Islam



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Islam sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Islam. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Islam e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Islam. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Islam qui sotto. Se le informazioni su Islam che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Islam
Immagine illustrativa dell'articolo Islam
La Kaaba , situata alla Mecca , in Arabia Saudita , è il centro dell'Islam
Presentazione
Nome originale Arabo  : الإسلام  ; Alʾislām ("sottomissione")
nome francese Islam
Natura religione distintastin
Legame religioso Contributo del giudaismo e del cristianesimo con grandi cambiamenti dirompenti
Principali rami religiosi Sunnismo (90%) e sciismo
Nome dei praticanti musulmano
credenze
Tipo di credenza Monoteismo
credenza soprannaturale Divinità , jinn , angelo
divinità principali Dio ( Allah in arabo )
Profeti principali Ibrahim , Moussa , Issa e Maometto
Personaggi importanti Muhammad, Ali (sciismo)
Posti importanti La Mecca , Medina , Gerusalemme
Opere principali Il Corano , varie raccolte di hadith
Pratica religiosa
Data di esordio VII °  secolo
Luogo di apparizione Arabia
Area di pratica attuale Il mondo intero
Numero di praticanti attuali 1,8 miliardi
Riti principali Riti vari secondo rami e movimenti religiosi
Clero Nessun clero tranne che nello sciismo .
Classificazione
Classificazione di Yves Lambert Religione di salvezza universalista
Periodo assiale secondo Karl Jaspers La formazione dei grandi imperi ( IV °  secolo  aC. - I °  sec  . AC ), poi ampie zone di civiltà politico-religioso

L' Islam (in arabo  : الإسلام  ; Al'islām , "sottomissione") è una religione abramitica basata sul dogma del monoteismo assoluto ( توحيد , tawhid ) e che prende la sua fonte nel Corano , considerato il ricettacolo della parola di Dio ( الله , Allah ) ha rivelato al VII °  secolo in Arabia a Muhammad ( محمد , Muhammad ), proclamata dai seguaci dell'Islam come l'ultimo profeta di Dio . Un seguace dell'Islam è chiamato musulmano  ; ha doveri religiosi , spesso chiamati i “  pilastri dell'Islam  ”. I musulmani credono che Dio sia unico e indivisibile e che l'Islam sia la religione naturale nel senso che non ha bisogno della fede nell'unicità divina per accertare l'esistenza di Dio, questa verità essendo data integralmente dal primo giorno e dal primo Uomo ( Adamo ). Così, si presenta come un ritorno sulle orme di Abramo (chiamato, in arabo , Ibrahim ), in una sottomissione esclusiva alla volontà di Allah .

Nel 2015 , il numero di musulmani nel mondo è stato stimato in 1,8 miliardi, ovvero il 24  % della popolazione mondiale, facendo dell'Islam la seconda religione al mondo dopo il cristianesimo e davanti all'induismo . L'Islam è diviso in diverse correnti, le principali sono il sunnismo , che rappresenta il 90  % dei musulmani, lo sciismo e il kharidismo .

L'Islam è, cronologicamente parlando, la terza grande corrente monoteista della famiglia delle religioni abramitiche , dopo l' ebraismo e il cristianesimo , con cui ha elementi in comune. Il Corano riconosce l'origine divina di tutti i libri sacri di queste religioni, pur stimando che sarebbero, nelle loro attuali interpretazioni, il risultato di una parziale falsificazione: le Foglie di Abramo , il Tawrat (il Libro di Mosè identificato con la Torah ), lo Zabur di Davide e Salomone (identificato con il Libro dei Salmi ) e l' Injil (il Vangelo di Gesù ).

L'Islam attribuisce grande importanza alla Sunnah di Maometto, di cui la tradizione musulmana ha riportato parole, fatti e fatti. Queste storie, chiamate hadîth , a cui la maggioranza dei musulmani fa riferimento per stabilire norme giuridiche ( fiqh ), consentono di codificare la fede e la pratica musulmana. I diversi rami dell'Islam non sono d'accordo sulle raccolte di hadith da ricordare. Il Corano ei cosiddetti hadith “ammissibili” sono due delle quattro fonti del diritto islamico ( sharia ), le altre due sono il consenso ( ijmâ ' ) e l'analogia ( qiyâ ).

Etimologia

La parola "Islam" è la traslitterazione del araba الإسلام , Islām , che significa: "la sottomissione e sudditanza agli ordini di Dio". È un nome di azione (in arabo اسم فعل ism fi'l ), che designa l'atto di sottomettersi volontariamente, derivato da un radicale semitico, slm , all'origine di una classe di parole che significano concordia, integrità, integrità o pace . Il nome dell'agente (in arabo اسم فاعل ism fā'il ) derivato da questa radice è مُسْلِم muslim "colui che è magro" in arabo antico, ma "colui che si sottomette" in arabo moderno, all'origine della parola francese musulmano . Nella prima comunità il credente portava il nome di mu'minun e non quello di muslimun, solo in seguito questa religione prenderà il nome di Islam.

Troviamo, in particolare negli antichi romanzi cavallereschi , i termini "  maomettanesimo  " (ex "maomettanesimo") e "maomettano", caduti in disuso da più di un secolo. Questi termini derivano entrambi dal nome francese "  Maometto  ". La religione musulmana è stata successivamente designata in francese con la parola "islamismo" (come "giudaismo", "cristianesimo", "  buddismo  ", "  animismo  ", ecc.). Questo termine è la creazione francese e il suo uso è attestato in francese dal momento che il XVIII °  secolo, Voltaire usarlo al posto di "  islamismo  " per significare "religione dei musulmani". Nel XX °  secolo, la parola "islamismo", sostituito da quello di "Islam" nel vecchio senso, ha cambiato direzione ed è specializzata per l'uso denotano politica dell'Islam, l'islam diventa quindi una dottrina politica che mira alla espansione dell'Islam . I termini "Islam" e "musulmani" sono ampiamente utilizzati in francese dal momento che il XX °  secolo.

La parola "Islam" con la minuscola indica la religione il cui profeta è Maometto . Il termine “Islam” con la lettera maiuscola designa la civiltà islamica nel suo insieme, “un insieme di caratteristiche materiali, culturali e sociali durature e identificabili” . Designa, al di là della religione propriamente detta con la sua fede e il suo culto, un potere politico e un movimento generale di civiltà.

La parola "  musulmano  " (con la maiuscola) designava all'interno dell'ex Jugoslavia una delle comunità nazionali (nazionalità distinta dal 1974) e la designa ancora in alcuni degli Stati che ne sono nati. Al tempo del Terzo Reich , nei campi di concentramento, la parola "musulmano" o "  muselmann  " è usata per designare "i deboli, gli inadatti, coloro che erano destinati alla selezione" .

Storia

Mihrab della Grande Moschea di Kairouan , essendo questo il più antico luogo di culto dell'Occidente musulmano. La nicchia è un gioiello di arte islamica al IX °  secolo.

Per la storica Jacqueline Chabbi , il primo Islam soffre ancora di una mancanza di storicità. La lettura storico-critica che è stata applicata per "Ebraismo e Cristianesimo non ha toccato sinora quasi l'Islam" . Lo studio di questo periodo rimane complesso, per ragioni metodologiche e per lo stato delle fonti. “Questo primordiale passato arabo-musulmano può infatti essere letto come una narrazione composta a posteriori e volta a legittimare un potere musulmano alle prese con le proprie divisioni e lo splendore degli imperi passati”. Questa storia è una costruzione del IX ° e X TH  secoli.

I ricercatori nella storia islamica hanno studiato l'evoluzione di Qibla nel tempo per il luogo di nascita dell'Islam. Patricia Crone , Michael Cook e molti altri studiosi, sulla base di testi e ricerche archeologiche, ritenevano che il "Masjid al-Haram" fosse situato nel nord-ovest della penisola arabica. (non alla Mecca come espresso in opere basate sulla cultura narrativa). Dan Gibson ha detto che i primi orientamenti della moschea e del cimitero islamici mostravano Petra , Maometto ricevette le sue prime rivelazioni qui e l'Islam fu stabilito qui.

Territorio reso sacro dai musulmani che si pongono nello stato di ihram . Al momento della sua morte nel 632 , Maometto era riuscito a riunire l'intera penisola arabica.

L'Islam è emerso in Arabia nel VII °  secolo, sotto l'impulso di Muhammed . Un secolo dopo la sua morte, un impero islamico si diffuse dall'Oceano Atlantico a ovest fino all'Asia centrale a est. L'Islam nasce in un contesto di “violenza endemica”. Molte battaglie caratterizzano questo periodo. Dal primo califfo, Abu Bakr , viene condotta una guerra dagli arabi che difesero le loro credenze ancestrali. La morte del terzo califfo porta alla guerra civile tra i musulmani.

Questo periodo di espansione territoriale e di costruzione politica del califfato vide l'affermarsi della religione islamica, dei suoi dogmi, delle sue norme e dei suoi riti. Lo studioso britannico William Montgomery Watt ha scritto: "Si ritiene generalmente che la dottrina non ha sviluppato fino a quando il califfato di Ali" , il quarto califfo nella seconda metà del VII °  secolo. Per lo storico Sabrina Mervin , "l'adozione del acharisme ( X ° e XI esimo  secolo) ha completato la costruzione dell'ortodossia sunnita" . Allo stesso modo, la comparsa del nome di Maometto alla fine del VII °  secolo, è considerata da Frederic Imbert come un cambiamento nell'espressione della fede. Questo periodo è anche l'Editor del Corano, che per François Deroche, non è stabilizzata prima del VIII °  secolo. Il califfato abbaside vede una fissazione della religione musulmana. Durante questo uno (circa il IX ° al XI °  secolo dC), la Sira e l' Hadith sono svalutate e catene ricostruiti trasmissione orale. Per Jacqueline Chabbi: “La tradizione profetica è inventata in quel momento, attraverso i cosiddetti hadith, cioè le parole e gli atti attribuiti al profeta su cui vogliamo modellare il suo comportamento. Ma è una figura completamente ricostruita” .

Dopo la disgregazione politica del primo califfato, vi furono dinastie rivali che rivendicarono il califfato , o il dominio del mondo musulmano, e molti imperi islamici furono governati da un califfo incapace di unificare il mondo islamico. Nonostante questa frammentazione dell'Islam come comunità politica, gli imperi dei califfi abbasidi , dell'impero moghul e dei selgiuchidi erano tra i più grandi e potenti del mondo. Più tardi, nel XVIII ° e XIX °  secolo, molte regioni islamici caddero sotto potenze imperiali europee. L'Islam ottomano è stato influenzato dal pensiero occidentale e ha attraversato diverse riforme durante la nascita del wahhabismo , sostenendo un ritorno alle origini.

Anche se colpiti da varie ideologie , come il comunismo in gran parte del XX °  secolo , l'identità islamica e il dominio dell'Islam sulle questioni politiche aumentata durante la fine del XX °  secolo e l'inizio del XXI °  secolo . La rapida crescita, gli interessi occidentali in regioni islamici, conflitti e internazionali globalizzazione ha influenzato l'importanza dell'Islam nel plasmare il mondo del XXI °  secolo .

Demografia e geografia

Nel 2015, il numero di musulmani nel mondo è stimato a 1,8 miliardi, ovvero il 24% della popolazione mondiale. La diffusione dell'Islam al di fuori del mondo arabo può essere spiegata dalla preferenza comunitaria, dall'immigrazione e dal proselitismo. L'Islam è oggi la religione con la più forte crescita demografica. Secondo il Pew Research Center , se le attuali tendenze demografiche continueranno, l'Islam potrebbe superare il cristianesimo e diventare la religione leader nel mondo entro il 2070. Questa rapida crescita è dovuta principalmente a un tasso di fertilità più elevato che consente il ringiovanimento della popolazione.

L'Islam è l'unica religione il cui nome compare nella designazione ufficiale di diversi stati, sotto forma di "  Repubblica Islamica  ". Allora è ufficialmente la religione di stato . Tuttavia, queste repubbliche non sono le uniche, diversi Stati mescolano il diritto dei paesi ex colonizzatori con il diritto religioso.

Può esserci confusione tra arabi e musulmani, principalmente a causa di due fattori: l'origine araba dell'Islam e il posto centrale occupato dalla lingua araba in questa religione. Ci sono circa 422 milioni di arabi, la stragrande maggioranza dei quali sono musulmani. Infatti, solo il 20% dei musulmani vive nel mondo arabo. Un quinto di questi si trova nell'Africa subsahariana e la più grande popolazione musulmana del mondo è in Indonesia , seguita dal Pakistan . Esistono grandi comunità in Nigeria , Bangladesh , Afghanistan , India , Iran , Cina , Europa , ex Unione Sovietica e Sud America . Ci sono 3,3 milioni di musulmani negli Stati Uniti (cioè l'1% della popolazione statunitense) e 2,1 milioni di musulmani "dichiarati" in Francia (cioè il 3,2% della popolazione francese) secondo INED e INSEE , principalmente dall'immigrazione che deve essere sommate le conversioni, il numero è difficile da determinare in quanto vi sono conversioni al contrario e apostati . Tuttavia, secondo l' IPSOS , la percezione del numero di musulmani è globalmente sopravvalutata nei 40 paesi studiati.

Agli inizi del XXI °  secolo, l'ateismo è, secondo alcuni sociologi forte crescita nei paesi di tradizione musulmana. Questo fenomeno si osserva principalmente nel Maghreb, in Egitto e in Sudan.

I doveri del musulmano

Ogni musulmano deve normalmente rispettare obblighi di culto che possono prendere il nome di "  pilastri dell'Islam  " ( arkān al-Islām ). Se questi comandamenti sono di origine coranica, la loro attuazione si estende ai primi secoli dell'Islam. Così, la forma della professione di fede ( shahada) si evolve dopo la morte di Maometto e alcuni aspetti della preghiera musulmana ( salat ) sono ancora discussi IX °  secolo. Sparse in tutto il Corano, non formano, come successivamente, un'esposizione sistematica delle condizioni della fede. Riferendosi a un hadith profetico ("L'Islam è costruito su cinque [cose]"), le scuole giuridiche sunnite gradualmente, durante i primi tre secoli dell'Islam, formularono l'adesione all'Islam sotto forma di cinque pilastri.

L'origine di questi diversi pilastri interroga i ricercatori. Così, per Amir Moezzi, “non abbiamo ancora misurato il peso dell'influenza manichea nell'Islam. Sono abituato a ricordare che quattro dei cinque pilastri dell'Islam sembrano avere degli antecedenti tra i manichei: la professione di fede, le cinque preghiere quotidiane, un mese di digiuno all'anno, l'elemosina, fa tutto parte di esso. si trova nell'Islam. Lo sciismo funge da catalizzatore e porta a molteplici influenze che a volte permeeranno l'Islam nella sua interezza. " Altre influenze, cristiane, ebraiche, politeiste, sono state individuate nei suoi obblighi o forme.

Nucleo comune: cinque "pilastri dell'Islam"

Questi cinque "pilastri" ( arkān ) costituiscono la "[base] della pratica religiosa di tutti i musulmani, [se] sunniti (90% dei musulmani) [o] sciiti" .

  1. Chahada ("dichiarazione di fede"): rappresenta una parte del credo islamico e consiste in una frase molto breve: ("أشهد أن لا إله إلا الله و أشهد أن محمداً رسول الله") "Attesto che non esiste una vera divinità che Allah e che Mouhamed è il suo messaggero. » , O fede in un solo Dio ( tawhid ), Allah , e il riconoscimento di Maometto come suo profeta;
  2. Salat , il compimento della preghiera quotidiana cinque volte al giorno;
    • الصبح ( Al-Sobh )
    • الظهر ( Al-Dohr )
    • العصر ( Al-Asr )
    • المغرب ( Al-Maghreb )
    • العشاء ( Al-Ichâa)
  3. Saoum , il rispetto del digiuno durante il mese di Ramadan  ;
  4. Zakat , elemosina legale verso i bisognosi, se uno è tassabile: consiste in un prelievo obbligatorio del 2,5% da una soglia d'imposta di 20  dinari (valutata a 84 grammidi oro 18  carati);
  5. Hajj ("pellegrinaggio"): consiste nell'andare alla Mecca almeno una volta nella vita, se si hanno i mezzi materiali e fisici.

In Kharidjism: un sesto pilastro

Oltre ai cinque "pilastri" di cui sopra, i Kharidjiti (letteralmente, i "lascianti" o "dissidenti") consideravano, fin dalle origini dell'Islam, un "sesto" pilastro dell'Islam  :

6. Jihad ("abnegazione", "sforzo", "resistenza", "lotta" o "lotta", a volte tradotto come "guerra santa").

Nello sciismo: fino a dieci "aiutanti della fede"

Oltre ai sei "pilastri" di cui sopra, lo sciismo duodecimano (che rappresenta l'80% degli sciiti) ne aggiunge altri quattro, o dieci in totale, che chiama "  ausiliari della fede  ":

7. Khoms (“quinto del bottino”): fu successivamente esteso a qualsiasi reddito che non corrispondesse a un lavoro oa un'eredità (donazioni, offerte, premi, bonus, ecc.) al fine di remunerare gli studiosi considerati. come eredi dei profeti;

8. Al Wala 'Wal Bara' ("lealtà e disconoscimento"): disciplina i rapporti della Ummah con il mondo esterno: comporta il riconoscimento dell'autorità dei dodici imam della casa del profeta Maometto ( Ahl albayt ) e rinnegare se stessi dai loro nemici;

9. Amr-Bil-Ma'rūf Wa Nahi-Anil-Munkar ("ordinanza del bene e proibizione del male"): governa le relazioni interne dell'Umma  ;

10. Taqiya ( "arcano della segretezza" ): consiste inizialmente nel celare la propria fede per sfuggire alla persecuzione religiosa  : successivamente, sarà indotto a sostenere società di sovversione nell'ambito dell'attivismo politico  : in ogni caso, è volutamente passato in silenzio.

Gli Ismailiti (corrente minoritaria) aggiungono ai sei “pilastri” ( arkān ): (7°) la Wilayah (“amore e devozione per Allah, i profeti e l'imam”); (8°) Tahara ( "purezza rituale" ); e (9°) Taqyia . D'altra parte, i drusi (ramo dell'ismailismo) li respingono in blocco.

Credenze della fede musulmana

La definizione della fede musulmana ( إيمان  " , "  al imân  ") deriva dai testi del Corano o dagli hadith. Senza essere esaustivo, quest'ultimo definire convinzione (o la fede ) da: "La fede ( Iman ) è che si crede ( 1 st ) in Dio, ( 2 ° ) in Suoi angeli, ( 3 ° ) nei suoi libri, ( 4 e ) nei Suoi messaggeri, ( 5 ° ) nella realtà dell'ultimo giorno, e ( 6 ° ) che credi nella realtà del destino, sia relativo al bene che al male” .

Altri elementi si aggiungono al credo islamico: "Chi negherà la fede (nella venuta) del Dajjâl, certamente non crederà, e chi negherà la fede (nella venuta) del Mahdi, avrà certamente miscreduto" . Basandosi su altri hadith, Ahmad Ibn Hanbal ha affermato: “L'equilibrio (delle buone e cattive azioni) è verità, il ponte sull'inferno ( Sirât ) è verità, la fede nel bacino e nell'intercessione del Profeta è verità, la fede nel Divino Trono, fede nell'Angelo della Morte e che prende le anime e poi le restituisce ai corpi, fede che colui che suonerà nel corno, nell'impostore ( Dajjâl ) che apparirà all'interno di questa nazione, e nel fatto che 'Isa Ibn Maryam (cioè "Gesù, figlio di Maria") scenderà e l'ucciderà” .

In giurisprudenza religiosa, l'aderente all'Islam chiamato Mouslim (musulmana, circoncisa la carne) e aderente al Iman si chiama mou'min (credente circoncisione del cuore), senza fare la dissociazione tra i due perché questi due termini sono considerati dall'Islam come inseparabili e complementari.

Nell'Islam, fede e pratica, sostanza e forma, sono intimamente legate. Infatti, i versetti coranici descrivono spesso il credente mou'min come "colui che crede e pratica le buone opere". In pratica, ciò non esclude la presenza di credenti non praticanti (considerati “peccatori”), o praticanti non credenti (considerati “ipocriti” dall'Islam). Per l'Islam, gli atti sono un riflesso della fede e sono validi solo secondo le loro intenzioni. In altre parole, i riti sono inutili se non sono eseguiti con sincerità .

Allah

Allah (con l'articolo agglutinato) è il termine senza plurale né genere, usato da musulmani, cristiani ed ebrei di lingua araba in riferimento a Dio, mentre la parola 'ilāh (in arabo: إله) è il termine usato per una divinità, una dea o un dio, in generale. L'Islam crede in un dio unico, creatore di tutto e padrone del Giorno del Giudizio. Essendo il Corano scritto in lingua araba, è quindi naturalmente il termine Allah che viene utilizzato per designare il dio unico, creatore, onnipresente e onnisciente. In particolare, per convertirsi all'Islam, la professione di fede islamica, chiamata Shahada , afferma: "Certifico che non c'è divinità se non Dio ( Allah ) e che Maometto è il suo messaggero" ( Ashhadu an lâ ilâha illa-llâh wa Ashhadu ana Mouhammadan Rasûlu-l-llâh ).

Alcuni passi coranici ricordano che il nome Allah designava per i meccani prima del periodo islamico il Dio creatore. Il termine Ilah compare, preceduto dall'articolo, nella poesia preislamica come nome divino impersonale e significa il dio cui si fa riferimento nel contesto (già citato, ad esempio...). Questa letteratura mostra anche l'esistenza della contrazione in Allah. Il termine Allah è attestato nelle poesie delle tribù arabe cristiane d'Arabia come i Ghassanidi ei Tanukhidi. Un'iscrizione del VI °  secolo si trovano in Umm al-Jimal dimostra l'uso del nome. In un'iscrizione cristiana del 512, i riferimenti ad Allah sono in arabo e aramaico, cioè "Allah" e "Alaha". L'iscrizione inizia con l'affermazione "Con l'aiuto di Allah" . Il nome Allah era quindi usato dai cristiani prima dell'Islam.

Allah è presente nel Corano, ma questo testo non ha lo scopo di esporre gli attributi di Allah. È considerato dai musulmani come la Parola di Dio, vi rimane inaccessibile sebbene vengano menzionate queste "perfezioni trascendenti". Nel Corano, alcuni versetti mostrano una descrizione antropomorfa di Allah. Ha un volto, mani, occhi... Queste descrizioni sono state oggetto di dibattiti esegetici e teologici. Basandosi su hadith da un lato e tafsir dall'altro, la teologia (o 'ilm al-kalam ), principalmente di origine mutazilita, ha affrontato la questione del divino, della sua unicità e della sua giustizia. La questione del rapporto tra l'essenza divina ei suoi attributi è particolarmente delicata, alcuni tradizionalisti rifiutano ogni ricerca razionale.

angeli

Il Corano afferma l' esistenza degli angeli (credenza obbligatoria per tutti i musulmani), che sono gli ambasciatori (in arabo : ملك malak ) di Dio (come i suoi omologhi in ebraico, Malakh e in greco, angelos ) i cui ordini eseguono o trasmettere. .

Stato degli angeli

Se il Corano presenta gli angeli come soggetti ad Allah, che "è categorico per quanto riguarda la loro obbedienza, [...] è in contraddizione con la loro natura creata e la loro relazione in questo senso con il Djinn e Shayatin (satana). " . La perfetta obbedienza degli angeli è una lettura tradizionale delle storie intorno alla Creazione. Alcuni studiosi come Tabari e Ashari accettavano gli angeli caduti e non credevano nell'impeccabilità degli angeli. Sostengono che solo i messaggeri tra gli angeli sono infallibili.

Al contrario, il Corano parla della caduta di Iblis in diverse sure. Un'altra sura è una "difficoltà nella dottrina dell'impeccabilità degli angeli". Allude a Harout e Marout , angeli caduti per aver ceduto ai piaceri della carne. Secondo il racconto questi erano chiusi in una fossa e avrebbero insegnato agli uomini la magia.

I musulmani credono che gli angeli siano fatti di luce, sono anche descritti in questo verso ad esempio: "Sia lodato Allah, Creatore dei cieli e della terra, che ha fatto degli angeli messaggeri dotati di due, tre o quattro ali. Aggiunge a creazione ciò che vuole, poiché Allah è Onnipotente" (Corano, sura 35, versetto 1).

Tra gli angeli, gli arcangeli Gabriele (Jibrîl), Michele (Mîkâ'îl) e Raphaël (Isrâfîl) svolgono ruoli di notevole importanza. Alla loro testa, l'Arcangelo Gabriele è incaricato della rivelazione (corana tra le altre) in cui c'è vita per le anime ei cuori. L'Arcangelo Michele è responsabile della pioggia in cui c'è vita per la terra, le piante e gli animali. L'Arcangelo Raffaele è responsabile dell'esplosione del tronco in cui c'è vita per gli esseri dopo la loro morte.

Esistenza di jinn

La maggior parte dei musulmani crede nell'esistenza dei jinn . Divinità pre-islamiche, i jinn sono, per l'Islam, creature create per adorare Allah. Sono invisibili ma possono assumere forma umana o animale. Surah al-jinn è particolarmente devota a loro. I jinn possono essere demoniaci o angelici. I Jinn condividono molte caratteristiche con gli umani e hanno la loro fitra. a differenza di Satana e degli angeli, possono essere tutti buoni o cattivi. In genere assomigliano alla società umana e possono anche appartenere a religioni diverse.

La natura del jinn mette in discussione i ricercatori. Per Reynolds, jinn e demoni appartengono allo stesso genere e sono angeli caduti, i jinn possono arrivare a credere. Crone considera i jinn di una specie diversa dagli angeli. Infine, Dye, ritiene che i jinn siano stati assimilati dal Corano ai demoni, senza interessarsi della loro vera natura. Il Corano cerca di demonizzare i jinn e li presenta come creature sia pericolose che amorali, il che li avvicina ai demoni visti dal cristianesimo. La presentazione coranica dei jinn fa parte della corrente cristiana di demonizzazione degli esseri intermediari, tra Dio e gli uomini. Per altri, sono semplicemente elementi pagani, integrati in una religione monoteista e resi paragonabili all'uomo.

Diavolo e Satana

C'è un dibattito particolarmente acceso all'interno dell'Islam su Iblis (il diavolo) dove si hanno due opinioni opposte sull'appartenenza di Satana tra i jinn (esseri ignei e aerei), o al suo particolare stadio di angelo caduto (essere di luce, a volte interpretato come fuoco.), il Corano è contraddittorio su questo punto. I salafiti (sostenitori dell'ultima opinione) basano la loro posizione sulla lettura della Sura Al-Baqara , mentre i sufi (sostenitori della prima opinione) basano la loro posizione su quella della Sura Al-Kahf in particolare . Se Iblis è presentato dal testo coranico a volte come un angelo, a volte come un jinn, la maggior parte dei commentatori del Corano (il jumhûr ), lo considerano come un angelo caduto divenuto uno dei jinn. L'Islam riconosce l'esistenza di vari satana subordinati ( Sheitan ). Causano danni e fanno peccare gli esseri umani.

Scritture

L'Islam riconosce diversi testi come testi rivelati. I più noti sono il Corano ( qour'ân ) rivelato a Maometto , la Torah ( tawrât ) rivelata a Mosè, i Salmi ( zaboûr ) rivelati a Davide, i Vangeli ( injîl ) rivelati a Gesù. Ci sono anche riferimenti agli opuscoli di Abramo e Mosè nel Corano; tuttavia, il Corano accusa ebrei e cristiani di falsificare le loro scritture. Ne consegue il rifiuto di questi ultimi di riconoscere Maometto come profeta e l'accusa nei loro confronti di essere di malafede. Questa accusa ha una lunga attuazione e la forma massimalista di Ibn Hasm, di confutazione sistematica, è quella oggi largamente diffusa nel mondo musulmano. Jacques Jomier considera queste critiche come "scientificamente insostenibili". Secondo i musulmani, il Corano è l'ultimo dei libri rivelati, perché Maometto è per loro l'ultimo profeta e, di tutte queste scritture rivelate, solo il testo del Corano sarebbe rimasto intatto. Il testo degli altri libri rivelati sarebbe stato falsificato sulla Terra, ma conservato nei cieli.

Rivelazione del Corano

Calligrafia della sura Al-Fatiha su una scapola cammello, XIX °  secolo.

Il Corano (in arabo  : القرآن , al-Qur'an , Significa "recitazione" ) è il principale testo sacro dell'Islam. Contiene 114 sure , che iniziano con sura fatiha-al- kitab, "فاتحة الکتاب" (sura-al-Hamd, "سورة الحمد") e terminano con sura Al-Nas , "سورة الناس". Per i sunniti , ci vuole alla lettera la parola dell'unico Dio. Questo libro è il più antico documento letterario, completo in arabo, conosciuto fino ad oggi. La tradizione musulmana la presenta come un'opera in arabo "chiaro" o "puro", con il carattere specifico dell'inimitabilità nella bellezza e nelle idee.

Per i musulmani, i gruppi Corano insieme le parole di Dio , rivelazioni ( Ayat ) fatte all'ultimo profeta e messaggero di Dio Muhammad ( محمد , Muḥammad , "il lodato") da 610-612 fino alla sua morte nel 632 da parte del arcangelo Gabriele ( جبريل , Jibril ).

Secondo le tradizioni, essendo Maometto analfabeta fino all'età avanzata di 40 anni, non fu lui a scrivere il Corano. Durante la vita di Maometto, la trasmissione dei testi avveniva principalmente per via orale e si basava su questa "recita" che evoca appunto il termine qur'ān , anche dopo l'insediamento a Medina. Il termine "raccolta" (jama'a) è stato reso ambiguo dai lessicografi musulmani per aggiungere l'idea di memorizzazione. Questo sviluppo permette di risolvere le contraddizioni interne alle tradizioni e di oscurare le lotte che circondano la scrittura del Corano. Alcuni versi o gruppi di versi sono stati scritti occasionalmente su scapole di cammello o pezzi di pelle, dai credenti. Si tratta di resoconti di notazione frammentari e rudimentali.

Sempre secondo queste tradizioni, poco dopo la morte di Maometto (nel 632), fu compilata una prima raccolta del Corano sotto l'autorità del primo califfo e patrigno di Maometto, Abu Bakr As-Siddiq , il quale, su richiesta di Omar ibn al-Khattâb , quando un gran numero di compagni che avevano memorizzato il Corano a memoria furono uccisi nella battaglia di Al-Yamama , mise lo scriba del profeta Zayd ibn Thâbit a capo di una commissione la cui missione era di riunire tutti i brani recitati durante la sua vita per salvarli in uno scritto depositato nelle mani di sua figlia Aisha , vedova di Maometto Il terzo califfo, Othman ibn Affân (644-656), a seguito di divergenze di recitazione tra iracheni e siriani, avrebbe chiese ad Hafsa di prestargli il manoscritto in suo possesso per fissare un testo unico e ufficiale di questa edizione e per inviarne copie rilegate alle varie province musulmane. Al fine di eliminare ogni rischio di errore ed evitare ogni possibile contestazione, la commissione accettò solo gli scritti che erano stati redatti alla presenza di Maometto e richiese a sostegno due testimoni affidabili, che avessero effettivamente sentito Maometto recitare le parole. domanda. Nonostante questi sforzi per prevenire qualsiasi scisma all'interno dell'Islam, i Kharidjites , per puritanesimo , respinsero Sura Yusuf come apocrifa in particolare , in quanto evocherebbe in termini scabrosi la moglie del Potifar d'Egitto s'enticante del bel Giuseppe (Youssef in il racconto coranico) e questo, nonostante il racconto biblico, convergono su questa vicenda.

Oggi, nuovi approcci stanno riesaminando le tradizioni musulmane. Così, tutte le tradizioni di compilazione sotto Abu Bakr e quella di Othman risalgono a Ibn Shihāb al-Zuhrī, ma per François Déroche, “non è del tutto certo che il racconto di al-Zuhrī non sia il risultato altrimenti di una totale falsificazione, almeno di una riscrittura della storia” . Le fonti antiche mostrano infatti una molteplicità di tradizioni. L'esame dei frammenti, anche se presumibilmente dopo Othman, mostra che la scrittura manca ancora di precisione. L'assenza di segni diacritici su tutte le lettere lascia "la porta aperta a discrepanze" . “La natura dell'intervento del califfo 'Uthmān sarebbe dunque diversa da quella che la tradizione gli attribuisce. " . Per Amir-Moezzi, la maggior parte delle tradizioni legate alla raccolta del Corano ha origine nel periodo omayyade, pochi decenni dopo gli eventi «pochi decenni che contano per diversi secoli tra i due periodi, le enormi conseguenze delle guerre civili e delle grandi e folgoranti conquiste sconvolsero la storia e la mentalità dei primi musulmani” . Per Anne-Sylvie Boisliveau, «[Viviane Comerro] torna un'ultima volta, e magistralmente, per dimostrare che c'è stata una «progressiva teologizzazione della storia del testo canonizzato»: le informazioni trasmesse nell'Islam sul modo in cui il Corano ha sono stati raccolti e fissati sono stati realizzati in conformità con il dogma che definisce il Corano” .

Riguardo a queste domande della scrittura del Corano, i ricercatori propongono diverse alternative che vanno da un breve tempo di scrittura dal lavoro di un singolo autore a un lavoro editoriale collettivo e tardivo. Due modelli sono emersi: quella di una "collezione" del testo coranico presto sotto il califfo Uthman , accanto a quello di una "scrittura" collettiva e progressiva per tutto il VII °  secolo, che ha portato in una forma quasi - definitiva sotto il califfato di Abd Al-Malik . Per François Deroche (del 1 ° modello), “la storia della Vulgata coranica deve quindi essere riconsiderato nel corso di un periodo più lungo. Se le basi furono poste abbastanza presto, prima dell'intervento del califfo ʿUthmān, il rasm [ lett . “Traccia”] non era ancora stabilizzata all'epoca in cui fu copiato il Parisino-petropolitanus e probabilmente non lo sarà prima del II/VIII secolo” . In questo manoscritto, infatti, sono ancora presenti varianti a livello del rasmo "che non sono né conformi a quelle riconosciute dalla tradizione, né riducibili a peculiarità ortografiche". Dye conclude che “se alcuni scritti coranici risalgono al tempo del Profeta, non è opportuno limitarsi ai Ḥiǧāz del primo terzo del VII secolo per comprendere la storia del Corano. C'è stata attività compositiva ed editoriale dopo la morte di Muhammad. Gli scrittori del Corano sono autori (e non semplici compilatori) che hanno saputo riorganizzare, reinterpretare e riscrivere testi preesistenti, o addirittura aggiungere nuove pericopi […] ” .

Il Corano è composto da centoquattordici capitoli chiamati sure , di lunghezza variabile. Ogni capitolo è conosciuto da uno o più titoli. Questi titoli provengono o dalle prime parole del capitolo, o da un episodio ritenuto significativo. Non appartengono alla rivelazione e non compaiono nei primi manoscritti coranici conosciuti, ma sono stati aggiunti dagli scribi per distinguere i capitoli del Corano.

Mentre c'è solo un Corano oggi , ci sono sette letture canoniche chiamate Qirâ'at . Infatti, dopo che il Corano fu fissato per iscritto, fu successivamente precisata la vocalizzazione e stabilite le regole della salmodia. Solo due varianti di lettura del Corano ( Qirâ'at) sono veramente note alla maggior parte dei musulmani e sono state oggetto di una reale diffusione nel mondo arabo: la lettura occidentale (in Africa ) o lettura di Medina è conosciuta come il nome "Warch Lettura"; e la lettura orientale (in Asia ) o lettura di Koufa è conosciuta, per questo, sotto il nome di "lettura di Hafs", essendo ogni nome preso dal nome dello specialista di questa scienza. La differenza tra le letture sta soprattutto nel canto, nel modo di leggere, di pronunciare. Anche per questo si parla di "lettura". Ma ci sono anche e soprattutto differenze nella divisione delle sure in versetti, cioè nella "dimensione" dei versetti, che spiega anche le diverse modalità della salmodia.

La maggior parte dei musulmani ha un grande rispetto per il Corano ed esegue le abluzioni, cioè si lava come per dire preghiere, prima di toccarlo e leggerlo.

dogma arabo

Il dogma dell'Arabità proclama che il Corano è stato rivelato a Maometto nella sua lingua: "in una lingua araba molto chiara". " (Corano, Sura 26, versetto 195). Il secondo termine "non ha senso linguisticamente e storicamente" perché "non c'è motivo di credere che l'ambiente in cui è nato il Corano non fosse, in un modo o nell'altro, multilingue (tutto il Medio Oriente lo era) - in in altre parole, è opportuno riconoscere la presenza di numerose tracce di bilinguismo/multilinguismo nella lingua del Corano stesso”. Sulla base della ricerca di Luxenberg, Gilliot traduce questo termine come "chiarito" / "chiarito". Per l'autore questo termine è legato al Corano che “spiega/interpreta/commenta brani di un lezionario in lingua straniera” .

Nel Corano sono presenti molti prestiti da altre lingue. Alcune di queste parole erano già considerati oscurare il VII °  secolo. Comprende tutte le lingue dei paesi confinanti con l'Arabia, quelle che appartengono alla famiglia semitica  : accadico , aramaico , ebraico , siriaco , etiope , nabateo, sud-arabo e non-lingue Semitici degli imperi greco, romano e persiano . Per Alphonse Mingana , il 70% dei termini di origine straniera nel Corano proviene dal siriaco.

Secondo il racconto religioso musulmano, la lingua araba fu rivelata ad Adamo in 29 lettere dell'alfabeto . E Maometto a precisare che: è una sola lettera" (cioè la negazione e non l' hamza che segna solo un colpo di glottide).

Sebbene la traduzione del Corano ponga un problema e sia respinta da alcune correnti conservatrici “letterali”, il Corano è stato comunque tradotto molto presto, almeno in parte. Così, secondo una tradizione musulmana, la prima sura, la Fatiha, viene tradotta durante la vita di Maometto da Salman il Persiano per essere recitata durante la preghiera dai Persiani , mentre Ja`far ibn Abî Talib, fratello di `Alî , tradusse alcuni versi parlando di Gesù e Maria in lingua Ge'ez (etiope classico), quando era ambasciatore a nome di Maometto presso il sovrano cristiano d' Etiopia , il Negus . Tuttavia, "alcune voci si levarono rapidamente contro qualsiasi sforzo di traduzione coranica" . Tra l'altro, una traduzione completa in persiano è, tuttavia, stabilita nel 956.

Tuttavia, dopo la morte di Maometto, le correnti più conservatrici dell'Islam hanno espresso un categorico rifiuto di tradurre il Corano considerando che la traduzione non è più la parola di Dio. Il dogma del carattere inimitabile del Corano, trascrizione scritta della parola divina, e del carattere sacro della lettera è servito a lungo per opporsi alle traduzioni. La traduzione di questo antico testo può essere problematica per l'assenza di «certezza [sul] significato che avevano molti termini usati dal Corano, nell'ambiente in cui appariva. " O i molteplici significati di certi termini. “Una delle traduzioni moderne più scrupolose, quella del tedesco Rudi Paret, è disseminata di parentesi e punti interrogativi” . Così, Cuypers cita il primo verso della sura 96: "Leggi (o" proclama") nel Nome del tuo Signore! » , che la tradizione associa alla lettura e alla proclamazione del Corano. La ricerca contemporanea ha permesso di tradurlo nuovamente in “Chiama/Invoca il Nome del tuo Signore”, riconoscendo in questo brano una chiamata alla preghiera e non un invio in missione.

Dogma dell'inimitabilità

In risposta ai suoi oppositori, i musulmani proclamano che il Corano è un miracolo e che nessuna parola umana può superarlo in bellezza. La sua inimitabilità ha il duplice scopo di provare l'autenticità dell'origine divina del Corano e la profezia di Maometto al quale si è rivelato un messaggero per l'umanità. Dal III °  secolo AH questo concetto è diventato un dogma. Il termine i'jaz utilizzato per impostare l'inimitabilità di essa è attestata solo dal IX °  secolo, e nessun trattato è dedicato a lui prima del X °  secolo. Per Liati, «notiamo che il dogma dell'inimitabilità formale del Corano è tardivo e che è stato imposto solo contro fortissime resistenze» .

Le basi del dogma sono presenti nel testo coranico dove diversi versetti evocano l'incapacità degli uomini di frustrare la volontà di Allah. Diversi versetti sono sfide nel produrre "qualcosa come questo Corano". "L'idea, ovviamente, è che questa sfida metta a tacere gli avversari poiché la rivelazione può venire solo da Dio". Gilliot vede questa difesa dell'inimitabilità del Corano come un ragionamento circolare. D. e T. Urvoy cita tale critica, risalente al IX °  secolo: "l'argomento della sfida, che deve dimostrare la divinità del Corano presuppone che ad accettare la validità di esso e della sua auto-qualificazione". Secondo l'apologetica musulmana, questa sfida è rimasta senza risposta. Secondo la tradizione islamica, un Musaylima al-kadhdhâb tentò invano di affrontare questa sfida, raccontando ai suoi connazionali del Nejd dal ritrovamento per combattere la profezia di Maometto: "Anche a me l'angelo Gabriele mi disse che portai una tale sura" . Inoltre, un certo numero di poeti, ha scritto testi che superano, secondo loro, il Corano in eloquenza. Se le tradizioni evocano diversi casi di persone che hanno cercato di raccogliere la sfida, le “rivelazioni” conservate sono “quasi interamente […] inventate dagli stessi musulmani” per criticare o ridicolizzare gli autori attribuiti. Per Gilliot, “Il ricorso alla cosiddetta 'inimitabilità' linguistica o tematica del Corano è valido solo per coloro che aderiscono a questo teologo . Agli occhi del linguista o del traduttore, non c'è inimitabilità! " Per Maxime Rodinson, questa perfezione sarebbe culturalmente sentita dai musulmani, come per qualsiasi " testo in cui siamo stati cullati fin dall'infanzia " . "La bellezza dello stile coranico è stata contestata da coloro che, per un motivo o per l'altro, sono sfuggiti all'incantesimo collettivo . " Per D. e MT Urvoy, «non c'è miracolo coranico se non per chi ci crede (già). Sarebbe, secondo gli autori, un cerchio: Dio dice che la sua parola è un miracolo, il Corano è la parola di Dio, quindi il Corano è un miracolo (...). Quindi, “l'argomento della sfida ( al-taḥaddī ) non prova nulla a un non musulmano se non è già impegnato nella conversione all'Islam” (. ..)". Theodor Nöldeke scrisse un articolo su quelli che gli sembravano difetti stilistici (rime, stili, composizione...) nel Corano "da cui sono esenti i poemi e le storie dell'antica Arabia" e irregolarità grammaticali. Ma per Jacques Berque , molto di ciò che Theodor Nöldeke imputa a difetti retorici è in realtà solo una specificità stilistica peculiare del discorso coranico e non un difetto stilistico. Per quanto riguarda le irregolarità grammaticali o ciò che si potrebbe prendere come tale, ne ammette alcune come "incontestabili" ma preferisce chiamarle invece "specificità grammaticali". Michel Cuypers contesta così l'affermazione di Nöldeke che passare da un argomento all'altro prima di tornare al primo argomento è una debolezza. Riconosce una struttura non lineare chiamata "retorica semitica".

I profeti

I musulmani considerano i profeti una parte importante della loro fede. Per l'Islam, il profeta è sia colui che proclama un messaggio divino (che significa “profeta”, nabi , in ebraico) sia colui che presenta la legislazione ( Sharia ). A differenza del profeta biblico, Maometto non prevede il futuro, tranne un possibile futuro trionfo dell'Islam. La profetologia musulmana è vicina, per certi aspetti, come il concetto del sigillo dei profeti, al manicheismo. Per il mutazilismo , è una grazia di Allah per le sue creature. La profezia coranica è soprattutto l'unica trasmissione di una rivelazione.

Per l'Islam maggioritario contemporaneo, tutti i profeti di Allah hanno affermato un buon comportamento e una condotta esemplare. Sarebbero necessariamente immuni all'incredulità, ai peccati grandi e ai peccati piccoli. Questa credenza tardiva non deriva dal Corano e la sua menzione è rara nella Sunnah. Al contrario, il Corano riporta peccati e colpe di diversi profeti, tra cui Maometto. Allo stesso modo, il Corano menziona le colpe commesse da diversi profeti, tra cui Adamo, Mosè, Davide e lo stesso Maometto. Il Corano quindi non difende in alcun modo il dogma dell'impeccabilità dei Profeti. La stessa Sunnah contiene solo poche tracce. Questa dottrina è affermata, per la prima volta chiaramente, da Ibn Hanbal (855). Questo dogma porterà a conflitti di interpretazione quando l'antica esegesi (anche negli scritti attribuiti a Maometto) si scontrò con questo principio di impeccabilità, nozione che sarebbe stata importata nell'Islam attraverso l'Islam sciita, dall'influenza delle credenze orientali e ha conosciuto in Evoluzioni del pensiero sunnita e un lungo insediamento.

Una successione di profeti

Dal punto di vista musulmano, tutti i profeti invocavano l'Islam concepito come religione naturale . Abramo è quindi musulmano allo stesso modo di Adamo, Noè, Mosè e Gesù. Paradossalmente è Abramo che condivide la fede di Maometto e non viceversa poiché la verità, secondo il Corano, è conosciuta dal primo giorno e dal primo uomo, cioè Adamo. Il Corano offre una storia costruita sul principio che Adamo avrebbe posseduto la totalità del messaggio divino ma che sarebbe stato alterato nel corso delle generazioni. Queste alterazioni furono accompagnate da ripetizioni da parte dei profeti che chiedevano un ritorno al monoteismo originario. Questo modello è diventato sistematico tra gli eresiografi. I testi spiegano che Adamo inaugurò l'ufficio profetico, mentre fu tramite Maometto, l'ultimo, che fu chiuso. Il loro numero è molto grande, citiamone alcuni: Noè (Noûh), Abramo (Ibrâhîm), Loth (Loût), Ismaël (Ismâ'îl), Isacco (Ishâq), Giacobbe / Israele (Ya'qoûb / Isra'îl ), Joseph (Yoûçouf), Job (Ayyoûb), Shelah (Sâlih), Eber (Âbir / Hoûd), Aaron (Hâroûn), Moses (Mo Mosesçâ), Jonas (Yoûnous), Jesse (Yâsa), David (Dâwoûd), Salomone (Soulaymân), Zacharie (Zakariyyâ), Giovanni Battista (Yahyâ), Gesù (Issah). Contrariamente alla riserva biblica sull'uso di questo termine, la parola "profeta" tende ad essere attribuita dall'Islam a tutte le persone "che hanno avuto un ruolo nella storia sacra" . Pertanto, gli autori attribuiscono un ruolo profetico a Dhu l-Quarnayn/ Alessandro Magno .

Profezia di Maometto

È possibile fare una storia delle rappresentazioni di Maometto, ma non una biografia storica nel senso moderno del termine. Il corpo dei dati non islamici sulla vita di Maometto non supera una pagina.

Il capo religioso, politico e militare arabo Muhammad ( محمد in arabo), il cui nome è talvolta trascritto anche da Muhammad, Muhammad, ecc. in francese è la fondatrice dell'Islam e dell'oumma , la "maternità" in un certo senso (senza alcuna idea di comunitarismo, ma al contrario di universalismo). È considerato l'ultimo profeta del monoteismo dai musulmani ed è riconosciuto come profeta solo da questa congregazione. Non lo considerano il fondatore di una nuova religione, ma credono che sia l'ultimo di una stirpe di profeti di Dio e considerano la sua missione quella di restaurare l'originale fede monoteista di Adamo , Abramo e altri profeti, fede che aveva stato corrotto dall'uomo nel corso del tempo.

Secondo il Corano, durante gli ultimi 23 anni della sua vita, Maometto dettò versetti, che ricevette da Allah tramite l'angelo Gabriele ( Jibril ), a sempre più fedeli convinti di questo nuovo messaggio. Il contenuto di queste rivelazioni sarà raccolto dopo la morte di Maometto in un'opera, il Corano , libro sacro dei musulmani. Tuttavia, "l'archeologia rivela che il tema della profezia di Maometto è apparso relativamente tardi" .

Sunnah e hadith

Il Corano stabilisce l'importanza della sunnah ("via", "via" o "tradizione") di Maometto che è raccontata dalle trasmissioni delle sue parole, azioni e gesti, approvazioni (anche mute), storie chiamate hadîth . Gli hadith sono considerati esempi da seguire dalla maggioranza dei musulmani. Le scuole di giurisprudenza Madhhab considerano le raccolte di hadith strumenti importanti per determinare la sunnah , la "tradizione" musulmana. L'hadith era originariamente una tradizione orale che registrava le azioni e le usanze di Maometto . Tuttavia, a partire dal primo Fitna , il VII °  secolo, coloro che hanno ricevuto hadith ha iniziato a mettere in discussione le fonti di parole. Per i musulmani, la loro credibilità è generalmente proporzionale al credito dei testimoni che li hanno denunciati. Questa catena di cookie si chiama isnad . Queste raccolte sono, ancora oggi, prese come riferimenti in argomenti legati al fiqh o alla storia dell'Islam . I cosiddetti hadith "autentici" sono accettati da tutti i musulmani sunniti . Come suggerisce il loro nome, i sunniti considerano gli hadith che costituiscono la sunnah come supplementi e chiarimenti essenziali al Corano . Nella giurisprudenza islamica, il Corano contiene i semi di molte regole di comportamento che ci si aspetta da un musulmano. .

Sono considerati una fonte di ispirazione religiosa da sunniti e sciiti, mentre i coranisti ritengono che il solo Corano sia sufficiente. Gli sciiti , però, hanno delle riserve riguardo alle collezioni sunnite perché piuttosto convalidano il loro punto di vista. Hanno le proprie opere che, per Amir Moezzi, sono più in linea con la ricerca storico-critica.

Diversi ricercatori hanno dimostrato che alcuni hadith sono composti da elementi più recenti di Maometto e che gli sono stati attribuiti in seguito e che sono stati forgiati dal potere califfale. Schacht ritiene che, in generale, più "perfetta" appare una catena di trasmissione, più tardi l'hadith. In particolare, le trasmissioni familiari sono “indicazioni positive che la tradizione in questione non è autentica”.


Resurrezione e Giudizio Universale

Secondo l'Islam, dopo la morte si verificano una serie di eventi, i più importanti dei quali sono  :

  • Il giorno del giudizio: verrà dopo la fine del mondo, la cui fine solo Dio conosce. La durata sarà di 50.000 anni. La terra sarà un'altra terra così come i cieli. Allah giudicherà le persone senza intermediari, una per una.
  • Le tappe saranno:
    • La resurrezione fisica  : segna l'inizio del giorno del giudizio. Gli uomini risorgeranno da Allah nudi e incirconcisi per essere giudicati,
    • Il raduno: tutto il popolo sarà radunato in un solo luogo per essere giudicato,
    • L'esibizione degli atti: ognuno vedrà i propri atti, buoni o cattivi, esposti,
    • Retribuzione: in base alle loro azioni, le persone saranno ricompensate o punite,
    • Il bilancio: gli atti saranno confrontati, buoni contro cattivi,
    • Il ponte ( al-sirat ): collega la nuova Terra alla periferia del paradiso e sarà eretto sopra l'inferno in cui, secondo l'interpretazione maggioritaria, cadranno gli "infedeli" (coloro che non accettano il Corano),
    • Il bacino ( al-kawthar ): ogni comunità avrà il proprio bacino che i devoti musulmani berranno prima di entrare in paradiso,
    • Intercessione: Con il permesso di Allah, i suoi profeti, così come altre persone pie o il Corano, intercederanno per gli autori di grandi peccati, che meritano una punizione ( Tawassoul ),
    • Inferno ( jahannama ): questo è un luogo dove, secondo l'interpretazione maggioritaria, verranno puniti gli “infedeli”. L'interpretazione dei versetti coranici relativi alla "durata" del soggiorno infernale è oggetto di sviluppi teologici,
    • Paradiso ( al-janna ): è una dimora di eterna beatitudine riservata alle persone che uniscono Dio, così come le persone sincere,
    • La visione di Dio: i credenti vedranno Allah, senza alcuna nozione di distanza e senza alcun dubbio su questa visione.

La maggioranza dei musulmani crede nella domanda, nel tormento e nella beatitudine della tomba. Questo non è menzionato nel Corano ma nella Sunnah . Secondo quest'ultimo, dopo la morte, ogni persona sarà interrogata nella sua tomba da due angeli di nome Mounkar e Nakir: “Chi è il tuo Signore Chi è il tuo profeta Qual è la tua religione "I musulmani devoti risponderanno correttamente a queste domande e avranno la felicità nelle loro tombe, mentre i non musulmani e alcuni musulmani disobbedienti non rispondono correttamente e vengono puniti .

Ritorno di Isâ e di Yajûj e Majûj

Secondo i commentatori musulmani, il Corano dice che ʿĪsā ( Gesù di Nazareth ) è un profeta come Adamo  ; che non fu ucciso né crocifisso, ma che fu "innalzato a Dio"  ; e che «gli sostituì un altro individuo che gli somigliava»  ; alcuni interpreti dicono che questo altro individuo era Giuda . Diversi autori (Marx, Reynolds, Charfi, Moezzi…) ritengono ambiguo e discutibile il passo del Corano su cui si basa l'affermazione dei commentatori musulmani. Per J. Chabbi , l'interpretazione della non morte di Gesù non si trova nel Corano ma nella tradizione.

Nella fede musulmana, Gesù tornerà alla fine dei tempi per "uccidere" l' Anticristo . L'unica menzione coranica di un ritorno di ʿĪsā si trova nella Sura XLIII che è oggetto di diverse letture. Per Pons e Hilali, Gesù giudica il mondo alla fine dei tempi. Questa tradizione è particolarmente presente nel corpus degli hadith. Per Reynolds, secondo una tradizione dell'Islam primitivo, Gesù rimetterà a posto l'Islam e combatterà contro cristiani ed ebrei. Per queste tradizioni, «ucciderà porci, spezzerà la croce, distruggerà sinagoghe e chiese e ucciderà i cristiani tranne quelli che credono in lui» . Il suo ritorno sulla terra, come Massih (Messia) musulmano, è il segno della fine del mondo e del Giudizio Universale mentre molti hadith lo presentano come il principale compagno del Mahdi , Salvatore degli ultimi tempi.

Predestinazione del bene e del male

Nella comprensione musulmana, la predestinazione del bene e del male si avvicina all'antico sentimento del fatum . È credere che tutto ciò che accade in questo mondo - che si tratti di atti volontari o involontari di un individuo - è predestinato da Dio. Quello che succede era già scritto. Gli eventi accadono inevitabilmente. La volontà di Dio si compie sempre secondo la sua eterna sapienza. Così, tutto, buono o cattivo, è noto a Dio in anticipo, e avverrà a suo tempo . Per l'Islam, «la predestinazione rientra pienamente nella nozione di 'destino' (al-qadr), che è il decreto stabilito (ajl meusamma) da Dio (II, 210; VI, 2), decreto che non può essere né anticipato né ritardato” .

Mantran oppone alla Mecca la visione di Maometto che difende il libero arbitrio ma che evolve durante il suo insegnamento a Medina verso una predestinazione. Fin dall'inizio dell'Islam, in Siria, i musulmani si sono opposti a questa visione che sembra loro contraria al principio del giudizio divino. Prendono il nome di Qadariti. La predestinazione era difesa dal potere omayyade che ne legittimava così le azioni. La seconda attuale predestinazione contraria è il mo'tazilimes , dalla fine del califfato omayyade. Questa corrente "riteneva che l'uomo ha una libera volontà illimitata per i suoi atti, che è il creatore dei suoi atti, altrimenti Dio sarebbe ingiusto a responsabilizzarlo" . Questo movimento scompare IX °  secolo.

Inoltre, va notato che questa questione del destino è così controversa all'interno e all'esterno della Ummah che ha portato l'Imam Abû Hanîfa (morto nel 150 H /767 G ) a mettere in guardia contro la trappola dell'incredulità nel voler avvicinarsi a questo mistero: "Fai non sai che chi esamina il libero arbitrio è come chi esamina i raggi del sole, più lo osserva da vicino, più rimane perplesso» . Per Mantran, questo principio di predestinazione "comporta la negazione della libertà dell'uomo" , anche se ciò non nega, per i teologi la sua responsabilità.


Le principali correnti teologiche dell'Islam

I musulmani sono divisi in tre rami principali: il sunnismo riunisce circa il 90% dei musulmani, lo sciismo circa il 10%, l' ibadismo (divisione del kharidjismo ) meno dell'1%.

L'Islam nasce in un contesto di violenza significativa e di repressione, che durerà fino al ciclo di III °  secolo. Il conflitto di "matrice" è quello della successione di Maometto, principalmente tra i sostenitori di Abu Bakr e quelli di Ali. Per i sunniti Maometto non avrebbe nominato nessuno a succedergli, mentre per gli sciiti sarebbe stato esplicitamente nominato Ali. Questa questione di successione appare come una "linea di frattura maggiore dell'umma originale". La prima divisione è quella del kharijism

sunnismo

I sunniti (da sunna , "via", "sentiero" o "tradizione") è il comune di gran lunga il più diffuso. Il 90% dei musulmani è sunnita. È legato a una visione ortodossa dell'Islam. Questi credenti si definiscono “persone della tradizione e dell'assemblea”. Il sunnismo è una corrente che si afferma lentamente, durante i primi due secoli dell'Islam. Il sunnismo è rafforzato dal califfato abbaside anche se conosce opposizioni.

Le quattro scuole di giurisprudenza sunnita

La stragrande maggioranza dei musulmani sunniti appartiene a una delle quattro grandi scuole di giurisprudenza ( madhhab ). Questi si accettano l'un l'altro e non differiscono in termini di credenze ( 'aqida ) - sono o achariti o maturiditi . Differiscono, tuttavia, per la metodologia giuridica utilizzata per risolvere questioni di giurisprudenza.

I madahib concordano su quattro fonti del diritto: il Corano (parola letterale di Dio ), la Sunnah , (insegnamenti e atti orali del profeta dell'Islam o ahadith ), il consenso legale ( ijmâ' ) e l'analogia legale ( qiyâs ).

Queste scuole sono, in ordine di apparizione: Hanafismo (da Abû Hanîfa , 700-767), Malikismo (da Mâlik ibn Anas , 712-796), Chafeismo (da Al-Chafi'i , 768-820 ), hanbalismo ( di Ibn Hanbal , 781-856). Queste scuole si accettano a vicenda, organizzando così un relativo pluralismo in materia di soluzioni giuridiche ( fatwa ).

Wahhabismo e salafismo

Tra la fine del XVIII ° e l'inizio del XIX °  secolo, l'Islam ha visto appatition molti riformatori. Uno di loro è Mohammed ben Abdelwahhab , fondatore del Wahhabismo. Il wahhabismo, corrente nata nel Najd, mira a "restituire" l'Islam alla purezza originaria, attraverso la vita dei salaf. Il termine "salafìyya" viene applicata a questi corrente pietistica ispirato l'ideale di un ritorno alla fonte salafismo è in corso con le sue radici nel XVIII °  secolo e veramente nato nel XIX °  secolo, dall'Arabia Saudita. Dapprima segnato da un modernismo, "la dottrina salafita si è trasformata in un fondamentalismo puritano, fondendosi con il wahhabismo saudita". Questo è aperto alle quattro scuole del sunnismo.

Moschea wahhabita sull'isola di Djerba in Tunisia .

Eppure segnato dalla modernità, il wahhabismo si è diffuso in tutto il mondo. Questa dottrina è stata la dottrina ufficiale dello stato saudita dall'inizio del XX °  secolo. L'Arabia Saudita, in una recente inflessione, sta cercando di prenderne le distanze invocando il riformismo salafita. Il "  wahhabismo  " deriva dalla scuola giuridica sunnita hanbalita, e in particolare dal "pensiero neo-hanbalita di Ibn Taymiya". "Ma a differenza dell'hanbalismo, questo movimento non è solo dottrinale; ha una dimensione politica e pratica". Diverse correnti derivanti dal wahhabismo hanno formulato critiche contro di esso.

Una delle stime più dettagliate della popolazione religiosa nel Golfo Persico è quella di Mehrdad Izady che stima, "usando criteri culturali e non confessionali" , a meno di 5 milioni il numero di salafiti o wahhabiti nella (sola) regione. il Golfo Persico (contro 28,5 milioni di sunniti e 89 milioni di sciiti ); di cui circa 4 milioni in Arabia Saudita (soprattutto nella regione centrale del Nejd ) e il resto proveniente principalmente dal Qatar e dall'emirato di Sharjah . 46,87% dei qatarioti  ; 44,8% degli Emirati  ; 5,7% dei bahreiniti  ; e il 2,17% dei kuwaitiani è wahhabita. Rappresentano circa lo 0,5% della popolazione musulmana nel mondo.

Nel 2016 si è tenuto a Grozny, in Cecenia, un congresso che ha riunito 200 personalità sunnite provenienti da molti paesi. Organizzato dal governo ceceno e inaugurato dal Grande Imam di Azhar , Ahmed al-Tayeb , si è riunito per definire il sunnismo. Alla fine del loro lavoro, questi dignitari sunniti hanno convenuto che il popolo del sunnismo sono gli achariti e i maturiditi , a livello di credo , gli hanafiti , i malikiti , i chafeiti e gli hanbaliti , a livello di legge e di sufi dell'Imam Junaid al-Baghdadi , al livello della gnosi , delle buone maniere e della purificazione [spirituale]. Questo congresso esclude il wahhabismo. Tuttavia, la marginalità di alcune figure presenti e il ruolo della Russia sembra che questo congresso abbia avuto più per ruolo "per stabilire l'influenza di Vladimir Poutine in Asia centrale e Medio Oriente", a scapito dell'Arabia Saudita. È controverso nel mondo arabo.

sciismo

Moschea dell'Imam Husayn a Kerbala, Iraq . Nella foto ci sono anche due lunghi minareti della moschea di Al Abbas .

Anche la separazione dello sciismo dalle altre correnti dell'Islam risale ai primi tempi dell'Islam e alla questione della successione di Maometto. Gli sciiti ritengono che il califfato debba essere riservato ad Ali e ai suoi discendenti, erede designato, secondo loro, da Maometto prima della sua morte.

Lo sciita è diviso in diversi rami, i principali sono lo sciismo duodecimano (il ramo più grande), lo zaidismo e gli ismailiti . Il lignaggio di Ali è composto da dodici imam. I dodici sciiti o "imamiti" sono coloro che hanno accettato questi dodici imam. Altri flussi si formano a seguito di un imam non legittimato dal precedente (Zaydite a 5 e , Ismaili a 7 e , Nousayri a 11 e ).

Per alcuni autori musulmani dei primi secoli dell'Islam, principalmente alid, il Corano fu falsificato dal potere dei primi califfi. La credenza sciita in un Corano completa salvato da Ali e ha riferito alla fine del tempo fino a quando una maggioranza X °  secolo, quando gli sciiti sono stati "costretti" ad adottare la versione ufficiale sunnita per ragioni sia dottrinale politica (presa del potere da sciiti) che storico ("stabilimento definitivo dei dogmi e dell'ortodossia islamici" che non possono più essere messi in discussione). La scomparsa dei nomi e quindi del contesto degli scritti coranici lo rende muto, silenzioso e, per lo sciismo, solo l'imam può renderlo significativo. Questa dottrina porta a un approccio più riservato alla lettura del Corano nello sciismo.

Sciismo dodecafonico

I dodici imam sono “coloro che credono nella venuta di dodici imam” . Essi rappresentano l'80% del sciiti e la maggioranza del XVI °  secolo. Dodici persone sono numerose in Iran , Iraq e Libano .

Il dodicesimo imam, Mohammed al-Kaym "al-Mahdi", un bambino, sarebbe stato nascosto. Imam nascosto, i dodici sciiti credono che tornerà alla fine dei tempi. L'imam nascosto ha un ruolo centrale in questa corrente. Per questo sciismo, sarà lui a svelare il significato nascosto di tutte le rivelazioni profetiche.

Gli sciiti credono che ogni grande profeta fosse seguito da una successione di dodici imam incaricati di manifestare il significato della rivelazione. Quindi, i dodici imam sarebbero stati responsabili di spiegare il significato nascosto della legge letterale trasmessa da Maometto. Così, «la Rivelazione non si ferma con la Recita della Parola scesa su Maometto, ma prosegue attraverso gli imam responsabili di manifestare gli innumerevoli significati di questa Parola». Twelver non ha attribuito un ruolo politico agli imam. "L'unica cosa chiaramente stabilita è che la sovranità appartiene all'"imam nascosto" e che tutti i governi laici sono illegittimi"

Le pratiche ei rituali dello sciismo sono vicini a quelli del sunnismo. Grande importanza è data dalla sensibilità popolare alla sofferenza degli imam assassinati. Lo sciismo è caratterizzato da luoghi sacri, principalmente mausolei dedicati ai grandi personaggi di questa corrente.

Quintimain sciismo (o zaidismo )

I quintimain sono “coloro che credono nella venuta di cinque imam”. Zaidism (in arabo: الزيدية, az - Zaydiyya ) è il più antico ramo sciita dell'Islam che è separata dal tronco divenne ufficiale dei dodici Imam nei primi mesi del VIII °  secolo. Prende il nome da Zayd ibn Ali , nipote di Al-Hussein ibn Ali .

Gli aderenti alla scuola legale sono chiamati zaydits e costituiscono circa il 35-40% dei musulmani in Yemen . A parte la questione eminentemente politica del califfato, seguono un rito quasi identico al rito hanafita per la giurisprudenza islamica e sono generalmente mutaziliti per la teologia.

Septimain (o Ismaili ) sciismo

I Septiman sono “coloro che credono nei prossimi sette imam”. Questa corrente è chiamata ismailismo (in arabo: al-Ismā'īliyya , الإسماعيلية; persiano: اسماعیلیان; sindhi: اسماعيلي; curdo: Ismaili  ; Esmā'iliyān ). Gli Ismaeliti prendono il loro nome dalla loro accettazione di Ismail ben Jafar come successore spirituale nominato dell'Imam Ja'far al-Sâdiq , in cui differiscono dai Twelver, che accettano Musa al-Kazim , il fratello minore di Ismail, come il vero Imam. Infatti, Ismail morì prima di Ja'far al-Sâdiq . Per gli ismailiti, questo non lo priva del diritto all'imamato, essendo quest'ultimo un "imam nascosto". Questo movimento è stato organizzato a metà del IX °  secolo.

Per questa corrente, "un imam o una grande figura della storia islamica [è] un'emanazione, un'incarnazione, una trasfigurazione di Dio". Questa corrente rifiuta il tradizionale attaccamento alla lettera del Corano per evidenziare il significato nascosto e implicito trasmesso dagli imam.

Dall'ismailismo derivano altre correnti come i Drusi, i Nizaridi oi Mosalidi.

Kharidjismo

Ghardaïa , l'antica città ibadita in Algeria .

Pochi mesi dopo la battaglia di Siffîn nel 657, ebbe luogo un arbitrato tra 'Ali e Mu'âwiya riguardo alla morte di Uthman. 'Ali, riconosciuto colpevole, ha dovuto affrontare una rivolta di persone che rifiutavano questo arbitrato umano. Ricevettero, a posteriori , il nome di kharidjites ("ribelli") e si ritirarono nella regione di al-Koufa. ". Dalla morte del califfo Yazîd (683), questa corrente si divide in diverse sette, la principale è quella degli Ibaditi. Dopo essersi insorti contro gli Omayyadi, furono respinti verso il Maghreb.

“Mai codificata, però, la dottrina dei Kharigiti è cambiata poco. Mentre in politica desiderano un califfato elettivo, affidato ai più degni, in teologia e morale sono rigorosi e letteralisti: condanna del lusso, rifiuto di una sura considerata frivola (quella di Giuseppe), interpretazione letterale del Corano (parola di Dio increata), necessità di una coscienza pura prima della Preghiera, di opere con fede”.

Il kharidjisme è in molteplici forme ( sufri , Ibadis , ecc.). Oggi l'unica tendenza kharidjita che non si è estinta è l' ibadismo . Si trova nel Sultanato dell'Oman e in alcune regioni molto localizzate del Maghreb, a nord del Sahara algerino o in Tunisia (isola di Djerba ).

sufismo

I sufi credono che il Corano abbia due livelli di significato; lo Zahir , senso esterno o apparente; e il batin , significato interno o nascosto.

Al di là delle diverse correnti, i musulmani hanno sviluppato diversi approcci al divino. Il sufismo è la via mistica dell'Islam, fondata sulla "ricerca dell'unione più intima con il Divino, il più delle volte attraverso l'ascesi, la preghiera e la meditazione". I sufi si basano su tendenze coraniche di pietà, "estranee alla maggior parte dei giuristi"

Gli appare termine "Sufi" per la prima volta nella seconda metà del VIII °  secolo AH per designare asceti, saggi, mistici musulmani che pregano, veloce, abiti bianchi di usura di massima (arabo suf significa “Bure”, “lana”), perché i primi asceti musulmani erano così designati a causa dei vestiti di lana che indossavano; possono indossare la muruga , un cappotto fatto di pezzi rattoppati che simboleggia il fagr , cioè l'illusione del mondo. La parola “Sufismo” sarebbe stata presa da al-souf ( صوف [suf], “lana” che dà صوفي [ṣūfīy], “lanoso”). Il sufi infatti indossava un indumento di lana bianca. Modestia e povertà sono evocate in altri nomi dati ad alcuni di loro: derviscio ( persiano  : درويش [derwiš], "mendicante") o [faqīr] (in arabo: فقير , "povero") . I Sufi si fanno conoscere, da parte loro, come Ahl al-soufa ( أَهلُ الصُّفَّةِ [ ahl aṣ-ṣuffa ], "il popolo della panchina" in riferimento a coloro che vivevano nella Moschea del Profeta a Yathrib ( Medina ), e che sono stati menzionati nel Corano come "la compagnia di coloro che invocano il loro Signore mattina e sera desiderando il Suo volto"

Il Sufismo (in arabo: تصوف [ taṣawwuf ], "iniziazione" ) è un movimento spirituale basato sulla ricerca di Dio e sulla comunione con gli altri. Per raggiungere il divino, il sufismo difende che esiste la via larga della sharia e la via stretta dell'unione con Dio. Il Sufi adotta quindi ulteriori pratiche specifiche, come l'esame di coscienza, l'ascetismo... Due pratiche caratterizzano il Sufismo, il Dikr (ripetizione continua del nome divino; pratica codificata nel XII °  secolo) e il sama , "così musicale o concerto spirituale danzato”. Il sufismo sottolinea l'importanza del maestro, guida spirituale che porta una benedizione (baraka).

I sufi generalmente considerano che seguire la legge ( sharia ) o la giurisprudenza islamica ( fiqh ) sia solo il primo passo sulla via della perfetta sottomissione. Si concentrano su aspetti interni o più spirituali dell'Islam, come la perfettibilità della fede o la sottomissione dell'ego ( nafs ). I sufi cercano di raggiungere il fana (estinzione del "me" davanti a Dio l'Uno) secondo tre gradi o stadi:

  • l' Islam (attuale); sottomissione alla sharia  ;
  • l' iman (che è un dono di Dio); fede dalla tariqa  ;
  • l' ihsane (che è la meta della via); eccellenza morale o virtù in haqiqa .

Asceti dei gruppi appaiono in Iraq dalla VIII °  secolo. "Con queste posizioni il mistico si scontrò con l'insegnamento tradizionale; anche i suoi seguaci furono molto presto preoccupati come colpevoli di zandaqa (originariamente manicheismo, poi eresia, empietà)". Una delle caratteristiche di questo l'Islam è l'importanza di confraternite, forme che sono organizzati dal XII °  secolo.

La maggior parte degli ordini sufi ( tariqas ) sono vicini al sunnismo o allo sciismo. Essi si trovano in tutto il mondo islamico, dal Senegal al Indonesia .

Coranismo

Il corano è un movimento islamico i cui aderenti vedono il Corano come l'unica fonte di fede e rifiutano gli hadith come fonte legale e teologica accanto al Corano. Questa particolare interpretazione della fede porta al fatto che alcune interpretazioni coraniche differiscono notevolmente dalle dottrine ortodosse.

All'interno della Muʿtazila , una scuola teologica musulmana fiorita tra il IX e l'XI secolo, vi erano diverse posizioni critiche nei confronti degli hadith. Uno dei loro rappresentanti, an-Nazzām , aveva un atteggiamento molto scettico nei confronti degli hadith. Ha esaminato le tradizioni contrastanti per quanto riguarda i loro diversi contenuti per difendere la sua posizione.

Nel 1906, Muhammad Tawfīq Sidqī pubblicò un articolo critico sul quotidiano al-Manār di Rashīd Ridā con il titolo "L'Islam è solo il Corano solo" (al-Islām huwa al-Qurnān wa -da-hū). Lì ha criticato la Sunnah e ha ritenuto che i musulmani per quanto riguarda i vari contenuti per difendere la sua posizione dovrebbero fare affidamento esclusivamente sul Corano, poiché le azioni del Profeta erano destinate a servire solo da modello per le prime generazioni di musulmani. . L'articolo, che era il risultato di discussioni con Rashīd Ridā in cui Sidqī presentava le sue idee sulla limitazione temporale della Sunnah, incontrò una forte opposizione da parte degli studiosi musulmani dell'epoca, e molti di loro lo confutarono.

Il Corano assunse anche una dimensione politica nel XX secolo quando Muammar al-Gheddafi dichiarò che il Corano era la costituzione della Libia . Attraverso studiosi egiziani come Rashad Khalifa , lo scopritore del codice Corano (Codice 19), un ipotetico codice matematico del Corano, e Ahmad Subhy Mansour, studioso e attivista islamico, emigrato negli Stati Uniti , le idee coraniche sono anche diffuso in molti altri paesi di.

Altre correnti e diversità dell'Islam

Una quarta corrente, estinta nel Medioevo, il mutazilismo , è una scuola teologica razionalista, in conflitto con il nascente sunnismo ; si presentava alla fine del califfato omayyade , in mezzo al VIII °  secolo , ed è stata debellata nel XI °  secolo dai sunniti , in particolare da acharites (seguaci di al-Ash'ari 873-935, egli stesso un ex mutazilita ) che riuscì a superare il suo razionalismo considerato abusivo, perché voleva sommergere tutto. La scuola, i cui testi sono stati riscoperti nel XIX °  secolo , sta vivendo una piccola rinascita da allora tra alcuni intellettuali, in particolare a causa delle sue conseguenze politiche e il suo rapporto con la democrazia. Tuttavia, il mutazilismo perse ogni credito popolare in seguito all'inquisizione musulmana del califfo Al-Ma'mūn per imporre la sua dottrina e in cambio raccolse solo odio e persecuzione.

Oltre ad appartenere a una delle grandi correnti dell'Islam, non si possono evitare le pratiche (culti dei "santi", pratica dell'intercessione...) talvolta chiamate "popolari" dell'Islam. Essi sono spesso impregnate di dottrine Sufi e, in particolare, di Ibn 'Arabi ( XIII °  secolo). L'esistenza di peculiarità popolari è attestata in tutte le società del mondo musulmano. Questo Islam "vive la sua religione con il suo cuore, la sua immaginazione" e integra elementi locali e folkloristici . “Le usanze prima dell'islamizzazione rimangono in Iran, Afghanistan, Indonesia così come nell'Africa nera o nei molteplici gruppi berberi del Nord Africa. Questa dicotomia mette in discussione l' islamologia .

E 'inoltre necessario menzionare l'aspetto, alla fine del XIX E  secolo, della questione di un Islam riformato, che mira ad un generale aggiornamento . L'origine di questo sembra essere l'incontro con l'Occidente. "Questa riflessione sulla modernità si farà sotto la modalità non della rottura ma del ricorso alla tradizione non del progresso ma della rinascita.". La prima corrente riformista fu quella della salafiyya . Questo movimento ha favorito l'Islam "dotto" e "urbano", a scapito delle pratiche cosiddette "popolari". Tuttavia, questa islamizzazione della modernità si è accompagnata, con l'ingresso dell'Islam negli spazi democratici, di "una modernizzazione dell'Islam, attraverso un'individualizzazione della religione. Questo indebolimento del gruppo ha determinato la necessità di una riforma "o [in] un rapporto secolarizzato con l'Islam che tende a relativizzare il più possibile le ingiunzioni della tradizione o, al contrario, un fondamentalismo che fa parte di un esigente rispetto della tradizione in la sua interezza". . Diversi pensatori come Mohammed Arkoun o Mohammed Abed al-Jabri hanno preso parte a questi dibattiti. Gli attentati del 2015 sembrano essere stati un acceleratore in Francia nei dibattiti sulla riforma dell'Islam. "Anche se non sono sempre riconosciuti da un vasto pubblico, gli effetti della competizione intellettuale che [i pensatori] producono attraverso le idee che mettono in circolazione stanno cambiando profondamente il panorama intellettuale e ideologico musulmano odierno.

Organizzazione

Il califfato

Dinar (stampato in oro) del quinto califfo fatimide al-Aziz (r. 365-386 H / 975-996  J .-C.), Struck Mahdia 380 H / 990 d.C. Conservato nel Museo Archeologico di Aqaba, Aqaba, Giordania. Diametro:  18 mm , peso: 4  g .

I califfi (in arabo  : خليفة che significa "tenente", "successore" o "rappresentante") designano i successori di Maometto . Il portatore del titolo ha il ruolo di salvaguardare la religione e gestire il mondo della terra : è il governatore temporale e spirituale della Ummah , la "madre", i musulmani devono obbedirgli.

Il Corano distingue tra i due termini Imamato e Califfato , il primo con funzione di direzione, il secondo con il significato di successore (in senso non necessariamente politico). Il pensiero politico-religioso musulmano andrà verso una confusione dei due termini e l'uso del secondo per designare colui che guida la comunità. I pensatori musulmani dei primi secoli costruirono la figura del califfo, come potere e autorità. Questo statuto conserva tracce di antiche rappresentazioni mediorientali del sovrano come intermediario tra cielo e terra. Il pensiero del califfo è stato originariamente sviluppato nel mondo sciita, "la teoria sunnita non è stato specificato in tutta la sua ampiezza prima del 4 ° / x ° secolo." È costruito in reazione a queste altre teorie. La legge del califfato è caratterizzata da una quasi inesistenza di fonti nel Corano o nella Sunnah.

Mohammed morì senza nominare un successore. Alla sua morte scoppiò una grande violenza tra le diverse parti, anche se la tradizione sunnita cercava di mitigarla. Ha cercato di presentare i fatti in modo consensuale, mentre la ricerca islamologica mette seriamente in discussione questo cosiddetto "consenso". Rapidamente, Abu Bakr ha avuto la meglio su Ali , l'altro concorrente. Il titolo khalifat rasul Allah , che significa "successore del messaggero di Dio" è diventato il titolo attuale, ma è assente dai primi graffiti trovati. Allo stesso modo, se la tradizione fa di Omar ibn al-Khattâb il primo a portare questo titolo, un graffito del 644-645 non gli dà né il titolo di califfo ( khalîfa) , né quello di commendatore dei credenti. Sulle monete, quest'ultimo titolo sembra sia stato introdotto dal califfo Muʿāwiya e lo ritroviamo, ad esempio, su una moneta del 674.

Una disputa politica tra sunniti e sciiti porta il califfato a dividersi in due visioni ben distinte: una elettiva, l'altra ereditaria. I primi ritengono che il califfo debba essere eletto per le sue qualità morali e islamiche, ma appartenga alla tribù dei Quraych (tribù di Maometto il cui monopolio è contestato dai Kharidjiti ). I secondi considerano che solo un membro della tribù dei Quraysh e della famiglia di 'Ali può rivendicare questo titolo. I sunniti riconoscono solo i califfi Abu Bakr As-Siddiq , Omar ibn al-Khattâb , Othman ibn Affân , Ali ibn Abi Talib , Al-Hassan ibn Ali e Omar ibn Abd-al-Aziz come "ben guidato" o "ben ispirato. Da Dio. Secondo le tradizioni musulmane, il periodo precedente al califfato Ommeyad è costituito dalla successione di diversi califfi soprannominati "rachidoune". Questa storia si legge come un edificio narrativo e per el-Hibry come una parabola. Secondo Humphrey, questa storia risale al IX E  -  X °  secolo, è costruito su un principio di tradimento-redenzione-patto. Il Califfato Rachidoune è quindi una costruzione abbaside che permette di sognare un'età dell'oro, anche se la ricerca mostra che esiste un background storico. La nozione di rachidoune, califfi "ben guidati" si risale al IX °  secolo. Le prime liste dei califfi, tratte da testi siriaci del periodo omayyade, non menzionano Ali come califfo, in linea con il pensiero omayyade.

Dopo i primi quattro califfi ( Abu Bakr , Omar , Uthman e Ali ibn Abi Talib ), il titolo fu controverso rivendicato dagli Omayyadi , dagli Abbasidi e dagli Ottomani , così come da altri lignaggi in Spagna , Sud Africa, Nord ed Egitto . La maggior parte dei governanti musulmani portava semplicemente il titolo di sultano o emiro e giurava fedeltà a un califfo che spesso aveva poca autorità. Il titolo non esiste più da quando la Repubblica di Turchia ha abolito il califfato ottomano nel 1924. Mentre il califfato è stato oggetto di contesa tra i governanti musulmani, poco è stato detto dal 1924. “L'ideale musulmano oggi non sembra essere quello di formare ancora una comunità monolitica, chiusa alle risonanze esterne, avente a capo un capo spirituale e temporale che avrebbe svolto il ruolo di califfo come nelle ore migliori del califfato”.

sharia

La Sharia (letteralmente, "la via per una fonte" o "il sentiero per l'acqua" ) è la legge islamica che include tutti gli obblighi derivanti dal Corano e dalla Sunnah. Nel Corano ci sono solo tre occorrenze di termini derivati ​​dalla radice sh-r- '. Tuttavia, l'importanza degli imperativi in ​​questo testo e la posizione di sottomissione che esso impone ai suoi destinatari spiega l'importanza di questo aspetto, sia per i sunniti che per gli sciiti. Va notato che la parola "sharia" è usata contemporaneamente, in arabo , per designare la Torah, allora chiamata "la Sharia di Mosè". È anche usato dagli arabi cristiani per riferirsi al Vangelo, chiamato "Sharia del Messia".

Attuazione della sharia Sha

Dalla Costituzione di Medina , la Sharia (di Maometto) ha continuato ad espandersi. Secondo Yadh ben Achour , non è corretto pensare che la Sharia sia inerte e immutabile. Si evolve secondo i cambiamenti nelle circostanze diplomatiche e sociologiche. Vederlo come un sistema condannato alla pura stagnazione è falso. Ben Achour cita molti esempi di adattamenti della sharia in un'analisi rigorosamente scientifica. Abbraccia tutti gli aspetti della vita individuale e collettiva dei musulmani. Se il Corano ha versetti legislativi sugli atti di culto, sul diritto di famiglia..., non è esaustivo e spesso è poco chiaro. Due teorie musulmane spiegano l'origine della sharia. La prima è che la sharia è costituita da cose che sono benefiche per l'uomo, intelligibili alla Ragione. La seconda fa della sharia una volontà divina, negando ogni razionalità a questa legge. Sembrando indifendibile al giorno d'oggi, questo secondo non ha quasi più sostenitori. Tuttavia, corrisponde meglio al quadro della teologia sunnita, il più rappresentativo fino ad oggi.

"A poco a poco si è affermata l'idea che l'impero della sharia fosse assoluto: qualsiasi atto umano, dalla più banale alla più pesante delle conseguenze, ha una qualificazione sharaica, e spetta agli esperti legali della comunità, i fuqahâ' , a scoprilo». Questa visione che si è imposta non è sempre stata unanime e certi ambiti potrebbero, per alcuni pensatori, essere al di fuori dell'ambito della sharia. "La diffusa rappresentazione secondo la quale l'Islam non distingue mai lo sharaico dal politico né, più in generale, il religioso dal laico, è rilevante solo per un certo Islam, storicamente piuttosto tardivo, divenuto oggi maggioritario".

Tuttavia, poiché l' XI °  secolo, pensiero giuridico islamico si è cristallizzata con la chiusura delle "porte di dell'ijtihad  " (vale a dire che "lo sforzo di riflessione") da parte del califfo abbaside Al-Qadir (temendo di vedere il suo potere minacciato da giuristi indipendenti) in base a un'ordinanza intitolata: Il messaggio sul destino (Risâla al-qâdiriya). Eric Chaumont ritiene che sia meglio parlare di "strangolamento delle sue vie", non essendo la jihad uno strumento per aggiornare gli statuti sharaici. Se questa chiusura, che non fu in alcun modo una prescrizione divina, fu sempre contestata da molti ulema come Ibn Hazm (994-1064) o As-Suyuti (1445-1505), essa continua, infatti, per pigrizia intellettuale. per imperizia. Secondo una ricerca condotta dall'International Solidarity Network WMUML nel 2011 sulle cosiddette leggi islamiche (erroneamente chiamate Sharia), risulta che in realtà si basano sulla tradizione e sul costume. Il termine Sharia è strumentalizzato dalle autorità religiose o governative del Paese per dare loro una cosiddetta legittimità religiosa, ma soprattutto per stabilire, ristabilire o rafforzare il patriarcato della società.

Secondo Alain Besançon , il musulmano crede nella perfezione della sua Legge. Dal suo punto di vista, lei è moderata e tiene la via di mezzo, vale a dire la via ragionevole della virtù. Gli appare più consona alla natura umana rispetto alla legge cristiana (soprattutto in materia di sessualità) e altrettanto eclatante rispetto alla legge giudaica, dalla quale riprende molti articoli (cfr Codice Deuteronomio ), un notevole ammorbidimento (soprattutto nel cibo materia), il divieto del vino (a causa dei disordini sociali generati) è uno dei rari punti in cui è più grave.

Gerarchia degli standard

La sharia è, tra i sunniti, codificata nell'ambito delle quattro scuole giuridiche: (1°) Hanafita , (2°) Malikita , (3°) Shaféite , (4°) Hanbalita . Queste scuole sono più o meno vicine tra loro. Gli hanafiti, tuttavia, hanno un approccio separato alla sharia. Nello sciismo, le due scuole principali sono state a lungo gli akhbari , per i quali le tradizioni sono la fonte del fiqh, e gli usûlî che usano maggiormente il ragionamento. Nei tempi moderni, questi approcci si sono sviluppati integrando gli insegnamenti della filosofia perso-islamica.

Sono d'accordo solo sulla seguente gerarchia:

  • Il Corano è la fonte primaria della giurisprudenza islamica ( fiqh );
  • La sunnah è la seconda fonte del diritto. Non è un testo in sé come il Corano, ma significa tutti gli atti ei detti del profeta. È stato raccolto e classificato dai medici in diversi lavori. Due opere compilano i cosiddetti hadith "autentici": il "  Sahîh  " di Al-Bukharî che è ritenuto dai musulmani il "libro più sicuro dopo il Corano" , e quello di Muslim . Ma i salafiti anche considerare recente lavoro di autenticazione di Hadith dell'Imam Al-Albani del XX °  secolo.
  • La terza fonte è il consenso (' ijmâ' ) degli ulema di tutti i paesi, in un dato momento, sulla base coranica del versetto 115 della sura An-Nisa che condanna il dissenso da Maometto e quello del suo hadith che esorta esplicitamente i musulmani a seguire la comunità consenso; Questa fonte, che a volte viene utilizzata per influenzare il Corano, è considerata dai giuristi come la "prova più forte". Tuttavia, con basi teoriche fragili, è stato contestato per un certo tempo.
  • La quarta fonte è l'analogia ( qiyas  : القياس , letteralmente "la misura") che può dare il giudizio di una cosa per la quale non esiste una legislazione dal giudizio su una cosa simile.

La questione del jihad

La parola "jihad" (جهاد in arabo ) significa "abnegazione", "sforzo", "resistenza", "lotta" o "lotta", anche "guerra santa". Designa un dovere religioso per i musulmani . Marie-Thérèse Urvoy ha svolto un'analisi dettagliata dell'uso della parola jihâd nel Corano. Nota che alla radice di questa parola ci sono 41 occorrenze, di cui 6 corrispondenti a significati particolari: giuramento solenne (5 volte) e trovare il necessario ). In 16  casi , [l'occorrenza] appare in un senso vago e impreciso di "lottare per Dio", con un solo riferimento esplicitamente nonviolento . Possiamo ammettere che tra le vaghe menzioni coraniche, alcune evocherebbero un "grande jihad" interiore, "ma è illegittimo affermare che il jihad coranico è solo spirituale".

Jihad è stato teorizzato per VIII °  secolo e si è evoluta nel corso della storia. La nozione di Jihad è nata in un clima di conflitto armato, in parte durante la vita di Maometto ma probabilmente anche durante le conquiste musulmane. È accompagnato dalla divisione del mondo tra a dār al-islām (territorio dell'Islam) e dār al-ḥarb (territorio di guerra). Gli Omayyadi hanno un posto speciale nello sviluppo del concetto di jihad. La legge islamica definisce la jihad e le sue condizioni. Si divide principalmente in quattro gruppi, quello contro gli infedeli, quello contro gli apostati, quello contro i ribelli e quello contro i briganti. Per gli sciiti (letteralmente, i "partigiani"), il jihad può essere decretato solo dal Mahdi . Per i Kharidjiti (letteralmente, i "lascianti" o "dissidenti"), la jihad è il "sesto" pilastro dell'Islam .

Nella sua forma offensiva, mira ad estendere il dominio dell'Islam. Questo approccio è stato utilizzato, ad esempio, durante l'espansione dell'Impero ottomano. È pensato come un “obbligo collettivo”. Nella sua forma difensiva, consiste per i musulmani nel difendere la loro religione, il loro popolo, i loro beni, i loro confini, se necessario fino al sacrificio della loro vita. Si tratta, per ogni credente, di un "obbligo individuale", "la cui proliferazione incontrollata ha segnato il mondo musulmano dall'ultimo decennio del XX secolo.

Una distinzione è stata fatta nel IX °  secolo, tra jihad-s, uno esterno, guerriero (chiamato jihad minore) e l'altro interno, religioso (chiamato jihad maggiore). Per Bonner, il secondo è stato a lungo predominante. Per MT Urvoy, la fine delle conquiste islamiche ( IX °  secolo) fu fonte di speculazioni sul "Grande Jihad", sforzo interiore, che non ha mai soppiantato l'aspetto bellicoso. Classicamente, ci sono quattro tipi di jihad: con il cuore, o con la parola, o con la penna, e con la spada; i primi tre che costituiscono un obbligo individuale ( fard ayn ), gli ultimi che costituiscono un obbligo collettivo ( fard kifaya ).

Non confondere "jihad" con "jihadismo", termine che designa una dottrina islamista che elogia il jihad armato. Questo movimento è molto eterogeneo ma è caratterizzato da un "focalizzazione singolare" sull'aspetto violento del jihad. Questi movimenti si sono avvalsi di attentati terroristici e attentati suicidi , che sono però espressamente vietati dal Corano sotto la voce suicidio. L'origine degli attacchi suicidi rimane, ad oggi, incerta. Secondo Ehud Sprinzak , gli attentati suicidi dovrebbero essere collegati agli omicidi perpetrati dalla setta sciita degli hashishin (letteralmente, “mangiatori di hashish  ”, per far sospettare di essere già in Paradiso  ; l'origine della parola "assassino" in francese) nel XI °  secolo. Nel XVIII °  secolo, il suicidio di "assassino", già associato con il martire, viene utilizzato dalle comunità musulmane della costa di Malabar in India nella lotta contro gli europei. Secondo Noah Feldman e Denis MacEoin , dal 1983, l'attentato suicida ha "penetrato la coscienza culturale islamica" (dice Feldman) sotto le spoglie della jihad "musulmana" e, successivamente, del culto dei martiri ( chahid ), che ne ha permesso la banalizzazione nonostante la Divieto coranico di suicidio, e successivamente autorizzato per i musulmani (sunniti o sciiti) a compiere attentati suicidi.

Clero

L'Islam riconosce vari livelli di abilità religiosa e diverse funzioni tra i suoi seguaci. È possibile citare:

  • Il muezzin invita alla preghiera;
  • L' imam guida la preghiera;
  • Il rettore della moschea dirige la moschea  ;
  • Lo sceicco è un capo di un clan o di una tribù;
  • Il mufti (in arabo: مفتي) è un giureconsulto. Quando i musulmani sono divisi su un particolare argomento, spesso di fronte a contraddizioni di fatwa , possono chiederne l'arbitrato per chiarimenti sull'interpretazione della sharia  ;
  • Il faqih (in arabo: فقيه) è un maestro in diritto musulmano;
  • Il mouhaddith è uno specialista in hadith;
  • Il cadi è un giudice in una corte islamica;
  • L' ulema , 'alim (in arabo: عالِم), è un dottore dell'Islam, un insegnante-ricercatore in diritto musulmano.
  • Il molla o mullah ( ayatollah o hodjatoleslam ) è uno studioso musulmano in paesi la cui lingua ha un'influenza persiana (arabo: mawlān , مولًى, pl. Mawâlin , موالٍ aiutante; difensore; signore). È la massima autorità per gli sciiti.
  • Fino al 1055 il califfo deteneva il potere temporale (politico e militare) e spirituale (teologico e giudiziario).

In Europa e in alcuni paesi musulmani si pone la questione della formazione. In Francia, "nessuna università o istituto di istruzione riconosciuto offre attualmente la formazione di candidati all'ufficio religioso". Attualmente, gli imam vengono formati presso l'istituto "Musulmani di Francia" o presso l'istituto Al-Ghazali della Grande Moschea di Parigi (GMP).

nel sunnismo

Cartolina del 1900 che mostra il minbar (pulpito usato dall'imam per il suo sermone) della Grande Moschea di Kairouan . Il presidente del IX °  secolo, ancora in vigore nella moschea è il minbar più antica ancora intatta nel mondo musulmano.

Non esiste «almeno nell'islam sunnita, un vero clero paragonabile a quello cattolico». e nessuna "vera separazione tra chierici e laici nell'Islam sunnita". Tuttavia, se “l'Islam è una religione senza Chiesa né clero. […] ciò non significa che sia comunque una religione senza chierici né istituzioni”.

"L'idea che l'Islam sia una 'religione dei laici' fa parte di una vulgata del dogma musulmano secondo cui l'autorità religiosa è una capacità esclusivamente divina". L'Islam sunnita ha una struttura istituzionale, attorno al posto centrale occupato dall'imam. Forniscono una guida per la preghiera e talvolta anche per la predicazione. Secondo il canone islamico, la preghiera nella moschea deve essere guidata da un imam. Quest'ultimo ha, nella moschea, un vero e proprio ruolo di conduttore e ha un'autorità rituale. L'imam si distingue dai fedeli per la sua posizione e per il fatto che è "l'unico autorizzato a pronunciare a voce alta e comprensibile tutte le parole rituali che costituiscono la salat ". Ha anche l'autorità di legittimare la validità di una preghiera o di chiedere ai fedeli di ripeterla. Inoltre, in Francia, hanno talvolta funzioni che, nei paesi musulmani, sarebbero attribuite agli ulema, al mufti o al mourchid .

“Questa autorità passa tuttavia tanto più spesso inosservata in quanto il carattere fondamentale delle qualifiche che essa richiede consente ai fedeli di continuare a immaginare questo ruolo come “universalmente “accessibile”. Questo principio è particolarmente diffuso nelle moschee francesi, che ha permesso di distinguersi dal cattolicesimo.

nello sciismo

Lo sciismo ortodosso del ramo Usuli (clero Ayatollah ) riconosce (a differenza degli sciiti Akhbaris), al contrario , un clero a più livelli gerarchici. Tra gli sciiti, il titolo di imam designa il capo spirituale e temporale della comunità musulmana ( califfo per i sunniti). È indossato dai discendenti di Ali ibn Abi Talib (primo imam) e Fatima Zahra (figlia di Maometto) fino al dodicesimo imam ( Mahdi ). Gli imam sono considerati i custodi del significato segreto della rivelazione coranica e gli unici legittimi successori di Maometto.


festività musulmane

Il venerdì è, per i musulmani, un giorno dedicato al culto, che si svolge nella moschea a mezzogiorno. Questo giorno non include, come il sabato o la domenica cristiana, una dimensione di riposo. Questa preghiera del venerdì è menzionata nel Corano.

Nell'Islam, due feste sono particolarmente sacre: Eid al-Adha e Eid al-Fitr .

Achoura  : il digiuno di Achoura è un tempo facoltativo di digiuno, preso in prestito dall'ebraismo. Per gli sciiti è soprattutto la data dell'anniversario della morte dell'Imam Husayn, nipote di Maometto.

Ramadan  : Unico mese il cui nome compare nel Corano , il Ramadan è per i musulmani il "mese sacro per eccellenza" perché costituisce il mese del digiuno (o sCaoum ) e contiene Laylat al-Qadr (la notte del Destino). In francese come in inglese , la parola “ramadan” è usata in modo intercambiabile per designare il mese sacro per i musulmani e, per metonimia , digiuno o saoum . Laylat al-Qadr (Notte del destino), considerata la notte più santa dell'anno, è una commemorazione osservata durante uno degli ultimi dieci giorni dispari del mese. E 'stato durante questa notte che il Corano è stato rivelato al Profeta Muhammad dalla Arcangelo Gabriele .

Mawlid (Aïd Mawlid-ennabaoui): questa festa è la celebrazione della nascita di Maometto. E 'stato celebrato in sunnita, dal VIII °  secolo. Tuttavia è considerato un'innovazione. Esistono dibattiti sul fatto che questa sia un'innovazione lodevole o biasimevole. «Questi ultimi hanno rappresentato una minoranza poco ascoltata, anzi condannata, per tutto il periodo medievale e moderno, ma l'avvento dei movimenti riformatori fondamentalisti nella prima metà del Novecento mette in discussione questo dotto e popolare consenso intorno ai meriti e alle liceità della celebrazione della nascita del Profeta». A seguito della diffusione dell'ideologia wahhabita, questo festival è in declino. Questa festa è incentrata sulla recitazione di testi su Maometto, sulla sua profezia, sul suo ruolo di intercessore... Sebbene gli ulema abbiano cercato di limitare questi aspetti, questa festa illustra "la lode del Profeta che, per secoli, ha costituito un cultura religiosa” e forme di venerazione di Maometto.

cultura islamica

ablazioni tradizionali

Per i musulmani, la natura primitiva ( fitra ) fissata agli uomini musulmani, oltre al taglio dei capelli, raccomanda cinque ablazioni tradizionali:

  • il maschio della circoncisione
  • depilazione pube e ascelle
  • ritaglio delle unghie
  • dimensione dei baffi
  • la dimensione della barba: non deve superare la larghezza di una mano, a partire dal mento, cioè all'altezza della base del collo ( tôlia ).

La circoncisione è una pratica diffusa nel mondo musulmano. Si pratica, a seconda della regione, tra il settimo giorno e il quindicesimo anno. Tuttavia, questa ablazione non ha basi normative, né nel Corano, né negli hadith. La sua origine, nel mondo musulmano, è legata alla significativa presenza di questa pratica nell'Arabia preislamica. Secondo gli hadith, è un uso che sarebbe rimasto attuale nelle prime comunità musulmane. Questo rito di passaggio e riconoscimento della bambina nella sua società continua al di fuori dell'Islam tra i copti , i cristiani d' Egitto .

Secondo la legge musulmana, la circoncisione è un atto della Sunnah , raccomandato, ma obbligatorio (per entrambi i sessi) nella scuola shafi'ita. Un argomento avanzato è la circoncisione di Abramo. Tuttavia, per i musulmani, è percepito principalmente come "un obbligo rigoroso, sulla stessa base, ad esempio, dei pilastri dell'Islam". Ha acquisito nell'Islam una funzione di rito di passaggio. È quindi un atto più culturale del culto.

Anche l' escissione del clitoride non è una pratica prescritta dal Corano. Le scuole legali lo raccomandano sulla base di hadith che non lo prescrivono esplicitamente. Come con la circoncisione, fiqh sembra aver approvato una pratica pre-islamica. Secondo i sociologi congolesi , Régine TCHICAYA-OBOA , Abel Kouvouama e Jean-Pierre Missie , l'escissione è un dibattito tra i commentatori "sunniti" che difendono o come raccomandazione o come richiesto o "sotto la pressione dello stato" come atto proibito. .

Secondo l' ivoriano sociologo Marcel Kouassi , "alcuni seguaci di un tradizionalista dell'islam" si basano su vari hadith che essi considerano "autentico" per difendere questa "tradizione". Il grande imam di Azhar in Il Cairo , uno dei più grandi riferimenti nel sunnita mondo , ha fermamente condannato l' escissione in quanto i testi che la raccomandano sono totalmente manomessi dai salafiti per vestire legalmente quello che lui considera sincretismo .

tabù alimentari

La legge islamica prevede una serie di regole che prescrivono cosa dovrebbero mangiare i musulmani. Queste regole specificano cosa è halal ( halāl ), cioè legale. Queste regole si trovano nel Corano, che descrive anche cosa è haram ( harām ), cioè illegale. Il Corano insiste su questo aspetto normativo della differenza tra lecito e illegale. Così, alcuni versetti prescrivono divieti e altri abrogano i divieti preislamici ebraici e arabi. Il Corano è presentato come meno restrittivo dei divieti alimentari ebraici, che sono, secondo lui, punizioni divine. Tuttavia, le leggi dietetiche musulmane sono meno opera del Corano che della Sunnah.

Uno dei primi divieti coranici legati al cibo riguarda l'eccesso. Oltre a ciò, altri divieti definiscono gli alimenti - principalmente di origine animale - e le bevande autorizzate dalla sharia. I criteri utilizzati specificano sia quali alimenti sono ammessi sia come devono essere preparati. Questi divieti sono considerati una via di salvezza. Tali divieti vengono revocati in caso di costrizione della fame, senza intenzione di peccare.

Secondo Florence Bergeaud-Blackler , "nell'Europa occidentale , fino agli anni '80 , la maggior parte delle autorità musulmane considerava halal i cibi del Popolo del Libro ( ebrei , cristiani , musulmani ), ad eccezione del maiale". Questa mancanza di obiezioni è confermata da una fatwa di Mohamed Abduh . e si basa sul testo coranico ( sura 5 e in particolare il suo quinto versetto ). Fino agli anni Ottanta, a parte pochi rigorosi giuristi scolastici e gruppi islamisti del subcontinente indiano , le autorità religiose, comprese le più radicali, «ritenevano che i musulmani potessero consumare il cibo dei paesi di tradizione cristiana ed ebraica».

Florence Bergeaud-Blackler , ricorda che il "mercato halal" è un mercato industriale globalizzato nato negli anni '80 dall'incontro tra due correnti: l'ideologia liberale del libero scambio in un mercato mondiale senza frontiere e il fondamentalismo islamico portato avanti da due tendenze: quella musulmana Fratellanza e salafiti . Questo sviluppo ha permesso alle correnti fondamentaliste di “erigere confini simbolici tra musulmani e non musulmani”.

La Ḏabīḥah ( ذَبِيْحَة ) è il metodo prescritto dalla legge islamica per quanto riguarda la macellazione di tutti gli animali ad eccezione degli animali marini. Deve essere raggiunto invocando il nome di Allah , dicendo: "Bismillah Allahi al-Rahman al-Rahim" ( Nel nome di Dio il Misericordioso il Misericordioso ). Il sacerdote deve appartenere alla categoria delle "Persone del Libro". Ma gli studiosi musulmani non sono d'accordo sulla legalità della carne kosher e la concezione flessibile di halal tende ad essere marginalizzata.

calendario islamico

L'Islam ha il suo calendario. Indica che una data è data in questo calendario aggiungendo le parole calendario musulmano , calendario Hijri , era musulmana o era AH  ; o in breve, (H) o (AH) (dal latino anno Hegiræ ). Questo calendario è stato istituito dal califfo Umar, che ha fissato il suo punto di partenza il primo giorno del primo mese dell'anno dell'Egira, 16 luglio 622. Ha quindi introdotto un'era dell'Egira.

Il Corano specifica che il calendario deve essere lunare, nella continuità delle pratiche presenti in alcune parti dell'Arabia preislamica. Si compone di 12 mesi, di cui quattro considerati sacri. Il Corano evoca il divieto di una pratica che sembra quella del mese intercalare. Il calendario musulmano si sposta quindi approssimativamente all'anno dal calendario solare. Il termine "sbadiglio" (giorno) ricorre circa 460 volte nel Corano.

Va notato che esiste un conflitto metodologico per quanto riguarda l'impostazione della data di inizio del Ramadan . Contro il metodo oculare (che non richiede alcun clero), la società segreta dei Fratelli Musulmani milita regolarmente per il cosiddetto metodo scientifico, cioè quello dei calcoli astronomici, sulla base di una reinterpretazione di un versetto del Corano. Tuttavia, l'inizio del Ramadan non è mai stato fissato se non osservando la prima falce di luna nel cielo, durante il tempo di Maometto, dei suoi compagni e dei musulmani sunniti dei primi secoli dopo la Sunnah, e nessuna informazione affidabile rende possibile stabilire un altro metodo.

musica islamica

L'Islam sunnita ha un rapporto piuttosto complesso con la musica. Se la musica come fatto religioso è attestato nella religione musulmana, alcuni autori sollevano la difficoltà di concettualizzare la "musica sacra". Dalle sue origini e dalla vita di Maometto, sembrano esistere alcune contraddizioni e si oppongono diverse correnti di pensiero - dal divieto della musica alla sua autorizzazione - I musulmani che difendono questa visione si affidano anche al testo del Corano più che agli hadîth . Eppure il termine musica non è usato esplicitamente nel Corano e questa interpretazione si basa su ciò che è percepito come un'allusione. Questo argomento è stato costruito nel corso dell'Islam e provoca ancora dibattito.

Nei testi che presentano la vita di Maometto, a causa di alcune contraddizioni e/o differenze di interpretazione, si oppongono diverse correnti di pensiero che vanno dal divieto della musica alla sua autorizzazione. All'interno del sunnismo , una particolare enfasi sul suo divieto esiste tra i suoi fondamentalisti correnti: salafita, wahhabita, ecc. Per questa corrente, la musica può manipolare la mente e impedire la meditazione del Corano.

La musica nel mondo sunnita è quindi colpita da divieti musicali che colpiscono sia la musica religiosa che la musica profana. Queste prescrizioni vietano in particolare la musica strumentale che potrebbe essere considerata dall'Islam come un'arte antireligiosa. Per questo motivo ea differenza del Sufismo, gli strumenti non sono usati nella musica religiosa sunnita.

Nell'ambito del sunnismo, la maggioranza dei musulmani esclude da questo divieto alcune musiche religiose a causa del posto primario del testo in esso. Così, secondo l'imam egiziano Mohamed Hassan , “la canzone è una parola finché non è accompagnata da strumenti di intrattenimento e musica. Per loro questa musica non è musica nel senso occidentale del termine, ma un modo di pronunciare la parola.

Rappresentazioni in pittura e scultura

I sunniti non santificano le icone. Secondo diversi hadîth di Maometto, la maledizione di Dio cade su qualsiasi persona che produce (dal disegno, dalla scultura ...) un essere dotato di anima compresi gli animali, perché questo è considerato da loro come contrario allo spirito del monoteismo . Una certa aniconism o anche un più o meno rigida iconoclastia esiste quindi in Islam. Pertanto, i musulmani usano piuttosto versetti calligrafici del Corano come nel palazzo dell'Alhambra , forme geometriche ( arabeschi ) o rappresentazioni della Kaaba per decorare moschee , case e luoghi pubblici .

D'altra parte, gli sciiti non esitano a riprodurre volti umani, come quelli di personaggi di culto come Ali e Hussein . Infatti, a differenza degli Arabi , i Persiani , in epoca medievale, avevano già una lunga tradizione artistica (nella pittura e nella scultura) che continuò anche dopo l'Arabizzazione e l'Islamizzazione della Persia .

Simboli

Il simbolo della mezzaluna e della stella è spesso associato all'Islam, sebbene lo preceda. Secondo Whitney Smith, la mezzaluna è già utilizzata su emblemi, manufatti religiosi ed edifici di Cartagine punica . Il simbolo della mezzaluna si trova anche nell'impero bizantino . E 'ben documentato sulle monete bizantine del IV °  secolo. Potrebbe avere un'origine sasanide. L'origine del simbolo è quindi oscura. Con la caduta dell'Impero Bizantino, il simbolo avrebbe potuto essere conservato sulle bandiere turche. Se usato prima dai musulmani, si è diffuso come un simbolo dell'Islam al XIV XV °  secolo.

Uno dei simboli islamici è il colore verde . Il verde è il colore del verde e del paradiso. Questo colore è presente nelle descrizioni coraniche. Il paradiso è stato descritto come verde, dove le fonti d'acqua scorrerebbero in abbondanza, dove i fedeli saranno vestiti di seta verde. La leggenda di al-Khidr (colui che è verde), testimonia l'importanza di questo colore per questo popolo. Sarebbe stato il colore preferito di Maometto e diventerà la bandiera degli sciiti. Questo colore diventerà, in seguito, ma in circostanze e in una data "piuttosto vaga", il simbolo dell'Islam. Secondo Michel Pastoureau, assume un valore sacro al XII °  secolo . Dopo la caduta dei Fatimidi, perse la sua dimensione politica familiare per diventare un colore religioso unificante. Questa enfasi potrebbe essere spiegata nel contesto delle crociate e potrebbe anche essere collegata a una promozione del verde da parte dei crociati stessi.

Luoghi santi e luoghi di culto

Il Monte Arafat , situato alla Mecca in Arabia Saudita , è il culmine del pellegrinaggio. I musulmani di tutto il mondo accorrono in questo luogo per essere assolti da Dio.

Luoghi santi

La Mecca ( Makkah ) in Arabia Saudita , ospita la Kaaba ("il Cubo"). Secondo la tradizione, è il primo luogo di culto, costruito da Adamo ( Adam ) sulla Terra, poi ricostruito da Ibrahim (Abramo). Poco si sa della storia preislamica della Kaaba anche se alcuni resoconti e testi sembrano comunque attestare l'esistenza di un luogo di culto. Ogni musulmano deve fare un pellegrinaggio lì almeno una volta nella vita se ha la capacità fisica e finanziaria;

Medina ( Madīnatu an-Nabî ), dove Maometto emigrò dopo essere fuggito dalla Mecca, è la seconda città santa dell'Islam. Nelle sue stesse parole, "per coloro che mi visitano dopo la mia morte, è come se mi visitassero durante la loro vita"  ;

La città di Gerusalemme ( al-Quds ) è informalmente accettata dai musulmani come "il terzo luogo santo". Tuttavia, è riconosciuto come di minore importanza e alcune correnti islamiche identificano altri luoghi santi più importanti. Questo è il luogo verso il quale il Profeta Muhammad avrebbe compiuto il viaggio notturno e l'ascesa ( Isra e Miraj ). Tuttavia, questo stato di santità della città di Gerusalemme conosce una lunga attuazione poi vissuta tra alti e bassi. . Si sviluppa principalmente dal 1144, come parte della lotta contro i franchi

Gli sciiti riconoscono altri due luoghi santi: Nadjaf , in Iraq, e Kerbala , luogo del martirio di Hussein , nipote del profeta Maometto e figlio di Ali , terzo imam, nonché i suoi compagni, giunti a Kerbala per difendere l' imamato .

Per pietà filiale, i sunniti riconoscono l'importanza di Hebron , luogo della tomba di Abramo, padre di Ismaele. Infine, secondo l' UNESCO , la città di Harar in Etiopia è la quarta città santa dell'Islam.

La moschea

Veduta della navata centrale della sala di preghiera della Grande Moschea di Kairouan (in Tunisia); in basso due fedeli pregano davanti al mihrab (nicchia che indica la qibla ).

La moschea ( masjid, " luogo di prostrazione") è uno spazio specifico riservato alla preghiera dei musulmani. "Sono pochi gli elementi coranici che la riguardano. L'istituzione della moschea risale, infatti, principalmente al periodo di espansione dell'Islam. dal VII °  secolo . il termine è usato principalmente nel Corano per fare riferimento alla Kaaba.

Semplici all'inizio, acquisirono una dimensione monumentale durante il periodo omayyade . La sua organizzazione e dei suoi elementi in posizione lentamente ( mihrab nel VIII °  secolo , per esempio) e l'unico vero requisito è poi la presenza di Qibla .

Alla moschea, uomini e donne sono separati per la preghiera. Questa separazione è legata al principio che la moschea deve rimanere "pura". Tuttavia, questa separazione è soprattutto temporale poiché i luoghi possono, oltre alla preghiera, essere occupati da entrambi i sessi.

Relazione con altre religioni

L'Islam riconosce come profeti tutti i padri fondatori dell'ebraismo (Mosè, Davide, Salomone) e del cristianesimo , ma non si limita ad essi. Molti racconti biblici sono presenti nel Corano e l'Islam nascente è segnato da prestiti dal giudaismo. Riguardo all'ebraismo, il Corano mostra un atteggiamento mutevole, inizialmente benevolo, prima di una rottura, data in cui "Il Libro" si distingue dalla Torah e dal Vangelo. Il rapporto tra musulmani ed ebrei è segnato da questa ambivalenza. Negli hadith, l'atteggiamento principale dell'Islam nei confronti dell'ebraismo e del cristianesimo è la sfiducia. Questo fa parte del desiderio di distinguere chiaramente tra istituzioni e comunità. Un principio ampiamente adottato è "non agire come fanno le persone del Libro", che ricorda il divieto talmudico di seguire le pratiche dei Gentili. Ciò non impedisce al nascente Islam di utilizzare gli elementi dell'ebraismo, Yom kippur diventando così il digiuno di Ashoura, quindi del Ramadan.

L' apostasia nell'Islam verso un'altra religione, qualunque essa sia, è fermamente vietata dall'interpretazione maggioritaria del Corano. Il Corano condanna l'apostasia, senza associarla a punizioni terrene, e incoraggia la conversione dei non musulmani. Se è ambiguo rispetto alle religioni che chiama " del Libro" , non lo è per i pagani, i "miscredenti" e gli associazionisti che hanno la scelta, secondo il Corano, solo tra la conversione e la morte. uno status speciale per i non musulmani nei paesi islamici, noto allora come dhimmi. L'Islam garantisce loro protezione contro l'accettazione del "dominio dell'Islam e di un certo numero di obblighi" (astensione dall'ostentazione religiosa, marchi di abbigliamento, tassa speciale, ecc.). La storia è segnata da una variazione nell'applicazione di queste regole. Per quanto riguarda la tolleranza religiosa, viene spesso citata la lettera di Maometto ai cristiani najraniti dove essi potevano esercitare liberamente il loro culto nell'anno 631. Per i ricercatori, queste alleanze sono state tardivamente "forgiate da cristiani che volevano dimostrare ai loro signori musulmani che il Profeta stesso aveva garantito il loro benessere e la conservazione dei loro beni" .

Sono in corso processi di dialogo interreligioso, come il cattolicesimo che ha un "Servizio nazionale per i rapporti con l'Islam", la cui origine risale agli anni '70, ma ha conosciuto "burrasche", come dopo la conferenza di Ratisbona e solleva la questione della ricezione degli scambi (come la "lettera del 138") nel mondo musulmano. "Sembra quindi che l'Islam di ogni Paese intenda gestire il dialogo per proprio conto, non senza collocarlo in un contesto in cui le dimensioni politiche spesso prevalgono su quelle di natura culturale o addirittura spirituale". Per Remi Brague, poiché l'Islam si considera post-cristianesimo, il dialogo islamo-cristiano interessa più i cristiani che i musulmani.

Luogo delle donne nell'Islam

Il posto delle donne nella terra dell'Islam trova, in parte, le sue origini nel Corano che, tra i versetti sugli statuti giuridici, cita ripetutamente la questione delle donne. In questo ambito il Corano innova rispetto alle pratiche preislamiche pur conservandone alcuni aspetti. Un parallelo testuale sulla questione del velo mostra anche che il Corano si inserisce in un contesto in cui è nota la legislazione siriaca. Nel Corano viene riconosciuta sia l'esistenza di identici diritti e doveri per entrambi i sessi, uguaglianza maschio/femmina ma anche la superiorità del maschile sul femminile in determinati contesti, come il matrimonio, il divorzio, le testimonianze e versetti molto severi sulle donne. L'uomo designato nel Corano con un nome femminile che evoca la sua "anteriorità esistenziale", anche se il Corano evoca meno un resoconto delle origini.

Questa complessa condizione della donna appare sia nel Corano che nella successiva legislazione che tendeva a ridurre ciò che era a favore delle donne. Alcuni autori ritengono che la condizione delle donne si sarebbe deteriorata dopo l'islamizzazione in Arabia. Secondo lo storico Jean-Paul Roux, lo status molto inferiore delle donne nei paesi islamici non segna un progresso rispetto a quello dell'Arabia preislamica, ma un passo indietro. Così, basandosi sul Corano, l'Islam affidava autorità a mariti e mogli, obbedienza e, in caso di disobbedienza, punizioni.

Alcuni autori musulmani, come Averroès, hanno criticato la discriminazione contro le donne. Nel XX °  secolo, il femminismo si è sviluppata in alcuni paesi musulmani. Alla fine del XX °  secolo, l'ascesa dell'islamismo ha causato una regressione su questioni di sesso maschile uguaglianza / femmina. I discorsi di islamisti e conservatori utilizzano la religione e citazioni coraniche per sostenere il loro punto di vista.

Recensioni

Le critiche contemporanee negative all'Islam da parte di molti autori provenienti da paesi con sistemi politici laici o laici sono praticamente le stesse di quelle fatte alle altre due religioni monoteiste: oscurantismo , misoginia , fallocrazia , omofobia , intolleranza , elogio di alcune violenze, ecc.

Ad esempio, tra gli autori anglosassoni , l' etologo britannico Richard Dawkins ritiene che l'Islam sia incompatibile con i recenti progressi della scienza , e in particolare con la teoria dell'evoluzione , e ha persino espresso il desiderio personale di "divulgare l'evoluzione nel mondo islamico" . Per lo storico tunisino Mohamed Talbi l' evoluzionismo è un'antica tradizione del pensiero musulmano, cita tra gli altri Ibn Khaldoun .

Il giornalista anglo-americano Christopher Hitchens , è ancora più virulento nei confronti dell'Islam e delle religioni in genere: “Violento, irrazionale, intollerante, alleato del razzismo , del tribalismo e del settarismo, vestito di ignoranza e ostile alla libera indagine, disprezzante delle donne e coercitivo nei confronti dei bambini : la religione organizzata deve avere molto sulla coscienza” . Per quanto riguarda l'Islam, Hitchens sostiene che questa religione è sessista , intollerante, e include molte "sette bellicose e contraddittorie" . Ciò nonostante, l'islamismo s' 'affermazione fondamentale' che l'Islam 'non può migliorare ed è finale' è, dice, 'assurde' . Tuttavia, molte critiche possono sembrare infondate, come l'accusa di razzismo, tribalismo o intolleranza. Infatti, durante il suo discorso di addio, Maometto dichiarò al contrario che "nessun arabo ha superiorità su un non arabo" . Profetizzando il foutoûhât ( "apertura all'Islam" ) tra gli altri dell'Egitto , raccomandò di trattare i suoi abitanti con gentilezza: "Dio ti raccomanda il popolo della protezione ( Ahl al-dimmah ), il popolo dell'argilla nera ( Limo del Nilo , editore ndr), che sono di colore nero e hanno i capelli crespi perché sono i tuoi genitori (di Hagar , ndr) e alleati (di Maria la Copte , ndr)” . E ad insistere: «dobbiamo obbedire all'autorità legale, anche trattenuta da un nero con il naso tagliato ( adulterio , ndr)» . Nella sua biografia su Maometto , Maxime Rodinson fa un'analisi contestuale delle riforme legislative e sociali di Maometto, e sottolinea che questo ha fatto riforme riguardanti la condizione femminile, la schiavitù e la sicurezza in generale. Dopo uno studio contestualizzato delle sue riforme relative al periodo medievale , Rodinson conclude: “Così fu costituita una legislazione che, nonostante le sue carenze, le sue oscurità, il suo carattere occasionale, fu per molti aspetti un miglioramento rispetto allo stato precedente. Rispondeva bene ai bisogni particolari della piccola comunità medinese in via di espansione. Salvaguardava la sicurezza dell'individuo e proteggeva alcune categorie particolarmente esposte. In generale fu incoraggiata la tendenza esistente all'individualismo, senza che il sistema tribale venisse abbandonato. Soprattutto in mezzo all'oceano di consuetudini imposte dalla tradizione e dall'opinione pubblica, sono comparsi elementi di un vero diritto delle prescrizioni, in linea di principio chiaramente formulato e valido per tutti” . Dopo la morte di Maometto (nel 632), il secondo califfo dell'Islam Omar ibn al-Khattâb (morto nel 644) continuò queste riforme sociali abolendo la schiavitù, comunque tradizionalmente ancorata in tutta l' Arabia .

“Il futuro dell'Islam sta nel principio dell'accordo dei musulmani con la concezione della [fede] universale e la capacità, attraverso questa universalità, di fare e abrogare leggi. Man mano che i musulmani avanzano, anche le loro leggi possono progredire con loro, e la morsa del diritto canonico può gradualmente e legalmente allentarsi” .

Nel suo libro Violence and Islam , il poeta arabo Adone ritiene che la violenza sia inerente all'Islam e al Corano, la non violenza non si applica ai kafir e agli apostati , né alle donne, e osserva che l'Islam, storicamente e ideologicamente, incoraggia il saby ( prendere prigionieri).

Per Ali Mostfa e Michel Younès, “il dibattito odierno intorno all'Islam in Occidente si sta cristallizzando attorno a nuovi parametri di riferimento, come le esigenze che accentuano un'alterità centrata sull'osservanza delle norme e sul ritualismo come variabili che consentono all'individuo di integrarsi la comunità. Si rafforza così un nuovo immaginario, quello di un ritorno a un passato mitizzato come argomento per rafforzare il fenomeno comunitario e densificare i riferimenti globali di appartenenza” .

Note e riferimenti

Appunti

  1. Hadith: Il profeta disse: “Il credente mangia per saziare la fame con un intestino. Il miscredente mangia per riempirne sette.” , Riportato da Bukhari .
  2. Il Corano riflette tale distinzione. Così, ad esempio, la sura 49 oppone, tra i beduini , due stati: quello di credenti ( mu'min ) e quello di sottomesso ( musulmano ). In questo contesto, il musulmano è qualcuno che si è convertito superficialmente, senza avere fede.
  3. Questa definizione emerge da tutti gli studi generali di storia o di storia dell'arte sull'Islam, ad esempio: G. Ryckman (a cura di ), "L'Islam" , in Maxime Gorce e Raoul Mortier, Histoire general of religions , vol.  3, Parigi, Quillet,, 2 °  ed. , pag.  333. L'autore precisa nell'introduzione che il genio di Maometto è quello di aver fatto dell'Islam un patriottismo il cui fondamento è religioso. La Larousse del XX °  secolo dà l'Islam il secondo significato di tutti i paesi religioso islamico. Littré anche, ma è nella parola islamismo, con lo «stesso significato di quello di cristianesimo per i paesi cristiani. "
  4. Gli autori parlano talvolta di "guerre di apostasia", termine "apologetico e anacronistico", l'Islam non è ancora una religione consolidata.
  5. Sulla storia della scrittura del Corano e dei dibattiti scientifici sull'argomento, leggi la ricerca sugli appuntamenti del Corano e del Corano
  6. Ci sono circa 20 milioni di cristiani tra gli arabi.
  7. Né il Corano né le parole attribuite a Maometto contengono la parola "colonne".
  8. Tradizione (hadith) riportata da Muslim nel suo libro As-sahih .
  9. In effetti, l'Imam Abû Hanîfa (morto nel 150 H /767 G ) ha spiegato la posizione musulmana riguardo al rapporto tra l'iman e l'Islam con queste parole: "Sono come il dorso e il palmo della mano" , vale a dire, sono inseparabili e quindi ogni musulmano ( muslim ) è considerato credente ( mou'min ) e viceversa .
  10. Il Corano , "Il tuono", XIII, 16, (ar) الرعد, "Il ragno", XXIX, 61-63, "Lokman", XXXI, 25, "Truppe", XXXIX, 38
  11. Ad esempio, sura 2: La mucca ( Al-Baqara ): "E quando abbiamo chiesto agli angeli di inchinarsi davanti ad Adamo, si sono inchinati ad eccezione di Iblis che ha rifiutato, si è gonfiato di orgoglio ed è stato tra gli infedeli. " .
  12. Ad esempio, sura 18: La grotta (Al-Kahf): "E quando dicemmo agli angeli: 'Inchinatevi davanti ad Adamo", essi si inchinarono, tranne Iblis [Satana] che era tra i jinn e si ribellò contro il comando del suo Signore. Tuttavia, prenderai lui e la sua discendenza per alleati oltre a me, mentre sono tuoi nemici Che brutto scambio per gli ingiusti! " .
  13. Hadith: il profeta disse: "Gli angeli sono creati dalla luce e i jinn sono creati dalla fiamma e Adamo è creato dall'argilla. » Segnalato da Muslim.
  14. "In precedenza, c'erano alcuni testi in rima, canzoni e poesie in arabo, e questo spiega perché il Corano è ritmico . " Secondo Guy Franco, "l'Islam oggi", in Mémoires de l'Académie des sciences, inscriptions et belles-lettres de Toulouse , vol. 157, 1995, pag.  198 .
  15. Letteralmente, il Corano afferma che Maometto non sapeva né leggere né scrivere: “E prima non recitavi alcun libro e non ne scrivevi con la mano destra. Altrimenti, chi nega la verità avrebbe avuto dei dubbi. » (Corano, 29; 48).
  16. Sura 56: L'evento (Al-Waqi'a): "che solo il tocco purificato" .
  17. An-Nawawi , Al-Majmu` , (Il Cairo, Matbacat at-'Tadamun nd), 380.
  18. "Dì:" Anche se uomini e jinn si unissero per produrre qualcosa come questo Corano, non potrebbero produrre nulla di simile, anche se si sostenessero a vicenda . " (Corano, sura 17, versetto 88)
  19. "La conclusione del ragionamento è già contenuto nelle premesse, o meglio le premesse sono tratte dalla conclusione. Si può infatti decostruire il ragionamento, e allora sembra che si passi «dalla convinzione alla ragione». La convinzione iniziale è che il Corano rivelato in arabo sia la forma esemplare di chiara espressione; questa certezza diventa la premessa del ragionamento…”
  20. Così, per il pensatore algerino Malek Bennabi, in un'opera "volendo solo [essere] un tentativo di provare la fonte soprannaturale e divina del Corano", "la storia non ha menzionato che questa sfida [dell'inimitabilità] non è mai stata sollevata ”. A tal proposito cita la reazione attribuita al leader meccano e nemico della nuova religione Al Walida Ibn Al mughira: Cosa ne penso [...] pardieu penso che niente gli assomigli. È qualcosa di troppo alto per essere raggiunto . : https://iqbal.hypotheses.org/2454
  21. inclusi Bashâr Ibn Burd († 784), Abū al-ʿAtāhiyya († 828), Al-Mutanabbi († 965) e Abu-l-Ala al-Maari († 1058)
  22. Allo stesso modo, il poeta persiano Ibn al-Muqaffaʿ († 757) scrisse testi in prosa rimata per rispondere a questa sfida e "mostrare la banalità della lingua coranica": Youssouf T. Sangaré, "", MIDÉO. Miscele dell'Istituto domenicano di studi orientali , n o  34, 30 maggio 2019, p.  399-403
  23. Riassunto di Youssouf T. Sangaré, l'autore della recensione
  24. L'unica formula coranica che potrebbe essere vista come una previsione di eventi (30, 2-3) può essere letta in due modi contraddittori.
  25. Etimologia: dal “Oum” arabo (la madre).
  26. Il termine Corano è stato coniato e utilizzato per la prima volta nel Corano stesso. Vedi l'articolo "Corano" nell'Enciclopedia dell'Islam .
  27. Ad esempio, sura 33: Gli Alleati (Al-Azhab): “In effetti, hai nel Messaggero di Allah un modello eccellente [da seguire], per chiunque spera in Allah e nell'Ultimo Giorno e invoca Allah frequentemente. " .
  28. Corano [70: 4] Gli angeli e lo Spirito salgono a Lui in un giorno la cui durata è di cinquantamila anni.
  29. Ad esempio, Sura 14 (Ibrahim): "nel giorno in cui la terra sarà sostituita da un'altra, così come i cieli e quando (gli uomini) appariranno davanti ad Allah, l'Uno, il Sovrano Supremo." " .
  30. Hadith: il profeta disse "Le persone risorgeranno nel giorno della Resurrezione a piedi nudi e incirconcisi" riportato da al bukhari e dai musulmani.
  31. Sura 3 (La famiglia di Amram), versetto 59: "Per Allah, Gesù è come Adamo che creò dalla polvere, poi gli disse" Sii ": ed era. " .
  32. Sul Mahdi, le tradizioni sunnite e sciite divergono, gli sciiti aspettano solo il suo ritorno - imam nascosto mentre per i sunniti non nascerà fino alla fine dei tempi”.
  33. Altre fonti danno molti meno sciiti ma non stimano il numero di wahhabiti (15% dei KSA sono sciiti) fonte: Anees al-Qudaihi, "La stampa sciita dell'Arabia Saudita per i diritti", BBC, 24 marzo 2009; e Lionel Beehner, [http://www.cfr.org/publication/10903/shiite_muslims_in_the_middle_east.html “Council on Foreign Relations” , 16 giugno 2006; Vali Nasr, Rinascita sciita , 2006, p.  236 .
  34. Ad esempio, gli ulema dell'Arabia Saudita non sono stati invitati.
  35. Durante questo congresso sono stati pubblicati due documenti, uno in russo, l'altro in arabo. Quest'ultimo non elenca i gruppi denunciati: https://ipra.hypotheses.org/388#sdfootnote2sym
  36. "Conferenza islamica in Cecenia: perché i sunniti si stanno dissociando dai salafiti" 9 settembre 2016: "Ha affermato:" Ahluls Sunna wal Jama'ah sono gli Ash'ariti o Muturidis (aderenti della teologia sistematica di Abu Mansur al-Maturidi che è identico anche alla scuola di pensiero logico dell'Imam Abu Hasan al-Ash'ari). In materia di fede, sono seguaci di una qualsiasi delle quattro scuole di pensiero (Hanafi, Shaf'ai, Maliki o Hanbali) e sono anche seguaci del puro Sufismo nelle dottrine, nei costumi e nella purificazione [spirituale]. " .
  37. Che quindi conterrebbe chiari riferimenti ad Ali oltre a nomi di oppositori di Maometto
  38. Il Corano , "La Grotta", XVIII , 28, (ar) الكهف .
  39. Sia dopo la campagna egiziana (Jocelyne Cesari), sia dopo l'ascesa del wahhabismo: [www.persee.fr/doc/tiers_0040-7356_1982_num_23_92_4176 Il riformismo musulmano e il suo sviluppo storico]
  40. Riguardo a circa l'80% delle nuove generazioni in Francia, questo Islam vuole essere un attaccamento tradizionale e ai valori, senza, tuttavia, una pratica reale
  41. Questa teoria è una costruzione che, rifiutando gli hadith sciiti, difenderà la tesi della libera scelta (ikhtiyâr) porterà a dover valorizzare i Compagni di Maometto. “Lei proibisce a se stessa più degli altri la riflessione sulla verità dei fatti. successo, il che non sarà senza generare una tendenza permanente a rifiutare la realtà e ad idealizzare il passato, e ciò fino ad oggi". :
  42. Questa condizione non è sufficiente per gli sciiti: “ogni imâm sceglie il suo successore perché riconosce in lui una dimensione escatologica, una sorta di preesistenza metafisica: l'imâm è nell'ordine dei fatti scelto da Dio e riconosciuto solo dall'imâm chi lo precede».
  43. Arabo: risāla, رسالة, messaggio ; lettera epistola .
  44. Queste quattro "scuole" prendono il nome da quattro imam. "Tuttavia, nessuno oggi può affermare che gli imam omonimi siano stati gli iniziatori di queste scuole". Queste scuole sono nate in circoli di studiosi in un processo impersonale. (CE, "Sharia", Dizionario del Corano.)
  45. Secondo Noah Feldman , i primi attacchi suicidi potrebbero salire al anarchica l'Europa del XX °  secolo ( Noah Feldman , "  l'Islam, il terrore e la Seconda Era Nucleare  ", The New York Times ,( ISSN  0362-4331 , letto online , consultato il 12 maggio 2016 ).). Eppure, secondo Costanza Sereni (la scala di massa) la strategia militare degli attacchi kamikaze ( giapponese  : "vento divino") è invece una novità del vice ammiraglio giapponese Onishi Takijiro del XX °  secolo ( Tutti gli articoli - tattiche Kamikaze - fondamentalmente giapponese invenzione  " , su GIS Asia/Asia & Pacific Network (consultato il 12 maggio 2016 ) .)
  46. Quando i militanti sciiti hanno fatto esplodere la caserma dei marines americani in Libano
  47. Corano, II, 185.
  48. Le cinque ablazioni, sopra citate, derivano da un hadith ma sono più un invito che una norma prescrittiva.
  49. "in forma lieve"
  50. L' escissione del clitoride (o cliteroctomia) è una pratica attestata in Egitto durante il periodo tolemaico ma poco conosciuta: Ange-Pierre Leca, Medicina al tempo dei faraoni , Parigi, Dacosta, 1992, capitolo "escissione".
  51. In Guinea (paese a maggioranza sunnita), le donne musulmane difendono l'escissione come obbligo religioso. P. Stanley Yoder, Papa Ousmane Camara, Baba Soumaoro, Escissione e socializzazione delle ragazze adolescenti in Guinea , Calverton, Maryland, USA A. Macro International Inc e Università di Conakry, Conakry, Guinea,, 57  pag. ( leggi in linea ) , p.  Capitolo 4..
  52. Secondo Habib Ellouze , l'escissione in questione sarebbe solo una ninfoplastica o labioplastica  : “nelle regioni dove fa caldo, le persone sono costrette ad asportare le ragazze come terapia, perché, in queste regioni, il clitoride è troppo grande e imbarazza il marito […] L'extra è asportato, ma non è vero che l'escissione sopprime il piacere nelle donne, è l'Occidente che ha esagerato l'argomento. L'escissione è un'operazione cosmetica per le donne ”
  53. L'autore studia qui il "mercato halal", una particolare pratica contemporanea, e non l'esistenza di pratiche alimentari normative.
  54. Esempio: "Coloro che subiranno la punizione più severa nel Giorno del Giudizio sono coloro che disegnano le immagini" (Bukhari 78/75).
  55. lune a mezzaluna usate nell'antichità possono avere diverse direzioni. La mezzaluna verticale, rivolta a destra, si è sviluppata con l'Islam: G. Camps, “Croissant”, Enciclopedia berbera , 14 | 1994, 2121-2125.
  56. Non appare ufficialmente sulle bandiere turche fino al 1793, in associazione con una stella a otto punte La stella a cinque punte non appare fino al 1844.: Marshall, Tim (2017-07-04). Una bandiera per cui vale la pena morire: il potere e la politica dei simboli nazionali . Simone e Schuster. ( ISBN  978-1-5011-6833-8 ) .
  57. Ad esempio, sura 18 ( Al-Kahf ): “Questi sono coloro che avranno i giardini della (eterna) dimora sotto i quali scorrono i ruscelli. Lì saranno adornati con bracciali d'oro e vestiranno con abiti verdi di seta pregiata e broccato, appoggiati a divani (ben decorati). Che bella ricompensa e che bella casa! " .
  58. "Così come furono probabilmente i crociati a togliere la mezzaluna dal vasto repertorio di figure emblematiche utilizzate dai musulmani e a promuoverla come unica figura contraria alla croce, così forse - contribuirono alla promozione del verde nel campo opposto: un solo colore per simboleggiare l'avversario. Nel corso della storia, nelle guerre degli emblemi e dei simboli, lo sguardo dell'altro è sempre stato decisivo"
  59. La severità della legge musulmana nei confronti dell'apostasia, generalmente punita con la morte, deriva più dalla storia che dal Corano.
  60. Hanno avuto luogo dibattiti tra pensatori musulmani per determinare la legittimità del giudaismo e del cristianesimo. Infatti, nel Corano sono visibili diversi atteggiamenti, che accompagnano il degrado dei rapporti tra Maometto e gli ebrei.
  61. Ciò è in parte legato alla visione dell'uomo e della donna come complementari.
  62. Bukhari, vol. 9, libro 89, n o  256 con questa differenza: "Ascolta e obbedisci, anche se ti è stato dato per capo uno schiavo etiope nero come l'uva passa" .
  63. "C'è nel testo una violenza teorica e una violenza pratica. La violenza teorica ha dato origine alla violenza pratica. Sul piano pratico, per esempio, l'individuo non può in alcun modo rinunciare alla fede dei suoi genitori o della sua comunità a beneficio di un altro. Molti versetti condannano l' apostasia […]. "Non lasciare sulla terra abitanti che siano nel numero dei miscredenti. ”(Corano 71:26) Il musulmano che legge questo versetto è invitato a esercitare il jihad per realizzare questo desiderio e combattere la “incredulità” con tutti i mezzi a sua disposizione. È una violenza che non è vista come tale perché considerata come un trionfo dell'Islam e della volontà divina. Possiamo già dire che la violenza è intrinseca all'Islam. Possiamo anche citare: “Ci siamo vendicati di loro; li abbiamo inghiottiti nell'abisso ”(Corano 7: 135); “Nel giorno in cui li prenderemo con grandissima violenza, ci vendicheremo” (Corano 44:16); “Nel Giorno della Resurrezione li raduneremo faccia a faccia; cieco, muto e sordo. Il loro asilo sarà la Geenna . Ogni volta che il fuoco si estingue, riaccenderemo la sua fiamma ardente per loro ”(Corano 17:97). In questa stessa sura è detto: "Considera come abbiamo preferito alcuni di loro ad altri" (Corano 17:21). È la legge dell'arbitrarietà. […] Coloro che osano disobbedire “saranno trascinati con catene nell'acqua bollente e poi gettati nel fuoco” (Corano 40:70-72)” . Violenza e Islam , Adone, interviste con Houria Abdelouahed, edizioni Seuil ( ISBN  978-2-02-128858-2 ) , p.  51 , 52 e 53.

Riferimenti

  1. Mohammad Abou Zahra ( tradotto  dall'arabo da Michel Galloux), Imam Aboû Hanifa: la sua vita e il suo tempo, le sue opinioni e il suo fiqh , Parigi, Al Qalam,, 503  pag. ( ISBN  978-2-909469-58-4 ) , pag.  209.
  2. (in) "SLM" in The American Heritage Dictionary of the English Language , t.  Appendice B: Radici semitiche, Boston, New York, Houghton Mifflin,, 4 °  ed. ( ISBN  0-618-08230-1 ) , pag.  2067.
  3. Daniel Reig, Dizionario arabo-francese, francese-arabo , Parigi, Librairie Larousse ,( ISBN  2-03-451208-1 ) , § 2642, IV.
  4. (in) Fred M. Donner, Muhammad e i credenti , Harvard University Press,( ISBN  0674064143 ) , pag.  57.
  5. Paul Neuenkirchen, “Sura 49” , in Le Coran des Historiens , t.  2b, Edizioni del Cerf ,( ISBN  9782204135511 ) , p.  1525 e seguenti.
  6. Dominique Frémy e Michèle Frémy, Quid , Robert Laffont ,, 2.126  pagg. ( ISBN  978-2-221-09465-5 ) , pag.  555 e 556.
  7. Mahometan  " , su Larousse.fr (consultato il 9 febbraio 2021 ) .
  8. Bruno Étienne , "  Islamismo come ideologia e come forza politica  ", Cités , PUF, n o  14,( presentazione on line ).
  9. La rivista L'Histoire n o  special, n o  278.
  10. Jean Girodet, Dizionario delle trappole e delle difficoltà della lingua francese , Bordas ,( ISBN  2035898226 ) , pag.  506.
  11. Definizioni lessicografiche ed etimologiche di "Islam" dal tesoro informatizzato della lingua francese , sul sito web del Centro nazionale per le risorse testuali e lessicali .
  12. Pascal Buresi, Geo-storia dell'Islam , Belin ,, pag.  4.
  13. Alexis Troude, Geopolitica della Serbia , Ellissi,( ISBN  2729827498 ) , pag.  97.
  14. (it) Primo Levi ( tradotto  dall'italiano da Julliard), Si c'est un homme , Paris, Pocket ,, 314  pag. ( ISBN  978-2-266-02250-7 ) , pag.  135-138.
  15. Victor Kuperminc , Gli ebrei , Il cavaliere azzurro ,, 127  pag. ( ISBN  978-2-84670-023-8 , leggi in linea ) , p.  66.
  16. Dan Kaminski , La vittoria del nazismo: cattive notizie , BoD - Books on Demand Francia,, 228  pag. ( ISBN  978-2-8106-1207-9 , leggi in linea ) , p.  178.
  17. Jacqueline Chabbi , I tre pilastri dell'Islam. Lettura antropologica del Corano , Editions du Seuil ,, introduzione.
  18. A. Borrut, "Dall'Arabia all'Impero", Le Coran des historiens , t.1, 2019, p.  249 e seguenti.
  19. https://bora.uib.no/bora-xmlui/bitstream/handle/1956/12367/144806851.pdfsequence=4&isAllowed=y
  20. commercio meccano e l'ascesa dell'Islam, (Princeton, USA: Princeton University Press, 1987
  21. https://repository.upenn.edu/cgi/viewcontent.cgiarticle=5006&context=edissertations
  22. Dan Gibson: Geografia coranica: un'indagine e valutazione dei riferimenti geografici nel Corano con soluzioni suggerite per vari problemi e questioni. Independent Scholars Press, Surrey (BC) 2011, ISBN 978-0-9733642-8-6
  23. M. Amir-Moezzi, "Le Shi'isme et le Coran", Le Coran des historiens , t.1, 2019, p.  924 e seguenti.
  24. Watt, W. Montgomery, Aḳīda , in: Encyclopedia of Islam
  25. Sabrina Mervin, Storia dell'Islam: fondamenti e dottrine , capitolo 5; lo sviluppo della teologia.
  26. Frédéric Imbert, "L'Islam delle pietre: l'espressione della fede nei graffiti arabi dei primi secoli, Scrittura della storia e processo di canonizzazione nei primi secoli dell'Islam" in Revue des études du monde Muslim and the Mediterranean , 129 , luglio 2011.
  27. F. Déroche, La trasmissione scritta del Corano agli inizi dell'Islam, Leida, 2009, p.  168 .
  28. Donner 2000 , p.  125.
  29. (in) William Montgomery Watt , Maometto alla Mecca  (in) 1953, Oxford University Press, p. xi.
  30. J. Schacht, Una rivalutazione delle tradizioni islamiche , in JRAS , 1949, 143 ff.
  31. Maometto, il profeta postumo  " , su Liberation.fr (consultato il 7 maggio 2016 ) .
  32. THIERRY ZARCONE , “  Un impero di fronte all'Occidente  ” , su Sciences Humaines (consultato l'11 agosto 2018 ) .
  33. Dominique Chevallier , articolo Wahabisme , in Encyclopaedia Universalis , edizione 2011
  34. 1615 L. Street e NW , The Changing Global Religious Landscape  " , sul progetto Religion & Public Life del Pew Research Center ,(consultato il 10 giugno 2017 ) .
  35. CESARI, Jocelyne , “L'  Islam in Europa. L'incorporazione di una religione  , " Studi Cahiers del Mediterraneo orientale e del mondo turco-iraniano , n o  33,( ISSN  0764-9878 , lettura online , accesso 12 agosto 2018 ).
  36. Merad Ali, “La diffusione dell'Islam nel mondo”, nell'Islam contemporaneo. Parigi cedex 14, Presses Universitaires de France, “Que sais-je », 2007, p.  105-122 .
  37. (in) La lista: la religione in più rapida crescita al mondo .
  38. 1615 L. Street e NW , Il futuro delle religioni mondiali: proiezioni sulla crescita della popolazione, 2010-2050  " , sul progetto Religione e vita pubblica del Pew Research Center ,(consultato il 10 giugno 2017 ) .
  39. (en-US) Musulmani e Islam: risultati chiave negli Stati Uniti e nel mondo  " , Pew Research Center ,( letto online , consultato il 10 giugno 2017 ).
  40. Molti paesi favoriscono religioni specifiche, ufficialmente o non ufficialmente  " , su pewforum.org ,
  41. (in) Giornata mondiale della lingua araba | Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura  ” , su www.unesco.org (consultato il 10 giugno 2017 ) .
  42. Nel 2050, il primo paese musulmano sarà ... l'India  " , su canada.ca , Radio-Canada ,(consultato il 22 settembre 2020 ) .
  43. Frédéric Joignot, "  In Francia, i giovani sempre più fedeli all'Islam  ", Le Monde .fr ,( leggi in linea ).
  44. Étienne Jacob , "  La popolazione musulmana largamente sopravvalutata in Francia  ", Le Figaro ,( ISSN  0182-5852 , lettura online , accesso 3 giugno 2017 ).
  45. "L'ateismo progredisce nel mondo musulmano" , La Croix .
  46. Poll. L'ateismo è in aumento tra i giovani arabi  ” , su Courrier International ,(consultato il 2 maggio 2020 )
  47. (in) "Pilastri dell'Islam" , The Oxford Dictionary of Islam , Ed. John L. Esposito, Oxford Islamic Studies Online, 6 agosto 2016.
  48. Edouard-Marie Gallez , Il messia e il suo profeta , Le origini dell'Islam, Editions de Paris, vol. 1, pag.  488 .
  49. G. Monot, “Ṣalāt”, Enciclopedia dell'Islam , Brill Online, 2016.
  50. P. B., Pillars of Islam , Dictionary of the Koran , 2007, Paris, p.  674 e seguenti.
  51. The Silent Koran and the Speaking Koran  " ( ArchivioWikiwixArchive.isGoogleQue faire ) , Su www.lemondedesreligions.fr (consultato il 12 aprile 2018 )
  52. Joseph Chelhod, Rassegna di storia delle religioni , vol.  156, 1959, pag.  161-188 .
  53. Éditions Larousse , “  Encyclopédie Larousse en ligne - Sunnisme  ” , su www.larousse.fr (visitato il 28 maggio 2017 ) .
  54. Serge Lafitte, Sciiti e sunniti , Plon, 2007, p.  41 .
  55. Quentin Ludwig, L'islam , Eyrolles , coll.  "Comodo",, 223  pag. ( ISBN  978-2-212-54767-2 , leggi in linea ) , p.  1210
  56. (a) Dona J. Stewart, Il Medio Oriente oggi: politiche, geografiche e prospettive culturali , ed. Routledge,( leggi in linea ) , p.  55.
  57. I cinque pilastri della fede  " (accessibile il 1 ° agosto 2016 ) .
  58. (in) Moojan Momen, An Introduction to Shi'i Islam: The History and Doctrines of Twelvers Shi'ism , Yale University Press ,, 424  pag. ( ISBN  978-0-300-03531-5 ) , pag.  178-180.
  59. Serge Lafitte , sciiti e sunniti , EDI8,, 78  pag. ( ISBN  978-2-7509-1267-3 , leggi online ).
  60. Bohra  " su archive.mumineen.org (accessibile il 1 ° agosto 2016 ) .
  61. B. LEWIS, VL MENAGE, Ch. PELLAT e J. SCHACHT, L'encyclopédie de l'islam , Parigi, EJ BRILL, 1990, 1.303  p. ( ISBN  9004042571 ) , Pagina 1200/1201
  62. Amir-Moezzi, Dizionario del Corano , 2007, Parigi, articolo "Fede e infedeltà", p.  347 e seguenti.
  63. “  La fede in al-Mahdi fa parte del credo islamico | eshaykh.com  ” su eshaykh.com (consultato il 7 agosto 2016 ) .
  64. Mohammad Aboû Zahra ( traduzione  dall'arabo), Imam Ibn Hanbal: la sua vita e il suo tempo, le sue opinioni e il suo fiqh , Parigi, Al Qalam,, 519  pag. ( ISBN  978-2-909469-65-2 ) , pag.  293.
  65. Amir-Moezzi, Dizionario del Corano , Parigi, 2007, capitolo "Fede e infedeltà", p.  347 e seguenti.
  66. Gerhard J. Bellinger ( trad.  dal tedesco), Encyclopédie des religions , Parigi, Il libro tascabile,, 804  pag. ( ISBN  978-2-253-13111-3 e 2-253-13111-3 ).
  67. PBS - Islam: Empire of Faith - Faith - God  " , su www.pbs.org (consultato il 2 gennaio 2016 ) .
  68. L. Gardet, "Allah" in Encyclopédie de l'islam , tomo 1, p.  406 e seguenti
  69. Ballanfat P., “Allah” nel dizionario del Corano , 2007, Parigi, p.  40-43 .
  70. Clarck M., Chebel M., Islam for Dummies , First, 2008, p.  159 .
  71. Sourdel D., "Gli arabi prima dell'Islam", Storia degli arabi. Presses Universitaires de France, 2007, p.  7-18 .
  72. DB MacDonald, "Ilah" in Encyclopedie de l'islam , Volume 3, 1986, p.  1093-1094 .
  73. A. Amin e A. Harun, Sharh Diwan Al-Hamasa , Cairo, 1951, vol. 1, pag.  478-480 .
  74. Al-Marzubani, Mu'jam Ash-Shu'araa , p.  302 .
  75. Irfan Shahîd, Byzantium and the Arabs in the Fourth Century , Dumbarton Oaks Trustees for Harvard University-Washington DC, p.  452 .
  76. James A. Bellamy , "  Due iscrizioni arabe preislamiche riviste: Jabal Ramm e Umm Al-Jimāl  " , Journal of the American Oriental Society , vol.  108, n .  3,, pag.  369–378 ( DOI  10.2307 / 603860 , letto online , consultato il 4 novembre 2018 )
  77. Grohmann A., Arabische Paläographie II: Das Schriftwesen und die Lapidarschrift , Vienna , 1971, Hermann Böhlaus Nochfolger, p.  6-8 .
  78. Gruendler B., Lo sviluppo degli scritti arabi: dall'era nabatea al primo secolo islamico secondo i testi datati , Atlanta, 1993, Scholars Press.
  79. Koscielniak, “Alcune osservazioni sulla letteratura araba cristiana preislamica”, Rocznik orientalistyczny , LVII, 2004, p.  60-76 .
  80. Le basi del credo islamico  " , su Nour Al Islam .
  81. Malcolm Clark e Malek Chebel ( tradotto  dall'inglese da Maylis Gillier), L'Islam pour les dummies [“  Islam for dummies  ”] (Istruzione), 75005 Paris, Editions First (Marie-Anne Jost) ,, 485  pag. , Copertina morbida ( ISBN  978-2-7540-0531-9 ).
  82. The Encyclopedia of Islam , art. "Mala'ika", p.  217 .
  83. Enciclopedia del Corano , "angelo", p.  85 e seguenti.
  84. (in) Valerie Hoffman, The Essentials of Ibadi Islam , Syracuse University Press,, 362  pag. ( ISBN  978-0-8156-5084-3 , leggi in linea ) , p.  189
  85. François Déroche , Le Coran , Presses Universitaires de France, coll.  "Cosa so "( N °  1245),( ISBN  978-2-13-079267-3 , presentazione online ) , pt 36
  86. Gobillot G., "Ange, angelologie", in Dizionario del Corano , 2007.
  87. (in) John Esposito, Quello che tutti devono sapere sull'Islam: seconda edizione, Oxford University Press,, 268  pag. ( ISBN  978-0-19-979413-3 , leggi online ).
  88. (in) W. Madelung, Encyclopaedia of Islam Online , "Malā'ika"  p. ( ISSN  1573-3912 , leggi online ).
  89. (in) Gisela Webb., Enciclopedia del Corano in linea , "Angelo".
  90. (in) Israfil  " , Encyclopaedia Britannica (consultato il 20 novembre 2012 ) .
  91. (it) L'angelo Gabriele è persino considerato un arcangelo. Antoine Moussali, La croce e la mezzaluna: il cristianesimo di fronte all'Islam , Éditions de Paris, 1997, p.  45 .
  92. (ar) Abou Hanifa ( trad.  Moussaoui Mahboub), I fondamenti della fede sunnita , Sabil,, 174  pag. ( ISBN  2-914246-33-1 ) , p.  35-36.
  93. Amir-Moezzi, Dizionario del Corano , 2007, Parigi, articolo "genius", p.  358 e seguenti.
  94. Commento di Abu l-Lait as-Samarqandi su Abu Hanifa al-Fiqh al-absat Introduzione, testo e commento di Hans Daiber Concetto islamico di credenza nel IV/X secolo Istituto per lo studio delle lingue e delle culture dell'Asia e dell'Africa pag. 243
  95. G. Dye, GS Reynolds, "Sura 72", Le Coran des Historiens , 2019, p.  1853 e seguenti.
  96. Christopher R. Fee, Jeffrey B. Webb American Myths, Legends, and Tall Tales: An Encyclopedia of American Folklore [3 volumi]: An Encyclopedia of American Folklore (3 volumi) ABC-CLIO 2016 ( ISBN  978-1-610- 69568-8 ) pag. 527
  97. McAuliffe, Jane Dammen. 2003. Enciclopedia del Corano 3. DC: Georgetown University. pag. 45.
  98. Come un angelo, Corano 7:11, 15:30, 17:61, 38: 73s; come Jinn, Corano 18:50; cfr. (it) Mehdi Azaiez , Gabriel Said Reynolds , Tommaso Tesei e Hamza M. Zafer , The Qur'an Seminar Commentary: Le Qur'an Seminar: A Collaborative Study of 50 Coranic Passges / Collaborative Commentary of 50 Coranic Passges , Walter de Gruyter ,, 507  pag. ( ISBN  978-3-11-044590-9 , leggi online ) , p.  388
  99. per un approccio a questo problema, si veda La preesistenza des Anges des Djinns et des Démons in Geneviève Gobillot, Il libro della profondità delle cose , Presses Universitaires du Septentrion,, 306  pag. ( ISBN  978-2-85939-496-7 , presentazione online ) , p.  92-99
  100. Sarwat Anis Al-Assiouty , E così nacquero gli dei...: produttori di pioggia, sciamani-guaritori; sacerdoti-indovini - , Letouzey & Ané,, 260  pag. ( ISBN  978-2-7063-0185-8 , leggi in linea ) , p.  212
  101. RM Savory Introduzione alla civiltà islamica Cambridge University Press, 1976 ( ISBN  978-0521099486 ) p. 42
  102. Marc Monjou , “  L'Évangile et le Coran  ” , su injil.free.fr (consultato il 30 maggio 2016 ) .
  103. http://www.apbif.org/croyance-des-musulmans/croyance-en-les-livres/les-livres-reveles.html .
  104. ( fr ) Il Libro rivelato a Mosè:" kitab ", diverso dal "suhuf" di questo profeta  » , Su Maison-islam.com .
  105. Urvoy M.-T., “falsificazione”, in  Dictionnaire du Coran, 2007, Parigi, p.  333-335
  106. Comeau, Geneviève, e Michel Younès. "Bollettino di teologia delle religioni", Recherches de Science Religieuse , vol. volume 106, n. 4, 2018, pag.  647-675 . https://www.cairn.info/revue-recherches-de-science-religieuse-2018-4-page-647.htm
  107. Borrmans Maurice, Quattro attori del dialogo islamo-cristiano. Arnaldez, Caspar, Jomier, Moubarac, Vrin, Paris, 2016, 154 p.
  108. Encyclopaedia of Islam , Brill, 1986, articolo al-Kur'an .
  109. Jacques Langhade , "Capitolo I. La lingua del Corano e degli Hadith" in La filosofia del Corano: la lingua araba e la formazione del vocabolario filosofico Farabi , Press Ifpo, al.  "Studi arabi, medievali e moderni",( ISBN  9782351595008 , leggi online ) , p.  17–82, paragrafo 6.
  110. François Déroche , “Calligraphy in the Muslim World” , in Contemporary Philosophy: A New Survey , Springer Science & Business Media,, pag.  142.
  111. Jacques Langhade , "Capitolo I. La lingua del Corano e degli Hadith" in La filosofia del Corano: la lingua araba e la formazione del vocabolario filosofico Farabi , Press Ifpo, al.  "Studi arabi, medievali e moderni",( ISBN  9782351595008 , leggi online ) , p.  17–82.
  112. Michel Cuypers e Geneviève Gobillot , Le Coran , Paris, Le Cavalier Bleu, 2007, coll.  "Idee ricevute" ( n o  142), 126  pag. ( ISBN  978-2-84670-171-6 ) , pag.  37.
  113. Alain Ducellier e Françoise Micheau , La Nazione dell'Islam VII °  -  XV °  secolo , Hachette ,, pag.  16-17.
  114. MA Amir Moezzi, Il Corano silenzioso e il Corano parlante , p.  76 .
  115. Régis Blachère, Claude Gilliot, "Coran (al-Quran)", Encyclopædia Universalis.
  116. Annemarie Schimmel, Barbar Rivolta, "Islamic Calligraphy", The Metropolitan Museum of Art Bulletin , New Series 50 (1): 3, 1992 .
  117. Muhammad Hamidullah, Il profeta dell'Islam , ed. El-Najah, 1998, p.  641 .
  118. Richard Bell  (in) , William Montgomery Watt , Introduzione al Corano , p.  51 .
  119. Sohaib Sultan , La tasca del Corano per i manichini , EDI8,, 360  pag. ( ISBN  978-2-7540-4326-7 , leggi online ).
  120. François Déroche, “  Corso: La voce e la calama. Le vie della canonizzazione del Corano  ”, Storia del Corano. Testo e trasmissione , 2015-2016 ( leggi online ).
  121. MA Amir Moezzi, Il Corano silenzioso e il Corano parlante , p.  74 .
  122. Anne-Sylvie Boisliveau , “  Comerro Viviane, Traditions on the Constitution of the muṣḥaf of ʿUthmān, Beirut, Orient-Institut Beirut / Würzburg, Erlon Verlag, coll. Beiruter Texte und Studien (herausgegeben vom Orient-Institut Beirut), Band 134, 2012, 219 p.  " Giornale dei mondi musulmani e del Mediterraneo , n o  134,( ISSN  0997-1327 , lettura online , accesso 26 maggio 2017 ).
  123. Guillaume Dye, Perché e come si fa un testo canonico Alcune riflessioni sulla storia del Corano , p.  65-66 .
  124. F. Déroche, La trasmissione scritta del Corano agli inizi dell'Islam , Leida, 2009, p.  168 .
  125. François Déroche, La trasmissione scritta del Corano agli inizi dell'Islam. Il codice Parisino-petropolitanus . Brill, Leida, 2009. ( ISBN  978-90-04-17272-2 ) . pag.  161 e seguenti.
  126. Viviane Liati , “  Come leggere il Corano  », Le français oggi , n o  155,, pag.  37-45 ( ISSN  0184-7732 , leggi online , consultato il 12 giugno 2017 ).
  127. Sami Awad Aldeeb Abu-Sahlieh, Il Corano: testo arabo e traduzione francese in ordine cronologico secondo Azhar con riferimento a varianti, abrogazioni e scritti ebraici e cristiani , Vevey (Svizzera), L'Aire,, 578  pag. ( ISBN  978-2-88108-849-0 , leggi online ).
  128. Un Corano più letture  " .
  129. (ar) Sayyid Sâbiq, Fiqh As-Sunna: L'intelligenza della norma profetica , t.  1, Ennour,, 744  pag. ( ISBN  2-7524-0004-7 ) , pag.  61.
  130. Secondo (in) Mehdi Azaiez Gabriel Said Reynolds, Tommaso Tesei, Hamza Mr. Zafer The Qur'an Commentary Seminar , Walter de Gruyter GmbH & Co KG, 2016, p.   16.
  131. Claude Gilliot , "  Il Corano, produzione letteraria della tarda antichità o Maometto interpreta nel“ Lezionario arabo ”della Mecca*  ", Revue des mondes Moslems et de la Méditerranée , n o  129,, pag.  31-56 ( ISSN  0997-1327 e 2105-2271 , DOI  10.4000 / remmm.7054 , lettura online , accesso 19 luglio 2018 ).
  132. MA Amir Moezzi, Il Corano silenzioso e il Corano parlante , p.  72 .
  133. Caterina Pennacchio, Prestiti lessicali nel Corano , Bollettino del Centro di ricerca francese di Gerusalemme , p.  31 , 22, 2011, pubblicato il 1 aprile 2012, consultato il 26 maggio 2017. URL: http://bcrfj.revues.org/6620
  134. Alphonse Mingana, Influenza siriaca sullo stile del Kur'ān , BJRL 2, 1927, 80.
  135. Youssef Seddik, Non abbiamo mai letto il Corano: saggio , La Tour-d'Aigues, L'aube,, 331  pag. ( ISBN  978-2-8159-0756-9 ) , pag.  188.
  136. M. Amir-Moezzi, Dizionario del Corano , Parigi, 2007, articolo "esegesi contemporanea"
  137. Gaafar Sadek e Salah Basalamah, "  I dibattiti intorno alla traduzione del Corano: tra giurisprudenza e traduzionisti  ", Theologics , vol.  15, n o  2, pag.  92.
  138. Amir-Moezzi, Dizionario del Corano , del 2007, articolo "sette letture", pag.  812 .
  139. Gaafar Sadek e Salah Basalamah, "  I dibattiti intorno alla traduzione del Corano: tra giurisprudenza e traduzionisti  ", Theologics , vol.  15, n o  2, pag.  89-113 ( leggi online ).
  140. Michel Cuypers, La rhétorique sémitique dans le Coran, StRBS 27b (13.07.2016) https://www.retoricabiblicaesemitica.org/Pubblicazioni/StRBS/27b.Cuypers,%20La%20rhetorique%20semitique%20dans%20le % 20Quran.pdf
  141. Enciclopedia del Corano , vol 2, articolo inimitabilità , p.  526 e seguenti.
  142. MT Urvoy, "inimitabilità del Corano", Dizionario del Corano (Amir-Moezzi (ed.)), P.  419-420 .
  143. MB Mortensen, "Sura 17", Le Coran des historiens , 2019, Parigi, p.  683 .
  144. Claude Gilliot, Lingua e Corano secondo Tabari: I. la precedenza del Corano , Studia islamica , n. 68 (1988), p.  79-106 .
  145. Youssouf T. Sangaré , "  Urvoy, Dominique & Marie-Thérèse, Indagine sul miracolo coranico  ", MIDÉO. Miscele dell'Istituto Domenicano per gli Studi Orientali , n o  34,, pag.  399–403 ( ISSN  0575-1330 , lettura online , accesso 10 maggio 2020 )
  146. (ar) Mohamed el Nefzaoui el Ifriqy ( trad.  Baron R ***, pref.  Mohamed Lasly), Il giardino profumato: Manuale di erotologia araba di Cheikh Nefzaoui , Philippe Picquier ,, 353  pag. ( ISBN  978-2-8097-0349-8 ) , pag.  97.
  147. (in) Naved Kermani The Blackwell Companion to the Qur'an , Blackwell, 2006.
  148. Melhem Chokr , zandaqa Zindīqs nell'Islam e nel secondo secolo dell'Egira , Press Ifpo, al.  "Studi arabi, medievali e moderni",, 350  pag. ( ISBN  978-2-35159-497-1 , leggi in linea ) , p.  153–170.
  149. Claude Gilliot , “  Bulletin d'islamologie et d'études arabe  ”, Revue des sciences philosophiques et théologiques , vol.  Volume 87, n °  1,, pag.  151–203 ( ISSN  0035-2209 , DOI  10.3917 / rspt.871.0151 , lettura online , accesso 7 giugno 2018 ).
  150. Maxime Rodinson , Mahomet , Essais Seuil, 1994, p.  119 .
  151. Theodor Nöldeke , Osservazioni critiche sullo stile e la sintassi del Corano , estratto da Beitrage zur semitischen Sprachwissenschaft , trad. di GH Bousquet, Parigi, 1953.
  152. Jacques Berque , The Coran: Trial of Translation , Albin Michel, 1995, p.  739-741 .
  153. Michel Cuypers, La composizione du Coran , Éditions J. Gabalda et Cie, 2011, online su Académia.edu, p.  23-24  : [1]
  154. Michel Cuypers, Strutture retoriche delle sure da 92 a 98 in pdf sul sito dell'Istituto francese di archeologia orientale (IFAO) http://www.ifao.egnet.net/anisl/034/06/
  155. Amir-Moezzi, Dizionario del Corano , 2007, Parigi, articolo profeti, profeti , p.  703 e seguenti.
  156. Marie-Thérèse Urvoy, “Prophétes, prophétologie” in Dizionario del Corano , Parigi, Laffont, coll. “Libri”, 2007, p.  703-706 .
  157. (it) L' Islam ei profeti (islamfrance.com) .
  158. Nadjet Zouggar , "  L'impeccabilità del profeta Maometto nel credo sunnita  ", Bulletin of Oriental Studies , n .  60,, pag.  73-89 ( ISSN  0253-1623 e 2077-4079 , DOI  10.4000 / beo.296 , lettura online , accesso 12 agosto 2018 ).
  159. Pisani, Emmanuel. “Nuove letture del Corano e loro implicazioni teologiche. A proposito di libri recenti”, Revue d'Éthique et de Theologie Morale , vol. 253, n. 1, 2009, pag.  29-50 .
  160. Pisani E., "Nuove letture del Corano e le loro implicazioni teologiche - A proposito di alcuni libri recenti", Revue d'Ethique et de théologie morale 2009/1 ( n o  253), p.  da 29 a 50
  161. Urvoy M.-T., Impeccabilità , in Dictionnaire du Coran , 2007, Parigi, p.  416-417 .
  162. Mohammed Hocine Benkheira , “  Storia e antropologia del diritto musulmano  ”, Repertorio della Scuola Pratica di Studi Superiori (EPHE), Sezione di Scienze Religiose. Sintesi delle lezioni e del lavoro , n o  119,, pag.  101–102 ( ISSN  0183-7478 , lettura online , accesso 6 novembre 2019 )
  163. Nadjet Zouggar , “  L'impeccabilità del profeta Muḥammad nel Credo sunnita. Su al-Aš'arī (m. 324/935), Ibn Taymiyya (m. 728/1328)  , " Bollettino di studi orientali , n o  Volume LX,, pag.  73-89 ( ISSN  0253-1623 , DOI  10.4000 / beo.296 , lettura online , accesso 15 giugno 2019 )
  164. Alain Besançon , Tre tentazioni nella Chiesa , Calmann-Lévy ,, 228  pag. ( ISBN  978-2-7021-5115-0 , leggi online ).
  165. (fr) I profeti musulmani (portal-religion.fr) .
  166. Daniel de Smet, "Dhu l-Quarnayn" in Mohammad Ali Amir-Moezzi (a cura di), Dizionario del Corano , Robert Laffont, coll. “Libri”, 2007, p.  218-221 .
  167. Mohammad Ali Amir-Moezzi , Il Corano silenzioso e il Corano parlante. Fonti scritturali dell'Islam tra storia e fervore , Éditions CNRS-colloquium http://iesr.hypotheses.org/328 .
  168. Cfr. Muhammad # I suoi nomi per maggiori dettagli.
  169. Articolo "Maometto", Enciclopedia dell'Islam .
  170. (in) Islam: Una guida per ebrei e cristiani , FE Peters, Princeton University Press ( ISBN  978-0-691-11553-5 ) , p.  9 .
  171. Didier Hamoneau, La Torah, il Vangelo, il Corano: studio critico , Créadif e Andalouss,, 223  pag. ( ISBN  2-909667-08-1 ) , pag.  42.
  172. (in) Herbert Berg, "Blood Scholars: Hadith Criticism" , The Development of Exegesis in Early Islam , Richmond: Curzon Press, 2000.
  173. MA Amir Moezzi, Il Corano silenzioso e il Corano parlante , p.  19-27 e seguenti.
  174. MA Amir Moezzi: Il Corano silenzioso e il Corano parlante, p.  211 .
  175. Malek Chebel, op. cit. , pag.  361 .
  176. (in) Muhammad Saed Abdul-Rahman, Il significato e la spiegazione del glorioso Corano , vol.  1, pubblicazione MSA limitata,, 668  pag. ( ISBN  978-1-86179-470-3 e 1-86179-470-3 , presentazione online ) , p.  237.
  177. (ar) Abou Hanifa ( trad.  Moussaoui Mahboub), I fondamenti della fede sunnita , Sabil,, 174  pag. ( ISBN  2-914246-33-1 ) , p.  144.
  178. Nafissa Tall, La questione della prova nell'Islam: saggio di antropologia , Parigi, ed. L'harmattan,( leggi in linea ) , p.  38.
  179. Sura IV, versetti 157, 158.
  180. (ar) The Book of Tricks: La strategia politica degli Arabi ( tradotto  dall'arabo da René R. Khawam), Paris, Libretto,, 505  pag. ( ISBN  978-2-7529-0508-6 ) , pag.  84-85.
  181. (in) Ahmed Deedat, Crocifissione crocifissa o finzione , Beirut, Baker.
  182. Michael Marx, “Quale discorso coranico su Gesù”, Le Monde de la Bible , n o  195, dicembre 2010, p.  33-35 .
  183. GS Reynolds, “Il Gesù musulmano: vivo o morto », Bollettino della SOAS , 72, 2, 2009, Cambridge University Press , p.  237-258 .
  184. Jesus and Islam , serie di documentari di Gérard Mordillat e Jérôme Prieur (Francia, 2015, 7 × 52 min), coproduzione: ARTE France, Archipel 33, passaggio 17:31.
  185. Jesus and Islam , serie di documentari di Gérard Mordillat e Jérôme Prieur (Francia, 2015, 7 × 52 min), coproduzione: ARTE France, Archipel 33, passaggio 28:10.
  186. G.C. Anawati, “ʿĪsā”, Enciclopedia dell'Islam .
  187. Jesus and Islam , serie di documentari di Gérard Mordillat e Jérôme Prieur (Francia, 2015, 7 × 52 min), coproduzione: ARTE France, Archipel 33, passaggio 10 (Pons), 10:34 (Hilali).
  188. Jesus and Islam , serie di documentari di Gérard Mordillat e Jérôme Prieur (Francia, 2015, 7 × 52 min), coproduzione: ARTE France, Archipel 33, passaggio 13:07.
  189. Chebel, Malek. "Le 100 parole del Corano", Le 100 parole del Corano. Presses Universitaires de France, 2017, articolo "predestinazione"
  190. Mantran, Robert. “Problemi Religiosi”, L'Espansione Musulmana. VII °  -  XI °  secolo. Presses Universitaires de France, 2001, p.  225-235 .
  191. De Prémare, Alfred-Louis. "Il Corano o la creazione dell'increato", Medium , vol. 3, nr. 2, 2005, pag.   3-30.
  192. Mohammad Abou Zahra ( traduzione  dall'arabo), Imam Abou Hanifa: la sua vita e il suo tempo, le sue opinioni e il suo fiqh , Parigi, Al Qalam,, 503  pag. ( ISBN  978-2-909469-58-4 ) , cit. pag. 219.
  193. Mantran, Robert. "Dall'Arabia preislamica alla morte di Maometto", espansione musulmana. VII °  -  XI °  secolo. Presses Universitaires de France, 2001, p.  62-95 .
  194. Ivan Brovelli, Laïcité: riflessioni intorno a un male francese: I limiti di una società senza Dio , ed. Editions de France, Tolosa, 2006, p.  145 .
  195. M. Amir-Moezzi, "Shiismo e Corano", Le Coran des historiens , 2019, p.  919 e seguenti.
  196. A; Borrut, "Dall'Arabia all'Impero", Le Coran des historiens , 2019, Parigi, p.  247 e seguenti.
  197. D. Sourdel, "I movimenti settari", Islam. Parigi, “Cosa so », 2009, p.  75-83 .
  198. (in) Islam sunnita e sciita  " , Library of Congress Country Studies (consultato il 17 dicembre 2010 ) .
  199. R. Alili, “Capitolo IV. Chi comanda e guida i credenti Le principali divisioni dell'Islam  ”, Cos'è l'Islam , 2004, pag.  127-200 .
  200. Ali Merad, "Il risveglio islamico", dell'Islam contemporaneo (2007), p.  18-19 " In Contemporary Islam (2007) , pagine da 18 a 29
  201. Anne-Clémentine Larroque, "Origini e fondamenti delle dottrine islamiche", Geopolitica degli islamismi , 2016, p.  7-36 .
  202. Ali Merad, "La crisi degli anni tra le due guerre" ' , Islam contemporaneo (2007), p.  70-83
  203. Rochdy Alili, " Le grandi tradizioni teologiche e filosofiche", Che cos'è l'Islam , 2004, pag.  241-296 .
  204. (en) Mehrdad Izady , Demografia della religione nel Golfo  " , Mehrdad Izady ,.
  205. Sury Pullat, Destined Encounters , 2014, pagina 203.
  206. La conferenza Grozny: un sunnismo senza wahhabismo" | Sciences Po L'Enjeu mondial  ” , sulla -conferenza-de-grozny-un-sunnisme-sans-Wahhabisme.html ,(consultato il 13 maggio 2020 )
  207. Scisma nell'Islam: wahhabismo escluso dal sunnismo  " , su Metamag (consultato il 28 maggio 2017 ) .
  208. Contro Riyadh, un conclave anti-wahabita  ", Le Monde.fr ,( letto online , consultato il 13 maggio 2020 )
  209. Rochdy Alili, "Chi comanda e guida i credenti - Le principali divisioni dell'Islam", Che cos'è l'Islam  , 2004, p.  127-200 .
  210. Jean-Christophe Attias e Esther Benbassa, Culture e dei: punti di riferimento per una trasmissione del fatto religioso , ed. Fayard, Parigi, 2007, p.  248 ( ISBN  9782213624730 ) .
  211. Michel Cuypers e Geneviève Gobillot; Idee ricevute, Corano , Éditions Le Cavalier Bleu, Parigi, agosto 2007, p.  23 .
  212. MA Amir Moezzi, Il Corano silenzioso e il Corano parlante , p.  19-20 , pag.  86 e seguenti.
  213. articolo in linea nel mondo delle religioni ARCHIVIO
  214. MA Amir Moezzi, Il Corano silenzioso e il Corano parlante , p.  85 , pag.  103
  215. MA Amir Moezzi: Il Corano silenzioso e il Corano parlante, p.  103-104 .
  216. (in) Stephen W. Day, Regionalism and Rebellion in Yemen: A Troubled National Union , New York (NY), Cambridge University Press ,, 368  pag. ( ISBN  978-1-107-02215-7 , leggi in linea ) , p.  31.
  217. Hervé Bleuchot , Diritto musulmano: Volume 1: Storia. Volume 2: Fondamenti, culto, diritto pubblico e misto , Presses universitaire d'Aix-Marseille, coll.  "Diritto e religioni",, 418  pag. ( ISBN  978-2-8218-5332-4 , leggi in linea ) , p.  531–584.
  218. D. Sourdel, "Capitolo III - L'impero arabo ( VII °  -  VIII °  secolo)," Storia degli arabi (2007), p.  31-48 .
  219. D. Sourdel, "Capitolo IV - movimenti settari", l'Islam (2009), p.  75-83 .
  220. Rochdy Alili, "Capitolo IV che comanda e le guide dei fedeli -. Le principali divisioni dell'Islam", cosa è l'Islam (2004), pag.  127-200 .
  221. Rochdy Alilii, "capitolo V. La via mistica -Sufismo e confraternite", Che cos'è l'Islam , 2004, pag.  201-240 .
  222. D. Sourdel, "Sufismo e filosofia", Islam , 2009, p.  84-97
  223. Enciclopedia Hachette ( ISBN  978-2-245-02693-9 ) .
  224. René Guenon, Approfondimenti sull'esoterismo islamico e sul taoismo , vol.  182, Gallimard , coll.  "tentativi",, 157  pag. , pag.  18.
  225. Didier Hamoneau, La Torah, il Vangelo, il Corano: studio critico , Créadif e Andalouss,, 223  pag. ( ISBN  2-909667-08-1 ) , pag.  41.
  226. (in) Usman Ghani Il concetto di sunna nel pensiero mu'tazilitico. In: Adis Duderija: La Sunna e il suo status nella legge islamica: la ricerca di un Hadith sonoro. ,( ISBN  978-1-349-57831-3 ) , pag.  65 mq
  227. (in) GHA Juynboll, L'autenticità della letteratura tradizionale: discussioni nell'Egitto moderno. ,, pag.  23–30
  228. (de) Eva Hager, Volksmacht und Islam: eine terminology- und ideologieanalytische Untersuchung zum Politik- und Religionsverständnis bei Muʿammar al-Qaḏḏāfī ,( ISBN  3-922968-47-3 ) , pag.  85
  229. (in) Abdurrahmaan Saaleh, Islam settario in America: il caso di United Submitters International-The Foundation ,( ISSN  0578-8072 ) , pag.  235-259
  230. Corentin Pabiot, Sunnism : Dalle origini alla costituzione delle scuole , Parigi, Ennour,, 254  pag. ( ISBN  978-2-7524-0067-3 e 2-7524-0067-5 ) , pag.  158-160.
  231. M. Benhenda, "  Religione e ragione pubblica negli Stati Uniti e nel mondo musulmano  ", UCLA Journal of Islamic and Near Eastern Law ,( leggi in linea ).
  232. L. Babès, "Islam plurale nel Maghreb". Rassegna internazionale dell'azione comunitaria , 1991, 26, p.  119-128 . https://doi.org/10.7202/1033898ar
  233. ML Gélard, "Islam in Francia: pratiche ed esperienze quotidiane", Etnologia francese 2017/4 ( N o  168), p.  599-606 .
  234. AM Delcambre, L'Islam , 2004, p.  71-90 .
  235. “L'islamologia è ancora dipendente da questo paradigma. Gli studi sulle dottrine dell'Islam e quelli sulle pratiche dei musulmani sono separati da barriere disciplinari. A volte immaginiamo una totale estraneità reciproca delle due sfere, a volte un'influenza unilaterale degli 'ulamâ' sulla massa. »: Https://iismm.hypotheses.org/28061 Potrebbero essere stati utilizzati tre approcci. Il primo, essenzialista, sottolinea questa differenza a rischio di essere peggiorativo nei confronti di un Islam “popolare”, “periferico” o “etnico”. Il secondo è vedere questi islam come entità sconnesse, a rischio del relativismo. Il terzo cerca di trovare un equilibrio, abbandonando un universalismo dogmatico alla ricerca delle diversità musulmane: https://books.google.fr/booksid=-JsnV7bPJE0C&pg=PA19&lpg=PA19&dq=islam+%C2%AB + popular +% C2% BB + e + islam +% C2% AB + studioso +% C2% BB. & source = bl & ots = U7GsBIepXV & sig = ACfU3U0hmCaAxBgzA4fuxncC5x_tqqMMVQ & hl = fr & sa = X & ved = 2ahU48KEwjoep4hic 20% 20% QDOHAS% 20KHBATA% 20KHBYA = 2ahU48KexApHBIC 20% C2% BB% 20and% 20islam% 20% C2% AB% 20before% 20% C2% BB. & F = falso
  236. Jocelyne Cesari, “Modernizzazione dell'Islam o islamizzazione della modernità », Civiltà , 48 | 2001, pagine 139-144
  237. Islam riformista in Francia: dibattiti digitali nello spazio socio-religioso  " , su Fondazione Internazionale Oasis (consultato il 16 maggio 2020 )
  238. Malika Zeghal , "  Riformismo, islamismo religioso e liberalismi  " Giornale dei mondi musulmani e del Mediterraneo , n .  123,, pag.  17–34 ( ISSN  0997-1327 , DOI  10.4000 / remmm.5303 , lettura online , accesso 16 maggio 2020 )
  239. Hervé Bleuchot , “Capitolo VII. Il Califfato” , in Diritto musulmano: Volume 1: Storia. Volume 2: Fondamenti, culto, diritto pubblico e misto , Presses universitaire d'Aix-Marseille, coll.  "Diritto e religioni",( ISBN  978-2-8218-5332-4 , leggi in linea ) , p.  531–584
  240. M. HB, "Califfato e Imamate", dizionario del Corano , 2007, Parigi, p.  145 e seguenti.
  241. M. Amir-Moezzi, "Lo sciismo e il Corano", Le Coran des historiens , 2019, t.1, p.  825 e seguenti.
  242. Frédéric Imbert , "  L'Islam delle pietre: l'espressione della fede nei graffiti arabi dei primi secoli  ", Revue des mondes Moslems et de la Méditerranée , n o  129,( ISSN  0997-1327 e 2105-2271 , DOI  10.4000 / remmm.7067 , lettura online , accesso 12 agosto 2018 ).
  243. Frédéric Imbert , "  L'Islam delle pietre: l'espressione della fede nei graffiti arabi dei primi secoli  ", Revue des mondes Moslems et de la Méditerranée , n o  129,( ISSN  0997-1327 , DOI  10.4000 / remmm.7067 , letto online , consultato il 22 ottobre 2019 )
  244. Jeremy Johns , “  Archeologia e storia dell'Islam primitivo: i primi settant'anni  ” , Journal of the Economic and Social History of the Orient , vol.  46, n °  4,, pag.  411-436 ( ISSN  0022-4995 , lettura online , accesso 22 ottobre 2019 )
  245. Gabriel Martinez-Gros , l'ideologia omayyade: La costruzione della legittimità del Califfato di Cordoba ( X ° - XI ° secolo) , Casa de Velázquez,, 363  pag. ( ISBN  978-84-86839-29-1 , leggi in linea ) , p.  9-10.
  246. Ibn Kathîr, Al-Hassan e Al-Hussein , Universal,, 191  pag. ( ISBN  978-2-36959-003-3 e 2-36959-003-3 ) , pag.  46-47.
  247. Ibn Abd al-Hakam ( traduzione  dall'arabo), La vita del califfo Omar Ben Abd al-'Aziz , Parigi, Iqra,, 207  pag. ( ISBN  2-911509-66-8 ) , pag.  20-21.
  248. Borrut A., "Dalla Arabia all'Impero - conquista e la costruzione califfo nel primo Islam", in Le Coran des Historiens , t.1, 2019, p.  249-289 .
  249. (EN) Marc Ferro, Lo shock dell'Islam: XVIII °  -  XXI °  secolo , ed. Odile Jacob, 2002, p.  83 .
  250. AM Delcambre ,. “II. L'Islam, un fenomeno politico”, Islam. 2004, pag.  28-47 .
  251. Un deputato LREM evoca" il ritorno della moralità "come" l'inizio della sharia "  ", Liberation.fr ,( letto online , consultato il 29 giugno 2017 ).
  252. Shari'ah | Diritto islamico  ” , sull'Enciclopedia Britannica (consultato il 29 dicembre 2015 ) .
  253. Dominique Frémy e Michèle Frémy, Quid 2002 , Paris, Robert Lafont,, 2.126  pagg. ( ISBN  2-221-09465-4 ) , pag.  555.
  254. E.C, "Sharia", Dizionario del Corano , 2007, Parigi, p.  818 e seguenti.
  255. Mathieu Guidère , Sexe et Charia , Editions du Rocher ,( ISBN  978-2-268-07768-0 , leggi online ).
  256. Yadh Ben achour, The Role of Civilizations in the International System, Droit et relations internationales , Bruylant, edizioni Università di Bruxelles, 2003.
  257. Janine e Dominique Sourdel, Dizionario storico dell'Islam , ed. PUF, Al Qadir, p.  681-682 .
  258. H. Birkeland, L'opposizione dei vecchi musulmani contro l'interpretazione del Corano , Oslo, 1955.
  259. Conoscere i nostri diritti della famiglia, leggi e costumi nel mondo musulmano , 3 ° edizione, London, 2006.
  260. Dichiarazione della Rete internazionale delle donne solidali sotto le leggi musulmane (WLUML) sulla situazione in Libia  " ,.
  261. (fr) Djameleddine Feliachi, i precetti fondamentali dell'Islam (in 3 volumi) - Volume 2: Le virtù di Devozione , ed. Lulu, 2013, p.  330 .
  262. (ar) Mohammad Aboû Zahra ( tradotto  dall'arabo da Michel Galloux), Imam Ach-Châfi'î: la sua vita e il suo tempo, le sue opinioni e il suo fiqh , Parigi, Al Qalam,, 472  pag. ( ISBN  978-2-909469-64-5 ) , pag.  103-104 e 301-304.
  263. (it) Claude Horrut, Ibn Khaldûn, un islam di "luci" , ed. Complesso, 2006, p.  157 .
  264. Mimoun Bendjillali, La storia delle fonti fondanti della legislazione musulmana , ed. Dar Albouraq, 2006, p.  32 .
  265. La lettera araba "   " è talvolta trascritta "j" anziché "dj"; in francese, la trascrizione utilizzata dal dizionario Larousse è jihad .
  266. M.T. Urvoy, "Guerra e pace", Dizionario del Corano , 2007, p.  374-377 .
  267. A. Borrut, "Dall'Arabia all'Impero", Le Coran des historiens , t.1, 2019, P;249 e ss.
  268. Antoine Borrut , “  Michael Bonner, Le Jihad. Origini, interpretazioni, lotte. Paris, Téraèdre, coll. “Islam in discussione”, 2004, 216 p.  " Archivio scienze sociali religioni , n o  140,, pag.  157-310 ( ISSN  0335-5985 , lettura online , accesso 3 maggio 2020 )
  269. Gilles Kepel, "Jihad", Pouvoirs 2003/1 ( n o  104), p.  135-142 .
  270. Dominique Frémy e Dominique Frémy, Quid 2002 , Robert Laffont ,, 2126  pag. ( ISBN  978-2-221-09465-5 ) , pag.  556.
  271. Antoine Moussali ( pref.  Roger Arlnadez), Giudaismo, Cristianesimo e Islam: studio comparato , Edizione di Parigi,, 496  pag..
  272. John Esposito, Islam: La retta via , 2005, p.  93.
  273. Stephen Humphreys tra memoria e desiderio , University of California Press, 2005 ( ISBN  0-520-24691-8 ) , p.  174-176.
  274. (ar) Sayyid Sâbiq (trad .  Corentin Parabiot), Fiqh As-Sunna: L'intelligenza della norma profetica , Ennour,, 450  pag. ( ISBN  2-7524-0004-7 ) , pag.  27.
  275. (in) Jarret M. Brachman , Jihadismo globale: teoria e pratica , Routledge ,( ISBN  978-1-134-05541-8 , leggi online )
  276. Suicidio, una pratica proibita dall'Islam  " , su Liberation.fr (consultato il 18 novembre 2015 ) .
  277. Ehud Sprinzak,, "  Rational Fanatics  ", Foreign Policy , n o  120,.
  278. Noah Feldman , "  Islam, terrore e seconda era nucleare  ", The New York Times ,( ISSN  0362-4331 , letto online , consultato il 12 maggio 2016 ).
  279. (en-US) Denis MacEoin , Attentati suicidi e fede  " , Middle East Quarterly ,( letto online , consultato il 12 maggio 2016 ).
  280. Cinque minuti per capire il dibattito sulla formazione degli imam in Francia  " , su leparisien.fr ,(consultato il 3 maggio 2020 )
  281. (it) Albert Ollé-Martin e Violaine Decang, Storia dell'umanità: 600-1492 , ed. UNESCO, Parigi, 2008, p.  817 .
  282. A. Boyer, “Introduzione”, L'Islam in Francia , 1998, p.  1-33 .
  283. S. Jouanneau, “Posizioni e sorgenti di un'autorità rituale in situazione”, Gli Imam in Francia. Un'autorità religiosa sotto controllo, 2013, p.  379-406 .
  284. S. Jouanneau, "L'imam, chierico senza clero né chiesa: i repertori di un'autorità nascosta nel quadro dell'interazione", Genesi 2012/3, n o  88, p.  6-24
  285. Serge Lafitte, Sciiti e sunniti , ed. Plon, Parigi, 2007, p.  100-107 .
  286. Dominique Frémy e Michèle Frémy, Quid , Robert Laffont ,, 2.126  pagg. ( ISBN  978-2-221-09465-5 ) , pag.  557.
  287. Goitein, S.,. Culto del venerdì musulmano: il suo background sociale ed economico. Annali. Histoire, Sciences Sociales, 13 (3), 1958, p.  488-500 .
  288. Anne-Marie Brisebarre, "L'evoluzione della pratica del sacrificio di Eid el-kebir in un contesto urbano francese", Etnologia francese 2017/4 ( N o  168) , p.  607-622 .
  289. (in) E. Mittwoch , al-Adha'id  " , Enciclopedia dell'Islam ,( letto online , consultato il 9 maggio 2020 )
  290. (in) E. Mittwoch , al-Fiṭr'id  " , Enciclopedia dell'Islam ,( letto online , consultato il 9 maggio 2020 )
  291. (in) AJ Wensinck e Ph Marçais , 'ūshūrā'  " , Enciclopedia dell'Islam ,( letto online , consultato il 9 maggio 2020 )
  292. Anne-Sophie Vivier-Muresan, "Rites of Achoura and community assertations", Archives de sciences sociales des religions , 2020/2 ( n o  189) , p.  55-72
  293. Georgeon 2009 , p.  8 , §  4 .
  294. Georgeon 2009 , p.  8 , §  5 .
  295. Georgeon 2009 .
  296. Akram Belkaid, Ramadan  " , OrientXXI,.
  297. (in) Neal Robinson, Islam: A Concise Introduction ,   ed. Curzon Press , Londra, 1996.
  298. R. Chih, "La celebrazione della nascita del Profeta ( al-Mawlid al-Nabawi ): approfondimenti da una festività musulmana non canonica", Social Science Archive religions , 2017/2 ( n o  178), pag.  177-194 .
  299. LACHHEB Mona (sotto la direzione di) , Penser le corps au Maghreb , KARTHALA Editions,( ISBN  978-2-8111-0730-7 , leggi online )
  300. M.Y, "circoncision, excision", Dictionnaire du Coran , 2007, Paris, p.  167 .
  301. “  la Tunisia: i‘’inviti a escissione salafita ciclone  ” , su Marianne (accessibile 19 novembre 2015 ) .
  302. Françoise Couchard , Excision: “Cosa ne so »N° 3686 , Cosa so,( ISBN  978-2-13-061485-2 , leggi online )
  303. Régine Tchicaya-Oboa , Abel Kouvouama e Jean-Pierre Missié , Le società che cambiano nell'Africa contemporanea: dinamiche locali, dinamiche globali , Edizioni KARTHALA,( ISBN  978-2-8111-1180-9 , leggi online )
  304. Tunisia: il partito islamista al potere si dice contrario all'escissione delle ragazze  ", Lepoint.fr ,( leggi in linea ).
  305. Deputato tunisino criticato per aver qualificato l'escissione come operazione 'estetica'"  , Lemonde.fr ,( leggi in linea ).
  306. Marcel Kouassi , Bioetica ed escissione in Africa , Saint-Denis, Conoscenza e conoscenza,, 331  pag. ( ISBN  978-2-7539-0271-8 , leggi in linea ) , p.  43.
  307. M.H. Benkheira, "Food", dizionario del Corano , 2007, p.  39 e seguenti.
  308. Enciclopedia del Corano, vol 2, "Cibo e bevanda"
  309. “Il mercato halal è un'invenzione di globalizzazione” , a www.lemondedesreligions.fr (letta 16 February, 2018 ) .
  310. Sylvie Arsever, "  Il giorno in cui il mercato inventò l'halal  ", Le Temps ,( letto online , consultato il 16 febbraio 2018 ).
  311. F. Bergeaud-Blackler: "La gallina dalle uova halal d'oro mostra la testa ad ogni elezione presidenziale" , lesechos.fr, 28 settembre 2016.
  312. Jacqueline Pousson-Petit, I diritti maghrebini delle persone e della famiglia alla prova del diritto francese , L'Harmattan,( ISBN  2296090435 , leggi in linea ) , p.  285.
  313. “  Halal, simbolo della divisione identità  » , Su Le Monde.fr (consultato il 17 febbraio 2018 ) .
  314. (fr) Charles Schneider, Calendario perpetuo dal primo anno , ed. Publibook, 2008, p.  67 .
  315. F. Déroche, "Calendario", Dizionario del Corano , 2007, Parigi, p.  144-145 .
  316. Fabrice Maulion - Sotto la direzione di Xavier Raufer, L'organizzazione dei fratelli musulmani: evoluzione storica, cartografia ed elementi di una tipologia , Parigi, Università Panthéon-Assas - Parigi II - Dipartimento di ricerca sulle minacce criminali contemporanee,, 337  pag. ( leggi in linea ) , p.  121.
  317. Ramadan 2015: una data ancora così controversa  " , su metronews (consultato il 28 novembre 2015 ) .
  318. Larousse de la musique , p.791
  319. Qual è il posto della musica in Islam"  » , Su France Musique (consultato il 13 febbraio 2016 )
  320. Larousse de la musique , p.  791.
  321. Luis Velasco-Pufleau , “  Dopo gli attentati terroristici dello Stato Islamico a Parigi. Indagine sul rapporto tra musica, propaganda e violenza armata  ”, Trasposizione. Musica e scienze sociali , n o  5,( ISSN  2110-6134 , DOI  10.4000 / transposition.1327 , lettura online , accesso 24 aprile 2019 )
  322. Luis Velasco Pufleau , “  Dopo gli attentati terroristici dello Stato Islamico a Parigi. Indagine sul rapporto tra musica, propaganda e violenza armata  ”, Trasposizione. Musica e scienze sociali ,( ISSN  2110-6134 , DOI  10.4000 / transposition.1327 , letto online , consultato il 14 febbraio 2016 )
  323. Luis Velasco-Pufleau , “  Dopo gli attentati terroristici dello Stato Islamico a Parigi. Indagine sul rapporto tra musica, propaganda e violenza armata  ”, Trasposizione. Musica e Scienze Sociali ,( ISSN  2110-6134 , DOI  10.4000 / transposition.1327 , letto online , consultato il 28 ottobre 2016 )
  324. (in) "Bandiera della Tunisia" ( Enciclopedia Britannica ) .
  325. (in) Huda, "Mezzaluna simbolo dell'Islam » , A proposito , consultato il 24.4.2009.
  326. Nigel Wilson (2013). "Bisanzio". Enciclopedia dell'antica Grecia . Routledge. pag.  136 .
  327. (it) Pamela Berger , La mezzaluna sul tempio: la cupola della roccia come immagine dell'antico santuario ebraico , BRILL,( ISBN  978-90-04-23034-7 , leggi online )
  328. Franz Babinger (William C. Hickman Ed. Ralph Manheim Trans.), Mehmed the Conqueror and His Time , Princeton University Press, 1992, p.  108
  329. Malek Chebel, op. cit. , pag.  143 .
  330. Y.P, "Colore", Dizionario del Corano , 2207, p.  193 .
  331. (fr) Carine Bourget, Corano e tradizione islamica nella letteratura maghrebina , ed. Karthala, 2002, p.  159 .
  332. Jacques Keryell, Louis Massignon: La Grace de Bagdad , ed. Pierre Tequi, 2010, p.  32 .
  333. Paul Alphandéry, Rassegna di storia delle religioni, Volumi da 99 a 100 , ed. University Press of France, 1929, p.  5 .
  334. Michel Pastoureau , Verde - Storia di un colore , Le Seuil,( ISBN  978-2-02-143605-1 , leggi online )
  335. Wensinck, AJ e Jomier, J., “Kaʿba”, in: Encyclopedia of Islam.
  336. E, in particolare, il Monte del Tempio / Esplanade des Mosques: Hasson I., "The muslim view of Jerusalem", in Joshua Prawer e Haggai Ben-Shammai (eds.), The History of Jerusalem The Early Muslim Period 638-1099 , Gerusalemme - New York, 1996.
  337. Una breve guida all'Islam: storia, fede e politica: l'introduzione completa Copertina anteriore Paul Grieve Hachette Regno Unito, 7 febbraio 2013 -
  338. Fatti veloci sul conflitto in Medio Oriente, Randall Price Harvest House Publishers, 2003
  339. Encyclopedia of Islam , "al-Quds", § 11, p.  331 e seguenti. trad. dall'inglese
  340. "Harar Jugol, la città storica fortificata" http://whc.unesco.org/en/list/1189
  341. (it-IT) “  Cinque nuovi siti del patrimonio in Africa  ” , BBC News ,( letto online , consultato il 12 agosto 2018 ).
  342. Paul Coulon, Etiopia cristiana , Parigi, ed. Karthala,( leggi in linea ) , p.  22.
  343. Y. Porter, " Moschea ", Dizionario del Corano , 2007, Parigi.
  344. ML Boursin, "Al tempo della preghiera: tra pratiche ed esperimenti", Etnologia francese 2017/4 ( N o  168), pagg. 623-636
  345. M.T Urvoy, "gli ebrei, l'ebraismo", dizionario del Corano , 2007, Parigi, p.  458 e seguenti.
  346. Encyclopedia of Islam, l'arte. "Ahl al-Kitab", p.  264 e seguenti.
  347. Roxanne D. Marcotte, Un Islam, des Islams , Parigi, ed. L'harmattan,( leggi in linea ) , p.  159.
  348. MT Urvoy e E. Chaumont, "Apostasie", Dictionnaire du Coran , 2007, Parigi, p.  63 e seguenti.
  349. FM, "Dhimma, dhimmi", Dizionario del Corano , 2007, Parigi, p.  215 e seguenti.
  350. Gabriel Said Reynolds, recensione di The Covenants of the Prophet Muhammad with the Christians of the World di John Andrew Morrow, First Things , Briefly Notes, febbraio 2014, 240
  351. Massignon Gli scribi islamo-cristiane politici nestoriano Deir Qunna alla corte di Baghdad nel IX °  secolo dC , Opera minora, Paris, 1969, p.  250-257 .
  352. Jean-Michel MOUTON - Andrei POPESCU-BELIS, La fondazione del monastero di Santa Caterina del Sinai secondo due documenti della sua biblioteca: codice arabo 692 e rotolo arabo 955, Collectanea Christiana Orientalia 2 (2005), p.  141-205 .
  353. Chr. Roucou, "Dove sono oggi i rapporti tra cattolici e musulmani in Francia" », Studi , 2014/6 (giugno), p.  63-73 .
  354. M. Borrmans, "Dove va il dialogo islamo-cristiano" », Studi , 2009/2 (Volume 410), p.  209-220 .
  355. Chr. Cervellon, “Intervista a Rémi Brague”, Le Philosophoire , 2004/1 ( n o  22), p.  25-45 .
  356. D.G., "Woman", Dictionary of the Koran, 2007, Paris, p.  338 e seguenti.
  357. D. Powers, "Il Corano e il suo ambiente giuridico", Le Coran des historiens, 2019, t.1, p.  636
  358. R. Arnaldez, “Lo status giuridico e sociologico delle donne nell'Islam”. Quaderni di civiltà medievale , 1977, p.  131-143 .
  359. Jean-Paul Roux,  Donna nella storia e nei miti , Fayard  ( ISBN  9782213650043 )
  360. Ferjani Mohamed Chérif, “islamismo ei diritti delle donne”,  Confluences Méditerranée , 2006/4 ( n o  59), p.  75-88 .
  361. Badran, Margot. “Dov'è il femminismo islamico »,  Critico internazionale , 46,, 2010, p.  25-44 .
  362. Stéphane Lacroix , "  I nuovi intellettuali religiosi sauditi: il wahhabismo in questione  ", Revue des mondes Moslems et de la Méditerranée , n o  123,, pag.  141-159 ( ISSN  0997-1327 , DOI  10.4000 / remmm.5423 , leggi online , consultato il 22 maggio 2020 )
  363. "Gli uomini loro (cioè le donne) sono di un grado superiori"  (2/228)
  364. Richard Dawkins, Fine con Dio , ed. Robert Laffont, Parigi, 2008.
  365. TLS - Times Literary Supplement  " , su TLS (consultato il 29 dicembre 2019 )
  366. Mohamed Talbi, La mia religione è libertà , ed. Nirvana, Tunisi, 2011, p.  122 .
  367. Dio non è grande , ed. Belfond, Parigi, 2009.
  368. Dio non è grande , Dodici, 2007, p.  163 .
  369. Ibid.
  370. Muhammad Hamidullah, "Il profeta dell'Islam", ed. Al-Najah, 1998, p.  253 .
  371. Hassan Amdouni, I quattro califfi , Al Qalam,, 415  pag. ( ISBN  978-2-909469-07-2 ) , pag.  177.
  372. (ar) Ibn 'Ishâq ( trad.  Abdurrahmân Badawî), Muhammad , t.  1, Beirut / Parigi, Al Bouraq,, 654  pag. ( ISBN  2-84161-153-1 ) , pag.  5-6.
  373. Muhammad Hamidullah, Il profeta dell'Islam , ed. Al-Najah, 1998, p.  254 .
  374. Maxime Rodinson , Maometto , Seuil , coll.  "Test",( ISBN  978-2-02-022033-0 ) , p.  261-271.
  375. Maxime Rodinson , Maometto , Seuil , coll.  "Test",( ISBN  978-2-02-022033-0 ) , p.  268.
  376. Hassan Amdouni, I quattro califfi , Parigi, Al Qalam,, 415  pag. ( ISBN  978-2-909469-07-2 ) , pag.  240.
  377. "Legge maomettana" in Enciclopedia Britannica , vol. XVII ( 11a Ed.) New York, 1911, p.  417 .
  378. Violence and Islam , Adone, interviste con Houria Abdelouahed, edizioni Seuil ( ISBN  978-2-02-128858-2 ) , p.  83 .
  379. Violence and Islam , Adone, interviste con Houria Abdelouahed, edizioni Seuil ( ISBN  978-2-02-128858-2 ) , p.  85 .
  380. Ali Mostfa e Michel Younès, Islam al plurale. Fede, pensiero e società , edizioni L'Harmattan,( leggi in linea ) , p.  8.

Vedi anche

Bibliografia

Attenzione  : la bibliografia sottostante è fornita solo a scopo informativo. Essendo la letteratura sull'Islam molto abbondante, vengono offerti solo pochi libri. Tuttavia, questi libri non hanno tutti lo stesso valore educativo e la loro scelta si basa su quella di diversi editori di questo articolo. La loro presenza in questo elenco non è in alcun modo una garanzia della serietà del lavoro.

Lavori

  • Michel Reeber, L'islam , Tolosa, Milano, coll.  " L'essenziale ",, 128  pag. ( ISBN  978-2-7459-6324-6 ) (per un primo approccio).
  • Paul Balta , L'islam , Paris, Le Cavalier Bleu , coll.  "Le idee ricevute",, 127  pag. ( ISBN  978-2-84670-236-2 ) (anche per un primo approccio).
  • Jean-Loup Amselle, African Islams: The Sufi Preference , Lormont, Le Bord de l'eau , coll.  "Per capire meglio",, 146  pag. ( ISBN  978-2-35687-518-1 ).
  • Henri de Saint-Bon, Islam esploso: i suoi molteplici rami e ramificazioni dalle origini ai giorni nostri , Parigi, Salvator ,, 192  pag. ( ISBN  978-2-7067-1440-5 ).
  • Pierre Conesa ( pref.  Hubert Védrine), D r Saoud e Mr. Djihad: La diplomazia religiosa dell'Arabia Saudita , Robert Lafont,, 306  pag. ( ISBN  978-2-221-19564-2 e 2-221-19564-7 ).
  • Sabrina Mervin, Storia dell'Islam: fondamenti e dottrine , Parigi, Flammarion , coll.  "Campi della Storia",, 381  pag. ( ISBN  978-2-08-138659-4 ).
  • Antoine Sfeir, L'islam contre l'islam: L'interminabile guerra dei sunniti e degli sciiti , Parigi, Le Livre de Poche, coll.  "Biblio Saggi",, 192  pag. ( ISBN  978-2-253-15654-3 ).
  • Mohammed Arkoun, L'Islam , Paris, Jacques Grancher, coll.  "ABC",, 368  pag. ( ISBN  978-2-7339-1014-6 e 2-7339-1014-0 ).
  • Dominique Sourdel e Janine Sourdel-Thomine, Vocabulaire de l'islam , Paris, PUF , coll.  "Cosa so "( N °  3653), 128  pag. ( ISBN  978-2-13-062768-5 ).
  • Alfred-Louis de Prémare, I fondamenti dell'Islam: tra scrittura e storia , Seuil , coll.  "L'universo storico",, 522  pag. ( ISBN  978-2-02-037494-1 ).
  • Édouard-Marie Gallez , Le Messie et son prophète, Aux origines de l'islam , 2 volumi, Versailles, Éditions de Paris “  (sommario)  ” ( ArchivioWikiwixArchive.isGoogleCosa fare ) (Consultato su 22 settembre 2017 ) .
    • Volume 1: Da Qumran a Maometto .
    • Volume 2: Dal Maometto dei Califfi al Maometto della storia .Questa pubblicazione ha costituito la tesi di dottorato in teologia/storia delle religioni che É.-M. Gallez ha difeso all'Università di Strasburgo II nel 2004.
  • Abdou Filali-Ansary, Riformare l'Islam : Un'introduzione ai dibattiti contemporanei , Parigi, La Découverte , coll.  "Tasche scientifiche",, 284  pag. ( ISBN  978-2-7071-4674-8 ).
  • Anne-Marie Schimmel, L'islam al femminile: La donna nella spiritualità musulmana , Albin Michel , coll.  "Spiritualità viventi",, 219  pag. ( ISBN  978-2-226-10985-9 ).
  • Henri Corbin, Storia della filosofia islamica , Folio ,( ISBN  978-2-07-032353-1 ).
  • Roger du Pasquier, Scoperta dell'Islam , Seuil , coll.  "Punti-Saggezza",, 177  pag. ( ISBN  978-2-02-006943-4 ).
  • Marcel André Boisard, L'umanesimo dell'Islam , Albin Michel , coll.  "Presenza del mondo arabo",, 3 e  ed. , 432  pag. ( ISBN  978-2-226-00800-8 ).
  • Frithjof Schuon, Capire l'Islam , Seuil , coll.  "Punti-Saggezza",, 192  pag. ( ISBN  978-2-02-004514-8 ).
  • Abdelmajid Charfi ( trad.  André Ferré), L' Islam tra messaggio e storia , Albin, coll.  "Islam dell'Illuminismo",, 229  pag. ( ISBN  978-2-226-15431-6 ).
  • Mohamed Mestiri e Moussa Khedimellah, Pensando alla modernità e all'Islam , Istituto Internazionale di Pensiero Islamico (IIIT),( ISBN  978-2-9524471-0-2 ).
    Letteratura denominazionale

test

  • Il Corano ( trad.  Abdallah Penot ), Alif,, 600  pag. ( ISBN  978-2-908087-31-4 ) (per una prova di traduzione).
  • Il Corano ( trad.  Denise Masson), t.  1, Gallimard , coll.  "Folio classico",, 1.233  pagg. ( ISBN  978-2-07-037233-1 ) (anche per una prova di traduzione).
  • Il Corano ( trad.  Denise Masson), t.  2, Gallimard , coll.  "Folio classico",, 608  pag. ( ISBN  978-2-07-037234-8 ) (anche per una prova di traduzione).
  • Didier Leschi , Misère (s) de l'islam de France , Paris, cerf, coll.  "Notizia",, 164  pag. ( ISBN  978-2-204-11748-7 ).
  • Bernard Godard, La questione musulmana in Francia: un inventario senza concessioni , Parigi, Fayard ,, 352  pag. ( ISBN  978-2-213-68248-8 ).
  • Ramine Kamrane, Il problema teologico-politico dell'Islam. Il libro infallibile , Parigi, L'Harmattan ,, 116  pag. ( ISBN  978-2-336-00876-9 ).
  • Malek Chebel, Manifesto per un Islam dell'Illuminismo: 27 proposte per riformare l'Islam , Fayard ,, 224  pag. ( ISBN  978-2-213-67699-9 ).
  • Gilles Kepel, I sobborghi dell'Islam: nascita di una religione in Francia , Punti ,, 425  pag. ( ISBN  978-2-7578-5345-0 ).
  • Gilles Kepel, Periferie della Repubblica: società, politica e religione a Clichy-sous-Bois e Montfermeil , Parigi, Gallimard ,, 544  pag. ( ISBN  978-2-07-013682-7 ).
  • Gilles Kepel, novantatre anni , Gallimard ,( ISBN  978-2-07-013432-8 e 2-07-013432-6 ).
  • Olivier Roy, Laïcité face à l'islam , Paris, Fayard , coll.  "Plurale",, 176  pag. ( ISBN  978-2-8185-0372-0 ).
  • Olivier Roy, La sainte ignorance: Le temps de la religion sans culture , Paris, Seuil , coll.  "Il colore delle idee",, 275  pag. ( ISBN  978-2-02-093266-0 ).
  • Olivier Roy, Islam globalizzato , Seuil , coll.  "Punti di prova",, 240  pag. ( ISBN  978-2-02-067609-0 ).
  • Arno Tausch e Hichem Karoui, musulmani: un incubo o una forza per l'Europa , Parigi, L'Harmattan , coll.  “Storie e prospettive del Mediterraneo”,, 261  pag. ( ISBN  978-2-296-13980-0 ).
  • Michel Orcel, Sulla dignità dell'Islam: confutazione di alcune tesi della nuova islamofobia cristiana , Montrouge, Bayard , coll.  "Storia delle religioni",, 187  pag. ( ISBN  978-2-227-48221-0 ).
  • Ben Salama, In nome dell'Islam: Indagine su una religione strumentata , Parigi, L'Atelier, coll.  "Eco sociale",, 216  pag. ( ISBN  978-2-7082-4058-2 , leggi online ).
  • Eric Geoffroy, L' Islam sarà spirituale o non lo sarà più , Paris, Seuil , coll.  "Il colore delle idee",, 217  pag. ( ISBN  978-2-02-096972-7 ).
  • Charles Saint-Prot, Islam: il futuro della tradizione tra rivoluzione e occidentalizzazione , Monaco/Parigi, Rocher,, 618  pag. ( ISBN  978-2-268-06610-3 ).
  • Hamadi Redissi, Le pacte du Nadjd o come l'Islam settario divenne Islam , Paris, Seuil ,, 342  pag. ( ISBN  978-2-02-096081-6 ).
  • Jean-Claude Barreau, Sull'Islam in generale e il mondo moderno in particolare , Belfond - Le Pré aux clercs, coll.  "Opuscolo",, 134  pag. ( ISBN  978-2-7144-2740-3 ).
  • (in) Bernard Lewis ( tradotto  Denis-Armand Canal, Jacqueline Carnaud, Dominique Férault, Odette Guitard, Tina Jolas, Denise Paulme e Rose Saint-James), Islam , Gallimard , coll.  "Quarto",, 1.344  pag. ( ISBN  978-2-07-077426-5 ).
  • (it) Samuel P. Hungtington, Le choc des civilisations , Odile Jacob , coll.  "Tasca",, 545  pag. ( ISBN  978-2-7381-0839-5 ).
  • (it) John Richard Bowen ( tradotto  dall'inglese da Patrick Savidan), Islam, un nemico ideale , Parigi, Albin Michel ,, 120  pag. ( ISBN  978-2-226-25480-1 ).
  • (it) John Richard Bowen ( tradotto  dall'inglese da Frédéric Sarter), L'Islam à la française , Issy-les-Moulineaux, Steinkis,, 382  pag. ( ISBN  979-10-90090-04-0 ).

Filmografia

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Islam ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Islam e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Islam su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Giovanni Meloni

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Islam, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Sandro Cirillo

Grande post su Islam, Grande post su Islam

Tommaso Agostini

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Islam., Corretto

Luigina Dal

Grazie. L'articolo su Islam è stato utile per me, Articolo molto interessante su Islam