Antica Roma



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Antica Roma sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Antica Roma. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Antica Roma e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Antica Roma. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Antica Roma qui sotto. Se le informazioni su Antica Roma che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

L' antica Roma è sia la città di Roma che lo Stato che si fonde nei tempi antichi . L'idea di Roma antica è inseparabile da quella di cultura latina . Questo gruppo di villaggi nel VIII °  secolo  aC. DC stava controllando tutto il mondo mediterraneo e l' Europa occidentale del I ° al V °  secolo dalla conquista militare e l'assimilazione delle élite locali. La sua dominazione ha lasciato importanti tracce archeologiche e numerose testimonianze letterarie. Ancora oggi modella l'immagine della civiltà occidentale . Durante questi secoli, la civiltà romana passa da monarchia a repubblica oligarchica poi ad impero autocratico .

Il quadro di una città in continuo progresso non corrisponde pienamente alla complessità dei fatti. La sua storia non è stata di continua crescita: il progresso (a ritmi molto diversi) è stato seguito dalla stagnazione e talvolta anche dal declino. Ma i romani riuscirono a risolvere le difficoltà interne derivanti dalla conquista sotto la Repubblica trasformando le loro istituzioni repubblicane . La fondazione dell'Impero da parte di Augusto segna l'inizio di un periodo in cui la conquista romana raggiunse i limiti del mondo allora conosciuto. La civiltà romana, in parte influenzata dai Greci , ebbe un'influenza duratura sulle regioni conquistate. A partire dal III °  secolo , il mondo romano subì le invasioni di barbari giunti dal Nord Europa e dall'Asia. Per resistere, l'Impero aveva bisogno di creare una nuova struttura burocratica e militare. È in questo contesto che opera il rinnovamento glossa IV °  secolo e l'affermazione del cristianesimo come religione di stato. Dopo la separazione tra Oriente e Occidente nel 395 , ulteriori invasioni posero fine all'Impero d'Occidente nel 476 .

Nella morsa di instabilità interna e di attacchi da parte dei popoli germanici in gran parte, la parte occidentale dell'impero (che comprende Hispania , Gallia , Bretagna , Nord Africa e l'Italia ) si divide in regni indipendenti verso la fine del V °  secolo . La parte orientale dell'Impero , governata da Costantinopoli (tra cui Grecia , Anatolia , Siria ed Egitto ) sopravvisse a questa crisi. Nonostante la perdita della Siria e dell'Egitto , a beneficio del nascente Impero Arabo-Islamico , l'Impero d'Oriente continuò a svilupparsi, fino a quando non fu definitivamente distrutto dall'Impero Ottomano . Questo impero medievale e cristiano, chiamato "Impero Romano" dai suoi abitanti, ma che gli storici moderni chiamano generalmente "  Impero Bizantino  ", è l'ultimo stadio evolutivo, senza interruzione, del potere imperiale e dell'amministrazione dell'Impero Romano .

La civiltà romana è spesso annoverata nell'antichità classica con l' antica Grecia , una civiltà che ha ispirato gran parte della cultura dell'antica Roma. Oltre al suo modello di esercizio del potere, di cui non si possono più contare i principi che vollero imitarlo o ad esso si ispirarono, l'antica Roma contribuì notevolmente allo sviluppo del diritto , delle istituzioni e delle leggi , della guerra , dell'arte e della letteratura , architettura e tecnologia così come i linguaggi del mondo occidentale .

Roma Reale

I primi romani

I primi romani sono organizzati in gruppi ereditari chiamati gentes o "clan". Per molto tempo, questo tipo di divisione è familiare alla maggior parte degli indoeuropei . Ogni clan è costituito da un aggregato di famiglie che vivono sotto la tutela di un patriarca, chiamato pater (termine latino per "padre"). Ogni popolo è un'unità che si autogoverna e ogni membro di un particolare popolo condivide gli stessi diritti e responsabilità degli altri membri. Ciascun clan si governa democraticamente (ogni membro può votare) o aristocratico (un gruppo di anziani gestisce i problemi). Molto prima della tradizionale data della fondazione di Roma , una comunità si fuse in una confederazione, la città di Alba la Lunga ( Alba Longa ) costituendone il punto d'incontro. Tuttavia, dopo qualche tempo, la sede di questa confederazione si sposta a Roma .

Fondazione di Urb (la Città) (753 a.C.)

La città di Roma si trova al centro della penisola italiana , nel sud dell'Europa e in una posizione centrale del bacino del Mediterraneo . Il sito stesso della città, con i suoi sette colli e una zona paludosa sulle rive del Tevere , nella pianura laziale , è favorevole al commercio. I primi romani si insediarono probabilmente sulla sponda sinistra del Tevere , a circa 20  km dalla foce del fiume. Il primo borgo indipendente è sicuramente sul Palatino . Altri si formarono sul Quirinale , sull'Esquilino , sul Campidoglio e sui colli di Celio . In cima a ogni collina sorge una cittadella che protegge gli abitanti. Molto presto, questi villaggi procedettero a un sinoecismo (riunione di case) per formare la città di Roma . Intorno a questo periodo vi sono probabilmente estensioni a sud così come lungo la sponda sinistra fino alla foce del Tevere .

didascalie

Énée che porta Anchise , oenochoe a figure nere, al 520 - 510 av. dC , Museo del Louvre (F 118).

La nascita di Roma è evocata nei racconti leggendari narrati da Virgilio , Livio e Dionigi di Alicarnasso , tra gli altri. Nel Eneide , un lungo poema alla gloria dell'imperatore Augusto , Virgilio racconta le avventure del troiano Enea , figlio di Venere . Quando Troy è saccheggiata dagli Achei , riesce a fuggire Troia con il figlio Ascanio (o Iule), un gruppo di cavalli di Troia e portando i suoi padre Anchise sulle spalle. Dopo tante avventure e amori contrastati con Didone , la regina di Cartagine , approdò nel Lazio dove fondò la città di Lavinium . Suo figlio Ascagne fondò Albe-la-Longue . Questa leggenda permette di attribuire a Giulio Cesare e al suo erede Augusto un'origine divina poiché si presentano come i discendenti di Ascagne .

La lupa capitolina (secondo la leggenda, Roma fu fondata da Romolo e Remo , che nella loro infanzia furono nutriti da una lupa).

Dopo Ascagne , dodici re si succedono ad Albe . Il tredicesimo, Numitore , viene detronizzato dal fratello Amulio . Per escludere qualsiasi futura rivale, questa fa della nipote, Rhéa Silvia , una vestale , cioè una sacerdotessa di Vesta che ha l'obbligo di rimanere vergine. Ma il dio Marte si innamora di lei e dalla loro unione nascono i gemelli, Romolo e Remo . La giovane vestale viene murata viva ei suoi figli vengono esposti sul Tevere (secondo Dionigi di Alicarnasso esistono molte versioni, sia sullo stupro che sulla sentenza inflitta). Vengono prima accolti da un lupo che li allatta e poi da una coppia di pastori che li allevano.

Da adulti, restaurano il trono del nonno Numitore e decidono di fondare una nuova città. Si affidano agli auspici per determinare chi di loro governerà la città, ma tra i due fratelli scoppia una discussione. Durante la lite, Romolo uccide Remo . Questa leggenda prende la sua forma definitiva alla fine del IV °  secolo  aC. dC Secondo la tradizione, la fondazione di Roma risale al 753 aC. dC I Romani contano gli anni dalla presunta data di nascita della loro città ( Ab Urbe condita ).

Archeologia

Le ricerche archeologiche hanno trovato sulle Palatine capanne dei pastori dalla metà del VIII °  secolo  aC. dC , che corrisponde alla data leggendaria della nascita di Roma . I resti ritrovati mostrano che da questo momento la città conosce un continuo sviluppo.

Gli inizi della monarchia ( VIII TH e VII °  secolo  aC. )

La monarchia può essere divisa in due periodi. La prima vede il regno dei primi quattro re leggendari ( Romolo / Tito Tazio , Numa Pompilio , Tullo Ostilio e Anco Marcio ), ai quali gli annalisti attribuiscono la fondazione delle istituzioni politiche e religiose della città. Questa è organizzata in curie , il Senato e i curiae comitia diventano ufficiali. Roma si impegna in diverse guerre di conquista. Fu in questo periodo che venne fondato il porto di Ostia e fu costruito il primo ponte sul Tevere .

Famiglie patrizie e loro divisione in curie

Dominique Ingres , Romolo , conquistatore di Acron , porta i resti dell'oppio al tempio di Giove Férétrien , 1812 , École des Beaux Arts , Parigi .

Secondo quanto riporta la tradizione, gli antichi romani si dividono in tre gruppi o Tribù Romulane , i Tities , i Ramnes ei Luceres . L'origine e la composizione di queste tribù rimane oggetto di dibattito per gli storici. Le famiglie appartenenti ad uno di questi tre gruppi costituiscono le prime famiglie patrizie . Per organizzare la città, queste famiglie patrizie la divisero in unità chiamate curie , sebbene, secondo la leggenda, tale organizzazione fosse attribuita al primo re, Romolo . Ognuna delle tre tribù è divisa in dieci curie.

Creazione del Senato, dei Comitia e del Re di Roma

Alcuni dei clan sono gestiti democraticamente con ogni membro che ha diritto di voto. Altri si governano in modo aristocratico, organizzati attorno a un consiglio di anziani. Quando questi clan si fusero per formare una comunità più ampia, furono mantenuti entrambi i metodi di governo.

I primi romani si esprimevano democraticamente attraverso un comizi ("  assemblea  " o "  comico  "). Le due principali assemblee formate sono conosciute con i nomi di comitia curiates e comitia calates . I comizi sono l'incarnazione delle tendenze democratiche dei primi clan. Per meglio rispettare la forma di democrazia diretta utilizzata dai clan confederati, i due comizi sono organizzati in modo da rispecchiare al meglio le divisioni tribali della città. Gli spettacoli sono quindi organizzati da curie . I membri di ciascuna delle tre tribù ( Ramnes , Tities e Luceres ) sono assegnati a una curia specifica, ogni gruppo essendo diviso in dieci curie.

L'equivalente aristocratico delle assemblee assume la forma di un consiglio municipale degli anziani. Mentre i consigli di ogni clan sono costituiti dagli anziani delle famiglie regnanti del clan, il consiglio comunale è composto dagli anziani appartenenti ai clan regnanti della città, che diventerà il Senato . Quest'ultimo (secondo la leggenda) è composto da 300 anziani ( patres ) provenienti da ciascuna delle tre tribù e costituenti i primi senatori romani.

La gente e gli anziani riconoscono la necessità di un unico leader politico, chiamato rex . Il popolo elegge il re mentre gli anziani lo consigliano.

Tardo Monarchia ( VI °  secolo  aC. )

Il secondo periodo, più ricco di avvenimenti del primo, vede il regno degli ultimi tre leggendari re, la significativa espansione del territorio romano e lo sviluppo della classe plebea con la sua parziale integrazione nella struttura politica della città. Infine, questo secondo periodo vede gli unici re stranieri che regnavano su Roma con le loro successioni basate sull'ereditarietà. I tre re etruschi semi-leggendari iniziano una politica di conquista. Senza esaminare in dettaglio il grado di veridicità di queste leggende, è molto probabile che tali conquiste siano avvenute alla fine della monarchia . Diventa quindi necessario determinare cosa si dovrebbe fare con i popoli conquistati.

Il primo re etrusco di Roma, Tarquinio il Vecchio , succede ad Anco Marcio . È stato suggerito che Roma sia stata invasa dagli Etruschi , anche se ciò rimane improbabile. La città si trova in una posizione facilmente difendibile e la sua rapida espansione attira persone da tutta la regione. Le politiche liberali della città offrono a un sovrano competente l'opportunità di conquistare il trono.

Aspetto della classe plebea

Il più delle volte, gli abitanti le cui città sono state conquistate rimangono lì. La loro vita quotidiana e il loro sistema di governo rimangono gli stessi, ma le loro città perdono la loro indipendenza da Roma. Tuttavia, un numero viene a Roma. Per acquisire uno status economico valido e legale, i nuovi arrivati ​​devono accettare la dipendenza da una famiglia patrizia o dal re (che è lui stesso un patrizio); diventano poi clienti di una famiglia patrizia. Alla fine, coloro che si erano affezionati al re vengono liberati dalla loro dipendenza. Questi ultimi poi costituiscono i primi plebei .

Man mano che Roma cresce, sono necessari sempre più soldati per le conquiste. I non patrizi appartengono alla stessa curia dei loro patroni . In questo momento, l'esercito è organizzato sulla base dei curie, quindi gli individui dipendenti dalle famiglie devono combattere. Tuttavia, quando vengono liberati dalla loro dipendenza, lasciano la curia a cui appartiene il loro capo. Allora non sono più obbligati a combattere, ma perdono ogni condizione politica o economica.

Per riportare questi plebei nell'esercito, i patrizi dovettero fare delle concessioni, la cui natura esatta non è nota. Una delle conseguenze è che ora i plebei hanno il diritto di possedere la propria terra. Ora hanno tutto l'interesse a difendere la città: se dovesse essere conquistata, perderebbero tutta la loro terra. Tuttavia, non hanno alcun potere politico. Tutti questi elementi che verranno messi in atto porteranno alla guerra degli ordini sotto la Repubblica .

Riorganizzazione serba dell'esercito

Per riportare i plebei nell'esercito, il re Servio Tullio abolì il vecchio sistema che organizzava gli eserciti sulla base dei curie e lo sostituì con un sistema basato sulla proprietà della terra. In seguito alla riorganizzazione di Servius Tullius , furono create due nuove unità. L'esercito è diviso in secoli ( centuri ). Le future riorganizzazioni saranno più efficaci basate sulle tribù . I secoli si uniscono in una nuova assemblea chiamata comitia centuriata ( comitia centuriates ). Quando è stata creata, questa assemblea non aveva alcun potere politico o legislativo. È semplicemente usato come punto di incontro per l'esercito.

Re mitologici

Il filologo e comparatista Georges Dumézil vede nella successione dei primi re un esempio di funzioni tripartite indoeuropee  : Romolo il fondatore e il pio Numa Pompilio esercitano la funzione sovrana, sia organizzatore che sacerdotale, Tullo Ostilio la funzione guerriera, Anco Marzio il funzione produttiva. Ad ogni leggendario sovrano è quindi attribuito un contributo particolare nella nascita e creazione delle istituzioni romane e nello sviluppo socio-politico della città. Re etruschi, Tarquinio il Vecchio urbanizzò Roma, Servio Tullio organizzò la città e la popolazione militare e Tarquinio il Superbo , con il suo comportamento, accelerò l'instaurazione della Repubblica.

La Repubblica Romana

La parola "repubblica" deriva dal latino res publica , che significa "cosa pubblica". Governare la città è dunque un affare pubblico e collettivo. Il motto della Repubblica è Senatus populusque romanus , "il Senato e il popolo romano". Simboleggia l'unione del Senato Romano , dove originariamente si trovavano le famiglie patrizie , e tutti i cittadini romani . I romani, infatti, si dividono in due gruppi, i patrizi ei plebei . Questi ultimi formano la massa degli artigiani e dei contadini. Vivono al di fuori dell'organizzazione patrizia e non onorano alcun antenato in particolare. I patrizi spesso possiedono vasti possedimenti coltivati . Appartengono a famiglie famose, le gentes . Ogni popolo ha i propri culti, compreso quello degli antenati e le proprie tradizioni. Comprende un numero maggiore o minore di clienti che devono obbedienza al loro "capo" e in cambio ricevono aiuto e assistenza quando necessario.

Avvento della Repubblica ( V ° e l'inizio del IV °  secolo  aC. )

Fine dei re etruschi e costituzione della Repubblica

La storia degli inizi della Repubblica è molto oscura: a parte i ritrovamenti archeologici, che solo eccezionalmente consentono una narrazione degli eventi, non abbiamo fonti contemporanee di questo periodo. Possiamo quindi scrivere la sua storia solo sulla base dei resoconti storici forniti dagli stessi romani, resoconti spesso imprecisi, a volte contraddittori, in cui leggenda e riscritture per fini politici si mescolano alla memoria degli eventi più importanti. Tuttavia, sebbene sia ovvio che la tradizione abbellisce i fatti per non dare a Roma un ruolo sbagliato, è oggi accettato che la tradizione romana si basi su fatti storici, sebbene sia molto difficile e spesso impossibile districare il vero dal falso.

Secondo la tradizione, Giunio Bruto , nipote dell'ultimo re Tarquinio il Superbo , è il leggendario fondatore della Repubblica Romana , nel 509 a.C. AD Tarquin viene rovesciato, perché usa i suoi poteri per istituire una tirannia. I suoi abusi sono così estremi che il Senato e il popolo di Roma vedono persino il concetto di monarchia come atroce. Il Senato perde il controllo dell'elezione del nuovo sotto la dinastia etrusca dei Tarquini , ed è questo attacco alla sovranità del Senato, più che una tirannia intollerabile, che spinge i patrizi , piuttosto che l'intero popolo, a cacciare l'ultimo re. Tarquinio il Superbo solleva le città etrusche contro la nascente repubblica che le vince. Porsenna , re etrusco di Clusium , assediò allora Roma per rifondare Tarquinio , ma vi rinunciò davanti all'ostinazione dei romani. Gli autori moderni mettono in discussione tutte le varie vicende oscure narrate dagli storiografi romani, in particolare l'episodio di Porsenna . Tuttavia, molte città latino disfatto il giogo etrusca alla fine del VI °  secolo  aC. aC Il tiranno fugge poi a Tusculum , dove spinge il figlio Ottavio Mamilio alla guerra. Alleato dei Latini , condusse l'ultima battaglia contro Roma al Lago Regilla dove fu sconfitto, poi morì pochi anni dopo a Cuma dove fece suo ospite, il tiranno Aristodemo , suo erede.

Alcune leggende suggeriscono che la monarchia sia radicalmente diversa dalla nascente repubblica. È più probabile che ci sia stata una transizione più graduale. Potrebbe esserci stato un rapido rovesciamento della monarchia, ma l'unico cambiamento immediato a quel punto fu la sostituzione del re con una magistratura a due teste a tempo limitato. Gli altri cambiamenti probabilmente avvennero più gradualmente di quanto la tradizione suggerisca.

Guerre esterne

La battaglia del Lago Regilla , così come il fallimento di Porsenna , segna definitivamente la fine del regno dei Tarquini a Roma. Nel 493 a.C. dC , viene siglata un'alleanza con la Lega Latina  : il feto Cassianum . Pone fine alla guerra tra romani e latini e pone Roma su un piano di parità con tutti i membri della Lega latina insieme. Questo crea intorno a Roma un baluardo contro i Volsci e gli Eque poiché Roma si allea anche con gli Ernici nel 486 a.C. DC . La storia romana del V °  secolo  aC. dC è scossa da guerre contro Volsci ed Eque e talvolta contro i Sabini , ma Roma resiste e respinge i montanari, infliggendo pesanti sconfitte e tregue più o meno lunghe, nonostante qualche contrattempo.

Roma e Veies si oppongono per ragioni economiche. Grazie a Fidènes , situata a monte di Roma su un guado del Tevere , Veies controlla la Via Salaria e il traffico del sale nella regione. Una prima guerra privata è condotta dai Fabiani , massacrati nella battaglia di Crémère . Quindi, intorno al 435 a.C. J. - C. , Roma si impadronisce per la prima volta di Fidènes , che diventa colonia romana , poi definitivamente nel 425 av. dC , anno in cui si conclude una tregua di 20 anni. Nel 406 a.C. dC , Roma assedia Veies . La guerra e l'assedio durarono dieci anni, fino al 396 a.C. dC , la città etrusca cadde nelle mani dei Romani guidati dal dittatore Camille nell'anno 396 aC. DC . Questa guerra e questa cattura sono un evento importante nella storia romana: per la prima volta, i soldati-contadini rimangono nell'esercito per più di un anno intero, senza tornare a casa per l'inverno, e per la prima volta, in compenso, ricevere un compenso tratto da una nuova imposta pagata dai proprietari fondiari, il tributum . Il territorio romano raddoppia quasi di estensione e Roma prende il sopravvento nell'eterna alleanza di pari conclusa con la Lega Latina , dominando le altre città. Roma, dunque, non è mai stata così forte e nessuna città latina o etrusca sembra poterla eclissare.

Ma nel 390 a.C. dC , un'orda gallica, guidata da Brennus , schiaccia l'esercito romano. Autorità religiose e oggetti sacri vengono portati in salvo a Cære , alleata, prima che i Galli si impadroniscano di Roma e assediano il Campidoglio , dove resistono gli ultimi difensori. Se dobbiamo credere alle tradizioni, Roma è completamente saccheggiata, distrutta e bruciata, solo il Campidoglio è risparmiato, eroicamente difeso (episodio delle oche capitoline in particolare). In realtà, potrebbe essere solo un saccheggio generale, con i Galli che spogliano tutto, specialmente i templi , piuttosto che un saccheggio radicale. Questa borsa rimarrà per sempre un trauma per la Repubblica Romana, e quindi le tradizioni potrebbero essere molto esagerate. Il sacco di Roma è solo un evento minore in una guerra tra i tiranni di Siracusa , Dionigi il Vecchio , all'inizio del IV °  secolo  aC. d.C. , alleati dei Galli da poter utilizzare come mercenari (ipotesi della storica Marta Sordi ), agli Etruschi di Cære (Cære e Siracusa in lotta per detenere il potere talassocratico ), che sono presi di mira dall'attacco gallico, e che subiscono gravi perdite come Roma.

Istituzioni primitive e lotta patriziato/plebe

All'indomani della caduta della monarchia , il Senato e soprattutto gli unici due magistrati riconquistarono il potere supremo, e si passò da un sistema monarchico ad un sistema oligarchico . Questo cambio di governo avvantaggia solo una minoranza, la nuova élite: il patriziato . Molti plebei sono molto indebitati, e quindi soggetti alla legge del patriziato.

La prima secessione della plebe avvenne nel 495 a.C. dC e la plebe ottennero la creazione della magistratura del tribunato della plebe interdetta ai patrizi , preposta alla difesa dei loro interessi. I tribuni della plebe sono inviolabili. Possono opporsi a qualsiasi legge proposta dagli altri magistrati: è l' intercessio . I tribuni della plebe stanno gradualmente guadagnando potere. Attraverso la Lex Publilia Voleronis , i plebei si organizzano per tribù , rendendosi politicamente indipendenti dai patrizi .

Poi chiedono che le leggi siano messe per iscritto, attraverso il progetto della Lex Terentilia , attorno alla quale Roma è dilaniata per un decennio, fino a quando non viene istituita una commissione straordinaria, i Decemviri , per redigere le leggi. La legge delle Dodici Tavole è scritta in due parti. La seconda commissione dei decemviri cerca di mantenere il suo potere assoluto, ma prima della secessione della plebe , ritirata sul Sacro Monte , deve dimettersi, e la legge viene approvata dal popolo romano . Secondo studi moderni, il secondo decemvirato non si sarebbe mai verificato. La legge delle dodici tavole costituisce il primo corpo di leggi romane scritte . La loro redazione è l'atto fondativo del diritto romano , delle istituzioni della Repubblica Romana e del mos maiorum .

Si vota poi una serie di leggi, con le quali i plebisciti promulgati dai comizi tributi hanno forza di legge purché il Senato li ratifichi, sia ripristinato il diritto di appello al popolo, la sacrosanta e l'inviolabilità dei tribuni della plebe vengono proclamate: sono le leges Valeriæ Horatiæ , nonché l'abolizione del divieto di matrimonio tra plebei e patrizi  : la lex Canuleia . Il Senato , per far fronte alla richiesta che il consolato sia aperto ai plebei , propone la creazione di un tribunato militare con potestà consolare , aperto a tutti, e dotato di quasi tutti i poteri del consolato , eccetto quelli conferiti ad una nuova magistratura patrizia , la censura . All'inizio i patrizi monopolizzarono la nuova magistratura , ma a poco a poco i plebei sono sempre più numerosi ad accedere al tribunato militare con potere consolare , che diventa quasi sistematico, sostituendosi al consolato .

Nel 376 a.C. dC , viene proposta una serie di leggi per migliorare la situazione della plebe a Roma. Si tratta di leggi politiche, economiche e sociali volte a condividere il potere supremo tra plebei e patrizi , a combattere l'accaparramento di terre da parte dei patrizi recentemente annessi intorno a Roma ( ager publicus ), e ad alleviare la plebe schiacciata dai debiti: le misure proposte sono il ristabilimento del consolato , con obbligatoriamente una scelta plebea tra i due consoli, il divieto di occupare più di 500 i giudizi sul ager publicus e la deduzione del capitale della interessi già versato e la 'diffusione di rimborso del debito in tre anni , così come l' abolizione del nexum . Le tre leggi, unite in una per il voto, sono approvate. Il consolato plebeo apre implicitamente l'accesso alla dittatura e alla censura . In tutto questo periodo la Repubblica Romana affronta una moltitudine di nemici, ed è costantemente in guerra contro i popoli italici , ricorrendo spesso all'elezione di un dittatore per far fronte alle minacce esterne, ed è più volte vicina al disastro, come durante il sacco di Roma in 390 a.C. J.-C.

Conquista d'Italia ( IV ° e inizio III °  sec  . a.C. )

Il IV °  secolo  aC. dC rappresenta una svolta importante nella storia di Roma, perché pone le basi per l'espansione cui segue l'estensione del territorio romano alla Campania , nonostante la forte resistenza dei montanari sanniti . Gli storici contemporanei individuano diversi fattori che spiegano questi cambiamenti: il trauma delle invasioni galliche e le difficoltà che ne seguirono con i suoi vicini, sembrano aver convinto i romani a non accettare più minacce e ad iniziare un'espansione che a volte può essere definita ''Difensiva imperialismo'.

Guerra degli Ordini

Il periodo successivo al voto delle leggi licinio-sestiane vide l'emergere di tendenze allarmanti, come il continuo riavvicinamento dei tribuni e dei senatori . Entro la metà del IV °  secolo  aC. dC , il consiglio plebeo ratifica la Lex Ovinia che consente ai censori di decidere sull'ingresso in Senato di ogni magistrato neoeletto. Con i plebei che già ricoprono molti incarichi, il loro numero al Senato sta probabilmente aumentando rapidamente. L'avvicinamento tra i tribuni e il Senato facilita la creazione di una nuova aristocrazia plebea: la maggior parte dei plebei eletti alle magistrature proviene da una di queste famiglie plebee. Questa nuova aristocrazia plebea si fonde presto nella vecchia aristocrazia patrizia, creando un'aristocrazia combinata “  patricio - plebea  ”.

Nel 287 a.C. dC , i plebei si separano . Per porre fine a questa nuova sedizione, furono adottate le leggi ortensie , che davano forza di legge alle risoluzioni dell'assemblea della plebe ( plebisciti ) senza ratifica da parte del Senato. Il significato fondamentale di questa legge in pratica è che rimuove ogni possibilità per i patrizi di opporsi ai plebei, il che significa che i senatori plebei ora hanno gli stessi diritti dei senatori patrizi. Di conseguenza, il controllo statale non cade sulle spalle della democrazia, ma sulle spalle di questa nuova aristocrazia “  patricio - plebea  ”.

Un esercito di cittadini

Centurione in una rievocazione storica.

Solo i cittadini proprietari hanno il dovere di battersi per la Repubblica. Il combattimento più ricco è di cavalleria ( equites ), gli altri sono di fanteria ( pedites ). Dopo le riforme di Camille , formarono legioni di circa 4.500 uomini, costituite in particolare dagli hastati , giovani cittadini ( iuniores ) ben addestrati in prima linea, principi , anche iuniores , ma più esperti, in seconda linea, e dei triarii , i seniores , che formano l'ultima riga e la riserva. I più poveri combattono come veliti . Sono presenti anche truppe ausiliarie composte da soldati non aventi cittadinanza romana che assistono le legioni. Nella legione regna una disciplina rigorosa.

Storia della conquista

Nel 390 a.C. J.-C. , Roma viene presa dai Galli e subisce il primo sacco . Per i romani questo episodio fu vissuto come un disastro nazionale. La città impiega molto tempo per riprendersi da questo disastro. Dopo alcuni scontri con i suoi vicini, in particolare gli etruschi sconfitti di Tarquinii e alcune città latine ribelli, e dopo aver affrontato nuove incursioni galliche, Roma inizia la conquista dell'Italia .

Roma ha saputo porre fine alle sue divisioni sociali e può quindi offrire un modello politico attraente alle aristocrazie di altre città mediterranee , un importante patrimonio diplomatico. La diplomazia infatti svolse nella conquista romana un ruolo spesso trascurato a favore degli aspetti prettamente militari. La deditio di Capua nel 343 a.C. d.C. ne è l'esempio migliore: per beneficiare della protezione romana, la città campana di Capua si arrende completamente a Roma che vede la sua tradizionale area di azione brutalmente estesa alla ricca regione che è la Campania . La compenetrazione delle élite è così importante che a volte si parla di uno “Stato romano-campano”, eppure è che si è instaurato un meccanismo essenziale delle conquiste a venire: Roma si appoggia alle aristocrazie locali, o su alcuni di questi aristocratici , per estendere il suo territorio, in cambio offre a queste aristocrazie stabilità politica e gratificante inserimento in un insieme più ampio, accesso a una scala più alta. Così, durante la prima guerra sannitica , intervennero i romani nel 343 a.C. dC , per proteggere Capua dai Sanniti . I Sanniti vengono sconfitti nel 341 a.C. dC , ma Roma non può sfruttare il suo successo e deve ripiegare a causa dell'insurrezione dei Latini , che minacciano direttamente Roma.

Seguirono le guerre latine , tra Roma e la Lega Latina , circondando in parte il territorio romano. Il tentativo dei popoli latini di ottenere l'indipendenza da Roma è la causa principale della guerra. La sconfitta dei Latini vide pronunciarsi lo scioglimento della Lega Latina , nonché l'incorporazione dei suoi territori nella sfera di influenza romana. In questa occasione i Latini ottennero diritti parziali e diversi livelli di cittadinanza e le loro città furono trasformate, o in comuni o in colonie romane . Tra il 336 e il 327 a.C. dC , Roma è necessaria più a sud dell'Italia e della Campania , e stabilizza i territori appena conquistati.

La fondazione romana di Frégelles al confine sannitico e le gravi tensioni a Napoli provocano un'immediata reazione ostile da parte dei Sanniti . Il conflitto durerà quasi 40 anni. I romani vinsero le prime battaglie, ma dopo diversi anni di guerre di confine, i consoli romani decisero nel 321 a.C. dC , per portare la guerra in territorio sannitico, iniziativa che si conclude con l'umiliante cattura di due legioni da parte del sannita Caio Ponzio nella Battaglia delle Forche Caudine . Le ostilità finiscono nel 316 aC. dC e la tregua è a favore dei Sanniti, che ottengono dai Romani la cessione della colonia romana di Frégelles . Le ostilità ripresero nel 314 a.C. dC , e Roma batte una vasta coalizione che riunisce i Sanniti , gli Etruschi , gli Umbri , i Marsi , gli Ernici , i Peligni ei Salentini . Nel 304 a.C. dC , i Marsi , i Peligni , i Marrucini ei Volsci vengono a loro volta schiacciati e sottomessi. Gli Eque , sconfitti da una campagna fulminea, vengono annessi. Nel 295 a.C. dC , i Sanniti riescono a portare un esercito nell'Italia settentrionale, assistiti dai loro alleati etruschi e umbri , che sono in guerra con Roma dal 302 a.C. dC Inoltre, beneficiano della presenza dei Galli che dal 299 a.C. dC compiono regolari incursioni nell'Italia settentrionale. I romani schiacciano questa coalizione e il territorio sannitico viene invaso: questi ultimi capitolano nel 290 a.C. dC , Roma schiavizza le loro città e ne annette il territorio.

Roma esce dalle guerre sannitiche come padrona dell'Italia centrale ed è in contatto diretto con le città greche che costeggiano le coste meridionali della penisola e che controllano parte del commercio mediterraneo. Taranto fece appello al giovane re dell'Epiro , Pirro I er , per rallentare l'avanzata romana. Nel 280 a.C. dC Pirro sbarcò in Italia e sconfisse i Romani. Le popolazioni ancora indipendenti del Bruzio e della Lucania si allearono con Pirro, seguito dai Sanniti , e il giovane re riportò una "  vittoria di Pirro  ". Nel bel mezzo delle campagne d'Italia, Pirro porta il suo aiuto ai Siciliani contro Cartagine cosa che spinge Roma ad allearsi con Cartagine , per proteggere la Sicilia dalle mire di Pirro. L'avanzata di Pirro è travolgente. Tuttavia, Pirro fu costretto a lasciare la Sicilia per occuparsi di altri affari nel sud Italia. Nel 275 a.C. dC , i Romani sconfissero definitivamente Pirro, che lasciò l'Italia e tornò in Epiro, lasciando una guarnigione a Taranto .

I Salentini ei Piceni sono a loro volta sottomessi. Nel 265 e 264 a.C. dC , Roma prende e distrugge la città etrusca di Volsinii e le ultime città etrusche indipendenti a sud dell'Arno vengono annesse alla Repubblica Romana.

Economia, società e organizzazione dell'Italia

In questo momento, la Repubblica Romana domina ormai gran parte dell'Italia e permette alla penisola di stabilizzarsi e prosperare per la prima volta nella sua storia, l' economia romana e italiana è fiorente. Nella stessa Roma le istituzioni si consolidarono e si diversificarono, la guerra degli ordini finì e lo Stato si trovò un unico padrone del potere: il Senato .

Dopo la caduta di Taranto nel 272 a.C. dC , tutte le terre della penisola italiana situate a sud del fiume Arno sono sotto il dominio più o meno diretto di Roma. Di tutti questi popoli e città, nessuno riuscì a opporsi a lungo all'avanzata romana, nessuna coalizione abbastanza forte riuscì a formarsi per resistere alle forze romane, perché tutti questi popoli e città furono disuniti in tempo di pace. Roma porta la stabilità in Italia agli inizi del III °  secolo  aC. dC , mentre si stabilizzano anche le istituzioni della Repubblica .

Tutte le popolazioni e le città italiane furono divise prima che Roma si imponesse, e quest'ultima riuscì a mantenere differenze tra di loro, trattandosi con ogni città e ogni popolo, in condizioni e per status diversi. Di tutta l'Italia centro-meridionale rimangono solo "i romani, i latini e gli italiani alleati", gli unici ad essere uomini liberi all'interno della comunità romana. Si tratta quindi di Roma e dei popoli o città che sono stati totalmente integrati, territori semi-integrati e alleati di Roma, all'inizio attraverso alleanze tra pari che ben presto diventano patti dominati da Roma.

Ci sono due tipi di cittadinanza romana  : i cittadini a pieno titolo che godono quindi di tutti i diritti e doveri, vale a dire in particolare il diritto di voto e di essere eletti, di possedere proprietà, di ricevere una paga nell'esercito nonché il dovere servire nelle armi e pagare le tasse; e coloro che hanno gli stessi diritti e doveri tranne quello di votare e di poter essere eletti magistrato. Alcuni degli antichi latini che formarono la Lega Latina sono incorporati a Roma con cittadinanza. Roma, insieme ai Latini, fonda molte colonie latine in punti strategici del territorio romano. Questo sistema di colonia latina, dove i coloni non sono cittadini romani, ma hanno un certo numero di diritti all'interno della colonia quasi indipendente di Roma, durerà a lungo, a vantaggio di Roma e dei coloni. Infine, gli alleati sono alla base della struttura amministrativa romana. Sono molto spesso legati a Roma da un'alleanza ineguale e, in ogni caso, questi alleati devono fornire a Roma un certo numero di truppe e rifornimenti militari, senza che Roma debba pagarli, il che solleva i cittadini romani.

Così Roma seppe creare intorno a loro, tra un mosaico di statuti, un certo equilibrio e soprattutto una prosperità che l'Italia non aveva conosciuto prima, cancellando in parte le disuguaglianze all'interno dell'organizzazione romana.

Istituzioni politiche

Mentre all'inizio della Repubblica erano i consoli a detenere il potere, a poco a poco il Senato emergeva e si imponeva all'interno delle istituzioni romane. La diviene assemblea permanente e basa la sua autorità sui magistrati romani alla fine del IV °  secolo  aC. dC , passando da un consiglio di anziani al corpo principale del potere di cui i magistrati sono i subordinati. Il Senato romano è principalmente orientato alla politica estera. Mentre il suo ruolo nei conflitti armati è teoricamente limitato a quello di consigliere, il Senato finisce per supervisionare questi conflitti. Il Senato gestisce anche l'amministrazione civile all'interno della città. Sebbene il Senato possa influenzare la promulgazione delle leggi, non le fa formalmente. Le assemblee legislative , che sono considerate l'incarnazione del popolo di Roma, fanno le leggi interne che governano il popolo. Il Senato promulga decreti chiamati senatus consultum . Ufficialmente si tratta di "consigli" dati ai magistrati , anche se in pratica questi decreti sono spesso da questi seguiti alla lettera.

In tutta la Repubblica i cittadini sono divisi in secoli per scopi militari e tribù per scopi civili. Ciascuno dei due gruppi si riunisce per scopi legislativi, elettorali e giudiziari. I comizi centuriati sono organizzati in modo molto aristocratico. Secondo questa organizzazione, le classi superiori controllano abbastanza secoli per ottenere la maggioranza in ogni voto. Solo i comizi centuriati possono eleggere consoli, pretori e censori, dichiarare una guerra offensiva, o anche convalidare il censo. I comizi tributi eleggono i questori , gli edili curule ei tribuni militari . Hanno anche il potere di indagare su casi legali. Il consiglio plebeo non rappresenta tutto il popolo, perché ne sono esclusi i patrizi. Il consiglio plebeo elegge i propri rappresentanti ( tribuni plebei ed edili plebei , considerati magistrati). Infatti, il consiglio plebeo è l'assemblea delle tribù plebee mentre i comizi tributi sono l'assemblea delle tribù “  patricio - plebee  ”.

Le magistrature sono elettive e annuali, a parte la censura e la dittatura . Tutti i magistrati hanno un certo grado di potere. I dittatori hanno più poteri di qualsiasi altro ufficiale seguito dai consoli e dai pretori , magistrati ordinari. Ogni magistrato può solo bloccare con il proprio veto un'azione intrapresa da un magistrato di grado uguale o inferiore. Di conseguenza, nessun magistrato può opporsi con il veto alle decisioni del Senato o delle assemblee . Poiché i tribuni della plebe e gli edili plebei non sono magistrati in senso stretto, non si occupano della distribuzione dei "maggiori poteri". In generale, questo li rende magistrati indipendenti dagli altri. Non possono vedere le loro azioni bloccate dal veto dei consoli . Se un magistrato, un'assemblea o il Senato non si conformano agli ordini di un tribuno, questo, mediante l' intercessio , può bloccare questa particolare azione. Ogni magistrato repubblicano ha determinati poteri ( potestas ), che includono imperium , coercitio e auspicia (poteri religiosi). Questi poteri sono bilanciati da diversi vincoli costituzionali, tra cui la collegialità ( collega ), il diritto dei cittadini di appellarsi al popolo ( provocatio ) e una ripartizione costituzionale dei poteri ( provincia ). Solo il popolo di Roma ( plebei e patrizi ) ha il diritto di conferire questi poteri a un magistrato.

Conquista del Mediterraneo ( III ° e II °  sec  . a.C. )

Conquista del Mediterraneo occidentale

Dal 264 a.C. dC inizia il grande scontro con Cartagine che segna una svolta nella storia di Roma. Cartagine, ex colonia fenicia, grazie al suo spirito imprenditoriale sviluppò dapprima avamposti commerciali, poi punti di appoggio e colonie in tutto il Mediterraneo occidentale e in particolare nella Sicilia occidentale . Roma diffida delle ambizioni cartaginesi in Sicilia. È la causa della prima guerra punica che dura quasi venticinque anni. I Cartaginesi per primi prendono la città di Messina , presa di sorpresa dai Romani, innescando l'inizio della guerra. Vent'anni di guerre seguirono con alterne fortune, le prime vittorie furono romane, poi i Cartaginesi si ripresero e fermarono l'avanzata romana. Alla fine, Roma prese il controllo dei mari e la vittoria navale sulle Egadi costrinse Cartagine a firmare una pace umiliante. Abbandona la Sicilia , poi la Sardegna e poi la Corsica , e le paga un pesante tributo.

Dopo la prima guerra punica , Roma si estese all'Illiria , dopo aver sconfitto i Liguri , gli Insubri e ridotto la Gallia Cisalpina a provincia romana . Da parte sua, Cartagine si propone di conquistare l' Hispania . Questa espansione preoccupa Roma che ravviva le ostilità nel 219 a.C. DC . Ma la Repubblica si trova davanti, nella persona di Annibale , un formidabile avversario, uomo politico e militare di genio. Annibale vinse poi una serie di vittorie nell'Italia settentrionale e avanzò verso sud attraverso gli Appennini . Lì, ha schiacciato gli eserciti romani due volte, nel Trasimeno e Cannes . Le città alleate con Roma nel sud Italia (ma solo nel sud) si uniscono ad Annibale . Si trasferì a Capua . Roma rifiuta di inchinarsi, conquista diversi successi, a Nole , Siracusa con Claudio Marcello , poi in Hispania e infine in Africa sotto la guida di Scipione l'Africano . Questo ha finalmente la meglio su Annibale nel 202 a.C. dC nella piana di Zama , che pose fine alla Seconda Guerra Punica . I vinti, che perdono i loro possedimenti esterni, devono pagare un enorme tributo a Roma che diventa la prima potenza del Mediterraneo occidentale nel 202 a.C. DC . Tra le ragioni del successo romano si può citare il rifiuto della classe politica romana di ammettere di non essere mai stata sconfitta, anche se divisa sulla strategia da adottare, offensiva o difensiva; la capacità di reclutamento romana, colmando costantemente le sue perdite, a costo di estenuanti pressioni sui suoi alleati; il controllo marittimo, e la fedeltà dei popoli alleati che circondavano Roma con uno scudo protettivo e la maggior parte dei porti dell'Italia meridionale.

Cartagine fu infine distrutta nel 146 a.C. dC , alla fine della Terza Guerra Punica (149-146). Nonostante molte rivolte, Hispania rimane romana. Il Mediterraneo occidentale è sotto il dominio romano nel II °  secolo  aC. dC , solo la futura Gallia transalpina non è ancora romana, ma diventa provincia della Repubblica Romana nel 121 a.C. dC , completando la conquista di tutte le terre costiere di questa sponda del Mediterraneo.

Dominio sul Mediterraneo Orientale

Durante la seconda guerra punica , Filippo V di Macedonia si alleò con Annibale Barca . La guerra finì indecisa nel 205 aC. dC e sfocia nella divisione tra Roma e Macedonia di un territorio minore lungo la costa dell'Adriatico per "combattere la pirateria  ", l' Illiria . Nel 201 a.C. dC , la seconda guerra macedone è iniziata da Roma, con l'aiuto di quasi tutti in Grecia. È un conflitto indeciso fino alla vittoria romana nella battaglia di Cinocefali nel 197 a.C. d.C. Nel 194 a.C. dC , Roma dichiara la Grecia “libera” e si ritira completamente dai Balcani . L'Aetolian League è insoddisfatto con i territori che Roma ceduta a loro e "invita" Antioco III della dell'impero seleucide per aiutarli a liberare la Grecia da "dall'oppressione romana". Roma rispose cacciando i Seleucidi dalla Grecia e infliggendo loro sconfitte in Asia Minore , costringendo Antioco a firmare il Trattato di Apamea nel 188 a.C. DC .

Dopo la morte di Filippo V di Macedonia nel 179 a.C. dC , suo figlio Perseo inizia la terza guerra macedone . Inizialmente, le forze romane ebbero difficoltà contro le forze macedoni, ma nel 168 a.C. dC , i Romani schiacciano i loro avversari a Pydna . La Macedonia è divisa in quattro repubbliche governate da burattini che Roma controlla. Roma schiaccia completamente una ribellione macedone e non si ritira dalla regione, formando la provincia romana di Macedonia , stabilendo un potere romano permanente sulla penisola greca. Tra il 149 e il 146 a.C. dC , si ribellò anche la lega achea: vittoria romana, saccheggio e distruzione di Corinto . Nel 133 a.C. J. - C. , il regno di Pergamo cade in eredità a Roma. Ha dato vita alla provincia dell'Asia .

Roma e l'Italia II °  secolo  aC. J.-C.

Nel 287 a.C. J.-C. , la guerra degli ordini terminò con le leggi dell'Ortensia , risolvendo così uno dei grandi problemi degli inizi della Repubblica. Tuttavia, non vi fu alcun cambiamento politico significativo tra il 287 e il 133 aC. J.-C . Le leggi critiche di questo periodo sono ancora ratificate dal Senato . La fine del II °  secolo  aC. AD vede un peggioramento dei problemi finanziari per molti plebei. Le lunghe campagne militari, infatti, tengono molti cittadini lontani dalle loro case per combattere, senza che questi possano prendersi cura delle loro terre, lasciate abbandonate. I piccoli contadini falliscono e poi convergono a Roma, ingrossando le fila delle assemblee popolari , dove la loro condizione economica permette loro, per la maggior parte, di votare per il candidato che promette loro il miglior futuro. Appare una nuova cultura della dipendenza che promuoverà l'ascesa dei leader più popolari.

L' Italia nel II °  secolo  aC. dC , un mosaico di statuti.

Per tutta la seconda guerra punica , a parte alcune defezioni nel Mezzogiorno, i territori latini e alleati di Roma rimasero fedeli alla Repubblica, e contribuirono notevolmente allo sforzo bellico, sia umanamente che materialmente. Tuttavia, la cittadinanza romana è solo molto piccola e si accumulano risentimento e motivi di rivolta contro il potere centrale di Roma, cieco. L'organizzazione generale dell'Italia non è cambiata da quasi due secoli, mentre il territorio romano si estende ormai su gran parte del bacino del Mediterraneo. Questo blocco causerà presto nella guerra civile terribile ho st  secolo  aC. dC , conosciuta con il nome di "  guerra sociale  ", tra i Romani ed i loro alleati.

La Repubblica si ritrova padrona unica di tutta una parte del bacino del Mediterraneo dove i territori sono fiorenti. La cattura della Grecia e di parte dell'Asia aumentò l'afflusso di ricchezza in tutta la Repubblica. Il numero degli schiavi si moltiplica ei loro beni acquisiti da Roma. Il contributo finanziario derivante da tutte queste guerre e da questi territori assorbiti è estremamente importante. Lo schiavo diventa il motore della società romana dopo la seconda guerra punica , quando i ricchi romani iniziarono a creare grandi latifondi ( latifondo ) nelle province conquistate.

Roma diventando definitivamente padrona dell'Italia e soprattutto delle città della Magna Grecia dopo la seconda guerra punica , rafforza il suo ellenismo. Il greco è diventato una seconda lingua, ampiamente usata nel commercio, anche lingua culturale. I romani più ricchi mandano i loro figli alle scuole greche. La cattura della Grecia nel 146 a.C. L'AD rafforza solo il fenomeno. L' arte greca sta vivendo una rinascita a metà del II °  secolo  aC. dC , e la sua influenza sull'arte italica è notevole. La profonda ellenizzazione dell'arte romana è voluta dal paese dominante.

Crisi della Repubblica (fine II e ed io st  secolo  aC. )

La fine della Repubblica fu segnata da numerose guerre civili ed esterne che ebbero un notevole impatto sull'economia e sulla società romana . Le istituzioni politiche repubblicane vengono progressivamente svuotate del loro contenuto a vantaggio del generale a capo dei veterani militari che ad esse sono devoti.

Guerre civili e fine della Repubblica

La guerra avvantaggia principalmente i ricchi. I ranghi dei cittadini con piccoli proprietari terrieri si assottigliarono, soprattutto durante la seconda guerra punica . Quindi ci sono meno agricoltori. La campagna è ricoperta di vasti pascoli. Il grano importato dalla Sicilia fa concorrenza a quello dei piccoli produttori latini che, rovinati, vendono le loro terre a basso prezzo ai grandi latifondisti e si recano a Roma per unirsi alla plebe urbana. Grandi famiglie formarono così immensi possedimenti, i latifondi , dove si insediarono contadini non proprietari, coloni e molti schiavi . Formano la nobilitas , la nobiltà che monopolizza le magistrature e riempie il Senato . Accanto a questa nobiltà terriera, compare una nuova classe di uomini d'affari che si arricchiscono nel commercio, nelle banche e nel credito. La loro ricchezza permette loro di occupare un posto importante nell'ordine dei cavalieri . La nobiltà ei cavalieri si accordano per sfruttare il nascente impero diviso in province. Imprenditori e magistrati della nobiltà si arricchirono spesso depredandoli sistematicamente.

In città, invece, la disoccupazione è in aumento, la forza lavoro salariata è in competizione con la massa degli schiavi portata dalle conquiste. Roma diventa una città colorata che riunisce, accanto a cittadini romani , italici , greci , liberti di ogni ceto sociale. Questa folla mantiene una costante agitazione in città. Dal 133 a.C. dC , le tensioni tra ricchi e poveri si moltiplicano, soprattutto da quando a Roma è apparso il lusso più chiassoso. Eppure un tentativo di riforma sta emergendo con i Gracchi , di una numerosa famiglia nobile. Pensano che sia necessaria una riforma agraria per risolvere il problema della plebe , ma i due fratelli vengono a loro volta massacrati, e le loro riforme abbandonate.

I tedeschi invasero la Gallia e schiacciarono ripetutamente gli eserciti romani . Cominciò una profonda riforma militare , ammettendo nelle file dell'esercito i proletari, cioè i cittadini che non erano proprietari, che non avevano, fino ad allora, avuto accesso alle legioni . Un esercito di poveri e non cittadini succede così agli eserciti di latifondisti cittadini, ma è un esercito di professionisti, pronto a dedicarsi al suo capo e ad aprirgli la strada del potere, tanto più se questo è generoso. Il nuovo esercito permette a Roma ea Mario di trionfare di fronte a due minacce.

Dopo i Gracchi , arriva il momento degli ambiziosi che lottano per il potere. Grazie alla riforma militare e alle sue vittorie in Africa e in Gallia , Mario domina la vita politica, associando al suo potere i capi del partito popolare. Nel 91 a.C. dC , inizia la guerra sociale , che si oppone al Senato e agli Italiani, che cercano di ottenere la cittadinanza romana . Questi infatti, pur essendo da lungo tempo parte della Repubblica e pur fornendo importanti contingenti militari all'esercito romano , per la maggior parte non acquisirono lo status di cittadini e sono ancora considerati sudditi. Roma riuscì ad arginare la ribellione concedendo il diritto di cittadinanza agli alleati che non si erano ribellati e poi a tutti coloro che avrebbero deposto le armi. Sylla riesce successivamente a sconfiggere le ultime città irriducibili. Alla fine della guerra sociale gli italiani ottennero quindi il diritto alla cittadinanza romana e l'Italia fu unificata sotto un unico stato giuridico. Ma i problemi restano. Le istituzioni repubblicane stanno lottando per funzionare normalmente. I cavalieri ei nobili si scontrano per lo sfruttamento delle province . Seguirono guerre civili tra Silla e Mario, che a loro volta massacrarono i loro avversari nelle strade di Roma, e si conclusero con la dittatura di Silla , che poi attuò importanti riforme politiche, rafforzando il potere degli aristocratici e riducendo quello dei tribuni. plebe . Si ritirò poi dalla vita politica.

Ma rapidamente nuove rivolte portano a nuove spedizioni militari favorendo così l'emergere di nuovi generali vittoriosi che combattono per il potere. Pompeo e Crasso affrontano con successo le ribellioni e i nemici di Roma. Pompeo poi si alleò con Crasso e Giulio Cesare in piena ascesa politica. I tre uomini condividono il potere e formano il Primo Triumvirato . Dal 58 al 51 a.C. aC , Giulio Cesare rese indipendente la conquista della Gallia , attirandosi così prestigio e ricchezza. Può allora dedicarsi alla sua suprema ambizione, la conquista del potere a Roma. Sa di poter contare sulla lealtà delle sue legioni e dei suoi sostenitori politici a Roma. Durante questo periodo, Crasso fu ucciso contro i Parti a Carres nel 53 aC. J.-C. Pompeo approfittò quindi dell'assenza di Giulio Cesare per essere nominato console unico dal Senato nel 52 a.C. dC e porre fine all'incessante agitazione politica che scuote la città. Fine anni 50 , inizio 49 a.C. dC la nobiltà romana affidò a Pompeo la missione di proteggere l'Italia. Cesare, forte di truppe condite da 9 anni di combattimenti in Gallia, conquistò l'Italia poi sconfisse gli eserciti di Pompeo in Hispania poi a Farsale nel 48 a.C. dC Gli ultimi sostenitori di Pompeo combatterono in Africa nel 46 aC. dC Cesare rimane l'unico padrone di Roma dopo 4 anni di guerra.

Sta organizzando una monarchia che non dice il suo nome. È stato nominato dal dittatore del Senato per 10 anni poi dittatore a vita nel 44 aC. dC Viene “eletto” console ogni anno ed è anche censore e porta il titolo di imperator , capo supremo degli eserciti. Essa detiene anche l'inviolabilità tribunicia . Riorganizzò il Senato aprendolo alle famiglie non romane delle province. Pratica una politica favorevole ai poveri: remissione dei debiti, suddivisione dei veterani, grandi opere per abbellire Roma. Morì assassinato alle idi del marzo 44 a.C. dC da un complotto guidato da Bruto e Cassio .

Alla morte di Giulio Cesare , Octave , suo pronipote e figlio adottivo, Marc Antoine , suo luogotenente e console in carica, e Lepido , capo della cavalleria del defunto dittatore, accettano di condividere il potere. Formano il Secondo Triumvirato . Il loro primo obiettivo è vendicare la morte di Cesare . Cassio e Bruto vengono uccisi nel 42 a.C. d.C. durante la battaglia di Filippi . Octavien ottiene il titolo di Imperator e diversi territori (Corsica, Sardegna…) nel 38 a.C. dC, sebbene il triumvirato quinquennale sia stato rinnovato dal Trattato di Taranto, lo stesso anno . Dopo il licenziamento del triumviro Lepido da parte di Octave , quest'ultimo e Marc Antoine si trovano faccia a faccia. Il conflitto è inevitabile. Marc Antoine, alleato di Cleopatra, fu sconfitto ad Azio nel 31 a.C. J. - C. Octave continua poi metodicamente la conquista dell'Oriente, fino al 30 agosto av. dC Quando Marc Antoine e Cleopatra si suicidano, Ottaviano rimane l'unico padrone di Roma. Inoltre, l'opinione pubblica è stanca dei disordini e delle guerre civili , esige un regime stabile, anche se autoritario.

Torna in città, Octave inaugura una nuova era che si concluderà con la caduta di Roma al V °  secolo .

impero romano

Octave , futuro Augusto, ( 63 a.C. - 14 d.C. ).

All'inizio Empire ( ho st inizi III °  secolo)

Il Senato conferisce quel momento in poi ottava il titolo di Augusto . Pur abbandonando il corso delle antiche magistrature e del Senato , Augusto concentra nelle sue mani tutti i poteri. I suoi successori, gli imperatori Giulio-Claudia , i Flavi e gli Antonini, portarono l' Impero Romano al culmine. Nel II °  secolo , l'area dell'Impero Romano era al suo apice, e conta tra i 50 e gli 80 milioni. Roma è con la sua superficie di 1385 ettari e il suo milione di abitanti la città più grande del mondo mediterraneo.

Da Augusto alla fine del Severo

Augusto (Ottaviano), primo imperatore di Roma, ottiene il potere proconsolare per dieci anni. Divide l'Impero in province senatorie (pacificate) e imperiali (dove si trovano le forze armate). Prende il controllo assoluto dell'esercito, che finanzia ed è permanentemente protetto dalla Guardia Pretoriana , di stanza nell'Urbe (fino ad allora nessuna truppa aveva risieduto a Roma). Il Senato conserva o riceve importanti prerogative nei campi dell'amministrazione civile ( Roma , Italia , province ), della finanza, della giustizia e della moneta. Auguste intende che esso sia, di fronte all'esercito (riformato, che diventa definitivamente esercito professionale), l'unico elemento civile che conti nello Stato. Sotto il principato di Augusto, Roma è divisa in quattordici “regioni” . Si sta lavorando per stabilizzare le sponde del Tevere . Per combattere gli incendi, abbastanza frequenti nella capitale, fu istituito un corpo di guardie giurate e furono costruiti nuovi acquedotti . Molti altri monumenti saranno costruiti durante il suo regno.

Quando morì, il suo ultimo figlio adottivo, Tiberio , figlio del primo matrimonio di Livia , divenne imperatore. L' Impero prosperò e accumulò fondi che poi aiutarono a consolidare le finanze, ma il suo regno fu segnato anche dagli omicidi di personaggi politici, e morì odiato. Caligola , suo pronipote e nipote d'adozione, terzogenito di Germanico , prende successivamente il potere. Per sei mesi i Romani possono rallegrarsi d'un imperatore giusto, utile e liberale, il che fa loro dimenticare la sinistra fine del regno di Tiberio  ; ma una grave malattia cambia drasticamente Caligola, che diventa tiranno. Un'altra cospirazione ha la meglio su di lui ed è Claude , suo zio, che gli succede. Nonostante la sua mancanza di esperienza politica, Claude si dimostra un abile amministratore e un grande costruttore pubblico. Il suo regno vide crescere l'Impero: all'Impero furono aggiunte cinque province tra cui la Bretagna , nel 43 , la Licia , la Mauritania , la Norica e la Tracia . Estese la cittadinanza romana a molte province, inclusa la Gallia, dove era nato. Ma è un imperatore debole, e morì di veleno su istigazione di Agrippina nel 54 , dopo aver, su suo consiglio, adottato suo figlio Nerone . I primi anni del regno di Nerone sono noti come esempi di buona amministrazione, poi scoppiarono molti scandali, come il grande incendio di Roma . Circondato male, prende decisioni sbagliate e pretende il suicidio (uno di troppo) dall'ottimo generale Corbulo, provocando la ribellione di molti suoi coetanei. L'imperatore viene destituito dal Senato e si suicida. È la fine dei giulio-claudiani .

Quando Nerone morì , l'Impero conobbe una prima crisi. I generali, Galba , Ottone e Vitellio sono a loro volta nominati imperatori dalle loro truppe poi assassinati nel 69 .

È infine il capo dell'esercito d'Oriente, Vespasien , un italiano, che diventa imperatore dando vita così alla dinastia dei Flaviens . Ristabilì l'ordine e la pace a Roma, così come nelle province in rivolta. Per affermare il suo potere, l'imperatore si ispirerà al modello augusteo riprendendo i temi principali del suo regno nonché monopolizzando le alte magistrature. Alla scala dell'Impero, persegue una politica tra continuità e innovazione. Come i suoi predecessori, aumentò il numero di costruzioni pubbliche, in particolare il Colosseo che intraprese. Dall'altro, utilizza vere innovazioni in campo finanziario. I confini dell'Impero si stabilizzano e si rafforzano con la costruzione di un sistema difensivo a controllo dei popoli barbari oltre a quello renano-danubiano ( Tedeschi , Daci , Sarmati , Chattes ). Gli succede il figlio Tito , che ebbe un ruolo importante durante il suo regno, ma è imperatore solo due anni. Il secondo figlio di Vespasiano diventa poi a sua volta imperatore. La conquista della Bretagna da parte di Agricola prosegue brillantemente e Domiziano lancia un'offensiva a sorpresa contro il popolo tedesco del Reno, il più potente dell'epoca, i Chattes , che sconfigge. La presenza romana in Bretagna e Germania è seriamente rafforzata. Ma molto rapidamente la situazione sul Danubio peggiora. I Daci si sono appena uniti e Domiziano interviene in persona con i Pretoriani per cacciarli. Infine, dopo le battute d'arresto dei generali romani, Domiziano preferisce trattare e fare pace con il re dacico, Decebalo , che diventa re cliente e riceve sussidi. All'inizio del regno, Domiziano era liberale e giusto. È lodato per il suo senso di giustizia, di religione. Tuttavia, la sua natura irrequieta, la sua tendenza a vedere complotti ovunque, la sua violenza e l'autoritarismo oscurano la fine del suo regno. Fu assassinato nel 96 da una congiura di palazzo.

Il Senato ha già previsto un sostituto nella persona di Nerva che dà vita alla dinastia degli Antonini . Adotta il suo successore Traiano , un romano di Hispania . Cinque su sei notevoli imperatori scelgono il loro successore durante la loro vita, perché non hanno figli, tuttavia la scelta è sempre sui parenti stretti. I regni di Traiano e del suo successore Adriano corrispondono all'apice dell'Impero Romano.

Traiano , mentre si concentrava sulla promozione dell'agricoltura e sullo sviluppo dell'amministrazione, conquistò la Dacia , l' impero dei Parti e annesse l' Arabia . L'imperatore sviluppa anche la romanizzazione dell'Impero. La conquista della Partia non gli sopravvisse. L'imperatore Adriano è desideroso di perseguire una politica più difensiva. Sotto il suo regno, in diverse regioni di confine, in Africa e in Bretagna in particolare, si svilupparono importanti fortificazioni, spesso chiamate limes . Inoltre, Adriano sta lavorando per migliorare il funzionamento dell'Impero. Nella continuità di uno sforzo iniziato da altri imperatori, si sforza di promuovere l'integrazione dei provinciali, in particolare mediante la creazione di colonie onorarie: mentre il termine colonia designa più spesso l'insediamento di coloni romani, ora è un titolo onorifico concesso a una città e che dà la cittadinanza romana a tutti i suoi abitanti.

Il regno di Antonino Pio non fu segnato da conquiste, ma piuttosto dal desiderio di consolidare lo stato attuale. È tradizionalmente durante il suo regno che l' Impero Romano è considerato al suo apice, a causa dell'assenza di guerre e grandi rivolte nelle province . Eppure è questa politica difensiva e attendista che preannuncia le difficoltà finanziarie e militari dell'Impero Romano . Marco Aurelio e Lucio Vero succedettero ad Antonino. Il secondo muore alla fine di 8 anni di regno, senza grandi atti. Il primo è noto per essere un imperatore-filosofo stoico. A livello nazionale, ha svolto un importante lavoro legislativo. Trascorse 15 anni sul fronte del Danubio combattendo contro i barbari . L'Impero sta infatti entrando in un periodo molto meno favorevole: i suoi vicini di confine sembrano più potenti, l'Impero deve affrontare difficoltà agrarie, carestie, l'epidemia di peste Antonina . Marco Aurelio sceglie suo figlio Commodo come suo successore. L'assassinio di quest'ultimo, che si comportò come un tiranno durante gran parte del suo regno, pone fine alla dinastia degli Antonini .

Il suo assassinio nel dicembre 192 aprì una crisi politica alla fine della dinastia giulio-claudia . La guardia pretoriana assassina il nuovo imperatore Pertinace e porta al potere Didius Julianus .

È infine il generale dell'esercito del Danubio , l'africano Settimio Severo a prendere il potere. Riempie l'esercito di benefici, aumentandone il numero e rafforzando il potere imperiale. I pretoriani che crearono e sconfissero tanti imperatori vengono reclutati dalle legioni danubiane fedeli a Settimio Severo . Salvò per un po' l'Impero dall'anarchia e avviò importanti riforme politiche, militari, economiche e sociali. La mescolanza culturale portata dall'Impero aumenta, le religioni d'Oriente diventano più popolari nell'Impero, in particolare il culto di Mitra tra i militari. Questo aspetto è stato talvolta esagerato dagli storici che hanno descritto i Severus come una dinastia orientale, giudizio oggi notevolmente relativizzato.

Nomina i suoi due figli Augusto , ma quando muore Caracalla si affretta ad uccidere suo fratello minore Geta . È noto per aver pubblicato nel 212 il famoso editto che porta il suo nome dando a tutti gli uomini liberi dell'Impero la cittadinanza romana. Morì assassinato sul fronte dei Parti per ordine del prefetto del pretorio Macrino che riuscì a prenderne il posto solo per breve tempo. Nomina suo figlio Diaduménien Cesare e poi Augusto nel 218 , ma vengono entrambi assassinati. Cugino di Caracalla, Eliogabalo diventa poi imperatore, ma abbastanza occupato dal culto del dio omonimo lascia il governo a sua nonna, Julia Mæsa . Fu ucciso dai pretoriani e suo cugino Severo Alessandro gli successe per un regno di 13 anni. Dopo il suo assassinio, l'Impero sprofondò in un periodo molto più travagliato, tradizionalmente qualificato come "  anarchia militare  ", termine peraltro improprio, perché se il potere imperiale è talvolta diviso, non è mai assente.

Potere e culto imperiali

Gli imperatori portano il titolo di imperator , capo supremo degli eserciti. Durante l'intero periodo dell'Impero Romano, la vittoria fu un potente fattore nel rafforzamento del potere. L'imperatore sconfitto è facilmente sfidato per il potere da un altro generale ambizioso. Tutti gli imperatori hanno l'abitudine di essere eletti console per mostrare la continuità tra le istituzioni repubblicane e il principato . Dà loro anche l' imperium , il potere di costringere e di essere obbedito da tutti. Hanno anche l' imperium proconsolare che dà loro il potere di governare tutte le province. In quanto detentori del potere tribunitario, hanno l' intercessio , cioè il diritto di opporsi a qualsiasi decisione dei magistrati dell'Impero. Come Giulio Cesare , portano il titolo di grande pontefice che li rende i capi della religione romana. Ricevono un giuramento di lealtà personale da tutti gli abitanti dell'Impero.

Fino alla fine dell'impero bizantino , la successione di un membro della famiglia al defunto imperatore non era automatica. Il potere non appartiene a un individuo oa una dinastia. Pertanto, ci sono rischi significativi di guerre civili alla fine di ogni regno. Fa eccezione il periodo degli Antonini , quando l'imperatore sceglie il suo successore fuori dalla sua famiglia, e dove non c'è disturbo quando il nuovo imperatore prende il potere, è un'eccezione. Il Senato e il popolo sono pervasi dal timore di una guerra civile ad ogni successione. Accettano quindi con entusiasmo l'idea che un discendente del principe regnante debba subentrare a suo padre. Uno dei doveri di ogni imperatore è quello di preparare la pacifica trasmissione del suo trono. La scelta più logica è, anche agli occhi dei romani, nominare suo figlio o adottarne uno. In caso di crisi, un generale portato in trionfo dai suoi soldati può ottenere con le armi il potere supremo. La guardia pretoriana incaricata di garantire la sicurezza degli imperatori svolse un ruolo crescente nelle trame e negli omicidi che segnarono il periodo imperiale.

La funzione di grande pontefice conferisce agli imperatori un carattere sacro. Inoltre, nelle credenze popolari, Scipione l'Africano , Mario e Silla hanno un carattere divino. Cesare sviluppa intorno a sé la leggenda di una divinità che pretende di discendere da Venere ed Enea . L'imperatore Augusto istituisce il culto imperiale . Fa divinizzare Cesare e così, come suo erede, si eleva al di sopra dell'umanità. Si definisce figlio di Apollo . Associa inoltre l'intera comunità al culto del genio di famiglia, divenendo così il padre di tutti, da cui il titolo di padre del paese. Augusto rifiuta di essere divinizzato durante la sua vita. Tuttavia, permette la costruzione di templi a lui dedicati, soprattutto in Oriente, abituato a considerare i suoi sovrani come divinità viventi, a condizione che il suo nome sia associato a quello della Roma deificata. Il movimento continua dopo la sua morte. Tutti gli imperatori si pongono sotto gli auspici di un dio. Gradualmente, vengono assimilati agli dei viventi in tutto l'Impero. Dopo la morte ricevono l' apoteosi . Gli Antonini considerano Giove Capitolino come dio supremo. Durante il regno di Adriano , la deificazione dell'imperatore vivente è ancora in corso in Oriente. L'ideologia imperiale assume aspetti più filosofici. L'imperatore deve il suo successo al suo merito (Virtus) e alla protezione divina.

Il culto imperiale era anche un modo per abituare il popolo dell'Impero, così diverso per cultura e credenze, a rispettare il potere di Roma attraverso un imperatore divinizzato. In tutto l'Impero furono restaurati o costruiti templi dedicati al culto imperiale. Si organizzano cerimonie in onore dell'imperatore. Questa è un'occasione per la comunità di riunirsi in processione davanti a sacrifici, banchetti e spettacoli di ogni genere.

amministrazione imperiale

L'Impero Romano sotto Adriano , con confini stabilizzati, intorno all'anno 120 .

Nelle province senatorie il governatore, un proconsole o un propretore , è nominato dal Senato . Queste province sono in pace e non c'è una legione permanente lì. Nelle province imperiali il governatore, un legato propretario o procuratore , è nominato dall'imperatore. L' Egitto è guidato da un prefetto catturato nell'ordine equestre nominato dall'imperatore. Tuttavia, l'imperatore ha poteri di controllo in tutte le province. Può nominare legati straordinari nelle province senatorie. In tutto l'Impero, i domini imperiali, le imposte indirette e le miniere sono amministrati da un procuratore nominato dall'imperatore. L' Italia gode di uno status privilegiato. Sfugge all'imposta fondiaria ed è amministrato direttamente dal Senato.

I governatori sono nominati per un periodo di 4-6 anni. Mantengono stretti legami con il potere centrale grazie a una corrispondenza molto seguita. Devono vegliare sulle tasse, sull'ordine pubblico, sul censimento, sul rispetto della proprietà. Hanno un'amministrazione molto piccola. Intervengono infatti nella vita delle province soprattutto per giudicare un cittadino romano, per arginare i maggiori turbamenti all'ordine pubblico, per risolvere le difficoltà finanziarie delle città. La maggior parte delle questioni amministrative sono risolte a livello locale all'interno del quadro cittadino . Ciò costituisce per i romani il quadro ideale della vita. Dove non esisteva, soprattutto in Occidente, lo crearono i romani.

Nella capitale troviamo in giro le organizzazioni sovrane e uomini che lo aiutano a governare. Il consiglio del principe di cui si circonda per prendere le decisioni capitali è composto da uomini scelti per le loro capacità militari, legali o diplomatiche. Il consiglio diventa gradualmente permanente e prende un posto preponderante nel governo dell'Impero. Il prefetto del pretorio è la figura più importante dell'entourage imperiale. È a capo della Guardia Pretoriana ed è il secondo in comando nelle spedizioni militari. Finì anche per minacciare il potere imperiale.

Organizzazione militare

Fino alla metà del II °  secolo , l'esercito rimane un esercito conquistatore. Augusto annesse l' Illiria e tentò invano di conquistare la Germania . Fissa i confini dell'Impero al Reno e al Danubio . Claude fece la conquista della Bretagna , Traiano , quella della Dacia , dell'Arabia . Fece l'effimera conquista della Partia . Da Adriano , la cosa più importante è mantenere l'Impero e non più conquistare nuovi territori. Una delle priorità di Adriano è racchiudere lo spazio romano dietro un muro destinato a proteggere l'Impero dai barbari. Gli dobbiamo il famoso Vallo di Adriano nel nord della Bretagna . I suoi successori continuano la sua opera. Ai confini della Germania, dell'Oriente e dell'Africa vengono erette mura. Alla fine abbiamo dato loro il nome di limes, anche se in latino limes significa semplicemente sentiero di confine. Di rotte strategiche utilizzate per spostarsi agevolmente ai confini per difenderli in caso di attacco. In tutto i romani hanno 9.000 km di confine da difendere. L'esercito resta confinato ai confini. I governatori delle province di confine che accolgono le legioni sono scelti con cura dall'imperatore, perché ne assicurano il comando. In tutto 400.000 uomini divisi in 30 legioni (25 al tempo di Augusto) difendevano i confini.

Soldati romani intorno agli anni 70 (ricostruzione giocosa).

L' esercito romano comprende circa 150.000 legionari di cittadinanza romana e impegnati da 20 anni. Sono raddoppiati da truppe ausiliarie reclutate da non cittadini e che ricevono la cittadinanza romana dopo 25 anni di servizio militare. Da Adriano , alcuni ausiliari si distinguono dall'esercito romano, perché conservano le loro armi tradizionali. Gli italiani, che al I °  secolo erano ancora la maggioranza nelle legioni, sempre più riluttanti a fare il servizio militare. Dobbiamo quindi cercare reclute nelle province che, quando sono molto romanizzate, sono anche riluttanti ad andare nell'esercito. I soldati si stanno reclutando sempre di più nelle province meno romanizzate anche se al II °  secolo , la Guardia Pretoriana e gli ufficiali ( Centurioni ) sono sempre reclutati dagli italiani. L'Italia rimane anche il principale luogo di reclutamento per la formazione di nuove legioni come avvenne sotto Marco Aurelio ( Legio III Italica ). L'esercito romano divenne tuttavia un esercito professionale che univa i vari popoli dell'Impero. La sua unità deriva da un esprit de corps dato da un rigoroso addestramento, una disciplina ferrea elevata al rango di divinità, una religione specifica dei campi attorno alle tradizionali divinità romane e al culto imperiale , un quadro di qualità. Si deve al genio militare la costruzione di canali, strade , acquedotti e fortificazioni delle città. La presenza dell'esercito alle frontiere è un grande fattore di sviluppo economico per queste zone e un potente strumento di romanizzazione .

Società dell'Alto Impero

Gli 80 milioni di abitanti dell'Impero appartengono per nascita o per fortuna a diversi gruppi sociali. Si nasce schiavo, uomo libero o cittadino romano. Gli schiavi non hanno diritti. Conducono una vita molto dura nelle grandi proprietà o nelle miniere. In città la loro sorte è più indulgente. Lavorano come servitori, artigiani e persino insegnanti o artisti per i più alfabetizzati. Alcuni tengono una bottega e pagano una somma al padrone per poter lavorare. Possono così pagare le spese di spedizione. I sudditi dell'Impero sono uomini liberi che non sono cittadini romani. Possono testimoniare in tribunale. Tuttavia, devono pagare un'imposta aggiuntiva: il tributum . Uno è cittadino romano per nascita, per decreto o dopo 25 anni di servizio militare. La maggior parte dei cittadini lavora in piccoli mestieri. A Roma sono 200.000 i cittadini poveri per i quali le distribuzioni gratuite dell'annona sono vitali.

I più ricchi sono raggruppati nell'ordine equestre o nell'ordine senatorio per decisione dell'imperatore. In questa società di ordini: ordine senatoriale, ordine equestre o ordine decurionale, la nobilitas si distingue per riconoscimento dell'origine e non per statuto. Tuttavia, la nobilitas perde alcuni dei suoi indicatori sociali. Nel II °  secolo scompare la processione dei ritratti. È infatti ora riservato solo ai funerali imperiali.

All'inizio dell'Impero, la società non era scolpita nella pietra. Gli schiavi, specialmente quelli urbani, possono essere facilmente liberati dal loro padrone. Gradualmente tutti gli uomini liberi acquisiscono la cittadinanza. L' Editto di Caracalla , nel 212 , rese cittadini romani tutti gli uomini liberi, il che "rafforza l'unità morale dell'Impero". Tuttavia, i barbari sottoposti con la forza così come gli strati inferiori della popolazione egiziana non ricevono la cittadinanza. Così a Volubilis , i contadini isolati e le tribù seminomadi limitrofe alla città rimangono sudditi dell'Impero, ad eccezione di alcuni capi così ricompensati per il loro sostegno. Ma a poco a poco si fanno le distinzioni tra gli onestores , i potenti, e gli humiliores , gli umili. Sono trattati in modo diseguale davanti ai tribunali: la distinzione giuridica tra cittadino e non cittadino è stata sostituita da una distinzione sociale tra ricchi e poveri.

Città, luogo della civiltà romana

In quasi tutte le città dell'Impero, viviamo in epoca romana. Secondo alcune stime, Roma , la capitale ha più di un milione di abitanti sotto l'Alto Impero (range da 600.000 a 1,2 milioni). I romani la chiamano semplicemente urbs , la città. È con Alessandria , la più grande città del mondo romano. Dal momento che l' ho st  secolo , la città fu abbellita da molti imperatori. Questi numerosi monumenti simboleggiano la grandezza di Roma e l'arte di vivere dei romani. I fori , luoghi della vita politica sotto la Repubblica, sono diventati complessi monumentali comprendenti basiliche , numerosi templi , archi di trionfo e biblioteche. Il Palatino è occupato dai palazzi imperiali, la casa degli Augusti. Ma Roma è soprattutto, nell'immaginario popolare, la città dei giochi. A loro sono dedicati diversi monumenti eccezionali: il Circo Massimo tra il Palatino e l' Aventino , Il Colosseo , il più grande anfiteatro del mondo romano, dedicato ai giochi circensi , principalmente combattimenti di gladiatori . Le terme compaiono alla fine della Repubblica. Gli imperatori ne costruirono molti per la ricreazione della plebe romana. Per portare l'acqua di cui hanno bisogno le terme e una grande popolazione, vengono costruiti molti acquedotti . Nel I °  secolo , possono muoversi verso la città quasi un milione di metri cubi di acqua in un giorno. La città è cresciuta nel disordine nel corso dei secoli. Le strade sono strette e tortuose. Nel 64 , dopo l' incendio di Roma , Nerone fece ricostruire la città con asce larghe e ariose. I più ricchi vivono in vaste ville , mentre i più poveri vivono in condomini, gli insulæ .

L' architettura romana fiorisce nelle città, l' architettura imperiale è innovativa nella generalizzazione dell'arco semicircolare, e nell'uso sistematico della malta ( cemento romano ) e del laterizio ( opus latericium ), realizzando monumenti sempre più arditi a Roma ( Pantheon , Colosseo , fori imperiali , terme , ecc.) e nelle province ( Pont du Gard , arene di Nîmes , ecc.).

Le grandi metropoli come Cartagine , Antiochia rifioriscono. I romani costruirono città in tutto l'Impero su un piano regolare chiamato piano ippodamico . La città è organizzata intorno a due assi, il cardo e il decumano . Sono presenti tutti i monumenti tipici dell'epoca romana. Le città sono guidate da un senato locale chiamato curia, reclutato tra i ricchi abitanti dell'Impero. Formano l' ordine decurionale . È al suo interno che vengono eletti i magistrati: consiglieri comunali - incaricati del mercato e della polizia stradale -, duumviri - magistrati con poteri giudiziari -, duumviri quinquennali - eletti ogni cinque anni e con funzioni censorie. L' ordo dei decurioni deve gestire le finanze ( pecunia publica ) e il territorio della città, assicurare l'ordine pubblico ei rapporti con il potere centrale. I decurioni e soprattutto i magistrati finanziano in gran parte con mezzi propri la costruzione di monumenti e templi. Agli importi legalmente definiti e richiesti, possono aggiungere volontariamente una donazione da parte loro. Questa pratica, chiamata “ evergetism”, occupa un posto importante nella costruzione e nella vita delle città. L'Evergetismo permette agli aristocratici delle città di manifestare la loro liberalità e il loro fasto, può essere uno strumento di autocelebrazione, sostenere una strategia familiare, il monumento dato ricordando la gloria della famiglia per generazioni, allo stesso tempo in cui fondava un coesione politica e sociale: il dono dell'evergète può essere concepito come un contro-dono che risponde al rispetto che la città gli mostra e al potere politico che gli ha conferito. Festival, spettacoli e distribuzioni varie, spesso derivanti dall'evergetismo, contribuiscono, nelle città, allo sviluppo e quindi al mantenimento di una cultura comunale, di coesione civica. Se un tempo la storiografia vedeva nell'evergetismo un fattore esplicativo dell'abbandono delle funzioni politiche da parte delle aristocrazie locali, questa ipotesi non è più oggi accettata, e non si può più immaginare una diserzione generalizzata dei curie.

Nelle città dell'occidente dell'Impero si diffuse il latino mentre l'oriente rimase fedele alla lingua greca .

Prosperità economica

Di norma, la maggior parte della ricchezza prodotta proviene dalle campagne e dall'agricoltura . Sotto l'Alto Impero si conferma la tendenza alla concentrazione della terra. I nobilitas o templi d'Oriente hanno vasti domini. Ma il più grande proprietario dell'Impero, è l'imperatore stesso che amplia le sue proprietà confiscando quelle dei suoi avversari. Il centro del vasto latifondo o latifondo è la villa , residenza padronale con i suoi annessi. Se l'ideale mostrato è quello dell'autarchia, perché è il patrimonio fondiario e l'autosufficienza che fondano la dignità sociale, ci sono importanti regioni di colture da reddito. La coltura principale è quella dei cereali che nutre tutti gli abitanti della tenuta. Gli agronomi romani consigliano di riservare parte dell'area alle coltivazioni da reddito come la vite e l'olivo. La piccola proprietà non è però scomparsa. Rimane l'ideale della società romana, ma la sua importanza è diminuita. Se sotto l'Impero l' agricoltura non si è evoluta molto, tecnicamente ha diffuso alcune pratiche. L'esistenza di guadagni di produttività non è esclusa da alcuni autori.

Le principali attività artigianali si svolgono nelle campagne, ma anche nelle città: produzione tessile, fabbricazione e manutenzione di utensili, produzione di ceramiche. Per molto tempo gli storici concepirono le città antiche solo come consumatori; dopo importanti discussioni questa opinione viene notevolmente relativizzata. Importanti regioni minerarie esistevano in Spagna e nelle regioni danubiane. Ma anche qui il progresso tecnico è minimo. Il lavoro manuale e l'attività mercantile sono, per le classi colte, una fonte di disprezzo, qualcosa di riservato alle classi inferiori e agli schiavi. L'esistenza degli schiavi può anche essere stata un ostacolo allo sviluppo del progresso tecnologico. Tuttavia, la recente ricerca archeologica relativizza fortemente anche i vecchi giudizi espressi su alcuni campi: archeologi e storici concordano ad esempio oggi sull'importante e precoce diffusione del mulino ad acqua nell'impero romano.

La pace e la prosperità dell'Alto Impero portarono ad un aumento delle attività commerciali. Il Mediterraneo nel cuore dell'Impero Romano conosce un intenso traffico. La pirateria è molto bassa grazie alle flotte da guerra degli imperatori che pattugliano costantemente. Le navi si avventurano sempre di più in alto mare per accorciare la durata delle traversate. Ma per viaggi brevi o medi, i marinai preferiscono il cabotaggio lungo le coste. Il Mediterraneo è aperto da marzo a ottobre, vale a dire che vi è autorizzata la navigazione. In inverno, non c'è navigazione. I maggiori porti del Mediterraneo sono Ostia , il porto di Roma, Alessandria d' Egitto e Cartagine in Africa . Collegamenti commerciali raggiungono anche il Baltico , l'Africa nera attraverso le carovane transahariane, l' India e la Cina . Possiamo quindi vedere che l'Impero non è uno spazio chiuso. Il gusto per i prodotti di lusso dei romani alimenta il grande commercio internazionale. In questo senso l'Impero prolungò gli ultimi due secoli della Repubblica, ma la dominazione economica italiana in alcune aree -  ceramica di qualità , anfore, vini - lasciò il posto, nel tempo, alle produzioni provinciali.

Crisi dell'impero romano ( III °  secolo)

Origini della crisi

Gli storici si interrogano ancora sulle ragioni della profonda crisi dell'Impero Romano nel III °  secolo . Certe cause al di fuori dell'Impero possono spiegarlo. In Oriente, l' Impero partico deliquescente cede il passo al impero sasanide nel secondo quarto del III °  secolo . Questo impero potente, ben strutturato e aggressivo esercita una pressione costante sulle province dell'Asia. Nel nord-est dell'Europa, i tedeschi dell'est che vivono nelle regioni del Mar Baltico iniziano una lenta migrazione verso il sud e il sud-est dell'Europa. In tal modo, scacciano le altre tribù che si trovano nei territori che attraversano. Cercano rifugio nell'Impero Romano nella speranza di trovare nuove terre e ricco bottino. Le loro incursioni evidenziano la debolezza della strategia difensiva romana. In effetti, le legioni sono ammassate ai confini. Una volta attraversata la regione di confine, i barbari possono devastare le province quasi senza impedimenti. Il sistema militare romano e l'organizzazione del potere imperiale sono anche molto poco adatti a una guerra simultanea su due fronti, in Oriente e su tutto il Reno - Danubio .

Le difficoltà interne sono dovute alla crescente distanza dei militari pronti ad imporre pesanti sacrifici ai civili per proteggere l'Impero dalle minacce di invasioni e dalla classe agiata che fatica ad accettare l'aumento dei suoi oneri fiscali. Sul piano politico, ciò si traduce nell'ascesa dell'ordine equestre, titolare delle grandi prefetture e sempre più presente nelle province come governatore al posto della classe senatoria. Inoltre, dal 250 , l'Impero Romano fu colpito da epidemie che portarono, almeno a livello regionale, allo spopolamento e ad una crisi economica di cui soffriva principalmente l'Occidente, già devastato dalle incursioni germaniche.

Tuttavia, lo stato più recente della ricerca mette in prospettiva la natura generale e continua della crisi. Il III °  secolo è ora piuttosto descritto come segnato da alcune grandi crisi meglio definite dal punto di vista cronologico: crisi politica nel 238 , due gravi crisi negli anni 250 e 260 , il periodo più duro per il potere imperiale. Ma l'accento è ora posto anche sulla diversità delle situazioni regionali, sul mantenimento della prosperità in Africa, sull'esistenza di un periodo di ripresa o sulle capacità di ripresa e di resistenza, inducendo più un periodo di cambiamento che una continua crisi e declino .

instabilità imperiale

Il periodo compreso tra 235 e 268 non è ben noto. Sedici imperatori si sono succeduti, fatti e vinti dal destino delle armi. Gli imperatori sono creati da un nuovo gruppo, lo Staff dell'Esercito. Sceglie il nuovo imperatore, che viene poi approvato dal Senato . Il grado imperiale è diventato, agli occhi dei militari, il grado più alto nella gerarchia degli ufficiali. Così Maximin I st Tracia è il primo della carriera militare per diventare imperatore per volontà dei suoi soldati. Dispiega grande energia per proteggere il confine contro Daci e Sarmati . Richiede pesanti tasse alla classe senatoria e alle province per far fronte alle spese militari che ammontano alla metà del bilancio dello Stato. Questo carico fiscale provoca l'evasione fiscale dei senatori la cui fortuna supera i sesterzi e la rivolta dei grandi proprietari africani che sono al potere Gordiano I , in associazione con suo figlio Gordiano II nel 238 . Vengono rapidamente battuti. Massimino viene ucciso davanti ad Aquileia così come Pupien e Balbin , scelti dal Senato come nuovi Augusti . Alla fine del 238 , Gordiano III , il nipote di Gordiano I st , divenne imperatore. Muore assassinato su istigazione del prefetto del pretorio , Filippo l'Arabo, che deve eliminare diversi concorrenti prima di essere ucciso di fronte a Decio . Decio è il primo imperatore ucciso dai barbari, durante la pesante sconfitta di Abritto contro i Goti nel 251 . Trébonien Galle ed Emilien si susseguono a ritmo serrato. Quest'ultimo regna solo ottantotto giorni. La legittimità imperiale che poggiava sulla vittoria è messa a dura prova: la crisi militare favorisce le usurpazioni: gli eserciti cercano un generale efficiente e le regioni minacciate desiderano un vicino imperatore che le protegga.

Periodo conosciuto come i
Trenta Tiranni  ":

Valérien ( 253 a 260 )
Gallien ( 253 a 268 )

Valérien regna associato a suo figlio Gallieno . È l'ultimo aristocratico a raggiungere l'Impero. Devono affrontare le incursioni degli Alamani e dei Franchi in Gallia e l'offensiva del sovrano sasanide Sapore in Siria . Nel 260 , Valérien fu persino fatto prigioniero dai Persiani e terminò i suoi giorni come schiavo in Iran. Gallien rimasto unico imperatore riesce a fermare un'invasione degli Alamani battendoli nel nord Italia. Abbandona la Dacia conquistata da Traiano che è diventata troppo difficile da difendere e fissa il confine dell'Impero sul Danubio . Ma ha dovuto affrontare molte usurpazioni, quella di Macriano e quietus in Oriente, di Régalien in Pannonia e di Postumo in Gallia che ha proclamato l' impero dei Galli .

I successori di Gallieno sono tutti soldati ai quali l'esercito ha dato grande rigore e fiducia nell'eternità dell'Impero Romano . L'Impero è diventato militare. Dalle riforme avviate sotto Gallieno - esclusione dei senatori dal comando militare - gli imperatori illirici affrontarono la crisi e riorganizzarono la difesa dell'Impero. Aurélien riunisce l'Impero ponendo fine alle secessioni palmirene e galliche e fortifica Roma .

Trasformazioni dopo 260

Gallien iniziò un profondo cambiamento nella strategia militare. Distribuisce in profondità i mezzi di difesa collocando nei principali nodi stradali dell'Illiria distaccamenti di legioni di confine. Costituisce un'importante cavalleria con comando autonomo. Esclude i senatori dai lavori militari e li sostituisce con cavalieri. Ha portato i barbari sconfitti nell'esercito, avviando così la "barbarizzazione" dell'esercito. L'esercito assorbe una parte sempre maggiore delle risorse dello Stato. Per il suo mantenimento viene riscossa una tassa speciale, l'anno militare.

Le funzioni di generale in capo e di condottiero vittorioso tradizionalmente ricoperte dall'imperatore si rafforzano in questi periodi di incessante guerra. Oltre ai soliti qualificatori come felix , associamo sempre più spesso il termine invictus . In effetti, un imperatore vittorioso può sperare nella lealtà dei suoi sudditi e delle sue truppe. In caso di sconfitta militare, i concorrenti compaiono tra gli altri generali. Gli imperatori, però, cercano di trovare legittimità trasformando il culto imperiale . Aurélien è divinizzato durante la sua vita. Sulle sue monete troviamo l'iscrizione deus et dominus natus (dio e signore per nascita).

Le difficoltà del III °  secolo fanno pensare ai romani che furono abbandonati dagli dei e segue un periodo in cui i cittadini si rifiutano di partecipare al culto pubblico, come cristiani ed ebrei vengono perseguitati. Decio , dal 250 poi Valérien rinnova l'obbligo dei sacrifici, che comporta persecuzioni verso i refrattari. Nel 260 , suo figlio Gallien pubblicò un editto di tolleranza mantenuto dai suoi successori per 40 anni.

L'opposizione tra la nobilitas e l'uomo nuovo è più viva che mai. L'Impero passò nelle mani di famiglie che non avevano mai esercitato la funzione imperiale. Gli imperatori novi lasciano la nobiltà in eredità alle loro famiglie. Gli onestores delle province occidentali e i capi dei popoli barbari vicini acquisirono anche i nobilitas che li incorporarono negli strati più alti. Per quanto riguarda la nobiltà romana, conserva un immenso prestigio sociale, ma perde quasi tutta la sua autorità politica.

Tarda antichità (fine III E al V °  secolo)

Imperatori del Basso Impero

Diocleziano , Museo di Istanbul .

Pochi mesi dopo essere salito al potere, Diocleziano capì che non poteva guidare l'Impero da solo e affidò a Massimiano la cura dell'Occidente come Cesare e poi Augusto . Nel 293 , dà a Massimiano un assistente che porta il titolo di Cesare , Costanza Cloro , e ne sceglie uno, Galerio . È così che i bisogni dell'Impero fanno nascere casualmente la tetrarchia , cioè il potere del quattro. Non esiste una divisione territoriale dell'Impero Romano, ma i quattro uomini condividono il comando delle truppe e dei settori in cui intervengono. Diocleziano, invece, resta al vertice. Questa nuova organizzazione permette di eliminare gli usurpatori che hanno seminato guai in Gallia, per respingere i barbari. La vittoria sui Sassanidi permise di rafforzare la presenza romana in Mesopotamia con la costituzione di cinque nuove province. Politica interna Diocleziano è in linea con gli imperatori del III esimo  secolo . Rafforza la deificazione della funzione imperiale. Scatena l'ultima e più violenta persecuzione contro i cristiani.

Nel 305 , i due Augusti abdicarono lo stesso giorno per far posto ai loro Cesari , Galerio e Costanza Cloro , che a loro volta divennero Augusti . Diocleziano sceglie due nuovi Cesari , Massimino II Daïa e Sévère , rimuovendo deliberatamente dalla successione i figli di Massimiano e Costanza Cloro . Diocleziano si ritirò poi a Spalato .

La seconda tetrarchia si scontra con le ambizioni di Maxence e Constantine , rispettivi figli di Maximien e Constance Chlore . Segue un periodo di instabilità con un massimo di sette Augusto contemporaneamente.

Nel 313 , due imperatori rimangono in contesa, Costantino I si insediò per la prima volta a Nicomedia e Licinio . Quest'ultimo viene sconfitto per la prima volta nel 316 e poi eliminato definitivamente nel 324 . Costantino , primo imperatore a convertirsi al cristianesimo, rimane quindi l'unico sovrano. Nello stesso anno, scelse l'ex colonia greca di Bisanzio , installata sulla sponda europea dello stretto del Bosforo , per fondare una nuova capitale che avrebbe portato il suo nome, Costantinopoli . Costruito sul modello di Roma , fu inaugurato nel 330 . Quando Costantino morì nel 337 , non decise la sua successione. I suoi tre figli condividono l'Impero, ma finiscono per litigare. Infine l'impero si è riunito sotto l'autorità del secondo figlio di Costantino I st , Costanzo II nomina di due Cesari a potenze molto basse. Il nuovo imperatore continua la politica del padre. Uno dei Cesari, Julien , responsabile della Gallia, ottenne una grande vittoria sugli Alamani nel 357 . I suoi soldati lo proclamano imperatore a malincuore a Lutetia . Costanza II morì l'anno successivo. Julien , cugino del defunto imperatore rinuncia al cristianesimo per amore del pensiero greco, da qui il suo soprannome di apostata . Cerca di restaurare le antiche religioni riaprendo i templi e ottenendo molte apostasie . Morì dopo 18 mesi di regno, nel 363 , in una scaramuccia di ritorno da una campagna contro i Persiani.

Il suo successore, Gioviano , Valentiniano I st in Occidente e Valente nella parte posteriore Oriente per la neutralità religiosa assoluta. L'imperatore d'Oriente Valente, fratello di Valentiniano I er , deve gestire le difficoltà causate dalla presenza al di là del Danubio, i Goti . Valentiniano I per primo lasciò il suo potere ai suoi due giovani figli Graziano e Valentiniano II . Dopo la morte di Valente durante la battaglia di Adrianopoli nel 378 , Gratien scelse un nuovo collega per l'Oriente, Teodosio il Giovane . Gratien viene assassinato nel 383 . Valentiniano II, fratello minore di Gratien, rimane quindi l'unico augusto d'Occidente con al suo fianco il generale franco, Arbogast, che lo assassina nel 392 . Nel 394 , Teodosio sconfisse l'usurpatore nella battaglia del Fiume Freddo, dove i due eserciti persero la maggior parte delle loro forze. Man mano che il pericolo barbarico cresce, le difese dell'Impero vengono indebolite da infinite guerre civili.

Nel 395 , Teodosio il Grande morì, dopo aver diviso l'Impero tra i suoi due figli. Arcadio il Vecchio riceve l'Oriente e Onorio l'Occidente. Questa condivisione è nella continuità dei regni precedenti. La condivisione è puramente amministrativa. L'unità dell'Impero deve quindi essere preservata. Ma l'Occidente di Onorio è indebolito da anni di guerre civili e contro i barbari. Perse gran parte delle sue truppe. L'economia dell'Occidente rimane fragile mentre quella dell'Oriente è fiorente.

Le due parti dell'Impero si separano definitivamente .

Strumenti di potere

La crisi del III E  secolo trasformò il potere imperiale divenuto assoluto. Il Senato non ha più alcuna influenza. Siamo passati da principato a dominare . Anche gli imperatori della tarda antichità beneficiano di una costruzione ideologica che assimilava progressivamente gli imperatori a divinità viventi e giustificava così il loro potere assoluto. Per Costantino come per Diocleziano , l'autorità imperiale è di natura divina. Diocleziano e Galerio , suo figlio adottivo, affermano di essere discendenti di Giove . Prendono il soprannome di Jovien , il suo collega Maximian così come il suo co- Cesar quello di Herculien . Questa sacralizzazione del potere imperiale mira anche a togliere ogni legittimità ai potenziali usurpatori poiché solo l'imperatore è eletto degli dei, e solo il suo successore è legittimo. Nel 312 , Costantino scelse il cristianesimo perché gli dava una nuova legittimità sopra tutti gli altri.

Costantino non cerca di affermare una filiazione divina. Piuttosto, afferma di essere stato investito dal Dio dei cristiani per governare l'Impero. La moneta del tempo mostra una mano che esce dal cielo e le porge una corona. L'imperatore agisce come un chierico nel suo modo di esercitare il potere. A Costantinopoli costruì il suo palazzo come se fosse una chiesa; afferma di aver ricevuto una visione di Cristo come se fosse un apostolo  ; agisce come vescovo al Concilio di Nicea convocato da lui stesso, ma non lo è. Costantino afferma di essere il rappresentante di Dio sulla terra. L'intelligenza suprema si riflette nella sua intelligenza. Si circondò di uno sfarzo incredibile per esaltare la grandezza della carica imperiale. D'ora in poi, la romanità e la religione cristiana sono collegate. Eusebio di Cesarea , riprendendo le tesi di Melitone di Sardi , sviluppò, in questo periodo, la teologia dell'impero cristiano. Per lui, l'unificazione politica ha permesso l'unificazione religiosa. L'imperatore è in questo contesto, il servo di Dio e come l'immagine del figlio di Dio, padrone dell'universo. L'imperatore riceve anche la missione di guida verso la salvezza e la fede cristiana. Viene così legittimato il suo crescente intervento nelle questioni religiose, così come il cesaropapismo .

Organizzazione militare

Il numero di soldati da parte legione è diminuito solo dopo la riforma Marius alla fine del II °  secolo  aC. dC Passò da 6.000 a 5.000 sotto l' Alto Impero ed è certamente intorno al 2.000 all'inizio del regno di Diocleziano . Diocleziano aumenta il numero dei soldati. Affidò a soldati spesso di origine barbara, i Limitanei , il compito di difendere il limes . Le legioni di manovra sono più piccole -  1.000 legionari - ma sono più numerose che nel periodo precedente. Vanno da 39 a 60. Hanno il compito di intercettare i Barbari che sono riusciti ad attraversare un confine sempre più fortificato. La necessità della difesa dell'Impero giustifica l'abbandono di Roma come residenza imperiale a favore delle città più vicine ai confini: Treviri , Milano , Sirmio , Nicomedia . Costantino completa la trasformazione dell'esercito e costituisce il comitatus , l'esercito da campo. Il suo comando è affidato a un magister peditum per la fanteria e un magister equitum per la cavalleria. Se necessario, i maestri della milizia possono essere creati per una particolare regione come l' Illiria . Nelle province e diocesi a vista, le truppe possono essere guidati da un proviene o un dux . Questo esercito è particolarmente curato dagli imperatori.

Si presume che l' esercito romano del IV °  secolo ha tra 250.000 e 300.000 uomini. Per superare le difficoltà di reclutamento, Diocleziano impone nuove regole. I proprietari devono ora fornire reclute all'esercito romano. Durante il IV °  secolo , ottengono il diritto di sostituire le reclute con una somma in oro, aurum tironicum . Questo sistema fu abolito nel 375 , ma solo per l'Oriente. Un numero significativo di cittadini cerca di sfuggire all'arruolamento nell'esercito andando nel deserto, tagliandosi i pollici o diventando chierici. Le pesanti condanne nei confronti dei disertori, l'eredità della professione di soldato non evitano le difficoltà di reclutamento, che spinge gli imperatori ad appellarsi ai barbari.

Diocleziano e Costantino I reclutano dapprima ausiliari di origine barbarica per assicurare gli archivi . Questi hanno poco a che fare con lo spirito romano. La distinzione tra comitatus e limitanei dà origine all'esercito romano del Basso Impero. Sotto Teodosio , l'esercito divenne più barbaro. L'Impero Romano d'Oriente mantiene le stesse disposizioni del II ° a VII °  secolo. La principale novità è la sostituzione del sistema della coscrizione, tanto iniquo, con quello del volontariato. Per attirare reclute, ricevono esenzioni fiscali sulla loro terra. L'esercito non manca più di soldati.

All'inizio del V °  secolo , l'esercito d'Occidente comprende teoricamente 200.000 uomini fino al confine di limitanei quasi tutti di origine barbarica, e 50.000 uomini dell'esercito di manovra, del Comitatus . Il paradosso di questo esercito è che i confini sono difesi da soldati di popoli che cercano di invadere l'Impero.

Amministrazione e fiscalità

Flavio Felice , console nel 428 , Roma , avorio di elefante, antico tesoro dell'abbazia di Saint-Junien a Limoges .

Sotto Diocleziano vengono soppresse le distinzioni tra province senatorie e province imperiali. Nel 297 le divise in entità più piccole, portandole da 47 a più di 100. Queste nuove province furono raggruppate in 12 diocesi guidate da vicari equestri che obbedivano direttamente agli imperatori. Questa moltiplicazione dei distretti amministrativi e dei livelli amministrativi è vista come più efficace nel combattere i mali dell'Impero. Nel 312 c'erano 108 province, 116 in 425 .

Costantino divise l'Impero in grandi circoscrizioni con confini fluttuanti, prefetture regionali guidate da un prefetto del pretorio. I prefetti vi hanno grandi prerogative civili e giudiziarie. Ogni livello amministrativo - prefettura regionale, diocesi, provincia - ha il suo capoluogo, i suoi uffici, i suoi funzionari. Il potere imperiale è quindi più presente ad ogni livello, ma il monte salari dei dipendenti pubblici è moltiplicato per quattro ei grandi poteri che essi possiedono sono fattori di autonomia e corruzione.

Anche l'organizzazione del potere centrale si trasforma. Il prefetto del pretorio è sostituito dal questore del Sacro Palazzo che redige gli editti. Quest'ultimo dirige il sacro concistoro, che sostituisce il consiglio dell'imperatore. Il maestro degli uffici dirige il personale amministrativo, le fabbriche di armi e la guardia Sholae ; il maestro di milizie , fanteria e cavalleria; il conte della sacra generosità , il fisco; il conte della fortuna privata, la res privata , vale a dire il fondo privato dell'imperatore, le rendite personali di quest'ultimo essendo risultate principalmente dalle rendite dei suoi immensi domini. La grande novità, tuttavia, è il forte aumento dei dipendenti pubblici che lavorano negli uffici centrali. Una folla di notai, project manager e agenti segreti ( Agentes in rebus chiamato anche curiosi ), circa 1000 funzionari V °  secolo , e diversi dipendenti rendere l'impero romano un vero e burocrazia. Questa pletora di amministrazione centrale contribuisce all'isolamento dell'imperatore dal resto della società.

Le finanze sono principalmente destinate a sostenere l'esercito. L'annone militare fu progressivamente attuato dalla dinastia severiana . È, sotto Diocleziano , pagato in natura o in contanti. Per far fronte alle maggiori spese, l'imperatore ordinò che fossero elencate tutte le risorse dell'Impero, uomini, bestiame e altre ricchezze. Questo censimento, che ha luogo ogni quindici anni, serve come base per stabilire una nuova tassa, la poll tax . La tassazione grava principalmente sugli abitanti delle campagne. Oltre alla tassa sui sondaggi, devono pagare la jugatio sugli immobili. I senatori devono pagare la collatio glebalis ogni quattro anni. Sotto il regno di Teodosio , il sistema fiscale si inasprì nuovamente provocando rivolte ( Antiochia nel 387 ). In teoria, le entrate della res privata devono sostenere la corte e la famiglia imperiale, ma una parte crescente di questo fondo è destinata agli immensi bisogni dello Stato.

Economia e società

L' economia romana è essenzialmente un'economia agricola. La trilogia mediterranea domina la produzione: grano , vite ( vino ), olivo ( olio ). La Sicilia , l' Africa , l' Egitto , la Gallia e la Spagna producono cereali che riforniscono le grandi città dell'impero. L'allevamento di cavalli, indispensabile per i giochi e per l'esercito, è concentrato in Hispania , Africa , Siria , Tracia e Asia . A quel tempo, due settori dell'economia potevano essere qualificati come industriali. Si tratta dell'estrazione e della produzione di ceramiche sigillate . Questo è legato all'esportazione di prodotti agricoli. È quindi nelle grandi regioni di produzione che troviamo i principali laboratori di ceramica. Una quarantina di fabbriche di armi sono sparse in tutto l'Impero. Fanno parte delle industrie statali, così come le fabbriche di armature, abbigliamento per soldati e tintorie.

Nel IV °  secolo, le prefetture della città e la corte metti nel Consolato come cariche per entrare nelle nobilitas . Costantino decide di abolire l' ordine equestre i cui membri entrano quasi tutti nell'ordine senatorio . Il numero dei senatori passa da 600 a 2.000 membri. Il Senato creato a Costantinopoli ha anche 2.000 membri. L'ordine senatoriale orientale è reclutato tra i notabili delle città provinciali greche. La nobilitas romana si caratterizza anche per la sua resistenza all'adozione del cristianesimo. Attaccato al culto degli antenati, alla cultura greco-romana, alla filosofia, diffonde un gran numero di letteratura anticristiana. Tuttavia, in mezzo al IV °  secolo , le grandi famiglie romane a poco a poco si convertono al cristianesimo. Le invasioni barbariche non impediscono l'aristocrazia Senato per mantenere la sua ricchezza e la sua influenza terra VIII °  secolo . monopolizza gli uffici di conte e vescovo.

Fin dal III °  secolo , l' Impero Romano alimenta contributi barbarici. Il ruolo fondamentale dei popoli federati nella esercito romano è già stato menzionato. Popolarono anche le regioni settentrionali dell'Impero minacciate di spopolamento. I decreti di Valentiniano I st vietano Romano-barbaro matrimoni mostrano che v'è già un incrocio significativo in questo momento. I casi di funzionari barbari che vivono nella Impero e romanizzata sono frequenti nel IV °  secolo .

La città rimane il cuore del romanismo. I luoghi tradizionali della vita romana , i bagni , i circhi e anfiteatri sono frequentati fino al VI °  secolo e anche oltre a Costantinopoli . Ma molti monumenti antichi si stanno deteriorando, perché le finanze pubbliche sono insufficienti a provvedere al loro mantenimento, tanto più che il periodo della tarda antichità è ricco di terremoti . Le città dell'Impero stanno subendo trasformazioni. Costruiscono mura verso III E e IV esimo  secolo per proteggere se stessi. La grande novità architettonica è la costruzione di edifici cristiani, una basilica , un battistero e la residenza del vescovo , parte del materiale utilizzato da vecchi monumenti abbandonati. Le nuove residenze imperiali: Treviri , Milano , Sirmio , Nicomedia beneficiano della presenza di truppe e imperatori.

Letteratura e arte

Dalle III E e IV th  secoli, i ritratti imperiali guardano imponente enorme (come la statua di Costantino I st ), mentre la diffusione della sepoltura dà nuovo impulso all'arte del bassorilievo sul sarcofagi , con decorativo dionisiaca o all'inizio temi cristiani .

I romani rivoluzionarono il mezzo scritto per i libri, conferendogli la forma moderna che conosciamo: generalizzarono il codice , un volume di fogli rilegati più maneggevole e di più facile lettura rispetto al tradizionale rotolo. Il libro è diventato un oggetto maneggevole, facile da trasportare, da riporre, leggibile da un singolo individuo. Ma resta un oggetto costoso, anche se il numero dei volumi in circolazione aumenta notevolmente. L'uso della pergamena, più solida, ma più costosa, si estende a spese del papiro. Il passaggio dal volumen al codice , a volte di dimensioni molto ridotte, comporta la perdita di parte dei testi antichi non più consultati. Il posto della scrittura nella società sta diventando sempre più importante.

Dal IV °  secolo , la fonte della letteratura è essenzialmente cristiano. La corrispondenza di alcune grandi menti del tempo, molto ben conservata, permette di avere una conoscenza dettagliata delle mentalità della tarda antichità . La retorica greca è usata dai Padri della Chiesa , sia per scrivere sermoni, spiegare i testi sacri sia per cercare di convincere i non cristiani. L' agiografia si sta moltiplicando. Mentre racconta la vita dei santi alla maniera di Svetonio o di Plutarco , si concentra sulle virtù cristiane dei santi per dare un esempio al lettore. Nei secoli VI E e VII E  , l'agiografia moltiplica le storie di miracoli, che prevalgono sull'esempio morale. Non sorprende quindi che l'opera principale della tarda antichità sia un'opera religiosa. Si tratta dell'opera La Cité de Dieu di Augustin d'Hippone , completata nel 423 . Rispondeva magistralmente ai detrattori del cristianesimo che ritenevano la religione responsabile del sacco di Roma del 410 . Nella sua teoria delle due città, sviluppa l'idea che Roma sia una città terrestre e quindi mortale. La città dei cristiani è il regno di Dio che li attende dopo la morte. Non devono quindi legare la loro fede cristiana all'esistenza di Roma anche se devono servire lealmente l'Impero.

L'ascesa del cristianesimo

La storia di Jonas , mosaico del IV secolo , basilica patriarcale di Aquileia .

Per lungo tempo l'idea prevalse all'inizio del IV °  secolo , le province d'Oriente sono per lo più acquisite dal cristianesimo. In Occidente, le province mediterranee sono più colpite dalla nuova religione rispetto alle altre. Ma ovunque in questa parte dell'Impero Romano, la campagna rimane profondamente politeista. Oggi viene messa in discussione la portata della cristianizzazione dell'Impero. Sembra che nel 312 i cristiani rappresentassero solo dal 4 al 5% della popolazione totale dell'Impero.

Costantino si convertì al cristianesimo durante la sua campagna contro Massenzio nel 312 . Nel 313 l' editto di Milano proclamava la libertà di culto e prevedeva la restituzione ai cristiani dei beni che erano stati loro confiscati durante la grande persecuzione di Diocleziano . Questa conversione pone il problema del rapporto tra la Chiesa e il potere. Circondato da vescovi, Costantino interviene nelle controversie dottrinali della Chiesa. Uno dei suoi obiettivi è ripristinare la pace civile nell'Impero. Combatte il donatismo in Africa e l' arianesimo in Oriente. Presiede addirittura il Concilio di Nicea del 325 che riconosce Cristo come Dio e uomo all'unanimità, anche Ario condivide questa dottrina. Ma continua la sua predicazione e viene scomunicato. Gli ariani adottano posizioni molto favorevoli al potere imperiale, riconoscendogli il diritto di decidere le questioni religiose dell'autorità. Costantino alla fine si convertì a questa forma di cristianesimo e fu battezzato sul letto di morte da un sacerdote ariano. Questa conversione all'arianesimo è contestata dalla Chiesa cattolica e da alcuni storici. Suo figlio, Costanza II, è un ariano convinto. Non esita a perseguitare i cristiani niceni più che i pagani. Nonostante i suoi interventi in molti concili , non riuscì ad adottare un credo che soddisfacesse gli ariani e i cristiani ortodossi. I suoi successori, preoccupati per la pace civile, osservarono una rigorosa neutralità religiosa tra ariani e niceni. La sconfitta di Adrianopoli contro gli ariani visigoti permette ai cattolici ortodossi di passare all'offensiva. Ambrogio di Milano , volendo difendere il credo niceno contro gli ariani, qualifica l' eresia come doppio tradimento, verso la Chiesa e verso l'Impero.

Gratien finisce per andare verso una condanna dell'arianesimo sotto l'influenza combinata del suo collega Teodosio e Ambrogio . L'imperatore d'Oriente promulga leggi che proibiscono le dottrine che si oppongono alla fede di Nicea. L'imperatore della pars orientalis , nel 380 , nell'editto di Salonicco, fece del cristianesimo una religione di stato. Come il suo collega, promulga leggi antieretiche. Convocò un concilio ad Aquileia , nel 381 , guidato da Ambrogio . Due vescovi ariani vengono scomunicati. La Chiesa cattolica è cresciuta abbastanza forte da resistere alla corte imperiale. Dopo la morte di Gratien , il partito ariano è di nuovo molto influente a corte. Su loro istigazione, il 23 gennaio 386 è stata promulgata una legge che prevede la pena di morte per chiunque si opponga alla libertà di coscienza e di culto. Ambroise si rifiuta di concedere una basilica extra-muros agli ariani con l'appoggio del popolo e delle alte sfere di Milano . La corte imperiale è costretta a cedere. Grazie a uomini come Ambrogio , la Chiesa può così emanciparsi dalla tutela imperiale, soprattutto in Occidente, e addirittura rivendicare il primato del potere spirituale nel tempo ricordando all'imperatore i suoi doveri di cristiano. I cristiani hanno anche bisogno della forza pubblica per far prevalere il loro punto di vista. Così Porfirio Gaza ottiene l'imperatrice Eudossia , fa chiudere al marito Onorio i templi politeisti di Gaza.

Gli imperatori danno ai membri del clero molti privilegi. Sono esenti dalle agevolazioni fiscali imposte ai cittadini. Ai vescovi sono riconosciuti poteri di giurisdizione civile. Le persone perseguitate dal potere godono del diritto di asilo, che consente loro di essere sottratte alla giustizia imperiale. Infine, i chierici non dipendono dai tribunali ordinari e sono quindi posti al di sopra del diritto ordinario. Costantino conferisce alla Chiesa una personalità giuridica che le consente di ricevere donazioni e lasciti. Questo gli permette di aumentare il suo potere materiale. Nel V °  secolo , dispone di vaste aree, alcune delle quali dipendono le istituzioni caritative della Chiesa. Lo sviluppo delle sue istituzioni le consente di occupare un vuoto lasciato dai sistemi redistributivi pagani, concentrandosi sui poveri in quanto tali e non come cittadini o clienti.

Permanenza del paganesimo

Durante tutto il IV °  secolo , religioni tradizionali politeiste continuano ad essere praticata, nonché i culti misterici di origine orientale come quelli di Mitra , di Cibele , di Iside e Serapide nonostante le restrizioni progressive. I testi cristiani che li denunciano con violenza, le dediche, gli ex voto, o attestazioni di lavoro nei templi sono altrettante testimonianze. In Egitto, Chenouté , abate del monastero Bianco nell'Alto Egitto e morto intorno al 466 , racconta nelle sue opere la sua lotta contro i pagani, che chiama “i Greci”. Lo storico pagano Zosima ci insegna a questo proposito che la nuova religione non era ancora diffusa in tutto l' Impero Romano , essendosi mantenuto per molto tempo il paganesimo nei villaggi dopo la sua estinzione nelle città.

Costantino difficilmente interviene se non per proibire i sacrifici notturni, le pratiche di stregoneria e magia , i riti di aruspizio privato, che rientra nella superstitio . Cercò sempre, anche dopo il 324 , di risparmiare i pagani. Mantenne per tutta la vita il titolo di Gran Pontefice , che lo rese capo della religione tradizionale, mostrò in genere la massima tolleranza verso ogni forma di paganesimo. In effetti, la stragrande maggioranza dei sudditi dell'imperatore è ancora pagana. Deve quindi prendersi cura di loro. Nel 356 , Costanza II vietò tutti i sacrifici, notturni e diurni, chiuse templi isolati e minacciò con la pena di morte tutti coloro che praticano la magia e la divinazione. L'imperatore Julien , acquisito con il paganesimo, promulga nel 361 un editto di Tolleranza che consente di praticare il culto di sua scelta. Esige che i cristiani che si erano impossessati dei tesori dei culti pagani li restituissero. I suoi successori sono tutti cristiani. In 379 , Gratien abbandonato la carica di Gran Pontefice . Dal 382 , per istigazione di Ambrogio , vescovo di Milano, l'altare della Vittoria, suo simbolo in Senato , fu strappato dalla Curia , mentre le Vestali e tutti i sacerdoti persero le loro immunità. Il 24 febbraio 391 , una legge di Teodosio vieta a chiunque di entrare in un tempio, di adorare le statue degli dei e di celebrare sacrifici, “sotto pena di morte”.

Nel 392 , Teodosio vietò i Giochi Olimpici legati a Zeus ed Era , ma anche a causa della nudità del corpo dei concorrenti, del culto del corpo e della nudità, venendo denigrato dal cristianesimo. A poco a poco, i templi abbandonati stanno cadendo in rovina. Altri furono distrutti, come il Serapeo di Alessandria del 391 , il tempio di Caelestis, la grande dea cartaginese erede di Tanit nel 399 . Inoltre, il cristianesimo stesso è intriso degli antichi riti pagani. Alcune feste tradizionali romani sono ancora celebrate alla fine del V °  secolo , come la festa dei Lupercalia dedicata alla fecondità e dell'amore. Per debellarla, papa Gelasio I decise per la prima volta nel 495 di celebrare la festa di San Valentino , il 14 febbraio , un giorno prima della festa dei Lupercalia per celebrare l'amore. Si tratta dunque proprio di un tentativo di cristianizzare un rito pagano. Gli africani continuano a celebrare l'anniversario dei banchetti dei morti direttamente sulle tombe. Nel VI °  secolo , Cesare di Arles denunciato nei suoi sermoni ai suoi seguaci pratiche pagane che persistono nel popolo. L'uso di amuleti, i culti degli alberi e delle sorgenti non sono scomparsi dalla Gallia meridionale. Le lamentele dei chierici sono numerose fino alla fine della tarda antichità .

Dall'Impero Romano al mondo medievale

Invasioni o migrazioni germaniche in Occidente

Nel 376 , minacciati dagli Unni , i Visigoti cercano asilo dall'Impero. Duecentomila di loro si stabilirono a sud del Danubio , in Mesia, in cambio di reclutare reclute. Ma sono sfruttati dai funzionari romani e sono pronti a ribellarsi. Schiavi, coloni e minatori si uniscono a loro nella devastazione della Tracia . Senza attendere l'arrivo del nipote Gratien , trattenuto dagli Alamani in Gallia , l'imperatore Valente ingaggia un combattimento con il suo unico esercito e viene ucciso durante la battaglia di Adrianopoli nel 378 dove la cavalleria visigota mina la legione romana. Il nuovo imperatore della parte orientale dell'Impero, Teodosio I er , pacifica rapidamente i Balcani e riesce a concludere un nuovo foedus con i Goti nel 382 . I Goti hanno il diritto di stabilirsi in Tracia. Mantengono le proprie leggi e non sono soggetti alle tasse romane. Sono quindi quasi indipendenti anche se si impegnano a servire nell'esercito romano come federati, cioè sotto il comando dei propri capi. Teodosio I prese prima questo periodo di tregua con i Goti per concludere una pace con i Sassanidi , che durò fino al 502 .

Dopo la morte di Teodosio ( 395 ), i Visigoti guidati da Alarico saccheggiano Macedonia , Tessaglia , Grecia. Arcadio negozia a caro prezzo il loro ritiro a ovest. Stilicone , generale di origine vandalica e guardiano dei due giovani imperatori, viene impedito dal sovrano d'Oriente di combatterli. Nel 402 , mentre gli Ostrogoti invasero le province danubiane, i Visigoti entrarono in Italia . In 410 , che saccheggiarono Roma . Questo episodio è sentito come un disastro dai romani. I pagani vedono in essa la conseguenza dell'abbandono degli dei tradizionali. San Girolamo vede in essa la punizione per i peccati degli uomini. Sant'Agostino afferma che non vi è alcun legame tra il cristianesimo e l'Impero. L'insediamento definitivo dei Visigoti nel sud della Gallia e in Hispania pone fine alle loro scorrerie.

Ma nel frattempo, il 31 dicembre 406 , i Vandali , gli Svevi , gli Alani e gli Alamani attraversarono il Reno presto seguiti dai Burgundi . Devastano la Gallia mentre l' isola di Bretagna viene definitivamente abbandonata dalle legioni romane. Il potente partito antibarbaro presente alla corte imperiale ottiene una purificazione dell'esercito e dell'amministrazione in Italia, privandola di efficaci e fedeli difensori. L'imperatore, insediato a Ravenna , è costretto ad accettare l'insediamento di nuovi regni barbari in Gallia. Nel 429 i Vandali invasero l' Africa che conquistarono in 10 anni. Privano l'Italia di uno dei suoi granai, la loro flotta controlla il Mediterraneo occidentale. Sono anche ariani fanatici e perseguitano i romani ortodossi. La corte imperiale è obbligata a concludere feti con gli invasori. Nel 435 i Vandali ottennero a loro volta lo status di federati nell'Africa orientale. Nel Nord-Ovest della Hispania, re Sueva Ermerico crea un vero e proprio regno in tutto il suo capitale Braga ottenendo un feto in 437 - 438 . Le province danubiane rimangono fedeli all'Impero, ma passano sotto l'autorità di Costantinopoli . L' Impero Romano d'Occidente fu ridotto all'Italia ea parte della Gallia.

Ezio , generale di Valentiniano III , continua a combattere contro i barbari. Respinge i Franchi a nord, i Visigoti a sud della Gallia e dell'Hispania. Batte i Burgundi grazie al suo esercito formato da UnniEzio fu ostaggio alla corte degli Unni durante la sua infanzia, dove divenne amico del giovane Attila  - e li trasferisce a Sapaudia dove nel 434 , Valentiniano III li autorizza a s'insediarsi come popolo federato. Nel 451 , grazie ad un esercito più barbaro che romano - comprendeva un forte contingente visigoto - riuscì a respingere Attila nella battaglia dei Campi Catalaunici . Ma fu ucciso nel 454 dallo stesso Valentiniano III, geloso del suo successo. L'imperatore è a sua volta assassinato dai partigiani di Ezio . L' Impero Romano d'Occidente conobbe poi instabilità politica con imperatori impotenti, contestati dagli usurpatori. In 455 , Roma fu saccheggiata per quindici giorni dai Vandali di Genséric . I Barbari si diffusero poi irresistibilmente in Gallia nonostante l'azione di difensori della romanità come Egidio e suo figlio Siagrio . Uno di loro, Odoacre , depone il giovanissimo imperatore Romolo Augustolo e invia le insegne imperiali a Costantinopoli nel 476 . Questo evento passa inosservato in Occidente come in Oriente, tanto l'imperatore d'Occidente aveva perso la sua importanza. Eppure, per molto tempo, gli storici occidentali l'hanno ritenuta la data della fine dell'Impero Romano, poiché Roma era vista come un'entità occidentale.

Nel 488 , Teodorico il Grande , re degli Ostrogoti , invase l'Italia, allora nelle mani di Odoacre , su richiesta dell'imperatore d'Oriente Zenone che si considerava l'unico padrone dell'Impero. Dopo la presa di Ravenna nel 493 , il potere degli Ostrogoti si estese all'Italia, alla Sicilia , alla Dalmazia e all'Italia settentrionale. Nella sua qualità di rappresentante del potere imperiale, Teodorico cerca di estendere il suo potere sugli altri regni barbari, ariani come lui. Per Teodorico i Goti sono i protettori dei Romani. L'amministrazione romana quindi rimane. La politica e la cultura romana ebbero una grande influenza sui Goti. L'imperatore romano gli conferisce addirittura il titolo di re. Il regno ostrogoto d'Italia è un ottimo esempio della collaborazione tra Costantinopoli e i re barbari.

Romanità in Oriente

Nel V °  secolo , l'Oriente ha un lungo periodo di prosperità economica. Le casse dello stato sono piene di monete d'oro. Sotto il regno di Teodosio II , la città di Costantinopoli continuò ad espandersi e ricevette un nuovo recinto, il muro di Teodosio . Viene pubblicato un codice legale, il Codice di Teodosio . Tuttavia l'Impero è destabilizzato da violenti conflitti religiosi, tra Niceni e Ariani e dal 430 tra Nestoriani e Monofisiti . Dal 440 gli Unni minacciarono l'Impero d'Oriente. Un tributo e la concessione di una dignità romana ad Attila permettono di allontanare il pericolo. Marcien , marito di Pulchérie, sorella di Teodosio II , regnò dal 450 al 457 . Leo mi st è il primo imperatore d'Oriente per ricevere la corona dalle mani del Patriarca di Costantinopoli . Suo nipote Leone II regnò solo per pochi mesi. È quindi suo genero Zenone che indossa la porpora imperiale per quindici anni dal 476 al 491 . Fu durante il suo regno che l'ultimo imperatore romano d'Occidente Romolo Augustolo fu deposto da Odoacre . È quindi l'unico imperatore del mondo romano, ma la sua autorità sull'Occidente è solo teorica. Sotto il regno di Anastasio ( 491 - 518 ), riprese la guerra contro i Persiani. Il Senato sceglie quindi un ufficiale macedone, Giustino ( 518 - 527 ) il cui nipote, Giustiniano , scala tutti i livelli della carriera amministrativa.

Giustiniano ( 527 - 565 ) è l'ultimo imperatore romano. Credendo che qualsiasi territorio che sia stato romano resti così inalienabile, dedica gran parte del suo regno a riprendersi le terre del romanismo dai Barbari e fa dell'Occidente il suo primo obiettivo. Ha conquistato l'Africa dai Vandali in pochi mesi. Approfittò dell'indebolimento dell'Italia dopo la morte di Teodorico per intervenire nella penisola nel 535 . La conquista è più difficile del previsto e non è definitiva fino alla fine di una devastante guerra tra il 552 e il 554 . Nel 554 i Bizantini conquistano parte della Spagna visigota fino a Cordoba . Inoltre, le conquiste di Giustiniano sono molto costose. Trascura la minaccia persiana che respinge temporaneamente pagando un tributo e quella degli Slavi e degli Avari che compaiono nel nord dell'Impero d'Oriente. Sacrifica così il futuro di regioni vitali per l'Impero d'Oriente o Bizantino per perseguire il sogno di un impero universale. Né riesce a conciliare i sostenitori dell'ortodossia romana ei monofisiti.

Questa riconquista esaurisce Roma e l'Italia e dura poco. Nel 568 solo le regioni di Ravenna e Roma erano ancora in mano bizantina. Il resto d'Italia divenne lombardo . Sotto il regno di Eraclio ( 610 - 641 ) l'impero d'Oriente assume un inevitabile carattere greco. Il titolo di Basileus sostituisce quello di Augusto , le province diventano temi . È anche il tempo delle prime conquiste arabe. La Siria , Gerusalemme , l' Egitto , la Mesopotamia sono definitivamente perdute dopo sei secoli di civiltà romana. Il mondo bizantino sostituisce definitivamente il mondo romano d'oriente.

Antica Roma tra arte e cultura

L'antica Roma è una fonte inesauribile di ispirazione nelle arti, come mostrano le categorie seguenti:

Appendici

Bibliografia

Fonti antiche

Un numero abbastanza elevato di testi storici dell'Antichità, scritti in latino o in greco , ci è pervenuto tramite copie. Sebbene il loro contenuto sia spesso discutibile, sono una fonte importante di informazioni sulla storia politica dell'antica Roma. Possiamo citare, tra quelli il cui argomento è il più generale:

Altri testi forniscono preziose informazioni su eventi specifici. Inoltre, la letteratura latina , di cui si sono conservati molti testi, fornisce molte informazioni sulla mentalità e la storia culturale di Roma.

Lavori generali

Monarchia e Repubblica

impero romano

Tarda antichità

società romana

Istituzioni politiche

Articolo dell'Enciclopedia Britannica

Discografia

  • Synaulia, Musica dell'antica Roma, vol. I - Strumenti a fiato - Amiata Records, ARNR 1396, Firenze, 1996.
  • Synaulia, Musica dell'antica Roma, vol. II - Strumenti ad arco - Amiata Records, ARNR 0302, Roma, 2002.

Note e riferimenti

  1. Jacques Poucet , Le origini di Roma: tradizione e storia , Pubblicazioni Fac St Louis,, 360  pag. ( leggi online ) , pagine da 85 a 88.
  2. Léon-Robert Ménager , “  I collegi sacerdotali, le tribù e la formazione primordiale di Roma.  », Mélanges de l'Ecole française de Rome . Antichità , vol.  volume 88, n °  2,, pagine da 451 a 462 ( DOI  10.3406/mefr.1976.1073 , letto online , consultato il 6 ottobre 2016 ).
  3. Gérard Capdeville , “Giochi atletici e rituali di fondazione. : Atti della tavola rotonda di Roma (3-4 maggio 1991) ” , in Gérard Capdeville et al., Sport e spettacoli scenici nel mondo etrusco-italico , vol.  172, Roma, Scuola Francese di Roma , coll.  "Pubblicazioni della Scuola Francese di Roma",( leggi online ) , pagine 155, 156, 166 e 171.
  4. Annie Dubourdieu , “Denys of Alicarnassus and Lavinium” , in Annie Dubourdieu, Dominique Briquel et al., Denys of Alicarnassus storico delle origini di Roma. , vol.  39, Pallade,( DOI  10.3406/palla.1993.1274 , leggi online ) , pagine da 71 a 82.
  5. Bernadette Liou-Gille , “  Nascita della Lega Latina: mito e culto fondatore.  », Rivista belga di filologia e storia , Antichità - Oudheid, vol.  volume 74, n o  libretto 1,, pagina 77 ( DOI  10.3406/rbph.1996.4096 , letto online , consultato il 6 ottobre 2016 ).
  6. Abbott 1901 , p.  1-2.
  7. Abbott 1901 , p.  5.
  8. Virgilio , Eneide [ dettaglio delle edizioni ] [ leggi online ] , II-VII.
  9. Livio , Storia romana , I , 1-3 .
  10. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , I , 45-71 / (in) .
  11. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , I , 72-79/ (in) .
  12. Livio , Storia romana , I , 3-4 .
  13. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , I , 80-90/ (in) .
  14. Livio , Storia romana , I , 5-7 .
  15. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  18.
  16. Abbott 1901 , p.  3-6.
  17. Heurgon 1993 , p.  212-213
  18. Abbott 1901 , p.  3-5.
  19. Abbott 1901 , p.  6.
  20. Abbott 1901 , p.  9-10.
  21. Abbott 1901 , p.  7.
  22. Abbott 1901 , p.  7-8.
  23. Abbott 1901 , p.  8.
  24. Abbott 1901 , p.  4-9.
  25. Abbott 1901 , p.  21.
  26. G. Dumézil , Mythe et Épopée, I. II. & III. , Gallimard , Parigi , 1995 .
  27. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  14-16.
  28. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  11-12.
  29. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  40-41.
  30. Encyclopædia Britannica 2008, “Antica Roma”.
  31. Livio , Storia romana , I , 56-59 e II , 1-15 .
  32. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , IV , 64-85/ (it) , V , 1-18/ (it) & V , 21-36/ (it) .
  33. Livio , Storia romana , II , 33 .
  34. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , VI , 95/ (in) .
  35. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , VIII , 64-68 / (in) .
  36. Livio , Storia romana , II - VI .
  37. J. Carcopino , Virgile et les origines d'Ostie , 2 ° ed., Paris , 1968 , pp.416-420.
  38. A. Giovannini , Il sale e la fortuna di Roma , in Ateneo 1985 , pp. 373-286.
  39. Livio , Storia romana , II , 48 .
  40. Livio , Storia romana , IV , 22 .
  41. Tito Livio , Storia romana , IV , 34 .
  42. Livio , Storia romana , IV , 60-61 .
  43. Livio , Storia romana , V , 20-21 .
  44. Livio , Storia romana , V , 2 .
  45. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  47-49.
  46. Livio , Storia romana , V , 38-41 .
  47. Livio , Storia romana , V , 42 .
  48. Livio , Storia romana , V , 47 .
  49. Dominique Briquel, La presa di Roma da parte dei Galli , Parigi, PUPS, 2008.
  50. (it) Marta Sordi, Guerra E Diritto Nel Mondo Greco E Romano , Vita e Pensiero,, pag.  381.
  51. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  64-65.
  52. Livio , Storia romana , II , 23-33 .
  53. Livio , Storia romana , II , 55-58 .
  54. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , IX , 37-49 / (in) .
  55. Abbott 1901 , p.  29.
  56. Livio , Storia romana , III , 9-31 .
  57. Livio , Storia romana , III , 32-55 .
  58. Dionigi di Alicarnasso , Antichità romane , X , 56-60/ (in) .
  59. Diodoro di Sicilia , Biblioteca storica , XII , 9-10 .
  60. Olga Tellegen-Couperus , Breve storia del diritto romano , pp. 19-20.
  61. Livio , Storia romana , III , 55 .
  62. Livio , Storia romana , IV , 1-7 .
  63. Livio , Storia romana , VI , 35-42 .
  64. Abbott 1901 , p.  43-48.
  65. Abbott 1901 , p.  51-53.
  66. Livio , Storia romana , I , 43 .
  67. Plutarco , Vite parallele , Camille .
  68. Livio , Storia romana , VI , 1-20 .
  69. Livio , Storia romana , VII , 1-28 .
  70. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  68.
  71. Hinard 2000 , p.  260 mq
  72. Hinard 2000 , p.  266-267.
  73. Livio , Storia romana , VII , 30-42 .
  74. Livio , Storia romana , VIII , 1-14 .
  75. Livio , Storia romana , VIII , 15-26 .
  76. Livio , Storia romana , VIII , 27-40 .
  77. Livio , Storia romana , IX , 1-28 .
  78. Livio , Storia romana , X , 1-13 .
  79. Livio , Storia romana , X , 14-47 .
  80. Florus , Abbreviazione di storia romana , I , 18 .
  81. Floro , Riassunto della storia romana , I , 19-21 .
  82. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  94-98.
  83. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  99.
  84. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  99-100.
  85. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  101-103.
  86. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  99-103.
  87. Polibio , Histoires [ dettaglio delle edizioni ] [ leggi online ] , VI.
  88. R. Byrd , Il Senato della Repubblica Romana , 1995 , p.44.
  89. Cicerone , De la République , II [ leggi online ] .
  90. Abbott 1901 , p.  196, 257-259.
  91. LR Taylor , Assemblee di voto romane: dalla guerra annibalica alla dittatura di Cesare , 1966 , pp. 3-7 e 63.
  92. Abbott 1901 , p.  151, 196.
  93. A. Lintott , La Costituzione della Repubblica Romana , 1999 , pp. 95-113.
  94. R. Byrd , op. cit. , pag. 20.
  95. Floro , Riassunto di storia romana , II , 2 .
  96. Florus , Riassunto della storia romana , II , 3-5 .
  97. Livio , Storia romana XXI , 1-18.
  98. Tito Livio , Storia romana XXI al libro XXIII .
  99. Livio , Storia Romana XXII al Libro XXX .
  100. Floro , Riassunto di storia romana , II , 15 .
  101. Livio , Storia romana XXIII al libro XXIX .
  102. Livio , Storia romana XXXI al libro XXXIII .
  103. Livio , Storia romana XXXV al libro XXXVIII .
  104. Livio , Storia romana XLII al libro XLV .
  105. Abbott 1901 , p.  65-80.
  106. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  137.
  107. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  141-145.
  108. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  146-148.
  109. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  152-153.
  110. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  153-158.
  111. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  159-160.
  112. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  162-168.
  113. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  170-180.
  114. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  180-181.
  115. Cébeillac-Gervasoni 2006 , p.  182.
  116. Bertrand Lafont , Aline Tenu , Philippe Clancier e Francis Joannès , Mesopotamia: From Gilgamesh to Artaban (3300-120 aC) , Paris, Belin , coll.  "Mondi antichi",, 1040  pag. ( ISBN  978-2-7011-6490-8 ) , cap.  2, pag.  54.
  117. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Augusto .
  118. J.-P. Néraudau , Auguste , Les Belles Lettres , 2007 .
  119. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Tiberio .
  120. P. Renucci , Tiberio, l'imperatore suo malgrado , ed. Mare e Martin , 2005 .
  121. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Caligola .
  122. P. Renucci , Caligola, l'impudente , in-folio , 2007 .
  123. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Claudio .
  124. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Nerone .
  125. E. Cizek , Neron , Fayard , 1982 .
  126. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Galba , Ottone e Vitellio .
  127. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Vespasiano .
  128. L. Homo , Vespasiano l'imperatore del buon senso , Albin Michel , Parigi , 1949 .
  129. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Tito .
  130. Svetonio , Vita dei dodici Cesari , Domiziano .
  131. P. Petit , Storia generale dell'Impero Romano, T. 1: Le Haut-Empire , Seuil , 1974 , pp. 150 e seguenti.
  132. P. Petit , op. cit. , pagg. 170 e seguenti.
  133. B. Rémy , Antonin le Pieux. L'età d'oro di Roma (138-161) , Fayard , 2005 .
  134. Marc Aurèle , Pensieri a me stesso , ed. Mille e una notte , 2005 .
  135. P. Grimal , Marc Aurèle , Fayard , Paris .
  136. M. Le Glay , Roma: T 2, Ascesa e caduta dell'Impero , Perrin , 2005 , pp. 336-337.
  137. P. Veyne , "What was a Roman Emperor", Diogene , n o  199, 2002/3 [ leggi online ] .
  138. P. Petit , Storia generale dell'Impero Romano, T. 1: Le Haut-Empire , Seuil , 1974 , p.181.
  139. V. Vassal , "Il nuovo Adriano", L'Histoire n o  335, Ottobre 2008, p.28.
  140. C. Badel , La nobiltà dell'impero romano. Maschere e virtù , Champ Vallon , Seyssel , 2005 .
  141. P. Petit e Y. Le Bohec , “Haut Empire”, Encyclopædia universalis , DVD 2007.
  142. JL Panetier, in collaborazione con H. Limane, Volubilis, città dell'antico Marocco , ed. Maisonneuve e Larose / Malika, Parigi , 2002 .
  143. base al numero e alle dimensioni degli acquedotti, censimenti.
  144. (in) William Duiker, Storia del mondo , Wadsworth,( ISBN  0-534-57168-9 ) , pag.  149
  145. Christol e Nony 1974 , p.  191.
  146. Christol e Nony 1974 , p.  192-193.
  147. Eutrope , Riassunto della storia romana , Libro IX , 1 .
  148. Jean-Pierre Brun, “Crescita a Roma”, programma La Marche de l'Histoire su France Inter , 31 maggio 2012.
  149. Christol e Nony 1974 , p.  192.
  150. Christol e Nony 1974 , p.  196.
  151. Christol e Nony 1974 , p.  197.
  152. Christol e Nony 1974 , p.  206.
  153. P. Petit e Y. Le Bohec , "Late Antiquity", Encyclopædia universalis , DVD 2007.
  154. Christol e Nony 1974 , p.  212.
  155. La conversione di Costantino e la cristianizzazione dell'Impero Romano .
  156. G. Dagron , imperatore e sacerdote, studio sul cesaropapismo bizantino , Gallimard , 1996 .
  157. C. Diehl , Storia dell'impero bizantino , Picard, 1920 ( [ leggi online ] ]).
  158. cristianesimo e lo stoicismo , X-Passion, 2001 [1] .
  159. Eusebio di Cesarea , La teologia politica dell'impero cristiano , Cerf, 2001.
  160. Sandeel 1997 , p.  40.
  161. Christol e Nony 1974 , p.  214.
  162. Sandeel 1997 , p.  41.
  163. Ducellier, Kaplan e Martin 1978 , p.  23.
  164. Balard, Genet e Rouche 1973 , p.  16.
  165. Sandeel 1997 , p.  32.
  166. Christol e Nony 1974 , p.  213.
  167. Sandeel 1997 , p.  33.
  168. Ducellier, Kaplan e Martin 1978 , p.  22.
  169. Le Bohec, Le Glay e Voisin 2011 , p.  505.
  170. Christol e Nony 1974 , p.  221.
  171. P. Brown , Potere e persuasione nella tarda antichità: verso un impero cristiano , Le Seuil , 1998 , p. 37.
  172. Christol e Nony 1974 , p.  234.
  173. Balard, Genet e Rouche 1973 , p.  28.
  174. Le Bohec, Le Glay e Voisin 2011 , p.  501-502.
  175. Sandeel 1997 , p.  104.
  176. Sandeel 1997 , p.  89.
  177. Christol e Nony 1974 , p.  233.
  178. Tra gli altri da A. Cameron e RL Fox negli Stati Uniti, e P. Chuvin e C. Lepelley in Francia.
  179. Ambrogio , Lettere , 10, 9-10.
  180. Codice Teodosiano , 16,1,2 e 16,5,4.
  181. Codice di Teodosio , 16,5,5.
  182. Codice di Teodosio , 16,1,4.
  183. P. Garnsey e C. Humfress , L'evoluzione del mondo tardoantico , Capitolo 4, La scoperta, 2005.
  184. La conversione di Costantino e la cristianizzazione dell'Impero Romano di Yves Modéran in [2] .
  185. Le Monde de la Bible, intervista ad Anne Boud'hors in [3] .
  186. A. Chastagnol , Le Bas-Empire , Armand Colin , 1999 .
  187. P. Chuvin , Cronaca degli ultimi pagani , Les Belles Lettres , 1994 .
  188. Hydace , Cronaca , an. 382.
  189. É. Demougeot , Dall'unità alla divisione dell'Impero Romano, 395-410. Saggi sul governo imperiale , Parigi, 1951, p. 22-24.
  190. Christol e Nony 1974 , p.  248.
  191. San Girolamo , Lettere , 60, 17.
  192. Sant'Agostino , Sermoni , 81, B.
  193. Christol e Nony 1974 , p.  251.
  194. Memo, il sito della storia, Hachette Multimedia in [4] .
  195. Ducellier, Kaplan e Martin 1978 , p.  19.
  196. Balard, Genet e Rouche 1973 , p.  17.
  197. Ducellier, Kaplan e Martin 1978 , p.  18.
  198. Da Aleph a @ [5] .
  199. Sandeel 1997 , p.  39.
  200. Ducellier, Kaplan e Martin 1978 , p.  20.
  201. Amiata Records .

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Antica Roma ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Antica Roma e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Antica Roma su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Corrado Gatto

Grande scoperta questo articolo su Antica Roma e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Antica Roma e tutta la pagina

Rita Corti

Buon articolo su Antica Roma

Simonetta Marinelli

Grazie per questa voce su Antica Roma, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Antica Roma, è proprio quello che mi serviva

Donato Olivieri

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Antica Roma è quello che stavo cercando