Encyclopædia Metropolitana



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Encyclopædia Metropolitana sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Encyclopædia Metropolitana. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Encyclopædia Metropolitana e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Encyclopædia Metropolitana. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Encyclopædia Metropolitana qui sotto. Se le informazioni su Encyclopædia Metropolitana che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' Encyclopaedia Metropolitana è stata pubblicata a Londra dal 1817 al 1845, in-quarto , 30 voll., Ed è stata editata in 59 parti, per un totale di 22.426 pagine e 565 tavole. Nonostante l'eccellenza di un gran numero di articoli, l'organizzazione dell'enciclopedia è stata criticata.

Storia

Ha affermato di esporre le scienze e le arti sistematiche nella loro totalità e in un ordine naturale, secondo il metodo descritto nell'introduzione dal poeta, critico e filosofo Samuel Taylor Coleridge , la cui idea di base era quella di dare più importanza ai rapporti tra le idee , vedendo la classificazione alfabetica come una forma di organizzazione più rudimentale.

Questo metodo è stato descritto da Coleridge nella sua serie di saggi The Friend

"Il metodo, quindi, diventa naturale per la mente che è stata abituata a contemplare non solo le cose , o solo per se stesse, ma allo stesso modo e principalmente le relazioni delle cose, o le loro relazioni tra loro, o con l'osservatore, o con lo stato e l'apprensione degli ascoltatori. Enumerare e analizzare queste relazioni, con le sole condizioni in cui sono rilevabili, significa insegnare la scienza del metodo. "

Che può essere tradotto come:

"Il Metodo appare così naturale alla mente abituata a non considerare le cose isolatamente, o per il loro semplice interesse, ma abituata al contrario a riflettere sulle relazioni di queste cose con altri elementi, o con l'osservatore, o ancora con il stato di comprensione degli ascoltatori. Enumerare e analizzare queste relazioni, nonché le condizioni particolari che le rendono rilevabili, significa insegnare la scienza del Metodo. "

In seguito, i critici furono in grado di affermare che, poiché questo progetto era stato suggerito da Coleridge, possedeva almeno un carattere poetico sufficiente per essere assolutamente impraticabile. Si lamentavano in particolare del fatto che gli articoli biografici e geografici non erano solo disgiunti, ma, inoltre, disposti secondo principi diversi. I nomi dei luoghi erano elencati in ordine alfabetico, mentre i nomi personali erano elencati in ordine cronologico, rendendo le ricerche estremamente difficili. Tuttavia, l'eccellenza di un gran numero di articoli scritti dall'arcivescovo Richard Whately , Sir John Herschel , i professori Peter Barlow , George Peacock , Augustus De Morgan , ecc. è indiscutibile.

Descrizione

Questa enciclopedia è divisa in quattro sezioni, solo l'ultima è elencata in ordine alfabetico:

  • I. Pure Sciences, 2 vol., 1.813 pagine, 16 tavole, 28 trattati, include grammatica , diritto e teologia ;
  • II. Scienze applicate, 6 vol., 5.391 pagine, 437 tavole, 42 trattati, comprendenti le belle arti, le arti pratiche, la storia naturale e la sua applicazione, le scienze mediche;
  • III. Biographie et Histoire, 5 vol., 4.458 pagine, 7 mappe, contenenti 135 note biografiche, disposte in ordine cronologico, terminanti a Tommaso d'Aquino nel vol. 3, e intervallato da 210 capitoli di storia, fino al 1815.
  • IV. Miscellanea e lessicografia, 13 voll., 10.338 pagine, 105 tavole, inclusa la geografia , un dizionario inglese e una storia naturale descrittiva.

Le tavole sono state pubblicate in tre volumi. Un volume con indice di 364 pagine elenca circa 9.000 articoli.

Una nuova edizione di 38 voli. in-quarto, fu annunciato nel 1849. In una seconda edizione, 42 voll. 8vo, 14.744 pagine, appartenenti alle divisioni dalla I. alla III., Furono pubblicate tra il 1849 e il 1858.

Note e riferimenti

Appunti

  1. Il titolo dell'intera opera è Encyclopaedia Metropolitana; oppure, Dizionario universale della conoscenza… comprendente il duplice vantaggio di un arrangiamento filosofico e uno alfabetico .

Riferimenti

  1. Coleridge, 'The Friend', Saggio IV
  2. ST Coleridge, The Friend , Rest Fenner, Londra, 1818, pagina 139
  3. The Quaterly Review , CXIII, gennaio / aprile 1863, pagina 379: “Il piano era la proposta del poeta Coleridge, e aveva almeno un carattere poetico sufficiente per essere eminentemente poco pratico. "

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Encyclopædia Metropolitana ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Encyclopædia Metropolitana e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Encyclopædia Metropolitana su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Agnese Nardi

Mi ha colpito questo articolo sulla Encyclopædia Metropolitana, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Encyclopædia Metropolitana

Gina Milani

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Encyclopædia Metropolitana mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Encyclopædia Metropolitana, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Encyclopædia Metropolitana qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Grazia Farina

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla Encyclopædia Metropolitana, ma mi è piaciuto molto

Alberto Vitali

Grazie per questa voce su Encyclopædia Metropolitana, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Encyclopædia Metropolitana, è proprio quello che mi serviva