Sostenitore di calcio

Un tifoso è una persona che apprezza una squadra di calcio e la sostiene durante le sue prestazioni.

Tipi di sostenitori

Ci sono diversi livelli di coinvolgimento tra i sostenitori.

Recentemente è apparso un movimento Sotto l'impulso dei tifosi che desiderano avere più potere all'interno dei loro club, è quello del calcio partecipativo ispirato in parte al modello portoghese e spagnolo del Socios.

Il forte calo del teppismo  (in) nei palchi inglesi negli anni '90 e poi in altri palcoscenici europei, soprattutto dopo la tragedia di Heysel nel 1985 e di Hillsborough nel 1989, è stato accompagnato da una finanziarizzazione dei club e da un drastico aumento del prezzo dei biglietti , che porta ad una gentrificazione del pubblico che varia a seconda della location, e ad una "disaffezione delle classi popolari che, lontane dai palazzetti dello sport, si riducono a seguire le partite attraverso schermi interposti" . Secondo il giornalista Mickaël Correia, si nota allo stesso tempo "un ritorno delle pratiche di supporterismo nelle manifestazioni  : fumo , applausi , slogan studenteschi" . Secondo il sociologo Nicolas Hourcade , molti stadi negli anni 2010 hanno cercato di “migliorare l'esperienza degli spettatori, offrendo nuovi servizi a monte ea valle dei loro incontri. Uno sviluppo qualificato da alcuni ricercatori come la "  disneylandizzazione  " degli stadi ", i club la cui identità culturale si diluisce gradualmente nel marketing trasformandosi nell'industria dello spettacolo , apertamente elitaria e orientata al profitto, considerando il tifoso come un cliente che cerca soprattutto un spettacolo di calcio di qualità mentre il vero tifoso desidera soprattutto la vittoria della sua squadra.

Attrezzature

Tra le attrezzature tradizionali di un tifoso di calcio ci sono:

Queste attrezzature sono il più delle volte nei colori della squadra supportata.

Ci sono anche tifosi che dipingono i suoi volti o i loro corpi con i colori della sua squadra per mostrare la sua passione.

I fan appartenenti a gruppi sono generalmente meglio equipaggiati, ad esempio, con striscioni, megafoni o strumenti musicali di gruppi ( batteria , ecc.). Gran parte dei tifosi usa il fumo o le luci del Bengala , anche se l'uso di questi è controverso o addirittura vietato (in alcuni paesi) all'interno degli stadi.

Animazioni

Per incoraggiare la loro squadra e mostrare il loro entusiasmo o insoddisfazione, i tifosi gridano, cantano , applaudono, fischiano e fischiano. Ma approfittano anche del loro gran numero per organizzare eventi collettivi, come l' ola , che coinvolge gli spettatori che alzano e poi abbassano le braccia uno dopo l'altro in modo coordinato, creando l'impressione di un'onda che attraversa le tribune, o anche il Tifos , decorazioni fatte di teloni, migliaia di pezzi di carta o nastri branditi dai sostenitori, come i mosaici . Questi spettacoli sono la grande specialità degli Ultras.

Quando gran parte dei tifosi fischia o fischia per protestare contro lo scarso rendimento della propria squadra, una decisione arbitrale contestata o la colpa di un avversario, si parla di bronca . Il clamore è una specialità latina ( Europa meridionale e America Latina ).

Movimenti speciali

I sostenitori spagnoli sono chiamati hinchas o socios , gli italiani i Tifosi . Questi gruppi spesso prendono nomi che suonano bellicosi o enfatici.

La Torcida (che in portoghese significa "gruppo di tifosi") fa riferimento a un movimento nato in Brasile e poi diffuso, soprattutto durante i Mondiali del 1950.

Rivalità tra sostenitori

Alcuni club sono oggetto di grandi rivalità tra i rispettivi tifosi. L'origine di queste rivalità può essere storica (ad esempio a seguito di una partita tra le due squadre che ha avuto un percorso particolare o che è stata oggetto di una puntata importante), oppure geografica. Quando due club della stessa città o regione si sfidano, si parla di derby .

Ritratti dei sostenitori

Zato

Nato nel 1955 ad Alès , Serge Vieilledent è un famoso tifoso giramondo nel mondo del calcio. Soprannominato "Zato" in riferimento a Emil Zátopek , ha percorso più di sei milioni di chilometri e visto più di sedicimila partite in trentaquattro anni. Senzatetto , è ospitato tutto l'anno da giocatori, allenatori, arbitri e tifosi di calcio. Sponsorizzato da Jean Sadoul , ha seguito in particolare l'epopea della squadra di France espoirs nel 1988 , in Francia e all'estero. Laurent Blanc non ha mai smesso di sostenerlo da allora: una tessera “guida” della Federcalcio francese , rinnovata ogni anno dal 1996 , gli dà libero accesso a tutti gli stadi francesi, per tutte le competizioni nazionali e internazionali.

Riferimenti

  1. Mickaël Correia, Una storia popolare del calcio , La Découverte ,2018, p.  121.
  2. "  Per rivendicare il calcio, basta un semplice pallone!"  » , Su humanite.fr ,14 giugno 2018.
  3. Anthony Alice, "  Nel calcio di oggi, i tifosi sono diventati il ​​dodicesimo uomo indispensabile  " , su ecofoot.fr ,15 novembre 2018.
  4. Mickaël Correia, Una storia popolare del calcio , La Découverte ,2018, p.  83.
  5. "  Rapporto informativo del Senato. Dovremmo avere paura dei sostenitori?  » , Su senat.fr ,2 settembre 2019.
  6. (it) Articoli di stampa dedicati a Zato

Bibliografia

Vedi anche

Articoli Correlati

link esterno