna nel 1477, seguito rapidamente da un'edizione romana del 1478. Fino al XVI °  secolo, il libro servito come guida per tutti i viaggiatori, ogni scoperta, pensò di riconoscere già qualche paese da essa indicato.

Astrologia

Il trattato di astrologia di Tolomeo, il Tetrabiblos ( tetra significa in greco "quattro" e biblos "libro"), fu l'opera astrologica più famosa dell'antichità. Esercitò grande influenza nello studio dei corpi celesti nella sfera sublunare . Così, fornì spiegazioni sugli effetti astrologici dei pianeti , secondo i loro aspetti  : riscaldamento, raffreddamento, bagnatura ed effetto essiccante . Questo tratta in particolare dell'astrologia individuale in quattro libri che consiste in un'interpretazione tematica utilizzando l'erezione di una mappa basata su una tabella che determina la posizione dei sette pianeti (incluso il Sole) conosciuti nell'era in un punto.

Tolomeo credeva che l'astrologia fosse come la medicina che è ipotetica a causa di molti fattori variabili da considerare. Questi fattori erano per lui principalmente, la razza, il paese e l'educazione che avrebbero influenzato una persona così come la posizione dei pianeti nel cielo al momento della nascita.

A differenza di Vettius Valente , sembra oggi che Tolomeo, meglio conosciuto per il suo trattato di astronomia, fosse un compilatore (un teorico) in astrologia. La principale innovazione di Tolomeo è teorica: la scelta dello zodiaco tropicale al posto dello zodiaco siderale . Così leggiamo nel Tetrabiblos: “Esistono due segni tropicali , da un lato il primo intervallo di 30° dal solstizio d'estate , cioè il segno del Cancro , dall'altro il primo dal solstizio d'inverno o Capricorno . Ci sono altri due segni equinoziali , Ariete primaverile e Bilancia autunnale . " Infatti, Tolomeo credeva che la Terra fosse immobile al centro del mondo. Concluse che i punti equinoziale e solstiziale erano fissi nel cielo. Tuttavia Ipparco , predecessore di Tolomeo, aveva osservato che c'era un divario tra le stelle fisse e le punte che segnavano l'inizio delle stagioni. Essendo questi punti fermi, il movimento potrebbe essere dovuto solo alle stelle.

Va notato che in Tolomeo non c'è confusione tra astronomia e astrologia: tutto ciò che riguarda quest'ultima disciplina è contenuto nel Tetrabiblos, non una riga su questo argomento nell'Almagesto.

Musica

Tolomeo scrisse anche Armoniche , un trattato di riferimento sulla musicologia sulla teoria e sui principi matematici della musica. Dopo una critica degli approcci dei suoi predecessori, Tolomeo sostiene di basare gli intervalli musicali su proporzioni matematiche (a differenza dei sostenitori di Aristosseno) supportate dall'osservazione empirica (a differenza dell'approccio puramente teorico della scuola pitagorica ). Ha presentato le proprie divisioni del tetracordo e dell'ottava , che ha derivato con l'aiuto di un monocordo. L'interesse di Tolomeo per la teoria e i principi dell'armonia nella musica appare anche in una discussione sulla musica delle sfere .

Le armoniche contribuiscono allo sviluppo della teoria musicale di Boezio De Musica Institutione del VI °  secolo.

Matematica

Tolomeo scoprì un teorema che porta il suo nome: in un quadrilatero convesso inscritto in un cerchio, il prodotto delle diagonali è uguale alla somma dei prodotti dei lati opposti.

Nella sua Composizione matematica (Almagesto), Tolomeo vuole seguire il metodo rigoroso della geometria e procedere con la dimostrazione introdotta dai matematici dell'antica Grecia , il cui rappresentante essenziale è Euclide . La sua trigonometria è basata su quella di Ipparco, ma è anche a conoscenza del lavoro di Menelao , che sviluppò la trigonometria sferica e che cita nell'Almagesto.

Ottico

In Ottica , Tolomeo si occupa delle proprietà della luce, tra cui riflessione , rifrazione e colore , nonché di una teoria della visione, basata su una combinazione delle proprietà degli oggetti osservati, della luce e di un "flusso visivo" ( visus in il testo latino) dagli occhi. Quest'opera è una parte importante della storia dell'ottica , ma è giunta fino a noi attraverso una traduzione latina fatta da Eugenio di Sicilia intorno al 1150, a sua volta da una traduzione araba piuttosto imperfetta e incompleta. .

In questa materia come nelle altre, Tolomeo ha contributi precedenti. Alcuni elementi ottici sono presenti in Euclide , Archimede e Airone di Alessandria , ma vengono discusse le fonti precise di Tolomeo. La scrittura dell'Ottica è posteriore all'Almagesto, come attestato in particolare da alcuni progressi compiuti da Tolomeo nell'intervallo. Così, l' Ottica espone il fenomeno della rifrazione atmosferica che si verifica durante l'osservazione del sole o della luna, fenomeno totalmente ignorato nell'Almagesto.

Note e riferimenti

Appunti

  1. Sostanzialmente il XII °  secolo , con Gerardo da Cremona alle fonti arabe.
  2. In particolare Ipparco . Si veda ad esempio Almageste , IV , 2, dove sottolinea la qualità delle sue osservazioni dell'anomalia lunare. Ma Gérard de Cremona nella sua traduzione dell'Almagesto non riconosce Ipparco sotto il suo nome arabo Abrachir .
  3. Sono giunte fino a noi molte tavolette cuneiformi con questo tipo di contenuti. La più antica che abbiamo sono il VII °  secolo aC
  4. Si parla spesso del “sistema Tolomeo”. Questo non è sbagliato, se con ciò intendiamo "il sistema usato da Tolomeo", ma l'espressione suggerisce che sia lui l'iniziatore, il che non è corretto. Lo stesso Tolomeo, nell'Almagesto, parla degli epicicli di Ipparco in diversi passaggi annotati nella prefazione ad Alma .
  5. Certe tabelle sono però lì più precise che nell'Almagesto, arrivando talvolta fino all'angolo sesto (la terza vale 1/60 di secondo, la quarta 1/60 di terzo ecc.). Ciò dimostra che Tolomeo, anche dopo la pubblicazione dell'Almagesto, non smise di affinare la sua opera. Le "Tavole Facili" compaiono anche in Halma, tavole , dove sono considerate una sorta di appendice di Halma, Almageste . Ma sono chiaramente posteriori.
  6. Vedi su questo punto l'analisi molto dettagliata della prefazione di Halma  : "(Tolomeo) non considerava se stesso le sue (le sue ipotesi), come reali, ma solo come un mezzo per spiegare l'ordine celeste che era sembrato impossibile per Ipparco spiegare diversamente che con questa complicazione dei circoli. Riteniamo, dice nel suo libro III , che sia opportuno dimostrare i fenomeni con le ipotesi più semplici, purché cio' presuppongano che la parrocchia non contraddica nulla di importante dalle osservazioni (...) Lo conferma il modo in cui Tolomeo formula queste ipotesi e le deduzioni che ne trae: usa quasi sempre il futuro ἔσαι sera, o il condizionale al posto del presente, come nel cap.4 del libro IV , dove dice che così si salverebbero le similitudini non solo delle relazioni, ma anche dei tempi dell'uno e dell'altro movimento (διασώζοιντο ἄν).L'arbitrio che propone nel suo libro III , dell'eccentrico o del l'epiciclo per spiegare il movimento del sole, mostra chiaramente che non considera l'uno più reale dell'altro. Scelse tra i mezzi che la geometria gli forniva, quelli che riteneva più idonei a rappresentare gli effetti di cui voleva rendere conto, "La geometria è solo uno strumento nelle mani dell'astronomo", dice Bailly, questo strumento non crea qualsiasi cosa, ma prestandosi all'uso che se ne fa su buone osservazioni, dà risultati corretti."
  7. Questo abbandono di fatto è avvenuto in più fasi. Vedi eliocentrismo .
  8. Molti storici ritengono che le mappe che mostrano la sua geografia sono stati effettivamente aggiunti nelle copie bizantini del XIII °  secolo. Vedi Brotton 2012 , p.  20-21
  9. Più precisamente si tratta della Catoptrica (Teoria degli specchi) attribuita ad Euclide. Ma la sua paternità per questo lavoro non è certa ( Smith 1996 , pp.  4 e 14-17).

Riferimenti

  1. (in) Ptolemy sul Enciclopedia Britannica
  2. Vedi Rinascimento medievale .
  3. figura della terra nell'antichità - L. Génicot, Le linee di cresta del Medioevo , Casterman, 1961
  4. Questi fatti sono indicati, a piccoli tocchi, nello stesso Almagesto e sottolineati nella prefazione di Halma .
  5. Vedi Geocentrismo .
  6. Astronomia Babilonese - J. Mogenet, A. Tihon, R. Royez, A. Berg, Nicephore Gregoras: Calcolo dell'eclissi solare del 16 luglio 1330 , Corpus degli astronomi bizantini, I Gleben, 1983, pagina 96. ( ISBN  9789070265342 ) - Tolomeo, Almagesto III , 6.
  7. Vedi Scienza e tecnologia nell'Impero Bizantino
  8. P. Couderc, Storia dell'astronomia , Que sais-je n o  165, p.  56 e segg.
  9. Almageste , XIII, 12. - prefazione di Halma , p.  15-16.
  10. A. Tihon, Théon d'Alexandrie et les Tables Faciles de Ptolémée , Archives internationales d'histoire des sciences , 1985 (35), n o  1124-115, p.  106-123 , ( ISSN  0003-9810 ) .
  11. Come esempio dell'uso tardivo dei testi di Tolomeo, si possono trovare i dettagli di un calcolo di eclissi secondo l' Almagesto e secondo le Tavole Facili in J. Mogenet, A. Tihon, R. Royez, A. Berg, op. cit.
  12. Brotton 2012 , p.  19
  13. Brotton 2012 , p.  43
  14. Brotton 2012 , p.  45
  15. Brotton 2012 , p.  46
  16. Nuova biografia generale dai tempi più antichi ai giorni nostri. De Hoefer (Jean Chrétien Ferdinand), volume 41, pagina 161 (Firmin Didot, Parigi - 1866).
  17. Brotton 2012 , p.  48
  18. Brotton 2012 , p.  51
  19. Brotton 2012 , p.  60-66
  20. Jacques Halbronn osserva con interesse (in L'Étrange Histoire de l'astrologie , scritto insieme a Serge Hutin ), che dove Tolomeo ricorre alle differenze angolari tra i pianeti , l'altro faro dell'astrologia tradizionale , Giovanni Battista Morin de Villefranche usa le case astrologiche e, sempre secondo Halbronn, “pochi astrologi e storici hanno riconosciuto che l'astrologia è composta da sistemi diversi e rivali. ” (Pagina 93).
  21. La Tétrabible , libro I , parte 4, capitolo 3.
  22. Fonte: (In) James Herschel Holden, A history of horoscopic astrology , American Federation of Astrologers, 2 e  edition, 1996.
  23. a suo tempo i due zodiaci si sovrapponevano a causa della precessione degli equinozi .
  24. La Tetrabible , Bibliotheca Hermetica, SGPP, Denoël, pagina 46.
  25. Copernico , il cui sistema (vista eliocentrica ) sostituì quello di Tolomeo (vista geocentrica ), scoprì che è la Terra che si muove per creare le stagioni, e quindi che le stelle sono fisse.
  26. Denis Labouré, Iniziazione all'astrologia siderale , Guy Trédaniel / Pardès, 1986, pagina 217.
  27. Thomas Henri Martin , Studi sul Timeo (Platone) , t.  1, Parigi, Ladrange ,, pag.  412
  28. Tolomeo, traduzione di Nicolas Halma , Composizione matematica , t.  I, 1927 (riedizione) ( leggi online ) , p.  2a9
  29. Almageste , I , 9  " , sul sito personale di Serge Mehl r
  30. Almageste , VII , 3.
  31. O Eugenio di Palermo. Lejeune 1956  : vedi p. 9-20 e 132-135. Il libro I , che contiene la teoria della visione, è perduto. Il suo contenuto è conosciuto solo da un breve riassunto all'inizio del Libro II . Le linee principali della teoria della visione di Tolomeo possono essere dedotte anche da indicazioni sparse nel testo, ad esempio in II , 12.
  32. Smith 1996 , p.  4 e 14-17
  33. Smith 1996 , p.  2-3.

Bibliografia

Opere di Claudio Tolomeo

  • Claudii Ptolemaei inerrantium stellarum apparitiones, ac significationum collectio ( trad.  Federico Bonaventura ), Venezia, Francesco De Franceschi,( leggi in linea ).
  • Composizione matematica di Claude Ptolémée (13 libri, circa 140) , Parigi, a cura e tradotta dall'Abbé Nicolas Halma (2 vol.), 1813-1817 ( leggi online )
    rieditato Parigi, Hermann, 1927. “Transcritto” in Tolomeo's Almagest , GJ Toomer, Londra, 1984 (ripubblicato Princeton, 1998) e incluso in Le livre unique de l'astrologie (sintesi dell'opera di Tolomeo), edizioni NiL, 2000 ( ISBN  2- 84111-159-8 )
  • "Tabelle facili" , in Halma, Almageste
  • La Tétrabible (4 libri), Loge Astrologique de France, 1985. La bibbia dell'astrologia antica ( Jean-Baptiste Morin de Villefranche sarà la bibbia dell'astrologia classica). Estratti: Manuale di astrologia. La Tétrabible , introduzione di Elizabeth Teissier, Les Belles Lettres, raccolta “Aux Sources de la Tradition ”, 1993.
  • Claude Ptolémée, Trattato di geografia , 8 libri ( elenco dettagliato di edizioni e manoscritti ):
    • La traduzione francese di Nicolas Halma (edizione Ebherhart, Parigi 1828, su Gallica ) comprende solo il primo libro con la fine del settimo (volume 1) e l'ottavo libro (volume 2), cioè la parte teorica escludendo gli elenchi di luoghi con coordinate (vedi pag. XV e XXI ):
    • Claudii Ptolomei Cosmografia . Testo in latino, traduzione di Jacobus Angelus (Italia), 1460-1477. Codice digitalizzato disponibile su Somni .
  • Teoria armonica , proveniente dall'opera originale Les Harmoniques . Testo in greco a cura di Ingemar Düring, Die Harmonielehre des Klaudios Ptolemaios , Göteborg, Elander, 1930.
  • Albert Lejeune , L'Optique de Claude Ptolémée: (5 libri), nella versione latina dopo l'arabo dell'emiro Eugenio di Sicilia, edizione critica ed esegetica aumentata da una traduzione francese e complementi , Lovanio, Bibl. Università,( Ripr.  2 ° Brill (Leiden, New York), 1989) ( leggere online )

Studi su Claudio Tolomeo

  • Germaine Aujac, Claude Ptolémée, astronomo, astrologo, geografo. Conoscenza e rappresentazione del mondo abitato , Comitato per il lavoro storico e scientifico, Parigi, 1993 ( ISBN  2-7355-0284-8 )  ; pag.  428.
  • Pascal Charvet , Il libro unico dell'astrologia , ed. Nilo, 2000.
  • Pierre Costabel , Tolomeo (Claude) II °  secolo , in Encyclopaedia Universalis , Parigi, av. 1989; aggiornato ap. 1993 [consultato nell'ed. del 2004].
  • Patrick Gautier Dalché, La geografia di Tolomeo in Occidente, IV-XVI secolo , Turnhout, Brépols, 2009. 1 vol. (442 p.): Ill. ; 28  centimetri . - (Terrarum orbis; 9). ( ISBN  978-2-503-53164-9 )
  • N. Halma , “Prefazione” , indi Halma, Almageste
  • (it) A. Mark Smith , La teoria della percezione visiva di Tolomeo: una traduzione inglese dell'ottica con introduzione e commento , Philadelphia, American Philosophical Society,, 300  pag. ( ISBN  978-0-87169-862-9 , leggi online )
  • (it) Jerry Brotton , Una storia del mondo in dodici mappe , Londra, Penguin Books,, 514  pag. ( ISBN  978-0-14-103493-5 )

Pseudo-Tolomeo

  • Frasi o Centiloquy  : Claude Ptolémée, La Tétrabible oi quattro libri dei giudizi delle stelle, seguito da 'Il centiloquio o le cento frasi' , traduzione di Nicolas Bourdin. Parigi, Cultura, Arte, Tempo libero, 1974, 285 p. Il Centiloquio è di uno Pseudo-Claudio Tolomeo (Stefano di Messina, intorno al 1260; o Ahmad ibn Yusuf , morto nel 912) e il Commento al Centiloquio è di Nicolas Bourdin (1651).
  • Opus imaginum  : cfr. Jean-Patrice Boudet, “A Treaty on Arab-Latin astrale magic: the Liber de imaginibus du pseudo-Ptolémée”, in Claudio Leonardi, Natura, scienze e società medievali: studi in onore di Agostino Paravicini Bagliani , Firenze, 2008, p.  17-36 .

Tributi

Appendici

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Claudio Tolomeo ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Claudio Tolomeo e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Claudio Tolomeo su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Rita Dalla

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Claudio Tolomeo molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Claudio Tolomeo è molto utile e piacevole

Eleonora Sacco

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Antonina Fabbri

L'articolo sulla Claudio Tolomeo è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Claudio Tolomeo è completo e ben spiegato

Paola De Santis

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Claudio Tolomeo perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Claudio Tolomeo

Nunzia Marino

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi