Cromwell (Hugo)

Cromwell
Autore Victor Hugo
Data di scrittura autunno 1827
Luogo di pubblicazione Parigi
Data di rilascio Ottobre 1827

Cromwell è un'opera teatrale di Victor Hugo completata nell'autunno del 1827 pubblicata a dicembre.

Originalità del lavoro

Questo è allo stesso tempo un affresco storico di Inghilterra del XVII °  secolo e Lord Protettore del ritratto d'Inghilterra, Cromwell . Cromwell per le sue dimensioni sproporzionate (6920 versi) rimane un pezzo praticamente ingiocabile e mai eseguito. Viene creato, in una versione ridotta da Alain Trutat , solo il28 giugno 1956, di Jean Serge nella Cour Carrée del Louvre. I suoi frequenti cambi di scenario e la scelta del soggetto in una storia relativamente ravvicinata ne fanno, tra le altre cose, un esempio di un pezzo romantico, che rompe radicalmente con le tradizioni classiche.

Hugo in Cromwell vuole mostrare la storia, una storia che si dispiega alle frontiere che non è più ridotta al gran numero di leader, ma che ora abbraccia le masse. Questo Cromwell racconta la storia di un triplice fallimento, quello delle due cospirazioni che non riescono a uccidere il grande uomo, quello del grande uomo che non riesce a farsi re. Teatro nuovo e rivoluzionario dall'intervento del grottesco, un grottesco che è negli eventi tanto quanto nel discorso, nell'accostamento del comico e del serio, ma soprattutto nell'intrico e nella reversibilità del riso e della morte.

Nonostante l'applicazione esemplare dei principi romantici in Cromwell , è la prefazione dell'opera che è rimasta come uno dei testi fondanti del romanticismo francese , in particolare difendendo il dramma come forma teatrale. La prefazione di Cromwell è un manifesto di libertà nel teatro. Questo si basa su tre punti: l'uso della storia che può far luce sul passato e sul presente, la grandezza poetica (che si manifesta nell'uso di uno stile e versi raffinati) e il grottesco . Il pezzo soddisfa questi tre criteri; per esempio, canzoni di pazzi, barzellette burlesche di Rochester, derisione del potere, sono elementi grotteschi di Cromwell .

Lo spettacolo ha diversi temi: il rinnovo della tragedia da un lato e una questione politica dall'altro. L'opera solleva la questione dell'azione politica e della possibilità per un personaggio storico di agire in un mondo complesso dopo una rivoluzione.

Personaggi

Per una specie di paradosso, quando l'obiettivo del poeta è quello di portare alla luce i grandi movimenti della storia, quello che fa è accumulare i dettagli; da qui la meticolosa pittura di tutti i protagonisti, con le loro meschinità, le loro contraddizioni, le loro peculiarità individuali, che contribuiscono tutte al fallimento delle due cospirazioni contrapposte, ma legate contro Cromwell: il fanatismo di Carr, l'avidità di Barebone, la leggerezza di Rochester , La stupidità di Murray o di Syndercomb.

Note e riferimenti

  1. Florence Naugrette, Publier Cromwell e la sua prefazione: una provocazione fondante , p.  2 , nota 2
  2. Anne Ubersfeld, preavviso di Cromwell in edizione Théâtre de Victor Hugo , Paris, Robert Laffont ,1985, 997  p. ( ISBN  2-221-04695-1 ) , p.  1375
  3. Victor Hugo, Prefazione di Cromwell , t.  [Volume 23] - Teatro, tomo I., Parigi, Librairie Ollendorff,1912( leggi su Wikisource ) , p.  7-51
  4. Pierre ALBOUY; Pierre GEORGEL; Jacques SEEBACHER; Anne UBERSFELD; Philippe VERDIER, “  Victor Hugo, the dramaturge  ” , su www.universalis.fr (consultato il 29 ottobre 2020 )

Risorse bibliografiche

link esterno