Teologia



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Teologia sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Teologia. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Teologia e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Teologia. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Teologia qui sotto. Se le informazioni su Teologia che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

La teleologia può essere definita come uno studio o come una dottrina delle cause finali , della finalità . Il termine è spesso usato oggi come epiteto, per definire la dottrina o il ragionamento, se necessario in modo critico.

Come dottrina proveniente da grecoromana dall'antichità , e che troviamo per esempio in Aristotele , scopo teleologia alla spiegazione dei fenomeni con l'intervento di una causa finale (i telos ): un fenomeno A saranno spiegati con la necessità di una posteriori causa finale B (il telos ). Lamarck nella sua Filosofia zoologica fornisce un famoso esempio di intervento per la causa finale (che in seguito si rivelò errato): essendo l'erba scarsa nella savana, la giraffa deve raggiungere il fogliame degli alberi per nutrirsi (causa finale B), quindi l'abitudine sostenuta e lo sforzo per raggiungerlo ha portato ad un allungamento delle zampe anteriori e del collo nel corso delle generazioni (fenomeno A). In questo, la teleologia si oppone alla visione meccanicistica della spiegazione dei fenomeni, in particolare nell'ambito delle scienze della vita e della cibernetica . Quest'ultimo ha inventato la nozione di teleonomia ( necessaria ma non intenzionale ) negli anni '60, per integrare leggi meccaniche e quindi scientifiche Nel concetto di finalismo, essendo la nozione di teleologia considerata speculativa, con connotazioni metafisiche.

Etimologia e origine

La teleologia deriva dal greco antico τέλος ( telos ), "fine, meta", e da λόγος ( logos ), "discorso". Il termine fu coniato nel 1728 dal filosofo tedesco Christian von Wolff nella sua opera Philosophia razionalis sive Logica .

La teleonomia deriva dal greco antico τέλος ( telos ), "fine, meta", e da νόμος ( nomos ), "legge". Il termine è stato coniato da Colin S. Pittendrigh nel 1958.

Storia della teleologia

Antichità

Platone

In Platone , il mondo e gli organismi che lo costituiscono sono creati da un demiurgo (dio organizzatore) secondo un piano prestabilito, al di fuori del mondo sensibile, e il destino dell'uomo è considerato come finalità della Natura, come possiamo vedere nel Timeo  : siamo in presenza di una teleologia estrinseca.

“Il mondo è il risultato dell'azione combinata di necessità e intelligenza. L'intelligenza ha prevalso sulla necessità, persuadendola a produrre la maggior parte delle cose nel modo più perfetto; la necessità lasciò il posto al saggio consiglio dell'intelligenza; ed è così che questo universo è stato costituito all'inizio (Platone, Timée , 48 a.) "

Dalla fine del XIX E  secolo , Eduard Zeller sottolinea la fisica teleologica di Platone, come anche Léon Robin nel 1918. Nel XX E  secolo l'interpretazione teleologica del Timeo è proposto anche da Geoffrey ER Lloyd  (in) . Osserva che Platone cerca di stabilire la necessità della realizzazione del Bene nell'universo, in parte grazie a un ordine matematico - come spesso era stato formulato nelle interpretazioni precedenti quella di Geoffrey ER Lloyd, ma anche con l'intervento di 'a telos .

Aristotele

Aristotele nella sua Metafisica distingue quattro cause nella formazione delle cose: la causa materiale (materia della cosa), la causa formale (essenza della cosa, eidos ), la causa efficiente (forza motrice, cinesi ) e la causa finale (questa per quello che è fatto, telos ). Aristotele è stato certamente un naturalista, ma “non è mai stato un positivista  ; si oppone alla concezione meccanicistica del mondo proposta da Democrito e alla concezione puramente matematica dei cieli suggerita da Eudosso di Cnido . "

La finalità è un concetto fondamentale per Aristotele, tanto nella sua filosofia della natura (particolarmente presente nelle sue Parti di animali ), quanto nella sua filosofia dell'arte (nel senso di tékhnê ): "C'è più finalità e bellezza nelle opere di natura che in quelli dell'arte " , dice; troviamo questo principio di finalità in Fisica , politica ed etica in Nicomaque  :

“Tutta l'arte e ogni indagine, e allo stesso modo tutte le azioni e tutte le scelte tendono a qualcosa di buono, a quanto pare. Quindi è stato giustamente detto che il Bene è ciò a cui tutte le cose tendono. "

Inoltre Aristotele rifiuta la teoria platonica della creazione demiurgica del mondo (vale a dire di un creatore che utilizza forme eterne come modello). Sviluppa così nella sua Fisica una teoria propriamente naturalistica della formazione delle cose:

“Inoltre, sarebbe assurdo credere che le cose [in natura] accadano senza meta, perché non vedremmo il motore deliberare la sua azione. "

Alla dottrina delle Idee del vecchio Platone, egli oppone la sua teoria della determinazione della materia per mezzo della forma: questa determinazione formale agisce dall'interno, dispiegandosi dalla materia come da un germe. Ma, nella teleologia di Aristotele, οὐσία , sostanza, e τέλος , finalità, costituiscono la stessa realtà, e il mondo è "sospeso" (secondo le parole di Aristotele) da Dio.

Tempi moderni

Leibniz

Leibniz non si oppone nella spiegazione dei fenomeni causa efficiente e causa finale: abbiamo bisogno di entrambe, e almeno delle cause finali per una spiegazione completa. Tuttavia, ammette che alcuni fenomeni ricevono spiegazioni più appropriate da una causa rispetto all'altra:

"Poiché tutto può essere spiegato in Geometria dal calcolo dei numeri e anche dall'analisi della situazione, ma alcuni problemi sono più facilmente risolvibili con uno di questi modi, e altri con l'altro, anche io trovo che sia così con i fenomeni. Tutto può essere spiegato da quelli efficienti e da quelli finali; ma ciò che riguarda le sostanze ragionevoli <uomini, spiriti, anime> è spiegato più naturalmente dalla considerazione dei fini, così come ciò che riguarda le altre sostanze <corpi> è meglio spiegato da quelle efficienti. "

Con Leibniz, invece, le due spiegazioni hanno dei limiti: la causa finale tende al verbalismo quando cerca di spiegare fenomeni particolari ( cioè fuori dalle leggi e dai principi della natura). Viceversa, la causa efficiente tende a volte a complessità inutili, mentre l'intervento di un telos nel ragionamento apparirebbe più semplice e naturale.

Inoltre, Leibniz fa della causa finale un principio necessario al fondamento delle leggi di natura ( fundamentum naturæ legum ): è necessario che attraverso i fenomeni si conservi la stessa quantità di energia. Infatti, le cause e gli effetti devono essere sempre equivalenti, a rischio di cadere nel perpetuum mobile (più nell'effetto che nella causa) o viceversa in una regressione della perfezione naturale (meno nell'effetto che nella causa), modelli impossibili a causa dell'ordine divino che regna nel mondo. L'immutabilità divina ( la monade ) risponde quindi rispecchiando la necessaria equivalenza di cause ed effetti in natura ( le monadi ) da un principio teleologico. Il termine fu coniato anche nel 1728 da Christian von Wolff , discepolo di Leibniz, nella sua Philosophia razionalis sive Logica . Fortemente influenzato da quest'ultimo, fondò una scuola che raccolse e approfondì molti concetti leibniziani ( monadologia , ottimismo, distinzione di percezione e appetito, moralità della perfezione…).

Kant

La teleologia ha un posto primordiale a Kant . Nel suo lavoro la causa finale cambia significato: un fenomeno sarà causato da un telos che assume la forma di un concetto ( es. Se un individuo malato chiede un farmaco, è il concetto di salute che causa il suo atto).

Più precisamente, la teleologia occupa la seconda parte della sua Critica della facoltà di giudicare dove il concetto media tra la facoltà di conoscere ( Erkenntnisvermögen ) e la facoltà di desiderare ( Begehrungsvermögen ). L'estetica kantiana fa appello a una teoria generale della finalità assoluta attraverso due esperienze: una sensibile ed estetica, cioè la sublime , l'altra formale, cioè la legge morale.

Kant considera anche la finalità inscritta nella natura, qualificandola come illegittima: non si possono attribuire fini a fenomeni fisici o biologici. Da quel momento in poi, gli individui sono trascinati in una teleologia proiettata e riflessa: consente di organizzare la natura, di riconoscere un ordine tra i fenomeni come se fossero governati da rapporti reali di scopi e mezzi. La teleologia è quindi un'idea regolatrice, proprio come la libertà nella seconda Critica .

Confutazioni della dottrina teleologica

Bacon

Lo scienziato e filosofo inglese Francis Bacon è uno dei primi a mettere veramente in discussione la teleologia da un punto di vista epistemologico. Anzi, precursore dell'empirismo , nel suo Novum Organum del 1620 sviluppa una critica alla causa finale aristotelica: la teleologia che vieta qualsiasi verifica sperimentale, non è adatta alla scienza (ma può essere usata in metafisica), e spinge a ridurre il campo della ricerca naturale se accettata. A tal proposito afferma nel Novum  :

“La scienza deve essere presa dalla luce della natura, non deve essere presa dall'oscurità dell'antichità. Ciò che conta non è ciò che è stato fatto. Dobbiamo vedere cosa resta da fare. "

Di conseguenza, sono necessari controlli scientifici per escludere illusioni ottiche, idola e più specificamente tribù di idola  : questa tendenza specifica della natura umana a percepire in modo permanente gli scopi. Bacon riuscì parzialmente nel suo progetto, modificando l'approccio scientifico successivo e in particolare dei suoi contemporanei come Harvey che, staccandosi gradualmente dalla causa finalis , rimase aristotelico nonostante la crescente influenza del baconismo e dell'empirismo.

Cartesio

Contemporaneamente a Bacon, Descartes avvia una riflessione sulla teleologia che porterà alla sua confutazione. Mentre il primo impiega il ragionamento empirista, Descartes offre un argomento teologico: essendo Dio un essere infinito, non possiamo cogliere tutte le sue azioni, quindi voler capire i suoi fini è una presunzione. Poiché il mondo è composto da un numero infinito di elementi, l'unica fine possibile a tutto ciò che accade deve essere Dio stesso. Ora questo ragionamento equivale a porre dei limiti all'essenza del mondo ea quella di Dio: la teleologia viene quindi rifiutata. Troviamo questo argomento nei Principi di filosofia di Descartes:

“Non ci fermeremo anche ad esaminare i fini che Dio ha proposto nella creazione del mondo, e rigetteremo completamente dalla nostra filosofia la ricerca delle cause finali; perché non dobbiamo tanto presumere di noi stessi quanto credere che Dio abbia voluto condividere con noi il suo consiglio: ma, considerandolo l'autore di tutte le cose, cercheremo solo di trovare con la facoltà di ragionamento che ha messo in noi, come quelli che vediamo attraverso i nostri sensi potrebbero essere prodotti [...]. "

Descartes è anche uno dei fondatori del meccanismo , movimento contrario al finalismo, e ha avuto un'influenza importante nel campo della biologia, in particolare attraverso i suoi scritti ma soprattutto grazie al suo "metodo".

Spinoza

Spinoza è descritto come un precursore da Nietzsche nella sua critica della teleologia. Sviluppa un argomento teologico: è attraverso l'ignoranza delle cause reali che determinano i fenomeni naturali che gli uomini mettono in gioco una causa finale. Così il finalismo presuppone una volontà antropomorfica che organizza tutto nella natura per l'utilità degli uomini: ora tutto ciò che esiste in natura è solo la sostanza infinita di Dio di cui tutti gli esseri sono modi ( panteismo spinozista). Considerare le cause finali in natura significherebbe quindi ammettere l'imperfezione di Dio: il panteismo trascendente essendo incompatibile con la teoria del finalismo immanente, Spinoza rifiuta quest'ultima. Sviluppa questa tesi nella sua Etica  :

« […] Dieu existe nécessairement, il est unique, il existe et agit par la seule nécessité de sa nature, il est la cause libre de toutes choses et de quelle façon, que toutes choses sont en lui et dépendent de lui, de telle sorte qu'elles ne peuvent être ni être conçues sans lui, enfin que tout a été prédéterminé par Dieu, non pas en vertu d'une volonté libre ou d'un absolu bon plaisir, mais en vertu de sa nature absolue ou de son infinie potere. "

Darwin

Darwin è spesso considerato un precursore della scienza moderna per il suo rifiuto della teleologia. Si oppone in particolare a Lamarck e alla sua Filosofia zoologica  : Darwin non postula più alcuno sforzo nell'idea di evoluzione, rimuovendo da essa ogni forza nascosta che le darebbe un significato necessario. Al contrario, postula che le variazioni del vivente appaiano come "accidenti", pure fattualità, rifiutandosi di spiegarle in vista di uno scopo preciso. Tuttavia, la tesi delle variazioni fortuite all'interno dei vivi ha incontrato una serie di obiezioni, in particolare nel famoso esempio dell'occhio che Darwin commenta:

"Mi sembra il più assurdo possibile, lo ammetto, supporre che la selezione naturale possa aver formato l'occhio con tutte le disposizioni inimitabili che consentono di regolare la messa a fuoco a varie distanze, di ammettere una quantità variabile di luce e di correggere sferiche e cromatiche aberrazioni. "

Nell'attuale interpretazione di Ghiselin , Darwin sostituisce una causa efficiente - la teoria dell'evoluzione - all'apparente teleologia (causa finale) all'opera nel mondo biologico. Sebbene Ghiselin ammetta la presenza di "metafore teleologiche" in The Origin of Species , sostiene che il suo autore non coinvolge alcun telos nella sua teoria.

Tuttavia, molti autori criticano la posizione di Darwin, in particolare il suo uso del linguaggio che suggerisce pregiudizi teleologici e assiologici. Ad esempio, sostituisce la causa finale lamarckiana con la nozione di “funzione”, che però non è esente dalla teleologia, essendo la funzione orientata verso uno scopo ( es. Il cuore ha la funzione di pompare sangue).

Nietzsche critica anche il darwinismo: la selezione naturale darebbe una direzione, una direzione all'evoluzione attraverso il progressivo miglioramento dei personaggi e la sopravvivenza del più adatto (il più adatto). Di conseguenza, questo giudizio morale implicito pone in anticipo la finalità verso la quale si sta dirigendo l'evoluzione: saremmo in presenza di una teleologia nascosta nel darwinismo.

Teleologia e scienza nella contemporaneità

Biologia

La biologia contemporanea è caratterizzata dall'onnipresenza del vocabolario funzionale. Tutti i rami della biologia assegnano funzioni ai loro oggetti di studio. A titolo illustrativo, in fisiologia la funzione di pompaggio del sangue è attribuita al cuore , in biologia molecolare la funzione di supporto dell'ereditarietà è attribuita al DNA ...

Diverse teorie filosofiche sono state sviluppate per evacuare la teleodirezionalità del linguaggio biologico. La teoria eziologica, nata nel 1972 in un articolo fondamentale di Larry Wright, è una reinterpretazione della nozione di funzione in termini di causa efficiente. Wright caratterizza un organo o una funzione biologica (X) e la sua attività (F) come una funzione se e solo se:

  • F risulta da X
  • X è presente perché F risulta da X (condizione di feedback )

La teoria eziologica è stata riformulata come la teoria dell'effetto selezionato da Karen Neander ( effetto selezionato ) secondo la quale la funzione di un tratto è l'effetto per il quale è stato selezionato. Quindi dire "La funzione del cuore è pompare il sangue" equivale a dire "Il cuore è stato scelto naturalmente per pompare il sangue". Parliamo anche di teoria delle funzioni retrospettiva perché, secondo essa, l'attribuzione di una funzione a un tratto dipende dalla storia evolutiva di questo tratto. La teoria eziologica si basa quindi in modo cruciale sulla teoria dell'evoluzione per selezione naturale di Darwin .

Secondo Christopher Boorse, un'analisi del lavoro deve soddisfare tre condizioni:

  • una distinzione tra aspetto funzionale e accidentale: Distinzione tra “Avere la funzione di F” e “Svolgere la funzione F” ( es. il naso non ha la funzione di portare gli occhiali);
  • applicazione a organismi e artefatti;
  • le affermazioni che portano l'attribuzione di funzione devono essere esplicative: devono rispondere alla domanda "Perché X fa F" »Citando la funzione di F ( es .  : Perché il cuore batte regolarmente Per pompare il sangue).

Su questa base Boorse solleva obiezioni alla teoria eziologica: per un organo rudimentale (appendice per esempio), la tesi eziologica gli attribuisce necessariamente una funzione quando in realtà non ne ha una. Allo stesso modo, troviamo casi di problemi di funzioni di spostamento , come il piumaggio degli uccelli che era originariamente utilizzato per l'isolamento termico, mentre la sua funzione per il volo è più recente: qual è la funzione propria del piumaggio

Cibernetica

La cibernetica è la scienza composta da tutte le teorie del controllo dei processi e delle comunicazioni e della loro regolazione nell'essere vivente, nelle macchine e nei sistemi sociologici ed economici. Il suo obiettivo principale è lo studio delle interazioni tra "sistemi di governo" (o sistemi di controllo) e "sistemi governati" (o sistemi operativi), secondo un principio teleologico di regolazione, di feedback, cioè di modifica prodotta per raggiungere un obiettivo.

L'obiettivo è in particolare quello di tradurre le asserzioni biologiche che si appellano alla nozione di teleologia in linguaggio cibernetico, mentre mostra che il concetto di "comportamento intenzionale" ( intenzionale ) è spiegabile nel linguaggio della moderna razionalità scientifica: è l'emergere della teleonomia .

Sebbene la cibernetica a priori consenta sistemi che sono più facilmente testabili delle loro espressioni teleologiche associate, questo può trasformarsi in un limite. Per preservare la logica e il significato dell'affermazione tradotta, le due espressioni devono essere intersostituite ( salva veritate ), vale a dire che due teorie equivalenti devono ammettere le stesse conseguenze osservabili. Da quel momento in poi la cibernetica si troverebbe in un vicolo cieco: il carattere intertraducibile delle asserzioni equivalenti tra i due sistemi legittima, con la garanzia del linguaggio, la spiegazione teleologica

Finalismo

Finalismo è una teoria che considera plausibile l'esistenza di una causa finale della dell'universo , della natura o dell'uomo . Presuppone un disegno, una meta, un significato, immanente o trascendente , presente fin dalla loro origine. Il finalismo si trova spesso nell'evocazione di processi evolutivi biologici , il cui scopo sarebbe, ad esempio, l'apparizione della specie umana .

Per il principio di anteriorità (almeno logica, se non cronologica) della causa rispetto ai suoi effetti, la questione delle cause finali all'opera in natura tocca da vicino quella dell'esistenza di Dio; ecco perché è così dibattuto. Il finalismo si oppone al meccanismo .

Cause efficienti e causa finale

Il problema del finalismo e del determinismo nasce dall'antichità, più o meno negli stessi termini in cui si pone ancora oggi. Aristotele ha presentato le due possibili opzioni nella sua Fisica . Innanzitutto la posizione meccanicistica, per la quale tutto è spiegato da cause efficienti o, se si preferisce, dalle cieche leggi della natura. La loro combinazione si traduce accidentalmente nel mondo naturale così come lo vediamo:

"Chi impedisce, si dice, che la natura agisca senza avere uno scopo (...) Giove (...) non piove per sviluppare e nutrire il grano; ma piove per una legge necessaria; poiché, mentre sale, il vapore deve raffreddarsi; e il vapore raffreddato, diventando acqua, deve necessariamente cadere. Che se si verifica questo fenomeno, il grano ne approfitta per germogliare e crescere, è un semplice incidente. (...) Il che impedisce di dire anche che in natura gli organi del corpo stessi sono soggetti alla stessa legge, e che i denti, ad esempio, crescono necessariamente, quelli della fronte, degli incisivi e capaci di lacerare il cibo, ei molari , grandi e adatti a schiacciarli, anche se non è in vista di questa funzione che sono stati realizzati, ed è una semplice coincidenza "(Aristotele, Fisica , II, 8)

Gli esseri naturali sono così spiegati dal caso e dalla necessità, più precisamente dalla nascita casuale di forme naturali e dalla selezione delle uniche vitali:

“Quindi, quindi, ogni volta che le cose accadono accidentalmente come sarebbero accadute con uno scopo, sussistono e si conservano, perché hanno assunto spontaneamente la condizione adeguata; ma quelli dove è altrimenti muoiono o muoiono. ( Ibid  .; Questo evoluzionismo rudimentale è quello di Empedocle .)

Tuttavia, Aristotele critica questo punto di vista subito dopo averlo smascherato e adotta una posizione finalista. L'idea di finalità gli sembra imporsi a causa della regolarità dei fenomeni naturali. In effetti, la loro ripetizione presuppone un ordine di nature, mentre il caso produce solo coincidenze fortuite: il caso può far cadere un dado più volte in successione sul sei, ma se questo numero esce sistematicamente, concluderemo necessariamente che il dado è caricato, che significa "studiato per" ottenere questo risultato. Allo stesso modo in natura, dove l'intelligenza può distinguere tra coincidenze fortuite e fenomeni che si verificano sistematicamente:

“Non è né una coincidenza né un incidente che piova frequentemente in inverno; ma è una coincidenza, al contrario, se piove quando il sole è nella costellazione del cane. Non è più un caso che durante l'ondata di caldo ci sia un gran caldo; ma è uno che c'è in inverno. (…) Per cose naturali si intendono tutte quelle che, spinte continuamente da un principio a loro intimo, raggiungono un certo fine. Da ciascuno di questi principi non emerge un risultato identico per ogni specie di cosa, così come non emerge un risultato arbitrario; ma il principio tende sempre allo stesso risultato, a meno che non ci sia un ostacolo che lo fermi. (…) Quando accade sempre, o almeno più comunemente, qualcosa accade, non è più né per caso né per caso; ora, in natura, le cose accadono eternamente allo stesso modo, se niente gli si oppone. "( Ibid. )

Il finalismo di Aristotele è un'applicazione della sua teoria delle quattro cause della sostanza: per lui non c'è bisogno di opporsi a cause efficienti e causa finale: le prime sono subordinate alla seconda, come mezzi messi in atto per raggiungere uno scopo. Il fine osservato in natura in ultima analisi è la conservazione delle forme naturali: "Essendo la forma un fine, e tutto il resto essendo organizzato in vista del fine e del fine, possiamo dire che la forma è il perché delle cose e la loro causa finale. ( Ibid. ) Si tratta quindi di una finalità immanente alla natura, che quindi opera per la propria conservazione. Non c'è un creatore, ma solo un "Primo Motore" che muove l'intero universo come ultima causa finale.

La posizione di Aristotele è quindi arretrata Su quella di Socrate e Platone (cfr. Timeo ), perché non attribuisce la finalità a un autore demiurgo , o anche a un organizzatore della natura. Il suo finalismo non è intenzionale ma immanente.

Il finalismo fu criticato prima e dopo Aristotele da materialisti come Empedocle , Democrito , Epicuro o Lucrezia  : spiegare i fenomeni alla loro fine sembra infatti contrario al buon senso, poiché una causa precede i suoi effetti . Quindi per Lucrezia, non è la funzione che crea l'organo, ma l'organo che crea la funzione; non è la vista che ci fa avere gli occhi, ma gli occhi che permettono la vista:

“Gli occhi non sono stati creati, come potresti pensare, per permetterci di vedere in lontananza; né è per permetterci di camminare a grandi passi che le estremità delle gambe e delle cosce siano sostenute e articolate sui piedi; né le braccia che abbiamo legato alle spalle forti, le mani che ci servono su entrambi i lati, ci sono state date per provvedere ai nostri bisogni. Interpretare i fatti in questo modo è un ragionamento che inverte l'ordine delle cose: è mettere causa dopo effetto ovunque. Nessun organo del nostro corpo, infatti, è stato creato per il nostro uso, ma è l'organo che crea l'uso. La visione non esisteva prima della nascita degli occhi, né la parola prima della creazione del linguaggio: è piuttosto l'esistenza del linguaggio che ha preceduto di gran lunga la parola e le orecchie esistevano molto prima che non esistesse. suono. Insomma, tutti gli organi, secondo me, esistevano prima di essere utilizzati. Non potevano quindi essere creati per la loro funzione. »(Lucrezia, De Natura rerum , IV, v. 824-842)

Ai meccanicisti, la spiegazione dai fini sembra quindi un difetto logico, un'inversione dell'effetto e della causa che può essere illustrata da questa battuta attribuita a Henry Monnier  : "La natura è lungimirante: ha fatto crescere la mela. In Normandia sapendo che è la regione in cui beviamo più sidro. ".


Alimentata da Aristotele , la filosofia scolastica, rappresentata in particolare da Tommaso d'Aquino , risponde all'obiezione meccanicistica per mezzo della formula "  Finis est prima in intentione, ultima in executione  ", che concilia determinismo e finalismo: il fine è primo nell'intenzione, ultimo in esecuzione . Ultimate nell'esecuzione: è perché gli elementi che compongono l'occhio sono adeguatamente disposti che c'è vista (determinismo). Primo nell'intenzione: la struttura dell'occhio e la sua adeguatezza alla natura della luce presuppongono un'intenzione ordinatrice, e quindi un Pensiero anteriore (finalismo), perché è solo come concepito che il fine può essere una causa prima dei suoi effetti .

Discussione sul finalismo nei tempi moderni

È quindi sul finalismo che poggia il classico argomento a favore dell'esistenza di Dio basata sull'ordine del mondo , che per una volta mette d'accordo Bossuet e Voltaire . Il primo ha scritto:

“Tutto ciò che mostra ordine, proporzioni ben definite e mezzi atti a produrre determinati effetti, mostra anche un fine espresso: di conseguenza, un disegno formato, un'intelligenza regolata e un'arte perfetta. Questo è ciò che si nota in tutta la natura. Vediamo così tanta accuratezza nei suoi movimenti e così tanta correttezza tra le sue parti, che non possiamo negare che ci sia arte. Perché se è necessario notare questo concerto e questa precisione, motivo in più per stabilirlo. Questo è il motivo per cui non vediamo nulla nell'universo che non siamo propensi a chiedere perché sia ​​fatto: così naturalmente sentiamo che tutto ha la sua convenienza e il suo fine. »( Sulla conoscenza di Dio e di se stessi , IV, 1)

L'ordine, cioè l'adeguatezza reciproca dei diversi elementi di un tutto, può infatti essere definito come una finalità interna di ciò che è ordinato . L'orologiaio che produce due ingranaggi A e B destinati a lavorare insieme li fa l'uno per l'altro. L'ingranaggio B è presente nella sua mente mentre fabbrica l'A, come causa finale della forma di quest'ultimo. Quindi il funzionamento comune degli ingranaggi A e B presuppone il pensiero di un orologiaio. Allo stesso modo, poiché l'ordinamento dei diversi elementi naturali presenta un'apparenza di "arte", suggerisce l'idea di un artigiano, da cui i versi di Voltaire:

"È vero, ho preso in giro Saint-Médard e la bolla,
Ma ho ancora qualche scrupolo sulla natura.
L'universo mi mette in imbarazzo e non riesco a pensare
Che questo orologio esiste e non ha un orologiaio. "
(Voltaire, The Cabals )

Tuttavia, Spinoza ha criticato la teleologia del XVII ° secolo. soprattutto nell'appendice alla prima parte dell'Etica , da un argomento specifico della sua filosofia secondo il quale il mondo e l'essere supremo non si distinguono: se l'essere supremo perseguisse obiettivi, allora non sarebbe supremo. L'essere supremo, infatti, è assolutamente infinito, ma solo un essere finito non è sufficiente di per sé e deve quindi cercare fuori dal suo stato iniziale ciò che sarebbe in grado di completarlo. Inoltre, questo filosofo si propone anche di spiegare le cause della convinzione che gli obiettivi che vanno al di là di noi siano all'opera nella natura: è attraverso l'ignoranza delle cause reali che determinano i fenomeni naturali e perché si conoscono solo cercando ciò che è utile a loro, che gli uomini credano di sapere qualcosa quando ne hanno immaginato una causa finale . Il finalismo si basa sull'idea che esisterebbe una volontà paragonabile a quella dell'uomo che ha organizzato tutte le cose in natura per la sua utilità. Ora tutto ciò che esiste in natura esiste solo come un modo di essere di Dio, in altre parole un modo di sostanza assolutamente infinita. Nulla può quindi essere determinato da cause finali. Altrimenti sarebbe considerare Dio come imperfetto, privo di qualcosa poiché avrebbe bisogno della realizzazione di questi fini per la sua utilità.

Pertanto, il finalismo è incompatibile con il panteismo  : se il funzionamento e lo sviluppo dell'universo possono essere spiegati da un pensiero supremo che cerca effetti, deve essere trascendente (e non immanente) ad esso, mirando a scopi per l'universo e non per se stesso.

Per Kant (in particolare nella Critica della Facoltà di Giudicare , § 75) non possiamo considerare l'ordine del mondo senza associarvi l'idea di una finalità oggettiva e quindi di una causa intelligente, comunemente chiamata Dio. Questo è vero per ogni mente umana. Ma appunto, questo è vero solo per la mente umana, perché questa concezione dipende dalle condizioni specifiche della conoscenza umana. Non sappiamo cosa sia in sé, dal punto di vista della realtà noumenica. Questo punto di vista rientra nel quadro generale della critica kantiana, e possiamo opporgli le obiezioni classicamente rivolte a quest'ultima; in particolare il fatto che Kant è obbligato a fare un uso trascendente della comprensione umana per negare che tale uso sia possibile.

In Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, c'è un riferimento esplicito al finalismo. In effetti, il monolite nero presente in tutto il film è un significato trascendente e più precisamente simboleggia l'esistenza di un Dio che deciderà l'evoluzione umana dal suo inizio alla sua fine. Quindi l'umanità avrebbe un inizio e una fine chiari. Infatti, lo scopo di Man sarebbe proprio in questo film la creazione di un'Intelligenza Artificiale e la trasformazione dell'umano in Post-umano .

Scienza e finalismo

Si distingue classicamente, con Kant ( Critica della facoltà di giudicare , 1790) finalità interne ed esterne, o estrinseche ed intrinseche.

La finalità estrinseca mira a rendere conto dell'adeguatezza degli esseri naturali tra di loro. Può portare a un finalismo semplicistico, che Bernardin de Saint-Pierre ha espresso nel modo più ingenuo e caricaturale:

“Non c'è meno praticità nelle forme e nelle dimensioni del frutto. Ce ne sono molti che sono ritagliati per la bocca dell'uomo, come le ciliegie e le prugne; altri per la sua mano, come pere e mele; altri, molto più grandi come i meloni, sono divisi da costolette e sembrano destinati ad essere mangiati in famiglia: ce ne sono anche alcuni in India, come il jacq, e nel nostro paese, la zucca che potremmo condividere con i nostri vicini. La natura sembra aver seguito le stesse proporzioni nelle varie dimensioni dei frutti destinati a nutrire l'uomo, come nelle dimensioni delle foglie che dovevano dargli ombra nei paesi caldi; perché vi si tagliava per ospitare una sola persona, un'intera famiglia e tutti gli abitanti della stessa frazione. ( Études de la nature , cap. XI, sec. Armonie vegetali delle piante con l'uomo , 1784).

Nel 1759 Voltaire deride questo tipo di finalismo e in particolare Leibniz (la cui visione delle cose è ovviamente più sottile) in Candide (capitolo I):

“Pangloss ha insegnato metafisico-teologo-cosmolo-nigologia. Dimostrò mirabilmente che non c'è effetto senza una causa e che, in questo migliore dei mondi possibili, il castello di monsignor le baron era il più bello dei castelli e la signora la migliore baronessa possibile.
“È stato dimostrato - ha detto - che le cose non possono essere altrimenti: perché tutto è fatto per un fine, tutto è necessariamente per il migliore. Si noti che i nasi sono stati fatti per portare gli occhiali; abbiamo anche gli occhiali. Le gambe sono ovviamente istituite per essere calzate, e noi abbiamo scarpe. Le pietre erano formate per essere tagliate e per fare castelli; Monsignore ha anche un bellissimo castello: il più grande barone della provincia deve avere i migliori alloggi; e poiché i maiali sono destinati ad essere mangiati, mangiamo carne di maiale tutto l'anno. Pertanto, coloro che hanno sostenuto che tutto è bene ha detto una cosa sciocca: bisognava dire che tutto è meglio. ""

Pierre Teilhard de Chardin , ad esempio, è in un certo senso l'erede di questa concezione. Il suo finalismo religioso concepisce l'evoluzione dell'universo come un movimento ascendente e convergente dalla natura a Dio attraverso l'uomo. Nella sua teoria, a differenza dell'opzione meccanicistica , l'umanità non deriva dal caso, ma da un progetto intelligente all'opera nell'evoluzione. La fine secondo Teilhard è l'avvento del "  Cristo Cosmico  " al "Punto Omega". Teilhard de Chardin non è però un oppositore dell'evoluzionismo (da cui si ispira, proprio come Bergson ), ma solo dell'idea che i suoi risultati siano puramente casuali.

Il principio antropico si basa anche sulla considerazione della finalità estrinseca, nel senso che l'apparenza della vita e, più tardi, quella dell'uomo, suppone un fine aggiustamento delle costanti universali.

La finalità intrinseca è legata all'organizzazione interna degli esseri viventi, un'organizzazione che consente loro di persistere nell'essere e di agire mediante una concorrenza ordinata di causalità interne. Ecco perché la biologia è oggi il principale campo di battaglia tra finalisti e meccanicisti .

È quasi universalmente accettato che il finalismo sia estraneo alle preoccupazioni scientifiche del nostro tempo. La scienza non cerca le cause finali. Il suo dominio è il determinismo, non il finalismo. Pertanto, la selezione naturale (specialmente integrata dalla conoscenza della genetica) descrive e spiega a livello scientifico il processo di evoluzione. Ma la scienza non è l'unico modo legittimo di conoscenza, la questione della finalità è ancora dibattuta a livello filosofico . Il fatto che la scienza non sia interessata alle cause finali non prova né l'esistenza né la non esistenza di una causa finale; la scienza non risponde a questa domanda perché non la pone.

Confusione tra i due livelli - entrambi ugualmente legittimi ma che devono essere distinti; vedi ad esempio la famosa distinzione di Dilthey tra scienze naturali (esplicative) e scienze della mente (complete) - è all'origine di molti errori, tra gli altri nel dibattito sul disegno intelligente , una teoria di cui la scientificità è dubbia. Ma la scienza non intende rispondere a domande ultime, di cui quella della finalità fa parte; almeno questo è il punto di vista di Kant nella Critica della ragione pura , quando afferma una completa separazione tra metafisica e scienze empiriche.

Note e riferimenti

  1. Dizionario dell'Accademia di Francia, ottava edizione , 1932-1935
  2. Definizione in Littré e CNRTL
  3. Lamarck, Filosofia zoologica , 1809, p.  256
  4. Mathieu Valette, “L'intenzionalità del soggetto e la teleonomia del linguaggio nella linguistica cognitiva / enunciativa”, Percorsi enunciativi e percorsi interpretativi. Teorie e applicazioni , Collezione “Man in the language”, 2003, p.  291
  5. id. p.  292
  6. Marie-Claude Lorne, "La naturalizzazione dell'intenzionalità: approccio e critica della teoria di Fred Dretske" In Darwinian worlds: The evolution of evolution , Material Editions, Collection "Sciences & Philosophie", 2011, p.  1471
  7. dir Alain Rey, Dizionario storico della lingua francese , t.  3, Parigi, Dizionario Le Robert ,( ISBN  2-85036-565-3 ) , p.  3776
  8. H. Busche “Teleologie; teleologisch ”In Historisches Wörterbuch der Philosophie , 1998, p.  970
  9. Colin S. Pittendrigh, "Adattamento, selezione naturale e comportamento" in Behaviour and Evolution , ed. A. Roe e George Gaylord Simpson, New Haven: Yale University Press, 1958, 390-416; p.  394
  10. Platone, Timeo , 29 d, 35 d.C. e 48 b.
  11. Eduard Zeller , Die Philosophie der Griechen , II, 1, p.  765-769.
  12. Léon Robin , "  Studi sul significato e il posto della fisica nella filosofia di Platone  ", Revue philosophique , Parigi, vol.  LXXXVI,( leggi online )
  13. Luc Brisson , "Il ruolo della matematica nel Timeo secondo le interpretazioni contemporanee", In The Time of Platone: contributo alla storia della sua ricezione , a cura di Ada Neschke-Hentschke, 2000, p.  302 .
  14. Geoffrey ER Lloyd, "Plato as a natural scientist", in Journal of Hellenic Studies , (88), 1968, p.  78-92  ; "Platone sulla matematica e la natura, mito e scienza", in Metodi e problemi nella scienza greca , Università di Cambridge. Stampa, 1991, p.  335-351.
  15. Aristotele, Metafisica , libro A, 3, 983 a.
  16. Werner Jaeger , Aristotele, Fondamenti per una storia della sua evoluzione , ed. L'Éclat, 1997, p.  390.
  17. Werner Jaeger , op. cit. , p.  318.
  18. Aristotele, Parti di animali , Libro I, 1, 639 b 14 mq. e 5, 645-23.
  19. Aristotele, Fisica , 199 a, 9-10.
  20. Aristotele, Ethics to Nicomaques , libro I, 1094 a.
  21. Angèle Kremer-Marietti, L' etica come meta-etica , part. I, cap. 2, p.  21
  22. Aristotele, Fisica , II, 8, 199 b 27-9.
  23. Werner Jaeger , op. cit. , p.  400.
  24. Jacques Bouveresse, “Corso 22. Può esserci una teleologia non metafisica », In Nel labirinto: necessità, contingenza e libertà a Leibniz. Corsi 2009 e 2010 al Collège de France , §6
  25. Leibniz, OFI (Couturat), p.  329
  26. Jacques Bouveresse, op. cit. , §7
  27. Leibniz, De Ipsa Natura , edizione Erdmann, p.  155
  28. Leibniz, De legibus naturæ , Dutens edition, III, p.  255
  29. “La nozione di fine naturale deriva a sua volta da quella di fine, che definisce nella" Critica del giudizio estetico "come" oggetto di un concetto in quanto quest'ultimo è considerato come causa del primo " (§10, 220) ", Hannah Ginsborg," La teleologia biologica di Kant e il suo significato filosofico "In Blackwell Companion to Kant , ed. Graham Bird, Oxford Blackwell Publishing, 2006, pag.  4
  30. Michel Puech, "Etica ed estetica nel sistema kantiano di teleologia trascendente", Colloque Éthique et esthetic , 2006, p.  3
  31. Laurent Gallois, The Sovereign Good at Kant , 2008, cap. IV, p.  148
  32. Michel Puech, op. cit. , p.  2
  33. Opera intitolata in opposizione all'Organon: termine usato dai commentatori di Aristotele per designare i suoi trattati di scienza e logica.
  34. Hendrik CD de Wit, Storia dello sviluppo della biologia , Volume I, p.  273
  35. "Perché le nuove scoperte devono essere cercate dalla luce della natura, non recuperate dall'oscurità dell'antichità.", Francis Bacon, Novum Organum , 1620, Libro I, CXXII
  36. Harald Höffding, The Philosophy of Nature in Descartes , 2012, §5
  37. Descartes, Principles of Philosophy , 1644, I, 28
  38. Hendrik CD de Wit, op. cit. , I, p.  275
  39. […] Ho un precursore e che precursore! Conoscevo appena Spinoza […]. [Su queste cose questo pensatore, il più anormale e il più solitario che ci sia, mi è davvero molto vicino: nega l'esistenza della libertà di volontà; finisce; dell'ordine morale del mondo. [...] ", Friedrich Nietzsche, Lettera a Franz Overbeck , Sils-Maria, 30 luglio 1881 (citato nella rivista letteraria , n .   370, dedicata a Spinoza, traduzione di David Rabouin).
  40. Spinoza, Etica , 1677, Parte I, appendice
  41. Ibid. , §1
  42. Thomas Heams, "Variation", In Les mondes darwiniens: The evolution of evolution , Material editions, Collection "Sciences & Philosophie", 2011
  43. Charles Darwin, The Origin of Species , 1985, cap. VI
  44. Ghiselin, Michael T. , "il linguaggio di Darwin può sembrare teleologica, ma il suo pensiero è un'altra questione", in biologia e filosofia 1994
  45. Lennox, James G., "Darwin was a Teleologist", In Biology and Philosophy , 1993
  46. "Ho dato il nome di selezione naturale a questa conservazione dei favorevoli e questa eliminazione di quelli nocivi", Darwin, L'origine della specie , p.  130
  47. "Le variazioni da sole non spiegano come ci sia stato questo ammirevole miglioramento" Darwin, The Origin of Species , p.  114
  48. Nietzsche, Frammenti postumi
  49. Barbara Stiegler, Nietzsche and biology , PUF, 2001
  50. Jean Gayon, 2006, “I biologi hanno bisogno del concetto di funzione Prospettiva filosofica ", Comptes Rendus Palevol, vol. 5, n. 3-4, p.  479 ‑487
  51. Wright Larry, "Explanation and Teleology.", In Philosophy of Science , 1972, 39 (2): 204–218
  52. Larry Wright, "Functions", In Philosophical Review , 1973, 82: 139-168
  53. Neander Karen, "Funzioni come effetti selezionati: la difesa dell'analista concettuale.", In Philosophy of Science , 1991, 58 (2): 168-184
  54. Colin Allen e Marc Bekoff, "Funzione, design naturale e comportamento animale: considerazioni filosofiche ed etologiche", In Perspectives in Ethology: Volume 11: Behavioral Design , NS Thompson, 1973, cap. 1, p.  26
  55. Boorse Christopher, "Wright on Functions.", In Philosophical Review , 1976, 85 (1): 70-86
  56. Boorse, op. cit.
  57. Prima apparizione: André-Marie Ampère , "Studio dei mezzi di governo", Saggio sulla filosofia della scienza , 1834. La parola deriva dal greco antico κυϐερνητική , kybernêtikê ("arte del pilotaggio, arte di governare"), derivato da κυβερνάω , kybernáo ("to pilot"), il cui equivalente latino è gubernare , quindi governare in francese.
  58. Jean-Gaël Barbara, "Alfred Fessard: uno sguardo critico alla cibernetica", colloquium L'essor des Neurosciences, de la fisiologie à la cognition: 1945-1975 , 2007, p.  2
  59. Robert Nadeau , Sulla legittimità del linguaggio teleologico nella scienza biologica , 1984, p.  10-11
  60. "Quindi, quali che siano i vantaggi dati dalla traduzione, lungi dall'invalidare le spiegazioni teleologiche e dal rendere illegittimo in biologia l'uso del linguaggio della teleodirezionalità , accade piuttosto il contrario, perché questa traduzione dà al discorso in questione la garanzia della lingua che ci si trova a prediligere. », Robert Nadeau, Sulla legittimità del linguaggio teleologico nella scienza biologica , 1984, p.  14 .

Appendici

Bibliografia

  • Pierre Destrée, "  Platone e Leibniz, lettori di Anaxagore: Nota sul significato della finalità naturale nella filosofia greca  ", L'Antiquité classique , t.  68,, p.  119-133 ( letto online , consultato il 27 marzo 2020 ).
  • Mathieu Valette, “L'intenzionalità del soggetto e la teleonomia del linguaggio nella linguistica cognitiva / enunciativa”, Percorsi enunciativi e percorsi interpretativi. Teorie e applicazioni , Collezione “Man in language”, 2003
  • Darwinian Worlds: The Evolution of Evolution , Material Editions, "Sciences & Philosophie" Collection, 2011
  • (de) H. Busche “Teleologie; teleologisch »in Historisches Wörterbuch der Philosophie , 1998
  • (en) Hannah Ginsborg, "La teleologia biologica di Kant e il suo significato filosofico" in Blackwell Companion to Kant , ed. Graham Bird, Oxford Blackwell Publishing, 2006
  • Miguel Espinoza, La finalità, il tempo e i principi della fisica  "
  • Ghiselin, Michael T. , "Il linguaggio di Darwin può sembrare teleologico, ma il suo pensiero è un'altra questione", in Biology and Philosophy , 1994
  • (it) James G. Lennox , "Darwin was a Teleologist", in Biology and Philosophy , 1993
  • Barbara Stiegler , Nietzsche e la biologia , PUF, 2001
  • (en) Larry Wright, "Explanation and Teleology", in Philosophy of Science , 1972
  • (en) Boorse Christopher, "Wright on Functions", in Philosophical Review , 1976
  • Robert Nadeau , Sulla legittimità del linguaggio teleologico nella scienza biologica , 1984
  • Raymond Ruyer ( pref.  Fabrice Colonna), Neofinalismo , Parigi, Presses Universitaires de France , coll.  "Metafisica",( 1 °  ed. 1952), 296  p. ( ISBN  978-2-13-059509-0 )
  • Colas Duflo, The final in nature from Descartes to Kant , Paris, PUF, 1996, 130 p.

Articoli Correlati

Pensatori

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Teologia ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Teologia e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Teologia su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Mauro Bruno

L'articolo sulla Teologia è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Teologia è completo e ben spiegato

Massimo Silvestri

Questa voce su Teologia mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Rosa Martinelli

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Teologia scritto in modo così didascalico. Mi piace