Rinascimento



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Rinascimento sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Rinascimento. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Rinascimento e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Rinascimento. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Rinascimento qui sotto. Se le informazioni su Rinascimento che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci è per molti un simbolo dell'evoluzione della civiltà occidentale durante l' arte rinascimentale .
Cornelis Aerentsz van der Dussen di Jan van Scorel , (c. 1535) dipinto su legno, Weiss Gallery, Londra.

Il Rinascimento è un periodo della dell'era moderna associato alla riscoperta della letteratura , della filosofia e delle scienze di antichità , che ha avuto inizio con il Rinascimento italiano . Il Rinascimento infatti è opera di Firenze ( Italia ), di artisti che possono esprimere liberamente la propria arte: un Prerinascimento si verifica in diverse città d' Italia già a partire dal XIII ° e XIV °  secolo ( Duecento e Trecento ). Il Rinascimento si esprime XV °  secolo, nella maggior parte l'Italia , in Spagna , in Fiandra e in Germania , sotto forma di quello che viene chiamato il Primo Rinascimento ( Quattrocento ); e nelle Fiandre, i quattro Primitivi Fiamminghi ( Jan van Eyck , Hans Memling , Hieronymus Bosch , Brueghel Den Oude), le prime due dal vivo nel XV °  secolo. Rinascimento riguarda tutti in Europa nel XVI °  secolo ( Cinquecento ).

Si parla di Rinascimento artistico nel senso che le opere di questo periodo non sono più ispirate al Medioevo ma all'arte greco-romana.

Il Rinascimento fu accompagnato da una serie di riforme religiose .

Secondo lo storico René Rémond , un "  Rinascimento  " è caratterizzato da:

Storiografia

La divisione storica di questo periodo cruciale tra epoca medievale e moderna è oggetto di un dibattito interpretativo tra gli storici dell'arte. Il concetto di Rinascimento nasce da una percezione della storia per dare un senso, che è il sistema di pensiero dell'idealismo tedesco del XIX °  secolo, in particolare attraverso i concetti di Hegel , questo modo di percepire la 'La storia stessa di essere controversa. Alcuni storici considerano inoltre l'uso tradizionale del periodo rinascimentale nella storiografia francese come un comodo ma discutibile crononimo per segnare una rottura tra il Medioevo medievale e l'era moderna. Preferiscono utilizzare, secondo la tesi della continuità  (per) postulando un graduale passaggio tra questi periodi, l'appellativo più neutro di "  prima modernità  " (per "  prima Europa moderna  ", letteralmente inizio dell'Europa moderna ), di "prima modernità". “o” soglia della modernità”. Gli storici italiani parlano di Trecento , Quattrocento e Cinquecento .

Questo periodo è diventato un concetto storiografico e potrebbe essere utilizzato per caratterizzare altri periodi storici: la rinascita carolingia (gli studiosi di quel tempo ha parlato di renovatio ), l'Ottono-cluniacense rinascimentale (920-1000), il rinascimentale del 12 ° secolo.  Secolo .

Aspetto della nozione di Rinascimento

Negli scritti di fine medioevo, l'idea di una rinascita corrisponde a una corrente più che a un'epoca, orientata al ritorno all'educazione classica, con un'esaltante impressione di revival che tocca tanto la moralità quanto attività politica e artistica.

Secondo lo storico Jean Delumeau , la parola Rinascimento ci è giunta dall'Italia e riguardava il campo delle arti . Il pittore, architetto e storico dell'arte italiano Giorgio Vasari usò il termine "  Rinascita  " nel 1568 in Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori . Gli italiani di oggi dicono Rinascimento . Il significato della parola Rinascimento si è via via ampliato.

Il termine "Rinascimento" come l'epoca e non per riferirsi a una rinascita delle lettere e delle arti, è stato utilizzato per la prima volta nel 1840 da Jean-Jacques Ampère nella sua storia letteraria della Francia prima del XII °  secolo, poi da Jules Michelet nel 1855 nel suo libro dedicato al XVI °  secolo rinascimentale come parte della sua storia di Francia . Questo termine fu ripreso nel 1860 dallo storico dell'arte svizzero Jacob Burckhardt (1818 - 1897) nel suo libro La cultura del Rinascimento in Italia .

Nel suo corso al Collège de France nel 1942-1943, lo storico francese Lucien Febvre mostra che Jules Michelet usava questo termine per ragioni personali. Jules Michelet, infatti, lavorando sul re Luigi XI quando era rattristato dalla perdita della moglie e sconvolto dall'evoluzione politica conservatrice della monarchia di luglio , aveva un profondo bisogno di novità, di rinnovamento. Ma la sua concezione della storia era tale da identificare ciò che sperimentava e ciò che sentiva del passato; immaginò quindi un Rinascimento dopo il regno di Luigi XI, attraverso le guerre in Italia .

Questo punto di vista originale è stato presentato da Thomas Lepeltier in un articolo sulla Revue des Livres nel 2000. È però contestato da molti storici che vedono aspetti della cesura tra Medioevo e Rinascimento. Quel che è certo è che la rottura tra Medioevo e Rinascimento è meno radicale di quanto si diceva in passato.

Delimitazione del tempo

Secondo alcuni autori, questo periodo può essere più o meno lungo:

Così, secondo gli autori, inizia il Rinascimento:

e termina con la morte di:

Infine, altri autori si spingono fino a mettere in discussione la pertinenza di una definizione temporale. Su questo dibattito si veda ad esempio Paul Oskar Kristeller (1905-1999).

Grandi periodi del Rinascimento

Ci sono stati diversi grandi periodi del Rinascimento. È consuetudine chiamare i secoli rinascimentali in Italia con il termine “n” -cento, dove “n” designa il numero del secolo  :

Attenzione alla differenza di appellativi tra italiano (formato su "n") e francese (formato su "n + 1").

Estensione geografica

Nel XIV °  secolo

Nel XIV °  secolo , gli inizi del Rinascimento è prodotto principalmente in Italia  :

Importanti focolai rinascimentali sono le aree a contatto con altre civiltà, in particolare quella islamica  : Sicilia e Spagna . Queste zone di contatto esistono in realtà da secoli: l' Andalusia ( Regno di Siviglia ) dall'anno Mille , la Sicilia dal XII °  secolo ( Palermo ).

L'Italia inizia così ad importare scienze e tecniche islamiche nei campi dell'algebra , dell'astronomia , della medicina , dell'alchimia , della geografia , anche se gran parte dell'influenza culturale e filosofica è stata recuperata dalla caduta dell'impero bizantino che provoca l'afflusso di studiosi bizantini al penisola italiana.

Un gran numero di "scoperte" fatte durante il Rinascimento e fino all'Illuminismo derivano in realtà da conoscenze assimilate, arricchite e poi trasmesse dai musulmani provenienti dalla Grecia , dall'India e da Babilonia . Molte parole in lingua francese attestano questa influenza: "  algebra  " ( dall'arabo al-jabra ), "  algoritmo  " (dal nome del matematico Al-Khwârizmî ), "  alchimia  " ( dall'arabo al-kemia ),  eccetera. I paesi arabi hanno infatti un vantaggio molto importante sull'Europa in queste aree. Il commercio con l'Estremo Oriente, già iniziato con la seta Strada , intensificata da terra seguendo di Marco Polo viaggio .

Nel XV °  secolo

Nel XV °  secolo , il Rinascimento in Italia continua ad essere il Primo Rinascimento o Quattrocento .

Si intensifica in Grecia , si estende anche alle Fiandre , all'Inghilterra , alla Borgogna , all'Alsazia , ad alcune regioni della Germania , al Baltico ( Hanse ), e soprattutto a Lione , che in quel periodo rinasce .

In Francia , il Regno è ancora coinvolto nella Guerra dei Cent'anni , che si è concluso nel 1453 - 1477 . La regione di Bourges è rimasta un centro culturale ( Jean de Berry nel secolo precedente e Jacques Coeur in questo secolo, grazie in particolare al suo palazzo già in stile rinascimentale). Ci vorranno gli sforzi di Carlo VII e soprattutto di Luigi XI per ristabilire l'ordine nel Regno .

Luigi XII inizia ad importare il Rinascimento italiano in Francia , con la costruzione del castello di Meillant a Berry (attuale dipartimento di Cher ) in stile rinascimentale.

Al XVI °  secolo

Al XVI °  secolo , il portoghese ha continuato esplorazioni ( Cabral ). Gli altri grandi navigatori Cristoforo Colombo , Amerigo Vespucci (vedi paragrafo e articolo dettagliato grandi scoperte ...) permettono alle potenze iberiche ( Portogallo e Spagna ) di estendere il loro potere e cercare nuove rotte marittime per le spezie, la principale rotta delle spezie sfruttata dagli Ottomani essere tagliato fuori dalla caduta di Costantinopoli .

La Spagna sembra diventare la prima potenza europea grazie alle sue ricche colonie e all'estrazione dell'argento , che consentono un aumento dell'offerta di moneta.

Carlo V è il sovrano più potente d' Europa , estendendo la sua influenza in tutta Europa , il che non è senza creare una rivalità con Francesco I st .

Il Rinascimento italiano continua anche nel Cinquecento .

In Francia, da Luigi XII e Francesco I er (dall'inizio del suo regno nel 1515 , corrispondente alla battaglia di Marignan ), le guerre in Italia fecero conoscere il Rinascimento italiano in Francia , con un secolo di ritardo. Leonardo da Vinci porta in Francia il know-how degli artisti del Rinascimento italiano.

La Spagna conserva il suo potere fino al Trattato dei Pirenei ( 1659 ).

Nuove identità

Nascita di un'identità europea

Gli studiosi del Medioevo erano consapevoli di abitare in un continente chiamato Europa dai geografi , per distinguerlo dall'Asia e dall'Africa . D'altra parte, la grande massa degli abitanti d'Europa non aveva mai sentito questo termine: leggevano con difficoltà e «il clero parlava loro come a cristiani appartenenti al continente scelto dalla Divina Provvidenza per essere il focolare della vera fede ". In breve, gli europei non erano pienamente consapevoli della loro identità culturale. La consapevolezza di questa identità non si è manifestata fino al Rinascimento. Secondo lo storico inglese John Hale , fu in questo periodo che la parola Europa entrò nel linguaggio quotidiano e ricevette un quadro di riferimento saldamente supportato da mappe e un insieme di immagini che affermavano la sua identità visiva e culturale . .

Ufficializzazione e standardizzazione delle lingue popolari

All'inizio del 1492 , Antonio de Nebrija presentò a Isabella di Castiglia la prima grammatica di una lingua popolare in Europa, la Gramática Castellana , che concepì come uno strumento per rafforzare le conquiste della regina sui "barbari che parlano lingue. esotiche" , e che completerà con un dizionario.

Nel 1539 , François I er , dalla ordinanza di Villers-Cotterets , proclama il francese come lingua ufficiale . Il francese diventa la lingua ufficiale del diritto e dell'amministrazione , negli atti giuridici , al posto del latino . François Ho er installa anche la biblioteca reale di Fontainebleau .

Il lavoro linguistico all'interno delle Istituzioni permette alla lingua francese di superare i confini delle sole comunità di chierici. Raggiunge gli studiosi (gli umanisti).

Imitazione dell'antichità

Si dice spesso che durante il Rinascimento ci fu un rinnovato interesse per l' Antichità , che accompagnò il movimento intellettuale dell'"  umanesimo  ".

In effetti, l'antichità era tutt'altro che sconosciuta nel Medioevo  :

I testi che sono stati salvati dall'Antichità sono stati salvati, per quanto riguarda gli autori latini, dai copisti medievali nei monasteri. Questa cultura è stata riservata a una élite composta principalmente da chierici , nei monasteri, poi, dal XIII °  secolo , nelle scuole urbane, e le prime università europee (scuola scolastici ) al XV °  secolo, 75-80% di veri umanisti avuto ricevuto il sacramento dell'ordine e quasi il 100% degli ordini minori. Successivamente si ebbe una relativa secolarizzazione degli studi umanistici, che non servivano più principalmente a formare futuri teologi o canonisti, ma si rivolgevano a un pubblico molto più vasto: grandi principi, piccoli nobili, funzionari, mercanti o banchieri, tecnici (medici, avvocati, artisti di alto livello, tipografi), sempre più provenienti dalla borghesia.

Secondo Régine Pernoud , ciò che caratterizza il Rinascimento XIV ° al XVI °  secolo, da un lato, si tratta di una certa antichità, quella di Pericle per la Grecia, e Roma che hanno ispirato la Pericle secolo  ; d'altra parte, è piuttosto l'imitazione dell'Antichità considerata già giunta alla perfezione che la sua riscoperta.

Durante il Rinascimento la XIV ° al XVI °  secolo, la conoscenza di autori antichi aperto più ampiamente a "umanistica"

Lo stesso anno l'invenzione della stampa amplificherebbe il fenomeno.

Perciò :

Infatti, se il termine scienze umane già esistevano, la parola l'umanesimo non è stato utilizzato fino al XVIII °  secolo (secondo Jean Delumeau ).

Diffusione delle informazioni tramite stampa

Una delle invenzioni che ebbe maggiore impatto sugli uomini del Rinascimento fu il miglioramento della stampa a caratteri mobili in piombo e il torchio a vite di Gutenberg intorno al 1450 . La prima edizione a stampa della Bibbia apparve nel 1455 . I primi testi stampati riguardavano abbastanza spesso la religione e questo per circa cinquant'anni.

Prima dell'invenzione di questi processi, la stampa non ha permesso molto più alta produttività rispetto copia manuale da chierici , che erano gli unici in grado di padroneggiare le tecniche di scrittura: l' XI °  secolo e XII °  secolo , i manoscritti sono stati trascritti da monaci , in scriptoria quando esistevano o nelle loro celle. Era uno dei due compiti principali dei monaci dell'epoca; li abbellivano con luminarie . D'altra parte, la lingua usata nei manoscritti era spesso il latino (la letteratura romanza tuttavia esisteva e dava il nome al genere letterario ).

Le università avevano un monopolio virtuale nell'istruzione e nella diffusione delle informazioni. Le potenti università di Bologna , Parigi , Salamanca , Oxford e Cambridge erano le uniche autorizzate a diffondere il sapere, secondo i metodi collaudati della scolastica . Il diritto e la teologia erano le principali materie insegnate in queste università .

A differenza di un'immagine costruita al XIX °  secolo, la conoscenza scritta non è stata ristretta ai chierici , fino al tardo Medioevo. C'è stata una rapida diffusione di scrivere al di fuori della chiesa dal XII °  -  XIII TH  secoli. Ramon Lullo (v. 1235-1316), Dante (1265-1321) e Petrarca (1304-1374) sono figure di spicco di questa secolarizzazione del sapere. Tuttavia, questi laici che sanno leggere e scrivere rimangono classificati nella categoria degli illitterati , la nozione di litteratus viene utilizzata per designare un individuo che padroneggia il latino.

La stampa ha improvvisamente aperto l'accesso alla conoscenza ad altri ambienti. E 'diventato possibile, pubblicando libri a partire dalla metà del XV °  secolo , la comprensione dei fatti.

Ad esempio, l' Imago Mundi di Pierre d'Ailly fu scritto nel 1410 e stampato nel 1478 . Fu uno dei fondamenti della conoscenza geografica utilizzata da Cristoforo Colombo e dai navigatori durante le grandi scoperte . I testi stampati sconvolgono la gerarchia dei valori. Presso l'Università di Parigi, per esempio, la Facoltà di Lettere è diventato il XVI °  secolo, la facoltà più prestigiose, a quella della teologia. Le biblioteche sono cresciute. In Francia, i re istituirono biblioteche nelle loro residenze.

Aspetti religiosi

Dipinto di papa Alessandro VI , famoso per la sua corruzione.

All'interno del cristianesimo, la necessità di una riforma è evidente dal XV °  secolo. Ma il Rinascimento è caratterizzato anche in Europa da un forte sentimento antigiudaico .

Diffusione della Bibbia nelle lingue volgari

Nel Medioevo la maggior parte dei fedeli non aveva accesso alla Bibbia nella propria lingua madre. Le traduzioni in lingue volgari erano state addirittura bandite dalla gerarchia cattolica. L'arrivo della stampa cambierà questa situazione: la Chiesa cattolica non potrà più opporsi alla traduzione e alla distribuzione della Bibbia nelle principali lingue d'Europa. Le prime traduzioni furono spesso fatte da protestanti, come William Tyndale per la traduzione inglese nel 1537 , e Giovanni Diodati per la traduzione italiana nel 1607 . La prima traduzione completa in francese , dal latino, fu opera del teologo cattolico Lefèvre d'Étaples del 1528 , e fu stampata nel 1530 .

Riforma protestante e controriforma

Il movimento di rinnovamento in Europa è accompagnato da un arricchimento ritenuto eccessivo della Chiesa, che provoca l'indignazione di alcuni cristiani, che vogliono tornare alle fonti della Bibbia . D'altra parte, a quel tempo, alcuni leader della Chiesa erano considerati troppo vicini alle autorità politiche.

Nel XV °  secolo , molti riformatori tra cui John Wycliffe in Inghilterra e Jan Hus in Boemia, cercando di riformare la Chiesa, ma affrontare l'intransigenza dei chierici. Jan Hus è condannato dalla Chiesa, che lascerà una ferita duratura nell'Europa centrale . Il frate domenicano Savonarola sfidò la Chiesa a Firenze . Morì sul rogo.

Al XVI °  secolo , nuovi riformatori è apparso:

La Chiesa cattolica tiene diversi concili tra cui il Concilio di Costanza (1414-1418), il Concilio di Basilea (1431-1441) e il Concilio di Trento (1545-1563), quest'ultimo in reazione alla Riforma protestante, da cui il nome di controriforma data alle decisioni di questo consiglio.

giudaismo

Gli aspetti legati all'ebraismo in questo periodo sono discussi nell'articolo “  Antigiudaismo  ”:

Mentre gli ebrei erano stati attori nei precedenti rinascimenti, le popolazioni ebraiche sono escluse da questo movimento rinascimentale, per la moltiplicazione delle misure di esclusione, sia religiose che politiche: espulsioni da diversi paesi (Inghilterra, Spagna, ecc.), misure discriminatorie e proliferazione dei ghetti .

Grandi scoperte

Il planisfero realizzato da Cantino nel 1502 è la più antica rappresentazione del Viaggio Colombo nei Caraibi , di Gaspar Corte-Real a Terranova , di Pedro Alvares Cabral in Brasile e di Vasco da Gama in India . Viene mostrato il meridiano del Trattato di Tordesillas .

Rappresentazione geografica

Nel mondo colto delle università occidentali, si riconobbe dall'integrazione dei sistemi dell'antichità greca ( Tolomeo , Aristotele , Eratostene ), vale a dire fin dal XII ° e XIII °  secolo che la Terra era rotonda. Questa rappresentazione non era ancora molto diffusa nella società occidentale prima del XV °  secolo .

Tra il XII ° e XV esimo  secolo, informazioni geografiche sono state arricchite notevolmente da una varietà di fonti, tra cui, oltre ai filosofi greci e geografi già menzionati, l'astronomo arabo Al-Farghani , l'esploratore veneziano Marco Polo (viaggi in Asia), Cardinale francese Pierre d'Ailly (autore di Imago Mundi , pubblicato nel 1410 , stampato nel 1478 ).

Prima del Rinascimento, quindi, immaginavamo, negli ambienti coltivati, la terra come sferica, le note terre emerse (Europa, Asia, Africa) occupanti l'emisfero settentrionale, in un settore di circa 180 ° .

Si sapeva quindi che era teoricamente possibile raggiungere l' Asia senza passare per il bacino orientale del Mediterraneo e del Medio Oriente , occupato dai Turchi, dopo la presa di Costantinopoli ( 1453 ), o aggirando l' Africa via mare passando a sud, o andando ovest.

La scoperta dell'eliocentrismo , oggetto di molti dibattiti, non ebbe influenza durante il Rinascimento: Nicolas Copernico fece pubblicare le sue tesi eliocentriste alla sua morte nel 1543 , ma queste furono bandite nel 1616 e poi "sepolte" al tempo dell'incidente Galilea ( 1633 , durante i trenta anni di guerra ) fino alla metà del XVIII °  secolo . Non sarebbe quindi corretto parlare di una rivoluzione copernicana per il Rinascimento, anche se si verificò un cambiamento significativo nella rappresentazione del mondo.

Tecniche di navigazione e cartografia

Nuove procedure tecniche hanno reso possibile la sostenibilità delle esplorazioni marittime delle grandi scoperte. La bussola è stata importata dalla Cina. L' astrolabio viene utilizzato per la prima volta da Cristoforo Colombo . Il registro ha permesso di stimare la velocità di movimento di una nave. Il Sestante sostituisce l' ottante e l' astrolabio al XVIII °  secolo. La caravella è stato già inventato dai portoghesi nei primi anni del XV °  secolo , vale a dire alla fine del Medioevo , questo tipo di nave è stata utilizzata nelle grandi scoperte dagli esploratori europei. Hanno permesso di avventurarsi più lontano dalla terra. Ma non sapevamo davvero la distanza da coprire. La mappatura sperimentato grandi sviluppi con tale Fra Mauro a Venezia , dal XV °  secolo , che corrispondeva con Enrico il Navigatore , che ha permesso ai esploratori europei di esplorare il mondo . In cambio, le esplorazioni fornirono numerosi rilievi cartografici, che fecero avanzare questa disciplina, in particolare con la proiezione di Mercatore , nel 1569 .

Esplorazione marittima

Spedizioni cinesi hanno anche preso d'assalto gli oceani dal 1405 con esplorazioni verso le coste del sud-est asiatico , molte isole nell'Oceano Indiano e nell'Africa orientale , sotto la guida dell'ammiraglio Zheng He , ma sono state arrestate dall'amministrazione cinese .

Da parte europea, stavamo cercando rotte commerciali alternative alle rotte commerciali continentali come la via delle spezie , dopo la presa di Costantinopoli ( 1453 ), da parte degli Ottomani , e il loro dominio sul bacino del Mediterraneo orientale.

Una prima fase delle grandi scoperte è aperto, dal XV °  secolo , dai marinai portoghesi che, sotto la guida di Enrico il Navigatore , lanciato spedizioni di aggirare l' Africa . Vasco da Gama scopre l' India ( 1497 - 1498 ) ( India ), Cabral scopre il Brasile ( 1500 ).

Da parte sua, la Spagna ha inviato i propri navigatori  : Cristoforo Colombo in America (tre viaggi dal 1492 ), Magellano (giro del mondo), Amerigo Vespucci (Sud America), che (involontariamente) ha dato il suo nome al nuovo continente (vedi sotto) .. .

Il Trattato di Tordesillas ( 1494 ) ha definito una linea di demarcazione tra le colonie spagnole e portoghesi in America . Il Trattato di Tordesillas ferì nazioni diverse da Spagna e Portogallo, causando il fenomeno dei corsari . Il più famoso, Francis Drake , completò la seconda circumnavigazione della storia dopo Magellano ( 1577 - 1580 ).

Il termine "America" ​​fu attribuito nel 1507 nella città di Saint-Dié (attuale Saint-Dié-des-Vosges ), da una dotta assemblea, il Vosges Gymnasium , composta da geografi . Il nome del nuovo continente fu composto dal nome del navigatore Amerigo Vespucci .

Il navigatore francese Jacques Cartier partì per il Canada ( 1534 ). I navigatori britannici erano spesso corsari .

François Xavier ha raggiunto la Cina e il Giappone nel 1549 - 1551 .

Queste esplorazioni arricchirono notevolmente i rilievi cartografici (vedi Mercator ). Hanno permesso di identificare nuove terre emerse e di affinare i contorni dei continenti .

Conseguenze economiche

La prima conseguenza economica della scoperta del Nuovo Mondo fu un notevole afflusso di metalli preziosi . Usiamo sempre più oro , argento , ferro , rame , per lo più riportati dal Nuovo Mondo. La maggior parte è stata convertita in valuta , causando un forte aumento dei prezzi. Si stima che tra il 1450 e il 1550 l' offerta di moneta in Europa sia aumentata di otto volte.

La seconda conseguenza è che la Spagna , il paese dominante di questo periodo, ha acquisito il suo potere politico, economico e militare non attraverso il lavoro dei suoi abitanti, ma attraverso l'accesso a uno stock di valuta.

Questo creerà una scuola di pensiero economico chiamato il mercantilismo , che durò per tutto il XVI ° e XVII °  secolo. Più specificamente, la corrente di pensiero che cerca di definire la ricchezza dalla quantità di oro detenuto è chiamata bullionismo . Adam Smith , il padre fondatore dell'economia moderna, criticò fortemente il mercantilismo in Wealth of Nations (1776), non che non gli piacesse il commercio coloniale , ma vedeva in esso una ricchezza essenzialmente principesca.

Arte

Architettura

Château d'Ecouen , Val d'Oise, testimonianza di architettura rinascimentale nel XVI °  secolo.

Nel Medioevo , i castelli erano monumenti austeri costruiti per l'auto-difesa di un territorio o di un paese e la protezione della popolazione circostante. È l'archetipo stesso del castello fortificato . Tuttavia, in Francia nella metà del XV °  secolo, con la fine della Guerra dei Cent'anni , l'architettura del influenza del Rinascimento italiano comincia a farsi sentire e il castello forte tradizione, noi trascorrerà il prossimo secolo al regno dei castelli -palais così presente oggi nella Valle della Loira ma anche altrove (Fontainebleau, Louvre…).

Così, l'era rinascimentale lasciò il posto a edifici che si concentravano sull'estetica piuttosto che sulla difesa. Fu allora che scomparvero caditoie, merli, ponti levatoi, feritoie e fossati, per far posto a sontuosi giardini geometrici, simmetrie di castelli, immense finestre, colonne, frontoni e altri ornamenti che potessero mostrare tutta la potenza del proprietario del castello.

È quindi sull'estetica che ci concentriamo e non sulla difesa. L'obiettivo è attirare l'attenzione sulla ricchezza e mostrare il potere del re o del principe. È una delle caratteristiche più visibili del Rinascimento.

Uno dei migliori esempi di architettura del XIV °  secolo, è il Palazzo dei Papi di Avignone , che rimane in stile gotico.

In Francia , il XV °  secolo , vediamo già un pre-rinascimentale testimoniano i castelli della strada che ora si chiama Jacques Cuore nei pressi di Bourges . Lo stile gotico fiammeggiante si diffonde. È come una resistenza del vecchio stile. Nel XV °  secolo , i castelli rinascimentali, tra cui la Valle della Loira si stanno diffondendo. In Île-de-France, il castello d'Écouen , opera del famoso architetto Jean Bullant , è la principale testimonianza di questo periodo architettonico.

Questo periodo vide alcuni artisti eccezionali come Filippo Brunelleschi e Bramante a Firenze , Andrea Palladio a Venezia, o anche Sebastiano Serlio , famoso per il suo trattato di architettura.

Letteratura

Nel XIV °  secolo, Petrarca , originario della Toscana , si dice che sia (con Dante nel secolo precedente), uno dei padri del Rinascimento. Era uno studioso , che padroneggiava la lingua latina. Viaggiò in tutta Europa , soggiornò ad Avignone e soggiornò anche nel nord Italia alla fine della sua vita. Ebbe Giovanni Boccaccio come discepolo.

Il XVI °  secolo è stato caratterizzato dalla comparsa della lingua francese moderna, sostenuta dal potere reale di Francesco I er , che con l' ordinanza di Villers-Cotterets ( 1539 ), dà a questo linguaggio lo status di lingua ufficiale della legge e l'amministrazione di il regno di Francia. La biblioteca reale viene trasferita da Blois a Fontainebleau.

L'uso del latino inizia a diminuire, i dialetti continuano ad essere parlati dalla stragrande maggioranza della popolazione in Francia fino alla Rivoluzione francese (vedi Storia del francese ).

Gli scrittori notevoli sono:

Ma in un contesto preponderanza di Italia nella maggior parte delle aree, il XVI °  secolo è stato caratterizzato da una grande ondata di prestiti di Francese a Italiano . Dei 2.000  italianismi che la lingua francese allora comprendeva allora, il francese moderno ne ha però conservati solo circa 700. Diversi difensori della lingua francese si mossero contro questi eccessi di moda, in particolare Henri Estienne , autore di Deux dialogs of the new italianized lingua e altrimenti desguizé ( 1578 ), Barthélemy Aneau , Étienne Tabourot e Béroalde de Verville , autore di Mezzi per raggiungere (1616).

Poesia

Anche qui il nome "Rinascimento" è problematico: dopotutto, la letteratura non era morta e l'età dell'oro (1530-1560) è finalmente piuttosto breve e si evolve molto rapidamente nel barocco. La poesia compone poi un insieme piuttosto polimorfico e disparato.

Da un lato rimangono alcune forme medievali - che si pensi in particolare a Marot utilizzando le forme del rondò, la ballata dell'epistola, forme che cadono in disuso con la Pleiade.

Allo stesso tempo, compaiono nuove forme come l' ode , il sonetto , l' elegia , il discorso o l' egloga ma anche altre più lunghe come i lunghi poemi cosmologici di Scève , gli Inni di Ronsard che si concentrano su un tema. e poesie drammatiche (sia comiche che tragiche).

Tuttavia, questa distinzione per forme non è sempre ovvia, ancor meno rilevante e gli argomenti consentono altrettanto bene di discriminare la poesia del Rinascimento:

  • eroico: pochi risultati;
  • satirico: basato su poeti latini, queste opere mirano a condannare i vizi;
  • tragico;
  • comico: avendo come modello Plauto e Terenzio , i poeti ridicolizzano le colpe di sempre (avarizia…) e di certi attori della società (cortigiane…);
  • lirica con temi d'amore, vino, giochi… a imitazione di Orazio o Teocrito;
  • poesia d'amore e slanci religiosi sul modello petrarchesco in particolare;
  • poesia religiosa.

Le forme consentono una classificazione tanto meno rilevante in quanto una raccolta è spesso composta con generi e registri diversi.

La poesia rimane il genere dominante, prodotto del furore Divino ( furor ) inviato dalle Muse. Pontus de Thiard distingue anche quattro furie divine: furore poetico (dono delle muse), intelligenza di misteri e religioni ispirate a Bacco, divinazione (dono di Apollo) e infine la passione amorosa ispirata a Venere.

Pittura

La Scuola di Atene di Raffaello intorno al 1510.

Nel XIV °  secolo la pittura già sperimentando una rinascita, soprattutto dal l'Italia , grazie ad artisti come Duccio , Simone Martini , Matteo Giovannetti , allievo di Martini, che dipinse gli affreschi della Palazzo dei Papi ad Avignone e Giotto .

Nel XV °  secolo, in Italia, la maggior parte dei pittori significativi Beato Angelico , Fra Bartolomeo , Masaccio , Filippo Lippi , Piero della Francesca , Tiziano , Leon Battista Alberti, teorico della pittura e architetto Sandro Botticelli . Questo periodo è segnato anche dallo sviluppo della prospettiva (Italia e Fiandre), inventata da Masaccio e grazie a Brunelleschi , suo teorico durante il Rinascimento. Nei Paesi Bassi spagnoli, la pittura ad olio ha fatto la sua comparsa con Jan van Eyck , Rogier de la Pasture dit Vanderweyden , Hieronymus Bosch . La tela sostituì gradualmente gli affreschi utilizzati negli edifici.

A proposito del ritratto presso Hans Memling , primitivo fiammingo, Jean-Pierre Stroobants, corrispondente del quotidiano "Le Monde" in Belgio, precisa (08/07/2005): "(Memling) ha innovato introducendo decorazioni (paesaggi, interni, fondali) . ), che, nonostante la loro abbondanza di dettagli, nulla toglie alla sobrietà dei dipinti e alla stranezza dei personaggi.Lo studio del volto, delle mani e del corpo conferisce alla maggior parte di queste opere un carattere ammaliante e permette a Till- Holger Borchert , curatore del Museo Groeninge, ad affermare che fu proprio Memling a trasmettere a tutto il sud Europa le caratteristiche e le innovazioni del ritratto primitivo fiammingo, che andavano in particolare ad influenzare i pittori fiorentini, veneziani e lombardi. "

Al XVI °  secolo, il dipinto è stato caratterizzato da un interesse per l'uomo. Un uomo veniva giudicato se e solo se era istruito. I dipinti erano il più delle volte ritratti, sculture dell'essere umano in un'immagine completa e migliorativa. L'arte del nudo si affermava (in riferimento all'Antichità) in particolare per esaltare l'aspetto atletico dell'Uomo.

Tra i pittori di questo periodo spiccano in Italia Michelangelo , Raffaello , Leonardo Da Vinci , Tiziano , Veronese ; Jean Clouet , in Francia  ; Albrecht Dürer , pittore-incisore tedesco, disegnatore, Hans Memling , Lucas Cranach il Vecchio , Hans Holbein il Giovane , in Germania.

Musica

Nel XV °  secolo, la polifonia è cresciuto in origine nelle Fiandre, Inghilterra e Borgogna. La polifonia è musica scritta per cori a più voci nella musica sacra o profana. Richiedeva regole di armonia per sentire bene le voci simultaneamente. Gli strumenti utilizzati erano quindi flauti , oboi ( chalemie , bombarde , douçaine …), abete rosso, viola da gamba…

Al XVI esimo  secolo polifonia pluritextuelles sviluppano. Musicisti che spiccano possono essere in particolare Claudio Monteverdi , compositore italiano e autore di molti Madrigali, Giovanni Pierluigi da Palestrina , compositore italiano, Roland de Lassus .

Capi di abbigliamento

Ceramica

Cambiamenti militari e politici


Innovazioni militari

L'arte della guerra si è evoluta in modo significativo durante il Rinascimento. La fanteria riconquistò il suo posto di cuore dell'esercito a spese della cavalleria , principalmente per l'assimilazione della tecnica del quadrato di picche da parte della maggior parte degli eserciti occidentali. Questo modello, introdotto in particolare dai cantoni svizzeri nel tardo medioevo, prevarrà sui campi di battaglia fino alla Guerra dei Trent'anni . L' archibugio occupa un posto sempre più importante negli eserciti del Rinascimento. essendo l'arma più economica di una balestra e il suo utilizzo non richiedendo un addestramento così avanzato come per l'uso effettivo dell'arco , sostituisce, con poche eccezioni, le armi di caratteristica sul campo di battaglia.

La cavalleria usava anche armi da fuoco e un nuovo tipo di cavalleria apparve in Germania negli anni '40 del XV secolo, le reiterò . Sono armati di pistole e i loro cavalli, a differenza di quelli dei gendarmi, non sono temprati.

Anche l' artiglieria fece il suo ingresso sul campo di battaglia, un tempo riservato agli assedi, i cannoni divennero poi un'arma da campo con in particolare l'organo a cannone e le coulevrine, armi destinate esclusivamente all'antiuomo.

Per far fronte con gli sviluppi delle innovazioni artiglieria apparire in materia di difesa e di fortificazioni , con l'invenzione roccaforte in Italia alla fine del XV °  secolo . Fortificazioni di tipo italiano apparvero a Troyes e Saint-Paul-de-Vence dal 1525 .

Diritto

In legge , un cambiamento strutturale avvenuto nel XVI E  secolo , con il passare del suzerainty (società feudale tipo , giuramento di fedeltà), a sovranità .

Il re controllava direttamente il regno con l'aiuto di un'amministrazione più strutturata, soprattutto in Francia e Spagna . Era ancora un'amministrazione molto leggera, con circa 1.500 dipendenti pubblici in Francia .

Era necessario immaginare un sistema di diritto adeguato alla nuova forma di monarchia.

Inoltre, in Francia, la lingua francese a quel tempo divenne la lingua ufficiale del diritto e dell'amministrazione, attraverso l' Editto di Villers-Cotterets ( Francois I st , 1539 ), che venne a sostenere la sovranità del re.

I teorici del diritto che si sono distinti sono stati in particolare Jean Bodin , giurista francese e Machiavelli .

Storia economica rinascimentale

Gli scambi commerciali nel Mediterraneo, cioè la triade iniziata dopo il periodo delle Crociate , continuarono, soprattutto dai porti italiani di Venezia e Genova . Queste repubbliche acquistarono così un grande potere.

La novità arrivò dal XV °  secolo , l'aggiramento della Spagna attraverso le grandi rotte marittime, abbandonando le tradizionali rotte commerciali continentali, passando per le vecchie fiere della Champagne ad esempio.

La conseguenza fu il declino delle fiere della Champagne , molto fiorenti nel Medioevo e lo sviluppo a partire dal XV °  secolo dei grandi porti del Nord Europa ( Bruges , Londra , città anseatiche ...), che divennero allo stesso tempo focolai di importanti attività culturali .

Mentre la Francia era ancora nel pieno della Guerra dei Cent'anni , vi erano scambi tra le grandi città italiane ei grandi porti del nord Europa ( Bruges , Londra, ecc.). Anche la Borgogna era prospera.

Alcune tecniche hanno permesso un rilancio economico e commerciale, inventate o importate da altre regioni del mondo. L' orologio meccanico è apparso in Italia già nel 1280 e ha sostituito le clessidre e gli orologi ad acqua durante il Rinascimento. L'uso del vetro e le finestre sviluppato nel XVI °  secolo. L'isola di Murano fu un importante centro di produzione. Nei tessuti, il filatoio e il lavoro a maglia furono perfezionati e generalizzati. Il processo di amalgama compare per il trattamento dell'argento.

L'esplorazione di nuove terre ha permesso anche la scoperta di nuovi impianti.

Cambiamento di paradigma

Il Rinascimento si è manifestato con un cambiamento significativo nella visione del mondo dal Medioevo, che ha avuto ripercussioni di vasta portata in epoca moderna e contemporanea.

Diversi elementi caratterizzano questo cambiamento:

Umanesimo

L' umanesimo è un'esaltazione dell'uomo considerato per se stesso, per se stesso. L'umanesimo, anche se non nega Dio , lo rifiuta nell'aldilà e afferma la totale autonomia dell'uomo nei suoi confronti. Non è più Dio che fa da riferimento, ma l'uomo che diventa misura di tutto.

Naturalismo

Il Rinascimento è definito sia da un ritorno all'antichità greca che da un ritorno alla natura (i due sono collegati), aprendo la strada al naturalismo . L'umanesimo, riconducendo tutto all'uomo (cioè escludendo Dio) riconduce tutto ad una dimensione puramente naturale, cioè esclude il soprannaturale o ne riduce la parte. L'arte rinascimentale abbandona il carattere simbolico dell'arte medievale nella rappresentazione dell'uomo e della natura

Razionalismo

Il Rinascimento fece della ragione la principale facoltà di conoscenza dell'uomo, relegando in secondo piano la sua mente o intelletto, facoltà di contemplazione delle realtà soprannaturali. La valorizzazione della ragione e l'approccio razionale ai fenomeni non solo promuove lo sviluppo di una forma di filosofia che si libera dalla teologia , che è stato fino allora solo il servo, ma anche lo sviluppo delle scienze. Che ha notevolmente sviluppano dal XVII °  secolo successivo alla rivoluzione copernicana .

Individualismo

L'umanesimo del Rinascimento ha come correlato un'esaltazione dell'individuo . Ciò si manifesta nell'arte attraverso la valutazione dell'artista come soggetto creativo originale. Questa tendenza aumenterà in seguito con il cogito di Cartesio che pone il soggetto "io" non solo come un'unica fonte, ma come criterio per la vera conoscenza e anche dell'auto-realtà e del mondo. L' individualismo si concluda con la concorrenza , la fondazione di capitalismo, che si svilupperà dal XVIII °  secolo , e si tradurrà in un indebolimento del senso di comunità di .

La conquista del Nuovo Mondo

La conquista del Nuovo Mondo è stata fondata sul desiderio degli stati europei di aumentare il loro potere espandendo i loro territori, ma anche di sviluppare la loro economia attraverso lo sfruttamento di queste nuove terre e la commercializzazione dei loro prodotti. Ciò ha indubbiamente contribuito a modificare l'immagine della natura che avevano le popolazioni europee, vedendola come uno stock di risorse sfruttabili e commerciabili. I conquistatori mostrarono una totale mancanza di scrupoli nei confronti della natura, rispetto alle popolazioni indigene che avevano un senso sviluppato della sacralità della natura.

Dualismo anima-corpo

Il cristianesimo, specialmente con sant'Ireneo di Lione , sviluppando una concezione unitaria dell'essere umano, aveva rifiutato il dualismo platonico e le sue incarnazioni gnostiche dei primissimi secoli. Sulla scia del razionalismo ricompare, con Cartesio, un dualismo anima-corpo . Il corpo appartenente alla natura, la separazione tra anima e corpo ha indubbiamente influito sul rapporto dell'uomo con la natura, rendendo l'uomo meno vicino e meno solidale con essa, percependolo come una realtà esterna a ciò che è.

Tutti questi elementi, a cui dobbiamo aggiungere la meccanizzazione dei corpi e il lontano Dio dell'orologeria, avranno la conseguenza, secondo il teologo ortodosso Jean-Claude Larchet , di gettare le basi spirituali della crisi ecologica che stiamo vivendo oggi.

Riferimenti

  1. (it) Stephen Greenblatt , Self-fashioning rinascimentale. Da più a Shakespeare , University of Chicago Press ,, 321  pag.
  2. Michel Sot , "  Rinnovamento, rinascita e riforma in epoca carolingia: ricerca sulle parole  ", Bollettino della Società Nazionale degli Antiquari di Francia , vol.  2007, n °  1,, pag.  62–72 ( DOI  10.3406 / bsnaf.2009.10725 , letto online , consultato il 18 gennaio 2019 )
  3. Alison Cole, Il Rinascimento nelle corti italiane , Parigi, Flammarion ,, 192  pag. ( ISBN  2-08-012259-2 ) , pag.  La corte, l'identità e la storia (pag.7)
  4. Gonzague de Saint-Bris, François Ier , edizioni France Loisirs, p. 23
  5. Marie-Sophie Masse , La Renaissance, des Renaissances: VIII-XVI secolo , Klincksieck ,, pag.  8
  6. Ariane Boltanski e Aliocha Maldavsky, Il Rinascimento dal 1470 al 1560 , Éditions Bréal ,, pag.  12
  7. Vedi Lucien Febvre, Michelet et la Renaissance , Paris, Flammarion, 1992.
  8. Thomas Lepeltier, "Esiste il Rinascimento Riflessioni da Michelet", La Revue des Livres, 2000, online su La Rinascimento esiste riflessioni da Michelet
  9. (ru) “  Rinascimento  ” , su http://visart.info .
  10. John Hale , La civiltà dell'Europa nel Rinascimento , Perrin, 1993, trad. 1998
  11. Monique Mund-Dopchie ha dedicato una lezione al Collegio del Belgio su questa problematica, protesa verso una "rilettura" dell'Antichità, più che una riscoperta. La "riscoperta" dell'Antichità, registrazione del convegno
  12. Bernard Quilliet, La tradizione umanista , Fayard, p. 180
  13. Bernard Quilliet, La tradizione umanista , Fayard, p. 194
  14. Pierre Chaunu , Il tempo delle riforme , p. 332
  15. Bernard Quilliet , La tradizione umanista , Fayard, p. 314
  16. Régine Pernoud , Per finire con il Medioevo , Seuil, Points Histoire, 1977, p. 16 a 20 ( ISBN  2-02-005074-9 )
  17. Régine Pernoud , Per finire con il Medioevo , Seuil, Points Histoire, 1977, p. 17-18 ( ISBN  2-02-005074-9 )
  18. François Gilmont ha dedicato una lezione al Collège Belgique sui rapporti che gli umanisti hanno con il libro, nonché sulla distribuzione di questo oggetto. Il libro stampato, registrazione della conferenza
  19. Pierre Chastang , “Medioevo: una rivoluzione nella scrittura”, L'Histoire , settembre 2019, p. 40
  20. Bibbia e Storia, opposizione alle traduzioni della Bibbia in lingue volgari
  21. Bibbia e Storia, la divulgazione della Bibbia in Europa
  22. Jean-Marc Daniel, Storia vivente del pensiero economico , Pearson, p.  24
  23. Henriette Walter , L'avventura delle parole francesi da altrove , Robert Laffont, p.  da 137 a 150
  24. Jean Pruvost , La lingua francese: una lunga storia ricca di prestiti, p.  8
  25. Henriette Walter , L'avventura delle parole francesi da altrove , Robert Laffont, p.  17
  26. Il Rinascimento, l'affermazione del francese, XVI °  secolo, la preponderanza d'Italia , sul sito Internet dell'Università Laval
  27. Jean-Pierre Stroobants, "  Riscoprire le innovazioni di Hans Memling  ", Le Monde ,( ISSN  0395-2037 )
  28. (in) Centro del patrimonio mondiale dell'UNESCO , La città di Bergamo - Centro del patrimonio mondiale dell'UNESCO  " su whc.unesco.org (consultato il 2 novembre 2017 )
  29. Thomas F. Arnold, Le guerre del Rinascimento, XV-XVI secolo , Parigi, Altrimenti ,, 224  pag. ( ISBN  2-7467-0249-5 ) , pag.  72
  30. Jean-Claude Larchet , I fondamenti spirituali della crisi ecologica , Systes, p. 72
  31. Ibid., P. 72
  32. Ibid., P. 73-74
  33. Ibid., P. 74
  34. Ibid., P. 74-75
  35. Ibid., P. 75-76
  36. Jean-Claude Larchet , I fondamenti spirituali della crisi ecologica , Syrtes, p. 71-77

Vedi anche

Bibliografia

Documento utilizzato per scrivere l'articolo : documento utilizzato come fonte per questo articolo.

  • Collettivo, Il Rinascimento Rinascite ( VIII °  -  XVI TH  secoli) , la presentazione di Marie-Sophie Messa , introducendo Michel Paoli , Parigi, Klincksieck , 2010. Il concetto di rinascita utilizzato per affrontare il Medioevo e il Rinascimento in sé, da esperti di entrambi i periodi.
  • Ernst Bloch ( tradotto da  Pierre Kamnitzer), La Philosophie de la Renaissance , Paris, Payot , coll.  "Libreria Piccola Payot",, 218  pag. ( ISBN  978-2-228-90162-8 e 2-228-90162-8 ).
  • Jacob Burckhardt , La civiltà del Rinascimento in Italia , trad. I & II, Denoël, 1981
  • P. Burke , Il Rinascimento europeo , Seuil, coll. "Punti Histoire", 2002
  • Jean Delumeau  :
    • La civiltà rinascimentale , Arthaud, coll. "Grandi Civiltà", 1993
    • Una storia del Rinascimento , Perrin, 1999 , ( ISBN  2-262-01288-1 ) Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • E. Garin (s. Ed.), L'Homme de la Renaissance , Seuil, coll. "Punti Histoire", 2002
  • Bertrand Gille , Gli ingegneri del Rinascimento , Seuil, coll. "Punti Scienze", 1978 ( ISBN  2-02-004913-9 )
  • John Hale , Civilization of Europe in the Renaissance , Perrin, 1993 , trad. 1998 ( ISBN  2-262-01471-X )
  • Philippe Hamon , Les Renaissances; 1453-1559 , Belin, 2009, Parigi, 619 p., ( ISBN  978-2-7011-3362-1 )
  • Bertrand Jestaz, L'art de la Renaissance , Citadelles & Mazenod, 1984 (canna 2207), ( ISBN  978-2-85-088089-6 )
  • Didier Le Fur , Un'altra storia del Rinascimento , Parigi, Perrin, 2018, 250 p.
  • Jean-Pierre Poussou (dir.), Il Rinascimento: dal 1470 al 1560: problemi storiografici, metodologia, bibliografia commentata , Armand Colin, Paris, 2002 , ( ISBN  2-200-26364-3 )
  • Thierry Wanegffelen (dir.) "La Renaissance", Ellipses, Paris, 2002, ( ISBN  2-7298-1273-3 )
  • Colette H. Winn e Cathy Yandell, Aging in the Renaissance , Éditions Honoré Champion, 2009, 416 p., ( ISBN  978-2-7453-1746-9 )
  • Till-Holger Borchert , direttore del Musea Brugge (i 16 musei di Bruges), "Il secolo di Van Eyck - 1430-1530 - Il mondo mediterraneo e i primitivi fiamminghi" - catalogo della mostra "Jan Van Eyck, i primitivi fiamminghi e il sud, 1430-1530" organizzato dal Groeningemuseum di Brugge -Bruges - Ludion - 2002
  • Till-Holger Borchert , direttore del Musea Brugge (i 16 musei di Bruges), "I ritratti di Memling" - catalogo della mostra "I ritratti di Memling": Museo Thyzzen-Bornemisza Madrid, Groeningemuseum Brugge -Bruges, The Frick Collection Nuovo York-Ludion-2005
  • Testi compilati da Grégoire Hltz, Jean-Claude Laborie e Franck Lestringant, Voyageurs de la Renaissance , Gallimard, 2019, 579 p.
  • Véronique Ferrer, Olivier Millet, Alexandre Tarrête (a cura di), La Renaissance au grand large. Miscele in onore di Frank Lestringant , Droz, Ginevra, 2019, 864 p.

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Rinascimento ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Rinascimento e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Rinascimento su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Stefania Conte

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Rinascimento perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Rinascimento

Valeria Guida

Questa voce su Rinascimento mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Fabio Longo

Grande post su Rinascimento, Grande post su Rinascimento

Valeria Ferretti

Finalmente un articolo su Rinascimento che è facile da leggere, Grazie per questo post su Rinascimento

Elisa Baldini

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Rinascimento scritto in modo così didascalico. Mi piace