Gottfried Wilhelm Leibniz



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Gottfried Wilhelm Leibniz sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Gottfried Wilhelm Leibniz. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Gottfried Wilhelm Leibniz e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Gottfried Wilhelm Leibniz. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Gottfried Wilhelm Leibniz qui sotto. Se le informazioni su Gottfried Wilhelm Leibniz che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Gottfried Wilhelm Leibniz
Immagine in Infobox.
Ritratto di Leibniz dipinto da Christoph Bernhard Francke .
Nascita
Morte
Sepoltura
Neustädter Kirche ( in )
Nazionalità
Formazione
Alte Nikolaischule ( d ) (-)
Università di Lipsia (-)
Università Friedrich-Schiller di Jena ()
Università di Altdorf (-)
Scuola/tradizione
Interessi principali
Idee notevoli
opere primarie
Influenzato da
influenzato
Famoso per
Aggettivi derivati
Papà
Madre
Catharina Schmuck ( d )
firma di Gottfried Wilhelm Leibniz
firma

Gottfried Wilhelm Leibniz ( / ɡ ɔ t . F ʁ i ː t v ɪ l . H ɛ l m l has ɪ b . N ɪ ts / ), nato a Lipsia ile morì ad Hannover il, È un filosofo , scienziato , matematico , logico , diplomatico , avvocato , bibliotecario e filologo tedesco . Spirito polimatico , importante personalità del periodo Frühaufklärung , occupa un posto primordiale nella storia della filosofia e nella storia della scienza (in particolare della matematica ) ed è spesso considerato come l'ultimo "genio universale".

Nacque nel 1646 a Lipsia in una famiglia luterana  ; suo padre, Friedrich Leibnütz , è avvocato e professore di filosofia morale all'università della città . Dopo la sua morte nel 1652 , Leibniz, insieme alla sua educazione supervisionata dalla madre e dallo zio, studiò nella biblioteca lasciata in eredità da suo padre. Tra il 1661 e il 1667 studiò nelle università di Lipsia, Jena e Altdorf e ottenne lauree in filosofia e diritto . Dal 1667 fu impiegato da Johann Christian von Boyneburg e dall'elettore di Magonza Jean-Philippe de Schönborn . Tra il 1672 e il 1676 , soggiornò a Parigi e viaggiò a Londra e L'Aia , incontrando gli scienziati del suo tempo e imparando la matematica . Dopo la morte dei suoi due datori di lavoro nel 1676, accettò l'offerta di lavoro della Casa di Hannover che governava il principato di Calenberg e si trasferì ad Hannover dove ricoprì l' incarico di bibliotecario e consigliere politico. Lì svolse ricerche in un'ampia varietà di campi, viaggiando in tutta Europa e corrispondendo fino alla Cina , fino alla sua morte nel 1716.

In filosofia, Leibniz è, con René Descartes e Baruch Spinoza , uno dei principali rappresentanti del razionalismo . Al principio di non contraddizione aggiunge altri tre principi alla base delle sue riflessioni: il principio di ragione , il principio di identità dell'indistinguibile e il principio di continuità . Concependo i pensieri come combinazioni di concetti fondamentali, teorizza la caratteristica universale , un linguaggio ipotetico che permetterebbe di esprimere la totalità dei pensieri umani, e che potrebbe risolvere i problemi mediante il calcolo grazie al calcolo ratiocinatore , anticipando il calcolo di più di tre secoli . In metafisica , ha inventato il concetto di monade . Infine, in teologia , stabilisce due prove dell'esistenza di Dio , chiamate prove ontologiche e cosmologiche . A differenza di Spinoza, che pensava che Dio fosse immanente , Leibniz lo vede come trascendente , nel modo tradizionale delle religioni monoteistiche . Per conciliare l' onniscienza , l' onnipotenza e la benevolenza di Dio con l'esistenza del male , inventa, nell'ambito della teodicea , un termine che gli dobbiamo, il concetto del migliore dei mondi possibili , che sarà deriso da Voltaire nel racconto filosofico Candido . Avrà una grande influenza sulla logica moderna sviluppato a partire dal XIX °  secolo e sulla filosofia analitica al XX °  secolo .

In matematica, il principale contributo di Leibniz è l'invenzione del calcolo infinitesimale ( calcolo differenziale e calcolo integrale ). Se la paternità di questa scoperta è stata a lungo oggetto di polemiche opposte a Isaac Newton , gli storici della matematica oggi concordano sul fatto che i due matematici la svilupparono più o meno indipendentemente. Lavora anche sul sistema binario come sostituto del sistema decimale , ispirandosi in particolare a vecchi lavori cinesi . Inoltre, introduce la notazione ( notazione di Leibniz ) e lavora anche sulla topologia .

Scrivendo stabilmente - principalmente in latino , francese e tedesco  - lasciò in eredità un immenso patrimonio letterario -  Nachlass in tedesco -, conservato nella biblioteca di Hannover . È composto da circa 50.000 documenti, di cui 15.000 lettere con più di mille corrispondenti diversi, e non è ancora completamente pubblicato.

Biografia

Gioventù (1646-1667)

Primi anni (1646-1661)

Gottfried Wilhelm Leibniz è nato a Lipsia il, due anni prima della fine della Guerra dei Trent'anni che devastò l'Europa centrale, in una famiglia luterana , "senza dubbio di lontana origine slava " . Suo padre, Friedrich Leibnütz , è avvocato e professore di filosofia morale all'università della città , sua madre, Catherina Schmuck, terza moglie di Friedrich, è la figlia del professore di diritto Wilhelm Schmuck . Leibniz ha un fratellastro, Johann Friedrich (morto nel 1696 ), una sorellastra, Anna Rosine, e una sorella, Anna Catherina ( 1648 - 1672 ) - il cui figlio, Friedrich Simon Löffler, è l'erede di Leibniz. Egli è battezzato su.

Suo padre è morto il mentre Leibniz aveva sei anni, e la sua educazione è poi supervisionata dalla madre e dallo zio, ma la giovane Leibniz impara anche da autodidatta nella grande biblioteca che ha lasciato il padre. Nel 1653 , all'età di 7 anni, Leibniz fu educato alla Nikolaischule , dove rimase fino a quando entrò all'università nel 1661 - secondo Yvon Belaval, è tuttavia possibile che Leibniz sia stato educato anche prima della morte di suo padre; secondo lui la sua carriera scolastica sembra svolgersi nel seguente modo: grammatica ( 1652 - 1655 ), discipline umanistiche ( 1655 - 1658 ), filosofia ( 1658 - 1661 ). Sebbene abbia imparato il latino a scuola, sembra che verso i dodici anni Leibniz abbia imparato da solo il latino a livello avanzato e il greco , sembra per poter leggere i libri della biblioteca di suo padre. Tra questi libri, si interessa principalmente di metafisica e teologia , sia di autori cattolici che protestanti . Come e quando il suo apprendistato si sente insoddisfatto della logica di Aristotele e inizia a sviluppare le proprie idee. Come avrebbe ricordato più tardi nella sua vita, era lì a riscoprire inconsapevolmente le idee logiche dietro rigorose dimostrazioni matematiche . Il giovane Leibniz si familiarizzò con le opere di autori latini come Cicerone , Quintiliano e Seneca , autori greci come Erodoto , Senofonte e Platone , ma anche filosofi e teologi scolastici .

Formazione e primi lavori (1661-1667)

Nel 1661, all'età di 14 anni (un'età non eccezionalmente giovane all'epoca), Leibniz entrò all'Università di Lipsia, per un Bachelor of Arts . Il suo insegnamento riguarda principalmente la filosofia e pochissima matematica  ; studia anche retorica , latino , greco ed ebraico . I pensatori moderni ( Cartesio , Galileo , Gassendi , Hobbes ...) non avendo ancora avuto un impatto sui paesi di lingua tedesca, Leibniz studia principalmente la scolastica , anche se troviamo anche elementi di modernità, in particolare dell'umanesimo del Rinascimento e l'opera di Francis Bacon .

È allievo di Jakob Thomasius che segue la sua prima opera filosofica, che gli consente di ottenere il baccalaureato nel 1663  : Disputatio metaphysica de principio individui . Nella sua opera, si rifiuta di definire l'individuo per negazione sulla base dell'universale e "enfatizza il valore esistenziale dell'individuo , che non può essere spiegato solo dalla sua materia o solo dalla sua forma, ma piuttosto nel suo intero essere". Qui troviamo gli inizi della sua nozione di monade .

Dopo il baccalaureato, deve specializzarsi per ottenere il dottorato  : potendo scegliere tra teologia , diritto e medicina , sceglie diritto. Prima dell'inizio delle sue lezioni, nell'estate del 1663, studiò per un periodo a Jena , dove fu esposto a teorie meno classiche, e ha tra gli altri, come professore di matematica, il matematico e filosofo neopitagorico Erhard Weigel , che porterà Leibniz iniziò ad interessarsi alle dimostrazioni di tipo matematico per discipline come la logica e la filosofia. Le idee di Weigel, come il fatto che il numero sia il concetto fondamentale dell'Universo , avranno una notevole influenza sul giovane Leibniz.

Nell'ottobre 1663 tornò a Lipsia per il dottorato in legge . Ad ogni tappa del suo corso, dovette lavorare alla “  disputatio  ” e ottenne il baccalaureato (nel 1665 ) e la laurea magistrale . Inoltre, nel 1664 ottenne un master in filosofia per una tesi che unisce filosofia e diritto studiando le relazioni tra questi campi secondo idee matematiche, come apprese da Weigel.

Pochi giorni dopo la laurea magistrale in lettere, sua madre morì.

Dopo aver conseguito la laurea in giurisprudenza, Leibniz ha intrapreso l' abilitazione in filosofia. La sua opera, la Dissertatio de arte combinatoria ("Dissertation on Combinatorial Art"), fu pubblicata nel 1666. In quest'opera Leibniz intende ridurre tutti i ragionamenti e tutte le scoperte a una combinazione di elementi di base, come numeri, lettere, colori , suoni. Sebbene l'abilitazione gli dia il diritto all'insegnamento , preferisce perseguire un dottorato in legge .

Nonostante la sua riconosciuta educazione e la sua crescente reputazione, gli fu rifiutato il dottorato in legge, per ragioni parzialmente inspiegabili. È vero che era uno dei candidati più giovani e che c'erano solo dodici tutori legali disponibili, ma Leibniz sospettava che la moglie del rettore avesse convinto quest'ultimo ad opporsi al dottorato di Leibniz, per qualche motivo inspiegabile. Leibniz non essendo incline ad accettare alcun ritardo, partì per l' Università di Altdorf dove fu iscritto a. Essendo già pronta la sua tesi, diventò dottore in legge non appenacon la sua tesi De Casibus Perplexis in Jure (“Casi perplessi in diritto”). Gli accademici di Altdorf sono impressionati da Leibniz (viene applaudito durante la discussione della sua tesi, in prosa e in versi, senza note, con una tale facilità e chiarezza che i suoi esaminatori stentano a credere che non l'abbia imparato a memoria), e si offrono lui una posizione di insegnante, che ha rifiutato.

Sebbene sia ancora uno studente ad Altdorf, Leibniz ottiene il suo primo lavoro, più una soluzione temporanea che una vera ambizione: segretario di una società alchemica a Norimberga (se si discute o meno sull'affiliazione alla Rosa-Croce ). Manterrà questa posizione per due anni. L'esatta natura della sua obbedienza è ancora fortemente dibattuta dagli storici. Parlerà del suo passaggio come di un "dolce sogno" del 1669 , e scherzosamente in una lettera a Gottfried Thomasius del 1691 . Dalla sua appartenenza a questa società, probabilmente sperava in informazioni sulla sua combinatoria.

Gli inizi della carriera (1667-1676)

Francoforte e Magonza (1667-1672)

Quando lascia Norimberga, Leibniz punta a viaggiare, almeno fino all'Olanda . Questo piccolo incontro dopo il barone Johann Christian von Boyneburg , ex primo ministro del principe elettore di Magonza, Johann Philipp von Schönborn , che usa: inLeibniz si trasferì nella città di Boyneburg, Francoforte sul Meno , vicino a Magonza . Presto Boyneburg ottenne un posto di assistente del consigliere legale di Schönborn per Leibniz, dopo che Leibniz aveva dedicato a Schönborn un saggio sulla riforma della magistratura . Così nel 1668 si trasferì a Magonza. Tuttavia, continuando a lavorare per Boyneburg, trascorse tanto tempo a Francoforte quanto a Magonza. Con il consulente legale, sta lavorando al progetto di una grande ricodifica del diritto civile . È con questo in mente che compose la sua Nova methodus discendæ docendæque jurisprudentiæ dedicata all'elettore di Magonza, Jean-Philippe de Schönborn, nella speranza di ottenere un posto alla corte. Presenta la legge da un punto di vista filosofico. Vi compaiono due regole fondamentali della giurisprudenza: non accettare alcun termine senza definizione e non accettare alcuna proposizione senza dimostrazione. Nel 1669 Leibniz fu promosso assessore alla corte d' appello, di cui fu membro fino al 1672.

Inoltre, Leibniz lavorò a diverse opere riguardanti temi politici ( Modello di manifestazioni politiche per l'elezione del re di Polonia ) o scientifiche ( Ipotesi physica nova ("Nuove ipotesi fisiche"), 1671 ).

Soggiorno a Parigi (1672-1676)

Fu inviato nel 1672 a Parigi da Boyneburg in missione diplomatica per convincere Luigi XIV a portare le sue conquiste in Egitto piuttosto che in Germania. Vi rimase fino al 1676 . Il suo piano fallì con lo scoppio della guerra in Olanda nel 1672. In attesa di un'occasione per incontrare il governo francese, poté incontrare i grandi scienziati dell'epoca. In particolare è in contatto con Nicolas Malebranche e Antoine Arnauld . Con quest'ultimo parla in particolare della riunificazione delle Chiese . Dall'autunno del 1672, studiò matematica e fisica sotto l'egida di Christian Huygens . Su consiglio di quest'ultimo, si interessò all'opera di Grégoire de Saint-Vincent . Si dedicò alla matematica e pubblicò a Parigi il suo manoscritto sulla quadratura aritmetica del cerchio (dando π sotto forma di serie alternata ). Sta anche lavorando a quello che sarà il calcolo infinitesimale (o calcolo differenziale e integrale). Ha progettato in 1673 una macchina calcolatrice che può eseguire le quattro operazioni, e ispirare molte macchine calcolatrici del XIX ° e XX esimo  secolo ( arithmometer , Curta ). Prima di entrare ad Hannover, si recò a Londra per studiare alcuni scritti di Isaac Newton  ; entrambi gettano le basi per il calcolo integrale e differenziale .

Due volte, nel 1673 e nel 1676 , Leibniz si recò a Londra dove incontrò i matematici ei fisici della Royal Society . Egli stesso è diventato un membro della Royal Society su.

Leibniz, avendo sentito parlare delle capacità ottiche di Baruch Spinoza , filosofo razionalista come lui, invia a quest'ultimo un trattato sull'ottica; Spinoza gli inviò quindi una copia del suo Trattato teologico-politico che interessava molto Leibniz. Inoltre, tramite il suo amico Ehrenfried Walther von Tschirnhaus , Leibniz viene informato di gran parte del lavoro di Spinoza sull'Etica (sebbene a Tschirnhaus sia vietato mostrare una copia avanzata).

Hannover (1676-1716)

Primi anni ad Hannover (1676-1687)

Dopo la morte dei suoi due datori di lavoro, Boyneburg nel 1672 e poi Schönborn nel 1673 , Leibniz cercò di stabilirsi a Parigi o Londra , ma, non trovando datore di lavoro, accettò finalmente, dopo due anni di esitazione, la proposta del duca Giovanni . , che lo nominò bibliotecario del Ducato di Brunswick-Lüneburg (poi, su richiesta di Leibniz da, consigliere della Casa di Hannover nel 1678 ), carica che mantenne per 40 anni, fino alla sua morte nel 1716 . Sulla strada per Hannover, fa tappa a Londra , Amsterdam e L'Aia , dove incontra Spinoza, tra il e che poi vive gli ultimi mesi della sua vita, affetto da tubercolosi . Con Spinoza, si parla del di quest'ultimo Etica pronto per la pubblicazione, la fisica cartesiana e migliorata versione di Leibniz della argomento ontologico sulla esistenza di Dio . Lì ha anche incontrato i microscopisti Jan Swammerdam e Antoni van Leeuwenhoek , interviste che avranno una grande influenza sulla concezione degli animali di Leibniz. Leibniz arriva finalmente ad Hannover inper posta . La città era allora popolata da 6.500 abitanti del centro storico e 2.000 di quello nuovo, su entrambi i lati della Leine .

In qualità di bibliotecario, Leibniz deve svolgere compiti di natura pratica: amministrazione generale della biblioteca, acquisto di libri nuovi e usati e inventario dei libri. Nel 1679 dovette gestire il trasferimento della biblioteca dal palazzo di Herrenhausen alla stessa Hannover.

Negli anni dal 1680 al 1686 , fece numerosi viaggi nell'Harz per occuparsi di miniere . Leibniz ha trascorso l'equivalente di tre anni a lavorare come ingegnere minerario. Si occupava principalmente dello sviluppo di dispositivi per estrarre l'acqua dalle miniere utilizzando i mulini a vento . È entrato in conflitto con gli operatori che non hanno accettato le sue nuove idee. Ciò lo portò a interrogarsi sull'origine dei fossili, che inizialmente attribuì all'effetto del caso , ma di cui in seguito riconobbe l'origine vivente. Il suo libro Protogæa fu pubblicato solo dopo la sua morte, perché le teorie da lui sviluppate sulla storia della terra potevano dispiacere alle autorità religiose.

Nel 1682 fondò con Otto Mencke il giornale Acta Eruditorum a Lipsia . L'anno successivo pubblica il suo articolo sul calcolo differenzialeNova Methodus pro Maximis et Minimis (en) . Tuttavia, l'articolo non contiene alcuna dimostrazione e Jacques Bernoulli lo chiamerà un enigma piuttosto che una spiegazione. Due anni dopo Leibniz pubblicò il suo articolo sul calcolo integrale .  

Nel 1686 , scrisse un "Discorso breve sulla metafisica", ora noto come Discours de métaphysique . Il Discorso è generalmente considerato la sua prima opera filosofica matura. Invia ad Arnauld una sintesi del discorso , avviando così una ricca corrispondenza che tratterà principalmente di libertà , causalità e occasionalismo .

Viaggio in Austria e Italia (1687-1690)

Il successore del duca Jean-Frédéric dopo la sua morte nel 1679 , suo fratello Ernest-Auguste , cercando di legittimare storicamente le sue ambizioni dinastiche, chiese a Leibniz di produrre un libro sulla storia della Casa di Brunswick . Leibniz, occupata dalle miniere di Harz, non poté affrontarla immediatamente. Nel, rivelandosi fallimentari gli esperimenti di Leibniz, il Duca, forse per tenere Leibniz lontano dalle miniere, lo incarica di scrivere la storia della casata Welf , di cui quella di Brunswick era un ramo, dalle origini ai tempi contemporanei, promettendogli uno stipendio fisso. È solo da che Leibniz lasciò l'Harz, per intraprendere a pieno la sua ricerca storica.

Rapidamente Leibniz elaborò tutto il materiale contenuto negli archivi locali, e ottenne il permesso di compiere un viaggio in Baviera , Austria e Italia , che sarebbe durato da a . Leibniz era a Monaco di Baviera nel 1687 .

A Vienna , dove fece scalo in attesa dell'autorizzazione di Francesco II di Modena a consultare gli archivi, si ammalò e dovette trattenersi alcuni mesi. In questo periodo lesse il racconto della Philosophiæ naturalis principia mathematica di Isaac Newton , pubblicato negli Acta Eruditorum in. Nel, pubblica il Tentamen de motuum coelestium causis ("Saggio sulle cause dei movimenti celesti"), dove cerca di spiegare il movimento dei pianeti utilizzando la teoria dei vortici di René Descartes , per fornire un'alternativa alla teoria newtoniana che ricorre a "  forza a distanza”. Inoltre, ha incontrato l' imperatore Leopoldo I ° , ma non riesce a ottenere una posizione imperiale, consulente o storico ufficiale, o il permesso di fondare una "biblioteca universale". Allo stesso tempo, ottenne il successo diplomatico riuscendo a negoziare il matrimonio tra la figlia del duca Jean-Frédéric, Charlotte-Félicité , e il duca di Modena Renaud III .

Nel , Leibniz parte per Ferrara , in Italia. In questo periodo di tensioni religiose, Leibniz, che si reca in un Paese cattolico pur essendo protestante, è vigile e lungimirante. Il suo segretario, Johann Georg von Eckhart , racconta come durante l'attraversamento del Po , i contrabbandieri, sapendo che Leibniz era tedesco e quindi molto probabilmente protestante, pianificano di gettarlo in mare e sequestrare i suoi bagagli. Leibniz, rendendosi conto della trama, tira fuori dalla tasca un rosario e fa finta di pregare . I contrabbandieri, vedendo ciò, pensano che sia cattolico e abbandonano il loro piano.

Da Ferrara, Leibniz partì per Roma , dove arrivò il arrived. Oltre al suo lavoro d'archivio, si prende il tempo per incontrare i suoi accademici e scienziati. Ha molte discussioni sull'unione delle Chiese e incontra il missionario cristiano Claudio Filippo Grimaldi, che gli dà informazioni sulla Cina (vedi sezione Sinologia ) . Fu eletto membro dell'Accademia Fisico-Matematica e frequentò accademie e circoli, difendendo in particolare l' eliocentrismo di Nicolas Copernico , che non era ancora accettato da tutti. Compone un dialogo, Phoranomus seu de potentia et legibus naturae ("Phoronomy o Il potere e le leggi della natura"), essendo la phoronomy l'antenato di quella che oggi chiamiamo cinematica , vale a dire lo studio del movimento senza prendere in conto delle cause che lo producono o lo modificano, cioè solo in relazione al tempo e allo spazio .

Nel 1690 Leibniz soggiornò a Firenze , dove conobbe Vincenzo Viviani , che fu allievo di Galileo , con il quale parlò di matematica. Fa amicizia con Rudolf Christian von Bodenhausen, tutore dei figli del Granduca di Toscana Cosimo III , al quale affida il testo ancora incompiuto della Dynamica ("Dynamique"), dove definisce la nozione di forza e formula un principio di conservazione . Dopo un breve periodo a Bologna , Leibniz si recò a Modena dove continuò le sue ricerche storiche.

1690-1711

Leibniz vide premiati i suoi sforzi nella sua ricerca storica: nel 1692 , il Ducato di Brunswick-Lüneburg fu elevato al rango di elettorato . Come ricompensa, il duca Ernesto Augusto lo nominò consigliere privato. Gli sono grati anche gli altri rami della casata di Brunswick : i conduchi Rodolphe-Auguste e Antoine-Ulrich di Brunswick-Wolfenbüttel lo nominarono bibliotecario presso la Herzog August Bibliothek de Wolfenbüttel nel 1691 , impegnandosi a pagare un terzo del costo pubblicazione della storia della Casa Welf, e nel 1696 lo nominò Consigliere Privato. Inoltre, il duca di Celle Georges-Guillaume concede a Leibniz un vitalizio per le sue ricerche storiche. Le sue pensioni erano allora di 1.000 talleri ad Hannover, 400 a Brunswick-Wolfenbüttel e 200 a Celle, cioè una comoda situazione finanziaria.

Da quel momento fino alla fine della sua vita trascorse tanto tempo a Brunswick , Wolfenbüttel e Celle quanto ad Hannover - con i viaggi di andata e ritorno di 200  km , Leibniz trascorreva molto tempo viaggiando, avendo la propria auto e sfruttando viaggiare per scrivere lettere.

Nel 1691 pubblicò a Parigi, nel Journal des savants , un Saggio sulla dinamica in cui introdusse i termini energia e azione .

Il , Ernest-Auguste muore e gli succede il figlio Georges-Louis . Leibniz si vede sempre più allontanato dal suo ruolo di consigliere da parte del nuovo principe, lontano dall'uomo colto rappresentato da Jean-Frédéric agli occhi di Leibniz che vi vedeva il "ritratto del principe". Al contrario, l'amicizia che mantiene con Sophie di Hannover e sua figlia Sophie-Charlotte , regina di Prussia , si rafforza.

Il , si trasferì nella casa dove sarebbe rimasto fino alla morte, situata in Schmiedestraße, nuovo indirizzo della biblioteca di Hannover.

Convinse il principe elettore di Brandeburgo (futuro re di Prussia ) a fondare un'Accademia delle scienze a Berlino, di cui divenne in il primo presidente.

Nel 1710 pubblicò il suo Essais de Théodicée , risultato di discussioni con il filosofo Pierre Bayle .

Riconosciuto come il più grande intellettuale in Europa, fu ritirato da diverse grandi corti ( Pietro il Grande in Russia, Carlo VI in Austria che lo nominò barone), e corrispondente di sovrani - in particolare Sophie-Charlotte di Hannover .

Ultimi anni (1711-1716)

La fine della vita di Leibniz è desolante.

Deve affrontare una polemica tra lui e Isaac Newton sulla questione di chi dei due abbia inventato il calcolo infinitesimale , ed è addirittura accusato di aver rubato le idee di Newton. La maggior parte degli storici della matematica oggi concordano sul fatto che i due matematici svilupparono le loro teorie indipendentemente l'uno dall'altro: Newton iniziò a sviluppare le sue idee per primo, ma Leibniz fu il primo a pubblicare il suo lavoro. .

A corte, è stato preso in giro per il vecchio aspetto (tipico di Parigi nel 1670 ) datogli dalla sua parrucca e vestiti all'antica.

Nel , incontrò lo Zar a Dresda , poi, sentendosi stretto ad Hannover , partì per Vienna (senza chiedere il permesso a Georges-Louis ) dove rimase fino all'autunno del 1714.

Nel 1714 dovette affrontare la morte di due parenti: il, Antoine-Ulrich di Brunswick-Wolfenbüttel e the, Sofia di Hannover .

Quando il , alla morte della regina Anna , Georges-Louis diventa re di Gran Bretagna , Leibniz chiede di raggiungerlo a Londra e chiede addirittura di diventare storico ufficiale d'Inghilterra, ma vista la cattiva fama che il filosofo ha acquisito in Inghilterra , il il nuovo sovrano rifiuta Leibniz di seguirlo e gli ordina di rimanere ad Hannover.

Ha intenzione di andare a Parigi , dove Luigi XIV lo ha invitato, ma la morte di quest'ultimo, così come il fatto che deve convertirsi, gli fanno abbandonare questa proposta. Sta anche valutando seriamente di trasferirsi a Vienna , dove arriva al punto di iniziare a cercare una proprietà. Sogna anche Berlino , dove è presidente della Reale Accademia Prussiana delle Scienze , e San Pietroburgo , dove ricopre un incarico di consigliere. Ma Leibniz, che allora aveva più di sessant'anni, non aveva più lo stato di salute per continuare a viaggiare come faceva, o per iniziare una nuova vita altrove. Il suo ultimo viaggio è un incontro con lo Zar a Pyrmont in, dopo di che non lascia mai Hannover .

Molto preoccupato per la storia della casa Welf , che non aveva scritto nonostante tutto il tempo che le aveva dedicato, e sperando ancora di poterla finire prima della sua morte per potersi dedicare alle sue opere filosofiche, si rimette a lavorare attivamente.

Poco prima della sua morte, negli anni 1715 e 1716 , mantenne una corrispondenza con il teologo inglese Samuel Clarke , discepolo di Newton, riguardo alla fisica , presentando nella sua forma definitiva la sua concezione dello spazio e del tempo . Scrive molto anche al gesuita francese Barthélemy Des Bosses .

Morte e funerale

Il , alle nove di sera, dopo aver passato una settimana bloccato nel suo letto a soffrire di gotta e coliche , soffrì di un eccesso di gotta; gli viene poi fatto bere una tisana che, invece di curarlo, gli provoca convulsioni e forti dolori; meno di un'ora dopo morì all'età di 70 anni nella città dove risiedeva da 40 anni, alla presenza del suo copista e del suo cocchiere , ma nell'indifferenza generale, mentre il suo pensiero aveva rivoluzionato l'Europa. Nessuno si preoccupa del suo funerale tranne la sua segretaria personale. Il tribunale è stato avvertito, ma non vediamo alcun rappresentante, nonostante la sua relativa vicinanza geografica; ciò può essere spiegato dal fatto che Leibniz non era un religioso zelante e fedele. La sua sepoltura è quella di una persona insignificante.

Possiamo tuttavia notare due lodi, in parte sovrapponibili perché scritte secondo le informazioni di Johann Georg von Eckhart  : la prima, intitolata Elogium Godofredi Guilelmi Leibnitii , è opera di Christian Wolff , scritta in latino e pubblicata innegli Acta Eruditorum  ; il secondo è un elogio pronunciato all'Accademia Reale delle Scienze di Parigi da Bernard Le Bouyer de Fontenelle in, un anno dopo la morte di Leibniz.

Alla morte di Leibniz, Georges-Louis, temendo la rivelazione di segreti, confiscò il patrimonio letterario di Leibniz ( Nachlass ), permettendone così la conservazione.

Contesto lavorativo

Ritratto

Leibniz aveva l'impossibile ambizione di eccellere in tutti i campi intellettuali e politici per tutta la vita. Lavoratore instancabile, gli piaceva la conversazione, anche se lenta nello scambio di battute e poco eloquente , ma ancor più solitaria la lettura e la meditazione, lavorare di notte non lo disturbava. Potrebbe anche passare diversi giorni a pensare sulla stessa sedia che a viaggiare per l' Europa con tutti i tipi di tempo.

Leibniz dormiva poco, spesso seduto su una sedia; appena si svegliò riprese il suo lavoro. Mangiava molto e beveva poco, mangiava spesso da solo, a orari irregolari, a seconda del suo lavoro.

La sua conoscenza era immensa, tanto che Georg Ludwig disse di lui che era il suo "dizionario vivente". Ha parlato latino (la lingua degli studiosi, la lingua più comune nel XVII °  secolo) (40%), il francese (la lingua del tribunale in Germania) (30%) e tedesco (15%), il linguaggio maggior parte della sua scritti, ma anche inglese , italiano , olandese , ebraico e greco antico (tradusse opere di Platone ) e aveva una certa conoscenza del russo e del cinese .

Leibniz non è mai stato sposato, presumibilmente perché non ha mai avuto il tempo. Si dice che si lamentasse di non aver trovato la donna che cercava. Intorno ai 50 anni, pensava seriamente di sposarsi, ma la persona che voleva sposare voleva tempo per prendere una decisione; e durante questo tempo Leibniz cambiò idea.

Come era consuetudine a corte, indossava una lunga parrucca nera. Evento raro per l'epoca, attribuiva grande importanza alla sua igiene e frequentava regolarmente i bagni , che gli valsero molte lettere di ammiratrici.

L'aspetto fisico di Leibniz ci è indicato da una descrizione scritta da lui stesso per un consulto medico, nonché da un'altra del suo segretario Johann Georg von Eckhart , che lo inoltrò a Fontenelle per le sue lodi . Leibniz era un uomo di media statura, curvo, piuttosto magro, con le spalle larghe e le gambe arcuate. Non era molto malato, tranne le vertigini di tanto in tanto, prima di soffrire di gotta che ne ha causato la morte.

Opinioni religiose e politiche

Sulle questioni religiose, Leibniz era considerato un teista filosofico  (in) . Sebbene sia cresciuto nel protestantesimo , ha imparato ad apprezzare alcuni aspetti del cattolicesimo dai suoi datori di lavoro e colleghi, in particolare Boyneburg, essendo lui e i suoi parenti ex luterani convertiti al cattolicesimo. Pur rimanendo fedele al luteranesimo , e avendo rifiutato la conversione al cattolicesimo, frequentò senza problemi gli ambienti cattolici. Uno dei suoi maggiori progetti fu, inoltre, la riunificazione delle Chiese cattolica e protestante. Non ha mai accettato la visione protestante del Papa come un Anticristo .

Leibniz era un nazionalista convinto ma anche un cosmopolita . Pacifista , voleva che cercassimo di imparare dalle altre nazioni piuttosto che andare in guerra con loro. In questo è un pioniere dell'Illuminismo , che credeva nella superiorità della ragione sui pregiudizi e sulle superstizioni . Cercò di promuovere l'uso del tedesco , sebbene scrivesse poco in questa lingua perché poco adatta alla scrittura filosofica (vedi la sezione Letteratura ) .

Gli è capitato di nutrire sentimenti antifrancesi . Rise e il carattere bellicoso di Luigi XIV in uno scritto satirico anonimo del 1684 intitolato March Christianissimus ( gioco di parole con March , il dio della guerra, e l'espressione Rex Christianissimus ("re molto cristiano"), che designava Luigi XIV).

Preoccupato per la politica pratica, Leibniz tentò di convincere gli Hannover a stipulare un'assicurazione contro l' incendio , e propose questo provvedimento alla corte di Vienna per applicarlo a tutto l' impero , ma in entrambi i casi, fu vano.

Lavori

Il primo lavoro di Leibniz, mentre era forse ancora studente ad Altdorf , fu più una soluzione temporanea che una vera ambizione: segretario di una società alchemica di Norimberga (di cui si discute o meno l'affiliazione alla Rosa-Croce ).

Questo piccolo incontro dopo il barone Johann Christian von Boyneburg , ex primo ministro del principe elettore di Magonza, Johann Philipp von Schönborn , che usa: inLeibniz si trasferì nella città di Boyneburg, Francoforte sul Meno , vicino a Magonza . Rapidamente Boyneburg ottiene per Leibniz un posto di assistente del consulente legale di Schönborn. Così nel 1668 si trasferì a Magonza. Tuttavia, continuando a lavorare per Boyneburg, trascorse tanto tempo a Francoforte quanto a Magonza. Circa un anno e mezzo dopo, Leibniz fu promosso assessore alla corte d' appello .

Dopo la morte dei suoi due datori di lavoro, Boyneburg nel 1672 e poi Schönborn nel 1673 , Leibniz cercò di stabilirsi a Parigi o Londra , ma, non trovando datore di lavoro, accettò finalmente, dopo due anni di esitazione, la proposta del duca Giovanni . , che lo nominò bibliotecario del ducato di Brunswick-Lüneburg e consigliere del casato di Hannover , incarico che ricoprì per 40 anni, fino alla sua morte nel 1716 .

Dopo la sua ricerca storica premiata che ha permesso nel 1692 l'elevazione del Ducato di Brunswick-Lüneburg al rango di elettorato , il Duca Ernest-Auguste lo nominò Consigliere Privato. Gli sono grati anche gli altri rami della casata di Brunswick : i conduchi Rodolphe-Auguste e Antoine-Ulrich di Brunswick-Wolfenbüttel lo nominarono bibliotecario presso la Herzog August Bibliothek de Wolfenbüttel nel 1691 , impegnandosi a pagare un terzo del costo pubblicazione della storia della Casa Welf, e nel 1696 lo nominò Consigliere Privato. Inoltre, il duca di Celle Georges-Guillaume concede a Leibniz uno stipendio per le sue ricerche storiche. Gli stipendi annuali di Leibniz a quel tempo erano quindi di 1.000 talleri ad Hannover, 400 a Brunswick-Wolfenbüttel e 200 a Celle. Leibniz è quindi molto ben pagato, visto che anche lo stipendio più basso, quello di Celle, è superiore a quello che un operaio specializzato può sperare di guadagnare. Da quel momento fino alla fine della sua vita, trascorse tanto tempo a Brunswick , Wolfenbüttel e Celle quanto ad Hannover.

Posto nel mondo accademico e politico

Leibniz diventa membro della Royal Society il. Nel 1674 rifiutò la nomina a membro della Reale Accademia delle Scienze , poiché essa richiedeva la sua conversione; infine sarà nominato socio straniero della Reale Accademia delle Scienze da Luigi XIV the. Nel 1689 fu nominato membro dell'Accademia Fisico-Matematica di Roma .

Convinse il principe elettore di Brandeburgo (futuro re di Prussia ) a fondare un'Accademia delle scienze a Berlino, di cui divenne inil primo presidente. Ha anche tentato simile accademie a Dresda nel 1704 (la sua idea sarebbe fallito a causa della Grande Guerra del Nord ), a San Pietroburgo (un'idea che sarebbe venuto solo a buon fine con la fondazione della San Pietroburgo nel 1724 - 1725 , nove anni dopo la morte di Leibniz) e a Vienna nel 1713 (idea che non si concretizzerà fino alla fondazione dell'Accademia austriaca delle scienze nel 1846 - 1847 ).

Leibniz non mise mai in discussione il sistema feudale , ma fu piuttosto disinvolto nell'esercizio dei suoi obblighi, e talvolta fu sull'orlo della disobbedienza, persino della mancanza di lealtà . Se dopo la morte del duca Jean-Frédéric , i suoi rapporti con i suoi successori Ernest-Auguste e George-Louis furono meno buoni , mantenne un'amicizia con Sophie di Hannover e sua figlia Sophie-Charlotte , regina di Prussia , e fu sempre il benvenuto e spesso invitato all'uno o all'altro. Apprezzavano l'intelligenza di Leibniz, che poteva trovare supporto da loro, e fu in seguito alle loro discussioni che Leibniz scrisse due delle sue opere principali: i New Essays on Human Understanding e i Theodicy Essays. . Vicino ai politici potenti, è stato anche, nei suoi ultimi anni, nominato consigliere del privato zar russo Pietro I ° il Grande e la corte imperiale di Vienna . Tuttavia, la sua volontà di essere nominato cavaliere non fu mai soddisfatta.

Non accettò mai un incarico accademico , disprezzando la struttura inflessibile delle università tedesche.

Leibniz viaggiato spesso - in particolare tra la sua residenza principale, Hannover, e le vicine città di Brunswick , Wolfenbüttel e Celle , schiena e forths essendo 200  km a  -, e coperto circa 20.000  km a da carrozza trainata da cavalli . Aveva la sua macchina e approfittava dei viaggi per scrivere le sue lettere. Durante i suoi viaggi, ha potuto incontrare scienziati e politici, stabilire relazioni diplomatiche, conoscere nuove scoperte e invenzioni e continuare le sue ricerche sulla storia della Casa di Welf .

Lavori

Leibniz fu un autore molto prolifico, compose circa 50.000 testi, tra cui 20.000 lettere con più di mille corrispondenti da sedici paesi diversi. Ha lasciato in eredità circa 100.000 pagine scritte a mano. Il suo lavoro è scritto per lo più in latino (la lingua degli studiosi, la lingua più comune nel XVII °  secolo) (40%), il francese (la lingua del tribunale in Germania) (30%) e tedesco (15%), ma scrisse anche in inglese , italiano e olandese . Era anche fluente in ebraico e greco antico (traduceva opere di Platone ) e aveva una certa conoscenza del russo e del cinese .

A differenza degli altri grandi filosofi del suo tempo, Leibniz non ha prodotto un magnum opus , un'opera che da sola esprime il cuore del pensiero di un autore. Scrisse solo due libri, gli Essais de Théodicée (1710) e i New Essays on Human Understanding (1704 - pubblicati postumi nel 1765).

A volte usava gli pseudonimi Caesarinus Fürstenerius e Georgius Ulicovius Lithuanus.

Leibniz ha scritto su pagine folio che ha separato in due colonne: una usata per scrivere la sua bozza originale, l'altra per annotare o aggiungere alcune porzioni di testo alla sua bozza. Spesso scriveva i suoi appunti. La colonna delle annotazioni era spesso piena quanto quella del testo originale. Inoltre, l'ortografia e la punteggiatura erano molto fantasiose.

Mente sempre in subbuglio, era tutto il tempo ad annotare le sue idee su carta, a conservare i suoi appunti in un grande armadio per recuperarli in seguito. In particolare, prendeva appunti su tutto ciò che leggeva. Tuttavia, poiché scriveva tutto il tempo, l'accumulo delle sue bozze gli impediva di trovare quella che gli interessava, e per questo la riscrisse; il che significa che abbiamo diversi schizzi dello stesso libretto, che hanno le stesse idee di base, non hanno lo stesso sviluppo ea volte nemmeno lo stesso progetto. Sebbene di solito sia possibile vedere alcuni progressi da bozza a bozza, le versioni precedenti spesso contengono dettagli o visualizzazioni che mancavano alle versioni successive. Tuttavia, queste ripetizioni tra stesure hanno un vantaggio: ci permettono di evidenziare l'evoluzione del pensiero di Leibniz.

Corrispondenza

La corrispondenza di Leibniz è parte integrante del suo lavoro. Ha attraversato più di 50 anni, dal 1663 al 1716 . Può essere il più grande tra i gli studiosi del XVII °  secolo . Attività centrale per lo stesso Leibniz, il filosofo la classificò con cura il che ne facilitò la conservazione.

Leibniz compose circa 20.000 lettere, scambiando con circa 1.100 corrispondenti da sedici paesi diversi, non solo nell'Europa occidentale e centrale , ma anche in Svezia , Russia e fino alla Cina  ; i suoi corrispondenti provenivano da ambienti molto diversi, dalla famiglia imperiale agli artigiani. Tra i suoi numerosi corrispondenti, Leibniz conta Baruch Spinoza , Thomas Hobbes , Antoine Arnauld , Jacques-Bénigne Bossuet , Nicolas Malebranche , Jean e Jacques Bernoulli , Pierre Bayle o anche Samuel Clarke , ma anche personaggi politici del suo tempo: principi, elettori e imperatori del Sacro Romano Impero e dello Zar Pietro il Grande .

Se le connessioni sono spesso effimere, circa il 40% di esse sono state mantenute per almeno tre anni, alcune per più di 30 anni (fino a 42 anni). Durante la sua visita a Magonza , aveva una rete di corrispondenti di circa 50 persone. Dal 1680 , il suo numero di corrispondenti crebbe fino a 200 nel 1700 e non scese sotto i 120 fino alla sua morte. Per tutta la vita Leibniz ha arricchito questa rete grazie agli incontri che ha fatto nei centri della Repubblica delle Lettere ( Parigi , Londra , Vienna , Firenze , Roma ), come Henry Oldenburg , Christian Huygens , Bernardino Ramazzini o Antonio Magliabechi .

La corrispondenza di Leibniz è registrata nella memoria del Registro internazionale dell'Organizzazione mondiale del UNESCO . Lei è in uno stato di conservazione eccezionale attraverso la confisca fatta da George I st , Elettore di Hannover e Re di Gran Bretagna , che temeva la rivelazione di segreti. L'edizione completa della corrispondenza di Leibniz è prevista per l'anno 2048 .

Pubblicazione

L' eredità di Leibniz ( Nachlass ) non è ancora completamente pubblicata. Gli scritti completi di Leibniz progetto editoriale dal Gottfried Wilhelm Leibniz Biblioteca a Hannover , ha iniziato nei primi anni del XX °  secolo, i piani per classificare le sue attività in otto serie:

  1. Corrispondenza generale, politica e storica ( Allgemeiner, politischer und historischer Briefwechsel )
  2. Corrispondenza filosofica ( Philosophischer Briefwechsel )
  3. Corrispondenza matematica, scientifica e tecnica ( Mathematischer, naturwissenschaftlicher und technischer Briefwechsel )
  4. Scritti politici ( Politische Schriften )
  5. Scritti storici e linguistici ( Historische Schriften und sprachwissenschaftliche Schriften )
  6. Scritti filosofici ( Philosophische Schriften )
  7. Scritti matematici ( Mathematische Schriften )
  8. Scritti scientifici, medici e tecnici ( Naturwissenschaftliche und technische Schriften )

Va notato che l'idea di classificare opuscoli e opere in base al loro contenuto non è unanime. Così Louis Couturat nella prefazione alla sua edizione degli Opuscules et frammenti inédits di Leibniz afferma che l'unica classificazione oggettiva è la classificazione cronologica, e che ogni altra classificazione equivale a creare divisioni nella sua opera dove non ce ne sono, a rischio di dimenticare certi frammenti o classificarli erroneamente e fornire così una visione distorta dell'opera. È anche contrario a fare scelte tra i manoscritti; secondo lui, l'obiettivo dell'edizione prevista è quello di portare alla luce tutti gli scritti, ai commentatori poi di fare la loro scelta tra i brani che li interessano.

Opere principali

Opere di Leibniz
Nome Data di scrittura Data di pubblicazione Lingua originale Serie nell'edizione completa Appunti Accesso online
Da principio individui 1663 1663 latino Tesi di laurea  ; prima pubblicazione di Leibniz.
Dissertatio de arte combinatoria 1666 1666 , ristampato nel 1690, contro il consiglio di Leibniz latino VI-1 Scritto per ottenere la sua abilitazione in filosofia. leggi online su Gallica
Da Casibus Perplexis a Jure 1666 latino Scritto con l'obiettivo di ottenere il dottoratoin entrambi i diritti  ".
Nova methodus discendæ docendæque jurisprudentiæ 1667 latino
Ratio corporis iuris reconcinnandi 1668 latino
Confessio naturæ contra atheistas 1668 latino
Defensio Trinitatis per nova Reperta Logica 1669 latino
Teoria del movimento concreto e movimento astratto 1670 francese
Ipotesi fisica nova 1671 latino VI-2
Confessio philosophi 1673 latino
Quadratura aritmetica del cerchio, dell'ellisse e dell'iperbole c. 1674 francese
Da corporum concursu 1678 latino Saggio scientifico rimasto a lungo inedito.
Dalla progressione diadica marzo 1679 latino Pubblicato nel 1966, in una traduzione tedesca ( Herrn von Leibniz 'Rechnung mit Null und Einz ) In francese su BibNum , con spiegazione.
Campione calcoli universali 1678 - 1684 latino
Nova Methodus pro Maximis e Minimis 1684 latino Pubblicato negli Acta Eruditorum . Porre le basi del calcolo differenziale .
Meditationes de cognitione, veritate et ideis 1684 latino
Ricerca generale sull'analisi di nozioni e verità 1686 francese
Breve dimostrazione di un errore considerevole di M. Descartes e pochi altri riguardo a una legge di natura secondo la quale sostengono che Dio conservi nella materia la stessa quantità di moto 1686 GM6 pag. 117 latino (marzo)
e francese (settembre)
Lancia la sua Dinamica , offensiva contro i cartesiani in latino
in francese
discorso metafisico 1686 francese VI-4 su wikisource
Corrispondenza con Arnauld . c. 1686
De Geometria Recondita et analysis indivisibilium atque infinitorum 1686 latino Pubblicato negli Acta Eruditorum . Porre le basi del calcolo integrale .
Discorso sul metodo della certezza e l'arte di inventare per porre fine alle controversie e fare grandi progressi in breve tempo 1688 - 1690 francese su wikisource
Prim veritates 1689 latino
Dynamica de potentia e legibus naturæ corporeæ 1689 latino
Ars combinatoria 1691 latino Pubblicato negli Acta Eruditorum , in risposta alla ristampa della sua Dissertatio de arte combinatoria .
Animadversiones ad Cartesii principia philosophiæ 1691 latino
Protoga tra il 1690 e il 1693 dopo la sua morte latino Prefazione alla sua opera incompiuta sulla storia della casata di Brunswick.
Primo test di dinamica
Secondo test di dinamica
1692
1698
francese 1 °
2 °
Nuovo sistema della natura e della comunicazione delle sostanze 1695 francese su wikisource
Novissima Sinica latino Scritto politico e religioso sulla Cina, costituito da una raccolta di lettere e rapporti di missionari gesuiti raccolti da Leibniz, autore anche della prefazione.
Matheis rationis intorno al 1700 latino
Nuovi saggi sulla comprensione umana 1704 1765 (postumo) francese VI-6 Recensione del saggio sulla comprensione umana di John Locke . su Wikisource
Spiegazione dell'aritmetica binaria entro e non oltre il 1703 1703 latino Tesi pubblicata nella Storia della Reale Accademia delle Scienze . leggi online su Gallica (Mémoires, p.  85 )
Breve descrizione Machinæ Arithmeticæ, cum Figura 1709 1710 latino Pubblicato in Miscellanea Berolinensia ad incrementum scientiarum . Disponibile su BibNum , con la spiegazione di un ingegnere.
Saggi di Teodicea 1710 francese Tradotto in latino nel 1712 . su Wikisource
Principi di natura e grazia fondati su 1714 1718 francese Offerto a Vienna al principe Eugenio e inviato a Parigi a Rémond . su Wikisource
Principi di filosofia conosciuti come Monadologia 1714 1720 (traduzione tedesca)
1840 (originale francese)
francese Probabilmente versione definitiva della precedente. su Wikisource

Filosofia

Spesso descritto come l'ultima parte "genio universale" dei più grandi pensatori del XVII ° e XVIII °  secolo, Leibniz ha scritto su campi estremamente vario, e contribuiscono in modo significativo alla metafisica , alla epistemologia , la logica e alla filosofia della religione , ma anche al di fuori del campo propriamente filosofico, alla matematica , alla fisica , alla geologia , alla giurisprudenza e alla storia . Il suo pensiero non è raggruppato in un magnum opus ma è costituito da un corposo corpo di saggi, inediti e lettere.

Denis Diderot , che tuttavia si oppone su molti punti alle concezioni di Leibniz, scrive di lui nell'Enciclopedia  : "forse mai un uomo ha letto, studiato, meditato e scritto quanto Leibniz". Bernard Le Bouyer de Fontenelle gli dirà che "simile in un certo senso agli antichi che avevano l'abilità di condurre fino a otto cavalli bardati al fronte, guidava tutte le scienze contemporaneamente".

Leibniz è classificato, insieme a René Descartes e Baruch Spinoza , come uno dei principali rappresentanti del razionalismo , continentale, dell'inizio dell'età moderna , in contrapposizione ai tre principali rappresentanti dell'empirismo , britannico: John Locke , George Berkeley e David Hume .

La filosofia di Leibniz è inseparabile dal suo lavoro matematico e dalla logica che assicura l'unità del suo sistema.

“I matematici devono essere filosofi tanto quanto i filosofi devono essere matematici. "

- Gottfried Wilhelm Leibniz, Lettera a Malebranche del 13/23 marzo 1699

Influenze

Leibniz si è formato nella tradizione scolastica . Fu anche esposto a elementi della modernità, in particolare all'umanesimo rinascimentale e alle opere di Francis Bacon .

Il suo professore all'Università di Lipsia , Jakob Thomasius , gli mostrò un grande rispetto per la filosofia antica e medievale. Quanto al suo professore a Jena , Erhard Weigel , lo porterà a considerare prove di tipo matematico per discipline come la logica o la filosofia .

Dalla filosofia antica , ereditò in particolare l' aristotelismo (in particolare la logica ( sillogistica ) e la teoria delle categorie ) e il platonismo . Troviamo anche in Leibniz un'influenza del cristianesimo ortodosso .

Trarrà molta ispirazione da Raymond Lulle e Athanasius Kircher per la sua tesi sull'alfabeto del pensiero, combinazione di idee e caratteristica universale .

Leibniz conobbe importanti figure della filosofia dell'epoca come Antoine Arnauld , Nicolas Malebranche (al quale doveva in particolare il suo interesse per la Cina ), e soprattutto il matematico e fisico olandese Christian Huygens , che gli insegnò filosofia, matematica e fisica.

Il rapporto di Leibniz con i grandi pensatori dell'epoca gli diede accesso ai manoscritti inediti di Cartesio e Pascal .

Leibniz si opporrà a Spinoza e Hobbes sull'aspetto materialista e necessitaristico, nonché sulla loro concezione di Dio delle loro rispettive dottrine.

Come Spinoza, Leibniz è l'erede di Cartesio mentre lo critica ampiamente. Leibniz dirà di Niels Stensen (Nicolas Sténon) che "ci ha deluso con il cartesianesimo  " .

Spinoza e Leibniz, nonostante un patrimonio comune, sono anch'essi fortemente opposti: in particolare, il primo pensa Dio immanente ( Deus sive Natura ), il secondo lo pensa trascendente . Ma Leibniz studierà tanto lo spinozismo per poterlo criticare - si troveranno molte annotazioni e commenti critici di Leibniz sull'Etica di Spinoza scritti dopo aver ricevuto le pubblicazioni postume di Spinoza - e per tanto tempo - siamo a conoscenza di note scritte da Leibniz in 1708 sulle proposizioni di Spinoza, prova che il sistema spinoziano non era solo un interesse giovanile per il filosofo tedesco - che i commentatori successivi si chiederanno fino a che punto questo studio finirà per influenzare il sistema leibniziano.

Leibniz si oppone a Cartesio in quanto conserva le conquiste dell'aristotelismo  ; e afferma, contrariamente a Cartesio e secondo un'ispirazione aristotelica, che Dio deve rispettare i principi della logica .

Infine Leibniz scriverà i New Essays on Human Understanding ei Theodicy Essays in opposizione ai filosofi contemporanei, rispettivamente John Locke e Pierre Bayle .

I principi

In Monadologia , Leibniz scrive:

“Il nostro ragionamento si basa su due principi fondamentali, quello della contraddizione [...] [e] quello della ragione sufficiente . "

- Gottfried Wilhelm Leibniz, Monadologia

Tuttavia, possiamo, nel corso dei suoi scritti, trovare altri quattro principi fondamentali: il principio del meglio , il principio del predicato inerente al soggetto , il principio di identità dell'indistinguibile e il principio di continuità . Leibniz spiega che esiste una relazione tra i sei principi pur privilegiando la preponderanza dei principi di contraddizione e ragione sufficiente .

Principio del meglio

Il miglior principio afferma che Dio agisce sempre per il meglio. Pertanto, il mondo in cui viviamo sarebbe anche il migliore di tutti i mondi possibili. Dio è quindi un ottimizzatore della raccolta di tutte le possibilità originarie. Quindi, se è buono e onnipotente e poiché ha scelto questo mondo tra tutte le possibilità, questo mondo deve essere buono e, quindi, questo mondo è il migliore di tutti i mondi possibili. Voltaire , nella sua opera Candide, tra gli altri, critica ampiamente questo principio che vede come un ottimismo troppo grande non considerando la sofferenza del nostro mondo.

Principio del predicato inerente al soggetto

Il principio del predicato inerente al prendere origine nell'Organon di Aristotele , dice che ogni proposta nel predicato vero è contenuta nel concetto stesso del soggetto . Leibniz afferma: "  Praedicatum inest subjecto  ". Senza tale legame tra il soggetto e il predicato, nessuna verità può essere dimostrata, contingente o necessaria, universale o particolare.

Principio di contraddizione

Il principio di contraddizione (detto anche "  principio di non contraddizione  ") deriva da Aristotele nella sua Metafisica (IV.3) e afferma semplicemente che una proposizione non può essere vera e falsa allo stesso tempo. Quindi, A non può essere A e A contemporaneamente.

Principio di ragion sufficiente

Il principio di ragione  : questo principio afferma che "nulla è senza ragione" ( nihil est sine ratione ) o che "non c'è effetto senza causa". Per Leibniz, questo principio è considerato il più utile e necessario per la conoscenza umana poiché ha costruito gran parte della metafisica , della fisica e della scienza morale . Tuttavia, nella sua Monadologia , Leibniz ammette tuttavia che la maggior parte di queste ragioni non ci sono conoscibili.

Principio di identità dell'indistinguibile

Il principio di identità dell'indistinguibile (o semplicemente "principio dell'indistinguibile"): afferma che se due cose hanno tutte le loro proprietà in comune, allora sono identiche . Questo principio molto controverso è il reciproco del principio dell'indistinguibile dall'identico , il quale afferma che se due cose sono identiche, condividono tutte le loro proprietà. I due principi messi insieme affermano così che: "due cose sono identiche se e solo se condividono tutte le loro proprietà".

Principio di continuità

Il principio di continuità dice che le cose cambiano gradualmente. Leibniz scrive: Natura non facit saltus ("La natura non salta"). Ogni cambiamento passa attraverso un cambiamento intermedio che si attualizza in un'infinità di cose. Questo principio sarà utilizzato anche per mostrare che un movimento può partire da uno stato di completa quiete e cambiare lentamente di grado.

Logica e arte combinatoria

La logica è una parte importante del lavoro di Leibniz, sebbene sia stata trascurata da filosofi e matematici che erano interessati all'opera di Leibniz ciascuna delle loro rispettive discipline, e sebbene Leibniz questi materiali formino un insieme inseparabile di cui la logica assicura la coesione.

"La logica è per Leibniz la chiave della natura"

Yvon Belaval , Leibniz: introduzione alla sua filosofia

L'importanza della logica sviluppata da Leibniz lo rende per alcuni il più grande logico dopo Aristotele .

Leibniz ritiene che Aristotele sia "il primo che scrisse matematicamente al di fuori della matematica" . Aveva una grande ammirazione per il suo lavoro. Tuttavia, lo considerava imperfetto; scoprì che la logica aristotelica era imperfetta e desiderava migliorarla. Era particolarmente interessato alla sillogistica ei suoi primi contributi in questo campo si trovano nel De arte combinatoria .

La logica di Leibniz si ispira a quella del filosofo medievale Raymond Lulle . Quest'ultimo, in Ars magna , avanza l'idea che concetti e proposizioni possono essere espressi sotto forma di combinazioni . Ispirato da Lullo, Leibniz spiega nel De arte combinatoria come si possa, prima di tutto costituire un “Alfabeto dei pensieri umani”, composto da tutte le idee di base, poi scoprire nuove verità combinando i concetti per formare giudizi in modo completo e valutarne metodicamente la verità .

Su questo principio Leibniz teorizza un linguaggio universale che chiama caratteristica universale ( (lingua) featurea universalis ), che permetterebbe di esprimere concetti nella forma dei concetti di base di cui sono composti, e di rappresentarlo in modo modo da renderlo comprensibile a tutti i lettori, indipendentemente dalla loro lingua madre. Leibniz studiò i geroglifici egizi e gli ideogrammi cinesi per il loro metodo di rappresentare le parole, sotto forma di disegni. La caratteristica universale dovrebbe esprimere non solo la conoscenza matematica , ma anche la giurisprudenza (stabilisce le corrispondenze alla base della deontica ), l' ontologia (Leibniz ha criticato la definizione che René Descartes ha dato di sostanza ), anche la musica . Leibniz non è il primo a teorizzare che tipo di linguaggio: prima di lui, il matematico francese François Viète ( XVI °  secolo), il filosofo francese René Descartes e filologo inglese George Dalgarno ( XVII °  secolo) avevano già suggerito un progetto così un , in particolare nel campo della matematica , ma anche per Viète per la comunicazione . Inoltre, il progetto Leibniz ispirerà progetti linguaggio universale della fine del XIX °  secolo, con l' Esperanto e interlinguistica , versione non degradata del latino creato da Giuseppe Peano . Ispirerà anche l' ideografia di Gottlob Frege , il linguaggio logico loglan e il linguaggio di programmazione Prolog .

Leibniz sognava anche una logica che fosse computazione algoritmica e quindi decidibile meccanicamente: il calcolo raziocinante . Tale calcolo potrebbe essere eseguito da macchine e quindi non sarebbe soggetto ad errori. Leibniz annuncia così le stesse idee come quelle che ispirano Charles Babbage , William Stanley Jevons , Charles Sanders Peirce e il suo studente Allan Marquand al XIX °  secolo, e che sosterrà lo sviluppo dei computer dopo la seconda guerra mondiale .

“Leibniz crede di poter inventare, per la verifica dei calcoli logici, procedimenti tecnici analoghi alla dimostrazione per 9 usata in aritmetica . Così chiama la sua Caratteristica il giudice delle controversie, e la considera un'arte dell'infallibilità. Dipinge un'immagine attraente di come saranno le discussioni filosofiche del futuro. Per risolvere una questione o chiudere una controversia, gli avversari dovranno solo prendere in mano la penna, aggiungendo se necessario un amico come arbitro, e dire “Calcoliamo! ". "

Louis Couturat , La logica di Leibniz

Allo stesso tempo, era consapevole dei limiti della logica formale affermando che qualsiasi modellazione, per essere corretta, deve essere realizzata in stretta analogia con il fenomeno modellato.

Leibniz è per molti il più importante logico tra Aristotele e logici del XIX °  secolo l'origine della logica moderna: Augustus De Morgan , George Boole , Ernst Schröder e Gottlob Frege . Per Louis Couturat, la logica leibniziana ha anticipato i principi dei moderni sistemi logici, e li ha addirittura superati in certi punti.

Tuttavia, la maggior parte dei suoi testi sulla logica sono costituiti da schizzi che sono stati pubblicati solo molto tardi o addirittura dimenticati. Sorge quindi la domanda se Leibniz abbia semplicemente anticipato la logica moderna o se l'abbia influenzata. Sembra che la logica del XIX °  secolo, era in realtà ispirato dalla logica di Leibniz.

Metafisico

Scritta in francese nel 1714 e non pubblicata durante la vita dell'autore, Monadologie rappresenta una delle ultime tappe del pensiero di Leibniz. Nonostante le apparenti somiglianze con i testi precedenti, la Monadologia differisce abbastanza fortemente da opere come il Discours de métaphysique o il Nuovo Sistema della Natura e la Comunicazione delle Sostanze . La nozione di sostanza individuale presente nel Discorso sulla Metafisica non va confusa con quella di monade .

Forza

Per Leibniz, la fisica ha la sua ragione nella metafisica . Se la fisica studia i movimenti della natura , che realtà è questo movimento E che causa ha Il movimento è relativo, vale a dire che una cosa si muove secondo la prospettiva da cui la guardiamo. Il movimento quindi non è la realtà stessa; la realtà è la forza che sussiste al di fuori di ogni movimento e che ne è la causa: la forza sussiste, la quiete e il movimento sono differenze fenomeniche relative.

Leibniz definisce la forza come “ciò che c'è nello stato presente, che porta con sé un cambiamento per il futuro. " Questa teoria porta a un rifiuto dell'atomismo; infatti, se l' atomo è una realtà assolutamente rigida, allora non può perdere forza negli urti. Occorre quindi che ciò che si chiama atomo sia in realtà composto ed elastico. L'idea dell'atomo assoluto è contraddittoria:

"Gli atomi sono solo l'effetto della debolezza della nostra immaginazione, che ama riposare e affrettarsi a entrare in suddivisioni o analisi. "

Quindi la forza è realtà: la forza è sostanza , e ogni sostanza è forza. La forza è in uno stato, e questo stato cambia secondo le leggi del cambiamento. Questa successione di stati mutevoli ha un ordine regolare, vale a dire che ogni stato ha una ragione ( cfr principio di ragione): ogni stato si spiega con quello che precede, vi trova la sua ragione. A questa nozione di diritto è annessa anche l'idea di individualità: per Leibniz l'individualità è una serie di cambiamenti, una serie che si presenta come una formula:

“La legge del cambiamento crea l'individualità di ogni particolare sostanza. "

la monade

Tutta la sostanza si sviluppa dunque secondo leggi interne, seguendo una propria tendenza: ciascuna dunque ha la propria legge. Quindi, se conosciamo la natura dell'individuo , possiamo derivarne tutti gli stati mutevoli. Questa legge dell'individualità implica transizioni verso stati non solo nuovi, ma anche più perfetti.

Ciò che esiste è dunque per Leibniz l'individuo; ci sono solo unità. Né i movimenti, né i corpi hanno questa sostanzialità: la sostanza estesa cartesiana suppone infatti qualcosa di esteso, è solo un composto, un aggregato che di per sé non possiede realtà. Quindi, senza sostanza assolutamente semplice e indivisibile, non ci sarebbe realtà. Leibniz chiama questa realtà monade . La monade è progettata secondo il modello della nostra anima  :

"L'unità sostanziale richiede un essere compiuto, indivisibile e naturalmente indistruttibile, poiché la sua nozione racchiude tutto ciò che deve accaderle, che non si trova né nella figura né nel movimento... Ma in un'anima o forma sostanziale , come quella mi chiamiamo. "

Osserviamo i nostri stati interni, e questi stati ( sensazioni , pensieri , sentimenti ) sono in perpetuo mutamento: la nostra anima è una monade, ed è dal suo modello che possiamo concepire la realtà delle cose, perché ci sono senza dubbio in natura altre monadi che sono analoghi a noi. Per la legge dell'analogia (legge che è formulata "tutto così"), concepiamo ogni esistenza come solo una differenza di grado rispetto a noi. Quindi, per esempio, ci sono gradi inferiori di coscienza , forme oscure di vita psichica: ci sono monadi a tutti i gradi di luce e di oscurità. C'è una continuità di tutte le esistenze, una continuità che trova il suo fondamento nel principio di ragione.

Di conseguenza, poiché esistono solo esseri dotati di rappresentazioni più o meno chiare, la cui essenza è in questa attività rappresentativa, la materia è ridotta allo stato di fenomeno . La nascita e la morte sono fenomeni in cui le monadi si scuriscono o si schiariscono. Questi fenomeni hanno realtà in quanto legati da leggi, ma il mondo, in generale, esiste solo come rappresentazione .

Queste monadi, sviluppandosi secondo una legge interna, non ricevono alcuna influenza dall'esterno:

“7. Non c'è nemmeno modo di spiegare come una Monade possa essere alterata o cambiata al suo interno da qualche altra creatura, poiché non si potrebbe trasporvi nulla, né concepire in essa alcun movimento interno che possa essere eccitato, diretto, aumentato. o diminuito lì, come può essere nei composti o c'è cambiamento tra le parti. Le monadi non hanno finestre attraverso le quali qualsiasi cosa può entrare o uscire. " ( Monadologia )

Aggiungiamo che il concetto di monade è stato influenzato dalla filosofia di Pierre Gassendi , che riprende la tradizione atomista incarnata da Democrito , Epicuro e Lucrezia . Infatti l'atomo, dal greco “  atomon  ” (indivisibile) è l'elemento semplice di cui tutto è composto. La principale differenza con la monade è che quest'ultima è di essenza spirituale, mentre l'atomo è di essenza materiale; e quindi l'anima, che è una monade in Leibniz, è composta di atomi in Lucrezia.

Armonia prestabilita

Come spiegare allora che tutto accade nel mondo come se le monadi si influenzassero davvero a vicenda Leibniz spiega questa concordanza con un'armonia universale prestabilita tra tutti gli esseri e con un creatore comune di questa armonia:

“Anche Dio solo fa la connessione e la comunicazione delle sostanze, ed è attraverso di lui che i fenomeni di alcuni si incontrano e concordano con quelli di altri, e di conseguenza c'è realtà nelle nostre percezioni. » ( Discorso metafisico )

Se le monadi sembrano tenersi in considerazione l'una dell'altra, è perché Dio le ha create per esserlo. È da Dio che le monadi vengono create all'improvviso dalla folgorazione , nello stato di individualità che le rende simili a piccoli dei. Ognuno ha una prospettiva unica sul mondo, una visione in miniatura dell'universo , e tutte le sue prospettive insieme hanno una consistenza interna, mentre Dio possiede l'infinità di vedute che crea sotto forma di queste singole sostanze. La forza intima e il pensiero delle monadi sono quindi forza e pensiero divini. E l'armonia è fin dall'inizio nella mente di Dio: è precostituita.

Se certi commentatori (ad esempio Alain Renaut , 1989) volessero vedere nell'armonia prestabilita uno schema astratto che ripristina, solo a posteriori, la comunicazione tra le monadi, monadi che sarebbero poi i segni di una frammentazione del reale in unità indipendenti, questa interpretazione è stata respinta da uno dei più importanti commentari all'opera di Leibniz, quello di Dietrich Mahnke , intitolato La sintesi della matematica universale e la metafisica dell'individuo (1925). Ispirandosi a quello di Michel Fichant , Mahnke sottolinea che l'armonia universale precede la monade: la scelta di ogni monade è fatta non da particolari volontà di Dio, ma da una volontà primitiva, che sceglie tutte le monadi: ogni nozione completa di una monade individuale è quindi avvolto nella scelta primitiva del mondo. Inoltre, “l'universalità armonica (…) è inscritta nella primitiva costituzione interna di ogni individuo. " .

Infine, da questa idea della monade emerge che l'universo non esiste al di fuori della monade, ma che è l'insieme di tutte le prospettive. Queste prospettive nascono da Dio. Tutti i problemi della filosofia vengono così spostati nella teologia .

Questa trasposizione pone problemi che non sono realmente risolti da Leibniz:

  • come può nascere una sostanza assoluta
  • come può Dio avere un'infinità di prospettive e renderle sostanze all'interno di un'armonia prestabilita

Malebranche riassumerà tutti questi problemi in una formula: Dio non crea dei .

L'unione di anima e corpo

La sua teoria della unione di anima e corpo segue naturalmente la sua idea della monade. Il corpo è un aggregato di monadi, i cui rapporti con l' anima sono regolati fin dall'inizio come due orologi sincronizzati. Leibniz descrive così la rappresentazione del corpo (cioè del multiplo) da parte dell'anima:

“Le anime sono unità e i corpi sono moltitudini. Ma le unità, benché indivisibili e senza parte, non cessano di rappresentare moltitudini, quasi come tutte le linee della circonferenza si uniscono nel centro. "

epistemologia

Benché non trattata in termini quantitativi come logica , metafisica , teodicea e filosofia naturale , l' epistemologia (qui nel senso anglosassone del termine: studio della conoscenza ) rimane un tema importante opera di Leibniz. Leibniz è innato , e presume pienamente di essere ispirato da Platone , sulla questione dell'origine delle idee e della conoscenza.

Leibniz L'opera principale in quest'area sono i New Essays on Human Understanding , scritti in francese, commento al Test sulla comprensione umana di John Locke . I Nuovi Saggi furono completati nel 1704. Ma la morte di Locke convinse Leibniz a rimandare la loro pubblicazione, quest'ultimo trovando inopportuno pubblicare una confutazione di un uomo che non poteva difendersi. Appariranno solo postumi nel 1765 .

Il filosofo inglese difende una posizione empirista , secondo la quale tutte le nostre idee ci vengono dall'esperienza. Leibniz, sotto forma di dialogo immaginario tra Filalete, che cita passi dal libro di Locke, e Teofilo, che gli oppone argomenti leibniziani, difende una posizione innata  : certe idee sono nella nostra mente fin dalla nascita. Sono idee che sono costitutive della nostra stessa comprensione , come quella della causalità . Le idee innate possono essere attivate dall'esperienza, ma ciò richiedeva che prima esistessero potenzialmente nella nostra comprensione.

Teologia Filosofica

Esistenza e trascendenza di Dio

Leibniz era molto interessato al argomento ontologico della esistenza di Dio dal 1670, e ha parlato con Baruch Spinoza . Confuta l'argomento di René Descartes nella quinta meditazione delle Meditazioni Metafisiche  : Dio ha tutte le perfezioni, e l'esistenza è una perfezione, quindi Dio esiste. Per Leibniz si tratta soprattutto di mostrare che tutte le perfezioni sono compossibili , e che l'esistenza è una perfezione. Leibniz mostra la prima premessa nel suo saggio Quod ens perfectissimum existit (1676), e la seconda in un altro breve scritto dello stesso periodo.

La dimostrazione di Leibniz, che ha somiglianze con la prova ontologica di Gödel , stabilita da Kurt Gödel negli anni '70  :

  1. Dio è un essere con tutte le perfezioni (per definizione);
  2. una perfezione è una proprietà semplice e assoluta (per definizione);
  3. l'esistenza è perfezione;
  4. se l'esistenza fa parte dell'essenza di una cosa, allora è un essere necessario;
  5. se è possibile che esista un essere necessario, allora esiste necessariamente;
  6. è possibile che un essere abbia tutte le perfezioni;
  7. quindi esiste un essere necessario (Dio).

Leibniz era anche interessato all'argomento cosmologico . L'argomento cosmologico di Leibniz deriva dal suo principio di ragione sufficiente . Ogni verità ha una ragione sufficiente, e la ragione sufficiente dell'insieme delle serie di verità si colloca necessariamente al di fuori della serie, ed è questa ragione ultima che chiamiamo Dio .

Nei Saggi di Teodicea , Leibniz riesce a dimostrare l' unicità di Dio, la sua onniscienza , la sua onnipotenza e la sua benevolenza .

teodicea

Il termine "  teodicea  " significa etimologicamente "giustizia di Dio" (dal greco Θεὸς  / theos ("Dio") e δίκη  / dike ("Giustizia")). È un neologismo inventato dallo stesso Leibniz. Sebbene non l'abbia mai definito rigorosamente, il termine è generalmente inteso come una "parte della teologia naturale che si occupa della giustizia di Dio" , un discorso che propone di "giustificare la bontà di Dio con la confutazione degli argomenti tratti dell'esistenza di male in questo mondo, e di conseguenza la confutazione delle dottrine atee o dualiste che si basano su questi argomenti” . È essenziale sottolineare la posta in gioco principale della teodicea leibniziana. La domanda è innanzitutto: come conciliare l'esistenza del male con l'idea della perfezione generale dell'universo Ma, al di là delle difficoltà interne alla metafisica leibniziana, troviamo il seguente problema: come accordare l'idea della responsabilità o della colpa dell'uomo nel male con la sensazione che quest'uomo agisca nell'unico modo in cui era possibile che stesse recitando. La risposta di Leibniz al conflitto tra necessità e libertà è originale.

L'esempio di Giuda traditore, come analizzato nella sezione 30 del Discorso sulla Metafisica , è illuminante: infatti, era prevedibile dall'eternità che questo Giuda la cui essenza Dio ha permesso di venire all'esistenza, avrebbe peccato come ha peccato, ma non impedisce che sia lui a peccare. Il fatto che questo essere limitato, imperfetto (come ogni creatura) entri nel piano generale della creazione, e quindi tragga la sua esistenza in un certo senso da Dio, non lo lava in sé stesso della sua imperfezione. È lui che è imperfetto, così come la ruota dentata, in un orologio, non è altro che una ruota dentata: il fatto che l'orologiaio la usi per fare un orologio non rende questo orologiaio responsabile del fatto che questa ruota dentata non è niente altrimenti, niente di meglio di una ruota dentata.

Il principio di ragione , talvolta chiamato principio della "ragione determinante" o "grande principio del perché", è il principio fondamentale che ha guidato Leibniz nella sua ricerca: nulla è senza una ragione che spieghi perché è, anzi che non è, e perché è così, piuttosto che no. Leibniz non nega che il male esista. Afferma però che tutti i mali non possono essere minori: questi mali trovano la loro spiegazione e la loro giustificazione nell'insieme, nell'armonia del quadro dell'universo. "Gli apparenti difetti del mondo intero, queste macchie di un sole di cui il nostro è solo un raggio, ne accrescono la bellezza lungi dal sminuirla" ( Théodicée , 1710 - pubblicato nel 1747).

Rispondendo a Pierre Bayle , ha stabilito la seguente dimostrazione: se Dio esiste, è perfetto e unico. Ora, se Dio è perfetto, è "necessariamente" onnipotente, tutto bontà e tutta giustizia, tutta saggezza. Così, se Dio esiste, per necessità ha potuto, voluto e saputo creare il meno imperfetto di tutti i mondi imperfetti; il mondo più adatto a fini supremi.

Nel 1759 , nel racconto filosofico Candido , Voltaire fece del suo personaggio Pangloss il presunto portavoce di Leibniz. In verità, distorce deliberatamente sua dottrina riducendola alla formula  : "tutto va al meglio nel migliore dei mondi possibili  ". Questa formula è una cattiva interpretazione: Leibniz non afferma in alcun modo che il mondo sia perfetto ma che il male sia ridotto al minimo. Jean-Jacques Rousseau ha ricordato a Voltaire l'aspetto vincolante della dimostrazione di Leibniz: “Queste domande riguardano tutte l'esistenza di Dio. (…) Se mi viene concessa la prima proposizione, le successive non saranno mai scosse; se lo neghiamo, non dovremmo discuterne le conseguenze. " ( Lettera da). Tuttavia, il testo di Voltaire non si oppone a Leibniz sul piano teologico o metafisico  : il racconto di Candido trova la sua origine nell'opposizione tra Voltaire e Rousseau, e il suo contenuto cerca di mostrare che "non sono questi i ragionamenti dei metafisici che metteranno la fine dei nostri mali", facendo l'apologia di una filosofia volontarista che invita gli uomini a "organizzare essi stessi la vita terrena" e dove il lavoro si presenta come "fonte di progresso materiale e morale che renderà gli uomini più felici".

Etica

Se l' etica costituisce l'unico campo tradizionale della filosofia per il quale Leibniz non è generalmente considerato un contributore importante, come Spinoza , Hume o Kant , Leibniz era molto interessato a questo campo. È vero che, rispetto alla sua metafisica, il pensiero etico di Leibniz non si distingue particolarmente per la sua portata o la sua originalità. Tuttavia, si impegnò in dibattiti centrali di etica sui fondamenti della giustizia e sulla questione dell'altruismo .

Per Leibniz, la giustizia è la scienza a priori del bene , vale a dire che ci sono basi razionali e oggettive della giustizia. Rifiuta la posizione secondo cui la giustizia è il decreto del più forte, posizione che associa a Trasimaco che la difende contro Socrate nella Repubblica di Platone , ma anche con Samuel von Pufendorf e Thomas Hobbes . Infatti, applicando questa concezione, si arriva alla conclusione che i comandamenti divini sono giusti solo perché Dio è il più potente di tutti i legislatori. Per Leibniz ciò equivale a rifiutare la perfezione di Dio; per lui Dio agisce nel migliore dei modi, e non solo arbitrariamente. Dio non è perfetto solo nella sua potenza, ma anche nella sua saggezza . Lo standard a priori ed eterno di giustizia a cui aderisce Dio deve essere il fondamento della teoria del diritto naturale .

Leibniz definisce la giustizia come la carità del saggio. Sebbene questa definizione possa sembrare strana a chi è abituato a una distinzione tra giustizia e carità, la vera originalità di Leibniz è la sua definizione di carità e amore . In effetti, la XVII °  secolo, è la questione della possibilità di amore disinteressato. Sembra che ogni essere agisca in modo tale da perseverare nell'esistenza, che Hobbes e Spinoza chiamano conatus alla base delle rispettive psicologie . Secondo questo punto di vista, chi ama è colui che vede in questo amore un mezzo per migliorare la propria esistenza; l'amore si riduce allora a una forma di egoismo e, anche se benevolo , mancherebbe di una componente altruistica . Per risolvere questa incompatibilità tra egoismo e altruismo, Leibniz definisce l'amore come il piacere della felicità degli altri . Così, Leibniz non nega il principio fondamentale della condotta di ogni individuo, la ricerca del piacere e dell'interesse personale , ma riesce a legarlo alla preoccupazione altruistica per il benessere degli altri. Quindi, l'amore è definito come la coincidenza tra altruismo e interesse personale; la giustizia è la carità del saggio; e il saggio, dice Leibniz, è colui che ama tutto.

Matematica

Il lavoro matematico di Leibniz può essere trovato nel Journal des savants de Paris , nell'Acta Eruditorum de Leipzig (che ha contribuito a fondare) così come nella sua abbondante corrispondenza con Christian Huygens , i fratelli Jean e Jacques Bernoulli , il Marchese de L'Hospital , Pierre Varignonecc.

Calcolo infinitesimale

Isaac Newton e Leibniz sono spesso accreditati con l'invenzione del calcolo infinitesimale . In verità ci sono da Archimede ( III °  sec  . aC ), i primi frutti di questo tipo di calcolo. Sarà sviluppato successivamente da Pierre de Fermat , François Viète e dalla sua codificazione dell'algebra , e René Descartes e la sua algebralizzazione della geometria .

Tutto il XVII °  secolo, ha studiato l'indivisibile e l'infinitamente piccolo. Come Newton , Leibniz dominò presto l'indeterminazione nel calcolo delle derivate. Inoltre, sta sviluppando un algoritmo che è lo strumento principale per l'analisi di un tutto e delle sue parti, basato sull'idea che tutto integra piccoli elementi le cui variazioni contribuiscono all'unità. Il suo lavoro su quello che chiamò il "superiore capzioso" sarà continuato dai fratelli Bernoulli, il marchese de L'Hôpital , Eulero e Lagrange .

Valutazione

Secondo Leibniz, il simbolismo matematico non è altro che un campione riguardante l' aritmetica e l' algebra del suo progetto più generale di caratteristica universale . Secondo lui, lo sviluppo della matematica dipende soprattutto dall'uso di un simbolismo appropriato; ritiene quindi che i progressi compiuti in matematica siano dovuti al suo essere riuscito a trovare simboli adatti alla rappresentazione delle quantità e delle loro relazioni. Il principale vantaggio del suo metodo di calcolo infinitesimale rispetto a quello di Newton ( metodo di flusso ) è infatti il ​​suo uso più giudizioso dei segni.

È all'origine di diversi termini:

Crea anche diverse nuove notazioni:

  • introdotto nel 1692 contemporaneamente al termine “funzione”;
  • per il differenziale  ;
  • per l' integrale .

Gli dobbiamo anche una definizione logica di uguaglianza .

Migliora anche la notazione nell'aritmetica elementare  :

Sistema binario

Joachim Bouvet inviò a Leibniz un diagramma che rappresenta i 64 esagrammi di Fuxi (1701).

Leibniz si interessò vivamente al sistema binario . A volte è visto come l'inventore, anche se non è così. Infatti Thomas Harriot , matematico e scienziato inglese, aveva già lavorato su sistemi non decimali  : binario , ternario , quaternario e quinario , ma anche sistemi a base superiore. Secondo Robert Ineichen dell'Università di Friburgo , Harriot è "probabilmente il primo inventore del sistema binario". Secondo Ineichen, Mathesis biceps vetus et nova del pastore spagnolo Juan Caramuel y Lobkowitz è la prima pubblicazione conosciuta in Europa sui sistemi non decimali, incluso il binario. Infine, John Napier si occupa di aritmetica binaria nel Rabdologiæ (1617) e Blaise Pascal afferma nel De numeris multiplicibus (1654/1665) che il sistema decimale non è obbligatorio.

Leibniz cerca un sostituto per il sistema decimale dalla fine del XVII °  secolo. Ha scoperto l'aritmetica binaria in un libro cinese di 2500 anni fa, lo Yi Jing ("Classico dei cambiamenti"). Scrive un articolo che chiama "Spiegazione dell'aritmetica binaria, che usa solo i caratteri 1 e 0, con alcune osservazioni sulla sua utilità e sulla luce che getta sulle antiche figure cinesi di Fu Xi" -  Fu Xi è l'autore leggendario di Yi Jing. Durante un soggiorno a Wolfenbüttel, presenta il suo sistema al duca Rodolphe-Auguste , che ne rimane molto colpito. Lo mette in relazione con la creazione del mondo. In principio era il nulla (lo 0); nel primo giorno esisteva solo Dio; dopo 7 giorni (in notazione binaria, il 7 si scrive 111), tutto esisteva, poiché lo 0 non esisteva più. Leibniz crea anche una moneta con, al dritto, una rappresentazione del duca e, al rovescio, un'allegoria di la creazione di numeri binari.

Quando fu nominato membro dell'Académie royale des sciences de Paris, nel 1699, Leibniz inviò uno scritto che presentava il sistema binario. Se gli accademici hanno espresso il loro interesse per la scoperta, hanno comunque ritenuto che fosse molto difficile da gestire e hanno aspettato che Leibniz presentasse esempi di applicazione. Diversi anni dopo, espose nuovamente il suo studio, che fu accolto meglio; questa volta lo collega agli esagrammi di Yi Jing . Il suo articolo è presente nella Storia della Royal Academy of Sciences del 1703 , oltre a una recensione scritta da un contemporaneo, "New Binary Arithmetic". Riconoscendo questo modo di rappresentare i numeri come un'eredità molto lontana dal fondatore dell'Impero cinese "  Fohy  ", Leibniz si interroga a lungo sull'utilità dei concetti che ha appena presentato, in particolare per quanto riguarda le regole aritmetiche che "sviluppa".

Alla fine, sembra concludere che l'unica utilità che vede in tutto questo è una sorta di bellezza essenziale, che rivela la natura intrinseca dei numeri e la loro interrelazione.

Altri lavori

Leibniz è interessato ai sistemi di equazioni e prevede l'uso dei determinanti . Nel suo trattato sull'arte combinatoria, una scienza generale della forma e delle formule , sviluppa tecniche di sostituzione per risolvere equazioni. Si occupa della convergenza delle serie , dello sviluppo in serie intera di funzioni quali esponenziale , logaritmo , funzioni trigonometriche (1673). Scoprì la curva brachistocrona e si interessò alla rettifica delle curve (calcolo della loro lunghezza). Ha studiato trattato sulla conica da Pascal e scritto sull'argomento. È il primo a creare la funzione ( conspectus calculi ). Studia gli inviluppi delle curve e la ricerca dell'estremo per una funzione ( Nova methodus pro maximis et minimis , 1684).

Tenta anche un'incursione nella teoria e nella topologia dei grafi ( analisi situs ).

Altri lavori

Fisico

Leibniz, come molti matematici del suo tempo, era anche un fisico. Sebbene oggi sia noto per la sua metafisica e la sua teoria dell'ottimismo, Leibniz si è affermato come una delle figure principali della rivoluzione scientifica insieme a Galileo , Cartesio , Huygens , Hooke e Newton . Leibniz divenne un meccanico molto presto, intorno al 1661 , mentre studiava a Lipsia , come riferisce in una lettera a Nicolas Rémond . Tuttavia, una profonda differenza lo separa da Isaac Newton  : se Newton ritiene che "la fisica dovrebbe guardarsi dalla metafisica" e cerca di prevedere i fenomeni attraverso la sua fisica, Leibniz cerca di scoprire l'essenza nascosta delle cose e del mondo, senza cercare di ottenere calcoli precisi su alcun fenomeno. Venne così a rimproverare a René Descartes e Newton di non saper fare a meno di un Deus ex machina (una ragione divina nascosta) nel loro fisico, perché questi non spiegavano tutto ciò che è, ciò che è possibile e ciò che non lo è.

Leibniz ha inventato il concetto di energia cinetica , sotto il nome di " forza vivente   ". Si oppone all'idea di Cartesio che la quantità mv (che a quel tempo era chiamata forza motrice o quantità di movimento) si conservasse negli urti, indipendentemente dalle direzioni del movimento.

“Si trova dalla ragione e dall'esperienza che è la forza vivente assoluta [mv 2 ] che si conserva e in nessun modo la quantità del movimento. "

- Gottfried Wilhelm Leibniz, Saggio sulla dinamica (1691)

Il principio di minima azione fu scoperto nel 1740 da Maupertuis . Nel 1751, Samuel König affermava di avere una lettera di Leibniz, datata 1707, in cui affermava questo stesso principio, quindi ben prima di Maupertuis. L'Accademia di Berlino ha incaricato Leonhard Euler di studiare il problema dell'autenticità di questa lettera. Eulero fece un rapporto, nel 1752, in cui concludeva che era falso: König avrebbe inventato l'esistenza di questa lettera di Leibniz. Ciò non impedisce a Leibniz di aver avanzato, in ottica, un'affermazione (senza formalismo matematico) vicina al principio di Fermat , intorno al 1682.

Nella sua Philosophiae naturalis principia mathematica , Isaac Newton concepisce lo spazio e il tempo come cose assolute. Nella sua corrispondenza con Samuel Clarke , che sostiene le idee di Newton, Leibniz confuta queste idee e propone un sistema alternativo. Secondo lui, lo spazio e il tempo non sono cose in cui si trovano gli oggetti, ma un sistema di relazioni tra questi oggetti. Spazio e tempo sono "esseri della ragione", vale a dire astrazioni dalle relazioni tra gli oggetti.

“Ho notato più di una volta che avevo spazio per qualcosa di puramente relativo, come il tempo; perché un ordine di convivenze come il tempo è un ordine di successioni... Non credo che ci sia spazio senza materia. Gli esperimenti che chiamiamo vuoto, escludono solo una materia grossolana"

Terzo scritto di M.  Leibniz o replica a una seconda risposta di M.  Clarke , 27 febbraio 1716, trad. L. Prendendo.

Biologia

Leibniz era molto interessato alla biologia . Il suo incontro con i microscopisti Jan Swammerdam e Antoni van Leeuwenhoek a L'Aia nel 1676 avrà una grande influenza sui suoi concezioni del animale corpo .

Tra il 1670 e l'inizio del 1680 , Leibniz si dedicò alla vivisezione a scala macroscopica e studia principalmente le funzioni e le relazioni tra gli organi . A quel tempo, concepì gli animali alla maniera di René Descartes , vale a dire come macchine obbedienti a principi meccanici, le parti essendo strutturate e ordinate per il corretto funzionamento del tutto. Secondo Leibniz, le caratteristiche distintive di un animale sono l' alimentazione e la locomozione autonome. Leibniz ritiene che queste due facoltà siano il risultato di processi termodinamici interni: gli animali sono quindi macchine idrauliche , pneumatiche e pirotecniche .

La visione di Leibniz cambiò radicalmente nel 1690, quando si dedicò allo studio microscopico delle diverse parti di un corpo animale come un microrganismo a sé stante. Ispirandosi alle scoperte di Swammerdam e Leeuwenhoek, che rivelano che il mondo è popolato da organismi viventi invisibili ad occhio nudo , e adottando la visione che cominciava a diffondersi all'epoca, secondo la quale gli organismi viventi all'interno di un più grande non sono solo "abitanti", ma parti costitutive dell'organismo ospite, Leibniz concepisce ora l'animale come una macchina essa stessa composta di macchine, relazione fedele all'infinito. A differenza delle macchine artificiali, le macchine animali, che Leibniz chiama "macchina divina", non hanno quindi alcuna parte individuale. Per rispondere alla domanda sull'unità di un tale infinito intrecciato, Leibniz risponde che i costituenti della macchina divina sono in relazione di dominante con dominato. Ad esempio, il cuore è la parte del corpo responsabile del pompaggio del sangue per mantenere in vita il corpo e le parti del cuore sono responsabili del mantenimento del cuore attivo. Questo rapporto di dominio assicura l'unità della macchina animale. Va notato che sono i corpi degli animali, e non gli animali stessi, a includere altri animali. Anzi, altrimenti, contraddirebbe la concezione leibniziana della sostanza , poiché gli animali, costituiti da parti autonome, perderebbero la loro unità come sostanze corporee.

Medicinale

Leibniz cerca di tenersi al passo con i progressi della medicina e di suggerire miglioramenti per questa scienza che è ancora ad uno stadio molto elementare. La circolazione sanguigna è stata scoperta solo appena un centinaio di anni prima e bisognerà attendere non molto di più di due secoli prima che i medici non si lavino sistematicamente le mani prima di un'operazione. Nel 1691, quando Justel gli disse dell'esistenza di un rimedio per la dissenteria , fece di tutto per ottenere questa radice (ipécacuana) dal Sud America e fece una campagna per il suo uso in Germania. Qualche anno dopo, in una lettera indirizzata alla principessa Sophie, offrì una serie di raccomandazioni nel campo della medicina, che oggi ci sembrano evidenti.

Per far progredire la medicina era necessario promuovere la ricerca medica e la diffusione dei risultati. Era essenziale che la diagnosi precedesse il trattamento. Era inoltre necessario osservare i sintomi della malattia e registrare una storia scritta dei suoi progressi e delle reazioni del paziente al trattamento. Era importante anche divulgare le segnalazioni sui casi più interessanti: in questo senso era fondamentale che gli ospedali avessero fondi e personale adeguati. Infine, difende la necessità della medicina preventiva e la creazione di un Consiglio della Sanità, composto da politici e medici in grado di proporre un certo numero di misure per malattie ad ampia diffusione sociale, come le periodiche epidemie. Il medico e filosofo Ramazzini , che conobbe a Modena , richiamò la sua attenzione sull'importanza della statistica medica. Leibniz è convinto che la diffusione di tali statistiche porterà ad un sostanziale miglioramento, in quanto i medici saranno meglio attrezzati quando si tratterà di curare le malattie più frequenti. Su questo tema insiste a più riprese e suggerisce addirittura al Journal des savants di pubblicare annualmente queste statistiche, secondo il modello stabilito da Ramazzini.

Geologia

Leibniz ha mostrato costantemente un vivo interesse per lo studio dell'evoluzione della Terra e delle specie. Durante i suoi viaggi si è sempre interessato ai gabinetti delle curiosità, dove poteva osservare fossili e residui minerali. Durante il suo soggiorno nell'Harz e i suoi viaggi in Germania e in Italia, raccolse numerosi campioni di minerali e fossili. Ha incontrato Niels Stensen ad Hannover e ha letto Kircher . Come parte della sua opera incompiuta sulla storia della casata di Brunswick, Leibniz scrisse una prefazione intitolata Protogea che trattava di storia naturale e geologia , scritta nel 1691 ma pubblicata solo nel 1749. Include inoltre un riassunto della sua teoria dell'evoluzione della Terra in Teodicea .

Protogéa è la prima opera a comprendere un'ampia gamma di importanti questioni geologiche: l'origine del pianeta Terra, la formazione dei rilievi, le cause delle maree, degli strati e dei minerali e l'origine organica dei fossili. Leibniz riconobbe l'origine ignea del pianeta e l'esistenza di un fuoco centrale. Tuttavia, a differenza di Cartesio che indicava il fuoco come causa delle trasformazioni terrene, considerava anche l'acqua come un agente geologico. Le montagne, disse, provenivano da eruzioni prima dell'alluvione, causate non solo dalle piogge, ma anche dall'eruzione dell'acqua dal sottosuolo. Citò anche l'acqua e il vento come modificatori del rilievo e distinse due tipi di rocce: magmatiche e sedimentarie.

Fu anche uno dei pionieri della teoria dell'evoluzione, suggerendo che le differenze osservate tra gli animali esistenti ei fossili trovati fossero spiegate dalla trasformazione delle specie durante le rivoluzioni geologiche.

biblioteconomia

Leibniz fu bibliotecario ad Hannover dal 1676 ea Wolfenbüttel dal 1691 . Gli fu anche offerto questo incarico in Vaticano nel 1686 ea Parigi nel 1698 (e forse anche a Vienna ), ma rifiutò per lealtà al luteranesimo , posti che richiedevano la conversione al cattolicesimo .

Nella sua Rappresentanza a SAS il Duca di Wolfenbüttel per incoraggiarlo a mantenere la sua Biblioteca , Leibniz spiega come intendeva esercitare le sue funzioni. Attaccò alla sua memoria due piani di classificazione delle biblioteche basati sulla classificazione delle scienze , che serviranno anche come base per l' Enciclopedia - Leibniz disse a questo proposito in una lettera al duca Jean-Frédéric nel 1679  : "È necessario che" un Biblioteca o Enciclopedia”:

Louis Couturat, nella Logica di Leibniz , indica l'ordine e la distinzione delle tre parti della filosofia ( metafisica , matematica e fisica ), distinzione basata su quella dei loro oggetti, cioè delle nostre facoltà di conoscere: oggetti di pura comprensione, dell'immaginazione, dei sensi.

Ha concepito il progetto di un'enciclopedia o "biblioteca universale":

“È importante per la felicità dell'umanità che sia fondata un'Enciclopedia, vale a dire una raccolta ordinata di verità sufficienti, per quanto possibile, per la deduzione di tutte le cose utili. "

- Gottfried Wilhelm Leibniz, Initia et specimina scientiæ generalis , 1679 - 1680

Storia

Leibniz, a partire dal 1670, ebbe anche un'importante attività di storico. Inizialmente era legato al suo interesse per il diritto, che lo portò a sviluppare un lavoro sulla storia del diritto e a pubblicare, negli anni novanta dell'Ottocento, un'importante raccolta di documenti legali medievali. È anche legato all'ordine posto nel 1685 dall'Elettore di Hannover: una storia della Casa di Brunswick. Convinto che questa famiglia aristocratica in parte origini simili alla casa italiana di Este, Leibniz ha intrapreso un importante lavoro sulla storia dell'Europa IX ° al XI °  secolo. Si recò nel sud della Germania e in Austria alla fine del 1687 per raccogliere la documentazione necessaria per la sua indagine. Una scoperta fatta ad Augusta nelamplia notevolmente le sue prospettive; può infatti consultare nel monastero benedettino di questa località il codex Historia de guelfis principibus , in cui trova le prove dei legami tra i Guelfi, fondatori del Ducato di Brunswick-Lüneburg e la Casa d'Este, nobili italiani del Ducato di Ferrara e Modena. Questa scoperta lo costrinse a prolungare il suo viaggio in Italia, in particolare a Modena, fino al 1690. L'opera storica di Leibniz fu molto più complessa del previsto e, nel 1691, spiegò al duca che l'opera poteva essere completata in pochi minuti. se ha beneficiato di una collaborazione, che ha ottenuto con l'assunzione di un segretario. Scrive ugualmente la parte relativa alle sue scoperte; se tre volumi vedranno effettivamente la luce, l'opera non sarà mai completata prima della sua morte nel 1716. Leibniz partecipa così all'opera dell'epoca, che, con Jean Mabillon , Étienne Baluze e Papebrocke, fondò la critica storica; apporta elementi importanti alle questioni di cronologia e genealogia delle famiglie sovrane d'Europa. Ingaggia una famosa polemica sulla casa d'Este con il grande studioso italiano Antonio Muratori.

Politica e diplomazia

Leibniz era molto interessato alle questioni politiche.

Poco dopo il suo arrivo a Magonza , pubblicò un breve trattato in cui cercava di risolvere per deduzione la questione della successione al trono polacco .

Nel 1672 Boyneburg lo mandò in missione diplomatica a Parigi per convincere Luigi XIV a portare le sue conquiste in Egitto piuttosto che in Germania, secondo il piano ideato dallo stesso Leibniz. Al di là dell'obiettivo dei negoziati di pace in Europa, si recò a Parigi con altri progetti: incontrare il bibliotecario reale Pierre de Carcavi, parlargli della macchina aritmetica su cui stava lavorando ed entrare all'Academy des sciences de Paris.

Irenista , Leibniz cercò la riunificazione delle Chiese cristiane cattoliche e protestanti , nonché l'unificazione dei rami del protestantesimo che costituiscono il luteranesimo e le chiese riformate . Cercò quanto più sostegno possibile, soprattutto tra i potenti, consapevole che se non fosse riuscito a coinvolgere il Papa, l'imperatore o un principe regnante, le sue possibilità di successo sarebbero rimaste scarse. Durante la sua vita scrisse vari scritti in difesa di questa idea, in particolare Systema theologicum , un'opera che proponeva la riunificazione dal punto di vista cattolico, che non fu pubblicata fino al 1845. Con il suo amico vescovo Cristóbal de Rojas y Spínola che, come lui, facevano campagna per la riunificazione delle confessioni protestanti, consideravano la promozione di una coalizione diplomatica tra gli elettori di Brunswick-Lüneburg e della Sassonia, contro l'imperatore che aveva espresso la sua opposizione al progetto di riunificazione religiosa.

Diritto

Tecnologia e ingegneria

Leibniz, come ingegnere, ha ideato molte invenzioni.

Progettò una macchina aritmetica in grado di moltiplicare, e per questo inventò la memorizzazione del moltiplicando grazie ai suoi famosi cilindri scanalati , utilizzati fino agli anni '60 . Dopo aver costruito tre primi modelli, ne costruì un quarto più tardi, nel 1690 , ritrovato nel 1894 presso l' Università di Göttingen ed ora conservato presso la Biblioteca Gottfried Wilhelm Leibniz di Hannover.

Inoltre era un pioniere nell'uso di energia eolica , cercando invano di sostituire ruote idrauliche azionato pompa da tempo utilizzati in Germania con mulini a drenare le miniere del Harz . Nel campo dell'industria mineraria, è anche l'inventore della tecnica della catena senza fine.

Leibniz progettò anche la fontana più alta d'Europa nei Giardini Reali di Herrenhausen . Ha anche migliorato il trasporto su terreni accidentati con ruote ricoperte di ferro.

Leibniz disegnò anche i piani per un sottomarino , per una cotta di maglia , o per una specie di piolo costituito da un chiodo con spigoli vivi.

Linguistica e filologia

Al di là della interesse filosofico per la lingua ideale degli scienziati del XVII E  secolo , pratiche Leibniz linguistica soprattutto come scienza ausiliaria della storia . Il suo obiettivo è identificare i gruppi etnici e le loro migrazioni per ricostruire la storia prima della tradizione scritta. Inoltre, Leibniz, nell'ambito della sua storia della casata di Brunswick , prevede di scrivervi due prefazioni, la prima, Protoga , che tratta di geologia , la seconda delle migrazioni delle tribù europee, basata sulla ricerca linguistica.

Il suo scopo è stabilire la parentela tra le lingue, basandosi sul presupposto che la lingua di un popolo dipende dalla sua origine. Il suo interesse è quindi principalmente rivolto all'etimo e alla toponomastica .

Leibniz pratica la linguistica su una scala molto più ampia rispetto ai suoi contemporanei. Il suo materiale lessicale spazia dai dialetti tedeschi a lingue lontane come il manciuriano . Per raccogliere tutto questo materiale si basa sulla bibliografia preesistente, sulle sue osservazioni personali o sui suoi corrispondenti, in particolare missionari cristiani in Cina o membri della Compagnia Olandese delle Indie Orientali . Riunisce questo materiale lessicale all'interno della sua Collectanea etymologica .

Se questo desiderio di universalità è la forza del progetto leibniziano, è anche la sua debolezza, perché lo studio di una tale quantità di materiale supera le capacità di un singolo individuo. Tuttavia, le raccolte lessicali che riuscì a costituire consentirono di salvare testimonianze di lingue che sarebbero andate perdute senza l'opera di Leibniz.

Nel 1696, con l'intento di promuovere lo studio del tedesco, propose la creazione della Società tedesca a Wolfenbüttel , sotto l'egida del duca Antoine-Ulrich che regnò al fianco del fratello Rodolphe-Auguste , entrambi amici di Leibniz. Una delle sue opere principali in questo campo fu Unvorgreissliche Gedanken, betreffend die Ausübung und Verbesserung der teutschen Sprache ("Considerazioni sulla cultura e la perfezione della lingua tedesca"), scritta nel 1697 e pubblicata nel 1717. Sperava che il tedesco diventasse un vettore di espressione culturale e scientifica, indicando che, dalla Guerra dei Trent'anni , questa lingua si è deteriorata e rischia di essere alterata dal francese.

Lo stato definitivo delle sue teorie sulla filiazione delle lingue ci è noto da una tavola del 1710  : dalla lingua originale ( Ursprache ), spiccano due rami: japhétique (che copre l' Asia nord-occidentale e l' Europa ) e aramico (che copre l' Asia sudoccidentale e l' Africa ); il persiano , l' aramaico e il georgiano discendente di entrambi. Il ramo aramico si divide in arabo ed egiziano (dividendosi in altri gruppi più piccoli), mentre il ramo giapponese si divide in scita e celtico; Scita dà turco , slavo , finlandese e greco , e celtico dà celtico e tedesco; quando i due si mescolano, danno le lingue appenniniche, pirenaiche e dell'Europa occidentale (incluso francese e italiano ) che hanno ripreso elementi del greco.

Leibniz inizialmente credeva che tutte le lingue europee provenissero da un'unica lingua, forse l' ebraico . La sua ricerca, infine, lo porterà ad abbandonare l'ipotesi di un unico gruppo linguistico europeo. Inoltre, Leibniz confutò l'ipotesi degli accademici svedesi che lo svedese fosse la più antica (e quindi la più nobile) delle lingue europee.

Sinologia

Gli scritti e le lettere di Leibniz di oltre mezzo secolo testimoniano il suo forte e duraturo interesse per la Cina . Nicolas Malebranche , uno dei primi europei ad interessarsi di sinologia verso la fine della sua carriera, giocherà un ruolo chiave nell'interesse di Leibniz per la Cina.

Dal 1678 Leibniz conosceva un po' la lingua e considerava che fosse la migliore rappresentazione della lingua ideale che stava cercando. secondo lui, la civiltà europea è la più perfetta in quanto basata sulla rivelazione cristiana, e la civiltà cinese rappresenta il miglior esempio di civiltà non cristiana. Nel 1689 , l'incontro con il gesuita Claudio Filippo Grimaldi, missionario cristiano a Pechino di passaggio a Roma , allargò e rafforzò l'interesse di Leibniz per la Cina.

Inizialmente, era interessato principalmente nella lingua cinese in: l'uso di questo sistema da parte del sordi - muti , l'idea che era forse il ricordo di un tempo dimenticato di calcolo , e la questione di sapere se la sua costruzione ha seguito le leggi logico-matematiche simili a quelli del progetto di carattere universale di Leibniz . L'incontro con Grimaldi permette a Leibniz di rendersi conto dell'importanza dello scambio intellettuale che può avvenire tra Europa e Cina grazie ai viaggi dei missionari.

Nel , pubblica la Novissima Sinica ("Ultime notizie dalla Cina"), una raccolta di lettere e saggi dei missionari gesuiti in Cina. Grazie a padre Verjus, direttore della missione dei gesuiti in Cina, al quale ne ha inviato una copia, il libro è approdato nelle mani di padre Joachim Bouvet , missionario tornato dalla Cina e soggiornante a Parigi. Il rapporto tra Leibniz e Bouvet è quindi molto spontaneo e dà luogo allo sviluppo più generale del sistema binario. Dopo aver familiarizzato con la filosofia di Leibniz, Bouvet arriva a paragonarla all'antica filosofia cinese, poiché quest'ultima aveva stabilito i principi del diritto naturale. È anche Bouvet che lo invita a guardare gli esagrammi di Yi Jing , un sistema simile al binario creato da Fuxi , il leggendario imperatore della Cina e considerato il fondatore della cultura cinese.

Leibniz perora con vari organismi a favore di un riavvicinamento tra Europa e Cina attraverso la Russia. Mantenendo buoni rapporti con Mosca, spera di poter scambiare scoperte e cultura. Ha anche esortato l'Accademia di Berlino a istituire una missione protestante in Cina. Pochi mesi prima di morire, pubblicò la sua opera principale sulla Cina, intitolata Discorso sulla teologia naturale dei cinesi , la cui ultima parte espone finalmente il suo sistema binario e i suoi legami con lo Yi Jing .

Psicologia

La psicologia era una delle principali attrazioni di Leibniz. Sembra essere un "precursore sottovalutato della psicologia". Si interessa a diversi temi che fanno ormai parte della psicologia: attenzione e coscienza , memoria , apprendimento , motivazione , individualità e ruolo dell'evoluzione . Ha fortemente influenzato il fondatore della psicologia come disciplina a sé stante, Wilhelm Wundt , che pubblicherà una monografia su Leibniz, e utilizzerà il termine appercezione introdotto da Leibniz.

Giochi

Già nel 1670 , i testi mostrano l'interesse di Leibniz per i giochi, e dal 1676 e fino alla sua morte, si dedicò ad uno studio approfondito dei giochi .

Leibniz era un eccellente giocatore di scacchi  ; era particolarmente interessato all'aspetto scientifico e logico del gioco (al contrario dei giochi che implicano una parte del caso), e fu il primo a considerare questo come una scienza.

Ha anche inventato un solitario con conto alla rovescia.

Letteratura

Leibniz tentò di promuovere l'uso della lingua tedesca e propose la creazione di un'Accademia per l'arricchimento e la promozione del tedesco. Nonostante queste opinioni, scrisse poco in tedesco ma soprattutto in latino e francese , a causa della mancanza di termini tecnici astratti in tedesco. Così, quando ha scritto in tedesco, è stato spesso costretto ad usare termini latini, anche se di tanto in tanto ha cercato di farne a meno, nello spirito del movimento per la purezza linguistica del XVIII °  secolo .

Nonostante avesse avuto una carriera scientifica, Leibniz continuò a sognare una carriera letteraria . Ha scritto poesie (in particolare in latino ), in cui ha preso grande orgoglio, e si vantava che avrebbe potuto recitare la maggior parte di Virgilio s' Eneide . Aveva uno stile di scrittura del latino elaborato, tipico degli umanisti del tardo Rinascimento .

Egli è l'autore di un'edizione di Antibarbarus l'umanista italiano del XVI °  secolo, Mario Nizzoli . Nel 1673 , si arruolò nella realizzazione di pubblicare ad usum Delphini lavori di Marziano Capella , autore del XV °  secolo . Nel 1676 tradusse in latino due dialoghi di Platone , il Fedone e il Teeteto .

È il primo moderno a notare le profonde differenze tra la filosofia di Platone e le questioni mistiche e superstiziose del neoplatonismo - che chiama "pseudo-platonismo".

Musica

Patrice Bailhache era interessato al particolare rapporto di Leibniz con la musica. Lo considerava "una pratica nascosta dell'aritmetica, la mente non essendo consapevole che conta" ( "musica est exercitium arithmeticae occultum nescientis se numerare animi" ).

Senza dedicarvi esaurienti sviluppi, la sua corrispondenza con il funzionario Conrad Henfling mostra un vivo interesse per esso. Discute in particolare la nozione di consonanza, nonché la classificazione degli intervalli e degli accordi consonanti, e il concetto di temperamento .

Tuttavia, Leibniz mette in guardia contro di esso, perché come piacere della mente, si può perdere troppo tempo su di esso. Lo spiega in particolare così: "i piaceri dei sensi che più si avvicinano ai piaceri della mente <, e che sono i più puri e i più sospiri>, sono quelli della musica [...]" e "l'unico una cosa che possiamo temere è passare troppo tempo lì” .

Inoltre, Leibniz le attribuisce un ruolo subordinato, rispetto ad altre discipline. Questo probabilmente spiega il fatto che non abbia prodotto studi musicologici approfonditi. Patriche Bailhache argomenta in questo senso, citando Leibniz: “i piaceri dei sensi si riducono a piaceri intellettuali confusamente conosciuti. La musica ci incanta […]” (GP, VI, p. 605).

In queste condizioni, secondo Patriche Bailhache "la matematica, la filosofia, la religione sono discipline molto più alte in dignità della musica, e anche della teoria della musica (perché questa teoria guarda ad un oggetto di valore inferiore) ".

posterità

Eredità, critiche e controversie

Quando morì, Leibniz non godeva di una buona immagine. Egli è infatti coinvolto in una disputa di paternità riguardante il calcolo infinitesimale con Isaac Newton  : Newton e Leibniz avevano entrambi trovato le tecniche per calcolare la derivazione e l'integrazione. Leibniz pubblicò la prima nel 1684 mentre Newton non pubblicò fino al 1711 opere che avrebbe realizzato quasi 40 anni prima, negli anni 1660-1670.

Leibniz e il suo discepolo Christian Wolff influenzeranno fortemente Emmanuel Kant . Tuttavia, non è chiaro come le idee leibniziane influenzeranno le tesi kantiane. In particolare, non sappiamo realmente se Kant, nel suo commento a temi leibniziani, commenti direttamente Leibniz oi suoi eredi.

Nel 1765 , la pubblicazione dei New Essays on Human Understanding offriva per la prima volta un accesso diretto al pensiero leibniziano, indipendentemente dall'immagine trasmessa da Wolff. Questo evento ebbe un effetto decisivo sulla filosofia di Kant e sull'Illuminismo tedesco ( Aufklärung ).

Tra l' Illuminismo , i punti di vista su Leibniz sono divisi. Da un lato, Jean-Jacques Rousseau trae parte del suo apprendistato da Leibniz; Denis Diderot lo elogia nell'Enciclopedia e, nonostante molte opposizioni tra i due filosofi, troviamo notevoli somiglianze tra i New Essays on Human Understanding di Leibniz e i Pensées sur l'interpretation de la nature di Diderot . . Tuttavia, allo stesso tempo, la teodicea di Leibniz, e la sua idea del migliore dei mondi possibili , saranno fortemente criticate in modo satirico da Voltaire nel suo racconto filosofico Candido attraverso il personaggio di Pangloss.

Leibniz influenzò fortemente anche il neurofisiologo , psicologo e filosofo Wilhelm Wundt , noto come il fondatore della psicologia come disciplina sperimentale. Quest'ultimo gli dedicherà una monografia nel 1917.

Nel XX °  secolo , il logico Kurt Gödel è stato fortemente influenzato da Leibniz (e da Kant e Husserl ) e ha studiato intensamente il lavoro di questi ultimi tra il 1943 e il 1946 . Era anche convinto che una congiura fosse all'origine della soppressione di alcune opere di Leibniz. Gödel considerava realizzabile la caratteristica universale .

Secondo il Mathematics Genealogy Project , Leibniz ha più di 110.000 discendenti in matematica , inclusi due studenti: Nicolas Malebranche (a cui ha condiviso i suoi calcoli durante le interviste a Parigi nel 1672 ) e Christian Wolff .

Nel 1968 Michel Serres pubblica il suo primo libro, Le Système de Leibniz ei suoi modelli matematici. La lettura di Leibniz lo accompagnerà per tutta la vita, dichiarando ad esempio "Internet è Leibniz senza Dio" .

Distinzioni e omaggi

Diverse istituzioni sono state nominate in suo omaggio:

Inoltre, un premio intitolato in suo onore, il Premio Gottfried-Wilhelm-Leibniz , assegnato ogni anno dal 1986 dalla Fondazione tedesca per la ricerca , è uno dei premi più prestigiosi in Germania nel campo della ricerca scientifica .

In matematica , ha dato il suo nome:

In astronomia , ha dato il suo nome:

A Parigi , ha dato il suo nome alla via Leibniz e alla piazza Leibniz nel 18 ° distretto .

La fabbrica di biscotti Bahlsen vende biscotti chiamati "Leibniz-Keks" dal 1891 , la fabbrica di biscotti ha sede ad Hannover dove il filosofo ha vissuto per 40 anni.

La casa in cui viveva da quando morì nel 1716, datato 1499 , fu distrutto dai bombardamenti aerei la notte del a . Una fedele riproduzione ( Leibnizhaus , "La casa di Leibniz") - non situata nella posizione originale che non era disponibile, ma comunque vicina nel centro storico - è stata realizzata tra il 1981 e il 1983 .

In occasione dei 370 anni dalla sua nascita e del 300 °  anniversario della sua morte, anno che corrisponde anche al 10° anniversario della ribattezzazione dell'Università di Hannover e ai 50 anni dell'azienda Gottfried Wilhelm Leibniz, la città di Hannover ha dichiarato anno 2016 “Anno di Leibniz”.

Alla sua memoria sono dedicati due monumenti nel memoriale Leibniz di Hannover, una targa di bronzo scolpita per rappresentare il suo volto, e il tempio Leibniz, situato nel parco Georgengarten  (in) . Inoltre, citazioni del filosofo si trovano in diversi luoghi della città.

Ernst Hähnel realizzò una statua di Leibniz a Lipsia (la città natale del filosofo), il Leibniz Forum , nel 1883 . Esposta per la prima volta nella chiesa di San Tommaso , fu trasferita nel cortile dell'università della città nel 1896 - 1897 e sopravvisse miracolosamente ai bombardamenti di. Nel 1968 , durante la costruzione del nuovo edificio universitario, la statua fu nuovamente spostata.

Note e riferimenti

Appunti

  1. Diversi commenti sul nome di Leibniz:
    • in origine, il suo nome è stato scritto Leibnütz  ; Leibniz adottò l'ortografia -iz quando aveva circa vent'anni;
    • c'è un'altra grafia, Leibnitz con -tz  ; se, come fa notare Kuno Fischer , questa grafia è più coerente con l'origine slava del nome Leibniz, l'ortografia -z è quella usata dallo stesso Leibniz (anche se l'ortografia -tz era diventata l'ortografia comune del suo nome durante la sua vita, non l'ha mai usato); inoltre non c'è differenza di pronuncia in tedesco ;
    • il nome è anche già francisato in Godefroy Guillaume Leibnitz (si veda ad esempio l'elogio funebre di Fontenelle );
    • il nome è stato talvolta latinizzato in Gottfredo Guiliemo Leibnüzio (si veda ad esempio la prima pagina del De arte combinatoria );
    • Leibniz si faceva spesso chiamare “Gottfried von Leibniz” (“di Leibniz”), e molte edizioni postume delle sue opere lo presentano come il Freiherr GW von Leibniz  ; tuttavia, Leibniz, nonostante la sua volontà di essere nobilitato , non lo fu mai.
  2. Pronuncia in tedesco standard trascritta foneticamente secondo lo standard API .
  3. Secondo il calendario giuliano allora in vigore, Leibniz è nato il.
  4. Nota di Yvon Belaval in Leibniz: iniziazione alla sua filosofia  : "Leibniz, Leibnitz, Leibnüzius, Leibnütz, Leubnutz, Lubeniecz, ecc., come molte grafie, nel nostro stesso autore, a questo nome di origine slava:" Leibniziorum sive Lubeniccziorum nomen Slavonicum ”(KI xxxu). E, a proposito di un certo Lubiniszki: "Ho sempre immaginato che il suo nome fosse lo stesso del mio, e un giorno dovrò sapere cosa significa in slavo" (K. III. 235). " .
  5. Citazione completa: "Non dimentichiamo che la Logica è per Leibniz la Chiave della Natura: neque enim aliud est Naturæ quam Ars quædam Magna.  » , sottolinea nell'Appendice del De Complexionibus . "
  6. Non è stato fino alla pubblicazione di Louis Couturat inizi del XX °  secolo, per quel lavoro logica di Leibniz diventano facilmente accessibili.
  7. Negli scritti di Leibniz, il termine "teodicea" può significare sia l'attributo divino della giustizia, sia la dottrina relativa a questo argomento, sia il suo libro, i Saggi di Teodicea (abbreviato come "la" o "ma" Teodicea)
  8. Vedi anche Pensieri su religione e morale , il V e Nyon( leggi online ) , "Considerazioni sulle cause finali, adatte a far conoscere e provare l'esistenza di Dio", p.  85 ; Pensieri di Leibnitz su religione e moralità su Gallica .
  9. 1 °  volume di Acta Eruditorum  :

    "La causa finale è sufficiente per indovinare quali leggi segue la luce, perché se assumiamo che l'obiettivo della natura fosse condurre i raggi di luce da un punto all'altro per il percorso più semplice, troviamo che tutte queste leggi sono mirabilmente bene. "

    - Leibniz

  10. Vedi anche l'estratto dalla Terza Lettera di Leibniz a Clarke del 25 febbraio 1716 nell'articolo Principio di relatività .
  11. Ci sono 495 menzioni di Leibniz negli scritti di Kant (escluse le note) e 200 per Wolff, contro 275 per Isaac Newton , 225 per René Descartes e 95 per David Hume .

Note sui titoli

  1. Traduzione: "Dal principio di individuazione  ". Il titolo completo è "  Disputatio metaphysica de principio individui  ", ovvero "Discussione metafisica sul principio di individuazione  ".
  2. Traduzione: “Arte Combinatoria”. Il titolo completo è: “  Dissertatio de arte combinatoria  ” ovvero “Dissertation on combinatorial art”.
  3. Traduzione: "Casi perplessi in diritto". Il titolo completo è: “  Disputatio de Casibus Perplexis in Jure  ” ovvero “Discussione su casi perplessi in diritto”.
  4. Traduzione: "nuovo metodo per massimi e minimi". Il titolo completo è: “  Nova methodus pro maximis et minimis, itemque tangentibus, quae nec fractas nec irrationales quantitates moratur, et singulare pro illis calculi genus.  ", O" Nuovo metodo per massimi e minimi, oltre che per le tangenti, che non incontra né frazioni né irrazionali, con un metodo di calcolo originale. ".
  5. Traduzione: "Meditazioni su conoscenza, verità e idee".
  6. Traduzione: "Dalla geometria nascosta e dall'analisi degli indivisibili e degli infiniti"
  7. Traduzione: "Prime verità".
  8. Conosciuto in Francia sotto il nome di Protogée, o della formazione e le rivoluzioni del globo .
  9. Traduzione: "Ultime notizie dalla Cina".
  10. Il titolo completo è: "Spiegazione dell'aritmetica binaria, che utilizza solo i caratteri 1 e 0, con alcune osservazioni sulla sua utilità, e sulla luce che fa sulle antiche figure cinesi di Fu Xi"
  11. Il titolo completo è “Saggi di teodicea sulla bontà di Dio, la libertà umana e l'origine del male”. Viene spesso indicato con i titoli più brevi "Essais de Théodicée" e "Théodicée".
  12. "Monadologia" non è di Leibniz, ma di Heinrich Koehler nella sua traduzione tedesca del 1720.
  13. Traduzione: "Il progetto di Leibniz per una biblioteca pubblica ordinata secondo la classificazione delle scienze"
  14. Traduzione: "Il piano più limitato di Leibniz per una biblioteca ordinata"

Riferimenti

  1. ( it) Stanford University , Gottfried Wilhelm Leibniz  " , su Stanford Encyclopedia of Philosophy , 22 dicembre 2007 (revisionato il 24 luglio 2013) (consultato il 19 dicembre 2017 ) .
  2. (in) Stanford University , L'influenza di Leibniz è la logica del XIX secolo  " , su Stanford Encyclopedia of Philosophy ,(consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  3. (en) Stanford University , La filosofia della fisica di Leibniz  " , su Stanford Encyclopedia of Philosophy (consultato il 12 gennaio 2018 ) .
  4. (in) Stanford University , Leibniz on the Problem of Evil  " , su Stanford Encyclopedia of Philosophy , 4 gennaio 1998 (revisionato il 27 febbraio 2013) (consultato il 21 dicembre 2017 ) .
  5. (in) Stanford University , Kurt Gödel  " , su Stanford Encyclopedia of Philosophy ,(consultato il 15 gennaio 2018 ) .
  1. Henri Lachelier, "Introduzione - Prefazione - Storia dei nuovi saggi  " , in Gottfried Wilhelm Leibniz, Nuovi saggi sulla comprensione umana ,( leggi in linea ).
  2. Biblioteca Nazionale di Francia , “  Dissertatio de arte combinatoria - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  ” , su bnf.fr (consultato il 14 gennaio 2018 ) .
  3. Biblioteca nazionale di Francia , Notice de personne - Leibniz, Gottfried Wilhelm (1646-1716)  " , su bnf.fr (consultato il 14 gennaio 2018 ) .
  4. Biblioteca nazionale di Francia , “  De corporum concursu - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  ” , su bnf.fr (consultato il 21 dicembre 2017 ) .
  5. Bibliothèque nationale de France , Discours de métaphysique - Gottfried wilhelm Leibniz (1646-1716)  " , su bnf.fr (consultato il 21 dicembre 2017 ) .
  6. Biblioteca nazionale di Francia , Novissima Sinica - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  " , su bnf.fr (consultato il 21 dicembre 2017 ) .
  7. Bibliothèque nationale de France , “  Nuovi saggi sull'intelletto umano - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  ” , sulla bnf.fr (accesso 21 Dic 2017 ) .
  8. Gottfried Wilhelm Leibniz , “Spiegazione dell'aritmetica binaria, che usa solo i caratteri 1 e 0, con alcune osservazioni sulla sua utilità, e sulla luce che getta sulle antiche figure cinesi di Fu Xi » , In Storia della Reale Accademia delle Scienze di Parigi, Charles-Estienne Hochereau,( leggi in linea ).
  9. Biblioteca Nazionale di Francia , Essais de théodicée - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  " , sulla bnf.fr (consultate il dic 21, 2017 ) .
  10. Biblioteca nazionale di Francia , Principi di natura e grazia fondati sulla ragione - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  " , su bnf.fr (consultato il 21 dicembre 2017 ) .
  11. Bibliothèque nationale de France , “  Monadologie - Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  ” , su bnf.fr (consultato il 21 dicembre 2017 ) .
  12. Gottfried Wilhelm Leibniz , Monadologie , Paris, Théophile Desdouits, coll.  “  Gallica  ” ( avviso BnF n o  FRBNF42065807 , leggi online ) , p.  10-11.
  13. Storia della Reale Accademia delle Scienze , Parigi, Charles-Estienne Hochereau,( leggi online ) , "Nuova aritmetica binaria", p.  58-62.
  14. Biblioteca Nazionale di Francia , “  Gottfried Wilhelm Leibniz: Le filosofo des marvilles  ” , su classes.bnf.fr (consultato il 12 gennaio 2018 ) .
  1. (de) Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Leben und Werk  ” , su gwlb.de (consultato l'11 gennaio 2018 ) (versione francese: Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Vie de Leibniz  ” , su gwlb.de (consultato il 2 giugno 2018 ) ).
  2. (de) Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Geschichte der Gottfried Wilhelm Leibniz Bibliothek  ” , at gwlb.de (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  3. (de) Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Leibniz-Nachlass  ” , su gwlb.de (consultato il 3 gennaio 2018 ) .
  4. (de) Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Korrespondenz  ” , su gwlb.de (consultato il 3 giugno 2018 ) (versione francese: Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  La Correspondence  ” , su gwlb .de (consultato il 3 giugno 2018 ) ).
  5. (de) Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Leibniz 'sprachwissenschaftliche Forschungen  ” , su gwlb.de (consultato il 25 gennaio 2018 ) (versione francese: Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , “  Les leibniziana ricerca linguistica  ” , il gwlb.de (accessibile 2 giugno 2018 ) ).
  6. (de) Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , Leibniz und China  " , su gwlb.de (consultato il 12 gennaio 2018 ) (versione francese: Bibliothèque Gottfried Wilhelm Leibniz , Leibniz et la Chine  " , su gwlb. de (consultato il 2 giugno 1018 ) ).
  • Sito ufficiale della città di Hannover
  1. (en) Casa di Leibniz  " , sul sito web ufficiale della città di Hannover (consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  2. (en) Gottfried Wilhelm Leibniz  " , sul sito ufficiale della città di Hannover (consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  3. (in) Leibniz Calculating Machine  " , sul sito ufficiale della città di Hannover (consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  4. (De) Leibniz-Keks  " , sul sito ufficiale della città di Hannover (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  5. (in) Anno di Leibniz nel 2016  " , sul sito ufficiale della città di Hannover (consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  6. (in) Leibniz Memorial  " , sul sito ufficiale della città di Hannover (consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  7. (in) Tempio di Leibniz  " sul sito ufficiale della città di Hannover (consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  • Riferimenti per la classificazione dell'edizione completa
  1. (De) Gottfried-Wilhelm-Leibniz-Gesellschaft , “  Leibniz-Edition  ” (consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  2. (De) Gottfried Wilhelm Leibniz Sämtliche Schriften und Briefe: Achte Reihe, Naturwissenschaftliche, Medizinische und Technische Schriften, Erster Band , Academy of Sciences Berlin-Brandenburg ( presentazione online , leggi online ) , "" Schiften Verzeichnis "(" Catalogo degli scritti )” , pag.  643-654.
  3. (de) Gottfried Wilhelm Leibniz Sämtliche Schriften und Briefe: Sechste Reihe, Philosophische Schriften, Vierter Banda: Inhalt, Vorwort, Einleitung, unverlinkte Verzeichnisse , Università di Münster ( presentazione online , leggere online ) "" Inhaltsverzeich ")" , P.  4-32.
  4. (De) Gottfried-Wilhelm-Leibniz-Gesellschaft , “  Leibniz-Edition - Reihe VI  ” (consultato il 20 febbraio 2018 ) .
  • Riferimenti alla bibliografia
  1. MacDonald Ross 1984 , p.  3.
  2. Belaval 2005 , p.  21.
  3. Belaval 2005 , p.  22.
  4. Belaval 2005 , p.  23.
  5. MacDonald Ross 1984 , p.  4.
  6. Look 2011 , p.  3-6.
  7. Belaval 2005 , p.  46.
  8. MacDonald Ross 1984 , p.  5.
  9. Belaval 2005 , p.  47.
  10. MacDonald Ross 1984 , p.  6.
  11. MacDonald Ross 1984 , p.  15.
  12. MacDonald Ross 1984 , p.  18.
  13. MacDonald Ross 1984 , p.  19.
  14. Belaval 2005 , p.  191.
  15. MacDonald Ross 1984 , p.  25.
  16. Belaval 2005 , p.  192.
  17. Belaval 2005 , p.  194.
  18. MacDonald Ross 1984 , p.  10.
  19. MacDonald Ross 1984 , p.  9.
  20. MacDonald Ross 1984 , p.  11.
  21. Couturat 1903 , prefazione, p.  4-5.
  22. Couturat 1903 , prefazione, p.  8-9.
  23. Couturat 1903 , prefazione.
  24. MacDonald Ross 1984 , p.  1.
  25. Couturat 1901 , prefazione.
  26. Knecht 1981 , p.  37.
  27. Couturat 1901 , p.  2.
  28. Knecht 1981 , p.  38-39.
  29. Couturat 1901 , p.  35
  30. Couturat 1901 , p.  98.
  31. Couturat 1901 , p.  81-87.
  32. Couturat 1901 , Nota XIV - Sul bibliotecario Leibniz, p.  573 (traduzione dei termini latini: (en) Louis Couturat ( trad.  Donald Rutherford e Timothy Monroe), Note XIV - On Leibniz as Librarian  " , sul sito ufficiale dell'Università della California a San Diego (consultato il 12 gennaio 2018 ) .).
  33. Belaval 2005 , p.  190.
  34. Leroux 2015 , p.  4.
  35. Couturat 1901 , Nota XVII - Sulla teoria matematica dei giochi, p.  581-583.
  36. Look 2011 , Aftermath - Kant, i Leibniziani e Leibniz.
  • Altri riferimenti
  1. Enciclopedia della filosofia di Stanford  "
  2. Bernard Le Bouyer de Fontenelle , Elogio di M. Leibnitz  " , sul sito ufficiale dell'Accademia delle Scienze ,(consultato il 9 gennaio 2018 ) .
  3. (de) Leibniz-Gemeinschaft , “  Gottfried Wilhelm Leibniz  ” (consultato il 5 gennaio 2018 ) (versione inglese: (en) Leibniz-Gemeinschaft , “  Gottfried Wilhelm Leibniz  ” (consultato il 2 giugno 2018 ) ).
  4. Gottfried Wilhelm Leibniz  " , su Encyclopédie Larousse ( accesso 21 dicembre 2017 ) .
  5. (en) Sarah Tietz, Biografia di Leibniz  " , su Academia.edu ,(consultato il 26 dicembre 2017 ) .
  6. ( it) Biografia di Leibniz  " , sull'archivio di MacTutor History of Mathematics sul sito ufficiale della St Andrews University (accessibile il 25 dicembre 2017 ) .
  7. (in) Donald Rutherford, Breve cronologia della vita di Leibniz  " sul sito ufficiale della Facoltà di Filosofia dell'Università della California a San Diego ,(consultato l'11 giugno 2018 ) .
  8. (en) Leibniz, Gottfried Wilhelm  " , sul Progetto Galileo  " sul sito ufficiale della Rice University (consultato l'11 giugno 2018 ) .
  9. Biblioteca filosofica J. Vrin , Des cas perplexes en droit  " (consultato il 20 febbraio 2018 ) .
  10. Marine Picon, Dottrina dell'habitus e ordinamento enciclopedico delle discipline in Leibniz: la Nova Methodus discendae docendaeque iurisprudentiae , 30  p. ( leggi in linea ) , p.  402-404.
  11. Gottfried Wilhelm Leibniz (autore originale), Jakob Thomasius (autore originale) e Richard Bodéüs (autore dell'edizione), Corrispondenza, 1663-1672 , Vrin ,, 366  pag. ( ISBN  978-2-7116-1145-4 , leggi in linea ) , p.  53.
  12. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  30-31
  13. Università del Tennessee a Martin , Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716)  " , su Internet Encyclopedia of Philosophy ( consultato il 3 gennaio 2018 ) .
  14. (in) Royal Society , Ritratto di Gottfried Wilhelm Leibniz  " (consultato il 25 dicembre 2017 ) .
  15. (in) Benedetto Spinoza  " , in Encyclopædia Britannica (consultato il 3 giugno 2018 ) .
  16. (en) Yvon Belaval , Gottfried Wilhelm Leibniz  " , su Encyclopædia Britannica (consultato il 21 febbraio 2018 ) .
  17. Leibniz  " , su Imago mundi (consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  18. Leibniz e Spinoza I  " , sull'Università di Helsinki ,(consultato il 22 dicembre 2017 ) .
  19. Daniel Pimbé, Spinoza  " , sull'Accademia di Grenoble ,(consultato il 22 dicembre 2017 ) .
  20. (sv) “  Nordisk familjebok / Uggleupplagan. 16. Lee-Luvua/77-78  ” , su Runeberg (consultato il 5 giugno 2018 ) .
  21. Massimo Mugnai, "  Dalla vivace Italia alla collina di Hannover  ", Per la scienza ,( letto online , consultato il 2 giugno 2018 ).
  22. André Robinet , Architetture disgiuntive, automi sistemici e idealità trascendentale nell'opera di GW Leibniz , Vrin, 1986 ( ISBN  978-2-7116-0914-7 ) , p.  79 [ leggi in linea ] .
  23. (en) “  Ritratto di Gottfried Leibniz, di Christoph Bernhard Francke, c. 1700.  ” , sul sito ufficiale della Columbia University (consultato il 3 giugno 2018 ) .
  24. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  160
  25. Christian Wolff (autore originale) e Jean-Marc Rohrbasser (traduttore), Elogium Godofredi Guilelmi Leibnitii , Acta Eruditorum ,( leggi in linea ).
  26. Gottfried Wilhelm Leibniz  " , in Encyclopédie de l'Agora (accessibile 21 febbraio 2018 ) .
  27. (a) Markku Roinila, Tentativi di Leibniz alla riunificazione delle Chiese  " , sul sito ufficiale della Università di Helsinki (accessibili 14 gennaio, 2018 ) .
  28. Elenco dei membri dalla creazione dell'Accademia delle Scienze - Membri del passato il cui nome inizia con L  " , sul sito ufficiale dell'Accademia delle Scienze (consultato il 2 giugno 2018 ) .
  29. (en) Markku Roinila, GW Leibniz e società scientifiche , 23  p. ( presentazione online , leggi online [PDF] ) , p.  16-17.
  30. (in) The Russian / St Petersburg Academy of Sciences  " su MacTutor Archivio di Storia della Matematica sul sito ufficiale dell'Università di St Andrews (consultato il 12 giugno 2018 ) .
  31. (in) The Austrian Academy of Sciences  " su MacTutor Archivio di Storia della Matematica sul sito ufficiale dell'Università di St Andrews (consultato il 12 giugno 2018 ) .
  32. "Calcolo differenziale e integrale: la sua nascita, la sua diffusione e la questione dei suoi fondamenti" [PDF] , sull'Università Pierre-et-Marie-Curie (consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  33. (De) Leibniz 'Abhandlung' Meditationes de cognitione, veritate et ideis' von 1684 - eine Diskussion mit Blick auf den 'Tractus de intellectus emendatione' des Baruch Spinoza  " [PDF] , su uni-muenster.de , Thomas Kisser,(consultato l'11 novembre 2014 ) .
  34. Brevis demonstratio erroris memorabilis Cartesii ... negli Acta Eruditorum , marzo 1686.
  35. Nelle Nouvelles de la République des Lettres , settembre 1686.
  36. Pierre Costabel, Leibniz e la dinamica - i testi del 1692 , Hermann, Paris, 1960 ( leggi online ).
  37. 1698 o 1699, datato da Costabel, 1960, che confuta la data di Gerhardt: 1691, perché il testo evoca la conversione di Malebranche alle forze della vita (1698).
  38. In L'Europe savante appare in Olanda ( leggi su GBook ).
  39. Rudolf Boehm, Note sulla storia dei “Principi di natura e grazia” di Leibniz e della “Monadologia” , Revue philosophique de Louvain, 1957, n° 46, pp. 232-251 ( leggi in linea ).
  40. GG Leibnitii opera philosophica, quae exstant Latina Gallica Germanica omnia , ed. Johann Erdmann, Berlino, 1840, p. 705 (leggi su Archivio e su Wikisource ).
  41. (in) Gregory M. Reihman, L'influenza di Malebranche è Leibniz's Writings on China  " sul sito ufficiale dell'Università Johns Hopkins (consultato il 28 gennaio 2018 ) .
  42. Presses de l'Université Paris-Sorbonne , “  Spinoza et Leibniz - Rencontres, controverses, receptions  ” (consultato il 22 dicembre 2017 ) .
  43. Mogens Lærke, “  Leibniz e Spinoza. La genesi di un'opposizione.  » , Su École normale supérieure de Lyon (consultato il 22 dicembre 2017 ) .
  44. Claire Crignon-De Oliveira, Niels Stensen (Nicolas Sténon), Discorso sull'anatomia del cervello  " , su riviste OpenEdition ,(consultato il 4 giugno 2018 ) .
  45. Thibault de Meyer, “Raphaële Andrault, Mogens Lærke, Pierre-François Moreau (dir.), Spinoza / Leibniz. Incontri, polemiche, ricevimenti” , relazione sul libro citato, su OpenEdition ,(consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  46. Pascal Engel e Jean Birnbaum , "  Leibniz, l'ultimo spirito universale  ", Le Monde ,( letto online , consultato il 4 gennaio 2018 ).
  47. Jean-Pascal Anfray, Leibniz e il migliore dei mondi possibili  " , su Le Point ,(consultato il 7 gennaio 2018 ) .
  48. François Trémolière, Organon, Aristote: 2. Linguaggio e pensiero: la nascita della logica  " , su Encyclopædia universalis (consultato il 29 marzo 2015 ) .
  49. Jacques Bouveresse , "Descartes,"senso comune", logica e verità eterne" , in ESSAI V - DESCARTES, LEIBNIZ, KANT , Marsiglia, Agone,( leggi online ) , Tradizione e innovazione: Leibniz e i suoi predecessori.
  50. Robert Blanche , “  Logica: 4. L'era della cosiddetta‘’logica classica  ” , in Encyclopaedia Universalis (consultabile sul 11 Marzo 2015 )  : “Egli accetta ciò che è stato fatto, lo prende di nuovo, ma di approfondire lo . La logica tradizionale è solo un esempio di una logica generale, che resta da stabilire. "
  51. (en) Modern Logic  " , da Encyclopædia Britannica (consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  52. (in) Università del Tennessee a Martin , Leibniz: Logica  " su Internet Encyclopedia of Philosophy (accessibile il 1 ° febbraio 2018 ) .
  53. Michel Fichant , "La ricezione di Gassendi nell'opera della maturità di Leibniz" , in Sylvia Murr, Gassendi et l'Europe , Paris, Vrin,( ISBN  9782711613069 , leggi online )
  54. Michel Fichant , Science et métaphysique chez Descartes e Leibniz , PUF , 1998, cap.  V , pag.  134 .
  55. Claire Fauvergue , “  Traduttore Diderot di Leibniz.  », Ricerche su Diderot e sull'Enciclopedia ,( ISSN  0769-0886 , DOI  10.4000 / rde.285 , lettura online , accesso 7 ottobre 2016 ).
  56. “  Teodicea - definizione, citazioni, etimologia  ” , su Littré (consultato il 22 dicembre 2017 ) .
  57. Henry Duméry, Théodicée  " , su Encyclopædia Universalis (consultato il 22 dicembre 2017 ) .
  58. Paul Rateau, L'idea di teodicea da Leibniz a Kant: eredità, trasformazioni, critiche , Stoccarda, F. Steiner,, 222  pag. ( ISBN  978-3-515-09351-4 , leggi in linea ) , p.  7, presentazione.
  59. André Lalande , tecnica e critica Vocabolario della Filosofia , Presses Universitaires de France ,, 1323  pag. ( ISBN  2-13-036474-8 ) : voce "Teodicea".
  60. Lagarde e Michard , Volume XVIII °  secolo , capitolo Voltaire , § Voltaire e la Provvidenza e § Candido .
  61. Catherine Golliau e Daniel Vigneron, "  Sciences - Newton-Leibniz: querelle mortelle  ", Le Point ,( letto online , consultato il 22 dicembre 2017 )e Daniel Vigneron, "  Newton-Leibniz: la guerra dell'ego  ", Le Point ,( letto online , consultato il 22 dicembre 2017 ).
  62. Jean-Marie Pruvost-Beaurain, Funzione, matematica  " , su Encyclopædia Universalis (consultato il 26 gennaio 2018 ) .
  63. (la + fr) Félix Gaffiot , Dizionario latino-francese , Paris, Hachette,, 1701  pag. ( leggi in linea ).
  64. (it) William P. Berlinghoff e Fernando Q. Gouvêa , Math Through the Ages: A Gentle History for Teachers and Others , MAA , coll.  "Materiali delle risorse per la classe",( 1 °  ed. 2002), 273  p. ( ISBN  978-0-88385-736-6 , leggi online ) , "Leggere e scrivere l'aritmetica da dove vengono i simboli" , p.  76.
  65. (en) Herbert Bruderer, Il sistema binario è stato creato molto prima di Leibniz  " , su Association for Computing Machinery ,(consultato il 31 dicembre 2017 ) .
  66. (en) L'antico libro della saggezza nel cuore di ogni computer  " , da The Guardian (consultato il 31 dicembre 2017 )
  67. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  125
  68. Storia della filosofia  " di Émile Bréhier, volumi I a III , Editore PUF , 1931, ristampato nel 1994 ( 7 °  edizione) ( ISBN  213-044378-8 ) . Volume II , capitolo VIII Leibniz , § V Meccanismo e dinamismo .
  69. Michel Blay e Robert Halleux, classica Scienza XVI °  -  XVIII °  secolo: Dizionario critico , Flammarion,, 870  pag. ( ISBN  2-08-211566-6 ) , pag.  528-529.
  70. Storia del principio di minima azione di F. Martin-Robine, 2006, Vuibert, p.  97-98 .
  71. Blay e Halleux 1998 , p.  338.
  72. Jean-Jacques Samueli, Eulero in difesa di Maupertuis sul principio di minima azione  " , su Bibnum ,(consultato il 22 marzo 2015 ) ,pag.  7-8.
  73. Entrò nella storia della medicina per essere stato il primo a dedicarsi in modo esauriente allo studio delle malattie professionali.
  74. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  119-120
  75. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  149
  76. Alcune opere importanti: Louis Davillé, Leibniz historien. Saggio sull'attività e il metodo storico di Leibniz , Parigi, Alcan, 1909, e "  Lo sviluppo del metodo storico di Leibniz  ", Revue de Synthèse historique , XXIII , 3, 1911, p.  257-268 , XXIV , 1, p.  1-31  ; Werner Conze, Leibniz als Historiker , Berlino, de Gruyter, 1951; Gunther Scheel, “  Leibniz als Historiker des Welfenhauses  ”, in Wilhelm Totok e Carl Haase (a cura di), Leibniz. Breast Leben, Breast Wirken, Breast Welt , Hannover, Verl. für Literatur und Zeitgeschehen , 1966, p.  227-276 , e “Leibniz historien”, in Georges Bastide (a cura di), Leibniz. Aspetti dell'uomo e del lavoro. Giornate Leibniz, organizzate dal Centro nazionale di sintesi, 28, 29 e 30 maggio 1966 , Parigi, Aubier Montaigne, 1968, p.  45-60 .
  77. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  113-114
  78. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  31-32-115-117
  79. Muñoz Santonja e Prime 2008 , p.  121
  80. Muñoz Santonja e Prime 2018 , p.  127-128
  81. LE Loemker: Introduzione a scritti e lettere filosofiche: una selezione. Gottfried W. Leibniz ( trad. E ed., Di Leroy E. Loemker). Dordrecht: Riedel (2a ed. 1969) .
  82. T. Verhave: Contributi alla storia della psicologia: III. GW Leibniz (1646–1716) . Sull'Associazione delle Idee e dell'Apprendimento . Rapporto psicologico , 1967, vol. 20, 11-116.
  83. RE Fancher & H. Schmidt: Gottfried Wilhelm Leibniz: sottovalutato pioniere della psicologia . In: GA Kimble & M. Wertheimer (a cura di). Ritratti di pionieri della psicologia , vol. V. American Psychological Association, Washington, DC, 2003, p.  1–17 .
  84. Wundt: Leibniz zu seinem zweihundertjährigen Todestag, 14 novembre 1916. Alfred Kröner Verlag, Lipsia 1917.
  85. “  Scacchi e storia della ragione  ” , su mjae.com (consultato il 4 gennaio 2018 ) .
  86. Patrice Bailhache, Atti del colloquio L'attualità di Leibniz: i due labirinti "La musica, pratica nascosta dell'aritmetica" , Cerisy, Studia Leibniztiana, 15-22 giugno 1995
  87. (in) Alfred R. Hall, Philosophers at Mar: The Quarrel Between Newton and Leibniz , Cambridge University Press,( presentazione on line )
  88. Padiglione 2002 , p.  18.
  89. Padiglione 2002 , p.  Prefazione .
  90. Victor Donatien Musset , Storia della vita e delle opere di J.-J. Rousseau , Pélicier,, 38  pag..
  91. Géraldine Lepan, Rousseau: una politica della verità , Paris, Belin,, 319  pag. ( ISBN  978-2-7011-9153-9 ) , pag.  13
  92. Christian Leduc, Leibniz e Diderot: incontri e trasformazioni , Presses de l'Université de Montréal ,( leggi online ) , “L'analogia leibniziana nel dibattito tra Diderot e Maupertuis”, p.  153-171.
  93. (en) Jochen Fahrenberg, L'influenza di Gottfried Wilhelm Leibniz sulla psicologia, la filosofia e l'etica di Wilhelm Wundt  " , sul sito ufficiale dell'Università di Friburgo ,(consultato il 28 gennaio 2018 ) .
  94. (in) John W. Dawson, Jr., Logical Dilemmas: The Life and Work of Kurt Gödel , AK Peters, Ltd.,( leggi in linea ) , p.  166.
  95. (in) Paola Cantu, The Right Order of Concepts: Graßmann, Peano, Gödel and the Inheritance of Leibniz's Universal Characteristic  " , Philosophia Scientiae (pubblicato su OpenEdition ) , vol.  18-1,( letto online , consultato il 15 gennaio 2018 ).
  96. (in) Biografia di Malebranche  " su MacTutor Archivio di Storia della Matematica sul sito ufficiale dell'Università di St Andrews (consultato il 3 giugno 2018 ) .
  97. Gottfried Wilhelm Leibniz sulla genealogia Progetto Matematica .
  98. “  Internet è davvero Leibniz senza Dio… | Philosophie Magazine  ” , su www.philomag.com (consultato il 28 maggio 2020 )
  99. (de) Gottfried Wilhelm Leibniz Università di Hannover , “  Warum ein neuer Name für die Universität Hannover  » (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  100. (De) Gottfried-Wilhelm-Leibniz-Gesellschaft , “  Startseite  ” (consultato il 15 gennaio 2018 ) .
  101. (in) Fondazione tedesca per la ricerca , Premio Gottfried Wilhelm Leibniz  " (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  102. (in) Minor Planet Center , (5149) Leibniz  " (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  103. (in) Jet Propulsion Laboratory , 5149 Leibniz (PL 6582)  " (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  104. (de) Bahlsen , “  FAQ  ” , sezione “Woher kommt der Name„ BAHLSEN HANNOVER WAFFELN “ » (consultato il 5 gennaio 2018 ) .
  105. (de + en) Gottfried Wilhelm Leibniz's alter ego - For Leibniz 2016  " , sul sito ufficiale dell'Università di Lipsia (consultato il 4 giugno 2018 ) .

Appendici

Bibliografia

Edizioni delle opere di Leibniz

Traduzioni francesi di opere matematiche:

  • (la) Leibniz ( tradotto  dal latino da Marc Parmentier, Eberhard Knobloch ), Quadratura aritmetica del cerchio, dell'ellisse e dell'iperbole e trigonometria senza tavole trigonometriche che ne è il corollario , Paris, Vrin,, 369  pag. ( ISBN  2-7116-1635-5 , leggi online ).
  • La stima delle apparenze. 21 manoscritti di Leibniz su probabilità, teoria dei giochi, aspettativa di vita  ; testo stabilito, trad., introd. e annotato da Marc Parmentier. Parigi: J. Vrin, 1995. (Mathesis) ( ISBN  2-7116-1229-5 ) .
  • La caratteristica geometrica  ; testo redatto e annotato da Javier Echeverría; tradotto, annotato da Marc Parmentier. Parigi: J. Vrin, 1995. (Mathesis) ( ISBN  2-7116-1228-7 ) .
  • Leibniz ( tradotto  dal latino da Marc Parmentier, pref.  Marc Parmentier), La nascita del calcolo differenziale , Parigi, Vrin,, 504  pag. ( ISBN  2-7116-0997-9 , leggi online ).
    Raccolta di 26 articoli pubblicati sugli “  Acta Eruditorum  ”. - testo solo in francese, traduzione dal latino.

Studi su Leibniz

Documento utilizzato per scrivere l'articolo : documento utilizzato come fonte per questo articolo.

  • Yvon Belaval , Leibniz dall'età classica all'Illuminismo , Parigi, Beauchesne, 1995.
  • Yvon Belaval, Leibniz: iniziazione alla sua filosofia , Vrin, coll.  "Biblioteca di storia della filosofia",( presentazione on line ).
  • Yvon Belaval, Leibniz, critico di Cartesio , Gallimard, "Tel", 1960.
  • Yvon Belaval, Études leibniziennes, de Leibniz à Hegel , Gallimard, “Tel”, 1993.
  • Fernand Brunner , Studi sul significato storico della filosofia di Leibniz , Vrin, Parigi, 1950.
  • (la) Israel Gottlieb Canz , Philosophiæ Leibnitianæ e Wolfianæ usus in Theologia (1728).
  • Louis Couturat , La logica di Leibniz , Georg Olms Verlag,( presentazione on line )La logica di Leibniz su Gallica .
  • Gilles Deleuze , The Fold - Leibniz e il Barocco , Les Editions de Minuit ( coll.  "Critical"), Paris, 1988, 191  p.
  • Claire Fauvergue, Diderot , lettrice e interprete di Leibniz , Honoré Champion, 2006.
  • Michel Fichant , Invenzione metafisica (introduzione all'edizione in folio della Monadologia ), Folio, 2004.
  • François Gaquère, Il dialogo Irenic Bossuet - Leibniz , Parigi, Beauchesne, 1966.
  • Martial Gueroult , Leibniz, Dynamique et métaphysique , rééd. Auber, 1967.
  • Herbert H. Knecht, La Logique chez Leibniz: Saggi sul razionalismo barocco , L'Âge d'Homme, coll.  "Dialettica",( presentazione on line ).
  • Mogens Laerke, Leibniz lettore di Spinoza . La genesi di un'opposizione complessa, Paris, Honoré Champion, coll. Opere di filosofia, 2008.
  • Vincent Leroux, Il gioco nel pensiero di Leibniz , Università Paris-Diderot,( leggi in linea ).
  • (it) Brandon Look, The Continuum Companion to Leibniz , Londra, A&C Black,, 334  pag. ( ISBN  978-0-8264-2975-9 e 0-8264-2975-0 , leggi online ).
  • (in) George MacDonald Ross, Leibniz , Oxford University Press ,, 120  pag. ( leggi in linea ).
  • Gottfried Martin, Leibniz. Logica e metafisica , Parigi, Beauchesne, 1966.
  • Massimo Mugnai, “Leibniz, il pensatore dell'universale”, I geni della scienza , agosto 2006, n o  28.
  • Jean-Baptiste Rauzy, La dottrina leibniziana della verità. Aspetti logici e ontologici , Paris, Vrin, 2001.
  • Bertrand Russell , La filosofia di Leibniz (1900), Editions des archives contemporaines - EAC, 2000.
  • José Muñoz Santonja ( trad.  Simon Prime), L'invenzione del calcolo infinitesimale: Leibniz , Barcelona, ​​​​RBA Coleccionables,, 167  pag. ( ISBN  978-84-473-9314-5 ). Libro utilizzato per scrivere l'articolo
  • Michel Serfati, La rivoluzione simbolica: la costituzione della scrittura matematica , Parigi, Éditions Pétra, 2005.
  • Michel Serres , Il sistema di Leibniz ei suoi modelli matematici , Paris, PUF , 1968; rieditato in 1 volume.
  • Gabriel Tarde , Monadologie et sociologie , 1893, The Preventers from thinking in circles , 1999.

Articoli Correlati

link esterno

Presentazioni generali
Opere digitalizzate
Classi

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Gottfried Wilhelm Leibniz ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Gottfried Wilhelm Leibniz e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Gottfried Wilhelm Leibniz su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Ferdinando Carraro

Grazie. L'articolo su Gottfried Wilhelm Leibniz è stato utile per me, Articolo molto interessante su Gottfried Wilhelm Leibniz

Piero Angelini

La voce su Gottfried Wilhelm Leibniz è stata molto utile per me, Grazie

Gian Russo

Mi ha colpito questo articolo sulla Gottfried Wilhelm Leibniz, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Gottfried Wilhelm Leibniz

Renato Grassi

Finalmente un articolo su Gottfried Wilhelm Leibniz che è facile da leggere, Grazie per questo post su Gottfried Wilhelm Leibniz