Polyanthea



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Polyanthea sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Polyanthea. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Polyanthea e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Polyanthea. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Polyanthea qui sotto. Se le informazioni su Polyanthea che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Copertura in polyanthea . Edizione del 1659 rielaborata da J. Langius (1570-1615) e Fr. Sylvius Insulanus. (Vedere la traduzione di questa pagina per una nota.)

La Polyanthea (o Polyanthea ), pubblicata nel 1503, "opera adornata dai fiori dolcissimi " ( opus suavissimis floribus exornatum ), è di Domenicus Nanus Mirabellius, che si definisce cittadino albese e dottore in arti. Questa enciclopedia in forma di antologia ha, a seconda dell'edizione, tra 750 e 1.500 voci classificate in ordine alfabetico su questioni morali e teologiche e su argomenti di interesse generale: amicizia, età della vita, grammatica, guerra, memoria, retorica, sangue, salute, zodiaco ... Vivrà più edizioni e si affiancherà a successive compilazioni dovute a vari autori, guadagnando così negli anni in ricchezza e qualità organizzativa. Quest'opera è stata definita "la famosa enciclopedia da cui si sono formati tutti gli intellettuali europei dell'età classica e la cui storia deve ancora essere scritta".

Descrizione

Ogni voce è oggetto di una definizione con etimologia che prende in prestito dal greco, dal latino e dall'ebraico. Segue, se necessario, una divisione della nozione nei suoi diversi significati secondo una pratica favorita dalla scolastica e che sarà resa popolare da Pierre de La Ramée (1515-1572) come mezzo per identificare rapidamente le varie componenti di ' un concetto (vedi esempio di divisione del termine “astinenza” di fronte). In alcuni casi, la divisione di un concetto può essere molto ampia, come anima ("anima") che copre tre pagine.

Ogni articolo è composto da diverse sezioni, rigorosamente organizzate (soprattutto dal 1604) che offrono un'abbondanza di citazioni, confronti, proverbi, aneddoti o esempi storici: l'articolo memoria cita così casi di eccezionale memoria segnalati dagli Anziani mentre un altro riporta casi di grande longevità (sv longaevitas ). Un'altra sezione elenca, in relazione alla parola studiata, detti memorabili o versi di personaggi famosi. Un articolo può includere anche lunghi estratti di poesie di vari autori, o anche un intero dialogo di Petrarca che conta diverse migliaia di parole, come la sua "Lettera sugli occhiali" (sv spettacolare ), quella sul gioco (sv ludus ), quella sul amicizia (sv amicitia ), e dozzine di altre, che si ripetono per intero.

Nelle edizioni successive al 1600 compare una sezione chiamata Hieroglyphica . Questo, sempre posto alla fine di un articolo su un concetto astratto, indica i simboli che gli erano stati attribuiti dagli antichi egizi: come il pino o il cipresso per significare la morte (sv mors ), l'elefante per la clemenza ( sv mansuetudo ), una lira vista in sogno la prima notte di nozze per annunciare l'armonia della coppia (sv matrimonium ). Spesso un articolo è seguito da una o due favole che illustrano il tema.

Le fonti utilizzate provengono dalla Bibbia, autori antichi, Padri della Chiesa e poeti come Dante (1265-1331) e Petrarca (1304-1374). In totale sono coinvolti più di 200 autori latini e greci (citati nella lingua originale). Oltre a questa considerevole attività di localizzazione e classificazione dei dati, il lavoro enciclopedico è sviluppato specialmente per questioni di natura morale. L'importanza relativa data ai vari articoli è indicativa dell'obiettivo di questo lavoro e del pubblico a cui è stato rivolto. Così, l'articolo malice ( malicia, malum ) si sviluppa su 11 colonne (circa 1000 parole per colonna), contro 14 per lussuria ( luxuria ). Quella sul matrimonio ( matrimonium ) ne ha 21 ed è suddivisa in 12 domande (Dobbiamo sposarci o no A che età Dobbiamo considerare la bellezza ...). Allo stesso modo, l'articolo magistrat ( magistratus ) è strutturato in 18 domande su 20 colonne (Qualcuno dovrebbe essere costretto ad accettare una carica di magistrato Gli stranieri dovrebbero essere esclusi dagli uffici pubblici Le persone dovrebbero essere escluse dalle cariche pubbliche "Umile origine Quale luogo dovrebbe essere dato alla conoscenza e all'eloquenza ...) Per ciascuna di queste domande, l'autore espone le risposte date da diversi autori in tempi diversi e in società diverse. Sia un dizionario etimologico di citazioni e simboli, una raccolta di favole e fonti storiche sulle varie voci, questo libro offre anche una raccolta di trattati specializzati su questioni di società e moralità pubblica.

Questo tipo di lavoro ha la sua origine in antologie diventano molto popolare dal XIII °  secolo e che è servita come materiale di riferimento per i predicatori, fornendo esempi di sviluppo e citazioni potrebbero facilmente il riutilizzo nei loro sermoni. È stato anche molto utile trovare rapidamente materiale per illustrare un testo e per ostentare la sua cultura producendo citazioni da autorità riconosciute. Come notò sarcasticamente uno storico due secoli dopo, "questa collezione è stata a lungo la maschera che molti ignoranti hanno usato per nascondere la loro ignoranza".

Titolo . La metafora dei fiori ( ἀνθος ) è di uso molto antico per designare le bellezze dell'espressione e si trova ancora in francese ("un linguaggio fiorito, i fiori della retorica"). Mentre un'antologia designa una raccolta di testi dello stesso genere, Mirabellius ha scelto di chiamare il suo lavoro un insieme di antologie ( poly-anthea ) per sottolineare l'ampia varietà di argomenti affrontati. Alcune edizioni successive sceglieranno il termine latino equivalente per la parola fleur ( flor ) e si presenteranno come "la grande antologia".

Una lunga carriera

Copia stampata a Lione nel 1659. Questo foglio ha 2988 colonne per un totale di oltre tre milioni di parole. Pesa 4,5 kg.

Pubblicato per la prima volta nel 1503 a Savona da Franciscus de Silva, quest'opera avrebbe conosciuto una quarantina di edizioni tra il 1503 e il 1681, più un'ultima edizione nel 1735. Oltre le nuove edizioni ( Parigi , Basilea , Lione , Colonia , Francoforte , ecc.) , sarà notevolmente aumentato prima dallo stesso Nanus Mirabellius, poi dai suoi seguaci: Bartholomaeus Amantius (1567), Franciscus Tortius (1592), Maternus Cholinus, Anonymus Lugdunensis (Anonimo da Lione), Josephus Langius Caesaremontanus (Joseph Lang, da Kaysersberg in Alsazia) (1598) e Franciscus Sylvius Insulanus (François Dubois, da Lille) (1645). L'opera passerà così da 430.000 parole nel 1503 a un milione nel 1585 per arrivare a 2,5 milioni di parole nell'edizione del 1619.

Era in tutte le principali biblioteche. Il British Museum ha 10 edizioni "una delle quali sarebbe stata annotata e utilizzata da Enrico VIII". Il catalogo BNF fa riferimento a 17 edizioni. Google Libri ha digitalizzato 16 versioni da 13 diverse edizioni. Questo fa di quest'opera un testimone privilegiato per seguire l'evoluzione delle idee e degli standard impaginati dalla prima edizione ancora molto segnata dal modello dei manoscritti fino al fiorire della stampa.

Ann Blair attribuisce il successo di questo libro al fatto che non è rivolto solo a vescovi e predicatori interessati a questioni di religione e morale, ma anche alle giovani generazioni che sono interessate alla retorica e trovano nella Polyanthea di definizioni ed etimologie greche ed espressioni, oltre a numerose citazioni di filosofi, poeti e storici greci e latini.

La Polyanthea alla fine cadde in disuso a causa della sua incapacità di portare i dati scientifici nel contesto di un'antologia sanzionata dalla chiesa e che cercava in libri ed esempi del passato una guida per la condotta delle vicende umane. La sua mancanza di distanza critica dalle passate superstizioni o affermazioni non scientifiche sta diventando inaccettabile in un momento in cui la scienza sta avanzando in tutti i campi. Inoltre, alla fine del XVII °  secolo ha visto la diffusione di libri di riferimento in lingua volgare , tali dizionari Moreri (1674), di Furetiere (1690) e, soprattutto, Bayle (1697), che è anche una critica devastante del lavoro di Lang e sua credulità .

Elenco delle edizioni

Polyanthea: opvs svavissimis floribvs exornatvm compositvm per Dominicvm Nanvm Mirabellivm. Savona  : Impressum per Magistru <m> Franciscum de Silua in Inclyta urbe Saonae: Impensa i <n> tegerrimi uiri ac ipsius urbis patricii Bernardini de Ecclesia ac summa diligentia castigatum p <er> ipsius operis authore <m>, 1503.
Polyanthea, opus suavissimis floribus exornatum compositum per Dominicum Nanum Mirabellium, civem Albensem artiumque doctorem, ad communem utilitatem ... Venetiis. Anno 1507. Stampato da Georgio Rusconi Mediolanensis.
Polyanthea Opus suavissimis floribus exornatum compositum per Dominicum Nanum Mirabellium, Basilea, 1512.
Polyanthea: opvs svavissimis floribvs exornatvm compositvm per Dominicvm Nanvm Mirabellivm, civem Albensem artiumque doctorem ad communem utilitatem. Addita nunc primum est latina interpretatio versuum Dantis et Petrarchae, quos ipsi Italico Idiomate coscripserunt. Apud Matthiam Schurerium, 1517.
Polyanthea: opus suavissimis floribus exornatum , Dominicus (Nanus Mirabellius). Soter, 1539.
Polyanthea , Colonia, Maternus Cholinus, 1541.
Polyanthea: Opvs Svavissimis Floribus exornatum , Gennepaeus, 1552.
Polyanthea hoc est svavissimis Floribus celebriorum Sententiarum tam Græcarum quam Latinarum exornatum , Dominicus Nanus Mirabellius atque Bartholomæus Amantius, 1567.
Polyanthea: hoc est, opus suavissimis floribus celebriorum sententiarum tam Graecarum quam Latinarum exornatum , Domenico Nani Mirabelli, Bartholomaeus Amantius. Colonia, Maternus Cholinus, 1574.
Polyanthea, Hoc est, opvs svavissimis floribvs celebriorvm sententiarvm, tam Graecarvm qvam Latinarvm, exornatvm , Dominicus Nanus Mirabellius, Bartholomaeus Amantius, Colonia, Maternus Cholinus, 1575.
Polyanthea, Hoc est, opvs svavissimis floribvs celebriorvm sententiarvm, tam Graecarvm qvam Latinarvm, exornatvm , Dominicus Nanus Mirabellius, Bartholomaeus Amantius, Franciscus Tortius. Venetiis, Apud Ioannem Baptistam Ciottum, 1592. Questa edizione è particolarmente interessante per i titoli, che indicano il nome dell'autore di un determinato articolo.
Polyanthea nova , Dominicus (Nanus Mirabellius), Bartholomäus Amantius, Francisco Torti, Joseph Lang. 1604.
Polyanthea Nova, Hoc Est, Opus Suavissimis Floribus Celebriorum Sententiarum, Tam Graecarvm Qvam Latinarum, refertum , Dominicus (Nanus Mirabellius), Bartholomäus Amantius, Francisco Torti, Joseph Lang. Francofurti, Sumptibus Lazari Zetzneri Bibliopolae, 1607 (1257 p.)
Polyanthea nova, hoc is Opus suavissimis floribus celebriorum sententiarum tam graecarum quam latinarum refertum , Dominicus Nanus Mirabellius, Bartholomaeus Amantius and Franciscus Tortius, nunc vero ... digestum ... opera Josephi Langii, ... Editio altera ... Francofurti: sumptibus L. Zetzneri, 1612. In-fol. parti limin., 1258 p.
Novissima polyanthea, in libros XX. dispertita . Dominicus (Nanus Mirabellius), Bartholomäus Amantius, Francisco Torti, Joseph Lang. Francofurti, 1613.
Novissima Polyanthea: In Libros XX Dispertita: Opus praeclarum, suauißimis floribus celebriorum sententiarum, cum Graecarum, tum Latinarum refertum , Dominicus (Nanus Mirabellius), Bartholomäus Amantius, Francisco Torti, Joseph Lang. Francofurti, Zetzner, 1617 (1530 p.) Quest'opera è stata inserita nell'Indice il 4 feb. 1627 "donec corrigatur"
Florilegii magni: sev, Polyantheae floribvs novissimis sparsae, libri XX . Joseph Lang. Francoforte, 1621.
Florilegii magni seu polyantheae floribus novissimis sparsae libri XX , Dominicus Nanus Mirabellius, Bartholomaeus Amantius, Francesco Torti. 1628.
Florilegium Magnum, Seu Polyanthea Floribus Novissimis Sparsa , Dominicus (Nanus Mirabellius), Bartholomäus Amantius, Francisco Torti, Joseph Lang, Franciscus Sylvius. Francofurti, Zetzner, 1645.
Florilegii magni, seu polyantheae floribus novissimis sparsae, libri XXIII. Opus praeclarum, suavissimis celebriorum sententiarum, vel Graecarum, vel Latinarum flosculis ex sacris e profanis auctoribus collectis refertum a Iosepho Langio. Post alios, meliore ordine dispositum, innumeris fere Apophtegmatis, Similitudinibus, Adagiis, Exemplis, Emblematis, Hieroglyphicis e Mythologiis locupletatum atque perillustratum. Editio novissima ab infinitis pene mendis expurgata, & cui praeter Additiones & emendationes P. Sylvii Insulani, accesserunt Libri tres, circa titulos, which ad litteras K, X, & Y rilevanti. Lugduni, Sumptibus Ioannis Antonii Huguetan & Marci Antoni Ravaud, 1659 (Vedi immagine a lato e traduzione nella nota 1).
Florilegii magni; sev, Polyantheae floribvs novissimis sparsae, libri XXIII . Lione, 1669.
Florilegium Magnum Seu Polyantheae Floribus Novissimis Sparsae: Opus Praeclarum, Suavissimis Celebriorum Sententiarum vel Graecarum vel Latinarum flosculis, ex sacris & profanis Auctoribus collectis refertum , studio e opera Iosephi Langii. Argentorati, Josias Staedel Academia Typographus, 1681.

Bibliografia

  • (en) Ann Blair , Too Much to Know: Managing Scholarly Information before the Modern Age , New Haven Conn., Yale University Press ,.
  • Louis Lobbes, Des Apophtegmes à la Polyanthée  : Erasmus e il genere dei cosiddetti memorabili , Parigi, Honoré Champion,.

Riferimenti

  1. I ventitré libri del Grand Florilège o Polyanthea disseminati di fiori completamente nuovi. Ottimo lavoro composto da dolcissimi fiori delle più famose frasi greche e latine, provenienti da autori sia sacri che profani, rivisto da J. Langius. Lavori prodotti dopo altri, meglio organizzati, arricchiti e illustrati con innumerevoli apoftegmi, confronti, adagi, esemplari, emblemi, significati simbolici e mitologici. Edizione completamente nuova, ripulita da un numero pressoché infinito di errori, a cui sono stati aggiunti tre libri corrispondenti alle lettere K, X e Y, oltre alle aggiunte e correzioni fatte da François Dubois da Lille. A Lione, sulle presse di Jean Antoine Huguetan e Marc Antoine Ravaud, 1659.
  2. Lobbes 2013
  3. Le indicazioni fornite in questa sezione valgono soprattutto per l'edizione del 1659 pubblicata a Lione.
  4. Questa sezione attinge le sue informazioni dall'opera Hieroglyphica, siue De sacris Aegyptiorum, aliarumque gentium literis commentarii , di Pierio Valeriano , pubblicata da Thomas Guarinus, 1575. Disponibile su Google_Books
  5. Ann Blair, "Dictionaries and Encyclopedias", Gale Encyclopedia of the Early Modern World , Online
  6. François-Xavier Feller, Dizionario storico , E. Houdaille, 1836, p. 43. Google Libri
  7. Ann Blair , "  L'antologia latina come confronto  ", Far East Far West , n °  1,, p.  185-204 ( leggi in linea ), p.  186
  8. Questo elenco di contributori è fornito da Sylvius nella sua prefazione all'edizione del 1659
  9. Blair 2010 , tabella 4.1.
  10. Marie Couton, “La virtù esposta nei suoi migliori colori”, in Line Cottegnies, Tony Gheeraert, Gisèle Venet, Beauty and its Monsters in Baroque Europe, XVI-XVIII secolo , Presses Sorbonne nouvelle, 2005, p. 126.
  11. Dizionario storico e critico , sv Langius, Google_Books
  12. Il colophon indica la fine della stampa il 3 marzo 1508.
  13. Disponibile su Google Libri.
  14. Catalogo delle opere inserite nella lista nera contenente i nomi di tutti i libri condannati dal Tribunale di Roma, con le date dei decreti di condanna , Éditeur Demengeot, 1828, p. 184.

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Polyanthea ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Polyanthea e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Polyanthea su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Gaetano Borghi

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Polyanthea perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Polyanthea

Marcello Palma

Grande scoperta questo articolo su Polyanthea e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Polyanthea e tutta la pagina

Riccardo Milani

Molto interessante questa voce su Polyanthea, Pensavo di sapere già tutto su Polyanthea, Molto interessante questa voce su Polyanthea