Etimologia



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Etimologia sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Etimologia. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Etimologia e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Etimologia. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Etimologia qui sotto. Se le informazioni su Etimologia che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' etimologia è la scienza che consiste nel ricercare l'origine delle parole in una data lingua e la ricostruzione della discesa delle parole.

Si basa sulle leggi della fonetica storica e sull'evoluzione semantica dei termini considerati.

Un etimo è una "parola attestata o ricostituita che serve come base per l'etimologia di un dato termine" .

Etimologia di una parola

L'etimologia è una parola composta e appresa dal greco antico , ἐτυμολογία / etumología , a sua volta formata sulla parola greca antica τὸ ἔτυμov, "vero significato, significato etimologico", e sulla base -λογια / -logia , derivata da λόγος / logos , ( "discorso, ragione"), che viene utilizzato per fornire i nomi delle discipline. Si tratta quindi, in origine, dello studio del vero significato di una parola.

La definizione va però superata: l'etimologia studia se non l'origine, almeno uno stato, il più antico possibile, delle parole. Si ritiene che le parole di una lingua possano, da un punto di vista diacronico , avere principalmente quattro origini:

  • sono parole ereditate da uno stato più antico della stessa lingua o da una lingua madre, parole che hanno quindi subito un processo di evoluzione fonetica  ; il vecchio termine all'origine della nuova parola è chiamato etimo .
    Ad esempio il Petit Robert dà le seguenti etimologie:
    • per le persone  : populus latino classico  ; poblo (842); in francese antico , pueple , pople ( XI °  secolo ); persone (circa 1430)
    • per il manzo  : classico latino bos , bovis  ; in francese antico, buef ( XI °  secolo)
    • per alouette  : evoluzione dell'antico francese aloue dell'alauda gallico  ;
  • sono parole prese in prestito da un'altra lingua, che sono quindi adattate al sistema fonologico e grafico della lingua ricevente;
  • sono parole e nomi che hanno subito una lunga e lenta evoluzione a seconda del luogo e del tempo con ritmi e modi più o meno sostenuti. Una parola o un nome in Île de France non è una parola o un nome nei Paesi Baschi, in Provenza, in Bretagna, in Alsazia o anche in Quebec;
  • sono creazioni o "  neologismi  " (spesso formati da radici greche e latine per le lingue europee, a volte da radici specifiche della lingua stessa, come per l' islandese ).

Farsetti popolari e accademici

Quando, in una lingua , lo stesso etimo è stato ereditato e successivamente preso in prestito, le due parole ottenute sono chiamate doppietti lessicali . Ne troviamo un gran numero in francese: la maggior parte delle parole francesi proviene effettivamente dal latino  ; alcuni sono stati trasmessi dal latino volgare modificando foneticamente, queste sono le parole ereditate; lo stesso etimo è stato talvolta preso in prestito anche più tardi, nel vocabolario erudito; le due parole risultanti dallo stesso unico etimo latino ma avendo seguito due strade diverse sono chiamate rispettivamente doppietto popolare e doppietto dotto . I loro significati sono generalmente diversi, il doppietto appreso mantiene un significato più vicino al significato etimologico. Così, la parola latina potionempozione nella lingua appresa, ma veleno nella lingua popolare.

Questo è anche il caso dell'etimo fabrica (m)  :

  • la parola ereditata dal latino diede fucina seguendo la naturale evoluzione fonetica nel corso dei secoli;
  • Parola latina è stato preso in prestito dal XIV °  secolo per diventare scienziato doppietto  produce .

Altri doppietti importanti, nell'ordine volgare / dotto (etimo latino)  : toe / article ( articulum ) , thing / cause ( causam ) , fragile / fragile ( fragilem ) , cold / frigid ( frigidum ) , mold / muscle ( musculum ) , professione / ministero ( ministerium ) , lamiera / tavola ( tabulam ) , ecc.

Può anche accadere che esista una tripletta come chancre / dunce / cancer ( cancro latino ).

È quindi necessario distinguere tra le parole ereditate dalla lingua madre che è il latino e quelle che sono state prese in prestito.

Fonti di prestiti francesi

La lingua francese si sviluppò lentamente da un dialetto latino influenzato dalla preesistente lingua celtica (substrato gallico ) poi ancora di più dalla lingua del superstrato, l' antico Bas Francique . Fu indubbiamente all'epoca di Carlo Magno che le persone notarono questo sviluppo: non parlano più il latino ma l '“antenato” del francese. Ma non è stato fino a quando Francesco I ° che questa lingua soppiantato il latino come lingua scritta e anche di più per essere capito e parlato in tutte le regioni. A parte le influenze che hanno preso parte alla sua genesi, la lingua francese ha anche preso in prestito molte parole da altre lingue:

  • al gallico , soppiantato dal latino ma che ha lasciato in eredità molte parole nella lingua ma soprattutto nella toponomastica francese;
  • in latino , principalmente nella sua forma classica, fenomeno che continua ancora oggi;
  • ai vecchi bas francesi che hanno avuto un più che determinante influenza sulla nascita della lingua francese;
  • al greco antico via latino, una cosiddetta origine greco-latina  ;
  • direttamente al greco antico per formare parole apprese in filosofia , scienza , tecnica …; fenomeno che continua ancora oggi;
  • in inglese , dal XIX °  fenomeno secolo che attualmente amplifica;
  • in tedesco al XIX ° e XX °  secolo principalmente;
  • a Ebraico in maniera ridotta;
  • in spagnolo e lingue amerindie dal XVI °  secolo;
  • alle lingue indiane (dell'India) in modo trascurabile;
  • in italiano dal Rinascimento;
  • l' olandese del XVI °  secolo, nelle zone marittime e commerciali;
  • in arabo , nei campi dell'astronomia , della chimica , della matematica e del commercio  ;
  • all'antico scandinavo nel campo in particolare della vecchia marina e della navigazione nel Medioevo  ;
  • a varie lingue regionali francesi, in modo ridotto.

Henriette Walter , nell'avventura di parole francesi da altrove , osserva: "A titolo indicativo, i prestiti in lingua francese sono molto reali: quindi delle 35.000 parole in un dizionario di francese quotidiano, 4.200 sono ovviamente prese in prestito da lingue straniere", di di cui i due principali (a parte latino e greco) sono l'inglese (25%) e l' italiano (16,8%).

Per i dettagli di questi prestiti, vedere l'articolo sul prestito lessicale .

Buon uso dei dizionari

I dizionari correnti occasionalmente (Petit Larousse, Wikizionario, ecc.) O sistematicamente (Petit Robert) indicano l'etimologia delle parole francesi. Lo fanno in modo necessariamente molto conciso che a volte porta a malintesi da parte di non specialisti.

Trascrizione di parole greche

Le parole greche sono solitamente fornite in traslitterazione .

Di conseguenza, parole come aggelos, aggeion, egkephalos, larugx, ogkos (etimologia delle parole o degli elementi angel , angio-, encephalon, larynx, onco- ) dovrebbero leggere angelos, angeion, enkephalos, larunx, onkos (o più precisamente aŋgelos , ecc. .).

Infatti, gli alfabeti greco e latino non hanno una lettera propria per la consonante ŋ (come la n in rosa inglese ). Questo è scritto in greco come g (γ) in tutti i casi (vale a dire prima delle lettere M, N e G, K, kh, x ), mentre Latina scrive g prima m, n e lo scrive n di fronte a g, c, ch, x .

D'altra parte, i dittonghi del greco sono spesso alterati nella pronuncia scolastica di diversi paesi. Ad esempio, eu (ευ) era effettivamente pronunciato éou (come in occitano souléu "sole"), quindi nel greco medievale e moderno èv o ef .a

Variazione dei nomi greci e latini

I nomi e gli aggettivi greci e latini sono declinati , vale a dire che la loro forma varia a seconda del caso (soggetto, complemento, ecc.), Del genere (femminile, maschile, neutro) e del numero (singolare, plurale), e non solo per genere e numero , come in francese.

Il caso usato per citare un sostantivo o un aggettivo è il nominativo . Ma il nominativo da solo non basta per saper declinare la parola. Questo è il motivo per cui dobbiamo anche dare la forma del genitivo (che corrisponde in francese al complemento del nome ). Esempio: greco odous (nominativo: "dente"), odontos (genitivo: "di un dente", "di dente"). L'indicazione del genitivo serve da un lato per indicare a quale tipo di declinazione appartiene la parola, dall'altro per isolare il radicale , che, in certi tipi di declinazione, non è riconoscibile dal nominativo. Esempio: il nome del “dente”: in greco, radicale odont- , nominativo odous , genitivo odontos  ; in latino, dentatura radicale , tane nominative , dentis genitivo . Nei dizionari francesi, il genitivo greco o latino è indicato solo se è necessario in questa seconda funzione, cioè se la radice non è riconoscibile dal nominativo. Esempio: greco odous, odontos (etimologia del parodontale , ecc.), Latino dens, dentis (etimologia dente ), ma parole come greco Periplous , latino discipulus (etimologia viaggio , discepolo ) non vengono date genitive periplou , discipuli .

Altri esempi che mostrano che la forma del genitivo (e il resto della declinazione) non è prevedibile da quella del nominativo (le forme sono citate in questo ordine: nominativo, genitivo, significato): greco pous, podos , piede; fischi , fischi , manzo; loghi, loghi, discorso, discorso; alghe , alghe , dolore; Frons latino , frontis , fronte; fronde , fronde , fogliame; palus, pali , palo; palus, paludis , palude; salus, salutis , ciao; manus, manus , main.

Un errore frequente tra i non iniziati, quando si cita l'etimologia di una parola, è quello di citare solo la seconda delle due forme (credendo che siano semplicemente due sinonimi , e perché è la seconda forma - quella che mantiene intatto il radicale - che assomiglia di più alla parola francese da spiegare). No: è la prima forma che va comunque citata, ed eventualmente la seconda. Per tornare all'esempio sopra, è odous che significa "dente" in greco, non è odontos , essendo quest'ultima solo una forma flessa .

Significato delle parole

Il significato di una parola nella lingua di partenza è indicato solo sommariamente (nell'avviso etimologico di un dizionario d'uso) e solo quando differisce dal significato francese.

Prima di avventurarsi in commenti filosofici o di altro tipo sul cambiamento di significato di una parola, si consiglia di consultare un dizionario della lingua di partenza per il significato esatto e l'uso della parola di partenza, o / e un dizionario etimologico o di storia del francese (anche della lingua di partenza) per conoscere la storia dei significati. A volte leggiamo sulla stampa o in letteratura commenti ispirati, ad esempio, dall'etimologia della parola francese work (latino [ tardif , régional] * tripalium , strumento di tortura) o dalla polisemia della parola latina persona (maschera [ di teatro], personaggio [del teatro], persona), commenti i cui autori hanno visibilmente "inventato" un legame tra il significato iniziale e il significato finale di una parola senza conoscerne la reale filiazione.

Riferimenti

Vedi anche

Bibliografia

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Etimologia ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Etimologia e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Etimologia su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Eugenio Rizzo

Grazie. L'articolo su Etimologia è stato utile per me, Articolo molto interessante su Etimologia

Sandra Gallo

Molto interessante questa voce su Etimologia, Pensavo di sapere già tutto su Etimologia, Molto interessante questa voce su Etimologia

Emilio Giusti

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Etimologia, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì