Rhazès



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Rhazès sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Rhazès. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Rhazès e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Rhazès. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Rhazès qui sotto. Se le informazioni su Rhazès che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Abu Bakr Mohammad Ibn Zakariya al-Razi (Rhazes)
Immagine in Infobox.
Abu Bakr Mohammad Ibn Zakariya al-Razi
Biografia
Nascita

Rayy (attuale Iran )
Morte
925 - 935
Raggi
Nazionalità
iraniano
Attività
Altre informazioni
Campo
Religione

Abu Bakr Mohammad Ibn Zakariya al-Razi , noto anche come Razi ( persiano  : رازی ) o Al-Razi , o Ar-Razi , o Ibn Zakaria (Zakariya) o (in latino) come Rhazes e Rasis , o Rhases ( 865 - 925 ) è uno studioso multidisciplinare iraniano che ha dato importanti contributi alla medicina , all'alchimia e alla filosofia . Alchimista diventato medico, avrebbe isolato l'acido solforico e l' etanolo che fu tra i primi a sostenere per l'uso medico. Per quanto riguarda la pratica medica, difese strenuamente l'approccio scientifico nella diagnosi e nella terapia e influenzò notevolmente la progettazione dell'organizzazione ospedaliera in relazione alla formazione dei futuri medici. Empirista e razionalista , fu oggetto di numerose critiche per la sua opposizione all'aristotelismo e per il suo libero pensiero nei confronti della religione musulmana .

Oggi il suo nome viene commemorato con l' Istituto Razi  (in) vicino a Teheran e il suo compleanno viene festeggiato ogni 27 agosto in Iran durante la "Giornata della farmacia. "

Biografia

Il suo principale biografo Ibn Ali Usaybia medico storico del XIII °  secolo.

L'uomo

Mohammad Ibn Zakarīyā al-Rāzī, nasce nell'865 nella città di Ray , città dell'Iran situata a 15  km a ovest di Teheran . Gran parte della sua ricerca è stata condotta lì. Fu anche lì che morì tra il 925 e il 935. Anche Avicenna visse per un po' in questa città dell'Iran. Questa città era popolata da Daylamiti (di origine scita ) a volte imbevuti di zaidismo , ma soprattutto ispirati dalle correnti filosofiche e scientifiche cinesi e dal libero pensiero. La città fu completamente distrutta nel XIII °  secolo in seguito alle invasioni mongole .

Sarebbe stato prima un musicista, probabilmente un suonatore di oud molto virtuoso, prima di dedicarsi all'alchimia , alla filosofia , alla matematica e all'astronomia . Avrebbe scoperto la medicina solo più tardi. Contrariamente alla credenza popolare, non è il primo a dire che il mondo è rotondo perché Eratostene , l'III °  secolo  aC. aC , aveva calcolato con ragionevole accuratezza la circonferenza della terra e in seguito il matematico indiano Aryabhata il Vecchio farà lo stesso fino al VI °  secolo . Sembra che fosse interessato anche all'oreficeria .

Secondo alcuni suoi biografi, Razi soffriva di una malattia agli occhi causata dalle emanazioni risultanti dai suoi esperimenti di alchimia che lo avrebbero fatto abbandonare questo campo per interessarsi alla medicina ma lo stesso Razi disse che la sua vista era stata compromessa da letture prolungate. Intorno ai trent'anni inizia quindi la formazione come medico presso la Ray. Letterato, è persiano ma legge e scrive in arabo  ; studia i testi degli antichi greci ( Ippocrate , Galeno ), e anche indù , forse tradotti in siriaco , poi in arabo. Gli scritti di Ali ibn Rabban al-Tabari (morto intorno all'870) avranno una grande influenza su di lui. Ha continuato la sua formazione viaggiando in Siria, Egitto, Andalusia, integrando la sua conoscenza dei libri con la pratica clinica e sperimentale.

Tornato in Oriente, fu nominato per la prima volta medico di corte del principe samanide Abu Salih al-Mansur , regnante sul regno di Khorassan nel nord-est dell'Iran. Crescendo la sua fama, fu incaricato della gestione dell'ospedale di Ray poi del bimaristan (ospedale centrale) Muqtadari di Baghdad sotto il regno del califfo abbaside Al-Muktafi . La leggenda narra che, per scegliere la posizione degli edifici da costruire, avrebbe appeso pezzi di carne in diversi punti della città e avrebbe scelto il luogo come quello in cui la carne si decomponeva meno rapidamente.

Alla morte del sovrano Al-Muktafi nel 907, Razi tornò a Ray. Molti studenti lo seguono e continua la sua formazione medica. Divenuto cieco alla fine della sua vita, si rifiuta di sottoporsi a un intervento di cataratta . Il suo atteggiamento si spiega in due modi, avrebbe detto "Ho visto il mondo così tanto che non voglio più vederlo" , oppure avrebbe scoperto che l'operatore designato ignorava l'anatomia.

lui muore (o 932 a seconda della fonte), nell'anno 313 del calendario musulmano .

Il dottore, l'insegnante e lo scienziato

In qualità di direttore medico dell'ospedale, progressista e umanista, Razi ha introdotto pratiche radicalmente nuove nella cura dei pazienti e nella formazione dei medici. Ha distinto tre aspetti della medicina: la sanità pubblica , la medicina preventiva e la cura di malattie specifiche . Con questo in mente, ha organizzato consultazioni ambulatoriali, ha promosso l'assistenza domiciliare e ha aperto l'ospedale e l'accesso alle cure e ai bisognosi e non solo ai ricchi. Sottolineando il ruolo della medicina preventiva, è autore del primissimo trattato medico per i non medici basato su sette principi destinati a garantire la conservazione della salute:

  1. moderazione ed equilibrio quando il corpo è in movimento e quando è a riposo;
  2. moderazione mentre si mangia e si beve;
  3. eliminazione dell'eccesso;
  4. miglioramento e regolazione dell'habitat;
  5. evitare eccessi dannosi prima che sfuggano di mano;
  6. ricerca dell'armonia tra ambizioni e propositi;
  7. disciplina dell'acquisizione di buone abitudini in particolare per quanto riguarda la pratica dell'esercizio fisico.

Ammirato insegnante e raffinato pedagogo, prese l'iniziativa di fare visite al capezzale con medici e studenti. Ogni paziente veniva prima esaminato dallo studente più giovane, il suo esame e le sue conclusioni venivano criticati dal più anziano, e così via di grado in grado, i pazienti più difficili venivano esaminati davanti a tutti dal maestro. Ha sottolineato la necessità di una formazione continua durante la vita del medico e li ha incoraggiati a prendere nota delle loro osservazioni ea discuterne tra loro.

Razi è riconosciuto per le sue capacità di osservazione unite a un grande rigore scientifico. Ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo del metodo clinico, attribuendo grande importanza ai segni clinici ma anche alla sintomatologia che dovrebbe costituire la base del ragionamento che porta alla diagnosi e quindi alla terapia . Ha insistito sull'importanza di combinare la conoscenza teorica con la pratica clinica.

In tal modo, si è fatto un critico severo ma ammirato del lavoro di Galeno , che riteneva privo di osservazioni empiriche. Questo ha causato lui stesso di essere attaccato. Una pratica insolita all'epoca, Razi citava scrupolosamente le sue fonti scientifiche, greche o arabe.

Contrariamente alla pratica dell'epoca, coinvolgeva il paziente stesso (il cui stato psicologico considerava come condizione per il successo del trattamento), ma anche chi gli stava intorno: i pazienti e i loro familiari sono con il medico e non contro di lui, che non gli nascondono nulla sulle condizioni del paziente e sul suo comportamento. In questo stesso approccio, ha insistito sul ruolo della dietetica nella cura e nella prevenzione delle malattie.

Utilizzando la sua conoscenza della chimica per la sua attività medica, può essere considerato il fondatore della terapia iatrochimica (l'uso di sostanze chimiche per curare le malattie). Ha lavorato per la creazione di farmacologia come piena disciplina medica e il capitolo dedicato ad esso nel suo trattato al-Kitab Hawi rimangono un riferimento al XVII °  secolo in Europa . Avvertì molto presto i suoi contemporanei sull'uso sconsiderato dei farmaci e sulle difficoltà derivanti dalla polifarmacia (l'uso di più farmaci contemporaneamente).

Ibn al-Nadim identifica cinque aree in cui Razi si è distinto:

  1. Razi fu riconosciuto come il miglior medico del suo tempo per aver compreso e applicato appieno la conoscenza medica greca  ;
  2. ha viaggiato in molti territori. Le sue ripetute visite a Baghdad ei suoi servizi a numerosi principi e governanti sono noti da molte fonti;
  3. era un insegnante di medicina che attirava molti studenti, principianti o meno;
  4. era riconosciuto compassionevole, gentile, retto e dedito al servizio dei suoi pazienti, ricchi o poveri;
  5. un avido lettore, fu uno scrittore prolifico.

In retrospettiva, possiamo aggiungere a questo elenco il suo ruolo principale nello sviluppo della medicina scientifica basata sui fatti e una visione molto moderna della medicina ospedaliera che combina clinica scientifica, formazione universitaria e preoccupazione per la salute pubblica.

Lavoro scientifico e medico

Razi praticato molte specialità mediche: chirurgia, ginecologia, ostetricia, oculistica ... Egli ha richiamato la sua scienza dalla astratta di Khuzistan ( Kunnash al-Khûz ), e ha fatto ampio uso di Aqrâbadin , un siro farmacopea lavoro tradotto in arabo da parte del medico cristiano. Sabur ibn Sahl .

Razi ha scritto 184 libri e articoli in diversi campi scientifici, di cui 61 in medicina, tutti in arabo. Le sue opere principali sono:

In medicina
  • Kitab al-Hawi fi al-Tibb
    Somma medica in 22 volumi, in parte postumi, che riprende la conoscenza degli autori più antichi sotto forma di lunghi estratti con precisi riferimenti e commenti, insegnamenti e osservazioni di Razi.
    In linea: (ar) vol.  2 .
  • Kitab al-Mansuri fi al-Tibb (Libro di medicina per Mansur) - Anche: (la) http://www.wdl.org/en/item/7381/view/1/9/
    Trattato medico più generale dedicato al sovrano samanide di Ray, Abu Salih al-Mansur.
  • Kitab fi al-jadari wa-al-hasbah (vaiolo e morbillo)
  • Kitāb manāfi' al-aghdhiyah wa-daf' maḍārrihā , 1305 AH
  • Kitab ila man la yahduruhu al-tabib (Libro per coloro che non hanno accesso a un medico)
  • Shukuk 'ala alinusor (Dubbi su Galeno) - Saggio critico sulla teoria di Galeno e su come i suoi successori la usano ciecamente.
  • Al-Teb al Molooki (Medicina Reale)
  • Al-Murshid aw al-Fusul (Aforismi) Guida del dottore nomade
In chimica
  • At-Tadbîr
  • Kitab Sirr Al-Asraar , tradotto in latino è il Secretum secretorum (Segreto dei segreti)

Psichiatria e psicologia

Razi è l'autore di uno dei primissimi trattati di psicologia e psichiatria. L'ospedale che dirigeva a Baghdad è stato il primo ad avere un servizio per i malati di mente.

Neurologia

Razi si interessò anche di neurologia  : descrisse il ruolo motorio e sensoriale dei nervi identificando sette dei nervi cranici e trentuno dei nervi spinali con un numero riferito alla loro posizione anatomica dal nervo ottico al nervo ipoglosso. . Funzionalmente, stabilisce il legame tra alcuni segni clinici e la localizzazione anatomica di una lesione .

Vaiolo contro morbillo

Nel mondo mediterraneo, dopo gli scritti del medico siriaco Aronne di Alessandria nel 622, Razi, come primario dell'ospedale di Baghdad , fornì una delle prime descrizioni conosciute del vaiolo e lo distinse chiaramente dal morbillo:

“Il vaiolo compare quando il sangue è infetto e bolle in modo che i fumi vengano rilasciati. Di conseguenza, il sangue dei bambini (che assomiglia a secrezioni umide che scorrono sulla pelle) si trasforma in sangue ricco che ha il colore del vino maturo. In questa fase, il vaiolo si manifesta principalmente come bolle che si trovano nel vino - (sotto forma di vescicole) - ... questa malattia può verificarsi anche in altri momenti - cioè non solo durante l'infanzia. La cosa migliore da fare durante questa prima fase è allontanarsi dalla malattia, per evitare che si trasformi in un'epidemia . "

Il valore della diagnosi è confermata dalla Enciclopedia Britannica (1911), che scrive: "La maggior parte delle fonti affidabili che indicano l'esistenza precoce di questa malattia sono messi in conto Rhazes IX °  secolo, per mezzo del quale i sintomi sono chiaramente descritte, la sua patologia spiegata da una teoria umorale o fermentativa e le prescrizioni date per il suo trattamento. "

Scritto da Razi, al-Judari wa al-Hasbah è stato il primo libro su questa malattia ed è stato tradotto in oltre una dozzina di lingue. La sua mancanza di dogmatismo e la sua fiducia ippocratica nelle osservazioni cliniche mostrano i metodi medici di Razi:

“L'eruzione del vaiolo è preceduta da febbre continua, dolore alla schiena, prurito al naso e paura nel sonno. Questi sono i sintomi più peculiari del suo arrivo, soprattutto un mal di schiena con febbre, con anche formicolio che i pazienti sentono sul corpo, una pienezza del viso che con il tempo va e viene; un colore infiammato, e arrossamento intenso in entrambe le guance, arrossamento in entrambi gli occhi, pesantezza di tutto il corpo, grande disagio, i cui sintomi sono stiramento e sbadigli, dolore alla gola e al petto, con lieve difficoltà di respirazione e tosse, secchezza del respiro, saliva densa e raucedine della voce, dolore e pesantezza alla testa, preoccupazione, nausea e ansia (con la differenza che preoccupazione, nausea e ansia sono più frequenti con il morbillo che con il vaiolo, invece il mal di schiena che è più caratteristico del vaiolo che del morbillo) calore in tutto il corpo, colon infiammato e arrossamento brillante, in particolare arrossamento intenso delle gengive. "

Razi è anche il primo nel mondo mediterraneo a differenziare chiaramente il vaiolo dalla varicella .

Allergie e febbre

Razi scoprì l' asma allergico e si dice che sia stato il primo a scrivere un trattato sull'allergia e l' immunologia . Nel trattato L'olfatto spiega la comparsa della rinite quando si sente l'odore di una rosa in primavera, tratta la rinite stagionale, che è identica all'asma allergica o al raffreddore da fieno . Si dice che Razi sia stato il primo a capire che la febbre era un meccanismo di difesa naturale del corpo umano.

Farmacia

Rhazes ha contribuito alla pratica precoce della farmacia attraverso i testi, ma anche in altri modi. Questi includono l'introduzione di unguenti per il mercurio , lo sviluppo di strumenti come mortai, spatole e fiale da utilizzare nelle farmacie fino agli inizi del XX °  secolo .

Varie patologie

Descrisse numerose patologie come gotta , calcoli renali e vescicali, vaiolo , morbillo , raffreddore da fieno . Ha inoltre classificato le malattie in tre categorie: quelle che sono curabili  ; quelli che possono essere curabili  ; e quelli incurabili .

Critica del suo approccio

Tuttavia, l'approccio di Razi non ha ancora una dimensione sistematica ei suoi successori, Ali ibn Abbas al-Majusi il primo, rimprovereranno ai suoi scritti la mancanza di ordine e di sintesi. Infatti, attraverso il suo attaccamento all'empirico e la sua sfiducia verso il teorico, Razi non cerca di organizzare le malattie in grandi famiglie di sintomi.

Filosofia

Etica della medicina

A livello professionale, Razi ha introdotto molte idee mediche e psicologiche utili e progressiste. Attaccò anche i ciarlatani ei falsi medici che vagavano per le città e le campagne per vendere i loro cosiddetti farmaci. Allo stesso tempo, ha affermato che i medici, nonostante la loro conoscenza, non avevano le risposte a tutti i problemi medici e non potevano curare tutte le malattie. Tuttavia, per essere più efficaci nella loro cura, Razi ha esortato i praticanti a mantenere aggiornate le conoscenze studiando continuamente libri di medicina e rendendo note tutte le nuove informazioni.

Sulla ricerca scientifica e clinica

Nel suo lavoro critico su Galen , Razi offre quattro ragioni per cui i grandi uomini possono sbagliare. Vale a dire da:

  1. negligenza, essere troppo sicuri di se stessi;
  2. spensieratezza o indifferenza;
  3. la tentazione di voler confermare le proprie idee o l'irruenza di essere convinti di avere ragione;
  4. la cristallizzazione delle vecchie conoscenze e il rifiuto di accettare l'idea che nuovi dati o nuove idee possano far sì che le conoscenze di oggi superino in definitiva quelle delle generazioni precedenti.

Razionalismo e vegetarianismo

In Divine Science , Rhazès rifiuta l'esistenza di un unico dio e il dispotismo di Allah . Riconosce cinque principi trascendenti che regolano gli affari mondiali di comune accordo.

In Medicina Spirituale , si occupa di moralità secolare dominata dalla ragione e non da un dio. L' assolutismo è una propaggine del male. Loda la democrazia e l'amore per il bene pubblico nel capitolo XIX , l'eroismo civico nel capitolo XX . Mostra che la morte è la fine della nostra sofferenza e che non c'è oltre.

Razi sostiene un certo vegetarianismo perché l'uomo disordinato persegue i suoi piaceri a scapito degli animali, verso i quali dovremmo avere rispetto. Afferma anche che il governo degli animali da parte degli uomini, poiché hanno l'intelletto e sono superiori a loro, dovrebbe essere a beneficio degli animali. Il traduttore e commentatore de La Médecine spirituelle , Rémi Brague , ipotizza un'influenza del pitagorismo su Razi, spiegando il suo vegetarianismo.

Oltre agli scolastici e ai letteralisti ortodossi che gli si oppongono, come il suo omonimo Abû Hâtim al-Râzî , gli scritti filosofici di Rhazès creano polemiche tra gli ismailiti . Nel complesso rifiuta le spiegazioni esoteriche e simboliche dei fenomeni naturali, come dice Henry Corbin .

Alchimia

Rhazès probabilmente praticava l' alchimia . Tredici opere di questa disciplina gli sono attribuite, secondo il medievalista arabista Rémi Brague . D'altra parte, Rhazes non praticava l'alchimia come scienza occulta, ma "in uno spirito puramente sperimentale e [...] per sostenere il suo scetticismo verso i fenomeni preternaturali" .

Se restano dibattiti sull'autore de Il Segreto dei Segreti , l'orientalista Julius Ruska gli attribuisce questo libro, che ebbe una grande influenza sull'Occidente medievale . È un'enciclopedia sulla politica, la morale, la fisionomia , l' astrologia .

Bibliografia

Lavori

  • Abi Bakr Mohammadi Filii Zachariae Raghensis o Opera Philosophica, frammentaque quae superssunt . Solo il t.  I , a cura di Paul Kraus al Cairo nel 1939, è apparso. Comprende: Al Tibb al-rûhânî , Al-Sîrâh al-falsafiyyah , Amârât iqbâl al-dawlah , Kitâb al-ladhdhah , Maqâlah fî mâ ba'd al-tabî'ah (quest'ultimo è apocrifo).
  • La condotta del filosofo , in P. Kraus , "Raziana I", Orientalia , IV (1935), p.  300-334 .
  • Razi ( tradotto  dall'arabo da Rémi Brague ), La Médecine spirituelle ["  Kitâb al-Tibb al-Rûhânî  "], Paris, Flammarion , coll.  "GF",, 206  pag. ( ISBN  2-08-071136-9 ).
  • Il Segreto dei Segreti , o Lettera [da Aristotele] ad Alessandro [il Grande] (testo arabo Kitâb Sirr al-Asrâr. Libro del Segreto dei Segreti) , circa 730, di Sâlim abû al-'Alâ, ma alcuni storici, tra cui J. Ruska ( Buch Geheimnis der Geheimnisse di Al-Razi , 1937, canna 1973) gli danno come autore Abû Bakr al-Râzî (865-925), altri hanno proposto Yuhannâ ibn al-Bitrîq, intorno al 941.; Testo latino Secretum secretorum in versione lunga intorno al 1243, di Filippo di Tripoli ). Secretum secretorum Aristotelis ad Alexandrum Magnum , Cambridge (Mass.), Omnisys, 1990, 153  p. (ristampato  dall'ed. di Venezia nel 1555).
  • Trattato di anatomia , in P. de Koning, Tre trattati di anatomia araba di Muhammad ibn Zakariya al-Râzî , Leida, Brill, 1903
Originale: col .  “Pubblicazioni dell'Istituto per la Storia della Scienza Arabo-Islamica. Medicina islamica ”, Francoforte sul Meno, Istituto per la storia della scienza arabo-islamica, 1996

Studi su Rhazès

Studi generali

  • Henry Corbin , Storia della filosofia islamica , Parigi, Gallimard , 1986.
  • Henry Corbin, Il viaggio e il messaggero: Iran e filosofia , Berkeley, (Calif.), North Atlantic Books, 1998.

Appunti

  1. In persiano Razi significa "della città di Ray".
  2. arrivati al V °  secolo.
  3. La prima descrizione del vaiolo nel mondo cinese risale al 340 circa ed è dovuta a Ge Hong , in India è dovuta a Vagbhata intorno al VII secolo. RW Nicholas, "La dea Sitala e l'epidemia di vaiolo nel Bengala", Journal of Asian Studies , XLI, 1, 1981, p.  26 .
  4. Ispirato all'"asha" dello Zoroastrismo .
  5. Definizioni lessicografiche ed etimologiche di “Préternaturel” dalla tesoreria informatizzata della lingua francese , sul sito web del Centro nazionale per le risorse testuali e lessicali .

Riferimenti

  1. Corbin 1986 , p.  198 .
  2. Mohammad Ibn Zakariâ Râzi (865-925) Il medico più eminente della civiltà islamica - La Revue de Téhéran | Iran  ” , su www.teheran.ir (consultato il 9 luglio 2016 ) .
  3. Jean-Charles Sournia ( traduzione  dall'arabo), Medici antichi arabi, X e XI secolo , Parigi, Consiglio internazionale della lingua francese,, 267  pag. ( ISBN  2-85319-175-3 ) , pag.  39-40.
  4. Ali Mazaheri , la vita quotidiana dei musulmani nel Medioevo, X °  secolo- XIII °  secolo , Paris, Hachette, 1951, p.  104-105 .
  5. Sylvain Gouguenheim , Aristote au Mont Saint-Michel , Seuil, 2008, p.  93.
  6. Il testo online è disponibile negli Stati Uniti.
  7. Per consultare una traduzione: Pauline Koetschet, Bakr al-Rāzī, Dubbi su Galen . Introduzione, edizione e traduzione , Berlino/Boston, edizioni De Gruyter, collana: Scientia Graeco-Arabica 25, 2019.
  8. RW Nicholas, "La dea Sitala e l'epidemia di vaiolo nel Bengala", Journal of Asian Studies , XLI, 1, 1981, p.  26 .
  9. DR Hopkins, Il più grande assassino: il vaiolo nella storia , University of Chicago Press, Chicago, 2002, p.  166 .
  10. Aly Mazaheri, op. cit. , pag.  103 .
  11. (La) Razis, Opera philosophica frammentaque quae supersunt , dir. P. Kraus , Cairo, 1939 e (ar) Maqrisi, Hitat , p.  136 e pag.  196 .
  12. Razi 2003 , p.  66.
  13. Razi 2003 , p.  56.
  14. Corbin 1986 , p.  199 .
  15. Razi 2003 , p.  16.
  16. Julius Ruska , "Buch Geheimnis der Geheimnisse di Al-Razi  ", 1937, canna. 1973.
  17. foglio di WorldCat .

Vedi anche

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Rhazès ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Rhazès e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Rhazès su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Loredana Bruni

Questo post su Rhazès mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Rhazès mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Cosimo Beretta

Grazie per questa voce su Rhazès, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Rhazès, è proprio quello che mi serviva

Alessandra Furlan

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Rhazès è quello che stavo cercando