Avignone

Avignone
Avignone
Veduta aerea di Avignone.
Stemma di Avignone
Stemma
Avignone
Amministrazione
Nazione Francia
Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Vaucluse
( prefettura )
Circoscrizione Avignone
( capitale )
intercomunità Grand Avignone
( sede centrale )
Mandato Sindaco
Cécile Helle ( PS )
2020 -2026
codice postale 84000/84140
Codice comune 84007
Demografia
Popolazione
municipale
91.729  ab. (2018 in crescita dell'1,58% rispetto al 2013)
Densità 1.416  ab./km 2
Popolazione
dell'agglomerato
457.684  ab. ( 2017 )
Geografia
Informazioni sui contatti 43 ° 57 00 ″ nord, 4° 49 ′ 01 ″ est
Altitudine min. 10  metri
massimo 122  m
La zona 64,78  km 2
genere Comunità urbana
Unità urbana Avignone
( centro città )
Area di attrazione Avignone
(centro città)
Elezioni
Dipartimentale Cantoni di Avignone-1 , Avignone-2 e Avignone-3
( ufficio centralizzato )
Legislativo Primo collegio elettorale
Posizione
Geolocalizzazione sulla mappa: Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Vedere sulla mappa amministrativa della Provenza-Alpi-Costa Azzurra Localizzatore di città 14.svg Avignone
Geolocalizzazione sulla mappa: Vaucluse
Vedere sulla carta topografica del Vaucluse Localizzatore di città 14.svg Avignone
Geolocalizzazione sulla mappa: Francia
Vedi sulla mappa amministrativa della Francia Localizzatore di città 14.svg Avignone
Geolocalizzazione sulla mappa: Francia
Vedere sulla carta topografica della Francia Localizzatore di città 14.svg Avignone
Connessioni
Sito web www.avignon.fr

Avignone è una città nel sud della Francia , situata alla confluenza dei fiumi Rodano e Durance . È la città dove ha sede il consiglio di Grand Avignon . Avignone è il capoluogo del distretto di Avignone e il dipartimento di Vaucluse . I suoi abitanti sono chiamati Avignonnais .

Il palmares di Avignone è costituito principalmente dal suo ponte e dai suoi bastioni storici.

Per la sua popolazione, Avignone è la sedicesima area urbana della Francia e fa parte delle città di medie dimensioni, è il 45 ° posto in Francia su 34 970 del paese. Nel censimento del 2017 contava 93.671 abitanti .

Soprannominata la “città dei papi” per via della presenza dei papi dal 1309 al 1423 , è attualmente la città più grande e la prefettura del dipartimento del Vaucluse.

È una delle rare città francesi ad aver conservato i suoi bastioni e il suo centro storico, composto dal Palazzo dei Papi , dal Complesso Episcopale, dal Rocher des Doms e dal Pont d'Avignon . È stato classificato come patrimonio mondiale dell'UNESCO secondo i criteri I, II e IV .

La fama del suo festival di arti performative , vera e propria vetrina artistica e culturale della città, è andata ben oltre i confini francesi. La città è stata capitale europea della cultura nel 2000 .

Avignone ha un importante cuore studentesco, in particolare grazie al suo quartiere studentesco (Agroparc) e alla sua università .

Geografia

Posizione

Avignone si trova alla confluenza del Rodano e della Durance , e quindi confina a ovest con il dipartimento del Gard e le città di Villeneuve-lès-Avignon e Les Angles , e a sud con le Bouches-du-Rhône e i comuni di Barbentane , Rognonas , Châteaurenard e Noves .

La città si trova vicino a Orange (a nord), Nîmes (a sud-ovest), Arles (a sud) e Salon-de-Provence (a sud-est). Si trova anche non lontano da Montpellier grazie alla A9 e Marsiglia grazie alla A7 .

Direttamente contigui a est ea nord, troviamo i comuni di Caumont-sur-Durance , Morières-lès-Avignon , Le Pontet e Sorgues .

Comuni confinanti

Comuni confinanti con Avignone
Villeneuve-lès-Avignon Sorgues Le Pontet
Vedène
(per un quadripunto )
angoli Avignone Morières-lès-Avignon
barbentano Rognonas
Châteaurenard
Caumont-sur-Durance
Noves

Geologia e rilievo

La regione in cui si trova Avignone è molto ricca di calcare che serviva come materiale da costruzione . Ad esempio, gli attuali bastioni , che misurano 4.330 metri di lunghezza, sono stati costruiti con un calcare tenero molto abbondante nella regione nota come “molassa burdigaliana”.

Circondato da bastioni, il Rocher des Doms , un rilievo calcareo di tipo urgoniano alto 35 metri (e quindi riparato dalle piene del Rodano su cui si affaccia) è il nucleo originario della città. I massicci calcarei sono molto presenti intorno alla città (massiccio degli Angles, Villeneuve-lès-Avignon, massiccio delle Alpilles …) e in parte derivano dall'oceanizzazione del bacino liguro-provenzale in seguito alla migrazione del blocco sardo-corso.

L'altra importante elevazione del comune di Avignone è la collina di Montfavet , una collina boscosa ad est del comune.

La valle del Rodano ha un'area di vecchio alluvione: un deposito sciolto copre gran parte del suolo. È composto da un terriccio sabbioso più o meno colorato con ciottoli provenienti principalmente da rocce silicee. Le isole del Rodano, compresa l' isola Barthelasse , sono nate dall'accumulo di depositi alluvionali e dal lavoro umano. Il rilievo è quindi piuttosto contenuto nonostante la creazione di cumuli che consentono ai locali di proteggersi in caso di forte innalzamento del livello delle acque (alluvioni).

Nei terreni intorno alla città si nota la presenza di argilla, limo, sabbia e calcare.

Idrografia e acque sotterranee

Il Rodano passa al confine occidentale della città ma è diviso in due rami: si parla di “petit Rhône”, o “braccio morto” per la parte orientale che tocca Avignone e di “grand Rhône” o “braccio vivo” per la parte occidentale part. , quello che tocca Villeneuve-lès-Avignon nel dipartimento del Gard, tra i due, una serie di isole, la più grande delle quali è l'Île de la Barthelasse. Parallelamente al Rodano, è stato creato un canale.

Generale

I bordi del Rodano e dell'Île de la Barthelasse possono essere soggetti a inondazioni durante l'autunno e il mese di marzo. Inondazioni in Francia dal VI °  secolo ad oggi - Ricerca e documenti da Maurice Campione racconta di un certo numero di loro (fino al 1862, l' alluvione del 1856 è stato uno dei più importanti, che ha distrutto una parte dei bastioni), ma non hanno mai davvero fermato come dimostrato dalle alluvioni del 1943-1944 o addirittura23 gennaio 1955, e sono importanti ancora oggi come le alluvioni del 2 dicembre 2003. Per questo è stata sviluppata una nuova mappa del rischio .

La Durance, che scorre al limite meridionale della città, sfocia nel Rodano e segna immediatamente il limite con le Bouches-du-Rhône. E' un fiume chiamato "capriccioso" e un tempo temuto per il suo crudo (era chiamato il 3 e  flagello della Provenza) oltre che per la sua bassa portata , il Durance è un fiume sia alpino che mediterraneo particolarmente ben morfologia.

Ci sono diversi specchi d'acqua naturali o artificiali nella città, come il lago Saint-Chamand a est della città.

derivazioni artificiali

Molte deviazioni, con una storia molto complessa, sono state fatte nel corso della storia, sia per rifornire i fossati che circondano Avignone, sia per irrigare le colture.

Nel X °  secolo, una parte dell'acqua Sorgue Entraigues è stato deviato e ora passa sotto i bastioni di penetrare intramurale . Vedi Sorgue (Vaucluse) . Questo corso d'acqua è chiamato canale Vaucluse, ma gli avignonesi lo chiamano ancora Sorgue o Sorguette. È visibile all'interno delle mura della città nella famosa rue des Dyers. Riforniva i fossati dei primi bastioni, poi riforniva i fossati dei nuovi bastioni orientali della città (bastioni del XIV secolo ). Nel XIII °  secolo (legge firmata nel 1229), parte delle acque della Durance è stato deviato per rafforzare il fossato alimentatore, da Bonpas. Questo flusso fu in seguito chiamato Durançole. I Durançole alimentavano il fossato occidentale della città. Era anche usato per irrigare le coltivazioni di Montfavet. Intra-muros , questi corsi d'acqua sono spesso nascosti sotto strade o case e sono attualmente utilizzati come collettori fognari.

Inoltre, furono scavati il Canal de l'Hôpital (unito al Durançole) e il Canal de Crillon (1775) per irrigare i territori di Montfavet, Pontet e Vedène. Si dividono in tante "fialette" o "filioles" (in provenzale filhòlas o fiolo ). Allo stesso modo, per irrigare gli antichi ricchi giardini a sud di Avignone, fu scavato il canale Puy (1808). Tutti questi canali derivano le acque della Durance. Questi canali erano originariamente utilizzati per allagare il terreno, un tempo molto sassoso, per fertilizzarlo depositando limo.

Tutti questi canali servivano anche per far funzionare molti mulini.

Sismicità

Nell'ambito della nuova zonizzazione sismica della Francia definita nel decreto n o  2010-1255 del5522 ottobre 2010sulla delimitazione delle zone sismiche del territorio francese ed entrata in vigore il 1 maggio 2011, Avignone si trova in una zona a sismicità moderata. La precedente zonizzazione viene richiamata di seguito per la cronaca. “I cantoni di Bonnieux , Apt , Cadenet , Cavaillon e Pertuis sono classificati nella zona Ib (basso rischio). Tutti gli altri cantoni del dipartimento del Vaucluse, compresi quelli di Avignone, sono classificati nella zona Ia (rischio molto basso). Questa zonizzazione corrisponde alla sismicità risultante solo eccezionalmente nella distruzione di edifici. "

La presenza di faglie nel substrato calcareo mostra che un'importante opera tettonica ha causato terremoti in diverse ere geologiche. L'ultimo terremoto di grande magnitudo si è verificato il11 giugno 1909. Ha lasciato un segno che è ancora visibile nel centro della città, poiché il campanile dei Grands Augustins sormontato da un antichissimo campanile in ferro battuto, in rue Carreterie , è rimasto leggermente inclinato in seguito a questo terremoto.

Tempo metereologico

Il comune di Avignone, situato nella zona di influenza del clima mediterraneo , è soggetto ad un ritmo a quattro tempi: due stagioni secche, di cui una breve a fine inverno , una molto lunga ed accentuata in estate  ; due stagioni delle piogge, in autunno , con piogge abbondanti se non torrenziali, e in primavera . Le estati sono calde e secche, legate al sorgere di anticicloni subtropicali, intervallate da episodi temporaleschi a volte violenti. Gli inverni sono miti. Le precipitazioni sono poco frequenti e la neve scarsa.

Letture meteorologiche 1981-2010 statistiche e record Stazione AVIGNON (84) Alt: 34m 43°54 36″N, 4°54 ′06″E
Mese gennaio febbraio marzo aprile Maggio giugno lug. agosto sett. ottobre nov. dic. anno
Temperatura media minima ( ° C ) 1.8 2,5 5.1 7.8 12 15.7 18.1 17.8 13.8 10.7 5.8 2.4 9,5
Temperatura media (°C) 6 7.4 10.7 13,5 18 22.1 24,7 24.2 19,5 15.7 10 6.3 14.9
Temperatura media massima (° C) 10.3 12.3 16.3 19.3 24 28,4 31.2 30.7 25.2 20,7 14.1 10.3 20.3
Data di registrazione del freddo (° C)
-8.7
11.2010
-7.8
05.2012
−9,9
02.2005
-4.2
08.2021
2.4
07.2019
6.7
05.2014
10.7
18.2011
9,5
1998-30
5.5
16.2017
-2
30.2012
−7.1
1998 23
−8.6
2001-2020
−9,9
2005
Registrare calore (° C)
data di registrazione
20.8
19.2007
23.1
27.2019
26.7
1994/24
31.4
29.2005
34.2
31.2001
42.8
28.2019
39.6
31.2017
40.9
01.2020
35.5
17.2019
30.8
03.2011
23
16.2015
19.3
05.2006
42.8
2019
Precipitazioni ( mm ) 59,7 34,5 32.6 62.1 61.1 32 21.9 32,7 117.2 90,8 80.9 51.1 676.6
di cui numero di giorni con precipitazioni ≥ 1 mm 6.1 4.5 3.8 6.5 6.4 3.5 2,5 3.5 6 6.2 7.5 5,5 61,9
di cui numero di giorni con precipitazioni ≥ 5 mm 2.9 1.9 1.7 3.8 3.5 1.5 1.2 1.9 4.2 4 4.1 2.3 32,9
di cui numero di giorni con precipitazioni ≥ 10 mm 1.9 0.9 1.1 2.1 2.2 1.1 0,7 1.2 3 2.9 2.4 1.4 21
Fonte: [MétéoFrance] "  Foglio 84007005  " su donneespubliques.meteofrance.fr , modificato il: 06/06/2021 nello stato del database

Secondo Météo-France , il numero annuo di giorni di pioggia superiore a 2,5  litri per metro quadrato è 45 e la quantità di acqua, pioggia e neve insieme è di 660  litri per metro quadrato. Le temperature medie variano tra 0 e 30  °C a seconda della stagione. Il record di temperatura dall'esistenza della stazione INRA è di 42,8  °C durante l' ondata di caldo europea del giugno 2019 il 28 giugno (e 39,8  °C il18 agosto 2009) e −12,8  ° C su5 gennaio 1985. I record meteorologici si svolgono presso l'Agroparc d'Avignon.

il maestrale

Il vento principale è il maestrale , la cui velocità può superare i 110  km/h . Soffia tra i 120 ei 160 giorni all'anno, con una velocità media di 90  km/h per raffica. La tabella seguente mostra le diverse velocità del maestrale registrate dalle stazioni Orange e Carpentras-Serres nel sud della valle del Rodano e la sua frequenza durante il 2006. La normale corrisponde alla media degli ultimi 53 anni per i record meteorologici per Orange e quello degli ultimi 42 per Carpentras.

Legenda: "=": stesso come normale; "+": più alto del normale; "-": inferiore al normale.

Velocità del vento di maestrale
gennaio febbraio mar. aprile Maggio. lug. lug. agosto Sette. ottobre nov. dic.
Velocità massima registrata nel mese 106  chilometri all'ora 127  chilometri all'ora 119  chilometri all'ora 97  chilometri all'ora 94  chilometri all'ora 144  chilometri all'ora 90  chilometri all'ora 90  chilometri all'ora 90  chilometri all'ora 87  chilometri all'ora 91  chilometri all'ora 118  chilometri all'ora
Trend: giornate con
velocità > 16  m/s ( 58  km/h )
- +++ --- ++++ ++++ = = ++++ + --- = ++

Vie di comunicazione e trasporti

Rete stradale

Avignone è vicina a due autostrade:

Le strade principali sono la strada statale 100 , che va a ovest verso Villeneuve-lès-Avignon e Remoulins per 20  km prima di unirsi allo svincolo della A9 verso Nîmes , ad est verso L'Isle-sur-la-Sorgue , e la strada nazionale 7 che proviene da est si dirama poi a nord nella superstrada e si unisce alla strada dipartimentale 225. Tuttavia, l'insufficienza delle strade di accesso all'agglomerato, l'assenza di tangenziale e l'attraversamento del Rodano a nord ne fanno una città particolarmente congestionata . Il restringimento del ponte di accesso al Rodano Gard ha accentuato questo fenomeno nel 2015, che tende anche ad isolare la città dal resto dell'agglomerato.

La città offre nove parcheggi a pagamento con una capacità di 7.100 posti e mette a disposizione gratuitamente due parcheggi a staffetta custoditi con una capacità di 2.050 posti auto, con navette gratuite per il centro città, oltre ad altri cinque parcheggi gratuiti. capienza di 900 posti.

Trasporto ferroviario

Treni

Avignone è servita da 3 stazioni: Stazione Avignon-Center , stazione storica risalente al 1860 , situata al confine tra i quartieri Avignon Centre e Avignon Ouest , fuori le mura della città , di fronte ai bastioni, che può ospitare qualsiasi tipo di treno. Dal 2001 , la stazione del TGV di Avignone , nel distretto di Avignon Ouest , costruita sulla linea LGV Méditerranée (dal dicembre 2013, le sue due stazioni sono collegate da un passante ferroviario, la virgola ). Avignone ha anche una stazione TER, la stazione Montfavet , situata nel quartiere Montfavet , così come la stazione Avignon Sud, situata nel quartiere Saint-Chamand ad Avignone. Avignone ha quindi 3 stazioni: le stazioni di Avignone Centro (TGV - TER PACA - TER Occitanie - Eurostar - Marchandises), Avignone TGV (TGV - TER PACA - TER Occitanie - RENFE Spagna), Montfavet (TER PACA).

Tram

Avignone ha anche una rete di tram , inclusa una linea messa in funzione il 19 ottobre 2019. Una seconda linea è prevista per il 2023 ma i lavori non sono ancora iniziati.

Linea Caratteristiche
T1
Accessibile alle persone con mobilità ridotta
Linea T1
Saint-Roch - Università dei mestieri ⥋ Saint-Chamand - Plaine des Sports
Aperto chiuso
19 ottobre 2019 / -
Lunghezza
5.200  km
Durata
15  min
n. di fermate
10
Materiale
Alstom Citadis Compact
Giorni di funzionamento
L Ma Me J V S D
Giorno / Sera / Notte / Festivi
O/O/O/O
Vedere. / anno
-
CDEM
Saint-Chamand
Servizio: Avignone
Altro: frequenza di 6 minuti tra ogni treno. Corrispondenza con le righe C2 e C3 . Servizio al Parc-Relais Saint-Chamand. Il capolinea di Saint-Roch sarà fornito solo fino al 2023, da quest'anno sarà Jean Jaurès a sostituirlo.
T2
Accessibile alle persone con mobilità ridotta
Linea T2
Piot ⥋ Saint-Lazare - Università Arendt
Aperto chiuso
2023 / -
Lunghezza
3.200  km
Durata
9  min
n. di fermate
7
Materiale
Alstom Citadis Compact
Giorni di funzionamento
L Ma Me J V S D
Giorno / Sera / Notte / Festivi
O/O/O/O
Vedere. / anno
-
CDEM
Saint-Chamand
Servizio: Avignone
Altro: Frequenza di 6,30 minuti tra ogni treno. Corrispondenza con le righe T1 , C2 e C3 . Al servizio del Parc-Relais Piot e Les Italiens.

Trasporto aereo

L' aeroporto di Avignon-Provence si trova nella periferia della città e offre diverse rotte internazionali verso l' Inghilterra ( Southampton , Birmingham ). Dal luglio 2008 sono stati aboliti i quattro voli giornalieri per Parigi . Circa 16.000 passeggeri sono passati attraverso questo aeroporto nel 2018.

Trasporto fluviale

Porti e strutture

Il Rodano è stato per molti secoli un importante mezzo di trasporto per la città. Il traffico fluviale ad Avignone beneficia di due porti mercantili, stazioni di attracco per navi da crociera e vari sviluppi del litorale.

Navetta fluviale

È stata istituita una navetta fluviale gratuita che collega il quartiere Avignon Centre al quartiere Barthelasse-Piot .

Piste ciclabili

Velopop '

Avignone e il suo agglomerato hanno un servizio di biciclette self-service: Vélopop ' , all'interno della rete Orizo .

Piste ciclabili

La città ha anche 145 chilometri di piste ciclabili.

Taxi per biciclette

C'è anche un servizio di taxi per biciclette ad Avignone che può trasportare fino a tre persone. Questo servizio è disponibile solo nel distretto di Avignon Centre.

Trasporto pubblico

Orizo è la rete di trasporto pubblico della Grande Avignone . Possiede :

Urbanistica

Tipologia

Avignone è un comune urbano, perché fa parte dei comuni a densità densa o intermedia, ai sensi della griglia di densità comunale dell'INSEE . Appartiene all'unità urbana di Avignone , un agglomerato interregionale che raggruppa 59 comuni e 455.711 abitanti nel 2017, di cui è un centro urbano .

Inoltre, la cittadina fa parte della zona di attrazione di Avignone , di cui è il centro cittadino. Quest'area, che comprende 48 comuni, è classificata in aree da 200.000 a meno di 700.000 abitanti.

Uso del suolo

La zonizzazione del comune, come risulta dalla banca dati occupazione biofisica del suolo europeo Corine Land Cover (CLC), è segnata dall'importanza delle aree agricole (43,8% nel 2018), tuttavia in calo rispetto al 1990 (49,2%). La ripartizione dettagliata nel 2018 è la seguente: aree agricole eterogenee (28,2%), aree urbanizzate (23,7%), aree industriali o commerciali e reti di comunicazione (18,8%), colture permanenti (11%), acque continentali (8,2%), seminativi (4,3%), spazi aperti, privi o con poca vegetazione (2,4%), ambienti con vegetazione arbustiva e/o erbacea (1,8%), boschi (0,8%), verde artificiale, non agricolo (0,5%) , prati (0,3%).

L' IGN fornisce anche uno strumento online per confrontare l'evoluzione nel tempo dell'uso del suolo nel comune (o in territori a diverse scale). Diverse epoche sono accessibili come mappe aeree o foto: la mappa Cassini ( XVIII °  secolo), la mappa di personale (1820-1866) e il periodo attuale (1950 ad oggi).

Morfologia urbana

Storicamente e per ragioni strategiche, Avignone si è sviluppata tra il Rodano, che costituiva una prima barriera naturale di protezione, e il Rocher des Doms , che permetteva di vedere più lontano (o di farsi vedere per il palazzo dei papi ).

La città aveva una forma più o meno rotonda, che si allargò più volte. I primi bastioni appaiono io st  secolo verrà aggiornato, come e quando necessario per raggiungere la dimensione e la forma che conosciamo oggi. Diverse strade circolari del intramurale mantengono le tracce.

Oggi, l' area intramurale di Avignone è diventata il distretto di Avignon Center.

Quartieri

Distretto centrale Quartiere nord Distretto Ovest Distretto Est Quartiere Montfavet Quartiere Barthelasse-Piot Quartiere Saint-Chamand Distretto della tangenziale nord Distretto di South Rocade

Intra ed extramurale

intramurale

L' intramurale di Avignone corrisponde al quartiere Avignon Centre della città.

Intra-muros  " significa "dentro le mura", vale a dire qualifica la parte della città situata all'interno dei bastioni.

Gli edifici sono quindi, per la maggior parte, vecchi ma, nonostante tutto, diversi rioni (apertura della rue de la République sotto il Secondo Impero con facciate haussmanniane e migliorie alla Place de l'Horloge e costruzione dell'attuale municipio neoclassico in stile così come il teatro, il quartiere Balance ( sales , rue Thiers, ecc.) è stato ridisegnato nel corso degli anni e gli edifici ( ufficio postale , complesso scolastico Frédéric-Mistral, ecc.) sono stati ricostruiti.

Negli anni '60 , Avignone fu oggetto di un importante dibattito durante la creazione dei settori tutelati , il suo allora sindaco proponendo una ristrutturazione del quartiere Balance con una distruzione di circa due terzi dell'edificio pur non mantenendo come edifici classificati o registrati. È stata adottata una soluzione di compromesso, parte del quartiere effettivamente ristrutturata, vale a dire ricostruita, beneficiando di un vero restauro solo l'area situata vicino a Place du Palais .

Extra-muro

L' extra-muros d'Avignon corrisponde ai distretti: Avignon Ouest , Avignon Est , Avignon Nord , Nord Rocade , Sud Rocade , Saint-Chamand , Montfavet e Barthelasse-Piot della città.

"  Extra-muros  " significa "fuori dalle mura", che nel caso di Avignone significa fuori dai bastioni. A differenza degli intra-muros (all'interno delle mura e quindi dei bastioni) l'architettura è diversa:

Nel centro cittadino, all'interno dei bastioni, ci sono piccoli vicoli, vicoli ciechi e poche nuove costruzioni. La maggior parte degli edifici ha mantenuto i suoi antichi aspetti che rivelano il passato e il fascino della città dei papi.

Al di fuori dei bastioni, invece, gli edifici non hanno nulla a che vedere con quelli del centro cittadino. I quartieri extra-muros hanno pochi edifici antichi e molti grandi complessi residenziali. L'architettura è piuttosto moderna e non presenta particolari caratteri locali.

Spazi verdi

Avignone ha ricevuto il primo premio per le città in fiore al concorso dipartimentale “Città e paesi in fiore”.

La città di Avignone conta 26 parchi e giardini pubblici, per un totale di circa duecento ettari di spazi verdi.

Jardin du Rocher des Doms , Square Agricol-Perdiguier , Jardin des Carmes, Square Saint-Ruf, Square Louis-Gros, Parc Chico-Mendès , ecc. .

Alloggi

Categorie e tipologie di alloggio.
tipi nel 2008 % nel 1999 %
Insieme 48 682 100% 44.064 100%
Residenze principali 41 938 86,10% 38.319 87,00%
Residenze secondarie 1.031 2,10% 784 1,80%
Abitazioni libere 5.713 11,70% 4.961 11,30%
Case 14 663 30,10% 13 560 30,80%
Appartamenti 33 832 69,50% 29.446 66,80%
Abitazioni principali in base allo stato degli occupanti
tipi nel 2008 % Numero
di persone
Anzianità media
nei locali
nel 1999 %
Insieme 48 682 100% 88 163 12 38.319 100%
Proprietari 15.197 36,20% 32.006 20 13 525 35,30%
Inquilini 25.863 61,70% 55 765 8 23 377 61,00%
incluso inquilino HLM 11 658 27,80% 29.421 11 11 452 29.00%
Alloggio gratuito 879 2,30% 1.839 10 1.417 3,70%

toponomastica

Origine del nome Avignon

Le forme più antiche del nome sono riportate dai greci  : Аὐενιὼν = Auenion ( Stefano di Bisanzio , Strabone , IV, 1, 11), Άουεννίων = Aouennion ( Tolomeo , II, x).

L'appellativo romano Avennĭo Cavarum ( Pomponius Mela , II, 575, Plinio III, 36), cioè Avignon des Cavares, specifica che Avignone è una delle tre città della tribù celto-ligure dei Cavares , con Cavaillon e Orange .

I toponimisti fanno risalire il nome ad un tema pre -indoeuropeo o prelatino ab-ê n il suffisso -i-On (e) . Questo tema sarebbe un idronimo, cioè un nome legato al fiume (Rodano), ma forse anche un oronimo in rilievo (il Rocher des Doms).

L'Auenion l' ho st  secolo  aC. AD ha latinizzato Avennĭo (o Avenio ) -onis l' ho st  secolo per poi scrivere Avinhon ortografia convenzionale o Avignoun [aviɲũ] in Mistralian detto script. I suoi abitanti sono chiamati in provenzale occitano le avinhonencs (scrittura classica) o avignounen (scrittura Mistralian).

“Ad Avignone” o “ad Avignone”?

Secondo l' Accademia di Francia , l'espressione "in Avignone", attestata dai migliori autori al posto di "in Avignone", può essere spiegata come arcaismo e come regionalismo provenzale. Continua ad essere utilizzato a livello nazionale da una parte non trascurabile della popolazione e della stampa ma sembra in declino.

Si possono dare due spiegazioni sull'origine di questo "en":

  • linguistico e letterario  : la lingua occitana non tollera iato. Per questo in Provenza (uno dei dialetti dell'occitano), si dice un Avinhon , à-n-Avignoun , come un Arle , à-n-Arle , ma anche come Aiz , à-z-Ais ( in Aix ). Frédéric Mistral cita anche ad Avignoun . Questa particolarità deve aver influenzato il francese locale e meno locale, come dimostrano una moltitudine di altri esempi (nozione di francese regionale , di francese );
  • storia  : la locuzione "in Avignone" designava originariamente lo stato pontificio di Avignone che esisteva fino al 1791. Noi risiedevamo quindi ad Avignone , come potevamo risiedere in Provenza .

Secondo il municipio di Avignone, la preposizione "en" può essere usata quando si parla della regione intorno alla città, mentre "à" è appropriata quando si parla della città stricto sensu .

Storia

Preistoria

Questo sito fu occupato fin dal Neolitico come dimostrano i siti di scavo della roccia Doms e il quartiere Balance.

Nel 1960 e nel 1961 , gli scavi nella parte settentrionale del Rocher des Doms diretti da Sylvain Gagnière hanno portato alla luce una piccola stele antropomorfa (altezza: 20  cm ) che è stata trovata in un'area di terra lavorata. Scolpito in melassa burdigaliana, ha la forma di una “stele funeraria” con il volto inciso con una figura umana molto stilizzata e senza bocca i cui occhi sono segnati da cupole. Nella parte inferiore, leggermente spostata a destra, è stata scavata una profonda coppa dalla quale emergono otto linee che formano una rappresentazione solare, scoperta unica su questo tipo di stele.

Rispetto a identiche rappresentazioni solari, questa stele rappresentante la “prima Avignone” è stata classificata in un periodo compreso tra l'età del rame e il bronzo antico che corrisponde al Calcolitico meridionale.

Ciò è stato confermato dai ritrovamenti effettuati in questo scavo, situato nei pressi del grande serbatoio d'acqua sulla sommità della roccia, dove sono state portate alla luce due asce levigate in roccia verde, un'industria litica caratteristica dei "pastori degli altipiani", alcuni oggetti calcolitici ornamenti e una grande abbondanza di frammenti di ceramica Hallstattian indigena o importata (ionica e focea).

antichità

Date il nome della città in tutto il VI °  secolo  aC. dC La prima citazione di Avignone ( Aouen (n)ione ) fu fatta da Artemidoro Efeso . Se la sua opera, La Périple , è andata perduta, è conosciuta dal riassunto fatto di essa da Marciano di Eraclea e dall'Etnico , dizionario dei nomi delle città che Stefano di Bisanzio fece sulla base di questa scrittura. Lì indica:

"Città di Massalia (Marsiglia), presso il Rodano, il nome etnico (il nome degli abitanti) è Avenionsios (Avenionensis) secondo il nome locale (in latino) e Auenionitès secondo l'espressione greca" . Questo toponimo ha due interpretazioni: città del vento violento o ancora più probabilmente signore del fiume . Altre fonti fanno risalire la sua origine al simpatico gallico (palude) e all'articolo determinativo celtico.

Semplice emporio greco fondato dai Focesi di Marsiglia intorno al 539 a.C. BC è nel IV °  secolo  aC. dC che i Massalioti iniziarono a firmare trattati di alleanza con alcune città della valle del Rodano tra cui Avignone e Cavaillon. Un secolo dopo, Avignone fa parte della “  regione dei Massalioti  ”. o la "  terra di Massalia  ".

Fortificata sulla sua rocca, la città divenne in seguito e rimase a lungo la capitale dei Cavares . Quando le legioni romane arrivarono intorno al 120 a.C. dC, i Cavare, alleati dei Massalioti, diventano quelli di Roma. Passata sotto la dominazione dell'Impero Romano , Aouenion diventa Avennio e fa ora parte della Gallia Narbona ( 118 aC), poi della II ° Viennese. Avignone rimane una “  città federata  ” di Marsiglia fino alla conquista della città focea da parte di Alexandre Bonnet du Pontet e Décimus Junius Brutus, luogotenenti di Cesare, poi diventa città di diritto latino nel 49 a.C. dC Acquisì lo status di colonia latina nel 43 aC. J.-C .. Pomponio Mela lo colloca tra i centri più fiorenti della provincia.

Negli anni 121 e 122 , l'imperatore Adriano soggiornò nella Provincia dove visitò Vaison , Orange , Apt e Avignone. Concede a quest'ultima città lo status di colonia romana: “  Colonia Julia Hadriana Avenniensis  ” ed i suoi cittadini sono iscritti alla tribù .

In seguito al passaggio di Maximien Hercules , che stava per combattere i Bagaudes , contadini gallici ribelli, fu costruito un primo ponte di legno sul Rodano e unì Avignone alla riva destra. È stato datato dalla dendrocronologia all'anno 290 . Al III °  secolo, esiste una piccola comunità cristiana fuori le mura intorno a quello che diventerà il Saint-Ruf.

Alto Medioevo

Se non si conosce con certezza la data della cristianizzazione della città e se i suoi primi evangelizzatori e prelati provengono dalla tradizione agiografica, ciò che è assicurato è la partecipazione di Nettario, primo storico vescovo di Avignone , il29 novembre 439, al consiglio regionale nella cattedrale di Riez hanno partecipato i tredici vescovi delle tre province di Arles .

Nel novembre 441 , Nettario d'Avignon, accompagnato dal suo diacono Fontidio, partecipò al Concilio d'Orange convocato e presieduto da Hilaire d'Arles , dove i padri conciliari definirono il diritto d'asilo. L'anno successivo, con i suoi lettori Fonteio e Saturnino, si trovò al primo concilio di Vaison con diciassette vescovi, in rappresentanza delle Sette Province . morì nel 455 .

Le grandi invasioni sono iniziate e le città della valle del Rodano non fanno eccezione. Nel 472 , Avignone fu saccheggiata dai Burgundi e rifornita da Patiens, il metropolita di Lione , che le mandò il grano.

Nel 500 , Clodoveo I ehm , re dei Franchi , attacco Gondebaud re dei Burgundi , accusato dell'omicidio del padre di sua moglie Clotilde . Battuto, questo lascia Lione e si rifugia ad Avignone che Clodoveo assedia. Grégoire de Tours riferisce che il re dei Franchi devastò i campi, abbatté le viti, rase al suolo gli ulivi e saccheggiò i frutteti. La Borgogna viene salvata dall'intervento del generale romano Aredius. Lo aveva chiamato in suo aiuto contro i "barbari franchi" che stavano rovinando il paese.

Nel 536 , Avignone seguì le sorti della Provenza che fu ceduta ai Merovingi da Vitigès , il nuovo re degli Ostrogoti . Clotario I st annettere Avignone, Orange, Carpentras e Gap  ; Childeberto I st , Ariete e Marsiglia  ; Thibert I er , Aix , Apt , Digne e Glandevès . L'imperatore Giustiniano , a Costantinopoli , approva questa cessione.

Nonostante tutte le invasioni, la vita intellettuale continua a fiorire sulle rive del Rodano. Gregorio di Tours nota che dopo la morte del vescovo Antonino, nel 561 , l'abate parigino Dommole rifiutò il vescovado di Avignone con Clotario I er , convinto che sarebbe stato ridicolo "tra senatori e sofisti giudici filosofici che lo avrebbero stancato" .

Nel 583 Avignone subì un assedio militare, nell'ambito della rivalità tra Austrasia e Borgogna per il controllo della Provenza, questione resa più complessa dalla congiura di Gondovald.

Il VII ° e VIII TH  secoli sono la storia più oscura di Avignone. La città cadde preda dei Franchi sotto Thierry II (Teodorico), re d' Austrasia , nel 612 . Il Concilio di Chalon è l'ultimo che, nel 650 , indica una partecipazione episcopale delle diocesi provenzali. Ad Avignone non ci sarà più un vescovo per 205 anni, l'ultimo detentore noto è Agricol.

Nel 737 , Carlo Martello riconquistò la città dagli arabi durante la battaglia di Avignone .

Il governo centralizzato viene sostituito e nell'879 , il vescovo di Avignone, Ratfred con altri colleghi provenzali, va a plaid Mantaille a Vienna , dove Bosone I fu eletto per primo re di Provenza.

Il Rodano può essere ripreso dall'890 , parte dell'antico ponte di Avignone viene restaurato con la batteria n °  14 nei pressi di Villeneuve . Nello stesso anno, Louis , figlio di Boson, successe al padre. La sua elezione avvenne alla Plea de Varennes , vicino a Mâcon , e Thibert , che fu il suo più efficace appoggio, divenne conte di Apt. Nel 896 , ha agito come plenipotenziario del re ad Avignone, Arles e Marsiglia, con il titolo di "governatore generale di tutta la contea di Arles e della Provenza". Due anni dopo, su sua richiesta, re Luigi donò Bédarrides al sacerdote Rigmond d'Avignon.

Il 19 ottobre 907, Re Luigi, divenuto imperatore e cieco, restituisce a Remigio, vescovo di Avignone, un'isola del Rodano. Questa carta porta la prima menzione di una chiesa cattedrale dedicata a Maria .

Dopo la cattura e poi la tortura di suo cugino, Luigi III , esiliato dall'Italia nel 905 , Hugues d'Arles divenne suo consigliere e reggente personale. Esercitò poi la maggior parte delle prerogative del regno di Provenza e nel 911 , quando Luigi III gli cedette i titoli di Duca di Provenza e Marchese de la Viennoise , lasciò Vienne e si stabilì ad Arles, sede originaria della sua famiglia. fece la nuova capitale della Provenza.

Il 2 maggio 916, Louis l'Aveugle restaura le chiese di Saint-Ruf e Saint-Géniès alla diocesi di Avignone. Lo stesso giorno, il vescovo Fulcherio ha provato a favore dei suoi canonici e delle due chiese di Notre-Dame e Saint-Étienne che formano la sua cattedrale.

Un importante evento politico ebbe luogo nel 932 con la riunione del regno di Provenza e quello dell'Alta Borgogna . Questa unione forma il regno di Arles, di cui Avignone è una delle città più forti.

Alla fine del IX °  secolo, i musulmani di Spagna si stabilirono una base militare in Fraxinet dal momento che ha portato le razzie nelle Alpi durante tutto il X °  secolo.

Nel 972 , nella notte tra il 21 e il 22 luglio , catturarono Dom Mayeul , l'abate di Cluny, che stava tornando da Roma. Chiedono una sterlina di riscatto a testa, cioè 1000  sterline, una somma enorme, che viene subito pagata loro. Maïeul è stato rilasciato a metà agosto ed è tornato a Cluny a settembre.

Nel settembre 973 , Guillaume e suo fratello maggiore Roubaud , figlio del conte d'Avignone Bosone II , mobilitarono, in nome di Dom Maïeul, tutti i nobili provenzali. Con l'aiuto di Ardouin , marchese di Torino , dopo due settimane di assedio, le truppe provenzali scacciano i Saraceni dalle loro tane di Fraxinet e Ramatuelle , poi da quella di Peirimpi, presso Noyers , nella valle di Jabron . Guillaume e Roubaud vi vinsero il titolo di conti di Provenza. La prima sede ad Avignone, la seconda ad Arles.

Nel 976 , mentre Bermond-legge di Eyric, nominato visconte d'Avignon dal re Corrado il Pacifico , il 1 °  aprile, il cartulario di Notre-Dame des Doms Avignone indica che il Vescovo ripristina diritti Landry che aveva ingiustamente appropriati dai canoni di Saint-Étienne. Diede loro un mulino e due case, che aveva costruito per loro sul sito dell'attuale torre Trouillas del palazzo papale . Nel 980 , questi canonici furono nominati capitolo canonico dal vescovo Garnier.

Nel 994 , Dom Maïeul arrivò ad Avignone dove morì il suo amico Guillaume il Liberatore. Lo assiste nei suoi ultimi istanti sull'isola di fronte alla città sul Rodano. Il conte ha come successore il figlio che aveva avuto dalla seconda moglie Alix. Questo regnerà in possesso congiunto con suo zio Roubaud sotto il nome di Guillaume II . Ma di fronte al potere conte e vescovile, il comune di Avignone si organizza. Intorno all'anno 1000 esiste già un proconsole Béranger a noi noto, con la moglie Gilberte, per aver fondato un'abbazia nel “Castrum Caneto”.

Il regno di Arles, nel 1032 , fu annesso al Sacro Romano Impero. Il Rodano è ormai un confine che può essere attraversato solo sul vecchio ponte di Avignone. Alcuni abitanti di Avignone usano ancora le espressioni "  terra dell'impero  " per designare il lato avignonese e "terra del regno" per designare il lato Villeneuvois a ovest, che era il possesso del re di Francia .

Tardo Medioevo

Dopo la spartizione dell'impero di Carlo Magno , Avignone, inclusa nel regno di Arles o regno di Deux-Bourgogne , fu posseduta congiuntamente dai conti di Provenza e Forcalquier , poi da quelli di Tolosa e Provenza.

Sotto la sovranità di questi conti, fu dotato di un'amministrazione autonoma (creazione di un consolato nel 1129 , due anni prima della vicina Arles ). Se abbiamo trovato  ad Avignone un'impronta ebraica del IV ° secolo, la presenza ebraica è attestata fin dal XII °  secolo. Gli ebrei poi risiedono nel distretto di rue vieux juiverie, a meno che non sia rue Abraham.

Almeno un insegnamento intermittente del diritto è attestato ad Avignone dal 1130.

Nel 1209 avviene il Concilio di Avignone con una seconda scomunica per Raimondo VI di Tolosa .

Durante la guerra contro gli Albigesi , la città essendosi schierata con Raimondo VII di Tolosa , conte di Tolosa , fu assediata e presa dal re di Francia Luigi VIII il9 settembre 1226.

Alla fine di settembre, vale a dire pochi giorni dopo la resa della città alle truppe del re Luigi VIII, Avignone subì un'alluvione.

Nel 1249 fu costituita una repubblica con la morte di Raimondo VII, i suoi eredi erano partiti per la crociata.

Ma nel 1251 , fu costretta a sottomettersi ai due fratelli di Saint Louis , Alphonse de Poitiers e Charles d'Anjou , eredi delle donne del marchesato e della contea di Provenza , che ne furono cofirmatari. Dopo la morte di Alfonso ( 1271 ), Filippo III di Francia ereditò la sua quota di Avignone, e la trasmise nel 1285 a suo figlio Filippo il Bel . La cedette nel 1290 a Carlo II d'Angiò , che da allora rimase unico proprietario dell'intera città.

Il papato di Avignone

Nel 1309 , sotto papa Clemente V , all'epoca del Concilio di Vienna , Avignone divenne residenza pontificia. Il suo successore, Giovanni XXII , già vescovo di questa diocesi, ne fece la capitale della cristianità e trasformò il suo antico palazzo episcopale nel primo palazzo dei papi. E 'stato Benedetto XII che ha costruito il Palazzo Vecchio e il suo successore Clemente VI , il Palazzo Nuovo . Ha comprato la città, il9 giugno 1348a Giovanna I re Napoli , regina di Napoli e contessa di Provenza . Innocenzo VI la dotò di bastioni. I suoi due successori Urbano V e Gregorio XI volevano tornare a Roma. Il secondo tentativo è stato quello giusto. Ma la morte prematura del settimo papa di Avignone, causò il grande scisma d'Occidente . Clemente VII e Benedetto XIII regnarono di nuovo ad Avignone. In totale furono quindi nove i papi che si succedettero nel palazzo papale e lo arricchirono durante il loro pontificato.

Sotto il loro regno, la Corte ribolliva e attirava molti mercanti, pittori, scultori e musicisti. Il loro palazzo, l'edificio più notevole in stile gotico internazionale , fu il risultato, per la sua costruzione e decorazione, del lavoro congiunto dei migliori architetti francesi, Pierre Peysson e Jean du Louvres, detto de Loubières, e del più grande affresco pittori della Scuola Senese , Simone Martini e Matteo Giovanetti .

La biblioteca papale di Avignone è stato il XIV °  secolo, il più grande d'Europa con 2000 volumi. Ella cristallizzò intorno a sé un gruppo di chierici appassionati di belles-lettres da cui doveva venire Petrarca , il fondatore dell'umanesimo . Mentre la Cappella Clementina, nota come Grande Chapelle, attirò compositori , cantori e musicisti , tra cui Philippe de Vitry, inventore dell'Ars Nova, e Johannes Ciconia .

Urbano V sarà il primo a decidere di tornare a Roma con grande felicità di Petrarca , ma la situazione caotica che vi trova e i vari conflitti gli impediscono di restarvi. Morì poco dopo il suo ritorno ad Avignone.

Il suo successore Gregorio XI decide a sua volta di tornare a Roma, che pone fine al primo periodo del papato di Avignone. Quando Gregorio XI riportò la sede del papato a Roma nel 1377 , la città di Avignone era amministrata da un legato . I papi tornarono ad abitarvi durante il Grande Scisma ( 1379 - 1411 ). Poi, ancora, la città fu amministrata da un legato , assistito, stabilmente dal 1542 , da un vice-legato .

Tempi moderni

Alla morte dell'arcivescovo di Arles Philippe de Lévis ( 1475 ), papa Sisto IV di Roma ridusse la diocesi di Arles  : staccò la diocesi di Avignone dalla provincia di Arles, la istituì arcivescovado e gli assegnò come suffraganti i comtadini vescovati di Carpentras , Cavaillon e Vaison-la-Romaine .

Nel XV °  secolo, la città di Avignone subisce una grande alluvione del Rodano. Re Luigi XI ha quindi sostenuto la riparazione di un ponte nell'ottobre 1479, attraverso le sue lettere patenti.

Nel 1562 , la città fu assediata dal barone des Adrets , che voleva vendicare il massacro di Orange .

Carlo IX passa per la città durante il suo giro reale di Francia ( 1564 - 1566 ), accompagnato dalla corte e dai grandi del Regno: suo fratello il Duca d'Angiò , Enrico di Navarra , i cardinali di Borbone e Lorena . La corte rimase lì per tre settimane.

1618 , esilio di Richelieu ad Avignone.

La città ricevette la visita di Vincenzo de' Paoli nel 1607 e quella di Francesco di Sales nel 1622 .

Nel 1691 fu abolita la funzione di legato e il vice-legato ormai da solo governava la città. Successivamente Avignone rimase quindi possedimento papale fino alla Rivoluzione francese . Questo è il motivo per cui il pretendente Jacques-Édouard Stuart, figlio di Jacques II cacciato dal suo trono d'Inghilterra dalla “gloriosa rivoluzione”, si stabilisce con i suoi compagni giacobiti nella città papale nel 1716. Vi viene accolto con gli onori dal Vice-legato.

Agli inizi del XVIII °  secolo, le strade di Avignone sono ancora stretta e tortuosa, ma il telaio si trasforma e le case stanno gradualmente sostituendo i vecchi hotel. Intorno alla città, piantagioni di gelsi, frutteti e prati.

Il 2 gennaio 1733, François Morénas fondò un giornale, il Courrier d'Avignon , il cui nome si evolverà nel tempo e nei divieti. Pubblicato nell'enclave papale, fuori dal regno di Francia, poi a Monaco, il giornale sfuggì al sistema di controllo della stampa in Francia (privilegio previa autorizzazione) mentre subiva il controllo delle autorità pontificie. Il Courrier d'Avignon apparve dal 1733 al 1793 con due interruzioni, una tra il luglio 1768 e l'agosto 1769 a causa dell'annessione di Avignone alla Francia e l'altra tra30 novembre 1790 e il 24 maggio 1791.

Dalla Rivoluzione francese alla fine del XIX °  secolo

Il 12 settembre 1791, l' Assemblea Nazionale Costituente ha votato per l' annessione di Avignone e la riunione del Comtat Venaissin al regno di Francia , a seguito di un referendum sottoposto agli abitanti di detto Comtat.

La notte dal 16 al17 ottobre 1791, dopo il linciaggio di massa del segretario-cancelliere del comune sospettato ingiustamente di volersi impossessare dei beni ecclesiastici, si verificarono le cosiddette stragi di Glacière , episodio nero nella storia del paese dove una sessantina di persone furono sommariamente giustiziate e gettate in la parte inferiore di una torre del palazzo papale .

Il 7 luglio 1793, gli insorti federalisti del generale Rousselet entrano ad Avignone. Durante il passaggio della Durance per la presa della città da parte delle truppe marsigliesi, una sola persona rimase uccisa, Joseph Agricol Viala . Il 25 luglio , il generale Carteaux comparve davanti alla città che fu abbandonata il giorno successivo dalle truppe del generale Rousselet a seguito di un errore di interpretazione degli ordini di Marsiglia.

Alla creazione del dipartimento di Vaucluse su12 agosto 1793, la città diventa la sua capitale . Questo incontro fu confermato nel 1797 dal Trattato di Tolentino . Il 7 Vendémiaire anno IV , il Chevalier de Lestang conquistò la città per i realisti , con una truppa di 10.000 uomini. Il rappresentante in missione Boursault prende il controllo della città e fa sparare a Lestang.

Durante la Rivoluzione e nel 1815 , Avignone fu teatro di deplorevoli eccessi del Terrore Bianco . Il2 agosto 1815, il maresciallo Brune viene assassinato lì.

Negli anni 1820-1830 Villeneuve fu costretta a cedere parte del suo territorio ad Avignone; è l'isola di Barthelasse.

Il 18 ottobre 1847, la linea ferroviaria Avignone - Marsiglia è aperta dalla Compagnie du chemin de fer d'Avignon a Marsiglia . Nel 1860 fu costruita l'attuale stazione di Avignone-Centro . Nel novembre 1898 fu inaugurata la rete tranviaria della compagnia di tranvie elettriche di Avignone per sostituire l'ex compagnia di trasporti trainati da cavalli.

Durante il colpo di stato del 2 dicembre 1851 , gli avignonesi, compreso Alphonse Gent , cercarono di opporvisi.

Nel 1856 , un'inondazione eccezionale della Durance inondò Avignone .

Il XX °  secolo ad oggi

Appena eletto Presidente della Repubblica all'inizio del 1913 , Raymond Poincaré visitò la Provenza a metà ottobre. Nel suo libro Al servizio della Francia: Europa sotto le armi: 1913 , ha dato una descrizione delle sue visite successive. Il suo obiettivo primario era quello di verificare in situ , lo stato d'animo dei Félibres nella probabile ipotesi di un conflitto con la Germania. Incontrò a Maillane e Sérignan-du-Comtat , i due più illustri Frédéric Mistral e Jean-Henri Fabre . Tra questi due incontri, fece una pausa ad Avignone dove fu ricevuto trionfalmente all'Hôtel de Ville. Già l'accoglienza ricevuta al Mas du Juge dal poeta e il pranzo comune che avevano consumato nel treno presidenziale alla stazione di Graveson , lo avevano rassicurato sul patriottismo dei provenzali. Fu quindi, in questi termini, che si rivolse al Premio Nobel per la Letteratura: “Caro e illustre maestro, a te che hai individuato, in onore di una terra francese, monumenti imperituri; a voi che avete innalzato il prestigio di una lingua e di una letteratura di cui la nostra storia nazionale ha motivo di essere orgogliosa; a te che, glorificando la Provenza, hai tessuto per la Francia una verdeggiante corona d'ulivo; a te augusto maestro porto la testimonianza del riconoscimento della Repubblica e della grande patria” .

Il XX °  secolo ha visto un importante sviluppo dell'urbanizzazione principalmente nel extra-murale e diversi progetti importanti stanno emergendo. Tra il 1920 e il 1975 la popolazione praticamente raddoppiò nonostante la cessione di Pontet nel 1925 e la seconda guerra mondiale .

Dal punto di vista dei trasporti, 1937 ha visto la creazione di Avignone-Caumont dell'aeroporto che diventerà un aeroporto e sperimenteranno una crescita significativa a partire dai primi anni 1980 fino ai giorni nostri con l'apertura di linee internazionali, una nuova torre, lavori di ampliamento. Traccia , ecc . Settembre 1947  : prima edizione del futuro Festival di Avignone .

Dopo la seconda guerra mondiale, il 11 novembre 1948, Avignone riceve una citazione all'ordine della divisione. Questa distinzione include il premio della Croix de Guerre con una stella d'argento. La città si sta rialzando, sviluppando il suo festival, rispolverando i suoi monumenti, sviluppando il suo turismo e il suo commercio.

Nel 1977 ha vinto il Premio Europa, assegnato dal Consiglio d'Europa.

1996 , viene avviato il progetto per la linea LGV Méditerranée . Il suo viaggio lo porta attraverso la città e sul Rodano. Dal 1998 al 2001 , costruzione della stazione TGV di Avignone .

Politica e amministrazione

Un altro nome: "La Città dei Papi"

Avignone è la capitale del dipartimento del Vaucluse , dell'arrondissement di Avignone e di quattro cantoni:

Cantoni confinanti con Avignone
Avignone-Nord
Avignone-Ovest Avignone Avignone Est
Avignone-Sud Altri cantoni della Vaucluse

Inoltre, Avignone è la sede della comunità dell'agglomerato di Grand Avignon .

Tendenze e risultati politici

Durante il referendum europeo sul Trattato di Maastricht (scrutinio di20 settembre 1992), su 52.044 iscritti, hanno votato 36.753, che rappresenta una partecipazione del 70,62% del totale, ovvero un'astensione del 29,38%. Ci fu una vittoria di no , con 18.557 voti (51.85%) contro 17.231 voti (48,15%) pronunciate sì e 965 (2,63%) di vuoti o nulli voti.

Nelle elezioni presidenziali del 2002 , l'affluenza alle urne raggiunse il 71,39% contro il 78,65% del secondo turno. Il primo turno ha visto Jean-Marie Le Pen ( FN ) prendere il comando con il 22,02% dei voti seguito da Jacques Chirac ( RPR ) con il 21,59% e Lionel Jospin ( PS ) con il 15,60% dei voti. Nessun altro candidato raggiunge il 10%. Al secondo turno, Jacques Chirac si è imposto con il 75,81% dei voti contro il 24,19% di Jean-Marie Le Pen .

Alle elezioni europee del 2004 , su 53.823 iscritti, hanno votato 21.792, il che rappresenta una partecipazione del 40,49% del totale, ovvero un'astensione del 59,51%. È Michel Rocard per il PS che arriva primo con il 31,16% dei voti seguito da Françoise Grossetête ( UMP ) con il 16,01% dei voti e poi da Jean-Marie Le Pen ( FN ) con il 14,88%. Nessun altro candidato supera il 10%.

Nel referendum sulla costituzione europea (scrutinio29 maggio 2005), su 53.653 iscritti, hanno votato 35.229, che rappresenta una partecipazione del 65,66% del totale, ovvero un'astensione del 34,34%. C'è stata una vittoria contro con 20.518 voti (59,49%), 13.973 voti (40,51%) a favore e 738 (2,09%) a vuoto o nulli.

Nelle elezioni presidenziali del 2007 , il primo turno ha visto in testa Nicolas Sarkozy ( UMP ) con il 30,44%, seguito da Ségolène Royal ( PS ) con il 28,68% e François Bayrou ( UDF ) con il 15,65%, Jean-Marie Le Pen ( FN ) con il 13,00%, quindi nessun altro candidato superiore al 5%. Il secondo turno ha visto Nicolas Sarkozy passare in vantaggio con il 52,02% (risultato nazionale: 53,06%) contro il 47,98% di Ségolène Royal (risultato nazionale: 46,94%).

Nelle elezioni legislative del giugno 2007 , gli elettori della città, che fa parte della prima circoscrizione del Vaucluse , hanno contribuito alla rielezione di Marie-Josée Roig ( UMP ) con il 55,52% dei voti contro il 56,71% a livello di circoscrizione.

Alle elezioni europee del 2009 , su 54.993 iscritti, hanno votato 21.315, che rappresenta una partecipazione del 38,76% del totale, ovvero un'astensione del 61,24%. I risultati sono Françoise Grossetête ( UMP ) con il 25,39% dei voti, seguita da Michèle Rivasi ( Europe Écologie ) con il 18,17%, da Vincent Peillon ( PS ) con il 16,52%, da Jean-Marie Le Pen ( FN ) con il 10,61%, quindi nessun altro elenco ha superato il 10%.

Nelle elezioni presidenziali del 2012 l' affluenza alle urne ha raggiunto il 77,72% al primo turno e poi il 78,57% al secondo turno. Il primo turno ha visto primeggiare François Hollande ( PS ) con il 30,87% dei voti seguito da Nicolas Sarkozy ( UMP ) con il 23,12% e Marine Le Pen ( FN ) con il 20,51%, Jean-Luc Mélenchon ( FG ) con il 13,46%. Nessun altro candidato ottiene il 10% dei voti. Al secondo turno, François Hollande guida con il 54,92% dei voti contro il 45,08% di Nicolas Sarkozy .

Il primo turno delle elezioni comunali del 2014 ad Avignone , segnato dalla rinuncia di Marie-Josée Roig a candidarsi per un nuovo mandato, porta il candidato del FN Philippe Lottiaux in prima posizione al primo turno, con il 29,63% dei voti, davanti a La candidata PS Cécile Helle (29,54%) e l'UMP Bernard Chaussegros (20,9%). Cécile Helle vince il triangolare del secondo turno con il 47,47% dei voti, contro la candidata frontista (35,02%) e l'UMP (17,50%).

Alle europee del 2014 , su 54.361 iscritti, hanno votato 22.411, che rappresenta una partecipazione del 41,23% del totale, ovvero un'astensione del 58,77%. È Jean-Marie Le Pen ( FN ) che guida il ballottaggio con il 29,07% dei voti seguito da Renaud Muselier ( UMP ) con il 16,95% dei voti, Vincent Peillon ( PS ) con il 14,82% e infine da Michèle Rivasi ( Europa Ecologie ) con l'11,90%. Nessun altro elenco ha superato il 10%.

Tabella riassuntiva
scrutinio 1 ° turno 2 giorni di giro
1 st % 2 ° % 3 giorni % 4 giorni % 1 st % 2 ° % 3 giorni %
Comunale 2014 FN 29.63 PS-EELV 29.54 UMP 20.90 FG 12.46 PS-EELV 47.47 FN 35.02 UMP 17.50
Europeo 2014 FN 29.07 UMP 16.95 PS 14.82 EELV 11.90 Tour singolo
Regionale 2015 FN 35.86 PS 25.79 UMP 17.01 EELV 9.53 UMP 60.04 FN 39.96 n. 3 rd
presidenziale 2017 BIA 28.35 FN 21.15 EM 20.75 LR 16.44 LREME 67.11 FN 32.89 n. 3 rd
Legislativo 2017 EM 30.63 FN 19.07 BIA 14.24 LR 10.56 LREME 62.18 FN 37.82 n. 3 rd
Europei 2019 RN 32.50 LREME 19.25 EELV 12.36 LR 7.24 Tour singolo

Amministrazione comunale

Oltre al municipio, Avignone ha 9 municipi annessi.

Il consiglio comunale della città è composto da 53 rappresentanti eletti così distribuiti:

Avignone è la prefettura del Vaucluse e quindi ha sul suo territorio molti edifici amministrativi, in particolare l'Archivio Dipartimentale del Vaucluse che, come quelli di tutti i dipartimenti francesi, furono creati nel 1796 , o il Centro Dipartimentale di Documentazione Educativa del Vaucluse.

Bilancio 2007

La bozza del 15 febbraio 2007 per il bilancio 2007 . del Comune di Avignone è per un importo complessivo di 218,7  milioni di euro .

Con una sezione operativa di 150,4  M€ , il Comune prevede di liberare 19,7  M€ di autofinanziamento.

I ricavi operativi effettivi sono così suddivisi:

  • 53,9  milioni di euro in prodotti fiscali e tasse;
  • 44,5  M € Grand Avignone;
  • 43,4  milioni di euro in stanziamenti governativi e azionari (moderato incremento);
  • 8,2  milioni di euro per il resto.

Dal 1996 , l'imposta sulla casa (dal 22,41 al 19,24) e l'imposta sugli immobili non costruiti (da 62,36 a 55,18) sono diminuiti. La “tassa sugli immobili costruiti” è alla stessa aliquota (25,64).

Le spese operative effettive sono così suddivise:

  • 67,3  milioni di euro per costi del personale e assimilati;
  • € 29,5  milioni di contributi e quote;
  • 23,9  milioni di euro in Acquisti di beni e servizi;
  • € 9,7  milioni di oneri finanziari;
  • 0,2  M € per il resto.
Tassazione locale Local La tassazione delle famiglie e delle imprese ad Avignone nel 2009
Imposta Condivisione in comune Quota intercomunale Quota dipartimentale Quota regionale
Tassa sulla casa (TH) 20,49% 0,00% 7,55% 0,00%
Imposta di proprietà sugli immobili costruiti (TFPB) 27,31% 0,00% 10,20% 2,36%
Imposta di proprietà sugli immobili non edificati (TFPNB) 58,77% 0,00% 28,96% 8,85%
Imposta sulle imprese (TP) 0,00% 24,56% 13.00% 3,84%

La quota regionale della tassa di soggiorno non è applicabile.

La tassa professionale è stata sostituita nel 2010 dal contributo immobiliare (CFE) sul valore locativo degli immobili e dal contributo sul valore aggiunto aziendale (CVAE) (entrambi costituenti il contributo economico territoriale (CET) che è un'imposta locale introdotta dalla legge finanziaria per il 2010).

Bilancio e fiscalità 2016

Nel 2016 il bilancio del comune è stato così composto:

  • reddito operativo totale: 156.466 mila  euro , ovvero 1.696  euro per abitante;
  • costi operativi totali: 138.456.000  € , ovvero 1.501  € per abitante;
  • risorse complessive di investimento:  48.212.000 euro , ovvero 523  euro per abitante;
  • impieghi complessivi di investimento: € 49.881.000  , ovvero € 541  per abitante.
  • debito:  € 186.107.000, ovvero € 2.018  per abitante.

Con le seguenti aliquote fiscali:

  • tassa di soggiorno: 20,49%;
  • imposta sugli immobili costruiti: 27,31%;
  • imposta sugli immobili non edificati: 58,77%;
  • imposta addizionale all'imposta patrimoniale sugli immobili non edificati: 0,00%;
  • contributo di proprietà dell'impresa: 0,00%.

Cifre chiave Reddito familiare e povertà nel 2014: Mediana nel 2014 del reddito disponibile, per unità di consumo: 15.887  € .

Sindaci del comune

Dal 1953 ad Avignone sono stati eletti sei sindaci:

Elenco dei sindaci dal 1953
Periodo Identità Etichetta Qualità
1953 1958 Edouard Daladier Partito Socialista Radicale  
1958 1983 Henri Duffaut SFIO poi PS  
1983 1989 Jean-Pierre Roux RPR  
1989 1995 Guy Ravier PS  
1995 2014 Marie-Josée Roig RPR poi UMP  
2014 In corso Cecile Helle PS  

Organi giudiziari e amministrativi

Palazzo di giustizia  : 2, bd Limbert (extramurale, di fronte ai bastioni), composto da: tribunal de grande instance , tribunale commerciale e cancelleria del tribunale commerciale , tribunale distrettuale e tribunale industriale .

Camera dei notai: 23 bis , rue Thiers

Camera di Commercio: 46, Cours Jean Jaurès

L'ex carcerazione giudiziaria al 55 bis di rue Banasterie è stato chiuso e trasferito a Pontet . Nel 2016 è stato avviato un progetto di ristrutturazione e riabilitazione . Questo comporta la creazione abitazioni intergenerazionale, un ostello della gioventù, una co-working spazio , ristoranti, un asilo nido, un parcheggio e un deserto culturale, al fine di creare un vero e proprio luogo attraente di vita per tutte le generazioni, gli spazi per il lavoro, il tempo libero, attività commerciale aperta verso l'esterno, in opposizione al luogo di reclusione che era la vecchia prigione.

Politica ambientale

I possibili rischi naturali e tecnologici della città sono: alluvioni ( e frane ), movimenti di terra, cedimenti di dighe, terremoti in zona sismica 1a e trasporto di merci pericolose.

Nel numero di gennaio 2003, la rivista Che mi interessa stila una classifica relativa alla raccolta differenziata delle principali città della Francia e Avignone è al primo posto. In sette anni ha più che triplicato il tonnellaggio della raccolta differenziata da circa 1.000 tonnellate nel 1996 a 3.190 tonnellate nel 2003 .

Dieci punti di smistamento volontario selettivo sono a disposizione degli avignonesi, ovvero quattro intramurali e sei extramurali .

Dal maggio 2003 una brigata “ambiente” che opera all'interno della polizia municipale, si occupa di rintracciare discariche abusive, tagger, inquinatori acustici , ecc. .

Le biciclette self-service Vélopop' utilizzate per muoversi nell'agglomerato con un ridotto impatto ambientale.

Centro di trattamento dei rifiuti

La comunità urbana della Grande Avignone ha nelle sue funzioni la raccolta e il trattamento dei rifiuti domestici e simili. Esiste anche un'equivalenza per i rifiuti delle industrie e delle imprese nella Grande Avignone.

Monitoraggio della radioattività nell'aria e nell'acqua

La città di Avignone si è dotata di un faro atmosferico per monitorare la radioattività nell'aria. La città si trova infatti a sud di due impianti sensibili posti a monte, sul Rodano: Avignone dista 70 chilometri dalla centrale nucleare e dall'impianto di arricchimento dell'uranio di Pierrelatte , e una trentina di chilometri dal sito nucleare di Marcoule ). La città si è anche dotata di un faro di monitoraggio della radioattività acquatica per l'acqua nel Rodano .

Qualità dell'aria

L'indice di qualità dell'aria ATMO viene calcolato giornalmente per la città. In media è considerato "molto buono" o "buono" nel 60% dei casi, "medio" o "scarso" nel 38% e solo il 2% "cattivo". Questi risultati sono facilitati dal maestrale che funge da dispersore.

Ambiente sonoro

I servizi comunali di Avignone preposti all'abbattimento del rumore sono il “Servizio Ambiente, Igiene e Sanità” e la Polizia municipale.

Per combattere il rumore sono state intraprese diverse azioni: adozione di decreti comunali, azioni di verbalizzazione, installazione di pareti antirumore, acquisto di veicoli elettrici , ecc.

Nel gennaio 2005, Avignone ha ospitato la quarta Assise sulla qualità dell'ambiente sonoro.

L'aeroporto di Avignon Provence genera un notevole inquinamento acustico, in particolare attraverso la sua attività acrobatica. L'associazione ADRAC (associazione per la difesa dei residenti dell'aeroporto di Châteaublanc) ha firmato nell'ottobre 2001, dopo sei anni di trattative, una "carta di buona condotta" con gli altri partner (aeroclub Vaucluse, città di Avignone , ecc. ) . Tuttavia, in occasione degli open day dell'Aeroclub della primavera 2009, la presenza di un Tucano (aeromobile presente solo per un'esposizione a terra) è stata l'occasione per un'associazione di residenti di protestare nuovamente: aerei, compresi quelli per acrobazie aeree, aerei che hanno non esisteva a livello di club da più di tre anni.

Impianto di trattamento delle acque reflue

La città ha un impianto di depurazione di 178.000 abitanti equivalenti.

Gemellaggio

Località di città gemellate con Avignone. Posizione della città Avignone Posizione della città Wetzlar Posizione della città diourbel Posizione della città Distretto di Bao'an Posizione della città New Haven (Connecticut) Posizione della città Tortosa Posizione della città Guanajuato Posizione della città Il suo

A 11 luglio 2018, Avignone è gemellata con 9 città:

Popolazione e società

Demografia

Evoluzione demografica

L'evoluzione del numero di abitanti è nota attraverso i censimenti della popolazione effettuati nel comune a partire dal 1793. Dal 2006, le popolazioni legali dei comuni sono pubblicate annualmente dall'Insee . Il censimento si basa ora su una raccolta annuale di informazioni, successivamente riguardanti tutti i territori comunali nell'arco di un quinquennio. Per i comuni con più di 10.000 abitanti, i censimenti avvengono ogni anno a seguito di un'indagine campionaria su un campione di indirizzi che rappresenta l'8% delle loro abitazioni, a differenza di altri comuni che effettuano un vero e proprio censimento ogni anno.

Nel 2018 il comune contava 91.729 abitanti, con un incremento dell'1,58% rispetto al 2013 ( Vaucluse  : + 1,79%, Francia esclusa Mayotte  : +2,36%).

Evoluzione della popolazione   [  modifica  ]
1793 1800 1806 1821 1831 1836 1841 1846 1851
24.000 21.412 23 789 29.407 29 889 31 786 33 844 35,169 35.890
Evoluzione della popolazione   [  modifica  ] , continua (1)
1856 1861 1866 1872 1876 1881 1886 1891 1896
37.077 36.081 36.427 38 196 38.008 37 657 41,007 43.453 45 107
Evoluzione della popolazione   [  modifica  ] , continua (2)
1901 1906 1911 1921 1926 1931 1936 1946 1954
46.896 48 312 49,304 48 177 51 685 57,228 59.472 60.053 62 768
Evoluzione della popolazione   [  modifica  ] , continua (3)
1962 1968 1975 1982 1990 1999 2006 2011 2016
72 717 86.096 90 786 89 132 86 939 85 935 92.454 90 194 92 378
Evoluzione della popolazione   [  modifica  ] , continua (4)
2018 - - - - - - - -
91 729 - - - - - - - -
Dal 1962 al 1999: popolazione senza doppi conteggi  ; per le seguenti date: popolazione comunale .
(Fonti: Ldh / EHESS / Cassini fino al 1999 poi Insee dal 2006.) Istogramma dello sviluppo demografico

Nel 2013, Avignone occupava il 45 °  posto a livello nazionale e il primo a livello dipartimentale di 151 comuni . La popolazione massima è stata raggiunta nel 2006 con 92.454 abitanti.

La prima guerra mondiale ha avuto un forte impatto sulla popolazione del comune in quanto si può osservare il primo calo della popolazione nel XX °  secolo (- 2,3% tra il 1911 e il 1921 ).

Dopo la seconda guerra mondiale , possiamo osservare un aumento della popolazione, un aumento che diventa relativamente importante negli anni '60 con l'arrivo massiccio di rimpatriati dal Nord Africa .

Nel Vaucluse le persone provenienti dall'Europa (più dalla Spagna che dall'Italia ) costituiscono il 40% degli immigrati e i nati nel Maghreb quasi la metà. Si tratta principalmente di persone provenienti dal Marocco, più precisamente dal Rif e dalla regione di Meknes .

In un contesto generale di fortissima crescita demografica della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra , si è registrata una stagnazione del numero di abitanti della città di Avignone dagli anni 1975 fino all'inizio degli anni 2000 . Molteplici cause (servizi offerti, qualità della vita, pressione fiscale, ecc.) possono spiegare la perdita di attrattività del comune di Avignone, lo spostamento dei suoi abitanti e l'insediamento verso i comuni periferici.

Durante questo periodo, la regolare diminuzione del numero di abitanti intramurali è appena compensata dall'aumento della popolazione extramurale.

Secondo l'INSEE, il centro città sta registrando ancora una volta un saldo migratorio positivo. Diversi progetti di riabilitazione e sviluppo intramurali , come il Clos des Arts , sembrano mostrare un desiderio di cambiamento e possono spiegare parte di questa evoluzione. Inoltre, e sebbene le statistiche della camera dei notai mostrino una minimizzazione del fenomeno, anche la LGV Méditerranée e la sua stazione hanno avuto un impatto. Questo fenomeno si osserva generalmente anche in tutta la regione PACA (+ 0,7% all'anno contro + 0,3% in Francia).

Nel 2012 , la Comunità di agglomerazione di Grand Avignon contava 183.938 abitanti e l' area urbana , composta da 69 comuni di Vaucluse , 14 comuni di Gard e 14 comuni di Bouches-du-Rhône , contava 518.981 abitanti.

Infine, l'agglomerato (o unità urbana) conta 448.182 abitanti (dato demografico 2013) a causa dell'integrazione di molti nuovi comuni, come Orange o Cavaillon . L'agglomerato di Avignone è ora al 14 °  posto in Francia, proprio tra Strasburgo ( 13 ° ) e Montpellier ( 15 ° ). Ora copre 59 comuni distribuiti su tre dipartimenti e due regioni. Questo è il risultato di una nuova delimitazione delle unità urbane da parte dell'INSEE nel 2010.

Immigrazione

Nel 2017 la città di Avignone contava 18.724 immigrati su una popolazione totale di 91.921 abitanti, ovvero il 20,4% (di cui il 3,6% nati in Europa e il 16,8% nati fuori dall'Europa).

Tra il 1975 e il 2015, la percentuale di giovani di età inferiore ai 18 anni che erano immigrati di origine extraeuropea o conviventi con almeno un genitore immigrato di origine extraeuropea è passata dall'8% al 44%.

Struttura per età

La popolazione della città è relativamente giovane. Il tasso di ultrasessantenni (21,4%) è infatti inferiore a quello nazionale (21,6%) ea quello dipartimentale (23,5%).

Come le distribuzioni nazionali e dipartimentali, la popolazione femminile della città è maggiore della popolazione maschile. Il tasso (53,7%) è superiore di oltre due punti a quello nazionale (51,6%). La distribuzione della popolazione del comune per classi di età è, nel 2007 , la seguente:

  • 46,3% degli uomini (da 0 a 14 anni = 20,2%, da 15 a 29 anni = 22,9%, da 30 a 44 anni = 20%, da 45 a 59 anni = 18,1%, oltre 60 anni = 18,7%);
  • 53,7% delle donne (da 0 a 14 anni = 17%, da 15 a 29 anni = 21,8%, da 30 a 44 anni = 18,8%, da 45 a 59 anni = 18,7%, oltre 60 anni = 23,7%).
Piramide delle età ad Avignone nel 2007 in percentuale
Uomini Classe di età Donne
0,3  90 anni o più 1.2 
6.1  dai 75 agli 89 anni 9.6 
12.3  dai 60 ai 74 anni 12.9 
18.1  dai 45 ai 59 anni 18.7 
20.0  dai 30 ai 44 anni 18.8 
22.9  dai 15 ai 29 anni 21,8 
20.2  da 0 a 14 anni 17.0 
Piramide delle età del dipartimento del Vaucluse nel 2007 in percentuale
Uomini Classe di età Donne
0,4  90 anni o più 1.1 
6.6  dai 75 agli 89 anni 9.6 
14.3  dai 60 ai 74 anni 14.8 
20,4  dai 45 ai 59 anni 20,5 
20.3  dai 30 ai 44 anni 19,9 
18.3  dai 15 ai 29 anni 16.8 
19,7  da 0 a 14 anni 17.3 
Evoluzione dei confini del comune

Avignone assorbì Montfavet tra il 1790 e il 1794, poi cedette Morières-lès-Avignon nel 1870 e nel 1925 Le Pontet .

Il 16 maggio 2007, il comune di Angles nel Gard ha ceduto  ad Avignone 13 ettari di terreni.

Area e popolazione

Il comune di Avignone ha una superficie di 64,78  km 2 e una popolazione di 90 109 abitanti nel 2008, che lo classifica:

Rango La zona Popolazione Densità
Francia 578 ° 44 th 689 °
Provenza-Alpi-Costa Azzurra 105 centesimi 5 th 24 giorni
Vaucluse 6 giorni 1 st 2 °

Formazione scolastica

Avignone si trova nell'Académie d'Aix-Marseille .

Scuole

La città beneficia di 27 scuole materne pubbliche, 34 scuole primarie pubbliche, 5 scuole materne ed elementari private.

Le mense scolastiche distribuiscono circa 4.000 pasti al giorno.

college

Avignone ha nove scuole pubbliche:

Oltre a tre college privati:

  • Champfleury  ;
  • La Salle -Avignon (collegio con due sedi ad Avignone: la sede di Centre-Ville e la sede di Montalembert);
  • San Michele.
Liceo

Avignone ha otto scuole superiori pubbliche:

Oltre a tre scuole superiori private:

Università

L'Università di Avignone ha accolto 7.125 studenti nel 2009-2010. Riunisce quattro UFR , un IUT ed un IUP formazione e offerte universitaria che vanno da diplomi universitari (DU) per dottorati, in tutti i principali ambiti disciplinari, in particolare nei settori della cultura e del patrimonio, AgroSciences e informatica. E l'occupazione di 700 persone (357 docenti-ricercatori e docenti e più di 300 IATOS (Ingegneri, Amministratori, Tecnici e Addetti ai Servizi) e Personale della Biblioteca.

Fondata nel 1303 da papa Bonifacio VIII , poi protetta da Carlo II , re di Sicilia e conte di Provenza , l'università sarà soppressa, con decreto del15 settembre 1793. Avignone torna ad essere un'università nel 1963 , con l'apertura di un centro di alta formazione scientifica, seguito l'anno successivo da quello di un centro di alta formazione letteraria. Le due entità, rispettivamente, dipendono dalla Facoltà di Scienze e la Facoltà di Lettere di Aix-Marseille I .

Nel 1972 , le due unità didattiche e di ricerca sono state fuse in un centro universitario, che è diventato un'università a servizio completo (indipendente dall'Università di Aix-Marseille) su17 luglio 1984sotto il nome di Università di Avignone . A quel tempo, tre facoltà (lettere e scienze umane, scienze esatte e naturali, scienze e lingue applicate) condividevano 2.000 studenti. Il quarto polo, legale, risulterà dalla creazione di una facoltà di giurisprudenza invece di un annesso dell'Università di Aix Marsiglia III Paul-Cézanne . Seguì un istituto universitario di tecnologia nel 1990 e un istituto universitario professionale nel 1992 .

Per evitare una dispersione eccessiva degli studenti (dieci sedi nel 1991 ) e rivitalizzare il centro cittadino, si è deciso di spostare i vari percorsi formativi all'interno di un'unica sede, idonea ad accogliere strutture collettive (bibliotecaria e docenti universitari in particolare). È stato avviato lo sviluppo dell'ex ospedale Sainte-Marthe , che si è concluso all'inizio dell'anno scolastico 1997 con un campus di 36.276  m 2 .

Classi preparatorie per grandes écoles (CPGE)

Il liceo Frédéric-Mistral offre corsi preparatori: “math. sup ”PCSI (scienze fisico-chimiche-ingegneristiche),“ math. speciale. »PSI, lettere maiuscole, lettere maiuscole. ENS LSH (Scuola Superiore Normale - Lettere e Scienze Umane), preparazione IEP (Istituto di Studi Politici).

Il liceo privato Saint-Joseph propone: “math. sup. "PCSI (scienze fisico-chimiche-ingegneria) e" matematica. speciale. »PC e PSI, preparazione. IEP (Istituto di Studi Politici).

L'Università di Avignone offre un "deug-prep": licenza matematica - prep. concorsi politecnici.

Altro

Ad Avignone sono presenti nove CFA o equivalenti di varia provenienza e competenze (industria agroalimentare, Camera di Commercio e Industria di Avignone e Vaucluse, Camera di Commercio della Vaucluse, BTP, industria, Advanced Technical Resource Center , ecc. ) a cui si aggiungono 24 scuole e organismi di formazione iniziale e continua.

C'è anche il Grand Avignon Dance Conservatory per l'apprendimento della danza, della musica e del teatro e l'Avignon Art School che è una scuola di istruzione superiore comunale a cui l'accesso avviene tramite competizione. Le materie insegnate in quest'ultimo riguardano diversi linguaggi plastici (disegno, pittura, approccio alla messa in scena, fotografia, video, multimedia), la storia delle culture e delle civiltà, la storia dell'arte contemporanea e l'approccio scientifico all'arte (scienza e arte , fisica e chimica).

Avignone era una città di servizio per i compagni scalpellini di passaggio fino al 1869 e i compagni scalpellini stranieri vi avevano sede.

Il centro di formazione per la riabilitazione del patrimonio antico, noto come École d'Avignon , creato nel 1983 su iniziativa del consiglio regionale Provence-Alpes-Côte d'Azur , e i servizi statali responsabili del patrimonio e dei mestieri (cultura e artigianato ).

Eventi culturali e feste

Teatro

Nel XIV °  secolo , Avignone si è tenuta una prima con un gioco fatto volgare. Philippe de Mézières , il27 novembre 1372, con l'accordo di Gregorio XI fece riprodurre nella chiesa dei Cordeliers di Avignone una rappresentazione figurativa intitolata Legenda Presentationis Beate Maria . Prima della messa si svolgevano giochi e processioni con musici travestiti da angeli e attori canori che eseguivano parte del loro repertorio in lingua provenzale ad exitandum populum ad devotionem

Alphonse Rastoul, nel suo Tableau d'Avignon , pubblicato nel 1836 , riteneva che le processioni dei penitenti fossero il grande affare della città e che non avessero eguali in Francia. I “Gray Penitents” furono i primi di una lunga serie di penitenti avignonesi. Poi vennero i “Penitenti Neri”, che furono fondati nel 1488 da un gruppo di nobili fiorentini, i “Penitenti Bianchi”, una confraternita fondata nel 1527 da tredici avignonesi, i “Penitenti Blu”, formati nel 1557 dal dissenso degli altri confraternite. Poi alla fine del XVI °  secolo , sono stati creati i "Penitenti Neri della Misericordia." Il movimento continuò con la fondazione dei “Pénitents Violets” ( 1622 ), poi dei “Pénitents Rouges” ( 1700 ). La Rivoluzione pose fine a questa proliferazione. Una delle processioni più popolari era quella dei Bianchi a cui partecipò Enrico III nel 1575 . Frédéric Mistral ha dato questa descrizione: “I Penitenti hanno fatto la loro uscita dopo il tramonto alla luce delle fiaccole. Incappucciati nei loro cappucci e demoni, sfilavano passo dopo passo come spettri portando in braccio, alcuni tabernacoli, altri reliquiari, altri incensieri, questi un enorme occhio in un triangolo, questi- là un grande serpente attorcigliato intorno a un albero” . L'altra era la “Cerimonia della Liberazione”, organizzata ogni anno dai Neri della Misericordia, per celebrare la grazia di un condannato e alla quale partecipò il cardinale Richelieu durante il suo esilio ad Avignone.

Le rappresentazioni teatrali hanno cambiato stile, è stato necessario considerare di suonarle al chiuso. Sono stati accolti nel campo da tennis di Sieur Daniel Herbouillet, in rue de la Bouquerie . Lo vendette poi a Nicolas Mignard che vi accolse Molière nell'ottobre 1655 e poi una seconda volta dal dicembre 1657 al febbraio 1658 .

Il teatro della Commedia è il primo luogo della città dei papi che è stato costruito appositamente per rappresentarvi delle commedie. Fu in carica dal 1734 al 1824 . Costruito su progetto di Thomas Lainée , uno dei suoi direttori fu Fabre d'Églantine . Secondo un inglese, il duca d'Ormond, era il teatro più bello di Francia: “Per rendere più piacevole la città, ho contribuito a costruire una sala per spettacoli che è senza dubbio la più bella di Francia. Entusiasmare le truppe della campagna venire lì e abbiamo la Commedia per oltre sei mesi all'anno ” .

Un nuovo teatro lo sostituì. Fu costruito sulla Place de l'Horloge al posto del dismesso convento benedettino di Saint-Laurent. La prima esibizione è stata data il30 ottobre 1825. Distrutto dal fuoco su30 gennaio 1846, fu ricostruita nello stesso luogo e completata nel 1847 . Joseph Girard, curatore del Musée Calvet, ha ritenuto che "Questo è il più grazioso e meglio compresa di edifici costruiti in Avignone nel XIX °  secolo" .

Un secolo dopo, nell'ambito di una mostra d'arte moderna che stanno organizzando nella grande cappella del palazzo dei papi ad Avignone , il critico d'arte Christian Zervos e il poeta René Char chiedono a Jean Vilar , attore, regista e regista teatrale, uno spettacolo di Assassinio nella cattedrale , che ha debuttato nel 1945 . Dopo aver rifiutato, Vilar offrì loro tre creazioni: La tragedia del re Riccardo II , di Shakespeare , un'opera teatrale poco conosciuta in Francia, La Terrasse de midi , di Maurice Clavel , autore allora ancora sconosciuto, e La storia di Tobie e Sara , di Paul Claudel . Dopo l'accordo del comune, fu allestita la Corte d'onore del Palazzo dei Papi e dal 4 al 10 settembre 1947 prese forma Une Semaine d'Art en Avignon . 4.800 spettatori, di cui 2.900 paganti, hanno assistito in tre luoghi (il cortile d'onore del palazzo papale , il teatro comunale e il frutteto di Urbano V), sette recite delle tre creazioni. Il Festival di Avignone è nato.

Da quella data, Avignone ha ospitato il festival dove molti attori di teatro, ballerini e cantanti vengono ad esibirsi durante il mese di luglio.

Dal 1967 si è sviluppato un festival parallelo, il Festival Off d'Avignon , che oggi presenta più di 1.500 spettacoli per edizione con oltre un milione di presenze.

Nel 2014 è apparso un terzo format del festival di teatro contemporaneo di Avignone: Avignon IF, un insieme di serate organizzate dai mecenati avignonesi che aprono le porte dei loro giardini per ospitare spettacoli nello stesso periodo.

Ma ridurre la vita culturale di Avignone a un semplice Festival sarebbe particolarmente impreciso. La città ospita numerosi eventi durante tutto l'anno. Possiamo citare:

Pittura

Durante il Rinascimento, pittori come Enguerrand Quarton diedero vita al movimento pittorico della scuola avignonese.

Félibrige

Avignone è la città che fu il centro del movimento Félibré . Vi abitavano Théodore Aubanel e Joseph Roumanille , oltre al notaio Paul Giéra. La casa Aubanel e la sua tipografia si trovavano in rue Saint Marc prima di essere trasferite in place Saint Pierre a causa dei lavori di urbanizzazione che hanno accompagnato la creazione di rue de la République. La libreria Roumanille si trovava di fronte alla chiesa di Saint-Agricol nell'omonima via, non lontano dalla cappella dei Templari dove i Félibres si incontravano spesso durante i numerosi incontri. Frédéric Mistral aveva studiato lì ed era lì che aveva pubblicato Mireille . È per questo motivo che la città papale è considerata il “cervello di Félibrige”. Félix Gras , che abitava in rue Sainte-Praxède, che oggi porta il suo nome, molto vicino alla libreria del cognato Roumanille, rue Saint-Agricol , era da parte sua "il leader indiscusso della seconda generazione felibrese . " . Durante la riunione costitutiva del movimento a Font-Ségugne , i sette felibres decisero di pubblicare una rivista, il primo numero fu l'Armana provençau pèr lou bèl an de Diéu 1855, adouba e publica de la man di felibre . Queste riviste, prima stampati ad Avignone fino alla metà del XX °  secolo , l'allora erano in Bouches-du-Rhone . Dal 1891 al 1899 , questo movimento pubblicò anche L'Aïoli, un settimanale, pubblicato ad Avignone, Palais du Roure .

Salute

Il centro storico dell'ospedale si trovava su tutta Sainte Marthe, vicino alla Porte Saint Lazare. La dinastia medica dei dottori Cassin si è occupata di questa struttura ospedaliera nel XIX e all'inizio del XX secolo.

Avignone è oggi il principale centro sanitario della Vaucluse con, tra l'altro, l'unica “emergenza pediatrica” dedicata nel reparto. Nel suo comune ci sono due ospedali: il centro ospedaliero Avignon Henri Duffaut, il centro ospedaliero Montfavet, oltre a diverse cliniche private (tra cui Urbain V ).

Centro ospedaliero Henri-Duffaut di Avignone

L'ospedale Henri Duffaut Avignone è un ente pubblico di sanità municipale ai sensi dell'ordinanza n o  96-346 del24 aprile 1996 sulla riforma ospedaliera dei ricoveri pubblici e privati.

  • Asilo nido: capienza 39 bambini;
  • maternità livello 2b;
  • eliporto .

Il centro ospedaliero di Avignone è incaricato di missioni di cura (compresi aiuti medici urgenti e azioni di sanità pubblica), formazione e istruzione.

Uno dei suoi ex primari medici, Georges Taulier , nel 1894 , fu eletto senatore della Vaucluse .

Centro ospedaliero Montfavet Avignone (Montdevergues)

Il Montfavet -Avignon centro ospedaliero , già Montfavet-Montdevergues, opera in psichiatria, così come nel campo sociale e medico-sociale (handicap, la precarietà). Serve, grazie a una cinquantina di stabilimenti annessi, il dipartimento del Vaucluse e il nord delle Bouches-du-Rhône. È un istituto di sanità pubblica che gestisce:

  • settori della psichiatria degli adulti;
  • settori della psichiatria infantile e giovanile;
  • un centro di accoglienza specializzato  ;
  • una casa occupazionale e una casa per disabili;
  • un servizio di assistenza al lavoro;
  • un centro di accoglienza e reinserimento sociale e una sosta sanitaria;
  • la casa dipartimentale per adolescenti.

Infine, il centro ospedaliero di Montfavet gestisce anche una delle cinque unità per pazienti difficili in Francia, con reclutamento nazionale.

La struttura principale si trova a 5  km a est del centro di Avignone, nel quartiere “  Montfavet  ” sulla collina di Montdevergues.

Gli sport

Come tutte le città di una certa dimensione, Avignone dispone di numerosi impianti sportivi (diversi stadi e piscine comunali, pista di pattinaggio, bowling, campi da golf, dojo , ecc .). Pubbliche o private, libere o regolamentate, tutte queste strutture consentono la pratica di numerose attività sportive. I più grandi impianti sportivi della città sono il Parco sportivo , lo stadio Saint-Ruf , il Cosec Moretti , il palazzetto dello sport di Champfleury , l' ippodromo Roberty.

Avignone è anche la città natale di personaggi dello sport come il pilota Jean Alesi che è nato lì il11 giugno 1964o il calciatore Cédric Carrasso , nato il30 dicembre 1981, che ha giocato nella sezione giovanile dell'Avignon Football 84 prima di passare all'Olympique de Marseille nel 1999.

Numerosi eventi sportivi vengono organizzati ogni anno come il “tour des Remparts”, i “10  km de la Cité des Papes”, tornei o partite di calcio, bocce, boxe, ginnastica, rugby, rock acrobatico, rollerblade , ecc.

In questo comune esistono circa centoventi società sportive. Diversi club segnano o hanno segnato la storia della città.

Calcio

L' Athletic Club Arles-Avignon è stato promosso dalla Ligue 2 e dal raggruppamento del club di Arles con l'Avignone per la stagione 2009-2010 , ha poi giocato in Ligue 1 durante la stagione 2010-2011 , ma è stato retrocesso in Lega 2 al fine stagione, campionato in cui ha giocato fino al 2015 e il suo fallimento. Ha giocato in DHR da quella data .

Avignon Football 84 ha giocato anche per una stagione in Division 1 nel 1976-1977 per un ultimo posto (ventesimo). Il club ha giocato in Division 2 dal 1965 al 1976, poi dal 1977 al 1981 e dal 1989 al 1991. Il club milita ora nella prima divisione regionale.

Lega di rugby

Lo Sporting olympique Avignon XIII è il club di rugby semi-professionale della città di Avignone. È il più antico dei club sportivi avignonesi: è stato creato nel 1916. Si evolve per la stagione 2016-2017 nel campionato francese Elite 1 .

Il club ha vinto cinque coppe francesi nel 1955, 1956, 1982, 1986 e 2013 e ha partecipato a quattro finali nel 1947, 1958, 1959 e 1998. Il club ha partecipato e perso la finale del campionato nazionale francese di prima divisione nel 1957 La squadra juniores SOA gioca anche nel campionato elite 2016-2017. Tutte le squadre giocano allo stadio Saint-Ruf.

Avignone ha il suo giocatore chiave per il rugby union: Tony Gigot .

Altri sport

L' ES Avignon ( basket ) si è evoluto per dodici stagioni in National 1 e National 1  A (dal 1977 al 1979 e dal 1980 al 1990). La sua migliore classifica è un sesto posto nella stagione 1980-1981. Il club ha anche partecipato alla Coppa Korać (Coppa dei Campioni). Il club ha presentato istanza di fallimento e scomparso nei primi anni 1990 L' Athletic Union Avignon-Le Pontet evolve nazionale 2 ( 4 °  divisione) fino alla fusione con Sorgues Basket Club nel mese di giugno 2014 per formare le dell'Unione Grand Avignon-Sorgues .

L'altro Rugby Club ( Rugby Union ) della città è la Sport dell'Unione Avignon Le Pontet Vaucluse (USAP 84) evolve nel 2011-2012 federale 2 ( 4 °  divisione). Un altro club di rugby (poi scomparso) si è distinto una volta: l' Intesa sportiva Avignon Saint-Saturnin con un quarto di finale del campionato francese di prima divisione nel 1975.

Avignon Volley-Ball gioca in Ligue A nel 2012-2013. Il club è stato a lungo l'ascensore tra la prima e la seconda divisione nazionale. Ha partecipato alla Coppa CEV (Coppa Europea) nel 1996-1997 ed è stato anche campione di Francia Pro B nel 1999, 2000 e 2012.

L' Olympique Hockey Club d'Avignon ( hockey su ghiaccio del club ) stava giocando in Divisione 1 ( 2 °  divisione) quando la corte di Avignone ha dichiarato la sua liquidazione. Il club è stato campione francese di Division 2 nel 2003 ed è arrivato quarto nel 2005-2006 (miglior ranking). Finalmente il club ( il nuovo castoro di Avignone ottiene la sua affiliazione con la federazione francese di hockey su13 settembre 2011 e torna alla divisione 4. All'inizio dell'anno accademico 2018, il Palazzo del Ghiaccio verrà demolito per far posto a diversi edifici.

I Warriors de Vaucluse ( football americano ) giocano per la stagione 2012-2013 in Division 2 .

Media

Giornali locali

La cittadina è sede delle sedi e delle agenzie di diversi giornali: La Provence , Vaucluse Matin , Hebdo Vaucluse , Midi libre ( Villeneuve-lès-Avignon , in realtà), La Marseillaise , Piccoli manifesti di Vaucluse , Actualités Avignon , Vu sur le pont , così come solo gratis: Bonjour 84 et Plus Hebdo . Anche Direct Plus Avignon va in onda gratuitamente dal lunedì al sabato, proprio come 20 Minutes e, da marzo 2012, il quotidiano Metro.

Avignone è anche la sede dell'Avignon and Pays de Vaucluse Press Club.

Radio locali
  • Chérie FM Avignon (88.1 FM): versione avignonese di Chérie FM. Trasmette anche a Nyons sulla stessa frequenza;
  • Virgin Radio Vaucluse (89.0 FM): versione Avignone di Virgin Radio. Trasmette anche il suo programma locale a Carpentras su 103.3 FM;
  • RAJE Avignon (90.3 FM): radio associativa. C'è una versione N withmes con Raje Nîmes (102.5 FM);
  • RFM Vaucluse (95.9 FM): versione Avignone di RFM per Cavaillon (questa è la frequenza che si riceve ad Avignone) e Apt (99,8 FM). Condivide i suoi locali con Virgin Radio Vaucluse;
  • NRJ Avignon (98.2 FM): versione avignonese di NRJ. Sulla stessa frequenza trasmette anche il suo programma locale a Bagnols-sur-Cèze ;
  • Francia Bleu Vaucluse (98.8 FM): stazione radio pubblica locale in Vaucluse . I suoi studi sono ad Avignone. E' ammissibile anche sulla FM 100.4 trasmessa dal Mont Ventoux  ;
  • Nostalgie Vaucluse (102,8 FM): versione avignonese di Nostalgie. Trasmette anche il suo programma locale a Bagnols-sur-Cèze sulla stessa frequenza ea Nyons su 102.4 FM. Condivide i suoi locali con NRJ e Chérie FM Avignon;
  • RCF Vaucluse (104.0 FM): radio cristiana locale della diocesi di Avignone . ;
  • RTS FM (106.7 FM): stazione radio commerciale locale che trasmette dalla costa dell'Aude ad Avignone. I suoi studi si trovano a Sète  ;
  • Radio Campus Avignon (richiesta di frequenza in corso). Trasmette temporaneamente.
Televisione

Per la televisione, c'è l'ufficio Vaucluse di France 3 Provence-Alpes . Il sito di trasmissione Mont Ventoux consente la diffusione di questo canale, di France 3 Pays Gardois e degli altri canali TNT . Il sito della Grande Étoile, che dovrebbe coprire Marsiglia , è moderatamente accolto ad Avignone.

culti

Dall'arrivo dei papi ad Avignone, il luogo è stato un crogiolo di comunità, una vera e propria ambasciata verso le altre religioni. Questa mescolanza si trova ancora oggi, essendo Avignone un crocevia tra vari assi di trasporto.

Luoghi di culto

L' arcidiocesi di Avignone copre il dipartimento di Vaucluse. A causa della forte presenza cattolica dei secoli passati, i luoghi di culto sono relativamente numerosi e ricchi dal punto di vista architettonico. C'è una cattedrale, la metropoli di Notre-Dame des Doms e molte chiese come: Saint-Agricol , Saint-Didier , Saint-Pierre , Saint-Symphorien , les Célestins , Saint-Joseph de la Barthelasse, Saint-Ruf, du Sacré -Cuore, Saint-Paul, Saint-Joseph lavoratore a sud della città, Saint-Jean, Notre-Dame de Lourdes, Notre-Dame-la-Principale , Notre-Dame de la Paix, Notre-Dame-de-Bon- Repos de Montfavet o la Cappella dei Penitenti Grigi , la Cappella del Verbo Incarnato e quella dei Penitenti Neri nonché il Carmelo di Avignone .

La pratica del culto giudaico ad Avignone si svolge da diversi secoli presso la sinagoga di Avignone , Place de Jerusalem, che, dopo essere stata distrutta da un incendio nel 1845 , fu completamente ricostruita nel 1846 dall'architetto Joseph-Auguste Joffroy. La sinagoga si trova vicino a Place Pie e Place Pignotte, centro del ghetto di Avignone con il cimitero ebraico. Quest'ultimo si trovava in quello che era diventato il giardino del "convento delle penitenti", ai numeri 6, 8 e 10 di Place Pignotte.

I protestanti devono adorare all'ospedale di Temple Saint-Martial Henri Fabre Street Temple Avenue Pinewood Hospital.

Storicamente più recenti nell'area rispetto alle altre religioni di cui sopra, i musulmani possono adorare nella moschea Rocade, nella moschea Monclar e in una moschea turca. Più recenti della stragrande maggioranza degli edifici utilizzati dai cattolici, le moschee hanno trovato il loro posto negli extra-muros. Così nel gennaio 2015 la rivista Paris Match descrive il quartiere di Reine-Jeanne come la “città dei salafiti  ”, nome che sorprende Amine El Kathmi, vicesindaco responsabile dei distretti settentrionali, per la quale l'articolo di Match conterrebbe errori . Nell'aprile 2016 il settimanale ha ribadito le sue affermazioni qualificando il distretto di “repubblica dei salafiti”.

Si segnala inoltre la presenza di:

  • La chiesa greco-ortodossa Saints-Cosme-et-Damien, rue du Poème-du-Rhône.
  • La Chiesa Evangelica Libera - Centro Protestante, chemin de Massillargues
  • La Chiesa Protestante Unita, Rue de Provence
  • La Chiesa Evangelica , rue de Grand-Gigognan.
  • La chiesa evangelica protestante di Les Sources, avenue des Sources.
  • La Chiesa Evangelica Pentecostale, Rudolph-Serkin Street
  • Il Tempio Evangelico Internazionale della Salvezza, rue des Papalines.
  • La Chiesa Avventista, rue Madame-de-Sévigné.
  • La Chiesa Neo-Apostolica, avenue Montplaisir.
  • La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni , avenue Charles-de-Gaulle Le Pontet .
  • La Sala del Regno dei Testimoni di Geova Avenue Avignon (presso il quartiere Montfavet)
  • La Chiesa di Scientology
cimiteri

La città di Avignone ha quattro cimiteri:

  • il cimitero di Saint-Véran , creato nel 1820, che copre 12  ettari e ospita 12.000 tombe. Nel cimitero è presente dal 1999 un colombario destinato alla raccolta delle urne funerarie. Nel cuore del cimitero si erge un monumento in memoria degli harkis; ospita anche le tombe di Théodore Aubanel e Stuart Mill.
  • il cimitero di Montfavet che copre 7  ettari e ospita 4.000 tombe. C'è un memoriale cenotafio dedicato a Camille Claudel . Questo cimitero accoglie altre comunità religiose (israeliti, musulmani);
  • il cimitero di Barthelasse (1910) che oggi ospita 125 volte su quasi 2.000  m 2  ;
  • il cimitero di San Rocco ( XII °  secolo) è la più antica. Copre un'area di circa 2.000  m 2 . Questo luogo fa parte del dominio della comunità ebraica e non è aperto al pubblico.

Economia

Avignone è la sede della Camera di Commercio e Industria del Vaucluse . Gestisce l' aeroporto di Avignone-Provenza e il porto commerciale di Avignone-Le Pontet .

L' agglomerato della Grande Avignone è uno dei più grandi bacini d'utenza d'Europa, con oltre 300.000 metri quadrati di superficie commerciale e 469  m 2 per mille abitanti contro i 270 in media in Francia.

AuShopping Avignon Nord è attualmente la più grande area commerciale d'Europa.

Il terziario è di gran lunga il più dinamico del dipartimento: sulla base della significativa produzione di primizie nel Vaucluse, il MIN è diventato il polo strutturante dell'attività commerciale del dipartimento, anteponendo i mercati locali (in particolare quello di Carpentra ). Negli anni 1980-1990, lo sviluppo degli scambi di merci tra il nord e il sud dell'Europa ha rafforzato la posizione di Avignone come polo logistico, e ha incoraggiato la creazione di aziende di trasporto e stoccaggio di abbigliamento e cibo.

È stata creata una zona franca urbana, che consente alle aziende che desiderano stabilirsi qui di beneficiare di esenzioni fiscali e sociali. Si trova a sud di Avignone, tra i bastioni e la Durance , nei distretti di Rocade Sud, Avignon Ouest e Saint-Chamand .

Zone di attività economica

Consideriamo nove principali zone di attività economica ad Avignone.

L'area commerciale di Courtine è la più grande con quasi 300 stabilimenti (più o meno la metà dei quali sono esercizi di servizi, un terzo sono esercizi commerciali e il resto è legato all'industria) per oltre 3.600 posti di lavoro. Il sito si estende su una superficie di 300  ettari e si trova a sud-ovest della città, vicino alla stazione del TGV di Avignone .

Segue l'area commerciale di Fontcouverte con un centinaio di stabilimenti che rappresentano un migliaio di posti di lavoro, ma è più orientata agli esercizi commerciali rispetto all'area di Courtine.

Il MIN zona di attività d'Avignon, Agroparc zona di attività. (o “Technopole Agroparc”) e l'adiacente area commerciale La Cristole, tutti e tre ospitano poco meno di un centinaio di stabilimenti.

Infine, le zone di Castelette, Croix de Noves, Realpanier e l'aeroporto hanno meno di 25 stabilimenti ciascuna, suddivisi tra attività di servizio e attività di vendita al dettaglio. Da segnalare che la sola zona delle Castelette rappresenta più di 600 posti di lavoro, vale a dire un centinaio in più della zona commerciale di Cristole.

Turismo

Quattro milioni di visitatori vi soggiornano ogni anno sia per la visita della città e della regione che per il suo festival .

La città di Avignone è relativamente ben servita; possiamo notare nelle vicinanze:

  • l'autostrada A7 , che collega da nord a sud, Parigi con la Costa Azzurra  ;
  • l'autostrada A9 (pochi chilometri a nord), verso l'ovest della Francia e la penisola iberica;
  • l' aeroporto internazionale di Avignon-Provence che offre destinazioni per l'Inghilterra come Exeter e Southampton da una compagnia low cost denominata Flybe oltre ad una destinazione per Edimburgo  ;
  • quattro stazioni, di cui tre aperte al traffico passeggeri, due atte alla ricezione dei TGV ( Avignon-Center e Avignon TGV ) ed una riservata al TER PACA ( Montfavet );
  • il Rodano , attraversato da navi da crociera. Il turismo fluviale ha ricreato la tradizione più che millenaria che ha fatto del Rodano il collegamento tra Avignone e Lione. La partenza fu timida nel 1994 con solo tre boat-hotel, nel 2011 una flotta di ventuno navi, di cui sei battelli turistici, ancorata sulle banchine dei vicoli dell'Oulle. Le presenze negli anni 2000 sono aumentate con quasi 50.000 turisti, per lo più provenienti dal Nord Europa e dal Nord America . Inoltre, una navetta fluviale collega gratuitamente il quartiere Avignon Centre al quartiere Barthelasse-Piot della città di Avignone. Dal 1987 una capitaneria di porto gestisce tutto il traffico fluviale.

agricoltura

La città è sede dell'International Mediterranean Tomato Association , del World Industrial Tomato Council e dell'Inter Rhône .

Industria

Solo EDF (Grand Delta), con circa 850 dipendenti, e Onet Propreté, con poco più di 300, superano i 100 dipendenti.

Settore pubblico (fuori dallo Stato)

Il centro ospedaliero Henri-Duffaut, poi il municipio di Avignone e il Montfavet CHS, sono i maggiori datori di lavoro della città con circa 2.000 dipendenti ciascuno. Segue il consiglio generale della Vaucluse con circa 1.300 dipendenti.

Il centro congressi internazionale

Dal 1976 , un centro congressi internazionale occupa due ali del Palazzo dei Papi di Avignone . Con dieci sale di ricevimento e di lavoro, ospita un gran numero di eventi. Le grandi e prestigiose sale del Grand Tinel e della Grande Audience , situate nel circuito dei tour dei monumenti, sono utilizzate oltre alle sale riunioni per l'organizzazione di cocktail, cene di gala, mostre, ecc.

Reddito della popolazione e tassazione

Nel 2007, l' imposta mediana sul reddito delle famiglie era di 13 545  € , collocando Avignone a 28.198  e tra i 30 714 comuni con più di 50 famiglie nella Francia metropolitana.

occupazione

Nel 1999 il tasso di disoccupazione era del 21,3% mentre nel 2005 era solo del 12,2% . La popolazione attiva totale ad Avignone è stimata in oltre 35.000 persone, di cui poco meno di un terzo sono occupate, circa un quarto sono operai e quasi altrettanti sono nelle professioni intermedie, quindi poco più di un decimo di dirigenti e intellettuali. professioni, circa il 6% di artigiani, commercianti e imprenditori, e infine meno dell'uno per cento di agricoltori.

Cultura e patrimonio locale

Monumenti e luoghi turistici

Vetrina artistica e culturale di primo piano, Avignone si distingue come città dal ricco patrimonio. “Città d'arte” fino alla scomparsa di questa etichetta nel 2005 a beneficio della rete delle Città e Paesi d'arte e di storia , il comune non è stato inserito in questa nuova rete.

Si tratta in primo luogo i bastioni del XIV °  secolo che si nota quando ci si avvicina al centro. Sono lunghe circa 4 chilometri, sono fiancheggiate da 39 torri e trafitte da 7 porte principali sparse tutto intorno al centro storico. I vecchi fossati sono stati interrati e trasformati in parcheggi, anticamente il livello dei bastioni era molto più alto garantendo una protezione molto migliore agli abitanti di Avignone.

È in questo periodo (1363) che viene citata la saliera di Avignone , la cui origine è antica quanto quella delle mura della città. Distrutta più volte dalle inondazioni del Rodano, la sua ultima ricostruzione si deve all'architetto Jean-Ange Brun. Si distingue per la sua facciata monumentale, il suo vasto portico semicircolare, le sue alte finestre decorate con Luigi XV. L'edificio era stato acquistato e allestito da un gruppo di investitori regionali (banditori, medici indipendenti, aziende). Si tratta di spazi immensi e lussuosi, completamente attrezzati, che sono stati realizzati in condizioni particolarmente difficili a causa dello stato fatiscente del monumento. Il design del luogo è stato realizzato da Jean-Michel Wilmotte.

Quando si esce dal centro storico e si passeggia lungo gli argini, non si può fare a meno di cercare il famoso ponte di Avignone, il ponte Saint-Bénézet. Contrariamente a quanto dice il canto, la sua larghezza non permette proprio di ballarci sopra (secondo le danze dell'epoca) ed è sotto, dove erano state costruite le sponde, che andavamo a ballare. Una versione precedente della canzone diceva "SOTTO il ponte di Avignone, si balla lì si balla..."

Il palazzo papale del XIV °  secolo e il Pont Saint-Benezet (questo è il famoso ponte di Avignone) del XII °  secolo sono classificati come patrimonio mondiale dall'Unesco . Altri monumenti: livrea cardinalizia , palazzi avignonesi , collegiata di Saint-Pierre d'Avignon .

Eredità culturale

Avignone ha diversi cinema tra cui due cinema Utopia , i cinema indipendenti classificati d'essai e Research Cinema . Il primo, composto da quattro stanze, si trova a La Manutention , il secondo, con una stanza singola, si trova a République .

La città ha anche molti teatri, un teatro dell'opera: il teatro dell'opera Grand Avignon e molte gallerie d'arte.

Biblioteche

La città di Avignone dispone di 12 biblioteche che consentono in totale la consultazione di oltre 500.000 opere.

Uno di questi è una biblioteca comunale classificata o "BMC". L'elenco delle BMC, che ha avuto origine, stabilito dall'articolo 1 ° del decreto 1933, modificata più volte, è ora contenuta all'articolo D. 320-1 del Codice dei beni .

Musei

Oltre al suo palazzo papale e ai suoi vari monumenti, la città di Avignone possiede diversi musei che presentano ricche collezioni:

  • il museo Calvet che è il principale museo d'arte della città (raccolta di dipinti, sculture, disegni, opere d'arte) e che dipende dalla Fondazione Calvet  ;
  • il museo Petit Palais che presenta un'eccezionale collezione di dipinti primitivi italiani e della scuola avignonese;
  • il museo Lapidaire , che presenta collezioni di antiquariato e che dipende anche dalla Fondazione Calvet;
  • il museo Requien ( museo di storia naturale), anch'esso dipendente dalla Fondazione Calvet;
  • l' Hôtel de Caumont che ospita la Collezione Lambert  ;
  • gli altri musei della città sono:
    • il Museo dell'Opera presenta in 7 sale del Palazzo dei Papi, la storia del palazzo. Fa parte della visita al palazzo,
    • il Museo del Mont de Piété & de la Condition des Soies, che ricorda la storia e il funzionamento del Mont-de-Piété e della Condition des Soies. Il museo si trova nell'ex cappella della Congregazione Notre-Dame-de-Lorette, 6 rue Saluces,
    • il Palazzo Roure contiene un centro di documentazione provenzale e archeologica, nonché un museo di arti e tradizioni popolari,
    • la casa Jean-Vilar (annesso della Biblioteca Nazionale di Francia ),
    • il museo dell'Angladon ,
    • Museo Louis-Vouland ha una collezione permanente di arti decorative del XVII ° e XVIII ° secolo.

Avignone nelle arti

Dipinti, incisioni e sculture

Il disegno che rappresenta Avignone, nel 1617 , fu realizzato dal padre gesuita Étienne Martellange . È da mettere in relazione con la carta nota come “Carta del personaggio” e con quella dell'Atlas Van Loo.

Avignone, solo nel titolo dell'opera  :

Canzoni e canzoni Film e serie

Diversi film sono stati girati ad Avignone, ma raramente ponendosi al centro della trama. Tra questi, possiamo notare:

Video gioco

Nell'universo della saga di Halo , Avignone è il nome dato dai coloni francesi del satellite Meridian alla prima città che vi costruirono.

Fotografie

Agnès Varda ha allestito una mostra delle sue fotografie dedicate al Festival presso la Chapelle Saint-Charles nel suo documentario autobiografico Les Plages d'Agnès (2008).

Avignone in letteratura

Turismo letterario

Rabelais , nel suo quinto libro dei fatti eroici e dei dicts di Pantagruel , porta il figlio di Grandgousier, accompagnato dal fratello Jean des Entomeures e Panurge ad Avignone, città che conosceva bene dopo aver studiato all'Università di Montpellier . Impressionato dal numero dei suoi campanili, ribattezzò la città Isola Sonnante e vi portò i suoi eroi nel bel mezzo del grande Scisma d'Occidente . I primi sei capitoli sono dedicati a questa visita. Si chiamano Come Pantagruel arrivò all'Isola Sonnante, e il rumore che udì , Come l'Isola Sonnante fosse stata abitata dai Siticini, che ne divennero cittadini , Come nell'Isola Sonnante è solo un Papegaut , Commento gli uccelli dell'Isola Sonnante erano tutti passeggeri , Come gli uccelli golosi vengono trasferiti all'Isola Sonnante e Come vengono nutriti gli uccelli dell'Isola Sonnante

Nel 1671 , quando sua figlia Françoise arrivò ad Avignone, la marchesa de Sévigné lodò il fascino di questa città che ancora non conosceva ma che la contessa di Grignan le aveva appena descritto  :

“Siamo qui in un riposo perfetto e profondo, una pace, un silenzio del tutto contrario al tuo soggiorno ad Avignone. Potresti essere ancora lì, questa città è tutta brillante, sarai stato ricevuto con tutte le acclamazioni. Amo appassionatamente le tue lettere da Avignone, mia cara figlia, le ho lette e rilette. Mi sembra di essere lì, condivido il tuo trionfo. Mi godo finalmente il tuo bel sole, le incantevoli rive del tuo bel Rodano, la dolcezza della tua aria” .

La bellezza della città è confermata da Anne-Marguerite Petit du Noyer ( 1663 - 1779 ), che, durante il suo soggiorno ad Avignone, descrive il suo entusiasmo e il suo stupore nelle sue Lettres historique et galantes de deux dames de condition, una delle quali è a Parigi e l'altra in provincia , opera pubblicata nel 1733  :

“La situazione in questa città è deliziosa; il Rodano bagna le sue pareti; sono solo giardini e prati fuori e magnifici edifici dentro; le case di MM. de Mont-Réal e de Crillon sono le più belle che vediamo lì” . E questa protestante molto liberale riteneva che la vita che conduceva Avignonnaises e Avignonnais fosse più che idilliaca perché, spiega:

"Conventi di uomini e di ragazze abbelliscono ancora questa città incantevole che è sotto un cielo bellissimo e sotto il più dolce dominio del mondo, poiché non conosce che l'autorità del Papa esercitata da un vicelegato che è sempre uomo di condizione e molto facile da gestire. Qui non sappiamo cosa siano le tasse e la capitazione, lì tutti sono ricchi e lì tutti respirano gioia. Le signore sono galanti; i signori spendono soldi; il gioco che possiamo chiamare piacere universale è spinto qui fin dove vogliamo” .

Nel 1834 , Prosper Mérimée nei suoi Appunti di viaggio nel sud della Francia raccontò la sua visita ad Avignone e al palazzo dei papi che aveva deciso di inserire nel primo elenco dei monumenti storici del 1840 . Le sue impressioni furono contrastanti poiché giudicò l'antica città papale come segue:

“L'aspetto generale di Avignone è quello di un luogo di guerra. Lo stile di tutti i grandi edifici è militare ei suoi palazzi come le sue chiese sembrano tante fortezze. Merli e caditoie coronano i campanili; infine, tutto annuncia abitudini di rivolta e di guerre civili” .

Stendhal , allo stesso tempo, visitò Avignone. È stato per lui un ritorno a casa visto che la famiglia di uno dei suoi nonni era di lì, il che gli ha permesso di inventare le origini italiane. Nel suo libro Mémoire d'un tourist , pubblicato nel 1838 , narra, ignorando ogni verità storica su Giotto e l' Inquisizione  :

“Questo palazzo è oggi stranamente rovinato: serve da caserma, ei soldati si staccano dal muro e vendono ai borghesi le teste affrescate da Giotto. Nonostante tanto degrado, eleva ancora le sue massicce torri a grande altezza. Noto che è costruito con tutta la diffidenza italiana; l'interno è altrettanto fortificato contro il nemico che sarebbe penetrato nei cortili, come l'esterno contro il nemico che ne occuperebbe l'esterno. È stato con il più grande interesse che ho camminato attraverso tutti i piani di questa fortezza unica. Vidi l'amica (di nome Eva) sulla quale l'inquisizione fece sedere l'empio che non volle confessare il suo delitto, e le teste affascinanti, resti degli affreschi di Giotto. Sulla parete sono ancora visibili i contorni rossi del disegno originale” .

Nel 1877 , Henry James fece un viaggio in Francia. Durante questo, visitò per la terza volta Avignone, una città che lo aveva sempre deluso. Tanto quanto il palazzo dei papi che fu, per lui, "il più sinistro di tutti gli edifici storici" . Andò lì mentre il maestrale soffiava a raffica e lo eseguì in una frase:

"Questa enorme massa nuda, senza ornamento né grazia, privata dei suoi merli e sfigurata da sordide finestre moderne, copre il Rocher des Doms e domina il Rodano su cui si affaccia, così come ciò che resta del Pont Saint-Bénézet" .

Nel 1925 , Joseph Roth , dopo un viaggio in Francia, raccolse i suoi appunti con il titolo Le città bianche . Dalla fine del XIX °  secolo, un movimento di giovani architetti centrale europea aveva una passione per l'architettura del sud Italia. Il romanziere austriaco voleva continuare questa ricerca nel sud della Francia e scoprì Avignone. Affascinato, sentiva la città dei papi come una città che era “insieme Gerusalemme e Roma, antichità e medioevo”. La sua ricerca divenne poi mistica: “Quando mi trovai davanti a una delle grandi porte incastonate nelle bianche mura della fortificazione, come pietre grigie in un anello d'argento; quando ho visto le torri merlate, il potere nobile, la fermezza aristocratica, l'intrepida bellezza di queste pietre, ho capito che una potenza celeste può assumere perfettamente forma terrena, e che non ha bisogno di compromettersi per essere conforme alle condizioni della vita quaggiù. Ho capito che può, senza cadere, garantire la sua sicurezza militare e che c'è un militarismo celeste che non ha nulla in comune con il militarismo terrestre: nemmeno l'armamento. Queste roccaforti sono state progettate dai papi. Questi sono luoghi religiosi. Rappresentano un potenziale sacro. Capisco che sono stati in grado di preservare la pace. Ci sono roccaforti pacifiche e armi che servono la pace prevenendo la guerra” .

L'accademico Pierre-Jean Remy , nella prefazione di un libro dedicato alle dimore di Avignone, si compiaceva di notare:

“Forse l'estate di Avignone è l'albero che ci nasconde la foresta. L'estate con il suo afflusso turistico, il Festival naturalmente ma anche le grandi mostre, i mille e uno incontri intorno a Place de l'Horloge, le conferenze del Palazzo dei Papi: la popolazione di Avignone poi cresce e si moltiplica a ritmo di le migliaia di visitatori, delle dieci lingue parlate lì. E poi arriva l'autunno, Avignone trova la vita che le è propria, quella di una città grande e bella, che conobbe le sue ore di gloria e i suoi giorni tragici, dove il vento della storia, della religione, della pittura e della poesia, che ancora orsi profondamente radicati nelle sue pietre, che irradiano segni. L'estate si allontana, Avignone ridiventa Avignone al di là delle folle che troppo spesso la ingombrano” .

Poesie, cronache, racconti e romanzi

Mentre amava Fontaine-de-Vaucluse , Petrarca non amava Avignone, che paragonava a una nuova Babilonia . Ha riversato su di lei le peggiori calunnie e calunnie. La città papale era intitolata a questo tipo di invettive: “O Avignone, così veneri Roma, tua sovrana? Guai a te se questa sfortunata donna inizia a svegliarsi! " Per lui Avignone era" l'inferno dei vivi, la fogna della terra, la città più puzzolente "," la patria delle larve e dei lemuri "," la città più noiosa del mondo "oppure" la casa triste di tutti i vizi, di tutte le calamità e di tutte le miserie”. Ha anche aggiunto che "La corte di Avignone [era] un abisso divorante che nulla può riempire". Infine, gli prestiamo questo luccio che da allora è fiorito "Avignone, sentin di tutti i vizi". Questa concisa formula fu però formulata diversamente dal poeta: "Avignone non è più una città, è la sentinella di tutti i delitti e di tutte le infamie" .

Les Mélancolies de Jean Dupin è stato stampato a Parigi da Michel le Noir, senza data, ma probabilmente intorno al 1510 . Jean Dupin iniziò a scriverle nel 1324 e le completò nel 1340 . In queste due strofe , il moralista le mescola alle critiche di nepotismo che furono rivolte a Giovanni XXII e che Benedetto XII non si meritò mai, con suo stupore nel vedere la costruzione di una fortezza papale nella quale il Papa «sta saldo.

In Provenza per signoria
A il papa (prese) il suo estaige
Ad Avignone la città.
Tiene la sua corte, ma la sua stirpe
Y è quella che prende tutto il vantaggio
Le croces, le grans dignitez.

Il nostro Papa è cambiato bene:
vorrà volere strettamente.
Buono è il suo gaio sorvegliato;
Nel suo palazzo sta chiuso
e nessuno potrebbe parlargli a
meno che non indossi la borsa d'oro.

Nel XIV °  secolo, Jean Froissart nelle sue Cronache descrive il ricevimento organizzato da Clemente VII e dei suoi cardinali, il palazzo papale, per la venuta del re Carlo VI, con il fratello e gli zii di Berry e della Borgogna, durante la caduta del 1389 . Fu loro servita una "cena bella e lunga e completa", poi, dopo i festeggiamenti offerti dal re e che mescolavano canti e balli, "le dame e le signorine di Avignone" ricevettero molte generosità dal sovrano.

Nel 1855 , nel primo numero di Armana Prouvençau apparve una poesia intitolata La cansoun di felibre . Lo si deve a Théodore Aubanel , uno dei tre pilastri fondanti del movimento Felibré. Il poeta in una strofa canta il palazzo dei papi:

Dóu goutigue Avignoun
Palais e tourrihoun
Fan di dentello
Dins lis estello.

La Mule du Pape , è uno dei racconti più famosi di Alphonse Daudet , pubblicato nelle Lettres de mon moulin nel 1870 . Descrive una città dei papi immaginaria come il suo pontefice Bonifacio ma che è tramandata ai posteri: “Chi non ha visto Avignone ai tempi dei Papi non ha visto nulla. Ah! tempi felici! la città felice! Alabarde che non tagliano, prigioni dove mettiamo il vino per rinfrescare, mai carestie, mai guerre… Così i papi di Comtat hanno saputo governare il loro popolo” .

Quanto a Frédéric Mistral , nel 1897 , in Le poème du Rhône , mescola Avignone e il Palazzo dei Papi nella stessa ammirata lode: “È Avignone e il Palazzo dei Papi! Avignone! Avignone sul suo gigantesco Roque! Avignone, la campana della gioia, che, una dopo l'altra, alza le punte dei suoi campanili tutti cosparsi di fiori; Avignone, la figlioccia di Saint-Pierre, che vide la barca e l'ancora nel suo porto e portò le chiavi della sua cintura di merli; Avignone, la città permette al maestrale di impacchettare e mascherare i suoi capelli, e che, avendo visto risplendere tanta gloria, non ha conservato altro che avventatezza” .

Théodore Aubanel è, con Joseph Roumanille e Paul Giéra, il più avignonese dei Félibres. La sua raccolta di poesie: "Les filles d'Avignon" inizia con quella famosa: "Venus d'Avignon", dedicata a Prosper Yvaren, medico e scrittore.

Gli autori più recenti hanno scelto Avignone come ambientazione per le loro storie. Tra questi, L'Anonimo d'Avignon , romanzo di Sophie Cassanes-Brouquin, pubblicato nel 1992 , dove il suo eroe, il giovane tolosano Philippe de Maynial, si recava ad Avignone dopo la partenza dei papi. Tutti aspettano ancora un ipotetico ritorno e il palazzo papale resta il simbolo dello splendore perduto. Tutta la prima parte si svolge nella città deserta dove il giovane apprende le tecniche pittoriche. Grazie al suo maestro, vi scoprì i grandi anziani, Simone Martini e Matteo Giovanetti, e partecipò inconsapevolmente alla creazione della Scuola avignonese, le cui opere e artisti avrebbero influenzato tutta l'Europa.

Il romanzo poliziesco Panique au Palais des Papes , di Henri Coupon, pubblicato nel 2000 , dove l'autore, avvocato, ha scelto Avignone e il suo Festival come scenario dell'azione terroristica. Dopo un bagno di sangue, la legge che trionferà non sarà quella del codice di procedura penale.

Infine La Prophétie d'Avignon , di Emmanuelle Rey-Magnan e Pascal Fontanille, pubblicata nel 2007 , sotto forma di romanzo che riprende i grandi temi della serie televisiva, facendo di Avignone e del Palazzo dei Papi un importante luogo di esoterismo .

Avignone appare anche in creazioni straniere, che è più in un manga. Infatti l'opera di Kazuma Kamachi Toaru Majutsu no Index si svolge nella città dei papi durante l'arco “Academy City invasion of Avignon”; inoltre, numerosi sono i monumenti della città tra cui il palazzo papale e il ponte Saint-Bénézet.

Il romanziere Henri Bosco (1888-1976) è senza dubbio lo scrittore, nato ad Avignone, il più famoso degli scrittori contemporanei della città dei Papi. Rende omaggio alla sua città nel suo primo romanzo, "Pierre Lampédouze" (1925), così come nella sua trilogia di ricordi di giovinezza: "Un oubli less deep" (1961), "Le chemin de Monclar" (1962), "Il giardino dei Trinitari" (1966). Nel 1966 ha ricevuto il premio Académie de Vaucluse.

Altro
  • Hervé Aliquot, Le cronache di Avignone , Aubanel,1990( ISBN  978-2-7006-0142-8 ).
  • Frédérique Hebrard e Louis Velle, La demoiselle d'Avignon , Presses pocket.
  • Elsa Triolet e Martine Reid, Les amants d'Avignon , Gallimard,2007, 135  pag. ( ISBN  978-2-07-034462-8 e 2-07-034462-2 ).
Gioventù
  • Georges Foveau e Olivier Blazy, Myster Circus ad Avignone , Rouge safran ( ISBN  978-2-913647-09-1 e 2-913647-09-X ).

Avignone e la filatelia

Il 20 giugno 1938, un francobollo del Palazzo dei Papi disegnato da André Spitz e inciso da Jules Piel , con valore nominale di tre franchi è stato emesso dalle poste francesi.

Ogni anno, dal 1960 , la Société philatélique Vauclusienne et Provençale organizza  ad Avignone una “  Giornata del francobollo ”, per la quale vengono pubblicate cartoline con una veduta del ponte Saint-Bénézet e del palazzo papale come illustrazione principale.

Nel 1974 , l'ufficio postale dell'Isola di Man ha emesso un francobollo raffigurante il ponte Saint-Bénézet .

Nel 1997 , l'amministrazione postale delle isole Wallis e Futuna , in occasione del 50 °  anniversario del Festival di Avignone, dedicò a questo evento una delle sue emissioni. Il francobollo da 160 franchi raffigura, tra i simboli del teatro, della danza e della musica, il palazzo papale illuminato dai fuochi d'artificio.

In omaggio a Jean Vilar, La Poste ha emesso il 8 giugno 2001, un francobollo con doppia faccia 3  F e 0,46  € , con il palazzo papale sullo sfondo.

Nel 2009 l'amministrazione postale francese ha emesso un francobollo del valore nominale di 0,70  euro . Questo francobollo, che rappresenta il palazzo dei papi nel suo insieme visto da ovest, è disegnato e inciso da Martin Mörck.

Gastronomia

Fu nel 1835 che venne stampata la prima opera dedicata alla cucina avignonese e più in generale alla cucina meridionale. Questo giovane libro di Pierre Chaillot era una raccolta di più di 800 ricette di varia origine prese da diversi strati della società.

Situazione nel campo culinario mediterraneo

La gastronomia “autentica” avignonese si inserisce in un contesto mediterraneo, attraverso l'utilizzo dell'olio d'oliva, delle cipolle restituite in quest'olio e della grande varietà di erbe e condimenti.

In una scala più fine, fa parte di un insieme occitano caratterizzato dall'uso dell'olio (di oliva e non), a differenza della metà settentrionale della Francia, che fa uso di burro.

Su una scala ancora più raffinata, la cucina avignonese fa parte del dominio provenzale, con ricette molto diverse. Molto utilizzate sono le verdure: legumi come lenticchie, fagioli, fave, ceci, ma anche pomodoro, carciofo, melanzane e zucchine. L'utilizzo di cereali come il farro, ma anche di condimenti come aglio e timo, caratterizzano anche la cucina provenzale. La gente di Provenza si riconosce in molti piatti caratteristici, preparati ancora oggi dagli avignonesi: spezzatino, aioli, ratatouille, zuppa di farro , ecc.

Una delle caratteristiche di questa cucina è stata, da secoli, l'uso quasi esclusivo del montone preparato in qualsiasi salsa. Nel 1784 , al conte polacco Moszynski fu offerta, durante lo stesso pasto consumato in una locanda ad Avignone, una zuppa a base di porridge di montone, costolette di montone, montone bollito, zampette di montone alla Sainte-Menehould, testa di montone all'aceto, montone alla griglia code e un petto di montone arrosto. Questo fece scrivere al signore: "così che, tutto sommato, avevo circa mezza pecora per un pranzo che dovevo essere pagato per nove libbre e i cui resti nutrivano altri tre servi"

Per quanto riguarda il pasto festivo, in particolare il pasto della sera di Natale detto cena grande ( lo gròs sopar , lou gros soupa ), si tratta di un pasto magro, che utilizza in gran parte erbe coltivate o selvatiche, cardi , presentati gratinati o in salsa bianca , con pesce o lumache . Si chiude con i tredici dolci . All'interno del dominio provenzale, la cucina avignonese fa parte del dominio di Arles e Comtat, caratterizzato da suggerimenti per la preparazione di verdure fresche e secche, in particolare con i tian . Il tian sta causando piatti tipici comtadin. Si tratta di un gratin a base di verdure e olio d'oliva. Si noti che la parola tian designa sia il recipiente: un gratin di terracotta, sia il contenuto: il gratin stesso. Il tartufo ( Tuber melanosporum ) è molto presente in questo campo culinario, ad esempio mangiato come frittata o uova strapazzate. Inoltre, la cucina di Arles e Comtat è stata molto probabilmente influenzata dalla presenza di ebrei nel Comtat e ad Avignone. Infatti, ad esempio, la ricetta per Raite ( raita , Raito  : baccalà fritto e cotto nel vino rosso) sembra tipicamente giudeo-Comtadine.

Specialità tradizionali

Sembra di poter identificare almeno quattro ricette tipiche avignonesi, che, se non sono strettamente limitate al terroir avignonese, rappresentano comunque un aspetto dell'identità avignonese. Sono presentati di seguito.

Inoltre, berlingots o berlinguettes ( berlingetas , berlingueto ) potrebbero anche rappresentare un quinto tipica ricetta Avignone. In questo caso non si tratta di caramelle di Carpentras, ma di uova sode ripiene di pasta di acciughe, pane e tuorli d'uovo, gratinati.

Un libro dedicato alla cucina avignonese, e più in generale alla cucina meridionale, fu pubblicato nel 1835. Questo libro di Pierre Chaillot Young era una raccolta di più di 800 ricette di varia origine prese da diversi strati della società.

Alosa soffocata

Il stufati SHAD ( Alausa un estofada , alauso un estoufado , o shad avignonnaise ( Alausa un avinhonenca , alauso un avignounenco ) è un piatto a base di pesce e acetosa Shad è umido ( un estofada , un estofèia ) per molte ore, con acetosa ( Rumex acetosa ), a volte pazienza (altre erbe del genere Rumex chiamate lapaç in provenzale) , e alcol o brandy. La miscela di alcol e acetosa "scioglie" le lische del pesce, che diventa molto più facile da mangiare. L'alosa è diventata molto rara vicino ad Avignone, e potrebbe essere scomparso, a causa della costruzione di dighe, in particolare quella di Vallabrègues.Inoltre, il consumo di pesce del Rodano è ora vietato a causa dell'inquinamento da PCB ( policlorobifenile ).

Lo SHAD ( Alosa Alosa ) è un pesce che assomiglia ad un molto grandi sardine. Nel Rodano veniva pescato in particolare con la vira-vira (o vira-blanchard . Questa grande ruota foderata di reti, che molti avignonesi ricordano, era ingegnosamente azionata dalla semplice corrente del Rodano, e attaccata a due barche affacciate. la Porte de la Ligne sul lato Barthelasse (questo braccio del Rodano era allora il braccio vivo; è diventato il braccio morto dopo le modifiche apportate dalla Compagnie Nationale du Rhône ) fondo di una delle due barche La vira-vira , così come l'alosa, sono conosciuti in molti paesi lungo le rive del Rodano e sono particolarmente legati all'identità di Avignone.

Lo stufato di Avignone

Lo stufato di Avignone ( adòba avinhonenca , adobo avignounenco ) è una variante del classico spezzatino. Al posto della carne di manzo si prende la spalla di agnello o di montone, e la marinatura si fa nel vino bianco.

Questa ricetta ricorda la carbonade ( carbonada , carbounado ). Citata da Mistral nel Pouèmo dóu Rose ("Poème du Rhône") come servita ai marinai, elaborata da René Jouveau nell'Armana Provençau ("Almanacco provenzale") del 1950, la carbonade è un piatto a base di montone stufato con verdure e vino bianco. Può essere servito con fagioli bianchi e fondi di carciofo.

Papeton di melanzane

Tipico di Avignone, il papeton di melanzane è una crema pasticcera a base di caviale di melanzane e uova. Si chiamava così perché veniva cotto in uno stampo a forma di tiara papale. Viene servito con un coulis di pomodori freschi. Tuttavia, il papeton non è menzionato nel Tresor dóu Felibrige de Mistral: la denominazione potrebbe essere recente.

Il crespèu

Il crespeou (pronunciato [krɛsˈpɛw], "cresp e ou") è una torta di frittate di erbe e verdure accatastate in strati sovrapposti che si consumano freddi con o senza coulis di pomodoro. Questa ricetta, che sembra essere originaria della regione di Avignone, è diventata popolare in tutto il Comtat Venaissin e in Provenza .

Crumble di carne avignonese

Il crumble di carne avignonese .

Specialità recenti Navarin ad Avignone

Sempre tra i piatti della cucina provenzale, Navarin ad Avignone.

Papalin

Piccolo cardo formato da due finissimi abiti di cioccolato che conservano il liquore all'origano Comtat, Avignon papaline fu così chiamato in memoria dei papi avignonesi , ma la sua creazione risale solo al 1960 . La ricetta del liquore all'origano rimane un segreto commerciale. Creato nel 1870 , si ottiene dopo distillazione, macerazione e infusione di piante in alcoli selezionati per la loro finezza ea cui viene aggiunto miele di altissima qualità. Nella sua composizione concorrono una sessantina di piante, tutte raccolte ai piedi del Mont Ventoux e nelle campagne circostanti.

Sono necessarie settantadue ore di “segreta alchimia” per dare forma a papaline, questo cugino del liquore di cardo, prodotto artigianalmente e distribuito solo nel Vaucluse.

Vino e liquori

Vino

Durante il papato di Avignone, uno dei vigneti intramurali più famosi era la Vinea Vespalis (vite episcopale) che si trovava sul Plan-de-Lunel . Il suo vino era stato fino a...11 luglio 1364quella dei canonici di Avignone. In quella data Urbain V aveva autorizzato il fratello anglico de Grimoard a disporne a suo piacimento. Infine il 10 luglio , con bolla, il Papa autorizzò il fratello ad esonerare i suoi feudatari dagli uffici di Vinea Vespalis . In sintesi, il Sommo Pontefice aveva espropriato il Capitolo Capitolare di Avignone delle sue vigne per concederle al fratello minore. Altri vitigni si trovavano, ad est, nella contrada dei “Grands Jardins”, terreno incolto tra i due recinti dei bastioni medievali ea sud nella contrada di Champfleury che nel 1348 era stata il cimitero degli appestati .

Ma queste viti, coltivate altezzosamente , erano ben lungi dall'essere sufficienti per rifornire la città papale. Così ogni pontefice si riforniva sia di vini locali, sia di vini che erano facili da portare ad Avignone via fiume. È stato creato un vigneto Grand Avignon . Nel Comtat Venaissin si preferivano i vini di Malaucène , Bédarrides , Valréas , Carpentras , Apt e naturalmente Châteauneuf-du-Pape . Viti della Linguadoca come quelli di Saint-Gilles , Tavel , Bagnols o Villeneuve-lès-Avignon hanno fornito le cantine papali. Dalla Provenza arrivavano i vini di Manosque , Tolone e Saint-Rémy . Alcuni salirono o scesero lungo il Rodano come Cante-Perdrix , il famoso cru Beaucaire , Clos-de-vougeot e Hermitage . Quattro secoli dopo, Honoré Bouche, nella sua Chorographie de la Provence , pubblicata nel 1654 , indica che questi vini avignonesi rifornivano ancora le cantine del Vaticano  : “Ci sono alcuni bianchi, rossi, brillantini, chiaretti, di moscato, di malvasia, e tutto buonissimo, forte e generoso. E ho visto a Roma che alcuni pezzi di vino provenzale si conservavano come i migliori per la tavola del Santo Padre” . Anne-Marguerite Petit du Noyer ha confermato in una delle sue lettere che alcuni di questi vini erano sempre i benvenuti ad Avignone: "Giudica, signora, se in un paese che si potrebbe chiamare Citera, dove risate e giochi che la miseria del tempo ha Francia, si sono rifugiati dove si mangia bene, dove si bevono vini dell'Ermitage e Cante-Perdrix che possiamo chiamare vini degli dei, poiché è lo stesso che viene mandato a Roma per bocca del Santo Padre, giudica, dico, se in un paese così delizioso posso annoiarmi molto” .

Attualmente, Avignone rivendica il titolo di "capitale della Côtes-du-Rhône" poiché ospita la sede di Inter Rhône , nell'Hôtel de Rochegude , che riunisce l'intersezione della Côtes-du-Rhône e delle AOC dalla valle del Rodano .

Il Pernod

Nel 1884 , Jules-François Pernod iniziò la distillazione dell'estratto di assenzio nella sua fabbrica di Montfavet . Si arricchì rapidamente con la commercializzazione della fata verde . Morì nel 1916 , all'età di 89 anni . Suo figlio e successore, Jules-Félix Pernod , fece registrare il marchio “Anis Pernod” alla fine della prima guerra mondiale .

L'Origan du Comtat

Questo liquore , prodotto da l'origano , è una specialità della A. Blachere Distilleria, uno dei più antichi in Provenza, che è stato poi sede ad Avignone.

Acquavite della distilleria Manguin

Fondata da mezzo secolo sull'isola di Barthelasse , questa distilleria artigianale produce acquaviti di frutta bianca, in particolare la pera Williams .

Personalità legate al comune

Molte personalità sono legate alla storia del territorio di Avignone e della sua città. Vi siano nati o semplicemente fortemente legati , troviamo figure religiose come papi o cardinali ( Annibal de Ceccano , Hélie de Talleyrand-Périgord ...), personaggi politici presenti o passati, soldati (Lucantonio Tomassoni da Terni , XVI E  sec. , colonnello umbro al servizio della Chiesa contro gli ugonotti . Juan Fernández de Heredia , Raymond de Turenne …), sportivi ( Éric Di Meco , Cédric Carrasso , Younès Belhanda , Yoann Touzghar , Jean Alesi , Tony Gigot , Benoît Pair ), artisti, siano essi scultori ( Jean-Pierre Gras , Camille Claudel , Joseph Bonnefille ), pittori ( Claude Joseph Vernet , Paul Saïn , Pierre Grivolas , Émile Bouneau , Michel Bonnaud , Joseph Meissonnier , Albert Gleizes ), i membri della prima scuola di Avignone ( Simone Martini , Matteo Giovannetti ), del secondo ( Enguerrand Quarton , Nicolas Froment ) o del Gruppo dei Tredici , compositori ( Jean-Joseph Mouret , Pierre-Gabriel Buffardin, Olivier Messiaen ), costruttori ( Pierre Mignard , Jean Péru , Jean-Baptiste Franque ), attori ( Jean Vilar , Daniel Auteuil , Alice Belaïdi , Loïc Corbery ), cantanti ( Fernand Sardou , Mireille Mathieu , Guy Bonnet , Emma Daumas ), musicisti ( Alexandre Saada , Jean-Pierre Maurin , Yves-Marie Bruel ), videografi web ( François Theurel , Patrick Baud , Ponce), scrittori ( John Stuart Mill , Marianne-Agnès Falques , Henri Bosco , Pierre Boulle , René Girard , Jean-Marc Rouvière, Mazarine Pingeot , Élisabeth Barbier , Tito Topin , Mazarine Destiné) e poeti ( Pétrarque , Frédéric Mistral, Joseph Roumanille, Théodore Aubanel ...) tra cui diversi membri di Félibrige , o come l'unico grande couturier che vive nelle province, Jean Sully-Dumas .

Simboli della città

Stemma
Le grandi armi di Avignone.
Unguibus e rostro

Lo stemma di Avignone può essere blasonato: Rosso, con tre chiavi d'oro poste in fess , cioè tre chiavi d'oro sovrapposte e girate a sinistra su fondo rosso. Questo stemma fu adottato nel 1348, dopo che papa Clemente VI acquistò la città dalla regina Giovanna . Le tre chiavi evocano lo stemma papale, che comprende due chiavi di saltire, e il numero di tre ricorda che la città di Avignone era allora governata da tre fiduciari.

Il primo simboli comunali risalgono al XII °  secolo e le guarnizioni utilizzate dalla Cancelleria vescovile. Questi presentavano da un lato la figura del Vescovo di Avignone, e dall'altro quella del Sacro Romano Impero . La figura dell'imperatore è stato sostituito nel XIII °  secolo da un'aquila, simbolo del Sacro Romano Impero . I consoli della città erano meno simpatizzanti dell'Impero rispetto alle autorità religiose, e usavano invece l'immagine meno aggressiva del girfalco .

Nel XV °  secolo , i falchi sono stati reintrodotti come supporti alla ECU, su richiesta della popolazione al Papa. Nello stesso periodo fu adottato il motto della città: Unguibus et rostro . Il suo significato, "dente e unghie", si riferisce ai girfalchi. I due uccelli portano ciascuno un campanello sulla zampa, al fine di mantenere simbolicamente l'attenzione dei fiduciari sugli affari della città. La Croix de Guerre 1939-1945 è stata aggiunta allo stemma comunale nel 1948.

Motto

Il motto di Avignone è Unguibus et rostro che letteralmente significa “con becco e artiglio”, equivalente all'espressione francese “con becco e unghie”. Evoca i falchi trovati sulle braccia e lei è stato scelto dalle autorità locali nel XV °  secolo per mostrare la loro determinazione a difendere la libertà della città.

Slogan

Lo slogan della città di maggio 2012a maggio 2014 è “Avignone, Città dello Spirito”.

Dal 2017 il nuovo slogan della città è “Avignon, Ville d'Exception”.

Logotipo
  • nel 2009, il logo della città rappresenta il ponte Saint-Bénezet su cui è scritto “AVIGNONE” in maiuscolo. Questa è una fotografia sfocata e truccata del ponte, con l'arco insolitamente allungato per assomigliare a una linea. Di colore giallo ocra che contrasta con il cielo e l'acqua del Rodano , il ponte è riconoscibile per la sua cappella . Sono emerse diverse versioni. Così può apparire nella parte bassa, sotto il ponte, lo slogan: "CITTÀ DELLO SPIRITO";
  • nel maggio 2012, a seguito di un problema di diritti posto dalla foto utilizzata, il logo viene semplificato. Sul logo della città compare poi una linea che rappresenta il ponte Saint-Bénezet sul quale è scritto in maiuscolo "AVIGNON". La linea, che rappresenta il ponte, è di colore arancione. Contrasta con il cielo (azzurro) e l'acqua del Rodano (blu scuro). Così, in basso a destra, può apparire l'indirizzo del sito web della città: “www.avignon.fr”.
  • nel maggio 2014 è stato semplificato l'indirizzo internet che compare sul logo del comune. Appare così, quindi, in basso a destra, l'indirizzo del sito web della città: "avignon.fr".
Santi patroni

Durante la sua storia, la città di Avignone avrebbe avuto diversi santi tutelari. Nel XVIII °  secolo, durante la costruzione della banchina del Rodano, le statue di questi santi si succedettero.

Vita militare

Caserma

Dopo la Rivoluzione francese , parte del palazzo papale divenne una caserma assegnata agli ingegneri militari . Poi, dal 1881 al 1900 , vi si stabilì un reggimento di fanteria . Il comando militare ribattezzò poi il palazzo “caserma Duprat” in onore di Jean Étienne Benoît Duprat , ex colonnello della Guardia Nazionale di Avignone che divenne Generale dell'Impero e morì a Wagram .

Sotto Napoleone III , Viollet-le-Duc propose un progetto di restauro dell'edificio per renderlo più in linea con il suo status di monumento storico, ma fu uno sforzo inutile. Questo progetto vide la luce nel 1860 , ma la guerra del 1870 ne impedì la realizzazione e si salvò così dalla distruzione delle volte della Grande Udienza che voleva rimuovere. Il sito è rimasto militare.

All'inizio del secolo, più di sessant'anni dopo che Charles de Montalembert aveva scritto il suo Vandalismo in Francia, una lettera a M. Victor Hugo il palazzo rimase in pessime condizioni. La facciata principale era stata spogliata delle sue due torri che la rendono oggi così riconoscibile, gli interni erano ingombrati dai detriti dell'occupazione militare, le statue erano state distrutte, finestre e porte aperte senza alcun rispetto per l'architettura in quanto a livello di il portale della grande cappella in cui i genieri militari si erano autorizzati a forare una porta, ecc.

La città di Avignone recuperò il palazzo solo nel 1902 . In cambio, la città doveva costruire una nuova caserma fuori dai bastioni, la caserma Chabran. Era la caserma del 58 °  Reggimento Fanteria. Attualmente è sede della prefettura. Nel settembre 1906 , le truppe lasciarono il palazzo. In un secolo gli ingegneri militari avevano lavorato bene e "la sua caserma sembrava tutte baracche". Intra-muros , in fondo all'attuale Cours Jean Jaurès si trova la caserma Hautpoul. Questo è l'ex caserma dei 7 e  geniale, installate presso l'ex giardini del monastero dei Celestini. Fu completato intorno al 1865 . Attualmente è la città amministrativa (tesoreria di Avignone).

Extra-muros , boulevard Saint-Roch, si può vedere la caserma Salles, un'ex caserma di cavalleria. È la sede della stazione di polizia (stazione di polizia). È un ospedale molto antico per gli appestati, che è stato ristrutturato.

Elenco delle unità militari che hanno presidiato ad Avignone

Tra le unità militari che hanno presidiato ad Avignone, ci sono: reggimenti di fanteria:

reggimenti di ingegneri:

  • 1 °  del pontone artiglieria reggimento diventa il 7 °  Ingegneria Reggimento dopo essersi trasferito alla caserma Hautpoul. Il Reggimento Genio è composto da due battaglioni che collegano l'esercito, il 23 ° e il 24 °  battaglione. Il suo campo di addestramento fu nella macchia di Villeneuve, fino a quando non fu venduto al comune di questa città. Il 15 °  Battaglione Genio fa parte anche del 7 °  Reggimento Genio;
  • 19 °  Battaglione Genio 1906, i reggimenti di cacciatori a cavallo:

e altri due reggimenti:

complementi

Bibliografia

Documento utilizzato per scrivere l'articolo : fonte utilizzata per scrivere questo articolo.

  • Paul Achard, Dizionario storico delle strade e delle piazze della città di Avignone , Ed. Seguin anziano, Avignone,1857( leggi in linea ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Hervé Aliquot, Avignone, da Montfavet a Villeneuve , Ed. Scuola Palatina, Avignone,2004. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Hervé Aliquot, Montfavet, Le Pontet, Sorgues, Avignon. Il palazzo gotico al XIV ° e XV ° secolo , Ed. Equinozio,1993. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Hervé Aliquotare e Cyr Harispe Avignone XIV °  secolo. Palazzo e decorazioni , Ed. Scuola Palatina, Avignone,2006, 144  pag. ( ISBN  2-9522477-1-4 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Robert Bailly, Dizionario dei comuni della Vaucluse , Éd. A. Barthélemy, Avignone,1986. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Fernand Benoit , Avignon au double face , canna. Equinozio, Barbentano,1996. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Patrick Boucheron e Jacques Chiffoleau, I palazzi nella città: spazi urbani e luoghi del potere pubblico nel Mediterraneo medievale, [tavola rotonda, Avignone, 3-5 dicembre 1999] , Lione, Spazi urbani e luoghi del potere pubblico nel Medioevo Mediterraneo, PUL, coll. "Di storia e archeologia medievale", n o  13, Lione,2004, 341  pag. ( ISBN  2-7297-0747-6 , presentazione online ).
  • Anne Bourret-Porée, Residenze segrete della vecchia Avignone , Barbentane, Éd. Equinozio, col .  "Luci del sud",7 aprile 2003( ISBN  978-2-84135-209-8 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Alain Breton , "Architettura barocca ad Avignone e nel Comtat" , in Congresso Archeologico di Francia. 175 ° sessione. Monumenti di Avignone e Comtat Venaissin. 2016: Colophon e l'influenza del papato ( XIV ° - XVII ° secolo) , Paris, Società Archeologica Francese ,2017, 336  pag. ( ISBN  978-2-901837-76-3 ) , pag.  55-79
  • Germain Butaud e François Guyonnet , "Sviluppo urbano in Comtat ( XI ° - XIV ° secolo)" al Congresso Archeologico in Francia. 175 ° sessione. Monumenti di Avignone e Comtat Venaissin. 2016: Colophon e l'influenza del papato ( XIV ° - XVII ° secolo) , Paris, Società Archeologica Francese ,2017, 336  pag. ( ISBN  978-2-901837-76-3 ) , pag.  33-53
  • Sophie Cassagnes-Brouquet, Sulle tracce dei papi di Avignone , edizioni Ouest-France,2005( ISBN  978-2-7373-3414-6 e 2-7373-3414-4 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Isabelle Chave , “Introduzione” , al Congresso Archeologico di Francia. 175 ° sessione. Monumenti di Avignone e Comtat Venaissin. 2016: Colophon e l'influenza del papato ( XIV ° - XVII ° secolo) , Paris, Società Archeologica Francese ,2017, 336  pag. ( ISBN  978-2-901837-76-3 ) , pag.  90-103
  • Alain Christof e Philippe Ménard, Avignone , Éditions Premier Plan ( ISBN  978-2-85744-531-9 e 2-85744-531-8 ).
  • Gabriel Colombe, Il Palazzo dei Papi di Avignone , Parigi,1939.
  • Jean-Paul Clébert, Guida della Provenza misteriosa , Parigi, Sand et Tchou,febbraio 1992, 592  pag. ( ISBN  978-2-7107-0359-4 ).
  • Jules Courtet, Dizionario geografico, geologico, storico, archeologico e biografico del dipartimento del Vaucluse , Avignone,1876. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Pierre-Marie Danquigny, La città di Avignone attraverso la testi greci e latini del II °  secolo aC il VI °  secolo , revisione Avignone, il Rodano e Contado, n o  4, Imp. Scriba, L'Isle-sur-la-Sorgue,1986. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Eugène Duprat, “Topgraphie avignonnaise”, in Revue du Midi , 1909, p.  193-211 ( leggi in linea )
  • Frédéric Eldin, Avignon 68, al crocevia delle controversie, ovvero Il movimento di maggio-giugno 1968 nell'agglomerato di Avignone e la sua estensione durante il XXII e Festival , Tesi di Master in Storia Contemporanea sotto la direzione di Robert Mencherini, anno accademico 1996- 1997, Università di Avignone e Pays de Vaucluse. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Jean Favier , I Papi di Avignone , Parigi, Fayard,2006, 826  pag. ( ISBN  2-213-62524-7 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Sylvain Gagnière , Storia di Avignone ,1979. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Sylvain Gagnière e Jacky Granier, Una nuova scultura calcolitica ad Avignone: la stele antropomorfa del quartiere Balance , Mémoires de l'Académie de Vaucluse, 1965-1966, p.  35-51. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Alain Girard, ponte L'Aventure Gotica tra Spirito e Avignone XIII ° e XV esimo  secolo. Genesi delle forme e significato dell'arte gotica nella bassa valle del Rodano , Aix-en-Provence, Edisud,1996, 189  pag. ( ISBN  2-85744-888-0 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Joseph Girard, Avignone, Storia e monumenti , Ed. Dominique Seguin, Avignone,1924. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Joseph Girard, Evocazione della vecchia Avignone , 1958, canna. Ed. de Minuit, Parigi, 2000 ( ISBN  978-2-7073-1353-9 e 2-7073-1353-X ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Félix Goumarre, Questioni locali avignonesi , Aubanel, 1940, 1951.
  • Pierre Grava ( dir. ), Avignone nel Medioevo, testi e documenti , IREBMA et alii, Pubblicazione della Facoltà di Lettere di Avignone,1988. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • L. Imbert e J. Sautel (abate), Avignone e Villeneuve-lès-Avignon , Avignone,1925.
  • André Hallay, Avignone e il Comtat Venaissin , Parigi,1909. Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Jacqueline Hamesse, Vita culturale, intellettuale e scientifica alla corte dei papi di Avignone , Turnhout, Brepols, Parigi,2006, 413  pag. ( ISBN  2-503-51877-X ).
  • Leon Honoré Labande, Il Palazzo dei Papi e monumenti storici di Avignone nel XIV °  secolo, t. I e II , Ed. Detaille, Aix-Marseille,1925.
  • Michel Laclotte, L'École d'Avignon. Pittura in Provenza al XIV ° e XV °  secolo , Parigi,1960.
  • Nicolas Leroy, Una città e il suo diritto, Avignone inizio XII ° secolo. al 1251 , Parigi, 2009.
  • Marc Maynègre, La visita di Luigi XIV ad Avignone e La strage della Glacière in Dalla Porte Limbert al Portale Dipinto, storia e aneddoti di un antico quartiere di Avignone , Sorgues,1991, 209  pag. ( ISBN  2-9505549-0-3 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Marc Maynègre, Dalla porta Limbert al portale dipinto: Storia e aneddoti di un antico quartiere di Avignone , Marc Maynègre,1991, 209  pag. ( ISBN  978-2-9505549-0-1 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • René Moulinas, Storia della rivoluzione avignonese , Aubanel, Avignone,1986.
  • Pierre Pansier , "Le strade di Avignone nel Medioevo", in Mémoires de l' Académie de Vaucluse , 1910, 2 ° serie, volume 10, pag.  41-74 , pagg.  147-200 , pagg.  209-244 , 1911, p.  89-101 , pagg.  281-322 , pagg.  355-405
  • Pierre Pansier, i cardinali Palazzo Avignone a XIV ° e XV °  secolo , Roumanille Avignone, 1926-1932.
  • Philippe Prévot, Storia del ghetto di Avignone: attraverso la carriera degli ebrei di Avignone , Avignone, Éd. Aubanel, Avignone,1975, 169  pag. ( ISBN  2-7006-0056-8 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Yves Renouard , La papauté à Avignon , Paris, PUF, Paris, 1954, canna. J.-P. Gisserot, 2004,2004, 127  pag. ( ISBN  978-2-87747-748-2 e 2-87747-748-7 , presentazione online ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Jacques Rossiaud, Il Rodano nel Medioevo: storia e rappresentazioni di un fiume europeo , Aubier, Parigi, Collezione storica,2007, 648  pag. ( ISBN  978-2-7007-2296-3 e 2--7007-2296-5 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Charles Lawrence Salch , Atlas fortificata città e villaggi in Francia, L'inizio del V °  secolo fino alla fine del XV °  secolo , Strasburgo, Edizioni Publitotal,1 ° novembre 1987, 495  pag., B.38.688.87.Avignone pp. da 157 a 161; 444 e mappa n °  14 Provenza-Alpi-Costa Azzurra.
  • Charles Lawrence Salch , Dizionario dei castelli e delle fortificazioni del Medioevo in Francia , Strasburgo Publitotal, 4 ° trimestre 1979 1287  p. ( ISBN  978-2-86535-070-4 e 2-86535-070-3 )Avignone, p. da 86 a 90..
  • André Segond, “Folle rivoluzionarie ad Avignone (1789-1791)”, in Provenza storica , 1969, volume 19, fascicolo 78, p.  307-328 ( leggi in linea )
  • Gérard Valin, Les Jacobites, la pauté et la Provence, L'Harmattan, 2019 ( ISBN  978-2-343-16994-1 )
  • Dominique Vingtain, Monumento della Storia. Costruisci, ricostruisci il Palazzo dei Papi. XIV °  secolo- XX °  secolo , edizioni RMG, Avignone,2002.
  • Dominique Vingtain, Avignone: il Palazzo dei Papi , Éditions Zodiaque,1998( ISBN  978-2-7369-0240-7 e 2-7369-0240-8 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Il Palazzo dei Papi, Avignone: guida alla visita , Ed. Gaud e Ed. RMG Palais des Papes, 3 ° edizione,2004( ISBN  2-84080-063-2 ). Documento utilizzato per scrivere l'articolo
  • Avignone , Parigi, Hachette et Cie,1893, 140  pag. ( leggi in linea ).
  • Cifre chiave pubblicate dall'Istituto nazionale di statistica e studi economici (INSEE). File completo .
  • Inventario nazionale del patrimonio naturale della città .
Rivista
  • GEO , n .  136, 1990.

Articoli Correlati

Collegamenti esterni e progetti correlati

Note e riferimenti

Appunti

  1. Secondo la zonizzazione dei comuni rurali e urbani pubblicata nel novembre 2020, in applicazione della nuova definizione di ruralità validata il14 novembre 2020 nel comitato interministeriale delle ruralità.
  2. Il concetto di città bacino di utenza è stato sostituito nell'ottobre 2020 dalla vecchia nozione di area urbana , per consentire un confronto coerente con gli altri paesi dell'Unione Europea .
  3. acque continentali si intendono tutte le acque superficiali, generalmente acque dolci provenienti dall'acqua piovana, che si trovano nell'entroterra.
  4. In Wikipedia, per convenzione, si è mantenuto il principio di visualizzare nella tabella di censimento e nel grafico, per le popolazioni legali successive al 1999, solo le popolazioni corrispondenti ad un censimento esaustivo per i comuni con meno di 10.000 abitanti, e che le popolazioni del anni 2006, 2011, 2016, ecc. per i comuni con più di 10.000 abitanti, nonché l'ultima popolazione legale pubblicata dall'INSEE per tutti i comuni.
  5. legale popolazione comunale in vigore il 1 °  gennaio 2021, l'annata 2018, ha definito i limiti territoriali in vigore il 1 °  gennaio 2020, data di riferimento statistico: 1 °  gennaio 2018.
  1. tradizione provenzale dice che i primi due furono il maestrale e il Parlamento di Aix .
  2. L'epicentro di questo terremoto è stato Lambesc, villaggio di Bouches-du-Rhône.
  3. Lo Stato Pontificio di Avignone comprendeva diversi comuni attuali: Bédarrides , Châteauneuf-du-Pape , Entraigues-sur-la-Sorgue , Le Pontet , Morières-lès-Avignon , Sorgues e Vedène .
  4. esistono rappresentazioni solari identico su pareti rocciose o siti di roccia lungo la costa provenzale, a Mont-Bego, nella penisola iberica e nel Sahara marocchino.
  5. In Provenza, queste stele antropomorfe (Lauris, Orgon, Senas, Trets, Goult, Isle-sur-la-Sorgue, Avignone), datate tra - 3000 e - 2800, sono legate alla "civiltà di Lagoza". Testimoniano un'agricoltura che è diventata predominante nelle basse valli del Rodano e della Durance.
  6. A volte è indicato come Julius.
  7. Nettario primo vescovo storico di Avignone, si era recato a Roma durante il suo episcopato a controversie arbitrare che ha opposto Ilario di Arles al Papa Leone I st .
  8. Gli storici gli hanno dato il nome di circolo letterario austraso-provenzale.
  9. senatores Inter sophisticos ac judices philosophicos fatigari .
  10. Riez non avrà più un vescovo per 229 anni, Vence per 218 anni, Saint-Paul-Trois-Châteaux per 189 anni e di nuovo sarà vescovo di Orange, le due diocesi riunite, Carpentras e Digne perdono la loro per 138 anni.
  11. Bosone era imparentato con i Carolingi tramite Ermangarda, sorella di Carlo il Calvo .
  12. Fraxinetum è stato identificato a La Garde-Freinet .
  13. Maïeul era il figlio minore di Foucher Valensole, uno dei più ricchi signori della Provincia , e Raymonde, figlia del conte Maïeul I st di Narbonne , che si sono sposati ad Avignone.
  14. Eyric era il figlio maggiore di Foucher de Valensole e Raymonde de Narbonne, sarà attraverso il figlio Humbert de Caseneuve il ceppo dell'illustre casata di Agoult - Simiane .
  15. Il Castrum Caneto  " corrisponde a Cannet-des-Maures .
  16. Stranamente, rue Abraham sembra richiamare la vita ebraica meglio di rue Vieille Juiverie. Si veda il “  Dizionario storico delle strade e dei luoghi pubblici della Città di Avignone  ” , Centro Internazionale per la Scrittura in lingua Oc,1996(consultato il 29 dicembre 2005 ) .
  17. Vedi Sismicità .
  18. Un'unità urbana si basa sulla continuità dell'habitat.
  19. Secondo http://www.insee.fr/fr/themes/tableau_local.asp?ref_id=POP&millesime=2013&typgeo=UU2010&search=00754 sul sito insee.fr, il dato 2013 lo collocava nel 14 °  sito francese subito dopo Strasburgo ( 13 ° ) e davanti a Montpellier ( 15 ° ), con un incremento di 6 posizioni rispetto al 1999 .
  20. Impresa di pulizie.
  21. Françoise de Grignan soggiornava ad Avignone con il marito il conte, governatore della Provenza, che occupò militarmente la città per ordine di Luigi XIV.
  22. I Vice legati che avevano governato Avignone nei primi anni del XVII °  secolo, erano Rainier Elci (1719-1731), F.-M. de Gonteriis (1731) e Philippe Bondelmonti (1731-1739).
  23. Nel 1335 e nel 1336, Petrarca aveva rivolto due petizioni a Benedetto XII (vedi Tomba di Benedetto XII ) per sollecitarlo a venire a Roma. Di fronte all'ostilità di Bologna, città papale, rifiutò. Da allora in poi, è stato trattato come un ubriacone incallito dal giovane.
  24. La sentina era un luogo, in fondo alla stiva, dove si raccoglievano le acque reflue (→ fogna , pozzo nero ).
  25. "Dalla gotica Avignone / Palazzi e torri / Font des dentelles / Nelle stelle".
  26. Inclusa la cattedrale di Notre-Dame des Doms .

Riferimenti bibliografici

  1. p.  70.
  2. p.  123.
  3. p.  131.
  4. p.  138.
  5. p.  145.
  6. p.  150-153.
  1. p.  264.
  2. p.  279.
  3. p.  197.
  4. p.  226.
  5. p.  179.
  6. p.  180.
  7. p.  91.
  8. p.  186.
  9. p.  246.
  10. p.  247.
  1. p.  59.
  2. p.  100.
  3. p.  101.
  1. p.  85.
  2. p.  86.
  1. p.  59 .
  2. p.  14.
  3. p.  14-15 .
  4. p.  17.
  5. p.  15.
  1. p.  56-58.
  2. op. cit. , pag.  57-58.
  3. p.  61.

Altri riferimenti

  1. "  Rilievo e geologia nel settore avignonese  " , su Agence Rosier .
  2. "  AVIGNON  " , su universalis.fr (consultato il 6 settembre 2020 ) .
  3. Maurice Campione, Inondazioni in Francia dal VI °  secolo ad oggi: la ricerca e la documentazione , Paris, Dunod,1862( leggi in linea ).
  4. "  Inondazioni ad Avignone  " , sul documento video dell'Istituto Nazionale dell'Audiovisivo (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  5. "  Inondazioni a Parigi e ad Avignone  " , sul documento video dell'Istituto Nazionale dell'Audiovisivo - JT 20h - ORTF ,23 gennaio 1955(consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  6. "  Inondazioni del 2 dicembre 2003 nella foto  " , su monanneeaucollege.com ,2 dicembre 2003.
  7. "  Corso d'acqua: fiume Èze (X31-0400)  " , sul sito del Servizio nazionale di gestione dei dati e dei depositi sulle acque ( SANDRE ) .
  8. Acqua in città .
  9. "  La rue des Teinturiers -Avignon  " , su avignon-et-provence.com (consultato il 7 novembre 2009 ) .
  10. Salah Nofal, "  Studio idrogeologico alla confluenza Rodano-Durance (Master 2 presso l'Università di Avignone e il Pays de Vaucluse)  " , su memoireonline.com ,2009(consultato il 7 novembre 2009 ) .
  11. Zonazione sismica regolamentare della Francia, classificazione dei cantoni (divisione alla fine del 1989) della regione PACA , p.  48.
  12. Il campanile degli agostiniani .
  13. "La climatologia del Vaucluse" , La Provence .
  14. Jean Vialar, I venti regionali e locali , 1948; ristampato da Météo-France nel 2003.
  15. Fonte: Servizi tecnici Inter Rhône ad Avignone Dati meteorologici per il 2006 [PDF] .
  16. “  Parcheggio  ” , sul sito ufficiale della città di Avignone (consultato il 13 ottobre 2011 ) .
  17. Trasporto al sito della città.
  18. Unione degli aeroporti francesi - statistiche annuali - aeroporto di Avignone Provenza
  19. “  Vélo Cité Avignon  ” , su Site du Vélo Cité (consultato il 13 ottobre 2011 ) .
  20. "  trasporto pubblico di Grand Avignon  " , sul Sito dei trasporti pubblici di Grand Avignon (consultato il 13 ottobre 2011 ) .
  21. “  Plans  ” , su Orizo, Transports en commun du Grand Avignon (consultato il 19 ottobre 2019 ) .
  22. “  Tipologia urbana/rurale  ” , su www.observatoire-des-territoires.gouv.fr (consultato il 5 aprile 2021 ) .
  23. "  urbano comune - la definizione  " , sul il sito Insee (consultabile sul 5 aprile, 2021 ) .
  24. "  Capire la griglia di densità  " , su www.observatoire-des-territoires.gouv.fr (consultato il 5 aprile 2021 ) .
  25. “  Avignon Urban Unit 2020  ” , su https://www.insee.fr/ (consultato il 5 aprile 2021 ) .
  26. "  Banca dati delle unità urbane 2020  " , su www.insee.fr ,21 ottobre 2020(consultato il 5 aprile 2021 ) .
  27. Vianney Costemalle, “  Sempre più abitanti nelle unità urbane  ” , su insee.fr ,21 ottobre 2020(consultato il 5 aprile 2021 ) .
  28. "  Elenco dei comuni che compongono l'area di attrazione di Avignone  " , su insee.fr (consultato il 5 aprile 2021 ) .
  29. Marie-Pierre de Bellefon, Pascal Eusebio, Jocelyn Forest, Olivier Pégaz-Blanc e Raymond Warnod (Insee), “  In Francia, nove persone su dieci vivono nel bacino di utenza di una città  ” , su insee.fr ,21 ottobre 2020(consultato il 5 aprile 2021 ) .
  30. “  CORINE Land Cover (CLC) - Distribuzione delle aree in 15 posizioni di uso del suolo (area metropolitana).  » Sul sito dei dati e studi statistici del Ministero Ecologico di transizione. (consultato il 28 maggio 2021 )
  31. IGN , “  Evoluzione dell'uso del suolo in città su vecchie mappe e foto aeree.  » , Su remorerletemps.ign.fr (consultato il 28 maggio 2021 ) . Per confrontare l'evoluzione tra due date, fare clic sulla parte inferiore della linea di divisione verticale e spostarla a destra oa sinistra. Per confrontare altre due carte, scegli le carte nelle finestre in alto a sinistra dello schermo.
  32. La pianificazione del XX esimo .
  33. "  Il caso di Avignone  " [PDF] , su Ministero della Cultura , p.  180-183.
  34. Ai tuoi orologi!
  35. “  Avignone in cifre  ” , su Mairie d'Avignon (accessibile 19 Ottobre 2011 ) .
  36. “  Spazi verdi  ” , su Ville d'Avignon (visitato il 17 ottobre 2011 ) .
  37. “  del file INSEE su Avignon  ” [PDF] , in Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici ,30 giugno 2011(consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  38. Charles Rostaing , Saggio sulla toponomastica della Provenza, dalle origini alle invasioni barbariche , Ed. Jeanne Laffitte, 1994, p.  30.
  39. Albert Dauzat e Charles Rostaing , Dizionario etimologico dei toponimi in Francia , Éd. Larousse, 1968, p.  1689.
  40. Albert Dauzat e Charles Rostaing , op. cit.
  41. Robert Bourret, Dizionario francese-occitano , ed. Lacour, Nîmes, 1999, p.  59.
  42. Frederic Mistral, Lou Tresor dou Felibrige
  43. "in" Avignone sul sito dell'Accademia di Francia nella sezione - Nomi geografici e loro articoli -: "Non possiamo condannare le svolte ad Arles , ad Avignone, ben attestate dai migliori autori, e che possono essere spiegate da entrambi come arcaismo (l'uso di en al posto di à prima dei nomi delle città, soprattutto a partire da una vocale, era molto più diffuso nel periodo classico) e come regionalismo provenzale. Sembra, tuttavia, che questa occupazione sia in declino. […] Consultato il 12 ottobre 2010 ” .
  44. Guy Martin e Bernard Moulin, Grammatica provenzale e mappe linguistiche , ed. Comitat d'estudis occitans CREO-Provenza, Diffusion Édisud, 1998.
  45. Centro regionale di Estudis Occitans-Provenza, Dizionario di base francese-provenzale, ed. CREO-Provenza, 1992.
  46. Il tesoro di Félibrige .
  47. Claude Martel, Il provenzale , ed. Riva, 1988.
  48. Ulteriori spiegazioni a riguardo nel sito della città di Avignone e nel video di TV5 .
  49. L'opinione del Comune di Avignone qui riportata è che “La formula “ad Avignone”, se evita uno iato un po' dissonante, è invece errata quando si applica alla città contenuta nei suoi limiti comunali. Il suo uso in questo caso è spesso il risultato dell'ignoranza o di una certa pedanteria a volte basata sulla nostalgia per l' Ancien Régime ... L'espressione appropriata è "ad Avignone" quando si parla della città stricto sensu come di una città fatta per "ad Aix  " , "ad Albi  " o "ad Amboise  ". " .
  50. "  Lasciatevi detto ad Avignone  " , sulla città e paesi d'arte e di storia dal Ministero della Cultura (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  51. S. Gagnière e J. Granier, Stele antropomorfa rinvenuta ad Avignone (Vaucluse) , “Ogam”, t. XIII , fac. 6 , 1961, e Catalogo ragionato delle stele antropomorfe calcolitiche dal museo Calvet d'Avignon , Avignone, 1976.
  52. Stefano di Bisanzio, Gli etnici in breve , Berlino, Augustus Meineke ,1849.
  53. "  Storia, l'origine del nome  " , su Mairie d'Avignon (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  54. Espressione usata dallo Pseudo-Aristotele in Tales of Wonder .
  55. denominazione utilizzata da Dionigi il Periocete nella Descrizione della terra abitata .
  56. Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia e Pomponio Mela nel suo De Choregraphia designano Avignone come capitale dei Cavares.
  57. "  Le origini di Avignone  " , su orizzonte-provenza (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  58. Pomponio Mela, Descrizione della Terra , Libro II, V.
  59. Questo aiuto è menzionato nei canoni del Concilio di sette province in Béziers che si è tenuto nel 472 sotto la presidenza di Sidoine Apollinaire , vescovo di Clermont . Il prelato di Lione riforniva anche Arles, Riez , Orange, Saint-Paul-Trois-Châteaux , Alba e Valence , città affamate dal saccheggio dei Burgundi.
  60. Dettagli su questa vicenda, sulla base delle informazioni lasciate in eredità da Grégoire de Tours, in Marcellin Babey, " L'altare-cippo di Saint-Marcel-de-Careiret: genesi di una stele merovingia ".
  61. Paul-Albert February (a cura di), La Provenza dalle origini all'anno 1000 , p.  485:

    “Sulle ventitré sedi provenzali, erano presenti solo undici vescovi. "

    .
  62. Ludovico il Cieco, figlio di Bosone I fu prima Re di Provenza dall'890 al 928. Divenne re d' Italia nel 900 e fu incoronato imperatore del Sacro Romano Impero nel febbraio 901 a Roma da Papa Benedetto IV . Il suo rivale italiano Béranger de Frioul gli fece cavare gli occhi nel 905 per falsa testimonianza .
  63. Ecclesia suæ in honore Sancte Marie Dei genitris dicatæ  " note cartulario della Madonna del DOM.
  64. Édourd Baratier, Storia della Provenza , Privat,1969, 607  pag. , pag.  106.
  65. Mc Kitterick, 267.
  66. Essi sono noti nel cartulario di Notre-Dame des Doms: genetrici ejus Regine celorum et terre interemate Marie Virgini protomartyri etiam beatissimo Stephano  " . Il18 agosto 918, Ludovico il Cieco, in un diploma di nuova restituzione in favore di Fulcherio, cita il complesso della cattedrale di Avignone con due chiese e un battistero: Matris ecclesie Sancte Marie e Sancti Stephami ac Sancti Johannis Baptiste  " .
  67. (a) Bernhard Blumenkranz, "  Avignon  " on Jewish Virtual Library .
  68. Jacques Verger, Il Rinascimento del XII °  secolo , Cerf, 1999, p.  102 .
  69. Cronologia catara .
  70. Yves Renouard, "Il patrocinio dei papi ad Avignone", in Il papato ad Avignone , op. cit. , pag.  99-105.
  71. Yves Renouard, op. cit. , pag.  99.
  72. Bernard Guillemain, I Papi di Avignone , Ed. du Cerf, 2000, p.  112.
  73. Raymond Dugrand e Robert Ferras, La Grande Encyclopédie , t.  III, Parigi, Larousse,1972( ISBN  2-03-000903-2 ) , pag.  1355.
  74. “  Chiesa cattolica in Avignone - Nota storica  ” , sulla Arcidiocesi di Avignone (accessibile 17 ottobre 2011 ) .
  75. Lettere patente di Luigi XI, Plessis-du-Parc-lèz-Tours, 10 ottobre 1479 .
  76. Pierre Miquel , Le guerre di religione , Parigi, Fayard ,1980, 596  pag. ( ISBN  978-2-21300-826-4 , OCLC  299354152 , leggi online )., pag.  233.
  77. Pierre Miquel , Le guerre di religione , Parigi, Fayard ,1980, 596  pag. ( ISBN  978-2-21300-826-4 , OCLC  299354152 , leggi online )., pag.  254.
  78. "  Cronologia degli anni intorno ad Agrippa d'Aubigné  " , su agrippadaubigne.org (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  79. Descrizione di Avignone, 1829 .
  80. Eugène Hatin, Bibliografia storica e critica della stampa periodica francese , Parigi, Firmin Didot Frères,1866( leggi in linea ) , p.  306.
  81. Monumento al centenario della riunione di Avignone e Comtat con la Francia .
  82. Albert Ceccarelli, The Revolution in Isle sur la Sorgue and Vaucluse , Éditions Scriba, 1989 ( ISBN  2-86736-018-8 ) , p.  60.
  83. Storia filosofica della rivoluzione di Francia, dalla prima Assemblea dei notabili alla pace di Presbourg , 1807, cap.  XXIV, pag.  77.
  84. Albert Ceccarelli, La rivoluzione… , op. cit. , pag.  64.
  85. Storia filosofica della rivoluzione di Francia, dalla prima Assemblea dei notabili alla pace di Presbourg , 1807, cap.  XXV, pag.  79.
  86. Albert Ceccarelli, La Rivoluzione… , p.  89.
  87. Linea Avignone - Marsiglia , su train.wikia.
  88. André Mercier, "  120 anni fa, i Vauclusi insorsero contro il colpo di Stato di Luigi-Napoléon Bonaparte", articoli pubblicati sul quotidiano Le Provençal , edizione Vaucluse, dal 2 al 7 dicembre 1971  " , sull'Associazione 1851 per la memoria delle resistenze repubblicane ,1971(consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  89. Bernard Amouretti, "L'uomo è da tempo dipendente dalla Durance", Assessorato all'ambiente, allo sviluppo sostenibile e all'agricoltura, La Durance: legame vitale del territorio regionale , Consiglio Regionale PACA, p.  25.
  90. Raymond Poincaré, Al servizio della Francia: l'Europa sotto le armi: 1913 .
  91. Conservatorio di documentari e cultura, Frédéric Mistral: 1913-2013: 100 anni fa, gli ultimi trionfi .
  92. “  Aeroporto Avignon-Caumont  ” , sul sito ufficiale dell'aeroporto Avignon-Caumont (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  93. "  Storia, lo stemma della città  " , sul sito ufficiale del municipio di Avignone (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  94. (in) "  Laureati dell'Europa 1955/2011  " , sul sito web del Consiglio d'Europa (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  95. (de) "  Stazione TGV di Avignone (2001)  " , su structurae.de .
  96. “  Referendum europeo del 20 settembre 1992  ” , sul Ministero dell'Interno (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  97. "  Risultati delle elezioni presidenziali del 2002  " , su interieur.gouv.fr (consultato il 6 settembre 2020 ) .
  98. "  Risultati delle elezioni europee 2004  " , su interieur.gouv.fr (consultato il 6 settembre 2020 ) .
  99. “  referendum sulla costituzione europea del 29 maggio 2005  ” , sul Ministero dell'Interno (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  100. “  Sondaggio presidenziale 2007 ad Avignone  ” , sul Ministero dell'Interno (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  101. “  Elezioni legislative del giugno 2007 Avignone  ” , sul Ministero dell'Interno (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  102. “  Elezioni europee del 2009  ” , su Ministero dell'Interno (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  103. "  Risultati delle elezioni presidenziali del 2012  " , su interieur.gouv.fr (consultato il 6 settembre 2020 ) .
  104. “  Risultati delle elezioni europee 2014  ” , su interieur.gouv.fr (consultato il 6 settembre 2020 ) .
  105. “  Municipio di quartiere  ” , dal municipio di Avignone (consultato il 18 maggio 2020 ) .
  106. “  Risultati delle elezioni comunali e comunali 2014 - Avignone - Candidature del 2° turno.  » , Sul Ministero dell'Interno .
  107. “  Risultati delle elezioni comunali e comunali 2014 - Avignone - Risultati finali.  » , Sul Ministero dell'Interno .
  108. “  Budget primitif 2007  ” [PDF] , su Ville d'Avignon (consultato il 17 ottobre 2011 ) .
  109. “  Imposte locali ad Avignone  ” , su tax.com .
  110. Legge n o  2009-1673 del 30 dicembre 2009 2010 Finanza (Lgifrance).
  111. I conti del comune .
  112. Cifre chiave Evoluzione e struttura della popolazione. File completo .
  113. Dalla fontana di Le Puy .
  114. prigione di Sainte-Anne, il muro delle offerte, di notte .
  115. Città di Avignone - Dipartimento Comunicazione, "  Riabilitazione del carcere di Sainte-Anne: Città di Avignone  " , sul sito ufficiale della città di Avignone (consultato il 24 dicembre 2016 ) .
  116. “  Avignon  ” , nell'elenco dei comuni (consultato il 10 settembre 2010 ) .
  117. “  Raccolta selettiva dei rifiuti  ” , sul sito web del comune di Avignone (consultato il 2 novembre 2009 ) .
  118. "  Pulizia  " , sul sito del municipio di Avignone (consultato il 2 novembre 2009 ) .
  119. "  Monitoraggio della radioattività nell'aria e nell'acqua  " , sul sito del municipio di Avignone (consultato il 2 novembre 2009 ) .
  120. "  Qualità dell'aria  " , sul sito web del municipio di Avignone (consultato il 2 novembre 2009 ) .
  121. "  Disturbo acustico nelle grandi città e paesi  " , su grandesvilles.org ,febbraio 2003(consultato il 2 novembre 2009 ) .
  122. "  Atti della quarta Assise della qualità dell'ambiente sonoro  " , sul sito dell'associazione Centro di informazione e documentazione sul rumore (CIDB) ,settembre 2005(consultato il 2 novembre 2009 ) .
  123. "  I residenti dell'aeroporto di Avignon-Caumont riprendono la lotta  " , sul quotidiano La Provence ,24 maggio 2009(consultato il 2 novembre 2009 ) .
  124. "  Associazione per la difesa dei residenti dell'aeroporto di Chateaublanc  " ( ArchivioWikiwixArchive.isGoogle • Cosa fare? ) , Sul sito del collettivo nazionale delle associazioni contro i disturbi dell'aviazione leggera (CANAL) ,24 maggio 2009(consultato il 2 novembre 2009 ) .
  125. Impianto di trattamento delle acque reflue di Avignone .
  126. Descrizione della stazione .
  127. “  Gemellaggio: Ville d'Avignon  ” , sul sito ufficiale della città di Avignone (consultato il 6 settembre 2020 ) .
  128. L'organizzazione del censimento , su insee.fr .
  129. Dai villaggi di Cassini alle città di oggi nel sito dell'École des Hautes Etudes en Sciences Sociales .
  130. Schede Insee - Popolazioni legali del comune per gli anni 2006 , 2007 , 2008 , 2009 , 2010 , 2010 , 2011 , 2012 , 2013 , 2014 , 2015 , 2016 , 2017 e 2018 .
  131. "  Sud INSEE, il numero essenziale 10  " [PDF] , su Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (INSEE) ,ottobre 1998(consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  132. Popolazioni immigrate in Provenza-Alpi-Costa Azzurra .
  133. David Levy e Valérie Roux, “  Censimento della popolazione 2006, Provence-Alpes-Côte d'Azur: una regione molto urbana, crescita equilibrata  ” , su Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (INSEE) Provence-Alpes-Côte d 'Azur (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  134. Popolazione della comunità dell'agglomerato di Grand Avignon , dati INSEE ( 2013 ).
  135. Insee - Composizione municipale dell'area urbana di Avignone nel 2010 , consultata il 22 ottobre 2011.
  136. http://www.insee.fr/fr/themes/tableau.asp?reg_id=0&ref_id=nattef01204 .
  137. Stranieri - Immigrati nel 2017 Comune d'Avignon , Insee, 29 giugno 2020
  138. Quale evoluzione della segregazione residenziale in Francia? , luglio 2020, Strategia Francia
  139. “  Evoluzione e struttura della popolazione ad Avignone nel 2007  ” , sul sito dell'INSEE (consultato il 10 settembre 2010 ) .
  140. "  Risultati del censimento della popolazione del Vaucluse nel 2007  " , sul sito dell'INSEE (consultato il 10 settembre 2010 ) .
  141. "  Elenchi delle scuole di Avignone  " , su Mairie d'Avignon (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  142. “  Istruzione pubblica primaria in Vaucluse  ” , sull'Accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  143. "  istruzione superiore  " , sul municipio di Avignone ( accesso 18 ottobre 2011 ) .
  144. “  Scuola mappa di Vaucluse  ” , il Consiglio Generale del Vaucluse (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  145. "  Sito del college Anselme-Mathieu  " , su a.mathieu84.free.fr (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  146. “  del sito della scuola della città Frédéric-Mistral  ” , su mistralavignon.fr (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  147. "  Sito web del collegio Gérard-Philipe  " , sull'Accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  148. "  Sito web del collegio Joseph-Roumanille  " , sull'accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  149. "  Sito web del college Alphonse-Tavan  " , sull'accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  150. "  Joseph Vernet College Site  " , sull'Accademia di Aix-Marseille ( accesso il 18 ottobre 2011 ) .
  151. "  Sito web del collegio Joseph-Viala  " , sull'accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  152. "  Sito web della scuola e dell'università di Chamfleury les Trinitaires  " , su trinitaires84.org/ (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  153. “  Saint-Jean-Baptiste de la Salle school ensemble  ” , su lasalle84.net/ (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  154. "  Sito del college Saint-Michel  " , su stmichel-avignon.fr/ (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  155. "  Sito web del liceo Théodore-Aubanel  " , sull'accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  156. "  Sito del liceo dei mestieri Maria-Casares  " , sull'Accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  157. "  Sito del liceo René-Char  " , sull'Accademia di Aix-Marseille (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  158. "  del sito del campus Avignone delle scuole superiori Robert Schuman e Philippe de Girard  " , sul accademia Aix-Marseille (consultato il 18 Ottobre 2011 ) .
  159. "  Sito della scuola agraria François-Pétrarque ad Avignon-Cantarel  " , sull'educazione agricola (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  160. "  Sito web del liceo Saint-Joseph d'Avignon  " , su stjoavignon.com/ (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  161. "  Sito del Lycée Louis-Pasteur d'Avignon  " , su lpasteur.org (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  162. “  Cifre chiave  ” , sull'Università di Avignone (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  163. Catalogo generale dei cartulari dell'Archivio dipartimentale , su Google Libri.
  164. “  Graduatoria liceo Maestrale  ” , su Lo studente .
  165. “  Lezioni preparatorie a Saint-Joseph  ” , su stjoavignon.com .
  166. "  Deug prep  " , sull'Università di Avignone .
  167. "  les beaux arts  " , sul municipio di Avignone (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  168. Statuette e nicchie di strada ad Avignone .
  169. Collettivo, Coordinamento Associazione Cultura e Patrimonio, Lavori di restauro della città di Avignone, Hôtel du Roi René , Linee / Ministero della cultura, comunicazione, grandi opere e Bicentenario - Consiglio generale del Vaucluse,aprile 1989, 12  pag.Storia; Architettura; Formazione. Un “Centro di Formazione per il Recupero dei Beni Architettonici”, denominato “Scuola di Avignone”.
  170. Dominique Logna-Prat, Éric Palazzo e Daniel Russo ( pref.  Georges Duby), Marie. Il culto della Vergine nella società medievale , Parigi, Beauchesne,1996, 624  pag. ( ISBN  978-2-7010-1338-1 , leggi in linea ) , p.  75.
  171. "  Storia  " , sul Festival d'Avignon (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  172. Robert Abichared, “Festival d'Avignon”, in Emmanuel de Waresquiel (dir.), Dizionario delle politiche culturali della Francia dal 1959 , edizioni Larousse / CNRS, Parigi, 2001.
  173. "  Avignon en cœur-AVIGNON Terres de Création  " , su avignon-terresdecreation.com (consultato il 16 giugno 2018 ) .
  174. Simon Calamel e Dominique Javel, La langue d'oc pour étendard , Toulouse, Privat éditions,2002.
  175. Fernand Benoît, Provenza e Comtat Venaissin , Avignone, Aubanel,1992, pag.  337.
  176. "  figure chiave  " , su Centre hospitalier d'Avignon Henri Duffaut (accessibili 18 Ottobre 2011 ) .
  177. "  Centre hospitalier d'Avignon  " , su Centre hospitalier d'Avignon Henri Duffaut (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  178. Georges Taulier, primario degli ospedali di Avigon, senatore della Vaucluse .
  179. “  Storia del centro ospedaliero Montfavet  ” , su psychiatrie.histoire.free.fr .
  180. "  Dettagli dell'Ospedale di Montfavet  " [PDF] su chsa.be .
  181. "  Impianti sportivi ad Avignone  " , su Ville d'Avignon (consultato il 4 ottobre 2010 ) .
  182. “  club sportivi a Avignone  ” , su Ville d'Avignon (accessibile 4 Ott 2010 ) .
  183. "  Storia del campionato di calcio francese dal 1932  " , su M4ever (consultato il 21 agosto 2009 ) .
  184. "  Storia di SO Avignonnais  " , su Sporting olympique Avignon XIII (consultato il 20 ottobre 2011 ) .
  185. "  Campionato Elite squadra 1 stagione 2011-2012  " , su Fédération française de rugby à XIII ,13 maggio 2011(consultato il 20 ottobre 2011 ) .
  186. "  Risultati del campionato Junior elite stagione 2011-2012  " , sulla Federazione francese di rugby (consultato il 20 ottobre 2011 ) .
  187. "  ES Avignon  " , negli archivi di basket del sito ( accesso 20 agosto 2009 ) 0
  188. "  Calendario 2011-2012 Poule 5  " , su itsrugby.fr (consultato il 20 ottobre 2011 ) .
  189. "  Calendario Lega B 2012-2013  " , su National Volleyball League (consultato il 9 dicembre 2012 ) .
  190. "  Giustizia: il club di hockey è KO  " , su La Provence ,29 giugno 2011(consultato il 20 ottobre 2011 ) .
  191. "  Sito des Warriors  " , su warriors-avignon.com (consultato il 20 ottobre 2011 ) .
  192. “  Campionato D2  ” , dalla Federcalcio francese americana (consultato il 21 febbraio 2013 ) .
  193. "  Media locali  " , su Ville d'Avignon (consultato il 18 ottobre 2011 ) .
  194. Chérie FM Avignone su SchooP .
  195. Scheda Virgin Radio Vaucluse su SchooP .
  196. "  Autorizzazione di CSA per trasmettere su 11 marzo 2008  " , sulla radioactu.com (accesso 10 Mag 2009 ) .
  197. Scheda di Raje Nîmes su SchooP .
  198. Scheda RFM Vaucluse su SchooP .
  199. Scheda NRJ Avignone su SchooP .
  200. Scheda Nostalgie Vaucluse su SchooP .
  201. Sito web della Diocesi di Avignone .
  202. Elenco RTS FM su SchooP .
  203. "  Radio Campus è ora a una svolta decisiva  " , su laprovence.com (consultato il 10 agosto 2012 ) .
  204. "  Radio Campus Avignon, l'hertzien nel mirino  " , su citylocalnews.com (consultato il 10 agosto 2012 ) .
  205. Scheda Radio Campus Avignone su SchooP .
  206. Il monumentale Calvario della Cattedrale del Doms .
  207. Chiesa Collegiata di Saint-Didier .
  208. "  Le parrocchie di Avignone  " , su Arcidiocesi di Avignone (accessibili 19 ottobre 2011 ) .
  209. "Il quartiere di Reine-Jeanne ad Avignone", città dei salafiti "per Paris Match" , francebleu.fr, 20 gennaio 2016.
  210. "Avignone: quartieri sotto il controllo degli islamisti radicali?" » , Laprovence.com, 9 aprile 2016.
  211. "  Pagina iniziale  " , sul sito del centro protestante-Chiesa libera evangelica di Avignone (consultato il 30 ottobre 2011 ) .
  212. "  Home  " , sulla Chiesa protestante unita di Francia (consultato il 9 aprile 2021 ) .
  213. "  Home  " (consultato il 9 aprile 2021 ) .
  214. "  Home  " , sull'Assemblea di Dio Avignon Réalpanier (consultato il 9 aprile 2021 ) .
  215. “  Cimitero di Saint-Véran  ” , dal municipio di Avignone (visitato il 19 ottobre 2011 ) .
  216. "  Saint-Véran-Dettagli e piani  " , su Mairie d'Avignon (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  217. “  Cimitero di Montfavet  ” , dal municipio di Avignone (visitato il 19 ottobre 2011 ) .
  218. “  Cimiteri di Barthelasse e Saint-Roch  ” , dal municipio di Avignone (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  219. "Un baluardo di zone commerciali" , quotidiano Ravi ], novembre 2008.
  220. "C'est la zone" , articolo sul quotidiano provenzale Ravi ], settembre 2011.
  221. Le esenzioni nella zona franca urbana di Avignone .
  222. "  Mappe e piani della zona franca urbana di Avignone  " , su Camera di commercio e industria del Vaucluse (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  223. "  Principali aree di attività del dipartimento  " [PDF] , su Camera di commercio e industria del Vaucluse (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  224. L'area è sede del Centro INRA che dal 1953 svolge attività di ricerca scientifica in ingegneria gestionale ambientale, per le aree coltivate e per la foresta .
  225. "  Cultura e turismo  " , su Ville d'Avignon .
  226. "  CC-Summary statistics / com, dep, zone empl  " , sul sito web dell'INSEE ( accesso 4 maggio 2010 ) .
  227. Lavoro ad Avignone su linternaute.com.
  228. “  Eredità avignonese  ” , su Agence Rosier .
  229. René Dinkel, L'Enciclopedia del Patrimonio (Monumenti storici, Patrimonio costruito e naturale - Protezione, restauro, regolamentazione. Dottrine - Tecniche: Pratiche) , Parigi, Edizioni Les Encyclopédies du patrimoine,settembre 1997, 1512  pag. ( ISBN  2-911200-00-4 ) , "VI 3", p.  180-181Conservazione integrata, Il granaio del sale di Avignone, Vaucluse, Questo ex granaio del sale ha beneficiato di un riutilizzo molto originale nella sala di vendita e nelle sale riunioni grazie a Jean-Michel Wilmotte , restauro guidato da Dominique Ronsseray, architetto capo dei monumenti storici..
  230. Ponte Bénezet .
  231. "  Centro storico di Avignone: Palazzo Papale, complesso episcopale e ponte di Avignone  " sulla Convenzione del Patrimonio Mondiale UNESCO .
  232. "  Biblioteche  " , sul municipio di Avignone (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  233. Vouland Museo
  234. Riproduzione dell'opera Les Demoiselles d'Avignon .
  235. “  film girati nel Vaucluse  ” , su Archivi audiovisuelles PACA (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  236. Rabelais e Mireille Huchon (a cura di ), Il quinto e ultimo libro di fatti eroici e detti del buon Pantagruel , Paris, la Pléiade,1994.
  237. "  Françoise-Marguerite de Sévigné, contessa di Grignan (1648-1705), 1669 circa  " , avviso n °  11040000357, banca dati Gioconda , Ministero della Cultura francese .
  238. Prosper Mérimée , Appunti di un viaggio nel sud della Francia , Parigi, Libreria di Fournier,1835, 490  pag. ( leggi in linea ).
  239. Stendhal , Memorie di un turista , vol.  Io, Parigi, fratelli Michel Lévy,1854, 368  pag. ( leggi in linea ) , p.  211-216.
  240. Henry James , Voyage en France ["  Un piccolo tour in Francia  "], Parigi, Robert Laffont,1854, 280  pag. , pag.  235-241.
  241. Joseph Roth , Le città bianche. Schizzi di viaggio, storie , Parigi, Seuil,1994, 409  pag. , pag.  144-154.
  242. Dominique Paladihle, I papi ad Avignone o l'esilio da Babilonia , Parigi, Librairie Academique Perrin,1975, pag.  175-179.
  243. Jean Dupin, Il campo virtuoso della buona vita, chiamato Mandevie o le Malinconie sulle condizioni di questo mondo .
  244. Jean-Noël Paquot (Abate), Memorie al servizio della storia letteraria di diciassette province dei Paesi Bassi, del principato di Liegi e di pochi altri paesi , vol.  15, Lovanio, tipografia accademica,1769, 368  pag. ( leggi in linea ) , p.  211-216.
  245. Citato da Jean Batany, "Benoît XII e la costruzione del palazzo dei papi giudicati da un moralista contemporaneo", ad Avignone nel Medioevo, testo e documenti , IREBMA, Avignone, 1988, intorno al 118-129, secondo ms . P. 451 , f os  90-91, dalla Biblioteca Nazionale, con correzioni prese in ms. E. 586 , dalla biblioteca comunale di Besançon.
  246. Jean Froissart, Le cronache di Sire Jean Froissart: L'accoglienza di re Carlo VI da parte di Clemente VII al Palazzo dei Papi , t.  III, Parigi, F. Wattelier,1867, 704  pag. ( leggi in linea ) , p.  15.
  247. In La mule du Pape da Alphonse Daudet .
  248. Frédéric Mistral , Le poème du Rhône , Marsiglia, J. Laffitte,1980( ISBN  978-2-7348-0563-2 e 9782951012929 , leggi online ).
  249. Sophie Cassagnes-Brouquet, L'Anonyme d'Avignon , Millau, Ed. Rouergue,1992( ISBN  978-2-905209-56-6 ).
  250. Henri Coupon, Panico al Palazzo dei Papi , Parigi, Ed. de l'Aube, coll.  "L'alba nera",2000( ISBN  978-2-87678-565-6 ).
  251. Emmanuelle Rey-Magnan e Pascal Fontanille, La Prophétie d'Avignon , Paris, Éd. Michel Lafon, coll.  "L'alba nera",2007, 410  pag. ( ISBN  978-2-7499-0653-9 ).
  252. Blocco di quattro, con angolo datato, del francobollo emesso dal PTT nel 1938 che rappresenta il palazzo papale ad Avignone e il ponte Saint-Bénézet .
  253. "  Emissione postale dell'Isola di Man che rappresenta il ponte Saint-Bénézet  " , su timbresponts.fr ,1974(consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  254. "  Il francobollo emesso dalle Isole Wallis-e-Futuna che rappresenta il palazzo dei papi di Avignone in occasione del cinquantesimo anniversario del Festival d'Avignon  " , su timbresponts.fr ,1997(consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  255. "  Francobollo emesso nel 2001 raffigurante Jean Vilar davanti al palazzo papale  " , su phil-ouest.com ,2001(consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  256. "  Palazzo dei Papi  " , su phil-ouest.com ,2009(consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  257. Bernard Ely, La cuisine des provençaux - Saveur, santé, art de vivre , Édisud,1 ° maggio 1997, 158  pag. ( ISBN  978-2-85744-930-0 ).
  258. Fernand Benoit , La Provence et le Comtat Venaissin: arti e tradizioni popolari , Avignone, Éd. Aubanel,1996, 390  pag. ( ISBN  2-7006-0061-4 ) , p.  108.
  259. Fernand Benoit , La Provence et le Comtat Venaissin: arti e tradizioni popolari , Avignone, Éd. Aubanel,1996, 390  pag. ( ISBN  2-7006-0061-4 ) , p.  109.
  260. collettivo, cucina provenzale , EditProjet,2000.
  261. Pierre Chaillot, Il cuoco del sud del metodo provenzale e della Linguadoca , il giovane Pierre Chaillot ( ripr.  1984) ( 1 a  ed. 1839), 324  p..
  262. "  Lou Trésor dou Félibrige o Dizionario della Provenza-Francese  " , sulla Biblioteca Nazionale di Francia - Gallica (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  263. C. Chanot-Bullier, Antiche ricette di cucina provenzale - Vieii receto de cugino provenzale , P. Tacussel editore, Marsiglia, 1990.
  264. “  Shad,  ” su encyclopeche.com (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  265. Bruno Eyrier, Rhone. Alaggio e spedizione - La vita del Rodano nel passato , Avignone, Edicioun Prouvenço d'aro,1996.
  266. Sonia Ezgulian, cuoca provenzale , Stéphane Bachès,2007.
  267. Pèr Prouvènço, Garbo de tèste en lengo nostro - Parla dóu Rose et de la mar , Publications of the Center for Research and Southern Studies, Saint-Rémy-de-Provence, 1983.
  268. collettivo, cibo e salute provenzali, 150 ricette tradizionali , Avignone, Mutualité sociale agricole et Éditions A. Barthélemy,1989.
  269. Jacques Marseille, Dizionario della Provenza e della Costa Azzurra , Parigi, Éd. Larousse,2002, 844  pag. ( ISBN  2-03-575105-5 ) , pag.  246.
  270. “  Navarin ad Avignone  ” , lato cucina .
  271. Da Vaucluse terre de Provence - Route des saveurs , a cura del comitato dipartimentale del turismo della Vaucluse.
  272. "La papalina in Vaucluse - Provenza" .
  273. Chanoine Albanès e Ulysse Chevalier, Gallia Christiana Novissima , t.  I a VII, Montbéliard-Valence, 1899-1920.
  274. Joseph Girard, Evocazione dell'antica Avignone , op. cit. , pag.  296 e 308.
  275. Jean-Pierre Saltarelli, i vini dei papi di Avignone , t.  127, Bollettino della Società Scientifica, Storica e Archeologica di Corrèze,2007, pag.  da 73 a 78.
  276. “  Vini del Rodano  ” , su Inter Rhône (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  277. "  Distillerie A. Blachère  " , sul sito web della Distilleria (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  278. “  Manguin Distillery  ” , sul sito web di Distillery (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  279. Jo Degout, "  Les armoiries d'Avignon  " , Gruppo archeologico di Carpentras e della sua regione (consultato il 12 febbraio 2017 ) .
  280. Malte-Brun , in La France illustrée , volume V , 1884.
  281. “La Città mantiene l'impronta visiva del suo logo…” sul sito web della città.
  282. "Avignone: aiuta la Città a scacciare il suo vecchio logo!" » In Provenza .
  283. "  Santi e Beati  " , sulla Arcidiocesi di Avignone (accessibile 19 ottobre, 2011 ) .
  284. "  Saint Ruf  " , su saintsdeprovence.com (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  285. "  i santi della Provenza  " , su saintsdeprovence.com (accessibili 19 ottobre 2011 ) .
  286. Jacques Baudoin, Il grande libro dei santi: culto e iconografia in Occidente , 2006, p.  401.
  287. Collegiata di Saint-Agricol .
  288. Renée Lefranc, E il pastore Bénezet fece un ponte per Avignone , Avignone, Ed. RMG-Palazzo dei Papi,2000( ISBN  2-906647-35-7 ) , pag.  19-20.
  289. Durante il suo soggiorno ad Avignone, Mérimée deplorava questo incarico militare a causa dei danni e delle mutilazioni che provocava, soprattutto a danno degli affreschi che adornavano il palazzo Il palazzo dei papi visto da Mérimée .
  290. Il Palazzo dei Papi, Avignone - guida alla visita , op. cit. , pag.  58.
  291. "  La Loggia  " , su palais-des-papes.com (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  292. Archivio Comunale di Avignone , La trasformazione del XIX °  secolo .
  293. André Hallay, Avignon et le Comtat Venaissin , Parigi, 1909, citato da Dominique Vingtain, op. cit. , pag.  12.
  294. “  Visite 3 - Promenade des Teinturiers  ” , sul municipio di Avignone (visitato il 19 ottobre 2011 ) .
  295. "  Vivere ad Avignone, trasporto, passeggiata 2  " , su Ville d'Avignon (consultato il 19 ottobre 2011 ) .
  296. "  Composizione XV ° Corpi  " , il 15 ° corpo d'armata (accessibile 19 ottobre 2011 ) .
  297. “La  vita nel settore nel 1914-1918/ 118 e territoriale Avignone  ” su canalblog.com (consultato il 16 novembre 2009 ) .
  298. "  258 e Avignon Infantry Regiment  " su canalblog.com ( accesso 16 novembre 2009 ) .
  299. "  Storia degli uomini del 58 ° Fanteria  " su canalblog.com (consultato il 16 novembre 2009 ) .
  300. "  Storia dei reggimenti di fanteria  " , su pages14-18.com (accessibile 16 Novembre 2009 ) .
  301. Questo raggruppamento fa seguito alle leggi quadro del 1912 e le circolari applicative del mese di aprile 1914 .
  302. "  Il 4 ° Reggimento Genio con costituzione del Genio nel 1914  " su umoul.fr (consultato il 16 novembre 2009 ) .
  303. "  Amicale du 8 e reggimento de ussari  " , su Amicale du 8 e reggimento de ussari .