siriaco



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su siriaco sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su siriaco. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di siriaco e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su siriaco. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su siriaco qui sotto. Se le informazioni su siriaco che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Siriaco
ܣܘܪܝܝܐ
( suryāyā o suryoyo )
Nazione Iraq , Siria , Libano , Turchia
scrittura alfabeto siriaco
Classificazione per famiglia

Il siriaco , siriaco: ܣܘܪܝܝܐ / suryāyā o suryoyo , è una lingua semitica del Medio Oriente, appartenente al gruppo delle lingue aramaiche . L' aramaico ( ארמית [Aramit] ܐܪܡܝܐ [originariamente Armaya quindi Aramaya o Oromoyo]) esiste almeno dal XII °  secolo  aC. d.C. e si è evoluto nel corso dei secoli. Il siriaco è comunemente presentato come un dialetto dell'aramaico , come un geoletto della regione di Edessa , che fu stabilito come lingua scritta all'inizio dell'era cristiana.

Classificazione

Diffusione

Agli inizi del XXI °  secolo , i dialetti siriaci sono parlate da circa 400 000 persone molto dispersi geograficamente, ma abbiamo trovato soprattutto nel sud-est della Turchia e nel nord dell'Iraq . Si trovano anche in piccole comunità in Libano , Siria , Iran , Armenia , Georgia e Azerbaigian che parlano dialetti siriaci spesso influenzati dalle lingue locali dominanti.

Il XX °  secolo ha visto l'emergere di ideologie nazionaliste talvolta intolleranti che hanno notevolmente colpite le comunità linguistiche siriaci. A causa dei problemi politici e religiosi inerenti al Medio Oriente , l'uso della lingua siriaca, già ridotto, è fortemente diminuito. La forte emigrazione che colpisce i cristiani in Oriente ha fatto sì che comunità di lingua siriaca si trovassero da diversi decenni in Nord e Sud America, oltre che in Europa.

Storia

aramaico

L' aramaico appare in Siria e Mesopotamia , almeno dal I ° millennio aC. Dal XII °  secolo  aC. dC , tribù aramaiche del sud si stabilirono in Siria e Iraq.

Gli Aramei non fondarono mai un impero unitario, sebbene esistessero varie città-stato aramaiche come quella di Damasco , Hamath (Hama in Siria) e Arpad . La diffusione dell'aramaico deriva dal fatto che questa lingua divenne ufficiale sotto gli imperi assiro , babilonese e poi persiano , e a causa delle grandi deportazioni degli aramei, e di altri popoli conquistati, dagli imperi neoassiro e neobabilonese ( Il l'esilio degli ebrei in Babilonia è l'esempio più famoso di questo fenomeno).

Poiché i parlanti della lingua si trovavano in tutto il Medio Oriente ed era relativamente facile da imparare per i popoli di lingua semitica , l'aramaico divenne la lingua franca del Medio Oriente in una versione relativamente uniforme e ricca di conoscenza dell'aramaico imperiale  (in) . Aramaico sposta gradualmente altre lingue semitiche come l' ebraico ( VI °  secolo  aC. Dopo l'esilio di Babilonia ), il fenicio ( I °  secolo  aC. ) (Fenicio comunque sopravvivere al di fuori del Medio Oriente a suo parere punica), e la Mesopotamia, la babilonese e assiro (e anche lingue non semitiche come l' hurrita ).

Aspetto di siriaco

Il siriaco designa un dialetto dell'aramaico orientale parlato a Edessa e diffusosi all'epoca della nascita del cristianesimo . Il siriaco ha quindi origine dall'aramaico, parlato nella Mesopotamia settentrionale . L'evoluzione di questi dialetti può essere seguita a causa del loro impatto sulla aramaico imperiale del V °  secolo  aC. aC Dopo la conquista della Siria e della Mesopotamia da parte di Alessandro Magno , iniziano a essere scritti il ​​siriaco e altri dialetti aramaici in reazione all'ellenismo dominante. Tuttavia, l'aramaico rimane utilizzato come lingua di scambio, anche dopo l'introduzione del greco . Il regno di Osroene , fondato ad Edessa nel 132 a.C. dC , fece qualche tempo dopo il dialetto locale, il "siriaco", la sua lingua ufficiale.

La più antica iscrizione trovata nell'antico siriaco risale all'anno 6 dopo Gesù Cristo. Il suo status di lingua ufficiale significa che il siriaco ha uno stile e una grammatica relativamente uniformi, a differenza di altri dialetti dell'aramaico. Con l'apparizione del cristianesimo, il siriaco soppianterà l'aramaico imperiale all'inizio della nostra era come versione standard dell'aramaico.

In questa lingua sono note un centinaio di iscrizioni anteriori all'annessione all'Impero Romano , nonché alcune opere letterarie.

siriaco letterario

Sviluppo storico

Dal III °  secolo , il siriaco è la lingua dei cristiani di Edessa . La Bibbia viene tradotta in siriaco (Bibbia Peshitta ) e nasce una ricca letteratura. Efrem il Siro , prolifico autore cristiano e dottore della Chiesa , è una delle figure di lingua siriaca più emblematiche di questo periodo. È l'età d'oro della letteratura siriaca con molti testi tradotti dal greco (da traduttori come Serge de Reshaina ), ma anche molte opere originali, scientifiche, filosofiche, teologiche, storiche (molte cronache) e liturgiche, e traduzioni bibliche o di altro tipo. Le opere greche dell'antichità che non sono scomparse sono state in gran parte conservate attraverso le loro traduzioni in siriaco, queste ad esempio hanno aiutato nella riscoperta di Aristotele . Ad ovest dell'Eufrate, il siriaco è attestato per la prima volta nel 406. Ad est, la generalizzazione della Bibbia Peshitta (in siriaco) favorirà l'estensione del siriaco accanto al cristianesimo; la sua area di distribuzione raggiungerà la Cina nel Medioevo.

Fin dai primi secoli scoppiarono controversie religiose sulla natura di Cristo ( litigi cristologiche ). Molti cristiani siriaci fuggirono in Persia e in Mesopotamia per sfuggire alla persecuzione bizantina. Gli atti del Concilio di Seleucia-Ctesifonte del 410, che consacra l'autonomia della Chiesa persiana, sono così scritti in siriaco, così come i sermoni di Mani di qualche secolo prima. Scismi successivi si sono verificati tra le Chiese di lingua siriaca. Per dirla semplicemente, le Chiese occidentali sono accusate di adottare il monofisismo e le Chiese orientali di nestorianesimo (la realtà è molto più sfumata). Queste dottrine sono considerate eretiche dalla Chiesa greco-ortodossa e le Chiese siriache sono perseguitate dall'Impero bizantino . Il divario est-ovest continuerà e il siriaco letterario evolverà in due varianti, che differiscono per i dettagli fonetici e la tipografia utilizzata. Dopo la conquista araba nel VII °  secolo siriaco sarà sicuramente perdere il suo ruolo di scambio linguistico. L'uso dell'arabo si sta diffondendo nelle città e gradualmente confina i dialetti aramaici, che si stanno allontanando sempre più dal siriaco classico, in regioni sempre più remote. Per il X °  secolo siriaco stesso sembra quasi scomparire nell'uso parlato.

Distinzione siriaca occidentale/orientale

Non si tratta di veri e propri "dialetti" di standard letterario siriaco fissato dalla Peshitta ( II E e III °  secolo) e secondariamente dalle Omelie di Efrem di Nisibi ( IV °  secolo); oro, la differenza tra occidentale e pratiche orientali sviluppato dal VI °  secolo (dopo il consolidamento dello scisma delle chiese), e per l' VIII °  secolo almeno, si può considerare che questo era diventato un siriaco letteraria ha imparato la lingua, distinta da tutti i dialetti aramaici contemporanei (come nel latino occidentale in relazione ai dialetti "romani" dell'Alto Medioevo). Le differenze tra "Siriaco occidentale" e "Siriaco orientale" sono piuttosto da confrontare, quindi, con i diversi modi in cui i francesi e gli italiani, ad esempio, un tempo parlavano il latino.

Le principali differenze (a parte la trascrizione) riguardano la pronuncia di alcune vocali: la -ā- del siriaco comune si conserva in siriaco orientale, ma si pronuncia -o- in siriaco occidentale ( es: "Saint Ephrem" è detto Mār Aphrem tra i nestoriani, Mor Aphrem tra i giacobiti e i maroniti), e per estensione il siriaco orientale mantiene la distinzione tra -o- e -u- dal siriaco comune mentre il siriaco occidentale li fonde in -u- (almeno nella pronuncia: nella scrittura, l'alfabeto siriaco trascrive queste due vocali con la stessa lettera wāw , ma gli occidentali hanno continuato, come gli orientali, a distinguerle da un punto sopra per una vecchia -o- e un punto sotto per una vecchia -u-). Diversamente, ci sono differenze minime riguardo alla pronuncia di particolari parole ( es: "all'inizio", la prima parola della Genesi , è pronunciata b-rāšit dai nestoriani, b-rešit dagli occidentali, ma comunque tutti leggono lo stesso testo dal Pescitta ).

periodi

  • Aramaico vecchio (~ 1100-200): la data più antica ha trovato menzione XII °  secolo  aC. AD ( i seguenti periodi non sono esaustivi ).
    • XII °  secolo  aC. dC  : prima menzione nota delle tribù aramaiche. Le tribù aramaiche del sud si diffusero ad est.
    • VIII °  secolo  aC. dC  : l'impero assiro fa dell'aramaico una lingua ufficiale, diffondendolo in tutta la Mezzaluna Fertile . Successivamente, l' impero babilonese farà lo stesso, trasformando l'aramaico nella lingua franca del Medio Oriente . La lingua si diffuse in tutto l'Oriente ma perse la sua omogeneità.
    • VI °  secolo  aC. AD  : biblico aramaico  (in) o imperiale aramaico  (a) ( VI °  secolo  aC. ) Adottato dal Ebrei dopo la loro prigionia a Babilonia . L'aramaico sostituirà gradualmente l'ebraico come lingua parlata dagli ebrei. Parte della Bibbia ebraica è scritta in aramaico (gli ebrei smettono di usare l'alfabeto fenicio: dal IV °  secolo, adottarono l'attuale alfabeto ebraico derivato dall'alfabeto aramaico).
    • VI °  secolo  aC. aC  : il re Ciro II della dinastia persiana achemenide sconfigge Babilonia (~ 538) e libera gli ebrei (~ 537). ~ Nel 500, Dario I er formalizza l'aramaico e ne fa la lingua ufficiale nella parte orientale dell'impero persiano .
    • L'aramaico di Gesù dice aramaico palestinese  ( fr )
  • Chiesa siriaca letteraria o siriaca ( Kthâbânâyâ - letteraria siriaca) (dal 200 al 1200 circa ): è l'aramaico usato ad Edessa (oggi Urfa in Turchia) all'inizio della nostra era e formalizzato a partire dal III °  secolo . Utilizzato per la traduzione della cosiddetta Bibbia peshitta. Il siriaco si diffuse in Oriente con il cristianesimo. Nel tempo si è evoluto in due varianti:
  • Siriaco moderno, neo-aramaico: include una varietà di lingue volgari dopo il 1200.

La Bibbia siriaca

La sesta beatitudine (Matteo 5: 8) da una Bibbia siriaca orientale (peshitta).
Tuvayhon l'aylên dadkên blebhon: dhenon nehzon l'alâhâ.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio!

Una delle più antiche versioni conosciute del Nuovo Testamento è scritta in siriaco (una cosiddetta Bibbia peshittô o peshitta , ancora in uso in alcune Chiese orientali). È stato tradotto dalla versione greca scritta in koinè , la più antica conosciuta. Esiste controversia sulla lingua originale del Nuovo Testamento. Alcuni studiosi ritengono che la versione greca del Nuovo Testamento derivi dalla traduzione di precedenti testi siriaco/aramaico. La maggior parte degli studiosi ritiene che la prima versione scritta del Nuovo Testamento sia stata scritta direttamente in greco. Si noti che, anche nella versione greca, sono presenti frasi aramaiche sparse nel testo, in particolare frasi pronunciate da Gesù e conservate nella versione originale per motivi religiosi. Tuttavia, è certo che Gesù predicò nella lingua del popolo, che era l'aramaico.

Insieme all'ebraico, al greco e al latino, il siriaco e l'aramaico sono una delle principali lingue del cristianesimo.

Siriaco contemporaneo

Il siriaco ha sofferto molto per il suo status di lingua minoritaria e per l'ascesa delle ideologie nazionaliste in Medio Oriente. Gran parte dei siriani in Siria settentrionale (attuale Turchia dopo l'annessione agli inizi del XX °  secolo ) è morto con gli armeni durante il genocidio del 1915 e la comunità siriaca è ancora in fase molestato in terra turca.

Sono stati variamente soppressi in Iraq , in particolare durante gli anni '30 . Una parte significativa delle comunità di lingua siriaca lasciò la regione e gli emigranti si stabilirono in vari paesi occidentali. L'ascesa dell'Islam politico negli ultimi anni ha amplificato il movimento dell'emigrazione. Più di recente, la guerra in Iraq ( 2003 ) che ha portato all'anarchia de facto ha portato a un'impennata degli attacchi a sfondo religioso, nonché all'avanzata dello Stato islamico in Siria e Iraq e di vari movimenti jihadisti .

Di recente si è cercato di scrivere i dialetti parlati e di dotarli di una grammatica, tra l'altro per cercare di compensare la scomparsa di queste lingue divenute estremamente fragili. In Svezia si è formata una comunità di lingua siriaca orientale e la legge svedese richiede l'insegnamento della lingua madre. Una letteratura quindi vide la luce lì, in particolare sotto la guida di Fuat Deniz e Ibrahim Baylan .

È consuetudine qualificare i popoli che parlano il siriaco occidentale come siriani , perché questa lingua era quella parlata in Siria prima della conquista araba. Ma questi popoli sono qualificati come siriaci dal fatto che in arabo si distingue "suryan" che significa i membri delle Chiese di Siria, e "Souri" che significa i cittadini della Siria. Il termine siriaco è quindi lì per richiamare la specificità siriana di questa lingua. (Stiamo parlando dell'antica Siria qui, non dell'odierna Siria)

I parlanti del siriaco orientale sono chiamati caldei o assiri, dal nome delle loro chiese.

scrittura

Il siriaco è scritto da destra a sinistra usando l' alfabeto siriaco , che deriva dall'alfabeto fenicio . L'alfabeto siriaco è composto da 22 lettere che possono o meno essere correlate a seconda della loro posizione nella parola. Esistono tre forme principali di tipografia:

  • Lo stile estrangelâ (viene dalla descrizione greca di questa tipografia, στρογγυλη , strongylê , 'arrotondato'). Questa tipografia è caduta in disuso, ma è spesso utilizzata da specialisti. Le vocali possono essere indicate da piccoli segni.
  • Il siriaco occidentale è più spesso scritto con una tipografia sertâ ('linea'). È una semplificazione dello stile estrangelâ . Le vocali sono indicate da un sistema diacritico derivato dalle vocali greche.
  • Il siriaco orientale è scritto usando lo stile madnhâyâ ( orientale , 'orientale'). A volte è chiamato nestoriano perché si riteneva che i siriaci orientali seguissero (a torto) le idee di Nestorio . È più vicino a estrangelâ che al sertâ . Le vocali sono indicate da un altro sistema diacritico, vale a dire punti attorno alle consonanti, simile all'arabo.

Quando l'arabo iniziò a prevalere nella Mezzaluna Fertile , i cristiani iniziarono a scrivere l'arabo con caratteri siriaci. Questi scritti sono chiamati Karshuni o garshuni . Si pensava che l'alfabeto arabo derivi da una forma di aramaico chiamata nabateo usata nella regione di Petra . Ipotesi più recenti qualificano questa affermazione e collegano l'alfabeto arabo a quello siriaco.

Grammatica

Lingua semitica del gruppo occidentale, strettamente imparentata con l' ebraico e l' arabo , il siriaco è una lingua flessiva , ma con declinazioni e coniugazioni molto più rudimentali di quelle delle antiche lingue indoeuropee (latino, greco, sanscrito…).

Variazioni

La declinazione dei nomi e degli aggettivi qualificanti comprende tre "stati" (enfatico, assoluto, costruito) esistenti al singolare e al plurale. C'è un unico schema per il maschile, uno solo per il femminile e un numero molto piccolo di parole irregolari. Per i sostantivi, lo stato enfatico corrisponde all'uso generale, lo stato assoluto è usato dopo gli aggettivi numerali cardinali, certi aggettivi indefiniti (come kol = "tutti", = "nessuno") e in alcune frasi preposizionali, lo stato costruito è usato per sostantivi determinati da un complemento introdotto senza preposizione (“il servo del re” potendo dire xbed malkā , con lo stato costruito, o xabdā d-malkā , con lo stato enfatico e la preposizione d- = "di"). Per gli aggettivi qualificanti, lo stato enfatico corrisponde alla funzione epiteto, lo stato assoluto alla funzione attributo e lo stato costruito agli aggettivi determinati da un complemento.

  • esempio di sostantivo maschile: gabrā = "uomo" (in contrapposizione a "donna")
    • cantare. : stato enfatico gabrā , stato assoluto gbar , stato costruito gbar
    • plur. : stato enfatico gabrē , stato assoluto gabrin , stato costruito gabray
  • esempio di nome femminile: malktā = "regina"
    • cantare. : stato enfatico malktā , stato assoluto malkā , stato costruito malkat
    • plur. : stato enfatico malkātā , stato assoluto malkān , stato costruito malkāt

coniugazioni

La modalità / orario delle lingue indoeuropee non esiste realmente (è necessaria la fonte mancante) . Per ogni verbo esistono solo tre serie di forme personali semplici: una che è morfologicamente la serie base e che corrisponde nel significato al passato semplice o composto del francese ( ktab = "scrisse" o "scrisse"), un'altra che si genera aggiungendo un prefisso e un'alterazione della vocale radicale e che ha il significato di un futuro o di un congiuntivo ( nektob = "egli scriverà" o "che scriverà"), infine un imperativo che si forma rimuovendo il suo prefisso al futuro / congiuntivo ( ktob = "scrivi"). Diversamente vi sono due participi: uno che ha valore presente attivo ( kateb = "scrivere") e l'altro che più spesso ha, per i verbi transitivi, quello di passato passivo ( ktib = "scrittura"); e un infinito ( mektab = "scrivere"). I valori del presente e dell'imperfetto sono ottenuti da forme composte ( kateb-hu = "sta scrivendo", come in inglese "  sta scrivendo  "; kateb hwā = "sta scrivendo ","  stava scrivendo  ") . Quello che gioca il ruolo attuale del verbo "essere" (anche con attributi) sono le forme enclitiche dei pronomi personali ( kateb-hu = [lett.] "Scrivendolo", hu malkā-hu = "è lui il re",  ecc .). La coniugazione è inoltre caratterizzata da una separazione più netta che in francese tra il maschile e il femminile, poiché esiste per la seconda persona e per l'imperativo ( es: ktabt = "hai scritto" se è un uomo, ktabti se è femminile ).

  • esempio: passato del verbo ktab = "scrivere"
    • cantare. 1 re  pers. ketbet , 2 °  pers. ktabt (m.), ktabti (f.) 3 e  pers. ktab (m.), ketbat (f.)
    • plur. 1 re  pers. ktabn o ktabnan , 2 nd  pers. ktabton (m.), ktabtēn (f.) 3 e  pers. ktabun (m.), ktabēn (f.)
  • esempio: futuro/congiuntivo del verbo ktab
    • cantare. 1 re  pers. ektob , 2 nd  pers. tektob (m.), tektbin (f.) 3 e  pers. nektob (m.), tektob (f.)
    • plur. 1 re  pers. nektob , 2 °  pers. tektbun (m.), tektbān (f.) 3 e  pers. nektbun (m.), nektbān (f.)
  • esempio: imperativo del verbo ktab
    • cantare. ktob (m.), ktobi (f.)
    • plur. ktobu (n) (m.), ktob (en) (f.)

Ci sono diversi modelli di coniugazione: accanto al ktab / nektob modello (o dbar / nedbar = "piombo", o qreb / neqrob = "approccio"), la più frequente, abbiamo BNA / nebnē (= "costruire"), QAM / nqum (= "stare in piedi"), XAL / nexxol (= "per entrare"), SEL / nešal (= "chiedere"), ezal / nezal (= "andare"), ILED / nelad (= " mettere nel mondo”).

Vi sono invece in particolare due coniugazioni derivate, spesso con valore intensivo o reciproco per l'una, causative per l'altra ( es: praḥ = "volare", paraḥ = "volare", apraḥ = "volare" ; qṭal = "uccidere", qaṭel = "macellare"; zban = "comprare", zabben = "vendere"). Dalle tre coniugazioni, possiamo generare, per i verbi transitivi, i passivi in ​​forma semplice ( etqṭel = "essere ucciso", etqaṭal = "essere massacrato"; ettapraḥ = "essere liberato nell'aria",  ecc .).

Altre flessioni

Una delle peculiarità del siriaco rispetto al francese è che gli aggettivi possessivi sono resi da desinenze sostantive.
Esempio:

  • bayta = "casa",
  • bayt eh = "la sua casa (a lui)",
  • bayt āh = "la sua casa (a lei)",
  • bayt hon = "la loro casa (a loro)",
  • bayt hēn = "la loro casa (a loro)",
  • bāttē (plur. irreg.) = "le case",
  • bātt aw = "le sue (sue) case",
  • bātt ēh = "le sue case (a lei)",
  • bāttay hon = "le loro case (a loro)",
  • bāttay hēn = "le loro case (a loro)",  ecc. )

Allo stesso modo, le preposizioni sono "coniugate" (come in bretone).
Esempio:

  • b- = "in",
  • b eh = "in lui",
  • b āh = "in lei",  ecc. )

I pronomi personali di complemento compaiono anche come desinenze o alterazioni di verbi.
Esempio:

  • rdap = "ha continuato",
  • radp ani = "mi ha inseguito",
  • radp āk = "ti ha perseguito" [maschile "tu"],
  • radp ek = "ti ha perseguito" [femminile "te"],
  • radp eh = "lo inseguì",
  • radp āh = "la inseguì",

o per esempio:

  • radp ukon = "ti hanno inseguito" [maschile "te"],
  • rdap tān = "ci hai inseguito" [maschile "tu"],
  • rdap tin = "ci hai inseguito" [femminile "tu"],
  • rdap tonāy = "lo stai inseguendo",  ecc. ),

che complica singolarmente le "coniugazioni".

Vocabolario

  • nomi:
    • xālmā = mondo
    • šmayyā (plur.) = cielo
    • arxā = terra
    • atrā = paese
    • yamma = mare
    • nahrā = fiume
    • urā = montagna
    • mayyā (plur.) = acqua
    • nura = fuoco
    • nuhra = luce
    • laḥmā = pane
    • ḥayyē (plur.) = vita
    • ilānā = albero
    • bar-nāšā = [lett.] figlio dell'uomo, essere umano, persona
    • gabrā = man
    • attā (plur. neššē) = donna
    • aba = padre
    • emma = madre
    • brā (stato costruito: bar; plur.: bnayyā) = son
    • bartā = ragazza
    • mdittā (stato costruito: mdinat; plur.: mdinātā) = città
    • baytā (stato costruito: bēt) = casa
    • pagrā = corpo
    • napšā = anima
    • rešā = testa
    • clomo = ciao
    • Alāhā = Dio
    • ruḥā = spirito, vento (ruḥā d-qudšā = Spirito Santo)
    • Mšiḥā = unto, Cristo
    • mārā = signore (mar [i] = mio signore)
    • baxlā (stato costruito: bxel) = padrone, marito
    • malkā (stato costruito: mlek) = re
    • kāhnā = sacerdote
    • xabdā (stato costruito: xbed) = servo, schiavo
  • aggettivi:
    • rabb = grande
    • zxor = piccolo
    • ṭāb = buono
    • biš = cattivo
    • šappir = bello
    • šarrir = vero
    • qaddiš = santo
    • ewwar = bianco
    • ukām = nero
  • verbi:
    • hwā = essere
    • yā = vivere
    • zā = vedere
    • šmax = ascoltare
    • emar = dire
    • xbad = fare
    • ekal = mangiare
    • ešti = bere
    • dmek = dormire
    • ktab = scrivere
    • qrā = chiamare, leggere
    • çba = volere
    • rḥem = amare

Letteratura

Poesia

La poesia siriaca è puramente ecclesiastica: è stata creata per servire l'istruzione religiosa del popolo e per conferire lustro alla liturgia. Il principio della metrica nella poesia classica è il verso isosillabico, senza rima o considerazione per la quantità sillabica. Due versi spesso formano un verso chiamato baytā ("casa").

La poesia siriaca, secondo Efrem di Nisibe , sarebbe stata creata da Bardesane di Edessa  : "Egli creò gli inni e ad essi associò le melodie musicali. / Compose inni e introdusse i metri. / In misure e in peso divise le parole. / Ai sani offrì l'amaro veleno nascosto dalla dolcezza./ I malati non ebbero scelta di salutare rimedio./ Voleva imitare Davide e adornarsi della sua bellezza. / Ambizioso per la stessa lode, compose come lui / Cento e cinquanta canzoni  ”. Bardesane compose quindi l'equivalente del Libro dei Salmi . Adottò il principio dell'antifona o canto responsoriale, di cui una tradizione riportata da Socrate di Costantinopoli ( Hist. Eccl. , VI , 8), e ripresa dagli autori siriaci, ne attribuisce l'invenzione a Ignazio di Antiochia , che avrebbe ebbe la visione di cori di angeli che cantavano alternativamente le lodi della Trinità . L'opera poetica di Bardesane fu apparentemente un grande successo, e suo figlio Harmonios si distinse in quest'arte con ancora più brillantezza. Ma questa poesia, considerata poi eretica, è quasi del tutto scomparsa.

La poesia siriaca fu rifondata da Efrem di Nisibe , che mantenne lo stampo dei suoi predecessori. Fu scrittore, soprattutto poeta, di prodigiosa fecondità, al quale sono attribuite diverse centinaia di poesie (tra cui più di quattrocento inni), talvolta comprendenti centinaia di versi. È il grande maestro imitato dagli autori delle generazioni successive, a tal punto che le opere sono spesso mescolate e le attribuzioni incerte nella tradizione (in particolare con Isacco d'Antiochia e Narsaï ).

Questa poesia religiosa classica si divide in due generi principali: le “  omelie metriche” ( memré d-mušḥātā ) e quelle tradizionalmente chiamate “inni”, ma che in siriaco erano chiamate “istruzioni” ( madrāšé ). Il primo genere ha un carattere narrativo. La metrica è uniforme: Efrem usa un verso di sette sillabe, solitamente diviso in due battute di tre e quattro sillabe; Spazzola (chôrévêque regione Aleppo , il V °  secolo) consiste di omelie a cinque sillabe, con passaggi due e tre sillabe; quelli di Narsai che si conservano sono in versi di sette o dodici sillabe, sebbene la tradizione gli attribuisca curiosamente una predilezione per il verso di sei sillabe; il verso delle omelie di Jacques de Saroug (il verso "Sarougien") ha dodici sillabe in tre battute di quattro sillabe ciascuna. Questi poemi narrativi erano composti il ​​più delle volte per le feste dell'anno e le commemorazioni di santi e martiri, da recitare durante l'ufficio. Furono poi usati anche come pie letture. Alcuni sono molto lunghi: l' omelia Sul pappagallo di Isacco d'Antiochia conta 2.136 versi, quella di Jacques de Saroug Sul carro di Ezechiele 1.400 versi; Il poema di Efrem de Nisibe su Giuseppe figlio di Giacobbe è così lungo che è diviso in dodici.

Gli inni, a differenza delle omelie , hanno un carattere, non narrativo, ma lirico. Possiamo distinguere tre gruppi principali: la denuncia degli eretici e degli scettici; esortazione alla virtù; celebrazione dei santi in occasione della loro festa (da cantare dopo le omelie ). Ecco cosa si legge nella Vita di Efrem  : “Quando Sant'Efrem vide il gusto degli abitanti di Edessa per i canti, istituì la controparte dei giochi e delle danze dei giovani. Istituì cori di monache a cui insegnò inni divisi in strofe con ritornelli. In questi inni pone delicati pensieri e istruzioni spirituali sulla Natività , il battesimo, il digiuno e gli atti di Cristo, sulla Passione, Risurrezione e Ascensione, nonché sui confessori, sulla penitenza e sui defunti. Le vergini si radunavano la domenica, alle grandi feste e alle commemorazioni dei martiri; ed egli, come un padre, stava in mezzo a loro, accompagnandoli con l'arpa. Li divise in cori per i canti alternati e insegnò loro le diverse melodie musicali, così che tutta la città si radunò intorno a lui e i suoi avversari si vergognarono e scomparirono”.

Gli inni, contenenti versi da quattro a dieci sillabe (uguali o di lunghezza diversa), erano divisi in un numero variabile di strofe di diversa lunghezza. Le strofe più lunghe erano cantate da un primo coro, le più brevi facevano parte di un secondo coro e del coro, che consisteva in una dossologia o in una preghiera. I brani musicali da utilizzare erano indicati da titoli che riportavano l' incipit dell'inno che fungeva da modello ( Sull'aria di… ). Tra i circa quattrocento inni conservati attribuiti a Efrem di Nisibe , si possono distinguere settanta varietà metriche.

Una varietà dell'inno era il cantico (in siriaco sugitā ), contenente una preghiera o una lode della Divinità o di un santo e allegato alle omelie dopo le quali venivano cantate dai cori. I nove cantici di Narsai conservati assumono la caratteristica forma di dialogo: dopo una breve introduzione di cinque-dieci strofe di quattro versi di sette sillabe, dialogo tra la Beata Vergine e l'Arcangelo Gabriele ( Cantico dell'Annunciazione ) o tra la Vergine e i Re Magi ( Cantico della Natività ); ogni personaggio a sua volta intende una strofa, e vi sono ventidue gruppi di due strofe corrispondenti alle lettere dell'alfabeto siriaco , o quarantaquattro strofe. Questi inni formano quindi piccoli drammi che ricordano il teatro religioso del Medioevo.

Tale è la poesia classica della lingua siriaca. Nel IX °  rima secolo è stato introdotto ad imitazione della poesia araba (First Certificate: Anthony il retore a 820 ), e presto generalizzato. La rima può essere la stessa per tutti i versi di una poesia (come nell'arabo kasida ), o specifica per ogni strofa; nel verso "Sarougien" possono rimare le tre battute di quattro sillabe, oppure le prime due battute hanno una rima particolare e rimano con la misura corrispondente degli altri versi. In una varietà di inni, ogni strofa ha una rima, tranne l'ultimo verso che riprende la rima della prima strofa.

In questo periodo tardo della poesia siriaca, le omelie e gli inni furono confusi, e i primi furono trasferiti a ciò che precedentemente caratterizzava i secondi, come le strofe, o i giochi come l' acrostico . Alcuni dei primi poeti cercarono di imitare il virtuosismo tecnico dei loro colleghi di lingua araba. Il modello dei giochi linguistici a volte molto artificiali in cui si abbandonavano è il Paradiso dell'Eden di Ebedjesus di Nisibe . Troviamo in altre poesie giochi, non solo sulle lettere dell'alfabeto o sui suoni (rime, acrostici ...), ma anche sull'uso di un raro vocabolario, parole di origine greca, neologismi sconcertanti, espressioni contorte,  ecc. Alcune poesie richiedono un commento per essere comprese.

Note e riferimenti

  1. Cours de syriaque - Institut biblique de Versailles  " , su www.institutbibliquedeversailles.fr (consultato il 14 aprile 2021 )
  2. Michael Langlois , “  La lingua di Gesù: aramaico o siriaco  » , Su Michael Langlois (consultato il 14 aprile 2021 )
  3. Lingua e cultura siriaca nella trasmissione del sapere | Il blog di Gallica  ” , su gallica.bnf.fr (consultato il 14 aprile 2021 )
  4. Catherine Saliou, Il Medio Oriente: da Pompeo a Maometto, I sec. av. d.C. - VII secolo. aprile J.-C. , Belin , coll.  "Mondi antichi",, 608  pag. ( ISBN  978-2-7011-9286-4 , presentazione online ) , cap.  4 (“Al crocevia di lingue e culture”), p.  236-243.
  5. Continua il genocidio: morte dell'arcivescovo cattolico assiro in Iraq All'uscita dalla cattedrale dello Spirito Santo di Mosul , il, Uomini armati hanno rapito l'arcivescovo M gr  Paulos Faraj Rahho, ucciso il suo autista e due guardie del corpo. Dodici giorni dopo, l'arcivescovo rapito è stato trovato morto, sepolto in una fossa poco profonda vicino a Mosul.
  6. F. Briquel-Chatonnet, Dall'aramaico all'arabo: alcune riflessioni sulla genesi della scrittura araba , in Scribes et manuscrits du Moyen-Orient, F. Déroche e F. Richard, Bibliothèque Nationale, 1997.

Vedi anche

Bibliografia

  • Robert Alaux, The Last Assyriens , Paris, [2003], documentario di 52 minuti che evoca la storia della lingua siriaca.
  • F. Briquel-Chatonnet, M. Debié, A. Desreumaux, Les Inscriptions syriaques , Études syriaques 1 , Paris, Geuthner, 2004.
  • M. Debié, A. Desreumaux, C. Jullien, F. Jullien, Les Apocryphes syriaques , Études syriaques 2 , Parigi, Geuthner, 2005.
  • F. Cassingena, I. Jurasz, Les Liturgies syriaques, Études syriaques 3 , Parigi, Geuthner, 2006.
  • L. Costaz, siriaco Grammatica , 2 °  edizione, Ufficio stampa cattolica, Beirut.
  • Alphonse Mingana , Mshiha-Zkha, Yohannun Bar-Penkaya, Fonti siriache , Harrassowitz, 1908, 475 pp.
  • Ephrem-Isa Yousif, I filosofi e traduttori siriaci , Parigi, L'Harmattan, 1997.
  • Ephrem-Isa Yousif, Les Chroniqueurs syriaques , Parigi, L'Harmattan, 2002.
  • Ephrem-Isa Yousif, La fioritura dei filosofi siriaci , Parigi, L'Harmattan, 2002.
  • (it) Jean-Baptiste Chabot , Lingua e letteratura siriaca in "  The Catholic Encyclopedia  " (1912).
  • (it) Una bibliografia completa sul cristianesimo siriaco . Banca dati bibliografica, "  Il centro per lo studio del cristianesimo  " da "  The Hebrew University of Jerusalem  ".

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su siriaco ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su siriaco e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su siriaco su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Nicoletta Ferraro

La voce su siriaco è stata molto utile per me, Grazie

Daniele Ferrante

Questa voce su siriaco mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Nunzia Mancuso

L'articolo sulla siriaco è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su siriaco è completo e ben spiegato

Guido Maggi

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla siriaco, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla siriaco, Ottimo post sulla siriaco