Aristotele



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Aristotele sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Aristotele. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Aristotele e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Aristotele. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Aristotele qui sotto. Se le informazioni su Aristotele che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Aristotele
οτέλης
Immagine in Infobox.
Ritratto da un originale in bronzo di Lisippo .
Nascita
384 a.C.
Stagira
Morte
322 aC
Calcide
Formazione
Scuola/tradizione
Fondatore del Liceo , Aristotelismo , Peripatetismo
Interessi principali
Idee notevoli
Sillogismo , Potere/Atto, Materia/Forma, Sostanza/ Incidente , Categoria, Phronesis
opere primarie
Influenzato da
influenzato
La maggior parte della filosofia occidentale , islamica ed ebraica
Aggettivi derivati
Papà
Coniuge
Bambini
Nicomaque ( it )
Pythias ( d )

Aristotele (384-322 a.C.) è un antico filosofo e poliedrico greco . È con Platone , di cui fu discepolo all'Accademia , uno dei pensatori più influenti che il mondo occidentale abbia conosciuto. È anche uno dei pochi ad aver affrontato quasi tutti i campi del sapere del suo tempo: biologia , fisica , metafisica , logica , poetica , politica , retorica , etica e occasionalmente economia . In Aristotele la filosofia , in origine "amore per la sapienza", è intesa in senso più ampio come la ricerca della conoscenza per se stessa, mettendo in discussione il mondo e la scienza della scienza.

Per lui, la scienza comprende tre aree principali: scienza teorica, scienza pratica e scienza produttiva o poietica (applicata). La scienza teorica è il miglior uso che l'uomo può fare del suo tempo libero. Si compone di “filosofia primaria” o metafisica , matematica e fisica, detta anche filosofia naturale . La scienza pratica e orientata all'azione ( praxis ) è il regno della politica e dell'etica . La scienza produttiva copre il campo della tecnica e della produzione di qualcosa di esterno all'uomo. Entra nel suo ambito l' agricoltura , ma anche la poesia , la retorica e, in generale, tutto ciò che è fatto dall'uomo. La logica, invece, non è considerata da Aristotele come una scienza, ma come lo strumento che permette alla scienza di avanzare. Esposta in un'opera intitolata Organon , si basa su due concetti centrali: il sillogismo , che segnerà fortemente la scolastica , e le categorie .

La natura ( Physis ) occupa un posto importante nella filosofia di Aristotele. Secondo lui, i materiali naturali hanno in sé un principio di movimento ( in telos echeïn ). Di conseguenza, la fisica è dedicata allo studio dei movimenti naturali causati dai principi propri della materia. Oltre a ciò, per la sua metafisica, il dio dei filosofi è il primo motore, colui che mette in moto il mondo senza esserne mosso. Allo stesso modo, tutti gli esseri viventi hanno un'anima, ma ha varie funzioni. Le piante hanno solo un'anima animata da una funzione vegetativa, quella degli animali ha una funzione sia vegetativa che sensitiva, quella degli uomini è dotata anche di una funzione intellettuale.

La virtù etica, secondo Aristotele, è in equilibrio tra due eccessi. Quindi, un uomo coraggioso non dovrebbe essere avventato o codardo. Ne consegue che l'etica aristotelica è molto segnata dalle nozioni di misura e phronesis (nella saggezza francese ). La sua etica, come la sua politica e la sua economia, sono orientate alla ricerca del Bene. Aristotele, in questo ambito, influenzò profondamente i pensatori delle generazioni successive. In connessione con il suo naturalismo, lo stagirita considera la città come un'entità naturale che non può durare senza giustizia e amicizia ( philia ).

Quando morì, il suo pensiero era stato dimenticato per diversi secoli. Non è stato fino alla fine dell'antichità che è tornato alla ribalta. Dal momento che la fine dell'Impero Romano fino alla sua riscoperta nel XII °  secolo, l'Occidente, in contrasto con l' impero bizantino e il mondo musulmano, ha limitato l'accesso al suo lavoro. Dalla sua riscoperta, il pensiero di Aristotele influenzò fortemente la filosofia e la teologia dell'Occidente durante i quattro-cinque secoli che seguirono, non senza creare tensioni con il pensiero di Agostino d'Ippona . Associato allo sviluppo delle università , che inizia nel XII °  secolo, segna profondamente il cristianesimo scolastico e, per opera di Tommaso d'Aquino , il cristianesimo cattolico .

Nel XVII °  secolo, la svolta di astronomia scientifica con Galileo e Newton scredita l' geocentrica . Segue un profondo ritiro del pensiero aristotelico in tutto ciò che tocca la scienza. La sua logica, strumento della scienza aristotelica, fu criticata contemporaneamente anche da Francis Bacon . Questa critica continua del XIX °  secolo e XX °  secolo, quando Frege , Russell e Dewey rielaborazione profonda e sillogistica diffusa. Nel XIX °  secolo, la sua filosofia sta vivendo una rinascita di interesse. È studiato e commentato tra gli altri da Schelling e Ravaisson , poi da Heidegger e, dopo di lui, da Leo Strauss e Hannah Arendt , due filosofi considerati da Kelvin Knight come neo-aristotelici “pratici”. A più di 2.300 anni dalla sua morte, il suo pensiero è ancora studiato e commentato dalla filosofia occidentale.

antroponimia

Il nome francese Aristotele deriva dal nome greco Aristotélês (in greco antico  : Ἀριστοτέλης [ a r i s t o t e l ɛ ː s ] ).

È composto da aristos "il migliore" e telos "completamento, realizzazione, realizzazione".

Biografia

La vita di Aristotele è nota solo a grandi linee. La sua opera contiene pochissimi dettagli biografici e poche testimonianze dei suoi contemporanei sono giunte fino a noi. I suoi dossografi (tra gli altri Dionigi di Alicarnasso e Diogene Laerce ) sono diversi secoli dopo. Fu precettore di Alessandro Magno al quale trasmise lo spirito critico e filosofico nonché il sentimento di appartenenza all'ellenismo . Secondo i suoi biografi, in particolare Diogene Laërce , Aristotele sarebbe stato dotato di un certo umorismo e avrebbe balbettato o aveva un pelo sulla lingua.

Anni di giovinezza

Aristotele nacque nel 384 a.C. a Stagira , una città della Calcidica situata sul Golfo Strymonic in Grecia, da qui il suo soprannome di "Stagirite". Suo padre, Nicomaque , appartiene alla corporazione di Asclépiades . È il medico e l'amico del re Aminta III di Macedonia . Sua madre, Festia, una levatrice , è di Calcide , nell'isola di Eubea . La famiglia di Aristotele afferma di discendere da Machaon . Orfano di padre all'età di undici anni, fu allevato da suo cognato, Proxène d'Atarnée, in Misia . Fu in questo periodo che fece amicizia con Ermia di Attarea , futuro tiranno di Misia.

Intorno al 367, all'età di diciassette anni, fu ammesso all'Accademia di Platone  ; vi rimase per vent'anni. Platone , notando la sua acuta intelligenza, gli conferisce il diritto di insegnare retorica come precettore. Diventa anagnostico di Platone, che lo chiama "il lettore" o "l'intelligenza della scuola", in greco antico "  Nοῦς τῆς διατριβῆς  ". Ciò non impedirà ad Aristotele di respingere la teoria delle Idee di Platone, giustificandosi così: Amico di Platone, ma ancor più della verità  " . Formatosi e profondamente influenzato dai platonici, aggiunge: “sono stati gli amici a introdurre la dottrina delle Idee. […] La verità e l'amicizia ci sono entrambe care, ma è per noi un sacro dovere privilegiare la verità” .
Probabilmente Aristotele partecipò ai Misteri Eleusini .

Tutore di Alessandro Magno

Durante il periodo in cui insegnò all'Accademia, Aristotele seguì la vita politica locale, ma senza potervi partecipare a causa del suo status di metico . Quando Platone morì intorno al 348-347 aC, suo nipote Speusippo gli successe come studioso . Aristotele, seccato, parte per Atarnée con il compagno di classe Senocrate , partenza forse legata anche alla crescente ostilità verso i macedoni. Non molto tempo prima, il re Filippo II prese parte ai massacri di Olinto , città amica degli Ateniesi, e fece radere al suolo Stagira , la cui popolazione fu venduta all'asta.

Ad Atarnée en Troade , sulla costa dell'Anatolia , Aristotele si unì ad Ermia di Atarnea , amico d'infanzia e tiranno di questa città. Quando Macedonia e Atene fecero pace nel 346, Aristotele si stabilì nel piccolo porto di Asso in compagnia di Senocrate e di altri due filosofi platonici, Erasto e Corisco. Lì aprì una scuola di filosofia ispirata all'Accademia dove i suoi ascoltatori furono Callistene , Teofrasto dalla vicina Lesbo, così come Nélée , figlio di Coriscos. Continuò le sue ricerche biologiche e iniziò ad osservare la fauna marina. Dopo tre anni si recò a Mitilene , nella vicina isola di Lesbo , dove aprì una nuova scuola.

Nel 343, su richiesta di Filippo II , divenne tutore del principe ereditario, il futuro Alessandro Magno , allora tredicenne. La scelta di Aristotele da parte di Filippo dovette essere facilmente imposta, anche per i rapporti di amicizia che unirono il re di Macedonia e il filosofo fin dalla tenera età. Aristotele, enciclopedista eccezionale di questo periodo, è anche preferito al vecchio Isocrate , ai suoi due discepoli, Isocrate di Apollonia e Teopompe , nonché a Speusippo . Insegnò lettere e probabilmente politica ad Alessandro per due o tre anni al Ninfeo di Miéza . Alexander riceve lezioni in compagnia dei suoi compagni futuri in Arms: Efestione , Ptolémée , Perdicca , Eumene , Seleucos , Filota e Callisthène . Quando Alessandro divenne reggente all'età di quindici anni, Aristotele cessò di essere il suo tutore, ma rimase a corte per i successivi cinque anni. Secondo alcune fonti, Alessandro gli avrebbe fornito gli animali delle sue cacce e spedizioni per studiarlo, il che gli avrebbe permesso di accumulare l'enorme documentazione mostrata nelle sue opere zoologiche.

Intorno al 341 accolse e sposò Pizia , nipote e figlia adottiva di Ermia, rifugiato a Pella , che gli diede una figlia, anch'essa di nome Pizia, vedova nel 338 e prese in seconda moglie una di Stagira, Erpilli, la cui ha un figlio che chiama Nicomaco. L' Etica di Nicomaco , che riguarda la virtù e la saggezza, non è indirizzata al padre di Aristotele, morto da tempo, né a suo figlio che non era ancora nato al momento della scrittura, ma menziona il figlio di Nicomaco come redattore dell'Etica a Nicomaco , aiutato da Teofrasto o da Eudemo .

Aristotele tornò ad Atene nel 335, quando la città fu risparmiata da Alessandro sebbene si fosse ribellata contro l'egemonia macedone in compagnia di Tebe .

Fondazione Lycée

Aristotele fondò intorno al 335 aC la sua terza scuola, il Lycée , su un terreno in locazione, perché essendo un metic , non aveva diritto di proprietà. Il Lycée si trova in un luogo di passeggiata ( peripatos ) dove l'insegnante ei discepoli passeggiano durante il loro tempo libero. Gli aristotelici sono quindi "coloro che camminano vicino al liceo" ( Lukeioi Peripatêtikoi , Λύκειοι Περιπατητικοί ) da cui il nome della scuola peripatetica che talvolta è usata per designare l'aristotelismo. Il Lycée comprende una biblioteca, un museo o Mouseîon , nonché sale conferenze e attrezzature per lo studio e la ricerca.

Aristotele dà due tipi di lezioni: la lezione mattutina, “acroamatica” o “  esoterica  ”, è riservata ai discepoli avanzati; quello del pomeriggio, "  exoterico  ", è aperto a tutti. Vive nei boschi del Monte Licabetto .

Il suo terzo e ultimo periodo importante di produzione fu al Lycée (335-323) durante il quale scrisse probabilmente il Libro VIII della Metafisica , i Piccoli Trattati di Storia Naturale , l' Etica in Eudemus , l'altra parte dell'Etica Nicomachea (libri IV, V , VI), la Costituzione di Atene , l' Economia .

L'anno scorso

Nel 327 aC, Alessandro fece mettere in prigione Callistene , nipote di Aristotele perché si rifiutava di inchinarsi alla maniera persiana davanti a lui e perché sarebbe stato coinvolto nella congiura di Ermolao e dei paggi. Callistene morì durante la sua prigionia a Bactres . La morte e il disonore inflitti al nipote portano Aristotele a prendere le distanze dal suo ex allievo, anche in termini di pensiero politico, come tende a dimostrare uno dei suoi ultimi scritti intitolato Alessandro o le colonie .

Alla morte di Alessandro Magno nel giugno 323, minacciato dall'agitazione antimacedone portata al culmine ad Atene dalla ribellione contro Antipatro , Aristotele ritenne prudente fuggire da Atene, fuga tanto più giustificata in quanto Eurimedonte, ierofante in Eleusi , muove contro di lui un'assurda accusa di empietà , rimproverandolo di aver composto un Inno alla virtù di Ermia d' Atarnee , una specie di poema riservato unicamente al culto degli dei. Deciso a non lasciare che gli Ateniesi commettano un "nuovo crimine contro la filosofia" - il primo è la condanna a morte di Socrate  - Aristotele si rifugia con la sua seconda moglie, Erpilli, e i suoi figli, Pizia e Nicomaco, l'isola dell'Eubea , a Calcide, dove sua madre ereditò una tenuta. Fu lì che morì, all'età di 62 anni, probabilmente portato via dalla malattia allo stomaco di cui soffriva da tempo. Nel suo testamento, prese disposizioni per l'emancipazione dei suoi schiavi e pensò di assicurare il futuro di tutti i suoi parenti. Il suo corpo viene trasferito a Stagire .

Alla guida del liceo gli succedette Teofraste , suo compagno di studi e amico. Al tempo di Teofrasto e del suo successore, Straton de Lampsaque , il liceo era in declino fino alla caduta di Atene nell'86 a.C. La scuola è rifondata l' ho st  secolo aC da Andronico di Rodi e di forte radiazione sperimentare fino a quando i Goti e Eruli licenziato dopo Atene nel 267 dC.

Aspetto fisico

Il busto del Museo di Storia dell'Arte di Vienna , considerato uno dei più belli.

Aristotele è basso, tarchiato, con gambe snelle e occhi piccoli e infossati. Il suo vestito è vistoso e non esita a indossare gioielli. Le fonti antiche descrivono Aristotele con la testa pelata ( Vita anonima ), occhi piccoli ( Diogene Laërce , V, 1) e capelli e barba tagliati ( Elien , III, 19). Le statue di Aristotele sono numerose nell'Antichità  ; è attestato il tipo statuario in piedi (una statua del palazzo Spada è erroneamente identificata con il filosofo).

Aristotele attribuisce grande importanza ai ritratti commemorativi, che si riscontrano nel suo testamento e in quello di Teofrasto e sulla testimonianza di Plinio (XXXV, 106) che attesta un ritratto dipinto della madre dello Stagirita. Si conservano 18 copie del busto di Aristotele, oltre a paste vitree con il volto di profilo. Questo ritratto è molto vicino a quello di Euripide , che Aristotele ammira molto, composto intorno al 330-320 a.C. L'attribuzione della sua creazione a Lisippo non è certa.

Filosofia

Apparizioni e opinioni credibili ( endoxa )

L'approccio di Aristotele è l'opposto di quello di Cartesio . Mentre il filosofo francese inizia la sua riflessione filosofica con un dubbio metodologico, Aristotele sostiene al contrario che le nostre capacità di percezione e cognizione ci mettono in contatto con le caratteristiche e le divisioni del mondo, che quindi non richiede un costante scetticismo. Per Aristotele, le apparenze ( phainomena in greco), le cose strane che percepiamo, ci portano a pensare al nostro posto nell'universo ea filosofare. Una volta suscitato il pensiero, consiglia di chiedere il parere di persone serie ( endoxa deriva dalla parola endoxos che designa in greco un uomo notevole e di grande fama). Non si tratta di prendere queste opinioni credibili come verità, ma di mettere alla prova la loro capacità di riflettere la realtà.

Filosofia e scienza

Nel Protrepticus , opera giovanile, Aristotele afferma che “la vita umana implica l'esigenza di farsi filosofo, cioè di amare ( philein ) e di ricercare la scienza, o più precisamente la sapienza ( sophia )” . A quel tempo, la filosofia era dunque, per lui, un desiderio di conoscere. La filosofia in definitiva cerca il bene degli esseri umani. La filosofia pensa la totalità. La scienza o, per usare la parola di Aristotele, episteme , si occupa di particolari campi del sapere (fisica, matematica, biologia, ecc .). La filosofia teoretica è dunque prima in rapporto alla praxis , termine spesso tradotto come “scienza pratica” e al quale si riferisce la politica: “Aristotele distingue infatti tra la felicità che l'uomo può trovare nella vita politica, nella vita attiva, e la felicità filosofica che corrisponde alla teoria, cioè a un tipo di vita interamente dedito all'attività della mente. La felicità politica e pratica è felicità agli occhi di Aristotele solo in modo secondario” .

La distinzione moderna tra filosofia e scienza della fine del XVIII °  secolo , è in gran parte a seguito di Aristotele. È anche successivo all'articolo "filosofia" nell'Encyclopédie di Diderot e d'Alembert .

Scienza

Épistèmè (scienza) e technè (arte, tecniche)

Aristotele distingue cinque virtù intellettuali: la techne , l' episteme , la phronesis (prudenza), la sophia ( saggezza ) e nous (intelligenza). La techne è spesso tradotta come arte o tecnica, mentre l' episteme traduce conoscenza o scienza. Tuttavia, l' episteme non corrisponde alla nozione di scienza moderna perché non include la sperimentazione. Mentre l' episteme è la scienza delle verità eterne, la technè (arte, tecnica) è dedicata al contingente e si occupa di ciò che l'uomo crea. La medicina è sia episteme , perché studia la salute umana, sia technè , perché è necessario curare un malato, per produrre salute. Mentre l' episteme può essere appresa a scuola, la technè deriva dalla pratica e dall'abitudine.

La scienza usa la dimostrazione come strumento di ricerca. Dimostrare è mostrare la necessità interna che governa le cose, è insieme stabilire una verità mediante un sillogismo fondato su determinate premesse . La scienza dimostrativa "parte da definizioni universali per arrivare a conclusioni ugualmente universali" . Tuttavia, in pratica, la modalità di dimostrazione delle diverse scienze differisce a seconda della specificità della loro materia.

La divisione ternaria delle scienze (teorica, pratica e produttiva) non include la logica perché quest'ultima ha il compito di formulare "i principi di una corretta argomentazione che accomunano tutti i campi di ricerca" . La logica mira a stabilire ad un alto livello di astrazione le norme delle inferenze (relazioni di causa ed effetto) che devono essere seguite da chi cerca la verità, ed evitare inferenze spurie. Si sviluppa in un corpus di opere noto fin dal Medioevo con il nome di Organon (parola che significa strumento in greco). Quella che viene chiamata "scienza produttiva" riguarda la technè e la produzione ( poïesis ); la scienza pratica fa parte della praxis (azione) e dell'episteme (scienza) in quanto cerca anche inferenze stabili all'interno di una scienza.

Scienza speculativa o contemplativa

dipinto di un uomo
Rembrandt , Filosofo in contemplazione .

La scienza speculativa o teorica ( θεωρία , "contemplazione") è disinteressata, costituisce il fine in sé dell'anima umana e il completamento del pensiero. Costituisce il miglior uso che l'uomo può fare del suo tempo libero ( skholè ), durante il quale, distaccato dalle sue preoccupazioni materiali, può dedicarsi alla contemplazione disinteressata della verità. Questo è il motivo per cui alcuni specialisti di Aristotele, come Fred Miller , preferiscono parlare di scienze contemplative piuttosto che di scienze teoriche. Esistono tante divisioni della scienza teorica quanti sono gli oggetti di studio, cioè i diversi campi della realtà (generi, specie, ecc .) Aristotele distingue tra "filosofia prima" - metafisica futura , che ha per oggetto di studio la totalità di ciò che è - matematica che riguarda i numeri, cioè le quantità in generale, tratte dalla realtà per astrazione, e la fisica o filosofia naturale. La fisica testimonia innanzitutto il desiderio di comprendere l'universo nel suo insieme. Si tratta più di risolvere enigmi concettuali che di fare ricerca empirica. Cerca anche le cause in generale, nonché la prima e l'ultima causa di ogni movimento particolare. La filosofia naturale di Aristotele non si limita alla fisica propriamente detta. Include biologia, botanica, astronomia e possibilmente psicologia.

Scienze pratiche ( prassi )

dettaglio di un dipinto
Particolare di La Scuola di Atene , affresco del Vaticano di Raffaello (inizio XVI °  secolo). Platone (a sinistra) punta il dito verso il cielo, simbolo della sua fede nelle Idee. Aristotele (a destra) volge il palmo della mano verso il suolo, simbolo della sua fede nell'osservazione empirica.

L'azione ( praxis , in greco antico πρᾶξις ), in opposizione alla produzione ( poïesis ), è, secondo Aristotele, l'attività il cui fine è immanente all'attività (l'agente), in opposizione alla produzione, attività il cui fine (il prodotto oggetto) è esterno al soggetto dell'attività. Le scienze pratiche riguardano l'agire umano, le scelte da fare. Capiscono la politica e l'etica. La scienza pratica ( praxis ) rientra nella ragione pratica ( phronesis )

Scienza produttivi o poietica ( τέχνη )

Si tratta di saper fare o tecnica, che consiste in una disposizione acquisita mediante l'uso, al fine di produrre un oggetto che non ha in sé il suo principio, ma nell'agente che lo produce (contrariamente alla produzione naturale ). La techne essendo al servizio della produzione, è il dominio dell'utilità e del piacere, è sempre l'individuo e il singolare. L'agricoltura, la cantieristica, la medicina, la musica, il teatro, la danza, la retorica appartengono alla scienza produttiva.

La scienza in Aristotele e Platone: ilemorfismo opposto all'idealismo

Busto di Platone . Copia romana di un originale greco dell'ultimo quarto del IV °  secolo aC.

Secondo Aristotele, Platone concepisce "l'essenza o idea ( εἶδος , eïdos ) come un essere esistente in sé, del tutto indipendente dalla realtà sensibile" così che la scienza deve andare oltre il sensibile per raggiungere "intelligibili, universali, immutabili ed esistenti in se stessi". ” . Questo modo di vedere ha, secondo lui, due grossi inconvenienti: complica il problema creando esseri intelligibili e porta a pensare le idee, l'universale, come indipendenti dal sensibile che, secondo lui, ci separa dalla conoscenza di il reale.

Per Aristotele, l'essenza o forma ( Eidos morphè ) non può incarnarsi in una materia ( ὕλη , Hule ). Ciò lo portò a sviluppare "la tesi detta ilemorfismo che consiste nel pensare l' immanenza , la necessaria congiunzione, in ogni realtà esistente, della materia ( hulè ) e della forma ( morphè ) che la modella" .

Ma così facendo si trova di fronte al problema dell'universale. In effetti, per Platone, questa domanda non si pone poiché l'universale appartiene al dominio delle idee. Per Aristotele, l'universale consiste piuttosto in un'intuizione di forma o essenza e nel fatto di fare un'affermazione, come la definizione di un uomo come "animale politico" .

Logica

Organon

L' Organon è costituito da un insieme di trattati su come condurre il pensiero equo. Il titolo del libro, "organon", che significa "strumento di lavoro", costituisce una presa di posizione contro gli stoici per i quali la logica fa parte della filosofia.

Il libro I, chiamato Categorie , è dedicato alla definizione di parole e termini. Il libro II, dedicato alle proposizioni, è chiamato in greco Περὶ ἑρμηνείας / Peri Hermeneias , cioè "dell'interpretazione". Gli specialisti lo chiamano generalmente con il nome latino De Interpretatione . Il libro III, chiamato Early Analytics , tratta del sillogismo in generale. Il libro IV, chiamato Secondi analitici , è dedicato ai sillogismi i cui risultati sono il frutto della necessità ( ex anankês sumbanein ), cioè sono le conseguenze logiche della premessa ( protasi ). Il libro V, intitolato Topics , è dedicato alle regole della discussione e ai sillogismi le cui premesse sono probabili (ragionamento dialettico da opinioni generalmente accettate). Il libro VI, chiamato Confutazioni sofistiche , è considerato come una sezione finale o come un'appendice al libro V. Nel libro II dell'Interpretazione , alcuni capitoli sono particolarmente importanti, come il capitolo 7 da cui deriva il quadrato logico e il capitolo 11 che è all'origine della logica modale .

Indagine, dimostrazione e sillogismo

In Early Analytics , Aristotele cerca di definire un metodo destinato a consentire una comprensione scientifica del mondo. Per lui, l'obiettivo di una ricerca o di un'indagine è portare a “un sistema di concetti e proposizioni gerarchicamente organizzato, basato sulla conoscenza dell'essenzialità dell'oggetto dello studio e su alcuni altri principi primi necessari” . Per Aristotele, la scienza analitica (analytiké épistémè) […] ci insegna a conoscere e ad enunciare le cause mediante dimostrazioni ben costruite” . L'obiettivo è raggiungere verità universali del soggetto in sé a partire dalla sua natura. Nella Seconda Analitica , discute come procedere per raggiungere queste verità. Per questo, dobbiamo prima conoscere il fatto, poi la ragione per cui questo fatto esiste, quindi le conseguenze del fatto e le caratteristiche del fatto.

Dipinto raffigurante un professore in cattedra davanti ai suoi studenti.
Università al XIV °  secolo. Lo scolastico è fortemente influenzato da Aristotele.

La dimostrazione aristotelica si fonda sul sillogismo che egli definisce «un discorso in cui, poste certe cose, ne deriva necessariamente qualcosa di diverso da questi dati per il solo fatto di questi dati» .

Il sillogismo si basa su due premesse , una maggiore e una minore, dalle quali si può trarre una necessaria conclusione. Esempio:

Maggiore: Gli esseri umani sono mortali.
Minore: le donne sono esseri umani.
Conclusione: le donne sono mortali.

Un sillogismo scientifico deve saper individuare la causa di un fenomeno, il suo perché. Questo modo di ragionare pone la domanda sulla regressione infinita che si verifica, ad esempio, quando un bambino ci chiede perché questa o quella cosa funziona così, e una volta data la risposta, ci chiede il perché della premessa. la nostra risposta. Per Aristotele, è possibile porre fine a questa regressione all'infinito prendendo certi fatti provenienti dall'esperienza ( induzione ) o provenienti da un'intuizione abbastanza certi da servire come base per il ragionamento scientifico. Tuttavia, per lui, la necessità di tali assiomi deve poter essere spiegata a coloro che li contestano.

Definizioni e categorie

Definizione, essenza, specie, genere, differenza, predicato

Una definizione (in greco antico ὅρος, ὁρισμός / horos, horismos ) è per Aristotele, "un racconto che significa che ciò che è, è per qualcosa ( λὀγος ὁ τὸ τί ἦν εἶναι σημαίνει , Logos ho to ti ên einai sêmaine  " ); essa afferma l'essenza stessa della cosa prevista . Aristotele vuole intendere con ciò che una definizione non è puramente verbale, ma traduce l'essere profondo di una cosa, che i latini tradussero con la parola essentia (essenza).

Si pone allora una delle questioni centrali della metafisica aristotelica, che cos'è un'essenza Per lui solo le specie ( eidos ) hanno essenze. L'essenza quindi non è specifica di un individuo ma di una specie che egli definisce con il suo genere ( genos ) e la sua differenza ( diaphora ). Esempio un essere umano è un animale (genere) che ha la capacità di ragionare (differenza)" .

Il problema della definizione pone quello del concetto di predicato essenziale. Una predicazione è un'affermazione vera, come nella frase "  Bucefalo è nero", che presenta una semplice predicazione. Perché una predicazione sia essenziale, non basta che sia vera, deve anche fornire precisione. Tale è il caso quando si dichiara che Bucefalo è un cavallo. Per Aristotele, "Una definizione di X non deve essere solo una predicazione essenziale ma deve essere anche una predicazione solo per X" .

Categorie

La parola categoria deriva dal greco kategoria che significa predicato o attributo. Nell'opera di Aristotele, l'elenco delle dieci categorie è presente nei Temi I, 9, 103 b 20-25 e nelle Categorie 4,1 b 25 - 2 a 4. Le dieci categorie possono essere interpretate in tre modi diversi: come tipi di predicati ; come classificazione dei sermoni; come tipi di entità.

Francese Greco antico latino Domanda Esempio
1. Cosa, sostanza ousia / ουσία sostanza Chi è un umano, un cavallo
2. Quantità, dimensioni poson / ον quantità Quanto / che taglia, che peso è la cosa un metro, un chilo
3. Qualità, natura Poion / οίον qualità Che tipo è Che qualità ha marrone, gustoso
4. Relazione, collegamento pro ti / πρὸς τί relazione Come si relaziona questo con un'altra persona o qualcosa doppio, metà, più grande
5. Dove, luogo pou / οῦ ubi Dove si trova sulla piazza del mercato
6. Quando, tempo compagno / πότε quando Quand'è ieri, l'anno scorso
7. Posizione, Stato keisthai / αι sito In che posizione è sdraiarsi
8. Avere echein / ἔχειν habitus Che cos'ha la cosa o la persona indossare una scarpa, essere armato
9. Fai, esegui poiein / οιεῖν azione Cosa fa questa cosa tagliare, bruciare
10. Passione (nel senso di subire) paschein / πάσχειν passione Cosa subisce la cosa è tagliato, è bruciato

Dialettica, Aristotele contro Platone

Per Platone, la parola "dialettica" ha due significati. Si tratta prima di tutto "dell'arte di procedere per domande e risposte" per arrivare alla verità. In questo senso è al centro del metodo filosofico come testimoniano i numerosi dialoghi platonici. La dialettica è anche, per Platone, «l'arte di definire rigorosamente una nozione grazie a un metodo di divisione , o metodo dicotomico  » . Per Aristotele, al contrario, la dialettica non è molto scientifica, poiché la sua argomentazione è solo plausibile. Inoltre, ritiene le divisioni della cosa studiata come soggettive e capaci di indurre ciò che si vuole dimostrare. Nonostante tutto, per lui, la dialettica è utile per mettere alla prova certe opinioni credibili ( endoxa ), per aprire la strada a princìpi primi o per confrontarsi con altri pensatori. In generale, lo stagirita assegna tre funzioni alla dialettica  : la formazione degli esseri umani, la conversazione e la "scienza condotta in modo filosofico ( pros tas kata philosophian epistêmas )" .

Aristotele e Platone rimproverano ai sofisti di usare il verbo, la parola, per fini mondani, senza cercare la saggezza e la verità, due concetti loro vicini. Nel suo libro Confutazioni sofistiche , Aristotele arriva ad accusarli di ricorrere a paralogismi , vale a dire a ragionamenti falsi e talvolta volutamente fuorvianti.

Psicologia: corpo e anima

Aristotele discute di psicologia in Sull'anima , che tratta la questione da un punto di vista astratto, e in Parva Naturalia . La concezione aristotelica della psicologia è profondamente diversa da quella dei moderni. Per lui la psicologia è la scienza che studia l'anima e le sue proprietà. Aristotele si avvicina alla psicologia con una certa perplessità tanto sul modo di procedere all'analisi dei fatti psicologici, quanto sul fatto che sia una scienza naturale. In Sull'anima , lo studio dell'anima è già dominio delle scienze naturali, in Parti degli animali , non del tutto. Un corpo è una materia che possiede vita potenziale. Acquisisce la vera vita solo attraverso l'anima che le dà la sua struttura, il suo respiro di vita. Secondo Aristotele, l'anima non è separata dal corpo durante la vita. È solo quando sopraggiunge la morte e il corpo non si muove più. Aristotele concepisce l'essere vivente come un corpo animato ( ἔμψυχα σώματα , empsucha sômata ), cioè dotato di un'anima - che si chiama anima in latino e psuchè in greco. Senza l'anima, il corpo non è animato, non è vivo. Aristotele scrive a questo proposito: "È un fatto che l'anima scomparsa, l'essere vivente non esiste più e che nessuna delle sue parti rimane la stessa, se non per quanto riguarda la configurazione esterna, come, nella leggenda, gli esseri pietrificati" . Aristotele, in opposizione ai primi filosofi, pone l'anima razionale nel cuore piuttosto che nel cervello. Secondo lui, l'anima è anche l'essenza o la forma ( eïdos morphè ) degli esseri viventi. È il principio dinamico che li muove e li guida verso i propri fini, che li spinge a realizzare le proprie potenzialità. Poiché tutti gli esseri viventi hanno un'anima, ne consegue che animali e piante rientrano nell'ambito della psicologia. Tuttavia, non tutti gli esseri viventi hanno la stessa anima o, meglio, non tutte le anime hanno le stesse funzioni. L'anima delle piante ha solo una funzione vegetativa, preposta alla riproduzione, quella degli animali ha funzioni sia vegetative che sensibili; l'anima degli esseri umani ha tre funzioni: vegetativa, sensibile e intellettuale. A ciascuna delle tre funzioni dell'anima corrisponde una facoltà. Alla funzione vegetativa che troviamo in tutti gli esseri viventi, corrisponde la facoltà della nutrizione perché il cibo in quanto tale è necessariamente legato agli esseri viventi; la percezione corrisponde alla funzione sensitiva; alla funzione intellettuale corrisponde lo spirito o la ragione ( νοῦς , noûs ) cioè "la parte dell'anima grazie alla quale conosciamo e comprendiamo" ( Dall'anima , III 4, 429 a 99 -10). La mente è ad un livello di generalità superiore alla percezione e può raggiungere la struttura astratta di ciò che si studia. A queste tre funzioni Aristotele aggiunge il desiderio, che permette di comprendere perché un essere animato inizia un'azione in vista di un obiettivo. Presuppone, per esempio, che l'uomo voglia capire.

Biologia

quadro
Teofrasto , creatore con Aristotele della scienza biologica, rappresentato come un insegnante-ricercatore medievale.

“In effetti, l'essere più intelligente è quello che sa usare bene il maggior numero di strumenti: la mano sembra infatti non essere uno strumento, ma diversi. "

Parti di animali ,
686 b.

Presentazione

La scienza della biologia nasce dall'incontro nell'isola di Lesbo tra Aristotele e Teofrasto . Il primo concentra i suoi studi sugli animali e il secondo sulle piante. Per Aristotele, le opere dedicate alla biologia rappresentano più di un quarto della sua opera e costituiscono il primo studio sistematico del mondo animale. Resteranno senza uguali fino al XVI E  secolo: la più antica è storia degli animali , in cui Aristotele accetta spesso opinioni comuni senza verificarle. In Parti degli animali , riprende alcune affermazioni precedenti e le corregge. Il terzo lavoro, Generazione di animali , è l'ultimo, perché è annunciato nel precedente come doverlo integrare. Si occupa esclusivamente della descrizione degli organi sessuali e del loro ruolo nella riproduzione, sia nei vertebrati che negli invertebrati. Una parte si occupa dello studio del latte e dello sperma, nonché della differenziazione dei sessi. Oltre a queste tre opere principali, ci sono libri più brevi che trattano un argomento particolare, come Sul movimento degli animali o Marche des Animaux . Quest'ultimo libro illustra il metodo dell'autore: "partire dai fatti, confrontarli, poi con uno sforzo di riflessione cercare, comprendendoli, di coglierli con esattezza" .

Non si sa nulla delle ricerche che ha condotto prima di scrivere questi libri; Aristotele non ha lasciato alcuna indicazione su come ha raccolto le informazioni e come le ha gestite. Per James G. Lennox , "è importante tenere presente che stiamo studiando testi che presentino, in modo teorico e molto strutturato, i risultati di una vera indagine di cui conosciamo solo pochi dettagli" . È chiaro però che Aristotele lavorava in équipe, in particolare per la ricerca storica e che “il Lycée è stato fin dall'inizio il centro dell'attività scientifica collettiva, una delle più antiche che si possano trovare . La scuola raccolta intorno ad Aristotele, avendo acquisito "l'abitudine all'indagine concreta condotta con metodo e rigore" , "l'osservazione e l'esperienza hanno giocato un ruolo non indifferente nella nascita di tutta una parte dell'opera" .

Metodo

In Parti degli animali , composto intorno al 330, Aristotele inizia stabilendo elementi di metodo. Lo studio dei fatti non deve trascurare alcun dettaglio e l'osservatore non deve lasciarsi disgustare dagli animali più ripugnanti perché "in tutte le produzioni naturali c'è qualcosa di ammirevole" e spetta allo scienziato scoprire in vista di cosa un animale ha qualche particolarità. Tale teleologia permette ad Aristotele di vedere nei dati che osserva un'espressione della loro forma. Notando che "nessun animale ha sia le zanne che le corna" e che "non è mai stato osservato un animale con un solo zoccolo e due corna", Aristotele conclude che la natura dà solo ciò che è necessario. Parimente, vedendo che i ruminanti hanno parecchi stomaci e denti guasti, ne deduce che l'uno compensa l'altro e che la natura provvede una sorta di compenso.

Aristotele si avvicina alla biologia come scienziato e cerca di identificare le regolarità. Egli osserva a questo proposito: "l'ordine di natura appare nella costanza dei fenomeni considerati sia come tutto o nella maggior parte dei casi" ( Part.an. , 663 b 27-8): se i mostri (saranno farlo ), come le pecore a cinque zampe, sono eccezioni alle leggi naturali, nonostante tutto sono esseri naturali. Semplicemente, la loro essenza o forma non agisce come dovrebbe. Per lui lo studio dei vivi è più complesso di quello degli inanimati. L'essere vivente, infatti, è un tutto organizzato dal quale non si può staccare una parte senza problemi, come nel caso di una pietra. Da qui la necessità di considerarlo come un tutto ( holon ) e non come una totalità informe. Di qui anche la necessità di studiare la parte solo in relazione all'insieme organizzato di cui è membro.

A volte, però, il desiderio di accumulare più informazioni possibili lo porta a trattenersi senza esaminare affermazioni inesatte:

“Un lavoro come Animal Research è essenzialmente ambiguo: vi si trovano, affiancate si direbbe, osservazioni attente, delicate, ad esempio dati precisi sulla struttura dell'apparato visivo della talpa o sulla conformazione dei denti nell'uomo e animali, e affermazioni, al contrario, del tutto inaccettabili, che costituiscono errori gravi e talvolta anche grossolani, come i seguenti: i testacei sono animali senza occhi, la donna non ha lo stesso numero di denti dell'uomo, e altri errori di lo stesso tipo. "

foto di un manoscritto
Historia animalium et al. , Costantinopoli , XII °  secolo. (Biblioteca Medicea Laurenziana), pluteo 87.4).

Nonostante questi difetti dovuti a generalizzazioni affrettate, soprattutto in Storia degli animali , Aristotele dubita spesso delle affermazioni sostenute dai suoi predecessori, rifiutandosi ad esempio di credere all'esistenza di serpenti cornuti o di un animale che avrebbe tre file di denti. Critica prontamente le credenze ingenue e le oppone con osservazioni precise e personali di grande accuratezza. In breve, ha lasciato "un'opera incomparabile per ricchezza di fatti e di idee, soprattutto se si guarda indietro al tempo che lo vide nascere" , giustificando questa testimonianza di Darwin  : Linné e Cuvier erano i miei due dei in molto direzioni diverse, ma sono solo scolari rispetto al vecchio Aristotele” .

Aristotele non descrive solo aspetti fisiologici, ma si interessa anche di psicologia animale, dimostrando che "il comportamento e il modo di vivere degli animali differiscono secondo il loro carattere e il loro modo di alimentarsi, e che nella maggior parte di essi" tra di essi vi sono le tracce di una vera vita psicologica analoga a quella dell'uomo, ma di una diversità di aspetti molto meno marcata” .

Tutto indica che le opere di biologia erano accompagnate da diversi libri di tavole anatomiche stabilite in seguito a dissezioni minuziosamente eseguite, ma purtroppo scomparse. Questi rappresentavano in particolare il cuore, il sistema vascolare, lo stomaco dei ruminanti e la posizione di alcuni embrioni. Le osservazioni relative all'embriogenesi sono particolarmente notevoli: "l'aspetto precoce del cuore, la descrizione dell'occhio del pulcino, o lo studio dettagliato del cordone ombelicale e dei cotiledoni della matrice sono perfettamente esatti" . Osservò così gli embrioni di pulcino a vari stadi del loro sviluppo, dopo una covata di tre giorni, dieci giorni o venti giorni, sintetizzando osservazioni numerose e continue.

Classificazione degli esseri viventi

Aristotele si sforzò di classificare gli animali in modo coerente, usando il linguaggio quotidiano. Fa le distinzioni di base tra genere e specie , distinguendo tra animali con sangue (vertebrati) e animali senza sangue o invertebrati (non conosce invertebrati complessi con alcuni tipi di emoglobina ). Gli animali sanguigni sono prima divisi in quattro grandi gruppi: pesci, uccelli, quadrupedi ovipari e quadrupedi vivipari. Quindi espanse quest'ultimo gruppo per includere cetacei, foche, scimmie e, in una certa misura, umani, costituendo così la grande classe dei mammiferi. Allo stesso modo, distingue quattro tipi di invertebrati: crostacei, molluschi, insetti e testacei. Lungi dall'essere rigidi, questi gruppi presentano caratteristiche comuni per il fatto che partecipano allo stesso ordine o allo stesso ramo . La classificazione di vivere da Aristotele contiene elementi che sono stati utilizzati fino al XIX °  secolo . Come naturalista, Aristotele non soffre del confronto con Cuvier  :

"Il risultato raggiunto è stupefacente: partendo dai dati comuni, e sottoponendoli solo apparentemente a lievi modifiche, il naturalista arriva tuttavia a una visione del mondo animale di oggettività e penetrazione del tutto scientifica, superando nettamente le analoghe sperimentazioni tentate fino a quando il XVIII °  secolo. Inoltre, e come senza sforzo, vengono suggerite ipotesi maggiori: la supposizione di un'influenza dell'ambiente e delle condizioni di esistenza sulle caratteristiche dell'individuo (dimensione, fertilità, durata della vita); l'idea di una continuità tra gli esseri viventi, dall'uomo alla pianta più umile, continuità non omogenea e che va di pari passo con profonde diversità; infine il pensiero che questa continuità implichi uno sviluppo progressivo e senza tempo poiché il mondo è eterno. "

Aristotele pensa che le creature siano classificate su una scala di perfezione dalle piante agli umani. Il suo sistema ha undici gradi di perfezione classificati in base al loro potenziale alla nascita. Gli animali più alti danno alla luce creature calde e umide, i più bassi uova secche e fredde. Per Charles Singer , "niente è più notevole degli sforzi [di Aristotele] per [mostrare] che le relazioni tra gli esseri viventi costituiscono una scala naturæ o "scala degli esseri" .

In totale, ci sono 508 nomi di animali "distribuiti in modo molto disomogeneo tra gli otto generi principali"  : 91 mammiferi, 178 uccelli, 18 rettili e anfibi, 107 pesci, 8  cefalopodi , 17  crostacei , 26 testacei e 67 insetti e affini.

Fisico

La fisica come scienza della natura

La fisica è la scienza della Natura ("fisica" deriva dal greco physis ( φύσις ) che significa "natura"). Per Aristotele, il suo oggetto è lo studio degli esseri inanimati e dei loro componenti (terra, fuoco, acqua, aria, etere). Questa scienza non mira come oggi a trasformare la natura. Al contrario, cerca di contemplarlo.

Secondo Aristotele, gli esseri naturali, qualunque essi siano (pietra, vivente, ecc.), sono costituiti dai primi quattro elementi di Empedocle ai quali aggiunge l'etere, che occupa ciò che è al di sopra della Terra.

  • la Terra , che è fredda e secca: corrisponde oggi all'idea di solido.
  • l' acqua , che è fredda e umida: è oggi l'idea di liquido.
  • l' aria , che è calda e umida, è oggi l'idea del gas.
  • il Fuoco , che è caldo e secco: è oggi l'idea del plasma e del calore.
  • l' Etere , sostanza divina, si fanno sfere celesti e corpi pesanti (stelle e pianeti).

La natura, secondo Aristotele, ha un principio interno di movimento e riposo. La forma, l'essenza degli esseri, determina il fine, cosicché, per lo stagirita, la natura è insieme causa motrice e fine ( Part, an. , I, 7, 641 a 27). Scrive ( Meta. , Δ4, 1015 ab 14-15): “La natura, nel suo senso primitivo e fondamentale, è l'essenza degli esseri che hanno, in se stessi e come tali, il loro principio di movimento” . Egli fa anche una distinzione tra gli esseri naturali, che hanno in sé questo principio, e gli esseri artificiali, creati dall'uomo e che sono soggetti al movimento naturale solo dalla materia che li compone, così che per lui "l'arte imita la natura" .

Inoltre, nel pensiero di Aristotele, la natura è dotata di un principio di economia, che egli traduce con il suo famoso precetto: "La natura non fa nulla di vano e nulla di superfluo" .

Quattro cause

Aristotele sviluppa una teoria generale delle cause che attraversa tutta la sua opera. Se, ad esempio, vogliamo sapere che cos'è una statua di bronzo, dovremo conoscere la materia di cui è fatta (causa materiale), la causa formale (cosa le dà forma, ad esempio, la statua rappresenta Platone), la causa efficiente (lo scultore) e la causa finale (ricordate Platone). Per lui una spiegazione completa richiede di aver saputo far luce su queste quattro cause.

Francese Definizioni e/o esempi
1. Causa materiale . È definito dalla natura della materia prima di cui è composto l'oggetto (la parola natura per Aristotele si riferisce sia alla potenzialità della materia sia alla sua forma ultima finita).
2. Causa formale . Questo concetto rimanda a quello di forma nella filosofia aristotelica. Ad esempio, la causa formale di una statua di Hermes è quella di assomigliare a Hermes.
3. Causa efficiente . È per esempio lo scultore che scolpisce la statua di Hermes.
4. Causa finale . In greco telos . È l'obiettivo o la fine di qualcosa. Questo è il motivo per cui è stata realizzata una statua di Hermes. Gli specialisti di Aristotele generalmente credono che per lui la natura abbia i suoi obiettivi, diversi da quelli degli uomini.

Sostanza e incidente, atto e potere, cambiamento

Foto di un blocco di marmo
“Così, si dice che la statua di Mercurio sia nel marmo dove sarà scolpita. » ( Metafisica , V, 7).

In Aristotele, la sostanza è ciò che appartiene necessariamente alla cosa mentre l'accidente è "ciò che realmente appartiene a una cosa, ma che non le appartiene necessariamente o il più delle volte" ( Metafisica , Δ30, 1025 a 14).

Potere o potenzialità ( δύναμις / dunamis ) riecheggia ciò che l'essere potrebbe diventare. Ad esempio, un bambino può potenzialmente imparare a leggere e scrivere: ne ha l'abilità. La potenza è il principio dell'imperfezione, e questo viene modificato dall'atto che determina il cambiamento. L'atto ( energeïa ) “è ciò che produce l'oggetto finito, il fine. È l'atto, ed è in vista dell'atto che si concepisce la potenza” ( Metafisica , Θ8, 1050 a 9 ). L' entelechia ( en, telos, echeïn ) "significa letteralmente il fatto di avere ( echein ) in sé la sua fine ( τέλος / telos ), il fatto di raggiungere gradualmente la sua fine e la propria essenza" .

Queste nozioni consentono al filosofo di spiegare il movimento e il cambiamento. Aristotele distingue quattro tipi di movimento: nella sostanza, nella qualità, nella quantità e nel luogo. Il movimento, con lui, è dovuto a una coppia: una potenza (o potenzialità) attiva, esterna e operativa, e una capacità passiva o potenzialità interna che si trova nell'oggetto che subisce il cambiamento. L'entità che provoca un cambiamento trasmette la sua forma o essenza all'entità interessata. Ad esempio, la forma di una statua si trova nell'anima dello scultore, prima di materializzarsi attraverso uno strumento nella statua. Per Aristotele, nel caso in cui vi sia una catena di cause efficienti , la causa del movimento risiede nel primo anello.

Perché ci sia cambiamento, ci deve essere una potenzialità, vale a dire che il fine inscritto nell'essenza non è stato raggiunto. Tuttavia, il movimento attuale non esaurisce necessariamente le potenzialità, non porta necessariamente alla piena realizzazione di ciò che è possibile. Aristotele distingue tra mutamento naturale ( phusei ), o secondo natura ( kata phusin ), e mutamenti forzati ( βίαι / biai ) o contro natura ( para phusin ). Aristotele quindi suppone in qualche modo che la natura regoli il comportamento degli enti e che i cambiamenti naturali e quelli forzati formino una coppia opposta. I movimenti che vediamo svolgersi sulla Terra sono rettilinei e finiti; la pietra cade e resta ferma, le foglie volano e cadono, ecc. Sono quindi imperfetti, come lo è il mondo sublunare in generale. Al contrario, il mondo sopralunare, quello dell'etere "ingenerato, indistruttibile, libero da crescita e alterazione" , è quello del movimento circolare, eterno.

Il movimento e l'evoluzione non hanno inizio, poiché il verificarsi del cambiamento presuppone un processo precedente. Così che Aristotele postula che l'universo dipenda da un movimento eterno, quello delle sfere celesti che, a sua volta, dipende da un motore eternamente attivo. Tuttavia, a differenza di quanto accade di solito in casa, il primo motore non trasmette la potenza agente in un processo di causa-effetto. Infatti, per Aristotele, l'eternità giustifica la finitezza causale dell'universo. Per capirlo dobbiamo ricordare che, secondo lui, se gli uomini nascessero senza fine, generando dai genitori (catena causale infinita), senza il sole, senza il suo calore (catena causale finita), non potrebbero vivere.

Per Aristotele, «è percependo il movimento che ne percepiamo il significato» ( Phys ., IV, 11, 219 a 3). Tuttavia, gli esseri eterni (le sfere celesti) sfuggono al tempo, mentre gli esseri del mondo sublunare sono nel tempo che è misurato dai movimenti delle sfere celesti. Poiché questo movimento è circolare, circolare è anche il tempo, da cui il regolare ritorno delle stagioni. Il tempo ci permette di percepire il cambiamento e il movimento. Segna una differenza tra un prima e un dopo, un passato e un futuro. È divisibile ma senza parti. Non è né corpo né sostanza, eppure lo è.

Rifiuta il punto di vista degli atomisti e considera assurdo voler ridurre il cambiamento a movimenti elementari insensibili. Per lui «la distinzione tra 'potere' e 'atto', tra 'materia' e 'forma' permette di rendere conto di tutti i fatti” .

Cosmologia

Mondo sublunare e sopralunare

Nel Trattato del Cielo e della Meteorologia , Aristotele dimostra che la Terra è sferica e che è assurdo presentarla come un disco piatto. Sostiene che le eclissi lunari mostrano sezioni curve e che anche un leggero spostamento da nord a sud si traduce in un'ovvia alterazione della linea dell'orizzonte. Ma il suo argomento principale risiede nell'idea che il movimento dei corpi solidi sarebbe naturalmente centripeto  : tale movimento originariamente trascinava i solidi attorno al centro dell'Universo, le loro spinte reciproche raggiungendo una forma sferica, la Terra. Divide il globo in cinque zone climatiche corrispondenti all'inclinazione dei raggi solari: due zone polari, due zone temperate abitabili ai lati dell'equatore e una zona centrale all'equatore resa inabitabile a causa del forte calore che vi regna. Stima la circonferenza della Terra a 400.000 stadi , o circa 60.000 km. La concezione geocentrica di Aristotele, insieme a quella di Tolomeo , dominerà la riflessione per più di un millennio. Questa concezione del cosmo, però, Aristotele la riprende in gran parte da Eudosso di Cnido (di cui perfezionò la teoria delle sfere), con la differenza che Eudosso non difende in alcun modo una posizione realistica , come fa Aristotele. Anche Tolomeo non sostiene questa posizione realistica: la sua teoria e quella di Eudosso sono per loro solo modelli teorici che consentono il calcolo. Così l'influenza di aristotelismo, che mostra il sistema tolemaico, come la "realtà" del cosmo nelle riflessioni filosofiche, fino XV °  secolo.

Aristotele distingue due grandi regioni del cosmo: il mondo sublunare , il nostro, e il mondo sopralunare , quello del cielo e delle stelle, che sono eterni e non ammettono alcun cambiamento perché fatti di etere e hanno una vita veramente divina .e che è autosufficiente. La Terra è necessariamente stazionaria ma è al centro di una sfera animata da un movimento rotatorio continuo ed uniforme; il resto del mondo partecipa a una doppia rivoluzione, una specifica del "primo Cielo" compiendo una rivoluzione diurna da est a ovest, mentre l'altra fa una rivoluzione inversa da ovest a est e si scompone in tante rivoluzioni distinte quante sono pianeti. Questo modello è ulteriormente complicato dal fatto che non sono i pianeti a muoversi, ma le sfere traslucide sull'equatore di cui sono fissate: erano necessarie tre sfere per spiegare il movimento della luna, ma quattro per ciascuno dei pianeti.

Influenza della cosmologia sulla scienza e sulla rappresentazione del mondo

Secondo Alexandre Koyré, la cosmologia aristotelica porta da un lato a concepire il mondo come un insieme finito e ben ordinato dove la struttura spaziale incarna una gerarchia di valore e perfezione: "" Sopra "la terra pesante e opaca, centro del sublunare regione del mutamento e della corruzione” , sorgono “le sfere celesti di stelle imponderabili, incorruttibili e luminose… ” D'altra parte, nella scienza, questo ci porta a vedere lo spazio come un “insieme differenziato di luoghi intramondani” , che si oppongono a « lo spazio della geometria euclidea - un'estensione omogenea e necessariamente infinita» . Ciò ha la conseguenza di introdurre nel pensiero scientifico considerazioni basate sulle nozioni di valore, perfezione, significato o fine, nonché collegare il mondo dei valori e il mondo dei fatti.

Metafisico

quadro
La grande biblioteca di Alessandria aveva le opere di Aristotele (tabella O qui. Von Corven, XIX °  secolo).

La parola metafisica non è nota ad Aristotele, che usa l'espressione filosofia primaria . L'opera denominata Metafisica è composta da note abbastanza eterogenee. Il termine "metafisica" è stato assegnato al I °  secolo a causa degli scritti che compongono sono stati classificati "dopo la fisica  " nella biblioteca di Alessandria . Il prefisso meta che può significare dopo o oltre, il termine "  metafisico  " ( meta ta phusika ), può essere interpretato in due modi. Innanzitutto, è possibile capire che i testi devono essere studiati dopo la fisica. È anche possibile intendere il termine nel senso che l'oggetto dei testi è gerarchicamente al di sopra della fisica. Anche se, in entrambi i casi, è possibile percepire una certa compatibilità con il termine aristotelico della filosofia prima, l'uso di una parola diversa è spesso percepito dagli specialisti come riflesso di un problema, tanto più che i testi riuniti sotto il nome di la metafisica è attraversata da due distinte questioni. Da un lato, la filosofia primaria è vista come "scienza dei principi primi e delle cause prime" , cioè del divino; questa è una domanda ora chiamata teologica. I libri Γ e K sono invece attraversati da un interrogatorio ontologico attinente alla "scienza dell'essere in quanto essere" . Sicché si parla talvolta di un "orientamento onto-teologico" della filosofia primaria. A complicare le cose, Aristotele sembra, in alcuni libri (soprattutto il libro E), introdurre la questione ontologica del libro gamma (che cosa fa tutto ciò che è) tutto ciò che è).

Fisica e metafisica

Nel libro E, cap. 1, Aristotele annota: "La fisica studia gli esseri separati ( χωριστά ) ma non immobili, mentre la scienza primaria ha per oggetto gli esseri insieme separati e immobili [...] Se non ci fosse altra sostanza che quelle che sono costituiti dalla natura, la fisica sarebbe la scienza primaria. Ma poiché c'è una sostanza immobile, allora la scienza di questa sostanza deve essere anteriore alle cose sensibili del mondo dei fenomeni, e la metafisica deve essere la filosofia primaria. E compito di questa scienza sarà considerare l'essere come tale e il concetto e le qualità che gli appartengono” (E 1, 1026 a 13-32). Inoltre, se la fisica studia tutta la forma-materia ( ἔνυλα εἴδη ) del mondo visibile, la metafisica o la filosofia primaria studia la forma come forma, cioè il divino "presente in questa natura immobile e separata" (E1, 1026 a 19- 21). Per uno specialista come A. Jaulin, la metafisica studia dunque “gli stessi oggetti della fisica, ma dal punto di vista dello studio della forma” .

Per Aristotele, mentre la fisica studia i movimenti naturali, cioè i movimenti provocati dal principio proprio della materia, la metafisica studia i “motori immobili” , quelli che fanno muovere le cose senza essere esse stesse mosse. . “Le due sostanze sensibili [la materia e la sostanza composta] sono oggetto della Fisica, perché implicano il movimento; ma la sostanza immobile è oggetto di una scienza diversa [filosofia primaria] ” ).

Di conseguenza, “la metafisica è appunto la scienza dell'essenza, e d'altra parte gli “assiomi” che esprimono sostanzialmente la natura di Dio sono universali” .

Dio come motore primo e filosofia della religione

La nostra rappresentazione convenzionale di Aristotele ne fa un metafisico puramente intellettualista; tuttavia, secondo Werner Jaeger , Aristotele deve essere considerato anche il fondatore della filosofia della religione perché la sua dialettica è "ispirata dall'interno da un vivo sentimento religioso, di cui tutte le parti dell'organizzazione logica della sua filosofia sono permeate. e informate. ” . Dopo la teologia della vecchiaia di Platone , Aristotele porta la prima prova dell'esistenza di Dio nel suo dialogo Sulla filosofia ( Περὶ φιλοσοφίας ), scrivendo nel libro III frammento 16: “Si può ritenere che in ogni campo ove vi sia una gerarchia di gradi, e quindi una maggiore o minore approssimazione alla perfezione, esiste necessariamente qualcosa di assolutamente perfetto. Ora, posto che, in tutto ciò che è, si manifesta una tale gradazione di cose più o meno perfette, c'è dunque un essere di assoluta superiorità e perfezione, e questo essere può benissimo essere Dio” . Ora, è proprio la natura, regno delle Forme strettamente gerarchiche, che è governata secondo Aristotele da questa gradazione: tutto ciò che è inferiore è legato a un altro che è superiore. Nel regno delle cose esistenti, dunque, c'è anche una cosa di perfezione ultima, la causa finale suprema e il principio di tutto il resto. Questo argomento ontologico , legato all'argomento teleologico secondo la Fisica di Aristotele, costituisce ciò che i grandi scolastici chiameranno argumentum ex gradibus . Questo è il primo grande tentativo di affrontare scientificamente il problema di Dio. Questa speculazione scientifica non esclude però l'esperienza personale dell'intuizione di Dio, soprattutto nella pietà con cui Aristotele evoca la divinità del cosmo. "La contemplazione stupita di Aristotele davanti all'ordine immutabile degli astri, intensificata fino a diventare un'intuizione religiosa di Dio" , è in linea con Platone e non è senza annunciare la meraviglia di Kant .

Nel libro intitolato Metafisica , la conoscenza di Dio da parte dell'uomo si identifica con la conoscenza di Dio da parte sua. L'ego è lo spirito, il νοῦς / noûs , che si dice “venga da fuori” ( θύραθεν ) e sia “il divino in noi” , ( τὸ θεῖον ἐν ἡμῖν ). Ed è attraverso il νοῦς / noûs che la conoscenza di Dio entra in noi, Aristotele quindi la definisce come il pensiero del pensiero ( νοήσεως νόησις , noeseos noesis  " ), cioè come un essere che pensa il proprio pensiero, intelligenza e l'atto dell'intelligenza è uno e lo stesso in Dio: “Dio è felice, è troppo perfetto per pensare a se stesso come qualcosa di diverso da se stesso. L'Intelligenza Suprema pensa dunque a se stessa…, e il suo Pensiero è pensato da pensiero” . In questo senso è una pura forma o atto, senza materia, che lancia tutti i movimenti: Aristotele, infatti, descrive Dio come il primo motore immutabile e incorruttibile, e che, successivamente, attualizza tutto ciò che è. Egli gode perennemente del puro e semplice piacere, perché non c'è solo un'attività di movimento - attività transitiva o fabbricante nel senso aristotelico del greco ἔργον  - ma anche un'attività immobile, immanente , perfetta, che raggiunge la sua fine in ogni momento. , e questa "attività di immobilità" , " α ἀκινησίας , tipo di attività per eccellenza, si realizza pienamente nell'Atto puro che Aristotele chiama "il perfetto eterno vivere" , ζῷον ἀΐδιον ἄριστον , perché l'atto dell'intelligenza è vita: ἡ γὰρ νοῦ ἐνέργεια ζῳή .

In Aristotele, dio, definito alla fine della sua opera Sulla preghiera come "il νοῦς o qualcosa di più grande del νοῦς  " , è assolutamente trascendente , per cui è difficile descriverlo se non in modo negativo, è cioè dire rispetto a ciò che gli uomini non hanno. Per Céline Denat, “Il Dio aristotelico, godendo di una vita perfetta consistente nella pura attività della contemplazione intelligibile, costituisce certamente per l'uomo in qualche modo 'un ideale', il modello di un'esistenza priva di imperfezioni e limiti che ci sono propri” . Tuttavia, questa teologia negativa , che influenzerà i neoplatonici, non è assunta da Aristotele. Osserva Pierre Aubenque : “La negatività della teologia si incontra semplicemente nella modalità del fallimento; non è accettata da Aristotele come la realizzazione del suo progetto che era senza dubbio quello di fare una teologia positiva” .

Ontologia aristotelica

La questione ontologica dell'essere come essere non è affrontata in Aristotele come studio di una materia costituita dall'essere come essere , ma come studio di un soggetto, l'essere, visto dall'angolo come essere . Per Aristotele, la parola "essere" ha diversi significati. Il primo significato è quello di sostanza ( ousia ), il secondo, quello di quantità, qualità, ecc., di questa sostanza. Nonostante tutto, per lui, la scienza dell'essere in quanto essere è anzitutto centrata sulla sostanza. Poni la domanda "che cosa è l'essere" " Torna alla domanda " qual è la sostanza " Aristotele affronta nel libro della Metafisica il principio di non contraddizione (PNC), vale a dire che " lo stesso attributo non può essere attribuito e non essere attribuito allo stesso soggetto " ( Meta 1005 b 19 ). Se questo principio è centrale per Aristotele, non cerca di dimostrarlo. Preferisce mostrare che questa ipotesi è necessaria, se vogliamo che le parole abbiano un significato.

Nella Metafisica Z, 3, Aristotele presenta quattro possibili spiegazioni di cosa sia la sostanza di x. Può essere "(i) l'essenza di x o (ii) predicati universali di x, o (iii) un genere a cui x appartiene, o (iv) un soggetto di cui x è il predicato" . Per Marc Cohen, “una forma sostanziale è l'essenza della sostanza, e questa corrisponde a una specie. Poiché una forma sostanziale è un'essenza, è ciò che è denotato dal definiens della definizione. Poiché solo gli universali sono definibili, le forme sostanziali sono universali” . Il problema è che se Aristotele in Metafisica Z,8 sembra pensare che le forme sostanziali siano universali, in Metafisica Z,3 esclude questa possibilità. Quindi due linee di interpretazione. Per Sellars (1957), Hartman (1977), Irwin (1988) e Witt (1989), le forme sostanziali non sono universali e ci sono tante forme sostanziali quanti sono i tipi particolari di una cosa. Per altri, (Woods (1967), Owen (1978), Code (1986), Loux (1991) e Lewis (1991)), Aristotele non intende in Z, 13 che gli universali non sono una sostanza ma qualcosa di più sottile che non preclude «che vi sia un'unica forma sostanziale per tutti i particolari appartenenti alla stessa specie» .

In Z, 17, Aristotele ipotizza che la sostanza sia insieme principio e causa. Infatti, se esistono quattro tipi di cause (materiale, formale, efficiente e finale), la stessa cosa può appartenere a più tipi di cause. Ad esempio, in De Anima (198 a 25), sostiene che l'anima può essere causa efficiente, formale e finale. Così che l'essenza non è solo una causa formale, può essere anche una causa efficiente e finale. Per dirla semplicemente, per Aristotele, Socrate è un uomo “perché la forma o l'essenza dell'uomo è presente nella carne e nelle ossa che costituiscono” il suo corpo.

Se Aristotele, nella Metafisica Z , distingue materia e corpo, nel libro Θ, distingue tra realtà e potenzialità. Proprio come la forma ha la precedenza sulla materia, la realtà ha la precedenza sulla potenza per due ragioni. Prima di tutto, la realtà è la fine, è per essa che esiste il potenziale. Allora la potenzialità può non divenire realtà, è quindi deperibile e come tale inferiore a ciò che è perché «ciò che è eterno deve essere interamente reale» .

Per Pierre Aubenque , l'ontologia di Aristotele è un'ontologia della scissione tra l'essenza immutabile e l'essenza sensibile. Sicché è la mediazione della dialettica che rende possibile un'unità «propriamente ontologica, cioè che dipende solo dal discorso che ci teniamo su di essa e che senza di essa crollerebbe» .

Etica

Aristotele ha affrontato questioni etiche in due opere, Etica in Eudemus ed Etica in Nicomaco . Il primo è legato al periodo antecedente la fondazione del Lycée, compreso tra il 348 e il 355, e presenta un primo stato del suo pensiero sull'argomento, in una presentazione semplice e accessibile, parti della quale verranno riprese più avanti in l' Etica a Nicomaque . Entrambi i libri hanno più o meno le stesse preoccupazioni. Cominciano con una riflessione sull'eudemonismo , cioè sulla felicità o sulla realizzazione. Proseguono con uno studio sulla natura della virtù e dell'eccellenza. Aristotele discute anche i tratti caratteriali necessari per raggiungere questa virtù ( arété ).

Per Aristotele, l'etica è un campo della scienza pratica il cui studio dovrebbe consentire agli esseri umani di vivere una vita migliore. Di qui l'importanza delle virtù etiche (giustizia, coraggio, temperanza, ecc.), viste come un misto di ragione, emozioni e abilità sociali. Tuttavia, Aristotele, a differenza di Platone, non crede che "lo studio della scienza e della metafisica sia un prerequisito per una piena comprensione del nostro bene" . Per lui, la vita buona esige che abbiamo acquisito «la capacità di comprendere in ogni occasione quali sono le azioni più conformi alla ragione» . L'importante non è seguire regole generali ma acquisire "attraverso la pratica le capacità deliberative, emotive e sociali che ci consentono di mettere in pratica la nostra comprensione generale del benessere" . Il suo scopo non è "sapere che cos'è la virtù nella sua essenza", ma mostrare come fare per diventare virtuosi.

Aristotele considera l'etica come un campo autonomo che non richiede alcuna competenza in altri campi. D'altra parte, la giustizia è diversa dal bene comune e ad esso inferiore. Inoltre, a differenza di Platone per il quale la giustizia e il bene comune devono essere cercati per se stessi e per i loro risultati, per Aristotele la giustizia deve essere cercata solo per le sue conseguenze.

Il bene: una nozione centrale

quadro
Contemplazione del Mar Egeo di Thanasis Stephopoulos.

Ogni azione tende a un bene che è il suo fine. Quello che viene chiamato il sommo bene , o il bene sovrano, è chiamato da Aristotele eudaimonia e designa sia la felicità che il buon vivere, εὖ ζῆν / eu zên . Essere εὐδαίμων / eudaimon è il fine più alto dell'essere umano, quello al quale sono subordinati tutti gli altri fini (salute, ricchezza, ecc.). Questo è il motivo per cui il filosofo Jean Greisch ha proposto di tradurre il termine eudaimonia ( εὐδαιμονία ), con fioritura piuttosto che con felicità. Per Aristotele, il sommo bene ha tre caratteristiche: è desiderabile di per sé; non è desiderabile per la ricerca di altri beni; altri beni sono desiderabili al solo scopo di ottenerlo. Così Aristotele fa dell'etica una scienza costitutiva della politica  : «Per la condotta della vita, la conoscenza di questo bene ha un grande peso […] e dipende dalla scienza suprema e architettonica per eccellenza (che) è ovviamente la politica perché è questo che determina quali sono tra le scienze quelle che sono necessarie nelle città” . Il fine ultimo dell'essere umano è anche legato al ἔργον / ergon , vale a dire al suo compito, alla sua funzione che, per lui, consiste nell'utilizzare la parte razionale dell'uomo in modo coerente. Di virtù ( ἀρετή , aretê  " ) ed eccellenza . Per vivere bene, dobbiamo praticare attività «che in tutta la nostra vita attualizzino le virtù della parte razionale dell'anima» .

Ci sono varie concezioni della felicità. La forma più comune è il piacere, ma questo tipo di felicità è specifico delle "persone più grossolane" perché è alla portata degli animali. Una forma più alta di felicità è quella che dà la stima della società, perché "cerchiamo di essere onorati da uomini sani e da coloro con i quali siamo conosciuti, e vogliamo essere onorati per la nostra eccellenza" . Questa forma di felicità è perfettamente soddisfacente perché "la vita delle persone buone non ha bisogno che il piacere le si aggiunga come una falsa aggiunta, ma ha in sé il suo piacere" . C'è però una felicità ancora più grande: è quella che scaturisce dalla contemplazione, intesa come ricerca della verità, dell'immutabile, di ciò che trova il suo fine in se stesso. Questo è qualcosa di divino: «Non è come uomo che vivremo così, ma secondo l'elemento divino che è presente in noi» . Aristotele dedica l'intero ultimo libro della sua Etica a questa forma di felicità .

Non bisogna confondere ricchezza e felicità: “Quanto alla vita dell'imprenditore, è una vita di costrizione, e la ricchezza ovviamente non è il bene che cerchiamo: è una cosa sola. utile, un mezzo per qualcos'altro” .

Teoria delle virtù

Aristotele distingue due tipi di virtù  : le virtù intellettuali, che "dipendono in larga misura dall'insegnamento ricevuto" e le virtù morali, che sono "il prodotto dell'abitudine"  : "È praticando azioni rette che diventiamo giusti, moderati le azioni diventiamo moderate e le azioni coraggiose diventiamo coraggiose” . In entrambi i casi, queste virtù sono in noi solo nello stato di potere. Tutti gli uomini liberi nascono con il potenziale per diventare moralmente virtuosi. La virtù non può essere semplice buona intenzione, deve essere anche azione e realizzazione. Dipende dal carattere ( ethos ) e dall'abitudine al fare bene che gli individui devono acquisire. La cautela è saggezza pratica per eccellenza.

Le virtù intellettuali includono:

  1. la scienza ( episteme ), che si basa sull'induzione e procede per sillogismo  ;
  2. l'arte ( technè ), che è "una certa disposizione accompagnata da una vera regola" , come l' architettura  ;
  3. la prudenza ( phronesis ) o "l'arte di deliberare correttamente su ciò che è buono e benefico"  ;
  4. comprensione intuitiva ( nous ) che sta entrando nei principi  ;
  5. saggezza teorica ( sophia ), considerata come “la forma più completa di conoscenza” .

Una persona intemperante non segue la ragione ma le emozioni . Tuttavia, la virtù morale è una via di mezzo tra due vizi, uno per eccesso e l'altro per difetto: “Essere virtuosi è un bel lavoro. In tutto, infatti, è difficile trovare i mezzi” . Ci sono quattro forme di eccesso in Aristotele: "(a) impetuosità causata dal piacere , (b) irruenza causata dalla rabbia , (c) debolezza causata dal piacere, (d) debolezza causata dalla rabbia" .

«In tutte le cose, infine, bisogna soprattutto guardarsi da ciò che è piacevole e dal piacere, perché in questa materia non giudichiamo imparzialmente» . Una persona che padroneggia se stessa e mostra temperanza nonostante sia soggetta a passioni ( pathos ) conserva la forza di seguire la ragione e dimostra autodisciplina. Ciò è rafforzato dall'abitudine: "È astenendosi dai piaceri che diventiamo moderati, e una volta che siamo diventati moderati, è allora che siamo più capaci di praticare questa astensione" .

D'altra parte, ci sono persone che non credono nel valore delle virtù. Aristotele li qualifica come cattivi ( kakos, phaulos ). Il loro desiderio di dominio o di lusso non conosce limiti ( πλεονεξία / pleonexia ) ma li lascia insoddisfatti, perché non riescono a raggiungere l'armonia interiore. Come Platone, crede che l'armonia interiore sia necessaria per vivere una buona vita. Conduciamo una vita cattiva quando ci lasciamo dominare da forze psicologiche irrazionali che ci portano verso obiettivi al di fuori di noi stessi.

Desiderio, deliberazione e desiderio razionale

“Ci sono tre fattori predominanti nell'anima che determinano l'azione e la verità: la sensazione, l'intelletto e il desiderio. Purtroppo i nostri desideri non portano necessariamente al bene, ma possono portare a favorire la soddisfazione immediata, la dispersione: vogliamo qualcosa perché ci sembra buona, piuttosto che ci sembra buona perché la vogliamo” . Per agire bene, l'uomo deve essere guidato dalla ragione: «Come il bambino deve vivere secondo le prescrizioni del suo governatore, così la parte concupiscibile dell'anima deve conformarsi alla ragione» . Può così realizzare il desiderio razionale e poi, attraverso lo studio dei mezzi e la deliberazione, giungere alla scelta ponderata.

"Ci sono tre fattori che guidano le nostre scelte e tre fattori le nostre repulsioni: il bello, l'utile, il piacevole e i loro opposti, il brutto, il dannoso e il doloroso . " La deliberazione porta a una scelta razionale circa i mezzi per raggiungere il fine: "Noi non deliberiamo sui fini stessi, ma sui mezzi per raggiungere i fini" . Virtù e vizio derivano da scelte volontarie: “La scelta non è comune all'uomo e agli esseri privi di ragione, a differenza di quanto avviene per la lussuria e l'impulsività. […] L'uomo padrone di sé […] agisce per scelta e non per concupiscenza” .

“Aristotele non utilizza ancora le nozioni di libero arbitrio , libertà , responsabilità  ” , ma pone in qualche modo le basi su cui si costruiranno queste nozioni, distinguendo tra azioni volontarie e involontarie. Questi non possono essere ricondotti alla nostra volontà e non possono quindi essere ritenuti responsabili di essi. Tuttavia, in Aristotele l' ignoranza non porta necessariamente al perdono. Ci sono infatti casi in cui l'ignoranza degli esseri umani deve essere punita perché spettava a loro essere informati. Quindi, quando a volte vediamo la nostra ignoranza e il nostro errore, riconosciamo di aver sbagliato. Tuttavia, nei casi in cui gli uomini subiscono vincoli esterni ai quali non possono resistere, non sono responsabili della loro condotta. In generale, per Aristotele, la volontà riguarda il fine desiderato e la scelta i mezzi per raggiungere questo fine. Mentre Platone insiste sul fine e tiene i mezzi come subordinati, asserviti ai fini, Aristotele si interroga sulle dissonanze tra fine e mezzo. Quindi, per lo stagirita, fini e mezzi sono ugualmente importanti e interagiscono.

Prudenza e deliberazione sui mezzi per raggiungere un fine

Per Aristotele il “  phronese  ” non è solo il  latino “  prudenzialia ”. È la conseguenza «di una scissione nella ragione, e il riconoscimento di questa scissione come condizione per un nuovo intellettualismo critico» . Quindi quella phronesis non è la virtù dell'anima ragionevole, ma quella della parte di quest'anima che si riferisce al contingente . Mentre per Platone la scissione è tra le Forme (o Idee) e il contingente o meglio, l'ombra, la copia delle forme, con Aristotele è il mondo reale che è esso stesso scisso in due. Questa scissione non implica, come in Platone, una gerarchia tra le due parti dell'anima ragionevole. Nel Stagirita , phronese deriva dall'incapacità della scienza "per conoscere il particolare e il contingente, che sono comunque il campo proprio di azione" . Il phronêsis serviva a colmare "l'infinita distanza tra i mezzi effettivi effettivi e la realizzazione del fine" . La phronêsis è legata all'intuizione, allo sguardo, come non è l'indecisione. Osserva a questo proposito Pierre Aubenque : “Uomo di pensiero e d'azione, erede degli eroi della tradizione, il phronimos unisce in sé la lentezza della riflessione e l'immediatezza dello sguardo, che non è solo l'emergere improvviso di quella uno: unisce completezza e ispirazione, spirito di lungimiranza e spirito di decisione” .

Teoria della misurazione

Per Aristotele ogni virtù etica è in equilibrio tra due eccessi. Ad esempio, una persona coraggiosa si colloca tra il codardo che ha paura di tutto e lo sconsiderato che non ha paura di nulla. Tuttavia, la virtù non può essere quantificata, non è la media aritmetica corretta tra due stati. Ad esempio, in alcuni casi sarà richiesta una grande rabbia mentre in un'altra circostanza sarà richiesto un livello molto basso di rabbia. Questa interpretazione della misura è generalmente accettata. Viene invece largamente respinta l'interpretazione che consiste nel pensare che per essere virtuosi si debba raggiungere una meta posta tra due opzioni. Per Aristotele, infatti, l'importante non è essere "tiepidi" ma scoprire ciò che è adatto al caso di specie. Per agire rettamente, bisogna agire in modo tale da essere "  καλός / kalos  " (nobile, o bello), perché gli uomini hanno per le attività etiche la stessa attrazione che hanno per la bellezza delle opere d' arte . Fedele ai suoi principi educativi , Aristotele ritiene che i giovani dovrebbero imparare che cosa è "  καλόν / kalon  " e sviluppare un'avversione per ciò che è "  αἰσχρόν / aischron  " (brutto o vergognoso).

La teoria della misurazione aiuta a capire quali qualità sono virtuose, come il coraggio o la temperanza , perché si trovano tra due estremi e quali emozioni (disprezzo, invidia), quali azioni (adulterio, furto, omicidio) sono cattive in ogni circostanza. A differenza di Platone , Aristotele ha un grande interesse per la famiglia ed è molto preoccupato per le virtù che gli sono necessarie.

La teoria della misurazione non fa parte del processo deliberativo rivolto allo studio dei mezzi da mettere in atto per raggiungere un obiettivo. Appartiene al processo che conduce alla virtù e che permette di definire il buon fine: «La virtù morale, infatti, assicura la rettitudine del fine che si persegue, e la prudenza quella dei mezzi per raggiungerlo» .

Politica

Un estratto in greco dalla Politica di Aristotele (libro I, 1252 b 1-8).

La politica è uno dei trattati più antichi filosofia politica in Grecia e l'unico lavoro storico che analizza la problematica della città, così come il concetto di schiavitù. Aristotele esamina il modo in cui dovrebbe essere organizzata la città (in greco: πόλις , polis ). Discute anche le concezioni esposte da Platone in The Republic e The Laws , nonché vari modelli di costituzioni.

I principi

La scienza politica ( πολιτικὴ ἐπιστήμη / politikê epistêmê ) è prima di tutto una scienza pratica che cerca il bene e la felicità dei cittadini: "Lo Stato più perfetto è ovviamente quello in cui ogni cittadino, qualunque sia, può, grazie alle leggi , per praticare la virtù nel miglior modo possibile, e per assicurare la più grande felicità” . La politica è anche una scienza produttiva quando si tratta di creare, preservare e riformare i sistemi politici. Nel Etica della Nicomaques , Aristotele sostiene che la scienza politica è il più importante della scienza della città, ciò che deve essere studiato prima da parte dei cittadini, prima ancora che la scienza militare, la gestione della casa (che diventerà molto più in ritardo con Adam Smith , economia) e retorica. La scienza politica non si limita alla filosofia politica come è ora, ma include anche l'etica e l'educazione.

Etica e politica hanno in comune la ricerca del Bene . Partecipano alla technê politikê , o arte politica, il cui oggetto è sia il bene comune che il bene degli individui.

Perché un'azienda sia sostenibile, deve prima essere equa. La giustizia serve a qualificare i nostri rapporti con i nostri simili quando sono improntati all'amicizia. È dunque la virtù completa che ci fa cercare sia la nostra che quella degli altri. In pratica, aiuta se è supportato da leggi che parleranno bene e male. Il rapporto giustizia/diritto è bilaterale. Infatti, la giustizia, che è prima di tutto una virtù etica, serve anche da norma per il diritto.

Secondo Aristotele, l'uomo può vivere solo tra gli uomini: "Senza amici nessuno sceglierebbe di vivere, anche se avesse tutti gli altri beni" . Distingue tre tipi di amicizia: amicizia utile (si fa servizi); amicizia basata sul piacere (si è felici, per esempio, di giocare a carte con qualcuno) e amicizia vera dove si “ama l'altro per se stesso” . Quest'ultimo tipo di amicizia è di per sé una virtù che partecipa al bene comune. Se una città può vivere senza questa forma di virtù, per durare deve almeno raggiungere la concordia che permette di arrivare ad una comunanza di interessi: «Anche l'amicizia sembra costituire il legame tra le città, e i legislatori sembrano attribuire ad essa un prezzo più grande della stessa giustizia: infatti, la concordia, che sembra un sentimento prossimo all'amicizia, è ciò che cercano soprattutto i legislatori, mentre lo spirito di fazione, che è il suo nemico, inseguono con la massima energia ” .

Presupposti della filosofia politica di Aristotele

Secondo Fred Miller , la filosofia politica di Aristotele si basa su cinque principi:

  1. Il principio della teleologia  : avendo la natura un fine, gli esseri umani hanno quindi una funzione (un compito) da assumere.
  2. Il principio della perfezione: "il bene ultimo o felicità ( eudaimonia ) degli esseri umani consiste nella perfezione, nella piena realizzazione della loro funzione naturale, che egli vede come il movimento dell'anima concesso alla ragione" .
  3. Il principio di comunità: la comunità più perfetta è la Città-Stato . Infatti, non essendo né troppo grande né troppo piccolo, corrisponde alla natura dell'uomo e permette di raggiungere la vita buona.
  4. Il principio di governo secondo la legge.
  5. Il principio della regola della ragione. Come Platone , Aristotele pensa che la parte non razionale dell'uomo debba essere governata dalla parte razionale.

Formazione scolastica

Aristotele dedica diversi capitoli della sua Politica all'Educazione. Egli attribuisce al legislatore "un rigoroso dovere di legiferare in materia di istruzione" e ritiene che "l'educazione dei figli debba essere uno dei principali oggetti di cura per il legislatore . Chiaramente opposto al collettivismo platonico , egli vede nell'educazione il mezzo "per riportare alla comunità e all'unità lo Stato, che è molteplice" . Dedica quindi una lunga riflessione alle modalità che dovrà assumere: "l'educazione deve essere necessariamente una e la stessa per tutti i suoi membri" e "l'educazione dei bambini e delle donne deve essere in sintonia con l'organizzazione politica" . Aristotele vuole che l'educazione includa necessariamente "due epoche distinte, dai sette anni alla pubertà, e dalla pubertà ai ventuno anni" . Per quanto riguarda gli obiettivi educativi, opta per una posizione che Marrou considera "finezza notevole":

“L'educazione fisica, lungi dal puntare a selezionare dei campioni, deve mirare allo sviluppo armonico del bambino; allo stesso modo, l'educazione musicale rifiuterà ogni pretesa di competere con i professionisti: aspirerà solo a formare un dilettante illuminato, che avrà praticato egli stesso la tecnica musicale solo in quanto tale esperienza diretta è utile per formare il suo giudizio. "

Aristotele è critico nei confronti di Atene perché quella città non "capì che l'educazione non era solo un problema politico, ma forse il più importante"  ; non è più tenero verso Sparta che mira prima di tutto a inculcare nei giovani le virtù guerriere. Il filosofo parla da precursore, perché a suo tempo «l'esistenza di una vera educazione pubblica assunta dallo Stato restava un'originalità delle città aristocratiche (Sparta, Creta)» . Solo in epoca ellenistica le ragazze delle principali città frequentavano le scuole primarie e secondarie, o la palestra e il ginnasio, proprio come i ragazzi .

La città e il naturalismo politico

Aristotele, nel libro I della sua opera Politica , considera la città e la legge come naturali . Secondo lui, gli esseri umani prima formavano una coppia per riprodursi, poi creavano villaggi con padroni naturali , capaci di governare, e schiavi naturali , usati per la loro forza lavoro. Infine, diversi villaggi si sono uniti per formare una Città-Stato.

Per Aristotele, l'uomo è "un animale politico", cioè un essere che vive in una città (in greco: polis ). Egli vede la prova che gli uomini sono esseri sociali nel fatto che "la natura, che non fa nulla invano, li ha dotati di un linguaggio, che consente loro di condividere concetti morali come la giustizia" . L'uomo non è l'unico animale sociale, perché anche api, vespe, formiche e gru sono in grado di organizzarsi per uno scopo comune.

La nozione di natura, e in particolare quella di natura umana, non è fissata in Aristotele. Ritiene infatti che l'umano possa trasformare la sua condizione in uno schiavo naturale, o addirittura in un umano semidivino.

Attori politici

Solo cittadino a pieno titolo è colui che può esercitare le funzioni di giudice e magistrato: «Il tratto eminentemente distintivo di un vero cittadino è il godimento delle funzioni di giudice e magistrato» . Tuttavia, queste funzioni richiedono un carattere virtuoso di cui molti sono incapaci. Occorre quindi escludere dallo status di cittadino coloro che sarebbero incapaci di governare la città. Poiché queste funzioni sono concesse da una costituzione e le costituzioni variano da città a città, ci sono città in cui pochissimi sono cittadini a pieno titolo.

Aristotele ha una visione gerarchica della società: classifica l' uomo libero al di sopra di altri esseri umani come lo schiavo , il bambino , la donna . Lui scrive :

“Così, l'uomo libero comanda allo schiavo tutto diversamente dal marito alla donna, e il padre dal figlio; e tuttavia gli elementi essenziali dell'anima esistono in tutti questi esseri; ma ci sono a vari livelli. Lo schiavo è assolutamente privo di volontà; la donna ne ha uno, ma in sottordine; il bambino ne ha solo uno incompleto. "

Colloca in una classe inferiore i contadini, gli artigiani, i commercianti, i marinai oi pescatori, e tutte le "persone troppo povere per vivere senza lavorare" . Tutte queste persone sono infatti incapaci di svolgere una funzione di magistrato e di dedicarsi alla ricerca della felicità attraverso la filosofia, perché ciò richiede molto tempo libero. Il compito più importante del politico è quello di legislatore ( Nomothète ). Aristotele paragona spesso il politico a un artigiano, perché come quest'ultimo crea, utilizza e riforma quando necessario il sistema giuridico. Ma le sue operazioni devono essere svolte secondo principi universali. Per Aristotele, il cittadino, cioè colui che ha il diritto ( ἐξουσία , exousia ) di partecipare alla vita pubblica, ha un ruolo molto più attivo, è molto più coinvolto nella gestione della città che nelle nostre moderne democrazie.

Teoria generale delle costituzioni e cittadinanza

Tuttavia, per prosperare, la città deve essere ben governata. Una città felice è quella che è governata da una buona costituzione, "la costituzione essendo definita dall'organizzazione delle varie magistrature" . È importante che la costituzione sia accettata da tutti i cittadini e, a tal fine, che tutte le classi partecipino in qualche modo al potere. Rifiuta quindi il sistema propugnato da Ippodamo di Mileto perché esclude dal potere le due classi lavoratrici: "Ma se artigiani e operai sono esclusi dal governo della città, come possono avere attaccamento ad esso" " Questa analisi di altre costituzioni, comprese quelle di Sparta , da Cartagine a Creta e ad Atene .

Secondo Aristotele, ci sono due tipi principali di costituzione: le costituzioni corrette che portano al bene di tutti e le costituzioni devianti, che avvantaggiano solo chi governa. Egli distingue tre forme di costituzioni corrette: regalità, aristocrazia e governo costituzionale. Aristotele differenziava le forme di governo in base al numero dei governanti: uno nella tirannia e nella regalità, alcuni nell'aristocrazia o nell'oligarchia, e molti nella democrazia e nella repubblica. L'"aristocrazia" per lui non si riferisce necessariamente a un privilegio di nascita ma si riferisce al meglio nel senso di merito personale, mentre "democrazia" o "regime popolare" si riferisce all'esercizio del potere da parte del popolo.

Le sei forme di governo
Corretta Deviante
Un righello Monarchia Tirannia
Alcuni governanti Aristocrazia (= la migliore) Oligarchia (= la più ricca)
Molti governanti Politeia o governo costituzionale Democrazia

I governanti devono essere scelti in base alla loro eccellenza politica, vale a dire, devono essere in grado di governare non a beneficio di un determinato gruppo, ma per il bene di tutti: "tutte le pretese (di governare) formulate in nome di un altro criterio (ricchezza, nascita, libertà) sono, in quanto tali, squalificati e rimandati back to back” . Secondo Aristotele, la città-stato non ha lo scopo, come credono gli oligarchi, di massimizzare la loro ricchezza, né, come credono i poveri che invocano la "democrazia", ​​di promuovere l'uguaglianza. Il suo scopo è quello di rendere possibile una buona vita di opere eccellenti.

Una costituzione è eccellente se assicura la felicità dei cittadini e se è capace di durare. Secondo Miller, la costituzione meno cattiva sarebbe quella in cui il potere è controllato da una grande classe media. Ci sono diverse ragioni per questo. Innanzitutto, non essendo né molto ricchi né molto poveri, i membri di questa classe sono più naturalmente moderati e inclini a seguire la ragione di altri. Inoltre, hanno meno probabilità di unirsi a fazioni violente e irriducibili, il che rende le città più stabili:

Quindi è anche chiaro che la migliore comunità politica è quella composta da gente media, e che le città che possono essere ben governate sono quelle in cui la classe media è numerosa e nella migliore delle ipotesi più forte delle altre due, o almeno uno dei due, perché il suo aiuto inclina l'equilibrio e previene gli eccessi contrari. "

Tuttavia, secondo Pierre Pellegrin , sarebbe inutile cercare di sapere se Aristotele è "un partigiano dell'aristocrazia, della democrazia o di un "governo delle classi medie" , perché questa domanda "non deve essere" . Aristotele, infatti, pur affermando che esiste "una costituzione eccellente", e pur riconoscendo che l'istituzione di questa è necessariamente progressiva, avverte che le situazioni sono diverse secondo la cultura locale e che "in ogni situazione concreta c'è una e una sola forma costituzionale eccellente” . L'unico principio universale valido per tutte le costituzioni è quello dell'eguaglianza proporzionale: «Ciascuno deve ricevere in proporzione alla sua eccellenza» .

Senza affrontare sistematicamente il problema delle leggi, Aristotele ne mostra l'interdipendenza con la costituzione: «questa e tale legge giusta in una costituzione sarebbe ingiusta in un'altra, perché in contraddizione con lo spirito di questa costituzione». […] L'introduzione di un nuovo provvedimento legislativo può avere effetti devastanti sulla costituzione” . Mostra anche la rivalità che si instaura tra due città governate da sistemi opposti: «quando hanno alle porte uno Stato costituito su un principio opposto al loro, o quando questo nemico, per quanto remoto, ha un potere maggiore. Guardate la lotta di Sparta e Atene: ovunque gli ateniesi rovesciavano le oligarchie, mentre gli Spartani rovesciavano le costituzioni democratiche” .

Influenza di questo lavoro

Come con la maggior parte delle opere di Aristotele, questa non fu edita per la pubblicazione, ma era destinata al suo insegnamento. Ciò si traduce in lacune, incongruenze e ambiguità dovute allo stato di incompletezza del testo. Né abbiamo commenti greci antichi come in altri trattati, né una tradizione indiretta che possa aiutare a fare correzioni oa ripristinare il testo autentico nei passaggi corrotti. Ma ciò non altera affatto l'unità di struttura dell'opera e di un pensiero che resta «il più importante e il più ricco contributo dell'Antichità nel campo delle scienze politiche» .

Ai suoi tempi, l'analisi politica di Aristotele non ebbe una forte influenza, poiché molte città-stato avevano già perso la loro indipendenza a vantaggio di Alessandro Magno , di cui era il tutore. Pochi commentato e lungo dimenticato, il libro è stato riscoperto fino XIII °  secolo, quando il pensiero di Aristotele viene richiamato in una riflessione sulla agostiniano e successivamente nella disputa tra il papato e l'impero.

L'economia

faccia d'uomo
Tommaso d'Aquino , dottore della Chiesa cattolica segnato dal pensiero di Aristotele. Dipinto di Beato Angelico , 1395-1455.

Presentazione del pensiero di Aristotele

Aristotele discute questioni economiche in Etica in Nicomaco 5.5 e Politica I, 8-10; in entrambi i casi si tratta di sottosezioni all'interno di studi che trattano argomenti più fondamentali. Nel Nicomachea , egli distingue tra giustizia distributiva ( διανεμητικός / dianemetikos ), che si occupa del modo in cui onori, merci e altri sono da distribuire, e la giustizia correttiva ( διορθωτικός / diorthotikos ). Nel primo caso, la giustizia non consiste in un'equa distribuzione tra persone disuguali, ma in un equilibrio percepito come equo. Nel secondo caso, quello della giustizia correttiva, lo stagirita distingue tra scambi volontari e involontari. In caso di scambio involontario, la giustizia interviene solo se c'è stata frode e non deve chiedere se c'è stato un prezzo equo .

Aristotele riconosce esplicitamente la necessità economica della schiavitù in un'epoca in cui la meccanizzazione non esisteva: “se le navette tessessero da sole; se l'arco suonasse da solo la cetra, gli imprenditori farebbero a meno degli operai, e i padroni, gli schiavi” . Il suo trattato di politica è anche l'unico testo dell'antichità che studia la schiavitù come concetto.

Riflette anche sulla natura del denaro, di cui afferma l'aspetto puramente convenzionale, perché il denaro ha valore solo "per legge e non per natura". È grazie al denaro che lo scambio tra beni diversi può essere bilanciato. Ma una domanda assilla Aristotele, il denaro è solo uno strumento di scambio o è una sostanza che ha in sé il suo fine ( telos ) Condanna il prestito ad interesse e ad usura «perché è una modalità di acquisto nata dal denaro stesso, e non dandogli la destinazione per cui è stato creato» . In Politica , afferma chiaramente che il denaro dovrebbe essere utilizzato solo per facilitare lo scambio di merci:

“Il denaro dovrebbe essere usato solo per lo scambio; e l'interesse che se ne ricava lo moltiplica esso stesso, come indica sufficientemente il nome datogli dalla lingua greca ( tokos ), gli esseri qui prodotti sono assolutamente simili ai loro genitori. L'interesse è denaro fatto di denaro, ed è di tutte le acquisizioni quella che è la più contraria alla natura. "

Mette in guardia contro l'acquisizione commerciale sfrenata – la chrematics  – che “non ha limite nemmeno allo scopo che persegue, poiché il suo fine è proprio l'opulenza e l'arricchimento indefiniti” .

Aristotele vide il pericolo rappresentato per la città dallo sviluppo dell'economia di mercato. La parte economica della sua opera interessò soprattutto san Tommaso d'Aquino e il cattolicesimo al quale fornì le basi della sua dottrina sociale . La sua influenza è forte anche sul pensiero sociale dell'Islam. Oggi il pensiero economico di Aristotele è studiato anche da chi vuole moralizzare l'economia. Aristotele è stato a lungo attribuito, nel Medioevo, all'Economia , la cui autenticità è infatti assai dubbia.

Pensiero non focalizzato sull'analisi economica

Joseph Schumpeter è stato uno dei primi a interrogarsi sull'esistenza nel pensiero di Aristotele di un'analisi economica, vale a dire di uno "sforzo intellettuale... volto a comprendere i fenomeni economici" . La sua ricerca lo portò a concludere che c'era un'intenzione analitica che non portava a nulla di serio. Inoltre, per lui, lo stagirita avrebbe trattato l'economia solo attraverso il mignolo del cannocchiale e avrebbe trascurato la schiavitù che poi costituiva la base dell'economia e del grande commercio marittimo, l'altro punto cardine del potere ateniese. Così che Aristotele restringe il campo dell'economia agli scambi tra liberi produttori allora molto marginali. Lo Stagirita, infatti, si occupa solo di "rapporti di scambio che hanno come quadro la comunità" , peraltro coerente con la sua politica.

Per Atoll Fitzgibbons, Adam Smith si proponeva di sostituire la filosofia aristotelica che vedeva come un freno alla libertà e alla crescita economica con un sistema altrettanto vasto ma più dinamico.

Poietica o scienza produttiva

Retorica

statua
Platone e Aristotele scoraggiano.
Luca della Robbia , 1437-1439. Pannello marmoreo della facciata nord, registro inferiore, dal campanile di Firenze.

Aristotele scrisse tre grandi opere di retorica: Poetica , Retorica e Argomenti .

Secondo Aristotele, la retorica è soprattutto un'arte utile. Definito come "la facoltà di considerare, per ogni domanda, ciò che può essere adatto per persuadere" , è un "mezzo per argomentare, utilizzando nozioni comuni e prove razionali, al fine di ottenere l'accettazione delle idee. presso un pubblico" . La sua funzione è quella di comunicare idee nonostante le differenze di linguaggio delle discipline. Aristotele fonda così la retorica come scienza oratoria indipendente dalla filosofia.

I tre generi di discorso
Pubblico Tempo atto Valori Tipo di argomento
giudiziario Giudici Passato Accusare - difendere Giusto ingiusto Entimema (o deduttivo)
deliberativo Assemblea Futuro Consigliare - sconsigliare Utile - dannoso Esempio (o induttivo)
epidittico Spettatore Presente Affitto - colpa Nobile - vile Amplificazione

Ad ogni tipo di discorso corrisponde una serie di tecniche e un tempo particolare. Il discorso giudiziario richiede il passato poiché è su fatti compiuti che l'accusa o la difesa si riferiscono. La deliberazione richiede il futuro perché consideriamo le sfide e le conseguenze future della decisione. Infine, il genere epidittico o dimostrativo enfatizza l' amplificazione .

Aristotele definisce le regole della retorica non solo nella Retorica ma anche nei libri V e VI di Organon . Lo fonda sulla logica , che ha anche codificato. La sezione Topic definisce il quadro delle possibilità argomentative tra le parti, vale a dire i luoghi retorici. Per Jean-Jacques Robrieux , «si traccia così, con Aristotele, il percorso di una retorica fondata sulla logica dei valori» .

Oltre a una teoria dell'inferenza retorica esposta nel libro I della Retorica , Aristotele propone in questa stessa opera una teoria delle passioni (libro II) e una teoria dello stile (libro III).

Poetica (tragedia ed epica)

Ultima opera del corpus aristotelico, probabilmente una delle più note di Aristotele, La Poétique tratta della "scienza della produzione di un oggetto che si chiama opera d'arte" . Se Aristotele considera la poesia, la pittura, la scultura, la musica e la danza come arti, nel suo libro si interessa principalmente alla tragedia e all'epica e, molto aneddoticamente, alla musica. Aristotele cita un futuro lavoro sulla commedia che è una delle opere mancanti.

Il ruolo del poeta, in senso aristotelico, cioè dello scrittore, non è tanto quello di scrivere versi quanto di rappresentare una realtà, delle azioni; questo è il tema della mimesi . Tuttavia, il poeta non è uno storico-cronista: “il ruolo del poeta non è dire ciò che realmente avviene, ma ciò che potrebbe avvenire nell'ordine del probabile o del necessario […] è per questo che la poesia è più filosofico e più nobile della cronaca: la poesia tratta del generale, la cronaca del particolare. Il termine generale designa il tipo di cosa che una certa categoria di uomini fa o dice verosimilmente o necessariamente” . Nella tragedia, la storia è più importante dei personaggi.

In una storia, “il colpo di scena è il capovolgimento dell'azione nella direzione opposta” . L'unità d'azione è probabilmente la regola più importante; si ottiene dalla rappresentazione di un'unica azione attorno alla quale si organizza l'intera tragedia. Un'altra regola importante è il rispetto della plausibilità: la storia deve presentare solo eventi necessari e plausibili; non deve contenere l'irrazionale o l'illogico, in quanto ciò spezzerebbe l'adesione del pubblico allo spettacolo che sta guardando. Se la storia contiene elementi illogici, devono essere al di fuori della storia come in Edipo Re , di Sofocle .

Il fenomeno della catarsi , o purificazione delle passioni, legato alla tragedia, è stato oggetto di varie interpretazioni. Per Beck, “le emozioni vengono purificate analiticamente (come da un processo di discernimento esposto sulla scena vista e producendo uno schizzo, una sorta di astrazione, così che […] il piacere dello spettatore […] è anche un piacere intelligente. " . nell'interpretare la visione "classica" del male o del doloroso allontanarlo da questo tipo di passione. L'interpretazione medica, intanto, ritiene che "l'effetto del poema sia fisiologicamente alleviare lo spettatore" .

Il testo della Poetica , riscoperto in Europa dal 1453 , è stato ampiamente commentato e invocato come autorità. Il XVII °  secolo francese assegna erroneamente la regola delle tre unità per la composizione drammatica.

Piccoli Trattati: Sonno e Sogni

Breve presentazione dei trattati

Aristotele dedicò tre piccoli trattati alla questione del sonno e dei sogni: Sul sonno e sulla veglia , Sui sogni e Sulla divinazione nel sonno . Questi trattati estendono la riflessione del trattato Sull'anima , a cui talvolta si riferiscono indirettamente, e mirano ad esplorare i fenomeni psicologici in relazione alla loro base fisiologica.

La concezione aristotelica del sogno

lo psicanalista Sigismund Freud
Freud ha commentato passi dal libro di Aristotele Divinazione nel sonno

Come Senofane ed Eraclito , Aristotele rigetta categoricamente le idee correnti a suo tempo che vedevano nel sogno un'apparizione divina: «Non solo il sogno non può essere per chi vede, né segno né causa la realtà che segue; è solo una coincidenza” .

Non sospetta il simbolismo del sogno o la sua dimensione narrativa, ma rimane fisso sull'illusione che crea e sul suo significato allucinatorio. Così facendo, si allontana dalla concezione platonica ne La Repubblica secondo cui l'anima durante il sonno è liberata dallo spazio e dal tempo e può andare alla ricerca della Verità. Alla domanda se il sogno sia prodotto dalla parte percettiva dell'anima o dalla sua parte intellettuale, Aristotele li esclude entrambi e afferma che è opera dell'immaginazione:

“Così, durante la notte l'inattività di ciascuno dei sensi particolari, e l'incapacità di agire dove sono […] riportano tutte queste impressioni, che erano insensibili durante la veglia, al centro stesso della sensibilità; e diventano perfettamente chiare. "

I sogni ci fanno quindi rivivere esperienze di veglia, ma in forma attenuata perché le percezioni fatte durante il giorno hanno lasciato tracce nella mente, "un residuo di sensazione" (461 b). Egli non attribuisce al sogno né finalità, né funzione, né significato, ma lo vede come una produzione quasi meccanica. Non è quindi necessario attribuirgli importanza.

Per interpretare correttamente i sogni, devi saper riconoscere le somiglianze:

"Inoltre, l'interprete più abile dei sogni è quello che meglio sa riconoscere le loro somiglianze […] perché le immagini dei sogni sono più o meno come le rappresentazioni di oggetti nell'acqua, come lo siamo noi. È già stato detto: quando il movimento del liquido è violento, la rappresentazione esatta non avviene e la copia non assomiglia affatto all'originale. "

Freud , che commenta questo passaggio, vede anche nei giochi di somiglianza "i primi fondamenti di ogni costruzione onirica" . Aristotele era anche interessato al sogno lucido e dà la prima testimonianza scritta del fatto che si può essere consapevoli di sognare mentre si sogna:

“Se sentiamo di dormire, se siamo consapevoli della percezione che rivela la sensazione del sonno, l'apparenza si mostra bene; ma c'è qualcosa in noi che dice che appare Corisco, ma che non è Corisco; perché spesso quando dormiamo, c'è qualcosa nell'anima che ci dice che quello che vediamo è solo un sogno. "

posterità

antichità

Dopo la sua morte, Aristotele cadde nell'oblio per almeno due ragioni. Da un lato, il suo allievo e successore, Teofrasto , non si preoccupò di sviluppare il suo insegnamento, ma preferì dedicarsi alla propria ricerca sulle piante e sulla nozione di "primo motore". Aristotele, d'altra parte, non ha proprio fondato una scuola propriamente detta, nel senso dottrinale del termine. Infine, Straton de Lampsaque , succeduto a Teofrasto, sembra aver "allontanato molti aspetti dell'insegnamento del suo fondatore, e in particolare del suo insegnamento politico" . Secondo un aneddoto riferito da Strabone , le opere di Aristotele e Teofrasto sono lasciati in fondo a una cantina e dimenticati, fino a quando hanno scoperto che st  secolo  aC. dC dal bibliofilo Apellicon , che le acquista. Silla ottiene la biblioteca di Apellicon e la fa trasportare a Roma, dove il grammatico Tyrannion ne intraprende un'edizione e ne fa fare una copia per Andronico di Rodi , intorno al 60 a.C. DC . Quest'ultimo fu l'undicesimo successore di Aristotele a capo del Lycée . Fu lui a stabilire la "forma e il canone degli scritti di Aristotele" ea "consacrare il modo di filosofare che prevalse tra gli aristotelici fino alla fine dell'Antichità" .

In epoca romana, l'aristotelismo era poco apprezzato, preferiva l' epicureismo o lo stoicismo . Aristotele è tuttavia commentato dalla tradizione neoplatonica e integrato in questa filosofia, che tenta una sintesi tra Platone , Aristotele e le correnti spirituali dell'Oriente. Fu attraverso i neoplatonici, in particolare Plotino , Porfirio e Simplicio , che l'aristotelismo penetrò nel primo cristianesimo.

La fisica di Aristotele ha avuto una certa influenza sull'alchimia , in particolare greco-alessandrina. Infatti, alchimisti come Zosima o Olimpiodoro lo citano e usano i suoi concetti per pensare alla trasmutazione dei metalli (in particolare genere/specie, sostanza/incidente, atto/potere). Tuttavia, filosofi che avevano familiarità con l'aristotelismo come Proclo e più tardi Avicenna confuteranno la possibilità teorica della trasmutazione dei metalli, basandosi su una diversa interpretazione di Aristotele. Secondo loro, la fissità delle specie (tipi di metalli) non consente a un metallo di trasformarsi in un altro.

Intorno all'anno 500, sotto il re ostrogoto Teodorico il Grande , il filosofo latino Boezio tradusse Logica e Analitica e lasciò anche tre libri di commentari ad Aristotele . L' Alto Medioevo occidentale avrà accesso principalmente al pensiero di Aristotele attraverso quest'opera.

Influenza sui pensatori bizantini

In Oriente, gli scribi cristiani greci hanno svolto un ruolo importante nella conservazione dell'opera di Aristotele commentandola e copiandola (allora la stampa non esisteva). Giovanni Filopono è il primo cristiano a Greco commentando a fondo Aristotele VI °  secolo; è seguita, all'inizio del VII E  secolo, da Etienne di Alessandria . Jean Philopon è noto anche per la critica alla nozione di eternità del mondo di Aristotele. Dopo secoli di dimenticanza, verso la fine dell'XI °  secolo e l'inizio del XII °  secolo Eustrazio e Michele di Efeso scrivono nuovi commenti ad Aristotele , pare sotto la guida di Anna Comnena . Un'edizione critica di questi commenti è stata pubblicata a Berlino in 23 volumi (1882-1909).

Penetrazione nel mondo musulmano

Testi greci in primo luogo sono tradotti in siriaco da Sergio di Reshaina e grave Sebôkht nel corso del VI °  secolo, poi da Jacques Edessa e Atanasio di Balad nel secolo successivo. In seguito alla persecuzione da parte di Bisanzio degli ebrei ed eretici cristiani di Siria ( monofisiti , nestoriani ), si rifugiarono nei territori limitrofi e lasciarono in eredità le loro biblioteche alle scuole musulmane.

Dalla fondazione di Baghdad , VIII °  secolo, il califfato abbaside incoraggia un'intensa attività di traduzione, includendo studiosi cristiani dell'arabo come Hunayn ibn Ishaq , seguito successivamente da Ibn Zura e Yahya ibn Adi , riflettendo il corpus logico-filosofico verso il siriaco poi verso Arabo. Il califfo Al-Mansur , che regnò dal 754 al 775, e in particolare il suo successore Al-Ma'mūn , che regnò dal 786 all'833, si dedicarono all'integrazione della conoscenza greca nella cultura araba e inviarono emissari a Bisanzio e nelle principali città del mondo alla ricerca dei manoscritti di Aristotele.

Per facilitare la creazione di un nuovo vocabolario tecnico, glossari araba siriana sono realizzati dalla IX °  secolo. D'altra parte, le opere di matematica o astronomia sono state spesso tradotte direttamente in arabo, senza un intermediario siriaco. Entro la metà del IX °  secolo, "arabo comincia a superare la lingua siriaca come una questione medica imparato" . Queste opere sono ampiamente distribuite in tutto il mondo arabo-musulmano.

Aristotele ha lasciato un segno piuttosto profondo nella teologia islamica ai suoi inizi. Al-Fârâbî , Avicenna e Averroè hanno scritto molto su Aristotele. Le loro idee influenzarono san Tommaso d'Aquino e altri filosofi cristiani occidentali. Al-Kindi considerava Aristotele l'unico rappresentante della filosofia e Averroè parla di Aristotele come l'esempio per ogni futuro filosofo. I pensatori musulmani medievali presentano frequentemente Aristotele come il "primo maestro". Questo titolo di "maestro" fu poi ripreso da filosofi occidentali influenzati dalla filosofia islamica come Dante .

Come i filosofi greci, le loro controparti musulmane considerano Aristotele un filosofo dogmatico, l'autore di un sistema chiuso. Credono che Aristotele condivida la maggior parte della filosofia di Platone . Alcuni arrivarono al punto di attribuire idee neoplatoniche ad Aristotele.

Medioevo occidentale

Riscoperta di Aristotele in Occidente

Durante l' Alto Medioevo , in parte dell'Occidente sono note solo le opere di Aristotele tradotte da Boezio alla fine dell'Antichità. Ma le sue opere circolano nella Spagna musulmana dove vengono studiate da pensatori arabi, in particolare Averroè . In un'altra parte dell'Occidente i testi di Aristotele sono conosciuti e copiati dai monaci greci, e tradotti dai latini.

Durante il rinascimento del XII °  secolo , c'è un grande movimento di traduzione di testi arabi in latino, a volte in spagnolo, ma anche in ebraico con la famiglia dei rabbini Ibn Tibbon . Oltre alle opere di Aristotele, traduciamo le opere scientifiche greche che erano state tradotte in arabo così come le opere dei filosofi musulmani. Questo movimento decollò nel 1100 in varie città della Spagna, in particolare a Toledo , dove si sviluppò un'importante scuola di traduttori con Gérard de Cremona e Michael Scot . Altri centri di traduzione sono attivi a Palermo , Roma , Venezia , Pisa , oltre a Mont Saint-Michel .

Tuttavia in Sicilia e in Francia, è direttamente dal greco che si conoscono i testi di Aristotele. Infatti, Henri Aristippe , Alberto Magno e Guglielmo di Moerbeke , un caro amico di San Tommaso d'Aquino , traducono dal greco antico .

Aristotele e Tommaso d'Aquino

vetrata raffigurante Tommaso d'Aquino
San Tommaso d'Aquino , l'introduttore dell'aristotelismo nel pensiero cristiano del XIII °  secolo.

Nel XIII °  secolo, la filosofia aristotelica, recensito da Tommaso d'Aquino , divenne la dottrina ufficiale della Chiesa latina , nonostante alcuni alti e bassi, come nel 1277 la convinzione di una serie di proposte aristoteliche da parte del vescovo di Parigi Étienne Tempier . Diventa anche il riferimento filosofico e scientifico per ogni seria riflessione, dando vita alla scolastica e al tomismo .

San Tommaso d'Aquino è fondamentalmente un aristotelico sebbene il suo pensiero tragga anche da altre fonti. Come con lo stagirita, con Tommaso d'Aquino la filosofia include la scienza pratica e la scienza teorica che, a loro volta, si suddividono in diversi campi. Tuttavia, Tommaso d'Aquino ha sottoposto alcuni colpi di scena al pensiero aristotelico. Da un lato subordina la filosofia alla teologia, che è essa stessa al servizio della conoscenza di Dio. Dall'altro, integra «tutte le scienze aristoteliche in un unico e gerarchico ordine» esso stesso subordinato alla teologia.

Cary Nederman accusa Tommaso d'Aquino di aver usato le tendenze aristocratiche di Aristotele per giustificare il proprio disgusto per le arti meccaniche, in particolare il lavoro manuale. Knight mitiga questa critica. Da un lato, nota che nella sua ultima opera, rimasta incompiuta, Tommaso d'Aquino pone l'ideale di nobiltà, allora dominante, sotto il patrocinio di Aristotele e il marchio del sigillo aristotelico dell'arete , di eccellenza. Inoltre Tommaso d'Aquino, basandosi sul pensiero di Aristotele, introdusse nel campo politico la lotta alla povertà. Affinché le sue preoccupazioni economiche e sociali lo facciano considerare più egualitario di Aristotele. Tuttavia, Tommaso d'Aquino, riprendendo da Aristotele la ricerca del bene comune, tende a deviare il cristianesimo dallo spirituale ea spingerlo verso il dominio temporale, verso la politica e il mondo. Lo allontana così dal pensiero di sant'Agostino , la cui teoria delle due città introduce una distanza maggiore tra il temporale e lo spirituale.

Rinascimento

faccia d'uomo
Leonardo Bruni , Cancelliere di Firenze e traduttore di Aristotele, Platone , Demostene e Plutarco .

Durante il Rinascimento (1348-1648), l'opera di Aristotele fu ampiamente studiata nelle università. La sua logica è insegnata ovunque e la sua filosofia della natura è ampiamente diffusa, soprattutto nelle facoltà di medicina di Bologna e Padova. Studiamo in particolare De anima II e III e Fisica . La sua metafisica, da parte sua, è diffusa principalmente nelle università protestanti. L'insegnamento della sua filosofia morale differisce molto da un istituto all'altro. In generale, l'etica è molto più studiata della politica.

In questo periodo i commenti su Aristotele sono numerosissimi. Richard Blum ha registrato 6.653 tra il 500 e il 1650.

Aristotele e il repubblicanesimo

Aristotelismo di Padova XV ° e XVI °  secolo trascura aspetto teleologico per mettere a fuoco, a seguito di Marsilio da Padova , sulle virtù civiche, come la lealtà verso lo Stato ed i suoi governanti. Quando Leonardo Bruni ritraduce Politica ed Etica a Nicomaques , è meno preoccupato di problemi concettuali che mosso dal desiderio di "offrire opere scritte in ottimo latino che permettano ai suoi compatrioti fiorentini di immaginarsi come modelli di virtù aristotelica" . In seguito, il repubblicanesimo , secondo Kelvin Knight , sviluppò la nozione di stato sovrano facendo riferimento all'idea aristotelica di una comunità politica autosufficiente. Il repubblicanesimo individualista, che un autore di lingua inglese come John M. Najemy , specialista in Machiavelli, contrappone al repubblicanesimo corporativo, è, dal canto suo, improntato all'etica aristotelica e, un po' come essa, lega "l'etica dell'eccellenza alla buona nascita, buona educazione, potere e svago” .

Lutero e Aristotele: storia di un'opposizione

Martin Lutero vede la Chiesa cattolica come una Chiesa tomista o aristotelica e si oppone allo stagirita su diversi punti:

  • Come sant'Agostino , e diversamente da Aristotele, non basa la politica sulla virtù dei governanti.
  • Come l'apostolo Paolo, vuole distruggere la saggezza dei saggi. Da questo punto di vista, l'etica di Aristotele è la peggiore perché si oppone alla grazia divina e alle virtù cristiane.
  • Infine, e soprattutto, comprende l'idea aristotelica della capacità degli uomini di migliorare attraverso la pratica come fonte di giustificazione attraverso le opere. Si tratta dell'idea che gli uomini possono contribuire da soli alla loro salvezza, idea alla quale egli oppone la sola fide , cioè il fatto che solo la fede può contribuire alla grazia.

Il successore di Lutero, Philippe Mélanchthon , si riconnette con Aristotele. Tuttavia, con lui, l'etica non mira alla felicità temporale. Al contrario, tende a disciplinare l'azione degli uomini affinché possano agire secondo la volontà divina. In breve, l'etica sostiene l'azione della grazia.

Nascita della scienza moderna e interrogatorio di Aristotele

Dal 1600 la logica di Aristotele e la sua astronomia furono messe in discussione. Francis Bacon , uno dei padri della scienza e della filosofia moderne, contesta l'abuso dei riferimenti all'autorità di Aristotele nella sua opera Sul progresso e la promozione della conoscenza (1605): "Le savoir derivé d'Aristote, se è sottratto al libero esame , non si eleverà più in alto della conoscenza che aveva Aristotele” . All'inizio del XVII °  secolo, Galileo , difendendo la teoria eliocentrica , il conflitto con la Chiesa cattolica e con la maggior parte delle persone istruite che, seguendo Aristotele, mantiene la tesi di geocentrica . Nonostante la condanna di Galileo, l' eliocentrismo , nonostante tutto, trionferà con Isaac Newton . Per Alexandre Koyré , il passaggio dal geocentrismo aristotelico all'eliocentrismo ha due conseguenze principali:

"A) la distruzione del mondo concepito come un insieme finito e ben ordinato, in cui la struttura spaziale incarnava una gerarchia di valore e perfezione, un mondo in cui" al di sopra "la terra pesante e opaca, centro della regione sublunare da cambiamento e corruzione, le sfere celesti "sorsero" dalle stelle imponderabili, incorruttibili e luminose...

b) la sostituzione della concezione aristotelica dello spazio, insieme differenziato di luoghi intramondani, con quella dello spazio nella geometria euclidea - estensione omogenea e necessariamente infinita - considerata ormai identica, nella sua struttura, allo spazio reale dell'universo. Il che a sua volta implicava il rifiuto da parte del pensiero scientifico di ogni considerazione fondata su nozioni di valore, perfezione, significato o fine, e infine, la completa svalutazione dell'Essere, il totale divorzio tra il mondo dei valori e il mondo dei fatti. "

Aristotele e la filosofia del XVII ° e l'inizio del XIX °  secolo

Secondo Alexandre Koyré , il mondo di Cartesio "è un mondo matematico rigorosamente uniforme, un mondo di geometria reificata, di cui le nostre idee chiare e distinte ci danno una conoscenza ovvia e certa" . Al contrario, quello di Aristotele è “colorato, multiforme e dotato di determinazioni qualitative” , è “il mondo della nostra vita e della nostra esperienza quotidiana” .

In Aristotele, gli uomini hanno in sé dei principi che li spingono a raggiungere la loro finalità. Christian Wolff , seguendo Leibniz , trasforma queste diverse tendenze gerarchiche "in un unico racconto di un mondo e di un universo provvidenzialmente progettati per il bene dell'umanità" , secondo il principio della teleologia . Secondo Pierre Aubenque , fu Leibniz che, nonostante Lutero , assicurò la continuità della tradizione aristotelica in Germania.

Kant trasforma anche diversi concetti aristotelici. Anzitutto, andando anche oltre Leibniz e Wolff, propone un "Dio salvatore della virtù e garante del bene completo" , e, dall'altro, modifica il senso della ragion pratica. In Aristotele ciò che è pratico è legato alle circostanze, è un adattamento di un'idea generale, mentre in Kant è qualcosa di universale che non è legato alle circostanze. Nemmeno i due filosofi hanno lo stesso approccio alla nozione di concetto: “Un concetto, per Kant, esiste solo nella mente degli individui. Al contrario, una forma, per Aristotele, è un vero universale che si sostanzia in varie sostanze di cui rimane esterno, ma che può essere appreso dalla mente umana” .

Hegel , seguendo Wolff e Kant, amplia ulteriormente il campo della teleologia , che non riguarda più solo l'essere umano ma anche il sistema. Inoltre, passa da un universale senza tempo a processi temporali e storici, un cambiamento che segna fortemente le moderne teleologie. Hegel ha anche una concezione degli individui diversa da quella di Aristotele. Secondo lui, gli esseri umani sono parti di un tutto universale che conferisce loro identità, ruolo e funzioni; lo stagirita, al contrario, è più individualista, insiste di più sulla centralità dell'essere umano inteso come ente. Per quanto riguarda l'estetica, Hegel si colloca a metà strada tra la percezione di un'opera d'arte come technè che troviamo in Aristotele, e quella del frutto del genio che troviamo in Kant e nei romantici .

Karl Marx è talvolta percepito come parzialmente aristotelico perché si trova in lui l'idea di azione libera che consente di realizzare il potenziale degli esseri umani.

periodo contemporaneo

Nel XIX °  secolo, c'è un ritorno alla metafisica aristotelica, che è iniziato con Schelling e proseguito con Ravaisson , Trendelenburg e Brentano .

Nel XX °  secolo Heidegger anche tornare ad Aristotele. Kelvin Knight ritiene che la decostruzione della "tradizione" filosofica (da lui intesa soprattutto come quella del neokantismo ) operata da questo filosofo permetta a Leo Strauss e Hannah Arendt di riabilitare la filosofia pratica di Aristotele che, secondo loro, sarebbe stata corrotta da la scienza, il diritto naturale e l'importanza data alla produzione. Tuttavia, questo ritorno ad Aristotele non impedisce un movimento per allontanare il pensiero di Heidegger. Kelvin Knight scrive su questo argomento "questi filosofi rifiutano in parte l'interpretazione di Heiddeger di Aristotele rifiutando in particolare di vedere, come lui, lo stagirita come la fonte della tradizione teorica in filosofia" . Allo stesso modo, si rifiutano di usare la parola Dasein e la preferiscono ai termini aristotelici di praxis e phronesis . In generale, Kelvin Knight classifica Leo Strauss , Hannah Arendt e Hans-Georg Gadamer in una corrente che definisce "neo-aristotelica pratica" . Secondo lui, questi filosofi riprenderebbero la tesi di Heidegger secondo la quale Aristotele si collocherebbe nella continuità di Platone e insisterebbero sul fatto che Aristotele concepisce l'etica come separata dalla metafisica e dalla conoscenza tecnica. Inoltre, Gadamer e Arendt “assimilano l'idea di giudizio estetico della terza critica di Kant a quella che Aristotele chiama phronesis  ” .

Più recentemente, Alasdair MacIntyre ha cercato di riformare la tradizione aristotelica, in modo da darle una svolta antielitaria, e rispondere così alle obiezioni dei socio-liberali e dei nietzscheani . Kelvin Knight chiama questo tentativo "aristotelismo rivoluzionario" . In Francia, Pierre Aubenque insiste sull'oblio , nella tradizione aristotelica, del carattere aporetico dell'opera di Aristotele. Questa incompletezza del pensiero aristotelico spiega, secondo questo filosofo, perché il cristianesimo e l'Islam apprezzassero così tanto il pensiero dello stagirita. Scrive dell'interpretazione cristiana o islamica: “poiché aveva udito un'altra Parola, i silenzi di Aristotele le sembravano più accoglienti a questa Parola della parola concorrente di Platone; era più facile cristianizzare (o islamizzare) un Aristotele a cui mancava l'opzione religiosa che filosofare nei termini di un platonismo che era un'altra religione” . L'altro modo per riempire i silenzi di Aristotele consiste, secondo Pierre Aubenque, nell'amplificare la scissione assumendo l'incompletezza del pensiero; questa è la strada intrapresa dal neoplatonismo . Secondo l'interpretazione di Aubenque, "la divinità dell'uomo non è tanto la degradazione del divino nell'uomo quanto l'infinita approssimazione del divino nell'uomo" . Nel XX °  secolo, due filosofi hanno proposto una logica concorrente di Aristotele: John Dewey con il suo libro logica: la teoria delle indagini e Bertrand Russell . Dewey afferma di essere colui che è andato più avanti nella novità contro Aristotele. Ritiene, infatti, che "non sia sufficiente estrapolare l' Organon , come fecero Bacon e Mill , né adornarlo di fronzoli matematici, come fece Russell  " ma che debba basarsi su nuove basi. Ciò che interessa a Dewey nella logica non è tanto accertare il vero carattere della cosa mediante ragionamento deduttivo e formale, quanto, come indica il sottotitolo, stabilire un legame tra idea e azione, basato sia sull'intuizione che sullo studio e la verifica di quell'idea.

Le femministe, dal canto loro, accusano Aristotele di essere sessista e misogino . Questa accusa si basa sul fatto che Aristotele attribuisce agli uomini un ruolo attivo nella procreazione e, in politica, dà il posto d'onore agli uomini.

Negli anni 1960-1970, alcuni ricercatori hanno esaminato le traduzioni arabe delle lettere che Aristotele avrebbe scritto ad Alessandro Magno . In parti di una di queste lettere che Pierre Thillet considera, nel 1972, relativamente attendibile, Aristotele non si colloca più nell'ambito di una città, ma in seguito alla conquista della Persia da parte di Alessandro, nell'ambito di «uno Stato la cui diversità etnica potrebbe anche tendere ad essere cancellato dalle deportazioni di massa della popolazione” . Si noti tuttavia che Pierre Carlier nel 1982 in un articolo intitolato Studio sulla presunta lettera di Aristotele ad Alessandro trasmessa da diversi manoscritti arabi sostiene che questa lettera è molto più tarda dell'epoca di Aristotele.

Nonostante tutto, a più di 2.300 anni dalla sua morte, Aristotele rimane uno degli uomini più influenti che il mondo abbia conosciuto. Ha lavorato su quasi tutti i campi della conoscenza umana conosciuti al suo tempo e ha contribuito ad aprirne molti altri. Secondo il filosofo Bryan Magee , "è dubbio che un essere umano abbia saputo più cose di lui" .

Aristotele nelle opere di fantasia

Il fumettista Sam Kieth lo ha reso uno dei personaggi (insieme a Platone ed Epicuro ) nel suo fumetto Epicuro il saggio .

Lavori

Informazioni generali sull'opera

Sappiamo che Aristotele scriveva dialoghi per il grande pubblico alla maniera di Platone . Rimangono solo rari frammenti ( Eudemus , Filosofia, Du bien , ecc.). Questi dialoghi rappresentano i “discorsi exoterici” ( τερικοὶ λόγοι ) di Aristotele, destinati ad un vasto pubblico. Cicerone non esita a qualificare la sua eloquenza come un "fiume d'oro" ea giudicare i suoi libri (oggi perduti) scritti meglio di quelli di Platone.

I trentuno trattati che ci rimangono provengono principalmente da dispense o scritti destinati al pubblico specializzato del Lycée . Accanto ai "discorsi exoterici" (ad uso del pubblico), esistono solo lezioni orali dette anche appunti "acroamatici", raccolte di lezioni destinate ai discepoli avanzati.

Gli specialisti di Aristotele si chiedono come siano stati messi insieme gli scritti che conosciamo. In effetti, la loro organizzazione a volte sembra azzardata e il loro stile ha poco a che fare con ciò che dice Cicerone.

Una trentina di opere di Aristotele sono andate perdute. Gli esperti si sono chiesti se questa perdita abbia distorto o meno la comprensione dell'opera di Aristotele. Nella sua Storia della filosofia dei greci , Eduard Zeller risponde negativamente:

“Tutte le opere in questione appartengono agli ultimi anni della vita di Aristotele. Se un giorno una felice scoperta dovesse arricchire la nostra conoscenza dell'ordine cronologico di questi scritti, non vi sarebbe alcuna speranza che l'opera più antica ci riporterebbe indietro nel tempo in cui Aristotele stava ancora lavorando al suo sistema. In tutte le sue parti, ci si presenta come un tutto compiuto; da nessuna parte vediamo ancora l'architetto all'opera. "

Va notato che questa posizione risale a un'epoca in cui dominava ancora “l'immagine di un Aristotele sistematico” . Dagli scritti di Werner Jaeger , in particolare dal suo libro del 1923 Aristotele, Fondamenti per una storia della sua evoluzione , la tesi dell'unità dottrinale del pensiero aristotelico non è più dominante.

Questione di interpretazione dell'opera

L'opera davanti a noi si basa su documenti assemblati libri I st  secolo a.C. da Andronico di Rodi senza che quest'ultimo abbia conosciuto una proposta di ordine di Aristotele o i "pro e contro dell'approccio, motivazioni e opportunità editoriali" . Il corpus abbiamo quindi scritto al IV °  secolo, ma a cura del I °  secolo aC. Per Pierre Aubenque , questo spostamento di diversi secoli, unito allo stesso tempo all'abbandono del pensiero aristotelico, portò a dissociare fortemente l'uomo aristotelico dalla filosofia conosciuta con il suo nome. Inoltre, essendo ignota l'intenzione dell'autore, gli esegeti sono stati portati a fare ipotesi che hanno portato a linee interpretative divergenti.

ritratto di un uomo.
Werner Jaeger
di Max Liebermann.

Fino alla fine del XIX °  secolo, si è ritenuto che il pensiero di Aristotele ha formato una coerenza completa e, in modo che i commentatori hanno "completato" il pensiero di Aristotele, quando necessario. Secondo Pierre Aubenque, i commentatori greci sistematizzarono il pensiero di Aristotele dal neoplatonismo e "i commentatori scolastici, da una certa idea del Dio della Bibbia e del suo rapporto con il mondo" .

Nel 1923, Werner Jaeger in un'opera intitolata Aristotele: Fondamenti per una storia della sua evoluzione inaugura un metodo di interpretazione genetica che vede la filosofia di Aristotele "come un sistema dinamico di concetti" in evoluzione. Egli distingue tre fasi successive: il tempo dell'Accademia, gli anni del viaggio e infine il secondo soggiorno ad Atene. La prima fase sarebbe quella del dogmatismo platonico (opere della giovinezza, l' Etica di Eudemo , Protrepticus ). La seconda fase sarebbe quella della nascita di un platonismo critico e dell'emergere di una filosofia di transizione durante la quale Aristotele apporta correzioni al platonismo riprendendo alcuni temi platonici: identificazione di teologia e astronomia, principio del primo motore immobile (idea che ha la sua origine nelle Leggi di Platone) e concetto di anima delle stelle. Infine, la terza fase corrisponderebbe al secondo soggiorno ad Atene e segnerebbe l' apogeo della filosofia aristotelica. Durante questa terza fase, Aristotele si impegna nella ricerca empirica e crea un nuovo tipo di scienza basata sull'indagine, la descrizione e l'osservazione di cose particolari. Jaeger offre quindi una visione sistematica ma in evoluzione del pensiero di Aristotele.

Questo modo di vedere l'evoluzione del pensiero di Aristotele è controverso. È stato criticato prima da Ingemar Düring e poi da Hans-Georg Gadamer , il quale ritiene che l'analisi di Jaeger si basi su ciò che vede come contraddizioni. Tuttavia, è possibile che ciò che percepisce come contraddizioni sia semplicemente ciò che nel pensiero di Aristotele è "complicato, sfumato, al di fuori del quadro del buon senso quotidiano" . Per superare questi difetti, Pierre Aubenque preferisce partire dall'ipotesi secondo la quale non siamo certi che Aristotele "progettasse un sistema perfettamente coerente" . Per lui la metafisica di Aristotele sarebbe aporetica e non bisognerebbe cercare un'interpretazione sistematizzante ma, al contrario, interpretare le difficoltà o aporie in modo da procedere "a una delucidazione metodica del fallimento" della sistematizzazione.

Catalogo delle opere di Aristotele

Nelle Vite dei filosofi (V, 21-27), Diogene Laërce istituì un catalogo delle opere di Aristotele comprendente 157 titoli e che ancora fa riferimento anche se molti scritti sono andati perduti. Proviene probabilmente dalla Biblioteca di Alessandria . Questo è abbastanza simile a quello dell'Onomatologo stabilito da Esichio di Mileto . Il catalogo più completo ci è stato trasmesso da due autori arabi, Ibn-el-Kifti nella sua Storia degli studiosi e Ibn-Abi-Oseibia nella sua Storia dei medici famosi .

Le opere sono tradizionalmente abbreviate dalle iniziali dei loro titoli latini: quindi PN per Piccoli Trattati di Storia Naturale ( Parva naturalia ), GA per Generazione di Animali . Le cifre si riferiscono alle colonne dell'edizione Bekker dell'Accademia di Berlino (1831): così, la Storia degli animali ( HA ) occupa le colonne 486 a - 638 b.

La logica ( Organon )

La scienza pratica (morale e politica)

La scienza produttiva

Le scienze teoriche

Le opere zoologiche

I piccoli trattati

  • Psicologia di Aristotele . Libretti (Parva naturalia)
  • Sensazione e sensibilità ( sensu e sensilibus )
  • Di memoria e reminiscenza
  • Sonno e veglia
  • Sogni
  • Divinazione nel sonno
  • Longevità e vita breve
  • Della giovinezza e della vecchiaia
  • di respirare
  • Della vita e della morte

Appendici

Bibliografia

Vecchie edizioni

Le prime edizioni più notevoli di Aristotele sono quelle di:

  • Opera omnia (in greco). Alde Manuce , Venezia (1495-1498), in-fol. Venezia , Alde Manuce. 5 parti in 7 volumi. Opere complete ad eccezione di Retorica e Poetica , pubblicate dallo stesso Alde Manuce nel 1508 in una raccolta di trattati di retorica ( leggi online ).
  • Sebastián Fox Morcillo , De naturæ philosophia seu de Platonis et Aristotelis consenssione libri quinque , 1554, ( leggi online ).
  • Sylburg ( Francoforte , 1585-86), tutto in greco.
  • Guillaume Duval, ( Parigi , 1619 e 1654), in-fol., greco-latino.
  • Opera di Aristotelis , Bekker e Brandis, greco-latino, con una scelta di commenti, edizione dell'Accademia di Berlino, (Berlino, 1830-1836), 4 voll. in-4. T. I e II: i primi due volumi, che contengono le opere di Aristotele, servono come base per tutti i riferimenti al testo di Aristotele: l'impaginazione e le notazioni di colonne e righe sono riprodotte in tutte le edizioni scientifiche. Questi libri sono disponibili online: Aristotelis opera , tomo 1 e tomo 2 . I volumi 3, 4 e 5 contengono traduzioni latine del Rinascimento e delle scuole: opera di Aristotelis , tomo 3 , tomo 4 e tomo 5 .
  • La Collezione Didot , (1848-1860). T. IV: Scholia in Aristotelem , 1836: estratti di commentari in greco. T. V, 1870: Aristotelis Frammento (la) Valentin Rose, “  Aristotelis Frammento  ” . ; Indice aristotelicus di Hermann Bonitz.
  • Commentari su Aristotele: Commentaria in Aristotelem Graeca (CAG), edizione dell'Accademia di Berlino, 1882-1909, 23 voll. : Alexandre d'Aphrodise , Ammonios (figlio di Ermia) , Jean Philopon , Temistio , Simplicios , ecc, Walter de Gruyter, 1891, 919 p. 

Edizioni e traduzioni

Studi

  • (fr) Jacques Blamont , Le Chiffre et le Songe: Storia politica della scoperta , Éditions Odile Jacob ,, 944  pag. ( ISBN  978-2-7381-0193-8 , leggi in linea ) , p.  424-456.
  • Émile Chambry, Émeline Marquis, Alain Billault e Dominique Goust ( tradotto  dal greco antico da Émile Chambry), Lucien de Samosate  : Opere complete , Parigi, Éditions Robert Laffont , coll.  "  Libri  ",, 1248  pag. ( ISBN  978-2-221-10902-1 ) , "Sette all'asta".
  • Étienne Akamatsu , cap.  I "Repères" , in Etica a Nicomaque: con il testo integrale dei libri VIII e IX , Bréal ,, 159  pag. ( ISBN  9782842917821 , leggi online )
  • Donald J. Allan ( tradotto da  Ch. Lefèvre), Aristote le philosophe , Libraire général française, coll.  "Il libro tascabile",, 251  pag.
  • (it) Hans Arens (a cura di), La teoria del linguaggio di Aristotele e la sua tradizione. Testi dal 500 al 1750 , Amsterdam, Benjamins,.
  • Pierre Aubenque , Il problema di essere in Aristotele , Presses Universitaires de France ,, 551  pag.
  • Pierre Aubenque , Prudenza in Aristotele , PUF ,, 551  pag.
  • (it) Anonimo, Aristotele  " , Internet Encyclopedia of Philosophy,(consultato il 5 febbraio 2015 )
  • (es) Fernando Báez , Los primeros libros de la humanidad: El mundo antes de la imprenta y el libro electrónico , Madrid, Forcola,, 621  pag. ( ISBN  978-84-15174-75-2 )
  • Olivier Battistini , Alessandro Magno: un filosofo armato , Paris/86-Ligugé, Ellipses , coll.  "Biografie e miti storici",, 432  pag. ( ISBN  978-2-340-02841-8 ).
  • Philippe Beck , Prefazione: Logiche dell'impossibilità , Gallimard , coll.  " Telefono ",, 73  pag.in Aristote ( trad.  Joseph Hardy ), Poétique , Gallimard , coll.  " Telefono ",, 163  pag.
  • Jean-Marie Bertrand, “  Territorio dato, territorio attribuito: nota sulla pratica dell'attribuzione nel mondo imperiale di Roma  ”, Cahiers du centre Gustave Glotz , vol.  2 n o  2
  • Janine Bertier, Storia degli animali: traduzione, presentazione e note , Paris, Gallimard , coll.  "Saggi in foglio",( ISBN  978-2-07-038779-3 )
  • Christian Bouchet, Dai sogni ad occhi aperti ai sogni lucidi , Grenoble, Le Mercure dauphinois,.
  • Louis Bourgey, Osservazione ed esperienza ad Aristote , Parigi, Vrin,.
  • (it) Jerry Brotton , Una storia del mondo in dodici mappe , Londra, Penguin Books ,, 514  pag. ( ISBN  978-0-14-103493-5 )
  • Céline Denat , Aristotele , Parigi, Ellissi ,.
  • Gérard Deledalle , Presentazione della logica di John Dewey , PUF ,.
  • Thomas De Koninck , Aristotele, intelligenza e Dio , Paris, PUF , coll.  “Sedia Étienne Gilson”,, 208  pag. ( ISBN  978-2-13-057038-7 )
  • (it) MI Finley , Aristotele e l'analisi economica  " , Passato e presente , n o  47,( letto online , consultato il 5 febbraio 2015 )
  • (it) Annibale Fantoli , L'ingiunzione controversa e il suo ruolo nel processo a Galileo , McMullin,.
  • (it) Athol Fitzgibbons , Il sistema di libertà, ricchezza e virtù di Adam Smith , ClarendonPress Oxford,.
  • Sigmund Freud ( trad.  Meyerson), L'interpretazione dei sogni , Paris, PUF ,.
  • (it) David Gallop , Aristotele sul sonno e sui sogni: un testo e una traduzione con introduzione, note e glossario , Peterborough (Ontario), Broadview Press,.
  • Marie-Geneviève Guesdon , "enciclopedie in lingua araba: enciclopedie e biblioteche, Sumer nel XXI °  secolo" in tutta la conoscenza del mondo , Parigi, Bibliothèque nationale de France / Flammarion,.
  • Pierre Hadot , Che cos'è la filosofia antica , Gallimard , coll.  "Saggi in foglio",.
  • Henri HUGONNARD-Roche (  lavoro di traduzione ), “Traduzioni dal greco a siriaco e dal siriaco all'arabo” , a Jacqueline Hamesse e Maria Fattori, Incontri di culture in filosofia medievale: traduzioni e traduttori tarda antichità a XIV °  secolo , medievale Institute,, 402  pag.
  • Werner Jaeger ( tradotto  Olivier Sedeyn), Aristote: Fondamenti per una storia della sua evoluzione , L'Éclat,, 512  pag. ( ISBN  978-2-84162-014-2 , leggi online )
  • (it) Kelvin Knight , Filosofia aristotelica , Polity Presse,, 246  pag.
  • Alexandre Koyré , Dal mondo chiuso all'universo infinito , Gallimard , coll.  " Telefono ",.
  • Jacques Le Goff , Gli intellettuali nel Medioevo , Parigi, Le Seuil ,.
  • Jean Lombard, Aristotele e la medicina. Il fatto e la causa , Parigi, L'Harmattan, 1999,160 p. ( ISBN  2-7475-7051-7 )
  • Jean Lombard, Aristote, Politica ed educazione , Parigi, L'Harmattan, 1994, 152 p. ( ISBN  2-7384-2749-9 )
  • (it) Stephen F. Mason , A History of the Sciences , Macmillan General Reference,( ISBN  978-0-02-093400-4 )
  • (it) Johannes Morsink, “  La biologia di Aristotele era sessista  ” , Rivista di Storia della Biologia , vol.  12, n °  1,( DOI  10.1007 / bf00128136 , leggi online )
  • (it) Scott Meikle , Il pensiero economico di Aristotele , Oxford, Clarendon Press ,.
  • Pierre-Marie Morel , Aristotele , Paris, Flammarion ,.
  • Henri-Irénée Marrou , Storia dell'educazione nell'antichità , Seuil ,.
  • (it) Pierre Pellegrin , "La politica di Aristotele" , in Christopher John Shields , The Oxford handbook of Aristotle ,.
  • Pierre Pellegrin , Il vocabolario di Aristotele , Parigi, Ellissi ,.
  • Dr. Clodius Piat, “  Dio e la natura secondo Aristotele  ”, Revue Philosophique de Louvain , vol.  n° 30,, pag.  167 a 181 ( letto online , consultato il 19 novembre 2019 )
  • Léon Robin , Aristote , Parigi, University Press of France ,( leggi in linea ).
  • Jean-Jacques Robrieux , Elementi di retorica e argomentazione , Paris, Dunod , coll.  "lettere sup",, 225  pag. ( ISBN  2-10-001480-3 )
  • Philippe-André Rodriguez, "L'  imperialismo istituzionale e la questione della razza in Aristotele  ", European Journal of History ,, pag.  751-767 ( leggi in linea )
  • Olivier Sedeyn , "Presentazione del traduttore" , in Werner Jaeger , Aristote: Fondamenti per una storia della sua evoluzione , L'Éclat,, 512  pag. ( ISBN  978-2841620142 )
  • (in) Christopher Shields , Aristotele , Londra, Routledge ,( ISBN  978-0-415-28332-8 )
  • (in) Richard Sorabji (a cura di), Aristotele trasformato , Londra,.
  • (it) Collectif, Stanford Encyclopedia of Philosophy , The Metaphysics Research Lab, Center for the Study of Language and Information (CSLI), Stanford University ( leggi online )
    • (it) Iswan Bodnar , "La filosofia naturale di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Marc S. Cohen , "La metafisica di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • ( fr ) Andrea Falcon , "Aristotele on Causality" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Loyd Gerson , "Plotino" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Richard Kraut , "L'etica di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Heinrichl Kuhn , "Aristotelismo nel Rinascimento" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) James G. Lennox , "Biologia di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Ralph McInermy , "San Tommaso d'Aquino" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Fred Miller , "La teoria politica di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Richard Parry , Espisteme and Techne  " , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Christof Rapp , "La retorica di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Christopher Shields , "Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Christopher Shields , "La psicologia di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea ).
    • (it) Robin Smith , "La logica di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Paul Studtman , "Categorie di Aristotele" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea )
    • (it) Katja Vogt , "Antico scetticismo" , in Stanford Encyclopedia of Philosophy ,( leggi in linea ).
  • Pierre Thillet , “  Aristotele consigliere politico di Alessandro il conquistatore dei Persiani  », Revue des Études Grecques ,( letto online , consultato il 7 febbraio 2015 )
  • (it) Sitta Von Reden , Rassegna del pensiero economico di Aristotele di S. Meikle  " , The Classical Review ,.
  • Anouk Waber, Aristotele scrittore: la retorica al servizio del pensiero scientifico (tesi di dottorato), Friburgo,, 269  pag. ( leggi in linea ).

Articoli Correlati

sui posteri

link esterno

Elenco delle risorse filosofiche antiche

Articoli del dizionario

Trasmissioni radiofoniche

Note e riferimenti

Appunti

  1. Stagira , nella regione corrente di Aristotelis e che non è stato integrato nella regno di Macedonia fino 348, sotto il regno di Filippo II .
  2. In seguito, adotta il figlio di Proxene, Nicanor .
  3. Questa non è l'opinione di Michel Crubellier nella sua opera: Aristote: le philosophe et les savoirs , Éditions du Seuil, 2002 ( ISBN  9782020333887 ) .
  4. La parola "Lycée" deriva dal fatto che il luogo è vicino ad un santuario dedicato ad Apollo Lycien.
  5. Vite di uomini illustri , p.  509-513 .
  6. Su questo punto, secondo Christopher Shields, professore di filosofia all'Università di Oxford, la questione rimane dibattuta tra gli aristotelici anche se la maggior parte include la psicologia nella filosofia naturale.
  7. Robert Blanche presentò nel 1966, in Structures intellectuelles , l' esagono logico , che è un'estensione del quadrato logico .
  8. "Delle 1462 pagine dell'edizione Bekker, 426, o quasi un terzo, sono dedicate a questioni di biologia. » ( Louis 1956 , p.  V).
  9. proposito di una traduzione delle Parti di animali , Darwin scrisse in una lettera del febbraio 1882: “Raramente ho letto qualcosa che mi abbia interessato di più. » Citato da Barbara Clayton, «Un curioso errore riguardante le suture craniche nelle parti di animali di Aristotele, o l'uso e l'abuso della nota a piè di pagina», Glossator: Practice and Theory of the Commentary , 3 (2010).
  10. La parola greca κλίμα significa "inclinazione", in particolare "inclinazione della terra verso un polo dall'equatore".
  11. Alla fine della Critica della ragion pratica , Kant scrive: “Due cose riempiono la mente di meraviglia e rispetto sempre rinnovati e sempre crescenti, quanto più ci pensi, il cielo stellato sopra di me e la legge morale in me . "
  12. La notazione qui è dio con la "d" minuscola, perché è il dio dei filosofi, a meno che non si citi un autore che scrive Dio con la "D" maiuscola.
  13. Con Platone, l'educazione è anche la parte principale della scienza politica.
  14. Il significato del termine natura ( phusis) nella politica non è direttamente paragonabile al significato che dà in altri scritti. Nella sua opera, Fisica , la parola natura è usata per designare il principio interno che produce movimento o riposo. Ma è difficile usare questa definizione in politica, perché la città è anche, per lui, il frutto dell'intelligenza degli uomini che gli hanno dato le sue leggi. La Città-Stato è “naturale” perché nasce da una naturale inclinazione a vivere in comunità.
  15. Dedicò uno studio separato alla Costituzione di Atene , scritta dopo il 328.
  16. Cicerone traduce Politeia come Res publica . Pellegrin 1990 , p.  572 dalla Costituzione o dal Governo Costituzionale.
  17. Nella terminologia usata da Aristotele, per "democrazia" si intende il potere del popolo ad esclusione degli aristocratici (i migliori) o dei grandi proprietari terrieri. Inoltre, si può tradurre con “regime popolare”, come Pellegrin 1990 , p.  563 o da “demagogia” come Pellegrin 2012 , p.  571 e Barthélemy-Saint-Hilaire in Politics , Libro III, capitolo 5.
  18. I trattati usati da Aristotele per il suo insegnamento sono chiamati "acroamatici" (in greco: ἀκρόασις , "azione di ascolto"). Tuttavia, questi non sono appunti presi dai suoi studenti. Vedi Pellegrin 1990 , p.  11.
  19. Al contrario, la Repubblica di Platone era nota agli arabi ed era oggetto di un commento di Averroè . Vedi Pellegrin 1990 , p.  6-14.
  20. Il passaggio preciso su questo punto è in Retorica , I, 1355 a.
  21. Il resoconto di Strabone si trova in Geografia , XIII, 2, 54 .
    Secondo Pierre Louis, “È improbabile che le opere 'esoteriche' di Aristotele siano state conservate solo negli archivi del filosofo e che le copie non siano state realizzate non solo per la Biblioteca di Alessandria , ma ancora per quella di Pergamo . Al contrario, abbiamo seri motivi per pensare che le opere scientifiche di Aristotele si trovassero in queste due biblioteche, e di conseguenza per mettere in discussione il racconto di Strabone e di Plutarco. " Luigi 1956 , p.  VIII.
  22. Ciascuno di questi traduttori ha tradotto solo una parte dell'immenso corpus aristotelico; per ognuno di essi puoi consultare il dettaglio delle traduzioni negli articoli di Wikipedia ad essi dedicati. I dettagli delle traduzioni del corpus aristotelico nel Medioevo sono oggetto di studio e dibattito; vedi ad esempio l'articolo Aristotele a Mont Saint-Michel . Le traduzioni di Aristotele fatte a Mont Saint-Michel sono conservate nello scriptorial .

Riferimenti

  1. Pronuncia in greco trascritta secondo lo standard API .
  2. https://archive.org/details/BaillyDictionaryGrecFrancais/page/n267/mode/2upview=theater
  3. (in) Ingemar Düring , Aristotele nell'antica tradizione biografica , Göteborg, Almqvist & Wiksell,, 492  pag..
  4. René Antoine Gauthier e Jean-Yves Jolif, Introduzione all'etica a Nicomaque , t.  Io, 1958-1959.
  5. (it) Carlo Natali , Bios theoretikos: La vita di Aristotele e organizzazione della sua scuola , Bologna, Il Mulino ,, 213  pag. ( ISBN  978-88-15-03222-5 ).
  6. Morel 2003 , p.  17.
  7. Pellegrin 2014 , p.  9.
  8. Lucien de Samosate 2015 , p.  371
  9. Akamatsu 2001 , p.  11.
  10. Shields 2008 , p.  2.
  11. Pellegrin 2014 , p.  10
  12. Cicerone , Dall'oratore , III, 35, 141.
  13. Pseudo-Ammonio, “Vita di Aristotele” , in Valentin Rose, Aristotelis frammentaa , t.  5, Berlino, 1831-1870, p.  428.
  14. Aristotele, Etica a Nicomaco , I, 4, 1996 a 12-17.
  15. Denat 2010 , p.  39.
  16. (in) Viaggi con Demetra  " su Viaggi con Demetra (consultato il 29 aprile 2019 )
  17. Jaeger 1997 , p.  110-111.
  18. Diodoro di Sicilia , Biblioteca Storica [ particolare delle edizioni ] [ leggi online ] , XVI, 52, 9; Plutarco , Vite parallele [ dettaglio delle edizioni ] [ leggi online ] , Alexandre , 7.
  19. Marguerite Yourcenar , La Couronne et la lyre , 2015, Éditions Gallimard, pagine 308-309.
  20. Jaeger 1997 , p.  113-115.
  21. Jean Aubonnet, Introduzione alla politica di Aristotele, edizione di Belles Lettres, p.  XI e XLIX.
  22. Charles Hummel, "  Aristote  ", Prospettive: rassegna trimestrale dell'educazione comparata , Parigi, UNESCO: International Bureau of Education, vol.  XXIII, n osso  1-2,, pag.  37-50 ( leggi online [PDF] ).
  23. Battistini 2018 , p.  33.
  24. Plinio il Vecchio , Storia naturale [ dettaglio delle edizioni ] [ leggi online ] , VIII, 17.
  25. Scudi 2007 , p.  19.
  26. Jaeger 1997 , p.  115.
  27. Ivan Gobry , La filosofia pratica di Aristotele , Lione, University Press of Lyon,, 200  pag. ( ISBN  978-2-7297-0521-3 , leggi in linea ) , p.  21-23.
  28. Werner Jaeger 1997 , p.  237.
  29. Shields 2008 , p.  3.
  30. Paul Goukowsky , Il mondo greco e l'Oriente: Alessandro e la conquista dell'Oriente , t.  2, PUF , coll.  "Popoli e Civiltà",( 1 °  ed. 1975), p.  254.
  31. Leon Robin 1944 , p.  6-7.
  32. Diogene Laërce ( traduzione  dal greco antico), Vite, dottrine e sentenze di filosofi illustri , vol.  2, Parigi, Biblioteca generale francese , coll.  "Il libro tascabile",, 1398  pag. ( ISBN  2-253-13241-1 ) , p.  556.
  33. Lucien de Samosate 2015 , p.  358
  34. Aristotele, Metafisica , vol.  M, cap.  1.
  35. Paul Faure, Alexandre , Fayard, 1985, p.  106 .
  36. Jean Aubonnet, Introduzione alla politica di Aristotele, edizione di Belles Lettres, p.  da XC a XCII.
  37. Jean Aubonnet, Introduzione alla politica di Aristotele, edizione di Belles Lettres, p.  XCIII-XCIV.
  38. Diogene Laërce ha conservato il testo di questo inno in Vite, dottrine e sentenze di filosofi illustri , libro V, 7 .
  39. Akamatsu 2001 , p.  12.
  40. Vite, dottrine e sentenze di illustri filosofi , libro V, da 12 a 16 .
  41. "Aristotle's School" nel sito web della civiltà greca della Portland State University, Portland State University, nd Web. 30 ottobre 2009.
  42. François Queyrel (avviso) e Richard Goulet (a cura di), Dizionario dei filosofi antichi , Parigi, CNRS,, "Aristotele di Stagira", p.  444-445
    Basato su studi di ritratti di Gisela Marie Augusta Richter .
  43. Shields 2008 , p.  7.
  44. Scudi 2008 , p.  9.
  45. Shields 2008 , p.  8.
  46. Aristotele, Le Protreptique , 16  p. ( leggi in linea ) , p.  5, # 18
  47. Denat 2010 , p.  7.
  48. Hadot 1995 , p.  125.
  49. Denat 2010 , p.  15.
  50. Parry 2014 , p.  16.
  51. Scudi 2008 , p.  22.
  52. Scudi 2008 , p.  14.
  53. Scudi 2008 , p.  6.
  54. Denat 2010 , p.  17.
  55. Scudi 2008 , p.  19.
  56. Shields 2008 , p.  5.
  57. Denat 2010 , p.  41.
  58. Smith 2008 , p.  2.
  59. Lennox 2011 , p.  2.
  60. Denat 2010 , p.  44.
  61. Lennox 2011 , p.  3.
  62. Analisi anticipata , 1, 24 a 18-20, citato in Denat 2010 , p.  44.
  63. Denat 2010 , p.  47.
  64. Denat 2010 , p.  51.
  65. Smith 2008 , p.  17.
  66. Aristotele, Metafisica , Libro Z, 6, 1031 b 6.
  67. Smith 2008 , p.  18.
  68. Smith 2008 , p.  19.
  69. Per maggiori dettagli vedi Le Categorie in una traduzione di Suor Pascale Nau (op) su Wikisource e di Barthélemy Saint-Hilaire (1844) su remacle.org con originale greco e note .
  70. Denat 2010 , p.  52.
  71. Denat 2010 , p.  53.
  72. Denat 2010 , p.  54.
  73. Topics , 101a 27-28, 101a34 citati in Shields 2008 , p.  17.
  74. Denat 2010 , p.  55.
  75. Shields 2010 , p.  2.
  76. Pellegrin 2012 , p.  1432.
  77. Shields 2010 , p.  4.
  78. Denat 2010 , p.  80.
  79. Parti di animali , I, 7, 641 a 18-21.
  80. Denat 2010 , p.  81.
  81. Mason 1962 , p.  45.
  82. Denat 2010 , p.  81-82.
  83. Denat 2010 , p.  85.
  84. Shields 2010 , p.  11.
  85. Pellegrin 2012 , p.  1027.
  86. Luigi 1956 , p.  137.
  87. Lennox 2011 , p.  1.
  88. Storia degli animali  " (consultato il 22 ottobre 2014 ) .
  89. Bourgey 1955 , p.  88-89.
  90. Aristotele,  " a remacle.org (accessibile 22 Ottobre 2014 ) .
  91. Bourgey 1955 , p.  93.
  92. Bourgey 1955 , p.  9.
  93. Frédéric Ducarme, “  Perché studiare gli invertebrati Alcuni argomenti di Aristotele  ” , su No Bones , Smithsonian Institute,.
  94. Bourgey 1955 , p.  70.
  95. Mason 1962 , p.  43-44.
  96. Denat 2010 , p.  83.
  97. Denat 2010 , p.  89.
  98. Bourgey 1955 , p.  74-75.
  99. Bourgey 1955 , p.  75-77 e 89.
  100. Bourgey 1955 , p.  83.
  101. Bourgey 1955 , p.  95.
  102. Bertier 1994 , p.  12.
  103. Bourgey 1955 , p.  91-92.
  104. Bourgey 1955 , p.  94.
  105. Bourgey 1955 , p.  87.
  106. Bourgey 1955 , p.  131-132.
  107. Bourgey 1955 , p.  137.
  108. Bourgey 1955 , p.  139, nota 2.
  109. Bourgey 1955 , p.  140.
  110. (in) Ernst Mayr, La crescita del pensiero biologico , Harvard University Press ,, pag.  201–202.
  111. (in) Arthur Lovejoy , La grande catena dell'essere , Harvard University Press ,.
  112. (in) Charles Singer , Una breve storia della biologia , Oxford,.
  113. Bertier 1994 , p.  28.
  114. Denat 2010 , p.  58.
  115. Bodnar 2012 , p.  2.
  116. Denat 2010 , p.  59.
  117. Denat 2010 , p.  62.
  118. parti di animali , 661 b 23. Citato da Denat 2010 , pag.  63.
  119. Scudi 2010 , p.  3.
  120. Denat 2010 , p.  65.
  121. Denat 2010 , p.  68.
  122. Denat 2010 , p.  68-69.
  123. Bodnar 2012 , p.  3.
  124. Bodnar 2012 , p.  5.
  125. Bodnar 2012 , p.  7.
  126. Bodnar 2012 , p.  9.
  127. Denat 2010 , p.  72-73.
  128. Bodnar 2012 , p.  8.
  129. Bodnar 2012 , p.  10.
  130. Bodnar 2012 , p.  9.
  131. Denat 2010 , p.  74-75.
  132. Robin 1944 , p.  136.
  133. Jacques Blamont 1993 , p.  39.
  134. James Evans, Storia e pratica dell'astronomia antica , Parigi, Les Belles Lettres , p.  50-52.
  135. (grc) Aristotele, Dal cielo , p.  II, 14, 296 a 20-297 a 10.
  136. Pierre-Michel Lerner, Il mondo delle sfere 1. Genesi e trionfo di una rappresentazione cosmica , Parigi, Les Belles Lettres ,, pag.  29-54
  137. Dal Cielo , Libro II, cap. 14.
  138. Brotton 2012 , p.  30-32.
  139. Paolo Rossi, Alle origini della scienza moderna , Soglia ,, 384  pag. ( ISBN  978-2-02-066680-0 ) , pag.  29-33.
  140. Robin 1944 , p.  113-114.
  141. Robin 1944 , p.  116-117.
  142. Robin 1944 , p.  117.
  143. Koyré 2003 , p.  11.
  144. Denat 2010 , p.  116.
  145. Denat 2010 , p.  117.
  146. citato in Denat 2010 , p.  120.
  147. Werner Jaeger 1997 , p.  220-221.
  148. Citato in Denat 2010 , p.  123.
  149. Denat 2010 , p.  121.
  150. Met. , Λ1, 1069 a 37 P. Citato in Denat 2010 , p.  124.
  151. Robin 1944 , p.  109.
  152. Werner Jaeger 1997 , p.  155.
  153. Platone , Les Lois [ dettaglio delle edizioni ] [ leggi online ] , X, 899 b; Epinomis , 991 d.
  154. Werner Jaeger 1997 , p.  157.
  155. Trattato del cielo , II, 1, 284 b 3.
  156. Werner Jaeger 1997 , p.  158.
  157. Werner Jaeger 1997 , p.  161-162.
  158. Frammento 12 del trattato Sulla Filosofia , conservato da Cicerone , De natura deorum , II, 5, 13.
  159. Epinomis , 987 d - 988 a.
  160. Werner Jaeger 1997 , p.  160.
  161. Metafisica , Libro A, 2, 983 a 5-11.
  162. Werner Jaeger 1997 , p.  457 nota 85.
  163. Metafisica ( trad.  J. Tricot), t.  II, Libro Lambda, 9, 1074 b 33-35, p.  701.
  164. Metafisica , Lambda book, 7, 1072 b 25.
  165. Politica , Libro VII, 1323 b 23-26; Etica a Nicomaco , X, 8, 1178 b 8.
  166. Metafisica , Libro Θ, 6, 1048 b 18-35 e 8, 1050 a 23 mq.
  167. Metafisica , Libro , 7 1072 b 29.
  168. Denat 2010 , p.  130.
  169. Aubenque 1983 , p.  488.
  170. Cohen 2012 .
  171. Cohen 2012 , 4.1.
  172. Cohen 2012 , 6.1.
  173. Cohen 2012 , 4.2.
  174. Cohen 2012 , 10.1.
  175. (in) Wilfrid Sellars, Sostanza e forma in Aristotele  " , Journal of Philosophy , n o  54,.
  176. (in) Edwin Hartman, Sostanza, corpo e anima , Princeton, Princeton University Press ,.
  177. (in) TH Irwin, Primi principi di Aristotele , Oxford, Clarendon Press.
  178. (in) Charlotte Witt, Essenzialismo aristotelico rivisitato  " , Journal of History of Philosophy , n .  27,, pag.  285-298.
  179. (in) Michael Woods, "Problem in Metaphysics Z" , in Moravcsik (ed.) Aristotle: A Collection of Critical Essays , New York,.
  180. (in) Joseph Owens, La dottrina dell'essere nella metafisica aristotelica Toronto: Pontificio Istituto di studi medievali,.
  181. (in) Alan Code, "Aristotle: Essence and Accident" in R. Gandy e R. Warner, (Eds.) Philosophical Grounds of Rationality: Intentions, Categories, Ends ,.
  182. (in) Michael J. Loux, Primary Ousia: An Essay on Aristotle's Metaphysics Z e H , Ithaca, Cornell University Press ,.
  183. (in) Frank A. Lewis, Substance and Predication in Aristotle , Cambridge, Cambridge University Press ,.
  184. Cohen 2012 , 10.3.
  185. Cohen 2012 , 11.3.
  186. Cohen 2012 , 11.5.
  187. Cohen 2012 , 12.1.
  188. Aubenque 1983 , p.  quattrocentonovantasette.
  189. Lavoro a maglia 1959 , p.  16.
  190. Kraut 2011 , p.  1.
  191. Etica a Nicomaques , II, 1103 b.
  192. Kraut 2011 , 3.2.
  193. Kraut 2011 , p.  2.
  194. Etica a Nicomaque , X, 4, 1178 a 10-20 ( p.  530 dell'edizione GF del 2004).
  195. Etica a Nicomaco , I, 1094 a.
  196. Etica presso Nicomaques , I, 1095 b.
  197. Etica a Nicomaco , I, 1099 a.
  198. Etica a Nicomaco , X, 1177 a.
  199. Denat 2010 , p.  141.
  200. Etica a Nicomaco , I, 1096 a.
  201. Etica a Nicomaco , II, 1103 a.
  202. Denat 2010 , p.  150.
  203. Kraut 2011 , p.  4.
  204. Etica a Nicomaco , VI, 1141 a.
  205. Etica a Nicomaco , II, 1109 a.
  206. Crauto 2011 , p.  7.
  207. Etica a Nicomaco , II, 1109 b.
  208. Etica a Nicomaques , II, 1104 a.
  209. Etica a Nicomaco , V, 1139 a
  210. Metafisica , Λ7, 1072 a 27-30.
  211. Denat 2010 , p.  146.
  212. Etica a Nicomaques , III, 1119 b.
  213. Denat 2010 , p.  145.
  214. Etica a Nicomaques , III, 5, 1112 b 11-16.
  215. Denat 2010 , p.  147.
  216. Etica a Nicomaques , III, 1111 b.
  217. Denat 2010 , p.  148.
  218. Etica a Nicomaques , libro III.
  219. Denat 2010 , p.  149.
  220. Aubenque 2002 , p.  132.
  221. Aubenque 2002 , p.  135.
  222. Aubenque 2002 , p.  3.
  223. Aubenque 2002 , p.  146.
  224. Aubenque 2002 , p.  148.
  225. Aubenque 2002 , p.  142.
  226. Crauto 2011 , 5.1.
  227. Kraut 2011 , 5.1.3.
  228. Crauto 2011 , 5.2.
  229. Etica a Nicomaco , VI, 1144 a.
  230. Crauto 2011 , 5.3.
  231. Pellegrin 2012 , p.  561.
  232. Politica , Libro VII, 1324 a, p.  199 .
  233. Miller 2012 , p.  1.
  234. Denat 2010 , p.  158.
  235. Allan 1970 , p.  186.
  236. Denat 2010 , p.  162.
  237. Denat 2010 , p.  161.
  238. Etica a Nicomaques , VIII, 1155 a.
  239. Denat 2010 , p.  159.
  240. Denat 2010 , p.  160.
  241. Miller 2012 , p.  33.
  242. Miller 2012 , p.  34.
  243. Miller 2012 , p.  35.
  244. Marrou , p.  150.
  245. Politica , Libro VII, 1337 a.
  246. Politica , Libro II, V, 1263 b 36-37.
  247. Pellegrin 1990 , p.  28.
  248. Marrou , p.  149-150.
  249. Philippe-André Rodriguez , "L'  imperialismo istituzionale e la questione della razza in Aristotele  ", European Review of History: Revue européenne d'histoire , vol.  23, n °  4,, pag.  751–767 ( ISSN  1350-7486 , DOI  10.1080 / 13507486.2016.1154927 , lettura online , accesso 4 maggio 2017 ).
  250. Politica , II, 5, 1257 a 22 ( p.  125 ).
  251. Pellegrin 2012 , p.  566.
  252. Pellegrin 2012 , p.  570.
  253. Politica , Libro I, XIII, 1260 a 9-14 ( p.  45 ).
  254. Politica , p.  310 .
  255. Miller 2012 , p.  2.
  256. Miller 2012 , p.  3.
  257. Pellegrin 1990 , p.  33.
  258. Politica , II, 5, 1268 a.
  259. Pellegrin 1990 , p.  40.
  260. Pellegrin 1990 , p.  52
  261. Miller 2012 , p.  4.
  262. Pellegrin 1990 , p.  313, IV, 11, 1296 a.
  263. Pellegrin 1990 , p.  42.
  264. Pellegrin 1990 , p.  39.
  265. Pellegrin 1990 , p.  41.
  266. Pellegrin 1990 , p.  50.
  267. Politica , VIII, 6, 9, p.  429 .
  268. Eduard Zeller , La filosofia dei greci considerata nel suo sviluppo , Volume II, cap. II, pag. 753 mq
  269. Pellegrin 1990 , p.  18.
  270. Finley 1970 , p.  5.
  271. Finley 1970 , p.  5-7.
  272. Politica , Libro I, Cap. II p.  13 , 1253 b 37 .
  273. Pellegrin 2012 , p.  561 e 567.
  274. Von Reden 1997 , p.  330.
  275. Politica , Libro I, IV, p.  37 , 1258 b 4-8 .
  276. Politica , Libro I, Cap. III p.  34 , 1257 b 28-30 .
  277. Pellegrin 2012 , p.  582
  278. Meikle 1995 , p.  15.
  279. Meikle 1995 , p.  1.
  280. Aristotele ( tradotto  André Wartelle, pref.  Pierre-Emmanuel Dauzat), Economia , Parigi, Les Belles Lettres , coll.  "Classici in tasca",, 104  pag. ( ISBN  2-251-79967-2 ).
  281. Finley 1970 , p.  3.
  282. Finley 1970 , p.  12.
  283. Fitzgibbons 1995 , p.  v.
  284. Retorica , I, 1355 b.
  285. Robrieux 1993 , p.  11.
  286. Robrieux 1993 , p.  13.
  287. Michel Meyer, Introduzione alla retorica, Parigi, Il libro tascabile, 1991, p.  8 .
  288. Beck 1990 , p.  11.
  289. Beck 1990 , p.  39.
  290. Beck 1990 , p.  35-36.
  291. Beck 1990 , p.  35.
  292. Poetica 9, 1451, a 36- b 10.
  293. Poetica , 1452a
  294. Michel Magnien, Introduzione alla poetica, p.  44 .
  295. Beck 1990 , p.  52.
  296. Beck 1990 , p.  21.
  297. Michel Magnien, Introduzione alla poetica, p.  50-98 .
  298. Galoppo 1990 , p.  1-2.
  299. Galoppo 1990 , p.  9.
  300. Divinazione nel sonno , I, §11.
  301. Galoppo 1990 , p.  18, 458 b 30-25.
  302. Sogni , III, §2.
  303. Galoppo 1990 , p.  25.
  304. Divinazione nel sonno , II, §12, 464 b.
  305. Freud 1967 , p.  275.
  306. Bouchet 2013 .
  307. sogni .
  308. Knight 2007 , p.  41.
  309. Pellegrin 1990 , p.  15.
  310. Cavaliere 2007 , p.  42.
  311. Cavaliere 2007 , p.  43.
  312. Cristina Viano, "  Aristotele e l'alchimia greca: trasmutazione e modello aristotelico tra teoria e pratica  ", Revue d'histoire des sciences , vol.  49, senza ossa  2-3,, pag.  192-196 ( letto online , consultato il 22 giugno 2016 ).
  313. Pierre Hadot , "Boèce" , in Encyclopædia universalis ,.
  314. Sorabji 1990 , p.  20, 28, 35–3s6.
  315. Sorabji 1990 , p.  233-274.
  316. Sorabji 1990 , p.  20–21; 28–29, 393–406; 407-408.
  317. Le Goff , p.  19.
  318. Guesdon , p.  118
  319. Baez 2013 , p.  347-349.
  320. Hugonnard-Roche 1990 , p.  145
  321. Hugonnard-Roche 1990 , p.  147.
  322. Hugonnard-Roche 1990 , p.  140.
  323. Rasa'il I, 103, 17, Abu Rida.
  324. Comm. Magnum in Aristotele , De Anima , III, 2, 43 Crawford.
  325. al-mua'llim al-thani , Aristutalis .
  326. (in) Seyyed Hossein Nasr , La tradizione intellettuale islamica in Persia , Curzon Press,( ISBN  0-7007-0314-4 ) , pag.  59-60.
  327. (in) "Aristutalis" in Encyclopedia of Islam.
  328. Jacques Verger, "traduttori" in Il Rinascimento del XII °  secolo , Parigi, Le Cerf,( 1 a  ed. Milano, 1996), p.  89-98.
  329. Jose S. Gil, “I traduttori del periodo di D. Raymundo: le loro personalità e traduzioni (1125-1187), in Rencontres de culture dans la philosophie medieval , Louvain-la-Neuve, 1990
  330. Aristotele a Mont Saint-Michel .
  331. McInermy 2014 .
  332. Knight 2007 , p.  55.
  333. Knight 2007 , p.  56.
  334. Kuhn 2005 , 2.
  335. Kuhn 2005 , p.  1.
  336. Cavaliere 2007 , p.  61.
  337. Cavaliere 2007 , p.  62.
  338. Cavaliere 2007 , p.  64.
  339. Cavaliere 2007 , p.  68.
  340. Cavaliere 2007 , p.  70.
  341. Michèle Le Dœuff, BACON cancelliere FRANCIS (1560 o 1561-1626)  " , su universalis.fr (consultato il 4 aprile 2013 )
  342. (in) Richard Blackwell , Galileo.
  343. Koyré 2003 , p.  128.
  344. Cavaliere 2007 , p.  72.
  345. Aubenque 1983 , p.  2.
  346. Cavaliere 2007 , p.  74-75.
  347. Cavaliere 2007 , p.  79.
  348. Cavaliere 2007 , p.  82.
  349. Cavaliere 2007 , p.  86.
  350. Cavaliere 2007 , p.  95.
  351. Cavaliere 2007 , p.  98.
  352. Cavaliere 2007 , p.  102.
  353. Aubenque 1983 , p.  506.
  354. Aubenque 1983 , p.  507.
  355. Aubenque 1983 , p.  503.
  356. Deledalle 2006 , p.  47.
  357. Morsink 1979 , p.  83-112.
  358. (in) Cynthia A. Freeland, Interpretazioni femministe di Aristotele , University Park (Pa.), Pennsylviana State University Press,, 369  pag. ( ISBN  0-271-01730-9 ).
  359. Thillet 1972 , p.  538.
  360. Bertrand 1991 , p.  140-141.
  361. (in) Bryan Magee , La storia della filosofia , Dorling Kindersley ,, 240  pag. ( ISBN  978-1-4053-5333-5 ) , pag.  34.
  362. (in) D. Aviva Rothschild Graphic Novel: A Bibliographic Guide to Book-length Comics , Libraries Unlimited,, 246  pag. ( ISBN  978-1-56308-086-9 , leggi online ).
  363. Aristotele, Politica , III, 6, 1278 b 31; VII, 1, dal 1323 al 22.
  364. Aristotele, Metafisica , M, 1, 1076 a 26.
  365. Hermann Bonitz, "Index Aristotelicus" , in Aristotelis opera , t.  V, I. ​​Bekker,, 104b44-105a49.
  366. (in) David Ross, La metafisica di Aristotele , t.  2, Oxford, Clarendon Press ,, pag.  408-410.
  367. Shields 2008 , p.  4.
  368. Aulu-Gelle , Notti in mansarda , XX, 5, 5.
  369. Octave Hamelin , Il sistema di Aristotele , Parigi, F. Alcan,, 427  pag. , pag.  53-57.
  370. Luigi 1956 , p.  XX.
  371. (La) William David Ross, Aristotelis Fragmenta selecta , t.  X, Oxford, Oxford University Press ,, 160  pag.
  372. (in) William David Ross, "Aristotle's Select Fragments" , in Le opere di Aristotele tradotte in inglese , t.  XII, Oxford, Clarendon Press,.
  373. (It) E. Bignone, L'Aristote perduto e la Formazione di Epicuro , Firenze,.
  374. P.-M. Schuhl (a cura di), Aristotele. Ricchezza, Preghiera, Nobiltà, Piacere, Educazione , PUF ,.
  375. B. Dumoulin, Ricerca sul primo Aristotele (Eudemus, Filosofia, Protrepticus) , Vrin,, 181.  p.
  376. Morel 2003 , p.  22.
  377. Aubenque 1983 , p.  3.
  378. Aubenque 1983 , p.  4.
  379. Aubenque 1983 , p.  6.
  380. Jaeger 1997 , p.  123 e seguenti.
  381. Sedeyn 1997 , p.  XII.
  382. Aubenque 1983 , p.  13.
  383. Aubenque 1983 , p.  16.
  384. P. Moraux, I vecchi elenchi delle opere di Aristotele , Lovanio, 1952. Citato da Louis 1956 , p.  v.
  385. Psicologia Aristotele. Libretti (Parva naturalia) [“Parva naturalia”] ( leggi online ).
  386. Sonno e veglia ( leggi online ).
  387. Respirazione ( leggi online ).

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Aristotele ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Aristotele e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Aristotele su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Marina Garofalo

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Annalisa Palumbo

Grazie per questa voce su Aristotele, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Aristotele, è proprio quello che mi serviva

Giovanna Brambilla

Buon articolo su Aristotele

Santa Manca

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Aristotele, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì