Baghdad



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Baghdad sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Baghdad. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Baghdad e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Baghdad. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Baghdad qui sotto. Se le informazioni su Baghdad che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Baghdad
(ar) ا
5628442718 b10fc2c47f o.jpg
جامع الحيدر انة. Jpg
Amministrazione
Nazione Bandiera dell'Iraq Iraq
Provincia Baghdad
Sindaco Zekra Alwach
Demografia
Bello Baghdadian
Popolazione 10.710.350  ab. (2012, stima)
Densità 9.445  ab./km 2
Geografia
Informazioni sui contatti 33 ° 20 00 ″ nord, 44 ° 26 00 ″ est
Altitudine 46  m
La zona 113.400  ettari  = 1.134  km a 2
Posizione
Geolocalizzazione sulla mappa: Iraq
Vedi sulla mappa amministrativa dell'Iraq
Localizzatore di città 11.svg
Baghdad
Geolocalizzazione sulla mappa: Iraq
Vedere sulla carta topografica dell'Iraq
Localizzatore di città 11.svg
Baghdad

Baghdad e Baghdad (in arabo  : بغداد , Baghdad , / b ha ɣ di un ː d / ) è il capoluogo della dell'Iraq e provincia di Baghdad . Si trova nel centro-est del paese ed è attraversato dal Tigri . I suoi abitanti sono chiamati "Baghdadians".

Con un'area urbana che comprende nel 2012 una popolazione stimata di 10 milioni di abitanti, è la città più grande dell'Iraq, nonché la seconda città più popolosa del mondo arabo e del Medio Oriente (dietro il Cairo in Egitto ). È un crocevia di comunicazioni aeree, stradali e ferroviarie di grande importanza strategica per questo Paese.

Le origini delle attuali città risale almeno al VIII °  secolo, probabilmente con la presenza di diverse case di habitat piccoli precedenti risalenti al periodo pre-islamico. E 'stata la capitale del dell'impero abbaside dal VIII °  secolo e di un centro di cultura e importanti conoscenze per secoli, fino alla metà del XIII °  secolo. Baghdad è stata, dal 2003 , il centro di un violento conflitto a causa della guerra in Iraq . Divenne una città di enclavi fortificate governate da soldati dell'esercito iracheno, ufficiali di polizia federale, ufficiali di polizia locale e guardie di sicurezza private.

Etimologia

L'origine del nome "Baghdad" e il suo significato sono controversi: autori arabi classici, seguiti da scrittori moderni, propendono per un'origine persiana, la spiegazione più spesso avanzata è che la parola significa "dato da Dio" in persiano antico; l'alta stima degli Abbasidi per la cultura persiana potrebbe spiegare l'adozione di un nome di origine persiana per la capitale di un califfato arabo. Tuttavia, è stato proposto anche l'etimo assiro-aramaico "fortezza dell'aquila".

Questo nome è all'origine della parola baldacchino , che designa prima la seta di Baghdad ( Baldac o Baudac nel Medioevo ), poi una tenda da letto.

La città è stata ufficialmente chiamata Madīnat as-Salām (Città della pace) dal suo fondatore, il califfo Al-Mansour . Era anche conosciuta con i nomi di Madīnat al-Anwār ("Città delle luci"), ʿĀsimat ad-Dunyā ("capitale o centro del mondo") la città rotonda e la città di Al Mansour .

Geografia

Luogo

Baghdad si trova sulle rive del Tigri, che è la sua prima fonte d'acqua, dove si avvicina di più all'Eufrate , una trentina di chilometri a ovest della città.

Il terreno su cui è stata edificata la città è di origine alluvionale . Piana e di bassa quota, è soggetta a numerose alluvioni periodiche.

Problema con l'acqua

Considerata dall'aspetto geopolitico e idrologico, la Mesopotamia riunisce due paesi, Iraq e Siria . La caratteristica del bacino mesopotamico risiede nella lontana origine delle sue acque fluviali, che hanno origine nelle montagne turche e iraniane. La posizione geografica dell'Iraq lo rende vulnerabile poiché è circondato da paesi ( Turchia , Siria , Iran ) in grado di interromperne l'approvvigionamento idrico. Ecco come la questione dell'acqua è nella politica estera di Baghdad al centro di incessanti tensioni. Dopo la guerra in Iraq il problema dell'acqua è peggiorato. In alcuni quartieri l'acqua corrente non è disponibile per più di due ore al giorno. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha portato avanti per molti anni importanti progetti per migliorare l'accesso all'acqua potabile sicura, compresa la distribuzione giornaliera, tramite autocisterne, a migliaia di sfollati interni vicino a Madinat al-Sadr ( Sadr City ), a Bagdad. Dopo anni di abbandono, anche l'impianto idrico ha subito danni più recenti dovuti alle vibrazioni provocate da bombe e cisterne di passaggio. Stime recenti delle Nazioni Unite (ONU) mostrano che quasi il 94% dell'acqua di Baghdad viene persa a causa di perdite. L'approvvigionamento idrico, i servizi igienici, l'elettricità ei servizi sanitari nell'Iraq centrale e meridionale sono stati particolarmente colpiti da saccheggi e saccheggi durante le caotiche settimane successive alla caduta dell'Iraq.

Tempo metereologico

Il clima desertico di Baghdad è in realtà una delle regioni più calde del mondo durante l'estate, soprattutto quando spira il vento del Golfo Persico ( a luglio si arriva a circa 45  °C ). In inverno le precipitazioni sono di 136  mm e il termometro oscilla in media tra 6 e 18  °C a dicembre, e tra 4 e 16  °C a gennaio. Ci sono una dozzina di giorni di gelo all'anno, con temperature a volte piuttosto basse (minime di -6  °C ).

Storia

Califfato abbaside

Madinat as-Salam è stata fondata ex nihilo nel VIII °  secolo, nel 762 , il califfo abbaside Abu Ja'far al-Mansur e costruito in quattro anni per 100 000 lavoratori. Secondo gli storici arabi, nella sua posizione c'erano diversi villaggi preislamici, uno dei quali si chiamava Baghdad. Questo nome è menzionato nel Talmud , due secoli prima. Tuttavia, secondo lo storico Thierry Murcia , l'edizione del Talmud babilonese sarebbe successiva a quanto attualmente previsto. Risale solo alla seconda metà del VIII °  secolo o all'inizio del IX °  secolo dC. Murcia ritiene inoltre che “questo lavoro editoriale avrebbe potuto essere completato anche nella stessa città di Baghdad”, il che potrebbe spiegare i ripetuti riferimenti a questa metropoli nel corpus dei testi rabbinici. Dopo la presa del potere da parte degli Abbasidi a danno degli Omayyadi di Damasco nel 750 , il luogo viene scelto per fondare la capitale del califfato . Anche se, dal X °  secolo, ha rivali in questa funzione, prima Il Cairo (con la dinastia dei Fatimidi ) e Cordoba , con la nuova califfato omayyade , agisce come una delle capitali del l'Islam e rimarrà tale fino alla metà del XIII °  secolo.

La Baghdad degli Abbasidi era una città rotonda, le cui dimensioni sono state oggetto di numerose e diverse stime da parte di autori arabi. Il suo diametro era probabilmente di 2.534  m . Aveva quattro porte: la porta della Siria a nord-ovest, la porta di Bassora a sud-ovest, la porta Koufa a sud-est e la porta Khorasan a nord-est. Era protetto da un fossato largo venti metri e da un doppio recinto circolare che, oltre alle quattro porte, aveva 112 torri. Il palazzo, la moschea e la caserma erano al centro, mentre uno o due anelli di abitazioni si trovavano tra i due bastioni. La città rotonda era dominata dalla cupola verde del palazzo, alta 48,36 metri. Questa cupola che fece la gloria di Baghdad sarebbe crollata nel 941 a causa di un fulmine . Furono costruiti anche sobborghi extramurali, compreso il distretto di Karkh, a sud della città rotonda, dove si trovavano i mercati. La città rotonda fu abbandonata piuttosto rapidamente dal califfo e dalle sue amministrazioni, e nei sobborghi furono costruiti palazzi. Già nel 773 , Al-Mansur costruì un nuovo palazzo nel nord - est, Al-Khuld , il cui nome ricordava il paradiso.

Quando la città divenne un enorme insediamento, la cui popolazione irrequieta ispirò la diffidenza del Califfo, nel 774 Al-Mansur spostò i mercati in un nuovo distretto a sud della Città Rotonda, che fu chiamato Al-Karkh, tra il Sarat e i Canali. È un. Sempre sotto il suo regno, fu costruito un accampamento militare sulla sponda orientale del Tigri per suo figlio, dal quale prese in prestito il nome, ʿAskar Al-Mahdi o "campo di Al-Mahdi", nel distretto che in seguito fu chiamato Al-Rusafa .

Sotto Harun al-Rashid , quinto califfo della dinastia abbaside, i membri della famiglia Barmakids ricoprirono la carica di visir . Jafar costruì sulla riva orientale del Tigri a sud-est di Baghdad un palazzo che avrebbe svolto un ruolo importante nell'ulteriore sviluppo della città.

Nel 813 , il califfato è stato lacerato da una guerra civile tra i due figli di Harun al-Rashid , Al-Amin e Al-Ma'mun . Si è conclusa con l' assedio di Baghdad  (in) dalle forze di Al-Ma'mun. Durò quattordici mesi. Di fronte alla feroce difesa della popolazione, gli assedianti distrussero gran parte della città rotonda, che non si riprese mai.

Da Al-Muʿtasim (833-842), i califfi abbasidi acquistarono schiavi turchi, chiamati ghulam , per formare un esercito dal quale si aspettavano più lealtà che dai loro sostenitori Khorassani . Gli scontri erano frequenti tra queste truppe turbolente e la popolazione di Baghdad. Questo califfo decise quindi di trasferire la sua capitale a Samarra . Nel 865 , il califfo di Al-Musta`in , che era sempre più sotto la tutela della turchi , ha lasciato Samarra e ritornò a Baghdad. I turchi non la sentirono così e scelsero al-Mutazz come nuovo califfo. Baghdad era di nuovo sotto assedio. Il governatore della città, Mohammed ibn Abadalla ibn Tahir , fortificò la città e arruolò tutti gli abitanti in sua difesa. Affamato ed esausto per la durata dell'assedio, la popolazione ha espresso il suo malcontento e sono scoppiate rivolte. Il governatore Tahir, mentre protestava per la sua lealtà ad Al-Musta`in, iniziò i negoziati con i turchi. In 866 , 'Al-Musta`in fu deposto e poi giustiziato.

La partenza del califfo non aveva indebolito la vitalità commerciale e lo splendore intellettuale di Baghdad, dove il califfo Al-Mutamid tornò definitivamente nell'892 . Si stabilì nell'ex palazzo di Jafar il Barmakid. Dopo la sua costruzione, fu trasferito ad Al-Manum , che lo diede a sua volta a uno dei suoi principali servitori, Al-Hasan ibn Sahl  (in) . Prese poi il nome di Palazzo Hasani. Fu poi occupato da sua figlia Buran , vedova di Al-Mamun, fino al ritorno a Baghdad di al-Mutamid . A questo palazzo ne furono aggiunti altri: al-Firdus ("paradiso"), al-Taj ("corona") e al-Thuraya ("Pleiadi"), collegati al palazzo al-Hasani da un corridoio sotterraneo. Questo insieme divenne nel tempo il Dar al-Khalifa ("casa del Califfato").

Fu a Baghdad che la più antica casa di saggezza ( Bayt al-hikma ) fu fondata nell'832 , durante il regno di Al-Mamun . È una struttura particolarmente attiva, specializzata nella traduzione di opere in greco , pehlevi e siriaco . Studiosi arrivarono lì da tutto l'impero abbaside, facilitando l'introduzione della scienza persiana , greca e indiana nel mondo arabo-musulmano di quel tempo. Astronomi, matematici, pensatori, studiosi, traduttori, lo frequentano, e tra questi, al-Khwarizmi , Al Jahiz , al Kindi , Al-Hajjaj ibn Yusuf ibn Matar e Thābit ibn Qurra .

Diventa il fulcro del grande commercio:

Baghdad importa anche schiavi ( slavi , turchi , africani ) e materie prime (legname da costruzione, ferro ) ed esporta materie prime ( allume ) e artigianato (tessuti, oggetti in vetro e metallo, tra gli altri).

Alcuni storici considerano i dati demografici di Baghdad come la prima città al mondo a raggiungere una popolazione di un milione di abitanti tra l' VIII ° e IX TH  secoli (la capitale cinese Chang'an ( Xi'an ), capolinea della Via della Seta , era anche una città molto grande in quel momento). Indebolito da disordini politici, il suo posto di "la città più popolosa del mondo" probabilmente è deliziato da Cordoba al X °  secolo. La popolazione dell'ex "capitale" dei Franchi , Aix-la-Chapelle , è stata stimata in circa 10.000 allo stesso tempo.

Nel x °  secolo, sotto l'influenza di fuoco e ricorrenti alluvioni, per non parlare della rimozione dei califfi, la città unificata si trasforma in una serie di distretti semi-autonome separate da un sacco vuoto, rovine e giardini. Questo fenomeno è accompagnato da un divario religioso, alcuni quartieri sono sciiti , altri sunniti . Verso la metà del secolo, sotto il regno di deboli califfi reclusi nei loro palazzi, Baghdad fu consegnata all'anarchia e agli scontri settari tra sciiti e sunniti. Nel 945 , un principe sciita Bouyid originario di Daylam , si impadronì della città e mise sotto tutela il califfo Al-Mustakfi . Divenne amîr al-umarâ ' ("emiro degli emiri") e prese il titolo onorifico di Mu`izz ad-Dawla ("conforto della dinastia"). Si fece costruire un palazzo nel distretto spopolato di Shamasiya sulla sponda orientale del Tigri. Costruì anche sui siti dell'antico palazzo Khuld, un ospedale, il Bimaristan Adudi , che all'epoca divenne il più famoso nel mondo musulmano . Uno dei suoi successori, Adhud ad-Dawla , costruì un complesso ancora più sontuoso, i cui giardini si estendevano fino al Tigri. Continuano i conflitti confessionali. Durante una sommossa particolarmente violenta, nel 1051 , la moschea sciita di Kadhimiya , che ospitava i resti del settimo e del nono imam sciiti, fu incendiata dai sunniti. Nel 1055 , il turco selgiuchide Toghrul-Beg , richiesto dal califfo, scacciò senza troppe difficoltà la dinastia dei Bouyid, minata da dissensi interni. Dopo aver assunto il titolo di sultano, i selgiuchidi mostrarono relativamente poco interesse per il loro nuovo possesso. Nominarono un governatore di Baghdad, dove risiedevano raramente. Hanno preso la visione opposta dei Bouyides e hanno sostenuto i sunniti. Il progressivo indebolimento dei Selgiuchidi ha spinto i califfi della fine del XII °  secolo per riaffermare la propria autorità. Nel 1157 , il sultano Muhammad, irritato dal desiderio di indipendenza del califfo Al-Muqtafi , venne ad assediare Baghdad. Dopo quasi tre mesi, di fronte all'energica difesa della città, tolse l'assedio. L'evento ha segnato la fine del dominio selgiuchide a Baghdad.

Alla fine del XI °  secolo, Baghdad era composto da due parti principali:

  • sulla sponda orientale del Tigri , gli abitanti di Rusafa, si stabilirono più a sud, dove si formò un nuovo distretto, Muktadiya , vicino ai palazzi del califfo. Il tutto fu dotato di un recinto da Al-Mustazhir nel 1095 . Nel 1221 , il califfo An-Nasir rinnovò le fortificazioni alle quali affiancava i bastioni . Si conserva ancora una sola porta: Bab al-Wastani la cui torre è alta 14,5 metri e ha una circonferenza di 56 metri;
  • sulla sponda occidentale, della città rotonda non rimaneva quasi nessuna traccia, ad eccezione della grande moschea. Khark, d'altra parte, ha continuato a prosperare.

Il declino di Baghdad fu accentuato quando fu devastata dai mongoli di Houlagou Khan nel 1258 , dopo un assedio di 20 giorni dal 20 gennaio al 10 febbraio , durante la battaglia di Baghdad . L'intera città fu disarmata e la sua popolazione massacrata. La Bayt al-Hikma , o casa della saggezza, fu saccheggiata e il suo contenuto gettato nel Tigri  : trattati filosofici, libri d'arte, poesia e storia, opere scientifiche e matematiche - la ricchezza intellettuale di diversi secoli. Si dice che quando il saccheggio mongolo terminò, la Tigre era nera come la pece . Il califfo Al-Musta'sim fu ucciso dagli invasori. Questo evento costituì una rottura nella storia di Baghdad, che cessò definitivamente di essere la sede del califfato.

Dai mongoli agli ottomani

La città non era altro che l'ombra di se stessa, ma sopravvisse. Fino al 1339 fece parte del dominio della dinastia mongola degli Ilkhanidi . Il famoso viaggiatore Ibn Battuta lasciò in questo periodo una descrizione della città. Poi Hassan Bozorg , il fondatore della dinastia Jalayirides , si stabilì lì. La città fu presa due volte da Tamerlano , la prima volta nel 1393 senza subire troppi danni. Nel 1401 , invece, fece massacrare tutti gli abitanti, risparmiando solo uomini di religione. Dal 1410 al 1507 Baghdad cadde nelle mani dei Turcomans du Mouton noir e dei Turcomans du Mouton blanc . La città non è mai caduta così in basso. Lo storico egiziano Al-Makrizi scrisse nel 1437 che non meritava il nome di città. Nel 1444 , un viaggiatore veneziano, Nicolò de Conti , la confuse, come altri europei, con Babilonia .

Nel 1507 , Baghdad fu occupata dai Safavidi persiani. Cadde poi nelle mani degli Ottomani  : Solimano il Magnifico se ne impadronì nel 1534 . Baghdad si ribellò contro di loro nel 1623 e poi, durante la terza guerra turco-safavide (1623-1639) , subì un lungo assedio e fu presa solo nel 1638 da Mourad IV . Questo assedio, durato 39 giorni e mobilitato decine di migliaia di uomini, ebbe un impatto fino alla Francia , poiché compare nel primo numero della Gazzetta di Théophraste Renaudot  : è l'atto finale del conflitto tra ottomani e persiani.

Dopo il 1638 , infatti, le guerre tra Ottomani e Safavidi conobbero una lunga tregua. Tra il 1638 e il 1704 Baghdad fu governata da 34 pascià , quasi tutti incompetenti o crudeli. Ridotto allo stato di insignificante villaggio ai confini dell'Impero ottomano , perennemente minacciato dalle tribù beduine dei dintorni, contava solo circa quindicimila abitanti. Nel 1704 un uomo energico, Hassan Pasha , fu nominato governatore di Baghdad. Si impegnò a comprare giovani schiavi per formare un esercito di mamelucchi . Ben presto abbatté le tribù beduine ed estese il suo potere da Mosul a nord a Bassora a sud. Suo figlio, Ahmed , gli successe nel 1723 , con grande dispiacere del governo di Costantinopoli, che esercitò solo un'autorità nominale su Baghdad. Nel 1733 , Ahmed affrontò una seria minaccia: il nuovo sovrano di Persia , Nâdir Châh , venne ad assediare Baghdad, contando sulla carestia per costringere la città alla resa. Deve la sua salvezza solo all'arrivo di un esercito di soccorso ottomano. Anche un nuovo tentativo persiano nel 1744 si concluse con un fallimento. Dopo la morte di Ahmed, il potere dei Mamelucchi, che ricoprirono tutte le posizioni importanti, durò fino al 1831 . Nel marzo di quest'anno Baghdad è stata colpita da un'epidemia di peste , seguita ad aprile da un'alluvione del Tigri particolarmente devastante, che ha spazzato via parte delle mura e 7.000 case. Tra la metà ei due terzi della popolazione scomparvero. Il sultano Mahmud II colse l'occasione per ripristinare l'autorità della Sublime Porta. I Mamelucchi furono sterminati e un governatore nominato direttamente da Costantinopoli.

All'interno dell'Impero ottomano, che cercava di riformarsi, Baghdad stessa iniziò a modernizzarsi. La popolazione aumentò gradualmente. Nel 1853 , è stato stimato a 60 000 nel Anno 1877 a 70 o 80 000 alla fine del XIX °  secolo, a 100 000. Le potenze europee ha cominciato ad interessarsi: un residente britannico di nome dai British East India Company orientali si erano stabiliti lì nel 1798 . Nel 1862 , gli inglesi crearono una compagnia di piroscafi che assicurava il collegamento tra Baghdad e Bassora sul Tigri. Sotto il governo illuminato di Midhat Pasha , una linea di tram collegava Baghdad a Kadhimiya. Questo pascià creò anche la prima casa editrice e il primo giornale a Baghdad, oltre a scuole. Ha anche istituito un consiglio comunale eletto. Una decisione sfortunata per il patrimonio di Baghdad è stata la demolizione delle mura secolari della città nel 1868 , per trasformarle in viali che non hanno mai visto la luce del giorno.

Durante la prima guerra mondiale gli ottomani entrarono nel conflitto a fianco dei tedeschi . Dopo che un corpo di spedizione britannico subì una terribile sconfitta a Kut nel 1916 , il governatore di Baghdad decise di tracciare attraverso la rete di vicoli sulla sponda orientale un'ampia (approssimativamente) diritta arteria, per facilitare il movimento delle truppe. Questa arteria, che in seguito fu chiamata Rue Rachid , trasformò radicalmente il paesaggio della città.

Dal mandato britannico alla caduta della monarchia

Il 11 marzo 1917, un corpo di spedizione britannico entra a Baghdad, capitale della Mesopotamia ( attuale Iraq ), e scaccia i turchi ottomani . Durante la conferenza di Sanremo (1920) , la Gran Bretagna ricevette un mandato dalla Società delle Nazioni per amministrare tre vilayet ottomani (Baghdad, Bassora e Mosul).

Nel 1921 Baghdad fu dichiarata capitale del nuovo regno dell'Iraq .

Nell'aprile del 1941 , Rachid Ali al-Gillani , un politico anti-britannico, contando sul sostegno tedesco, organizzò un colpo di stato. Gli inglesi si vendicarono inviando un corpo di spedizione che raggiunse Baghdad il 31 maggio . La notte del 1 °  giugno , un violento pogrom scoppiata nella capitale. Durante questi eventi, noti come Farhoud , furono uccisi circa 200 ebrei , spesso in modo orribile.

Negli anni '50 , grazie alla manna dell'olio, sono nati molti progetti architettonici o urbanistici. Alcuni ci riuscirono, come il Museo Nazionale dell'Iraq progettato negli anni '30 dall'architetto tedesco Werner March , che fu completato vent'anni dopo. Altri non furono mai realizzati, come il progetto di Le Corbusier per una città olimpica, di cui fu finalmente costruita solo la palestra sotto Saddam Hussein, o anche i piani di Frank Lloyd Wright per una nuova Baghdad.

Il 14 luglio 1958, la monarchia fu rovesciata con un colpo di stato guidato dal generale Kasem . Il re Faisal II fu ucciso insieme all'intera famiglia reale. I corpi mutilati del principe ereditario Abd al-Ilah e del primo ministro Nouri Said sono stati esposti nelle strade di Baghdad.

Dall'avvento della repubblica alla caduta di Saddam Hussein

Nel 1968 , un colpo di stato permette al partito Baath di prendere il potere. Nel 1979 , Saddam Hussein divenne presidente. Durante la guerra Iran-Iraq ( 1980 - 1988 ), Baghdad era lontana dalla zona di combattimento, ma, dal 1985 , durante la "guerra delle città", fu colpita da missili terra-terra gli iraniani, che minarono il morale di la popolazione.

Un elicottero della US Army che volano sopra Baghdad.

Dopo la guerra in Iraq il problema dell'acqua è peggiorato. In alcuni quartieri l'acqua corrente non è disponibile per più di due ore al giorno. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) conduce, da molti anni, importanti progetti per migliorare l'accesso all'acqua pulita.

Durante l' Operazione Iraqi Freedom , dopo 21 giorni di bombardamenti, le forze americane , dopo aver incontrato una debole resistenza alle porte di Baghdad, presero il controllo della città da. Questo è simboleggiato da una gigantesca statua di Saddam Hussein abbattuta da un carro armato americano in diretta davanti ai media. Lo stesso giorno sono iniziati i saccheggi, in particolare al Museo Nazionale dell'Iraq , negli ospedali e negli edifici amministrativi.

Dopo Saddam

Dal 2003 , la città è stata colpita da attacchi terroristici e violenze, che hanno portato alcuni a paragonarla a una pulizia etnica, con membri delle varie comunità sciite e sunnite raggruppate in quartieri separati.

Formazione scolastica

La Mustansiriya Madrasah è stata fondata nel 1227 dal califfo Al-Mustansir. L'edificio è stato ribattezzato al-Mustansiriyah University nel 1963 . È la più grande università in Iraq e la seconda più grande del mondo arabo.

Il college di Baghdad , fondato nel 1932, è una scuola d'élite per ragazzi dagli 11 ai 18 anni.

Prima della Guerra del Golfo , la città ospitò diverse scuole internazionali tra cui:

  • Scuola Francese di Baghdad;
  • Deutsche Schule Baghdad;
  • Scuola giapponese di Baghdad (バ グ ダ ッ ド 日本人 学校).

Università

Oltre all'Università Al-Mustansiriya, la città ospita anche altre università:

Cultura

Baghdad ha sempre brillato attraverso la sua cultura in tutto il mondo arabo e non solo, avendo accolto, ispirato e svolto il ruolo di mecenate per molti artisti. Molti artisti del mondo arabo hanno frequentato la città, come Nizar Kabbani , Oum Kalthoum o Fairuz .

Il dialetto arabo di Baghdad differisce dagli altri centri urbani in Iraq  ; contiene più caratteristiche specifiche dei dialetti nomadi, questo è probabilmente dovuto ai molteplici esodi e ripopolamenti che la città conobbe durante il Medioevo.

La città è sede di un teatro, il Teatro Nazionale irachena  (a) , che i danni con esperienza con la guerra nel corso del primo decennio del XXI °  secolo, in cui il prodotto è Orchestra Nazionale  (in) dal 1944 .

Il teatro nazionale ha guadagnato slancio negli anni '90 quando sono arrivate le sanzioni delle Nazioni Unite sull'importazione di film stranieri.

Ospita una Scuola di Musica e Balletto e Istituto di Belle Arti .

Sono presenti anche musei, che ospitano molti tesori dell'antichità e delle civiltà estinte.

Radiosità intellettuale

Baghdad occupò, nei primi secoli successivi alla sua fondazione, un posto preponderante nella produzione letteraria, artistica e intellettuale arabo-musulmana, sotto il patrocinio degli alti dignitari della corte abbaside . La scuola Mustansiriya , costruita dal califfo abbaside Al-Mustansir bi-llah , è considerata una delle più antiche università arabo-islamiche dove le scienze del Corano dalla tradizione di Maometto , le dottrine islamiche, le scienze della lingua araba , la matematica , i precetti dell'Islam e le varie discipline della medicina . La città sta rapidamente diventando il principale centro culturale del mondo, accogliendo quasi un milione di persone. A metà del IX °  secolo ha creato la Casa della Sapienza dove si effettua la traduzione di grandi filosofi greci e la gente viene da Europa o in altre parti del mondo a specializzarsi in medicina , in fisica , in astronomia , in meteorologia , in matematica e in tutti i campi.

Monumenti e luoghi

  • Abbaside Palazzo ( XII °  secolo);
  • moschea Abu Hanîfa  ;
  • Università al-Mustansiriyah ( XIII °  secolo);
  • il Khan Mirjan è un edificio in mattoni costruito nel 1359 dal governatore di Baghdad, Amin ud-Din Mirjan. Fu concepito per fungere da caravanserraglio , le cui entrate sarebbero andate alla fondazione ( Waqf ) creata per il mantenimento della Madrasa Mirjaniyya , come ricorda l'iscrizione sopra la porta d'ingresso. L'edificio di 31,5  m per 45 m ha due piani disposti intorno ad uno spazio centrale, le cui volte salgono a 14,5  m . Negli anni '90 , il governo iracheno ha apportato modifiche per farne un ristorante;
  • madrasa Mirjaniyya (1357);

Amministrazione

La città ha dieci distretti amministrativi. Ogni distretto è diviso in quartieri. Sono 89 in tutto. La Tigre divide la città in due parti:

Demografia

L' VIII ° al XIII °  secolo Baghdad era la più grande metropoli del suo tempo. Intorno all'anno 900 , la popolazione di Baghdad era stimata intorno a 1 milione. Nel 1900 la popolazione era stimata in 145.000 abitanti, 580.000 nel 1950 . Nel 2001 , la popolazione dell'agglomerato di Baghdad era stimata in 4.958.000 abitanti.

Anno Popolazione Anno Popolazione
1800 80.000 1935 287.000
1860 105.000 1947 352.000
1870 100.000 1957 490.496
1880 60.000 1965 1.523.302
1885 180.000 1977 2.888.000
1890 145.000 diciannove ottantuno 3.300.000
1900 145.000 1987 3.841.268
1910 225.000 1995 4,478,000
1920 250.000 2008 5.258.000
1930 250.000 2010 5.402.000

Economia

Banca centrale di Iraq a Baghdad nel giugno 2003.

Baghdad è il centro industriale del paese e il suo crocevia per le comunicazioni aeree, stradali e ferroviarie. Dodici ponti consentono l'attraversamento del fiume Tigri. Ci sono raffinerie di petrolio, colture agricole, concerie e altre industrie tessili. La città produce vestiti, utensili per la casa, gioielli, articoli in pelle e feltro e tappeti venduti nei souk (mercati arabi). Questi souk con stretti vicoli formati da piccole botteghe e bancarelle fanno parte della storia della città e ne sono caratteristici.

Trasporti

Trasporto aereo

Baghdad è servita da un aeroporto internazionale situato a circa 20  km a sud - ovest del centro della città.

Trasporto ferroviario

La capitale irachena era servita dal 1903 in treno dalla città turca di Konya dalla linea denominata " Berlino- Bagdad Railway ". La linea è stata sospesa dalla seconda guerra mondiale . Attualmente il treno arriva a Baghdad da nord ( Samarra ) e da sud ( Kut ) presso la Stazione Internazionale, sulla sponda occidentale, un magnifico edificio in stile Art Déco eretto tra il 1947 e il 1951 dalla ditta britannica Wilson & Mason Partners .

Trasporto urbano

Religione

Fino al 2003 e all'invasione guidata dagli Stati Uniti , sciiti , sunniti e cristiani si sono mischiati in molte parti della città. Dopo un'esplosione di violenza interreligiosa, i quartieri furono divisi in base alla religione; gli sciiti hanno aumentato il loro dominio. Quanto ai cristiani, in Iraq il loro numero si è dimezzato.

Violenza

Dopo la caduta del regime di Saddam Hussein e l'ingresso dell'esercito americano in città, Baghdad ha registrato un aumento della violenza e l'aumento del numero di attentati suicidi e autobombe.

Nel 2009, una classe messicano ONG come il 10 °  città più pericolosa del mondo dietro di Baltimora negli Stati Uniti.

Alla fine del 2010, la violenza era diminuita del 90% rispetto al record di 240 incidenti al giorno nel 2007. Le esplosioni sono ancora in corso. I soldati e la polizia sono ora tenuti a seguire un addestramento per identificare e disinnescare gli esplosivi.

Nel 2015 Baghdad è considerata la città più pericolosa al mondo con 380 attacchi terroristici in un anno.

Gli sport

Baghdad è la sede delle più grandi squadre di calcio irachene, Al Qowa Al Jawia , Al Zawra , Al Shorta , Al Talaba . La città è anche sede dello Shaab Stadium (Stadio del Popolo) inaugurato nel 1966 , lo stadio più grande dell'Iraq con una capienza di 45.000 persone; questo stadio stesso si affaccia sullo Shaab Gymnasium, progettato e costruito nel 1980 secondo i piani di Le Corbusier (vedi sopra), e che ospita la sede della Federazione nazionale di pallacanestro irachena. La città ha anche mostrato un forte gusto per le corse dei cavalli fin dalla prima guerra mondiale , anche se gli islamisti hanno cercato invano di interrompere questa tradizione ereditata dall'occupazione britannica.

Turismo

personalità

Prima del 1300

1800-1900

1900-2000

Gemellaggio

Note e riferimenti

Marie-Nicolas Bouillet e Alexis Chassang (dir.), “Bagdad” nel Dizionario Universale di Storia e Geografia ,( leggi su Wikisource )

  1. Ministero dell'Europa e degli Affari Esteri , Gazzetta ufficiale della Repubblica francese: Bollettino ufficiale del Ministero degli Affari Esteri  " [PDF] , il diplomatie.gouv.fr ,(consultato il 7 aprile 2021 ) , p.  7
  2. Enciclopedia dell'Islam , volume I, p.  921 .
  3. [1] .
  4. la civiltà arabo-islamica .
  5. Alto Consiglio per la cooperazione internazionale, il Medio Oriente e l'acqua (consultato il 31 ottobre 2006).
  6. Geografia dell'Iraq .
  7. Météo France .
  8. C'era una volta c'era Baghdad .
  9. Richard Gottheil e Samuel Krauss, “  Enciclopedia ebraica, articolo di Baghdad  ” ,(consultato il 27 settembre 2008 ) .
  10. Thierry Murcia , Gesù nel Talmud e nella letteratura rabbinica antica , Turnhout , Brepols , 2014, p.  678 , nota 33.
  11. Enciclopedia dell'Islam , volume I, p.  923 .
  12. Sourdel 1999 , p.  36.
  13. Marozzi 2014 , p.  21.
  14. Souleymane Bachir Diagne Islam e società aperta: lealtà e movimento nella filosofia di Muhammad Iqbal Maisonneuve & Larose, 2001 ( ISBN  978-2-7068-1472-3 ) .
  15. (it) Le città più grandi nella storia .
  16. Marozzi 2014 , p.  106.
  17. Coca Cola 1935 , p.  115.
  18. Coca Cola 1935 , p.  120.
  19. Baghdad in Iraq, Patrimonio dell'Umanità (consultato il 3 novembre 2006).
  20. Storia di Baghdad, su Internet .
  21. Marozzi 2014 , p.  170.
  22. R. Murphey, Guerra ottomana, 1500-1700 , Londra, UCL Press, 1999, p.  105-131 .
  23. Marozzi 2014 , p.  235.
  24. Coca Cola 1935 , p.  288-289.
  25. Gli inglesi entrare Baghdad .
  26. Marozzi 2014 , p.  328-329.
  27. La storia di Baghdad .
  28. Iraq: culla della civiltà .
  29. pittoresca Francia .
  30. Fathi 1979 , p.  23.
  31. Fathi 1979 , p.  21.
  32. [2] .
  33. Cfr. Caecilia Pieri, “  A proposito del ginnasio Le Corbusier a Baghdad: scoperta degli archivi edilizi (1974-1980)  ”, Les Carnets de l'Ifpo. La ricerca in corso presso l'Istituto francese del Proche-Orient (hypotheses.org), [consultato il 12 giugno 2012].
  34. Zoo di Baghdad , Global Security.org.
  35. Baghdad, l'età d'oro .
  36. Enciclopedia Larousse .
  37. (fr) Agence France-Presse, Messico: Ciudad Juarez, la città più pericolosa del mondo  " , su http://www.leparisien.fr ,(consultato il 28 agosto 2009 ) .
  38. (in) "Rivelato: le città del mondo con maggiori probabilità di essere colpite da un attacco terroristico" , The Telegraph .
  39. (ar) "مرصد الحريات الصحفية" , in ا ,( leggi in linea )

Appendici

Articoli Correlati

Bibliografia

  • Caecilia Pieri, Baghdad, la costruzione di una capitale moderna, 1914-1960 , Presses de l'Ifpo, 2015, 440 pagine, quasi 800 illustrazioni ( ISBN  978-2-35159-399-8 ) ( ISSN  2225-7578 ) .
  • Mina Marefat, Caecilia Pieri, Gilles Ragot, Le Gymnase de Le Corbusier à Bagdad , 2014, Heritage Editions, Regards collection (versioni francese e inglese), Presses de l'Ifpo (edizione araba) ( ISBN  2757703013 ) .
  • Caecilia Pieri, Baghdad Arts Deco, Architectural Brickwork 1920-1950 , American University of Cairo Press, 2009 ( ISBN  9789774163562 ) .
  • (it) Justin Marozzi , Baghdad, City of Peace, City of Blood , Penguin books,.
  • Reuven Snir , Baghdad - La Città in versi , Cambridge, MA: Harvard University Press, 2013. Questa antologia raccoglie poesie scritte da autori beduini, cristiani musulmani, curdi e gli ebrei VIII °  secolo ad oggi e tradotto dall'arabo [3] .
  • ( fr ) Richard Coke , Baghdad. La città della pace , Thornton Butterworth, Ltd,.
  • (it) Ihsan Fathi , Il patrimonio architettonico di Baghdad , Centro culturale iracheno,.
  • Enciclopedia dell'Islam , Volume I (AB), Brill, Leida, 1960.
  • Dominique Sourdel , Lo stato imperiale dei califfi abbasidi ,.
  • M gr Jean Benjamin Sleiman , nella trappola irachena il grido del cuore dal Arcivescovo di Baghdad ( ISBN  2.750.902,401 mila ) .
  • Aymeric Caron , inviato speciale a Baghdad durante la guerra , marzo-aprile 2003, edizioni L'Harmattan, novembre 2003, 246 p. ( ISBN  2-7475-5245-4 e 9782747552455 ) ( OCLC 62089747 ) (avviso BnF n o  FRBNF39098116 ) .
  • Jean-Louis Dufour , Crisi internazionali: da Pechino (1900) a Baghdad (2004) ( ISBN  2804800229 ) .
  • Jean Reinert , Gli amanti di Bagdad , Parigi, Gallimard,, 120  pag. ( ISBN  2-07-078117-8 ).
  • Caecilia Pieri , Bagdad Arti decorative : architetture in mattoni 1920-1950 , Parigi, L'Archange Minotaure, coll.  "L'anima del mondo",, 151  pag. , 31 cm ( ISBN  978-2-35463-032-4 , avviso BnF n o  FRBNF41381226 , presentazione online ).
  • Pierre Marthelot, “Appunti di Bagdad sulla geografia urbana”, in Annales de Géographie , 1965, t. 74, n .  401. p.  24-37 .

Filmografia

  • Baghdad, la vita nonostante tutto , film documentario di Marie-Ange Poyet e Louis-André Morand, Francia, 2005, 60 min.

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Baghdad ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Baghdad e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Baghdad su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Franco Parodi

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Baghdad scritto in modo così didascalico. Mi piace

Paola Pace

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Baghdad è quello che stavo cercando

Annunziata Re

Grazie per questa voce su Baghdad, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Baghdad, è proprio quello che mi serviva

Alessia Perrone

Finalmente un articolo su Baghdad che è facile da leggere, Grazie per questo post su Baghdad