Cordoba



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Cordoba sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Cordoba. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Cordoba e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Cordoba. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Cordoba qui sotto. Se le informazioni su Cordoba che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Cordoba
Cordoba
Stemma di Cordoba
Araldica
Bandiera di Cordoba
Bandiera
Cordoba
Monumenti e principali siti di Cordoba tra cui il Guadalquivir ,
il ponte romano e la Moschea-Cattedrale .
Amministrazione
Nazione Bandiera della Spagna Spagna
Stato Municipio
Comunità Autonoma Bandiera dell'Andalusia Andalusia
Provincia Bandiera della provincia di Cordoba Provincia di Cordoba
contea Cordoba
Distretto Giudico. Cordoba
Budget 299.567.918  ( 2013 )
Mandato Sindaco
José María Bellido  (es) ( PP )
2019 - 2013
codice postale 14.001 a 14.014
Demografia
Bello - cordobés / esa, cordobense, cortubí, patriciense (es)
- cordouan / ne (fr)
Popolazione 326.039  ab. ()
Densità 266  ab./km 2
Geografia
Informazioni sui contatti 37 ° 52 45 ″ nord, 4° 46 ′ 47 ″ ovest
Altitudine 120  m
La zona 122.524  ha  = 1 225,24  km 2
Distanza da Madrid 400  km
Fiume (i) Il Guadalquivir
Varie
Patrimonio mondiale - Grande Moschea ( 1984 )
- Centro storico ( 1994 )
Santo Patrono Saint Raphaël (24 ottobre)
Posizione
Geolocalizzazione sulla mappa: Provincia di Cordoba
Vedi sulla mappa amministrativa di Cordoba
Localizzatore di città 14.svg
Cordoba
Geolocalizzazione sulla mappa: Andalusia
Vedi sulla mappa amministrativa dell'Andalusia
Localizzatore di città 14.svg
Cordoba
Geolocalizzazione sulla mappa: Spagna
Vedi sulla mappa amministrativa della Spagna
Localizzatore di città 14.svg
Cordoba
Geolocalizzazione sulla mappa: Spagna
Vedere sulla carta topografica della Spagna
Localizzatore di città 14.svg
Cordoba
Connessioni
Sito web http://www.cordoba.es/

Cordoba ( spagnolo  : Córdoba , arabo andaluso Qurṭuba ) è una città situata nel sud della Spagna , in Andalusia . Cordoba è il capoluogo dell'omonima provincia . La città si trova sulle rive del fiume Guadalquivir , non lontano dalla regione montuosa della Sierra Morena . Aveva 326.039 abitanti nel 2020, il che la rende una delle città più popolose dell'Andalusia insieme a Siviglia e Malaga .

La città possiede un ricco patrimonio architettonico e culturale, che conserva vestigia delle diverse fasi della sua storia. Nell'antichità, la città era la capitale della successiva provincia romana di Hispania durante il periodo repubblicano, e poi della provincia di Baetica durante l'Impero Romano. Nel Medioevo, dopo la conquista del sud della penisola iberica da parte degli arabi e berberi nel VIII °  secolo , Cordoba sta vivendo un periodo di espansione e speciale radiazione X °  secolo come capitale di Cordoba califfato governato da una filiale locale della dinastia omayyade . Essa diventa un mezzo di dimensioni città dopo la conquista della regione da parte dei re cattolici di Castiglia e Aragona nel XIII °  secolo . Il centro storico di Cordova è quotata dal 1994 nel patrimonio mondiale di Unesco , come la moschea-cattedrale, Medina Azahara e la celebrazione dei cortili di Cordova . Questo rende Cordoba la città più quotata al mondo come patrimonio mondiale dell'UNESCO. Cordoba ha monumenti come il Ponte Romano , la Moschea-Cattedrale ( Mezquita ), il Quartiere Ebraico Medievale ( Judería ) e l' Alcázar dei Re Cristiani . Cordoba, città delle tre culture, è molto famosa per i suoi pensatori. I tre principali filosofi nati a Cordoba sono Seneca , Averroè e Maimonide , grandi filosofi della civiltà romana, islamica ed ebraica.

Simboli

Diversi simboli rappresentano la città di Cordoba. In araldica , uno stemma diffuso rappresenta un leone rampante di rosso, languente dello stesso colore, armato d'oro e coronato dello stesso metallo; bordo composto da dodici componenti: nove rosso, con castello, muratura merlata d'oro di sabbia e rosso chiaro, alternato a nove d'argento, con un leone rampante, rosso, langue dello stesso colore, armato d'oro e coronato dello stesso metallo. Come un francobollo, una corona reale.

Il motto spagnolo della città è “  Casa de guerrera gente / Y de sabiduría clara fuente  ” che significa: “Dimora di un popolo guerriero / e chiara fonte della saggezza” .

Lo scudo che attualmente rappresenta l'Ayuntamiento di Cordoba è di forma rotonda e mostra una veduta della città con il Guadalquivir, il ponte romano, il mulino dell'Albolafia, un muro merlato, la Puerta del Puente (Porta del Ponte), la moschea-cattedrale e il minareto fiancheggiata da palme.

Geografia fisica

Posizione

Nordovest Villaviciosa de Córdobawest Nord: Obejo Nord-Est: El Carpio , Villafranca de Córdoba e Adamuz
Ovest: Almodóvar del Río e Guadalcázar Rosa de los Vientos.svg Est: Cañete de las Torres e Bujalance
Sud-Ovest: La Carlota , La Rambla e La Victoria Sud: Espejo , Fernán-Núñez , La Rambla e Montemayormay Sud-Est: Castro del Río

Il territorio del comune di Cordoba occupa 1245 km², circa il 9% della superficie totale della provincia. Essendo questo territorio il più popoloso della provincia, è suddiviso in sei distretti: El Higuerón, Alcolea, Santa Cruz, Cerro Muriano, Villarrubia e Santa María de Trassierra, nonché un Ente Locale Minore (Entidad Local Menor), Encinarejo di Cordova. Questi distretti sono stati creati come insediamenti agricoli o centri residenziali. Il nucleo principale di Cordoba si trova sulle rive del fiume Guadalquivir che lo attraversa da est a ovest, formando diversi meandri. A nord del territorio comunale si trova una catena montuosa, la Sierra Morena , ea sud una vasta distesa di terra. Questo spiega perché l'altitudine del paese varia tra i 90 ei 693 metri.

Orografia

Il territorio comunale può essere suddiviso secondo la sua orografia in due zone, la pianura (campiña) e la montagna (sierra). A nord di Cordoba si trovano le pendici della Sierra Morena, i cui ripidi pendii le permettono di salire da circa 100 metri sul livello del mare nel centro del nucleo abitativo ai 693 metri del Cerro Torre Árboles, la vetta più alta della città. L'altitudine media di queste montagne è di circa 400 metri e vedono alternarsi ampie vallate scavate da torrenti stagionali e affluenti del Guadalquivir in terreni morbidi.

A sud del fiume e in una stretta fascia a nord-est, si trovano pianure con lievi variazioni di altitudine che formano la zona generalmente chiamata pianura (campiña). Questa zona risulta dalla sedimentazione associata ai processi geologici causati dal piegamento delle Cordigliere Betiche , e dalla sedimentazione causata dall'azione specifica dei grandi fiumi. Di conseguenza, possiamo distinguere in questa zona la pianura stessa e i terrazzi fluviali, il primo con un'altitudine media di 200-300 metri e culminante nel Cerro de las Pilillas a 362 metri sul livello del mare, e il secondo con un'altitudine media altitudine tra 100 e 150 metri.

Idrografia

L'intero territorio comunale di Cordoba è situato nel bacino del fiume Guadalquivir , che lo attraversa nel suo complesso e funge da ricevitore di tutti gli alvei dei corsi d'acqua minori del territorio. Nella montagna nascono due affluenti, il Guadiato e il Guadalmellato , il cui flusso continua tutto l'anno ed è rinforzato da molteplici torrenti stagionali. Tutti questi fiumi esercitano una forte azione erosiva sul suolo a causa del grande pendio che devono attraversare prima di mischiare le loro acque con quelle del Guadalquivir. A sud del territorio si trova un altro affluente, il Guadajoz , i cui numerosi torrenti stagionali formano una rete completa nella pianura.

Geologia

Il Guadiato , affluente del Guadalquivir , passando per le montagne sul lato di Santa María de Trassierra.

Il territorio del comune di Cordoba si trova sul bacino di sedimentazione legato al fiume Guadalquivir, che separa l'altopiano iberico, di origine paleozoica, e le Cordigliere Betiche che si sono formate durante l' orogenesi alpina . Il bacino sedimentario si è formato durante l'era quaternaria, in quanto materiali provenienti dalle vicine Cordigliere si sono depositati nel solco detto “solco betico”, una depressione formatasi dopo la loro elevazione e successivo consolidamento. I materiali presenti sono di varia natura, in particolare marne , calcari e conglomerati . In questo bacino di sedimentazione sono presenti due zone: da un lato, la pianura presenta materiali sedimentari di origine marina e di grande potenza depositati nei primi tempi dell'orogenesi alpina; dall'altro, la zona della fertile valle ( vega ) del Guadalquivir presenta materiali sedimentari di origine fluviale derivanti dal trasporto e dall'accumulo operato dal fiume, più recente e in costante spostamento. A nord del territorio sono presenti rocce appartenenti alle propaggini della Sierra Morena . Le rocce presenti sono di grande complessità: calcari, scisti e conglomerati, ed in particolare rocce metamorfiche, prevalentemente anfiboliti , corrispondenti alla fascia nota come “banda di taglio Badajoz-Cordoba” ( Cizalla Badajoz-Córdoba banda ), che parte da nord-est di il territorio e si estende per 400 chilometri a nord. Queste formazioni alloctone sono legate a varie unità del nord della penisola e si sono formate fino al Cambriano per effetto di un meccanismo di subduzione e rapida ascesa causato dalla forte cristallizzazione delle eclogiti .

Ambiente naturale

Dal punto di vista biogeologico , il comune di Cordoba fa parte di due province corologiche con diversi tipi di vegetazione naturale potenziale . La zona montuosa corrisponde alla provincia di Luso-Estremadura e le sue foreste tipiche sarebbero querceti e sughereti . A causa della complessa orogenesi dell'area e del basso valore economico del suolo, è possibile trovare anche preziose comunità vegetali. La fertile valle e la piana di Cordoba, appartengono alla provincia Betica e la loro potenziale vegetazione è costituita da querceti e pioppeti in prossimità del fiume. Tuttavia, la forte azione antropica attuata da secoli nella regione a causa del suo alto potenziale agronomico ha completamente eliminato ogni traccia di vegetazione naturale che potesse esistere nella zona.

Tempo metereologico

Il clima di Cordoba e dei suoi dintorni è un clima temperato di tipo mediterraneo-continentale, che condivide caratteristiche del clima mediterraneo e altre del clima continentale , con influenze atlantiche . Gli inverni sono miti, anche se con alcune gelate talvolta rigide a causa della distanza che separa Cordoba dal mare, le estati sono molto calde, con importanti sbalzi termici diurni e temperature massime, in media, le più alte d'Europa, superando ogni anno i 40  °C più volte e che potrebbero superare i 45  °C . Sebbene le minime siano più fresche, la temperatura media raggiunge i 28  °C in luglio e agosto. Le precipitazioni si concentrano nei mesi più freddi, a causa dell'influenza atlantica già citata: si verificano per l'ingresso di raffiche da ovest, situazione che si ripresenta più spesso nel periodo dicembre-febbraio, e presentano una forte siccità estiva, tipica dei climi mediterranei. Le piogge annuali raggiungono i 600  mm , anche se vi è una significativa irregolarità interannuale. Nella classificazione di Köppen , il clima della città può essere definito come Csa .

Le temperature massime registrate presso l'Osservatorio di Cordoba Airport (si trova a 6 km dalla città) sono 46.9 ° C il 13 luglio, 2017, 46.6  ° C il 23 giugno, 1995 e 46.2 ° C il 1 ° agosto 2003. il minimo più basso è -8,2°C 28 gennaio 2005.

Temperature medie a Cordova 1981 - 2010
Mese gennaio febbraio marzo aprile Maggio giugno lug. agosto sett. ottobre novembre dic.
Temperatura media minima ( ° C ) 3.1 3.8 6.8 8.4 11.9 15.6 18.4 18.6 16.9 13.4 8.7 3.4
Temperatura media massima (° C) 14.4 14.6 15.9 20,5 25.2 30.7 35,8 36.8 31.1 25,5 20,4 15.3
Fonte: dati climatici spagnoli.


Storia

periodo romano

Il sito della città di Cordoba è stato popolato fin dalla preistoria nella penisola iberica . Cordoba fu conquistata dai romani quando fu presa da Claudio Marcello nel 169 aC. dC Il nome latino della città è Corduba . Durante la Repubblica Romana, la città fu capitale della successiva provincia romana di Hispania . Sotto l'Impero Cordoba divenne la capitale della provincia di Hispania Baetica , in altre parole Baetica. Cordoba è la città natale del retore Seneca il Vecchio intorno al 54 aC. aC e suo figlio, il filosofo e drammaturgo Seneca , negli ultimi anni aC Successivamente, è anche il luogo di nascita del poeta Lucain (autore del poema epico storico La Pharsale ) che vi nacque nel 39. Vari monumenti risalenti all'epoca romana sono ancora visibile in questa città.

Nel III e o IV °  secolo Cordoba divenne sede episcopale. Il primo vescovo di Cordoba fu probabilmente Ossius che fu presente al Primo Concilio di Nicea nel 325 . Fu consigliere dell'imperatore Costantino .

Nei secoli VI E e VII E  , è possibile che la città di Cordoba facesse parte della provincia di Spagna annessa all'impero bizantino , ma questo non è certo.

periodo visigoto

Con il crollo dell'Impero Romano d'Occidente nel V °  secolo, la città passò sotto il dominio dei Vandali e dei Visigoti fino 711 , ad eccezione di un breve interludio bizantina tra il 554 e il 571 , in seguito alla conquista di una parte della Spagna visigota, per quanto come Cordoba dagli eserciti di Giustiniano .

era musulmana

Statua di Al-Hakam II sul Campo Santo de los Martires a Cordoba.

I musulmani conquistarono la città nel 711 . Diviene quindi il principale centro amministrativo e politico del regno di al-Andalus , che riuniva i territori della penisola iberica e della Settimania sotto il dominio musulmano. Diverse dinastie si sono succedute in questo periodo e lo status politico del territorio è cambiato. Dal 756 , Cordoba è la capitale dell'Emirato di Cordoba , fondata dal principe Umayyad Abd al-Rahman I st . Ma dal 929 divenne la capitale di un califfato indipendente, dopo che l' emiro Abd al-Rahman III interruppe tutti i legami con gli Abbasidi di Baghdad e si autoproclamò califfo . I regni di Abd al-Rahman III ( 912 - 961 ), suo figlio al-Hakam II (961-976) e l' hadjib ( visir ) al-Mansur ibn Abi Amir ( 981 - 1002 ) costituiscono il periodo più glorioso della città storia, anche se i califfi tendevano a trascurarla a favore della loro nuova capitale, Madinat al-Zahra , fondata nel 936 .

In 858 , risalendo il Guadalquivir , il vichingo capo Hasting saccheggiato Cordoba.

Durante tutto il X °  secolo , Cordova rivaleggiando Baghdad in termini di dimensioni, popolazione e in particolare la magnificenza. Al suo apice intorno all'anno 1000 , Cordoba era una delle città più popolose dell'Occidente, con stime variabili tra i 250.000 ei 500.000 abitanti. La città avrebbe poi avuto più di seicento moschee e novecento bagni pubblici.

Il regno di Almanzor alla fine del X °  secolo, comporta la costruzione della città fenditura di Madinat al-Zahra , a est, il settore opposta alla città Califfato di Medina Azahara , ad ovest. Tra ciascuno di questi due luoghi di potere, Cordoba si sviluppa in un insieme di periferie e quartieri. Cordoba era infatti al centro di un complesso agglomerato. La città di Cordoba in senso proprio, la medina , che gli arabi chiamavano Qurtuba , era allora circondata da un recinto, oltre il quale si sviluppavano sobborghi non fortificati, chiamati djanib o rabad . La medina stessa era l'unica parte fortificata della città. Dal 785 al 987 , i musulmani vi intrapresero la costruzione della Grande Moschea , che rimane il principale monumento della città. Il geografo al-Idrisi , che scrive duecento anni dopo, ci dice che la medina era divisa in cinque città, ciascuna chiusa da un recinto. Ciascuno dei due complessi palatini ( Medinat Al-Zahra in Oriente per il Califfo e Medinat Al-Zahira in Occidente per Almanzor) formavano vere città all'interno della città ed erano due di queste cinque città. C'era anche un quartiere ebraico lì. Ad est della Grande Moschea si estendeva il quartiere dei souk .

Ad est della medina , si estendeva un djanib soprannominato in spagnolo axarquía , parola di origine araba ("ech-charqiya") che significa "lato orientale": questo sobborgo era molto sviluppato, formato da molti quartieri, tra cui il mozarabico (cristiani e gli ebrei erano piuttosto numerosi a Cordoba, ma la città sembra essere stata una delle più islamizzate dell'Andalusia durante l'era del califfo).

A ovest si estendeva un altro sobborgo verso Medinat Al Zahra, il "lato occidentale" costruito dal tempo dell'Emiral. Fu densamente occupata durante il periodo califfo, ma perse di importanza con la guerra civile (1011-1031), fino a scomparire improvvisamente con le devastazioni causate dalla conquista almohade. Infine, a sud, dall'altra parte del fiume, si era sviluppata la Secunda Ar-Rabad , il "secondo sobborgo".

L' artigianato era molto presente a Cordoba: si lavorava il cuoio (famoso il cuoio cordovano: la parola "ciabattino" deriva anche da "Cordoba"), ma anche i tessuti. Un'altra importante industria della città era la produzione di carta e libri: Cordoba era probabilmente una delle città più coltivate al mondo a quel tempo. Uno sforzo sistematico fu intrapreso dal califfo al-Hakam II per costituire una biblioteca contenente tutte le opere capitali, antiche e recenti conosciute all'epoca. Una rete di scout, collezionisti, copisti, estesa a tutto il mondo islamico, inviò a Cordoba una favolosa raccolta di opere, pari per importanza a quella dei califfi abbasidi. Citiamo la cifra di 400.000 volumi. Nella stessa Cordoba un esercito di scribi e rilegatori si occupava della manutenzione di questi tesori.

Durante gli anni dal 1009 al 1031, il califfato crollò e fu diviso in più di dieci piccoli stati, i taifas . Cordoba non è altro che la capitale di uno di questi stati, che nel 1069 cadde nelle mani dell'emiro di Siviglia . Occupata poi dagli Almoravidi nel 1086, poi dagli Almohadi nel 1149, la città cessa di essere la capitale e inizia il suo lungo declino fino ad oggi.

Sotto la corona di Spagna

Cordoba rimase sotto il controllo musulmano fino al 1236 , quando la città fu presa da Ferdinando III di Castiglia . La città continua a declinare, essendo ormai solo un agglomerato secondario dell'Andalusia castigliana, superata in particolare da Siviglia . Le sue relative date di rinnovo demografici solo dal XX °  secolo .

I musulmani vi rimasero tollerati durante i primi decenni della dominazione castigliana, ma la Grande Moschea fu subito trasformata in chiesa , canonicamente elevata al rango di cattedrale nel 1239. Nel 1523 , la costruzione di una navata centrale, detta "Capilla Mayor" ( letteralmente la "Grande Cappella"), si svolge nel cuore dell'antica moschea . Furono poi murate le numerose aperture della moschea sulla città (che assicuravano una grande luminosità all'interno dell'edificio). La moschea fu portata da 1013 colonne alla Riconquista Cattolica, colonne prese dall'antica basilica visigota di San Vicente ( VI °  secolo) e distrutte su cui sorgeva la moschea. Resta 856. "Capilla Sindaco" è stato costruito sotto Carlo V .

Nel 1808 , durante le guerre napoleoniche , la città fu saccheggiata dalle truppe francesi .

Eredità

La Moschea-Cattedrale di Cordoba , formata alla base di una moschea e "sormontata" da una cattedrale.

Centro Storico

Il centro storico è uno dei centri storici più grandi d'Europa. Nel 1984, l' Unesco ha inserito la Moschea-Cattedrale tra i Patrimoni dell'umanità . Successivamente, nel 1994, l'Unesco ha esteso questo nome a gran parte del centro storico.

Patrimonio religioso

La Moschea-Cattedrale

Il monumento religioso più grande e famoso della città è la Mezquita o Moschea-Cattedrale. Il sito su cui sorge fu successivamente occupato da un tempio romano a Giano, poi da una chiesa visigota. Gli Omayyadi costruito la moschea nel VIII °  secolo . Si caratterizza per il suo immenso colonnato, ampliato più volte nel corso dei secoli, e che ha contato fino a più di mille colonne. Nel XIII °  secolo , una cattedrale fu costruita all'interno della moschea demolendo parte del colonnato.

La sinagoga medievale

La sinagoga di Cordova è un piccolo edificio a partire dall'inizio del XIV °  secolo . È nota per essere una delle sole tre sinagoghe spagnole conservate risalenti a prima dell'espulsione degli ebrei nel 1492, entrambe conservate a Toledo . La parte superiore delle pareti presenta decorazioni in stucco che mostrano motivi geometrici che circondano iscrizioni in ebraico. Sopra il piano terra si trova il primo piano che era riservato alle donne, seguendo la consueta struttura delle sinagoghe dell'epoca.

chiese Fernandine

La città ha un gruppo di dodici chiese fernandine  :

  • La Chiesa di Sant'Andrea ( Iglesia de San Andrés ), situata in via Realejo.
  • La Chiesa di Sant-Augustin ( Iglesia de San Agustín ), situata in Piazza Sant'Agostino.
  • La Chiesa di San Giovanni e Tutti i Santi ( Iglesia de San Juan y Todos los Santos ), situata in via Lope de Hoces.
  • La Chiesa di Saint-Laurent ( Iglesia de San Lorenzo ), situata in piazza Saint-Laurent.
  • La Chiesa di La Magdalena ( Iglesia de La Magdalena ), situata in Avenida Ronda de Andujar. Attualmente la chiesa non è più un luogo di culto cattolico, ma è utilizzata come struttura culturale, principalmente dalla fondazione CajaSur (dipendente dall'omonima banca spagnola).
  • Chiesa di Santa Marina ( Iglesia de Santa Marina de Aguas Santas ), situata nella piazza de Santa Marina.
  • La Chiesa di San Miguel ( Iglesia de San Miguel ), situata in Piazza San Michele.
  • La Chiesa di San Nicola della Città ( Iglesia de San Nicolás de la Villa ), situata in via Concepción.
  • La Chiesa di San Paolo ( Iglesia de San Pablo ). Il suo ingresso principale è in rue Capitulares e il suo ingresso laterale in rue San Pablo. Fa parte dell'isolato di San Pablo ( Manzana de San Pablo ), che consiste in un ampio giardino, oggi trasformato in parco, e sul quale si aprono numerosi palazzi e dimore signorili, tra cui il Palacio de Orive (detto anche Palacio de los Villalones ), motivo per cui il giardino è anche chiamato Huerto de Orive. In questo giardino, negli anni '90, sono stati scoperti i resti del circo romano di Cordoba.
  • La Basilica di San Pedro ( basilica de San Pedro ), nella piazza di San Pedro. Vi sono sepolti i Santi Martiri di Cordoba. È stata dichiarata Basilica Minore da Papa Benedetto XVI nel 2006.
  • La Chiesa di Santiago ( Iglesia de Santiago ), situata in via Agustín Moreno.
  • Un'antica chiesa fernandine, la Chiesa di San Nicola de la Ajerquía ( Iglesia de San Nicolás de la Ajerquía ), un tempo situata sul Paseo de la Ribera, fu distrutta e i suoi materiali furono riutilizzati principalmente per l' iglesia de San Francisco .

Altri edifici religiosi

La città ha anche altre chiese oltre a diversi monasteri e conventi, alcuni in disuso.

  • La Real Collegiata di Sant'Ippolita ( Real Colegiata de San Hipólito ). Ospita le tombe di Ferdinando IV di Castiglia e Alfonso XI di Castiglia , sovrani di Castiglia e León .
  • La Chiesa di Nostra Signora delle Grazie ( Iglesia de Nuestra Señora de Gracia ), chiamata anche Iglesia del Rescatado , o iglesia de los Padres de Gracia , o iglesia de los Padres Trinitarios .
  • La Chiesa di San Giuseppe e dello Spirito Santo ( Iglesia de San José y Espíritu Santo ).
  • La Chiesa di Sant'Antonio da Padova ( Iglesia de San Antonio de Padova ).
  • La Chiesa-Convento del Santo Angelo ( Iglesia Conventual del Santo Ángel ).
  • La Chiesa di María Auxiliadora ( Iglesia de María Auxiliadora ).
  • La Chiesa di San Roque ( Iglesia de San Roque ).
  • La Chiesa di Nostro Signore della Pace ( Iglesia de Nuestra Señora de la Paz ).
  • La Chiesa-Ospedale di Gesù di Nazaret ( Iglesia Hospital de Jesús Nazareno ).
  • La Chiesa-Convento di San Cayetano ( Iglesia Conventual de San Cayetano ).
  • La Chiesa-Ospedale di San Jacinto ( Iglesia Hospital de San Jacinto ).
  • La Chiesa di San Francisco y San Eulogio ( Iglesia de San Francisco y San Eulogio ). Si trova all'interno del Compás de San Francisco, nell'omonima via (conosciuta anche come calle de la Feria), nel centro della città.
  • Il Monastero di San Girolamo ( Monasterio de San Jerónimo ).
  • La Chiesa di Santa María de Trassierra.
  • La Chiesa di San Pedro de Alcántara .
  • La Chiesa di San Salvador e Santo Domingo de Silos. Si trova in Plaza de la Compañía. Vi risiede la confraternita del Santo Sepolcro ( Hermandad del Santo Sepulcro ).
  • Il Santuario di Nostro Signore di Linares ( Santuario de Nuestra Señora de Linares ).
  • La Torre de Santo Domingo de Silos , una torre che è un residuo dell'omonima chiesa fondata da Ferdinando III di Castiglia . Si trova in Plaza de la Compañía.
  • Il Santuario di Nuestra Señora de la Fuensanta .
  • La Cappella di San Bartolomé ( Capilla de San Bartolomé ).
  • La Basilica del Juramento de San Rafael , che si trova nel Barrio de San Lorenzo.
  • L' eremo di Socorro .

Patrimonio civile e militare

Veduta dell'Alcázar dei Re Cristiani di Cordoba dai giardini. A sinistra, la Torre de los leones (Torre dei leoni).

Il più militari traccia visibile a Cordoba è l'Alcazar dei re cristiani , costruito sul sito di una fortezza occupata di epoca visigota, ma il cui attuale edificio risale al XIV °  secolo , essendo stato costruito per sostituire l' Alcázar Califal trova in gran parte in la stessa posizione. Le mura che circondano la città e le varie torri di origine musulmana e cristiana sono vestigia del passato militare di Cordova, e oggi rappresentano tutto ciò che resta del patrimonio militare della città, a parte l'Alcazar. Alcune delle mura e la maggior parte delle torri sono stati distrutti nel XVIII ° e XIX esimo  secolo, ma alcuni tratti di mura e diverse torri rimangono come Torre di Calahorra , che risale al almohade ( XII °  secolo ) e la Torre di Malmuerta , stile mudejar ( costruita nel XV °  secolo ). La Torre Malmuerta è nota per le numerose leggende che ha ispirato.

Tra gli edifici militari di Cordoba, una delle Scuderie Reali ( scuderie reales ), costruita nel XVI °  secolo , fu distrutta da un incendio nel XVIII °  secolo , ma l'edificio fu ricostruito nello stesso luogo è molto vicino nella sua struttura edilizia origine.

Il palazzo dei Marchesi di Carpio , pur non costituendo un edificio militare nel senso pieno del termine, è una casa fortificata costruita nel XV °  secolo da una delle torri dei bastioni, come residenza della famiglia Mendez Sotomayor, che il re Fernando III è stato responsabile per difendere le mura della città al XIII °  secolo .

Patrimonio archeologico

La città ospita numerosi resti archeologici. Diverse risalgono all'antichità, soprattutto di epoca romana. Il Ponte Romano di Cordoba attraversa il fiume Guadalquivir davanti alla Moschea-Cattedrale  ; è stato restaurato negli anni 2000. Un teatro romano è conservato sotto l'edificio del Museo Archeologico ed Etnologico di Cordoba . Il principale tempio romano di Cordova si trova a nord-est della città, vicino alla sede dell'ayuntamiento . La città contiene anche un mausoleo romano conservato sul Paseo de la Victoria e resti ospitato nella stazione degli autobus interurbani. Il sito archeologico di Cercadilla ospita i resti di uno dei palazzi dell'imperatore romano Massimiano . Inoltre, diversi musei ed edifici della città espongono antiche collezioni romane (tra cui molti mosaici) ma anche antica arte iberica.

I resti medievali sono molto numerosi. Abbondano le rovine musulmane: minareti conservati nelle chiese, bagni arabi. A pochi chilometri da Cordoba sono le rovine di Medina Azahara , città risalente al X °  secolo , quando il califfato di Al-Andalus . Un altro sito archeologico notevole vicino alla città è il palazzo di Munyat al-Rummaniya , che anche risale al X °  secolo.

Tessuto urbano ereditato dal Medioevo

  • Il quartiere di Judería, il quartiere ebraico medievale della città.
  • Il quartiere della Maddalena.
  • Il quartiere di San Lorenzo, con la sua chiesa.

ponti

Il Ponte Romano di Cordoba è il più antico e importante ponte conservato della città. Attraversa il fiume Guadalquivir mentre attraversa la città e unisce il Campo de la Verdad (a sud, riva sinistra) al quartiere della moschea-cattedrale (a nord, riva destra). E 'stato costruito agli inizi del I °  secolo . La sua lunghezza è di 331 metri ed è sorretta da 16 piloni (originariamente ne aveva 17). La forma dei suoi numerosi pali permetteva loro di spezzare la corrente del fiume, importante nell'antichità. In epoca romana, questo ponte costituiva un'importante via di accesso alla città dalla parte meridionale della penisola iberica, perché era l'unico che permetteva di attraversare il fiume senza ricorrere a una barca. La Via Augusta, che collegava Roma a Cadice , probabilmente passava di lì. Per venti secoli il ponte romano era l'unico ponte di Cordoba, fino alla costruzione del Puente de San Rafael a metà del XX °  secolo. La porta romana che si trovava a nord, sulla sponda destra, fu sostituita nel tempo da una porta moresca, poi, nel 1572, dall'attuale Porte du Pont . Nel XII °  secolo , all'epoca almohade , la Torre di Calahorra è costruito sulla riva sud del ponte come difesa. A metà del ponte c'è una statua di San Raffaele. Il ponte è stato restaurato negli anni 2000 e riaperto il 9 gennaio 2008.

Il ponte di Saint Raphael di Cordoba ( Puente de San Rafael ), inaugurato nel 1953 sotto il regime franchista, è il secondo ponte ad attraversare il Guadalquivir della città. Collega l'Avenida del Corregidor con Plaza de Andalucía. Lunga 217 metri, è formata da otto archi, ciascuno lungo 25 metri, e la sua larghezza è di 18,5 metri, inclusi 12 metri di carreggiata.

Il Puente de Andalucía è un ponte strallato che attraversa il Guadalquivir a ovest della città. È stato inaugurato nel 2004. Fa parte della prima sezione della Ronda de Poniente. La sua lunghezza è di 210 metri, prolungata da un viadotto di 200 metri sulla sponda destra del fiume.

Il Puente de Miraflores, inaugurato nel 2003, collega il parco di Miraflores al centro storico di Cordoba e passa a poca distanza dal ponte romano. È destinato al traffico automobilistico. Consiste in un grembiule in acciaio corten sorretto da una pila di pietra a forma di barca.

Il ponte autostradale meridionale, destinato al traffico automobilistico, attraversa il Guadalquivir e fa parte della tangenziale sud-orientale di Cordoba.

Il ponte Abbas Ibn Firnás, inaugurato nel 2011, attraversa il Guadalquivir a ovest della città. Fa parte della rotta occidentale di Cordoba (la rotta CO-32). È un ponte strallato lungo 365 metri e largo 30,4 metri. È stato progettato dall'ingegnere José Luis Manzanares Japón. È stato chiamato in omaggio allo studioso umanista andaluso Abbas Ibn Firnas (810-c. 887).

Il Puente del Arenal collega l'Avenida del Campo de la Verdad con il Recinto Ferial.

Ci sono anche altri ponti, come il viadotto che unisce Avenida Arroyo del Moro e Glorieta del Poeta Ibn Zaydun, o il ponte romano di Alcolea, situato tra la periferia di Alcolea e Los Ángeles.

Parchi e giardini

Giardini dell'Alcázar , a sud-ovest di Cordoba.
  • I giardini della vittoria. Oltre ad una piccola fontana modernista XX °  secolo, i giardini includono due strutture rinnovate di recente o la Caseta Victoria e il Kiosko de la música. Nella parte settentrionale, chiamata Giardini del Duca di Rivas, c'è un pergolato in stile neoclassico creato dall'architetto Carlos Sáenz de Santamaría. Viene utilizzato come sala espositiva e bar caffetteria.
  • I Jardins de la Agricultura si trovano tra i Giardini della Vittoria e il Paseo de Córdoba. Questi giardini sono costituiti da numerosi percorsi che convergono a raggiera in una piazza rotonda con fontana o laghetto. È soprannominato il laghetto delle anatre perché questi animali vivono in un piccolo edificio sull'isola in mezzo allo stagno. Ci sono anche diverse sculture nei giardini, come la scultura in memoria di Julio Romero de Torres, quella del compositore Julio Aumente e il busto di Mateo Inurria. A nord c'è un labirinto di rose.
  • Il Parco Miraflores si trova sulla riva sud del fiume Guadalquivir. È stato progettato dall'architetto Juan Cuenca Montilla in una serie di terrazze. Ci sono diversi punti di interesse come i ponti Salam e Miraflores, oltre a una scultura di Agustín Ibarrola.
  • Cruz Conde Park si trova a sud-ovest della città. È un giardino pubblico inglese .
  • Il Paseo de Córdoba , situato sulla metropolitana, è una passeggiata lunga un chilometro con numerose fontane, sei delle quali sono costituite da un portico d'acqua che forma una cascata che scorre in uno stagno a quattro livelli. C'è anche un laghetto risalente all'epoca romana, così come l'edificio dell'ex stazione Renfe (Rete Nazionale delle Ferrovie Spagnole) che ora funge da uffici per la compagnia Canal Sur.
  • I Giardini di Juan Carlos I si trovano nel quartiere di Ciudad Jardín. È una fortezza con una superficie di circa 12.500  m 2 .
  • I Jardins del Conde de Vallellano si trovano su entrambi i lati dell'omonimo viale. Essi comprendono una grande vasca a forma di L con una capacità di 3000  m 3 e diversi reperti archeologici tra cui una cisterna romana risalente alla seconda metà del I °  secolo  aC. J.-C.
  • Il Parque de la Asomadilla , con una superficie di 27 ettari, è il secondo parco più grande dell'Andalusia. Il parco ricrea la vegetazione della foresta mediterranea.
  • Il balcone del Guadalquivir.
  • I Giardini di Colombo, detti anche "Giardini delle Grazie" per la loro vicinanza al Convento delle Grazie (sede del Consiglio Provinciale di Cordoba).
  • I Sotos de la Albolafia. Dichiarati monumento naturale dal governo dell'Andalusia, questi boschi si trovano su una parte del corso del fiume Guadalquivir, tra il ponte romano e il ponte San Rafael. Si estendono su una superficie di 21,36 ettari. Il bosco ospita un'ampia varietà di specie di uccelli ed è un importante punto di migrazione per molti di loro.
  • Il parco periurbano di "Los Villares"
  • I giardini dell'Alcázar , la fortezza dei re cristiani di Cordoba, a sud-ovest della città.

Politica e amministrazione

Sindaci di Cordoba

Per il mandato 2011-2015, il sindaco di Cordoba è José Antonio Nieto Ballesteros .

L'attuale alcaldesa (il sindaco) di Cordoba è Isabel Ambrosio , affiliata al PSOE , eletta nel 2015 e il cui mandato durerà fino al 2019.

Demografia

Nel censimento del 2015, Cordoba contava 327.362 abitanti e la sua densità di popolazione era di 260,80 abitanti/km². La sua area metropolitana contava 361.880 abitanti. Nel 2014 ci sono state 3.129 nascite e 2.565 morti. Nel 2015 l'età media della popolazione era di 41,76 anni. Il 21,76% della popolazione aveva 19 anni o meno, il 61,61% tra i 20 ei 64 anni e il 17,63% aveva più di 64 anni. Nel 2015, la città contava 170.051 donne (51,95% della popolazione totale) e 157.311 uomini (48,05%).

Piramide dell'età a Cordoba nel 2015 (secondo l'Istituto Nazionale di Statistica della Spagna):

In percentuale
Uomini Classe di età Donne
0.73 
85 o più
1.77 
1.07 
da 80 a 84
1.73 
1.30 
da 75 a 79
1,95 
1.84 
da 70 a 74
2.27 
2.25 
da 65 a 69
2.73 
2.48 
da 60 a 64
2.83 
3.13 
da 55 a 59
3.52 
3.63 
da 50 a 54
3.95 
3.87 
da 45 a 49
4.10 
3.79 
da 40 a 44
3.96 
3.96 
da 35 a 39
4.03 
3.40 
da 30 a 34
3.44 
3.01 
dal 25 al 29
2.91 
2.88 
da 20 a 24
2.73 
2.56 
dal 15 al 19
2.39 
2.76 
da 10 a 14
2.57 
2.88 
da 5 a 9
2.72 
2,51 
da 0 a 4
2.36 

Evoluzione del numero di abitanti della città di Cordoba dal 1842:

Fonte: Istituto Nazionale di Statistica della Spagna (INE)

Nota: tra il censimento del 1857 e il precedente, il territorio del comune ( municipio ) si amplia fino a comprendere Santa María de Trassierra. Tra il censimento del 2001 e quello precedente (risalente al 1996), il territorio del comune è cresciuto fino a comprendere la comunità di Santa Cruz de Montilla.

Evoluzione demografica di Cordoba dal Medioevo ai giorni nostri
800 900 1000 1509 1787 1857 1887 1900 1910 1920 1930
Popolazione 160.000 200.000 450.000 25.000 37.872 42.909 55.614 58,275 66.831 73,710 103,106
1940 1950 1960 1970 diciannove ottantuno 1991 2001 2002 2003 2004 2005
Popolazione 143,296 165.403 198,148 235.632 284.737 310.488 314.034 314.805 318.628 319.692 321.164
2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
Popolazione 322.867 323,600 325.453 328.428 328.547 328.659 328.841 328.704 328.041 327.362

Trasporti e comunicazioni

Trasporto stradale

L'area metropolitana di Cordoba è considerata uno dei principali snodi logistici e di comunicazione della Comunità autonoma andalusa e ha un ruolo strutturante in relazione alla comunità.

Diverse autostrade ( autopistas ) e superstrade ( autovias ) si irradiano da Cordoba:

Autobus interurbani

La stazione degli autobus di Cordoba si trova in Avenida de la Libertad. Inaugurato nel 1999, è opera dell'architetto César Portela Fernández-Jardón, che nello stesso anno ha ricevuto il Premio Nazionale di Architettura. L'edificio ospita notevoli resti archeologici, per lo più romani, oltre a sculture di Agustín Ibarrola e Sergio Portela. È utilizzato dalle compagnie Carrera, Alsa, Rafael Ramírez, Secorbús, Socibús, Autotransportes López, Unionbús e Linesur, che servono una moltitudine di destinazioni regionali e nazionali.

Linee ferroviarie

Un treno ad alta velocità Renfe alla stazione di Cordoba.

La stazione di Cordoba si trova a nord della città, plaza de las Tres Culturas. È servito dalla linea ferroviaria convenzionale che collega Madrid al sud della penisola; è a Cordoba che questa linea si divide in due rami, uno parte verso Málaga e Algeciras mentre l'altro parte verso Siviglia (dove a sua volta si divide in due rami che servono rispettivamente Cadice e Huelva ). La stazione di Cordoba è anche servita dai treni Alta Velocidad Española (AVE), treni ad alta velocità, la cui linea si dirama poi per raggiungere Siviglia, oppure Málaga e Granada. La stazione di Cordoba è la seconda stazione più trafficata del paese dopo quella di Madrid Atocha.

C'è un servizio speciale di trasporto passeggeri dalla stazione al campus Rabanales.

Nel 2009 è stato istituito il Centro di trasporto intermodale di El Higuerón (Parco Logistico di Cordoba), destinato in particolare a migliorare l' intermodalità tra il trasporto ferroviario e quello stradale.

Fino agli anni '80 la città aveva un collegamento ferroviario con le località della valle del Guadiato grazie alla linea Cordoba-Almorchón (oggi in parte abbandonata e destinata solo al trasporto del carbone alla centrale. Centrale termica Puente Nuevo).

Trasporto aereo

Cordoba ha un aeroporto amministrato dalla compagnia pubblica ENAIRE . Il tipo di aeromobile che può circolare in questo aeroporto non supera determinate dimensioni a causa della limitata lunghezza della pista.

Nel 2006 l'aeroporto ha registrato un totale di 19.557 passeggeri e 9.221 operazioni, di cui una piccola percentuale di aviazione commerciale (normalmente servizi di aerotaxi).

Trasporto pubblico urbano

Gli autobus urbani di Cordoba sono amministrati dalla società municipale AUCORSA ( Autobuses Urbanos de Córdoba SA) che è stata costituita nel 1953. Nel 2014 contava 114 autobus (di cui tre ibridi dal 2012) e 3 microbus elettrici.

Piste ciclabili

I primi impianti ciclistici di Cordoba sono stati costruiti nel 1995-1996. All'inizio del 2007 la città comprendeva più di 35 chilometri di piste ciclabili, comprese strade a doppio senso raddoppiate.

Radio

  • La Fresca FM Andalusia (100.4 FM)
  • 40 Principale (96,6 FM)
  • Megastar FM (105.7 FM)
  • Bacio FM (95.6 FM)
  • Melodia FM (98.1 FM)
  • Europa FM (91,4 FM)
  • Cadena SER (93,5 FM)
  • QUADRANTE Cadena (88,4 FM)
  • Cadena 100 (106,7 FM)
  • Cadena COPE (87,6 FM)
  • Europa FM (88.9 FM)
  • Rock FM (104.1 FM)
  • Radio Marca (93,1 FM)
  • Canale Sur (103.6 FM)

Televisione

I principali canali ricevuti a Cordoba sono La 1 e La 2 , che dipendono dal servizio pubblico nazionale Radio Televisión Española e Canal Sur Televisión , che dipendono dal servizio pubblico regionale Radio y Televisión de Andalucía . I canali privati ​​nazionali sono Antena 3 , Telecinco e La Sexta . Ci sono anche tre canali locali che sono TVM, Onda Mezquita e PTV.

Servizi pubblici

Acqua potabile

L'approvvigionamento idrico della città di Cordoba è effettuato dall'Empresa Municipal de Aguas de Córdoba (EMACSA), la società idrica municipale di Cordoba, creata nel 1969. L'acqua gestita da EMACSA è immagazzinata in diversi serbatoi: quello di Guadalmellato (145 ettometri cubi), quello di San Rafael de Navallana (156,47 hm³) e quello di Guadanuño (1,60 hm³). Il trattamento dell'acqua potabile avviene in stazioni di trattamento dell'acqua potabile ( estaciones de tratamiento de agua potable , abbreviato come ETAP) dove l'acqua viene trattata per diventare adatta al consumo umano. Il principale ETAP è Villa Azul, che tratta l'acqua del bacino di Guadalmellato e fornisce più di 328.000 abitanti. Ci sono altri due ETAP: Guadanuño e Trassierra, che riforniscono 5.400 residenti.

Il trattamento delle acque residue viene effettuato negli impianti di trattamento delle acque reflue ( estaciones de depuración de aguas residuales , abbreviato in EDAR) dove l'acqua viene trattata per diventare nuovamente potabile. Ci sono tre di queste stazioni: La Golondrina, Cerro Muriano e Santa Cruz.

Rifiuti e manutenzione delle strade pubbliche

La gestione dei rifiuti e la manutenzione delle strade pubbliche a Cordoba sono svolte da Sadeco, l'azienda municipale di servizi igienico-sanitari di Cordoba. Sadeco nasce nel 1986 con gli obiettivi di raccolta e trattamento dei rifiuti urbani, compreso il loro riciclaggio e la preparazione di compost, nonché pulizia stradale, manutenzione di scuole ed edifici pubblici comunali, igiene ed epidemie, servizi tecnici e manutenzione; Sadeco comprende anche un servizio educativo.

Formazione scolastica

Il rettore dell'Università di Cordoba , a ovest della città, nel vecchio edificio della facoltà di medicina veterinaria.

Cordoba ha una vasta rete di scuole e college pubblici e privati.

L'istruzione superiore è rappresentata principalmente dall'Università di Cordoba . Le sue origini risalgono alla Libera Università fondata alla fine del XIX °  secolo, ma si basa come un'università di Cordoba a poco tempo fa, nel 1972. Si tratta di un'università di medie dimensioni, che ha avuto nel 2016 circa 15 000 studenti, poco più di 1.200 insegnanti e 700 altro personale. L'università tiene conto di vari campi del sapere che vanno dalle scienze umane alle scienze della salute passando per le scienze giuridiche e sociali e diversi percorsi scientifici e tecnici. Ha tre campus principali: il campus legale e sociale, situato nel centro della città; il campus di studi sulla salute, situato a ovest della città; e il Campus Agroalimentare, Scientifico e Tecnologico di Rabanales, che si trova ad est. L'Università di Cordoba amministra anche il Politecnico di Belmez , situato a sessanta chilometri dalla città.

Inoltre, a Cordoba esistono diversi centri di formazione professionale, tra cui la Scuola Superiore di Arte Drammatica e Danza ( Escuela Superior de Arte Dramático y Danza de Córdoba ), le Scuole di Arti e Mestieri ( Artes y Oficios ), il Conservatorio Superiore Rafael Orozco di Musica ( Conservatorio Superior de Música "Rafael Orozco" ), il Conservatorio professionale di musica, il Conservatorio professionale di danza e il Consorzio della scuola di gioielli di Cordoba, o il centro studi privato Zalima.

Salute

Il Servizio sanitario andaluso (Servicio Andaluz de Salud), con sede a Siviglia , è responsabile dei servizi sanitari gratuiti e universali a Cordoba. Amministra l'Ospedale Reina Sofía, annesso anche alla Facoltà di Medicina dell'Università di Cordoba . È un ospedale di rango regionale, che tiene conto di tutte le aree di specialità medica ed è utilizzato dall'intera comunità andalusa. Alcune specialità sono curate a Jaén .

La sede principale del complesso ospedaliero si trova nella città sanitaria, avenida Menéndez Pidal, a sud di Cordoba, non lontano dal Parco Cruz Conde e dal Giardino Botanico Reale. Questo sito riunisce l'Ospedale Generale, inaugurato nel 1976, così come il Centro di Anatomia Patologica ( Centro de Anatomia Patológica ) e il padiglione della governance in edifici separati. Il centro sanitario ospita anche l'ambulatorio inaugurato nel 2002, che è un edificio educativo comprensivo di biblioteca, nonché l'Ospedale Provinciale, inaugurato nel 1969. Diversi altri edifici non si trovano nel centro sanitario ma sono anch'essi annessi al complesso ospedaliero. È il caso del Centro de Especialidades Carlos Castilla del Pino, inaugurato nel 2013, e dell'Hospital de Los Morales, situato in Carretera Los Morales, nella Sierra di Cordoba. Cordoba è anche sede di due centri di dialisi collegati a questo complesso ospedaliero. Uno di questi è stato creato nel 1985 e si trova al 12, rue Virgen del Perpetuo Socorro.

Cordoba ha anche centri sanitari privati: Hospital Cruz Roja Española, situato in calle del Doctor Fleming, e Hospital San Juan de Dios, situato in avenida del Brillante.

Cultura

Biblioteche e mediateche

La città di Cordoba ha un'ampia rete di biblioteche pubbliche che dipendono dall'ayuntamiento. La Biblioteca Central (biblioteca centrale) si trova a Ronda de Marrubial. Altre undici biblioteche sono distribuite nel comune. Fu nel 2001 che le biblioteche furono organizzate in un Servizio Bibliotecario Comunale, che in seguito divenne la Rete Municipale delle Biblioteche di Cordoba.

Creata nel 1842 e aperta al pubblico nel 1850, la Biblioteca Provincial de Córdoba (Biblioteca Provinciale di Cordoba) è l'erede delle raccolte librarie di conventi, monasteri e chiese confiscate tra il 1835 e il 1837. Ha una collezione di circa 150 000 documenti , libri, periodici, registrazioni sonore, video e altri tipi di documenti. E 'notevole per il suo vecchio fondo ha 78 incunaboli e 647 manoscritti e una straordinaria collezione del XVI °  secolo . Ospita un totale di oltre 13.000 opere prima del 1900.

La città ospita anche biblioteche universitarie nelle varie facoltà della città e biblioteche tematiche dipendenti dal consiglio provinciale, la diocesi di Cordoba. La Biblioteca Viva de Al-Ándalus, situata nel Palacio de Bailío, ospita la più importante raccolta bibliografica dedicata alla cultura andalusa. Appartiene alla Fondazione Roger Garaudy e mira a evidenziare l'importanza della cultura andalusa classica e i suoi contributi alla cultura universale.

L'Archivo Histórico de Viana (Archivio Storico di Viana), che ha sede nel Palacio de Viana, è un importante archivio aristocratico contenente più di 300.000 documenti riguardanti la nobiltà spagnola. Oltre alle informazioni sui titoli di nobiltà, che conserva 877 testamenti e comportato risalente al XIII °  secolo , 868 pergamene legate alla monarchia spagnola fin dal Medioevo e 39 sigilli dei monarchi spagnoli e papi, tra gli altri.

I Jardines de la Agricultura di Cordoba ospitano la Biblioteca Séneca, aperta nel 1922 sulla base di una raccolta di 2.000 volumi, tra cui la prima raccolta di letteratura per ragazzi disponibile al pubblico in città.

La Cineteca dell'Andalusia , creata nel 1987 e situata nell'ex Ospedale di San Sebastián, è dedicata alla conservazione, allo studio e alla diffusione del patrimonio cinematografico andaluso.

Musei e case-museo

Il Museo Archeologico ed Etnologico di Cordoba è uno dei più completi della Spagna. Le sue collezioni comprendono documenti e opere che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Il museo si trova nel Palacio de los Páez de Castillejo, sotto il quale scavi archeologici hanno portato alla luce i resti di un teatro romano, il più grande dell'Hispania romana e uno dei più grandi dell'Impero Romano; queste rovine sono aperte anche al pubblico.

Il Museo Provinciale di Belle Arti ( Museo Provincial de Bellas Artes ), situato nell'ex Hospital de la Caridad, ospita un'importante collezione di dipinti e sculture, la maggior parte delle quali provengono dalle confische del 1835 e del 1868.

Il Museo Julio Romero de Torres riunisce la migliore collezione di opere del pittore cordovano Julio Romero de Torres (1874-1930). Inaugurato nel 1931, situato nella casa natale del pittore, proprio accanto al Museo de Bellas Artes, riunisce dipinti famosi come La chiquita piconera , Viva el pelo e Naranjas y limones .

Il Museo Diocesano delle Belle Arti ( Museo Diocesano de Bellas Artes ) si trova nell'ex Palazzo Episcopale di Cordoba di fronte alla Moschea-Cattedrale . Riunisce dipinti, arazzi e sculture che coprono un periodo dal Medioevo ai giorni nostri.

Il Museo Vivente di Al-Andalus (Museo Vivo d'Al-Andalus), chiamato anche Museo de las Tres Culturas (Museo delle Tre Culture), si trova nella Torre Calahorra , sulla riva sud del Guadalquivir, nell'aldilà il ponte romano. È un museo audiovisivo dedicato alla convivenza delle culture cristiana, ebraica e musulmana nel Medioevo. Il museo è stato aperto nel 1987.

Il bagno califfale di Cordoba , costruito dal Cordoba califfo omayyade Al-Hakam II al X °  secolo e sono stati il più grande della città, sede di un museo dedicato alla cultura dei bagni arabi medievali. Presentano i diversi bagni, il loro funzionamento, la loro storia negli ampliamenti e riqualificazioni, nonché il loro contesto culturale. Il museo evoca anche Cordoba dell'epoca di Al-Andalus e del califfo Alcázar, le cui terme sono le principali vestigia conservate.

Il Museo Taurino Municipal è dedicato alla corrida e ai suoi rappresentanti più famosi a Cordoba.

La Casa de Sefarad , situata nel cuore del quartiere ebraico medievale (la judería ), di fronte alla sinagoga , è dedicata alla cultura, alla storia e alle tradizioni sefardite .

La Casa Andalusí , casa tipicamente moresca del XII °  secolo , contiene una ricostruzione delle prime cartiere arrivate in Occidente oltre a raccolte di monete e manoscritti medievali.

Il Museo dell'Acqua si trova nel Moulin de Martos, uno dei mulini del Guadalquivir a Cordoba . Presenta l'uso dell'acqua nei mulini idraulici per fare la farina di cereali, ma anche per tessuti e pelletteria.

Il museo di Palazzo Viana ospita in particolare arazzi fiamminghi, francesi (realizzati alla Manifattura dei Gobelins) e goyeschi (realizzati su disegni di Goya); dipinti ad olio della scuola di Bueghel; una raccolta di lavori in pelle e metallo lavorato del tipo guadameciles o cordobanes; una galleria di dipinti di battaglie e una biblioteca con circa 7.000 volumi (molti in francese).

Il Museo Regina è dedicato alla Cordovan oreficeria . Presenta il mondo della gioielleria, il processo produttivo e la storia di questa zona, ed espone collezioni di gioielli.

Il Museo della Città di Cordoba ( Museo de la Ciudad ) si trova nell'ex Convento di Santa Chiara di Cordoba ( convento de Santa Clara ) dove è stato aperto nel 2006.

Il Museo Carbonell Oil è dedicato alla produzione di petrolio (Carbonell è una compagnia petrolifera spagnola).

La Galleria dell'Inquisizione, situata nel centro storico di Cordoba , ospita una collezione privata di strumenti di tortura medievali.

La casa museo Luis de Góngora y Argote è una casa del XVII °  secolo, trasformato in un museo e un centro studi dedicato al barocco spagnolo poeta Luis de Góngora (1561-1627); ha aperto nel 2006.

La casa museo Ramón García Romero è dedicato alla artigiano e artista Ramón García Romero (1941-2013), specializzata in lavori tecnici e ornamenti del cuoio, che ha messo in tecniche medievali uso X °  secolo (le guadamecíes ei cordobanes ) precedentemente caduti nell'oblio ed è stato riconosciuto come patrimonio umano della città di Cordoba nel 2013. Ha aperto nel 2006.

Il Giardino Botanico Reale di Cordoba ( Real Jardín Botánico de Córdoba ) ospita due musei. Il Museo Etnobotanico, inaugurato nel 1992, è dedicato al ruolo e agli usi delle piante nelle culture umane fin dalla preistoria. Il Museo Paleobotanico presenta una mostra di fossili vegetali di tutte le epoche geologiche, unica in Europa. Le collezioni del Museo Paleobotanico comprendono circa 110.000 esemplari, di cui 107.000 provenienti dalla flora del Carbonifero, la stragrande maggioranza proveniente da giacimenti spagnoli.

Il Pepe Espaliú Art Center, aperto nel 2010, contiene una mostra di opere dell'artista cordovano Pepe Espaliú (1943-1993), pittore, scultore e poeta.

Teatri

Il Gran Teatro di Cordoba è un teatro italiano costruito nel XIX °  secolo . Ha una sala a forma di ferro di cavallo che può ospitare 1000 spettatori.

Il Teatro Góngora è un teatro costruito tra il 1929 e il 1932. È uno dei pochi edifici conservati a Cordoba a rappresentare lo stile del Razionalismo architettonico. Chiuso nel 1997 a causa delle sue cattive condizioni, è stato acquistato nel 2004 dall'Ayuntamiento de Cordoba. Attualmente è di proprietà della catena di ristoranti spagnola El Corte Inglés . Ha una capienza di 1050 persone.

Il Teatro de la Axerquía è un teatro all'aperto con una capacità di 3.500 persone. È stato chiuso per lavori importanti tra il 1991 e il 2007.

Altri edifici culturali

Il Centro visitatori di Cordoba ( Centro de Recepción de Visitantes de Córdoba ), situato intorno alla Puerta del Puente, è destinato ai turisti e contiene una mostra sulla storia della città e del fiume Guadalquivir.

Il Palais de la Merced è un edificio storico. In origine sede del convento della Merced Calzada, oggi ospita la sede del Governo della Provincia di Cordoba.

Gastronomia

La cucina di Cordova fa parte della cucina spagnola e più specificamente offre piatti andalusi, ma ha anche le sue specialità. A Cordoba esiste una variante del gazpacho chiamata salmorejo , più densa e cremosa che in altre parti della Spagna. Il salmorejo stesso si presenta in una variante servita condita con piccoli pezzi di uova sode e scaglie di prosciutto chiamata porra . C'è anche il rabo de toro , un tipico guiso di Cordoba costituito da uno stufato fatto con la coda di una mucca o di un toro .

arti e mestieri

Cordoba è famosa fin dal Medioevo per la lavorazione della pelle, che spazia dalla concia ai lavori ornamentali di lusso. Nel XIII °  secolo , l'aggettivo di Cordoba o cordovan , che significa "Cordoba" , che ha dato il nome di "ciabattino" francese perché la città era già famosa per la sua pelle. La pelle denominata cordobán è una pelle bovina o caprina di alta qualità, leggera e morbida, ottenuta per concia con sostanze vegetali, compresi i tannini ottenuti dal sommacco . Preparata in questo modo, la pelle si presta bene alla lavorazione con tecniche di pellame goffrato oltre che alla colorazione per realizzare ornamenti policromi. Un'altra tecnica, il guadamecil , portata dagli Arabi nell'VIII °  secolo e di grande utilità almeno fino all'XI °  secolo , impiega la pelle di pecora, più delicata e più dolce della pelle di vacca per lavori in rilievo, lavorati o ribattuti. Queste tecniche, a volte dimenticate, sono state riscoperte e promosse da alcuni artigiani locali.

Cordoba è anche conosciuta per i suoi gioielli. Nel 2009 la gioielleria rappresentava oltre il 20% del tessuto industriale della città e contava poco più di mille aziende.

Principali festival ed eventi culturali

Carnevale di Cordoba (febbraio)

Il Carnevale di Cordoba, che si svolge ogni anno a febbraio, si concentra nelle strade e nelle piazze del Barrio de San Agustín. Si svolge una sfilata di carnevale. Al Grand Théâtre si svolge un concorso di barzellette e costumi .

Settimana Santa a Cordoba (marzo-aprile)

Sono festività religiose cristiane annuali che durano una settimana, dalla domenica delle Palme alla domenica della Resurrezione. Le confraternite si aggirano per le strade di Cordoba ricordando alcune scene della passione, morte e risurrezione di Gesù, accompagnate da nazareni e penitenti. Le fraternità e le comunità sono solitamente accompagnate dalla musica, ma ci sono comunità silenziose. Questa festa si celebra nei mesi di marzo e aprile: la Pasqua di Resurrezione si svolge la prima domenica successiva alla prima luna piena dopo l'equinozio di primavera, e la sua data è calcolata secondo il calendario astronomico lunare. Pertanto, può essere in anticipo, ad esempio il 22 marzo, o in ritardo, ad esempio il 25 aprile.

Cordoba conta una trentina di comunità cristiane che, ogni anno in questo periodo, si dirigono verso il centro città, dove si trova il punto di partenza del percorso ufficiale che tutte percorrono. Molti includono anche la Moschea-Cattedrale di Cordoba nel loro viaggio .

Battaglia dei Fiori ( 1 ° maggio)

La Battaglia dei Fiori ( Batalla de las Flores ) è una sfilata di carrozze su cui le persone viaggiano in abiti tradizionali, che lanciano fiori, normalmente garofani, agli spettatori, mentre gli spettatori gettano i fiori sui carri. Il festival si svolge il 1 ° maggio di ogni anno intorno a mezzogiorno. È considerata la festa inaugurale del mese di Cordoba, un insieme di festeggiamenti che si svolgono a Cordoba nel mese di maggio.

Il mese di maggio a Cordoba

Cordoba May (Cordoba Mayo ) è il grande mese di Cordoba. È durante questo mese che ogni anno a Cordoba si celebrano le feste più importanti e famose. All'inizio del mese si celebrano le Croci di Maggio ( Cruces de Mayo ), festa durante la quale le principali vie e piazze della città vengono addobbate con croci di legno alte circa tre metri, interamente addobbate di fiori e circondate da fioriere .pieno di bellissime piante. Ogni croce incorpora, generalmente al centro, una decorazione tematica in relazione al luogo in cui viene eretta. La visita di queste bellissime croci è solitamente accompagnata da un bar o da un punto ristoro dove si possono degustare bevande e cibi tipici del luogo.

Cordova patio .

Durante la seconda e la terza settimana di maggio si svolge il Festival e le gare popolari dei patii ( Festival Concurso y Popular de los Patios ). I partecipanti hanno libero accesso ai patii delle loro case ad orari prestabiliti e i passanti possono venire a visitarli. I patii si dividono in due categorie: architettura antica o architettura moderna. Nello stesso periodo si celebra anche il Concorso di ringhiere e balconi ( Concurso de Rejas y Balcones ). Per la loro popolarità, molti patii sono aperti al pubblico anche in altri particolari periodi dell'anno, ad esempio per la Natività e da aprile a giugno. Altri patii offrono ai turisti la possibilità di soggiornare nelle case che li ospitano.

Dalla seconda settimana di maggio si svolge anche il festival de La Dégustation ( La Cata ). Tutte le bodegas (cantine) di Cordoba organizzano degustazioni di vini. Si tratta spesso di vini a denominazione di origine Montilla-Moriles. Assaggiamo vini come Fino (vino bianco molto secco), Amontillado (vino bianco secco), Oloroso, Cream, Pedro Ximénez, Blanc Jeune e Blanc Pedro Ximénez.

Verso la fine di maggio, si svolge la festa cristiana di Nostra Signora della Salute ( (ang) ), il giorno principale dei festeggiamenti è il 25 maggio.

Festa della Fuensanta (inizio settembre)

La Festa di Fuensanta, chiamata anche la Vigilia di Fuensanta, consiste in feste popolari cristiane celebrate intorno all'8 settembre in onore della Vergine di Fuensanta nelle vicinanze dell'omonima chiesa.

Giorno di Saint-Raphaël (24 ottobre)

Il 24 ottobre si celebra il giorno dell'Arcangelo Raffaele , protettore di Cordoba, molte delle cui statue compaiono per le vie della città, in particolare sulla Place du Potro . L'usanza in questo giorno è quella di preparare e gustare un calderone di riso e carne in campagna.

Altri eventi culturali

  • A gennaio: il mercato medievale.
  • Dal 6 marzo al 5 maggio: la biennale della fotografia.
  • Il festival Cosmopoética: incontro annuale di poeti e musicisti.
  • A maggio: il festival blues "città di Cordoba".
  • A giugno: la Notte Bianca del flamenco.
  • A luglio: il Festival Internazionale della Chitarra.
  • Festival del cinema africano di Cordova.
  • A settembre: il Festival Eutopía, un festival della creazione giovane dove si incontrano tutti i tipi di creazioni, dalla musica al teatro, passando per la letteratura e la cucina.
  • A novembre: Animacor, festival internazionale del film d'animazione.

Personaggi illustri

Politica

Letteratura

Filosofia e Teologia

Scienza

Belle arti

Musica e danza

  • Ziryab , musicista e studioso di curda VIII °  -  IX th  secoli, che ha concluso la sua vita a Cordoba e ha introdotto l'oud (il liuto arabo) nella musica andalusa.

Gli sport

  • Manolete (1917-1947), famoso matador di Cordova.

Gemellaggi, patti di amicizia e accordi di cooperazione

Gemellaggio

La città di Cordoba è gemellata con:

Patti di amicizia

La città ha firmato patti di amicizia con:

Accordo di cooperazione

Cordoba mantiene inoltre accordi di cooperazione con:

Gli sport

Impianti sportivi

Spettacolo della corrida nell'arena di Cordoba nel 2008.

Cordoba è sede di numerosi impianti sportivi di varie dimensioni:

  • Il Palazzo Comunale dello Sport "Vista Alegre"
  • L'edificio sportivo "El Cordobés"
  • Lo stadio di Fray Albino
  • Stadio municipale El Arcángel
  • L' arena dei tori di Cordoba ( Plaza de Toros de los Califas ), inaugurata nel 1965 (per sostituire le vecchie arene costruite nel 1846), sono arene per la corrida di prima classe.
  • Più di dieci impianti sportivi comunali (Instalación Deportiva Municipal, nome breve in IDM) tra cui quattro piscine.

Arrivi del Giro di Spagna

* 2 arrivi nello stesso tour della Spagna

Rappresentazioni nelle arti

Letteratura

Diversi romanzi, poesie e opere teatrali evocano la città di Cordoba in vari momenti. Molti si riferiscono alla Cordoba medievale. Nel 1974, lo scrittore francese Herbert Le Porrier ha consegnato una versione romanzata della vita di Maimonide in Le Médecin de Cordoue . Nel 2000, lo scrittore e accademico spagnolo Antonio Muñoz Molina ha dedicato un libro a Cordoba dal tempo di Al-Andalus, Cordoba degli Omayyadi . I romanzi storici di Matilde Cabello evocano la Cordoba medievale: Wallada. L'última luna , pubblicato nel 2007, racconta la vita della principessa e poetessa Umayyad Wallada ( X °  -  XI esimo  secolo).

Nel XIX °  secolo, Cordoba e la sua regione sono discussi proprio nella nuova romantico scrittore francese Prosper Mérimée Carmen , pubblicato nel 1847: il narratore incontra la famosa gitana Carmen a Cordoba e sentire la storia del suo amore disperato, Don José. Il racconto di Mérimée ha ispirato l'opera con lo stesso nome, creata nel 1875 su musica di Georges Bizet .

Tra i libri che descrivono la Cordoba XX °  secolo , Babel in Spagna , pubblicato dallo scrittore britannico e insegnante di John Haycraft (arrivato in città nel 1953 per aprire una scuola di lingua inglese), ha causato uno scandalo quando apparve nel 1958 a causa della sua franca evocazione delle usanze cordovani sotto la dittatura franchista allora al potere nel paese; il libro è stato finalmente tradotto in spagnolo nel 2007.

Tra i libri dedicati alla storia della città, Paseos por Córdoba ( Passeggiate a Cordoba ) di Teodomiro Ramírez de Arellano, pubblicato nel 1873, è stato a lungo un riferimento per storici professionisti e dilettanti.

Pittura

Cordoba appare sulle tele di molti pittori cordovani attaccati a rappresentare la loro città e la sua regione. Nel XIX °  secolo, Rafael Romero Barros dipinse diversi paesaggi cordovani del suo tempo, come Domingo Córdoba Orillas del Guadalquivir ( Domenica alle Cordoba sulle rive del Guadalquivir ) nel 1884. Nel 1892, Rafael Romero de Torres  (es) dipinge un quadro storico, Colón saliendo de la Mezquita ( Colombo che lascia la moschea ), che mostra Cristoforo Colombo che lascia la moschea di Cordoba e nota una donna che altri non è che la sua futura moglie. Il pittore Julio Romero de Torres dipinge molti dipinti cordovani, tra cui una serie di figure femminili che incarnano i diversi aspetti o stati d'animo della città.

Hugo Pratt mette in scena il suo eroe Corto Maltese , nella città d'infanzia del personaggio, attraverso Corto en Cordoba , una serie di 12 serigrafie a colori. Questi disegni rappresentano diversi luoghi e persone della città: Calleja de las Flores  ; di Gitanes Scuola di niña, praticando la rondeña  (es) , una varietà ( palo ) di flamenco  ; la Sinagoga e la Moschea-Cattedrale  ; e toreri .

Note e riferimenti

  1. (in) Shivani Vora CNN , Questa città ora HA patrimoni dell'UNESCO più che in qualsiasi parte del mondo  " sulla CNN (consultata il 27 ottobre 2020 )
  2. Cordoba, città delle tre culture: dal Medioevo al XXI secolo, Centro Culturale Franco-Spagnolo, Nantes, 2017  "
  3. Gran Enciclopedia Larousse , “Tomo 6 (condecir-chinamo)”, voce “Córdoba”, 1986.
  4. INE (a cura di), “Extensión superficial de los términos municipales de las capitales” . Documento PDF consultato sul sito web dell'INE (Istituto Nazionale di Statistica della Spagna) il 18 agosto 2016.
  5. Ayuntamiento de Córdoba, Área de Urbanismo (ed.), “Capítulo IX: las pedanías” . Archivio della pagina originale nel suo Stato del 1 ° dicembre 2015. Accessed 18 agosto 2016.
  6. Ayuntamiento de Córdoba, Área de Urbanismo (ed.), “La caracterización geológica, geomorfológica y litológica como elementis que condicionan las condiciones constructivas de los terrenos” . Archivio su Internet Archivio della pagina originale al 30 giugno 2010. Pagina consultata il 18 agosto 2016.
  7. Ayuntamiento de Córdoba, Área de Urbanismo (ed.). “The hidrográfica e hidrológica caracterización” . Archivio su Internet Archivio della pagina originale al 30 giugno 2010. Pagina consultata il 18 agosto 2016.
  8. Instituto geológico y minero de España (a cura di), “Marco geológico en el que se sitúa Andalucía” . Documento PDF consultato il 18 agosto 2016.
  9. Ayuntamiento de Córdoba, Área de urbanismo (ed.), “La caracterización geológica, geomorfológica y litológica como elementi che configurano le condizioni costruttive del terreno” . Archivio su Internet Archivio della pagina originale al 30 giugno 2010. Pagina consultata il 18 agosto 2016.
  10. Egiluz L. et al (1989), “Eclogitas de la banda de Cizalla Badajoz-Córdoba” . Documento PDF consultato il 18 agosto 2016.
  11. Ayuntamiento de Córdoba, Área de urbanismo (ed.), “La vegetación y los usos agrícolas” . Archivio su Internet Archivio della pagina originale al 30 giugno 2010. Pagina consultata il 18 agosto 2016.
  12. Ayuntamiento de Córdoba (a cura di), “Clima de Córdoba” . Archivio su Internet Archivio della pagina originale così com'era il 18 giugno 2010. Pagina consultata il 18 agosto 2016.
  13. (es) Agencia Estatal de Meteorología , “  España - Valores extremos absolutos - Selector - Agencia Estatal de Meteorología - AEMET. Gobierno de España  ” , su www.aemet.es (consultato il 27 novembre 2017 )
  14. Michel Dillange , The Counts of Poitou, Dukes of Aquitaine: 778-1204 , Mougon, Geste éd., Coll.  "Storia",, 303  pag. , ill., copertina malato. a colori. ; 24  cm ( ISBN  2-910919-09-9 , ISSN  1269-9454 , avviso BnF n o  FRBNF35804152 ) , p.  57-58.
  15. Émile Lefranc, Storia del Medioevo , Jacques Lecoffre,( presentazione on line )
  16. La cifra varia molto a seconda delle fonti e dei periodi considerati: 250.000, 400.000, 500.000, 600.000.
  17. (in) Comité del Patrimonio Mundial Informe de 8ª Sesión, Buenos Aires  " , Unesco,(consultato il 6 marzo 2014 )
  18. (in) Comité del Patrimonio Mundial Informe de 18ª Sesión, Phuket  " , Unesco,(consultato il 6 marzo 2014 )
  19. Guide du Routard Andalousie 2016 , Hachette, 2015, p.  193.
  20. Il Circo Romano di Cordoba , pagina del sito di Arte en Córdoba. Pagina consultata il 19 agosto 2016.
  21. Francisco García del Junco, La Torre de la Malmuerta de Córdoba , Almuzara, 2013, p.  35-61 (sulle mura e torri di Cordoba), e p.  123-155 (sulle varie minacce che hanno pesato sulla conservazione della torre di Malmuerta e più in generale sul patrimonio militare medievale della città).
  22. Francisco García del Junco, La Torre de la Malmuerta de Córdoba , Almuzara, 2013, p.  183-192.
  23. Pagina del Palazzo dei Marchesi di Carpio sul sito del Turismo de Córdoba (Ayuntamiento de Cordoba). Pagina consultata il 10 settembre 2016.
  24. figure popolazione ufficiale di comuni spagnoli: la revisione del boss comunale . Istituto Nazionale di Statistica della Spagna ( Instituto Nacional de Estadística , INE), 2015. Pagina consultata il 2 agosto 2016.
  25. Le statistiche di nascite e morti . Istituto Nazionale di Statistica della Spagna. Pagina consultata il 2 agosto 2016.
  26. Cifras Oficiales de Población de los Municipios Españoles: Revisión del Padrón Municipal , Istituto Nazionale di Statistica della Spagna, 2015.
  27. INEbase, Alterazioni dei comuni durante i censimenti della popolazione dal 1842: Cordoba . Pagina consultata il 26 ottobre 2012. Quando disponiamo di dati demografici de facto e de jure, abbiamo optato per la cifra più alta.
  28. Fonte : popolazione storica di Cordoba. Popolazioni delle città più grandi nei PMN dal 2000 a.C. al 1988 d.C.
  29. Fonte : Popolazione de facto secondo l'Istituto Nazionale di Statistica della Spagna. Cambiamenti nei comuni durante i censimenti della popolazione dal 1842 , Dati sulla popolazione dei comuni della Spagna dal 1996. I dati per il 1787 provengono dal censimento di Floridablanca, disponibile su Popolazione dei comuni dell'Andalusia secondo i censimenti dal 1787 al 2001. Junta dell'Andalusia. Il censimento del 1787 include anche la popolazione dell'ex comune di Trasierra o Santa María de Trassierra (che contava 46 abitanti nel 1787) e annessa al comune di Cordoba tra il 1842 e il 1857.
  30. Istituto Nazionale di Statistica della Spagna.
  31. Junta de Andalucía (ed.). “Plan de ordinación del territorio andaluz” . PDF accessibile tramite Internet Archive nella sua dichiarazione del 29 aprile, 2012. Consultato il 1 ° agosto 2016.
  32. Estadísticas de Tráfico: Pasajeros, operaciones y carga , pagina del sito Aena conservata su Internet Archive nella sua relazione del 24 luglio 2011. Pagina consultata il 19 agosto 2016.
  33. La pagina dell'impresa sul sito dell'AUCORSA. Accessed 1 ° agosto 2016.
  34. Pagina "Nuestra Flota" sul sito AUCORSA. Accessed 1 ° agosto 2016.
  35. Pagina "Los Carriles-Bici de Córdoba" sul sito web della Plataforma Carril-Bici di Cordoba. Accessibile via Internet Archive nella sua dichiarazione del 28 aprile, 2009. Accessed 1 ° agosto 2016.
  36. Sito dell'Empresa Municipal de Aguas de Córdoba . Accessed 1 ° agosto 2016.
  37. "Power piante pagina" sul sito EMACSA. Accessed 1 ° agosto 2016.
  38. Sito web Sadeco . Accessed 1 ° agosto 2016.
  39. Pagina Información Historia sul sito web dell'Università di Cordoba. Pagina consultata il 20 agosto 2016.
  40. Acceso al Complejo Hospitalario Reina Sofía , sul sito web del Servizio sanitario andaluso (ospitato dal sito web della Junta de Andalucia). Pagina consultata il 20 agosto 2016.
  41. El complejo hospitalario , sul sito web del Servizio sanitario andaluso (ospitato dal sito web della Junta de Andalucia). Pagina consultata il 20 agosto 2016.
  42. Bibliotecas , sul sito della città di Cordoba. Accessed 1 ° agosto 2016.
  43. Historia de la Biblioteca comunale sul sito della Rete delle Biblioteche Comunale di Cordoba. Accessed 1 ° agosto 2016.
  44. Historia de la Biblioteca sul sito web della Rete delle biblioteche pubbliche dell'Andalusia. Accessed 1 ° agosto 2016.
  45. Pagina della storia della biblioteca Viva de Al-Ándalus sul suo sito ufficiale. Accessibile via Internet Archive nella sua dichiarazione del 13 febbraio 2013 1 ° agosto 2016.
  46. Sito ufficiale del Archivo Histórico de Viana nel suo Stato del 1 ° dicembre 2015. Accessed 1 st 2016 agosto.
  47. Pagina "Funciones" sul sito della Cinémathèque d'Andalousie. Accessed 1 ° agosto 2016.
  48. Pagina del Museo Provincial de Bellas Artes de Cordoba sul sito del Museos de Andalucia. Accessed 1 ° agosto 2016.
  49. Pagina del Museo Julio Romero de Torres sul sito web della Delegazione alla Cultura dell'Ayuntamiento di Cordoba. Accessed 1 ° agosto 2016.
  50. Articolo dal Museo Diocesano de Bellas Artes su Cordobapedia. Accessed 1 ° agosto 2016.
  51. Sito della Torre de la Calahorra e del Museo vivo de Al-Andalus . Accessed 1 ° agosto 2016.
  52. Pagina "Storia" del sito del Tour de la Calahorra . Accessed 1 ° agosto 2016.
  53. Pagina delle terme del Califfo Alcazar sul sito web della Delegazione della Cultura dell'Ayuntamiento di Cordoba. Accessed 1 ° agosto 2016.
  54. Storia del mulino Martos nel sito dell'Orto Botanico di Cordoba. Accessibile via Internet Archive nella sua dichiarazione del 27 marzo 2013. Accessed 1 ° agosto 2016.
  55. El antiguo convento di Santa Clara convertirà en el Museo de la Ciudad , articolo di Antonio Rodriguez Jimenez sul sito Cordoba Diario, il 19 febbraio 2006. Accessed 1 ° agosto 2016.
  56. Sito della Galleria dell'Inquisizione a Cordoba . Accessed 1 ° agosto 2016.
  57. Pagina Casa-Museo Luis de Góngora y Argote sul sito "1.5% culturale" (amministrato dal governo spagnolo e dal Ministero dello Sviluppo). Accessed 1 ° agosto 2016.
  58. Sito della casa-museo Ramón García Romero . Accessed 1 ° agosto 2016.
  59. Pagina "Trascendencia de su obra" nel sito della casa-museo Ramón García Romero. Accessed 1 ° agosto 2016.
  60. Pagina "Exposiciones" sul sito web della Casa-Museo Ramón García Romero. Accessed 1 ° agosto 2016.
  61. Pagina del Museo Etnobotanico sul sito del Giardino Botanico Reale di Cordoba]. Accessed 1 ° agosto 2016.
  62. Sito del Giardino Botanico Reale di Cordoba . Accessed 1 ° agosto 2016.
  63. Pagina della collezione paleobotanica nel sito del Giardino Botanico Reale di Cordoba. Accessed 1 ° agosto 2016.
  64. Pagina centrale sul sito web della delegazione della cultura dell'Ayuntamiento a Cordoba. Accessed 1 ° agosto 2016.
  65. Los Frutos de una inversión News 6 millones di euro , voce (non firmato) in El Diario Cordoba il 3 luglio 2007. Accessed 1 ° agosto 2016.
  66. Guide du Routard de l'Andalousie 2016 , Mayenne, Hachette, 2015, p.  182.
  67. Grand Robert della lingua francese, Parigi, Le Robert, 2001, voce "calzolaio", volume II, p.  606.
  68. El sector joyero en Córdoba , pagina del sito web dell'Asociación de Joyeros, Relojeros y Plateros de Córdoba, su Internet Archive al 3 marzo 2009. Pagina consultata il 20 agosto 2016.
  69. Feste principali a Córdoba , pagina del sito web della Mezquita de Cordoba. Pagina consultata il 21 agosto 2016.
  70. Hermanamientos con Córdoba.
  71. Amistad con Córdoba.
  72. Cooperación con Córdoba.
  73. Le arene di prima categoria sono state elencate nel 1996 dal Regolamento Corride nel Real Decreto 145/96 del 2 febbraio 1996, titolo III, articolo 23, 2.
  74. Editan el 'libro-escándalo' sobre Córdoba , articolo di EFE su El País del 7 dicembre 2007. Pagina consultata il 10 settembre 2016.
  75. Corto en Cordoba (12 serigrafie a colori, 999 copie francesi + 700 copie spagnole (30 x 40 cm)), Vertige Graphic ,( leggi in linea )

Bibliografia

Sulla storia di Cordoba

  • (es) Enrique Aguilar Gavilá́n, Historia de Có́rdoba , Madrid, Silex, 1995. ( ISBN  84-7737-053-2 )
  • (es) Antonio Arjona Castro, Córdoba en la historia de Al-Andalus: desarollo, apogeo y ruina de la Córdoba Omeya , Córdoba: Instituto de estudios califales de la Real academia deciencias, bellas letras y nobili artes de Córdoba, Volume I: De la conquista al final del emirato omeya (711-929) , 2001, ( ISBN  84-607-2302-X ) (vol. 1).
  • (es) José Luis Casas Sánchez, Estudio de la historiografía sobre Córdoba y provincia, 1700-1936 , Córdoba: Caja provincial de ahorros de Córdoba, 1992. ( ISBN  84-606-0512-4 )
  • (it) John Edwards, Christian Córdoba: la città e la sua regione nel tardo Medioevo , Londra; New York ; Melbourne: Cambridge University Press, raccolta "Cambridge Iberian and Latin American Studies", 1982. ( ISBN  0-521-24320-3 )
  • (es) Francisco Moreno Gómez, Córdoba en la posguerra: la represión y la guerrilla, 1939-1950 , Cordoba, F. Baena, 1987. ( ISBN  84-86137-13-6 )
  • (in) Robert C. Knapp, Roman Cordoba , Berkeley; Los Angeles; Londra, University of California Press, raccolta "Classical Studies" n o  30, 1983. ( ISBN  0-520-09676-2 )
  • Christine Mazzoli-Guintard , Vivere a Cordoba nel Medioevo: la solidarietà urbana nell'Islam il X °  -  XI °  secolo , Rennes University Press, 2003. ( ISBN  2-86847-778-X )
  • (es) Jesus Peláez del Rosal (coord.), Los Judíos en Córdoba (ss. X-XII) , Cordoba, El Almendro, 1987. ( ISBN  8486077486 )
  • (es) Juan Francisco Rodríguez Neila, Historia de Córdoba , Córdoba [España]: Publ. del Monte de piedad y caja de ahorros de Córdoba, 4 volumi, 1984-1990. ( ISBN  84-7580-520-5 ) (vol. 1), ( ISBN  84-7580-127-7 ) (vol. 2), ( ISBN  84-7580-128-5 ) (vol. 3), ( ISBN  84-505-9696-3 ) (vol. 4).

Sulla letteratura a Cordoba

  • (es) Francisco Alemán Páez (dir.), Guía literaria de Córdoba , Córdoba: UCOPress, Editorial Universidad de Córdoba, DL 2015. ( ISBN  9788499271736 )
  • (es) José Manuel Cano de Mauvesín Fabaré, Córdoba de leyenda: historias y leyendas de Córdoba , Córdoba: Almuzara, impr. 2007. ( ISBN  84-88586-59-0 )

Vedi anche

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Cordoba ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Cordoba e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Cordoba su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Alfio Olivieri

Grazie per questa voce su Cordoba, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Cordoba, è proprio quello che mi serviva

Luisa Piazza

Grande scoperta questo articolo su Cordoba e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Cordoba e tutta la pagina

Saverio Mantovani

Questo post su Cordoba mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Cordoba mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto