Letteratura



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Letteratura sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Letteratura. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Letteratura e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Letteratura. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Letteratura qui sotto. Se le informazioni su Letteratura che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

La letteratura è una raccolta di opere scritte o orali che riconosce un valore estetico; è un'arte che esprime un ideale di bellezza. Grazie alle produzioni letterarie, permette di manifestare emozioni e rivelare a lettori o ascoltatori ciò che una persona ha nel cuore. La letteratura mira a educare, comunicare pensieri, influenzare e persino sedurre. La letteratura costituisce un patrimonio e può contribuire alla conservazione del patrimonio di un Paese, quando ne sottolinea i valori, la cultura e la civiltà.

La parola letteratura , dal latino litteratura derivato dalla littera (lettera) appare all'inizio del XII °  secolo, con un significato tecnico di "parola scritta" e cambiando nel tardo Medioevo al significato di "conoscenza dai libri" prima di prendere il XVII ° e XVIII °  secolo, la sua attuale direzione principale, vale a dire tutte le opere scritte o orali con una dimensione estetica (ad es. "e 'con i bei sentimenti che abbiamo fatto la letteratura sbagliato”, André Gide ) o l'attività che partecipano a loro sviluppo (es: “Dedicarsi alla letteratura”).

La letteratura è infatti definita come un aspetto particolare della comunicazione verbale - orale o scritta - che prevede l'utilizzo di risorse linguistiche per moltiplicare gli effetti sul destinatario, sia esso lettore o ascoltatore. La letteratura - i cui confini sono necessariamente labili e variabili a seconda del personale apprezzamento - si caratterizza quindi, non per i suoi media e generi, ma per la sua funzione estetica: la formattazione del messaggio prevale sul contenuto, superando così l'utilità comunicativa limitata a la trasmissione di informazioni anche complesse. Oggi la letteratura è associata alla civiltà dei libri attraverso i quali gli autori ci parlano a distanza, ma riguarda anche le varie forme di espressione orale come lo storytelling (in piena rinascita da circa trent'anni nei paesi occidentali), la poesia tradizionale dei popoli senza scrittura - di cui i nostri canti sono lontani cugini - o il teatro , destinato ad essere accolto attraverso la voce e il corpo degli attori. La tecnologia digitale , tuttavia, sta forse trasformando il mezzo tradizionale della letteratura e della natura.

Il concetto di letteratura è stata regolarmente interrogato da scrittori come da critici e teorici: questo è particolarmente vero in quanto alla fine del XIX °  secolo, in cui abbiamo cercato di ridefinire - come per l'arte - le caratteristiche della letteratura (ad esempio, con la nozione di impegno per Sartre , Che cos'è la letteratura ) e la sua natura (riflessione sulla scrittura e lettura di Roland Barthes o studi di linguisti come Roman Jakobson ) e al rinnovamento dei criteri estetici (dal "You must be assoluto moderno" di Rimbaud al nuovo romanzo via surrealismo , per esempio).

Resta il fatto che, ricca tanto nella sua illimitata diversità formale quanto nei suoi soggetti costantemente rivisti che parlano della condizione umana, la letteratura è prima di tutto l'incontro tra colui che, attraverso le sue parole, dice se stesso e il suo mondo, e il colui che riceve e condivide questo svelamento. La letteratura appare dunque come un enunciato necessario, una messa in parole in cui si percepisce l'esigenza profonda dell'autore, che lo porta a dire e dire a se stesso.

Definizioni ed etimologia

Etimologia latina

La parola francese “letteratura” deriva da una parola latina litteratura derivata da littera , “  lettre  ”, nel senso di segno grafico usato per trascrivere una lingua.

Il dizionario latino-Francese Gaffiot espone l'evoluzione della parola latina significato: si riferisce in primo luogo (esempio di Cicerone , ho st  secolo  aC. ) Una serie di lettere che costituiscono l'atto di scrivere o di un insieme di lettere composte da un alfabeto ( Tacito ); il che significa poi allarga l' ho st  secolo dC. AD (es. Di Quintiliano e Seneca ) di grammatica , di filologia , vale a dire, lo studio tecnico e testi accademici scritti, che si conclude con Tertulliano nei primi anni del III °  senso secolo di conoscenza, erudizione nel campo dei testi scritti.

Primi certificati in francese

Secondo il Tesoro della lingua francese computerizzata (TLFi) , il termine "letteratura" è attestata nei primi anni del XII °  secolo (nel 1121), con il primo senso latino di "ciò che è scritto." La parola non riesce a trovare il significato del latino tardo "erudizione, conoscenza (acquisita nello studio di libri)" alla fine del XV °  secolo: TLFi cita esempi di Vignay e J. Philippe de Commines .

Evolution senso alla XVII ° e XVIII °  secolo

Nicolas Boileau , uomo di penna e di teoria.

Secondo Philippe Caron, la parola "letteratura" mantiene il significato generale di "conoscenza ottenuta dai libri" fino al XVII °  secolo, poi disse: "hanno la letteratura" come si dice oggi "hanno la cultura", il termine che copre tutte le aree di cultura generale ; così, nel 1699, Fontenelle presenta la matematica come "una specie di letteratura".

Ma nella seconda metà del secolo, accanto all'accezione generalista, la parola si applica sempre più ad una specifica categoria di sapere, quella delle "belles-lettres" legate al bel linguaggio. Questo spostamento è spiegato dall'evoluzione sociale delle élite sotto Luigi XIV dove si è affermata la nozione di uomo onesto , adatto a una raffinata vita sociale fatta di pratiche culturali apprezzate come la conoscenza delle opere letterarie, in particolare quelle dell'Antichità che nutre il teatro classico , mentre i poeti sfruttano i generi definiti da Aristotele come poesia epica .

Nel XVIII °  secolo, il termine "letteratura" è diventato un sinonimo perfetto per "belle lettere", vale a dire quelle riconosciute da persone di gusto e costituiscono mondana cultura del tempo formato da una migliore istruzione e dal mondo del salotti e accademie letterarie  ; così, per Voltaire , "[t] a letteratura designa in tutta Europa una conoscenza di opere di gusto". Un altro esempio mostra che la parola "letteratura", con il senso comune che possiede oggi, è ormai ben radicata nel pieno dell'Illuminismo: nel 1753, Charles Batteux intitolò la sua opera Cours de belles-lettres, ou Principes di letteratura e nel 1764 , lo ripubblicò, mantenendo per il solo titolo Principles of Literature . Nello stesso anno appare di Abbé Laporte scuola della letteratura, il cui sottotitolo dei 2 nd  parte “regole particolari per ogni genere di letteratura in prosa e in versi”, è inequivocabile.

Il significato della parola evolve ancora lentamente dal 1750 verso il significato più ampio di "creazione del linguaggio scritto", lasciando sempre più spazio al giudizio soggettivo svincolato da criteri estetici restrittivi: tale sarà poi la concezione romantica del libero poeta creativo anche se egli è .deve essere un poeta maledetto, concezione che già Jean Le Rond d'Alembert prefigurava nel suo Discorso Preliminare sull'Enciclopedia quando affermava che le opere d'arte sono principalmente “d'invenzione che difficilmente prende le sue leggi se non dal genio”. Analogamente Paul-Louis Courier definì, negli anni Venti dell'Ottocento, un'opera letteraria come "prodotta dall'istinto e dal sentimento della bellezza" quindi dal sentimento dell'autore e non necessariamente da quello dell'ordine costituito.

senso moderno Modern

Intorno al 1800, il senso moderno diventa senso comune: la parola "letteratura" si applica ai testi ai quali "uno" conferisce una qualità estetica che può essere discussa, sia che si tratti del giudizio di un'istituzione, di dotti che esprimono il gusto comune ma anche dell'autore o del singolo lettore: questo è l'uso che fa Madame de Staël nella sua opera emblematica Sulla letteratura nel 1799.

A metà del XIX E  secolo, il grammatico Bernard Jullien distingue ancora “letteratura” e “grammatica”: per lui, il punto finale della “high grammatica” fin dall'antichità supera la descrizione dei meccanismi del linguaggio di avvicinarsi ai criteri della lingua bella nell'aspetto formale e stilistico dei testi. La letteratura che “classifica e studia le opere (presentando un interesse di stile)” va oltre: supporta lo studio e l'interrogazione sulla sostanza, sul contenuto delle opere, ad esempio i temi trattati e i punti di vista scelti. dagli autori, che ovviamente non esclude mai l'ingerenza morale come dimostrano i processi svolti contestualmente, nel 1857, contro Baudelaire e Flaubert per violazione del buon costume. Presto la "grammatica" si limiterà alla descrizione della lingua, divenendo uno strumento per la letteratura che si occuperà dell'osservazione e della valorizzazione degli aspetti formali come dei contenuti delle opere. Si può notare che la notizia "scienza" come stilistico o linguistico riprendere nella seconda metà del XX °  secolo, il ruolo devoluto alla grammatica di alto livello nello studio dei testi.

La figlia di Luigi XV che legge.

Infine, il campo di "letteratura" allarga il XX °  secolo, tutti i lavori scritti, non senza dibattiti su canoni letterari: entrambi discutere i contenuti (sentimentalismo di pulp fiction, la pornografia ed erotismo) che la forma (romanzo senza punteggiatura, verso libero , scrittura automatica). Usarono quindi sempre più categorie selezionate come il romanzo storico , la letteratura di fantascienza o la letteratura popolare senza scomparire disaccordi sulla caratterizzazione letteraria di alcuni tipi di opere come il romanzo della stazione , il racconto illustrato o il fumetto disegnato . Mettiamo in discussione anche le nozioni di "genere letterario" e "tipi di testo" così come la loro gerarchizzazione mentre rivalutano le opere del passato (vedi, come esempio recente, Charles Dantzig , Dictionary egoist of French letter , 2005). Lo storico e scrittore Ivan Jablonka propone invece di sostituire in letteratura alcuni testi delle scienze umane e sociali , definiti secondo sei criteri (forma, immaginazione, polisemia, voce singolare, istituzionalizzazione, ricerca della verità).

Significato, appendici e famiglia di parole

  • Il significato primario di "conoscenza contenuta nei libri" persiste in un certo modo quando la parola designa tutti gli scritti relativi a un argomento (es: "c'è un'abbondante letteratura sulla scuola", "letteratura medica");
  • il che significa métonymique il XVII °  secolo casa, quando la parola si riferisce al fatto di produrre opere letterarie o di una carriera per iscritto (ad es. "la letteratura non alimenta un uomo", "entrare in letteratura"). La parola può anche designare “[tutto] il corpo dei letterati” (già nel dizionario Richelet nel 1680) ma useremo allora piuttosto l'espressione “la Repubblica delle Lettere”;
  • la parola assume talvolta un significato peggiorativo, sottolineando il carattere artificiale e vanitoso di una scrittura come nel famoso verso di Verlaine "E tutto il resto è letteratura".
Gustave Flaubert ha impiegato 5 anni per scrivere Madame Bovary .

Tra le parole della stessa famiglia, possiamo distinguere:

  • l'aggettivo "letteraria", che esiste dal momento che la XVI °  secolo, ma ha trovato il suo lavoro agli inizi del XVIII °  secolo per descrivere "quel che è di conoscenze dai libri, come le lettere alla scienza." Molto rapidamente, intorno al 1760, fece riferimento a belles-lettres (come la parola “letteratura”), ad esempio in lavori come “società letteraria” o “giornale letterario”;
  • il nome "letterario", che compare all'inizio del XVIII secolo per designare qualcuno che si occupa di letteratura;
  • il verbo "alfabetizzare" nel senso di "fare letteratura", che è piuttosto peggiorativo o beffardo [esempi di TLFi: "così abbiamo la nostra facilità di alfabetizzare a nostro piacimento" (Flaubert), "Sartre e tutti questi giovani letterati letterati (Cendrars)] .

Natura della letteratura

La letterarietà  : problemi alla letteratura

I dibattiti estetici e morali non si chiuderanno mai, tanto più che le ambizioni degli autori non corrispondono necessariamente alle aspettative dei lettori, il che solleva così la questione delle avanguardie che compaiono in ogni generazione o quasi dal 1830 e che i movimenti riflettere opere letterarie che si sono succedute come romanticismo , naturalismo , decadentismo , dadaismo ... La divisione in periodi storici o aree linguistiche è anche dibattuta e combinata con altre intuizioni: distinzione degli autori in base al sesso ( letteratura femminile ), sessuale orientamento (letteratura “gay”), approcci politici (letteratura comunista), ecc.

La letteratura anche domande la sua natura e il suo ruolo dalla fine del XIX °  secolo, in pratica (ad es. Lautréamont , Mallarmé , Camus ) come nella teoria (ad es. Paul Valery , Sartre ). Inizialmente incentrata soprattutto sulla poesia dei "moderni" ( Surrealisti , Lettristi , Oulipo ), la riflessione si è concentrata sul romanzo con il Nouveau Roman negli anni 1950-1970 e L'era del sospetto che mette in discussione la nozione di personaggio, su la cronologia (es. Claude Simon , Jean Ricardou ) o sui nuovi generi come l' autofiction oggi, e anche sul teatro ( Antonin Artaud - teatro esploso da Beckett o Ionesco ). Si aprirono così dibattiti, portati dagli autori oltre che da accademici e critici, ad esempio sul legame tra l'opera e l'autore contestato da Proust contro Sainte-Beuve , o la «morte dell'autore». Proclamata da Roland Barthes per quale il posto maggiore va al lettore che riscrive il testo per se stesso.

Infatti, la "  letterità di un testo", cioè cosa lo rende un testo letterario, cosa lo rende parte della letteratura, è sempre la questione centrale: approcci come lo strutturalismo con Roland Barthes , la narratologia di Genette , lo stile , definito come "effetti linguistici dell'enunciato" di Michael Riffaterre o analisi del modello di comunicazione e delle caratteristiche linguistiche di Roman Jakobson cercando di costruire un approccio tecnico e testi più oggettivi che tuttavia si scontrano con forti opposizioni, ad esempio quello di Henri Meschonnic .

Storia

antichità

Letteratura greca antica

Le prime opere letterarie conosciute composte in greco antico sono epiche mitologiche ( Iliade e Odissea di Omero , Teogonia di Esiodo , ecc.). Ai greci dobbiamo anche la tragedia (rappresentata da Eschilo , Sofocle ed Euripide ), la commedia (di cui ci sono pervenute solo le commedie di Aristofane ) e la narrazione storica , che inizia con Erodoto e prosegue poi con Tucidide e Senofonte. . La narrativa romantica ne occupa solo una minima parte. La filosofia e la letteratura scientifica (studi, trattati) sono predominanti, in particolare gli scritti di Platone e Aristotele .

letteratura latina

Medio Evo

Principali forme

Ci sono tradizionalmente tre grandi campi letterari:

  • il romanzo ei generi affini (racconto, poema epico, autobiografia...), che rientrano nella diegesi , il fatto di raccontare le cose;
  • le diverse forme di espressione teatrale , che possono essere paragonate alla nozione aristotelica di mimesi , il fatto di mostrare le cose;
  • le diverse forme di espressione poetica .

Si noti che nessuna di queste grandi aree può essere definita semplicemente dalla presenza o assenza di versi: ad esempio, i romanzi di Chrétien de Troyes sono stati scritti in versi, il che non impedisce loro di appartenere alla letteratura narrativa, non alla poesia. Il teatro può essere scritto sia in versi che in prosa. E la modernità ha dimostrato che la poesia non è necessariamente definita dalla presenza del verso, come hanno dimostrato poeti come Aloysius Bertrand , Charles Baudelaire , Arthur Rimbaud o anche Saint-John Perse .

Queste aree principali sono suddivise in sotto-aree e generi letterari. I loro confini non sono assolutamente a tenuta stagna, soprattutto se si è interessati a opere contemporanee che sfidano le categorizzazioni tradizionali.

Il romanzo e il genere narrativo

Uno dei tre grandi campi della letteratura è quello del romanzo e più in generale di tutti i generi narrativi ad esso collegati. Ciò che accomuna questi diversi generi è il posto predominante occupato dalla storia. La maggior parte delle opere letterarie in questione sono scritte in prosa, ma ci sono anche romanzi in versi.

Il romanzo

Il romanzo è definito da Michel Raimond come un “genere fuorilegge”, che “è cresciuto un po' a caso”. Infatti, non è stato fin dall'inizio teorizzato o accompagnato da regole, che gli è valso, in partenza, un certo "discredito". Ciò non gli impedì di riscuotere un grande successo: il romanzo "assicurava la sua egemonia sugli altri generi". Il romanzo, infatti, si arroga «tutte le procedure che gli convengono» e può assumere molte forme.

La diversità del genere romantico è percepibile grazie al gran numero di sottogeneri in cui è suddiviso, tra i quali possiamo citare, in modo non esaustivo:

Il nuovo

Autobiografia e generi autobiografici

L' autobiografia è una storia in cui l'autore racconta la propria esistenza. Possiamo parlare di "generi autobiografici" al plurale, in quanto più generi sono legati all'autobiografia pur presentando caratteristiche distinte, come il romanzo autobiografico o l' autofiction . Il genere autobiografico è stato in particolare teorizzato da Philippe Lejeune .

Poesia

La poesia è una vasta raccolta di opere letterarie, orali o scritte, con o senza ricorso al verso. Difficilmente può essere definito dall'uso di forme o dal trattamento di temi particolari. Se spesso si caratterizza per l'importanza data dallo scrittore alla lingua stessa, la preoccupazione per la perfezione formale non è necessariamente la prima.

Teatro

Le opere teatrali sono opere letterarie destinate ad essere rappresentate sul palcoscenico di un teatro. Il testo teatrale trova quindi il suo culmine in una rappresentazione. Così, come scrive Martine David, il teatro “appartiene alla letteratura attraverso le sue opere drammatiche, allo spettacolo attraverso le sue tecniche di recitazione e messa in scena, alla storia attraverso i suoi riti e le sue tradizioni”.

Ci sono molti generi teatrali, tra cui tragedia , commedia , tragicommedia , dramma e vaudeville .

Generi letterari

Un genere letterario è una nozione che definisce un insieme di opere letterarie come aventi caratteristiche comuni che le distinguono dalle altre opere letterarie. Ad esempio, la commedia , la tragedia , l' ode , l' elegia , il romanzo storico , il giallo sono generi letterari. Esistono generi letterari, così come esistono generi pittorici (natura morta, marina, ritratto...), generi musicali (opera, concerto...), generi cinematografici, ecc. Tuttavia, alcune opere letterarie possono mettere in discussione la tipologia dei generi letterari.

La letteratura come disciplina didattica e di ricerca

Se la parola "letteratura" designa principalmente tutte le opere letterarie, si applica anche al campo del sapere formato dallo studio di queste opere letterarie. In questo senso, la letteratura è una disciplina di insegnamento e di ricerca, a sua volta suddivisa in diversi campi disciplinari.

Storia della letteratura

La storia letteraria è la disciplina che si interessa dell'evoluzione storica della letteratura e delle opere letterarie, in relazione al dato contesto di un'epoca, con la storia delle idee, delle correnti e dei movimenti letterari. Ad esempio, un'opera come Il romanzo fino alla rivoluzione di Henri Coulet può essere considerata un'opera di storia letteraria, poiché studia l'evoluzione di un genere (il romanzo) in un determinato periodo (dal Medioevo alla Rivoluzione) e in un dato spazio (Francia).

Letteratura comparativa

La letteratura comparata è la disciplina interessata al confronto di opere diverse, provenienti o meno da contesti culturali o periodi diversi.

Letteratura contemporanea

Dal 2006 il Collège de France ha una cattedra in “Letteratura francese moderna e contemporanea: storia, critica, teoria”.

Stato della letteratura e dello scrittore

Lo status della letteratura può essere messo in discussione di fronte alla concorrenza del cinema e della televisione e al recente utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e del computer nella produzione e distribuzione di testi.elementi che sollevano la questione più generale del posto della scrittura nel post- mondo moderno. Tuttavia, non ci sono dubbi sul futuro della letteratura: deriva dalla Scrittura, e non possiamo cancellare il ruolo della Scrittura, sostituisce ciò che è detto, parlato, oralmente.

Infine, i letterati (a parte i drammaturghi oi cantautori che si affacciano al mondo della scena e della distribuzione musicale) esistono tradizionalmente solo attraverso la pubblicazione dei loro testi su libri o sui giornali. I rapporti con il mondo dell'editoria sono quindi cruciali per la letteratura e per gli scrittori che hanno dovuto imporre la nozione di autore garante dell'opera e l'esistenza del diritto d' autore ( diritti economici e morali) al seguito di Beaumarchais , su iniziativa della Società degli autori drammatici. e compositori in 1777 , e Honoré de Balzac con la sua "Lettera agli scrittori del XIX °  secolo  ", pubblicato nel Paris Review nel 1834 che ha portato nel 1838 quando la Société des gens de lettres è stato creato . Tuttavia, solo un numero molto limitato di creatori letterari può guadagnarsi da vivere con la loro penna, il che continua a sollevare la questione dello status dello scrittore .

Note e riferimenti

  1. Editions Larousse , Larousse enciclopedia online - lettera latina littera litteratura della letteratura  " on www.larousse.fr (accessibili su 1 ° febbraio 2021 )
  2. "Cosa sta dicendo È mettere in gioco la parola ", Pierre Delayin, lo scrittore - "Dichiarare il testo all'origine, il significato dell'autore, l'espressione iniziale dell'uomo che parla a un uomo", Saggi sull'età dei lumi: in Honor of Ira O. Wade a cura di Jean Macarey, Librairie Droz, Ginevra 1977, articolo di Yvon Belaval Pour un dialog des critiques , pagina 24.
  3. Litteratorius - French-Latin Gaffiot Dictionary - Page 917  " , su www.lexilogos.com (consultato il 5 settembre 2019 ) .
  4. https://www.cnrtl.fr/definition/literature .
  5. Il TLFi indica Philippe de Thaon, Bestiaire (1211-1134).
  6. Philippe Caron in Des Belles-Lettres à la Littérature. Un'archeologia dei segni del sapere secolare in lingua francese (1680-1760) , Parigi e Lovanio, Peeters, Bibliothèque de l'Information Grammaticale n° 23, 1992.
  7. PL Courier, 1822 () Prefazione da un trad. di Erodoto.
  8. Dionigi di Tracia 60 aC: Modo di giudicare le poesie, in Jullien “Théses de Grammaire”, p.7 e 8, 1855) - [1] .
  9. citato da Littré "La letteratura comincia dove finisce la grammatica, cioè quando la grammatica si è occupata del linguaggio, delle sue forme, delle sue qualità e dei suoi difetti, la letteratura classifica e studia le opere dove devono trovarsi tutte queste parti già conosciute. »A Jullien, Gramm. Tabella dell'alfabeto.
  10. Ivan Jablonka, La storia è letteratura contemporanea: Manifesto per le scienze sociali , Parigi, Le Seuil , coll.  "La libreria del 21° secolo",, 352  pag. ( ISBN  978-2-02-113719-4 ) , cap. 9.
  11. Arte poetica (Verlaine)  " , su Wikisource .
  12. “  CNRTL-Lexicographie-littératurer  ” , su www.cnrtl.fr (consultato il 25 agosto 2019 ) .
  13. Hardy Alain. Teoria stilistica e metodo di M. Riffaterre. In: Langue française , n° 3, 1969. La stylistique, a cura di Michel Arrivé e Jean-Claude Chevalier. pp. 90-96. [2] .
  14. http://www.editions-verdier.fr/v3/auteur-meschonnic-1.html .
  15. Michel Raimond, Le roman , Paris, Armand Colin , 1987, canna. 2003, 190  pag. ( ISBN  978-2-200-26320-1 e 2-200-26320-1 ) , p.  17.
  16. Michel Raimond, Le roman , Paris, Armand Colin , 1987, canna. 2003, 190  pag. ( ISBN  978-2-200-26320-1 e 2-200-26320-1 ) , p.  18.
  17. Edizioni Larousse , Definizioni: poesia - Dizionario del francese Larousse  " , su www.larousse.fr (consultato l'11 febbraio 2021 )
  18. Martine David, Il teatro , Parigi, Belin , coll.  " Temi ",, 363  pag. ( ISBN  2-7011-1939-1 ) , p.  5.
  19. Henri Coulet, Il romanzo fino alla Rivoluzione , Parigi, Armand Colin ,, 524  pag. ( ISBN  2-200-25117-3 ).
  20. Chair "moderna e della letteratura francese contemporanea: la storia, la critica, la teoria" .
  21. (in) Letteratura  " , New York Times - Literatura Pontificia Universidad Católica del Ecuador (CHIP).
  22. La Rassegna di Parigi ,, OD, t. II, pag.  1.250 .

Vedi anche

Bibliografia

Articoli Correlati

Categorie

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Letteratura ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Letteratura e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Letteratura su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Armando Palumbo

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Letteratura è quello che stavo cercando

Gabriella Bruno

Questa voce su Letteratura mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Felice Antonelli

L'articolo sulla Letteratura è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Letteratura è completo e ben spiegato

Tiziana Longo

Molto interessante questa voce su Letteratura, Pensavo di sapere già tutto su Letteratura, Molto interessante questa voce su Letteratura