eliocentrismo



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su eliocentrismo sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su eliocentrismo. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di eliocentrismo e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su eliocentrismo. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su eliocentrismo qui sotto. Se le informazioni su eliocentrismo che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' eliocentrismo è una teoria fisica che si oppone al posizionamento geocentrico del Sole (piuttosto che della Terra) al centro dell'universo . Secondo varianti più moderne, il Sole non è più il centro dell'Universo, ma un punto relativo attorno al quale si organizza il nostro stesso sistema solare . Sebbene il significato di questa affermazione sia cambiato rispetto alle prime teorie eliocentriche, questo modello rimane globalmente accettato per descrivere il sistema solare.

L'idea che il Sole sia solo il centro del sistema solare e che l'Universo ne sia sprovvisto compare già nel 1584 negli scritti del monaco Giordano Bruno . La cosmologia moderna lo approva per due ragioni: da un lato il Sole stesso ruota attorno al centro galattico, e le galassie stesse sono in movimento, dall'altro, ritiene che l'Universo non possa ammettere un centro, e nemmeno un punto privilegiato - questo principio è stato chiamato principio copernicano .

Storico

Sebbene alcuni precursori, come Aristarco di Samo (c. 280 a.C. ), prevedessero il movimento della Terra attorno al Sole, fu Nicolas Copernico che per primo propose, intorno al 1513, un modello eliocentrico che includesse la Terra e tutti i pianeti conosciuti a il tempo. Johannes Kepler stabilì intorno al 1609 un modello più preciso del sistema solare, distinguendosi in particolare per l'introduzione di orbite planetarie non più circolari ma ellittiche , ammettendo il Sole come uno dei loro centri. Si devono a Galileo le osservazioni astronomiche ei primi principi meccanici che giustificano l'eliocentrismo.

La teoria eliocentrica oppose alla teoria geocentrica, quando polemiche Tolomeo-copernicana tra la fine del XVI °  secolo e l'inizio del XVIII °  secolo  : dell'eliocentrismo era proibizioni religiose oggetto, in primo luogo dai protestanti ( Lutero condannato Copernico), poi, dopo un periodo di interesse della Chiesa cattolica nel 1616 . Galileo fu condannato a ritrattare nel 1633 per il suo libro Il Dialogo sui due grandi sistemi del mondo . I divieti furono revocati nel 1741 e nel 1757 da Benedetto XIV .

Infine, nel 1687 , Isaac Newton propose una formulazione matematica della gravitazione e delle leggi meccaniche che permisero di dimostrare le leggi empiriche di Keplero. Dal XVII °  secolo , all'eliocentrismo divenne gradualmente la rappresentazione del mondo comunemente adottata in Occidente . All'inizio del XVIII °  secolo , osservazioni definitivamente confermato la teoria di gravitazione Newton, spiegando fenomeni precisamente astronomici osservati poi. Già, nella teoria di Newton, la posizione del Sole come punto fisso nel sistema solare è il limite ottenuto considerando che la massa dei pianeti è trascurabile rispetto a quella del Sole, per semplificare i calcoli e superare i problemi di valutazione le masse. La correzione ottenuta è però così debole che il fatto di considerare fisso il Sole non è ritenuto falso.

Diverse indagini condotte nel periodo 2004-2012 mostrano, tuttavia, che il principio dell'eliocentrismo non è ancora compreso da gran parte del grande pubblico: 34% di europei, 30% di indiani, 28% di malesi, 26% di americani ovvero il 14% dei sudcoreani pensa che sia il Sole a girare intorno alla Terra.

Precursori di Copernico

Contrariamente alla credenza popolare, Copernico non ha inventato l'eliocentrismo. Questa ipotesi è molto più antica, ma ha faticato a diffondersi in Occidente perché, da un lato, sembrava essere in contraddizione con alcune osservazioni come l'apparente movimento del Sole nel cielo o il fatto che tutto sembra attratta dalla Terra e, d'altra parte, si opponeva a certi dogmi religiosi.

Grecia antica

Nel V °  secolo  aC. J. - C. , Filolao di Crotone è il primo pensatore greco ad affermare che la Terra non fosse al centro dell'Universo. Fa girare il nostro pianeta in un giorno intorno a un "fuoco centrale". Poiché si accende su se stesso anche in un giorno, questo fuoco centrale ci è invisibile e noi percepiamo solo la sua luce riflessa dal Sole.

Eraclide du Pont , discepolo di Platone e Aristotele , propone intorno al 340 aC. dC una teoria eliocentrica per le orbite di Venere e Mercurio , mantenendo il principio del geocentrismo per la Terra. Supporta anche la tesi della rotazione della Terra su se stessa, al fine di spiegare il movimento apparente delle stelle durante la notte.

L'astronomo e matematico Aristarco di Samo (310-230 aC) spinge ulteriormente il ragionamento di Eraclide. Dopo aver valutato il diametro del sole, emette l'III °  secolo  aC. J. - C. l'ipotesi che, poiché il diametro di questo è molto più grande di quello della Terra, è intorno ad esso che devono girare gli altri pianeti . Consapevole che una tale teoria dovrebbe rivelare una parallasse nell'osservazione delle stelle, pone la sfera delle stelle fisse a una distanza molto grande dal Sole. Questa teoria è nota in particolare dai critici che Archimede infatti e l'ipotesi eliocentrica fu respinta dalla maggioranza degli scienziati nell'Antichità.

Tuttavia, la teoria di Eraclide du Pont era comunemente esposta nei libri di testo antichi, come dimostra il fatto che sette secoli dopo la sua comparsa, è ancora presentata nelle Nozze di filologia e Mercurio , manuale enciclopedico di Marziano Capella , scritto intorno al 420. Quest'opera popolarissima per tutto il Medioevo era nota a Copernico, poiché quest'ultimo ne fa menzione nel De revolutionibus orbium coelestium (I, 10). Inoltre, tutto indica che anche Copernico conosceva la teoria di Aristarco, ma che aveva deliberatamente cancellato dal suo ultimo manoscritto il riferimento che vi faceva, trovato in una delle sue bozze.

astronomia indiana

Secondo alcuni storici, un eliocentrica pensiero si potrebbe trovare tracce in alcuni astronomi indiani come Aryabhata la VI ° o Bhaskara al XII ° .

Nel suo libro Āryabhaṭīya , Âryabhata presenta una Terra che gira su se stessa, ma il suo modello planetario rimane geocentrico. Tuttavia, i calcoli che presenta riguardo ai periodi dei pianeti sono per lo storico della scienza Bartel Leendert van der Waerden indizi che il modello Aryabhata sarebbe pensato in modo eliocentrico. Prevede persino una filiazione del pensiero da Aristarco ad Aryabhata. Questo matematico è il primo a sostenere questa ipotesi, ma è criticata da molti storici.

Nel XII ° Bhāskara II pubblica Siddhanta-Shiromani , trattato astronomico in cui approfondisce l'opera di Aryabhata.

Nel XV secolo , la scuola astronomica del Kerala , e più precisamente l'astronomo Nilakantha Somayaji nel suo trattato Tantrasamgraha  (in) , presenta un sistema planetario in cui i cinque pianeti Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, ruotano attorno al Sole che gira intorno alla terra.

astronomia musulmana

I modelli planetari degli astronomi arabi rimangono principalmente di tipo geocentrico, ma sembra che fossero a conoscenza di teorie eliocentriche.

Così Van Waerden di studioso opera l'astronomo persiano Abu Ma'shar ( IX °  secolo ) attraverso gli scritti degli astronomi al-Biruni e al-Sijzi pensano rilevato nei periodi di studio dei pianeti di cui apprese un pensiero eliocentrico. Secondo lui il modello è più primitivo di quello di Aryabhata ma sembra derivare da una teoria eliocentrica che troverebbe la sua fonte nello Zij-i Shah dei Sassanidi .

Nel XI °  secolo , l'astronomo al-Biruni fatto un inventario dello stato dell'arte in astronomia al momento. Conosceva gli scritti di Aryabhata e Aristarco di Samo e si interrogava sul movimento della terra. Se si interrogava molto sulla possibilità della rotazione terrestre su se stessa, non metteva in dubbio il modello geocentrico ereditato da Tolomeo .

A partire dall'XI °  secolo si sviluppa, nel mondo arabo, una critica al modello tolemaico, si individuano errori, sono disponibili altri modelli, per lo più nella parte orientale del mondo arabo, in quella che viene chiamata la scuola di Maragha , con gli astronomi Nasir ad-Din at-Tusi e Ibn al-Shatir per esempio. Ma questi modelli mantengono il principio di un sole che gira intorno alla terra. Tuttavia, mettono in atto strumenti ( coppia di al-Tusi , modello di ibn al-Shatir) che troviamo nell'opera di Copernico.

Medioevo europeo

Nel XIV °  secolo, autori come Giovanni Buridano e Nicole Oresme discusso la questione del giorno possibilità di movimento di rotazione della Terra.

Un secolo dopo, il teologo e cardinale Nicolas de Cues riesamina quest'opera e postula, sulla base di argomenti teologici, che la dimensione dell'Universo non è finita e che la Terra è una stella in movimento, della stessa natura di quelle viste in il cielo.

Nel suo Codice Leicester pubblicato nel 1510, Leonardo da Vinci scopre che la luce cinerea della Luna è dovuta al riverbero della Terra. Egli ipotizza che la Terra sia una stella della stessa natura della Luna.

Il sistema Copernico

Il sistema ideato da Copernico nel XVI °  secolo, annuncerà il progressivo abbandono del sistema geocentrico precedentemente utilizzato come modello dell'Universo.

Il sistema Copernico è un sistema teorico destinato a semplificare i calcoli astronomici. Si basa su tre principi:

  • il movimento circolare è perfetto;
  • i movimenti sono movimenti circolari uniformi o combinazioni di movimenti circolari uniformi;
  • la matematica deve trovare i modelli più semplici per spiegare i fenomeni naturali.

Nel suo libro De revolutionibus (1543), espone una serie di postulati:

  • la Terra non è il centro dell'Universo, ma solo il centro del sistema Terra / Luna  ;
  • tutte le sfere ruotano intorno al Sole, centro dell'Universo;
  • la Terra ruota su se stessa seguendo un asse Nord/Sud;
  • la distanza Terra/Sole è minima rispetto alla distanza Sole/altre stelle.

Contributi del modello

Questi postulati gli permettono di disporre i diversi pianeti nell'ordine corretto in relazione alla loro distanza dal Sole. Non è quindi più necessario ricorrere agli epicicli per spiegare i movimenti retrogradi .

Tuttavia, è costretto a complicare il suo modello per tener conto delle variazioni di velocità e distanza sulle traiettorie (infatti le traiettorie reali non sono circolari, ma ellittiche). Ricostituisce quindi un complesso sistema di deferenti ed epicicli .

Copernico pensa che il centro dell'orbita terrestre (O t nel diagramma) descriva un epiciclo il cui centro stesso ruota su un eccentrico (in linee tratteggiate). Allo stesso modo, il centro dei deferenti dei pianeti (O m per quello di Marte ) non si trova né sul Sole né sulla Terra, ma un po' vicino ad esso. I pianeti ruotano attorno ad un epiciclo centrato sui loro deferenti. La Luna , dal canto suo, ruota sempre intorno alla Terra (con un epiciclo e un sistema deferente).

Gli sembra anche più razionale muovere un corpo relativamente piccolo rispetto a corpi estremamente grandi come il Sole o la sfera delle stelle.

I due principali vantaggi della sua teoria sono quindi la semplicità delle traiettorie (relative, a causa della conservazione degli epicicli causata dalla scelta delle orbite circolari) e soprattutto il fatto che spiega perché Venere e Mercurio rimangono vicini al Sole.

opposizioni

Nonostante questi contributi, il modello di Copernico era in gran parte contraddittorio con lo stato delle conoscenze del suo tempo.

Opposizioni teologiche

Il suo trattato De revolutionibus Orbium Coelestium apparve nel 1543 . Nonostante la cautela della sua prefazione, scritta dall'amico Andreas Osiander , e che specifica che il sistema eliocentrico è un semplice modello matematico per migliorare i calcoli , l'opera non è ben accolta dalle autorità religiose. Il pastore protestante Lutero lo definisce un pazzo e sostiene che il Sole non può essere riparato, perché nel Libro di Giosuè che fa parte della Bibbia , Giosuè ordina al Sole di fermarsi. La Santa Inquisizione seguì l'esempio dichiarando incompatibile con le Sacre Scritture la tesi di Copernico. Il suo lavoro molto scientifico ha avuto un pubblico solo tra i suoi pari, è stato messo all'Indice dal 1616.

Ma argomentazioni teologiche sono avanzate anche dai partigiani dell'eliocentrismo: ad esempio l'astronomo Christoph Rothmann , per rispondere all'obiezione di Tycho Brahe sulla distanza e la grandezza delle stelle, gli ribatte che ciò non può essere qualificato come assurdo vista l'infinita maestà del Creatore.

Confutazioni astronomiche

Le osservazioni sperimentali dell'epoca mostravano la dimensione apparente di Marte, o Venere, da fissare durante l'anno, il che è in contraddizione con il modello di Copernico in cui la distanza tra la Terra e questi pianeti è variabile durante la loro rivoluzione.

La rivoluzione della Terra intorno al sole dovrebbe mostrare una modifica dell'angolo di osservazione delle stelle fisse. Per spiegare l'assenza di parallasse distinguibile Tycho Brahe determina che il modello eliocentrico richiede di posizionare la stella più vicina ad almeno 7000 volte la distanza Terra-Sole . Se sappiamo oggi che Alpha Centauri è ancora 37 volte più lontana, all'epoca tale distanza sembrava del tutto assurda. Inoltre Tycho Brahe mostra che se le stelle sono così distanti, il loro diametro dovrà essere diverse centinaia di volte quello del nostro Sole per spiegare la loro dimensione apparente vista dalla Terra; sarà necessario attendere il XIX E  secolo per capire che noi non percepiamo un'immagine fedele delle stelle, ma un disco luminoso ampliato dai fenomeni di diffrazione del nostro occhio.

Confutazioni fisiche

Se la Terra gira su se stessa, come mai gli oggetti rimangono sulla sua superficie mentre "la polvere che si getta su una piroetta [una trottola] mentre gira non può rimanere lì, ma viene ributtata in aria da tutte le parti"   E come mai la Luna accompagna la Terra nel suo movimento di rivoluzione attorno al Sole

Se la Terra ruota intorno al Sole, deve muoversi a una velocità molto elevata. Tuttavia, quando un sasso cade dalla sommità di una torre, cade proprio alla base: è bene che la torre, e quindi la Terra a cui è attaccata, sia rimasta fissa durante la caduta del sasso.

Perché la traiettoria di una palla di cannone non cambia se si spara a est oa ovest, quando il movimento della terra dovrebbe opporsi al movimento della palla di cannone in un caso e accompagnarlo nell'altro

Dovrebbe esserci costantemente un vento da est, come il vento relativo che si sente quando ci si muove ad alta velocità.

La risposta a questo argomento la darà Galileo con il suo principio di relatività , che spiega l'assenza di tale effetto. Successivamente, lo sviluppo della meccanica newtoniana mostra che se la controargomentazione di Galileo è corretta, d'altra parte il movimento rotatorio provoca effetti misurabili, a differenza del movimento traslatorio, e che è quindi necessario introdurre forze fittizie per realizzarlo.

Va notato che l'argomento qui evocato genererebbe un effetto molto maggiore di queste forze fittizie. Ad esempio, per la caduta della pietra, il suo offset con il piede della torre dovrebbe essere di 40.000  km x [tempo di caduta] / 24 ore. La forza di Coriolis provoca una deviazione verso est , ma molto più debole di quella qui menzionata, troppo debole per essere percepita nella vita di tutti i giorni. D'altra parte, esperimenti precisi hanno dimostrato questa deviazione, che è servita così come argomento per dimostrare la rotazione della Terra.

Gli eredi di Copernico

Le opposizioni all'eliocentrismo non erano quindi solo religiose, ma provenivano anche dalla comunità scientifica, che presentava contro-argomentazioni estremamente forti rispetto ai vantaggi della teoria sul modello geocentrico. La maggior parte delle risposte proposte dai sostenitori di Copernico sono solo ipotesi ad hoc (l'atmosfera o gli oggetti in caduta libera seguono la Terra nel suo movimento, le stelle sono estremamente distanti…) che è poi impossibile confermare sperimentalmente. .

Inizialmente il modello Copernicus sarà quindi visto soprattutto come uno strumento di calcolo. Così, ad esempio, per stabilire le sue Tavole Prutene , Erasmus Reinhold utilizzerà le formule di Copernico in un sistema geocentrico. Ci vorrà tutta una serie di scoperte per convalidare la teoria, quindi per perfezionarla. Queste scoperte avranno profonde implicazioni per la rappresentazione del posto dell'essere umano nell'universo.

Il sistema di Keplero

Usando le osservazioni di Tycho Brahe , Keplero (1571-1630) conferma la tesi di Copernico osservando che i piani delle traiettorie dei pianeti passano tutti attraverso il Sole. Ma non riesce a mantenere l'idea del moto circolare: i pianeti ruotano attorno al Sole seguendo traiettorie ellittiche. Queste sono le leggi di Keplero .

Le osservazioni di Galileo

Grazie alle sue osservazioni, Galileo (1564-1642) mostra i difetti del sistema geocentrico e dimostra la coerenza del sistema eliocentrico.

Usando un telescopio rifrattore, esamina una serie di risultati sperimentali:

  • diventano visibili variazioni nelle dimensioni di Marte e Venere, così come le fasi di Venere previste da Copernico;
  • osserva le lune di Giove, il che invalida l'argomento che rendeva la Luna incapace di seguire la Terra nella sua rivoluzione;
  • scopre il rilievo lunare, che invalida la concezione aristotelica dell'invariabilità del mondo sopralunare.

Esegue esperimenti su piani inclinati e introduce la nozione del principio di inerzia , che spiega perché i corpi cadono verticalmente.

La teoria di Newton

Robert Hooke poi Isaac Newton , inventando e sfruttando il principio della forza gravitazionale, dimostrano la validità delle leggi sperimentali di Keplero.

Questa forza spiega perché gli oggetti vengono trattenuti sulla superficie della Terra, nonostante la sua rivoluzione attorno al Sole e perché la Luna segue la Terra in questa rivoluzione.

Convalide sperimentali

Dopo il lavoro di Newton, il modello eliocentrico acquisisce una grande consistenza interna, ma non viene confermato sperimentalmente. Non c'è ancora nessuna osservazione che possa dimostrare che la Terra è in movimento rispetto a stelle lontane. La principale previsione del modello, il movimento relativo delle stelle causato dalla parallasse , deve ancora essere verificata.

E 'grazie alla pubblicazione del lavoro di James Bradley sulla aberrazione della luce nel 1727 che scopriamo la prima prova sperimentale del movimento della Terra intorno al Sole

La prima misurazione della parallasse di una stella fu pubblicata solo un secolo dopo, nel 1838, dal tedesco Friedrich Wilhelm Bessel .

Il movimento di rotazione della Terra su se stessa sarà confermato sperimentalmente da Foucault nel 1851 , grazie al suo esperimento con il pendolo di Foucault .

Il problema degli N-corpi

Le equazioni di Newton forniscono una soluzione esatta nel caso di un corpo isolato in orbita attorno a un altro, chiamato problema a due corpi . Per il sistema solare, sono solo un'approssimazione poiché trascurano le interazioni reciproche dei pianeti.

La risoluzione del problema degli N-corpi è necessaria per affinare la valutazione delle orbite dei pianeti. Nel 1785, in Teoria di Giove e Saturno , Pierre-Simon de Laplace introdusse il calcolo delle perturbazioni , un metodo approssimato basato sull'espansione in serie. Mostra che l'interazione reciproca di questi due pianeti provoca una leggera fluttuazione nella loro orbita per un periodo di 80 anni.

Nel 1889, Henri Poincaré dimostrò che il problema non era risolvibile e che il Sistema Solare era caotico  : la sensibilità alle condizioni iniziali rendeva impossibile prevedere la traiettoria dei pianeti a lungo termine.

Altre domande

Il Sole, centro dell'universo o solo del sistema solare

Copernico fa del Sole il centro, non solo del sistema solare, ma dell'intero universo. Immagina anche una sfera di stelle fisse. Questa visione è messa in discussione ad esempio da Giordano Bruno , ma le tecniche sperimentali dell'epoca non consentivano di giungere a una conclusione scientifica sulla natura delle stelle.

Nel 1718 , l'astronomo britannico Edmond Halley dimostrò il corretto movimento delle stelle confrontando gli spostamenti angolari di α Canis Majoris (Sirius) e α Bootis (Arcturus). Non esiste quindi una sfera di stelle fisse.

Nel 1783 , William Herschel analizzò lo spostamento del Sole osservando il moto proprio di 14 stelle . Scopre che il Sole si sta muovendo a una velocità di 20  km/s verso l' apice , che individua nella costellazione di Ercole. Il Sole non è quindi stazionario nell'universo. Ma Herschel lo colloca ancora al centro della Galassia.

Inoltre, Immanuel Kant sarà il primo a ipotizzare che la Galassia sia solo una "isola-universo" ( galassia ) tra molte altre. Fino agli anni '10 , gli scienziati accettarono di ridurre l'Universo alla nostra Galassia, di cui il Sole sarebbe stato il centro. Harlow Shapley è uno dei primi ad affermare che il Sole non è al centro della nostra Galassia, tuttavia continua a vedere l'universo come un'unica galassia. il, ne discute pubblicamente all'Accademia delle scienze degli Stati Uniti con Heber Curtis che crede che le nebulose siano extra-galattiche.

All'epoca, i dati sperimentali erano contraddittori e il dibattito si concluse senza che Shapley e Curtis rivedessero le loro posizioni. La molteplicità delle galassie non sarà definitivamente accettata dalla comunità scientifica fino a dopo le misurazioni di Edwin Hubble nel 1924 . L'idea di un centro dell'Universo ha perso il suo significato oggi con il modello cosmologico del Big Bang .

A cosa corrisponde fisicamente questo centro

Oggi, dove è accettato che non esiste un centro assoluto dell'universo, dobbiamo intendere la definizione di centro del sistema solare come la scelta consensuale di un modello ritenuto il più rilevante per un dato problema, perché il più facile da utilizzo. Infatti, secondo il principio di relatività , le leggi fisiche non dipendono dal sistema di riferimento prescelto, solo la loro espressione matematica sarà diversa.

In cinematica , essendo sempre libera la scelta di un sistema di riferimento nello spazio, si può così fissare arbitrariamente il centro del sistema solare. Ciò significa che si possono fare calcoli esatti considerando, come fece Tycho Brahe nel XVI °  secolo, la Terra è il centro dell'universo, il sole e la luna le girano intorno, e tutto il resto gira intorno al Sole. Questi due modelli sono quindi altrettanto “reali” l'uno dell'altro, e solo la regolarità delle traiettorie nel modello eliocentrico gli conferisce una verità più forte agli occhi dei fisici. In alcuni casi particolari (come il lancio di sonde spaziali) viene sempre utilizzato anche il modello geocentrico perché permette di semplificare le equazioni.

Anche in dinamica , la complessità dell'espressione delle forze e delle accelerazioni dipenderà dal sistema di riferimento prescelto. Questa espressione sarà la più semplice se scegliamo un sistema di riferimento galileiano . Una buona approssimazione di tale sistema di riferimento si ottiene prendendo come origine il Sole e gli assi diretti verso stelle lontane. In un tale quadro di riferimento, la Terra ruota attorno al Sole. Una meccanica è possibile in un sistema di riferimento legato alla Terra, ma sarà più difficile da esprimere perché è necessario introdurre forze d'inerzia .

D'altra parte, se consideriamo la traiettoria del Sistema Solare nell'universo, è del tutto legittimo considerare il suo centro di inerzia . Nel Sistema Solare è molto vicino al centro di inerzia della nostra stella (che si muove con un periodo medio di 20 anni in una sfera di 2,2 raggi solari), ma questo non è universale: nei sistemi a più stelle questo centro può essere ovunque.

L'eliocentrismo nell'immaginario occidentale

Jean-François Stoffel , analizzando alcuni celebri passi del De revolutionibus ( 1543 ), ha cercato di esaminare la parte che va al culto solare nel desiderio di Copernico di posizionare la stella del giorno come su un "trono regale", al centro .della famiglia delle stelle che lo circondano. Ha cercato di esplorare l'influenza della cosmologia moderna sull'eliolatria tradizionale. Pensa a due diversi apprezzamenti:

  • nella prima, l'eliocentrismo, centralizzando il Sole, avrebbe concesso a questa stella una posizione cosmologica secondo la sua indiscutibile importanza fisica, astronomica e simbolica; la scienza moderna avrebbe poi contribuito a rafforzare il culto solare con il solo posizionamento di questo luminare al centro del cosmo;
  • nel secondo, invece, portando al disincanto con il mondo, l'eliocentrismo avrebbe posto fine alle tante analogie solari che prima erano in ordine; la scienza moderna sarebbe stata allora piuttosto il luogo di distruzione dell'antica eliolatria.

Note e riferimenti

  1. Il Sole Centri 99,854% della massa totale del sistema solare.
  2. 'Indicatori di scienza e ingegneria 2014 cap. 7 Scienza e tecnologia: atteggiamenti e comprensione del pubblico' p.  23.
  3. (en) William Harris Stahl , Martianus Capella and the Seven Liberal Arts: volume I. Il quadrivio di Martianus Capella. Tradizioni latine nelle scienze matematiche , New York, Columbia University Press ,, pag.  175 .
  4. R. Goulet, in Dizionario dei filosofi antichi , CNRS, vol. io, pag.   356-357.
  5. Vedi edizione di Thorn, (la) Nicolai Copernici Thorunensis De revolutionibus orbium coelestium libri VI , 1873, p.  34 . Vedi anche Stahl, p.  176 .
  6. (in) SM Razaullah Ansari, Aryabhata I, la sua vita ei suoi contributi  " , Bollettino della Società Astronomica dell'India , vol.  5,, pag.  10-19 ( letto online , consultato il 30 maggio 2019 ), pag.  12.
  7. Bartel Leendert van der Waerden, Das heliozentrische System in der griechischen, persischen und indischen Astronomie , Kommissionsverlag Leemann AG, 1970, Presentazione online , pp 29-31
  8. Secondo Christmas Swerdlow - ( (en) Christmas Swerdlow , Review: A Lost Monument of Indian Astronomy: Das heliozentrische System in der griechischen, persischen und indischen Astronomy di BL van der Waerden  ' , Isis , vol.  64, n o  2, pag.  239-243 ( presentazione in linea ), pag.  240-241. - le sue argomentazioni non sono convincenti e corrispondono ad una scarsa comprensione della descrizione indiana del sistema planetario.
  9. Per Kim Plofker - ( (en) Kim Plofker , Matematica in India , Princeton University Press ,( presentazione on line ), pag.  111. - si tratta di una sovrainterpretazione del testo di Aryabhata: dare dei movimenti in riferimento al movimento del sole non significa che si pensi all'eliocentrismo
  10. (in) K. Ramasubramanian, MD e MS Sriram Srinivas, Modifica della teoria planetaria indiana precedente da parte degli astronomi del Kerala (c. 1500 d.C.) e l'immagine eliocentrica implicita del movimento planetario  " , Current Science , vol.  66, n .  10,, pag.  784-790 ( letto online , consultato il 30 maggio 2019 ), Riassunto.
  11. Per una descrizione di queste tabelle, vedere ES Kennedy, "The Sasanian Astronomical Handbook Zīj-I Shāh the Astrological Doctrine of" Transit "(Mamarr)", Journal of the American Oriental Society , vol. 78, n. 4 (ott. - dic. 1958), pp. 246-262.
  12. Il Corriere, UNESCO, giugno 1974 "Intorno all'anno 1000 in Asia Centrale uno spirito universale AL-BIRUNI" , p. 11.
  13. Regis Morelon , "L'astronomia orientale araba ( VIII °  -  XI esimo  secolo)" , in Storia della lingua araba Scienza: Astronomia, Teorica e Applicata , Vol.  1, soglia,, pag.  69.
  14. George Saliba , “Teorie planetarie” , in Storia delle scienze arabe: astronomia, teoria e applicazione , vol.  1, soglia,, pag.  101.
  15. Saliba 1997 , p.  138.
  16. Jacques Herse, Il Medioevo, un'impostura. , Parigi, Perrin ,, 292  pag. ( ISBN  2-262-00860-4 ) , pag.  82
  17. Js 10,12-13
  18. Misurare l'Universo: Dimensioni Cosmiche da Aristarco ad Halley p.52 , Albert Van Helden
  19. Eliocentrismo, questa fumosa teoria...
  20. René Descartes, I principi della filosofia , p.  346 , edizione 1681.
  21. In difesa della centralità e dell'immobilità della Terra p.43 Edward Grant 1984.
  22. Pierre Causeret, Lavabos, Coriolis et rotation de la Terre , site terre.ens-lyon.fr.
  23. Il baricentro del sistema solare , J. Meeus, Ciel et Terre vol.68, p. 289.
  24. L'idolo nell'immaginario occidentale , Atti di un convegno internazionale organizzato presso l'Università Cattolica di Lovanio nell'aprile 2003, studi raccolti e presentati da Ralph Dekoninck e Myriam Wattee-Delmothe, L'Harmattan, 2005 - Jean-François Stoffel, “Cosmology contro l'idolatria; l'esempio della profanazione del Sole” , in Ralph Dekoninck e Myriam Watthee-Delmotte, L'idole dans l'imaginaire occidental , p.  195-196 .

Appendici

Articoli Correlati

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su eliocentrismo ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su eliocentrismo e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su eliocentrismo su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Alessia D'ambrosio

Finalmente un articolo su eliocentrismo che è facile da leggere, Grazie per questo post su eliocentrismo

Ivano Beretta

Grazie per questa voce su eliocentrismo, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su eliocentrismo, è proprio quello che mi serviva

Emilia Cavallo

Mi piace il sito, e l'articolo sulla eliocentrismo è quello che stavo cercando

Rossella Perrone

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Raffaella Fiore

Molto interessante questa voce su eliocentrismo, Pensavo di sapere già tutto su eliocentrismo, Molto interessante questa voce su eliocentrismo