Bibliografia



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Bibliografia sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Bibliografia. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Bibliografia e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Bibliografia. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Bibliografia qui sotto. Se le informazioni su Bibliografia che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Una bibliografia è un elenco strutturato di riferimenti a documenti, generalmente documenti scritti. È generalmente stabilito indicare un insieme di fonti che evocano un determinato argomento o che sono state utilizzate come supporti intellettuali per scrivere su un determinato argomento.

La bibliografia è anche "la disciplina concernente la ricerca, la descrizione, la descrizione e la classificazione dei testi stampati o multigrafici al fine di costituire elenchi di libri destinati a facilitare la ricerca intellettuale" .

La parola bibliografia designa quindi sia un oggetto, sia la sua attuazione che il suo studio.

Una bibliografia è diversa da un inventario e da un catalogo, in particolare i cataloghi di biblioteche destinati non a identificare le pubblicazioni ma a localizzarle e soprattutto a localizzare copie in una o più biblioteche.

Etimologia

La parola "bibliografia" deriva dalle parole greche antiche biblion ("libro") e graphein ("scrivere").

Studio differenziale del significato

Possiamo distinguere bibliografie, elenchi, inventari e cataloghi.

Inoltre, il termine l'uso della parola bibliografia per designare l'elenco delle opere pubblicate da un autore, per capillarità del termine inglese bibliografia è talvolta considerato improprio in francese; un elenco di opere di un autore può essere qualificato come bibliografia quando tale elenco è dettagliato, fornisce le diverse edizioni della stessa opera, le variazioni, indica esaurientemente gli autori di prefazioni, prefazioni,  ecc. , vale a dire, si propone di studiare l'elenco delle opere di un autore.

Storia

Discepolo di Aristotele , Démétrios de Phalère , fondatore della famosa Biblioteca di Alessandria intorno al 300 a.C. dC, istituisce due discipline, la bibliografia e la museografia .

"Il medico greco Galeno , scrivendo nel II °  secolo il De Libris propriis , dà la prima espressione dell'idea che la letteratura equivalga a "elenco di opere"... Gli uomini colti che si interessano al XV °  secolo, a raccogliere i titoli dei libri appena stampati prima seguire la tradizione. Il primo di essi è un abate del monastero benedettino di Spannheim, in Prussia, Johann Tritheim , il cui Liber de scriptoribus ecclesiasticis apparve a Basilea nel 1494».

Nel XIX °  secolo, ci sono diverse iniziative sviluppate in Francia e in Belgio intorno a questi due significati: la bibliografia dell'Ufficio internazionale creata nel 1895 da Paul Otlet e Henri La Fontaine e bibliografico Ufficio di Parigi iniziata dal generale Hippolyte Sebert e dei suoi colleghi belgi.

tipi

Il contenuto e la presentazione di una bibliografia sono adeguati all'obiettivo della sua pubblicazione. Possiamo così distinguere diversi tipi formali di bibliografie.

  • A intervalli regolari viene pubblicata una bibliografia aggiornata che indica fonti nuove o identificate di recente. Lo sviluppo delle tecnologie dell'informazione , e in particolare di Internet , ha trasformato molte bibliografie attuali in banche dati bibliografiche , cumulative e costantemente aggiornate.
  • Una bibliografia di sintesi offre una descrizione ridotta delle opere in questione, spesso nella forma chiamata "short-title" come i cataloghi pubblicati dalla British Library a Londra a metà del XIX °  secolo.
  • Una bibliografia descrittiva fornisce solo le caratteristiche essenziali, che consentono di identificare la fonte.
  • Una bibliografia analitica dà una descrizione più ampia, ma che vuole essere oggettiva, neutra.
  • Una bibliografia critica contiene un giudizio sui documenti segnalati.
  • Una bibliografia retrospettiva descrive i documenti pubblicati in passato.
  • Una bibliografia primaria riunisce le fonti primarie.
  • Una bibliografia secondaria indica fonti secondarie , riferimenti pubblicati su un determinato argomento - studi su un autore, per copia.
  • Una bibliografia terziaria è una bibliografia di bibliografie. Consente di individuare bibliografie su un determinato argomento.
  • Una bibliografia sistematica raggruppa documenti legati da una proprietà che non è il loro soggetto, ma un dato luogo o tempo di pubblicazione.
  • Una bibliografia tematica è una bibliografia che identifica un'area specifica di conoscenza.
  • Un'esauriente bibliografia mira ad identificare tutti i documenti nel campo che intende descrivere.
  • Una bibliografia selettiva indica solo una parte delle fonti relative al settore che intende descrivere, sulla base di criteri definiti.
  • Una bibliografia materiale indica non solo un documento per le sue caratteristiche editoriali (autore, editore, data, ecc.) ma anche le sue caratteristiche materiali, con intenzioni e metodi che riguardano la bibliologia  : descrive ad esempio la carta, la rilegatura, la tipografia, distingue contraffazioni ,...

Esempi

  • Ogni paese pubblica generalmente una bibliografia basata su opere depositate legalmente . Tale bibliografia è quindi sistematica, esaustiva, primaria e attuale e vuole essere rappresentativa della produzione letteraria di un Paese.
  • Pierre M. Conlon, L'età dell'Illuminismo. La bibliografia cronologica è una vasta bibliografia di libri pubblicati per la prima volta in Francia dal 1680 al 1789. È una bibliografia primaria, analitica, sistematica, esauriente.
  • Le società commerciali hanno sviluppato banche dati bibliografiche per segnalare tutti gli articoli pubblicati in un campo specifico, possibilmente a un elenco limitato di editori. Pertanto, MEDLINE copre la medicina, il Chemical Abstracts Service copre la chimica, Pascal , Francis , Index Theologicus .
  • Juan García-Durán, La Guerra civil española: fuentes, archivos, bibliografía y filmografía , Crítica, Barcelona, ​​​​1985 ( ISBN  84-7423-266-X )

Presentazione dei riferimenti bibliografici

Una bibliografia, in linea di principio, è composta da più riferimenti bibliografici che fanno riferimento ad altrettanti documenti. Per facilità di consultazione, è utile presentare questi riferimenti in modo uniforme e ordinarli.

In concreto, esistono molti standard per la presentazione dei riferimenti bibliografici, generalmente specifici di un settore di attività. Sono stati inoltre sviluppati specifici standard per disciplinare la gestione e la presentazione dei dati bibliografici in ambiente digitale.

NB. La famiglia di standard ISBD è destinata alla descrizione e all'identificazione dei materiali nei cataloghi delle biblioteche e non è destinata alla creazione di bibliografie.

Norma ISO 690 o NF Z 44005-2

Lo standard ISO 690 , adattato da AFNOR con il riferimento NF Z 44-005-2, è orientato alla pubblicazione.

  • Per una monografia  : N OM (Nome), Titolo , Luogo di pubblicazione: editore, anno di pubblicazione.
  • Per un contributo in una monografia: N OM (Nome), “Titolo del contributo”, in N OM (Nome), Titolo della monografia , Luogo di pubblicazione: editore, anno di pubblicazione, pagine del contributo nella monografia.
  • Per un articolo: N OM (Nome), “Titolo dell'articolo”, Titolo della pubblicazione , numero del volume , anno, pagina/e.

formato RIS

Il formato RIS è un formato di dati bibliografici strutturati sviluppato da Research Information Systems e il formato di file elettronico risultante. La sua estensione è ".ris".

Ordina e indicizza

Termini bibliografici e abbreviazioni

I riferimenti bibliografici utilizzano comunemente termini, o loro abbreviazioni, di origine latina  :

  • cfr . (da confer ) / compare ("cf." non è normalmente scritto in corsivo ) (da non confondere con v. empty , vedi);
  • dentro / dentro;
  • infra /sotto;
  • sopra / sopra;
  • operazione. cit. (de opere citato ) / nell' (ultimo) lavoro citato;
  • mq. (da sequiturque ), plurale sqq. (de sequunturque ) / e seguenti (s) (abbreviato e seguenti );
  • ibidem - abbreviato ibid. - indicare che si tratta dello stesso autore, dello stesso titolo e dello stesso brano di una nota precedente;
  • loco citato - abbreviato loc. cit. - è usato al posto di ibid.  ;
  • et al. (de et alii ) / e gli altri, permette di citare solo il/i primo/i autore/i di un'opera scritta da più mani senza specificarne il genere ( et alii  : gli autori sono solo uomini, et aliae  : sono solo donne);

Per le indicazioni di edizione e pubblicazione, le incognite possono essere sostituite dalle seguenti abbreviazioni:

  • sn: ( sine nomine ) senza nome (di casa editrice); indica che il nome dell'editore non compare sul documento
  • sl: ( sine loco ) senza luogo (di pubblicazione);
  • sd: ( sine data ) senza data (edizione);
  • slnd: senza luogo né data (l'espressione è anteriore agli standard ISO che ora impongono l'ordine "luogo: editore, anno").

Vengono inoltre utilizzate le seguenti abbreviazioni:

  • arte. per articolo (es. articolo di legge);
  • cap. per capitolo  ;
  • collare. per colonna  ;
  • poliziotto. per diritto d' autore (in assenza di dl data );
  • colle. per raccolta (ma possibile confusione con collaboratore/i o Collettivo );
  • dl o DL per deposito legale  ;
  • ed. per editore o edizione  ;
  • fol. o o più semplicemente e più comunemente f. per volantino  ;
  • malato. a scopo illustrativo ( fig. non più utilizzabile );
  • SM. ( mss al plurale, senza punto) per manoscritto  ;
  • n o o n. per numero (è una o in apice, e non il simbolo del grado (°) che deve essere usato. La o è l'ultima lettera del numero);
  • pag. , pagg. per pagina (s) (l'abbreviazione francese di pagina è p. , pp. è un anglicismo tipografico);
  • parà. o § per il paragrafo  ;
  • t. per tomo  ;
  • volo. per volume  ;
  • r o per anteriore ( stesso come per numero);
  • v o per indietro ( stesso come per numero).

Bibliografia

  • Louise-Noëlle Malclès , La bibliographie , Presses Universitaires de France, coll.  "Cosa so "( N °  708), 134  pag.

Note e riferimenti

  1. A seconda del tipo di documenti segnalati, sono stati falsificati iponimi come filmografia , discografia o webografia .
  2. Louise-Noëlle Malclès , La bibliographie , Paris, PUF , coll.  "  Cosa ne so  ",, pag.  11
  3. Louise-Noëlle Malclès , La Bibliographie , Paris, PUF , coll.  "  Cosa ne so  ",, pag.  7
  4. Andrée Despy-Meyer , 1895-1995, Cento anni dell'Ufficio bibliografico internazionale , Mons, Editions Mundaneum ,, 367  pag. ( ISBN  2-930071-05-2 )
  5. “Lo standard ISO 690 (7-44005)” su revues.refer.org .

Vedi anche

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Bibliografia ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Bibliografia e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Bibliografia su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Margherita Brambilla

Per quelli come me che cercano informazioni su Bibliografia, questa è un'ottima scelta

Liliana Martino

Grazie per questa voce su Bibliografia, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Bibliografia, è proprio quello che mi serviva

Giuseppa Serafini

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi