Indice librorum proibitorum



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Indice librorum proibitorum sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Indice librorum proibitorum. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Indice librorum proibitorum e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Indice librorum proibitorum. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Indice librorum proibitorum qui sotto. Se le informazioni su Indice librorum proibitorum che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' Indice librorum proibitorum o ILP ( Indice dei libri proibiti ), detto anche Index expurgatorius , Index librorum proibitorum juxta exemplar romanum jussu sanctissimi domini nostri , è un catalogo istituito alla fine del Concilio di Trento (1545-1563). Questo è un elenco di opere che i cattolici romani non potevano leggere, "libri perniciosi", insieme alle regole della Chiesa sui libri . Lo scopo di questo elenco era di impedire la lettura di libri ritenuti immorali o contrari alla fede . Dalla “Notifica di soppressione dell'indice dei libri proibiti”, emanata dal Vaticano nel 1966, questo indice perde il suo carattere obbligatorio e non ha più valore di censura, anche se rimane una guida morale.

Dal 1559 al 1948

Il primo Indice romano fu pubblicato durante il Concilio di Trento da papa Paolo IV nel 1559 su richiesta dell'Inquisizione , e confermato nel 1564.

La Congregazione dell'Indice fu istituita nel 1571. L' Indice fu regolarmente aggiornato fino al 1961, con l'aggiunta della Congregazione dell'Inquisizione o del Papa. L'elenco non era un semplice lavoro di reazione; gli autori erano invitati a difendere il loro lavoro, che potevano correggere e ripubblicare se volevano evitare il divieto, ed era incoraggiata la censura pre-pubblicazione.

Nel 1948, il 20 ° ed ultima edizione conteneva quattromila titoli indicizzati ed elencati sotto vari motivi: l'eresia , l'immoralità, la licenza sessuale, teorie politiche sovversive,  etc. Si sapeva scrittori e filosofi come Montaigne , Diderot , Rousseau , Cartesio , Montesquieu , Laurence Sterne , Voltaire , Defoe , Balzac , Larousse per il suo Dizionario del XIX °  secolo , André Gide (alla carriera, nel 1952), come pure come il sessuologo olandese Theodor Hendrik van de Velde , autore del libro di testo sulla sessualità Il matrimonio perfetto . Quasi tutti i filosofi occidentali sono stati inclusi nell'Indice , anche quelli che credevano in Dio, come Cartesio , Kant , Berkeley , Malebranche , Lamennais e Gioberti . Gli atei, come d'Holbach , il marchese de Sade , Schopenhauer e Nietzsche , non sono inclusi a causa della regola tridentina che vieta ipso facto le opere eretiche (che contraddicono il dogma cattolico) . Il naturalista Buffon gli è sfuggito grazie alle sue ritrattazioni. Alcune opere importanti non sono incluse, solo perché nessuno si è preso la briga di segnalarle. Darwin non è mai stato inserito nella lista nera.

Forse la lista nera più famosa nella storia della Chiesa è quella degli scritti di Copernico (1473-1543) sull'eliocentrismo (). La condanna di Galileo avvenne in questo contesto, anche se oggi non è del tutto certo che il vero e completo motivo della condanna fosse proprio questo. Le opere di Copernico e quella di Galileo furono cancellate dall'Indice, in parte nel 1757, e definitivamente nel 1835.

“Di tutti gli scritti dell'Indice, la Bibbia con i suoi adattamenti, commenti e studi biblici è stato di gran lunga il libro più censurato fino a quando l'Indice non è stato abbandonato. Le edizioni della Bibbia in latino, in greco, nelle lingue volgari in tutto o in parte, così come i commentari biblici appaiono numerosi nel primo indice del romanzo. Il divieto, mantenuto per due secoli, di adattare la Bibbia in lingua volgare finisce per assimilare nell'immaginario collettivo le traduzioni bibliche ai libri eretici , dice Gigliola Fragnito. Diversi motivi giustificavano questi divieti agli occhi dei censori, principalmente l'esistenza di edizioni alterate e commentate da eretici , e la sfiducia in un'interpretazione personale del testo rivelato, che solo la Chiesa poteva interpretare in modo significativo e autentico. Il contatto diretto con le fonti della fede potrebbe provocare interrogativi e alterare la dottrina, la morale e l'organizzazione della Chiesa. "

Alcune liste nere erano di natura politica: nel 1559, Il principe di Machiavelli fu inserito nella lista nera.

Nel 1909, con una lettera pastorale , 80 vescovi e arcivescovi di Francia misero nella lista nera un certo numero di testi scolastici, in particolare di storia, in particolare quelli che mettevano in dubbio che Giovanna d'Arco avesse davvero "udito delle voci".

Nel 1917, papa Benedetto XV , attraverso il motu proprio Alloquentes Proxime , rimosse la congregazione dall'Indice e affidò l'aggiornamento dell'Indice librorum proibitorum alla congregazione del Sant'Uffizio , oggi congregazione per la dottrina della fede.

Nel 1926 fu aggiunta la rivista Action française , movimento nazionalista e monarchico, così come i testi dei suoi principali autori (Charles Maurras e Léon Daudet).

Sebbene non ci siano opere di personaggi come Adolf Hitler o Joseph Stalin , c'è Il mito del ventesimo secolo di Alfred Rosenberg , considerato il libro fondatore del nazismo con Mein Kampf . Si ebbe cura di condannare in latino l'anarchico Edgar Bauer , ora relativamente dimenticato, ma non suo fratello maggiore, Bruno Bauer , per il quale Gesù non era mai esistito. La congregazione dell'Indice non era una macchina perfettamente oliata, ma un'amministrazione come un'altra.

Senza comparire nominativamente nell'indice, altre opere potrebbero rientrare nei divieti delle norme generali. Jesús Martínez de Bujanda e Marcella Richter dal Centre d'études de la Renaissance presso l' Università di Sherbrooke specificano sulla pagina 40 di Indice dei libri proibiti: 1600-1966 (a cura di Droz nel 2002) che questo era il caso di Karl Marx .

L'ultimo libro nella lista nera fu, nel 1961, sotto il pontificato di Giovanni XXIII  : è La vita di Gesù di padre John Steinmann .

L'ultima edizione (la 20 ° ) è apparso nel 1948, e l' indice stesso è stato definitivamente abolito ildi Papa Paolo VI .

Indice e monitum

Una pratica alternativa all'Indice è l'uso di un monitum , cioè di un monito, più o meno grave, sull'opera di un teologo. Così Teilhard de Chardin non fu mai messo all'Indice, ma le sue opere furono oggetto di un severo monitum nel 1962, sconsigliandone l'uso in seminari e università.

Geografia

Gli effetti dell'Indice si fecero sentire in tutto il mondo cattolico. Per molto tempo, in Quebec o in Polonia per esempio, è stato difficile trovare copie di opere vietate, soprattutto al di fuori delle grandi città. L' indice ha cessato di essere un elenco ufficiale su, sotto Paolo VI , dopo il Concilio Vaticano II .

Espressione

Allo stesso modo, l'espressione "lista nera" significa "escludere, condannare".

Alcuni notevoli scrittori o studiosi le cui opere compaiono o sono apparse nell'Index librorum proibitorum

Note e riferimenti

Appunti

  1. Jean-Christophe Saladin indica il 1557, e non il 1559, nella sua Bataille du grec à la Renaissance , Les Belles Lettres , Paris, 2004, p.413

Riferimenti

  1. Encyclopædia Britannica: Index Librorum Prohibitorum .
  2. (in) Europe Features - Christiane Jacke, "Il  Vaticano svela i segreti dell'Indice dei libri proibiti  " (Il Vaticano apre i suoi archivi sulla censura) , 22 dicembre 2005, news.monstersandcritics.com.
  3. Pierre-Noël Mayaud , La condanna dei libri copernicani e la sua revoca alla luce dei documenti inediti delle Congregazioni dell'Indice e dell'Inquisizione , Pontificia Università Gregoriana , 1997.
  4. (it) Gigliola Fragnito, La Bibbia al rogo, La Censura ecclesiastica ei volgarizzamenti della scrittura, 1471-1605 ,   ed. Il Mulino, 1997 ( ISBN  8815057498 ) , p.  20 .
  5. Gesù-M. di Bujanda e Marcella Richter, Index librorum proibitorum: 1600-1966 , edizioni Librairie Droz , 2002 ( ISBN  2600008187 ) , p.  41 , estratti in linea .
  6. (la) Testo del motu proprio sul sito del Vaticano .
  7. Articolo su Bruno Bauer nella Stanford Encyclopedy of Philosophy . Vi si legge: “  Il terzo volume della serie negava la storicità di Cristo.  "
  8. Un elenco completo degli autori inseriti nell'Indice nel 1948 è disponibile sul sito web del cégep du Vieux Montréal .
  9. (in) Indice dell'Università di Cambridge su .
  10. [1]
  11. Jesús Martínez de Bujanda e Marcella Richter, Index librorum proibitorum: 1600-1966 , edizioni Librairie Droz, 2002, p.  39 .
  12. Samuel Silvestre de Sacy , folio classico, n .  1161 incluso Louis Lambert , Les Proscrits , Jésus-Christ en Flandre , Gallimard, 1980, p.  267 .
  13. Jesús Martínez de Bujanda e Marcella Richter, Index librorum proibitorum: 1600-1966 , edizioni Librairie Droz, 2002 ( ISBN  2600008187 ) , p.  40 .
  14. Pagina 426 di Jesus-M de Bujanda.
  15. (it) Sulle origini e l'uso perpetuo dei poteri legislativi dei re apostolici d'Ungheria in materia ecclesiastica , Viennes 1764.
  16. Principi di Economia Politica , messo all'Indice nel 1856; G. Seldes, Il Vaticano - Ieri, oggi e domani , Londra, 1934, p.  180 .
  17. Gesù-M. di Bujanda, p.  734 .
  18. Gesù-M. di Bujanda, p.  755 .
  19. Michaël Andrew Screech, François Rabelais .
  20. Gesù-M. di Bujanda, p.  797 .
  21. (la) Index librorum proibitorum ss. domini nostri Gregorii XVI pontificis maximi jussu editus, Romæ MDCCCXLI . , P. Rossi, 1852, p.  402 .
  22. Gesù-M. di Bujanda, p.  907 .
  23. Dal 1559, sotto il suo nome latino Zuinglius, Facsimile dell'edizione del 1559 .

Appendici

Bibliografia

  • Jesús Martínez de Bujanda (compilato da Marcella Richter), Università di Sherbrooke - Centro di studi sul Rinascimento, Index librorum proibitorum - 1600-1966 ( vol.  11 dell'Indice dei libri proibiti ]), edizioni Librairie Droz, 2002, 980  p . ( ISBN  2600008187 e 978-2600008181 ) [ leggi online ] .

Articoli Correlati

link esterno

Opere di fantasia

  • Nella light novel A Certain Magical Index uno dei personaggi principali ha il nome completo Index Librorum Prohibitorum perché ha memorizzato 103.000 volumi di magia proibita.
  • Nella visual novel Steins;Gate , il personaggio Okabe Rintaro fa riferimento all'Index Librorum Prohibitorum parlando di una funzione nascosta dell'IBN 5100 che solo pochi conoscono. Usa questo termine perché sembra avere chūnibyō  (en) .

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Indice librorum proibitorum ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Indice librorum proibitorum e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Indice librorum proibitorum su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Renata Rosati

La voce su Indice librorum proibitorum è stata molto utile per me, Grazie

Graziella Fusco

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Indice librorum proibitorum

Rosanna Bellini

Mi ha colpito questo articolo sulla Indice librorum proibitorum, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Indice librorum proibitorum