collegamento ipertestuale



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su collegamento ipertestuale sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su collegamento ipertestuale. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di collegamento ipertestuale e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su collegamento ipertestuale. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su collegamento ipertestuale qui sotto. Se le informazioni su collegamento ipertestuale che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Collegamento ipertestuale di Wikipedia
Puntatore del mouse a forma di mano su un collegamento ipertestuale di Wikipedia .

Un collegamento ipertestuale o collegamento ipertestuale è un riferimento in un sistema ipertestuale che consente il passaggio automatico da un documento consultato a un altro documento. È stato inventato da Ted Nelson nel 1965 come parte del Progetto Xanadu . Dagli anni '90 , i collegamenti ipertestuali sono stati utilizzati in particolare sul World Wide Web per consentire il passaggio da una pagina Web all'altra.

Storia

Il termine "collegamento ipertestuale" è stato coniato nel 1965 (o forse nel 1964 ) da Ted Nelson all'inizio del Progetto Xanadu . Nelson è stato ispirato da un saggio popolare ( As We May Think ) scritto da Vannevar Bush nel 1945 . Nelson è riuscito a trasporre il concetto di Bush di controllo incrociato automatizzato e lo ha reso applicabile nel contesto informatico , applicato a stringhe specifiche piuttosto che a intere pagine.

Nel frattempo, un team guidato da Douglas Engelbart (con Jeff Rulifson come capo programmatore ) stava lavorando in modo indipendente. Questa squadra è stata la prima a implementare il concetto di collegamenti ipertestuali per lo scorrimento di un singolo documento ( 1966 ), subito dopo per il collegamento tra paragrafi in documenti separati ( 1968 ).

Nel 1983 con la NLS , Ben Shneiderman e lo studente laureato Dan Ostroff hanno creato i collegamenti evidenziati (o evidenziati) nel sistema HyperTIES . Questo sistema è stato utilizzato per produrre il primo giornale elettronico al mondo; nel 1988 , Ben Shneiderman e Greg Kearsley pubblicarono attraverso il loro sistema il primo ebook al mondo (Hypertext Hands-On!) .

Un programma di database HyperCard è stato condotto per Macintosh da Apple , questo programma ha il "collegamento ipertestuale" tra le diverse pagine di un documento. Nel 1990 , la Guida di Windows ha introdotto con Microsoft Windows 3.0 un uso generale dei collegamenti ipertestuali per collegare pagine diverse in un unico file della Guida; aveva un tipo di collegamento ipertestuale leggermente diverso, perché quando si faceva clic sul collegamento ipertestuale appariva un messaggio di aiuto (o popup ) che generalmente forniva definizioni dei termini introdotti nella pagina di aiuto. Nel 1991 , il protocollo Gopher è stato il primo protocollo pubblico che includeva collegamenti ipertestuali da un sito Web a un altro. Tuttavia, è stato rapidamente messo da parte dal World Wide Web con il rilascio del browser Mosaic nel 1993 . Questo browser può gestire sia i collegamenti Gopher che i collegamenti ai documenti HTML . Il vantaggio principale dei documenti HTML era che potevano mescolare grafica, testo e collegamenti ipertestuali, a differenza di Gopher .

Tipi di link

  • Il collegamento in linea visualizza il contenuto remoto senza la necessità di incorporare il contenuto nella pagina.
  • Il testo di ancoraggio si riferisce al contenuto della pagina, di solito si tratta di testo ma possiamo anche fare riferimento a un'immagine.
  • Il thick link ( fat link ) è un collegamento ipertestuale che porta a più punti finali.

Sorgente e destinazione

Un collegamento ipertestuale o collegamento ipertestuale consente, facendo clic su di esso, di raggiungere un altro punto della pagina, un'altra pagina o un altro sito valutato come pertinente dall'autore. È un modo per organizzare un documento. Ha una sorgente (o origine) e una destinazione (o destinazione). L'attivazione dell'elemento sorgente di un collegamento ipertestuale passa automaticamente alla sua destinazione.

La fonte di un collegamento ipertestuale è generalmente un elemento (parole, frasi, immagini) di un documento ipertestuale. La destinazione può essere un altro elemento dello stesso documento, è quindi un collegamento ipertestuale interno al documento. La destinazione può essere anche un altro documento, o anche una parte specifica di un altro documento. Alcuni sistemi ipertestuali non garantiscono l'esistenza della destinazione: in questo caso si corre il rischio di seguire collegamenti ipertestuali cosiddetti interrotti, interrotti o morti.

Un collegamento ipertestuale è bidirezionale se la sua destinazione è anche la fonte reciproca del collegamento stesso. Altrimenti un collegamento è unidirezionale e nulla distingue un elemento di destinazione da qualsiasi altro elemento. La destinazione di un collegamento ipertestuale non è necessariamente un documento ipertestuale. In tal caso, il collegamento sarà necessariamente unidirezionale.

Tecnologie

World Wide Web

I collegamenti ipertestuali del World Wide Web si trovano nelle pagine Web , più specificamente nei documenti scritti in HTML ( Hypertext Markup Language ). Le pagine Web utilizzano la notazione URI ( Uniform Resource Identifier ) per identificare i documenti referenziati.

Convenzionalmente, i browser Web visualizzano i collegamenti ipertestuali sottolineati e in blu e in viola per i collegamenti ipertestuali già visitati. Tuttavia, l'aspetto dei collegamenti viene solitamente modificato da ciascun progettista di siti Web per adattarlo alle proprie linee guida di progettazione . Nelle GUI che utilizzano il puntatore e il clic , l'aspetto del cursore del mouse può trasformarsi in un motivo a mano per indicare un collegamento.

I collegamenti ipertestuali del web sono unidirezionali. Questo ha due vantaggi per il web. In primo luogo, consente di utilizzare come destinazione documenti non ipertestuali (in particolare suoni, immagini, documenti da stampare). In secondo luogo, consente di stabilire collegamenti ipertestuali a tutte le risorse Internet accessibili , senza coordinamento con la persona responsabile del documento di destinazione. Quest'ultimo non ha alcun controllo sulle fonti dei collegamenti ipertestuali che puntano al suo documento. Il difetto di questo mancato coordinamento è che le modifiche al documento di destinazione possono rendere obsoleto il collegamento senza che la persona responsabile della fonte o della destinazione se ne accorga. Il problema più visibile si presenta quando il documento di destinazione viene eliminato: il collegamento viene quindi "interrotto" o "morto", si riferisce a un documento mancante ( errore 404 ).

Il problema della modifica dell'indirizzo di una risorsa può essere risolto con vari approcci. I blog utilizzano il sistema permalink . I circoli documentari utilizzano la nozione di identificatore perenne, per la quale esistono standard diversi; ad esempio la Biblioteca Nazionale di Francia utilizza il sistema ARK .

La tecnica alla base dei collegamenti ipertestuali Web viene utilizzata anche per includere immagini o sottopagine nelle pagine Web. La terminologia si è sviluppata per differenziare queste varie applicazioni della tecnologia web:

collegamento ipertestuale attivabile automatico
interno a una pagina dello stesso sito web immagine, suono, stile , ecc., integrati in una pagina;
inclusione di sottopagina
esterno - alla home page di un altro sito web è hotlink *
profondo * a qualsiasi pagina di un altro sito web

* Queste due pratiche sono giuridicamente delicate.

Dettagli tecnici

Di solito, seguendo un collegamento viene visualizzato il documento puntato anziché il documento contenente il collegamento. Ma un collegamento può essere configurato per visualizzare il documento puntato in una nuova scheda o in una nuova finestra . È anche possibile progettare un sito visualizzato in più schede o finestre con collegamenti che interagiscono tra loro.

Le principali caratteristiche dei collegamenti ipertestuali in HTML sono:

  • la destinazione del collegamento, data dall'attributo HTML hrefe da un URL  ;
  • la scheda o finestra dove visualizzare il target, data dall'attributo HTML target ;
  • un titolo, dato dall'attributo HTML title ;
  • infine il testo, o anche l'immagine, che rappresenta il collegamento.

Ecco un esempio scritto in HTML, il collegamento è rappresentato da un'icona e un testo ( <img src=icone-ouvrir.png alt=ouvrir> Wikipédia), la destinazione è Wikipedia in francese ( ), la visualizzazione è in una nuova finestra ( ), il titolo è Wikipedia ( ): href="https://fr.wikipedia.org"target=_blanktitle="Wikipédia"

<a href="https://fr.wikipedia.org" target=_blank title="Wikipédia">
  <img src=icone-ouvrir.png alt=ouvrir> Wikipédia
</a>

XML

Lo standard XLink specifica la scrittura di collegamenti ipertestuali in linguaggi basati su XML . XLink consente di stabilire collegamenti tra più di due risorse, di associare metadati a collegamenti e di creare collegamenti al di fuori delle risorse collegate. Tuttavia, solo i collegamenti semplici, in alcune applicazioni XML come SVG e MathML , sono supportati da browser Web come Mozilla Firefox .

Wiki

Esiste una serie di linguaggi di markup leggeri specifici per i wiki con una sintassi molto semplificata per le pagine. Questo ti permette di creare Wikilians. I Wikilian sono diversi dagli altri testi, se un Wikilian conduce a una pagina che non esiste ancora, di solito ha un aspetto visivo specifico diverso (su Wikipedia in rosso).

Altre tecnologie

I collegamenti ipertestuali sono o sono stati utilizzati nel protocollo Gopher , documenti, PDF , sistemi di aiuto come Microsoft WinHelp , documenti di elaborazione testi, fogli di calcolo, HyperCard di Apple , ambienti informatici simulati (incluso con OpenSimulator e Open Cobalt ) e molti altri prodotti relativi al codice e progetti.

Strumento di attivismo online

Il collegamento ipertestuale viene utilizzato per navigare nel World Wide Web e, in questo contesto, viene utilizzato per coinvolgere gli utenti in una strategia collettiva attorno a una causa. La consultazione europea online del 2009, che mirava a interrogare i cittadini e consentire loro di dibattere sul progetto europeo e di raccogliere le proprie opinioni sulle politiche pubbliche da attuare, è stata in definitiva un modo per le reti di attivisti di difendere i propri diritti. petizioni. Il più consultato, "Uscire dal nucleare e promuovere le energie del futuro" ha ricevuto il maggior numero di firme in Francia. Il suo URL è stato condiviso su 21 siti ambientali e antinucleari. Inoltre, le statistiche della pagina rivelano che il 34,1% degli inserimenti è stato effettuato da caselle di posta. Queste cifre dimostrano l'impatto dell'uso dei collegamenti ipertestuali come mezzo per riunire una somma di individualità attorno a un progetto collettivo. Costituiscono quindi quello che Romain Badouard , ricercatore in scienze dell'informazione e della comunicazione, definisce "un repertorio online di azioni", promuovendo non solo la comunicazione e la circolazione delle informazioni sul web, ma anche azioni e mobilitazioni online.

Note e riferimenti

  1. Identificatori perenni presso la Biblioteca Nazionale di Francia
  2. XLink - Glossario MDN Web Docs: ​​Definizione dei termini relativi al Web , accesso 7 novembre 2019.
  3. Romain Badouard , “  Mobilitazioni da tastiera. Il collegamento ipertestuale come risorsa per azioni collettive online  ”, Reti ,, pag.  87-117 ( leggi online )
  4. "Consultazione dei cittadini europei" (versione del 2 marzo 2009 su Internet Archive )
  5. "Consultazioni dei cittadini europei" (versione del 3 maggio 2010 su Internet Archive ) ,
  6. Romain Badouard , “  Mobilitazioni da tastiera  ”, Reti , vol.  181, n .  5,, pag.  87 ( ISSN  0751-7971 e 1777-5809 , DOI  10.3917 / res.181.0087 , lettura online , accesso 13 ottobre 2018 )

Vedi anche

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su collegamento ipertestuale ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su collegamento ipertestuale e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su collegamento ipertestuale su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Rosario Bellini

Buon articolo su collegamento ipertestuale

Concetta Bruno

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su collegamento ipertestuale mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su collegamento ipertestuale, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su collegamento ipertestuale qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Romano Pugliese

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Mariangela Serafini

Grazie per questa voce su collegamento ipertestuale, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su collegamento ipertestuale, è proprio quello che mi serviva