Sigmund Freud



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Sigmund Freud sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Sigmund Freud. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Sigmund Freud e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Sigmund Freud. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Sigmund Freud qui sotto. Se le informazioni su Sigmund Freud che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Sigmund Freud
Immagine in Infobox.
Sigmund Freud fotografato da Max Halberstadt, circa 1921.
Funzione
Professore
Biografia
Nascita
Morte
Sepoltura
Crematorio Golders Green ( a )
Nome di nascita
Sigismondo Schlomo Freud
nazionalità
Le case
Formazione
Attività
Papà
Jacob Freud ( in )
Madre
Amalia Freud ( in )
fratelli
Alexander Freud ( d )
Maria Freud ( d )
Regina Debora Freud ( d )
Esther Adolfine Freud ( d )
Anna Freud Bernays ( d )
Pauline Regine Freud ( d )
Julian Freud ( d )
Coniuge
Bambini
Anna Freud
Oliver Freud ( d )
Sophie Freud ( d )
Martin Freud ( d )
Ernst Ludwig Freud ( it )
Mathilde Freud ( d )
Parentela
Edward Bernays (nipote)
Altre informazioni
Lavorato per
le zone
Membro di
Maestri
Premi
Archivi tenuti da
Biblioteca Albert Sloman ( d )
Biblioteca del Congresso
Archivio del Politecnico federale di Zurigo ( en ) (CH-001807-7: Hs 1261)
Registrazione vocale
opere primarie
firma di Sigmund Freud
firma
Stele - Sigmund Freud, Das Geheimnis des Traumes (Wien 1900) 002.jpg
targa commemorativa
Crematorio Golders Green (foto) 004.jpg
Veduta della tomba.

Freud [ s i g m u n d f ʁ ø ː d ] o [ f ʁ œ j d ] ( in tedesco  : [ z i °° k m ʊ n t f ʁ ɔ ʏ t ] ), nato Sigismund Shlomo Freud laa Freiberg ( Impero austriaco ) e morì ila Londra , è un neurologo austriaco , fondatore della psicoanalisi .

Medico viennese , Freud conobbe diverse personalità importanti per lo sviluppo della psicoanalisi, di cui fu il principale teorico. La sua amicizia con Wilhelm Fliess , la sua collaborazione con Josef Breuer , l'influenza di Jean-Martin Charcot e le teorie sulla ipnosi dalla École de la Salpêtrière lo porterà a ripensare i processi psichici. Le sue due grandi scoperte sono la sessualità infantile e l' inconscio . Lo portano a sviluppare diverse teorizzazioni di istanze psichiche, dapprima in relazione al concetto di inconscio, in relazione a sogni e nevrosi , poi propone una tecnica di terapia, il trattamento psicoanalitico . In occasione del suo viaggio in America nel 1909, Freud spiegò le basi della tecnica psicoanalitica. È nell'ambito della cura, dagli Studi sull'isteria , e in particolare nella sua prima analisi del “  caso Dora  ”, che Freud scopre gradualmente l'importanza del transfert .

Freud riunisce una generazione di psicoterapeuti che, passo dopo passo, sviluppano la psicoanalisi, prima in Austria, Svizzera, Berlino, poi a Parigi, Londra e negli Stati Uniti . Nonostante le scissioni interne e le critiche, la psicoanalisi si affermò come una nuova disciplina nelle scienze umane dal 1920. Nel 1938, Freud, minacciato dal regime nazista, lasciò Vienna per andare in esilio a Londra, dove morì di cancro alla mascella nel 1939.

Il termine “psicoanalisi” compare per la prima volta nel 1896 in un articolo scritto in francese, pubblicato in quella lingua il 30 marzo 1896, poi in tedesco il 15 maggio 1896. Ma “i due articoli furono inviati sullo stesso giorno” , 5 febbraio 1896. La psicoanalisi si basa su diverse ipotesi e concetti sviluppati o ripresi da Freud. “Ciò che caratterizza la psicoanalisi, come scienza, non è tanto il materiale su cui lavora, quanto la tecnica che utilizza”. La tecnica della cura, dal 1898 sotto forma di metodo catartico , con Josef Breuer, poi lo sviluppo della cura analitica, è il principale contributo della psicoanalisi. L'ipotesi dell'inconscio approfondisce la teoria della psiche. Altri concetti svilupperanno e complicheranno gradualmente la teoria psicoanalitica, sia scienza dell'inconscio che conoscenza dei processi psichici e terapeutici.

Biografia

I biografi di Freud

La storia della vita di Freud è quella della psicoanalisi. È stato oggetto di numerosi articoli e biografie, il più noto dei quali è quello di Ernest Jones ( La vita e l'opera di Sigmund Freud , 1953-1958), stretto contemporaneo di Freud. Il primo biografo fu Fritz Wittels , che nel 1924 pubblicò Freud: Man, Doctrine, School . Lo scrittore Stefan Zweig ha anche scritto una biografia ( Guarigione spirituale , 1932). Il medico di Freud Max Schur , divenuto psicoanalista, studiò il suo rapporto con la morte nella pratica clinica e nella teoria, affrontando poi la malattia che doveva prevalere nel 1939 (La morte nella vita e nell'opera di Freud , 1972).

Molti contemporanei o discepoli gli hanno anche dedicato una biografia, spesso agiografica, come Lou Andreas-Salomé , Thomas Mann , Siegfried Bernfield, Ola Andersson, Kurt Robert Eissler e Carl Schorske .

Didier Anzieu ha pubblicato nel 1998, con il titolo L'autoanalisi di Freud e la scoperta della psicoanalisi , uno studio molto dettagliato dell'autoanalisi di Freud e del processo creativo che ne è derivato. Marthe Robert è autrice di una biografia letteraria ( La Révolution psychanalytique , 2002). Peter Gay ha scritto Freud a Life (1991); Henri Ellenberger una storia della scoperta dell'inconscio (1970).

I lavori critici pubblicati sono scritti da Mikkel Borch-Jacobsen e Sonu Shamdasani ( Le Dossier Freud: indagine sulla storia della psicoanalisi , 2006), Jacques Bénesteau ( Mensonges freudiens: histoire d'une disinformation seculaire , 2002) o Michel Onfray. ( Twilight di un idolo , 2010).

Allo stesso tempo, Alain de Mijolla ha analizzato in Freud et la France, 1885-1945 (2010) i complessi rapporti tra Freud e gli intellettuali francesi fino al 1945, mentre Élisabeth Roudinesco ha pubblicato nel 2014 un saggio biografico e storico intitolato Sigmund Freud a suo tempo e nel nostro .

Infanzia e studi (1856-1882)

Infanzia

Nacque il 6 maggio 1856. La storia della sua famiglia , originaria della Galizia , è poco conosciuta. Terzo figlio di Jakob Freud, commerciante, certamente mercante di lana, e Amalia Nathanson (1836-1931), è il primogenito del suo ultimo matrimonio. Sigmund è il maggiore dei suoi fratelli, composto da cinque sorelle (Anna, Rosa, Mitzi, Dolfi e Paula) e due fratelli, Giulio, morto nel suo primo anno di vita, e Alessandro.

Secondo Henri Ellenberger, "la vita di Freud offre l'esempio di una progressiva ascesa sociale dalla piccola borghesia all'alta borghesia" . La sua famiglia segue così la tendenza all'assimilazione che è quella della maggior parte degli ebrei viennesi . In effetti non è allevato nello stretto rispetto dell'ortodossia ebraica. Sebbene circonciso alla nascita, ricevette un'educazione lontana dalla tradizione e aperta alla filosofia dell'Illuminismo . Parla tedesco, yiddish e sembra conoscere lo spagnolo attraverso un dialetto misto di ebraico allora comunemente usato nella comunità sefardita di Vienna, sebbene lui stesso fosse ashkenazita.

Trascorse i suoi primi tre anni a Freiberg, città che la sua famiglia lasciò per Lipsia prima di stabilirsi definitivamente, nel febbraio 1860, nel quartiere ebraico di Vienna. Freud visse lì fino al suo esilio forzato a Londra nel 1938, dopo l' Anschluss . Dal 1860 al 1865, il Freud si trasferì più volte prima di stabilirsi a Pfeffergasse, nel distretto di Leopoldstadt .

Ricevendo le prime lezioni dalla madre e poi dal padre, fu mandato prima in una scuola privata e poi superò il test di ammissione all'età di nove anni al liceo Leopoldstadt. Studente brillante, è stato il primo della classe negli ultimi sette anni di liceo classico al liceo comunale, lo “Sperlgymnasium”. I suoi professori sono il naturalista Alois Pokorny , la storica Annaka, il professore di religione ebraica Samuel Hammerschlag e il politico Victor von Kraus. Ottenne la menzione "eccellente" all'esame di maturità nel 1873. Dopo essersi brevemente inclinato verso la legge sotto l'influenza di un suo amico, Heinrich Braun , si mostrò poi più interessato alla carriera di zoologo dopo aver ascoltato la lettura di Carl Brühl di una poesia intitolata Nature , poi attribuita a Goethe, durante una conferenza pubblica. Tuttavia, scelse medicina e si iscrisse all'Università di Vienna all'inizio dell'anno scolastico invernale 1873. Sviluppò una passione per la biologia darwiniana , "che sarebbe servita da modello per tutto il suo lavoro" .

Studi

Conseguì la laurea in medicina il 31 marzo 1881 dopo otto anni di studio, invece dei previsti cinque, durante i quali fece due soggiorni nel 1876 nella stazione di zoologia marina sperimentale di Trieste , sotto la responsabilità di Carlo Claus , per poi lavorare dal 1876 al 1882 con Ernst Wilhelm von Brücke , le cui teorie rigorosamente fisiologiche lo influenzano.

Entrò nell'ottobre 1876 come assistente fisiologo presso l'istituto di fisiologia di Ernst Brücke , dove conobbe Sigmund Exner e Fleischl von Marxow , e soprattutto Josef Breuer. Freud incentra il suo lavoro su due aree: i neuroni (alcune affermazioni delle quali sono ripetute nell'articolo "  Cenni di una psicologia scientifica  ") e la cocaina . Secondo Alain de Mijolla , Freud scopre in questo momento le teorie positiviste di Emil du Bois-Reymond , di cui diventa seguace, e che spiegano la biologia mediante forze fisico-chimiche i cui effetti sono legati a un determinismo rigoroso.

Approfittò del periodo di servizio militare, nel 1879-1880, per iniziare la traduzione delle opere del filosofo John Stuart Mill e per approfondire la conoscenza delle teorie di Charles Darwin . Frequenta le lezioni di Franz Brentano e legge I pensatori della Grecia di Theodor Gomperz e soprattutto i volumi della Storia della civiltà greca di Jacob Burckhardt . Sostenne poi i primi esami nel giugno 1880 e nel marzo 1881 e si laureò il 31 marzo 1881, diventando poi temporaneamente preparatore nel laboratorio di Brücke. Ha poi lavorato per due semestri nel laboratorio di chimica del professor Ludwig. Continuò le sue ricerche istologiche e rimase colpito dalle dimostrazioni del magnetizzatore danese Carl Hansen a cui partecipò nel 1880.

Il 31 luglio 1881 fu reclutato come assistente chirurgo di Theodor Billroth all'ospedale generale di Vienna; ha ricoperto questo incarico solo per due mesi.

Nel giugno 1882, si stabilì come medico, ma senza molto entusiasmo. Su questo punto esistono due spiegazioni. Secondo lo stesso Freud, Brücke gli consigliò di iniziare a praticare in un ospedale per creare una situazione fuori di sé, mentre per Siegfried Bernfeld ed Ernest Jones , suoi biografi, è il suo progetto matrimoniale che lo costringe a rinunciare al piacere del matrimonio. ricerca. Sigmund Freud infatti conobbe Martha Bernays, di famiglia commerciale ebrea, nel giugno 1882, e molto presto, gli accordi familiari allora in vigore obbligarono i due fidanzati a sposarsi, tanto più che la loro situazione finanziaria era molto precaria. . Tuttavia, la giovane coppia non si sposò fino al 1886, poiché Freud aveva condizionato la sua alleanza con Martha Bernays per ottenere il suo studio. Nell'ottobre 1882 entrò nel reparto chirurgico dell'ospedale di Vienna, allora uno dei centri più famosi al mondo. Dopo due mesi, lavorò come aspirante, sotto la responsabilità del dottore Nothnagel fino all'aprile 1883. Brücke ottenne per lui il titolo di Privat-docent in neuropatologia . E 'il nome del 1 ° maggio 1883 Sekundararzt il servizio psichiatrico Theodor Meynert in cui egli continua gli studi istologici sul midollo spinale, fino al 1886.

Dall'isteria al metodo catartico (1883-1893)

Prima ricerca

Nel settembre 1883 entrò nella quarta divisione del dottor Scholtz. Lì ha acquisito esperienza clinica con pazienti nervosi. Nel dicembre dello stesso anno, dopo aver letto un articolo del dottor Aschenbrandt, sperimentò la cocaina e ne dedusse che era efficace sulla fatica e sui sintomi della nevrastenia . Nel suo articolo del luglio 1884, Über Coca  " , ne consiglia l'uso per disturbi multipli.

Freud, dopo la lettura di un testo che suggerisce il trattamento di dipendenza da morfina con la cocaina, tratta il suo amico e collega alla fisiologica Laboratorio Ernst Fleischl von Marxow  : era diventato un morfina tossicodipendente , dopo aver fatto ricorso alla morfina alla calma il dolore insopportabile causato da una lesione al mano che si era infettata e il neuroma che si era sviluppato lì. Freud, che aveva scoperto la cocaina nel 1884, cercò di curare il suo amico dalla sua dipendenza dalla morfina consigliandogli di prendere la cocaina, ma Fleischl "cadde in una dipendenza da cocaina peggiore della sua precedente dipendenza da morfina" . Morì nel 1891 molto deteriorato fisicamente e mentalmente. Un metodo usato da Fliess per curare i disturbi nasali era la somministrazione locale di cocaina. Didier Anzieu rileva il senso di colpa di Freud legato alla persona di Fleischl, il cui "nome corrisponde a quello di Wilhelm Fliess" e che ricorre in diversi sogni de L'interpretazione del sogno come "  L'iniezione fatta a Irma  ", la "Monografia botanica", il sogno "Non vixit"...

Sebbene lo abbia negato pubblicamente in numerose occasioni, Freud fece uso di cocaina tra il 1884 e il 1895, come attesta la sua corrispondenza. Ha lavorato alla sua scoperta con Carl Koller , che ha poi cercato un modo per anestetizzare l'occhio per operazioni minimamente invasive. Quest'ultimo informa poi Leopold Königstein che applica questo metodo all'intervento. Entrambi comunicano la loro scoperta alla Società dei Medici di Vienna nel 1884, senza menzionare il primato dell'opera di Freud.

Tavola n o  10 rue Le Goff ( 5 ° distretto di Parigi ), dove visse dal 1885 al 1886.

Il giovane medico fu poi assegnato al reparto di oftalmologia da marzo a maggio 1884, quindi al reparto di dermatologia. Ha scritto lì un articolo sul nervo uditivo che ha ricevuto un'accoglienza favorevole. A giugno ha sostenuto l'esame orale per la posizione di Privat-docent e ha presentato il suo ultimo articolo. Si chiamae, vedendo accolta la sua domanda di borsa di studio, decide di continuare la sua formazione a Parigi, al servizio di Jean-Martin Charcot presso l'ospedale Salpêtrière . Dopo sei settimane di vacanza con la fidanzata, Freud si trasferì in questa città. Ammiratore del neurologo francese, che conobbe per la prima volta il, si offre di tradurre i suoi scritti in tedesco. Da allora in poi, Charcot lo notò e lo invitò alle sue sontuose serate nel Faubourg Saint-Germain . Tuttavia, sembra che Freud non abbia passato tanto tempo quanto dice con Charcot, poiché lasciò Parigi il 28 febbraio 1886; ne è comunque sempre orgoglioso e ha fatto del soggiorno parigino un momento fondamentale della sua esistenza. Rimane anche in contatto epistolare con Charcot.

Nel , Freud ha studiato pediatria a Berlino, sotto il pediatra Alfred Baginsky e infine è tornato a Vienna in aprile. Ha aperto uno studio in Rathausstrasse dove si è stabilito come medico privato. Lavora anche tre pomeriggi alla settimana come neurologo presso la clinica Steindlgasse presso l' “  Erste Öffentliche Kinder-Krankeninstitut  ” (“Primo istituto pubblico per bambini malati”) diretto dal Prof. Max Kassowitz. Dal 1886 al 1896 fece consulenze al dipartimento di neurologia del Max-Kassowitz Institute, un ospedale pediatrico privato. Scrisse la sua relazione sull'ipnotismo, praticato dalla Scuola Salpêtrière , davanti ai membri del Club di Fisiologia e davanti a quelli della Società di Psichiatria, mentre organizzava i preparativi per il suo matrimonio. Un articolo di Albrecht Erlenmeyer lo critica fortemente sui pericoli del consumo di cocaina. Freud terminò di tradurre un volume delle lezioni di Charcot, apparso nel luglio 1886 e di cui scrisse la prefazione. Dopo alcuni mesi di servizio militare a Olmütz come medico di battaglione, Freud sposò Martha Bernays nel settembre 1886 a Wandsbek; trascorrono la luna di miele sul Mar Baltico.

Il , davanti alla Società dei Medici di Vienna, Freud fa un discorso sull'isteria maschile, discorso pubblicato sotto il titolo di Beiträge zur Kasuistik der Hysterie  " . Questo tema è poi controverso, tanto più che la concezione classica di Charcot oppone l'isteria post-traumatica all'isteria cosiddetta simulata. Basandosi sulla distinzione tra "grande isteria" (caratterizzata da convulsioni ed emianeestesia) e "piccola isteria", e su un caso pratico esaminato alla Salpêtrière, Freud spiega che l'isteria maschile è più frequente di quanto solitamente osservino gli specialisti. Per Freud, la nevrosi traumatica appartiene al campo dell'isteria maschile. La Società protesta contro questa opinione, del resto già nota ai neurologi viennesi. Secondo Ellenberger, l'idealizzazione di Freud per Charcot gli valse l'irritazione della Società, infastidita dal suo atteggiamento altezzoso. Ferito, Freud presentò quindi alla Società un caso di isteria maschile per sostenere la sua teoria. La Società lo sente di nuovo, ma lo allontana. Contrariamente a una certa leggenda intorno a questo evento, Freud non si ritira dalla Compagnia; diventa anche membro su.

L'incontro con Wilhelm Fliess e la prima topografia

Quell'anno conobbe Wilhelm Fliess, un medico di Berlino che svolgeva ricerche sulla fisiologia e sulla bisessualità , con il quale ebbe una corrispondenza scientifica amichevole, ma tuttavia ambigua. Inoltre, la famiglia Freud ha accumulato debiti, lo studio del medico non ha attirato un'abbondante clientela. Inoltre, Meynert litiga con Freud nel 1889, sulla teoria di Charcot. Nel 1889, Freud disse di essere molto solo; può comunicare veramente solo con i suoi amici Josef Breuer e Jean Leguirec. Così ha scritto: “Ero totalmente isolato. A Vienna mi evitavano, all'estero non mi interessavano” . Freud e Martha hanno sei figli: Mathilde (1887-1978), Jean-Martin (1889-1967), Oliver (1891-1969), Ernst (1892-1970), Sophie (1893-1920) e Anna Freud (1895-1982). ) ).

Da quel momento il pensiero di Freud cambiò: frequentare la scuola di Bernheim nel 1889 lo avrebbe allontanato da Charcot. Freud si pronuncia contro un'interpretazione materialistica dell'ipnosi che difende dalla denigrazione di cui è oggetto da parte dei suoi avversari: traduce l'opera di Hippolyte Bernheim , De la suggestione et des applicazioni delle terapie e discute la tecnica dell'ipnosi. Andò a Nancy, alla scuola di Bernheim , e incontrò Ambroise-Auguste Liébeault nel 1889 per confermare la sua opinione sull'ipnosi. Lì apprende che gli isterici conservano una forma di lucidità nei confronti dei loro sintomi, sapendo chi può essere mobilitato dall'intervento di un terzo, idea che poi riprende nella sua concezione dell'inconscio , ma conclude che l'ipnosi ha poca efficacia nel trattamento generale dei casi patologici. Sente che il passato del paziente deve svolgere un ruolo nella comprensione dei sintomi. Preferisce la "cura parlante" del suo amico Breuer. Dopo questa visita, ha preso parte al Congresso Internazionale di Psicologia a Parigi nel mese di luglio.

Nel 1891, Freud pubblicò il suo lavoro sulle paralisi cerebrali unilaterali nei bambini, in collaborazione con Oscar Rie, un pediatra viennese. Quindi lavorò al suo studio critico delle teorie sull'afasia , Contributo alla progettazione dell'afasia . La sua distanza dal pensiero di Charcot è massima lì; vi delinea un "apparato linguistico" che consente di rendere conto dei disordini della funzione del linguaggio, e comincia a introdurre in occasione di questo studio la sua nozione distintiva di "rappresentazione di parola" e di "rappresentazione di cosa" . Questo modello prefigura l'"apparato psichico" del primo argomento . Nel 1892 pubblicò la sua traduzione dell'opera di Bernheim con il titolo Ipnotismo, suggestione, psicoterapia: nuovi studi ed espose al circolo medico viennese una concezione vicina a Charcot.

Nel 1893, Freud pubblicò diversi articoli sull'isteria in collaborazione con Josef Breuer e in particolare il saggio Il meccanismo psichico dei fenomeni isterici (Comunicazione preliminare) . Difende la concezione nevrotica dell'isteria, proponendo "un metodo terapeutico basato sulle nozioni di catarsi e abreazione  " . Nel 1894, con il suo articolo “  Neuropsicosi da difesa  ”, si soffermò sulla fobia . Soffre di sintomi cardiaci e smette di fumare. Curando l'isteria di una paziente di nome "Emma", Freud, influenzato dalla teoria della bisessualità di Fliess, le chiede di operare la giovane donna al naso, perché pensa che la sua nevrosi sia collegata ad esso. Ma Fliess dimentica la garza iodoformata nel naso del paziente. Freud fa poi un sogno clamoroso (il cosiddetto sogno de "  L'iniezione fatta a Irma  ") che collega a questo incidente e si impegna ad analizzarne il significato mediante il metodo delle libere associazioni  ; "Questo studio doveva diventare, [nota Ellenberger], il prototipo di qualsiasi analisi dei sogni . "

L'invenzione della psicoanalisi: dall'ipnosi al trattamento psicoanalitico (1893-1905)

Freud e Breuer: studi sull'isteria

Josef Breuer nel 1877

Nel 1895 Josef Breuer e Freud pubblicarono i loro Studi sull'isteria , che comprendono casi trattati dal 1893, tra cui quello di Anna O. . Questa paziente di Breuer, il cui vero nome è Bertha Pappenheim, è presentata come un tipico esempio di cura catartica . Prima di diventare la cura psicoanalitica in senso stretto, Freud aveva infatti dovuto abbandonare la suggestione e l'ipnosi, metodo catartico poi di Breuer, e prendere in considerazione il transfert, cioè il revival delle emozioni pulsionali rimosse dell'infanzia del paziente che sono spostato e riferito all'analista. È proprio il transfert che pone Freud sulla strada di un nuovo approccio, il revival dell'esperienza infantile rimossa che anima il transfert informando sulla natura del conflitto psichico in cui il paziente è preso.

Nel 1896, considerando che la sua teoria era accettata in psicologia, Freud la battezzò con il nome di "psicoanalisi", ma in essa il fattore sessuale non era ancora predominante. Composto dal greco ana (che designa l'“ascesa verso l'originale”, l'elementare), e da lysis (la “dissoluzione”), il termine designa fin dall'inizio la ricerca di memorie arcaiche in relazione ai sintomi . Da allora in poi Freud ruppe con Breuer , che era rimasto fedele al trattamento catartico, e scrisse un saggio rimasto inedito: Schema di una psicologia scientifica . È in un altro articolo, scritto in francese: "L'ereditarietà e l'eziologia delle nevrosi", del 1896, che spiega la sua nuova concezione. Infine, scrisse Zur Äthiologie der Hysterie  " ("L'eziologia dell'isteria"). In entrambi gli articoli, la parola "psicoanalisi" appare per la prima volta sotto la penna di Freud.

Il , davanti alla Società Psichiatrica Viennese, presieduta da Hermann Nothnagel e Krafft-Ebing , gli fu conferito il titolo di “  Extraordinarius  ”. Al Congresso Internazionale di Psicologia di Monaco dell'agosto 1896, il nome di Freud fu citato tra le autorità più competenti in materia, mentre nel 1897 Albert Willem Van Renterghem, psichiatra olandese, lo citava come una delle figure della Scuola di Nancy .

Dopo la morte del padre il , Freud è interessato esclusivamente all'analisi dei suoi sogni e si impegna in un "lavoro di scavo nel suo passato" . Nutrendosi di sensi di colpa nei confronti del padre, intraprende un'autoanalisi. Dice che cerca di analizzare la sua "piccola isteria" e aspira a portare alla luce la natura dell'apparato psicologico e della nevrosi. Durante questa autoanalisi, e dopo aver abbandonato la sua teoria dell'isteria, fluiscono i suoi ricordi d'infanzia. Quella della sua tata gli permette di sviluppare la nozione di "  memoria sullo schermo  " per esempio mentre vede nei sentimenti di amore per sua madre e nella sua gelosia per suo padre una struttura universale che collega alla storia di Edipo e Amleto . Le sue analisi dei pazienti gli portano argomenti nella costruzione di una nuova concezione, che gli consente di rivedere sia l'isteria che le ossessioni. La corrispondenza con Fliess testimonia questa evoluzione del suo pensiero; è in particolare in una lettera diche Freud evoca per la prima volta il “  complesso di Edipo  ”. Il neurologo viennese spiega: "Ho trovato in me, come ovunque, sentimenti di amore verso mia madre e di gelosia verso mio padre, sentimenti che sono, credo, comuni a tutti i bambini piccoli" .

L'interpretazione dei sogni e altri testi fondanti

Targa commemorativa del luogo, nei pressi di Grinzing dove "ilIl mistero dei sogni è stato rivelato a D r Sigmund Freud "(Sogno dell'iniezione di Irma ).

Annunciò a Fliess, all'inizio del 1898, che intendeva pubblicare un'opera sull'analisi dei sogni, e, dopo un periodo di depressione, pubblicò L'interpretazione del sogno ( Die Traumdeutung  " ). È un'opera “autobiografica” in quanto Freud si basa in parte sul materiale dei propri sogni. Questo periodo di autoanalisi misto a nevrosi è, secondo Henri Ellenberger , caratteristico della “malattia creativa” , una fase di depressione e di intenso lavoro che ha permesso a Freud di sviluppare la psicoanalisi andando oltre i suoi problemi personali. Nel novembre 1898, Freud si occupò delle fasi infantili prevalentemente sessuali nella sua opera Die Sexualität in der Ätiologie der Neurosen  " (La sessualità nell'eziologia delle nevrosi ). In questo lavoro, Freud usa il termine "  psiconevrosi  " delimitato da "  nevrastenia  "

La sua situazione, sia sociale che finanziaria, sta migliorando; dal 1899 al 1900 fu assessore della Royal Society of London in psichiatria e neurologia per la rivista Jahrbuch für Psychiatrie und Neurologie  " . Inoltre, lavora intensamente alla sua ricerca e si dipinge come un "  conquistatore  ". Gode ​​infatti di una clientela lucrativa ed è riconosciuto dalla società viennese. Nel, si sente in grado di visitare Roma, in compagnia del fratello Alessandro. La “  Città Eterna  ” “lo ha sempre affascinato” e Freud, a causa della sua fobia dei viaggi, rimandava sempre la sua visita in Italia. A Roma fu "colpito" dal Mosè di Michelangelo . Pochi anni dopo, nel 1914, pubblicò in forma anonima, sulla rivista Imago , un saggio intitolato Der Moses des Michelangelo  " ("Il Mosè di Michelangelo"), in cui contrapponeva le due figure, quella storica e quella mitica , del liberatore del popolo ebraico, Mosè .

Durante una visita a Dubrovnik (allora Ragusa), Freud suppone che il meccanismo psichico del lapsus sia indicativo di un complesso inconscio. Lo stesso anno, due psichiatri svizzeri, Carl Gustav Jung e Ludwig Binswanger di Zurigo , si uniscono alla nascente psicoanalisi e, grazie alla “  scuola di Zurigo  ”, il movimento si amplifica in Europa e negli Stati Uniti. In precedenza, nel 1901, Eugen Bleuler , con il quale Freud iniziò una corrispondenza, fu estremamente colpito da L'interpretazione dei sogni . Chiese al suo secondo, Jung, di presentare il libro all'équipe psichiatrica di Burghölzi . La Svizzera divenne così un importante alleato nello sviluppo del movimento psicoanalitico, a partire dal 1900.

Bertha Pappenheim , citata con il nome di Anna O. in Studi sull'isteria , paziente di Josef Breuer , iniziatore della cura della parola .

Tornato a Vienna, Freud interruppe tutti gli scambi con Fliess nel 1902. Quindi, presentò le sue opinioni scientifiche durante diverse conferenze, davanti al “  Doktorenkollegium  ” di Vienna, poi davanti al B'nai B'rith , un circolo di ebrei laici, ai quali si era unito nel 1897; sono ben accolti. Nell'autunno del 1902 , su iniziativa di Wilhelm Stekel , Freud riunì intorno a sé un gruppo di interessati, che prese il nome di Psychologische Mittwoch Gesellschaft  " ("  Società psicologica del mercoledì  ") e che, ogni mercoledì, discutevano di psicoanalisi. Secondo Ellenberger, da questa data la vita di Freud si fonde con la storia del movimento psicoanalitico. In Francia, il suo lavoro è stato menzionato al Congresso dei medici e neurologi alienisti a Grenoble nello stesso anno.

Nel 1901 pubblicò Psicopatologia della vita quotidiana . In settembre si rivolse a Eugen Bleuler , di Zurigo, e la loro corrispondenza scientifica aumentò. Le cure intraprese da Freud sulla base di queste ipotesi lo avevano già portato a scoprire che tutti i suoi pazienti non hanno subito veri traumi sessuali nella loro infanzia: evocano fantasie e raccontano un “romanzo familiare” in cui credono. Allo stesso tempo, scopre che alcuni pazienti sembrano incapaci di essere curati. Resistono in particolare ripetendo e trasponendo vecchi sentimenti verso l'analista: un meccanismo che Freud chiama il "  transfert  " che vede ancora, ed essenzialmente, come un freno alla guarigione.

Freud nel settembre 1909, durante una serie di conferenze tenute alla Clark University, a Worcester , Massachusetts. Da sinistra a destra, prima fila Sigmund Freud, G. Stanley Hall , Carl Gustav Jung; secondo: Abraham A. Brill , Ernest Jones, Sándor Ferenczi.

Nel 1909, Freud parlò di "psicoanalisi" ( Über Psychoanalysis ) per la prima volta pubblicamente negli Stati Uniti , dove fu invitato da Stanley Hall a tenere una serie di conferenze alla Clark University di Worcester , nel Massachusetts , in compagnia di Carl Gustav Jung, Ernest Jones e Sándor Ferenczi. Freud e Jung sono insigniti del titolo di “  LL. D.  ”. Fu a questo punto che designò esplicitamente Jung come suo "successore e principe ereditario" . Freud dichiara poi che il merito dell'invenzione della psicoanalisi spetta a Josef Breuer ma precisa in seguito che ritiene che il “processo catartico” di Breuer costituisca una fase preliminare all'invenzione della psicoanalisi e che ne sia l'inventore dal rifiuto dell'ipnosi e l'introduzione della libera associazione .

L'istituzione psicoanalitica (1905-1920)

Approfondimenti e pubblicazioni

Nel 1905 pubblicò Three Essays on Sexual Theory , che riuniva le sue ipotesi sul posto della sessualità e sul suo futuro nello sviluppo della personalità. La sessualità infantile è un aspetto importante della psicoanalisi. Pubblica anche Frammento di un'analisi dell'isteria , che è un resoconto del caso di Ida Bauer , che illustra il concetto di transfert psicoanalitico.

Secondo Ellenberger, Ilse Bry o Alfred H. Rifkin, le idee di Freud furono ben accolte. Per Ernest Jones e, in seguito, Jean-Luc Donnet , è vero il contrario. Donnet specifica che il rifiuto violento della psicoanalisi da parte dei medici e soprattutto degli psichiatri è una delle cause del fatto che Freud era così felice della mobilitazione di Eugen Bleuler alla psicoanalisi e, infatti, spetta a Zurigo che la psicoanalisi ottenga prima la cittadinanza in psichiatria . La Francia si oppose subito alla psicoanalisi. Altrove, il successo delle opere di Freud è importante, ma disomogeneo a seconda dei paesi; si legge ad esempio nelle traduzioni del 1900, in russo. Appaiono anche le prime opere dei discepoli di Freud: Otto Rank , di 21 anni , gli ha infatti regalato il manoscritto del suo saggio psicoanalitico L'artista Der Künstler  " ).

Nel 1906 si interessò a La Gradiva , un racconto dello scrittore tedesco Wilhelm Jensen , e scrisse un saggio, Il delirio e i sogni nella "Gradiva" di Jensen in cui applicava i principi psicoanalitici alla creazione letteraria, studiando i legami tra psicoanalisi e archeologia. Lo stesso anno litigò definitivamente con Wilhelm Fliess, che in seguito scrisse un pamphlet, Per la mia stessa causa , in cui accusava Freud di avergli rubato le idee.

La gratitudine

Nel , l'isolamento di Freud cessa definitivamente. L'emergente gruppo di psicoanalisti cerca di creare una raccolta intitolata “Scritti di psicologia applicata” con le edizioni Deuticke. Freud, direttore della pubblicazione, pubblica Il delirio ei sogni in Gradiva di Wilhelm Jensen . Nello stesso anno scrive atti ossessivi ed esercizi religiosi , in cui affronta il tema della religione: lì presume che ci sia una connessione tra una nevrosi ossessiva e gli esercizi religiosi. Nel 1908, il piccolo gruppo attorno a Freud divenne la Società Psicoanalitica Viennese e in agosto Karl Abraham fondò la Società Psicoanalitica di Berlino. L'anno successivo, la prima rivista psicoanalitica pubblicò il loro lavoro; prende il nome di Jahrbuch für psychoanalytische und psychopathologische Forschungen  " , spesso abbreviato in Jahrbuch  " , con Bleuler e Freud come direttori e Jung come caporedattore. Freud inaugura questa rassegna con la pubblicazione del caso del Piccolo Hans .

Daniel Paul Schreber  ; Freud, Appunti psicoanalitici sull'autobiografia di un caso di paranoia , 1911.

Nel 1910 apparve l' “  Über Psychoanalysis: Fünf Vorlesungen  ” ( Cinque lezioni sulla psicoanalisi ) tenuta l'anno precedente alla Clark University , dove Freud espone “i fondamenti della tecnica psicoanalitica” . Freud mette in discussione anche la natura della pratica psicoanalitica in un saggio, Über„ wilde "Psicoanalisi  " ( Sulla cosiddetta psicoanalisi selvaggia o "  analisi secolare  "). L'anno 1910 segna un culmine nella storia della psicoanalisi e nella vita di Freud; al secondo Congresso Internazionale di Norimberga organizzato da Jung, il 30 e 31 marzo, è stata creata la “  Internationale Psychoanalytische Vereinigung  ” ( International Psychoanalytic Association , “API”), di cui il primo presidente è Carl Gustav Jung , nonché un secondo rivista, il “  Zentralblatt für Psychoanalyse, Medizinische Monatsschrift für Seelenkunde  ” . L'IPA riunisce sotto il suo ombrello i gruppi locali ( Ortsgruppen ), quelli di Zurigo (che ne è la sede), Vienna e Berlino; il suo obiettivo è difendere la coesione del movimento psicoanalitico. Una paziente di Jung con cui quest'ultimo aveva agito , Sabina Spielrein , lo mette sulla strada della teorizzazione del transfert amoroso verso l'analista, nonché del controtransfert (dall'analista al paziente) e che Freud integra nella sua teoria.

Durante la sua vacanza in Olanda nel 1910, Freud analizzò il compositore Gustav Mahler , durante una passeggiata pomeridiana per la città. Freud si reca poi a Parigi, Roma e Napoli, accompagnato da Ferenczi. La nascente psicoanalisi incontrò la sua prima grande opposizione: in ottobre, rispondendo all'appello di Oppenheim al Congresso di neurologia di Berlino, i medici tedeschi di Amburgo misero all'indice la pratica psicoanalitica nei sanatori . Il, il primo Congresso Internazionale di Psicoanalisi a Salisburgo riunisce 42 membri . Freud presenta il suo “  Bemerkungen über einen Fall von Zwangsneurose  ” ( Osservazioni su un caso di nevrosi ossessiva ).

Dissenso

Freud pubblicò nel 1910 “  Eine Kindheitserinnerung des Leonardo da Vinci  ” ( Un ricordo d'infanzia di Leonardo da Vinci ), in cui compaiono per la prima volta i concetti di “  narcisismo  ” e “  sublimazione  ”. Esamina anche le ragioni psichiche della creatività. Lo stesso anno, la psicoanalisi è stata oggetto di nuove critiche da parte di alcuni ambienti medici. Inoltre, al suo interno stanno emergendo i primi scismi. L'opposizione di Freud alla teoria di Jung, che nel 1914 divenne “  psicologia analitica  ”, lo occupò infatti in quegli anni. Sempre nel 1910, Freud, in un testo intitolato "Il disturbo psicogeno della visione nella concezione psicoanalitica", formula per la prima volta un dualismo pulsionale  : le "pulsioni sessuali" si oppongono alle "pulsioni di autoconservazione". Questo dualismo prefigura, nel contesto di tensione in Europa prima della prima guerra mondiale, l'aggiornamento degli impulsi di vita e di morte (avvenuto nel 1920).

Nel 1911, Freud scrisse un testo noto con il titolo "  President Schreber  " ma successivamente intitolato Psychanalytische Bemerkungen über einen autobiographisch beschriebenen Fall von Paranoia (Dementia paranoides)  " ( Note psicoanalitiche su un caso di paranoia (Dementia paranoides) descritto in forma autobiografica ) . Freud ripercorre l'analisi del giurista e politico Daniel Paul Schreber . Ha inoltre pubblicato un breve testo metapsicologico: “  Formulierungen über die zwei Prinzipien des psychischen Geschehens  ” ( Formulazioni sui due principi del corso degli eventi psichici ) in cui descrive il principio di piacere e il principio di realtà .

La direzione delle riviste e del lavoro teorico dell'Associazione Internazionale di Psicoanalisi , anche quella dei seminari , occupava in questo periodo Freud, tanto più che tra coloro che lavoravano con lui sorsero rivalità e dissensi teorici che lottava quando mettono in discussione i ruoli della sessualità infantile e del complesso di Edipo così come quelli di Jung, Adler e Rank. Pertanto, rifiuta l'enfasi sull'aggressività di Alfred Adler , perché ritiene che questa introduzione abbia il costo di ridurre l'importanza della sessualità. Rifiuta anche l'ipotesi dell'inconscio collettivo a scapito delle pulsioni dell'Io e dell'inconscio individuale, e la non esclusività delle pulsioni sessuali nella libido proposta da Carl Gustav Jung . Nel giugno 1911, Alfred Adler lasciò Freud il primo a fondare la propria teoria. L'anno successivo fu la volta di Wilhelm Stekel , mentre nel 1913, a settembre, Freud litigava con Carl Gustav Jung , annunciato però come suo "delfino" .

Nel 1913 , “  Totem und Tabu  ” ( Totem e tabù ) permette a Freud di presentare la portata sociale della psicoanalisi. Segretamente, dal 1912, su idea di Ernest Jones , Freud riunì attorno a sé un piccolo comitato di fedeli sostenitori ( Karl Abraham , Hanns Sachs , Otto Rank , Sandor Ferenczi , Ernest Jones, Anton von Freund e Max Eitingon ) sotto il nome di “  Die Sache  ” ( la “Causa” ) fino al 1929. Ogni membro riceve da Freud un intaglio greco della sua collezione privata, che indossa su un anello d'oro. Dopo la prima guerra mondiale , nel 1924, il movimento psicoanalitico freudiano vide la partenza di Otto Rank e nel 1929 quello di Sandor Ferenczi .

Il secondo argomento psichico

Durante la guerra, Freud si esercitò poco. Nel 1916 scrisse i suoi corsi universitari, riuniti sotto il titolo di Vorlesungen zur Einführung in die Psychoanalyse  " ( Corso introduttivo alla psicoanalisi , pubblicato in francese con il titolo Introduzione alla psicoanalisi ). Il destino dei suoi figli, sulla fronte, lo preoccupa. La guerra paralizza anche l'estensione del movimento psicoanalitico; infatti il ​​Congresso di Dresda , previsto per il 1914, non ha luogo. Nel 1915 iniziò a scrivere una nuova descrizione dell'apparato psichico, di cui conservò solo pochi capitoli. Quello che sta preparando è infatti una nuova concezione del tema psichico. Lo stesso anno è stato nominato per il Premio Nobel dal medico viennese Robert Bárány . Freud pubblicò Trauer und Melancholie  " ( Lutto e malinconia ) nel 1917. Helene Deutsch , Magnus Hirschfeld e poi Sigmund Freud menzionarono le donne combattenti nei loro scritti. Nel gennaio 1920 fu nominato professore ordinario. Dal 1920, e mentre il contesto politico ed economico migliorava, Freud pubblicò a sua volta: “  Jenseits des Lustprinzips  ” ( Al di là del principio di piacere , 1920), che introduceva attraverso un nuovo dualismo pulsionale , gli impulsi aggressivi, necessari per spiegare certi conflitti e “  Massenpsychologie und Ich-Analysis  ” ( Psychologie des masses et analysis du Moi , 1921) che aggiunge alla problematica di Le Bon , il rapporto tra psiche individuale e comportamento collettivo. Freud, in questi anni di guerra, lavorò a una metapsicologia che gli consentisse di descrivere i processi inconsci da una triplice angolazione, allo stesso tempo dinamici (nelle loro relazioni tra loro), topici (nelle loro funzioni all'interno della psiche) ed economici (nelle loro loro usi della libido).

Nel 1920, Freud sviluppò il secondo tema dell'apparato psichico costituito dall'Io , dall'Es e dal Super - Io . Si sovrappone al primo (inconscio, preconscio, conscio). Lo sviluppo della personalità e la dinamica dei conflitti vengono quindi interpretati come difese dell'Io contro impulsi e affetti, piuttosto che come conflitti di impulsi; gli impulsi coinvolti sono quelli della morte. L'ambivalenza e la rabbia sono state viste nel primo argomento come consecutive alla frustrazione e subordinate alla sessualità. Freud completa così la sua teoria con un nuovo dualismo pulsionale, costituito da due tipi di pulsioni antagoniste: la pulsione di vita ( Eros ) e la pulsione di morte (che ancora si astiene dal chiamare Thanatos ). Più fondamentali delle pulsioni di vita, le pulsioni di morte tendono a ridurre la tensione (ritorno all'inorganico, ripetizione che allenta la tensione) e sono percepibili solo dalla loro proiezione all'esterno ( paranoia ), dal loro intreccio con le pulsioni libidine ( sadismo , masochismo ) o dalla loro svolta contro l'ego ( malinconia ). Freud difende così una doppia visione della mente.

Estensione della psicoanalisi e anni successivi (1920-1939)

Freud, leader della psicoanalisi

Durante il conflitto mondiale , Freud può misurare gli effetti della nevrosi traumatica nel figliastro e vedere l'impatto di questa patologia in una famiglia. Ha quindi conoscenza diretta di questi disturbi e conoscenza indiretta attraverso discepoli che vivono nella clinica di Julius Wagner-Jauregg come Victor Tausk o che vi hanno lavorato durante la guerra come Helene Deutsch . Nell'ottobre 1920, il professore di medicina legale, Alexander Löffler, invitò Freud a testimoniare con una presentazione davanti a una commissione forense sulle nevrosi di guerra e le pratiche di cura. Si oppone a Julius Wagner-Jauregg che afferma che i pazienti con nevrosi di guerra sono simulatori. Poi, dall'8 all'11 settembre, si tiene all'Aia il 5 °  Congresso dell'IPA, presieduto da Ernest Jones . Freud interviene leggendo Ergänzungen zur Traumlehre  " ( Supplementi alla teoria dei sogni ). Lì, invece, si decide la creazione di un comitato segreto, con Jones come coordinatore.

La psicoanalisi si sta sviluppando particolarmente in Gran Bretagna e Germania. Max Eitingon ed Ernst Simmel hanno infatti creato un policlinico psicoanalitico a Berlino mentre Hugh Crichton-Miller ha fondato la Tavistock Clinic a Londra.

Sigmund in Anna.jpg
Freud e sua figlia Anna nel 1913.
La famiglia Freud
Mathilde Freud , sposata con Robert Hollitscher (1887-1978) senza figli
Jean-Martin Freud , sposato con Esti Drucker (1889-1967) 2 figli (Walter Freud: 1921-2004 e Sophie Freud: nata nel 1924)
Oliver Freud , sposato con Henny Fuchs (1891-1969) 1 bambino (Eva Freud: 1924-1944)
Ernst Freud , sposato con Lucie Brasch (1892-1970) 3 figli (Stephen Freud: nato nel 1921, Lucian Freud  : 1922-2011 e Clement Freud: 1924-2009)
Sophie Freud , sposata con Max Halberstadt (1893-1920) 2 figli ( W. Ernest Freud  : 1914-2008 e Heinz Halberstadt: 1918-1923)
Anna freud (1895-1982) senza figli

La prima traduzione di un testo di Freud in Francia, Introduzione alla psicanalisi , di Samuel Jankélévitch , fu pubblicata nel 1922. Il movimento psicoanalitico acquisì a Vienna una clinica psicoanalitica, l'"Ambulatorium" (centro di cure ambulatoriali), dedicata al trattamento delle psicosi e diretto da tre allievi di Freud, cui partecipa solo poco: Helene Deutsch , Paul Federn e Eduard Hitschmann . Nel 1923, Freud apprese di avere un cancro alla mandibola, che lo fece soffrire per il resto della sua vita. Lo stesso anno scelse di sottoporsi a una vasectomia per poter, sperava, combattere meglio contro il suo cancro. Ha scritto The Me and the Id in un momento in cui il movimento psicoanalitico ha raggiunto una reputazione internazionale, in particolare in Inghilterra e negli Stati Uniti. Pensa di costituire un'edizione completa dei suoi scritti, i “  Gesammelten Schriften  ” .

Il congresso di Salisburgo del 1924 si svolse in assenza di Freud. Lo stesso anno, Otto Rank lasciò il movimento. In Inghilterra, i membri della British Psychoanalytic Society , rifondata nel 1919 da Ernest Jones, crearono l' “  Institute of Psychoanalysis  ” .

L'anno successivo, nel 1925, Freud scrisse Inibizione, sintomo e angoscia , nonché uno schizzo autobiografico. Il 9 °  Congresso dell'Associazione Internazionale si terrà dal 2 al 5 settembre a Bad-Homburg . Anna Freud vi lesse il testo di suo padre: “  Einige psychische Folgen des anatomischen Geschlechtsunterschieds  ” ( Alcune conseguenze psichiche della differenza tra i sessi a livello anatomico ). Freud non può più viaggiare, a causa della sua malattia. Nel 1925 conobbe la principessa Maria Bonaparte , pronipote di Napoleone, che prese in analisi e che divenne sua amica. In seguito, ha tradotto la maggior parte dei suoi testi in Francia.

Freud resta il capofila della psicoanalisi, di cui dirige l'evoluzione. Le sue riflessioni scritte finali sono dedicate allo studio e al rafforzamento della psicoanalisi a livello teorico e clinico. Nel suo articolo "Psicoanalisi e medicina" (1925), invita i non professionisti a utilizzare la psicoanalisi. A questo proposito parla di psicoanalisi “laica” o “laica”, cioè praticata da analisti che non sono medici. Ripensa anche all'evoluzione del suo pensiero nella sua autobiografia. Nel 1927, sua figlia Anna pubblicò Einführung in die Technik der Kinderanalyse  " ( Introduzione alla psicologia infantile , testo letto e approvato dal padre).

Negli ultimi anni della sua vita, Freud cerca di estrapolare concetti psicoanalitici alla comprensione dell'antropologia e della cultura. La sua visione pessimistica della specie umana è esacerbata, soprattutto dopo lo scioglimento del comitato segreto formato da Ernest Jones , in seguito a litigi ereditari, gelosie e rivalità interne. Ha quindi scritto una serie di testi in questa direzione, in particolare sulla religione come illusione o nevrosi. Nel 1927 pubblica “  Die Zukunft einer Illusion  ” ( Il futuro di un'illusione ), che tratta della religione da un punto di vista psicoanalitico e materialista. Nel 1930 pubblica “  Das Unbehagen in der Kultur  ” ( Malessere nella civiltà ) in cui Freud descrive un processo di civiltà che è una riproduzione su scala più ampia del processo di evoluzione psichica individuale.

Ultimi lavori, esilio e morte

Diagramma di Freud nel “  XXXI °  Convegno” delle Nuove Conferenze Introduttive alla Psicoanalisi (1933) che rappresenta il secondo tema rispetto al primo tema  : Ich ( me ), Es ( quello ), Überich ( superego ); 1 e topico: W-Bw (Pc - Cs per Percezione - consapevole /conscio) e vorbewusst ( preconscio → pcs) unbewusst ( inconscio → ics) verdrängt ( represso ).

Non considerandosi uno scrittore, Freud fu sorpreso di ottenere il Premio Goethe dalla città di Francoforte nell'agosto 1930. Quindi, tornò l'anno successivo nella sua città natale di Friburgo per una cerimonia in suo onore. In una lettera del 3 gennaio, lo scrittore Thomas Mann si scusa con Freud per aver preso tempo per comprendere l'interesse della psicoanalisi. Nel 1932 , Freud lavorò a un libro di sintesi che presentava lezioni a un pubblico immaginario, Neue Folge der Vorlesungen zur Einführung in die Psychoanalyse  " ( Nuove conferenze introduttive alla psicoanalisi ).

Albert Einstein - Sigmund Freud, Warum Krieg ("  Perché la guerra  "), Parigi, 1933.

Lo stesso anno pubblicò, in collaborazione con il fisico Albert Einstein , le proprie riflessioni sulla guerra e sulla civiltà, risultanti dalla loro corrispondenza, in un saggio intitolato “  Warum Krieg  ” ( Perché la guerra ). A Vienna, Thomas Mann , l'8 maggio 1936, elogiava e sosteneva pubblicamente Freud (intitolato “  Freud und die Zukunft  ”: “Freud e il futuro”) dove spiegava: “Freud fa del suo pensiero un artista, come Schopenhauer; come lui è uno scrittore europeo” , giustificando con questo discorso l'assegnazione del Premio Goethe a Francoforte all'inventore della psicoanalisi. Freud e Thomas Mann sono amici sin dalla pubblicazione dello scrittore di Freud and Modern Thought ( 1929 ) e Knight Between Death and the Devil ( 1931 ). Riguardo all'ultima opera di Freud, “  Der Mann Moses und die monotheistische Religion  ” ( Mosè e il monoteismo , 1936), Jacques Le Rider spiega che “inventa una tradizione ebraica di liberalismo e spirito scientifico” .

Nel , Le opere di Freud sono stati bruciati in Germania durante i nazisti focolari ustioni . Rifiutò di andare in esilio fino al marzo 1938, quando i tedeschi entrarono a Vienna ( Anschluss , 12 marzo). La Società Psicoanalitica di Vienna decide quindi che ogni analista ebreo deve lasciare il paese e che la sede dell'organizzazione deve essere trasferita dove risiede Freud. Quest'ultimo decide infine di andare in esilio quando la figlia Anna viene arrestata il 22 marzo, per un giorno, dalla Gestapo . Grazie all'intervento dell'ambasciatore americano William C. Bullitt e ad un nuovo riscatto pagato da Marie Bonaparte , Freud ottiene un visto valido per sedici persone e può lasciare Vienna con l' Orient-Express con la moglie, la figlia Anna e la domestica Paula Fichtl , 4 giugno. All'uscita firmò una dichiarazione in cui affermava di non essere stato maltrattato: "Io sottoscritto, professor Freud, dichiaro che dall'annessione dell'Austria al Reich tedesco, sono stato trattato con tutto il rispetto e la considerazione dovuti alla mia reputazione come scienziato dalle autorità tedesche e in particolare dalla Gestapo e che ho potuto vivere e lavorare in piena libertà; Ho anche potuto continuare a svolgere la mia attività nel modo che desideravo e che a tal fine ho avuto il pieno appoggio delle persone interessate, non ho motivo di fare la più piccola lamentela. " Secondo il suo figlio Martin, avrebbe aggiunto ironicamente: " Posso raccomandare vivamente la Gestapo a tutti. " . Per Michel Onfray si tratta di un “mito” e di una leggenda agiografica. Per lasciare l'Austria, Freud beneficia anche dell'appoggio di Anton Sauerwald, il commissario nazista incaricato di prendere il controllo della sua persona e dei suoi beni: ex allievo di Josef Herzig , maestro e amico di Freud, Sauerwald facilita la partenza da Freud e suoi parenti a Londra, dove poi va a trovarlo. Freud è talvolta criticato per non aver indicato i nomi delle sue sorelle nell'elenco delle sedici persone autorizzate a lasciare l'Austria, in particolare il suo medico, la sua famiglia, le sue infermiere, la sua domestica. Queste, Rosa, Marie, Adolfina e Paula, già anziane e non sentendosi minacciate a causa della loro età, non vollero partire, ma furono deportate e morirono in un campo di concentramento .

Il Museo Freud di Londra oggi
Freud riassumendo la sua carriera alla BBC nel dicembre 1938, è l'unica registrazione audio conosciuta con la voce dello psicoanalista.

La famiglia Freud raggiunse prima Parigi, dove Freud fu accolta da Marie Bonaparte e suo marito, Georges di Grecia , poi Londra , dove fu accolta con tutti gli onori, in particolare dall'ambasciatore americano William Bullit, che Freud conosceva da alcuni anni , quando i due uomini avevano lavorato insieme a uno studio sul presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson intitolato Woodrow Wilson: uno studio psicologico  " (pubblicato nel 1966 ). Freud e la sua famiglia si trasferiscono in una casa a 20 Maresfield Gardens nel distretto di Hampstead a Londra . Fu nominato membro della Royal Society of Medicine . Freud riceve l'appuntamento a casa, impossibilitato a muoversi, debilitato dal cancro e da trentadue operazioni e cure successive.

Freud è morto nella sua casa di Londra il , alle 3 del mattino, di carcinoma verrucoso di Ackerman , all'età di 83 anni . Su sua richiesta, e con l'accordo di Anna Freud , Max Schur , il suo medico personale, gli ha iniettato una grande dose di morfina , forse letale . Fu cremato nel cimitero di Golders Green e gli furono resi tributi da Ernest Jones , a nome dell'International Psychoanalytic Association , e dallo scrittore Stefan Zweig , il 26 settembre. Dopo la morte di Anna Freud nel 1982, la casa di Freud a Maresfield Gardens è stata trasformata in un museo . Nel 2002 è stata apposta una targa blu sulla facciata del museo.

Il suo lavoro: la psicoanalisi

Il movimento psicoanalitico

Teoria psicoanalitica: la "scienza dell'inconscio"

La psicoanalisi - la cui idea si è evoluta dai suoi inizi nel 1896 fino alle ultime presentazioni della penna di Freud nel 1930 - raggruppa tre significati secondo Paul-Laurent Assoun , che li prende dall'articolo di Freud del 1922 Psicanalisi e teoria della libido . Il termine designa prima di tutto un certo metodo di indagine della psiche inconscia, ma anche un metodo di cura ( trattamento psicoanalitico ), e, più in generale, una concezione psicologica globale che interessa la visione stessa dell'uomo. Secondo Lydia Flem , psicoanalista e scrittrice: "Attraverso il triplice percorso del personale, del patologico e del culturale, all'insaputa dell'anima umana egli [Freud] cerca di farsi interprete" . Il movimento psicoanalitico rappresenta anche il corpus di teorie scaturite dall'esperienza analitica, partecipando alla concettualizzazione dell'apparato psichico e sviluppatesi a partire da Freud. Questa teoria psicoanalitica (che si dice di orientamento psicodinamico , all'interno della disciplina psicologica) si basa innanzitutto sulle ricerche di Freud e sui principali concetti da lui creati come quelli di "  inconscio  ", di "  transfert  ", "  ripetizione  " e “  guida  ”. Dal punto di vista del suo metodo di approccio, essendo il suo oggetto l'inconscio, la psicoanalisi è una disciplina centrata sull'osservazione e non sulla sperimentazione; è quindi una "scienza fenomenica" attaccata alla medicina e alla psichiatria , ma dotata di relativa autonomia rispetto ad esse.

Fin dai suoi primi scritti fondatori, Freud ritiene che la scientificità della psicoanalisi si basi sul suo oggetto: l'inconscio. Tuttavia, la maggior parte dei critici della psicoanalisi contesta questa qualifica di scientificità. Tuttavia, secondo Paul-Laurent Assoun , si tratta di un insieme di conoscenze e ricerche che hanno raggiunto un sufficiente grado di unità e generalità, e quindi in grado di fondare "un consenso su relazioni oggettive via via scoperte e confermate da metodi di controlli definiti. "La psicoanalisi è considerata da Freud come una scienza naturale perché si basa su concetti fondamentali, tra cui quello di pulsione ( Trieb ). Infine, la psicoanalisi rifiuta ogni metafisica .

Sviluppo e influenza del movimento psicoanalitico

Con la sua concezione dell'inconscio , Freud ha permesso una comprensione delle nevrosi e, oltre, della psiche. Le opere storiche di Ernest Jones e, più recentemente, di Henri Ellenberger spettacolo, tuttavia, che il concetto di "  inconscio  essere anteriore" Freud, ma specifica che quest'ultimo è un precursore nel suo modo di teorizzare che, nella sua prima topografia. Primo , poi nel secondo . Marcel Gauchet , in L'inconscio cerebrale (1999) evoca l'idea “rivoluzionaria” di Freud, quella di un “inconscio dinamico” . Il movimento psicoanalitico si sviluppò prima in riferimento a Freud e ai suoi stretti sostenitori, poi in opposizione ai suoi detrattori, sia interni ( Carl Gustav Jung , Alfred Adler e Otto Rank tra i principali) che esterni con tra gli altri Pierre Janet e alcuni medici accademici e / o psichiatri. I metodi di formazione degli psicoanalisti sono stati formalizzati in particolare con il suo pilastro centrale: l' analisi didattica è stata istituita per la prima volta presso l' Istituto psicoanalitico di Berlino .

Dal 1967, gli psicoanalisti della “terza generazione” hanno stabilito un ritorno storico ed epistemologico a questo movimento. Nel Vocabolario della psicoanalisi , Jean Laplanche e Jean-Bertrand Pontalis isolano così circa 90 concetti strettamente freudiani all'interno di un vocabolario psicoanalitico contemporaneo composto da 430 termini mentre Alain de Mijolla traccia un preciso quadro cronologico. Il lavoro pionieristico di Freud ha avuto un impatto su altre discipline: sulla psicologia in primis, ma anche sulla nosografia dei disturbi mentali, sulla psicopatologia , sulla relazione di aiuto , sulla psichiatria , sull'educazione , sulla sociologia , sulla neurologia e sulla letteratura . A livello più generale, Freud è considerato anche da alcuni psicoanalisti (come Wilhelm Reich o André Green , Françoise Dolto e Daniel Lagache in seguito) come colui che ha pronunciato la parola sulla sessualità e in particolare sulla sessualità femminile, soggetti fino ad allora disprezzati da molti medici.

I continuatori di Freud

Dopo la morte di Freud (ma anche durante la sua vita), diverse scuole psicoanalitiche mantennero tra loro rapporti spesso controversi, a seconda dei postulati adottati e delle specificità nazionali. Si possono distinguere due tipi di correnti: quelle dette “ortodosse”, vicine al freudismo, e quelle devianti da esso sui punti fondanti: le correnti “eterodosse”. Diversi punti teorici costituiranno aree di divisione. Così, durante la seconda guerra mondiale, si sviluppò la questione della gruppoanalisi, con analisti come Wilfred Bion , che svilupparono una propria concezione. Inoltre, fu in Inghilterra che, dal 1942, si verificarono i dissensi teorico-clinici tra Melanie Klein , Anna Freud e il Gruppo degli Indipendenti , su diversi argomenti. L' associazione psicoanalitica internazionale riunisce gli psicoanalisti freudiani ortodossi.

In Francia, ad esempio, la Società Psicoanalitica di Parigi trasmette la psicoanalisi, essenzialmente freudiana, kleiniana e winnicottiana secondo gli orientamenti dei membri che la compongono. La corrente lacaniana se ne discosta, tuttavia, fino alla rottura negli anni Cinquanta, in particolare sull'assioma lacaniano secondo cui "l'inconscio si struttura come un linguaggio" e soprattutto sui metodi di formazione degli psicoanalisti che, per Lacan e i suoi seguaci, differiscono radicalmente da quelli dell'IPA e delle associazioni affiliate. Se Lacan era in opposizione all'IPA, non dovrebbe essere visto come in opposizione a Freud: il suo "  ritorno a Freud  " e questa osservazione di Jean-Michel Rabaté testimoniano : "Proprio come Althusser si chiedeva come leggere Marx in un "sintomatico Così, separando ciò che è autenticamente “marxista” da ciò che è puramente “hegeliano” nei suoi scritti, Lacan si chiede dove e come collocare i testi in cui Freud si mostra autenticamente “freudiano”. "

Con l'immigrazione di molti psicoanalisti dall'Europa prima, durante e dopo la guerra, la psicoanalisi assume molta importanza negli Stati Uniti, con l' American Psychoanalytic Association o Self-psychology . C'è anche la psicologia dell'Io e correnti totalmente autonome, risultanti da scismi successivi: quelle di Alfred Adler , Otto Rank , Wilhelm Reich e Carl Gustav Jung . Infine, molti psicoanalisti contemporanei, come Sándor Ferenczi o Donald Winnicott, sviluppano e propagano la loro visione di concezioni freudiane, come quelle chiamate “  nebulosa marginale  ” secondo Paul Bercherie, o quelle con un pensiero più individuale come: Juliette Favez-Boutonier , Daniel Lagache , Françoise Dolto , André Green o Didier Anzieu .

Influenza della psicoanalisi

La psicoanalisi ha avuto una profonda influenza sulla maggior parte delle scienze umane  : sull'etnologia (con Géza Róheim e l' etnopsicanalisi ), sull'antropologia e sulle scienze giuridiche (con il giurista Pierre Legendre ), sul marxismo (dal freudomarxismo e con Herbert Marcuse ) e sulla scienza politica. La filosofia del XX °  secolo è stato in grado di alimentare il contributo della psicoanalisi da Paul Lawrence Assoun e attraverso personaggi come Jean-Paul Sartre , Deleuze , Jacques Derrida , Felix Guattari , René Girard , Jean-Francois Lyotard o Michel de Certeau . Il sociologo Norbert Elias , pur prendendo le distanze dal movimento psicoanalitico , riconosce i progressi di Freud, che propone, secondo lui, "il modello più chiaro e più avanzato della persona umana" . Il filosofo Paul Ricoeur lo pone al fianco di Karl Marx e Friedrich Nietzsche come uno dei tre grandi "maestri del sospetto" , di coloro che hanno indotto il dubbio nella concezione filosofica classica del soggetto .

Lo studio psicoanalitico della questione psicosomatica è importante anche in medicina con, ad esempio, i contributi di Franz Alexander e quelli di Michael Balint in Inghilterra: i “  Gruppi Balint  ” sono guidati da psicoanalisti , per i medici, e in relazione al pratiche di quest'ultimo, sulla base di studi di casi. In Francia, Pierre Marty , Michel Fain e Michel de M'Uzan per le affezioni somatiche, Françoise Dolto per la pediatria e Didier Anzieu per i gruppi sono esempi di applicazioni della psicoanalisi al di fuori del campo del trattamento standard. Nell'arte, il surrealismo di André Breton rivendica la psicoanalisi. L'influenza è importante anche nel campo dell'interpretazione artistica o letteraria. La nozione di sublimazione , e, più in generale, la teoria freudiana nell'arte, è stata ripresa da Deleuze e Guattari , René Girard , Jean-François Lyotard , oltre che nell'estetica , nella storia dell'arte e negli studi culturali .

Principali concetti freudiani

L'inconscio

Freud ha introdotto nelle scienze umane una nuova concezione dell'inconscio . Per molto tempo si era notato che certi fenomeni sfuggono alla coscienza . I filosofi Leibniz e Arthur Schopenhauer ritengono che ci sia uno sfondo alla coscienza. Il poeta tedesco Novalis è il primo ad usare la parola “inconscio”, nella continuità delle tesi post-romantiche di Karl Robert Eduard von Hartmann con la sua opera “  Philosophie des Unbewussten  ” ( Filosofia dell'inconscio ) nel 1869 ma soprattutto di Carl Gustav Carus ( Psiche  " , 1851 ), quest'ultimo immaginando un "inconscio assoluto" e un "inconscio relativo". La teoria di Freud è direttamente collegata al loro lavoro. Freud deve anche alla psicologia sperimentale , e in particolare all'approccio dell'isteria . I fenomeni dell'ubriachezza o della trance forniscono infatti esempi dell'abolizione della coscienza. Ora, l'inconscio che Freud introduce non è semplicemente ciò che non si riferisce alla coscienza, come in von Hartmann. Per "inconscio", si intende allo stesso tempo un certo numero di dati, informazioni, ingiunzioni tenuti al di fuori della coscienza, ma comprende anche tutti i processi che impediscono a determinati dati di raggiungere la coscienza e consentono ad altri di accedervi, come il refoulement , il principio di realtà , il principio di piacere , la pulsione di morte. Pertanto, Freud considera l'inconscio come l'origine della maggior parte dei fenomeni consci stesso, e questo in modo nettamente differenziato dai suoi predecessori, perché si evolve dinamicamente.

L' inconscio è la "tesi inaugurale della psicoanalisi" grazie al lavoro di Freud. In Alcune osservazioni sul concetto di inconscio in psicoanalisi ( 1912 ), il viennese si propone di descrivere la specificità del concetto. Fa una presentazione gerarchica della nozione, che designa anzitutto il carattere o l'attitudine di una rappresentazione o di qualsiasi elemento psichico presente in modo intermittente nella coscienza e che non sembra dipendere da essa. Su questo punto Freud si richiama alla teoria dello psichiatra francese Hippolyte Bernheim riguardo all'esperienza suggestiva e all'ipnosi . Inoltre, la nozione raggruppa l'osservazione di una dinamica specifica di questa rappresentazione inconscia, il cui esempio più rivelatore è il fenomeno dell'isteria . L'inconscio freudiano acquisisce quindi il suo qualificatore di "psichico". Un terzo livello poi completa la nozione così come è accettata in psicoanalisi  : il livello sistemico mediante il quale l'inconscio manifesta le proprietà di un sistema (che Freud designa con l'abbreviazione Ubw , “Ics” in francese). I primi psicoanalisti potrebbero parlare di questo tema di “  subconscio  ”, termine subito scartato da Freud, perché impreciso a spiegare un sistema esistente sui generis , e, quindi, indipendente dalla coscienza.

Le tre istanze dell'apparato psichico

Nel suo primo argomento , cioè nel secondo modello teorico di rappresentazione del funzionamento psichico proposto nel 1920, Freud distingue tre istanze: l' inconscio , il preconscio e il conscio . Nel secondo tema , l'apparato psichico comprende l'Es, l'Io e il Super-Io, tre ulteriori istanze fondanti della psicoanalisi. L'Id ( Es ) è presente dalla nascita; queste sono manifestazioni somatiche. Se l'Es è inaccessibile alla coscienza, i sintomi della malattia psichica e dei sogni ce lo lasciano intravedere. L'Es obbedisce al principio del piacere e cerca la soddisfazione immediata. L'ego ( Ich ) è in gran parte cosciente, è il riflesso di ciò che siamo nella società; cerca di evitare le eccessive tensioni del mondo esterno così come la sofferenza, grazie, in particolare, ai meccanismi di difesa ( rimozione , regressione , razionalizzazione , sublimazione , ecc.) presenti nella parte inconscia di questa istanza. L'ego è l'entità che rende possibile la vita sociale. Segue il principio di realtà . Sebbene il Super - io ( Über-Ich ) esista dalla nascita e che, fino all'età di cinque anni, il bambino che eredita l'autorità genitoriale, gruppale e sociale immagazzini una serie di regole di etichetta da osservare, il Super-io si sviluppa soprattutto quando il complesso di Edipo è risolto. A causa delle pressioni sociali, interiorizzando le regole morali o culturali dei suoi genitori e del gruppo, il bambino, poi l'adulto, praticano la repressione . Infatti, il Super-Io punisce l'Io per le sue deviazioni attraverso il rimorso e il senso di colpa.

Libido infantile e sessualità

Le pulsioni sessuali sono concepite da Freud come un'energia, che chiama “libido” (“desiderio” in latino). Queste pulsioni sono suscettibili di molte trasformazioni e adattamenti a seconda della personalità e dell'ambiente. La libido è infatti essenzialmente plastica e la sua rimozione è il più delle volte all'origine di disturbi psichici mentre la sua sublimazione spiega le produzioni culturali, intellettuali e artistiche dell'umanità. La dottrina freudiana della libido è stata spesso criticata come “  pansessualismo  ” materialista. Costituendo la base della metapsicologia freudiana, il concetto di libido, descritto in Tre saggi sulla teoria sessuale (1905/1915/1920), è legato a quello di pulsione  : «La teoria della libido permette di misurare la complessità. la sessualità umana, la cui natura bifasica rende impossibile ridurla a una funzione biologica” , anche se si deve considerare la presa in considerazione della funzione di procreazione. La sua natura, infatti, è pregenitale e simbolica, e la sua fissazione condiziona la formazione della nevrosi .

Freud è il primo a sviluppare una concezione della sessualità infantile. L'idea di "sessualità infantile" è stata formalizzata soprattutto nel 1905 nell'opera Tre saggi sulla teoria sessuale , ma deriva da lavori precedenti, in particolare dalla teoria della seduzione , abbandonata nel 1897, e con la quale Freud sottolinea. la sessualità infantile attraverso il suo aspetto istintuale . Descrive l'esistenza di una radicale opposizione tra sessualità primaria e sessualità adulta, segnata dal primato del genitale, e sessualità infantile , dove le finalità sessuali sono molteplici e le zone erogene numerose, al punto che Freud è spesso considerato lo scopritore della sessualità del bambino. Gradualmente, tra il 1913 e il 1923, questa tesi fu rivista con l'introduzione della nozione di "stadi pregenitali", che precedono l'instaurazione dello stadio genitale propriamente detto, e che sono: lo stadio orale , lo stadio anale e lo stadio fallico ( cfr. sopra ). Freud si propone così di spiegare l'evoluzione del bambino attraverso caratteri istintuali di natura sessuale che si evolveranno attraverso diversi stadi psico-affettivi, per poi sfociare nella sessualità genitale adulta. Oggi è un'importante base teorica in psicologia clinica o psichiatria infantile .

Sogni

Odilon Redon , Muse sur Pégase , 1900.

Secondo Freud, “l'interpretazione dei sogni è la via maestra che conduce alla conoscenza dell'inconscio” . I sogni sono infatti, nel modello psicoanalitico, rappresentazioni di desideri repressi nell'inconscio dalla censura psichica (il Super-io). I desideri si manifestano così nel sogno in modo meno represso rispetto allo stato di veglia. Il contenuto manifesto del sogno è il risultato di un lavoro intrapsichico che mira a mascherare il contenuto latente , ad esempio un desiderio edipico. Nel trattamento psicoanalitico, il lavoro si basa sull'interpretazione dal racconto (contenuto manifesto) del sogno. Le associazioni del paziente con il suo sogno consentono di rivelarne il contenuto latente; questo "  lavoro onirico  " ( Traumarbeit ) si basa su quattro processi fondamentali. Innanzitutto il sogno condensa , come se obbedisse a un principio di economia psichica, vale a dire che un'unica rappresentazione concentra più idee, più immagini, desideri talvolta anche contraddittori. In secondo luogo, il sogno è decentrato e il desiderio deformato è fissato su un altro oggetto rispetto a quello a cui mira, o su più oggetti fino al punto di essere disperso, il che costituisce "uno spostamento dell'accento emotivo" . Inoltre, il sogno è un'illustrazione (o "figurabilità") del desiderio, nel senso che non lo esprime né in parole né in fatti, ma in immagini; il simbolo onirico secondo la psicoanalisi è dunque una "rappresentazione sostitutiva dell'oggetto e del fine del desiderio (...) tipica e di uso universale" . Infine, anche il sogno è il prodotto di un'attività inconscia, ma molto vicina all'attività vigilante in quanto si sforza di dargli una parvenza di plausibilità, organizzazione, logica interna (questa è l'"  Elaborazione secondaria  ").

A livello epistemologico, il gesto di Freud consiste nel reintrodurre nella psicologia la produzione onirica. Rompe con l'idea romantica di un sogno contenente una chiave o un segreto e solo il lavoro onirico spiega la sua natura: la produzione insieme complessa e immanente della psiche che è simile a un rebus . Questa teoria dei sogni ( Traumlehre ) è per Freud ciò a cui ha potuto elevarsi la psicoanalisi: dapprima semplice terapia avrebbe potuto diventare, secondo lui, una metapsicologia generale. La scienza dei sogni in psicoanalisi è alla base di tutto il resto del suo edificio teorico: "Il sogno assume il suo significato paradossale in quanto mostra l'inconscio all'opera in qualsiasi soggetto e che, come un normale prototipo, mette in luce questo altra formazione gemellare che è il sintomo nevrotico” .

Impulsi e repressione

“Concetto fondamentale della metapsicologia” freudiano, la pulsione ( Trieb ) risponde a una definizione polisemica. Eccitazione psichica, concetto-confine tra psichico e somatico, è definita da una spinta ( Drang ), una meta ( Ziel ), un oggetto ( Objekt ) e una fonte ( Quelle ). Essa condiziona la rappresentazione così come l' affetto . Gli impulsi traggono origine da un'eccitazione corporea e, in questo, sono vicini all'istinto . A differenza di uno stimolo, la pulsione non può essere evitata o fugge e chiede di essere scaricata nella coscienza. Secondo Freud, ci sono tre modi per scaricare una pulsione: sognando , fantasticando e sublimando . Freud distingue dapprima due gruppi di pulsioni: quelle dell'Io (o autoconservazione) e le pulsioni sessuali. Successivamente, e nei suoi scritti successivi, distinse altri due grandi tipi di impulsi: l'istinto di vita (l'“Eros”) e l'istinto di morte (il “Thanatos”). Eros rappresenta l'amore, il desiderio e la relazione, mentre Thanatos rappresenta la morte, gli impulsi distruttivi e aggressivi. Thanatos tende a distruggere tutto ciò che Eros costruisce (la perpetuazione della specie, per esempio). Il masochismo è un tipico esempio.

Lo scarico ( Verdrängung ) "pietra angolare" della psicoanalisi, è anche il concetto più antico della teoria freudiana. Già nel 1896, Freud individuò infatti un meccanismo di difesa primario, che poi paragonò alla censura e che struttura a priori l'Io e, in generale, la psiche. La rimozione è sia il rifiuto di un impulso che l'azione psichica di mantenere questa distanza. Frontiera tra il conscio e l'inconscio, la “clausola di censura” attesta anche che l'inconscio è effettivamente “lavoro” e processo, e non solo un principio.

Il complesso di Edipo

“Il complesso di Edipo è senza dubbio la parola più famosa del vocabolario psicoanalitico, quella che più sicuramente serve a designare il freudismo” . Freud teorizza il complesso di Edipo nel suo primo argomento . Questo è definito come il desiderio inconscio di fare sesso con il genitore del sesso opposto (questo è incesto ) e il desiderio di eliminare il genitore rivale dello stesso sesso ( parricidio ). Così, il fatto che un ragazzo si innamori di sua madre e desideri uccidere suo padre risponde all'imperativo del complesso di Edipo. È nella lettera a Wilhelm Fliess diche Freud evoca per la prima volta il complesso, ma fu già nel 1912 e nel 1913 che “l'Edipo” entrò completamente nel pensiero clinico di Freud. Quest'ultimo si sforza di studiarne l'universalità, nel libro Totem et Tabou . Freud avanza la seguente tesi: quella della "vocazione civilizzatrice del complesso" , sintetizzata da Roger Perron: "in tempi antichissimi gli uomini erano organizzati in un'orda primitiva dominata da un grosso maschio dispotico che monopolizzava le donne e le teneva lontane. figlio, anche a costo della castrazione. "

Per lui, la struttura della personalità si crea in relazione al complesso di Edipo e alla sua relazione con la funzione paterna ( imago del padre). Il complesso di Edipo si verifica durante la fase fallica. Questo periodo si conclude con l'associazione tra la ricerca del piacere e una persona esterna, la madre. Il padre diventa il rivale del figlio; quest'ultimo teme di essere punito con la castrazione in conseguenza del suo desiderio per la madre . Il bambino quindi reprime i suoi desideri, che alimenta il suo Super-io durante il suo sviluppo, con la nascita in lui di sentimenti di colpa e di pudore, tra gli altri, e attraverso il complesso di castrazione . Il complesso verrebbe quindi trasmesso di generazione in generazione e con esso il relativo senso di colpa . Freud ha sempre cercato di collegare questi concetti, e in particolare quello del complesso di Edipo, a una teoria generale della filogenesi (della storia dell'umanità come specie).

Le cinque fasi dello sviluppo psico-emotivo

Secondo Freud, come lo descrive nel suo saggio “L'organizzazione genitale infantile” ( “  Die infantilorporation  ” , 1923 ), l'elaborazione del complesso di Edipo rappresenta una tappa costitutiva dello sviluppo psichico dei bambini. Il desiderio per la madre nasce infatti fin dai primi giorni di vita e interessa tutto il suo sviluppo psichico (psicogenesi). La madre è, da un lato, la “nutritrice” e, dall'altro, colei che fornisce il piacere sensuale, attraverso il contatto con il seno e la cura del corpo. Il bambino, che sia femmina o maschio, fa di loro quindi il primo oggetto d'amore che resta determinante per tutta la loro vita amorosa. Questa relazione oggettuale è così investita di sessualità e si dispiega in cinque "fasi" libidici che trovano origine anche nella costituzione da parte del bambino della scena primitiva . La nozione di "fase" o "stadio" non va presa in senso letterale. Segnala il primato di una particolare zona erogena , ma non implica che il processo avvenga in modo meccanico e lineare. Il complesso di Edipo si dispiega quindi attraverso queste fasi secondo le proprie proprietà che si intrecciano fino a costituire un aggregato di pulsioni che, per i freudiani, trova il suo culmine intorno all'età di 5 anni . Freud arrivò a questo modello studiando il cosiddetto caso del “  piccolo Hans  ” nel 1909.

Fase orale Fase anale
(+ orale)
Fase fallica
(+ orale, + anale)
Periodo di latenza
(+ orale, + anale, + fallico)
Fase genitale
Fino a 18 mesi Dai 18 mesi ai 3 anni Da 3 anni a 7 anni
Situazione edipica
Dai 7-8 anni Adolescenza

La "  fase orale  " costituisce l'organizzazione psichica del primo anello. Il cibo che passa per la bocca è infatti la prima fonte di sensualità. Il piacere prodotto dalle zone erogene si appoggia su questo legame vitale per poi allontanarsene, ad esempio durante i preliminari sessuali degli adulti. Differenziamo la "fase orale della suzione" dalla "fase orale del mordere" che inaugura una manifestazione di aggressività basata sull'ambivalenza insita nella relazione oggettuale. Per i kleiniani il complesso edipico si manifesta già in questa fase orale e il suo declino avviene con l'avvento della posizione depressiva . Quindi, la "  fase anale  ", che va da 1 a 3 anni circa , è legata al piacere di controllare le proprie vie escretrici. La “  fase fallica  ” (o “genitale infantile”), dai 3 ai 6 anni circa , è legata alla masturbazione . Vive l'emergere e poi il conflitto edipico nella sua fase più acuta. La "fase di latenza" si estende poi dai 6 anni alla preadolescenza, e corrisponde al declino del complesso edipico da parte della rimozione delle pulsioni sessuali che vengono messe al servizio della conoscenza (o "epistemofilia") che dura fino all'adolescenza e che è reso possibile dal processo di sublimazione . Questa "latenza" è piuttosto relativa e può variare a seconda degli individui, delle circostanze e dei tempi di sviluppo.

La cura psicoanalitica

Etica e quadro terapeutico

Divan iconico psicanalista Freud ( Museo Freud di Londra )

Il trattamento psicoanalitico, comunemente noto come “  psicanalisi  ” o anche “cura tipica”, designa la pratica psicoterapeutica sviluppata da Sigmund Freud poi dai suoi successori e ispirata alla “  cura del parlare  ” di Josef Breuer . La pratica della psicoanalisi fu progressivamente distinta da Freud da quest'ultima, oltre che da quella dell'ipnosi . Il trattamento psicoanalitico si applica più ampiamente a tutta una serie di trattamenti più o meno derivati ​​dalla psicoanalisi al punto che Jean Bergeret fa del suo uso con certi psicoanalisti un abuso di linguaggio. Verso la fine della sua vita, lo stesso Freud torna sull'efficacia della cura, ricordando che la psicoanalisi è soprattutto conoscenza. Di natura transferale, si basa su libere associazioni e parte dallo studio del sintomo (di cui la nevrosi è la manifestazione generale) per arrivare alla sua fonte, la pulsione rimossa. Questo contenuto censurato deve raggiungere la coscienza del paziente, che costituisce il suo trattamento.

La psicoterapia psicoanalitica sta attuando tutti i concetti evidenziati da Freud, ed in particolare quelli di "  libera associazione  " e neutralità (l'analista deve permettere alle idee spontanee del paziente di esprimersi, deve ascoltare senza dire nulla - tanto meno fare - che non disturbi associazioni dell'analizzando) e “  attenzione fluttuante  ” (l'attenzione dell'analista non dovrebbe focalizzarsi su un elemento o sull'altro del discorso dell'analizzando, ma rimanere attenta agli elementi inconsci che potrebbero sorgere). Inoltre, il quadro etico dell'analisi si basa sulla sincerità del paziente e sull'impegno dello psicoanalista alla neutralità e alla benevolenza. L'unico scopo dell'analisi è quindi, attraverso il lavoro del paziente e il lavoro interpretativo dello psicoanalista , sopprimere la rimozione che crea ripetizione; ma l'analizzando può prendere coscienza della rimozione solo se, in precedenza, è stata soppressa la resistenza che la sostiene.

I cinque casi fondanti

Sergei Pankejeff , noto come "L'uomo lupo", e sua moglie, nel 1910.

Freud effettua la sua prima analisi con Dora, il cui vero nome è Ida Bauer , che in due sogni alimenta fantasie sessuali invalidanti. Ma, a causa del transfert che avviene sulla sua persona, Freud non riesce a guarire Dora. Solo più tardi, in un poscritto, riconosce di non essersi reso conto di essere l'oggetto trasferibile del suo paziente innamorato. Il caso Dora fu descritto dal dicembre 1900 al gennaio 1901, ma Freud pubblicò il suo Frammento di un'analisi dell'isteria solo quattro anni dopo.

Freud accoglie quindi in analisi Ernst Lanzer , soprannominato "l'uomo ratto". Questa cura gli fornì materiale clinico, in particolare nello studio della nevrosi ossessiva . Il paziente mantiene la colpa in seguito alla punizione paterna per essersi masturbato , rendendolo nevrotico. Un terzo caso fondante della pratica psicoanalitica è quello di Herbert Graf , soprannominato "Piccolo Hans". Quest'ultimo, tuttavia, non è stato analizzato da Freud. Il bambino soffre di una fobia del cavallo, legata ad una fissazione psicoaffettiva a livello del complesso di Edipo . Comprendendo questo schema psichico, Herbert è guarito dalle sue fantasie. Un quarto caso è famoso nella letteratura psicoanalitica: quello di Sergei Pankejeff , detto "l'uomo coi lupi". Infine, con Daniel Paul Schreber ("Presidente Schreber"), Freud esamina i deliri psicotici e paranoici presenti in Memoires d'un névropathe du magistrat.

Polemiche e dibattiti

La questione dell'omosessualità

Freud rinuncia gradualmente a fare dell'omosessualità una disposizione biologica o un risultato culturale, ma piuttosto la assimila a una scelta psichica inconscia. Nel 1905 , in Tre saggi sulla teoria sessuale , parla di “inversione”, ma nel 1910 , in Un souvenir d'enfance de Léonard de Vinci , rinuncia a questo termine per scegliere quello di “omosessualità”. In una lettera del 1919 alla madre di una giovane paziente, Freud spiega: "l'omosessualità non è un vantaggio, ma non è nemmeno una cosa di cui vergognarsi, non lo è. Non è né un difetto né un degrado, né può essere classificata come una malattia. " Tuttavia, in tutta l'opera di Freud, ci sono diverse teorie e le domande sulla nascita dell'omosessualità nel soggetto: sono l'omosessualità adulta si presenta a volte come immaturo bloccando la libido negli stadio anale , a volte come un narcisistico di ritiro o anche come un'identificazione con la madre. Freud infatti ha affermato una volta che l'omosessualità deriva da un "arresto dello sviluppo sessuale". " Poi ha finalmente concluso che l'omosessualità è una scelta oggettuale inconscia.

Secondo Freud, l'omosessualità non è oggetto del trattamento analitico. Solo il senso di colpa che lo accompagna può dar luogo a una nevrosi . Infine, in una nota del 1915 ai Three Essays on Sexual Theory , spiega anche che “la ricerca psicoanalitica è decisamente contraria al tentativo di separare gli omosessuali dagli altri esseri umani come gruppo particolarizzato. […] Impara che tutti gli esseri umani sono capaci di una scelta di oggetto omosessuale e che hanno effettivamente fatto questa scelta nell'inconscio. “ Né Freud né i suoi discepoli, né i suoi eredi hanno fatto dell'omosessualità un concetto o un concetto unico della psicoanalisi” conclude Elisabeth Roudinesco , anche se la questione ha diviso gli psicoanalisti. Tuttavia, va fatta una distinzione tra l'omosessualità psichica in tutti gli esseri umani e l'omosessualità attiva. Secondo il critico Didier Eribon , gli psicoanalisti condividono un "inconscio omofobo" mentre per Daniel Borrillo , Freud e alcuni psicoanalisti (come Jacques Lacan ) fanno il lavoro dell'omofobia classificando l'omosessualità tra le "inversioni". Tuttavia, non va dimenticato che Freud ha lasciato questa classificazione.

Cultura e natura

Charles Darwin di cui Freud ammirava le teorie.

Per Freud la cultura ( Kultur ) designa l'insieme delle istituzioni che allontanano l'individuo dallo stato animale. La natura quindi corrisponde a emozioni, istinti , impulsi e bisogni. L'essere umano è costantemente in lotta contro la sua natura istintiva e i suoi impulsi, che cerca di trattenere per vivere in società, senza i quali l'egoismo universale porterebbe il caos. Tuttavia, Freud opera una costante confusione nei suoi scritti tra civiltà da un lato e cultura dall'altro. Più alto è il livello della società, maggiori sono i sacrifici dei suoi individui. Imponendo soprattutto la frustrazione sessuale, la civiltà ha un effetto diretto sulla genesi delle nevrosi individuali. Il testo del 1929, Malaise dans la civiltà , sostiene la tesi che la cultura sia la causa principale delle nevrosi e delle disfunzioni psichiche. Con le regole chiare che le impone, la cultura protegge l'individuo, anche se richiede conseguenti rinunce pulsionali . Questi vincoli possono spiegare perché c'è una rabbia e un rifiuto - spesso inconsapevole - nei confronti della cultura. In cambio, la cultura offre una compensazione per i vincoli ei sacrifici che impone, attraverso il consumo, l'intrattenimento, il patriottismo o la religione.

Nel saggio "Une difficoltà de la psychanalyse" pubblicato nel 1917, e nelle sue lezioni introduttive alla psicoanalisi, scritte durante la prima guerra mondiale , Freud spiega che l'umanità, nel corso della sua storia, ha già subito "due grandi vessazioni inflitte dalla scienza alla sua autostima . La prima, spiega, risale al momento in cui Nicola Copernico stabilì che "la nostra Terra non è il centro dell'universo, ma una minuscola parte di un sistema del mondo appena rappresentabile nella sua immensità" . La seconda, secondo lui, avviene quando la biologia moderna - e Darwin in primis - "restituì l'uomo ai suoi discendenti dal regno animale e al carattere indelebile della sua natura bestiale" . E aggiunge: "La terza seccatura, e la più amara, megalomania umana la deve subire dall'odierna ricerca psicologica, che vuole dimostrare all'ego che non è padrone nemmeno in casa sua. , ma che si riduce a informazione parsimoniosa. su ciò che si gioca inconsciamente nella sua vita psichica” . Secondo Freud, è la “rinuncia progressiva agli impulsi costituzionali” che permette all'uomo di evolversi culturalmente.

Religione

Definendosi un "incredulo", Freud è critico nei confronti della religione. Ateo convinto, crede che l'essere umano perda più di quanto guadagni dalla fuga che lei propone. Secondo lui, l'umanità deve accettare che la religione è solo un'illusione per uscire dal suo stato di infantilismo , e mette in relazione questo fenomeno con il bambino che deve risolvere il suo complesso di Edipo  : "queste idee [religiose], che professano di essere dogmi, non sono il residuo dell'esperienza o il risultato finale della riflessione: sono illusioni, il compimento dei desideri più antichi, più forti, più pressanti dell'umanità; il segreto della loro forza è la forza di questi desideri. Lo sappiamo già: l'impressione terrificante del disagio infantile aveva risvegliato il bisogno di essere protetti – protetti dall'essere amati – un bisogno che il padre ha soddisfatto” . Nel suo primo scritto sulla religione , Atti ossessivi ed esercizi religiosi , pubblicato nel 1907, spiega che il cerimoniale liturgico comporta necessariamente “atti ossessivi”. Si parla quindi di “cerimoniale nevrotico” . Secondo lui, “la rimozione, la rinuncia a certi impulsi istintivi sembra essere anche alla base della formazione della religione” . Quanto al legame che la pratica psicoanalitica mantiene con la religione, e in una lettera al pastore Pfister di, Freud afferma che “di per sé la psicoanalisi non è più religiosa che irreligiosa. È uno strumento apartitico di cui possono servirsi religiosi e laici, purché solo al servizio degli esseri sofferenti” .

Freud e la filogenesi

Basandosi sulle tesi di Charles Darwin , nel 1912, in Totem and Taboo , Freud spiega che l'origine dell'umanità si basa sulla fantasia di una "orda primitiva" in cui avviene il primitivo assassinio del padre come atto fondativo dell'azienda . Gli uomini vivevano in orde gregarie, sotto il dominio di un maschio onnipotente, che si appropriava delle donne del gruppo ed escludeva gli altri maschi. Questi ultimi poi commettono l'omicidio del “Padre primitivo”, parricidio che poi spiega il tabù dell'incesto come elemento costitutivo delle società. In Malaise dans la civiltà , Freud scompone l'evoluzione dell'umanità in tre fasi: una fase animista caratterizzata dapprima da narcisismo e totemismo primario, poi una fase religiosa segnata dalla nevrosi collettiva e infine una fase scientifica in cui predomina la sublimazione . Questa concezione dell'eredità filogenetica è stata criticata da antropologi, storici e invalidata dalla biologia . Secondo Plon e Roudinesco, per Freud si tratta solo di «ipotesi che egli considera come tante «fantasie»» .

Freud di fronte all'antisemitismo

L' antisemitismo non pesa un altrettanto nel corso della vita di Freud, e secondo i cambiamenti politici di Austria e la Germania all'inizio del XX °  secolo. Il sentimento antisemita ebbe un ruolo decisivo alla fine della sua vita, quando dovette fuggire dall'Austria di fronte alla minaccia nazista . Prima della prima guerra mondiale, come sottolinea Yerushalmi , "vorrei sottolineare che la sua consapevolezza del fenomeno precedette il suo ingresso all'Università di Vienna, ovvero la fine del Burgerminister liberale e l'ascesa dell'antisemitismo politico". Dal 1917, la censura degli articoli antisemiti sui giornali divenne meno severa e divenne comune vedere gli ebrei trattati come "profittatori di guerra". Fu nel 1918 che l'antisemitismo raggiunse il suo apice, gli ebrei divennero esplicitamente i capri espiatori per tutte le disgrazie che colpiscono l'Austria. Nel 1933 le opere di Freud furono bruciate dai nazisti, che videro in esse una “scienza ebraica” (per usare la formula del partito nazista) contraria allo “spirito tedesco”: “Nella Germania del 1933, dopo che si era bruciate le opere di Freud, era diventato evidente che il regime guidato dai nazisti, che aveva appena ottenuto il potere, non lasciava spazio alla psicanalisi. " Con l' annessione dell'Austria alla Germania, molti psicoanalisti hanno dovuto interrompere la loro pratica o emigrare quando non venivano uccisi o mandati nei campi di concentramento perché ebrei. La segregazione si sviluppò per la prima volta in Ungheria, specialmente sotto il regime di Miklós Horthy . Poi si diffuse in Germania già negli anni '20 e in Austria. Da allora la maggior parte di coloro che sopravvissero emigrò negli Stati Uniti (oltre che nel Regno Unito, in Francia, in Sudamerica, Max Eitingon nel frattempo andò in esilio in Palestina ).

Henri Ellenberger ha fatto uno studio approfondito della situazione degli ebrei in tutta la regione e sostiene che Freud ha esagerato l'impatto dell'antisemitismo nella sua mancata nomina a un posto accademico di professore straordinario. Argomenta la sua tesi in maniera documentata. Altri storici ritengono che Ellenberger abbia sminuito il fenomeno viennese, che nel 1897 elesse sindaco Karl Lueger, dichiaratamente antisemita. Il padre di Freud era stato vittima di un atto antisemita, che raccontò al figlio. Fin dai suoi inizi, la psicoanalisi freudiana è stata accusata di essere una "scienza ebraica". Scrive Martin Staemmler, in un testo del 1933: “La psicoanalisi freudiana costituisce un tipico esempio della disarmonia interna della vita dell'anima tra ebrei e tedeschi. […] E quando andiamo ancora oltre e portiamo nella sfera sessuale ogni movimento della mente e ogni cattiva condotta del bambino […], quando […] l'essere umano n' altro non è che un organo sessuale attorno al quale il corpo vegeta, allora bisogna avere il coraggio di rifiutare queste interpretazioni dell'anima tedesca e di dire a quei signori dell'entourage di Freud che non devono solo fare i loro esperimenti psicologici su materiale umano che appartiene alla loro razza” . Per Lydia Flem , Freud e Theodor Herzl , ognuno a modo suo, rispondono alla crisi dell'identità ebraica, il primo immaginando un argomento psichico, il secondo sognando un paese geografico per il popolo ebraico.

Su ebraismo e sionismo

Élisabeth Roudinesco , in un articolo del 2004 in cui studia una “lettera inedita di Freud sul sionismo e la questione dei luoghi santi” evoca la posizione di Freud che rifiuta, in questa lettera, di sostenere pubblicamente la causa sionista in Palestina e la accesso degli ebrei al Muro del Pianto, come richiesto nel 1930 da Chaim Koffler, un membro viennese di Keren Ha Yesod . Ricorda in questo articolo che l'"ebraicità" di Freud, che egli "non ha mai negato", era una "identità di un ebreo senza Dio, di un ebreo viennese assimilato - e della cultura tedesca" . Questa lettera, considerata sfavorevole alla causa sionista, non fu resa pubblica, e rimase inedita, anche se, come ci ricorda Elisabeth Roudinesco, Freud ebbe «più volte occasione di esprimere sul sionismo, sulla Palestina e sui luoghi santi un'opinione identica a quella quella indirizzata a Keren Ha Yesod” . Nello stesso giorno inviò anche una lettera ad Albert Einstein, nella quale sviluppava le stesse idee di “empatia nei confronti del sionismo” di cui “non avrebbe mai condiviso l'ideale” e di “sfiducia nei confronti del sionismo”. la creazione di uno stato ebraico in Palestina» .

Ricerca sulla cocaina

La scoperta dell'alcaloide della pianta della coca è contemporanea alla ricerca di Freud, che cerca di utilizzarla per la guarigione psichica. Nel 1884 i laboratori Merck affidarono a Freud l'incarico di condurre esperimenti sulla sostanza. Prima di creare la psicoanalisi, Freud studiò questo prodotto e pensò di potergli dare tutti i tipi di indicazioni mediche, specialmente nel trattamento della nevrastenia. Freud lavorò sulle proprietà anestetiche della cocaina con due colleghi, Carl Köller e Leopold Königstein, già nel 1884. Tuttavia, non ebbe il tempo di testarne il potere narcotico e dovette lasciare Vienna. I suoi colleghi hanno continuato gli esperimenti, soprattutto nel contesto della chirurgia oculare, e hanno finito per presentare la loro scoperta alla Società medica di Vienna senza menzionare il ruolo pionieristico di Freud.

Anche Freud occasionalmente consumava cocaina. All'epoca questa sostanza recente non era vietata, era comune il consumo di vari prodotti a base di cocaina (la Coca-Cola la conteneva fino al 1903) e apparve ad alcuni medici americani come una panacea. Freud lo usò tra il 1884 e il 1887 e scrisse persino un testo su questa droga: “  Über Coca  ” . Lo prescrisse anche per applicazione nasale fino al 1895, quando iniziò la sua autoanalisi. In un articolo dal 1886, il D r Albrecht Erlenmeyer mette in guardia la comunità medica in termini specifici, chiamando la cocaina "terza piaga dell'umanità" . Di fronte a critiche in crescita, il D r Johann Schnitzler, in un articolo sulla rivista Internationale Klinische Rundschau nel 1887, difende Freud, accusato di aver diffuso il ricorso. Quest'ultimo scrisse un ultimo articolo sulla cocaina nel 1887 e afferma che è il soggetto ad essere predisposto e non la droga a provocare la dipendenza . Quindi abbandona completamente il suo studio dopo aver suggerito al suo amico Ernest von Fleischl-Marxrow di usarlo per curare la sua dipendenza dalla morfina . Freud sperava di curare la sua dipendenza con la cocaina. Tuttavia, Fleischl von Marxow diventa dipendente dalla cocaina, poi ritorna alla morfina e muore prematuramente all'età di 45 anni , lasciando a Freud un fortissimo senso di colpa. Non essendo egli stesso dipendente, Freud non conosceva il fenomeno della dipendenza né i casi riportati nella letteratura medica contemporanea.

Freud e il marxismo

Clotilde Leguil osserva che Freud in Le malaise dans la civilizzazione paragona l'effetto della religione sulla psiche con quello dei narcotici. Freud situa la sua tesi nel lignaggio di quello di Marx che potrebbe affermare non solo che è "l'oppio dei popoli" , ma anche che "la religione è solo il sole illusorio che gira intorno all'uomo finché l'uomo non gira intorno a se stesso". ” .

Recensioni

Dissenso e scismi in psicoanalisi

Le principali liti portano, durante lo sviluppo del movimento psicoanalitico, a grandi scissioni, prima quella di Alfred Adler (che poi fondò la psicologia individuale ), poi quella di Carl Gustav Jung, iniziatore della psicologia analitica . I punti di disaccordo teorici sono numerosi, legati alla libido, al complesso di Edipo o addirittura all'importanza della sessualità nella psiche. Queste controversie iniziano negli anni 1907 e 1911. Definiti da Freud gli “apostati”, Adler prima, Jung poi, si oppongono poi alla concezione della libido come essenzialmente di origine sessuale e che essi vedono piuttosto come “pulsione di vita” in il senso ampio. Freud teme soprattutto che i dissidenti dirottino la teoria e la pratica psicoanalitica. Paul-Laurent Assoun sottolinea infatti che entrambi dicono di voler mettere la psicoanalisi nella giusta direzione, e salvarla dal culto della personalità formatosi intorno a Freud. La competizione tra le varie scuole, principalmente tra il circolo viennese e la scuola zurighese di Jung, inferse il colpo più duro al giovane movimento psicoanalitico, e questo dal 1913, con la defezione di Jung. Le altre divergenze interne riguardano, ad esempio, la precocità del Super-io come descritto da Melanie Klein o Donald Winnicott , con il quale, liberandosi dell'eredità freudiana e integrandone i contributi, inizia il post-freudianesimo. L'opposizione con Wilhelm Reich riguarda essenzialmente differenze fondamentali riguardanti la pratica del trattamento psicoanalitico, in particolare riguardo alla regola dell'astinenza.

Su Freud e le guerre di Freud

Per lungo tempo la maggior parte dei lavori su Freud si riferiva quasi esclusivamente alla biografia di Ernest Jones , criticata per i suoi aspetti agiografici . Dopo gli studi critici di Pierre Janet , Karl Popper , seguirono nuove ricerche storiche avviate da Henri Ellenberger , seguite da altri autori più critici come quelli di Mikkel Borch-Jacobsen o Jacques Van Rillaer o Jacques Bénesteau.

Una collezione molto ampia di scritti originali e lettere freudiane si trova nella Collezione Sigmund Freud della Biblioteca del Congresso di Washington .

Su Freud ai suoi tempi

I contemporanei di Freud, come Karl Kraus ed Egon Friedell , hanno mosso varie critiche; Kraus rifiuta l'interpretazione sessuale psicoanalitica in letteratura, mentre Friedell chiama la psicoanalisi una “pseudo-religione ebraica” e una “setta”.

Paul Roazen pubblica uno studio sulle complesse relazioni tra Freud, Victor Tausk e Helene Deutsch . Tausk aveva chiesto un'analisi a Freud, che l'aveva rifiutata, prima di inviarla a Deutsch. Quest'ultimo era allora esso stesso in analisi con Freud. Questa situazione è discussa da Roazen, che la mette in relazione anche con le altre cause del suicidio di Tausk. Esistono molti altri critici accreditati da documenti storici .

Le guerre di Freud negli Stati Uniti

Secondo Samuel Lézé, le Guerre Freud , che egli osserva come un "enigma locale" , sono un'espressione comune sulla Stampa negli Stati Uniti tra il 1993 e il 1995: si tratta di una "serie di polemiche" di cui, curiosamente, il oggetto "incentrato principalmente sulla personalità di Freud  " , mentre ancora, precisa Lézé, la psicoanalisi "non è stata al posto di guida della psichiatria americana" almeno dalla metà degli anni '80 e le facoltà di psicologia non sono state lì. 'insegnare di più. Un remake è avvenuto in Francia dieci anni dopo tra il 2005 e il 2010 in occasione del Libro nero della psicoanalisi e soprattutto del Crepuscolo di un idolo. L'affabulazione freudiana di Michel Onfray . Secondo Samuel Lézé, la posta in gioco di questa “guerra degli strizzacervelli” nei media e nei saggi critici francesi è infatti politica: “una nuova generazione di professionisti della salute mentale intende prendere il posto della vecchia generazione formata nell'ambito della psicoanalisi in primi anni Ottanta” .

In una recensione dell'opera di Lézé, Yannis Gansel afferma che “negli Stati Uniti, dove l'influenza religiosa e la costruzione della giurisdizione medica sui “problemi personali” contengono la psicoanalisi in ambito clinico, c'è un "Freud scientifico" che i critici scopo "per . Secondo Gansel, Lézé descrive nel suo libro "il "dibattito immobile" e l'interminabile "cerimonia di degradazione" operata dagli antifreudiani . Il movimento antifreudiano opera infatti sotto due aspetti: quello di una critica razionale (un dibattito) e quello di una denuncia morale corrispondente a una degradazione. Per Yannis Gansel, l'originalità del libro consiste nel “mostrare quanto la critica dipenda dall'icona che intende seppellire” .

Critiche teoriche

In Francia, la critica teorica è rappresentata da un'opera collettiva e multidisciplinare, Le Livre noir de la psychanalyse (2005), un corpo di articoli pubblicati sotto la direzione di Catherine Meyer, e che riflette diversi decenni di critica contro Freud. . Vengono discussi la maggior parte dei punti critici, dalla natura scientifica della psicoanalisi alla personalità di Freud, comprese le contraddizioni, la sospetta fabbricazione di casi psicopatologici e le false cure. Sulla base di studi epidemiologici, secondo questi autori si evidenzia la bassa efficacia terapeutica del metodo psicoanalitico rispetto ad altre tecniche psicoterapeutiche, come le terapie cognitivo-comportamentali . Questo libro ha suscitato reazioni in vari ambienti psichiatrici, terapeutici e psicoanalitici, rilanciando così i conflitti di interesse sottostanti. In risposta a queste critiche, la psicoanalista Élisabeth Roudinesco ha curato un libro intitolato Pourquoi tant de haine : anatomia dal Libro nero della psicoanalisi (2005). Altri psicoanalisti e psichiatri hanno criticato il libro.

Frank Sulloway , dal canto suo, in Freud biologiste de esprit (1979), sviluppò la tesi secondo la quale Freud avrebbe prodotto un modello "criptobiologico" per nascondere le sue teorie biologiche riconosciute già a suo tempo obsolete da alcuni suoi sostenitori, Ernst Kris , per presentare la psicoanalisi come una teoria rivoluzionaria e originale. Jacques Lacan , dal canto suo, ritiene che l'opera di Freud debba essere intesa dal punto di vista del linguaggio e non da quello della biologia, affermando in particolare che "l'inconscio è strutturato come un linguaggio".

Il saggista francese Michel Onfray ha pubblicato nell'aprile 2010 Le Crépuscule d'une idole: l'affabulazione freudiana , in cui rimprovera notevolmente a Freud di aver generalizzato il suo caso personale, di essere stato un medico mediocre, di aver sviluppato la teoria psicoanalitica senza seguire una guida scientifica approccio, mentendo sulle sue osservazioni e sulle cure ottenute, al solo scopo di assicurarne il successo personale e finanziario, e di aver fondato la comunità psicoanalitica su principi quasi settari. Sottolinea anche che Freud ha firmato una dedica a Benito Mussolini e che ha scritto L'uomo, Mosè e il nascente monoteismo del nazismo e dell'antisemitismo. L'interessato riprende le critiche al freudismo conosciute e sviluppate prima di lui, utilizzando una griglia interpretativa di ispirazione nietzscheana. Nel novembre 2010 pubblica Apostille au Twilight: for a Non-Freudian Psychoanalysis , in cui propone un modello psicologico che permette di “andare oltre” la psicoanalisi freudiana.

I lavori di Lionel Naccache sugli eventi di priming semantico inconscio hanno dimostrato l'esistenza di un inconscio cognitivo che non può essere equiparato all'inconscio freudiano. È stata anche criticata la teoria freudiana del sogno incentrata sulla soddisfazione allucinatoria del desiderio nascosto grazie ai meccanismi di spostamento, condensazione e drammatizzazione, sia nella funzione attribuita al sogno che nel suo processo. Secondo lo psicologo, sociologo e saggista G. William Domhoff e lo psicologo cognitivo David Foulkes, l'idea che la libera associazione consenta l'accesso al contenuto latente del sogno è invalidata da lavori di psicologia sperimentale che hanno concluso che è arbitraria. metodo.

Secondo il neuroscienziato Winson nel 1985, la libera associazione di Freud è un metodo valido che consente l'accesso a contenuti latenti. Il neuropsichiatra Allan Hobson ha criticato il lavoro di Domhoff criticandolo per aver ignorato i meccanismi neurobiologici che indaga e Drew Westen  (in) osserva che Foulkes condivide opinioni con la teoria di Freud, in particolare che esiste un contenuto latente e un contenuto manifesto che è la sua trasformazione, e che questa trasformazione fa parte di un linguaggio da decifrare. Secondo il neurologo Bernard Lechevalier , c'è compatibilità tra la concezione psicoanalitica dei sogni e le neuroscienze . Il ricercatore di neuroscienze e premio Nobel Eric Kandel ha mosso alcune critiche alla psicoanalisi, ma ammette che "rappresenta ancora la concezione della mente più coerente e intellettualmente soddisfacente".

Critici religiosi e politici

Nel 1952, Papa Pio XII tenne un discorso ai partecipanti al V ° Congresso Internazionale di Psicoterapia e Psicologia Clinica che riconosceva la psicoanalisi, ma relativizzava il potere descrittivo dei suoi concetti. Quindi, se la psicoanalisi descrive ciò che accade nell'anima, non può pretendere di descrivere e spiegare che cosa è l'anima per tutto ciò.

Prima della rivoluzione del 1917 , la Russia era il paese in cui Freud fu più tradotto. Dopo la presa del potere da parte dei bolscevichi, vi furono connessioni tra il pensiero di Freud e quello di Karl Marx . Tuttavia, successivamente, "quando Trotsky , che era molto favorevole alla psicoanalisi, fu condannato all'esilio nel 1927, la psicoanalisi fu associata al trotskismo e ufficialmente bandita" spiega Eli Zaretsky . Nel 1949, Guy Leclerc pubblicò su L'Humanité l'articolo "Psicoanalisi, ideologia della polizia bassa e spionaggio", in cui considera la psicoanalisi come una scienza borghese destinata a schiavizzare le folle. Pertanto, dopo averne accettato l'importanza con il freudomarxismo , il Partito comunista francese inizia la sua campagna contro la psicoanalisi, e più ampiamente contro la psicoanalisi in Francia .

Critiche epistemologiche

Parte della critica a Freud e alla psicoanalisi riguarda la questione della sua scientificità. Ludwig Wittgenstein , ad esempio, ha affermato: “Freud ha reso un disservizio con le sue fantastiche pseudo-spiegazioni. Qualsiasi asino ha ormai a portata di mano queste immagini per spiegare, grazie ad esse, fenomeni patologici. " Il filosofo Michel Haar ( Introduzione alla psicoanalisi. Analisi critica , 1973) e le cognitivisti Marc Jeannerod e Nicolas Georgieff elaborare il panorama di queste critiche che assumono epistemologia . I critici di Freud, nel suo tempo e oggi, infatti, talvolta mettono in discussione la scientificità del suo approccio, la sua metodologia (in particolare l'esiguo numero di casi, o l'interpretazione letteraria), anche il suo aspetto altamente speculativo, la sua incoerenza. di validazione sperimentale o studi clinici rigorosi (controllati e riproducibili), manipolazione di dati e risultati clinici e terapeutici.

In The Psychoanalysis on the Test (1992), Adolf Grünbaum spiega che Freud non dimostra nulla sul piano scientifico: "il carattere retrospettivo del test specifico del quadro psicoanalitico è incapace di autenticare in modo affidabile anche l'esistenza stessa dell'esperienza infantile retrodatata. (...), e ancor meno il suo ruolo patogeno. " Anche se critica della psicoanalisi, Grünbaum si oppone per un altro critico del lavoro di Freud: Karl Popper. Quest'ultimo spiega che: "Le "osservazioni cliniche", che vengono ingenuamente considerate dagli psicoanalisti come conferme della loro teoria, non sono più convincenti delle conferme quotidiane che gli astrologi trovano nella loro pratica. Quanto all'epopea freudiana dell'Io, del Super-Io e dell'Es, non può rivendicare uno status scientifico più serio delle storie che Omero raccolse sull'Olimpo. Queste teorie descrivono alcuni fatti, ma come miti. Contengono alcune delle affermazioni psicologiche più interessanti che non possono essere verificate. " La prova della sua falsificabilità (il"  falsificabilità  "in altre parole) occupa la maggior parte del loro dibattito. A differenza di Popper che considera la psicoanalisi inconfutabile e quindi pseudo-scientifica, Grünbaum pensa che certe affermazioni psicoanalitiche possano essere verificate, come il legame supposto da Freud tra paranoia e repressione dell'omosessualità (se la seconda fosse davvero la causa necessaria, la prima, meno omofoba società dovrebbero sperimentare una minore prevalenza di paranoia).

Secondo Vannina Micheli-Rechtman, i critici di Grünbaum e Popper non tengono sufficientemente conto dell'epistemologia specifica della psicoanalisi. Quindi, la psicoanalisi è soprattutto "una pratica di comunicazione e una pratica di cura", secondo Daniel Widlöcher , che ricorda questa frase di Lacan ""la psicoanalisi è una scienza delle azioni umane allo stesso modo di un certo numero di scienze dell'essere umano". esseri. azioni”. Vale a dire che è una pratica di azioni (facciamo qualcosa con qualcun altro) e da ciò deduciamo delle generalità che svilupperemo come modelli. La psicoanalisi costruisce modelli descrittivi allo stesso modo dell'economia o di altre scienze sociali, come l'etnologia. Tuttavia adotta la stessa razionalità della razionalità scientifica, come dimostrato, ad esempio, da Jean-Michel Vappereau . Ma dove le scienze sperimentali evacuano la soggettività per raggiungere l'oggettività, la psicoanalisi si attacca a ciò che è adatto a strutturare la soggettività, attraverso un oggetto (l'inconscio) e un protocollo (il "divano") che utilizza, sono puliti e perfettamente razionali.

Cronologia rapida

  • 1856: nascita a Freiberg in Moravia, l'odierna Repubblica Ceca.
  • 1860: la famiglia Freud si stabilisce a Vienna.
  • 1881: Freud ottiene la laurea in medicina all'Università di Vienna.
  • 1883: Freud studia il caso “Anna O”. portato alla sua attenzione da Josef Breuer.
  • 1885: Freud rimane al servizio di Jean-Martin Charcot alla Salpêtrière.
  • 1886: Freud si stabilisce come medico a Vienna e sposa Martha Bernays.
  • 1895: Freud inizia la sua autoanalisi e scopre Edipo.
  • 1896: primo uso del termine "psicoanalisi".
  • 1899: pubblicazione de L'interpretazione dei sogni .
  • 1905: pubblicazione di Tre saggi sulla teoria sessuale .
  • 1908: Freud e i suoi discepoli fondano la Società Psicoanalitica Viennese.
  • 1920: Freud sviluppa il secondo tema dell'apparato psichico.
  • 1938: dopo l'annessione dell'Austria da parte dei nazisti, Sigmund Freud va in esilio in Inghilterra.
  • 1939: Freud muore all'età di 83 anni , a Maresfield Gardens, Hampstead, Londra.

Lavori

Traduzioni

In francese, le prime traduzioni furono di articoli e in particolare di Henri Hoesli per la Revue française de psychanalyse . Traduzioni di libri, a volte raccolte di articoli, sono pubblicate da molti editori: Payot, Gallimard , PUF, Alcan. Anne Berman è stata ad esempio la traduttrice di diverse opere di Freud, Anna Freud ed Ernest Jones. La University Press of France ha pubblicato dal 1988 al 2019 le Opere complete di Freud/Psicoanalisi sotto la direzione scientifica di Jean Laplanche . Questa traduzione è stata oggetto di controversia, a causa di quella che Laplanche definisce "un'esigenza di fedeltà al testo tedesco" , ma che i suoi oppositori vedono come un esercizio formalista, fatto di neologismi che ne rendono difficile la comprensione. Il volume Translate Freud (1989) tenta di spiegare e giustificare i principi a cui si riferisce questa grande impresa di una nuova traduzione delle Opere complete di Freud in Francia.

In tedesco, tra il 1942 e il 1952, apparvero diciassette volumi, intitolati Gesammelte Werke . In inglese, tra il 1953 e il 1974 apparvero ventiquattro volumi con il titolo Standard Edition . Nel 2010 la situazione delle traduzioni delle opere è cambiata radicalmente quando gli scritti di Freud sono diventati di pubblico dominio .

Elenchi cronologici di testi freudiani (a scelta)

Gli scritti di Freud tradotti in francese, presentati di seguito con il primo anno di pubblicazione in tedesco tra parentesi, possono essere elencati secondo diverse fonti bibliografiche localizzate in opere su Freud, tra cui ad esempio la bibliografia stabilita da Élisabeth Roudinesco e quella stabilita da Jean- Michel Quinodoz . Con le nuove traduzioni PUF delle Opere complete di Freud / Psicoanalisi - OCF.P (1988-2019), gli scritti psicoanalitici di Sigmund Freud sono ora disponibili nella loro interezza in francese: l' Indice generale ( vol.  21) include un " Bibliografia di Freud" degli scritti di Freud tradotti nei venti volumi precedenti di OCF.P dove sono classificati nell'ordine cronologico della loro scrittura in tedesco e delle loro prime pubblicazioni.

Scritti del periodo prepsicoanalitico

Il periodo prepsicoanalitico comprende gli scritti di Freud risalenti alla sua formazione medica e ai suoi primi lavori.

  • "Scritti sulla cocaina" (1884), "Contributo alla conoscenza degli effetti della coca" (1885), raggruppati insieme ad altri articoli e corrispondenza sullo stesso argomento in De la cocaine ( trad.  dal tedesco), Bruxelles, Edizioni complesse ,, 95  pag. ( ISBN  2-914388-76-4 ). Tradotto di nuovo in Un po' di cocaina per sciogliere la lingua , Max Milo Éditions, 2005 ( ISBN  978-2870270004 )
  • Contributo alla progettazione dell'afasia  : uno studio critico (1891), Puf, 1996 ( ISBN  2130415474 )
  • "Charcot" (1893) in Risultati, idee, problemi , Paris, Puf, 1984

Scritti del periodo della cura catartica

Il primo argomento

Il secondo argomento

Corrispondenza

  • Sigmund Freud, Karl Abraham, Corrispondenza completa: 1907-1925 , Paris, Gallimard, coll. "La conoscenza dell'inconscio", 2006 ( ISBN  2-07-074251-2 )
  • Cartoline, appunti e lettere di Sigmund Freud a Paul Federn (1905-1938) , tradotte dal tedesco da Benjamin Lévy, con la collaborazione di C. Woerle per la trascrizione, Introduzione del Paul Federn Working Group (F. Houssier , D. Bonnichon , A. Blanc e X. Vlachopoulou), Les éditions d'Ithaque, 2018, ( ISBN  978-2-916120-87-4 )
  • Sigmund Freud, Sándor Ferenczi, Paris, Calmann-Lévy:
    • Corrispondenza 1908-1914 , t.  1 , 1996 ( ISBN  2702120857 )
    • Corrispondenza 1914-1919 , t.  2 , 1997.
    • Corrispondenza. 1920-1933 Gli anni dolorosi , t.  3 , 2000 ( ISBN  2702131050 )
  • Sigmund Freud, Ernest Jones, Corrispondenza completa, 1908-1939 , Paris, PUF, 1998, coll. "Storia della psicoanalisi", ( ISBN  2-13-048636-3 )
  • Sigmund Freud, Oskar Pfister, Corrispondenza con Pasteur Pfister, 1909-1939 , Gallimard, 1966, Paris, Gallimard, 1991, coll. "Tel", ( ISBN  2-07-072293-7 ) .
  • Lou Andreas-Salomé, Corrispondenza con Sigmund Freud: 1912-1936 , Paris, Gallimard, 1970 ( ISBN  2-07-027003-3 ) .
  • Sigmund Freud, Carl-Gustav Jung, Corrispondenza 1906-1914 , Parigi, Gallimard, 1992 ( ISBN  2-07-072159-0 ) .
  • Sigmund Freud, Ludwig Binswanger, Corrispondenza, 1908-1938 , Parigi, Calmann-Lévy, 1995 ( ISBN  2-7021-2374-0 ) .
  • Sigmund Freud, Stefan Zweig, Corrispondenza , Parigi, Rivages, 1991, coll. “Petite Bibliothèque Rivages” n o  166, 2013 ( ISBN  9782743624583 ) .
  • Sigmund Freud e Romain Rolland, corrispondenza 1923-1936 , Paris, PUF, 1993 ( ISBN  2-13-044746-5 )
  • Lettere a Fliess ,
  • (it) Sigmund Freud, Eduard Silberstein , Walter Boehlich (ed.) ( trad.  AJ Pomerans), Le lettere di Sigmund Freud a Eduard Silberstein, 1871-1881 , Harvard University Press ,, 244  pag. ( ISBN  978-0-674-52827-7 , leggi online ).
  • Lettere familiari da Freud e dal Freud di Manchester , Paris, PUF, 1996, ( ISBN  2-13-047119-6 ) .
  • “Corrispondenza inedita con Ernst Simmel 1918”, Psicoanalisi all'Università , 1983, ( ISSN  0338-2397 ) .
  • Stéphane Michaud (dir.), Correspondances de Freud , Paris, Presse Sorbonne nouvelle, 2007 ( ISBN  2-87854-407-2 ) .
  • Sigmund Freud, Max Eitingon, Corrispondenza 1906-1939 , Parigi, Hachette, 2009, ( ISBN  2-01-235749-0 ) .
  • Sigmund Freud, Lettere ai suoi figli , Parigi, Aubier, 2012.
  • Sigmund Freud e Minna Bernays, Corrispondenza 1882-1938 , Parigi, Le Seuil, 2015.
  • Sigmund Freud e Eugen Bleuler, Lettere 1904 -1937 , Gallimard, coll. “Conoscenza dell'inconscio”, 2016. ( ISBN  2070101312 )

Nelle arti

Teatro

  • San Sigmund prega per noi , Anne Marie Despas, Théâtre de Nesle, regia di Thibaud de Montjoye.
  • Vienne 1913 , Alain Didier-Weill (2006) è un'opera teatrale che racconta l'improbabile incontro tra Freud e Adolf Hitler .

Cinema e Web

Letteratura

Astronomia

Musei Freud

Note e riferimenti

Fonti utilizzate

Opere di Sigmund Freud

  • Sigmund Freud ( trad.  Samuel Jankélévitch), Contributi alla storia del movimento psicoanalitico in Cinque lezioni sulla psicoanalisi , Payot , coll.  "Piccola biblioteca Payot",( ISBN  2-228-88126-0 )
  1. Il processo catartico di Breuer costituisce una fase preliminare della psicoanalisi. Freud aggiunge che rifiuta definitivamente l'ipnosi con il metodo delle libere associazioni, p.  70.
  2. p.  24: "Ho spesso proclamato con gratitudine i grandi meriti che la scuola psichiatrica zurighese ha acquisito, e più in particolare Bleuler e Jung, per il loro contributo alla diffusione della psicoanalisi" .
  3. Freud spiega che ha lavorato per sviluppare la psicoanalisi da solo per dieci anni, una solitudine che non è finita veramente fino al 1904, p.  69.
  4. "Non credo più nella mia nevrotica  " , lettera del 21 settembre 1897, in Sigmund Freud ( tradotta  dall'inglese), Letters to Wilhelm Fliess, 1887-1904 , Paris, Presses Universitaires de France ,, 763  pag. ( ISBN  2-13-054995-0 , leggi online ) , p.  334.
  5. Sigmund Freud, “Resistenza e rimozione” , in Introduzione alla psicoanalisi , Payot, coll.  "Piccola biblioteca",( 1 °  ed. 1904) ( ISBN  2.228.894,052 mila ).
  6. "Ci chiediamo ancora perché, in analisi, è il transfert che oppone la più forte resistenza al trattamento" , in Sigmund Freud, "La tecnica del transfer" , in Technique psychoanalytique , Presses universitaire de France, coll.  "Testi Quadriga Grands",( 1 °  ed. 1912) ( ISBN  2.130.563,147 mila ).
  7. p.  101-102.
  8. "Avevo ritenuto necessario adottare la forma di associazione ufficiale, al fine di prevenire gli abusi che si sarebbero potuti commettere in nome della psicoanalisi, una volta divenuta popolare" , p.  119.
  1. Questo diagramma di Freud si trova nel “  XXXI °  lezione. La scomposizione della personalità psichica ”dalla Nuova suite di lezioni introduttive alla psicoanalisi , 1933 ( OCF.P , XIX, p.  161 ). La nota a piè di pagina dell'OCF.P specifica che questo diagramma è orientato verticalmente e che, in L'Io e l'Es , il diagramma analogo non menziona il Super - io ( OCF.P , XVI, p.  269 ).
  • Altre opere di Freud citate
  1. Parlando della sua autobiografia, Freud conferma questo legame tra la sua vita e la psicoanalisi: “La mia Presentazione di me stesso mostra come la psicoanalisi diventi il ​​contenuto della mia vita, e quindi si conformi a questo giustificato principio che nulla di ciò che mi accade personalmente non merita interesse con riguardo ai miei rapporti con la scienza” , in Sigmund Freud presentato da lui stesso , Gallimard, 1991, p.  121-122 .
  2. Über Coca  " , in Centralblatt für die Gesamte Therapie  " , volume II , 1884, p.  289-314.
  3. Lettera a Wilhelm Fliess da, “Ho bisogno di molta cocaina. "
  4. Über den Ursprung des Nervus acusticus  " , in Monatsschrift für Ohrenheilkunde  " , Neue Folge, XX, 1886, p.  245-282.
  5. Über Hypnose und Suggestion  " , in Internationale Klinische Rundschau  " , VI, 1892, p.  814-818.
  6. "L'ereditarietà e l'eziologia delle nevrosi", in La Revue neurologique III , ripresa in Neurosis, psychosis and perversion , PUF, 1973.
  7. Lettera a Wilhelm Fliess daintitolato “L'abbandono della nevrotica  ”, in Lettere a Wilhelm Fliess: 1887-1904 , Presses Universitaires de France, coll. La psicoanalisi Biblioteca , 2007 e Sigmund Freud, la nascita della psicoanalisi , 7 ° edizione, Presses Universitaires de France, Paris 1996, p.  197 .
  8. Lettera a Jung del 16 aprile 1909, in corrispondenza S. Freud-CG Jung , Taurus, 1978.
  9. Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi , Payot , coll.  "Libreria Piccola Payot",, pag.  414.
  10. "Note psicoanalitiche sull'autobiografia di un caso di paranoia: il presidente Schreber", 1911.
  11. Sigmund Freud, Corrispondenza di Freud 1873-1939 , Parigi, Gallimard ,, pag.  461-462.
  12. Sigmund Freud, Corrispondenza di Freud 1873-1939 , Parigi, Gallimard ,, pag.  461.
  13. Sigmund Freud, Corrispondenza , Parigi, Gallimard ,, pag.  461-462.
  14. Sigmund Freud, Tre saggi sulla teoria sessuale , Gallimard ,, pag.  44.
  15. Testo ripreso in Introduzione alla psicoanalisi , Payot, coll. "Piccola Biblioteca" 1975 II ° parte, capitolo 18, pag.  266-267.
  16. Sigmund Freud, Il futuro di un'illusione , Presses Universitaires de France ,, pag.  23.
  17. Antologia di testi di Sigmund Freud, prefazione di Charles Melman e Jean-Louis Chassaing, Un po' di cocaina per sciogliere la lingua , Max Milo Éditions, 2005, coll. "Saggi e documenti" ( ISBN  2-914388-76-4 ) .

Libri di riferimento

  1. "In reazione alla morte del padre (...) Freud intraprende un intenso lavoro di scavo nel suo passato, cerca di riportare alla luce della sua memoria i frammenti rimossi della sua infanzia" , p.  46 .
  2. "La paura di un incidente ferroviario lo perseguitò per tutta la vita" , p.  27.
  3. Contemporaneamente è apparso un testo dello storico della letteratura, Walter Muschg, scrittore freudiano , che saluta “una piuma di maestro” , p.  140.
  4. p.  141.
  5. p.  96.
  6. p.  15.
  7. Le rappresentazioni freudiane del sistema psichico utilizzano analogie ricorrenti, come quelle riferite all'archeologia o alla casa, p.  36-37 e 48.
  8. Freud invia anche a Herzl una copia di The Interpretation of Dreams , p.  98-101.
  1. p.  44.
  2. Per una rapida panoramica delle biografie delle cinque sorelle di Freud, cfr .  47 .
  3. La poesia di Goethe avrebbe invece contribuito alla sua scelta per la medicina, p.  58 .
  4. p.  64.
  5. p.  74.
  6. p.  58.
  7. Origini e condizioni del loro incontro, p.  150.
  8. "nessun altro uomo ha mai avuto tanta influenza su di me" note Freud, citata p.  80 .
  9. Dal 1887 al 1904 i due uomini si scambiarono più di 300 lettere; quelle da Fliess a Freud sono andate perdute, p.  38.
  10. p.  83
  11. Freud fu influenzato, in particolare nei suoi Three Essays on Sexual Theory del 1905, dalla concezione bisessuale di Fliess, p.  39 .
  12. Freud attribuisce la paternità del metodo catartico a Josef Breuer, p.  92.
  13. Freud trattiene dall'ipnosi solo la posizione del paziente, sdraiato e nascosto alla vista dell'analista, p.  90-97 .
  14. p.  94.
  15. p.  76 .
  16. p.  110.
  17. Consiste, notano René Major e Chantal Talagrand, in un'analisi dei propri sogni e ricordi d'infanzia, p.  46. ​​​​Questa autoanalisi è all'origine delle "oggettività propriamente analitiche" della psicoanalisi, che Freud scopre stabilendo relazioni e analogie tra i suoi ricordi e fantasie e la letteratura mondiale, p.  51 .
  18. Freud ha avuto una paura profonda molto presto: quella di morire prima di sua madre, p.  45
  19. Sulle origini della sua fobia del viaggio, vedi p.  116.
  20. Può andare a Roma solo dopo la morte del padre, p.  107.
  21. p.  117.
  22. p.  121.
  23. p.  180.
  24. p.  102-104.
  25. "Il ricercatore rigoroso e meticoloso doveva essere affiancato da un politico saggio e maestro di se stesso" , p.  120.
  26. p.  226.
  27. Con questo lavoro stabilisce una "antropologia psicoanalitica" , in reazione allo studio del simbolismo mondiale di CG Jung , p.  234.
  28. p.  186.
  29. La maggior parte degli psicoanalisti viene infatti mandata al fronte, p.  229.
  30. Diversi manoscritti che attestavano la sua opera nel descrivere una metapsicologia andarono però perduti, p.  237.
  31. La concezione delle pulsioni parziali è costituita da coppie di opposti, p.  145. Secondo Ernest Jones  : “La maggior parte di coloro che hanno studiato Freud sono rimasti colpiti da quello che si potrebbe chiamare il suo insistente dualismo . Se fosse stato un filosofo, di certo non sarebbe stato un monista , né avrebbe condiviso l'universo pluralista di William James  ” , p.  146.
  32. Anna Freud è l'unica dei figli di Freud ad essere stata psicoanalista insieme al padre; ha contribuito allo sviluppo della psicoanalisi in Inghilterra fondando una scuola che rivaleggia con quella di Melanie Klein , p.  72-74.
  33. p.  57.
  34. p.  34.
  35. p.  193 e 279-280.
  36. p.  197-200.
  37. p.  199.
  38. p.  200-203.
  39. p.  204-206.
  40. p.  207-210.
  41. p.  377-379.
  1. Due borse di studio per un totale di 180 Gulden gli furono assegnate dal Dipartimento della Pubblica Istruzione nel 1875 e nel 1876 per consentirgli di studiare le anguille di fiume maschi. Le sue dissezioni confermano l'esistenza di testicoli nell'anguilla maschio. Le sue opere furono pubblicate nel 1877 davanti all'Accademia delle Scienze di Vienna, p.  655.
  2. Alain de Mijolla spiega che il suo lavoro riguarda più specificamente le fibre nervose posteriori del petromyzon , p.  655.
  3. p.  656.
  4. Dopo questa battuta d'arresto, Freud abbandonò le sue ricerche sulla cocaina ma continuò a farne uso, in particolare per aumentare la sua capacità di lavoro e vincere la sua timidezza, p.  656.
  5. Questo soggiorno a Parigi sarebbe iniziato il e sarebbe finito su , pag.  656 .
  6. Si tratta di un vero e proprio "dialogo dei sordi" tra i due uomini, nel senso che Fliess fraintende le intenzioni di Freud mentre quest'ultimo sopravvaluta la comprensione delle sue tesi da parte del suo corrispondente, p.  656.
  7. "Dopo aver usato per un po' la suggestione ipnotica, Freud conclude che non è molto efficace" , p.  656.
  8. Il successo editoriale di quest'opera è però debole: Freud vende solo 420 copie in sei anni, p.  657.
  9. p.  657.
  10. p.  659.
  11. p.  660.
  12. p.  1363
  13. Roger Perron, alla voce “Complesso di Edipo” specifica che queste fasi sono più prontamente chiamate “organizzazioni” dai successori di Freud, p.  335.
  14. Voce "Civiltà ( Kulture )", p.  309.
  15. Voce "Civiltà ( Kulture )", p.  310.
  16. Voce "Civiltà ( Kulture )", p.  310-311.
  17. Nell'articolo di Panos Aloupis "  Lesione narcisistica  ", è prima di tutto l'attacco narcisistico all'individuo a seguito di traumi che possono intaccare l'integrità dell'Io o dell'Io p.  215.
  18. p.  661.
  1. p.  443 .
  2. p.  444 .
  3. p.  438 .
  4. p.  445 .
  5. p.  437 .
  6. p.  448 .
  7. p.  449 .
  8. p.  450 .
  9. p.  451.
  10. p.  453.
  11. p.  454.
  12. p.  455.
  13. p.  456.
  14. "Il rapporto di Freud con Charcot è una sorta di 'incontro' esistenziale più che un classico rapporto tra discepolo e maestro" , p.  456-457 .
  15. La Società dei Medici di Vienna (o Kaiserliche Gesellschaft der Aertzte zu Wien  " ) è una delle società mediche più famose d'Europa, p.  458
  16. Per un resoconto completo e dettagliato, vedere p.  459-462.
  17. "Freud sembrava prendere i neurologi della Società per ignoranti" , p.  463.
  18. p.  464.
  19. Secondo Ellenberger, il suo incontro con Wilhelm Fliess è uno dei quattro eventi fondanti della psicoanalisi, p.  467. La sua prima lettera a Fliess risale al. Riguarda la diagnosi di un paziente.
  20. p.  466.
  21. p.  468.
  22. p.  467.
  23. p.  473.
  24. "La pubblicazione de L'interpretazione del sogno segna la fine della sua nevrosi" , p.  469.
  25. p.  470.
  26. p.  479.
  27. p.  480.
  28. p.  481.
  1. p.  36.
  2. p.  43.
  3. p.  49.
  4. p.  54.
  5. L'autonomia della psicoanalisi si trova soprattutto nella questione di un eccesso di medicalizzazione e nella percezione di ciò che il sintomo è , p.  61-62.
  6. Assoun definisce tre principali epistemologica tesi costituente psicoanalisi, p.  64.
  7. p.  67.
  8. "Dire che la psicoanalisi è davvero una scienza è quindi significare a contrario che rifiuta un modo di pensare metafisico" , p.  36.
  9. Si tratta di una vera e propria "genealogia delle innovazioni postfreudiane" , p.  643.
  10. p.  86.
  11. p.  88-89.
  12. "Il termine "subconscio" è quindi nel migliore dei casi vago (...) nel peggiore falsificante: perché la psicoanalisi rifiuta radicalmente l'idea di una seconda coscienza che raddoppierebbe l'altra" , p.  90.
  13. p.  377-380.
  14. La concezione della libido freudiana è “evolutiva”; permette a Freud di iniziare descrivendo le perversioni , p.  270.
  15. p.  277-278.
  16. Vedi pag.  130-131 per l'origine del passaggio, in Freud, dalla teoria della seduzione a quella della libido.
  17. p.  285.
  18. "(...) l'espressione simbolica costituisce in qualche modo la logica propria del sogno che permette di coglierne l'analogia con altre formazioni inconsce" , p.  148-149.
  19. p.  148.
  20. p.  149.
  21. Riepilogo delle definizioni della nozione di "guida", p.  389.
  22. p.  391.
  23. L'introduzione della pulsione di morte, soprattutto, è simile a un "terremoto estremo" nella struttura psicoanalitica di Freud, p.  437-444.
  24. p.  396.
  25. p.  407.
  26. p.  410.
  27. p.  217.
  28. p.  239.
  29. p.  464.
  30. p.  463.
  31. "In sostanza, questa doppia regola introduce sia un rigido determinismo sia una radicale libertà di parola e di ascolto" , p.  469-470.
  32. p.  479.
  33. p.  248-249.
  34. p.  708.
  35. "Così, dall'inizio degli anni '20, Freud dedicò buona parte dei suoi testi a reagire a questo movimento di evoluzione interna" , p.  706 .

Altre fonti utilizzate

  1. pronuncia in francese dalla Francia trascritto secondo l'API standard . Fonte: Jean-Marie Pierret , Fonetica storica del francese e nozioni di fonetica generale , Peeters, Louvain-la-Neuve, 1994, p.  103.
  2. Pronuncia in alto tedesco ( tedesco standard ) trascritta secondo lo standard API .
  3. S. Freud (1910), Cinque lezioni di psicoanalisi , Paris, Payot, 1965, p.  34-35 .
  4. Maïté Klahr e Claudie Millot, "Cinque lezioni di psicoanalisi" , in Alain de Mijolla (a cura di), Dictionnaire international de la psychanalyse , Paris, Hachette,( ISBN  201279145X ) , pag.  326-327.
  5. E. Jones, La vita e l'opera di Sigmund Freud, PUF, Paris, 1958, p.  270
  6. Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi [1916-1917], Payot, Parigi, 1961, p.  366
  7. Roudinesco 2014 , p.  10
  8. Viene criticato per i suoi aspetti agiografici e messo in discussione dal 1970 e il lavoro di Henri Ellenberger Roudinesco, 2014 , p.  10
  9. Stefan Zweig descrive così Freud: “Non si potrebbe immaginare un essere più intrepido nello spirito. Freud ha costantemente osato esprimere ciò che pensava, anche quando sapeva di essere preoccupato e turbato dalle sue affermazioni chiare e inesorabili; non ha mai cercato di rendere la sua posizione meno difficile con la minima concessione, anche puramente formale. Sono convinto che Freud avrebbe potuto esporre i quattro quinti delle sue teorie senza incontrare resistenze da parte dell'università, se fosse stato pronto a drappeggiarle con cautela, a dire “erotico” invece di “sessualità”, “Eros”. “Invece di” libido”, e non sempre per andare a fondo delle cose, ma limitarsi a suggerirle. Ma quando si trattava del suo insegnamento e della verità, rimase intransigente; più ferma è la resistenza, più si è rafforzata nella sua risoluzione” , citato in Roudinesco e Plon, 2006 , p.  369.
  10. [recensione] Thierry Bokanowski, “  Freud, una vita di Peter Gay  ”, Revue française de psychanalyse , vol.  57, n °  1,, pag.  251-258 ( letto online , accesso 16 gennaio 2021 ).
  11. Henri Ellenberger, Storia della scoperta dell'inconscio , Fayard ,( 1 °  ed. 1970), p.  587 :
  12. Per la presenza nel registro delle nascite della città di Freiberg della data del, riportato per la prima volta da E. Jones nel 1953 in La vita e l'opera di Sigmund Freud e da lui qualificato come un "errore" , W. Granoff in Filiations: il futuro del complesso di Edipo (1975) e M Balmary in L'uomo con il Statue: Freud e la colpa nascosta del padre (1979) mettono in dubbio la data di nascita comunemente accettata di Freud. Tuttavia per E. Roudinesco , H. Ellenberger , A. de Mijolla , e D. Anzieu , la data del 6 maggio è attestata, in particolare da Renée Gicklhorn nel suo articolo "  Il periodo di Freiberg della famiglia Freud  " pubblicato sul Journal of la Storia della medicina e delle scienze affini, 02/1969, 24 (1), p.  37-43, [1] .
  13. Jacob Freud  (en)
  14. Ernst Freud, Lucie Freud, Ilse Grubrich-Simitis e KR Eissler (2006) , p.  12.
  15. (in) G. Fichtner, Freud e la famiglia Hammerschlag: una relazione formativa  " , International Journal of Psychoanalytics , vol.  5, n °  91,, pag.  1137-56 ( PMID  20955249 , DOI  10.1111 / j.1745-8315.2010.00321.x , presentazione online ).
  16. Roudinesco e Plon, 2006 , p.  369.
  17. Max Kohn, Freud e lo yiddish: il preanalitico (1877-1897) , Parigi, MJW Fdition,, 249  pag. ( ISBN  979-10-90590-17-5 )
  18. Freud non traduce l'intera opera ma "solo" il dodicesimo volume che tratta dell'emancipazione delle donne, certo, ma anche di Platone, della questione operaia e del socialismo; quest'opera fu pubblicata nel 1880. cfr. (it) Michael Molnar , Gli scritti pre-psicoanalitici di Sigmund Freud , Karnac Books,, 261  pag. ( ISBN  1-85575-285-9 , leggi in linea ) , p.  112-123
  19. Freud presentato da lui stesso , 1925-1935 , Gallimard, Paris, 1984, p.  28.
  20. David M. Cohen e Daniel Roche, Freud sotto coca , Balland, 2012, ( OCLC 829977289 ) p.  115
  21. Roland Jaccard , Freud , PUF ,, pag.  33
  22. Didier Anzieu , L'autoanalisi di Freud - e la scoperta della psicoanalisi , Paris, PUF ,( 1 °  ed. 1959), p.  490.
  23. Lettere a Marta, 2 giugno 1884.
  24. Françoise Coblence, "Freud et la cocaine", Revue française de psychanalyse , 2002/2 Vol. 66, pag.  371-383.
  25. Élisabeth Roudinesco e Michel Plon, Dizionario di psicoanalisi , Parigi, Fayard ,, 1789  pag. ( ISBN  978-2-253-08854-7 ), voce: Freud Schlomo Sigismund, dit Sigmund ((1856-1939), p.  535 .
  26. (De) "Sigmund Freud Wirken an der Abteilung für Nervenerkrankungen am Ersten Öffentlichen Kinder-Kranken-Institutes", sito web della biblioteca di medicina dell'Università di Vienna, consultato il 10 marzo 2021, [ leggi online ] .
  27. "Intervista a Eli Zaretsky  ", in Vita e destino della psicoanalisi , Hors Série Le Monde , 2010, p.  70
  28. James [Charles Napier] Webb, Das Zeitalter des Irrationalen. Politik, Kultur & Okkultismus im 20. Jahrhundert [ The Occult Establishment , Open Court, La Salle IL 1976, ( ISBN  0-912050-56-X ) ], Marix, Wiesbaden, 2008, p.  411, 413 , ( ISBN  978-3-86539-152-0 ) .
  29. Espressione di Freud, in Concepire aphasies (1891), traduzione di Fernand Cambon, Epel, 2010, p.  147 , passaggio citato da Thierry Longé nel suo articolo “Sigmund Freud, Concepire le afasie. Uno studio critico”, Essaim, vol. 26, n° 1, 2011, pag.  169-179 .
  30. Georges Lanteri-Laura , “aphasie” (articolo), in Alain de Mijolla (ed.), International Dictionary of Psychoanalysis , Volume I, Calmann-Lévy (2002), Hachette-Littératures, 2005, p.  122-123 .
  31. Lysis designa allo stesso tempo la dissoluzione, la soluzione e la risoluzione, ed in particolare ad un nodo, alla fine, il risultato, il superamento delle difficoltà, ma anche la rottura, etc.
  32. Christophe Bormans, “  Il parto della psicoanalisi. Fliess e Freud. Les pains et les contrazioni  ” , su psychoanalyste-paris.com (consultato il 17 settembre 2011 ) .
  33. (da) Freud, Sigmund. "  Die Sexualität in der Ätiologie der Neurosen  " (1898) in Gesammelte Werke, Band I , S. Fischer Verlag, Francoforte 1953, ( ISBN  3100227034 )  ; pagine 496f.
  34. “  Elenco dei membri della Royal Society fino al 2007  ” su royalsociety.org (consultato il 20 settembre 2011 ) .
  35. (De) Ausgewählte, kommentierte Bibliography: Sigmund Freud Themen  " , su freud-museum.at (consultato il 19 settembre 2011 ) .
  36. Muriel Pic, “L'ancrage suisse” , in Revue internationale Henry Bauchau. Ascolto della scrittura , Presses Universitaires de Louvain,( ISBN  9782874632570 ) , cap.  3, pag.  63.
  37. Michel Juffé , Sigmund Freud - Benedictus de Spinoza. Corrispondenza 1676-1938 , Edizioni Gallimard, 2016
  38. Dennis B. Klein, Origini ebraiche del movimento psicoanalitico , University of Chicago Press, 1985
  39. Alain Lellouch, "Freud au B'nai B'rith" , sito di B'nai B'rith Francia, 2011
  40. Olivier Douville, Cronologia: Situazione della psicoanalisi nel mondo, durante la vita di Freud  " ,(consultato il 15 giugno 2011 )  ; cfr. Olivier Douville , Chronologie de la psychanalyse, 1856-1939: du temps de Freud , Paris, Dunod , coll.  "Psico sup",, 207  pag. ( ISBN  978-2-10-053030-4 ).
  41. “  Casa della psicoanalisi prima del 1914  ” , su spp.asso.fr (consultato il 19 settembre 2011 ) .
  42. Zur Psicopatologia degli Alltagslebens  "
  43. (in) 1909. Cronologia di Sigmund Freud. Viaggio in America  ” , su freud-museum.at (consultato il 12 giugno 2011 ) .
  44. Élisabeth Roudinesco e Michel Plon, “Stati Uniti”, in Dictionary of Psychoanalysis , Parigi, Fayard, 2011, p.  401 .
  45. (in) Lezioni di Sigmund Freud e Carl Jung alla Clark University  " sulla Clark University (consultato il 12 giugno 2011 ) .
  46. "Sulla psicoanalisi", Freud, 1910.
  47. Filip Geerardyn e Gertrudis van de Vijver, Le fonti della psicoanalisi: un'analisi dei primi scritti di Freud (1877-1900) , Éditions L'Harmattan , coll.  "Studi psicoanalitici",, 331  pag. ( ISBN  978-2-7384-6184-1 , leggi in linea ) , p.  165.
  48. processo catartico "di Breuer" "costituiva una fase preliminare della psicoanalisi e che questo data dal giorno in cui, respingendo la tecnica ipnotica, ho introdotto quello della libera associazione. […] Sono giunto alla conclusione che in fondo nulla era impossibile per me essere la vera autrice di tutto ciò che la caratterizza e la contraddistingue” in S. Freud “Contributo alla storia del movimento psicoanalitico” in Cinque lezioni di psicoanalisi , Parigi , Payot, 1965, ( da pag.  67 a 155 ), [2]
  49. Drei Abhandlungen zur Sexualtheorie  "
  50. (in) Ilse Bry e Alfred H. Rifkin, Scienza e psicoanalisi' , vol.  V,, "  Freud e la storia delle idee: fonti primarie, 1886-1910  " , p.  6-36.
  51. Eugen Bleuler : Per il 70 °  anniversario di Sigmund Freud , in Collettivo: Psicoanalisi in Svizzera, una storia turbolenta , Le Coq-Heron , 2014/3 ( n o  218)
  52. Le prime traduzioni francesi risalgono al 1922, 1923 per i Tre saggi sulla sessualità e nel 1926 per La Scienza dei sogni , in Jean-Pierre Bourgeron, Marie Bonaparte e la psicoanalisi attraverso le sue lettere a René Laforgue , Parigi/Ginevra, Éditions Slatkine Ginevra,, 241  pag. ( ISBN  2-85203-708-4 ) , pag.  136.
  53. Jacques Sedat, "  La ricezione di Freud in Francia durante la prima metà del XX °  secolo, il freudismo prova spirito latino  " topico Review ,, pag.  51-68 ( ISBN  9782847952056 ).
  54. Originario di Austria, Germania, Ungheria, Svizzera, Inghilterra e Stati Uniti.
  55. Élisabeth Roudinesco e Michel Plon , Dizionario di psicoanalisi , Parigi, Fayard , coll.  "  La Pochothèque  ",( 1 °  ed. 1997), 1789  p. ( ISBN  978-2-253-08854-7 ), pag.  1269
  56. "Freud e Jung avrebbero cercato insieme di svelare i misteri della psiche e sfidare l'ordine psichiatrico stabilito . " Infatti, "erano rivoluzionari impegnati in modo audace e fantasioso e la personalità era compito dell'altezza" , in Linda Donn ( trad.  dall'inglese), Freud e Jung. Dall'amicizia alla rottura , Parigi, Presses Universitaires de France ,, 260  pag. ( ISBN  2-13-045559-X ) , pag.  8.
  57. Gilles Tréhel, "  Magnus Hirschfeld, Helene Deutsch, Sigmund Freud e le tre donne combattenti  ", Psychotherapies , n o  36 (4),, p.267-274
  58. Cordelia Schmidt-Hellereau, “Sopravvivere in assenza. », Revue française de psychanalyse , 2/2007 (Vol. 71), p.  555-580 , DOI : 10.3917 / rfp.712.0555
  59. Élisabeth Roudinesco e Michel Plon , Dizionario di psicoanalisi , Parigi, Fayard , coll.  "  La Pochothèque  ",( 1 °  ed. 1997), 1789  p. ( ISBN  978-2-253-08854-7 ), pag.  1272
  60. Gilles Tréhel, "  Sigmund Freud (1856-1939): un padre di guerra  ", L'Information Psychiatrique , vol.  84, n °  4,, pag.  329-342.
  61. Gilles Tréhel, "  Victor Tausk (1879-1919) e la medicina militare  ", L'Information Psychiatrique , n .  3,, pag.  239-247.
  62. Gilles Tréhel, "  Helene Deutsch (1884-1982): teorizzazioni sui disturbi psichiatrici nelle donne durante la prima guerra mondiale  ", L'Information Psychiatrique , vol.  83, n °  4,, pag.  319-326.
  63. Jones, E. (1957) Sigmund Freud: vita e lavoro (Vol. 3), Hogarth Press, p.  104 citato da Sengoopta http://cdn.elsevier.com/promis_misc/Endreview.pdf
  64. Dominique Bourdin, 2007 , p.  217.
  65. Dominique Bourdin, 2007 , p.  147.
  66. Jacques Le Rider , "  Giuseppe egiziano e Mosè: Sigmund Freud e Thomas Mann  ", Savoirs et Clinique , n .  6,, pag.  19 ( leggi in linea ).
  67. Jacques Le Rider , "  Giuseppe egiziano e Mosè: Sigmund Freud e Thomas Mann  ", Savoirs et Clinique , n .  6,, pag.  8 ( leggi in linea ).
  68. Eric Grillo (a cura di), Dire/Believe , vol.  19-20, L'Harmattan ,, pag.  202.
  69. (in) Martin Freud, Sigmund Freud, uomo e padre Jason Aronson Inc. Publishers, 1977, p.  217. Anche Ernest Jones allude a questo punto ironico, ma scrivendo semplicemente che Freud "ha chiesto se poteva essere autorizzato ad aggiungere una frase" , in La vita e l'opera di Sigmund Freud , PUF, Quadridge, 2006, volume 3, p.  257 e 258. Infine, Peter Gay si è interrogato sul significato di questo “gesto curioso, che impone di fermarsi lì” , in Freud une vie , Hachette, Pluriel, tomo 2, p.  400.
  70. Michel Onfray, “Controstoria della filosofia: Freud”, volumi 15 e 16, Éditions Frémeaux & Associés, Parigi, 2009-2010-2011.
  71. David M. Cohen, Freud under coke, Balland, 2012 Vedi anche DM Cohen, Il nazista che salvò Sigmund Freud , Huffingtonpost, 30/03/2012 http://www.huffingtonpost.com/david-m-cohen/freud- nazi-germania_b_1392377.html
  72. (da) Lisa Appignanesi e John Forrester, Die Frauen Sigmund Freuds , List,, pag.  34
  73. (in) Urna contenente le ceneri di Sigmund Freud distrutta durante un tentativo di furto  " su The Guardian ,
  74. (in) Maev Kennedy, "Il  comico svela la targa blu omaggio a Freud  " su www.theguardian.com/uk ,(consultato il 22 novembre 2013 )
  75. Freud, Psicoanalisi e teoria della libido, Opere complete, Volume XVI, PUF 2003, p.  183
  76. Dominique Bourdin, 2007 , p.  252.
  77. Yvonne Knibiehler, Sessualità e storia , Odile Jacob ,, 267  pag. ( ISBN  978-2-7381-1174-6 , leggi in linea ) , p.  130.
  78. Dominique Bourdin, 2007 , p.  183.
  79. Bercherie, Epistemologia dell'eredità freudiana (conclusa) , in rassegna Ornicar , settembre 1984, n .  30, pag. 94-125.
  80. Dominique Bourdin, 2007 , p.  224-243.
  81. Jean-Michel Rabaté (dir.) ( Traduzione  dall'inglese), Lacan , Paris, Bayard , coll.  "I compagni filosofici",, 338  pag. ( ISBN  2-227-47496-3 ).
  82. Paul Bercherie, Clinica psichiatrica , clinica psicoanalitica: studi e ricerche, 1980-2004 , Éditions L'Harmattan ,, 284  pag. ( ISBN  978-2-7475-8375-6 , leggi in linea ) , p.  65, 149-150.
  83. Dominique Bourdin, 2007 , p.  244-259.
  84. Paul-Laurent Assoun , Freud, Filosofia e filosofi , Parigi, PUF ,, pag.  6.
  85. Norbert Elias , Oltre Freud: sociologia, psicologia, psicoanalisi , Éditions La Découverte , coll.  "Testi di supporto",( ISBN  978-2-7071-5760-7 e 2-7071-5760-0 ).
  86. Paul Ricoeur, 1965 , p.  40
  87. Dominique Caïtucoli , "  Michelle Moreau-Ricaud, Michael Balint: Il rinnovamento della scuola di Budapest  ", Figures de la psychanalyse , n o  5,, pag.  211 ( DOI  10.3917 / fp.005.0211 )
  88. Jean-Bertrand Pontalis , “  I vasi non comunicanti. Il fraintendimento André Breton - Freud  ”, Sigmund Freud House Bulletin , Vienna, vol.  2, n °  1,( letto online , accesso 19 giugno 2011 )
  89. Anne D'Alleva, "Storia dell'arte e psicoanalisi" , in Metodi e teorie della storia dell'arte ,, 88-108  pag. ( ISBN  2-35278-006-3 ).
  90. Edmundo Morim de Carvalho, Dall'inconscio al conscio: Psicoanalisi, scienza, filosofia. Variazioni sul paradosso IV , vol.  1, Parigi, Éditions L'Harmattan , coll.  "Epistemologia e filosofia della scienza",, 409  pag. ( ISBN  978-2-296-13829-2 , leggi online ) , “Le fonti di Freud”, p.  371-374.
  91. Yvon Brès, "  Home, Carus, Hartmann (storia dell'inconscio)  ", Rivista filosofica della Francia e dell'estero , Presses Universitaires de France, vol.  2, t.  129,, pag.  228 ( ISSN  0035-3833 ).
  92. Luc Magnenat, Freud , Le Cavalier Bleu , coll.  "Stereotipi",, 126  pag. ( ISBN  978-2-84670-138-9 , leggi in linea ) , p.  45-49.
  93. Élisabeth Roudinesco , “La battaglia dei cent'anni” , in Storia della psicoanalisi in Francia , t.  1, Fayard,, pag.  56.
  94. Jo Godefroid, Psicologia: scienze umane e scienze cognitive , Bruxelles/Parigi, De Boeck Supérieur, coll.  "Aperture psicologiche LMD",, 1101  pag. ( ISBN  978-2-8041-5901-6 , leggi in linea ) , p.  72.
  95. Jean-Pierre Dumont, Philippe Dunezat e Jacques Prouff, Psichiatria infantile e adolescenziale , vol.  2, Ore di Francia,, 256  pag. ( ISBN  978-2-85385-157-2 , leggi in linea ) , p.  23-27.
  96. Sigmund Freud, Cinque lezioni di psicoanalisi , (1909), Payot, Paris, 1966, p.  38
  97. Françoise Parot, L'Homme qui rêve , Presses Universitaires de France , coll.  "Primo ciclo",( ISBN  978-2-13-046815-8 ) , pag.  69.
  98. Erich Fromm , Grandezza e limiti del pensiero freudiano , Paris, Laffont,, pag.  51-52.
  99. Claude Le Guen, 2008 , p.  279.
  100. Alain de Mijolla, 2002 , p.  335.
  101. Alain de Mijolla, 2002 , p.  336.
  102. Josianne Lacombe, Lo sviluppo del bambino dalla nascita ai 7 anni: approccio teorico e attività corporee , De Boeck ,( ISBN  978-2-8041-5401-1 ) , pag.  168-174.
  103. "L'argomentazione di Freud, nelle sue numerose opere teoriche e cliniche, dal Manoscritto H (indirizzato a Fliess) all'Abbreviato nel 1938, mira a mostrare che si tratta di un orientamento sessuale, di una scelta oggettuale tra le altre" , in Ruth Menahem, “  Disorientamento sessuale. Freud e l'omosessualità  ”, Revue française de psychanalyse , vol.  67,, pag.  11-25 ( ISBN  2-13-053562-3 ).
  104. Roudinesco e Plon, 2006 , p.  471.
  105. Roudinesco e Plon, 2006 , p.  468
  106. Denis P. (1984) Omosessualità invecchiata e omosessualità psichica, Les Cahiers du Centre de Psychanalyse et de Psychothérapie, 1984, 8.
  107. Didier Eribon, "  Numero speciale" Psicoanalisi: cosa resta dei nostri amori "(a cura di Francis Martens)  ", Revue de l'Université de Bruxelles , Éditions Complexe,.
  108. Roudinesco 1993 , p.  1780.
  109. Élisabeth Roudinesco, “  Psicoanalisi e omosessualità: riflessioni su desiderio perverso, insulto e funzione paterna  ”, Cliniche Mediterranee , CAIRN, vol.  65, n °  1,, pag.  7 ( ISSN  0762-7491 , DOI  10.3917 / cm.065.0007 , leggi online ).
  110. Claire Pagès, Freud passo dopo passo , Parigi, Ellissi ,, 340  pag. ( ISBN  978-2-7298-4099-0 ) , pag.  308-309.
  111. Thomas Wieder, L'esploratore dell'anima, su Sigmund Freud. La rivoluzione dell'intimo , Special Edition Le Monde, una vita, un'opera,, “Prefazione”, p.  3.
  112. Gabriel Lavoie, “  Atti ossessivi ed esercizi religiosi. Uno scritto freudiano sulla religione  ”, Laval theologique et philosophique , vol.  34, n .  3,, pag.  15 ( leggi in linea ).
  113. HC Ratee, Freud e il bisogno religioso , L'Age d'Homme ,, pag.  10
  114. Gabriel Lavoie, “  Atti ossessivi ed esercizi religiosi. Uno scritto freudiano sulla religione  ”, Laval theologique et philosophique , vol.  34, n .  3,, pag.  247-260 ( leggi online ).
  115. Ernest Jones, La vita e l'opera di Sigmund Freud , Paris, Puf, t.  2 , 1961, p.  164 .
  116. Lina Balestrière, Freud e la questione delle origini , Bruxelles, De Boeck Supérieur, coll.  "Oxalis",, 286  pag. ( ISBN  978-2-8041-5671-8 , leggi in linea ) , p.  166.
  117. "Oggi si pone il problema di saper riempire il vuoto lasciato dall'abbandono, da parte dei biologi contemporanei, della teoria haeckeliana della ricapitolazione su cui si è basato Freud. Cosa resta delle sue ipotesi filogenetiche contro le quali hanno protestato sia gli antropologi che gli storici " In Jacqueline Duvernay Bolens, "  La teoria della ricapitolazione da Haeckel a Freud  ", L'Esprit du temps, Topique , n o  75,, pag.  13-34.
  118. David Benhaïm, "  La filogenesi e la questione del transgenerazionale  ", Le Divan familial , n .  18,( leggi in linea ), " riassunto ".
  119. Plon e Roudinesco 2011 .
  120. (in) James E. Goggin e Eileen Brockman Goggin, Death of a Jewish Science: Psychoanalysis in the Third Reich , Purdue University Press,, 242  pag. ( ISBN  978-1-55753-193-3 , leggi in linea ) , p.  9.
  121. Max Schur , La morte nella vita di Freud , Gallimard , coll.  " Telefono ",, 688  pag. ( ISBN  978-2-07-025794-2 ) , pag.  41-46.
  122. Yosef Hayim Yerushalmi , Le Moïse de Freud, Judaism terminable et interminable , Gallimard , coll.  "Test Nrf",, 266  pag. ( ISBN  2-07-013367-2 ) , pag.  88.
  123. Jacques Le Rider , Gli ebrei viennesi nella Belle Epoque , Parigi, Albin Michel , coll.  "Presenza del giudaismo",, 354  pag. ( ISBN  978-2-226-24209-9 ) , pag.  268-284.
  124. Alain De Mijolla ( trad.  dal tedesco), Qui, la vita continua in un modo molto sorprendente ...: Contributo alla storia della psicoanalisi in Germania , Parigi, Associazione internazionale di storia della psicoanalisi ,, 293  pag. ( ISBN  2-85480-153-9 ) , pag.  82
  125. Collective, "Anti-giudaismo e l'antisemitismo in Austria dal 17 ° al 20 ° secolo" in Austriaca , n o  57, Dicembre 2003, PUR, 2005.
  126. S. Freud, L'interpretazione dei sogni , 1900, PUF, Paris, 1967, p.  175
  127. Élisabeth Roudinesco, “Riguardo a una lettera inedita di Freud sul sionismo e la questione dei luoghi santi”, Cliniques Méditerranéennes , 2004/2 n o  70, p.  5-17 DOI : 10.3917 / cm.070.0005 [ leggi online ]
  128. Françoise Coblence, "  Freud et la cocaine  ", Revue française de psychanalyse , vol.  66,, pag.  371-389 ( ISBN  2-13-052649-7 , leggi online ).
  129. (di) Karl Koller, "  Ueber die Verwendung of cocain zur Anästhesirung am Auge  " Wiener Medizinische Wochenschrift , n o  43,, pag.  1276-1278. L'articolo è stato tradotto da L. Leplat con il titolo: "Sull'uso della cocaina come anestetico in oftalmologia", in Le Progrès Médical , 1884, vol.  12, n .  47, p.  984-987 .
  130. (De) Elisha Ben-Zur, Die Geschichte der Lokalanästhesie unter besonderer Berücksichtigung der Entdeckung des Kokains , Zürich, Juris-Verlag, dimostra che Freud fu il primo a pensare all'uso anestetico della cocaina.
  131. (De) Freud un das kokain  " , su sgipt.org (consultato l'8 giugno 2010 ) .
  132. Roland Jaccard, "Lo studente" , in Freud , Parigi, PUF,( ISBN  9782130576037 ) , pag.  31-35
  133. (De) Albrecht Erlenmeyer , Ueber Cocainsucht  " , Deutsche Medizinal-Zeitung , vol.  7, n .  44,, pag.  483-484, citato in Françoise Coblence, "  Freud et la cocaine  ", Revue française de psychanalyse , vol.  66,, pag.  372 ( ISBN  2-13-052649-7 , leggi online ).
  134. Elisabeth Roudinesco, Sigmund Freud nel suo tempo e nel nostro , p.  55 , Parigi, Seuil, 2014
  135. Marx Critica del diritto politico hegeliano , in Sur la religion , Paris, éditions sociales, 1975, p.  41
  136. Freud, Sigmund, 1856-1939. ( tradotto  dal tedesco), Disagio nella civiltà , Parigi, Punti ,, 184  pag. ( ISBN  978-2-7578-0215-1 e 2757802151 , OCLC  664326522 , leggi online ) , p.61
  137. Mikkel Borch-Jacobsen e Sonu Shamdasani 2006
  138. Jacques Bénesteau 2002 .
  139. (in) Sigmund Freud. A Register of His Papers in the Sigmund Freud Collection in the Library of Congress  ” [PDF] , su lcweb2.loc.gov (consultato il 15 settembre 2011 ) , p.  58.
  140. Gerald Stieg e Jean-François Laplénie, "  Karl Kraus contro la scuola di Freud o come delegittimare l'interpretazione psicoanalitica della letteratura  ", Savoirs et clinique , n o  6,, pag.  53-58 ( leggi online ).
  141. "Per Roazen, Tausk si sarebbe suicidato nel quadro di una manipolazione, a scopo punitivo, da parte di Freud, che si sarebbe espressa negli atteggiamenti di rifiuto di quest'ultimo nei confronti di Tausk" , spiega German Arce Ross in "Il suicidio maniacale di Victor Tausk", Cliniche mediterranee , 2/2002, n o  66, p.  155-174, disponibile online su cairn.info .
  142. Samuel Lézé, Freud Wars: A Century of Scandals , Paris, Presses Universitaires de France / Humensis, 2017, [ leggi online ] , estratti di e-book: [ leggi online ] .
  143. Yannis Gansel , “  Samuel Lézé, Freud Wars. Un secolo di scandali  ”, Letture ,( ISSN  2116-5289 , lettura online , accesso 31 ottobre 2019 )
  144. Jean-Paul Krivine, "  Gli argomenti dei detrattori del Libro nero della psicoanalisi  ", Science et pseudo-sciences , n o  271,, pag.  17–23 ( leggi online ).
  145. International Journal of Psychoanalysis 87: 5, 2006, DOI : 10.1516 / 3JYE-39CB-8QN2-0W58
  146. Annales Médico Psychologiques , volume 164 (2006) DOI : 10.1016 / j.amp.2006.10.007
  147. Revue française de psychanalyse , volume 70, 2006
  148. (in) Paul Robinson, Freud e i suoi critici  " , University of California Press,, pag.  4 e 11 .
  149. Émile Jalley, Il dibattito sulla psicoanalisi nella crisi in Francia , Parigi, L'Harmattan , 259  p. ( ISBN  978-2-296-56182-3 ) , cap.  II (“Sempre Onfray”), p.  67-70.
  150. Jacques Galinier, "Lionel Naccache, Il nuovo inconscio: Freud, Christophe Colomb des neurosciences  " , in L'Homme ,, 187-188  pag. ( leggi in linea ).
  151. (in) Foulkes D., A Grammar of Dreams (1978), Basic Books, 1998 Domhoff GW Lo studio scientifico dei sogni , American Psychological Association, 2003
  152. J. Winson, Cervello e psiche , Double Day, New York, 1985, p.  153
  153. J. Allan Hobson, “Recensione del libro: lo studio scientifico dei sogni, di G. William Domhoff. APA Press, 2002 "in Dreaming , settembre 2003, volume 13, numero 3, p.  187-191
  154. "Una prospettiva cognitiva che condivide molti punti di vista con la teoria di Freud è la prospettiva cognitiva proposta da un ricercatore che ha studiato i sogni, David Foulkes (...). Foulkes, come molti psicologi psicodinamici contemporanei, non si accontenta della conclusione relativa al significato latente del sogno, cioè un desiderio inconscio. Invece, propone che i sogni siano semplicemente espressioni di preoccupazioni comuni di un tipo o dell'altro, tradotte in una lingua con una propria grammatica specifica. » Drew Westen, Psicologia: pensiero, cervello e cultura , De Boeck Supérieur, 2000, p.  496
  155. "Come può essere percepito l'inconscio psicoanalitico da un neurologo" […] Quanto al sogno, stato originario “né veglia né sonno”, non vediamo alcun ostacolo neurologico a considerarlo come una forma di pensiero particolare, non casuale, utilizzando una modalità simbolica corrispondente all'attivazione di insiemi di reti. preformato durante le fasi del sonno paradossale "in Séverine Lestienne e Françoise Lotstra" Neuroplasticità e inconscio, soggetti di articolazione tra psicoanalisi e neuroscienze", Cahiers critiques deothérapie familial et de practices de networks , 2/2009 ( n o  43), p.  35-45 , DOI : 10.3917 / ctf.043.0035
  156. (in) Eric R. Kandel , Psichiatria, psicoanalisi e nuova biologia della mente , American Psychiatric Publishing,, 440  pag. ( ISBN  978-1-58562-684-7 , leggi online )
  157. "La psicoanalisi rappresenta ancora la visione più coerente e intellettualmente soddisfacente della mente" in Eric R. Kandel , "  Biology and the Future of Psychoanalysis: A New Intellectual Framework for Psychiatry Revisited  ", American Journal of Psychiatry , American Psychiatric Association, vol.  156, n .  4,, pag.  505-524 ( ISSN  0002-953X , leggi in linea )
  158. “  La psicoanalisi nella società francese  ” , su Société psychanalytique de Paris (consultato il 16 Settembre 2011 ) .
  159. Intervista a Eli Zaretsky su Sigmund Freud. La rivoluzione intima , nell'edizione speciale Le Monde, une vie, une oeuvre , p.  72.
  160. 27 gennaio 1949 problema.
  161. (in) Ludwig Wittgenstein, Reading and Conversations on Aesthetics, Psychology and Religious Belief , Cyril Balett e H. Blackwell, Oxford, 1966, p.  41 .
  162. Articolo "Psicoanalisi e scienza (s)", 2000.
  163. Michel Legrand, Psicoanalisi, scienza, società , vol.  130, Edizioni Mardaga , coll.  "Psicologia e scienze umane",, 280  pag. ( ISBN  978-2-87009-191-3 , leggi in linea ) , p.  101-106.
  164. Adolf Grünbaum, 1999 , p.  71.
  165. Karl Popper, 1963 , p.  37-38.
  166. "Allo stesso modo, la contestazione del carattere falsificabile della psicoanalisi da parte di Popper, o del carattere scientifico della psicoanalisi da parte di Grünbaum, poggia in gran parte su un approccio deliberatamente al di fuori del campo proprio della psicoanalisi. Anche in questo caso, questi approcci potrebbero sembrare legittimi se la psicoanalisi non avesse una propria epistemologia. Ci rammarichiamo che quest'ultimo sia così spesso assente da questi dibattiti. "In Vannina Micheli-Rechtman" L'efficacia della psicoanalisi: una questione epistemologica", Figures de la psychanalyse 1/2007 ( n o  15), p.  167-177 . URL: www.cairn.info/revue-figures-de-la-psy-2007-1-page-167.htm. DOI: 10.3917 / fp.015.0167.
  167. Marie-Frédérique Bacqué “Domande a Daniel Widlöcher”, Le Carnet Psy 8/2005 ( n o  103), p.  31-41 . URL: www.cairn.info/revue-le-carnet-psy-2005-8-page-31.htm. DOI: 10.3917 / lcp.103.0031. L'autore aggiunge “Qualcuno ha mai chiesto a un ministro delle finanze di assicurarsi che ci fosse stato uno studio randomizzato con verifica in doppio cieco per scoprire quale atteggiamento fosse migliore di un altro Mai ! Gli economisti usano modelli, questi modelli sono più o meno rilevanti, e i manager dell'economia, per ragioni di opportunismo, per tenere conto di un contesto individuale (la situazione in una data società in un dato momento), dicono “usiamo questo modello funzionerà meglio di un altro modello”: facciamo un modello à la Keynes, o facciamo un modello neoliberista, e lo sfruttiamo, ci comportiamo secondo questo modello. Ebbene, la psicoterapia e la psicoanalisi in particolare si comportano secondo modelli. "
  168. Markos Zafiropoulos "Psicoanalisi e pratiche sociali o prova attraverso la psicoanalisi", Recherches en psychanalyse 1/2004 (no 1), p.  97-118 . URL: www.cairn.info/revue-recherches-en-psychanalyse-2004-1-page-97.htm. DOI: 10.3917 / rep.001.0097 L'autore parla di “un 'archiliano' tra psicoanalisi e scienze sociali, trovando la sua espressione più completa nella formula di Lévi-Strauss che coglie la psicoanalisi come scienza sociale”.
  169. Jean-Michel Vappereau, “Psicoanalisi e scienze; il fondamento dell'analisi del discorso", nell'analisi freudiana, "lo svincolamento dell'etica", n o  16-17, Primavera Autunno 1998, L'Harmattan, 1999, p.  107 e seguenti.
  170. Michel Lapeyre e Marie-Jean Sauret "Psicoanalisi con la scienza", Mediterranee Clinics 1/2005 (no 71), p.  143-168 .URL: www.cairn.info/revue-cliniques-mediterraneennes-2005-1-page-143.htm. DOI: 10.3917 / cm.071.0143.
  171. Patricia Cotti, Théo Leydenbach e Bertrand Vichyn, “  Quale traduzione per la Traumdeutung    », Le Champ Psychosomatique , n .  31,, pag.  25-45.
  172. Philippe Chevallier, "  Freud nel pubblico dominio  ", L'Express ,( leggi in linea ).
  173. Elenco di libri e articoli (esclusa la corrispondenza) sulla base di una bibliografia stabilita da É. Roudinesco: Élisabeth Roudinesco , Sigmund Freud: Nel suo tempo e nel nostro , Parigi, Seuil ,, 577  pag. ( ISBN  978-2-02-118379-5 e 2-02-118379-3 ), pag.  537-547
  174. Jean-Michel Quinodoz , Read Freud: scoperta cronologica dell'opera di Freud , Presses Universitaires de France , coll.  "Fuori collezione",, 324  pag. ( ISBN  978-2-13-053423-5 ) [ leggi online ] e Sigmund Freud , Parigi, Presses Universitaires de France , coll.  "Cosa so ",, 128  pag. ( ISBN  978-2-13-065227-4 )Bibliografia: [ leggi online ]
  175. François Robert, “Bibliografia di Freud” , in François Robert, Sigmund Freud. Opere complete / Psicoanalisi Volume XXI Indice generale , PUF / Humensis,( ISBN  978-2-13-078640-5 ) , pag.  31-47.
  176. Jean-Michel Quinodoz , Read Freud. Scoperta cronologica dell'opera di Freud , Presses Universitaires de France,, "Metapsicologia, S. Freud (1915-1917)", p.  159-179[ leggi in linea ]
  177. Alcuni meccanismi nevrotici nella gelosia, paranoia e omosessualità Parte 1
  178. Alcuni meccanismi nevrotici nella gelosia, paranoia e omosessualità parte 2
  179. Alcuni meccanismi nevrotici nella gelosia, paranoia e omosessualità parte 3
  180. [recensione] Janine Abecassis, "  Freud's List, a Literary Imposture  " , Huffington Post (Blog) , aggiornato il 5 dicembre 2016 ( leggi online , consultato il 2 aprile 2020 ).

Opere citate ma non utilizzate

  1. Marcel Gauchet , L'inconscio cerebrale , Seuil, 1999, coll. "Librairie du XXI e  secolo" ( ISBN  2-02-013548-5 ) , p.  12-15.
  2. Daniel Borrillo , L'omosessualità da Platone a Foucault. Antologia critica , Plon ,, pag.  62-65.
  3. Jacques van Rillaer, Le illusioni della psicoanalisi , Mardaga, 1995 ( ISBN  2-87009-128-1 ) .
  4. (in) J. Allan Hobson, Dreaming: a very short Introduction , Oxford, 2002.

Note aggiuntive

  1. Non è certo se questo sia il secondo o il terzo matrimonio del padre di Freud.
  2. Una targa ( "è in questa casa 24 Luglio 1895 il mistero dei sogni è stato rivelato a D r  Sigmund Freud" ), che è attualmente all'esame della 19 Berggasse a Vienna, ha detto che il sogno detto della "iniezione fatta a Irma“è il prototipo dell'interpretazione dei sogni secondo la psicoanalisi.
  3. Il titolo di "  Extraordinarius  " corrisponde al primo titolo universitario, cioè a professore senza cattedra. La lettera che promuove Freud è firmata dall'imperatore Francesco Giuseppe .
  4. La Wednesday Psychological Society è la prima società psicoanalitica al mondo, riunisce in particolare: Rudolf Reitler (1865-1917), Max Kahane (1866-1923), Ludwig Jekels (1861-1954), Wilhelm Stekel (1868-1940) ), Hugo Heller (1870-1923), Alfred Adler (1870-1937), Paul Federn (1871-1950), Eduard Hitschmann (1871-1957), Max Graf (1875-1958), Hanns Sachs (1881-1947) e Otto Rango (1884-1939).
  5. I Schriften zur angewandten Seelenkunde  " pubblicano opere di Freud, Franz Riklin , Carl Jung, Karl Abraham, Sadger, Oskar Pfister , Max Graf, Ernest Jones, Sorfer, Keilholz e von Hug-Hellmuth. La raccolta terminò nel 1913, poco dopo la pubblicazione della rivista Imago , in Brigitte Lemérer et al. , “  Freud e l'attività editoriale  ”, Essaim , vol.  1, n .  7,, pag.  59-81.
  6. Questo "Foglio centrale di psicoanalisi o mensile di psicologia medica" ha Alfred Adler e Wilhelm Stekel come primi redattori e Freud come redattore.
  7. Secondo Élisabeth Roudinesco, Jacques Lacan "accettò di analizzare gli omosessuali come normali pazienti, senza cercare di normalizzarli" . Lei crede che sia stato il primo a permettere agli omosessuali di diventare psicoanalisti.

Appendici

Bibliografia aggiuntiva

Documento utilizzato per scrivere l'articolo : documento utilizzato come fonte per questo articolo.

biografie

  • Adam Phillips, Diventare Freud , Olivier Edition, coll. "Pensare / Sognare", 2014
  • Ernest Jones, La vita e l'opera di Sigmund Freud , Presses Universitaires de France , coll.  "Quadriga grandi testi", Documento utilizzato per scrivere l'articolo
3 volumi: t.  1 ( ISBN  2-13-055692-2 )  ; t.  2 ( ISBN  2-13-055693-0 )  ; t.  3 ( ISBN  978-2-13-055694-7 )
  • Frank Sulloway ( trad .  dall'inglese), Freud biologist mind , Paris, Fayard ,, 595  pag. ( ISBN  2-213-60192-5 )
  • Marthe Robert, La rivoluzione psicoanalitica: la vita e l'opera di Freud , Paris, Payot , coll.  "Libreria Piccola Payot",, 567  pag. ( ISBN  2-228-89670-5 )
  • Peter Gay, Freud, una vita , Letterature Hachette,
2 volumi: t.  1 ( ISBN  2-01-279054-2 )  ; t.  2 ( ISBN  2-01-279055-0 ) .

Studi sul suo lavoro

(In ordine alfabetico dei nomi degli autori)

Trasmissioni radiofoniche

Documentari

Studi critici

  • Marc Jeannerod e Nicolas Georgieff, “  Psychanalyse et science (s)  ”, ISC Working Paper , Institut des Sciences Cognitives, n o  4,( leggi in linea )
  • Samuel Lézé, Freud Wars: A Century of Scandals , Paris, Presses Universitaires de France/Humensis, 2017, [ leggi online ] , estratti di e-book: [ leggi online ] .
  • Claire Pagès, “Una guerra psicologica. A proposito di: Samuel Lézé, Freud Wars. Un secolo di scandali  ”, Recension Philosophie del 15 gennaio 2018, sito: “La vie des idées ”(Collège de France), consultato su, [ leggi in linea ]
  • Michel Onfray , Il crepuscolo di un idolo , Paris, Grasset , coll.  "Saggi francesi",, 612  pag. ( ISBN  978-2-246-76931-6 )
  • Paul Ricœur, Sull'interpretazione : Saggio su Freud , Éditions du Seuil, coll.  " Scienze sociali ",( 1 °  ed. 1965) ( ISBN  978-2-02-023679-9 )
  • Jacques Bénesteau, Bugie freudiane. Storia della disinformazione secolare , Pierre Mardaga, coll.  "Psicologia e scienze umane",, 400  pag. ( ISBN  2-87009-814-6 , leggi online ) Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Mikkel Borch-Jacobsen e Sonu Shamdasani, Le Dossier Freud. Indagine sulla storia della psicoanalisi , Parigi, Empêcheurs de Penser en Rond,, 506  pag. ( ISBN  2-84671-132-1 )
  • Adolf Grünbaum, La psicoanalisi messa alla prova , Editions de lustre,, 143  pag. ( ISBN  978-2-905372-76-5 , leggi online ) Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • (it) Karl Popper, Congetture e confutazioni: la crescita della conoscenza scientifica , Routledge ,, 582  pag. ( ISBN  978-0-415-28594-0 , leggi online ) Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • André Haynal , Paul Roazen e Ernst Falzeder, Nei segreti della psicoanalisi , Paris, Puf ,, 489  pag. ( ISBN  2-13-055300-1 )

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Sigmund Freud ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Sigmund Freud e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Sigmund Freud su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Giovanni Leoni

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Sigmund Freud, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Emilia Spina

Grande post su Sigmund Freud, Grande post su Sigmund Freud

Rita Ferrante

Grande scoperta questo articolo su Sigmund Freud e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Sigmund Freud e tutta la pagina

Cristina Romeo

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla Sigmund Freud, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla Sigmund Freud, Ottimo post sulla Sigmund Freud