linguaggio costruito



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su linguaggio costruito sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su linguaggio costruito. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di linguaggio costruito e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su linguaggio costruito. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su linguaggio costruito qui sotto. Se le informazioni su linguaggio costruito che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Un linguaggio costruito o pianificato (o linguaggio ideologico , a volte indicato come linguaggio artificiale , o conlang per linguaggio costruito in inglese) è un linguaggio creato da una o più persone in un tempo relativamente breve, a differenza dei linguaggi naturali secolari, lo sviluppo di che è in gran parte spontaneo e senza un piano generale. Eppure entrambi sono in definitiva creazioni della specie umana. A volte è quindi difficile separare le lingue in queste due categorie. In generale, troviamo una grande quantità di arbitrarietà ed eccezioni nelle lingue naturali, cosa più rara tra le lingue costruite, poiché sono generalmente fatte consapevolmente per essere accessibili, e quindi prive di eccezioni.

Lingue costruite usate, lingue non parlate o molto poco parlate che sono rimaste per secoli lingue immaginarie e naturali

Contrariamente a una rappresentazione molto diffusa, tutte le lingue naturali scritte sono in una certa misura lingue miste, sia naturali che artificiali - create con l'arte -, poiché hanno conosciuto interferenze durante il loro sviluppo. Rabelais scritto al XVI °  secolo: "E 'sbagliato dire che abbiamo il linguaggio naturale:. Lingue sono istituzione arbitraria e l'accordo dei popoli"

Alcuni linguaggi naturali odierni hanno subito processi di pianificazione e sono quindi in parte artificiali. È il caso dell'indonesiano , del serbo-croato , dell'ebraico moderno , del norvegese ( Nynorsk ), del tedesco , del mandarino . Queste lingue però non sono considerate oggi come lingue artificiali: il termine che ad esse viene applicato in sociolinguistica è quello di "  lingua ausbau  ". È anche il caso delle lingue costruite mirando all'intercomunicabilità tra forme dialettali non mutuamente intelligibili, spesso a causa della distanza, sono qualificate di “  lingua-tetto  ” (o lingua franca ): caso dell'arabo letterario , il francese ( formata principalmente dalla langue d'oil ) o romancio .

La differenza deriva quindi più da un fattore di scala:

  • le lingue naturali secolari hanno un'origine molto più antica e sono create piuttosto che create da una lingua madre da vari processi di trasformazione, adattamento generalmente non pianificati, studiati dalla fonetica storica  ;
  • le lingue nazionali e regionali ricostruite hanno un obiettivo: rafforzare un'identità nazionale (come il nynorsk , l' ebraico ), o regionale, mantenendo una coesione "nazionale" ( arabo letterario );
  • le lingue costruite sono state create in un passato più o meno recente da un gruppo ristretto, o anche da una sola persona, e su base volontaria. Il loro processo di creazione si sviluppa in un tempo abbastanza breve (qualche anno o qualche decennio).
  • Nelle lingue internazionali costruite bisogna distinguere tra lingue internazionali autentiche che hanno una comunità di parlanti presente in molti paesi (meno di una mezza dozzina) e i tantissimi progetti o addirittura schemi di progetti linguistici internazionali, il cui numero è vicino a mille, ma il cui numero di parlanti regolari, quando esiste, è molto spesso inferiore a cento.
  • le lingue costruite possono essere più facili da imparare rispetto a una lingua naturale, soprattutto se sono state progettate con questo obiettivo in mente, in particolare grazie alla grammatica regolare che evita irregolarità; l'esempio più noto è l' esperanto , per la sua caratteristica agglutinante.

Motivazioni e risultati

Possiamo distinguere diversi tipi di motivazioni e gradi estremamente diversi di utilizzo pratico per le lingue costruite:

Una lingua internazionale parlata in 120 paesi

Il desiderio di creare un linguaggio internazionale è soprattutto un atto politico:

  • Le persone che riescono ad imporre la loro lingua nazionale come lingua di comunicazione internazionale, impongono anche la loro cultura e il loro stile di vita. Una lingua costruita permetterebbe di salvaguardare la diversità delle culture. Tuttavia, contiene anche parte della cultura del suo costruttore (scelta delle radici, grammatica scelta, pronuncia, ecc.), e quindi lo impone anche se le scelte del suo iniziatore non fossero informate da una grande conoscenza di altre culture e altre lingue . Il criterio dell'internazionalità è quindi molto importante. Per quanto riguarda quindi l'esperanto, le radici sono principalmente di origine indoeuropea, perché le più internazionalizzate, ma i radicali sono invariabili, caratteristica delle lingue agglutinanti e soprattutto isolanti, parlate principalmente in Asia e frequenti in Africa.
  • Le lingue nazionali della comunicazione internazionale sono complesse da imparare e solo una piccola minoranza può padroneggiarle abbastanza bene per una comunicazione internazionale di qualità e leale.

L' esperanto occupa un posto speciale. Con altoparlanti regolari sparsi in 120 paesi in tutto il mondo , è una delle lingue utilizzate come lingua ausiliaria della comunicazione internazionale, ma, con rare eccezioni, senza supporto statale, mediatico o scolastico, è ovviamente molto indietro rispetto a quella dominante. lingue, come ad esempio inglese, francese, spagnolo o arabo. Tuttavia, a differenza delle lingue plurinazionali della comunicazione internazionale, l'esperanto è l'unica lingua utilizzata esclusivamente come lingua franca . Progettato fin dall'inizio come lingua internazionale, l'esperanto beneficia di una grammatica e di un vocabolario regolari che lo rendono una delle lingue più veloci da imparare e padroneggiare. Nel 1922, 13 paesi, tra cui circa la metà della popolazione mondiale, tra cui Cina, India e Giappone, raccomandarono di usare l'esperanto come lingua di lavoro aggiuntiva della Società delle Nazioni, ma una grande potenza (la Francia) pone il suo veto. I regimi totalitari degli anni '30, poi la Guerra Fredda, ne bloccarono lo sviluppo diplomatico. Internet, il mondo sempre più multipolare, l'Europa e l'emergenza ecologica consentono una crescita più rapida.

Il patrimonio letterario esperantista è uno dei più ricchi e diversificati tra le letterature in lingue costruite: ci sono più di 25.000 libri in esperanto (opere originali e traduzioni) e più di cento riviste che appaiono regolarmente, nonostante il fatto che l'esperanto esiste solo da circa 130 anni. In confronto, l'intera letteratura islandese , un paese creato IX °  secolo e contando circa 330 000 abitanti, è formata da meno di 50.000 sterline.

Lingue parlate poco o per niente

La maggior parte dei progetti "lingue" costruiti non sono mai diventati lingue parlate e non hanno mai funzionato veramente.

L'applicazione di un principio teorico

Alcune lingue costruite, come Loglan o Lojban , sono state create per illustrare teorie linguistiche come l' ipotesi Sapir-Whorf , che la lingua fa molto per creare una rappresentazione del mondo. Lojban, ad esempio, è un linguaggio pensato per essere il più logico e preciso possibile, senza ambiguità. Un altro esempio è il Láadan , una lingua che antepone il femminile al maschile, a differenza di molte lingue naturali secolari, come ad esempio il francese .

Una necessità di utilità che richiede un'interfaccia di comunicazione

Si presentano due scenari:

  • Situazioni specifiche, ad esempio tenendo conto di una disabilità e adattando la comunicazione alle prestazioni del disabile. Tali lingue, come le lingue dei segni per i sordi, seguono una logica diversa da quella delle lingue ordinarie. Alcuni, invece, sono solo traslitterazioni di lingue comuni (alfabeto Braille ). Alcuni campi tecnici hanno anche sviluppato pasigrafie come il codice internazionale dei segnali marittimi , originariamente destinato alla comunicazione tra navi francesi e inglesi e che è stato sviluppato in tutto il mondo. Se non è più in uso se non per segnali relativi alla sicurezza, era anche utilizzato, prima dell'avvento delle radio-telecomunicazioni, per trasmettere messaggi arbitrari con la tecnica del "parola per parola".
  • Comunicazione con destinatari non umani, ad esempio linguaggi informatici o persino robot. A volte sono solo poche parole o rumori. Un caso intermedio è l'uso del linguaggio controllato per assistere la traduzione automatica. È il caso della ASD-STE100 inglese semplificata , creata dall'industria aeronautica per le sue esigenze di documentazione tecnica.

Un linguaggio di fantasia

La creazione di un linguaggio immaginario (come quello di una mitologia o di un racconto) permette di dare profondità a una civiltà. Diversi autori hanno così creato linguaggi per gli eroi della loro opera (ad esempio i linguaggi elfici di JRR Tolkien o i Klingon di Star Trek ). Nel campo dei fumetti, i Puffi hanno il loro modo di parlare, ma è più un codice applicato al linguaggio del fumetto che un linguaggio reale (soprattutto perché in alcuni casi, parlarlo puffo non trasmette informazioni sufficienti per i personaggi per capirsi).

In un'opera musicale

Il gruppo musicale Magma (musica progressiva, gruppo fondato nel 1969) canta solo in Kobaïen , lingua creata per l'occasione, o Sigur Rós canta in vonlenska . Adriano Celentano canta nel 1973 Prisencolinensinainciusol in una lingua inventata, il titolo significa "amore universale".

Il piacere della creazione

Un linguaggio può essere creato da appassionati proprio come qualsiasi opera d'arte. Esistono quindi comunità virtuali di ideolinguisti (o “conlangers” in inglese) che condividono la loro passione per la creazione.

La risoluzione di un conflitto specifico

Quando due parti sono impegnate in una guerra prolungata, è essenziale una migliore comprensione e la creazione di una lingua locale comune, basata solo sulle due culture in gioco, limiterebbe le influenze straniere. Il Russenorsk è un esempio di questo caso.

imposture

Nel 1702 un uomo di nome George Psalmanazar fu presentato come principe di Formosa all'alta società inglese. Ha suscitato molto interesse nella sua presentazione della lingua e dei costumi del suo paese. Ha pubblicato una descrizione storica e geografica dell'isola di Formosa che si è rivelata totalmente frutto della sua immaginazione.

Nel 1882 il seminarista Jean Parisot (1861-1923) pubblicò una Grammatica e un vocabolario della lingua Taensa da, dice, appunti trovati negli archivi di suo nonno Jean-Dominique Haumonté. Riuscì ad ottenere la cofirma di Lucien Adam (1833-1918), linguista rinomato, e il Congresso degli americanisti dedicò diverse sessioni a questa lingua. Fu solo nel 1885 che l'antropologo Daniel Garrison Brinton dimostrò che questa presunta lingua degli indiani Taensa era un'invenzione.

Storico

Il primo test vagamente noto per creare un linguaggio universale ci riporta al II °  secolo . Pioniere nel campo della sperimentazione medica, Galeno costruì un sistema di segni di cui rimangono solo poche note storiche. Trascorsero quindi dieci secoli senza che si verificassero eventi di rilievo in questa zona finché la badessa Hildegarde de Bingen sviluppò un sistema di lingua scritta (era parlata) solo da lei, Lingua Ignota .

Francis Bacon (1561-1626), scienziato e filosofo inglese, cancelliere di Inghilterra sotto Giacomo I er , elaborato lo schema di un linguaggio universale.

René Descartes (1596-1650), filosofo e studioso francese, scrisse iluna lettera all'amico padre Marin Mersenne  :

“L'umanità dovrà creare un linguaggio internazionale; la sua grammatica sarà così semplice da poter essere appresa in poche ore; ci sarà un'unica declinazione e un'unica coniugazione; non ci saranno eccezioni o irregolarità e le parole saranno derivate l'una dall'altra per mezzo di affissi. "

Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716), filosofo, matematico e studioso tedesco, sviluppò il progetto di una caratteristica universale .

Comenius (1592-1670), umanista ceco, autore di Porta aperta sulle lingue (1631), è un precursore della pedagogia moderna. Una lingua comune è necessaria per il mondo. Deve essere "completamente nuovo" e "più facile di qualsiasi lingua".

John Wilkins (1614-1672), vescovo e scienziato inglese, riprese l'idea di Cartesio e sviluppò un linguaggio analitico che Jorge Luis Borges cita più volte.

André-Marie Ampère (1775-1836), fisico e matematico francese, inventò all'età di 18 anni “un linguaggio universale al servizio della pace e dell'unione dei popoli. "

Monumento a Zamenhof a Pau  : “Quando i popoli potranno capirsi liberamente, smetteranno di odiarsi. "

Louis-Lazare Zamenhof (1859-1917), oftalmologo e linguista polacco, iniziatore (nel 1887) dell'esperanto .

Leone Tolstoj (1828-1910), uno dei più grandi scrittori russi: “  Ho trovato il Volapük molto complicato e, al contrario, l' esperanto molto semplice. È così facile che avendo ricevuto, sei anni fa, una grammatica, un dizionario e degli articoli in questa lingua, sono riuscito, dopo due brevi ore, se non a scriverlo, almeno a leggerlo fluentemente. I sacrifici che ogni uomo nel nostro mondo europeo farà dedicando un po' di tempo allo studio dell'esperanto sono così piccoli, ei risultati che possono derivarne così immensi, che non possiamo rifiutarci di fare questo tentativo.  "- Lettera alle Éditions Posrednik,.

Jules Verne (1828-1905), scrittore francese. Il suo libro inedito fino al 1993 tratta dell'esperanto in 50 pagine nel racconto Voyages d'études .

"La chiave per una lingua comune, persa nella Torre di Babele, può essere costruita solo attraverso l'uso dell'esperanto."

Mohandas Karamchand Gandhi (1869-1948), avvocato, filosofo, asceta e politico indiano, fu il principale artefice dell'indipendenza dell'India , che si impegnò ad ottenere dal Regno Unito attraverso la nonviolenza attiva. “Sono per lo stesso calendario per tutto il mondo, come sono per la stessa moneta per tutti i popoli e per una lingua ausiliaria globale come l'esperanto per tutti i popoli. "

Ferdinand de Saussure , fondatore della linguistica, Cours de linguistics générale  : "L'uomo che pretendesse di comporre una lingua immutabile, che i posteri dovrebbero accettare come tale, assomiglierebbe alla gallina che ha covato un uovo di anatra: la lingua da lui creata verrebbe esportata volente o nolente dalla corrente che porta tutte le lingue. "

Antonio Gramsci (1891-1937), il pensatore rivoluzionario italiano, descrisse l'esperanto come un "cadavere che puzza, che attacca la vita nel suo futuro": "Il successo e la diffusione di una data lingua dipendono strettamente dalla complessità e dall'attività sociale delle persone che lo parlano. […] L'esperanto, lingua unica, non è altro che una superstizione, l'illusione di mentalità cosmopolite, umanitarie, democratiche, non ancora rese fertili, non ancora demistificate dalla critica storica. " . L'uso del termine "lingua unica" per l'esperanto, mentre i sostenitori di questa lingua internazionale ausiliaria vogliono una lingua comune e rifiutano totalmente questa nozione di una lingua unica, indica che questo grande intellettuale marxista, leader del Partito Comunista Italiano, non non conosceva l'esperanto.

Inazo Nitobe (1862-1933) scienziato, membro dell'Accademia Imperiale del Giappone. Esperanto come lingua internazionale (1922), rapporto prodotto come sottosegretario generale della Società delle Nazioni): "Si può affermare con assoluta certezza che l'esperanto è da otto a dieci volte più facile di qualsiasi altra lingua straniera e che è possibile acquisire una perfetta dizione senza lasciare il proprio paese. Questo di per sé è un risultato molto apprezzabile” .

Nel 1997, il giapponese Mizuta Sentarō (水田 扇 太郎), ha creato il noxilo o noxiro (ノ シ ロ 語( Noxiro go ) , Noɕiɽoɡo ), come lingua internazionale ausiliaria, sostenendo che l'esperanto è troppo orientato alle lingue europee. Crea un sito web per promuoverlo. Tuttavia, questo linguaggio costruito non sembra aver sortito l'effetto desiderato. Infatti, le principali lingue asiatiche (cinese, giapponese, indonesiano, hindi, arabo) sono molto diverse tra loro e appartengono a famiglie linguistiche completamente diverse. Inoltre, la lingua multinazionale dominante oggi è l'inglese, anche in Asia.

Sono stati proposti circa un migliaio di progetti linguistici costruiti. Ma solo uno, l'esperanto, ha operato su larga scala per oltre un secolo.

La costruzione di un linguaggio

Fondamentalmente, un linguaggio è costruito attorno a cinque pilastri:

Tipi di linguaggi costruiti

Esistono tre tipi di lingue costruite, a seconda che il loro vocabolario e la loro grammatica siano ispirati o meno alle lingue naturali: nel primo caso si parla di lingua costruita a posteriori , nel secondo caso di lingua costruita a priori . I casi intermedi, più difficili da analizzare, sono quelli delle cosiddette lingue miste.

La tendenza di una lingua ad approssimare le lingue naturali si chiama naturalismo. La tendenza inversa si chiama schematismo.

Va da sé che questa classificazione è solo uno strumento comodo ma riassuntivo. Nello stesso tipo, linguaggi costruiti differenti possono presentare un grado più o meno elevato di naturalismo o schematismo.

Così, nella categoria delle lingue a posteriori , l' Interlingua rappresenta un caso estremo di naturalismo, come la lingua franca nova (lfn, elefen); il noviale , l' occidental o l' ido che presentano questa tendenza a gradi minori.

Una lingua costruita a posteriori può spesso essere riconosciuta dall'uso che fa di parole di una o più lingue naturali (quindi in Esperanto, terre = tero , ciel = ĉielo , eau = akvo , feu = fajro ), ancora una volta questo uso non è sempre immediatamente trasparente (algoritmo lojban …).

Il linguaggio degli uccelli o il linguaggio degli angeli è un tipo di linguaggio segreto creato dalle corrispondenze fonetiche e analogiche delle parole.

Senza che sia possibile fare una generalità, le lingue costruite a posteriori sono la maggioranza e sono destinate a fungere da lingue ausiliarie internazionali, per ovvie ragioni di aspetto pratico di apprendimento e di arricchimento del vocabolario corrente ( esperanto , afrihili .. .). Tutte le lingue posta non hanno fornito questa affermazione e semplicemente prendere un po 'di esercizio teorico o filosofico ( Brithenig , Neolingua ...).

Secondo i loro obiettivi, le lingue costruite a priori sono soprattutto progetti linguistici, senza una comunità permanente di parlanti, spesso più teorici o con vocazione artistica e romanzata - senza tuttavia escludere la comunicazione internazionale (il caso del kotava, ad esempio ) . Hanno un vocabolario che ha un suo tono ( Klingon , lingue Arda ...), e talvolta usano anche numeri, simboli (lingua Bliss , pasigrafie ...), note musicali ( Solresol ).

Le lingue costruite miste, da parte loro, rappresentano una categoria più vaga e ci sono molte ragioni per classificare una lingua lì. Citeremo anzitutto il volapük procedendo da una commistione tra da un lato una grammatica estremamente schematica con elementi spesso a priori (pronomi, congiunzioni, desinenze, ecc.) e dall'altro radici naturali notevolmente deformate dalle idee e fantasia del creatore della lingua. Un caso apparentemente molto diverso è quello del bolak, che associa una grammatica relativamente naturalistica a regole fonetiche arbitrarie che generano meccanicamente parole altrettanto arbitrarie.

Questi due approcci quasi opposti danno vita a due lingue che presentano finalmente più in comune di quanto possa sembrare a prima vista.

Altre categorie

Ai fini pratici e trasversalmente alla classificazione presentata sopra, distinguiamo diverse altre categorie di lingue, costruite su vari criteri. Possiamo così distinguere lingue flessive ( interlingua ), isolanti ( glosa ), logiche ( loglan ), fittizie ( klingon ), semplificate ( latino sine flexione ), filosofiche (progetto Delormel), ecc.

Gli anglofoni distinguono:

  • Conlang  : linguaggio costruito (il termine più usato)
  • Artlang  : linguaggio artificiale o artistico, piuttosto personale
  • Auxlang  : lingua ausiliaria, come l'esperanto
  • Modlang  : inglese Model Language  : lingua del modello, lingua del modello, lingua del giocattolo ...

Esempi di linguaggi costruiti

Il seguente elenco è intenzionalmente limitato ad alcuni esempi significativi. Ulteriori schizzi di linguaggi costruiti immaginari sono presenti nell'elenco dei linguaggi costruiti (classificati per numero di parlanti, per scopo , ecc. ) nonché nella categoria: Linguaggio costruito .

Lingue statali o regionali ricostruite

Contrariamente a una credenza abbastanza diffusa, anche tra i linguisti, l' indonesiano , lingua nazionale della Repubblica di Indonesia , non è una lingua costruita. È una delle forme del malese , che si è evoluta rapidamente dall'indipendenza (1945), seguendo l'evoluzione della stessa società indonesiana. È stato arricchito con parole di diverse lingue regionali , in particolare giavanese , che ha il maggior numero di parlanti. Dal XV °  secolo, a causa della crescita della città di Malacca diventando il principale porto del sud-est asiatico, il malese è infatti la lingua franca in tutto l'arcipelago. L'importanza assunta dalla malese risale probabilmente ulteriormente nel tempo, dal momento che è Java iscrizioni malesi risalenti al X °  secolo.

Lingue costruite non statali

Lingue costruite complete con una comunità relativamente ampia di parlanti e una stampa per diversi decenni

Lingue costruite generalmente complete, con una piccola comunità di parlanti permanenti

  • il volapük (1879), la lingua ebbe un grande successo e morì quasi 10 anni dopo, il 2,6% dei giornali [11]
  • il latino sine flexione (1903), latino semplificato costruito da Giuseppe Peano utilizzato in pubblicazioni scientifiche e giornali
  • l' ido (1907), derivato dall'esperanto e destinato ad essere più naturalistico di quest'ultimo, 2,5% dei giornali [11]
  • l' Occidente (1922), lingua latina abbastanza semplice (poi Interlingue ), 0,9% dei giornali [11]
  • l' Interlingua (1924), latino naturalista, lettura facile ma scrittura più difficile, 0,7% dei giornali [11]

Progetti linguistici costruiti che non sono completi e o non parlati o quasi, diciamo lingue immaginarie

Primi tentativi
  • Baleybelen (1574), una lingua costruita basata sulle lingue del Medio Oriente
  • linguaggio universale del Sudre, spesso chiamato solresol (1866), perché richiede solo le sette note della scala musicale; secondo alcune classificazioni, la più antica lingua costruita ancora completamente documentata (1822-1868)
  • glot universale (1868), linguaggio composito naturalista europeo dovuto a Jean Pirro  ; assomiglia considerevolmente al giovane occidentale ma contiene molti più elementi germanici
  • zilengo (ca. 1880), lingua agglutinante creata da Asajiro Oka
  • signuno (dopo il 1950), Esperanto nella lingua dei segni, basato sulla lingua dei segni internazionale
  • loglan (1955), un linguaggio basato sulla logica dei predicati del primo ordine, creato dal linguista James Cooke Brown
  • lingua sistemfrater (1957), vocabolario paneuropeo, con una grammatica semplificata in stile asiatico, creato da un vietnamita
  • kotava (1978), una lingua costruita a priori, utilizzando una grammatica originale e un ricco vocabolario (più di trentamila parole).
Dopo gli anni '80
  • Uropi (1986), linguaggio sintetico creato da Joël Landais, insegnante di francese, con l'obiettivo di fungere da lingua ausiliaria per l'Europa
  • lojban (1987), dissenso da loglan, basato sugli stessi principi ma con un vocabolario diverso
  • eurolang (1995), un linguaggio artificiale creato da Philip Hunt tra il 1995 e il 1998 per servire come lingua per l'Unione Europea, questo progetto è stato abbandonato
  • La lingua franca nova o elefen (1998), basata su francese , italiano , portoghese , spagnolo e catalano .
  • toki pona (2001), una lingua di sole 123 parole, ispirata a nove lingue diverse e dotata di una grammatica volutamente minimalista con prestiti dal cinese (formazione plurale), dal danese (alcuni vocaboli) e dall'inglese.
  • Slovianski o Interslavian (2006), basato sullo slavo comune per facilitare la comunicazione tra le nazioni slave
  • pandunia (2007), i cui prestiti lessicali, sempre invariabili, provengono da due dozzine di lingue, tra cui l'asiatico.
Esempi di schizzi di linguaggi immaginari costruiti in opere di narrativa
Esempi di schizzi di linguaggi immaginari costruiti in opere musicali

Note e riferimenti

  1. Linguaggio costruito , o talvolta conlang in inglese.
  2. Robert Phillipson, Il dominio dell'inglese: una sfida per l'Europa , Paris, Libre et Solidaire,, 360  pag. , p 255
  3. “Tutta la letteratura islandese va online » , In Internet Archive Blogs , Jeff Kaplan, articolo del 29 gennaio 2011
  4. (in) Detlev Blanke, Come non reinventare la ruota ... La letteratura scientifica essenziale in interlinguistica  " , Descrizione interdisciplinare di sistemi complessi ,, pag.  200-215 ( ISSN  1334-4684 )
  5. Codice internazionale di segnalazione
  6. Traduzione automatica Linguaggio controllato Standard di traduzione .
  7. Home page ufficiale di ASD-STE100  " , su asd-ste100.org (consultato il 25 febbraio 2021 ) .
  8. Grammatica e vocabolario della lingua Taensa: con testi tradotti e commentati (1882)
  9. Storia delle idee linguistiche: L'egemonia del comparativismo p.  385 Sylvain Auroux 2000 ( ISBN  978-2-87009-725-0 )
  10. http://www.ampere.cnrs.fr/i-corpuspic/tab/Manuscrits/langue_univ/pdf/langueuniverselleampere.pdf
  11. (in) Detlev Blanke, Come non reinventare la ruota ... La letteratura scientifica essenziale in interlinguistica ed esperantologia  " , Descrizione interdisciplinare di sistemi complessi Scientific Journal ,, pag.  203 ( ISSN  1334-4684 )
  12. (in) Pierre Janton, Esperanto: Language, Literature, and Community ., SUNY Press, 1993 p 169, p.  14  : “  Volapük si diffuse rapidamente tra la classe media e gli intellettuali. [...] ha riscontrato un successo immediato ma effimero [...]. Per un altro decennio, Volapük ha continuato ad evolversi nonostante Schleyer, ma in uno stato di scisma e disordine che si è rivelato suicida.  "
  13. Kotapedia , l' enciclopedia della lingua Kotava su kotava.org
  14. La lingua più facile del mondo - Sulla punta della lingua  " , su Sulla punta della lingua ,(consultato il 18 settembre 2020 ) .
  15. "Pandunia, un linguaggio semplice per tutti" su Pandunia.info
  16. Nicolas Nunge, Dogoramania:: Tutto sul lavoro di Etienne Perruchon  " su dogoramania.com (consultato il 25 febbraio 2021 ) .

Vedi anche

Bibliografia

  • Dizionario delle lingue immaginarie , Paolo Albani e Berlinghiero Buonarroti, ed. Le belle lettere, 2001, ( ISBN  978-2-251-44170-2 )
  • Lingue immaginarie , Marina Yaguello, ed. du Seuil, 2006, ( ISBN  978-2-02-082364-7 )
  • Le Phalanstère des langages ecentriques , Stéphane Mahieu, editore Ginkgo , 2005, ( ISBN  978-2-84679-025-3 )
  • The Search for the Perfect Language , Umberto Eco, Paris, ed Seuil 1994, ( ISBN  2-02-012596-X ) , ripubblicato in pocket nella raccolta Points Essais nel 1997, ( ISBN  978-2-02-031468-8 )
  • Le bandiere delle lingue costruite. Sogni di universalismo in disegni e colori , Patrice de La Condamine, ed. The Free Enclaves, Portarrieu, 64190 Montfort-de-Béarn, 2007, ( ISBN  978-2-915625-19-6 ) .

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su linguaggio costruito ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su linguaggio costruito e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su linguaggio costruito su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Antonia Cavallaro

L'articolo sulla linguaggio costruito è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su linguaggio costruito è completo e ben spiegato

Silvano Messina

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla linguaggio costruito, ma mi è piaciuto molto

Marcella Ruggiero

Pensavo di sapere già tutto sulla linguaggio costruito, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni