Ebla



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Ebla sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Ebla. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Ebla e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Ebla. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Ebla qui sotto. Se le informazioni su Ebla che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Ebla
Tell Mardikh
Immagine illustrativa dell'articolo Ebla
Rovine del sito di Tell Mardikh / Ebla.
Posizione
Nazione Bandiera della Siria Siria
Governatorato Idlib
Informazioni sui contatti 35 ° 47 ′ 53 ″ nord, 36 ° 47 ′ 55 ″ est
Geolocalizzazione sulla mappa: Siria
(Vedi situazione sulla mappa: Siria)
Ebla
Ebla

Ebla ( in arabo  : إبلا 'IBLA ) (o alto Mardikh , arabo  : تل مرديخ alto Mardik ) è un'antica città della Siria, III E e II ° millennio aC. ANNO DOMINI , le cui rovine sono presso il sito del sito archeologico di Tell Mardikh . Si trova a 60  km a sud di Aleppo sulla strada per Hama , dopo il bivio in direzione di Latakia , dove occupa una posizione strategica, alle porte di un valico che controlla l'accesso al Mar Mediterraneo .

Il sito che assume la forma di un racconto ovale di 60  ettari dominato da un'acropoli centrale è stato scoperto nel 1964 e i suoi resti sono stati portati alla luce dalle équipe del professor Paolo Matthiae ( dell'Università La Sapienza di Roma ) nel 1968.

Ebla, dal III °  millennio aC. dC , è una città ricca. I suoi re iniziano dal 2.500 aC. dC per estendere il proprio dominio sul Medio Eufrate e su parte della Siria . Gli scavi hanno portato alla luce una sala d'archivio, ricca di oltre 17.000 tavolette e frammenti di tavolette d' argilla incise in sumero ed eblaïte , la lingua locale. Questi testi fornivano preziose informazioni sull'economia, il commercio e l'industria, l'amministrazione e la diplomazia, di questo potente regno dimenticato: archivi economici, trattati di alleanza con gli stati vicini, rapporti di guerra e di pace, poemi epici e inni religiosi. Ebla era una delle città-stato più potenti della Siria tra il 2500 e il 2400 aC. J.-C.

È possibile visitare i resti di palazzi e diversi templi e altri edifici. Mentre documentazione scritta relativa alla XXV ° e XXIV esimo  secolo aC. AD , monumenti, oggetti ed opere d'arte sono emersi principalmente risalgono al II °  millennio aC. ANNO DOMINI , l'ultimo periodo in cui Ebla fiorì prima della sua definitiva distruzione.

Riscoperta, scavi e degrado

Tell Mardikh del sito iniziò ad essere scavato da una squadra archeologica italiana guidata da Paolo Matthiae nel 1964, al fine di trovare informazioni sull'interno siriano del II ° millennio . Dopo le prime campagne che diedero solo modesti risultati, nel 1968 fu scoperta una statua recante un'iscrizione che permise di identificare il sito scavato: si tratta dell'antica città di Ebla, capitale di un regno già noto da più testi, la cui localizzazione era stata ricercato da diversi decenni. Gli scavi del sito sono particolarmente famosi nel 1975, quando sono state portate alla luce più di 14.000 tavolette e frammenti di tavolette databili intorno al 2400 aC. dC, periodo per il quale non si immaginava allora che esistesse in Siria un'amministrazione che utilizzasse la scrittura cuneiforme , regione che si riteneva "arretrata" rispetto alla Bassa Mesopotamia . Una polemica è scoppiata anche quando i giornali anglosassoni hanno affermato che questi archivi hanno rivelato informazioni sull'epoca dei patriarchi della Bibbia e che il governo siriano ha cercato di nasconderle. La controversia alla fine si placò una volta pubblicate le tavolette, e fu dimostrato che avevano solo un collegamento molto lontano con la Bibbia. Gli scavi hanno portato alla luce piccoli spazi risalenti al III ° millennio e sostanzialmente dissotterrati edifici all'inizio del II ° millennio . Continuano ancora ogni anno sotto la direzione di Paolo Matthiae, e portare nuove informazioni preziose sulla cultura della Siria interna II ° millennio . È lo stesso per la modifica e soprattutto l'analisi delle compresse di III ° millennio , realizzate in particolare dalle Alfonso Archi, Pelio Fronzaroli o Giovanni Pettinato .

Guerra civile siriana

Dall'inizio della guerra civile siriana nel 2011, gli scavi nel sito sono stati abbandonati. Il sito fu invaso da gruppi armati, e fu presto oggetto di scavi clandestini, in necropoli ancora inesplorate dagli scavi regolari. Le analisi delle immagini satellitari del sito risalenti al 2014 indicano che tutte le aree regolarmente scavate sono state profondamente degradate, se non distrutte, ovviamente con mezzi meccanizzati, in più punti, e che gli scavi clandestini si sono diffusi. superficie, dove sono visibili molte fosse.

All'inizio del 2020, l' esercito siriano sostenuto dalle forze russe ha cacciato i jihadisti dalla vicina città di Saraqeb l'8 febbraio 2020, e di nuovo definitivamente il 2 marzo 2020, e dal villaggio di Mardikh (Tell Mardikh). Si è scoperto che le bande jihadiste avevano saccheggiato dozzine di manufatti in oro e pietra. Inoltre, avevano trasformato il sito archeologico in un campo di addestramento militare e seppellito nel terreno pick-up e autoblindo. Il direttore del dipartimento culturale del governatorato di Hama , Khazer Aïliouliou, conta sul supporto di specialisti italiani che dispongono di un ampio archivio per il restauro del sito.

Il regno di Ebla durante il periodo "proto-siriano" (c. 2500-2300 aC)

Il primo alloggiamento nella sede (Mardikh I) corrisponde alla seconda metà del IV ° millennio . Il secondo livello (Mardikh II) copre la maggior parte del III ° millennio . È suddiviso in diversi sottoperiodi; il livello II A corrisponde al primo grande sviluppo della città, tra il 3000 e il 2500 circa, che segna l'inizio del cosiddetto periodo “proto-siriano”. II livello B copre la seconda metà del III ° millennio , cioè la prima età del bronzo , corrispondente alla Arcaico III dinastie , nonché i periodi dei Akkad e Ur III imperi della Bassa Mesopotamia . Questo secondo sottoperiodo è conosciuta soprattutto attraverso le numerose tavolette che documentano la vita del regno alla XXV °  -  XXIV TH  secoli (II livello Mardikh B1), che hanno fatto la reputazione del sito. Questo è il periodo di massimo splendore di Ebla come potenza politica.

Il palazzo reale e gli archivi

Gli archeologi hanno scavato pochi edifici risalenti al periodo proto-siriano. Il più noto è il "palazzo G", risalente al XXIV °  secolo, nel centro dell'Acropoli. È il più antico palazzo conosciuto in Siria. Le strutture individuate su questo tell per la fase precedente devono corrispondere ad un primo stato di questo edificio, contemporaneo all'emergere della regalità a Ebla: sul versante sud, l'edificio G2 aveva senza dubbio una funzione di deposito; a nord-est del settore palaziale, è una costruzione costituita da una grande quantità di selce, che doveva fungere da laboratorio di produzione e magazzino. Il palazzo di epoca proto-siriana doveva estendersi per circa 10.000  m 2 sul settore settentrionale della collina, avere almeno un piano, ma solo pochi settori potevano essere sgomberati, coprendo 2.500  m 2 . Alcune parti potrebbero essere identificate. In primo luogo, il “quartiere amministrativo”, a sud, ai piedi dell'acropoli dove si trovava la cancelleria con i suoi archivi. C'era un piccolo cortile interno, con un portico sul lato sud. Una stanza situata a sud di questo settore era senza dubbio la sala del trono, attorno alla quale sono state recentemente rinvenute piccole stanze, dove sono stati rinvenuti vari oggetti. In questa zona è stata rinvenuta anche una cucina. La “cour des audiences”, posta più in alto, dominava la città ed era collegata al settore precedente da una porta monumentale. Poteva fungere da piazza pubblica garantendo il raccordo tra lo spazio pubblico e il palazzo stesso. Pare che le sue facciate fossero fiancheggiate da portici con colonne lignee, almeno su due lati. Un podio situato sotto il portico nord doveva sostenere il trono del re durante le udienze. Sul lato nord, il cortile conduceva ad un edificio che faceva parte del palazzo. Sul lato est si apriva sull'accesso principale al palazzo reale, attraverso una porta monumentale che si apriva su una scalinata che conduceva alla sommità dell'acropoli. Un complesso situato a sud avrebbe potuto fungere da residenza per i dignitari del palazzo.

È nel distretto amministrativo che sono state portate alla luce la maggior parte delle tavolette degli archivi reali di questo periodo. La stragrande maggioranza è stata rinvenuta nella “sala degli archivi”, costituita da circa 14.700 tavolette e frammenti di tavolette, di cui almeno 1.700 tavolette complete e 9.500 con lacune. È una stanza rettangolare. Le mensole erano disposte a gruppi di quindici, su tre file di mensole in legno ( profondi 80  cm e alte 50  cm ) allineate lungo le pareti nord ed est. Il lato principale degli scaffali era rivolto verso l'esterno, quelli più grandi erano posizionati sul pavimento. Sono stati classificati tematicamente, e tali sono rimasti dopo l'incendio che ha devastato il palazzo quando è stato distrutto, nonostante la scomparsa degli scaffali. Sulla parete est c'erano le tavolette che registravano le consegne di tessuto. Nell'angolo, le tavolette relative alle consegne di metalli preziosi e rame. Lungo la parete nord, il ripiano superiore portava gli elenchi lessicali sumeri e i testi di cancelleria (decreti reali, donazioni, trattati). Gli altri scaffali contenevano resoconti relativi all'agricoltura e all'allevamento, nonché elenchi bilingue eblaiti / sumeri . Il vestibolo della sala degli archivi ha restituito altre tavolette. Altre stanze del palazzo fornivano cospicui lotti di tavolette: circa 900 nel portico est della cour des audiences (molte tavolette di consegne di cibo - farina e olio) e 500 in un negozio trapezoidale nel distretto amministrativo. In tutto sono state rinvenute più di 17.000 tavolette e frammenti, che mettono in luce le attività dell'amministrazione del palazzo durante gli ultimi tre regni precedenti la distruzione del sito. Le tavolette erano scritte prevalentemente in sumero , la lingua di un popolo che viveva nella Bassa Mesopotamia , che era allora la più prestigiosa culturalmente del Medio Oriente , ma anche in una lingua semitica locale precedentemente sconosciuta, che alla fine fu soprannominata "  Eblaïte  ".

Istituzioni e amministrazione del regno eblaita

Lo stato eblaita era governato dal principale residente del palazzo, il re. Portava il titolo sumero di EN , solitamente tradotto come "signore" (indossato anche dal re di Uruk ), che corrisponde all'elahita malkum / malikum . Tre regni sono documentati dagli archivi del palazzo: quelli di Igrish-Halam , Irkab-Damu e Isar-Damu , la cui durata del regno è ancora poco conosciuta. È stato stabilito un elenco di re precedenti, in particolare da tavolette di elenchi di re relativi al culto degli antenati dinastici. La moglie principale del re (la regina, maliktum ) ha svolto un ruolo importante, soprattutto religioso.

È noto un rituale reale che corrispondeva almeno in parte a un matrimonio reale. La sua interpretazione è molto dibattuta, perché sembra che includa anche l'intronizzazione del re, non menzionata nelle tavolette che lo descrivono a nostra disposizione, ma la cui associazione con la prima cerimonia è evidente nei documenti amministrativi; è difficile comprendere l'associazione tra matrimonio e intronizzazione, che non sembra dovuta a circostanze particolari. Ad ogni modo, questo rituale è durato almeno sette giorni, durante i quali la coppia reale e i principali dignitari del regno si sono recati in diversi luoghi: il tempio del dio Kura, patrono del regno, poi il mausoleo dinastico, prima di tornare al palazzo. compiere altri riti, spesso di carattere agrario, prima che il matrimonio si concluda con un grande banchetto che precede la consumazione del matrimonio.

“Quando il dio del sole cammina verso la porta della camera di Kura, la regina è seduta alla sinistra del re. Il re e la regina portano i vasi dell'olio quando gli dei e i governanti entrano nelle loro due camere. Il re e la regina non danno provviste quando gli dei e i governanti sono nelle loro stanze. Mentre sono seduti sui troni dei loro padri, la sera prima sono state consegnate le vettovaglie... mentre rimangono nel mausoleo per i loro riti di sette giorni, vengono tessute quattro vesti in stile Mari per Kura e Barama, per il re e per la regina. (...) Nessuno mangia il primogenito del gregge del re e della regina. Poi la regina mangia il primogenito [del gregge del re] e poi mangiano anche i loro primogeniti (...). Mentre il re nel tempio sacrifica la divinità di Shagish, viene eretta una statua per lo spirito protettivo del re, viene eretta una statua per lo spirito protettivo della regina, così come è stata composta e prodotta dai creatori di statue. Il re offre su una coppa che tiene in mano un simulacro d'argento della dea Ishkhara fatto di legno di bosso con la testa d'argento e la cintura d'argento. Il re su una coppa in mano offre un simulacro della Leonessa in legno di bosso con la testa d'argento e la cintura e catena d'argento... e vi rimaniamo per due cerimonie di sette giorni e sette giorni. Quando abbiamo celebrato la loro cerimonia di sette giorni in questo giorno, la testa di Kura è velata e il re e la regina escono. Quindi tornano al tempio degli dei per mangiare i capretti dell'offerta. "

- Estratto dal rituale reale di Ebla.

Nei documenti a nostra disposizione il ruolo del sovrano è essenzialmente religioso; ha incarnato il regno, soprattutto nelle relazioni internazionali in cui la sua famiglia è integrata in alleanze interdinastiche (vedi sotto). La sua legittimità si basava in particolare sul culto degli antenati dinastici divinizzati, ai quali venivano regolarmente offerti sacrifici. La città di Darib sembra aver giocato un ruolo importante in questo culto funerario e i re potrebbero essere stati sepolti lì.

L'amministrazione del regno era guidata da una dozzina di persone chiamate LUGAL , termine sumero che significa "grande uomo". Ha designato nella Bassa Mesopotamia personaggi di rango reale, ma nel contesto eblaite non era così, ed è tradotto come "signore" (che doveva essere reso in eblaïte da ba'lum ). Questi dignitari dirigevano il personale dipendente dal palazzo. Appaiono soprattutto nelle tavolette di registrazione di donazioni e contribuzioni ( mu - DU ) che vengono inviate ai magazzini reali. Erano una ventina al massimo, ma il loro numero diminuiva e alla fine del regno erano solo dodici. Dal regno di Irkab-Damu, uno di questi personaggi, Arrukum , assunse progressivamente l'incarico esclusivo dell'amministrazione del regno. Diventa quindi una sorta di primo ministro, o "  visir  ". Il re perde quindi gran parte del suo ruolo politico. Arrukum viene quindi sostituito da Ibrium poco prima della morte di Irkab-Damu. Rimase in questo incarico per circa quindici anni, prima che suo figlio Ibbi-Zikir prendesse il suo posto alla sua morte, per circa diciassette anni. Questo stesso visir guida gli eserciti del regno.

Altre figure importanti nell'amministrazione di Ebla furono gli “Anziani” ( ÁB.BA ), probabilmente una quarantina di notabili locali. Inoltre il palazzo reale amministrava il territorio con una coorte di scribi che ne curava gli archivi, ne faceva i conti. Esisteva una rete di funzionari incaricati di sovrintendere alle varie attività economiche del palazzo (chiamata UGULA nei testi). Le comunità non direttamente dipendenti da questa organizzazione dovevano pagare royalties in natura (grano e olio in particolare).

Infine, anche se la natura della regalità eblaita è ancora poco compresa sotto molti aspetti, è chiaro che non si trattava di un sistema autocratico in cui il sovrano esercitava un potere incontrastato. Ebbe a che fare con diversi membri dell'oligarchia del regno, primo fra tutti il ​​gruppo LUGAL , di cui una linea finì per far parte dei poteri sovrani. Ebla era quindi dominata da un gruppo d'élite con il controllo sugli affari politici ed economici.

Ebla nelle relazioni internazionali

Nonostante il loro carattere essenzialmente amministrativo, gli archivi del palazzo reale di Ebla ci danno informazioni sul contesto internazionale del periodo, grazie alla presenza di atti di cancelleria (lettere diplomatiche e trattato di pace ) e registri di entrata e uscita di doni fatti nell'ambito delle relazioni diplomatiche . Tuttavia, questi testi sono spesso poco espliciti, ed è difficile collocarli nell'ordine cronologico interno, oltre a trovare le corrispondenze con le vicende attestate dalle fonti provenienti da altri siti contemporanei. Di conseguenza, rimangono molte incertezze

Le relazioni internazionali di Ebla appaiono segnate principalmente dalla sua rivalità con il regno più potente situato nelle sue vicinanze, Mari , situato al suo confine orientale e che domina la regione del Medio Eufrate. Alla fine del XXV ° e l'inizio del XXIV °  secolo, Ebla era uno stato vassallo di Mari, e rende omaggio al re e ai suoi principali dignitari, come testimoniano gli archivi risalenti al regno di Irkab-Damu.

“Così (parla) Enna-Dagan, re di Mari, al sovrano di Ebla: Anubu, re di Mari, ha sconfitto le città di Aburu e Ilgi nel territorio di Belan; nella regione montagnosa di Labanan lasciò montagne di rovine. Sa'umu, il re di Mari, sconfisse le città di Tibalat e llwani: nella regione collinare di Angai lasciò montagne di rovine. Sa'umu, il re di Mari, sconfisse il territorio delle città di Ra'aq, Nirum, Ashaldu e Baul vicino a Nakhal e lasciò montagne di rovine. Così Istup-sar, re di Mari, sconfisse le città di Emar e Lalanium e il territorio di Ebla: in Emar e Lalanium lasciò dietro di sé montagne di rovine. Così Iblul sconfisse le città di Shadab e Addalini e Arisum nel territorio di Birmania, nella terra di Sugurum e lasciò dietro di sé montagne di rovine; e poi le città di Sharan e Dammium, Iblul-il , il re di Mari, le sconfissero e lasciarono montagne di rovine. Partì quindi per le città di Nerat e Hazuwan, Iblul-il, il sovrano di Mari, ricevette tributi da Ebla quando si trovava nella città di Mane e saccheggiò Emar e lasciò montagne di rovine. E poi le città di Nakhal e Lubat e Shabab, del territorio di Gasur, ha battuto e ha lasciato sette montagne di rovine, Iblul, il governatore di Mari. "

- Lettera di Enna-Dagan, nuovo re di Mari, al sovrano di Ebla, 2380 circa.

Ma Mari vive poi un periodo di debolezza, e il tributo è diminuito. Il potere di Ebla sembra aumentare sotto l'impulso del visir Ibrium  : sottomette in particolare il regno di Emar , situato sull'Eufrate, proprio di fronte al regno di Tuttul , vassallo di Mari. È a questo periodo che risale il trattato tra Ebla e il regno di Abarsal (da qualche parte nella regione tra le zone di influenza di Ebla e Mari), che è il più antico accordo diplomatico che si sia conservato. Poco dopo, Mari ed Ebla raggiungono finalmente una pace che sembra sancire uno status paritario tra i due.

Il visir Ibbi-zikir continua l'ascesa politica di Ebla, ottenendo numerose vittorie contro piccoli regni vicini che consolidano il suo potere. Questa situazione porta a un conflitto contro Mari, che si conclude con una vittoria delle Elite guidate dal loro visir, vicino a Tuttul . Per assicurarsi la vittoria su un vicino che rimane potente, Ebla cerca l'alleanza di due dei rivali di Mari, i regni di Nagar (ora Tell Brak , nel nord della Siria) e di Kish (nel nord della Bassa Mesopotamia). I matrimoni uniscono le principesse eblaite ai principi dei due regni alleati. Finalmente si fa di nuovo pace con Mari.

Ebla è quindi al suo apice: il suo regno si estende su gran parte della Siria centrale, ha molti vassalli, e il regno guidato dal visir Ibbi-zikir sembra essere alla pari con le altre grandi potenze regionali, Mari e Nagar. ( Dillo a Brak ). A giudicare dalla presenza di oggetti in Egitto nel palazzo reale, tra cui un vaso di alabastro di nome Pepi I ehm , ci sono forse gli scambi, anche diplomatici tra Ebla e la Valle del Nilo .

Attività economiche

Un'economia sontuosa

L'economia del regno eblaita era dominata dal palazzo reale, che impiegava la maggior parte dei lavoratori. Questi erano pagati dall'amministrazione sontuosa in razioni di mantenimento, consistenti in grano, olio e lana. Le terre del palazzo erano assegnate a membri della famiglia reale, o dell'aristocrazia, ai quali gli sfruttatori donavano parte del prodotto delle culture per mantenere il loro modo di vivere. Queste persone avevano le proprietà più grandi. Nelle vicinanze, una folla di dipendenti del palazzo aveva lo stesso tipo di terreno, ma in quantità minore. È stata l'amministrazione centrale che alla fine ha deciso l'assegnazione della terra, controllando così questo sistema. I templi non avevano domini, a differenza della Mesopotamia meridionale allo stesso tempo. Il culto era curato dal palazzo.

La casa del re, che era il cuore dell'organismo sontuoso ( SA.ZA nei testi), manteneva centinaia di servitori ( GURUŠ ). Ma erano solo una minoranza dei dipendenti del palazzo. Questi sono stati raggruppati in nuclei familiari. Erano divisi in gruppi da 500 a 1.000 persone (' iranum ), guidati da supervisori ( UGULA ) e suddivisi in gruppi di 20 lavoratori ( É.DURU ). Gli artigiani ei mercanti che lavoravano per il palazzo risiedevano invece nella città stessa, in periferia ( URU.BAR ) dove si trovavano anche i loro spazi di lavoro. In tutto, il personale che lavorava per il palazzo più ampio era composto da circa 5.000 persone. Se stimiamo che si trattasse generalmente di capifamiglia composti in media da 4 persone, la popolazione del regno eblaita era di almeno circa 20.000 persone, se ci atteniamo ai dipendenti del palazzo.

Accanto al palazzo, ai suoi amministratori e alla sua folla di dipendenti, c'erano comunità rurali rimaste più o meno indipendenti. Tuttavia, dovevano pagare le tasse in natura al governo centrale. C'era forse un commercio privato, al di fuori dei circuiti commerciali controllati dal palazzo. Tuttavia, si sa molto poco delle attività che si svolgevano al di fuori della sfera palaziale, perché non ben documentate.

Agricoltura e allevamento

Uliveto nella regione di Idlib , vicino al sito di Ebla.

Ebla era situata al centro di una pianura ancora oggi molto fertile, in un clima mediterraneo , in un'area che ha ancora più di 200 millimetri di precipitazioni medie annue, e nelle annate buone più di 400 o anche 500 millimetri. Ciò ha permesso di praticare un'agricoltura secca (non irrigua), ma di natura piuttosto estensiva, e non intensiva come era l'agricoltura irrigua della Bassa Mesopotamia, il che probabilmente spiega le differenze nelle strutture agrarie tra le due regioni.

Sono stati analizzati circa trenta campi di elenchi di tablet. Alcuni sono del tipo "catastale", registrando i possedimenti di vari membri della corte, anche se è impossibile conoscerne l'entità, perché non si conoscono i valori delle unità di misura dell'area. Le aree più vaste erano quelle della famiglia reale, principalmente il re, e il visir, allora membri dell'alta amministrazione. Generalmente includevano campi sparsi su diversi terroir e quindi non erano tutti d'un pezzo. A volte la terra di un villaggio veniva assegnata a una stessa persona. Dai testi sono noti circa un centinaio di questi villaggi, il che sembra indicare un tipo di habitat disperso.

Per quanto riguarda le tipologie di coltivazioni, i campi sono stati suddivisi in tre grandi categorie riprendendo la “trilogia mediterranea”. I campi di cereali ( GÁNA.KEŠDA ) coprivano la maggior parte del territorio. Circa due terzi dei possedimenti erano esclusivamente cerealicoli , il resto combinava colture diverse. Un resoconto non datato mostra che un tempo il palazzo aveva oltre 31.000 tonnellate di orzo . Da un quarto a un terzo della superficie agricola è coperto da uliveti ( GIŠ Ì.GIŠ ). Si coltivava anche la vite ( GIŠ GEŠTIN ). Le olive e l' uva venivano pigiate nei borghi e nei centri dei poderi rurali, come testimoniano i riferimenti a torchi e cantine in alcuni documenti. C'erano diverse qualità di olio d'oliva  : olio nuovo, olio amaro, oli aromatizzati (che venivano usati per profumare), ecc. Questo prodotto veniva conservato nelle giare: all'epoca della fine del palazzo le sue riserve ammontavano a circa 4.000 giare di olio, altre 7.000 nei magazzini della periferia. Secondo i calcoli fatti da A. Archi da questi dati, è stato stimato che le riserve totali del palazzo contenessero 330.000  litri di olio, e estrapolando da questi dati ha stimato che ci sarebbero potuti essere almeno 7.600  ettari di uliveti nel territorio Éblaïte.

Il bestiame era anche un'importante attività economica nell'economia di Ebla, in una regione relativamente arida che permetteva un'agricoltura pastorale estensiva. Le pecore sono di gran lunga il tipo di bestiame più diffuso nelle fonti amministrative. Il conteggio delle pecore dipendenti dal palazzo mostra che erano molte: sarebbero state tra le 70.000 e le 80.000, poi più di 100.000 negli ultimi giorni degli archivi. Nella stagione secca pascolavano nel villaggio finage del regno, ma nella stagione delle piogge venivano inviati nelle zone steppiche più lontane che erano allora sufficientemente erbose per nutrirli. I pastori avevano il compito di vegliare sulle greggi. Erano generalmente allevati per la loro lana, ma circa diecimila erano dedicati al cibo, specialmente quello degli dei (durante i sacrifici) e del seguito reale. Anche il bestiame era importante nell'economia agricola eblaita (oltre 8000 capi secondo i conti).

Artigianato e commercio

Le attività artigianali di Ebla sono poco documentate dai testi rispetto all'agricoltura. Anche in questo caso è importante il controllo dell'amministrazione reale. L'Ebla Palace impiegava maestranze tessili ( lane e lino ), fabbri e orafi, oltre a persone specializzate nella lavorazione dei prodotti agricoli, in particolare donne (mulino, panetteria, birreria, enologia, profumi, ecc.). Alcuni di questi prodotti furono oggetto di spedizioni verso altri regni: è il caso dell'olio d'oliva e dei prodotti tessili , che pare fossero le più importanti attività manifatturiere controllate dal palazzo reale. Anche il metallo era un'attività di spicco, dal momento che il palazzo impiegava quasi 500 lavoratori del ferro, che è il più grande raggruppamento di artigiani conosciuti per quel periodo, contando anche gli archivi sumeri . I metalli lavorati ( rame , argento , oro ) provenivano probabilmente dalla vicina Anatolia .

Gli scambi sono noti dalle tavolette dell'amministrazione del palazzo che registrano le entrate e le uscite degli oggetti. Si tratta di scambi effettuati con altre corti reali, probabilmente più diplomatici che commerciali. Ma queste fonti rivelano come doveva essere il commercio internazionale, il che si riflette in alcune fonti. Sappiamo che il palazzo impiegava propri mercanti e che talvolta riusciva ad assicurare loro il monopolio del commercio con alcuni regni, come si evince dalle clausole del trattato concluso con Abarsal . Ebla era su importanti rotte commerciali, in particolare quelle che collegavano le aree di estrazione del metallo e del legname, in Anatolia e nel nord del Levante , i porti sulla costa mediterranea e la ricca Bassa Mesopotamia che era un luogo di consumo. prodotti ma anche uno spazio di transito di merci provenienti da altre regioni. Tra i ritrovamenti effettuati nel palazzo reale vi sono manufatti provenienti dall'Egitto , oltre a lapislazzuli provenienti dall'Afghanistan , che testimoniano l'importanza della scala del commercio internazionale in cui Ebla era coinvolta. Gli scambi di prodotti all'interno del regno avvenivano principalmente nell'ambito delle ridistribuzioni dei prodotti da parte del palazzo ai suoi dipendenti, e in quello delle imposte pagate allo Stato. Sembra che le feste religiose fossero occasione per l'organizzazione di fiere , come accadde in epoche successive dell'antichità.

La religione di Ebla

Le divinità del pantheon eblaite sono conosciute principalmente dalle liste di offerte date ogni mese dal palazzo ai templi. Scopriamo la più antica religione della Siria che si conosca, offrendo paralleli con le fonti dei periodi successivi, in particolare Emar e Ugarit . Il background culturale è essenzialmente semitico, ma vi sono peculiarità locali oltre a influenze sumeriche e, in misura minore, hurrite. Il grande dio del regno eblaita è Kura, altrimenti sconosciuto. D'altra parte, le altre divinità principali del pantheon eblaite si trovano altrove nei seguenti periodi: Dagan , importantissimo dio della fertilità in Siria  ; il dio della tempesta Adda ( Addu , Hadad ); il dio sole designato dall'ideogramma sumero UTU  ; Rashap ( Reshep ), divinità infernale; Ishkhara, dea della fertilità e divinità ctonia; Ashtar ( Ishtar , Astarté ), dea celeste identificata con il pianeta Venere  ; il dio Kakkab ("stella"); Kamish (il futuro dio moabita Kamosh ), probabilmente un'altra divinità ctonica . Diverse divinità altrimenti sconosciute o impossibili da identificare compaiono nei testi oltre a Kura, come la sua consorte Barana o NI -da- KUL la cui lettura del nome non è compresa. Tra le divinità non semitiche ci sono il dio sumero Enki , la dea Ninki e la dea hurrita Hebat .

Sono stati rinvenuti anche alcuni testi religiosi, scritti in sumero e/o eblaïte. Gli inni sono dedicati alle divinità importanti del pantheon. L'inno al dio sole Shamash è il testo letterario più lungo scritto in eblaïte. Abbiamo anche trovato il frammento di un mito con divinità sumere ( Enki , Enlil , Utu ), sconosciute altrove. L'ultimo tipo di testo religioso conosciuto sono raccolte di esorcismi usati per scongiurare disturbi: punture di serpenti e insetti, malattie (soprattutto mal di denti). Sono attestati diversi rituali che si svolgono nei templi e feste dedicate alle principali divinità del pantheon. Le élite avevano un calendario religioso per questo in parallelo al loro calendario comune. A questa tavola possiamo aggiungere i riti legati alla regalità sopra ricordati, che avevano un aspetto religioso dovuto all'intreccio tra religioso e politico e la natura sacra del potere politico.

“… Un tavolo per le offerte… un vassoio per le offerte (è posto) davanti (alla statua del) dio della notte. Un vassoio per offerte con ..., un vassoio per offerte con "pane puro", un contenitore di olio, un contenitore di birra, un contenitore di vino zibar, un vaso con un ruscello d'acqua per il dio della notte. (...) per un tessuto nero con cui adornare (la statua della) moglie del dio della notte. Offerta di vassoi prima del tramonto. (...) (Queste sono) offerte sacrificali per il dio della notte in occasione del... re. "

- Estratto dal rituale al dio della notte a Ébla (c. 2370 aC).

L'edificio religioso più noto per il periodo protosiriano è un tempio situato nella parte sud-orientale della città bassa (zona H), il “Tempio della Roccia” o “Tempio HH”, che deve il suo soprannome al fatto che le sue fondamenta poggiano su una roccia. Si tratta di un edificio di dimensioni 29×22 metri, orientamento est-ovest, composto da due ambienti: un vestibolo (a est) che si apre con una porticina (larga 1,40 metri) su una cella (a ovest) di disposizione di misura Lunghe 10,50 metri e larghe 7,80 metri ciascuna. Sono circondate da mura con uno spessore che varia dai 5,60 agli oltre 6 metri. Si tratta di uno dei più antichi esempi conosciuti di templi in antis (dove le pareti laterali sporgono dal muro della facciata verso l'esterno) comuni durante l'Alta Antichità siriana, tipologia attestata anche nei templi eblaiti dei periodi successivi. altri siti vicini ( Aleppo , Alalakh ). Non sappiamo a quale dio sia stato attribuito: P. Matthiae propone Kura (o Hadad). Dopo la prima distruzione di Ebla, questo edificio fu sostituito da due templi: il “Tempio HH4”, misura 17,30 × 10,90 metri, anch'esso del tipo in antis , costituito da un vestibolo e da una cella allungata; e il piccolo “Tempio HH5” (10,50 × 5,50 metri), prossimo al precedente e di forma simile. Questi due templi furono distrutti alla fine del periodo proto-siriano. Un sopralluogo sotto il tempio di Ishtar di epoca paleo-siriana ha portato alla scoperta di un altro tempio di epoca proto-siriana, il “Tempio Rosso” (o Tempio D2), così chiamato per il colore dei suoi mattoni. La sua organizzazione è molto simile a quella del Tempio della Roccia. Per la sua vicinanza al settore palaziale, sembra importante nel culto ufficiale, e potrebbe essere il tempio di Kura del settore palaziale ( Saza ), dove si svolge parte del principale rito reale (poiché due santuari del dio sono menzionati nel testo rituale).

Risultati artistici

Gli scavi dei livelli proto-siriani del palazzo reale hanno portato alla luce alcuni elementi della decorazione interna dell'edificio. La soglia del distretto amministrativo e i gradini dello scalone principale avevano intarsi in madreperla. Il cortile interno del distretto amministrativo e la sala del trono avevano pannelli murali alcuni dei quali erano intarsiati con elementi in foglia d' oro , calcare o lapislazzuli che formano figure, le uniche parti di queste opere ad aver superato la prova del tempo; la struttura portante era probabilmente in legno. Alcuni di questi pannelli rappresentavano cortei di funzionari che rendevano omaggio al sovrano. Questi risultati hanno paralleli con Mari dello stesso periodo, e anche in oggetti sumeri intarsiati come lo stendardo di Ur .

Il distretto amministrativo ha anche consegnato statuette composite, di cui si sono conservati soprattutto gli elementi delle acconciature, realizzate in pietra ollare o talvolta in lapislazzuli. Il corpo delle statue era fatto di pietra dura o metallo, e poteva essere adornato con pietre preziose o addirittura d'oro. La decorazione comprendeva anche mobili intarsiati e talvolta decorati con piccole statuine marmoree. Abbiamo individuato tavoli o sedute facenti parte dell'arredo del palazzo grazie a questo tipo di figurine. A volte rappresentavano giri di animali o combattimenti tra eroi e animali mitologici. In genere, i temi di queste scene, come quelli dei sigilli cilindrici rinvenuti nel palazzo, sono identici a quelli della Mesopotamia contemporanea, nonostante alcune originalità eblite, come la figura della dea che doma due leoni. Certe scene dovevano rappresentare miti locali a noi sconosciuti. Tutto ciò testimonia comunque la presenza a Ebla di una tradizione di artisti di qualità che nulla aveva da invidiare a quelli di Sumer .

Gli scavi avvenuti nel palazzo reale nei primi anni 2000 hanno portato alla scoperta di nuovi oggetti del periodo arcaico. I ritrovamenti più notevoli sono avvenuti in un piccolo ambiente sistemato sul lato sud della sala del trono, destinato senza dubbio a custodire gli oggetti offerti al re durante le udienze: lapislazzuli grezzi, intarsi in conchiglia e talvolta calcare, ricoperti di foglia d'oro, rappresentanti animali o personaggi e parti di statuette, anche in foglia d'oro destinate a coprire questo tipo di oggetti e capelli in pietra ollare. Un'indagine nel settore FF ha permesso di trovare i resti di un edificio della stessa epoca, dove sono stati recuperati frammenti di murales con motivi geometrici, testimonianza unica della pratica della pittura negli edifici della Siria interna nella seconda metà del III e millennio .

La distruzione di Ebla

Fu poco dopo il matrimonio di una principessa eblaita con il principe del regno mesopotamico di Kish che il palazzo reale di Ebla fu distrutto e bruciato, con ogni probabilità con violenza. Sorge quindi la domanda su chi sia responsabile di questa caduta. Il colpevole ideale è uno dei re dell'impero Akkad , proveniente dalla Bassa Mesopotamia , che è noto per aver soggiogato gli altri grandi regni della Mesopotamia settentrionale e della Siria dopo il 2340. La distruzione fu per un tempo attribuita da Ebla a Naram-Sîn , carica verso la metà del XXIII E  secolo, prima infine privilegiando l'azione del nonno Sargon di Akkad , fondatore dell'impero negli ultimi decenni del XXIV E  secolo. Questi due re di Akkad in ogni caso guidarono offensive in Siria e soggiogarono la regione di Ebla. Entrambi affermano di aver dominato questa città. Ma un'ipotesi recente propone che Ebla sia stata distrutta prima dell'inizio del regno di Sargon, il che annullerebbe la scia di distruzione provocata dagli accadi. In questo caso, è piuttosto di Mari , il nemico ereditario, sarebbe attribuire la distruzione del regno eblaita, che ha avuto luogo oltre la metà del XXIV °  secolo. Ma questo non si basa su alcuna prova definitiva. Sembra che una seconda distruzione abbia devastato il sito dopo la prima, mentre il settore del palazzo è stato rioccupato dopo una prima fase di abbandono. L'autore di questa nuova catastrofe è ancora più enigmatico che per la prima. Se i re di Akkad non sono responsabili del primo, allora forse hanno causato il primo, ma di solito è datato a un periodo successivo.

Ebla durante il periodo "Paleosiro-Siriano" (c. 2000-1600 a.C.)

Agli inizi del II ° millennio , un nuovo periodo nella storia di Ebla si apre, chiamata dagli archeologi del periodo sito "paleo-siriana." Corrisponde al periodo paleo-babilonese (o periodo amorrite ) della Mesopotamia e all'età del bronzo medio del Medio Oriente. Se il periodo precedente era conosciuto soprattutto grazie alle fonti epigrafiche, questo è grazie ai ritrovamenti di edifici e realizzazioni artistiche.

Il XX °  secolo ha visto la rinascita della città di Ebla, nel quadro di una Siria dominata da dinastie originale amorreo . È a questo periodo che risale la statua in basalto del re Ibbit-Lim, che ha permesso l'identificazione del sito da parte degli archeologi italiani. In assenza di fonti epigrafiche, non si sa quasi nulla della sorte della città in questo periodo, tanto più che negli archivi della città di Mari , la fonte più importante per la storia della Siria al periodo amorreo , pochissima menzione di Ebla . Con ogni probabilità, questo regno è quindi sulla scia del potente regno di Aleppo , lo Yamkhad .

Ebla è apparentemente ricostruita secondo un piano prestabilito, e conosce allora un'estensione maggiore che nel periodo protosirico. La città fu quindi inclusa in un vasto recinto con diversi forti e porte. Al suo centro si trovava l'acropoli, a sua volta difesa da una propria cinta muraria. Ai suoi piedi si estendeva la città bassa, organizzata intorno a una prima cintura di edifici ufficiali (templi e palazzi) ai piedi dell'acropoli, poi gli alloggi, dove furono sgomberati anche alcuni edifici amministrativi. La disposizione delle strade seguiva una pianta relativamente ordinata: dalle porte partivano radiali che si univano all'acropoli, mentre altre strade seguivano una pianta perpendicolare (asse est-ovest e nord-sud).

L'acropoli

Un'acropoli di circa 3 ettari dominava la città di Ebla, sul sito del palazzo reale paleo-siriano. Questo spazio contiene due importanti monumenti, ma gli edifici non sono ben conservati. Questo insieme è in realtà una cittadella, difesa da un bastione costruito con blocchi di pietra per la sua parte inferiore (probabilmente alta 4 metri) e mattoni di fango per la parte superiore.

Il Palazzo Reale

Il nord dell'acropoli era occupato dal palazzo E, identificato da P. Matthiae come palazzo reale. L'erosione l'ha colpita molto duramente e ne rimangono solo poche tracce. È stato tuttavia possibile individuare un cortile circondato da più ambienti (sale cerimoniali) su due lati, e chiuso a sud da una loggia .

Tempio D

Sulla parte occidentale dell'acropoli, nel punto più alto, sorgeva il Tempio D, o “Grande Tempio”. La sua pianta era classica: si entrava prima in una stanza allungata di 28×11 metri, prima di entrare in un vestibolo preceduto da un portico, che si apriva sulla cella con una nicchia dove si trovava la statua della divinità.santuario principale, probabilmente la dea Ishtar . Da questo ambiente si ricavava una vasca lustrale a due vasche, decorata con bassorilievi rappresentanti una scena rituale. È anche in questo edificio che abbiamo trovato la statua frammentaria di basalto con inciso il nome del re Ibbit-Lim che ha permesso di identificare il sito di Tell Mardikh come l'antica Ebla.

Davanti al tempio D, una piazza era circondata da cappellette, costituenti un'area sacra, con in particolare il Tempietto, dove si trovano statue votive e una stele di basalto scolpita sui quattro lati, rappresentante una scena religiosa su più registri, dominata dalla figura di Ishtar vestito con un kaunakes , in piedi su un toro, simbolo di fertilità in questa regione (sebbene il suo attributo animale sia solitamente il leone). Era probabilmente la divinità principale della città in questo momento.

La città bassa

Ai piedi dell'acropoli e fino al recinto esterno si estendeva l'area denominata "città bassa" dagli archeologi che scavarono il sito. L'acropoli era circondata, almeno nella sua parte occidentale, da un insieme di monumenti pubblici (templi e palazzi) che ne ampliavano le funzioni, ma dovevano essere più accessibili.

Il sistema di fortificazioni

Il perimetro della città bassa era delimitato da una cinta muraria a protezione della città. Era stato costruito su un terrapieno fatto di terra prelevata fuori città mista a pietre provenienti da rovine di epoche precedenti. All'esterno, la base delle mura era protetta da un paramento di blocchi di pietra alto 5 metri. La base delle mura era larga circa 40 metri e la loro altezza poteva raggiungere i 22 metri.

Il sistema difensivo era rinforzato da una serie di porte fortificate e forti a cui gli archeologi moderni hanno dato nomi in base alla loro posizione, perdendo il loro antico nome. A nord-ovest, la "Porta di Aleppo  " era affiancata dalla "Fortezza AA" a ovest. Il lato ovest era difeso dal "Forte V", e nella zona Z, ai piedi del bastione, furono sgomberate numerose abitazioni opulente, tra cui la "residenza occidentale" che avrebbe avuto funzione amministrativa. La “Porta di Damasco  ” a sud-ovest era protetta da una torre di difesa e da un forte. L'angolo sud-orientale del muro comprendeva un'altra fortezza e la "porta del deserto" (o steppa). Il lato est delle mura era difeso dalla “Fortezza M”, misura 27×13 metri e composta da due ordini di ambienti paralleli. Il lato nord-est era difeso da un'altra fortezza, a nord della quale vi era un'ultima porta ("Porta dell'Eufrate  ").

Il palazzo Q

Il Palazzo Q, o Palazzo Occidentale, era situato ad ovest della città bassa, proprio ai piedi del Grande Tempio dell'Acropoli. Orientata nord-sud, aveva una lunghezza di 115 metri e una larghezza massima di circa 65 metri e comprendeva almeno cinquanta stanze. Alcune delle sue mura sono ancora ben conservate, le loro rovine a volte raggiungono i 3 metri. La parte meridionale avrebbe potuto comprendere un portico con colonne che fungeva da ingresso. Si apriva su una serie di cortili che conducevano alle sale cerimoniali, tra cui una sala del trono con portico a due colonne, e alle zone di custode con magazzini dove venivano rinvenute le giare. Almeno nella sua parte settentrionale, il palazzo aveva un pavimento attestato da resti di scale. A quanto pare è servito come residenza del principe ereditario durante gli ultimi decenni di Ebla, da qui il nome "palazzo del principe" che a volte gli viene dato. Questo palazzo è comunque legato alla funzione regia, in quanto attiguo al tempio dedicato al culto degli antenati reali (“Tempio B”) e che sotto il suo terreno erano scavate le tombe per i membri della famiglia reale.

tombe reali

Q Il palazzo fu costruito sopra tombe sotterranee, scavate nelle cavità naturali e gestiti destinata ad accogliere i membri della famiglia reale che ha vissuto tra la fine del XIX °  secolo e la prima metà del XVII °  secolo. Vi si accedeva da un corridoio scala scavato sotto l'edificio. Sono state identificate una decina di tombe, di cui solo tre erano inviolate durante l'Antichità.

La più antica delle tre è la “Tomba della Principessa” (ca. 1800), dove si trovava il corpo di una giovane ragazza. Il suo accesso era chiuso da una grande lastra calcarea. Il defunto indossava i suoi gioielli d'oro (una spilla, una collana, bracciali). La tomba conteneva anche più di settanta vasi in ceramica, vasi in pietra e un'anfora in vetro fuso.

La tomba successiva, quella del "signore dei capridi" (c. 1750) occupava tre stanze. Fu saccheggiato durante la distruzione di Ebla intorno al 1600 e il corpo risulta disperso. Tuttavia erano presenti una sessantina di vasi in ceramica, vasi in pietra, altri vasellame (in particolare una coppa d'argento con inciso il nome di Immeya, probabilmente la defunta), oggetti in avorio tra cui il manico di una mazza incrostata di un cilindro di denaro nel nome di un faraone oscuro del XIII ° dinastia . La tomba deve il suo nome al fatto che vi furono rinvenute quattro statuette in bronzo rappresentanti capridi, che senza dubbio servivano a decorare un trono ligneo e bronzeo.

L'ultima sepoltura è la "tomba dei carri armati" (prima metà del XVII °  secolo), così chiamata perché in una ex cisterna, che è stato raggiunto in quanto il precedente tramite una scala. I suoi saccheggiatori hanno lasciato solo frammenti di ceramica e alcuni gioielli, oltre a una mazza di armi.

La ricchezza di queste tombe (nonostante il saccheggio) permette di attribuirle a membri della famiglia reale di Ebla. Ognuna delle tre sepolture comprendeva vari reperti provenienti dall'Egitto  : le due masse d'arma della tomba del signore dei capridi e la tomba delle cisterne, oltre a vasi di alabastro. Potrebbero essere doni diplomatici, ma potrebbero anche provenire dal commercio. Altri oggetti ricordano quelli prodotti dagli artigiani della Babilonia amorrea.

Il palazzo P

Un ultimo complesso palaziale è stato individuato a nord della città bassa, il “palazzo P” o “palazzo nord”. Potrebbe essere costruito su un antico palazzo reale che fungeva da centro amministrativo nell'ultima fase del periodo proto-siriano. Era di forma trapezoidale e copriva circa 3.500  m 2 . La sua parte centrale era un'area residenziale apparentemente riservata al re, ed è stata addirittura individuata quella che potrebbe essere una sala del trono, perché una piattaforma in pietra costruita su uno dei suoi lati avrebbe potuto essere utilizzata per sostenere il trono reale. Una stanza vicina aveva una grande vasca di basalto. Le stanze a nord dell'edificio erano magazzini. È possibile che questo palazzo non avesse allora alcuna funzione amministrativa, ma piuttosto un ruolo di culto legato alla vicinanza del Tempio P. Ma restano dubbie le funzioni esatte dei tre spazi palaziali individuati per questo periodo.

Templi

Il “Tempio P2” si trova nella parte nord-occidentale della città bassa, in un'area sacra posta tra il palazzo Q e il palazzo P, che P. Matthiae considera consacrato alla dea Ishtar , in connessione con il tempio della 'acropoli. Il Tempio P2 è un edificio che misura 33×20 metri, con mura molto spesse, che lo rendono il tempio di questo periodo più grande della città e anche tra quelli conosciuti per tutta la Siria a quel tempo. Consisteva in un grande vano centrale preceduto da un portico in antis . Vi sono stati rinvenuti frammenti di statue rappresentanti sovrani e alti dignitari. La più completa, alta più di 1 metro, rappresenta un dignitario seduto su un sedile, in uno stile tipico della Siria di questo periodo, che trova paralleli con Alalakh o Qatna . Un bacino di culto scolpito è stato portato alla luce in questo santuario. In quest'area sacra, che ha un carattere imponente, è stato portato alla luce anche un “Monumento P3”. Misura 52,40 metri di lunghezza e 42 di larghezza, è costruita con blocchi di pietra che circonda un cortile (23,20 × 12,40 metri) inaccessibile dall'esterno. Nessun mobile è stato identificato lì. Padre Matthiae propose di vedere lì un luogo dove si tenevano i leoni, animali emblematici della dea Ishtar. Il settore P è stato anche luogo di ritrovamenti di vari oggetti: statuine in terracotta, due serpenti in bronzo, un sigillo cilindrico in ematite recante una scena di culto forse raffigurante Ishtar, coppe, oltre a frammenti di metalli e pietre preziose ( oro , argento , lapislazzuli ) .

Nella parte nord-orientale della città bassa è stato rinvenuto un “Tempio N”, forse il tempio del dio sole Shamash , arretrato rispetto al resto degli edifici. Si dice che un terzo tempio in questa parte della città a sud-ovest, "Tempio C", fosse dedicato al dio ctonio Rashap. È di dimensioni ridotte; abbiamo trovato due lampadari con due bacini, sui quali erano scolpite scene di culto.

Un altro santuario è stato individuato poco distante dal precedente, “Tempio B2”. Era organizzato attorno ad uno spazio centrale circondato da più ambienti, tutti formanti un edificio di forma irregolare. Le pareti della sala principale erano rivestite da panche e da un podio, e le piccole stanze disposte intorno avevano piattaforme identificate come altari. Secondo lo scavatore del sito, si trattava di un edificio dedicato al culto degli antenati reali, pratica religiosa ben nota per la tarda età del bronzo grazie ai reperti epigrafici di Ugarit e ai reperti archeologici di Qatna . La sala centrale sarebbe stata utilizzata per i banchetti organizzati in onore del defunto, mentre le stanze adiacenti sarebbero state cellae dedicate ai vari re defunti.

Infine, il santuario più recentemente rinvenuto per questo periodo si trova nella parte sud-orientale della città bassa, sopra l'antico Tempio della Roccia. Conosciamo un primo stato il "Tempio HH3", di cui rimangono solo le fondamenta. Fu poi sostituito intorno al 1800 dal più noto “Tempio HH2”. E 'stato un tempio in antis con una facciata, circa 25 metri di lunghezza e 16 di larghezza, composto da 3 camere tutte con la stessa larghezza (9,10 metri): un vestibolo lungo 2,50 metri, un ante cella lunga 2,30 metri e, infine, un allungata cella (tra 9,50 e 10,50 metri, essendo scomparso il fondo). Come per il Tempio della Roccia, la sua divinità protettrice è sconosciuta.

Le residenze e il palazzo meridionale

I monumenti costruiti ai piedi dell'acropoli dovevano essere delimitati da quartieri residenziali che si estendevano almeno fino alla cinta muraria esterna. Gli scavi degli anni 2000 hanno permesso di approfondire la conoscenza di questi settori. Alcune case sono state scavate nella città bassa appena a sud-ovest dell'acropoli (zone B, Z e FF) e in altri siti di scavo sparsi (zone A e Z in prossimità di due porte, zona N a nord dell'acropoli), alcune di queste luoghi che mostrano un campione di quartieri residenziali. Queste case erano costruite con un basamento in pietra, le parti superiori dei muri e probabilmente il tetto (a terrazze) erano in mattoni crudi di argilla e le pareti interne erano ricoperte di intonaco. L'organizzazione interna di queste residenze presentava caratteristiche tipiche delle case del Levante di questo periodo. Il più piccolo aveva spesso un vestibolo aperto su uno spazio centrale dal quale si accedeva a due o tre stanze. I più grandi avevano un'organizzazione simile ma includevano più stanze. Hanno anche usato materiali di migliore qualità, poiché i loro pavimenti potrebbero essere stati ricoperti da lastre di pietra o calcare frantumato in alcuni punti, mentre la maggior parte delle residenze aveva pavimenti in terra battuta. Più stanze troviamo, più presentano una suddivisione funzionale degli spazi: è così possibile individuare spazi per lo stoccaggio, la cucina, o per attività economiche legate al commercio.

Il Palazzo FF è di gran lunga la più grande residenza rinvenuta con i suoi 1000  m 2 ed è stato designato come il "Palazzo del Sud". La sua organizzazione era infatti ispirata al modello della reggia, in particolare con ampi spazi di accoglienza; era affiancato da stalle. Potrebbe essere la residenza di un grande dignitario incaricato di accogliere i messaggeri (il visir).

La distruzione del sito

Intorno al 1600, la città di Ebla fu distrutta a causa di un conflitto. Anche qui le condizioni per la distruzione di Ebla restano piuttosto oscure. Allo stato attuale delle conoscenze, il più probabile è quello di collegarlo al offensive Siria dagli Ittiti devastando lo stesso periodo altre città sulla scia di Yamkhad , prima Alalakh sotto Hattušili I st (c. 1625-1600) e la capitale Aleppo in il regno di Muršili I st (c. 1600-1585), che poi subiscono la stessa sorte in Babilonia . Nel 1983 fu scoperta una tavoletta tra le rovine di Hattusa , la capitale ittita, scritta in ittita e hurrita , che raccontava l'epica storia della cattura di Ebla da parte di un altrimenti sconosciuto sovrano hurrita , un certo Pizikarra di Ninive . Se accettiamo il valore storico di questo testo, dobbiamo quindi considerare che Pizikarra ha agito per conto del re ittita. In ogni caso, il sito di Ebla fu poi abbandonata, anche se il nome della città appare ancora in una descrizione della campagna del faraone Thutmose III nel XV °  secolo.

Fasi tardive

Il sito di Tell Mardikh ha restituito alcuni reperti archeologici di epoche successive dell'antichità, ma all'epoca era solo un modesto insediamento rurale. Il periodo della dominazione achemenide (v. V °  -  IV °  sec . AC ) sembra di aver visto una rinascita della importanza del sito. Nella parte settentrionale dell'acropoli  è stato scavato un piccolo edificio amministrativo (un “  palazzetto ” secondo gli scavatori) composto da più ambienti organizzati intorno a un cortile rettangolare. Il sito di Tell Mardikh sembrerebbe quindi essere un centro amministrativo o agricolo al servizio del potere persiano. Sono state rinvenute abitazioni con tracce del III °  secolo dC e un piccolo monastero risalente a secoli fa, dopo di che non vi è traccia di occupazione sostenibile del sito.

Note e riferimenti

  1. Mattia 1996 , p.  32-45
  2. Mattia 1996 , p.  25-27
  3. (in) CJ Civers, I ladri di tombe rubano la Siria e la storia della guerra  " sul New York Times ,(consultato il 9 giugno 2013 )
  4. (in) Valutazione satellitare dei danni ai siti del patrimonio culturale in Siria  " , su UNITAR-UNOSAT ,(consultato il 19 novembre 2015 ) , pag.  82-93
  5. (ru) В Сирии боевики похитили золотые изделия с археологических раскопок  " [ "In Siria, i guerrieri saccheggiato il sito archeologico delle Novosti manufatti"] ,(consultato il 10 ottobre 2020 )
  6. (in) L. Cooper, "Il Levante settentrionale (Siria) durante la prima età del bronzo", in A. Killebrew e Steiner (a cura di) The Oxford Handbook of the Archaeology of the Levant: c. 8000-332 aC , Oxford, 2013, pag. 281
  7. Mattia 1996 , p.  74-79
  8. (in) P. Matthiae, "The Archives of the Royal Palace G at Ebla, distribution and arrangiamento delle tavolette secondo l'evidenza archeologica" in Veenhof KR (a cura di), Archivi e biblioteche cuneiformi, Carte lette al 30 e Incontro assiriologico internazionale , Leida, 1986, p. 53-71
  9. (in) A. Archi, "Gli archivi di Ebla" in KR Veenhof op. cit. , pag. 72-86. Riassunto ed esempi di tavolette dello stesso autore in Siria 1993 , p.  108-119
  10. Catagnoti 2003 , p.  228
  11. (in) A. Archi, "The King Lists from Ebla" in Abusch T. et al. (a cura di), La storiografia nel mondo cuneiforme Parte I , Atti del 45 ° Convegno Assiriologico Internazionale , Bethesda, 2001, p. 1-13
  12. (in) P. Mander, "La funzione del Maliktum si è basata sulla documentazione dei testi amministrativi di Ebla" in Waetzoldt H. e H. Hauptmann (a cura di), Wirtschaft und Gesellschaft von Ebla Heidelberger Studien zum Alten Orient, Fascia 2 , Heidelberg, 1988, p. 261-266
  13. Mattia 1996 , p.  140-143
  14. Mander 2008 , p.  123-133 riassume le due tesi opposte.
  15. P. Fronzaroli e P. Matthiae in Matthiae 1996 , p.  140-143
  16. (in) A. Archi, "I 'Signori' lugal-lugal, di Ebla, A Prosopographic Study", in Vicino Oriente 12, 2000, p. 19-58. A. Archi in Mattia 1996 , p.  136-137; Catagnoti 2003 , p.  229
  17. A. Archi in Mattia 1996 , p.  136; Catagnoti 2003 , p.  230
  18. Catagnoti 2003 , p.  229
  19. (it) MG Biga, “I rapporti diplomatici nel Periodo Protosiriano”, in P. Matthiae, F. Pinnock e G. Scandone Matthiae (a cura di), Ebla, Alle origini della civiltà urbana , Milano, 1995, p. 140-147; Id., “Oltre i confini: guerra e diplomazia a Ébla”, in Orientalia NS 77/4, 2008, p. 289-334
  20. Archi e Biga 2003 , p.  1-8
  21. (it) M.-G. Biga, “Alla scoperta della storia attraverso le tavolette di Ebla” , in G. Servadio (a cura di), Antichi scritti siriani , Testi siriani preclassici e classici , Damasco,, pag.  46-47
  22. (De) DO Edzard , “Der Vertrag von Ebla mit A-Bar-QA”, in P. Fronzaroli (a cura di), Literature and Literacy Language at Ebla , Florence, 1992, p. 187-217. Siria 1993 , p.  113
  23. Archi e Biga 2003 , p.  9-13
  24. Archi e Biga 2003 , p.  13-16
  25. Archi e Biga 2003 , p.  16-18 e 26-29; (it) MG Biga, “The Marriage of Eblaite Princess Tagriš-Damu with a Son of Nagar's King”, in M. Lebeau (ed.), About Subatu, Studies dedicati all'Alta Mesopotamia , Turnhout, 1998, p. 17-22
  26. Archi e Biga 2003 , p.  18-26
  27. G. Scandone Matthiae, “Le relazioni tra Ebla ed Egitto”, in H. Waetzoldt e H. Hauptmann (a cura di), Wirtschaft und Gesellschaft von Ebla , Heidelberg, 1988, p. 67-73. Siria 1993 , p.  122
  28. Cfr. ad esempio (it) L. Milano, Testi amministrativi: assegnazioni di prodotti alimentari (Archivio L. 2712. Parte I) , ARET IX, Roma, 1990
  29. L. Milano, “Ébla: land management and food resource management”, in J.-M. Durand (a cura di), Amurru 1, Mari, Ébla and the Hourrites: Ten years of work , Paris, 1996, pag. 135–171; (it) A. Archi, “La città di Ebla e l'organizzazione del suo territorio rurale”, in E. Aerts e H. Klengel (dir.), La città come centro economico regionale nel Vicino Oriente antico , Lovanio, 1990, pag. 15-19; Catagnoti 2003 , p.  233-235
  30. A. Archi in Matthiae 1996 , p.  138
  31. (in) A. Archi, "La città di Ebla e l'organizzazione del suo territorio rurale", op. cit. , pag. 15-19
  32. Sui diversi stati personali presenti nelle fonti Eblait, cfr. Catagnoti 2003 , p.  230-232
  33. Matthiae 1996 , p.  52
  34. A. Archi, "Coltivazione dell'olivo e produzione dell'olio a Ebla", in D. Charpin e F. Joannès (a cura di), Mercanti, diplomatici e imperatori, Studi sulla civiltà mesopotamica offerti a Paolo Garelli , Parigi, 1991, pag. 211-222
  35. A. Archi, “La città di Ebla e l'organizzazione del suo territorio rurale”, op. cit. , pag. 18-19
  36. A. Archi in Matthiae 1996 , p.  139
  37. (in) S. Mazzoni, "Ebla: Artigianato e potere in uno stato emergente della Siria del terzo millennio aC", in  Journal of Mediterranean Archaeology 16/2, 2003, p. 173-191
  38. A. Archi, “Commercio e prassi amministrativa: il caso di Ebla”, in Altorientalische Forschungen 20/1, 1993, p. 43-58; id., “Commercio e politica. Deduzioni dagli archivi di Ebla (ca 2400-2350 ac) ”, in C. Zaccagnini (a cura di), Mercanti e politica nel mondo antico , Roma, 2003, p. 41-54
  39. (it) MG Biga, “Feste e fiere a Ebla”, in C. Zaccagnini (a cura di), Op. cit. , pag. 41-68
  40. Mander 2008 , p.  13-18 e 34-98
  41. Mander 2008 , p.  30-32
  42. Mander 2008 , p.  24-30
  43. Mander 2008 , p.  99-107
  44. Mander 2008 , p.  135-144
  45. (it) M.-G. Biga, “Alla scoperta della storia attraverso le tavolette di Ebla” , in G. Servadio (a cura di), Antichi scritti siriani , Testi siriani preclassici e classici , Damasco,, pag.  44
  46. P. Matthiae, “Ebla, Il Tempio della Roccia al tempo degli Archivi”, in Archeologia 450, dicembre 2007, p. 50-51 e 54
  47. Ibid. , pag. 52
  48. report dettagliati degli scavi dei diversi livelli del Tempio della Roccia: P. Matthiae, "Un grande tempio a partire dal momento dell'Archivio in Protosyrian Ebla: scavi a Tell Mardikh 2004-2005", in rapporti di sessioni dell'Accademia delle Iscrizioni e delle Belle Lettere 150/1, 2006, p. 447-493 “  Online  ” e Id., “Nuovi scavi a Ébla nel 2006: il tempio della Roccia e i suoi successori protosiriani e paleosiriani”, in Verbali delle sessioni dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 151/1 , 2007 , pag. 481-525 “In  linea  ” . Anche Mattia 2010 , p.  106-111.
  49. Matthiae 2010 , p.  112-117
  50. Mattia 1996 , p.  94-96. Siria 1993 , p.  120-121
  51. Mattia 1996 , p.  97-99. Siria 1993 , p.  122-123
  52. P. Matthiae, "Il palazzo meridionale nella città bassa di Paleosiria Ebla: scavi a Tell Mardikh (2002-2003)", in Verbali delle sessioni dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 148/1, 2004, p. 306-326 “In  linea  ” .
  53. Tuttavia, (in) MC Astour, "Ricostruzione della storia di Ebla (Parte 2)", in Eblaitica 4, 2002, p. 73-77, la distruzione del palazzo sarebbe piuttosto dovuta a un incendio accidentale.
  54. Archi e Biga 2003 , p.  29-35; (it) MC Astour, op. cit. Inoltre è la caduta di Ebla nella prima metà del XXIV °  secolo
  55. F. Joannès, “Ebla (kings)”, in F. Joannès (dir.), Dizionario della civiltà mesopotamica , Parigi, 2001, p. 264-265
  56. P Matthiae "Scavi e restauri a Ébla nel 2000-2001: il palazzo occidentale, la residenza occidentale e l'urbanistica della città paleosiriana", in Verbali delle sessioni dell'Accademia delle iscrizioni e delle belle lettere 146/2 , 2002 , pag. 569-571 “In  linea  ” .
  57. Mattia 1996 , p.  104
  58. Mattia 1996 , p.  104-105 e 110
  59. Siria 1993 , p.  204
  60. Siria 1993 , p.  166-167
  61. Mattia 1996 , p.  103
  62. P. Matthiae, "Le fortificazioni dell'Ebla paleo-siriano: scavi a Tell Mardikh, 1995-1997", in Verbali delle sessioni dell'Accademia delle Iscrizioni e Belles-Lettres 142/2, 1998, p. 557-588 “In  linea  ”  ; Id., “Nuovi scavi a Ébla (1998-1999): fortezze e palazzi del muro urbano”, in Rapporti delle sessioni dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 144/2, 2000, p. 567-610 “In  linea  ”  ; Id., “Scavi e restauri a Ébla nel 2000-2001: il Palazzo Occidentale, la Residenza Occidentale e l'urbanistica della città paleosiriana”, in Verbali delle riunioni dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 146/2 , 2002 , pag. 537-558 “In  linea  ” .
  63. Mattia 1996 , p.  111-112 e 118-119; Id., “Scavi e restauri a Ébla nel 2000-2001: il Palazzo Occidentale, la Residenza Occidentale e l'urbanistica della città paleosiriana”, in Verbali delle riunioni dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 146/2 , 2002 , pag. 558-565 "In  linea  "
  64. Mattia 1996 , p.  113-114
  65. Mattia 1996 , p.  114-115
  66. Matthiae 1996 , pag.  115-117
  67. Esempi di reperti di queste tombe in Siria 1993 , p.  205-208
  68. Mattia 1996 , p.  111 e 125
  69. Siria 1993 , p.  205
  70. Mattia 1996 , p.  120-123
  71. Mattia 1996 , p.  120
  72. Mattia 1996 , p.  119-120
  73. P. Matthiae, “Ebla, Il Tempio della Roccia al tempo degli Archivi”, in Archeologia 450, dicembre 2007, p. 52-53
  74. N. Marchetti, "Le case del Levante nel Bronzo Medio", in Case urbane nel Vicino Oriente antico , Fascicolo archeologico 332, 2009, p. 14-17
  75. P. Matthiae, "Il palazzo meridionale nella città bassa di Paleosiria Ebla: scavi a Tell Mardikh (2002-2003)", in Verbali delle sessioni dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres 148/1, 2004, p. 326-346 “In  linea  ” .
  76. E. Neu, "Hattousha's bilingue hurro-ittita: contenuto e significato", in Amurru 1, 1996, p. 189-195; (de) Id. Das hurritische Epos der Freilassung, I: Untersuchungen zu einem hurritisch hethitischen Textensemble aus Ḫattuša , Wiesbaden, 1996. (en) MC Astour, op. cit. , pag. 141-147, e le pagine seguenti per un'analisi del valore storico di quest'opera
  77. S. Mazzoni, "Il periodo persiano a Tell Mardikh nel contesto dell'evoluzione dell'età del ferro in Siria", in Transeuphratene 2, 1990, p. 187-199

Vedi anche

Bibliografia

  • Siria: memoria e civiltà , Parigi, Institut du monde arabe - Flammarion,
  • Paolo Matthiae , Alle origini della Siria: Ebla ritrovata , Parigi, Gallimard, coll.  "  Scoperte Gallimard / Archeologia" ( n o  276 ),
  • (it) Amalia Catagnoti, “Ebla” , in Raymond Westbrook (ed.), A History of Ancient Near Eastern Law, vol. 1 , Leida, Brill, coll.  "Handbuch der Orientalistik",, pag.  227-239
  • (in) Alfonso Archi e Maria Giovanna Biga , Una vittoria su Mari e la caduta di Ebla  " , Journal of Cuneiform Studies , n o  55,, pag.  1-44
  • Pietro Mander, “Gli dei e il culto a Ebla” , in Gregorio del Olmo Lete (a cura di), Mitologia e religione dei semiti occidentali: Volume I. Ébla, Mari , Louvain, Peeters, coll.  "Orientalia Lovaniensia Analecta",, pag.  1-160
  • (it) Paolo Matthiae , Ebla: La città del trono: Archeologia e storia , Torino, G. Einaudi,
  • (it) Paolo Matthiae e Nicolò Marchetti (a cura di), Ebla e il suo paesaggio: Formazione dello stato precoce nel Vicino Oriente antico , Walnut Creek, Left Coast Press,

link esterno

Articoli Correlati

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Ebla ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Ebla e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Ebla su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Adriana Cavallaro

Questo post su Ebla era proprio quello che volevo trovare

Walter Pucci

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Ebla mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Ebla, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Ebla qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Gino Marra

Pensavo di sapere già tutto sulla Ebla, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni