Bibbia



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Bibbia sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Bibbia. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Bibbia e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Bibbia. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Bibbia qui sotto. Se le informazioni su Bibbia che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

La Bibbia è una raccolta di testi sacri per ebrei e cristiani . Denominazioni diverse possono includere libri diversi nei loro canoni , in un ordine diverso. I testi stessi non sono sempre identici da una religione all'altra.

La Bibbia è una raccolta di scritti vari ( storie di origine , le leggi , racconti storici , testo Saggezza , profetici , poetici , agiografie , lettere ) la cui scrittura attraversato tra il VIII °  secolo  aC. AC e il II °  secolo  aC. DC al Vecchio Testamento , e la seconda metà del I °  secolo o all'inizio del II °  secolo per il Nuovo Testamento .

La Bibbia ebraica è chiamata in ebraicoTaNaKh  " (תנ״ך), acronimo formato dai titoli delle sue tre parti costituenti: la Torah (la Legge), i Nevi'im (i Profeti) e i Ketuvim (gli Scritti) . È tradotto in greco antico ad Alessandria . Questa versione - l' Settanta  - è usato a cavallo del V °  secolo da Girolamo per completare la sua traduzione latina della Bibbia - la Vulgata  - dall'ebraico e poi nel IX °  secolo , da "apostoli degli Slavi" Cirillo e Metodio per aver tradotto la Bibbia in slavo antico .

La Bibbia cristiana, che conosce diversi canoni a seconda dei tempi e delle confessioni, si compone di due parti: l' Antico Testamento , che riprende il Tanakh tal quale o è integrato da un certo numero di libri e il Nuovo Testamento comune ai la maggior parte delle chiese cristiane e raccogliendo gli scritti relativi a Gesù Cristo e ai suoi discepoli. Questi sono i quattro Vangeli canonici , gli Atti degli Apostoli , le Epistole e l' Apocalisse .

Etimologia

La parola "bibbia" deriva dal greco antico biblos o biblion corrispondente all'ebraico sepher - " libro" - da cui τὰ βιϐλία ( ta biblia ), sostantivo plurale che significa "i libri", sottolineandone il carattere multiplo, che viene trattato dagli scrittori latini medievali come femminile singolare, biblia , con il plurale bibliae , attraverso il quale passa nella lingua francese .

La parola "Testamento", tradotta dal latino testamentum , corrisponde alla parola greca διαθήκη , diathêkê , che significa "convenzione" o "disposizione scritta" prima di ricoprire uno specifico significato letterario nel senso di "testamento filosofico", significato ritenuto da i Settanta per tradurre il termine ebraico berith , "alleanza", che però corrisponde più al greco sunthêkê . Lo spostamento semantico del termine come "testamento" letterario avviene tra gli scrittori cristiani del III E  secolo , poi traduce il termine giuridico latino testamentum che viene poi ripreso in tutte le lingue.

Canoni biblici

Il corpus biblico riunisce più libri di varia provenienza, da cui il plurale originario della parola “Bibbia”. Dall'inizio della sua formazione, ci sono diverse raccolte canoniche della Bibbia in competizione, ognuna difesa da una diversa comunità religiosa. La parola canone (greco, κανών significa regola ) è usata dal IV °  secolo per indicare l'elenco dei libri riconosciuti da una comunità (o chiesa).

I "canoni" primitivi più importanti sono senza dubbio quelli della Bibbia ebraica (canone masoretico) che è riconosciuto dal giudaismo (rabbinico e caraita), e quello della Bibbia greca ( Settanta ) che è, a sua volta, riconosciuto dalla maggior parte degli orientali e chiese occidentali. La Bibbia ebraica, chiamata Tanakh, è composta da tre parti: la Legge ( Torah ), i Profeti ( Nevi'im ) e gli Scritti ( Ketuvim ). La Bibbia greca è composta da quattro parti: il Pentateuco , i Libri storici , gli Agiografi e i Profeti . Dalla metà del II °  secolo , i cristiani hanno chiamato quest'ultimo elenco di libri Antico Testamento per distinguere la propria raccolta: Nuovo Testamento . La Settanta differisce dalla Bibbia ebraica non solo per la lingua utilizzata, ma anche per il fatto che incorpora libri aggiuntivi, detti "  deuterocanonici  ", e che il testo dei libri "canonici" a volte diverge. Inoltre, l'ordine e l'importanza dei libri non sono gli stessi nei due canoni.

Le tre diverse parti della Bibbia ebraica sono canonizzati e loro testo è relativamente stabilizzata in varie fasi: in primo luogo la Torah ( V th  sec  . AC ) e il Nevi'im ( IV °  secolo  aC J.-C.. ), Ed infine gli Scritti ( i °  secolo  aC. ). Il testo "protomassorétique" (precursore del testo masoretico ) si stabilizza definitivamente alla fine del I °  secolo . I testi del Nuovo Testamento , da parte loro, sono scritti tra la metà del I ° e l'inizio del II °  secolo, ma la loro canonizzazione avviene solo durante l'III E e IV TH  secoli.

Canone della Bibbia ebraica

La Bibbia ebraica è scritta in ebraico con alcuni passaggi in aramaico . Questo canone, fissato dai Masoreti , è composto dalle seguenti parti (tra parentesi, il nome cristiano nell'Antico Testamento secondo il raggruppamento adottato dalla TOB ):

Canone dei Settanta

Il Pentateuco (raccolta di cinque libri della Torah ) è stato tradotto in greco in Alessandria nel III °  secolo  aC. J. - C. Secondo una leggenda riportata dalla Lettera di Aristée e poi ampliata, la traduzione in greco della Torah, detta "dei Settanta  " o "Alessandrina", sarebbe opera di settantadue studiosi ebrei , sei per tribù, che, su richiesta delle autorità greche in Egitto (e isolate per settantadue giorni, secondo alcune versioni), risultarono in un testo comune.

I traduttori dei Settanta ispirati dallo Spirito Santo , illustrazione tratta da La Cronaca di Norimberga , 1493.

Questa traduzione doveva essere accolta con lo stesso valore dell'opera originale, nonostante alcune critiche. Questa versione era conservata nella biblioteca di Alessandria con le "Leggi": a quel tempo, non si trattava di religione, ma di diritto consuetudinario del popolo ebraico . Eppure, come la "Settanta" è rimasto a questa traduzione ha avuto inizio nel III °  secolo  aC. dC , e l'intera Bibbia greca per estrapolazione. Il resto dei libri biblici ebraici furono tradotti in greco nei secoli successivi. Alcuni libri o passaggi sono stati scritti direttamente in greco.

Questo corpus, diffusa nel hellenophone diaspora ebraica del I °  secolo sarà adottato come gli apostoli ei primi cristiani, ed è il Testamento del tempo.

Durante l'istituzione dell'ebraismo rabbinico , per distinguersi dal nascente cristianesimo, il testo greco fu abbandonato nel mondo ebraico a favore del testo ebraico , per ragioni sia linguistiche che religiose. Dopo essere stata la versione più diffusa nel mondo ebraico ellenistico , la Settanta diventa l'Antico Testamento dei cristiani. Pertanto, l'ebraismo rifiuta sempre più dalla fine del I °  secolo.

Nel mondo cristiano occidentale, invece, la Settanta continua ad essere il riferimento e conosce diverse traduzioni in latino. Si è sostituita dalla Vulgata tardivamente, l' VIII °  secolo. Nelle Chiese orientali, per le quali la lingua sacerdotale è il greco, la Settanta è rimasta il testo di riferimento per le traduzioni.

Il canone dei Settanta accettato dai cristiani si compone di quattro parti:

I libri presenti nel canone dei Settanta e assenti nel canone masoretico sono chiamati deuterocanonici e sono qui indicati con *. I libri il cui testo è stato integrato da significative aggiunte greche al testo masoretico sono qui indicati con #.

Canone cristiano

Deuterocanonici e apocrifi

Uno degli Antilegomeni di Lutero  : L' epistola agli Ebrei . Manoscritto armeno del V °  secolo, Matenadaran .

I libri deuterocanonici sono testi scritti prima dell'era cristiana, che furono incorporati nel canone dei Settanta . Le cosiddette denominazioni cristiane “tradizionali”, cioè esistenti prima della Riforma ( cattolicesimo e ortodossia ), le considerano parte della Bibbia. Ma questi scritti non furono accettati nel canone da Lutero , perché si basano sul testo masoretico della Bibbia ebraica , che li esclude. Lutero tuttavia li trovava utili. Li nomina Antilegomena e li classifica nelle ultime pagine della sua Bibbia.

Questi libri dell'Antico Testamento sono scritti in greco, come tutti i libri del Nuovo Testamento. Sono “  apocrifi  ” (dal greco ἀπόκρυφος , apokrupos , “nascosto”) dai protestanti e dai Padri della Chiesa come Agostino o Girolamo . I cattolici li chiamano "deuterocanonici", cioè "secondari nel canone" (dal greco δεύτερος, deuteros , "secondo"), confermata definitivamente al Concilio di Trento del 1546 .

Alcuni dei libri dei Settanta non sono deuterocanonici. Non sono riconosciuti da nessuna Chiesa e sono chiamati "apocrifi" o "  pseudepigrapha  " (scritti sotto falsa firma). Formano con altri gli “scritti intertestamentari”. Si tratta ad esempio del Pastore di Erma , ritrovato per la prima volta nel Nuovo Testamento, poi rimosso dal canone biblico nel III °  secolo. La Lettera di Barnaba era presente anche nel Nuovo Testamento prima di essere ritirata per decisione conciliare.

Nuovo Testamento

Il Nuovo Testamento è diviso in diversi gruppi di libri:

Questi libri sono generalmente presentati nell'ordine del canone occidentale:

Vecchie versioni

La Vulgata

La Bibbia cristiana è stata originariamente scritta in greco, con la Settanta e il Nuovo Testamento entrambi scritti in quella lingua. I cristiani nel mondo latino, tuttavia, usarono le traduzioni latine di questi libri molto presto. Queste traduzioni sono chiamate Vetus Latina .

Nel IV °  secolo , Girolamo critica le imperfezioni Vetus Latina e inizia una nuova traduzione in latino, commissionata secondo lui dal vescovo di Roma Damaso tra cui Girolamo, ordinato da un vescovo scismatico, fu collaboratore occasionale. Iniziò la traduzione del Nuovo Testamento nel 382 , tre anni prima di quella dell'Antico Testamento, per proporre un testo conosciuto da allora con il nome di “Vulgata” e che completò nel 405 .

Per fare ciò sceglie prima di affidarsi agli Esapoli di Origene , poi inizia la sua traduzione dal testo ebraico, l'unico secondo lui ispirato. Per i Vangeli , la Vulgata utilizza i manoscritti greci. La traduzione latina dei testi che costituiscono la fine del Nuovo Testamento, comprese le epistole paoline o almeno la loro correzione, sono attribuite principalmente a un discepolo di Girolamo di nome Rufin, il più delle volte identificato con Rufin il Siro .

L'opera di Girolamo, le cui pratiche ascetiche e approcci teologici sono al di fuori delle correnti dominanti della Grande Chiesa del tempo, è respinta dai suoi contemporanei, religiosi come laici, che si spingono fino a mettere in discussione la sua ortodossia. Pertanto, l'uso della Vulgata non generalizzare prima del IX °  secolo , mentre le copie del Vetus Latina rimangono diffusa tra gli studiosi impiegati al XIII °  secolo .

La Bibbia del Samaritano

I Samaritani (in ebraico moderno: Shomronim - שומרונים, che significa "di Shomron", Samaria  ; o "Israeliti-Samaritani") sono poche persone che si definiscono discendenti degli antichi israeliti e che vivono in Israele e in Cisgiordania . La loro religione è talvolta chiamata "samaritanesimo". Al contrario, gli ebrei ortodossi li considerano discendenti di popolazioni straniere (coloni assiri dell'antichità) che hanno adottato una versione illegittima della religione ebraica.

La loro religione si basa su una versione particolare del Pentateuco  : la Bibbia samaritana . Non adottano gli altri libri della Bibbia ebraica, e sono quindi "custodi" della sola Torah .

Il loro Pentateuco è molto vicino a quello degli ebrei, ma è scritto in ebraico samaritano con l' alfabeto samaritano , una variazione dell'antico alfabeto paleo-ebraico abbandonato dagli ebrei. Si differenzia dalla Torah ebraica per differenze sostanziali. I più importanti riguardano lo status del monte Garizim come principale luogo santo al posto di Gerusalemme. I Dieci Comandamenti della Torah Samaritana includono quindi nel decimo comandamento il rispetto per il Monte Garizim come centro di culto. Furono uniformate anche le due versioni dei Dieci Comandamenti esistenti nel Tanakh ebraico (quella del Libro dell'Esodo e quella del Deuteronomio ).

Per osservare i dieci comandamenti, il primo comandamento ebraico ("Io sono il Signore ( YHWH ) tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù") è considerato come una semplice presentazione, il primo comandamento samaritano che diventa il secondo comandamento ebraico: “Non avrai altri dèi all'infuori di me. Per i Samaritani, "i saggi ebrei fecero della presentazione un comandamento di mantenere il numero di questi a dieci (il numero dei comandamenti è menzionato in Esodo , 34:28), dopo aver corretto la loro versione rimuovendo il decimo" relativo al monte Garizim .

Oltre a queste differenze fondamentali, esistono variazioni sui dettagli redazionali. Ad eccezione dei disaccordi sul monte Garizim, queste differenze rendono il Pentateuco samaritano più vicino alla versione dei Settanta che al testo masoretico .

Composizione

La Bibbia è una raccolta di diversi testi scritti in tempi diversi della storia da vari autori, compilatori ed editori. La forma finale di un libro è chiamata forma canonica in teologia.

Bibbia ebraica (Antico Testamento)

Grande Rotolo di Isaia  : capitolo 53, che contiene parte dei Cantici del Servo . Il testo di questo Rotolo del Mar Morto è quasi identico alla trascrizione masoretica .

Spesso citata, l' ipotesi documentaria sostiene l'idea che la Bibbia ebraica sia il risultato di tre o quattro fonti indipendenti. Nel 1960, si è ritenuto tali fonti come aventi stato scritto tra il X ° e VI °  secolo  aC. dC e poi compilato. Questa ipotesi non è più dominante oggi. Le ricerche attuali propendono per una datazione piuttosto "bassa" della scrittura della Bibbia. In genere identifichiamo due fasi importanti della scrittura, intervallate da fasi meno prolifiche. Queste fasi ruotano intorno all'esilio in Babilonia . La prima ebbe inizio subito dopo l'alfabetizzazione dei Giuda , vale a dire tra la fine del VIII °  secolo  aC. AC e l'inizio del VI °  secolo  aC. DC . La seconda, che segue una situazione difficile per la Palestina , si trova nel periodo ellenistico, vale a dire intorno al III °  secolo  aC. DC .

L'ipotesi di un'edizione del Pentateuco al giudaismo del tempo di recupero in Giudea sotto il dominio persiano (538 a.C. CE -. 332 a.C. CE) è diffusa nell'esegesi tedesca, coerente con la documentazione per l'atteggiamento dell'Impero persiano ( persiano pratica nota come di "autorizzazione imperiale", che incoraggiava i popoli assoggettati a riunire le proprie tradizioni giuridiche in un unico documento che costituiva poi la fonte del diritto per la provincia in questione). Questo spiegherebbe perché l'Antico Testamento sembra essere una sorta di "documento di compromesso", dove si raccolgono le grandi correnti teologiche dell'ebraismo post-esilico.

Scrivere il Nuovo Testamento

Il periodo di scrittura è molto breve, approssimativamente tra gli anni '50 e '110.

La teoria dominante oggi sulla scrittura e la datazione dei Vangeli è quella conosciuta come “  delle due fonti  ”. Si presume che il Vangelo secondo Marco (c. 60-70) sia il più antico dei tre sinottici , e che Matteo e Luca si siano ispirati ad esso quindici o vent'anni dopo, utilizzando una seconda fonte  : una raccolta di parole ( logia ) di Gesù .

Il Vangelo secondo Giovanni , scritto una ventina d'anni dopo Matteo e Luca, sembra dovuto ad una "scuola" indipendente, la "  comunità giovannea  ", che avrebbe prodotto anche le epistole attribuite a Giovanni e l' Apocalisse .

Gli Atti degli Apostoli costituiscono la diretta continuazione del Vangelo secondo Luca e sono dello stesso autore. Le epistole paoline riconosciute da Paolo sono sette e, scritte negli anni Cinquanta, costituiscono i testi più antichi del Nuovo Testamento, e quindi del cristianesimo. Le altre epistole attribuite a Paolo sono opera dei suoi discepoli. L'Ebrei data dell'ultimo terzo del I °  secolo e l'identità del suo autore non è noto con certezza.

suddivisioni

La Bibbia è divisa in capitoli e versetti .

La divisione in capitoli datato XIII °  secolo , mentre quella in versi preparato dal Masoretic il X °  secolo , solo spread solo dal XVI °  secolo .

Nel 1227, Étienne Langton , professore all'Università di Parigi poi arcivescovo di Canterbury , divise la Bibbia in capitoli; in precedenza, la dimensione della pergamena governava la divisione. Nel 1250, il cardinale Hugues de Saint-Cher assunse questa divisione. I versi sono stati creati da Robert Estienne nel 1539, in occasione della stampa della olivetani Bibbia , 2 °  edizione. Nel 1555 apparve l'edizione della Vulgata latina di Robert Estienne; questa è la prima Bibbia completa con l'attuale numerazione di capitoli e versetti . Questo sistema permette di abbinare le versioni ebraica, greca, latina e altre (purché abbiano lo stesso testo).

Nelle recenti edizioni della Bibbia, un piccolo numero di versetti nella divisione stabilita da Robert Estienne è stato rimosso o sostituito da un punto interrogativo. Poiché i manoscritti più antichi non contengono questi versi (questo vale anche per alcune parole), sono stati esclusi dai testi accettati come attendibili dagli specialisti. L'edizione di riferimento per il Nuovo Testamento è il Novum Testamentum Graece di Nestlé-Aland.

esegesi biblica

Storicità della Bibbia

Per quanto riguarda i primi libri della Bibbia, dalla Genesi ai Giudici , gli scavi dei luoghi citati nella Bibbia non corroborano i fatti che essa descrive. Ad esempio, l' Esodo , la permanenza nel deserto per quarant'anni e la conquista della terra di Canaan non sono corroborate dall'archeologia o dalla storia.

Il più vicino il momento della Exile ( VI °  secolo  aC. ), E il testo biblico è coerente con la storia ben documentata della regione Levante . Così, la Bibbia fa riferimento alla distruzione del regno d'Israele nel -722 , alla morte del re Giosia nel -609 , alla distruzione del primo tempio di Gerusalemme nel -587 , poi alla sua ricostruzione intorno al -515 .

Le scoperte scientifiche in geologia presso il XVIII °  secolo sulla età della Terra e della biologia per la XVIII ° e XIX TH  secoli sulla trasmutazione e la teoria dell'evoluzione è entrato in conflitto con l'interpretazione letterale del libro della Genesi , che era la regola a quella volta.

L'esegesi nel giudaismo

Esdra , illustrazione dal Codex Amiatinus .

Nel XII °  secolo, il rabbino e studioso ebreo Maimonide , ma il razionalismo sospetto pone l'ottavo dei tredici articoli di fede è che la Torah è stato dato a Mosè, fermo restando che la sua lettura letterale è solo il primo dei quattro sensi della Scrittura . La lettura del testo ebraico della Torah , così ritenuto originale, è al centro dell'ebraismo sinagogale .

Secondo Jean-Christophe Attias , "qualsiasi ebreo credente di oggi come di ieri ritiene in linea di principio che il testo biblico attualmente nelle nostre mani sia di integrità impeccabile". Marc-Alain Ouaknin spiega che per questi credenti “la maggior parte dei libri biblici sono stati prima trasmessi oralmente, di generazione in generazione, fino a quando sono stati messi per iscritto in un tempo molto più tardi […] Questi sono gli uomini della Grande Assemblea creata da Ezra che il V °  secolo  aC. dC mise in forma il testo finale della Bibbia ebraica . Raccolsero i testi esistenti e scrissero anche molti libri. "

L'esegesi nel cristianesimo

La Bibbia cristiana è composta dall'Antico e dal Nuovo Testamento. La sua lettura può differire tra i vari rami del cristianesimo . Questo è il motivo per cui gli studi biblici comprendono un ramo, l' ermeneutica , che attribuisce l'interpretazione della Scrittura , mentre l' esegesi storico-critica è in costante sviluppo dal momento che il XVIII °  secolo, prima nel Protestantesimo poi nel cattolicesimo del XX °  secolo .

cattolicesimo

La creazione del mondo in sei giorni, miniatura dalla Bibbia di Jan de Selmberk (1440), Biblioteca del Monastero di Strahov , Praga .

La Scrittura raggiunge i cattolici attraverso due canali che sono legati alla testimonianza apostolica: le Scritture e le Tradizioni non scritte, trasmesse e conservate nella continuità della vita della Chiesa. Il ruolo del magistero della Chiesa è preservare questa tradizione. Il Concilio di Trento insiste su questa doppia fonte della fede. Per il filosofo e teologo cattolico Xavier Tilliette , “la Bibbia è un'opera complessa e persino sigillata. Il Libro dei Libri è un libro di libri. È quindi aperto all'interpretazione, non è privo di un'ermeneutica. La Parola di Dio […] è diventata parola umana, legata alla comprensione. Non esiste una via diretta alla Bibbia, ci deve essere sempre almeno una mediazione implicita: traduzione, esegesi, storia, generi letterari, studio degli stili, tipologia, conoscenza della Tradizione, lectio divina  ”…

Il documento di riferimento del Magistero Romano sull'esegesi biblica è L'interpretazione della Bibbia nella Chiesa , testo pubblicato nel 1993 dalla Pontificia Commissione Biblica che presenta diversi metodi di analisi. Il primo è l' approccio storico-critico , ritenuto essenziale per qualsiasi lavoro scientifico. Segue uno studio di dodici tipi di approcci raccomandati, con una valutazione del valore e dei limiti di ciascuno. La lettura fondamentalista della Bibbia è definita contraria a ogni metodo scientifico, radicata in un'ideologia non biblica, e perfino pericolosa.

L'accettazione e poi la raccomandazione dell'esegesi scientifica non furono senza difficoltà tra i cattolici. Nel XIX °  secolo, i progressi della critica storica della Bibbia sono stati freddezza ricevuto.

Consapevole dell'arretratezza dei cattolici in questo campo, la domenicana Marie-Joseph Lagrange reagì fondando la Scuola Biblica di Gerusalemme nel 1890. Allo stesso tempo, l'enciclica Providentissimus Deus di Leone XIII esorta i fedeli a partecipare alla ricerca esegetica. Tuttavia, ne limita notevolmente la portata riaffermando la dottrina dell'inerranza biblica e negando agli scrittori della Bibbia lo status di autori completi. L'esegesi cattolica, tuttavia, cominciò ad emergere dal suo torpore, finché la Scuola Biblica di Gerusalemme fu ritenuta troppo “modernista”.

Con il decreto Lamentabili Sane Exitu e l' enciclica Pascendi Dominici gregis che condannano il modernismo nella Chiesa cattolica , il pontificato di Pio X congela definitivamente l'esegesi cattolica. Da allora immerso nella "  crisi modernista  ", i dibattiti si concentrarono sulle dichiarazioni di Alfred Loisy che fu scomunicato nel 1908. Roma vietò anche la pubblicazione delle opere di padre Lagrange. Dopo un periodo di intensi conflitti con il Magistero romano, e sotto l'influenza di coloro che hanno preso parte a questi dibattiti, il mondo cattolico è ancora una volta consapevole della propria arretratezza in materia di esegesi biblica . Nel 1943, papa Pio XII riaffermò l'importanza dell'esegesi con l'enciclica Divino Afflante Spiritu .

Fino al Concilio Vaticano II , la grande maggioranza dei fedeli conosceva la Bibbia soprattutto attraverso citazioni di opere di pietà come L'Imitazione di Gesù Cristo , come nel caso di Teresa di Lisieux . Alla fine della seconda guerra mondiale , la distribuzione di traduzioni annotate e commentate della Bibbia incoraggia i fedeli a leggere la Bibbia tenendo conto della conoscenza storica del testo e dell'ambiente biblico. In francese la prima iniziativa di questo genere si deve al cardinale Achille Liénart , con la pubblicazione nel 1951 della cosiddetta Bibbia del “Cardinale Liénart”. Questa traduzione fu rapidamente eclissata da quella dell'École biblique de Jerusalem, chiamata la Bibbia di Gerusalemme , la cui prima edizione in un volume apparve nel 1956 . La costituzione dogmatica Dei Verbum del Vaticano II pone fine alle liti sull'esegesi nel mondo cattolico, mentre i metodi storico-critici vengono gradualmente incoraggiati, fino a quando non vengono dichiarati indispensabili dal magistero romano.

protestantesimo

Tutti i protestanti si identificano o addirittura si definiscono con la Sola scriptura , espressione latina che significa "solo mediante la Scrittura" e affermando che la Bibbia è l'ultima e unica autorità a cui i cristiani e la Chiesa devono sottomettersi, per la loro fede e nella loro vita cristiana .

Ai tempi di Lutero si trattava soprattutto di opporsi ai decreti talvolta abusivi emanati da prelati , concili o dal papa . Oggi, la lettura della Bibbia illuminata dallo Spirito Santo rimane per i protestanti l'unica fonte di Rivelazione , posizione che si oppone al dogma cattolico di una continua Rivelazione da parte di Dio alla sua Chiesa guidata dallo Spirito, come nella credenza ortodossa di una verità risultante dal consenso dei fedeli guidati dallo stesso Spirito.

Anche se compare a capo delle professioni di fede di diverse confessioni risultanti dalla Riforma , il principio della Sola scriptura non impedisce che siano sorte importanti differenze tra i protestanti per quanto riguarda l'interpretazione più o meno letterale della Bibbia.

Data l'importanza che dà al testo biblico, il protestantesimo è all'origine di molte nuove traduzioni della Bibbia in lingua volgare, per rendere il messaggio evangelico accessibili, a partire dal Olivetani Bibbia e la Bibbia. Lutero , ma è anche , dal XIX °  secolo, alla rinascita di esegesi biblica , soprattutto nel XIX secolo , i metodi di analisi storico-critica e molti studi dei testi originali. Dalla Riforma, ogni pastore protestante ha studiato il greco antico e l'ebraico biblico . Il protestantesimo ha quindi costituito un importante incentivo per imparare a leggere la Bibbia.

Traduzioni e diffusione

Traduzioni

La Vulgata di Girolamo , fatta a cavallo tra il IV ° e il V °  secolo , si sta diffondendo nella cristianità occidentale pur rimanendo competitiva con la Vetus Latina fino al XIII °  secolo . Tuttavia, il latino era sempre meno compreso dalle popolazioni del Medioevo , mentre la Bibbia continuava a essere letta in questa lingua durante le messe .

Traduzioni parziali in lingue volgari  risalgono al XII ° secolo , sono opera di correnti cristiane dissidenti come quella valdese o catara . Papa Innocenzo III si oppone a queste traduzioni. Diversi concili successivi confermarono questa decisione, in particolare il Concilio di Tolosa (1229) . Tuttavia, i re di Francia hanno spesso le versioni in francese del XIII °  secolo. Una delle prime traduzioni è la Bibbia storica di Guyart des Moulins nel 1297.

Non fino alla rinascimentale nel XV ° e XVI °  secolo per le traduzioni si moltiplicano. Il primo libro uscito dal torchio di Gutenberg è la Vulgata, nel 1455 .

La più antica traduzione completa della Bibbia in francese dal latino è quella di Lefèvre d'Étaples nel 1523 e nel 1528. La Bibbia di Dietenberger è la prima Bibbia cattolica in tedesco, stampata a Magonza nel 1534.

Le Bibbie della Riforma protestante seguirono poco dopo l'invenzione della stampa. A differenza della tradizione cattolica, non partono dalla Vulgata: traducono direttamente i testi originali, scritti in ebraico per l' Antico Testamento e in greco per il Nuovo Testamento . La Bibbia di Lutero pubblicata nel 1522 per il Nuovo Testamento e nel 1534 per l'Antico Testamento. Per il suo carattere innovativo linguistico e per la sua forte diffusione, è considerato il fondatore della moderna lingua tedesca . Le altre versioni protestanti sono, in francese, la Bibbia Olivétan (1535) e, in inglese, la Bibbia Tyndale del 1525. Tuttavia, la Chiesa d'Inghilterra pubblica la sua Bibbia dei vescovi nel 1568 . Ma queste versioni anglofone vengono presto soppiantate dal King James (1611), che rimarrà per diversi secoli il principale riferimento dell'anglicanesimo .

La Vulgata latina fu "canonizzata" come versione "autentica" della Bibbia dalla Chiesa cattolica al Concilio di Trento (1545-1563), in reazione alle critiche dei filologi a partire da Lorenzo Valla e alle versioni risultanti dalla Riforma.

La prima traduzione spagnola risale al 1569, quella italiana al 1607 (di Giovanni Diodati ). Sia i cattolici che i protestanti fecero poi numerose traduzioni nelle lingue vernacolari.

Il libro più distribuito al mondo

Il bestseller di tutti i tempi.

Si stima che ogni anno vengano vendute circa 25 milioni di copie della Bibbia. Numerosi dati, spacciati da libri e riviste ma privi di attendibilità, danno un'altra stima: sono state distribuite da 2,5 a 6 miliardi di Bibbie (la cifra bassa stima il numero di copie stampate mentre la cifra alta tenendo conto delle copie date). Nessun libro al mondo ha mai avuto una diffusione così ampia e costante nei secoli, con la Bibbia che ha superato il Libretto rosso di Mao (oltre un miliardo di copie) e il Corano (800 milioni di copie).

A partire dal 2014, il canone completo della Bibbia protestante è disponibile in 531 lingue e dialetti, e il Nuovo Testamento nel 1329, 1023 lingue hanno uno o più libri della Bibbia e molte lingue hanno solo passaggi della Bibbia . . La Bibbia viene anche tradotta in oltre 1.500 altre lingue e dialetti. Questo è da mettere in relazione al numero di lingue e dialetti parlati nel mondo, che è stimato in oltre 6.900.

Secondo uno studio del 2008, il 75% degli americani, il 38% dei polacchi e il 21% dei francesi afferma di aver letto almeno un brano della Bibbia nell'ultimo anno. La cristianizzazione , disomogenea tra le regioni, determina atteggiamenti diversi nei confronti della Bibbia: più della metà dei francesi non ha una Bibbia in casa, contro il 15% dei polacchi e il 7% degli americani.

Note e riferimenti

Appunti

  1. I cattolici aggiungono all'Antico Testamento i libri di Giuditta , Tobia , Maccabei , Siracide , Baruc , parte di Daniele e la Sapienza di Salomone . Questi scritti deuterocanonici non sono riconosciuti dalle chiese protestanti.
  2. Il testo ebraico dopo la versione masoretica si trova in La Bibbia, traduzione completa ebraico-francese, testo bilingue, tradotto dal testo originale dai membri del rabbinato francese sotto la direzione del rabbino capo Zadoc Kahn , nuova edizione con traduzione rivista datata 1994, Edizioni Sinai, Tel Aviv, Israele.
  3. "La maggior parte dei testi dell'Antico Testamento citati nel Nuovo Testamento sono nella versione greca, che a volte si discosta significativamente dall'originale ebraico. » (Pierre Gibert, Come fu scritta la Bibbia , Centurion-Bayard, 1995, p.  18 ). Marcel Simon specifica che Paolo ha letto la Bibbia nella versione dei Settanta ( Les Premiers Chrétiens , PUF, 1967, p.  56 ).
  4. “Le citazioni dell'Antico Testamento nel Nuovo sono state prese in prestito da lui, e [la Settanta] è diventata il testo dell'Antico Testamento per i cristiani; da allora in poi gli ebrei tendevano a rifiutarlo. All'inizio dell'era cristiana furono intraprese nuove traduzioni […]. Tre ebrei […] hanno tentato delle revisioni per avvicinarsi all'ebraico dei Masoreti ”( André-Marie Gerard , Dizionario della Bibbia , Laffont / Bouquins, art.“ Settanta ”.)
  5. "Le indicazioni strettamente linguistici non sono le uniche ragioni per cui la Settanta sarà licenziato alla fine del I °  secolo polemica anti-cristiana ha contribuito. Infatti, la Settanta, un corpo di testi ebraici, diventerà l'Antico Testamento della giovane Chiesa cristiana. […] Alla lunga, la Settanta sarebbe stata sempre più screditata dai circoli ebraici. ”( Dizionario enciclopedico dell'ebraismo , Laffont / Bouquins, ed. Geoffrey Wigoder , art.“ Settanta ”.) Questo passaggio continua con la“ maledizione ”della Settanta nel mondo ebraico (Sefer Torah, I, 8).
  6. Questa terminologia è recente. È usato da alcuni samaritani per riferirsi a se stessi e per differenziarsi dagli ebrei. È infatti il ​​corollario della visione che i samaritani hanno degli ebrei come israeliti-giudei (della Giudea ).
  7. Questo è il papa che ha iniziato la crociata contro gli Albigesi .

Riferimenti

  1. il termine stesso biblios deriva dalla città fenicia di Biblo e designa prima il papiro prima di designare qualsiasi mezzo di scrittura; André Paul, “Genesis and Advent of Christian“ Scritture” , in Jean-Marie Mayeur, Charles Pietri, Luce Pietri, André Vauchez, Marc Venard (a cura di), Histoire du Christianisme , vol.  1: The New People (dalle origini al 250) , Desclée,( ISBN  2-7189-0631-6 ) , pag.  682
  2. André Paul, "Genesis and Advent of Christian" Writings" , in Jean-Marie Mayeur, Charles Pietri, Luce Pietri, André Vauchez, Marc Venard (a cura di), Histoire du Christianisme , vol.  1: The New People (dalle origini al 250) , Desclée,( ISBN  2-7189-0631-6 ) , pag.  681
  3. Introduzione al TA , p.  19
  4. (in) Gerhard Kittel , Gerhard Friedrich e Geoffrey W. Bromiley , Dizionario teologico del Nuovo Testamento: abbreviato in un volume ., Wm B. Eerdmans Publishing, 1356  pag. ( ISBN  978-0-8028-2404-2 , presentazione online ) , p.  157
  5. André Paul, "Genesi e avvento delle "scritture cristiane" , in Jean-Marie Mayeur, Charles Pietri, Luce Pietri, André Vauchez, Marc Venard (a cura di), Histoire du Christianisme , vol.  1: The New People (dalle origini al 250) , Desclée,( ISBN  2-7189-0631-6 ) , pag.  690
  6. André Paul, "Genesi e avvento delle "scritture cristiane" , in Jean-Marie Mayeur, Charles Pietri, Luce Pietri, André Vauchez, Marc Venard (a cura di), Histoire du Christianisme , vol.  1: The New People (dalle origini al 250) , Desclée,( ISBN  2-7189-0631-6 ) , pag.  692
  7. André Paul, "Genesi e avvento delle "scritture cristiane" , in Jean-Marie Mayeur, Charles Pietri, Luce Pietri, André Vauchez, Marc Venard (a cura di), Histoire du Christianisme , vol.  1: The New People (dalle origini al 250) , Desclée,( ISBN  2-7189-0631-6 ) , pag.  694
  8. Introduzione all'AT , p.  19-20
  9. Introduzione all'AT , p.  48-49
  10. Introduzione al NT , p.  494-496
  11. Introduzione al TA , p.  21-22
  12. Indagine sulla nascita della Bibbia  ", Le Monde de la Bible ,, pag.  28-31
  13. Fonti Chrétiennes  " n o  91, Parigi, Le Cerf, 1962.
  14. Marguerite Harl , La Bibbia alla Sorbona, o la vendetta di Erasmo , Cerf, 2004. Review in Esprit et Vie , 2005 .
  15. Introduzione al NT , p.  57-477
  16. Introduzione al NT , p.  127
  17. Introduzione al NT , p.  164-165
  18. Vulgata di San Girolamo (391-405 ca.)
  19. Questo punto è discusso; (in) Yves-Marie Duval, "Su tre lettere sconosciute di Jérôme riguardanti il ​​suo soggiorno a Roma (382-385)" , in Andrew Cain e Josef Lössl (a cura di), Girolamo di Stridone. La sua vita, scritti e eredità , Routledge,( ISBN  9781317111191 ) , p.  30
  20. Paulin di Antiochia  ; (it) Andrew Cain, "Ripensare i ritratti di donne sante di Girolamo" , in Andrew Cain e Josef Lössl (a cura di), Girolamo di Stridone. La sua vita, scritti e eredità , Routledge,( ISBN  9781317111191 ) , p.  47
  21. (in) Andrew Cain e Josef Lössl, "Introduzione" , in Andrew Cain e Josef Lössl (a cura di), Girolamo di Stridone. La sua vita, scritti e eredità , Routledge,( ISBN  9781317111191 ) , p.  2.
  22. Jean Gribomont, “Rufin le Syrien” , in Angelo di Berardino (a cura di), Dizionario del cristianesimo antico , vol.  II, Cervo,( ISBN  2-204-04182-3 ) , pag.  2198
  23. (in) Andrew Cain, "Ripensando ai ritratti di donne sante di Girolamo" , in Andrew Cain e Josef Lössl (a cura di), Girolamo di Stridone. La sua vita, scritti e eredità , Routledge,( ISBN  9781317111191 ) , p.  48
  24. IL DECIMO COMANDAMENTO DEL SAMARITANO  ", I samaritani, la loro storia, dottrine e letteratura , di Moses Gaster , The Schweich Lectures , 1923.
  25. Il decimo comandamento del Pentateuco nelle mani dei samaritani israeliti (pagina consultata il 29 dicembre 2006).
  26. (in) Robert David e Jinbachian Manuel Tradurre la Bibbia ebraica: dalla Settanta alla New International Version , Médiaspaul,, pag.  97
  27. Thomas Römer, Introduzione all'Antico Testamento , p.  148-154
  28. Thomas Römer, "La formazione del Pentateuco in base alla esegesi storico-critica"
  29. William Schniedewind , "  Inchiesta sulla nascita della Bibbia  " , Le Monde de la Bible ,, pag.  35-39
  30. Marc-Alain Ouaknin , Misteri della Bibbia , Assouline, 2008, p.  211-212
  31. Max Engammare , Che "mi bacia con i baci (sic) della sua bocca" , Librairie Droz,, 792  pag. ( ISBN  978-2-600-03188-2 , presentazione online ) , p.  118-122
  32. Colette Sirat , Sara Klein-Braslavy, Olga Weijers, I metodi di lavoro di Gersonide e la gestione della conoscenza tra gli scolastici , Paris, Vrin,, 394  pag. ( ISBN  2-7116-1601-0 , leggi in linea ) , p.  216
  33. Jean-Michel Maldamé , op , La Bibbia messa alla prova della scienza, la questione dell'archeologia , in Domuni , 2004, articolo online
  34. I profeti Amos, Osea, Michea e Isaia profetizzano sul tema della caduta di Israele. Cfr. Mario Liverani, La Bibbia e l'invenzione della storia , p. 169, 214-216
  35. Mario Liverani, La Bibbia e l'invenzione della storia , p.  246
  36. Georges Minois, La Chiesa e la Scienza , p.  138-143 e pagg.  222-231
  37. Jean-Christophe Attias , Gli ebrei e la Bibbia , Fayard 2012, p.  49
  38. Marc-Alain Ouaknin, Misteri della Bibbia , ed. Assouline, 2008, p.  334-5 .
  39. * Bernard Sesboüé , “La canonizzazione delle Scritture e il riconoscimento della loro ispirazione: un approccio storico-teologico” , Recherches de science catholique , 2004.
  40. Xavier Tilliette , I filosofi leggono la Bibbia , Cerf, 2001, p.  12 .
  41. Questi dodici metodi o approcci esegetici sono: analisi letteraria, analisi retorica, analisi narrativa, analisi semiotica, approccio canonico, ricorso alle tradizioni interpretative ebraiche e rabbiniche, approccio attraverso la storia e gli effetti del testo, analisi sociologica, antropologica, psicologica e psicoanalitica approcci, e infine gli approcci liberazionisti e femministi.
  42. Pontificia Commissione Biblica , L'interpretazione della Bibbia nella Chiesa , del Vaticano, 15 aprile 1993, trad. Francese, Parigi, Cerf, 1994. ( ISBN  9782204049979 ) . Versione italiana sul sito del Vaticano .
  43. François Laplanche, La crisi delle origini. Cattolica Vangeli scienza e la storia del XX °  secolo , Parigi, Albin Michel, coll. "L'evoluzione dell'umanità", 2006, ( ISBN  978-2226158949 ) . Émile Poulat , la storia, il dogma e la critica nella crisi modernista , Paris, Albin Michel, 1962 3 ° ed. 1996, ( ISBN  978-2226084644 ) .
  44. Pio XII , Divino Afflante Spiritu , 1943: «Quanto difficili e quasi inaccessibili rimasero ai Padri certe questioni, anche se ci rendiamo conto dai ripetuti sforzi di molti di loro per interpretare i primi capitoli della Genesi [... ] È dunque un errore […] che porta alcuni a dire che l'esegeta cattolico non ha più nulla da aggiungere al contributo dell'antichità cristiana. "
  45. André Gounelle , "La Bibbia è la Parola di Dio" "
  46. Annick Sibué, Luther et la Réforme protestante , Paris, Eyrolles, 2011, pagine 106-108
  47. André Gounelle , “La Sovrana Autorità delle Scritture in materia di fede” .
  48. E. Todd, "Il dinamismo protestante è un incidente", Riforma ( n o  2791, 8-14 ottobre 1998), 8.
  49. Bibbia e Storia, La Bibbia: 3000 anni di manoscritti
  50. Pierre Deshusses, Antologia della letteratura tedesca , Dunod, Paris 1996, p.  67
  51. Bibbia e la storia, la divulgazione della Bibbia in Europa .
  52. O'Malley John , Il Concilio di Trento. Miti, malintesi e conseguenze indesiderate , stampa gregoriana e biblica,, 42  pag. ( ISBN  978-88-7839-255-7 , presentazione online ) , p.  10
  53. Daniel Radosh , The Good Book Business  " , Condé Nast (consultato il 28 marzo 2012 )
  54. (it) Russell Ash, Top 10 di tutto 2002 , Dorling Kindersley,( ISBN  0-7894-8043-3 ) , pag.  7
  55. Cervello statistico, "Statistiche bibliche"
  56. (in) Alexander C. Cook, Il piccolo libro rosso di Mao: una storia globale , Cambridge University Press,, pag.  3
  57. (in) Godfrey Oswald Library World Records , McFarland & Company,, pag.  184
  58. Statistiche sull'accesso alla Bibbia  "
  59. Studio realizzato per conto della Federazione Biblica Cattolica Internazionale in nove paesi dal titolo "Lettura delle Scritture in alcuni paesi" pubblicato nel 2008
  60. Delphine de Mallevoüe e Hervé Yannou, "La Francia è un cattivo alunno per la conoscenza della Bibbia", in Le Figaro del 28-04-2008, [ leggere online ]

Bibliografia

Articoli Correlati

testi ebraici

Bibbia cristiana

Ricerca storica ed esegetica

link esterno

Traduzioni

Edizioni ebraiche

Edizioni cristiane

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Bibbia ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Bibbia e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Bibbia su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Alfio Sala

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Bibbia

Paola Rossi

La voce su Bibbia è stata molto utile per me, Grazie

Ezio Milani

Le informazioni fornite su Bibbia sono veritiere e molto utili. Bene

Federica Mariotti

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Bibbia, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì