Compagnia di Gesù



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Compagnia di Gesù sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Compagnia di Gesù. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Compagnia di Gesù e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Compagnia di Gesù. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Compagnia di Gesù qui sotto. Se le informazioni su Compagnia di Gesù che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Compagnia di Gesù
Immagine illustrativa dell'articolo Compagnia di Gesù
Sigillo della Compagnia: Cristogramma IHS circondato da raggi di gloria , sormontato da una croce pattée , che copre tre chiodi posti a ventaglio.

Motto: Ad maiorem Dei gloriam ("Per la maggior gloria di Dio").

Pontificio Ordine del Diritto
approvazione papale
di Paolo III
Istituto Apostolico
genere Chierici regolari
Spiritualità ignaziano
Regola Costituzioni della Compagnia di Gesù
Obbiettivo Evangelizzazione , educazione spirituale e intellettuale
Struttura e storia
Fondazione
Parigi
Fondatore Ignazio di Loyola
Abbreviazione SJ
Altri nomi gesuiti
Sito web gesuiti.global/it/
Elenco degli ordini religiosi

La Compagnia di Gesù ( latino  : Societas Jesu , abbreviato SJ ) è una congregazione cattolica maschile i cui membri sono chierici regolari chiamati "  Gesuiti  ". La Compagnia fu fondata da Sant'Ignazio di Loyola , San Francesco Saverio , San Pietro Favre ei primi compagni nel 1539 , e approvata nel 1540 da Papa Paolo III . Sciolta nel 1773 , fu ricostituita nel 1814 da papa Pio VII . Agli inizi del XXI °  secolo, i gesuiti sostenendo circa 17.000 membri, che è la più importante comunità di sesso maschile nella Chiesa cattolica , dove è secondo solo al set di rami francescani . Il suo superiore generale è Arturo Sosa .

Come altri religiosi, i gesuiti professano i tre voti di povertà , castità e obbedienza , ma fanno anche un loro quarto voto , quello di obbedienza speciale al Papa per quanto riguarda le missioni. Obbediscono alle “  Costituzioni  ” definite da Ignazio di Loyola e approvate dalla Prima Congregazione Generale , secondo le quali non adottano alcun abito religioso particolare ma seguono in questo ambito ciò che fanno i sacerdoti secolari. Non cercano onori: la loro storia conta pochi vescovi o cardinali  ; il Papa Francesco , eletto nel marzo 2013 , è stato il primo papa gesuita.

La vocazione dei gesuiti è di mettersi al servizio della Chiesa cattolica . Ciò li ha portati a impegnarsi nella Controriforma post- tridentina e ad orientare le loro attività verso l' evangelizzazione , la giustizia sociale e l' educazione . Hanno formato rapidamente il primo corpo di insegnamento del cattolicesimo moderno. Dal momento che il XVI °  secolo , il loro ministero si esercita in particolare in Europa , in America Latina , in Estremo Oriente e in India . Jean Lacouture li vede come "pionieri di un'avventura umana all'interno di un mondo pienamente sostenuto", uomini di azione e iniziativa, e "scopritori di mondi, esseri, civiltà diversi".

Genesi dell'azienda

Creazione della Compagnia da parte di un "pellegrino assoluto"

Il creatore della Compagnia di Gesù è Inigo de Loyola (in francese Ignace de Loyola) che è un uomo di origine basca. È descritto in un rapporto della polizia come "brutale, vendicativo". Tutto ebbe inizio nel 1523 quando Inigo de Loyola condusse vita da eremita, iniziò a scrivere quelli che sarebbero diventati gli Esercizi Spirituali . Il 2 febbraio 1528 , Inigo de Loyola, il “pellegrino assoluto” , aveva 37 anni e si recò a Parigi per proseguire gli studi al Collège de Montaigu e poi un anno dopo al Collège Sainte-Barbe . Questo è quando incontra le persone con le quali inizia a creare l'azienda. Secondo la leggenda, nel 1538 nella cappella de La Storta, Ignazio di Loyola avrebbe avuto una visione che lo conferma nei suoi progetti. Fu da lì che decise di chiamare il suo gruppo “la Compagnia di Gesù”.

Secondo alcuni scritti, la Compagnia di Gesù fu fondata il giorno dell'Assunta nel 1534 . Fu solo nel 1540 che questa società fu approvata da papa Paolo III con una bolla pontificia , Regimini militantis Ecclesi (per il governo della Chiesa militante) promulgata il, e che approva la fondazione della Compagnia di Gesù come ordine religioso. A quel tempo la società era composta da una sessantina di soci.

Tra i fondatori ci sono: Ignace de Loyola , Pierre Favre , François-Xavier , Diego Lainez , Alfonso Salmeron , Nicolas de Bobadilla e Simao Rodriguez . Questo ordine è designato come "compagnia" perché all'inizio i suoi membri si rappresentavano come compagni. Nel 1541 Ignazio di Loyola fu eletto primo superiore generale della compagnia. Secondo il testo da lui presentato nel 1539, la compagnia di Gesù ha il dovere di servire Cristo, la Chiesa ma anche il dovere dell'obbedienza al Papa. Si narra che nel 1544, quando Paolo III diede la sua approvazione all'Istituto delle Orsoline, dichiarò ad Ignazio “vi ho dato delle sorelle”.

Fin dall'inizio, infatti, si è posta la questione dell'ammissione delle donne alla Compagnia. Nel 1545, su richiesta di Paolo III, Ignace de Loyola accetta la creazione di un ramo femminile della Compagnia. Diverse donne vi pronunciarono così i loro voti, poi Ignazio di Loyola presentò i suoi argomenti contro questa creazione e ottenne nel 1549 una dispensa dal Papa che permise a queste poche suore di essere sciolte dai loro voti. Quindi non sono mai esistite “Gesuitesse”. Una sola donna fu ammessa nella Compagnia, nel 1555, su raccomandazione di François Borgia e con l'accordo di una commissione stessa approvata da Ignace de Loyola: Giovanna d'Austria (1535-1573) , Principessa del Portogallo (madre di Sébastien I er , Re del Portogallo ), ricevuto sotto lo pseudonimo maschile di Mateo Sanchez.

"Amici nel Signore"

Durante i suoi studi universitari, Inigo de Loyola incontrò per la prima volta Pierre Favre , François Xavier , Diego Lainez , Alfonso Salmeron , Nicolás Bobadilla e Simao Rodrigues . Queste persone intorno a lui costituiscono ciò che chiama "amici nel Signore". È in questo momento che Inigo romanizzerà il suo nome che diventerà Ignace. Non appena Ignazio ei suoi compagni avranno terminato gli studi, faranno voto nell'estate del 1534 di recarsi in Terra Santa per convertire i fedeli. In questo momento Ignazio ha 40 anni e vuole lavorare “per il bene delle anime”. Ha poi intrapreso gli studi di Teologia presso l' Università di Parigi , poi a poco a poco raccolse intorno a sé Amigos En El Señor ( "amici nel Signore") pronto a lavorare "per un maggior gloria di Dio", un motto che doveva essere illustrato in latino  : Ad maiorem Dei gloriam o AMDG.

Tuttavia, Ignazio e i suoi compagni non potranno realizzare questo progetto a causa di disordini politici. Infatti, un anno dopo, il Papa organizzò una crociata contro i turchi. Il 15 agosto dello stesso anno, Ignazio ei suoi compagni fecero voto di povertà, castità e celibato e successivamente vollero entrare negli ordini. Questo giorno del 15 agosto 1534 è il primo passo che porterà sei anni dopo alla creazione dell'azienda. Qualche tempo dopo, tre persone si uniranno a loro: Claude Jay , Paschase Broët e Jean Codure . Formano un gruppo di 10 persone che saranno ordinati sacerdoti nel 1537. L'idea di fondare un ordine religioso nasce nel 1539, perché il loro viaggio in Terra Santa divenne impossibile a causa del contesto politico. Rifletteranno quindi nei prossimi mesi sulla costruzione di un nuovo ordine. Nel 1539 redigono la formula Vivendi che è un documento in cui spiegano il ruolo del loro nuovo ordine per ottenere l'approvazione della Santa Sede.

Decidendo di consacrarsi a Dio, di fare voto di povertà, castità e obbedienza, Ignazio e i suoi nove compagni partirono per l'Italia nel 1537 per ottenere il riconoscimento del loro ordine da parte di papa Paolo III , che li autorizzò ad essere ordinati sacerdoti. Quindi concesse loro la bolla Regimini militantis ecclesiae nel 1540 , che fondò ufficialmente la Societas Iesu (sj).

Il , Papa Giulio III nella sua bolla Exposcit Debitum conferma la Compagnia.

L'azienda si svilupperà piuttosto rapidamente perché dal 1556 ci sono circa 1.000 gesuiti nel mondo.

Gli inizi della compagnia di Gesù

Ignazio sperava che questa fraternità prendesse il titolo di “Compagnia di Gesù” per ricordare in modo permanente l'impegno militante e senza riserve al servizio di Cristo. Nella bolla papale di fondazione del 1540 , invece,  si usava l'espressione latina “  Societas Iesu ”. Il termine "gesuita" compare solo più tardi, intorno al 1545, e non ha mai avuto un carattere ufficiale.

Quando fa riferimento al gruppo di studenti che hanno fatto i voti con lui a Montmartre nel 1534, Ignace de Loyola parla dei suoi “Amici nel Signore”. Poi, dopo la fondazione ufficiale della Compagnia nel 1540, quando gli “Amici” cominciarono a circolare in Italia e altrove, furono dati nomi diversi: Si parla di “Preti Riformati” nel Nord Italia, di “Apostoli” in Portogallo (che dispiace al commentatore ufficiale delle Costituzioni, Jérome Nadal , che ricorda che ci sono solo dodici apostoli ), degli “Ignaziani” in Spagna (Ignazio si oppone), dei “Paulisti” a Goa (per associazione con il collegio Saint-Paul fondato da Francesco Saverio )…

In una lettera del gennaio 1545, Pierre Canisius scriveva: “A Colonia, è con il termine di gesuiti che i membri della Compagnia sono generalmente conosciuti. La parola "gesuita" non si trova nei testi fondatori della Compagnia, e Ignazio di Loyola non la usa nei suoi scritti. Eppure il termine si sta diffondendo rapidamente. Già al Concilio di Trento il verbale designa come “gesuiti” i membri della Compagnia che prendono parte alle deliberazioni. Nel 1562, Jacques Lainez è citato come Generalis Jesuitarum .

Una riforma della Chiesa, auspicata e attesa da anni, è resa ancora più urgente dai successi della Riforma protestante  : è oggetto della convocazione del Concilio di Trento in cui hanno parte importante i Gesuiti, poi della movimento della Controriforma .

Al suo inizio, gli sguardi aziendali Dopo missionaria, pastorale e intellettuale, ma si trasforma ben presto all'insegnamento nel 1547, che divenne la sua attività principale verso la fine del XVI °  secolo. Aprì un collegio a Roma nel 1551 quando i gesuiti erano già in Congo , Brasile e Angola . L'attività didattica si estende anche nell'impero ottomano , con in particolare il liceo Saint-Benoît , istituito nel 1583. La Compagnia forma così in breve tempo il primo corpo docente della cattolicità moderna .

Alla morte di Ignazio di Loyola ( 1556 ), la Compagnia contava più di mille membri. Nel 1615 , ha riunito 13.000 e nel 1749 , 22.500 di cui 15.000 professori per 649 collegi creati.

La costruzione dei primi collegi

A dieci anni dalla sua creazione, la Compagnia di Gesù apre il suo primo collegio che avrà la particolarità di accogliere studenti “  laici  ”. Molti storici moderni si sono interessati al ruolo svolto dalla Società nel movimento della Controriforma . La Compagnia, infatti, contribuì largamente al successo della Riforma cattolica ma anche alla nascita dell'umanesimo moderno. Inoltre, la Compagnia di Gesù ha svolto un ruolo importante nella creazione di un'istruzione secondaria di qualità.

L'ordine dei Gesuiti è interessato all'educazione dei giovani. Inoltre, prima dell'autorizzazione di Papa Paolo III per la creazione della Compagnia, i giovani stanno già correndo per ottenere la loro ammissione. Dal 1549 troviamo la presenza dei Gesuiti in venti città come Roma , Goa o Lisbona . Con le conquiste dell'America, i gesuiti si stabiliranno in Brasile e in India.

Nel 1551 Ignazio di Loyola fondò a Roma il Collegio Romano , che presto divenne un istituto di formazione per i gesuiti di tutto il mondo. Gode ​​di un'ottima reputazione all'interno delle famiglie aristocratiche i cui figli non desiderano dedicarsi alla vita ecclesiastica. Nel 1552 furono costruiti circa undici collegi. Nel 1543, Pierre Canisius entra a far parte della Compagnia. Ignazio lo mandò a Messina , dove fondò il primo collegio gesuita in Sicilia.

Gesuiti nel mondo

Le prime missioni dei gesuiti fuori dall'Europa furono segnate dall'attuazione di una politica di inculturazione , che suscitò polemiche.

In Africa

Nel 1541 , San Francesco Saverio per la sua strada per l'Asia ha fatto tappa in Mozambico. Nella seconda metà del XVI °  secolo , i gesuiti arrivarono in Etiopia per una missione ecumenica e si stabilirono nel Regno del Congo . A Luanda , città fondata dai portoghesi, fondarono un collegio nel 1574, il collegio Saint-Paul.

Nel 1660, il gesuita portoghese padre Balthazar Telles pubblicò il suo resoconto del suo viaggio in Etiopia, Histoire de l'Éthiopie .

In Asia e Cina

Ritratto di Matteo Ricci del fratello cinese Emmanuel Pereira

Tra i paesi ambiti dai gesuiti c'è la Cina dove saranno inviati due uomini, Michele Ruggieri e Matteo Ricci . Entreranno in Cina nel 1583 dove giungono a Pechino. I due uomini riusciranno ad avere i favori dell'Imperatore.

Nel 1582 iniziò la missione dei Gesuiti in Cina. Padre Matteo Ricci non tardò ad essere riconosciuto come pari dai mandarini , funzionari alfabetizzati cinesi, e infatti divenne il primo sinologo . Alessandro di Rodi romanizzò l'alfabeto vietnamita nel 1623 . Due missionari gesuiti, Johann Grueber e Albert Dorville , raggiunsero Lhassa in Tibet nel 1661 .

Nel 1594 Ricci divenne mandarino. Questa missione dei gesuiti darà i suoi frutti poiché nel 1610, quando Ricci morì, in Cina c'erano circa 400 cattolici anche se pochi anni dopo con la situazione politica del Paese, i gesuiti avrebbero dovuto darsi alla clandestinità. François Xavier sbarcò a Goa nel 1542 e vi fondò il primo collegio gesuita , prima di recarsi in Giappone dove arrivò il. Il daimio Ōmura Sumitada concesse ai Gesuiti il ​​feudo di Nagasaki nel 1580 , ma il Giappone attraversò un periodo di instabilità politica e Toyotomi Hideyoshi rimosse loro questo feudo nel 1587 prima di espellerli dal paese.

In Goa , i gesuiti imbarcarsi in una massiccia operazione di cristianizzazione, visto dalla fine del XVI °  secolo .

In Europa: il tempo della Controriforma

Chiesa di Saint-Paul-Saint-Louis . Marc-Antoine Charpentier è stato maestro di musica lì per 10 anni

In diverse regioni del mondo, i gesuiti devono combattere contro l' influenza protestante . Molto impegnati nella Controriforma , si oppongono alla rivoluzione copernicana .

Gli studiosi gesuiti del Collegio Romano seguono avidamente le scoperte scientifiche e affermano di avere il monopolio delle teorie efficienti. I loro astronomi negano ogni credito alle teorie di Copernico . La virulenta corrispondenza con alcuni membri del Collegio - in particolare Christoph Scheiner , lo scopritore delle macchie solari e l'astronomo Orazio Grassi  - finì per alienare la Compagnia dallo studioso Galileo . Quest'ultimo ricercatore, sincero credente i cui più attenti protettori furono personalità dell'alta chiesa, appassionati di scienza, è sensibile agli sforzi di conciliazione del cardinale gesuita Roberto Bellarmino , autore nel 1616 dell'esortazione a Galileo ad "abbandonare l'opinione copernicana" ma alcuni capi gesuiti, ansiosi di affermare il loro monopolio politico sulla scienza, provocarono il processo .

In Italia i Gesuiti godono di un'importante libertà dovuta in particolare alla fama del Collegio Romano in cui insegnano professori rinomati come Clavio . In Spagna c'è un clima di tensione. Infatti, sotto papa Clemente VIII , scoppierà un conflitto tra gesuiti e domenicani in seguito alla pubblicazione dell'opera del gesuita Luis de Molina dal titolo Accordi di libero arbitrio con i doni di grazia . La pubblicazione di quest'opera porterà ad una battaglia tra i gesuiti ei domenicani spagnoli. Questo conflitto durerà fino al 1594 quando il caso sarà giudicato a Roma e si concluderà con papa Paolo V nel 1607 che porrà fine alle ostilità difendendo i gesuiti ei domenicani dalla denuncia della dottrina altrui come pericolosa. In Francia i gesuiti sono chiamati stranieri. Questa fama è dovuta alla condanna del 1554 da parte della facoltà di teologia.

E 'nel Paesi Bassi spagnoli (dove i protestanti Province Unite secessione nel corso del XVI °  secolo) che i Gesuiti sono i più numerosi in proporzione alla popolazione. I gesuiti possono prendere l'iniziativa della ricerca scientifica e storica, così Héribert Rosweyde raccoglie le vite dei santi in vari monasteri e, nonostante un periodo di guerra e di incertezze economiche, le pubblica assiduamente nella rivista Fasti sanctorum del 1607. Questi lavori riconosciuti nel Il 1620 ispirò gli Acta Sanctorum del reverendo padre Jean Bolland che, consapevole del monumentale compito storico, nel 1635 riunì una vera e propria squadra storica all'interno di una società . I gesuiti saranno anche interessati alla creazione di scuole nei Paesi Baschi spagnoli, come Bernard Gazteluzar a Labourd .

Ma la scienza, in particolare l'astronomia e la matematica, resta al centro della loro vigilanza teorica. Accanto ai migliori specialisti, sono interessati anche alla strumentazione scientifica e all'osservazione. Grégoire de Saint-Vincent può osservare la cometa del 1618 ad Anversa , utilizzando un telescopio e vari "strumenti diottrici". Il suo corso di matematica ad Anversa, anche dopo la sua rapida partenza nel 1621, fu all'origine della scuola di Anversa, guidata da Charles de La Faille , Jean Cierwans e André Taquet, quest'ultimo maestro del fiammingo Ferdinand Verbiest , astronomo presso l'impero imperiale di Pechino. Tribunale.

Nel 1562 fu autorizzato il loro insediamento nel regno di Francia , in seguito al loro invito alla conferenza di Poissy .

Il sigillo IHS accompagnato dallo stemma di Benedetto XVI e del cardinale titolare sul frontone della Chiesa di Saint-Ignace-de-Loyola

Nel 1580, i gesuiti allestirono una casa professa a Parigi , nel quartiere del Marais , che accoglieva teologi e scienziati. Questa casa è ora occupata dal liceo Carlo Magno . Abbiamo deciso di costruire una grande chiesa accanto: la chiesa di Saint-Louis (oggi Saint-Paul-Saint-Louis ). Nel mese di maggio 1641 , il cardinale Richelieu ha celebrato la prima messa lì e la nobiltà è venuto ad ascoltare le prediche dei predicatori . Madame de Sévigné assiste a tutte le messe in questa chiesa per ascoltare i sermoni di padre Louis Bourdaloue . I compositori francesi dell'epoca, Marc-Antoine Charpentier e Jean-Philippe Rameau in particolare, sono i maestri della musica.

Nel 1656 - 1657 , su richiesta dei giansenisti , Pascal ha attaccato i Gesuiti a Les Provinciales sulla questione della casistica . Marc Fumaroli annota su questo argomento:

“La modernità dei gesuiti, messa alla prova della Francia, appariva insieme scioccante e antiquata, e la fedeltà dei gesuiti ad Aristotele , Cicerone e San Tommaso sembrava impura ed equivoca. Sebbene fossero infatti, per il loro enciclopedismo , gli ultimi fautori dell'antichità vivente, i gesuiti erano considerati traditori dell'antichità. Sebbene fossero, per il loro adattamento alle realtà del mondo rinascimentale , i primi storici, sociologi ed etnologi del cattolicesimo, furono considerati i suoi peggiori reazionari ... "

Un'opera meno nota ai gesuiti, perché svolta anche da altri religiosi, è quella delle missioni di campagna, dette anche "missioni interiori" . Nella maggior parte dell'Europa, i predicatori itineranti della Compagnia si recavano in villaggi e frazioni isolate per predicare, catechizzare e dare i sacramenti nel senso del Concilio di Trento . Per prolungare gli effetti della missione, si affidarono al clero diocesano, fondarono confraternite o " case di riposo ", dette anche centri spirituali gesuiti  " particolarmente in Francia, dalla Bretagna. I nomi più noti di missionari rurali in Francia sono Julien Maunoir (1606-1683) e Jean-François Régis (1597-1640). Le missioni parrocchiali ha raggiunto un picco a metà e alla fine del XVII °  secolo, ma sono rimasti fino alla fine del vecchio regime e sono stati portati al XIX °  secolo fino al Concilio Vaticano II (1962-1965).

Le missioni dell'America

Padre gesuita al Brasile nel XVIII °  secolo.
Il missionario spagnolo José de Anchieta fu, insieme a da Manuel da Nóbrega , il primo gesuita che Ignacio de Loyola inviò in America.

I primi gesuiti che Ignacio inviò in America furono lo spagnolo José de Anchieta e il portoghese Manuel da Nóbrega . Questi sono stati inviati in Brasile . Al XVI °  secolo, le popolazioni indigene sono sfruttati dal sistema coloniale detto di encomiendas . Questo sistema permette ai coloni di avere manodopera per lo sfruttamento dei loro domini. Le controversie di Valladolid sono il dibattito che sostanzialmente oppone il domenicano Bartolomé de las Casas e il teologo Juan Ginés de Sepúlveda in due sessioni di un mese ciascuna (una nel 1550 e l'altra nel 1551 ) al Collegio San Gregorio di Valladolid . Riconoscono il principio della parità di diritti e doveri di tutti gli uomini e la loro vocazione alla libertà . La cultura degli indiani allora comincia a essere riconosciuta. Possono cominciare ad essere educati e catechizzati.

Nonostante questo, alcuni coloni continuano ad abusare degli indiani, riducendoli allo status di servi della gleba . In risposta, gli ordini religiosi hanno sviluppato un nuovo modo di evangelizzare gli indiani: padronanza e promozione delle lingue indigene, studio e conservazione dei costumi locali, creazione di un'organizzazione sociale e progresso economico delle comunità indigene. Riunendo gli indiani intorno ai loro monasteri , li proteggono dagli eccessi dell'encomienda e li sedentarizzano.

Appena arrivati ​​in Perù nel 1566, i gesuiti aderirono a questo modo di fare. Sviluppano il sistema delle "  Riduzioni  ". Questa parola si riferisce al tentativo di raggruppare ( reducere in latino) nello stesso luogo una popolazione autoctona e di insediarla.

I gesuiti creano missioni per gli indiani Mojos (o Moxos) , Chiquitos e Guaranis . Concentrandosi sul rispetto di tutte le disposizioni di protezione per gli indiani nella legge spagnola, hanno ottenuto il sostegno dei funzionari spagnoli.

I gesuiti si stabilirono in Messico nel 1572, in Quebec nel 1625 e, come padre Jacques Marquette , percorsero il vasto territorio della Nuova Francia e del Canada fino ai Grandi Laghi e al fiume Mississippi . Tra il 1634 e il 1760 stabilirono una serie di missioni gesuitiche nella Nuova Francia con l'obiettivo di diffondere la religione cristiana tra gli amerindi locali, nonché di mantenere la pace tra le nazioni native.

Partecipano anche alle missioni spagnole in California . In Sudamerica, in particolare in Brasile e Paraguay , la missione dei gesuiti suscita la condanna dei coloni spagnoli e portoghesi poiché si oppone al sistema di schiavitù delle encomiendas .

Nel 1592 scoppiò una ribellione in Ecuador , chiamata "Rivoluzione degli Alcabalas  ", in opposizione all'omonima tassa decretata dalla corona di Spagna. Questa rivoluzione si risolve dopo la mediazione dei gesuiti. A volte è visto come la prima testimonianza dell'emergere degli spagnoli nati nella colonia (i creoli ) che già prevedono la possibilità dell'indipendenza. Questo non si è concretizzato fino a più di due secoli dopo.

I gesuiti crearono riduzioni , centri in cui gli indigeni erano alfabetizzati e cristianizzati, e quindi ritirati dai piantatori. Il primo è stato creato nel 1609 tra gli indiani Guarani . Dobbiamo anche la fondazione di diverse città ai Gesuiti, tra cui San Paolo nel 1554.Contraddittorio e ridondante con quanto sopra indicato sul Perù.

La missione dei Gesuiti stabilito nel Caraibi e, in particolare, che domina la colonia francese di Saint-Domingue , abusi gli ebrei che vi abitano e vi negoziati dalla XVII °  secolo , cercando con ogni mezzo per danneggiare la loro installazione e la prosperità. Nel 1681, in Martinica , presentarono persino una "Memoria contro gli ebrei" e denunciarono gli ebrei convertiti con la forza che stavano segretamente giudaizzando .

Ma le tensioni tra i due sistemi ( encomiendas e riduzioni) e le rivalità tra Spagna e Portogallo , sullo sfondo della disgrazia della Compagnia di Gesù in Europa , fanno scomparire queste società. La Compagnia deve affrontare violente persecuzioni a causa della sua novità, del suo appoggio incondizionato al Papa , dell'efficienza della sua organizzazione centralizzata e delle sue posizioni teologiche. Sebbene fosse influente presso i sovrani d'Europa e l'alta nobiltà, confessato dai suoi più alti dignitari, gli interessi economici dei coloni finirono per vincere: l'ordine fu sciolto su terre spagnole e portoghesi nel 1767. I gesuiti furono costretti a lasciare le missioni intorno al 1767 . Le riduzioni vengono quindi distrutte tranne che nelle missioni di Chiquitos e Mojos. Tuttavia, il clero diocesano non riuscì a perpetuare lo spirito. Le missioni subiscono quindi un graduale declino. Il film Mission ha reso popolare la storia della fine brutale e tragica dei tagli dei Gesuiti.

La missione in Australia

I cattolici in Australia, nel XIX °  secolo, sono in gran parte derivati da una minoranza povera, spesso discende da detenuti e dei rifugiati irlandesi . Due austriaca gesuiti arrivato a Adelaide nel 1848 e tre gruppi di gesuiti ha lavorato in Australia coloniale: gli austriaci in Sud Australia e in seguito una missione indigena nel nord; e gli irlandesi nelle colonie orientali. Nel 1901 , i tre gruppi si fusero per formare la missione australiana. I gesuiti austriaci fondano una scuola e un vigneto a Sevenhill , nel South Australia , e intraprendono viaggi straordinari attraverso l' Outback per visitare i fedeli. Sostengono la Beata Mary MacKillop quando viene scomunicata ingiustamente e collaborano con le sue Suore di San Giuseppe del Sacro Cuore (i Giuseppini ). Sviluppano il sistema delle "riduzioni" tra gli Aborigeni del Territorio del Nord , ma senza molto successo.

I gesuiti fondarono diverse scuole per educare i cattolici nelle colonie britanniche. Viene fondata la Saint Xavier's College High School di Melbourne ; e Saint Aloysius College, Milsons Point e Saint Ignatius College, Riverview a Sydney. Le scuole superiori di St. Ignatius College Athlestone (Adelaide) e Loyola College, Mount Druitt (Sydney) sono costruite nel corso del XX °  secolo.

Governo

La Compagnia di Gesù è organizzata secondo le Costituzioni preparate da Ignazio di Loyola a partire dal 1541 e promulgate dalla prima congregazione generale nel 1558. Non sono cambiate fino al 1965.

È diretto da un Praepositus Generalis , cioè un Superiore Generale , comunemente chiamato “Padre Generale” o “Generale”, che viene eletto fino alla sua morte. Viene confermato dal Papa e ha autorità assoluta sulla Compagnia: nomina i Provinciali (responsabili delle Regioni), gli “Impiegati delle Case Professe”, i “Rettori dei Collegi e dei Seminari”. Ai suoi ordini sono gli "assistenti" i cui compiti sono suddivisi per aree geografiche o per ministero (ad esempio l'educazione) e che formano il Consiglio consultivo al Generale. I gesuiti riferiscono al loro superiore provinciale e non al vescovo ordinario.

Un vicario generale coadiuvato da un segretario della Compagnia si occupa dell'amministrazione quotidiana della Compagnia. L'“  ammonitore  ” del superiore generale ha un ruolo privato e confidenziale. Non partecipa al governo della Compagnia.

La Compagnia è suddivisa in “province” geografiche, ciascuna sotto gli ordini di un superiore provinciale che è scelto dal generale e ha autorità su tutti i gesuiti e ministeri della sua zona. È assistito da un socius , equivalente a un segretario generale incaricato dell'amministrazione. Ogni comunità è governata da un rettore coadiuvato da un “ministro” (la parola latina significa “servo”).

Il potere del “Superiore Generale” non è senza controllo: al di sopra di lui la “Congregazione Generale” controlla la sua amministrazione e può revocarla se necessario. La Congregazione Generale riunisce tutti gli “assistenti”, i superiori provinciali ei rappresentanti eletti dai professi. Si riunisce saltuariamente, il più delle volte per eleggere un nuovo Superiore Generale o per risolvere grandi problemi riguardanti la Compagnia. La sua funzione è anche quella di emanare atti legislativi per l'Ordine. La Curia Generalizia della Compagnia ha sede a Roma in Borgo Santo Spirito 4.

I gesuiti non sono tenuti a distinguersi per un abito diverso da quello secolare, né a cercare onori: a norma delle Costituzioni , promettono «di non far nulla per ottenere una prelatura o dignità fuori della Compagnia, e di non acconsentire che siano scelti per tale ufficio, per quanto dipenderà da loro, a meno che non siano costretti a farlo dall'obbedienza a chi può comandarli sotto pena di peccato”. La loro storia conta quindi pochi vescovi o cardinali e papa Francesco , eletto nel marzo 2013 , è il primo papa gesuita.

Caratteristiche

Il Sigillo della Compagnia, o Cristogramma , IHS , rappresenta le prime tre lettere di IHΣOYΣ (Iêsous), "Gesù" in greco.

Il motto della Compagnia, Ad majorem Dei gloriam  " ( "Per una maggior gloria di Dio" ), riflette la diversità dei compiti dei gesuiti. Oltre all'insegnamento, che si estende a tutti i livelli, predicano, sono missionari , direttori di coscienza, insegnano teologia , svolgono ricerche scientifiche, ecc.

La spiritualità della Compagnia si fonda sugli Esercizi Spirituali composti da Ignazio di Loyola ed è caratterizzata da stretta obbedienza, al Papa in particolare, e grande zelo apostolico .

I gesuiti si distinguono per la loro formazione intellettuale. Mentre gli altri ordini richiedono solo un anno di noviziato prima della professione solenne, il futuro gesuita deve prima subire un periodo di prova di due anni, al termine del quale emette i primi voti che costituiscono il primo grado, quello di "scolastici". destinati al sacerdozio, quello dei "coadiutori temporali approvati" per coloro che saranno impiegati negli uffici domestici.

Deve poi dedicarsi tre anni allo studio della filosofia e delle scienze, poi per due anni esercita l'attività apostolica (spesso insegnando), e altri quattro-cinque anni di teologia, che lo portano al sacerdozio . Dopo alcuni anni di attività apostolica, ogni gesuita compie un ultimo anno di formazione spirituale (detto “  terzo anno  ”) ed emette la professione religiosa definitiva: ai voti di povertà , castità e obbedienza si aggiunge poi, per alcuni, un voto speciale obbedienza al Papa "per quanto riguarda le missioni".

Una delle prime versioni del Cristogramma  : monogramma IHS sormontato da una croce e che copre un cuore trafitto da tre chiodi - simboli della crocifissione - poi nelle versioni successive solo dai tre chiodi considerati espressione dei voti di povertà, castità e obbedienza.

Cancellazione

L'iscrizione AMDG sulla porta della chiesa di San Benedetto a Istanbul , che ricorda il restauro del 1687 dopo un incendio

Nel 1614 , un gesuita polacco, espulso dalla sua congregazione, pubblicò per vendetta il libretto Monita secreta societatis Jesu , un falso libro di istruzioni ai gesuiti su come comportarsi per accrescere il potere e la ricchezza della Compagnia. Questo mito pervade le menti, in particolare le menti liberali del XVIII ° e XIX TH  secoli.

Nel 1704 e nel 1742 , in seguito alla Disputa dei Riti , il Papa bandì i cosiddetti “riti cinesi”, riti che i missionari gesuiti tolleravano in Cina perché li consideravano convinzioni sociali e familiari più che religiose.

In Francia, i gesuiti furono attaccati dai giansenisti, gallicani e parlamentari, poi dai filosofi dell'Enciclopedia, ai quali risposero con il loro Journal de Trévoux e il loro Dizionario di Trévoux . Il "caso Lavalette" (scandalo finanziario in seguito al fallimento del gesuita Antoine Lavalette ) costituisce una buona opportunità per Luigi XV di vietare l'azienda con decisione reale e per bandirla dalla Francia nel 1763 - a 64 ., I suoi duecento collegi essere poi chiuse . Già espulsi dal Portogallo nel 1759 , furono ancora espulsi dalla Spagna nel 1767 e dal Ducato di Parma e Piacenza nel 1768. Tuttavia, il re Stanislao , prima del 1766 , li accolse nel suo Ducato di Lorena , che rimase teoricamente indipendente dal regno di Francia.

L'opposizione delle corti europee è così forte che papa Clemente XIV viene, il 21 luglio 1773 , a sopprimere la Compagnia di Gesù ovunque nel mondo; è il breve Dominus ac Redemptor . In Russia , la zarina ortodossa Caterina II proibì la promulgazione della bolla papale, e in Prussia fece altrettanto il re protestante Federico II , lieto di esprimere la sua disapprovazione nei confronti del Papa, pur approfittando della manna che costituiva tutti questi studiosi e questi professori per organizzare l'insegnamento e la ricerca nei suoi Stati.

La bolla inizia con la clausola ad perpetuam rei memoriam e si legge: «È quasi impossibile che, restando la società dei Gesuiti, la Chiesa possa godere di una pace vera e permanente» .

Quando la Compagnia fu sciolta nel 1773, c'erano 23.000 gesuiti nel mondo, sparsi in 39 province. La Compagnia contava allora 800 residenze, 700 collegi (con un corpo docente di 15.000 persone) e 300 missioni .

periodo moderno

Restauro della compagnia di Gesù

Ricordo della Missione predicata in Serviano ( Hérault ) dal Reverendo Padre Eyraud della Compagnia di Gesù, dal 4 al 25 dicembre 1892

Nel 1814 , l'azienda viene ripristinato da papa Pio VII , ma gli attacchi continuano per tutto il XIX °  secolo:

  • in Francia , i gesuiti (nel 1878 erano 1.514 distribuiti in 46 stabilimenti e 1.085 gesuiti nel 1861) furono nuovamente banditi nel 1880 , poi nel 1901 con le altre congregazioni. In seguito ai decreti di Jules Ferry che proibivano alle congregazioni religiose di insegnare nel paese, i gesuiti iniziarono ad emigrare a Jersey nel 1880  : “Comprarono prima un albergo sulla collina di Saint-Hélier che fecero uno scolasticato (La Maison Saint-Louis) che ospiterà 3.000 seminaristi come i padri Pierre Teilhard de Chardin o Henri de Lubac fino al 1954. […] Padre Marc Antoine de Chevrens, svizzero arrivato dalla Cina, fece erigere nel 1893 un osservatorio per studiare la forza dei venti” . Per le sue moderne attrezzature per l'epoca, il sito diventa un'installazione di riferimento e sarà ambito - senza successo - dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale;
  • in Svizzera solo nel 1973 è stato abrogato il divieto costituzionale all'attività dei gesuiti. Questo divieto, che risale al 1848 , fu il risultato della guerra del Sonderbund nella prima Svizzera moderna. Con il Kulturkampf sullo sfondo, l'esilio dei Gesuiti era stato confermato dagli articoli eccezionali , durante la revisione costituzionale del 1874;
  • La Norvegia rimase chiusa ai Gesuiti fino al 1956;
  • il Claim of Rights Act , approvato dal Parlamento di Scozia nel 1689 e tuttora in vigore, prevede che “le erezioni di scuole e collegi per gesuiti, cappelle e chiese che vadano contro il protestantesimo e celebrino la messa pubblica, sono contro la legge”.

Questi divieti non hanno impedito alla Società di investire in nuovi campi. Riprendono le missioni in Nord America o in Madagascar . I gesuiti fondarono università nel corso del XIX °  secolo.

All'indomani della seconda guerra mondiale

Nove sacerdoti gesuiti, di cui cinque francesi, sono tra i Giusti tra le Nazioni . Maurice Schumann ha detto alla BBC di Pierre Chaillet  : “Sei stato il nostro 18 giugno spirituale! "

Furono lanciate riviste intellettuali come Études ( 1856 ) e il suo supplemento Researches of religion science ( 1910 ), Projet (fondato nel 1908 con il nome di Revue de l'Action Populaire ), e la rivista Jésuites de France in France, Relations in Quebec , Civiltà Cattolica in Italia , Geist und Leben in Germania e Choose in Svizzera.

L'ordine è spiato: il comunista Alighiero Tondi , infiltrato nel 1937 su richiesta del Partito Comunista Italiano , diede informazioni all'Unione Sovietica fino alla sua scoperta nel 1952.

Dopo la seconda guerra mondiale , i gesuiti furono coinvolti in America Latina, Ciad e Giappone .

Usando le loro armi spirituali, il lavoro teologico di diversi gesuiti come Henri de Lubac , Jean Daniélou o Karl Rahner si preparò per il Concilio Vaticano II negli anni '60.

Il loro insediamento in America Latina è stato segnato negli anni '80 da una serie di omicidi, in particolare in El Salvador  :

  • Padre gesuita Rutilio Grande il 12 marzo 1977
  • Sei sacerdoti gesuiti il ​​16 novembre 1989, all'Università UCA, da loro fondata nel 1965 e che accoglie 8.000 studenti.

Tra i gesuiti ci sono padre Hubert Schiffer , oltre a un gruppo di missionari gesuiti tedeschi che sono stati protetti dalla contaminazione radioattiva e dalla distruzione durante il bombardamento di Hiroshima quando la loro casa era a 1.000 metri dal centro della città.

Ruolo nell'istruzione in tutti i continenti

Ignace de Loyola ha insistito sul fatto che i membri della Compagnia hanno un buon livello di cultura generale. Ben presto l'insegnamento divenne un'attività importante: i gesuiti produssero nei secoli un'enorme opera di formazione delle élite nei loro collegi e scritti importanti sia nel campo della fede che in quello delle scienze o della riflessione sociale.

Entro la fine del XVI °  secolo, sono condannati dal Parlamento di Parigi per una Mariana scritta, un gesuita spagnolo, che nel 1599 pubblicò De Rege casi giustificati omicidio re tirannici. Così il precetto «Rendete a Cesare ciò che è di Cesare» non è più appropriato: i gesuiti scendono nell'arena della cosa pubblica. Le loro posizioni - spesso in prima linea - valsero loro serie rimostranze: come nella vicenda delle "Missioni" in America Latina ( Riduzioni ), nella vicenda dei "riti e culto degli antenati" in Cina; e più recentemente con gli avvertimenti rivolti a Pierre Teilhard de Chardin per le sue prospettive teologico-scientifiche, o ai sostenitori della Teologia della Liberazione .

In Europa

Nel 1548, a Messina (Sicilia), viene aperta la prima casa di formazione per giovani denominata “collegio” : è il collegio di Messina . Nel 1551 fu aperto a Roma il Collegio Romano . Alla morte del fondatore (1556), i gesuiti gestivano 45 collegi  ; nel 1572 nel Ducato di Bar fu aperta l' Università di Pont-à-Mousson . Nel 1580 c'erano 144 collegi gesuiti, di cui 14 in Francia. L'esperienza vissuta nei primi collegi è codificata in una sorta di carta educativa: la Ratio Studiorum .

Nel 1740 , i gesuiti gestivano più di 650 collegi in Europa, ed erano responsabili di 24 università e più di 200 seminari e case di studio.

In America

La Compagnia di Gesù fondò a Córdoba, nel 1622, la prima università argentina e, successivamente, varie università del continente.

L'argentino Jorge Bergoglio , gesuita, è stato eletto Papa nel 2013.

In Canada

Negli USA

Negli Stati Uniti, la ricca e diversificata tradizione intellettuale del cattolicesimo è stata a lungo parte integrante della vita accademica della Georgetown University (Stati Uniti). Questa università di prim'ordine continua ad arricchire la vita intellettuale della Chiesa attraverso i numerosi contributi dei suoi programmi, docenti e studenti. La Compagnia di Gesù è stata parte integrante dell'università nel corso della sua storia. Sebbene l'università e la comunità dei gesuiti siano entità distinte e governate separatamente, sono unite da una lunga tradizione e da un comune spirito di apprendimento e di fede.

I gesuiti che vivono e lavorano nell'università sono un segno visibile del suo impegno progressivo, in linea con la sua eredità cattolica gesuita. Il presidente John J. DeGioia ha istituito un seminario gesuita per i membri del consiglio di amministrazione e altri alti funzionari universitari per discutere in modo specifico della tradizione cattolica e dei gesuiti e dell'associazione della tradizione con la missione educativa, la diversità e le iniziative future.

In Perù

Un'opinione di Voltaire sull'educazione ricevuta

Voltaire scrisse contro i gesuiti in numerose occasioni. Tuttavia, da ex studente del collegio Louis-le-Grand , dove padre Charles Porée gli insegnò la retorica e seppe incoraggiarlo, Voltaire mostrò alla Compagnia una certa gratitudine:

“Sono stato allevato per sette anni con uomini che si danno dolori liberi e instancabili per formare le menti e le maniere della giovinezza. Da quando vogliamo che le persone siano senza riconoscimento per i loro padroni Che cosa! sarà nella natura dell'uomo rivedere con piacere una casa dove si è nati, il villaggio dove si è stati nutriti da una lavoratrice, e non starebbe nel nostro cuore amare coloro che si sono presi cura generosamente dei nostri primi anni Se i gesuiti hanno una causa in Malabar con un cappuccino, per cose di cui non sono a conoscenza, cosa mi importa È questo un motivo per me di essere ingrato verso coloro che hanno ispirato in me il gusto per le belle lettere e sentimenti che renderanno la mia vita una consolazione fino alla tomba Nulla cancellerà nel mio cuore il ricordo di padre Porée, caro anche a tutti coloro che hanno studiato sotto di lui. Mai uomo ha reso più amabili lo studio e la virtù. Le ore delle sue lezioni erano per noi ore deliziose; e mi sarebbe piaciuto che si fosse stabilito a Parigi, come ad Atene, che si potessero frequentare tali lezioni; Sarei tornato spesso per ascoltarli. Ho avuto la fortuna di essere formato da più di un gesuita del carattere di padre Porée, e so che ha successori degni di lui. Infine, durante i sette anni che ho vissuto nella loro casa, cosa ho visto in loro La vita più laboriosa, più frugale, più regolata; tutte le loro ore divise tra le cure che ci davano e gli esercizi della loro austera professione. Attesto le migliaia di uomini allevati da loro come me; non ci sarà uno che mi possa negare..."

Lettera a Padre de Latour  ; a Parigi, 7 febbraio 1746.

Voltaire scrisse più volte a padre Porée, inclusa una lettera del 15 gennaio 1729 in cui si trova questa formula:

“Mi hai insegnato a evitare la bassezza, a saper vivere, come a saper scrivere. "

Un parere di Pierre Larousse

Il motto della Compagnia, Ad maiorem Dei gloriam , le cui iniziali AMDG sono servite come epigrafe alla maggior parte dei libri che ne derivavano, ha ispirato Pierre Larousse a dire questo  :

“Nel tempo in cui fiorivano i centri educativi della Compagnia di Gesù a Montrouge e Saint-Acheul, il famoso motto giocava un ruolo importante nella disciplina . Il reverendo Padre Whipper (coloro che sono stati posti sotto la sua mano lo possono attestare) fece incidere le quattro iniziali sul manico del terribile rondone. La brava scolaretta è stata frustata ad majorem Dei gloriam , una gloria di cui senza dubbio avrebbe fatto benissimo a meno. "

La rete Magis (ex rete Giovani Ignaziani)

La rete Magis è l'ex Rete Ignaziana dei Giovani. Fondata nei primi anni '80, ha l'obiettivo di promuovere la pastorale ignaziana tra i giovani. È destinato ai giovani tra i 18 ei 35 anni.


Situazione attuale

Ordini religiosi cattolici maschili 1954-2013.svg

La Compagnia di Gesù è presente - attraverso 84 “province” , 5 “regioni indipendenti” e 10 “regioni dipendenti” - in 112 paesi e in tutti i continenti. Con i suoi 16.986 membri - tra cui 12.107  sacerdoti , 1.331 fratelli, 2.842  scolastici e 706  novizi  - nel 2013 , è numericamente il più grande ordine religioso maschile pienamente integrato e il secondo più grande corpo religioso maschile all'interno della Chiesa cattolica. , appena dietro il gruppo diviso di rami francescani e davanti ai Salesiani .

Come per la maggior parte degli ordini religiosi cattolici, il loro numero è in diminuzione: i gesuiti erano 36.000 nel 1966 e altri 30.000 nel 1973 , 25.724 nel 1984 , 23.179 nel 1994 e 20.170 nel 2004 . Perdendo velocità in Europa, ora sono distribuiti principalmente in Asia (3.800 in India), America Latina e Africa. La Compagnia affronta anche la concorrenza di istituti religiosi più recenti.

L'istruzione rimane l'attività principale dei gesuiti il ​​cui numero di missionari - il 30% della Compagnia -, in particolare in Asia e in Africa, supera quello di qualsiasi altro ordine religioso, facendo dei gesuiti il ​​primo ordine missionario mondiale.

Il 13 marzo 2013 , il gesuita argentino Jorge Mario Bergoglio è stato eletto Papa al termine della seconda giornata di conclave e ha preso il nome di Francesco .

L'attuale superiore generale dei gesuiti, eletti dal 36 ° Congregazione Generale di ottobre il 2016 , è stato Padre Arturo Sosa , nazionalità venezuelana .

famiglia ignaziana

La “  Famiglia ignaziana  ” riunisce le diverse congregazioni, comunità o associazioni - sia religiose che laiche - di spiritualità ignaziana ma aventi statuto canonico diverso. Hanno in comune la pratica degli Esercizi Spirituali di Ignazio di Loyola. La loro appartenenza varia, a seconda dei casi, da poche decine di membri a diverse decine di migliaia. Il loro nome si riferisce spesso al fondatore dei Gesuiti oa François Xavier .

Tra queste comunità c'è la Comunità di Vita Cristiana (CCC), i suoi membri formano piccoli gruppi che fanno parte di comunità più grandi a livello regionale e nazionale, costituendo insieme una comunità mondiale. CLC è presente in 59 paesi. Ha una segreteria internazionale a Roma .

Le pubblicazioni

In Francia , la Società pubblica regolarmente i propri lavori su diverse riviste, le più note delle quali sono Études , Christus e Projet . È attiva anche nel campo dell'istruzione scolastica (diciassette istituti tra cui il Lycée Saint-Louis-de-Gonzague a Parigi , la scuola diurna Saint-Michel a Saint-Étienne dove Saint-Joseph de Tivoli a Bordeaux) e superiore (cinque istituti, tra cui il famose classi preparatorie al liceo privato Sainte-Geneviève di Versailles ). Ha le sue facoltà di teologia e filosofia , a Nairobi, Abidjan, Kinshasa (filosofia), Pune, Nuova Delhi, Manila, Tokyo, Berkeley, Londra, Bruxelles (teologia), Beirut, ecc. In Francia, queste facoltà sono raggruppate nel Centre Sèvres , a Parigi .

In Belgio , la Società pubblica la Nouvelle Revue théologique . Ha le sue facoltà di teologia e filosofia, tra cui l'IET: la Facoltà di Teologia della Compagnia di Gesù a Bruxelles .

In India , la rivista teologica mensile Vidyajyoti Journal of Theology .

Negli Stati Uniti , la Compagnia di Gesù pubblica dal 1909 il settimanale America , considerato moderato, anche liberale, nelle sue posizioni all'interno della Chiesa cattolica.

Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS Francia)

Fondato nel 1980 da padre Pedro Arrupesj, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS Francia) opera in 40 paesi. La sua ambizione è sostenere, servire e difendere i diritti dei rifugiati o delle persone sfollate contro la loro volontà, sia a causa di conflitti, disastri umanitari o violazioni dei diritti umani.

Letteratura e cinema

romanzi

Film

I compositori dei Gesuiti

  • In Francia Marc-Antoine Charpentier è stato al servizio dei gesuiti per 10 anni. Compose su loro richiesta due opere, David e Jonathas H 490 e Celse Martire (perduto), oltre a un gran numero di opere occasionali di grandi dimensioni. Il suo successore sarà Henri Desmarest nel 1693. In Italia Carissimi , (maestro di Charpentier durante il suo soggiorno a Roma), ma anche Palestrina , Victoria furono al servizio dei Gesuiti.
  • Domenico Zipoli , gesuita italiano, è il grande compositore musicale delle Riduzioni gesuitiche del Sud America. Compose una Messa per sant'Ignazio e Vespri per sant'Ignazio (vale a dire: per la festa di sant'Ignazio).

Note e riferimenti

  1. André Ravier, Ignace de Loyola fonda la Compagnia di Gesù , Parigi, DDB-Bellarmin, 1974, p.  82-99 .
  2. Chi siamo"  "
  3. Jean Lacouture , Jésuites , tomo 1, Les Conquérants , Seuil, 1991, p.  8 .
  4. "Pellegrino assoluto": termine usato da Tellechea Idigora.
  5. John W. O'Malley, A History of the Jesuits , Small Jesuit Library,
  6. Alain Guillermou, I Gesuiti , Linselles, PUF, 1999 (sesta edizione), p.  da 3 a 9
  7. JW O'Malley, I primi gesuiti , p.  85 , Vita e pensiero, Milano 1999 . ( ISBN  88-343-2511-7 ) .
  8. Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione , vol. IV (1977), col. 1146-1148, artt. MI WetterEdizioni paoline, Milano, 1974-2003.
  9. Hugo Rahner, Ignace de Loyola e le donne del suo tempo , volume I, Paris, Desclée De Brouwer, 1963, p.  95-122  ; citato da Annie Molinié Bertrand, Alexandra Merle e William Araceli Alonso, i Gesuiti in Spagna e America Giochi e questioni di potere ( XVI °  -  XVIII °  secolo) , Presses de Paris-Sorbonne, 2007, 631 p. ( ISBN  9782840504894 ) , p.  357 .
  10. "Amici nel Signore": espressione di Ignazio di Loyola usata per la prima volta in una lettera del 1537 "Da Parigi arrivarono qui, a metà gennaio, i miei nove amici nel Signore...", Lettera a Mosén Juan di Verola.
  11. Il termine “gesuita” è antecedente alla fondazione della Compagnia. Alla fine del Medioevo , in Europa, incontriamo già la parola latina jesuita nel senso di "buon cristiano", discepolo di Gesù. Nel XIV °  secolo, Ludolfo di Sassonia , nella sua Vita Christi , ha scritto: In cielo, saremo chiamati gesuiti da Gesù stesso, vale a dire che 'salvato dal Signore'  " . Per scherno, coloro che si atteggiano troppo visibilmente come "buoni cristiani" sono qualificati come "gesuiti".
  12. Lettera del 24 luglio 1537, da Venezia, in MHSI , vol. 22, pag.  119 . Vedi Étienne N. Degrez: Amici nel Signore , in Vite consacrate , vol. 78, 2006, pag.  89-100 .
  13. Lettera all'imperatore Osvaldo II , da Colonia , in Epistulae , Friburgo, 1896, p.  134 .
  14. Sembra che i luterani , ironicamente sul nome ufficiale di "Società di Gesù", cerchino di ripristinare il significato peggiorativo della parola.
  15. Ore 2012 , p.  73-74
  16. Ore 2012 , p.  73
  17. Ore 2012 , p.  74
  18. http://www.abayezuwiti.com/vocation1.htm  " ( ArchivioWikiwixArchive.isGoogleCosa fare ) (Accesso 29 marzo 2013 )
  19. Bernard Faidutti , Copernico, Keplero e Galileo di fronte al potere: Scienziati e politica , L'Harmattan,, 284  pag. ( ISBN  978-2-296-25719-1 , leggi in linea ) , p.  274,280
  20. Clavius: matematico e astronomo, nato 25 Mar 1538 in Bamberg e morì 12 Febbraio 1612 a Roma.
  21. Il progetto iniziale era quello di dare la caccia a sciocchezze storiche e canard.
  22. Citato da Jean Lacouture , Jésuites, Seuil, 1991, t.  io, pag.  364.
  23. Josy Birsens, Manuali di catechismo, missioni di campagna e mentalità popolari nel Ducato di Lussemburgo nei secoli XVII-XVIII , Lussemburgo, Pubblicazioni della Sezione Storica dell'Istituto Granducale del Lussemburgo (vol. 105),, 434  pag. , pag.  189-212
  24. Louis Châtellier, La religione dei poveri. Le fonti del cristianesimo moderno XVI-XIX secolo , Parigi, Aubier,, pag.  25-107
  25. homilia del Santo Padre Francisco
  26. Guarda il film Mission che denuncia la schiavitù e l' imperialismo dei coloni contro gli indiani.
  27. Rosny Ladouceur, Gesuiti espulsi da Santo Domingo per favorire gli schiavi  " , su www.loophaiti.com ,(consultato il 27 agosto 2019 )
  28. Jean de Maupassant, un grande armatore di Bordeaux. Abraham Gradis (1699-1780) , prefazione Camille Jullian , edizioni Féret & fils , 1931, testo completo: archive.org
  29. J. Rennard, "Gli ebrei e protestanti in Antille francesi nel XVII °  secolo  ," Mission Storia Review , n o  20, 1933, pp.436-462.
  30. R. Cahen, "Gli ebrei della Martinica nel XVII °  secolo  ," Journal of Jewish Studies , n o  2, 1881, p. 117
  31. (in) Gesuita IN  "
  32. * Costituzioni della Compagnia di Gesù .
  33. Oppure “Black Pope” in riferimento al colore del suo manto e al potere illimitato che gli veniva attribuito.
  34. Ore 2012 , p.  73
  35. (Costituzioni SJ, Parte X, n o  6 [817]
  36. Successivamente è stato reinterpretato come "Ièsous hèmôn sôter" ("Gesù nostro Salvatore"), "Iesus Hominis Salvator" ("Gesù Salvatore dell'uomo") o "Iesum Habemus Socium" ("Abbiamo Gesù come compagno").
  37. "Gloria, fama, reputazione": tale è la traduzione di "gloriam" secondo il dizionario Gaffiot .
  38. cf. formula dell'Istituto §3 (Lettera apostolica Regimini militantis Ecclesiae del 27 settembre 1540 & Lettera apostolica Exposcit debitum del 21 luglio 1550): [...] che ciascuno di noi sia vincolato... da uno speciale voto, in tale una via che siamo chiamati a compiere... tutto quanto ordinato dall'attuale Romano Pontefice e dagli altri che gli succederanno, concernenti il ​​bene delle anime e la propagazione della fede [...]; “È bene ricordare l'intenzione della Compagnia di obbedire, senza giustificazione alcuna, al Sovrano Vicario di Cristo: si trattava di essere inviato tra i fedeli o gli infedeli, dovunque si trovasse. siano utili ad una maggior gloria divina e ad un maggior bene delle anime”, parte settima delle Costituzioni , n .  603 cfr. Dettagli sul cadavere perinde ac .
  39. Altre versioni iniziali mostrano invece una mezza luna affiancata da due stelle, che simboleggiano la Vergine Maria e i santi.
  40. IHS: lo stemma dell'Azienda
  41. (in) Jean Delumeau , Cattolicesimo tra Lutero e Voltaire , Burns & Oates,, pag.  34
  42. cf. Stato delle congregazioni autorizzate o meno, cfr. Censimento speciale delle comunità religiose
  43. La Croix Daily , lunedì 9 luglio 2012, p.  21
  44. http://www.legislation.gov.uk/aosp/1689/28/paragraph/p20
  45. (in) Giusto  " .
  46. (it) "Misure attive" sovietiche contro Pio XII , Gerald Arboit , 5 gennaio 2010, Centro di ricerca dell'intelligence francese
  47. Hervé Yannou , Gesuiti e compagnia , Edizioni Lethielleux,, pag.  84
  48. [1]
  49. Rivista Echo , n o  33, 13.8.2015, Il miracolo di Hiroshima , di GdSC/Com, p.35
  50. Ecco che relativizza ciò che Voltaire scriverà nel suo Dizionario filosofico all'articolo "L'amore chiamato socratico": "[Se Sesto Empirico] vivesse oggi, e che vedesse due o tre giovani gesuiti abusare di alcuni scolari, avrebbe diritto di dire che questo gioco è loro concesso dalle costituzioni di Ignazio di Loyola », suggerendo che questi sono fatti usuali.
  51. Il brano si trova in Flore Latine , [ leggi online ]
  52. RJI .
  53. rete Magis .
  54. Conferma della più massiccia presenza dei gesuiti nell'Asia meridionale  " , su News.va ,
  55. (in) Katherine Marshall , Global Institutions of Religion: Ancient Movers, Shakers Modern , Routledge,, 256  pag. ( ISBN  978-1-136-67351-1 , leggi in linea ) , p.  153
  56. “  aumento delle vocazioni dei Gesuiti. Un effetto Papa Francesco  » , Su Zenit.org ,
  57. Michel Thériault , "Jésuites" , in Encyclopedia of Canada ,( leggi in linea )
  58. (it) Giselle Lapitan, Il volto mutevole dei gesuiti  " , su Province Express ,
  59. (in) Chris Lowney , Leadership eroica: le migliori pratiche di un'azienda di 450 anni che ha cambiato il mondo , Loyola Press,, 336  pag. ( ISBN  978-0-8294-2982-4 , leggi in linea ) , p.  57
  60. Jean Delumeau , "Gesuiti o Compagnia di Gesù" , in Encyclopædia Universalis ,( leggi in linea )
  61. Nel 2012, i tre rami principali del “Frati Minori” (OFM, OFM Cap. E OFM Conv.) Rispettivamente numero 14.123, 10.786 e 4.289 religiose, in base a David M. Cheney, “  istituti di vita consacrata  ” , su Cattolica - Gerarchia ,.
  62. (in) Robert J. Batule , "Bosco, St. John (1815-1888)" , in Encyclopedia of Catholic Social Thought, Social Science and Social Policy: Supplement , vol.  3, stampa spaventapasseri,( ISBN  9780810882751 , leggi in linea ) , p.  38
  63. 15.573 religiosa nel 2012, secondo a David M. Cheney, Salesiani di San Giovanni Bosco  " , il cattolico-gerarchia ,.
  64. (in) David Cheney, Società di Gesù  " sulla gerarchia cattolica ,
  65. Caroline Pigozzi e Henri Madelin , Così è , Plon ,, pag.  107
  66. (in) "Gesuita" in Encyclopædia Britannica ,( leggi in linea )
  67. (in) Ronald Modras , Umanesimo ignaziano , Loyola Press,, 368  pag. ( ISBN  978-0-8294-2986-2 , leggi in linea ) , p.  XV
  68. Sito della rivista Nouvelle Revue théologique
  69. Sito della Facoltà di Teologia della Compagnia di Gesù a Bruxelles
  70. Sito web di recensioni americane
  71. Allocine

Vedi anche

Bibliografia

Fonti primarie

  • Defonso (Il) da Andrade. Operario 1648; regole che i missionari gesuiti devono seguire.
  • Jean Pierre Camus. Missioni ecclesiastiche 1643;
  • Giuseppe di Jouvancy. Historiae Societatis Iesu pars Quinta Roma, 1710. 436 p;

Testimonianza dei gesuiti del Mediterraneo che si confessano in lingua volgare.

  • Lunig. Theatrum cerimoniale storico-politico 1719-1720;

Si occupa dei metodi molto teatrali di evangelizzazione dei gesuiti nelle missioni.

  • Alberto Miraeus. Notitia Episcopatum Orbis Christiani Sive codex provincialis romanus, 1610;

Primo statistico e primo geografo delle missioni.

Opere contemporanee

Articoli

  • François de Dainville , "L'insegnamento della matematica nella gesuita Collegi della Francia del XVI ° al XVIII °  secolo" in Storia della Scienza Journal , 1954, Volume 7, n o  1, p.  6-21 , n .  2, p.  109-123
  • Jean Delumeau , "Jésuites", articolo nell'Encyclopædia Universalis
  • Dominique Deslandres. “Grandi lavoratori all'inferno. Epistemi Gesuiti missioni e del XVII °  secolo, " Miscele di scuola francese di Roma . Volume 111, 1999.
  • Dominique Deslandres. “Le missioni interne e lontane francesi, 1600-1650. Schizzo geostorico ”, Mélanges de l'École française de Rome . Volume 109, 1997. pp.  505-538 .
  • Bernard Dompnier. "L'attività missionaria dei gesuiti della Provincia di Lione nella prima metà del XVII °  test di analisi Catalogi secolo," miscele di scuola francese di Roma . Volume 97, 1985. pp.  941-959 .
  • Bernard Dompnier. "La Francia prima del XVII °  secolo e le frontiere della missione," miscele di scuola francese di Roma . Volume 109, 1997, pp.  621-652 .
  • Rassegna della Storia della Chiesa di Francia, volume 86, n o  217, 7 dicembre 2000. Atti del convegno di Rennes del 15-17.1999. 824 pag.
  • Luce Giard, “Agli albori della Compagnia di Gesù: dal progetto iniziale all'ingresso nell'insegnamento”, Étienne Ganty et alii, Tradition jésuite . Insegnamento, spiritualità, missione , Namur-Bruxelles, Presses universitaire de Namur - Éditions Lessius, 2002, p.  11-45 .
  • Antonella Romano, “Modernità della Ratio studiorum : genesi di un testo normativo e impegno in una pratica didattica”, Étienne Ganty et alii, Tradition jésuite . Insegnamento, spiritualità, missione , Namur-Bruxelles, Presses universitaire de Namur - Éditions Lessius, 2002, p.  47-83 .
  • Bernadette Majorana, “Una pastorale spettacolare. Missioni e missionari gesuiti in Italia ( XVI °  secolo- XVII °  secolo), " Annali 2002 n o  2, pp.  297-320 . [ leggi in linea ]
  • Bernard Pardonnat. “Dalla spiritualità alla pedagogia: l'esperienza dei Gesuiti”, in AYANZINI (dir.), Pedagogia cristiana, Pedagogi cristiani. Atti del colloquio di Angers del 28-29-30 settembre 1995. Éditions Dom Bosco, 1996. pp.  99-106 .
  • Émile Poulat “Direttorio delle visite pastorali in Francia”, Archives des sciences sociales des religions. Volume 53. 1982.
  • Joachim Schmiedl, “ Orden als transnational Netzwerke der katholischen Kirche ”, European History Online , Institute of European History  (en) , Mainz 2011, consultato il 21 febbraio 2013.
  • Jean Seguy . "La spiritualità dei gesuiti e le attività fondamentali in una storia", Archives des sciences sociales des religions, vol. 40, 1975, pp.  231-233 ..

Bibliografia

  • Pierre Delattre, Le istituzioni dei gesuiti in Francia per quattro secoli , Elenco bibliografico Topo, T.3, fasc. 12, col. 1101-1258, 1949.
  • Isabelle Turcan , Gesuiti e dizionario: passeggiata lessicografica tra i volumi della collezione Fontaines , Revue de la Bibliothèque de Lyon, primo semestre 2003, n o  6.
  • Carlos Sommervogel , Biblioteca della Compagnia di Gesù , Heverté-Louvain, Biblioteca dei Gesuiti, Collegio filosofico e teologico, 1960.
  • Augustin e Alois de Backer, Biblioteca degli scrittori della Compagnia di Gesù, o Avvisi bibliografici , stampa di L. Grandmont-Donders, Liegi, 1854 ( leggi online )

Altre lingue

  • (it) William Bangert, A History of the Society of Jesus , Institute of Jesuit Sources, 1986 ( ISBN  0-912422-74-2 )
  • (it) James Brodrick, sj, L'origine dei gesuiti , Loyola Press, canna. 1997 ( ISBN  0-8294-0930-0 )
  • (it) James Brodrick, sj, Il progresso dei gesuiti, 1556-79 , Loyola Press, 1986 ( ISBN  0-8294-0523-2 )
  • (it) Harro Höpfl, Il pensiero politico dei gesuiti: la Compagnia di Gesù e lo Stato, c. 1540-1630 , Cambridge University Press , 2004 ( ISBN  0-521-83779-0 ) .
  • (it) Eric Nelson, The Jesuits and the Monarchy , Missouri State University, 2005 ( ISBN  978-0-7546-3888-9 ) .
  • (it) John O'Malley , sj, I primi gesuiti , Harvard University Press , 1993 ( ISBN  978-0-674-30313-3 )
  • ( fr ) John O'Malley (a cura di), I gesuiti: culture, scienze e arti, 1540-1773  ; t. 1, 1999; t. 2, 2006, Toronto University Press
  • (in) Thomas Worcester (a cura di), The Cambridge Companion to Jesuits , Cambridge, Cambridge University Press,, 361  pag. ( ISBN  978-0-521-67396-9 )
  • (it) Agustín Udias, Searching the Heavens and the Earth: The History of Jesuit Observatories (Astrophysics and Space Science Library) , Berlino, Springer, 2003 ( ISBN  1-4020-1189-X )

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Compagnia di Gesù ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Compagnia di Gesù e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Compagnia di Gesù su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Remo Guidi

Finalmente un articolo su Compagnia di Gesù che è facile da leggere, Grazie per questo post su Compagnia di Gesù

Silvio Morelli

Mi ha colpito questo articolo sulla Compagnia di Gesù, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Compagnia di Gesù

Concetta Santoro

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla Compagnia di Gesù, ma mi è piaciuto molto