Accademia di Francia



Le informazioni che siamo stati in grado di raccogliere su Accademia di Francia sono state attentamente riviste e strutturate per renderle il più utili possibile. Probabilmente sei venuto qui per saperne di più su Accademia di Francia. Su Internet, è facile perdersi nell'accozzaglia di siti che parlano di Accademia di Francia e tuttavia non forniscono ciò che si vuole sapere su Accademia di Francia. Speriamo che ci farai sapere nei commenti se ti piace quello che hai letto su Accademia di Francia qui sotto. Se le informazioni su Accademia di Francia che forniamo non è quello che stavi cercando, ti preghiamo di farcelo sapere in modo che possiamo migliorare questo sito web quotidianamente.

.

Accademia di Francia
Immagine in Infobox.
L' Institut de France , dove ha sede l'Accademia di Francia.
"Per l'immortalità"
Storia
Fondazione
1634 per i primi incontri, 1635 per le lettere patent
Portafoto
Tipo
Campo di attività
Obiettivo
“Vigilare sulla lingua francese e compiere atti di mecenatismo. "
posto a sedere
Nazione
Lingua
Organizzazione
Membri
40 membri eletti dai loro pari
Fondatore
Segretario perpetuo
protettivo
Ramo
Affiliazione
Sito web
Identificatori
SIRENA

L' Accademia di Francia , fondata nel 1634 e formalizzata nel 1635 dal cardinale Richelieu , è un'istituzione francese la cui funzione è quella di uniformare e perfezionare la lingua francese . Esso è composto da quaranta membri eletti dai loro pari, ed è la prima delle cinque accademie del dell'Institut de France .

La missione che gli era stata originariamente assegnata, e che sarà precisata con lettere patenti di Luigi XIII il, è lavorare «per dare certe regole al nostro linguaggio e renderlo puro, eloquente e capace di trattare con le arti e le scienze» . Con questo spirito compose un Dizionario dell'Accademia di Francia , la cui prima edizione è stata pubblicata nel 1694 ed è in preparazione la nona. Assegna anche premi letterari , il più famoso dei quali è il Gran Premio di Letteratura dell'Accademia di Francia .

L'Accademia di Francia riunisce personalità che hanno illustrato la lingua francese: poeti , romanzieri , drammaturghi , critici letterari , filosofi , storici , scienziati e, per tradizione, soldati di alto rango , statisti e dignitari religiosi.

Non vi è alcun requisito di qualificazione o nazionalità per entrare in Azienda, se non quello di aver illustrato la lingua francese.

Storia

In origine, gli incontri di un gruppo di studiosi

Le origini dell'Accademia sono negli incontri informali di un gruppo letterario, il "  circolo Conrart  " che riunì dal 1629 al numero 135 di rue Saint-Martin , casa Valentin Conrart , calvinista protestante , ancora consigliere Luigi XIII e assiduo a l' Hôtel de Rambouillet dove questi uomini di lettere già si incontravano. Questi incontri letterari segreti (come prima dell'Accademia di musica e poesia fondata nel 1570 da Jean-Antoine de Baïf e Joachim Thibault de Courville durante il regno di Carlo IX e che, pur rimanendo segreti, nel 1574 divenne l' Académie du palace sotto Enrico III ) ispirò a Richelieu , le cui idee assunsero carattere di grandezza, il progetto di creare l'Accademia di Francia trasformando questi incontri in una compagnia letteraria di autorità regia, prendendo a modello l' Accademia della Crusca fondata a Firenze nel 1582 e avendo già pubblicato il suo Vocabolario nel 1612 . I verbali delle riunioni sono conservati da Conrart da.

Costituzione come Accademia ispirata a Richelieu

Il cardinale Richelieu , primo "capo e protettore" dell'Accademia. Ritratto di Philippe de Champaigne .

Gli statuti furono redatti per tutto l'anno 1634, statuti di carattere prescrittivo approvati dal cardinale nel 1635. Conrart redasse le lettere patenti firmate da Luigi XIII il(data tradizionalmente attribuita alla nascita ufficiale dell'Accademia di Francia) e registrata dal Parlamento di Parigi nel 1637 . Lo statuto e il regolamento sono firmati. Tredici nuovi membri, chiamati fino al 1636 con il nome di "Académistes" ("accademici" da), sono ammessi a sedere con il gruppo iniziale di 9 membri. Valentin Conrart ne diventa il primo segretario perpetuo dal 1634 al 1675 , Richelieu è nominato "padre e protettore" di questi studiosi che inizialmente sono alquanto riluttanti (dal protettorato di Luigi XIV , ogni capo di stato francese rimane il protettore dell'Accademia, approvando o non l'elezione di un membro). Uno dei primi lavori di questa Accademia è arbitrare la lite tra Georges de Scudéry e Pierre Corneille riguardo a Le Cid . Nel 1637, su insistenza di Richelieu, Jean Chapelain scrisse Les sentiments de l'Académie Française sulla tragicommedia di Le Cid .

Il libro Histoire de l'Académie françoise (primo volume pubblicato nel 1653 ) scritto da uno dei suoi membri, Paul Pellisson (il secondo dell'Abbé d'Olivet relativo alla sua storia fu pubblicato nel 1729 ), scritto dai registri dell'Accademia di Francia e sotto l'influenza degli accademici (soprattutto perché Pellisson desidera integrare l'azienda), è l'unica fonte sulla fondazione dell'Accademia. Pellisson ritiene che non abbia uno scopo accademico - come l' Accademia di Baïf fondata nel 1570 e l' Accademia di Mersenne  - o uno scopo politico - come l' Accademia dei fratelli Dupuy  -, ma il suo resoconto omette che il circolo Conrart riunisce scrittori, grandi aristocratici e mira inoltre a scambiare informazioni per offrire al gruppo una posizione privilegiata nello spazio socio-politico del tempo. Inoltre, poiché l'Accademia si pronuncia sulle opere letterarie (vedi il suo intervento nella “querelle du Cid” ), Richelieu la vede come un mezzo di controllo sulla vita intellettuale e letteraria francese. Nel suo desiderio di unire, Richelieu voleva che la lingua francese fosse oggetto di rappresentanti di vari campi del sapere (ecclesiastici, soldati - il primo fu il duca Armand de Coislin nel 1652  -, diplomatici, poi scrittori e filosofi - il primo fu Montesquieu in 1727  - sotto Luigi XV che minaccia di sopprimere l'Accademia che prende la sua indipendenza grazie all'Illuminismo ) e decide che l'Accademia si apra a quaranta membri uguali e indipendenti, in modo che non sia sovvenzionata.

Stabilito il carattere ufficiale di questa compagnia di "buoni spiriti" , si incontrò prima con l'uno o l'altro dei suoi membri, poi con il cancelliere Pierre Séguier dal 1639, e fu ospitata alla morte di Richelieu nel 1642 da Anna d'Austria grazie all'intervento dell'accademico Vincent Car , interprete della regina madre, su consiglio di Colbert viene trasferita al Louvre dal 1672 .

Nel 1694 apparve la prima edizione del Dizionario dell'Accademia di Francia .

Parentesi rivoluzionaria e installazione su Quai de Conti

Nel 1793, con decreto del , la Convenzione ha abolito tutte le Accademie Reali ( “regno dei letterati, titolato, mitrés” secondo la formula di Chamfort ), compresa l'Accademia di Francia, e conferma il divieto di eleggere nuovi membri in sostituzione dei defunti. Durante il Terrore , l' abate Morellet salvò gli archivi dell'Accademia nascondendoli nella sua casa. Nel 1795, con decreto del, queste Accademie sono sostituite da un'unica entità: l' Institut de France , la cui organizzazione è disciplinata dalla legge Daunou .

Nel 1803, con decreto del 3 Pluviôse Anno XI (), il Primo Console Bonaparte decide di restaurare le vecchie accademie, ma semplicemente come classi (divisioni) dell'Institut de France. La seconda “Lezione di lingua e letteratura francese” corrisponde di fatto alla vecchia Accademia di Francia. Bonaparte aveva opposto nel 1800 un rifiuto al fratello Lucien , allora ministro dell'Interno e sognatore di diventare accademico, il quale gli aveva proposto di restaurare l'Accademia.

Nel 1805, l'Accademia si trasferì finalmente al Collège des Quatre-Nations - che divenne l' Institut de France nel 1795  - dove tuttora rimane.

Attraverso i conflitti di XX °  secolo

Il patriottismo derivante dalla prima guerra mondiale favorisce l'elezione di diversi marescialli, il primo dei quali è il maresciallo Lyautey nel 1912.

Sotto l' occupazione , alcuni membri dell'Accademia collaborano ( Charles Maurras , Abel Bonnard , Abel Hermant e il maresciallo Pétain ). Eletto segretario provvisoriamente perpetuo nel 1942, Georges Duhamel sospese le elezioni, come nel 1790, evitando così la subordinazione dell'Accademia al regime di Vichy . La leggenda narra che François Mauriac fosse l'anima della Resistenza accademica. Alla Liberazione , il mondo intellettuale è nelle mani del Comitato Nazionale degli Scrittori che è attivo nella Purificazione e vuole sopprimere l'Accademia. Georges Duhamel difende con successo la causa dell'istituzione con il Generale de Gaulle , la legge dell'indegnità nazionale che prevede che ogni persona colpita da indegnità nazionale e appartenente a un organismo costituito sia automaticamente esclusa, escludendo di fatto i collaboratori dell'Accademia.

Storia recente

L'Accademia riacquista la sua piena indipendenza (politica e finanziaria) nei confronti dell'Institut de France con la legge sui programmi di ricerca del 2006 .

missioni

Definire gli standard della lingua francese

La creazione dell'Accademia di Francia nella continuità dell'istituzione del francese come lingua ufficiale della nazione, riflessa in particolare dall'ordinanza di Villers-Cotterets emanata da Francesco I er nel 1539, inclusi gli articoli 110 e 111 sulla lingua francese sono ancora in vigore. Il suo ruolo è quello di contribuire all'armonizzazione della lingua francese, in modo che sia comprensibile da tutti i francesi e anche da tutti gli europei che poi la adottano come lingua comune. L'Accademia garantisce quindi l'accuratezza della lingua francese, con l'obiettivo di evitare che la confusione nelle parole porti a confusione nelle idee.

L' articolo 24 dei suoi Statuti afferma che "la funzione primaria dell'Accademia opererà con tutta la cura e il dovuto adempimento a certe regole della nostra lingua e la renderà pura, eloquente e capace di elaborare le arti e le scienze  " .

La realizzazione di questa missione di standardizzazione della lingua francese si riflette in tre azioni principali:

  • l'edizione di un dizionario lessicografico , che raccoglie e fissa l'uso della lingua (nomenclatura, ortografia, significato e pronuncia delle parole): il Dizionario dell'Accademia di Francia  ;
  • emanare raccomandazioni e pareri sulle regole della lingua: pubblicazioni ufficiali e pubblicazioni di accademici sul quaderno internet dell'Accademia e sulla stampa;
  • partecipazione alle varie commissioni terminologiche , finalizzate alla creazione di nuove parole in tutti i campi, in particolare quelli in cui vi sono molte invenzioni e sviluppi della scienza. L'Accademia dà il proprio assenso alla pubblicazione dei termini in Gazzetta Ufficiale , che vengono poi pubblicati anche sul sito FranceTerme , e il loro utilizzo diventa obbligatorio all'interno delle amministrazioni e dei servizi pubblici in sostituzione dei termini esteri.

L' articolo 26 della Costituzione prevede che i composti "un dizionario, una grammatica, una retorica e poetica sulle osservazioni dell'Accademia". Il Dizionario è stato e continua ad essere pubblicato, Retorica e Poetica non sono mai stati pubblicati e Grammatica è stata pubblicata una sola volta nel 1930. Rapidamente criticata e rinnegata, la sua edizione non fu rinnovata.

L'Académie française esercita la sua missione di standardizzare la lingua raccogliendo usi e costumi e codificandoli in leggi senza darsi il diritto di modificarne le disposizioni, e partecipando alla creazione di nuove parole nelle commissioni terminologiche . , ma si è sempre difesa essere il creatore della lingua. Tuttavia, essendo la lingua viva e quindi in continua evoluzione, l'Accademia è anche prontamente considerata come un'autorità naturale per determinare l'uso corretto della lingua . Questa autorità è in concorrenza con i ministeri francesi come quello dell'Educazione nazionale, che ha l'autorità di definire gli usi accettati per gli esami, dalle autorità di altri paesi francofoni come il Canada e il suo ufficio di lingua francese del Quebec, molto vigile . per l'uso degli anglicismi , anche da una concezione liberale che attribuisce pari autorità linguistica a tutti gli editori privati .

Dizionario dell'Accademia in linea

Nel 2019 l'Accademia mette per la prima volta a disposizione del pubblico il suo Dizionario su un sito web dedicato, ad accesso gratuito. La sua ambizione primaria è quella di rendere accessibile la sua ultima edizione, la nona, attualmente in fase di completamento. Questo sito permette anche di sfogliare le nove edizioni del dizionario.

Illustrare la lingua francese

La seconda missione dell'Accademia è illustrare la lingua francese. Si realizza in particolare attraverso il mecenatismo , non previsto negli statuti originari, che procede dall'esecuzione di donazioni e lasciti ad esso fatti sin dall'Ancien Régime .

Opere di accademici

Ciascuno nella propria specialità, i membri dell'Accademia hanno contribuito attraverso le loro opere all'illustrazione e al prestigio del linguaggio definito dalla Compagnia, come Corneille , Racine , La Fontaine o Bossuet .

Assegnazione di premi letterari

Fu nel 1671 che per la prima volta furono assegnati premi dall'Accademia: un premio per l'eloquenza e un premio per la poesia.

Attualmente l'Académie française assegna ogni anno una sessantina di premi letterari , le cui dotazioni sono finanziate da donatori spesso in esecuzione di lasciti , tra cui:

Assegnazione di donazioni e sovvenzioni

I premi dell'Accademia assegna a società letterarie o accademiche, enti di beneficenza, aiuti a famiglie numerose, vedove, diseredati o che si sono distinti per aver compiuto atti di devozione oltre a una serie di borse di studio  : Zellidja , Neveux, Corblin, Damade.

Stato e organizzazione

L'Académie française è una persona giuridica di diritto pubblico a statuto speciale amministrata dai suoi membri in assemblea, vale a dire un ente pubblico centrale dello Stato francese .

Elegge il suo segretario perpetuo che, come suggerisce il nome, rimane tale fino alla sua morte o dimissioni. Questa permanenza lo rende la figura più importante dell'istituto.

Elegge inoltre, ogni tre mesi, un presidente incaricato di presiedere le riunioni.

I 40 "immortali"

Lo storico Louis Duchesne riceve Hubert Lyautey sotto la cupola nel 1920.

L'Académie française è composta da 40 membri eletti dai loro pari. Dalla sua fondazione, ha ricevuto più di 700 membri (733 membri nel 2019). Riunisce poeti , romanzieri , drammaturghi , filosofi , storici , medici , scienziati , etnologi , critici d'arte , soldati , statisti e uomini di Chiesa.

L'elezione all'Accademia di Francia è spesso considerata dall'opinione pubblica come una suprema consacrazione.

Origine delle 40 poltrone

L'origine delle poltrone dell'Accademia di Francia è raccontata dall'accademico Charles Pinot Duclos  :

“Un tempo c'era solo una poltrona all'Accademia, che era il posto del regista. Tutti gli altri accademici, di qualunque grado fossero, avevano solo cattedre. Il Cardinale d'Estrées , divenuto molto infermo, cercava un alleviamento della sua condizione assistendo alle nostre assemblee, spesso vediamo coloro che l'età e la disgrazia o le grandezze di disgusto costretti a rinunciarvi, venire tra noi per essere consolati o disillusi. Il cardinale chiese che gli fosse permesso di avere un posto più comodo di una sedia. Fu riferito al re Luigi XIV, il quale, prevedendo le conseguenze di tale distinzione, ordinò all'intendente del deposito di mobili di far portare all'Accademia quaranta poltrone, confermando così, e per sempre, l'uguaglianza accademica. La compagnia non poteva pretendere di meno da un re che voleva dichiararsi protettore. "

Nel 1639 gli accademici passarono da 39 a 40 seggi.

"Immortalità"

Soprannominati "gli immortali" , gli accademici devono questo soprannome al loro motto "All'immortalità". Questo appare sul sigillo dato all'Accademia dal suo fondatore, il cardinale Richelieu , e originariamente si rivolge alla lingua francese e non agli accademici. Ben presto, questa nozione si diffuse agli accademici per la loro gloria postuma, poiché l'immortalità letteraria veniva conferita dal re in cambio dell'unificazione linguistica del regno e del suo potere dalla Chiesa. Dal XVIII °  secolo , accademici e tutti gli scrittori di sviluppare un'etica che non è destinata ad essere al servizio del potere, ma mantenere questo come "immortali".

La qualità di accademico è una dignità inamovibile. Chiunque dichiari di dimettersi non viene sostituito prima della sua morte: Pierre Benoit , Pierre Emmanuel e Julien Green ne sono esempi. Le esclusioni possono essere pronunciate dall'Accademia per gravi motivi, in particolare per motivi d'onore. Queste esclusioni nel corso della storia sono state estremamente rare. Diversi furono attuati dopo la seconda guerra mondiale per atti di collaborazione , contro Philippe Pétain , Charles Maurras , Abel Bonnard e Abel Hermant . Le cattedre di Pétain e Maurras non furono occupate prima della loro morte, a differenza di quelle di Bonnard e Hermant, in misura eccezionale.

Elezione e accoglienza

Quando una poltrona è lasciata vacante per la morte del suo titolare, l'Accademia dichiara vacante la vacanza al termine di un periodo di decenza di alcuni mesi, e si procede all'elezione entro i tre mesi successivi. Le candidature sono presentate dai candidati con lettera indirizzata al segretario perpetuo, oppure sono presentate da uno o più accademici. Il limite di età è di 75 anni alla data della domanda.

L'elezione avviene a scrutinio segreto e richiede la maggioranza assoluta dei voti espressi. Viene fissato un quorum di 20 votanti. I voti in bianco non vengono presi in considerazione per stabilire la maggioranza assoluta, a differenza delle schede bianche contrassegnate da una crocetta.

L'elezione diventa definitiva solo dopo l'approvazione del protettore dell'Accademia, il re poi il Presidente della Repubblica, che la manifesta dando udienza ai neoeletti. Così l'elezione di Paul Morand fu rinviata al 1968, perché il generale de Gaulle vi si era finora opposto a causa dei posti da lui occupati sotto il regime di Vichy .

Il nuovo eletto viene quindi installato in una cerimonia a porte chiuse. Una settimana dopo, fu ufficialmente accolto nella Compagnia con un cappotto verde , che si era fatto da solo. Durante questa cerimonia pubblica, fa un discorso di ringraziamento in cui loda il suo predecessore, al quale risponde il direttore del quartiere in cui è stata notificata la vacanza. Questa tradizione risale ad Olivier Patru , ricevuto nel 1640:

“Alla sua accoglienza”, riferisce Pellisson, “Patru ha ringraziato molto, con il quale siamo rimasti così soddisfatti che abbiamo obbligato tutti coloro che sono stati ricevuti da allora a fare lo stesso. "

- René de La Croix de Castries, La Vecchia Signora del Quai Conti

Uniforme

L'abbigliamento degli accademici, con cappello bicorne , mantello e spada, che indossano durante le solenni sessioni sotto la Cupola , è stato disegnato sotto il Consolato . Grande appassionato di uniformi, Bonaparte inizialmente pensò a un cappotto giallo, ma fu un'uniforme nera con ricami verdi a forma di rami d'ulivo che fu infine scelta da una commissione di tre membri: Houdon, Vincent e Chalgrin, su disegno attribuito al pittore Jean-Baptiste Isabey .

Questa uniforme è comune a tutti i membri dell'Institut de France .

Le donne e gli ecclesiastici sono esentati dall'indossare l'uniforme e la spada. M my  Romilly, Carrere d'Encausse, Delay, Veil, Sallenave e Bona hanno comunque optato per il "cappotto verde" quando sono stati ricevuti. M me  Carrère d'Encausse fu la prima donna a indossare la spada, arma creata per l'occasione dall'orafo georgiano Goudji , e le donne poi elette, M my  Delay, Djebar, Veil, Sallenave Bona e operarono la stessa scelta, a differenza di Jacqueline de Romilly, che aveva ricevuto una spilla simbolica dopo la sua elezione all'Académie des inscriptions et belles-lettres nel 1975 e che rimane l'unica donna ad aver fatto parte di due accademie dell'Istituto.

Alcune statistiche

La prima donna eletta all'Accademia di Francia è Marguerite Yourcenar , nel 1980. Fu seguita da Jacqueline de Romilly nel 1988 e da Hélène Carrère d'Encausse nel 1990, che è l'attuale segretaria perenne dell'istituzione, poi da d' altri. Nel 2019, l'Accademia ha cinque donne.

Il primo uomo di colore eletto è Léopold Sédar Senghor , nel 1983. A lui è seguito Dany Laferrière nel 2015.

La nazionalità francese non è formalmente un obbligo di elezione all'Accademia, nulla è previsto al riguardo nel regolamento dell'istituzione. Diversi accademici provengono quindi da paesi diversi dalla Francia. Mentre la maggior parte di loro è stata naturalizzata prima della loro elezione, come Joseph Kessel o Eugène Ionesco  , alcuni sono stati eletti con un'altra nazionalità, come Julien Green . Poco prima della sua elezione nel 1980, Marguerite Yourcenar, divenuta cittadina degli Stati Uniti nel 1947, aveva ripreso la nazionalità francese. Anche gli accademici francesi sono nati in un paese straniero, senza però avere la nazionalità di questo paese - come Valéry Giscard d'Estaing , nato nel 1926 in Germania .

L'età media di ingresso all'Accademia, secondo i calcoli del demografo Jacques Véron, era di 44 anni tra il 1635 e il 1757, 50 anni per le promozioni dal 1758 al 1878 e 60 anni per le promozioni dal 1880 al 1983. La media di ingresso età dei 19 accademici eletti tra il 2005 e ha 68 anni.

Membri correnti

Poltrona Membro Nazionalità Data delle elezioni reception
Datato Discorso Rispondere
1 Dagens, Claude Claude dagens Bandiera della Francia Francia [*] Ritardo, Firenze Ritardo Firenze  : [*]
2 Laferrière, Dany Dany Laferriere Bandiera del Canada Canada Haiti
Bandiera di haiti
[*] Maalouf, Amin Amin Maalouf  : [*]
3 Bredin, Jean-Denis Jean-Denis Bredin Bandiera della Francia Francia

[*]

Moinot, Pierre Pierre Moinot  : [*]
4 Marion, Jean-Luc Jean-Luc Marion Bandiera della Francia Francia [*] Dagens, Claude Claude Dagens  : [*]
5 Makine, Andrei Andrei Makine Bandiera della Francia Francia [*] Dominique Fernandez  : [*]
6 Vacante
7 Hoffmann, Jules Jules Hoffmann Bandiera della Francia Francia

[*]

Pouliquen, Yves Yves Pouliquen  : [*]
8 Rondeau, Daniel Daniel Rondeau Bandiera della Francia Francia
9 Patrick Grainville Bandiera della Francia Francia [*] Domenico Bona  : [*]
10 Ritardo, Firenze Firenze in ritardo Bandiera della Francia Francia

[*]

Bianchiotti, Ettore Ettore Bianchiotti  : [*]
11 Broglie, Gabriele di Gabriel de Broglie Bandiera della Francia Francia

[*]

Druon, Mauritius Maurizio Druon  : [*]
12 Thomas, Chantal Chantal Thomas Bandiera della Francia Francia
13 Serra, Maurizio Maurizio Serra Bandiera d'Italia Italia
14 Carrère d'Encausse, Hélène Hélène Carrère d'Encausse Bandiera della Francia Francia

[*]

Deon, Michael Michel Deon  : [*]
15 Vitoux, Frédéric Frédéric vitoux Bandiera della Francia Francia

[*]

Deon, Michael Michel Deon  : [*]
16 Vacante
17 Orsenna, Erik Erik Orsenna Bandiera della Francia Francia

[*]

Poirot-Delpech, Bertrand Bertrand Poirot-Delpech  : [*]
18 Vacante
19 Vacante


20 Rinaldi, Angelo Angelo Rinaldi Bandiera della Francia Francia

[*]

Deniau, Jean-Francois Jean-François Deniau  : [*]
21 Finkielkraut, Alain Alain finkielkraut Bandiera della Francia Francia [*] Nora, Pierre Pierre Nora  : [*]
22 Obaldia, René de René de Obaldia Bandiera della Francia Francia

[*]

Poirot-Delpech, Bertrand Bertrand Poirot-Delpech  : [*]
23 Rosenberg, Pierre Pierre Rosenberg Bandiera della Francia Francia

[*]

Cabanis, José José Cabanis  : [*]
24 Elder, François Francois Sureau Bandiera della Francia Francia
25 Fernandez, Dominica Dominique fernandez Bandiera della Francia Francia [*] Remy, Pierre-Jean Pierre-Jean Rémy  : [*]
26 Rouart, Jean-Marie Jean-Marie Rouart Bandiera della Francia Francia

[*]

Carrère d'Encausse, Hélène Hélène Carrère d'Encausse  : [*]
27 Nora, Pierre Pierre Nora Bandiera della Francia Francia

[*]

Remond, René René Remond  : [*]
28 Rufin, Jean-Christophe Jean-Christophe Rufin Bandiera della Francia Francia [*] Pouliquen, Yves Yves Pouliquen  : [*]
29 Maalouf, Amin Amin Maalouf Bandiera della Francia Francia Libano
Bandiera del Libano
[*] Rufin, Jean-Christophe Jean-Christophe Rufin  : [*]
30 Sallenave, Daniele Daniele Sallenave Bandiera della Francia Francia [*] Fernandez, Dominica Dominique Fernandez  : [*]
31 Edwards, Michael Michael edwards Bandiera della Francia Francia Regno Unito
Bandiera del Regno Unito
[*] Vitoux, Frédéric Frédéric Vitoux  : [*]
32 Ory, Pascal Pascal Ory Bandiera della Francia Francia
33 Bona, Dominica Dominique Bona Bandiera della Francia Francia

[*]

Rufin, Jean-Christophe Jean-Christophe Rufin  : [*]
34 Cheng, Francois Francois Cheng Bandiera della Repubblica Popolare Cinese Cina Francia
Bandiera della Francia

[*]

Remy, Pierre-Jean Pierre-Jean Rémy  : [*]
35 Vacante
36 Cassin, Barbara Barbara Cassin Bandiera della Francia Francia [*] Marion, Jean-Luc Jean-Luc Marion  : [*]
37 Zink, Michel Michel zink Bandiera della Francia Francia [*] Michael Edwards  : [*]
38 Lambron, Marc Marc Lambron Bandiera della Francia Francia [*] Orsenna, Erik Erik Orsenna  : [*]
39 Clair, Jean Jean Claire Bandiera della Francia Francia

[*]

Fumaroli, Marc Marco Fumaroli  : [*]
40 Darcos, Saverio Xavier darcos Bandiera della Francia Francia [*] Dabadie, Jean-Loup Jean-Loup Dabadie  : [*]

Numero effettivo di accademici

Il numero di 40 accademici è stato raggiunto solo cinque anni dopo la creazione dell'Accademia, con l'elezione di Daniel de Priézac il.

Fino alla fine della prima metà del XIX °  secolo, la forza dell'Accademia di Francia era spesso pieno, ogni morte è stato rapidamente seguito da un'elezione e la nuova accademico è stato rapidamente ricevuto.

Da allora, le scadenze per le elezioni e l'accoglienza si sono notevolmente allungate. Oggi passa circa un anno tra un decesso e un'elezione, e un altro anno tra l'elezione e il ricevimento, tanto che raramente si raggiunge la cifra di 40 accademici. L'Accademia era al completo per l'ultima volta il(elezione di Marc Lambron ) a(morte di Assia Djebar ).

Ma se si prendono in considerazione solo accademici ricevuti, non solo eletti, allora l'Accademia è stata completa solo per 24 giorni nel corso del XX °  secolo e ancora non è mai stata nel XXI e  secolo. I periodi in cui l'Accademia fu completata furono:

Se non si considera l'esclusione de facto di Charles Maurras e Petain per condanna all'oltraggio nazionale , allora ci sarebbero stati due periodi in cui l'Accademia era al completo:

Il numero di accademici eletti era al minimo con 28 membri del a . Il numero di accademici ricevuti era al minimo con 26 membri del members a .

Il "  41 ° poltrona"

Il termine 41 °  cattedra fu coniato nel 1855 dallo scrittore Arsene Houssaye stesso candidato infruttuoso, per designare quegli autori che non hanno mai prestato servizio nell'Accademia, nonostante la loro fama o le loro qualità generalmente riconosciute, come Descartes , Molière , Pascal , La Rochefoucauld , Rousseau , Diderot , Beaumarchais , André Chénier , Balzac , Dumas père , Gautier , Flaubert , Stendhal , Nerval , Maupassant , Baudelaire , Zola o Daudet .

Alcuni non hanno pensato di presentare una candidatura, come Giraudoux o Larbaud . Altri morirono prima della loro probabile elezione: Apollinaire , Proust o Péguy .

Rifiuto di apparire

Molti scrittori, intellettuali e scienziati hanno declinato l'invito a candidarsi alle elezioni tra gli “immortali”. Interpellato da François Mauriac nel 1950 , Marcel Aymé gli rispose così:

“Vi sono molto grato per aver pensato a me per il Quai de Conti […]. Con grande emozione, rispondo al tuo "occhiolino" che mi rende molto orgoglioso. Tuttavia, devo dirti che non mi sento la stoffa dell'accademico. Come scrittore ho sempre vissuto molto solo, lontano dai miei colleghi ma non per orgoglio, anzi, anzi, anche per timidezza e indolenza. Che ne sarebbe di me se fossi in un gruppo di quaranta scrittori Perderei la testa e di sicuro non riuscirei a leggere il mio discorso. Quindi faresti una cattiva acquisizione. "

Allo stesso modo, Georges Bernanos ha rifiutato che qualcuno potesse anche solo suggerirgli di entrare, perché, scrive, se non ne fosse già disgustato, la presenza all'interno dell'Accademia "di un vecchio impostore come Claudel. -Turelure" lo commuoverebbe lontano. Da Bernanos, citiamo spesso la frase: "Quando avrò solo un paio di glutei a cui pensare, lo metterò a sedere all'Accademia" .

Edmond Rostand ha scherzato sull'immortalità del nome di certi accademici che devono ancora dimenticare: “- L'Accademia c'è - Ma… vedo più di un membro; Ecco Boudu, Boissat e Cureau de la Chambre; Porcheres, Colomby, Bourzeys, Bourdon, Arbaud... Tutti questi nomi di cui nessuno morirà, quanto è bello. » ( Cyrano de Bergerac (Rostand) , atto I , scena 2 ). Rostand non si presentò di meno all'Accademia, dove fu eletto nel 1901.

Alcuni, volutamente ostili all'Accademia e rifiutando per principio quello che viene chiamato accademismo , rifiutarono le avances loro fatte. Questo è stato in particolare il caso di Stendhal , Gustave Flaubert , Alphonse Daudet , André Gide , Roger Martin du Gard , Jacques Monod e Françoise Sagan .

Avvicinati, diversi letterati contemporanei tra cui Daniel Pennac , Jean Echenoz , Simon Leys , JMG Le Clézio , Patrick Modiano , Milan Kundera , Pascal Quignard o Tonino Benacquista hanno declinato l'offerta di presentarsi .

Documenti di posizione dell'Accademia

Lingue regionali

Fedele alla sua missione originaria di stabilire standard linguistici ufficiali, l'Académie française si oppone a qualsiasi menzione delle lingue regionali nella Costituzione francese , secondo una dichiarazione resa pubblica il. Anzi, secondo gli studiosi, questa menzione porterebbe la Francia a poter ratificare la Carta europea delle lingue regionali o minoritarie , cosa che non vuole.

Correzioni ortografiche

Nel suo discorso di 24 ottobre 1989, il Presidente del Consiglio ha proposto all'esame del Consiglio superiore di lingua francese cinque punti specifici concernenti l'ortografia:

  • il trattino;
  • il plurale di parole composte;
  • il circonflesso;
  • il participio passato dei verbi pronominali;
  • varie anomalie.

È su questi cinque punti che si sono concentrate le proposte dell'Accademia di Francia. Non prendono di mira solo l'ortografia del vocabolario esistente, ma anche e soprattutto quello del vocabolario da nascere, in particolare in ambito scientifico e tecnologico.

Presentate dal Consiglio Superiore della Lingua Francese, queste rettifiche hanno ricevuto un parere favorevole unanime dall'Accademia di Francia, nonché l'accordo del Consiglio della Lingua Francese del Quebec e quello del Consiglio della Lingua Comunitaria Francese del Belgio .

Sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale del. Tali rettifiche, moderate nel contenuto e nella portata, possono essere riassunte come segue:

  • il trattino: un certo numero di parole sostituirà il trattino con la saldatura (esempio: appendiabiti come portafoglio);
  • il plurale delle parole composte: le parole composte del tipo pesa lettere seguiranno al plurale la regola delle parole singole (bilance per lettere);
  • l'accento circonflesso: non sarà più obbligatorio sulle lettere i e u, se non nelle desinenze verbali e in alcune parole dove la sua presenza è essenziale per distinguere un omonimo (esempi: era, maturo);
  • il participio passato: sarà invariabile nel caso di partire seguito da un infinito (esempio: si è lasciata morire);
  • le anomalie:
    • parole prese in prestito: per l'accentuazione e il plurale, le parole prese in prestito seguiranno le regole delle parole francesi (esempio: un impresario, des impresarios);
    • serie stonate: l'ortografia sarà resa conforme alle regole di scrittura in francese (esempio: douçâtre), o alla coerenza di una serie specifica (esempi: gonfiore come soffiare, carrello come carrello).

Quest'ultima autorità alla fine si rivela essere la consuetudine: guidata da alcuni inaspettati difensori tra cui François Cavanna e Delfeil de Ton , solitamente riluttanti a sostenere l'ordine stabilito, la riforma del 1990 (rettifica delle anomalie di ortografia, cancellazione di certi accenti circonflessi, nomi di origine straniera,  ecc. ) è stato fortemente contestato e l'Accademia, pur indicando che le modifiche proposte avevano una logica, ha ribadito la necessità di lasciare solo l'uso a decidere .

Femminilizzazione dei nomi commerciali

L'Accademia è stata a lungo contraria alla femminilizzazione dei nomi commerciali. Nel 2014 ha considerato, ad esempio, le parole formate dall'aggiunta di -e alle parole in -eur come "barbari". (Vedi Recensioni sotto ) . Ma nel 2019 le sue posizioni si fanno molto più sfumate, e afferma che «è opportuno lasciare alle pratiche che assicurano la vitalità della lingua la cura di decidere: esse sole possono conferire ai nuovi nomi la legittimità che mancavano loro nella lingua. 'origine. "

Critiche all'istituzione

Fin dalla sua creazione, l'Académie Française ha subito numerose critiche relative alle sue posizioni conservatrici, alle sue modalità di funzionamento e reclutamento, alla sua legittimità e persino alla sua competenza.

Lentezza di stesura

Il suo primo dizionario è stato criticato per la sua lentezza di redazione (non è stato fino al 1694 per vederlo apparire quando l'istituzione è stata creata nel 1635). All'avanguardia nei dibattiti dell'epoca, l'Accademia opta per una “ortografia antica” (cioè con tendenza etimologica) in quanto “distingue i letterati dagli ignoranti e dalle semplici donne” .

Prima della pubblicazione della prima edizione, Antoine Furetière , accademico prima di essere escluso dai suoi coetanei, si vendicherà della sua cacciata descrivendo al vetriolo i metodi di lavoro della commissione del dizionario:

“Ciascuno punteggia ogni oggetto e lo giudica buono o cattivo secondo la sua conoscenza o il suo capriccio; molto spesso lo riformiamo al peggio, oppure ne cambiamo solo un po' l'espressione. Ma si fa con tanto rumore e confusione, che i più saggi tacciono, e l'opinione dei più violenti vince. Chi piange di più è quello che ha ragione (…). Quando un Bureau è composto da cinque o sei persone, ce n'è uno che legge, uno che annuisce, due che parlano, uno che dorme e uno che si diverte a leggere qualche dizionario che è sul tavolo”

Elezioni contestate

L'annuncio della candidatura di Valéry Giscard d'Estaing nel 2003 ha suscitato l'opposizione di Maurice Druon e di diversi membri dell'Accademia, tra cui Angelo Rinaldi , Erik Orsenna e Pierre Messmer . Druon scrive un articolo virulento su Le Figaro littéraire , in cui sottolinea che un ex protettore dell'Accademia non ha mai osato candidarsi sotto la Cupola, e ritiene che la politica non debba invadere l'Accademia, che i gollisti non abbiano ancora digerito l'atteggiamento di Giscard durante il referendum del 1969 , e che Giscard non è uno scrittore. Giscard d'Estaing è stato comunque eletto al primo turno, con 19 voti su 34.

L'elezione di Alain Finkielkraut nel 2014 divide gli accademici e solleva l'opposizione di otto di loro, che incrociano il loro voto. Tuttavia, è stato eletto al primo turno con 16 voti su 24. Succede a Félicien Marceau , la cui elezione aveva causato le dimissioni di un altro accademico, Pierre Emmanuel , che intendeva protestare contro l'arrivo di questo scrittore sul quale aveva pesato il sospetto di collaborazione con l'occupante tedesco negli ultimi anni di guerra nel suo paese d'origine, il Belgio . Condannato in contumacia in Belgio nel 1946, la sua condanna fu ritenuta ingiustificata dal generale de Gaulle, che gli concesse quindi la cittadinanza francese nel 1959.

Mettere in dubbio la sua legittimità

L'Accademia è criticata, in Francia e all'estero, per la sua mancanza di competenza linguistica (non ha avuto membri linguisti dalla morte di Gaston Paris nel 1903) e per la sua mancanza di rappresentatività.

L'Accademia nega di essere un'istituzione normativa, ma piuttosto il "cancelliere d'uso" . Marc Wilmet , linguista belga e membro della Royal Academy of French Language and Literature in Belgio , ritiene tuttavia che dal momento in cui gli usi non standard vengono delegittimati dai relatori e dalle istituzioni che fanno riferimento all'Accademia, sono di fatto condizionati da quest'ultima .

In un'intervista rilasciata in alla rivista Ballast , Maria Candea, docente di linguistica all'Università Sorbonne Nouvelle e coautrice del libro L'Académie contre la langue française , non riconosce agli accademici né la legittimità né la competenza linguistica. Nel, la stessa rivista pubblica una rubrica firmata da 77 linguisti dal titolo "Che l'Accademia tenga la sua lingua, non la nostra", mettendo in discussione la legittimità delle opinioni dell'Accademia sulla lingua, e in particolare il suo testo che descrive la scrittura inclusiva come un "pericolo mortale" , qualificato come "disinformazione" . La tribuna afferma che la lingua deve diventare "oggetto di riflessione collettiva" e che il dibattito deve essere aperto a tutti i relatori e non solo all'Accademia.

Opacità operativa

Il suo funzionamento opaco e la sua gestione finanziaria sono oggetto di una relazione della Corte dei conti nel 2015 che indica "debole gestioni patrimoniali" e "funzionamento interno segnato da derive" , nonché un sondaggio pubblicato nel 2014 dal giornalista Daniel Garcia e aggiornato nel 2016.

Note e riferimenti

Appunti

  1. Lettere dell'epoca, sono spesso cadetti familiari a cui non può essere conferito il patrimonio e la funzione militare. Raggiunsero 24 ecclesiastici sui 40 membri nel 1712.
  2. La sessione formale di rientro delle cinque accademie perpetua la tradizione di celebrare questa legge con una sessione plenaria che si tiene il martedì più vicino a.
  3. Lettera del Primo Console al fratello Lucien Bonaparte, datata 26 Messidor, anno VIII ().
  4. Le commissioni terminologiche sono state istituite con decreto del, in applicazione della legge di Toubon del, come la Delegazione Generale per la Lingua Francese e le Lingue di Francia , la Commissione Generale per la Terminologia e la Neologia e la Commissione Specializzata per la Terminologia e la Neologia .
  5. Come il premio Montyon .
  6. Come riconosciuto dalla Legge sui Programmi di Ricerca del 2006 .
  7. Alcuni esempi:
  8. La reception durante il quale viene pronunciato un elogio che ha origine dalla panegirico di Pierre Bardin .
  9. Questo era stato il caso in precedenza tra il(elezione di François Weyergans ) e ilsuccessivo (morte di Maurice Druon ), e il periodo precedente durò dal(elezione di Assia Djebar ) a(morte di Jean Bernard ).
  10. La loro condanna al degrado nazionale, rispettivamente la e il , provoca automaticamente la decadenza e l'esclusione di tutte le funzioni, uffici pubblici ed enti costituiti, ma l'Accademia di Francia, pur riconoscendo la vacanza delle loro cattedre, non votava sulla loro radiazione e ne veniva sostituita solo 'dopo la loro morte.

Riferimenti

  1. Le principali date , sul sito web dell'Accademia.
  2. (in) Einar Ingvald Haugen, Anwar S. Dil , The Ecology of Language , Stanford University Press ,, pag.  169.
  3. Paul Pellisson-Fontanier, Pierre Joseph Thoulier d'Olivet e Charles-Louis Livet, Storia dell'Accademia di Francia , vol.  1,( leggi in linea ) , p.  18.
  4. Sul sito dell'Académie française, tra le "date maggiori", si legge: "Il Custode dei Sigilli, Pierre SÉGUIER, Duca di Villemoze, suggellò le lettere patenti che giustificavano la costituzione dell'Accademia il, otto anni alla vigilia della morte del Cardinale” e “1634: Nascita dell'“Accademia di Francia”. Richelieu sarà il suo protettore e Valentin Conrart il primo segretario perpetuo” .
  5. Pellisson-Fontanier, Thoulier d'Olivet e Livet 1858 , p.  20-30.
  6. STATUTO E REGOLAMENTO [PDF] , sul sito dell'Accademia.
  7. René Pocard du Cosquer de Kerviler e Pierre Séguier, Cancelliere Pierre Séguier secondo protettore dell'Accademia di Francia: studi sulla sua vita privata, politica e letteraria e sul gruppo accademico dei suoi parenti e commensali , Didier,, pag.  59.
  8. Jean-Pol Caput, L'Accademia di Francia , Presses Universitaires de France,, pag.  9.
  9. Paul Pellisson Storia dell'Accademia di Francia dalla sua fondazione fino al 1652 (1653). Ristampa: Slatkine Reprints , Paris, 1989. Disponibile su Gallica vol.  1 [PDF] , vol.  2 [PDF] .
  10. Jean Chapelain, Les Sentimens de l'Académie françoise sur la tragicomédie du Cid, dal manoscritto di mano di Chapelain conservato presso la Biblioteca Nazionale , correzione, introduzione e note di George Collas, 1912.
  11. Colbert Searles, L'Accademia di Francia e "El Cid" , Storia letteraria della rivista di Francia , 21 °  anno, n o  2 (1914), p.  331-374 .
  12. Paul (1624-1693) Autore del testo Pellisson-Fontanier e Pierre-Joseph d' (1682-1768) Autore del testo Olivet , Histoire de l'Académie françoise. Dalla fondazione dell'Accademia fino al 1652, ad opera di M. Pellisson /, di MM. Pellisson e Olivet,… ,( leggi in linea ).
  13. Hélène Merlin-Kajman, Eccentricità accademica , ed. Les Belles-Lettres, 2001, 278  p. ( ISBN  2-251-38052-3 ) .
  14. Nicolas Schapira, lettere professionali al XVII °  secolo: Valentin Conrart, storia sociale , ed. Champ Vallon, 2003, p.  77 .
  15. Hélène Carrère d'Encausse , Secoli di immortalità - L'Accademia di Francia 1635-… , Fayard, 2011, 401  p. .
  16. Quintin Craufurd, Saggi sulla letteratura francese ,, pag.  342.
  17. Storia , sul sito dell'Accademia.
  18. Hélène Carrère d'Encausse , "Il mistero dell'Accademia: potere intellettuale, potere politico" , discorso pronunciato alla sessione pubblica annuale, il.
  19. Atto programmatico n .  2006-450 del 18 aprile 2006  " , Titolo IV - Disposizioni per l'Istituto di Francia e le accademie [PDF] (consultato il 29 maggio 2019 ) .
  20. Jean d'Ormesson , “Dalla fondazione nel 1635”, Blocco note di.
  21. La grammatica dell'Accademia di Francia , presentazione nella sessione pubblica annuale delle Cinque Accademie di sabato.
  22. Grammatica ufficiale (C'è un ...) .
  23. Ferdinand Brunot, decano dell'Académie des inscriptions et belles lettres: Observations sur la Grammaire de l'Académie Française , 1932.
  24. "L'offensiva della grammatica dell'Accademia vista da New York" [PDF] , MRDeville, 1933.
  25. Accademia di Francia, Dizionario dell'Accademia di Francia  " , su www.dictionary-academie.fr .
  26. https://www.dictionary-academie.fr/presentation
  27. https://www.dictionary-academie.fr/version2.html
  28. Le missioni , sul sito web dell'Accademia.
  29. I quaranta di oggi .
  30. Citato da Tyrtée Tastet, Storia delle quaranta poltrone dell'Accademia di Francia dalla fondazione ai giorni nostri, 1635-1855 , volume I , p.  11-12 (1844).
  31. Gisèle Sapiro , La responsabilità dello scrittore. Letteratura, diritto e morale, in Francia, XIX ° - XXI ° secolo , Seuil,.
  32. Abel HERMANT  " , su academie-francaise.fr (consultato il 4 aprile 2019 ) .
  33. “Dalla candidatura all'elezione” , sul sito dell'Accademia.
  34. http://academie-francaise.fr/les-immortels/helene-carrere-dencausse .
  35. (it) Adam Nossiter, I guardiani della lingua francese sono in stallo, proprio come il loro paese  " , su nytimes.com ,(consultato il 13 aprile 2021 )
  36. Alain Beuve-Méry, Dany Laferrière nella poltrona di Alexandre Dumas all'Accademia di Francia  " , su Le Monde.fr , Le Monde,( ISSN  1950-6244 , accesso 20 aprile 2021 ) .
  37. Marguerite Yourcenar ha riacquistato la nazionalità francese  ", Le Monde.fr ,( ISSN  1950-6244 , letto online , consultato il 30 dicembre 2016 ).
  38. René de Obaldia , Exobiography ( leggi online ).
  39. [1] .
  40. Garcia 2016 , p.  83.
  41. Alain Beuve-Méry, Sette seggi vacanti sotto la Cupola  " , su Le Monde ,.
  42. Arsene Houssaye, Storia della 41 °  sede dell'Accademia di Francia , L. Hachette et Cie,, 420  pag. ( leggi in linea ).
  43. Estratto della lettera a François Mauriac , Michel Lécureur , La Comédie humaine di Marcel Aymé , edizioni La Manufacture, Lyon, 1985, p.  306 .
  44. Lettera della fine. Lotta per la libertà , Plon , 1971, p.  642 .
  45. Le Monde , edizione di, "L'Accademia francese non vuole le lingue regionali nella Costituzione".
  46. Focus  " , sull'Accademia di Francia ,(consultato l'11 marzo 2019 ) .
  47. Femminilizzazione dei nomi commerciali e delle funzioni  " [PDF] , su Académie française ,(consultato l'11 marzo 2019 ) .
  48. Marc Wilmet, Breve storia dell'ortografia francese , Bruxelles, Accademia reale del Belgio,( ISBN  978-2-8031-0454-3 ) , pag.  25-26.
  49. Ortografia: storia di una lunga lite  " .
  50. Marc Wilmet, Breve storia dell'ortografia francese , Bruxelles, Accademia reale del Belgio,, pag.  28.
  51. Tempesta sotto la Cupola  " , su L' Express ,.
  52. Giscard aderisce ai Verdi  " , su Liberazione ,.
  53. Giscard d'Estaing fa il suo ingresso nell'Accademia di Francia  " , su Les Échos ,.
  54. Alain Finkielkraut fa il suo ingresso nell'Accademia di Francia  " , su France TV info ,.
  55. Pierre Emmanuel - L'uomo d'azione - Funzioni ufficiali  " , su pierre-emmanuel.net (consultato il 4 aprile 2019 ) .
  56. JF ET FR.M., “  Félicien Marceau, plume libre  ” , su La Libre.be ,(consultato il 4 aprile 2019 ) .
  57. Mickael Korvin, Perché dobbiamo abolire l'Accademia di Francia  " , su lexpress.fr ,(consultato il 13 aprile 2021 )
  58. Léon Sanchez, “  L'Académie française dovrebbe rappresentare la Francofonia  » , Su tv5monde.com ,(consultato il 13 aprile 2021 )
  59. L'Accademia di Francia è ancora utile"  » , Sulla cultura francese , franceculture,(consultato il 18 aprile 2021 ) .
  60. Il maschile vince sul femminile in grammatica" "Una vecchia formula" fraintesa  " , su RTBF Info ,(consultato il 18 aprile 2021 ) .
  61. Participio passato: Belgio verso uno shock di semplificazione  " , su Liberazione , Liberazione (consultato il 18 aprile 2021 ) .
  62. Malo Morvan, “L'Accademia, impiegato di buon uso : Sfruttare la polisemia della nozione d'uso per costruire un ethos di autorità ” , in Anne Dister e Sophie Piron, Il discorso di riferimento sulla lingua francese , Presses de l'Université Saint-Louis,, 283-309  pagg. ( ISBN  978-2-8028-0239-6 , leggi online [PDF] ).
  63. Marc Wilmet, Breve storia dell'ortografia francese , Accademia reale del Belgio,, pag.  43.
  64. Sorbonne Nouvelle, Università Sorbonne Nouvelle, pagina di Madame Maria Candéa  "
  65. Éliane Viennot ( dir. ), L'Accademia contro la lingua francese: il dossier di femminilizzazione , Donnemarie-Dontilly, edizioni iXe,, 216  pag. ( ISBN  979-10-90062-33-7 , SUDOC  194358194 ).
  66. Con un treno di ritardi, l'Accademia francese adotta la femminilizzazione dei nomi dei mestieri  " , su Slash Media , slashmedia.ch,(consultato il 18 aprile 2021 ) .
  67. Che l'Accademia tenga la sua lingua, non la nostra  " , su revue-ballast.fr , Ballast ,(consultato il 20 agosto 2019 ) .
  68. Laurence Rosier, “  Scrittura inclusiva, scrivo il tuo nome  ”, La Revue Nouvelle , vol.  2 n o  2, pag.  42-50 ( DOI  10.3917 / rn.182.0042 , leggi online ).
  69. Pauline Lamotte, Garance Ode e Anthony Vallez, Femminismo e neologismi ,( leggi online [PDF] ) , p.  46-47
  70. La schiacciante relazione della Corte dei conti sull'Accademia di Francia  " , su lefigaro.fr ,(consultato l'11 aprile 2018 ) .
  71. Daniel Garcia , Cupola e dipendenze: indagine dell'Accademia di Francia , Parigi, Les Éditions du Moment, 285  p. ( ISBN  978-2-35417-264-0 , SUDOC  177643579 ).
  72. " Cupola e dipendenze " , il libro che semina guai all'Institut de France  " , su FranceInfo ,(consultato il 4 luglio 2019 ) .
  73. Daniel Garcia , "  L'Accademia di Francia, una zona senza legge nel cuore di Parigi: Indagine su un'istituzione ricca e fuorilegge  ", Revue du Crieur , vol.  # 3, n .  1,, pag.  80 ( ISSN  2428-4068 e 2649-7565 , DOI  10.3917 / crieu.003.0080 , lettura online , accesso 13 maggio 2020 ).

Appendici

L'Accademia nella fiction

Bibliografia

Articoli Correlati

link esterno

Speriamo che le informazioni che abbiamo raccolto su Accademia di Francia ti siano state utili. Se è così, non dimenticate di raccomandarci ai vostri amici e familiari, e ricordate che potete sempre contattarci se avete bisogno di noi. Se, nonostante i nostri sforzi, ritieni che ciò che forniamo su _title non sia del tutto accurato o che dovremmo aggiungere o correggere qualcosa, ti saremmo grati se ci facessi sapere. Fornire le informazioni migliori e più complete su Accademia di Francia e su qualsiasi altro argomento è l'essenza di questo sito web; siamo guidati dallo stesso spirito che ha ispirato i creatori del Progetto Enciclopedia, e per questo motivo speriamo che ciò che hai trovato su Accademia di Francia su questo sito ti abbia aiutato ad ampliare le tue conoscenze.

Opiniones de nuestros usuarios

Tiziano Fumagalli

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Accademia di Francia

Michela Forte

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Accademia di Francia perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Accademia di Francia