Enciclopedia

Articoli in ordine alfabetico

Articoli più visitati

Articoli più visitati



Un'enciclopedia è un'opera di riferimento ( libro , serie di libri o documenti digitali) al fine di sintetizzare tutte le conoscenze per costruire conoscenze e di mostrare la sua organizzazione in modo da renderlo accessibile al pubblico, a scopo didattico, informazioni o supporto per la memoria culturale . Basato su autorità o fonti valide e spesso integrato da esempi e illustrazioni, questo tipo di lavoro favorisce uno stile conciso e favorisce la consultazione per tabelle e indici . Il termine ha assunto il suo significato moderno con l' Enciclopedia o Dizionario delle scienze, delle arti e dei mestieri (1751-1772).

In linea di principio, un'enciclopedia è diversa da un dizionario , perché quest'ultimo ha per oggetto il significato e l'uso delle parole di una lingua , ed è quindi intraducibile come tale, mentre l'enciclopedia si occupa di cose o realtà del mondo e di cultura. Questa distinzione non è, tuttavia, rigida, poiché un dizionario deve necessariamente anche "occuparsi di cose nella misura in cui ciò è necessario per determinare il significato e l'uso delle parole" , e molti dizionari moderni ne sottolineano il carattere enciclopedico, come Le Petit Larousse , al fine di fornire quante più informazioni possibili in un unico volume. Quando sono seguiti dalla preposizione ( de , du o des ), dizionario ed enciclopedia possono entrambi denotare un libro di modeste proporzioni relativo a un campo ristretto (ad esempio: La Grande Encyclopédie des fées , Dictionnaire de géographie ).

Le finalità sono variate nel tempo: Nel Medioevo come nell'Antichità , in Cina come nell'Islam classico, l'enciclopedia moralizza, istruisce, educa, integra socialmente; dopo il XVII ° secolo, non più di informare " . Spesso sottomesse a imperativi religiosi o statali, le enciclopedie sono riuscite solo tardivamente a limitarsi a "una presentazione critica e imparziale di fatti e idee" , anche se ancora riescono a imporsi pregiudizi ideologici o culturali, più o meno consapevoli.

La questione dell'organizzazione interna ha suscitato passioni ed è legata alla concezione della conoscenza dell'autore e del modo in cui dovrebbe essere utilizzata la sua opera. L'organizzazione dominante era inizialmente puramente tematica, a seconda delle discipline. L' elenco in ordine alfabetico , che appare in un dizionario al X ° secolo, prevarrà finalmente in un'enciclopedia al XVIII ° secolo. L'organizzazione tematica e la classificazione alfabetica possono essere utilizzate trasversalmente integrando uno o più volumi indice in una data opera tematica.

Le enciclopedie si sono moltiplicate per stare al passo con l'aumento delle conoscenze. La rivoluzione digitale ha reso più facile aggiornare, consultare e diffondere le enciclopedie, ma si è rivelata fatale per la maggior parte delle enciclopedie classiche, poiché Wikipedia è diventata la più grande enciclopedia online. Nel XXI ° secolo, a causa dell'accelerazione delle scoperte scientifiche e tecnologiche, un'enciclopedia è più che mai un progetto aperto, in continua evoluzione.

Sviluppo del senso moderno

Diversità di forme

Sebbene il termine "enciclopedia" sia apparso piuttosto tardi e il suo significato sia cambiato rispetto al significato iniziale, l'idea di compilare la conoscenza esiste da molto tempo e ha assunto varie forme. Questi si sono evoluti in base alle esigenze del pubblico, alla quantità di conoscenze disponibili e alla complessità dell'organizzazione sociale. Questo ha dato, attraverso i secoli, vari tipi di opere di cui enciclopedica, che si è fusa all'inizio del XVIII ° secolo per creare il moderno concetto di enciclopedia.

Opere che, a suo tempo, non potevano presentarsi come "enciclopedie" sono ora considerate tali, a posteriori.

Etimologia


Rappresentazione delle sette arti liberali nel deliciarum Hortus (c. 1170).

La parola "enciclopedia" deriva da encyclopædia , una forma latinizzata rinascimentale dell'espressione greca di Plutarco , . Il termine enkyklios significa "circolare, che abbraccia un intero cerchio" , e per estensione "periodico, quotidiano, generale, ordinario" , mentre paideía significa "educazione". Un enkyklios paideia significava quindi "l'insieme delle conoscenze che costituisce un'educazione completa" , secondo il significato attribuitogli da Quintiliano . Così, l'architetto Vitruvio si congratulava con se stesso che i suoi genitori lo avevano istruito in "un'arte che può essere importante solo nella misura in cui contiene, come in un cerchio, e la conoscenza della letteratura, e quella degli altri. scienza" . L'immagine del cerchio era usata in greco antico per indicare la copertura di un'area nella sua interezza o un processo ricorrente durante un tempo specificato.

Durante il Rinascimento , gli umanisti ripresero questa espressione applicandola a un'opera stampata e attribuendole il significato letterale di "cerchio della conoscenza" , l'immagine del cerchio essendo simbolicamente associata all'unità fondamentale delle parti costitutive. L'espressione fu inizialmente abbreviata in ( ciclopedia ), termine che compare per la prima volta nel sottotitolo di Margarita philosophica ( 1508 ), un testo accademico, e che viene ripreso da Johann Turmair nel titolo d'un'opera pubblicata nel 1517 . Fu quindi spesso utilizzato fino alla pubblicazione della Chambers' Cyclopedia ( 1728 ).

La prima occorrenza della parola appare in francese nel 1532 in Rabelais , che ha guidato uno dei suoi personaggi che Panurgo a lui "reale aperto bene e enciclopedia baratro" . Gioacchino du Bellay lo riprende nel suo manifesto del 1549 : Questo giro di scienze che i greci chiamavano Enciclopedia .

Il significato moderno della parola sarà però fissato solo con la pubblicazione dell'Encyclopédie o Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers ( 1751 ), che risponde ai requisiti di rigore attesi da un riferimento scientificamente aggiornato lavoro, che copre tutte le aree di conoscenza e organizzato per il più facile riferimento possibile.

Tuttavia, l'ideale di unità del sapere incarnata nella metafora del "cerchio" rimarrà attiva fino alla metà del XX ° secolo, come testimoniano i molteplici tentativi di sfratto editoriali dal ordine alfabetico per una tematica organizzazione (vedi sotto).

Dizionario ed enciclopedia

Mentre il dizionario designa una modalità di organizzazione del linguaggio in ordine alfabetico , l'enciclopedia si propone "un fine più alto" e ha "l'ambizione intellettuale di abbracciare tutta la conoscenza" .

Con questi due termini, così vicini e così diversi nelle loro connotazioni , si tratta di due modelli e due concezioni di rappresentazione semantica, che rimandano ad una rappresentazione generale della conoscenza e/o del mondo . Il modello in forma di dizionario si riferisce alla conoscenza di una lingua, per mezzo della quale i termini sono differenziati tra loro per caratteristiche semantiche che sarebbe possibile, in linea di principio, gerarchizzare in un albero binario , del cane - canino tipo - mammifero - animale . La conoscenza enciclopedica, da parte sua, si riferisce alla nostra conoscenza del mondo ed è destinata ad aumentare all'infinito, nel rispetto dei limiti del genere, che non mira semplicemente ad accumulare, ma a sintetizzare e articolare le varie conoscenze, in modo da raggiungere , nelle parole di un enciclopedista, "il compendio dell'intelligenza umana" .

Evoluzione dei titoli

All'inizio, le opere di tipo enciclopedico portavano solitamente un titolo metaforico . Potrebbe trattarsi di una variazione della parola "antologia", come in Liber floridus ("libro fiorito") o Hortus deliciarum ("giardino delle delizie"), oppure insistere sulla ricchezza rappresentata dalla conoscenza, descritta come "tesoro". in Brunetto Latini o "perla" nella Margarita philosophica di Gregor Reisch . Il titolo può anche enfatizzare la struttura della conoscenza, come nell'immagine de "l' albero della scienza ". Un'altra immagine gioca sull'abbondanza di informazioni e presenta l'opera come la fonte delle meraviglie dell'universo . Il titolo può anche insistere sull'adeguatezza del libro alla realtà e presentarlo come " immagine del mondo " o come " specchio maggiore ". La dimensione spettacolare è evidenziata in Theodore Zwinger , che ha stilato un importante teatro della vita umana .

Dalla seconda metà del XVI ° secolo, i titoli sono meno esposte e sono limitati a termini tecnici, come la disposizione alfabetica sta diffondendo nei libri di riferimento. Vediamo poi i termini "dizionario", lessico (inglese) e lexikon (tedesco), in competizione con "ciclopedia" ed "enciclopedia", che contengono un'idea di totalità e formazione della mente. La lingua tedesca ha favorito a lungo il titolo Konversationslexikon , perché questo tipo di lavoro aiuta la conversazione delle persone istruite; vedi ad esempio il Bonnier konversationslexikon .

Storia

antichità

Primizie

La storia dell'enciclopedia è quella del rapporto delle società con la conoscenza. Il desiderio di raccogliere conoscenze, che si esprimeva nelle società orali attraverso miti tramandati di generazione in generazione, ha potuto assumere una forma stabile e visibile con l'invenzione della scrittura .

Entro la fine del IV ° millennio aC. dC , troviamo in Sumer "una sorta di enciclopedia del materiale culturale i cui dati [sono] organizzati tematicamente" . Includono elenchi di animali, pietre, piante, uccelli. Circa 600 anni dopo, esistevano anche ad Ebla tavolette protoenciclopediche , che offrivano vaste liste, classificate secondo la prima lettera delle parole. Esistono molte copie di queste opere, chiamate " elenchi lessicali " dagli storici.

In Egitto , ci sono anche le liste tematiche che possono essere considerati come proto-enciclopedie. L' onomastica del Ramesseum , scritta intorno al 1750 a.C. AD , è un elenco di parole raggruppate per categorie. Un'altra opera dello stesso genere, ma più sviluppata, è l' Onomastico di Amenopé , scritto intorno al 1100 , che conta 610 elementi organizzati tematicamente e che, secondo l'antropologo Jack Goody , contiene più di 2.000 distinte informazioni volte a fornire "una sistematica catalogo dell'universo" . Questo lontano antenato del dizionario enciclopedico aveva per vocazione "non insegnare ai bambini a scrivere, ma proporre un programma di istruzione dell'umanità basato sull'organizzazione del mondo" .

Grecia antica
Modello geo-eliocentrico sviluppato da Eraclide del Ponto ( 340 aC ), compreso Copernico venne a conoscenza attraverso l'enciclopedia di Marziano Capella (420).

In Grecia , un'intensa attività di riflessione e di ricerca scientifica era in corso presso il VII ° secolo aC. dC con i filosofi presocratici . Ha preso slancio con Platone (428-348), il cui Timeo ha fornito una discussione delle scienze del tempo in forma di dialogo: astronomia, cosmogonia, fisica e medicina. Questo lavoro può essere considerato come "un'enciclopedia metodica" .

Aristotele (384-322) produsse una quantità di trattati su una vasta gamma di argomenti ( poetica , retorica , logica , scienze politiche , fisica , psicologia , biologia , etica ), manifestando uno spirito enciclopedico senza pari. Tuttavia, queste bozze non sarebbero state distribuite fino a 275 anni dopo la sua morte, cioè intorno al 50 a.C. a.C .: "La perdita o parziale alterazione di questo enorme corpus, enciclopedico nel senso più puro del termine, poi il suo graduale recupero, dovuto in gran parte all'Islam, ha influenzato la storia delle enciclopedie in Occidente. per due millenni. "

Eraclide du Pont (388-310), che fu discepolo di Platone , Speusippo e Aristotele , sarebbe stato uno dei primi autori a comporre, oltre alle sue opere filosofiche, opere sulle principali arti liberali : grammatica, retorica, dialettica , musica e geometria.

Tra molti altri studiosi versatili, dobbiamo menzionare il nome di Callimaco di Cirene (c. 310-240) che, oltre ad essere poeta e grammatico, toccò un'ampia varietà di argomenti. Eratostene , anch'egli di Cirene (276-194), ha lasciato preziose opere di matematica, astronomia e geografia, tra cui una misurazione sorprendentemente precisa della circonferenza della terra. Abbiamo anche mantenuto il nome di Posidonios (135-51), che fu allo stesso tempo geografo, storico e matematico, ma la sua opera è andata completamente perduta.

La volontà di conoscere si è tradotta anche nella costruzione di biblioteche. La biblioteca di Assurbanipal eretto Ninive del VII ° secolo aC. dC conteneva 30.000 tavolette di argilla . Quella di Alessandria , fondata nel 288 a.C. dC , fu la più importante biblioteca dell'Antichità; contava già 490.000 pergamene al tempo di Tolomeo II Filadelfo e per secoli attirò studiosi dal mondo mediterraneo.

Dell'enorme quantità di conoscenze poi accumulate, solo una minima parte è stata tradotta in latino. I romani, infatti, erano poco interessati alle questioni teoriche e si accontentavano di applicazioni pratiche senza cercare di approfondire i loro fondamenti matematici, geometrici o astronomici. È solo grazie allo sviluppo della civiltà araba fino al XII ° secolo che furono tradotte in latino le maggiori opere scientifiche di Ippocrate , Euclide , Aristotele , Archimede , Apollonio di Perga , Tolomeo e Galeno . Le enciclopedie sono state un anello essenziale nella trasmissione di questa conoscenza.

Antica Roma
Plinio , Naturalis Historia , manoscritto miniato del XIII ° secolo.

In Roma antica , il comportamento enciclopedico inizialmente sviluppato come un desiderio di appropriarsi del patrimonio intellettuale della Grecia, che era stato definitivamente sconfitto dagli eserciti romani nel 146 aC. DC . Il primo tentativo enciclopedico è quello di Varrone (116-27 aC), del quale Antiquitatum rerum humanarum e divinarum libri XLI sono sopravvissuti solo come frammenti. Per questo autore, l' etimo è la chiave della conoscenza e l'origine di una parola ci racconta la verità nascosta che contiene, dando come prova che il termine verbum ("parola") deriva da veritas ("verità"). Dei 41 libri, 25 sono dedicati alle vicende umane e il resto agli dei. Quest'opera è scomparsa, ma ci è in parte nota dalle numerose citazioni che ne sono state tratte.

Verso l'inizio del I ° secolo dC, Aulo Cornelio Celso ha scritto un'enciclopedia in 26 libri, Da Artibus , che copre l'agricoltura, l'arte della guerra, la retorica , la filosofia , la legge e la medicina. Quest'ultima zona è particolarmente sviluppata ed è l'unica sezione di quest'opera ad essersi conservata, almeno in parte.

Plinio il Vecchio ( 23 - 79 dC), Roman scrittore e naturalista che morì nel l'eruzione del Vesuvio , è l'autore di una monumentale enciclopedia intitolata Storia Naturale . Questo libro di 37 volumi elenca circa 20.000 fatti e cita 500 autori consultati. Plinio ha compilato le conoscenze del suo tempo su argomenti vari come la cosmologia , l' astronomia , la geografia , la storia naturale , la botanica , la farmacopea , la medicina , la mineralogia , l' architettura , la pittura e la scultura . È l'unica opera di questo autore che ci è pervenuta. Estremamente popolare in tutto il Medioevo, è stato a lungo il punto di riferimento per le conoscenze scientifiche e tecniche e ha alimentato molte opere enciclopediche.

In Attic Nights ( II ° secolo), Gellius discusso sopra la penna di una vasta gamma di argomenti: la letteratura , le arti , la filosofia , la storia , la legge , la geometria , la medicina , le scienze naturali , la meteorologia e la geografia .

Il Polyhistor (chiamato anche Le Meraviglie del Mondo ) è un'opera dello scrittore romano Solin , del III E e IV E secolo , che presenta i panorami del mondo per paese. L'opera è andata perduta, ma molti elementi sono stati più volte copiati nelle enciclopedie medievali.

Nonio Marcello ha scritto agli inizi del IV ° secolo, il De doctrina compendiosa compilazione trattato del linguaggio e tecniche diverse, disposte in ordine alfabetico.

Verso la fine del IV ° secolo, Servio scrive una molto abbondante commento sul lavoro di Virgilio , che coprono una vasta gamma di argomenti, e può essere considerato come un'enciclopedia organizzata secondo l'ordine del testo del poeta.

Martianus Capella , avvocato residente in Algeria, è l'autore del De nuptiis Philologiae et Mercurii (Le nozze tra filologia e Mercurio ), scritto tra il 410 e il 429 . Questo manuale in forma di racconto allegorico sintetizza in 9 libri le conoscenze del tempo: filologia , grammatica , dialettica , retorica , geometria , aritmetica , astronomia e armonia . Quest'opera sarà particolarmente apprezzata nel periodo carolingio , dove servirà come riferimento per l'organizzazione degli studi in campo letterario (il trivio ) e in matematica (il quadrivio ). Viene ancora letto nel Rinascimento e ispirerà in particolare Copernico .

Medio Evo

Alto Medioevo
MS4856 manoscritto Etimologie di Isidoro di Siviglia , la scrittura onciale della fine del VIII ° secolo (Biblio. Royal Albert I er , Bruxelles).

Il progetto enciclopedico subisce un radicale riorientamento con Agostino d'Ippona che propone di incentrarlo sulla registrazione sistematica dei dati contenuti nella Bibbia. Ciò che resta della conoscenza antica deve quindi essere integrato negli insegnamenti della religione, altrimenti scomparirà. Gli scritti della Bibbia rinnovano così la struttura delle enciclopedie, nelle quali era ormai necessario rappresentare oggettivamente la Natura rispettando «l'ordine della Creazione, l'ordine voluto da Dio e sul quale l'uomo non deve intervenire».

Cassiodoro ( 485 - 580 ) ha scritto la divinarum Institutiones e saecularium litterarum , composta da due libri, al fine di istruire i monaci del suo monastero nelle varie discipline delle arti liberali , vale a dire (il Trivium ) e (il quadrivio ).

Isidoro di Siviglia è considerato l'autore della prima enciclopedia del Medioevo : Etimologie . Quest'opera, scritta intorno al 630, si compone di venti libri e 448 capitoli. Seguendo la tradizione stabilita da Varron , propone un'analisi etimologica delle parole. Attraverso quest'opera, Isidoro cerca di rendere conto di tutte le antiche conoscenze e di trasmettere ai suoi lettori una cultura classica in via di scomparsa. Il suo libro avrà un'immensa fama e conoscerà più di dieci edizioni tra il 1470 e il 1530 , segno di una continua popolarità fino al Rinascimento . Grazie alle sue numerose citazioni, quest'opera contribuirà alla sopravvivenza durante il Medioevo di molte opere latine e greche scomparse, perché considerate pagane. Conteneva anche una serie di illustrazioni. La particolare organizzazione di questo libro varrà a Isidoro di Siviglia di essere considerato il patrono degli informatici.

Raban Maur scrisse intorno all'842 il De rerum naturis , detto anche De universo . Quest'opera, che comprende 22 libri, riprende essenzialmente quella di Isidoro di Siviglia , ma amputandola notevolmente e riorganizzandola per conformare la presentazione ad una visione religiosa del mondo. A tal fine, l'opera segue un rigoroso ordine gerarchico dal Creatore alle sue creature e alle cose create. Sarà estremamente popolare per tutta l' era carolingia .

Il Souda è un'enciclopedia greca scritta in Bisanzio nel X ° secolo e attribuita a Suida. Contiene 30.000 voci ordinate alfabeticamente. Questo aiuto libro si diffonderà la disposizione alfabetica nei paesi occidentali, che porta al XIII ° secolo, l'aspetto della dell'indice .

Medioevo classico
Pagina dal Liber floridus (1120).
Vincent de Beauvais : Speculum majus .

Enciclopedie moltiplicare il XII ° secolo a causa dell'aumento della curiosità scientifica. Prendono in prestito da precedenti compilazioni latine ma anche da opere arabe, allora molto più avanzate (vedi sotto). Sorse una preoccupazione per l'esperienza e apparvero nozioni sconosciute nell'antica Roma , come quella dell'ago magnetico . Grande anche l'interesse per il meraviglioso , secondo un filone già molto presente nel Polyhistor di qualche secolo prima.

Honoré d'Autun pubblicò intorno al 1110 l'opera più importante di questo periodo, Imago mundi , un trattato di geografia , astrologia , astronomia e storia , che fu tradotto in francese, italiano e spagnolo. Nel Liber floridus (1120), Lambert raccoglie, in totale disordine, dati mutuati da circa 192 opere, prestando particolare attenzione a questioni di geografia , storia e astrologia , corredate da illustrazioni che testimoniano una grande ricerca iconica. Intorno allo stesso periodo, Teofilo produsse Schedula diversum artium , la prima opera che descriveva in dettaglio le tecniche utilizzate nei vari mestieri: vetro , vetrate , cartoleria , metallurgia , pietre preziose ). Hugues de Saint-Victor ( 1096 - 1141 ) propone nel Didascalicon una nuova classificazione delle scienze e un metodo di lettura della Bibbia. Tra il 1159 e il 1175 , la prima enciclopedista donna, badessa Herrade di Landsberg , realizzò per le sue monache l' Hortus deliciarum ( Giardino delle delizie ), opera notevole per le numerose illustrazioni allegoriche .

La XIII ° secolo è considerato l'età d'oro del enciclopedica medievale . Fu infatti in questo periodo che si diffusero ampiamente le opere dell'antichità tradotte dal greco o dall'arabo in latino. Vediamo anche l'emergere delle università e lo sviluppo della scolastica .

Arnoldo di Sassonia scrisse il De floribus rerum naturalium , una raccolta di conoscenze composta da cinque parti, composta probabilmente tra il 1220 e il 1230, che ispirerà Alberto Magno . Guillaume d'Auvergne pubblica De universo creaturarum (1231). Gautier de Metz compose un poema in dialetto lorenese intitolato L'Image du monde ( 1246 ) in cui riprese l'opera di Honoré d'Autun, aggiungendovi elementi fantasiosi. Thomas de Cantimpré pubblicò il Liber de natura rerum (1256), che fu tradotto in olandese e tedesco ( Das Buch der Natur ), un secolo dopo. Brunetto Latini scrisse in francese Li Livres dou Trésor ( Libro del tesoro ), la prima enciclopedia medievale a rompere con il latino; il suo autore fu il maestro di Dante , che lo collocò nel suo Inferno. Bartolomeo l'inglese è l'autore del Liber de proprietatibus rerum , scritto tra il 1230 e il 1240 .

Vincent de Beauvais produce lo Speculum Majus . Quest'opera, completata nel 1258 , è la più importante raccolta di conoscenze del Medioevo . Si compone di tre parti ben equilibrate: lo Speculum Naturale (o Specchio della Natura ), che riassume la conoscenza della storia naturale del tempo e colloca il posto dell'uomo nella natura, offrendo un mosaico di citazioni dal latino, dal greco, dall'arabo e persino dall'ebraico autori di cui Vincent fornisce le fonti; lo Speculum Doctrinale (o Specchio della Dottrina ), una sorta di manuale per studenti, che copre le arti meccaniche , la scolastica , la tattica militare , la caccia , la logica , la retorica , la poesia , la geometria , l' astronomia , l' anatomia , la chirurgia , la medicina e la legge ; lo Speculum Historiale (o della storia Specchio ), che presenta la storia degli eventi storici dalla creazione all'anno 1250. Il libro sarà ristampato spesso fino agli inizi del XVII ° secolo, e tradotto in francese, spagnolo, tedesco e olandese. Con 4,5 milioni di parole, rimarrà il più importante enciclopedia mondo occidentale fino alla metà del XVIII ° secolo.

Nel 1295, il filosofo catalano Raymond Lulle scrisse L'Arbre de la science ( Arbor scientiae ), in cui proponeva una classificazione della conoscenza basata sulla metafora organica dell'albero. La conoscenza è gerarchizzata lì dal mondo fisico elementare al mondo divino.

mondo arabo-persiano e ottomano


Al-Razi , nella Raccolta di trattati medici di Gérard de Cremona , 1250-1260.

Il movimento enciclopedico nel mondo islamico ha conosciuto due periodi privilegiati. Il primo è tra il IX ° e XI esimo secolo, intorno a Baghdad , e si basa sulla ricca eredità di scienza greca. Infatti, le opere di Aristotele, Euclide , Tolomeo , Ippocrate , Galeno , Archimede e molti altri erano state introdotte nel mondo musulmano da cristiani eretici provenienti dalla Siria ( monofisiti , nestoriani ), e da ebrei perseguitati da Bisanzio , che si erano rifugiati nei territori limitrofi. , portando con sé la loro biblioteca. I testi greci che erano stati tradotti in siriaco da Serge de Reshaina e Sévère Sebôkht furono successivamente tradotti in arabo, in particolare da Hunayn ibn Ishaq . La seconda volta è tra i secoli XIII ° e XV ° , Egitto e Siria, che sono costituiti da importanti compilazioni in ambito letterario, geografico e storico.

Possiamo distinguere tre tipi di opere enciclopediche: (a) gli inventari delle scienze, nella tradizione di Aristotele, che godeva di un prestigio senza pari tra gli studiosi musulmani; (b) manuali per l'uso dei principi, come Sirr al-asrar o Secret of Secrets , che trattano un numero di argomenti e avranno un'influenza immensa; (c) raccolte di saggezza e conoscenze varie per l'uso dell'amministrazione ( adab ) e che possono essere utilizzate anche per la conversazione delle élite. I mestieri e le tecniche sono generalmente ignorati.

Giobbe di Edessa (in siriaco Ayyub Urhy) è un filosofo, studioso e traduttore cristiano dal siriaco all'arabo vissuto a Baghdad. Il suo Libro dei tesori ( ktab d-simt ) è una sorta di enciclopedia di sei libri che copre metafisica, medicina, scienze naturali, matematica e astronomia, scritta intorno all'817 . È una sintesi dei campi di ricerca insegnati allora a Baghdad e che si basavano sui metodi delle scienze naturali predisposti da Aristotele e dalla filosofia greca.

Al-Ji è uno studioso che visse nel IX ° secolo, a Bassora in Iraq . Nel Libro degli Animali presenta 350 specie ispirate ad Aristotele. La sua opera Du rond et du carré sarebbe l'embrione di un'enciclopedia.

Stabilitosi anch'egli in Iraq, Ibn Qoutayba (828-889) scrisse libri di testo e opere di carattere enciclopedico, in particolare Le fonti di informazione ( Kitab Uyn al-abr ) e Le celebrità ( Kitab al-marif ), che presentano note su personaggi famosi di Storia arabo-musulmana.

Il filosofo e studioso Al-Kindi (801-873), che ha studiato a Baghdad , ha lasciato 290 volumi che coprono vari campi, tra cui la matematica e la psicologia. In questi trattati propone un tentativo di classificazione sistematica delle scienze, ispirandosi sia alla fonte greca che a contributi arabi.

Il Califfato di Cordoba si impegna a segnare il suo potere con un'intensa attività culturale. Il poeta Ibn Abd Rabbih vi scrisse intorno al 900 la Collana Unica ( al iqd al-farid ), che in 25 capitoli affronta diverse questioni, che vanno dall'arte di governare alla conoscenza religiosa, passando per le genealogie, la storia dei califfi e l'arte della lettera scrivere.

Al-Farabi , che è stato alimentato dagli scritti di Platone e Aristotele, scrisse intorno al 950 un'enumerazione delle Scienze ( IHSA al-'Ulum ) in cui ha subordinato le discipline religiose (grammatica, teologia e giurisprudenza) alle scienze teoriche (logica , metafisica, etica). Quest'opera sarà tradotta in latino e si diffonderà in tutto il mondo occidentale.

La più grande enciclopedia del tempo è la Rasa'il al-Ikhwan al-Safa ' , un'opera anonima collettiva scritto probabilmente nella seconda metà del X ° secolo da Abu Sulayman al-Maqdisi e Fratelli della Purezza (Brothers purezza), istituito a Bassora , in Iraq. Questa società segreta riformista sciita , che ha cercato di conciliare il Corano con la filosofia greca e il neoplatonismo , presenta la conoscenza come la via per l'illuminazione della ragione. La loro enciclopedia è composta da 52 trattati scientifici. È il primo esempio conosciuto di un'enciclopedia prodotta da un collettivo di autori.

Abu Bakr Rhazes (865-925) è uno studioso autore persiana del fi Kitab al-Hawi al-Tibb , notevole quantità medica in 22 volumi, che sarà tradotto in latino nel XIII ° secolo, sotto il titolo Liber Continens .

Il persiano Muhammad ibn Ahmad al-Khwarizmi , morto nel 976, è l'autore dell'enciclopedia Maft al-ulm . Questo libro in arabo copre una vasta gamma di conoscenze, che vanno dalla teologia alle linguistica di arabo , tra cui la legge , la storia e quello che verrà in seguito chiamato " scienze umane ".

Lo studioso persiano più notevole è Avicenna (Ibn Sn) ( 980 - 1037 ), i cui numerosi trattati coprono tutta la conoscenza del tempo.

In Egitto, Al-Nowaïri (1272-1332) è l'autore di Nihayal al-arab fi fonoun al-adab ( Tutto ciò che si potrebbe desiderare di sapere sulle belles-lettres ), un'opera di circa 9.000 pagine suddivise in cinque libri: (a) geografia, (b) uomo, (c) zoologia , (d) botanica e (e) storia. Nel secolo successivo, il suo connazionale Ahmad al-Qalqashandi pubblicherà il Subh al-A'sha , che costituisce una miniera di informazioni sull'epoca.

Ibn Khaldun scrisse nel 1377 nel Cairo il Muqaddima o Al-Muqaddima ( Introduzione alla storia universale ), lavora per conoscenza enciclopedica che copre tutto il XIV ° secolo da fonti greche, bizantine e musulmani. Le materie trattate sono geografia , filosofia , storia , economia , sociologia , politica , urbanistica e medicina .

In Iran , Dawani ( 1427 - 1502 ) scrisse l' Unmudhaj al-ulum ( Programma scientifico ) sotto forma di domande e risposte.

Entro la metà del XV ° secolo, Ahmed Bican ha scritto al Istanbul la Dürr-i meknûn ( "gemme nascoste"), un lavoro scritto in turco , che copre una varietà di argomenti ed è un grande posto nel meraviglioso ( Metamorfosi , Apocalypse , scienza occulta , ecc.).

L'ultima grande enciclopedia del mondo islamico è quella di Al-Suyt ( 1445 - 1505 ), autore di 561 trattati. Da qualche tempo, il lavoro scientifico è stato sempre più disapprovato da un clero musulmano attaccato alla purezza del dogma e pronto a bruciare libri, portando le scuole coraniche a concentrarsi esclusivamente sulla teologia .

L'onnipotenza di queste scuole sarà rafforzata dalla proibizione della stampa promulgata nel 1485 dal sultano Bajazed II . In 1515 , un secondo decreto del sultano Selim 1 ° punisce con la morte qualsiasi persona condannata per utilizzando una pressa per la stampa di libri, soffocando così ogni possibilità di diffusione di massa di conoscenze nel vasto impero ottomano . Le opere enciclopediche saranno certamente ancora scritte in forma manoscritta, come la grande enciclopedia bibliografica Kashf al-zunun , di Hadjdji Khalifa (morto nel 1657), ma senza godere di una diffusione significativa. La stampa alla fine introdotto nel Medio Oriente all'inizio del XIX ° secolo e il primo giornale a pubblicare lì nel 1824.

diaspora ebraica

Tra il IX ° e XIII ° secolo, una cultura ebraica molto attiva fiorì in Spagna , poi musulmana . I centri principali sono a Granada , Cordoba , Toledo e Barcellona . Questa situazione cambia dal XIV ° secolo, quando gli ebrei furono gradualmente cacciati dal paese, come progredisce la riconquista del paese da parte dei cristiani.

Abraham bar Hiyya Hanassi , morto nel 1136 , scrisse la sua opera Foundations of Reason e Dungeon of Faith a Barcellona . Questo lavoro include capitoli di matematica , geometria , astronomia , ecc.

In Toledo , Giuda ben Solomon ha-Cohen ibn Matka ( XIII ° secolo) ha scritto un'intelligenza Exposé , che mungitura logica della fisica e la metafisica .

Shem Tov Falaquera (c. 1225 - c. 1295 ) scrisse in ebraico un'opera enciclopedica intitolata De'ot haFilosofim ( Opinioni dei filosofi ).

In Provenza , vicina Spagna, Levi ben Gershom scrisse intorno al 1330 Les Portes du Ciel , che presentava in dettaglio le scienze naturali , l' astronomia e la teologia .

India

L'India non sembra aver prodotto un'enciclopedia generalista in tempi antichi, ma piuttosto opere enciclopediche relative a particolari campi. Quindi, il Caraka Sahit è un'antica somma medica che faceva parte dell'Ayurveda . È attribuito a Charaka , ma è stato presumibilmente prodotto da vari autori tra il 175 a.C. d.C. e 120 d.C. J.-C.

Il grande astronomo e matematico Varahamihira ( 505 - 587 ) ha prodotto un'opera enciclopedica intitolata Brihat-Samhita , che copre una vasta gamma di argomenti: astrologia, movimento dei pianeti, eclissi, pioggia, nuvole, architettura, raccolti, profumi, matrimonio, pietre pietre preziose, perle e rituali. Questo libro, che ha 106 capitoli, è conosciuto come "la grande raccolta".

Quando Baghdad divenne la metropoli intellettuale del mondo arabo, molte opere indiane furono tradotte dal sanscrito in arabo e influenzarono la tradizione scientifica lì.

Lontano est

Cina
Pagina manoscritta dalla colossale Enciclopedia di Yongle (c. 1403 ).
Mappa del mondo nel Sancai Tuhui (1607).

La maggior parte delle enciclopedie cinesi devono la loro esistenza al patrocinio dell'imperatore ed erano destinate all'imperatore stesso o ai suoi funzionari.

Il concetto di enciclopedia assume una forma speciale in Cina a causa della natura stessa della scrittura cinese. Trattandosi di un tipo ideografico , l'apprendimento di una parola rappresentata da un ideogramma è inseparabile dalla realtà che è usata per designare. Un'enciclopedia è chiamata leishu , letteralmente un libro ( shu ) di categorie ( lei ) e include qualsiasi lavoro che classifichi materiale scritto. Sono principalmente antologie dei grandi testi classici confuciani , buddisti e taoisti . L'organizzazione interna è di tipo tematico: il cielo ( astronomia , presagi celesti); la Terra (geografia, antichità); Uomo (imperatore, funzionari, personaggi importanti); le arti e le scienze (animali, piante, tecnologia, agricoltura e medicina). Ovviamente il genere del leishu è cambiato profondamente nel corso dei secoli, così come l'idea di enciclopedia nella tradizione occidentale.

Alcuni di questi libri coprivano solo alcune aree, come la storia o la letteratura. Altri comprendevano tutte le conoscenze che un candidato per gli esami di amministrazione avrebbe dovuto padroneggiare . Per far fronte alla notevole crescita del numero dei candidati, che ha raggiunto 400 000 nel XIII ° secolo, molti insegnanti compilare e pubblicare la propria enciclopedia. Nel tempo, queste opere hanno cercato di includere tutte le conoscenze esistenti e di ricopiare in categorie opere intere, piuttosto che semplici estratti. Delle circa 600 opere di questo tipo ne sono state conservate 200.

Nulla è sopravvissuta delle opere dell'antica alta cinese a causa del fatto che l'III ° secolo aC. dC , l'imperatore Qin Shi Huang bruciò le opere di antichi studiosi, così come studiosi viventi che potrebbero averle imparate a memoria.

Considerato talvolta come un'enciclopedia, l' Er ya è il dizionario più antico che si sia conservato; scritto nel II ° secolo aC. dC , è attribuito dalla leggenda allo stesso Confucio .

L' Huang Lan ( What the Emperor Examined ) è considerato oggi la prima opera del suo genere in Cina. Composto intorno al 220 su richiesta dell'imperatore Cao Pi , aveva 1.000 capitoli. Ora è disperso.

La prima enciclopedia cinese conservata è la Yiwen Leiju ( Florilège ordinata per categorie ), prodotta durante la dinastia Tang . Diviso in 47 sezioni ("categorie"), copre un'ampia varietà di argomenti, con molte citazioni di opere più antiche. La sua trascrizione da parte del calligrafo Ouyang Xun terminò nel 624 ; ha avuto diverse edizioni a stampa dal 1515 . Dello stesso periodo è conservato il Fayuan Zhulin ( Foresta di pietre preziose nel giardino del Dharma ) , in 100 volumi, compilato nel 668 da Dao Shi, e che contiene antichi testi buddisti.


Due tipi di pompe idrauliche, illustrate nel Tiangong Kaiwu , dovute a Song Yingxing (15871666).

I quattro grandi libri di canzone è un importante compilation fatta tra il X ° e XI ° secolo. Il suo primo libro si chiama Taiping Yulan , una voluminosa antologia di poesie, citazioni e proverbi compilata tra il 977 e il 983. Ha oltre 1.000 capitoli classificati in 55 categorie. Nel 1013 , il Cefu Yuangui , con 1.000 volumi, si aggiungerà alle tre collezioni esistenti.

Anche se non ha lasciato un'enciclopedia in quanto tale, Shen Kuo ( 1031 - 1095 ) si distingue per i progressi che ha fatto in molti campi e dagli scritti che ha lasciato in astronomia , la matematica , la cartografia , la geologia , meteorologia , agronomia , zoologia , botanica , farmacologia e idraulica ; spirito universale, era anche esperto di musica . Il suo contemporaneo Su Song ( 1020 - 1101 ) fu un'altra grande mente enciclopedica.

Lo Yü-hai ( Oceano di Giada ) fu compilato nel 1267 da Wang Yonglin, che è anche autore di libri e manuali accademici. Quest'opera è stata stampata nel 1738 in 240 volumi e ristampata in 6 volumi nel 1987. Contiene un indice e un sommario.

L' Enciclopedia Yongle è un'opera colossale scritta durante la dinastia Ming tra il 1402 e il 1408 . Ha mobilitato 2.100 studiosi sotto la guida dell'imperatore Yongle (che regnò dal 1402 al 1424 ) e contiene 22.877 capitoli per un totale di 370 milioni di parole in 11.000 volumi. Questo lavoro mobilitò 100 calligrafi, che ne fecero due copie. La classificazione dei soggetti non è organizzata lì per temi, ma per rime. Troppo costoso per la stampa, è rimasto in forma manoscritta e due copie sono state fatte al XVI ° secolo per scopi di conservazione. Rimangono solo 865 capitoli.

Il Bencao gangmu è una raccolta di medicinali completata nel 1578 da Li Shizhen . Elenca piante, animali e minerali per uso terapeutico. L'autore avrebbe impiegato 30 anni a scrivere questo libro, che sintetizza 800 opere precedenti.

Il Sancai Tuhui , pubblicato nel 1609 , è di Wang Qi e Wang Siyi, entrambi nativi di Shanghai . Copre i tre "mondi" del cielo, della terra e dell'umanità. Questo lavoro ha 106 capitoli e 14 categorie: astronomia, geografia, biografie, storia, biologia, ecc. Contiene molte illustrazioni. Le riproduzioni sono ancora disponibili oggi in Cina. Fu oggetto di un adattamento giapponese, il Wakan Sansai Zue ( Enciclopedia illustrata sino-giapponese ) nel 1712 .

Il Tiangong Kaiwu o lo sfruttamento delle opere della natura , pubblicato nel 1637, è di Song Yingxing ( 1587 - 1666 ). Non è un lei shu in senso stretto, ma un lavoro scientifico originale che copre una vasta gamma di argomenti: agricoltura, sericoltura , sale, zucchero, ceramica, metallurgia, trasporti, carta, polvere da sparo , arte militare, mercurio , ecc. Questo lavoro è stato accompagnato da numerose illustrazioni tecniche. Il grande sinologo e storico britannico Joseph Needham considera Song Yingxing il Diderot della Cina .

Nel XVII ° secolo, la Cina scopre la conoscenza dall'Occidente attraverso una collezione di opere scientifiche che Nicolas Trigault ha raccolto in tutta Europa e inviati alla Missione dei gesuiti a Pechino . Con l'aiuto dello studioso cinese Paul Siu Koang-ki, il gesuita tedesco Johann Schall si occupa della traduzione in cinese. Insieme, pubblicarono intorno al 1650 un'Enciclopedia delle cose matematiche e scientifiche in 100 volumi. Il lavoro continua con Ferdinand Verbiest , che fa affidamento sulla superiorità della scienza occidentale, specialmente in astronomia e matematica, per convertire il pubblico, ma fallirà nei suoi sforzi per riformare il sistema educativo.

La Qinding Gujin tushu jicheng o Grande Enciclopedia Imperiale Illustrata dei tempi passati e presenti fu pubblicata nel 1726 . Ha 10.040 capitoli, o 5.020 libretti in 750.000 pagine. Include illustrazioni. A differenza delle precedenti enciclopedie, scritte a mano o stampate in poche copie, questa era stampata con caratteri mobili in rame, forse sotto l'influenza dei Gesuiti e stampata in 64 copie.

Il Siku Quanshu è una vasta collezione commissionata dall'imperatore Qianlong , desideroso di superare la grande Enciclopedia Yongle e sradicare i testi anti-Manchu dal suo impero. Un comitato di 361 studiosi ha lavorato tra il 1773 e il 1782 per raccogliere per questa somma circa 3.461 testi che coprono tutti i campi del sapere accademico: letteratura classica, storia e geografia, filosofia, arti e scienze. In totale, l'opera conta 79.000 capitoli in 36.000 volumi, per un totale di 800 milioni di parole. Ne furono realizzate sette copie manoscritte, di cui solo una, quella della Città Proibita , è sopravvissuta intatta. Questo è stato riprodotto dalla fotolitografia negli anni '80 ed è ora disponibile online.

Giappone

Mentre le enciclopedie cinesi furono importate in Giappone dai tempi antichi, una protoenciclopedia fu compilata in Giappone nell'831 per ordine dell'imperatore Shigeno no Sadanushi, l' Hifuryaku , che contava 1.000 rotoli, di cui rimangono solo frammenti. . La prima enciclopedia propriamente giapponese è opera del poeta Minamoto no Shitag (911-983), autore del Wamy ruijusho , dizionario organizzato in categorie semantiche .

Nel 1712, prendendo ispirazione da Sancai Tuhui , un'enciclopedia illustrata cinese, Terajima Ryan pubblicò il Wakan Sansai Zue o Libro Illustrato dei Tre Regni in Giappone e Cina . Scritto in cinese, che allora era la lingua del sapere, quest'opera contiene articoli che sacrificano al gusto del pubblico per il meraviglioso , come quelli sulla terra degli immortali e sulla terra dei popoli dalle gambe lunghe . Tuttavia, la sua organizzazione e la presenza di spiegazioni alternative per spiegare alcuni fenomeni annunciano le moderne enciclopedie.

Vietnam

Lê Quý ôn pubblicò nel 1773 la prima enciclopedia vietnamita. Intitolato Vân ài Loi Ng , aveva nove sezioni principali: filosofia, fisica, geografia, tradizioni, cultura e società, lingua e retorica, letteratura, regole di condotta, tecniche e strumenti. Durante un'ambasciata a Pechino nel 1760, Lê Quý ôn aveva letto vari lavori scientifici europei in traduzione cinese. Lì fece anche amicizia con uno studioso coreano che in seguito partecipò alla stesura dell'importante enciclopedia coreana Tongguk Munhon pigo (1770).

Corea

Il Tongguk Munhon pigo ("Compilazione di materiali di riferimento sulla Corea") fu scritto nel 1770 da un gruppo di studiosi sotto la direzione di Kim Ch'in, su richiesta del re Yongjo. Stampata in cento copie, questa enciclopedia ha 13 sezioni: astronomia, geografia, cerimonie, musica, affari militari, giustizia, reddito della terra, altre entrate e uscite, amministrazione, commercio, selezione dei funzionari, scuole e organizzazione governativa. . Una seconda edizione, prodotta tra il 1782 e il 1807, è rimasta sotto forma di manoscritto. Una terza edizione sarà pubblicata e stampata tra il 1903 e il 1907 con il titolo Chungbo munhon pigo .

Rinascimento


Illustrazione da Margarita Philosophica (1503).
Pierre de La Ramée (1515-1572).
Copertina del libro di Theodor Zwinger (1565).

La scoperta dei saperi antichi accresce notevolmente il patrimonio di conoscenze a disposizione, senza tuttavia modificare in modo sostanziale la natura delle enciclopedie dell'epoca, che non sono viste come opere dove la conoscenza si aggiorna secondo la conoscenza del tempo, ma dove è conservata. o riscoperto; la conoscenza, infatti, è considerata ancora oggi come una realtà senza tempo, immutabile e proveniente da fonti o autorità esterne. Tuttavia, con l'introduzione del termine enciclopedia, alcuni lavori enfatizzano l'aspetto educativo piuttosto che l'importanza della compilazione. Vengono inoltre esplorate varie tecniche di organizzazione delle informazioni al fine di facilitarne la consultazione.

All'inizio del XV ° secolo, l' umanista italiano Domenico Bandini scrive una Fons memorabilium universi ( "Fonte delle meraviglie dell'universo"), il primo lavoro utilizzando un sistema di riferimenti incrociati.

Domenico Nani Mirabelli pubblica la Polyanthea ( 1503 ), ampio folio comprendente un'antologia di citazioni, simboli , trattati specializzati, aneddoti e favole tratte da fonti greche e latine, tutte raggruppate per voci classificate in ordine alfabetico. Ogni parola è accompagnata dal suo equivalente in greco e da una definizione. Quest'opera, rimaneggiata e ampliata da vari successori, conobbe più di quaranta edizioni tra il 1503 e il 1681 , con un'ultima edizione nel 1735 .

Giorgio Valla , umanista e matematico, scrive De expetendis et fugiendis rebus , un'opera che copre un'ampia gamma di argomenti e di cui una parte importante riguarda le scienze matematiche , fisiologiche e mediche . Fu pubblicato postumo nel 1501 . Raffaele Maffei ( 1451 - 1522 ) nel suo Commentariorum urbanorum libri XXXVIII (Roma, 1506 ) concede un posto preponderante anche ai campi scientifici, in particolare alla geografia e alle biografie . Questo lavoro segna una tappa ulteriore nella secolarizzazione del sapere enciclopedico.

In Germania Gregor Reisch pubblicò la Margarita Philosophica , la prima enciclopedia a stampa ( 1504 ), che sintetizzava il cerchio del sapere nelle arti e nelle scienze, così come erano coperte dall'istruzione universitaria del suo tempo. Questo libro contiene numerose illustrazioni e un indice dettagliato. La struttura riprende il modello di domanda e risposta del catechismo , reso popolare dalla Summa Theologica : uno studente ( Discipulus ) fa domande e l'insegnante ( Magister ) risponde. Secondo l'autore, una lettura attenta di questo libro dovrebbe consentire allo studente di fare a meno di frequentare l'università.

Johann Turmair , noto come Giovanni Aventino, pubblicato nel 1517 un Encyclopedia orbisque doctrinarum, hoc est omnium artium, scientiarum, ipsius philosophiae indice ac divisio . È il primo ad usare il termine enciclopedia nel titolo di un libro.

In Francia, Guillaume Budé tradusse il termine latino encyclopædia come encyclopédie , ma la prima occorrenza stampata di questo termine apparve nel Pantagruel di François Rabelais nel 1532 . L'enciclopedia è la conoscenza completa che Panurge possiede , come il suo compagno Pantagruel . Nel capitolo VIII, Gargantua aveva tracciato il programma educativo che Pantagruele doveva seguire affinché suo padre potesse ammirare in lui "un abisso di scienza" . Il desiderio di accumulare una conoscenza universale è tipico del fermento intellettuale che ha segnato quest'epoca.

Il grande stampatore e umanista Charles Estienne realizzò il Dictionarium Historicum, Geographicum et poeticum ( 1553 ), un dizionario in ordine alfabetico che copre l'attuale vocabolario latino, nonché i nomi di luoghi e persone. Quest'opera sarà costantemente ristampata fino al 1686 .

Pierre de La Ramée propone nella sua Dialettica ( 1555 ) un metodo per organizzare le varie componenti della conoscenza organizzandole visivamente ed evitando ripetizioni, metodo fortemente influenzato dalla sua lettura di Raimondo Lulle .

In Belgio lo studioso e matematico Joachim Sterck van Ringelbergh , detto anche Joachimus Fortius Ringelbergius ( 1499 - 1531 ) è autore di vari trattati oltre che di Lucubrationes vel potius absolutissima kyklopaideia ( Basilea , 1541 ), la prima riflessione moderna sul concetto di 'enciclopedia.

Lo spagnolo Jean Louis Vivès ( 1492 - 1540 ) scrisse a Bruges il suo De Disciplinis , in cui criticava il sistema educativo ereditato dalla scolastica e che era servito da modello per le enciclopedie medievali. Prosegue con una proposta di riforma, insistendo sull'importanza dello studio del greco e del latino nella formazione. Invece di fare affidamento sull'autorità della religione, insiste sulla legittimità dell'interrogatorio basato sulla ragione. Con l'amico Erasmo è una delle grandi figure del Rinascimento .

Nel 1559 , l'avventuriero Paul Scalich pubblicò a Basilea una piuttosto mediocre Encyclopædia, seu Orbis disciplinarum, tam sacrarum quam prophanarum Epistemon . È un dialogo di cento pagine tra un insegnante e uno studente, che tocca una varietà di argomenti.

Lo studioso e medico svizzero Theodor Zwinger pubblicò a Basilea il Theatrum vitæ humanæ , 1565 - 1587 , un'ampia raccolta di circa 4.376 pagine di grande formato. Invece di un ordine alfabetico , l'autore dà un grande posto alle tabelle sistematiche, seguendo l'esempio di Pierre de La Ramée , per mostrare le relazioni tra i soggetti. Inoltre l'opera contiene un indice dettagliato degli argomenti e un altro per exempla o aneddoti moralizzanti. Per la sua portata, questo lavoro è rappresentativo dell'ambizione enciclopedica del Rinascimento, che ha cercato di accumulare quante più informazioni possibili e di evitare il ripetersi della catastrofe che era stata, durante il Medioevo e le invasioni barbariche , la scomparsa della maggior parte della conoscenza dell'antichità greco-romana .

Era moderna

XVII ° secolo
Frontespizio del Novum Organum di Francis Bacon . Questo lavoro avrà un grande impatto sulla riflessione enciclopedica.

Sta emergendo un nuovo atteggiamento nei confronti della conoscenza. Ciò si manifesta sia nella creazione di accademie (Parigi, Londra, Firenze, ecc.) sia in uno spirito più critico e in gran parte dedito alla ragione e all'esperienza. Questa rivoluzione scientifica diede origine a importanti scoperte nell'ottica ( Huygens ), nell'astronomia ( Galileo , Newton ), nell'anatomia ( Hooke ), nell'elettricità ( Hauksbee ) e nella fisica atmosferica ( Pascal ).

Questo nuovo stato d'animo è evidente in Francis Bacon , che intraprende con il Novum Organum (1620) un'enciclopedia che dovrebbe consistere in sei volumi, ma di cui solo i primi due sono stati completati. Criticando la mancanza di rigore del lavoro che lo ha preceduto, Bacon chiede che lo studio della scienza sia basato su un approccio sperimentale . Insiste sul fatto che un'enciclopedia deve essere imparziale e basata su dati comprovati . Riflette anche sul modo di organizzare le materie e propone, in Instauratio magna ( 1620 ), una suddivisione del materiale enciclopedico in 130 sezioni raggruppate in tre parti: natura esterna (astronomia, geografia, specie minerali, vegetali e animali); l'uomo (anatomia, fisiologia, azioni volontarie e involontarie, poteri); l'azione dell'uomo sulla natura (medicina, chimica, cinque sensi e arti connesse, emozioni, facoltà intellettuali, trasporti, aritmetica, ecc.). Nel discorso preliminare dell'Enciclopedia , d'Alembert riconoscerà il suo debito nei confronti di quest'opera.

In Germania, il filosofo ed educatore Johann Heinrich Alsted pubblica un'importante Enciclopedia, septem tomis distintia (2 volumi, 1630 ), che elenca la conoscenza in sette classi principali. Composto da 48 tavole sinottiche e un indice, è l'ultima delle grandi enciclopedie sistematiche scritte in latino. Sarà sviluppato in una seconda edizione per diventare la Scientiarum omnium encyclopædiæ (Lione, 1649 , 4 vol.). La sua influenza sarà considerevole.

Daniel Georg Morhof ( 1639 - 1690 ) scrisse il Polyhistor literarius, philosophicus e practicus , il cui primo volume apparve a Lubecca nel 1688 e gli altri due nel 1708 . Quest'opera, che vedrà diverse edizioni, stupisce per le sproporzioni della sua organizzazione, che dedica circa 1000 pagine alla dimensione letteraria, metà alla sezione filosofia, e solo 124 pagine ai campi pratici. Morhof, invece, presta particolare attenzione alle biblioteche e alla catalogazione dei libri.

Il gesuita tedesco Athanase Kircher ( 1601 - 1680 ), famoso per il suo spirito enciclopedico, pubblicò Ars magna sciendi sive combinatorica ( 1669 ).

In Ungheria , János Apáczai Csere pubblicato un'enciclopedia in 12 volumi, l' enciclopedia Magyar (Utrecht, 1653 - 1655 ), che si basava principalmente su fonti estere, in particolare le opere di Descartes e Pierre de La Ramée .

In Svizzera, Jean-Jacques Hofmann ( 1635 - 1706 ) scrisse il Lexicon universale (2 volumi, Basilea, 1677), occupandosi principalmente di storia antica, geografia e biografie. Vi saranno aggiunti due volumi nel 1683 , riguardanti gli altri rami del sapere dell'epoca.

In Francia, Charles Sorel pubblicò tra il 1634 e il 1644 un'opera intitolata La Science Universelle , in quattro volumi. In accordo con il desiderio di razionalità diffuso nel suo tempo, e in linea con le prescrizioni di Francis Bacon , Sorel voleva separare la "vera scienza" da tutte le imposture e "dare una dottrina che si fondasse sulla ragione e sull'esperienza" . Prendendo alla lettera la definizione data dagli umanisti al termine "enciclopedia", cerca di organizzare la conoscenza in modo perfettamente logico, convinto che tutto sia legato da un primo principio, nella speranza di condurre a "un cerchio e una catena di tutte le scienze". e tutte le arti . In accordo con questo postulato, la sua "enciclopedia" è scritta a testo continuo, senza nemmeno un indice.

Questo libro forse ispirerà quello di un certo Sieur Saunier, che ha compilato un'Enciclopedia dei Beaux-Spirits, contenente i mezzi per raggiungere la conoscenza delle belle scienze (Parigi, 1657 ); l'opera, che è di meno di 400 pagine, è facile da maneggiare e non è destinata a scoraggiare i cortigiani. Le persone del mondo sono infatti alla ricerca di libri che permettano loro di brillare nei salotti letterari . È nello stesso spirito che Jean de Magnon, storiografo del re Luigi XIV , si lancia nella stesura di un'enciclopedia in versi, La Science Universelle en vers héroques . A causa della prematura scomparsa dell'autore, fu scritto solo il primo volume ( 1663 ), composto da 11.000 versi e dedicato alla teologia e al peccato originale.


Ritratto di P. Bayle di Louis Elle il Giovane.
Antoine Furetière scrive il Dizionario Universale .

Alcuni ripubblicano solo opere precedenti o le plagiano spudoratamente. Così apparve ad Amsterdam, nel 1663 , un libro in spagnolo intitolato Vision deleytable y sumario de todas las sciencias (" Deliziosa visione e riassunto di tutte le scienze"), che è la traduzione di un libro italiano di Domenico Delfino apparso nel 1556 , che aveva plagiato l'opera originale spagnola di Alfonso de la Torre, Visione deliziosa , pubblicata a Burgos nel 1435 . Quest'ultimo, infine, si basava, sia nella sua struttura che nel suo approccio allegorico, sull'opera di Martianus Capella scritta intorno al 420. A riprova dell'interesse del pubblico per le opere enciclopediche, anche se ne hanno una sola, l'apparenza.

Anche il dizionario storico sta diventando molto popolare, come testimonia la traduzione-proprietà Dictionarium historicum di Charles Estienne di D. Juigné-Broissinière dal titolo Theological Dictionary, storico, poetico e cosmografico cronologico (Parigi, 1643 ), o il suo adattamento a Londra da Nicolas Lloyd ( 1670 ). Ma queste opere impallidiscono in confronto al Grand Dictionnaire historique o La curiosa miscela di storia sacra e profana di Louis Moréri (Lione, 1674 ) . Contenendo principalmente articoli storici e biografici, questo libro è il primo a presentare una serie di argomenti in un rigoroso ordine alfabetico . Soprattutto, soddisfa le aspettative di un pubblico sempre più desideroso di leggere libri accademici in volgare . Costantemente ristampato e ampliato, raggiunse i dieci volumi in folio nella sua ventesima e ultima edizione nel 1759 . La sua influenza nei paesi vicini sarà considerevole. Sarà tradotto in Spagna, Germania e Inghilterra, dove servirà anche come base per l'opera di Jeremy Collier intitolata Il grande dizionario storico, geografico, genealogico e poetico (2 volumi, 1701-05).

In risposta al lavoro di Moréri , i cui errori voleva correggere, nel 1697 Pierre Bayle pubblicò il Dictionnaire historique et critique , un'altra opera importante che andò a diverse edizioni e prefigura l'Enciclopedia . Con una mente rigorosamente scientifica, Bayle si sforza di denunciare le bugie della tradizione storica e di dare la caccia alle superstizioni in tutte le loro forme. Per evitare il processo, dovrà stabilirsi a Rotterdam . Il suo libro sarà costantemente ampliato da vari collaboratori e ripubblicato, fino a comprendere 16 volumi nell'undicesima edizione (1820-24). Ci saranno varie traduzioni in inglese e tedesco.

I requisiti sono maggiori anche in termini di dizionario linguistico, come dimostra la pubblicazione del Dizionario universale ( 1690 ) di Antoine Furetière ( 1619 - 1688 ). Questo libro di 40.000 articoli in due volumi segna una pietra miliare nella storia dei dizionari e delle enciclopedie: per la prima volta i termini popolari e commerciali sono inseriti in un dizionario e gli articoli sulle scienze, le arti e il lessico sono organizzati in ordine alfabetico uniforme . La pubblicazione di quest'opera varrà al suo autore di essere esclusa dall'Accademia di Francia , da lui anticipata.

XVIII ° secolo
Sistema di rappresentazione che rappresenta il ramo della conoscenza umana - XVIII ° secolo .

Il progetto enciclopedico si è rafforzato nell'età dell'Illuminismo , contemporaneamente allo sviluppo delle scienze.

In Italia, Vincenzo Coronelli ( 1650 - 1718 ) dedicò 30 anni della sua vita alla scrittura di un'innovativa Biblioteca universale sacro-profano . La prima grande enciclopedia organizzata in ordine alfabetico, quest'opera doveva avere 300.000 articoli suddivisi in 45 volumi, ma sono stati prodotti solo i primi sette, che coprono le voci A-Caque (1701-1706). Nel suo progetto, l'autore aveva riservato i volumi 41 e 42 per integrazioni e correzioni, mentre i volumi 43-45 erano riservati agli indici. Inoltre, ogni volume doveva avere un proprio indice, la cui consultazione era facilitata dalla numerazione di tutti gli articoli. Coronelli innova anche mettendo in corsivo i titoli dei libri, una pratica che diventerà universale.

In Inghilterra John Harris ( 1666 - 1719 ), pubblicò nel 1704 , a Londra, il Lexicon Technicum , la prima enciclopedia ideata e scritta in lingua inglese. È anche organizzato in ordine alfabetico e servirà da modello per l' enciclopedia . È accompagnato da tavole e numerosi diagrammi. Note bibliografiche accompagnano gli articoli principali. Il primo autore di un'enciclopedia a ricorrere a esperti, Harris in particolare reclutò il naturalista John Ray e Isaac Newton .


Il Dizionario di Trévoux (1763).
Tavola tratta dal Nuovo Dizionario (1751). L'articolo sulla Reggia di Versailles ha 20 pagine di testo serrato su due colonne.

In Francia, il Dictionnaire de Trévoux riproduce quello di Furetière e lo amplia notevolmente durante le sue sei edizioni successive tra il 1704 e il 1771 . A questi bisogna aggiungere una versione ridotta in tre volumi pubblicata nel 1762. Le Trévoux conta fino a otto volumi nella sua ultima edizione, a cui si aggiunge un volume di glossario latino-francese appositamente per questa edizione. Comprende un numero considerevole di fonti storiche, filosofiche e letterarie.

In Germania, il Reales Staats- und Lexikon Zeitungs , meglio conosciuto con il nome della sua prefazione Johann Hübner, si rivolgeva al pubblico colto, piuttosto che scientifico, come indica l'aggiunta al titolo della 4 ° edizione: Reales-, Staats -, Zeitungs-und Conversations-Lexikon ( 1709 ), e l'idea di un'opera utile per la conversazione continuerà ancora oggi. Questa enciclopedia, che copre geografia, teologia e politica, ha avuto 31 edizioni fino al 1828. È stata tradotta in ungherese. Nel 1712 vi fu aggiunto un supplemento riguardante le scienze, le arti e il commercio, che fu più volte ripubblicato.

Johann Theodor Jablonski ( 1654 - 1731 ) scrisse un Allgemeines Lexicon des Künste und Wissenschaften (Königsberg, 1721 ) in 2 volumi. L'opera avrà molto successo e verrà incrementata nelle edizioni successive, nel 1748 e nel 1767 .

La Cyclopaedia di Ephraim Chambers fu pubblicata a Londra nel 1728 . Sempre in ordine alfabetico, questa importante opera fu spesso ripubblicata e ispirò il progetto di traduzione, quindi di una nuova enciclopedia, che un editore parigino propose a Diderot nel 1746 . Sarà tradotto a Venezia nel 1748 con il titolo Dizionario universale delle arti e delle scienze . Il lavoro di Chambers perfeziona il sistema di riferimenti incrociati e ha avuto una grande influenza sulla storia delle enciclopedie. L'autore ha ammesso di aver preso in prestito dai suoi predecessori, in particolare dal Dizionario di Trévoux .

Il Nuovo dizionario, scientifico e curioso, Sacro e profano di Gianfrancisco Pivati, pubblicato a Venezia (12 volo. 1746 - 1751 ) è la prima enciclopedia di rilievo in lingua italiana. Le illustrazioni sono molto curate (vedi a lato).

In Russia, lo storico e geografo Vasily Tatishchev ha scritto il primo dizionario enciclopedico della lingua russa, il Leksikon rossiiskoi istoricheskoi, Geographicheskoi, politicheskoi i grazhdanskoi , pubblicato a San Pietroburgo . L'opera, che doveva numerare 6 volumi, termina con il terzo, all'articolo di Klyuchnik .

A Lipsia , l'editore Johann Heinrich Zedler pubblicò il voluminoso Lessico universale ( 1731 - 1754 ). Progettato per la prima volta in 32 volumi in folio, quest'opera si è conclusa con 68 in due colonne, rendendola una delle più grandi enciclopedie mai pubblicate in Europa. Molto precisa nei dettagli, è anche la prima enciclopedia a includere schizzi biografici di persone viventi.

L'Enciclopedia di Diderot e d'Alembert
Copertina del 1 ° volume della Encyclopedia , 1751. Articolo principale: Enciclopedia o dizionario ragionato di scienze, arti e mestieri .

Denis Diderot e Jean le Rond d'Alembert produssero tra il 1751 e il 1772 l' Enciclopedia o Dizionario delle Scienze, delle Arti e dei Mestieri , comprendente 17 volumi di testo e 11 di illustrazioni, per un totale di 71.818 articoli. La doppia vocazione di questo lavoro è quella di elencare i saperi e le conoscenze del suo secolo e anche di aprire una riflessione critica, per "cambiare il modo di pensare comune" . Diderot descrive gli obiettivi della sua azienda nel 1751 come segue :

Lo scopo di un'enciclopedia è raccogliere conoscenze sparse sulla faccia della terra; esporre il sistema generale agli uomini con cui viviamo e trasmetterlo agli uomini che verranno dopo di noi; sicché le fatiche dei secoli passati non furono inutili per i secoli che seguiranno; che i nostri nipoti, diventando più istruiti, diventino nello stesso tempo più virtuosi e più felici; e che non moriamo senza aver meritato il bene dell'umanità. "

La pagina che segue il frontespizio comprende una tavola pieghevole in doppio folio , che presenta il sistema figurativo tradotto da Bacon , vale a dire quella che oggi chiameremmo un'ontologia di soggetti o domini. È un sistema gerarchico, che va dal generale allo specifico. L'obiettivo iniziale era quello di poter indicare all'inizio di ogni voce dell'enciclopedia a quale campo questa voce era collegata, ma questo obiettivo non è stato sempre perseguito nella pratica.

Segue poi il Discorso Preliminare di d'Alembert, che colloca la sua impresa nella stirpe dei grandi scienziati dell'epoca: Bacone , Cartesio , Newton , Pascal , Harvey , Leibniz . Rifiuta l'idea secondo cui «moltiplicando l'aiuto e la facilità di apprendimento, [le opere enciclopediche] contribuiranno a spegnere il gusto del lavoro e dello studio» e ritiene, al contrario, «che non si possa facilitare anche i mezzi di educazione molto . Inoltre, per rompere con una tradizione dotta che ancora in gran parte ignorava la descrizione dei mestieri e degli oggetti della vita quotidiana, d'Alembert spiega che nelle botteghe venivano inviati designer e che Diderot scriveva i suoi articoli tecnici basati su "Sulla conoscenza che egli stesso ha attinto dagli operai, o infine da mestieri che si è preso la briga di vedere, e dei quali talvolta si faceva costruire modelli per studiarli più a suo agio. "

Riunendo una mole di dati senza eguali fino ad allora, quest'opera sarà accolta con entusiasmo dal pubblico e anche dall'entourage del re Luigi XV , che ne aveva tuttavia vietato la pubblicazione, come racconta un aneddoto di Voltaire ripreso nella prefazione a La Grande Encyclopédie .

Nell'articolo "enciclopedia", Diderot insiste sulla dimensione collettiva del suo progetto e sullo spirito di generosità che lo anima: "Lavoro che sarà svolto solo da una società di letterati e artisti, sparsi, occupati ciascuno della sua parte , & vincolato solo dall'interesse generale della razza umana, & da un sentimento di reciproca benevolenza . Infatti, oltre 160 enciclopedisti hanno contribuito a questo progetto. Rompendo con le enciclopedie antiche e medievali, che erano opera di un solo uomo, l' Enciclopedia segna l'ingresso nell'era del lavoro collettivo.

Scritta in un momento cruciale della storia delle idee in Occidente, questa enciclopedia prese naturalmente posizione nelle battaglie politiche, religiose e scientifiche del suo tempo. In particolare, in articoli di astronomia , d'Alembert fornisce la prova dell'eliocentrismo , rappresentazione del mondo ancora poco accettata all'epoca; critica severamente l' Inquisizione nel Discorso Preliminare per la condanna di Galileo nel 1633 e milita per la separazione tra Chiesa e scienza. L' Enciclopedia fornisce conoscenze e una critica della conoscenza, del linguaggio e dei pregiudizi veicolati da abitudini, divieti, dogmi e autorità. Testimonia la libertà di pensare , il gusto di inventare e la necessità di dubitare. Queste posizioni audaci gli causeranno innumerevoli problemi e una reputazione sulfurea. Sempre nel 1800, in un discorso al re d'Inghilterra, l'editore della Britannica ricorda che l'opera francese "è stata giustamente accusata di propagare l'anarchia e l'ateismo" , e presenta una propria enciclopedia come contro il veleno.

Dopo l'Enciclopedia
Copertina della prima edizione della Britannica (1771).

Tra il 1768 e il 1771 , la Britannica apparve a Edimburgo in 100 puntate settimanali con il titolo Encyclopædia Britannica, o Dizionario delle arti e delle scienze compilato su un nuovo piano ( Encyclopædia Britannica, o Dizionario delle arti e delle scienze compilato secondo un nuovo piano ) . Una seconda edizione apparve nel 1778. Quest'opera ebbe una carriera ininterrotta nei due secoli successivi.

Tra il 1770 e il 1780 , è stato pubblicato in Yverdon un enciclopedia o dizionario universale ragionato della conoscenza umana , che è stato fortemente ispirato dal modello di Diderot, ma rimuovendo gli aspetti anti-religiose, che guadagnato grande popolarità in protestanti circoli .

La dimensione collettiva del progetto enciclopedico diventa ancora più evidente con la colossale Enciclopedia Metodica , detta anche Encyclopédie Panckoucke , la cui pubblicazione si estenderà dal 1782 al 1832 e che conterà 210 volumi, mobilitando più di mille collaboratori. Invece di trattare gli argomenti per articoli, questa enciclopedia è organizzata in interi volumi dedicati ai campi del sapere. Ad esempio, l'articolo sulla storia naturale si estende su 12 volumi.

A Berlino, Johann Georg Krünitz (1728-1796) si impegnò a scrivere un'enciclopedia sull'economia e la tecnologia, l' Oekonomische Encyklopädie . In fase di scrittura, il progetto si amplia e diventa un'enciclopedia generale. Trasmesso da vari collaboratori, il progetto fu completato nel 1858 con 242 volumi in ottavo.

La Deutsche Encyclopädie è la prima enciclopedia tedesca a prendere come modello l' Enciclopedia di Diderot. Pubblicata a Francoforte dal 1788 , questa enciclopedia non sarà completata e la pubblicazione si fermerà al volume 23 (lettera K) nel 1804 .

Nell'era moderna ( XIX ° e XX esimo secolo)

Dal 1800 e per tutto il secolo successivo, la produzione di enciclopedie divenne un fenomeno di stampa in tutto il mondo, con più di una nuova enciclopedia pubblicata all'anno, senza contare le riedizioni di opere esistenti. Già nel 1809 un periodico inglese segnalava che eravamo entrati nell' "età delle enciclopedie" . Tutte le principali nazioni poi vogliono avere un'enciclopedia nella propria lingua. Non è solo motivo di orgoglio ma anche di interesse nazionale, perché la divulgazione del sapere e la sua messa a disposizione del pubblico è essenziale per lo sviluppo economico e intellettuale di un Paese. Questo movimento è sostenuto da cambiamenti significativi nel livello di alfabetizzazione pubblica e dai progressi nella meccanizzazione delle tecniche di stampa , che rendono commercialmente redditizie le grandi tirature. Ciò ha l'effetto di creare una tensione tra la divulgazione a basso costo rivolta a un pubblico popolare e la specializzazione rivolta a un pubblico erudito, con gli editori costretti a privilegiare un'opzione a scapito dell'altra.

Enciclopedie generali

Questo articolo non si propone di fornire un elenco delle migliaia di enciclopedie generali e specializzate che sono state pubblicate in questi due secoli, ma di dare una panoramica del fenomeno, segnalando le opere più significative nei principali paesi che lo hanno prodotto.

Germania


La Brockhaus Encyclopedia , 14 ° edizione, 1910.

Inghilterra


L' Enciclopedia Britannica (2001).

Brasile

Cina

Spagna

Egitto

stati Uniti

Finlandia

Francia


Pagina dal Dizionario di conversazione per donne e giovani , volume 9.
Logo del seminatore che soffia su un fiore di tarassaco, disegnato da Eugène Grasset nel 1890 per i dizionari Larousse .
Grande Dizionario Universale del XIX ° secolo da Pierre Larousse . Questa illustrazione nella parte superiore della lettera A fa appello al lettore come un acrostico visivo.
Le Nouveau Larousse illustrato , Paris, Larousse, 1897-1904, 7 voll.
Una piccola parte dei 3000 volumi dell'Enciclopedia "Que sais-je". ".
Découvertes Gallimard, una collezione enciclopedica con una specifica decorazione visiva.

Grecia

Iran

Israele

Italia

Giappone

Libano

Olanda

Polonia

Russia

tacchino

Enciclopedie nazionali

Alcune enciclopedie trattano le realtà di una specifica entità politico-culturale non sufficientemente coperta dalle enciclopedie generali. Può essere:

Enciclopedie specializzate
Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft : una colossale enciclopedia specializzata sul mondo greco-romano.

Mentre gli editori di enciclopedie generali devono affrontare la doppia sfida della tecnologia digitale e l'emergere di enciclopedie ad accesso aperto (vedi sotto), le enciclopedie specializzate sono ancora un settore molto dinamico. Questi si stanno moltiplicando in tutte le aree:

Nel dicembre 2013, il catalogo della Biblioteca Nazionale di Francia elencava circa 25.808 titoli di tipo enciclopedico.

L'era digitale

Il computer si rivela rapidamente estremamente utile per lavorare sui testi. Già nel 1946 Roberto Busa vide l'interesse a istituire un indice delle opere di Tommaso d'Aquino , aprendo così la strada alle digital humanities . Grazie alle sue possibilità di calcolo, il computer è infatti uno strumento impareggiabile per il progetto enciclopedico: permette di trovare in una frazione di secondo tutte le occorrenze di una parola tra milioni di altre; l'efficienza dell'accesso alfabetico è massimizzata dal gioco di collegamenti ipertestuali , che consentono al lettore di saltare rapidamente da un elemento all'altro, il che facilita notevolmente l'accesso ai dati; le capacità multimediali insite nel digitale consentono di aggiungere documenti sonori, immagini, video e animazioni a qualsiasi articolo, il che aumenta l'attrattiva di queste opere e facilita la comprensione di dati complessi. Infine, la facilità delle operazioni di aggiornamento è un notevole vantaggio rispetto alla versione stampata.

Enciclopedie su CD-ROM

Il CD-ROM è commercializzato dal 1984 . Molto rapidamente, le enciclopedie hanno iniziato ad adottare questo mezzo. Il successo fu tale che, dal 1993, le vendite delle enciclopedie su CD-ROM superarono quelle delle enciclopedie su carta. Principali enciclopedie su questo mezzo:

Enciclopedie online

Il Web , che ha iniziato a diffondersi nel 1993 , si è rivelato un mezzo di gran lunga superiore al CD-ROM grazie alla sua ubiquità di accesso: questa caratteristica è stata tanto più apprezzata man mano che lo smartphone si sarebbe diffuso alla fine degli anni. 2000 cui seguirà, dal 2010, il touch pad . Se all'istantaneità di accesso aggiungiamo l'estrema facilità di aggiornamento e di operazioni di copia-incolla che il Web consente, comprendiamo l'interesse di questo mezzo per un editore di enciclopedia e il suo appeal per gli utenti.

L' Academic American Encyclopedia , accessibile via Internet dal 1983 tramite CompuServe , è entrata a far parte della piattaforma Web nel 1995 contemporaneamente alla Britannica . Queste due enciclopedie sono disponibili per un abbonamento annuale. In Giappone, l'editore Heibonsha ha reso disponibile via Internet la sua grande enciclopedia con il titolo Netto de Hyakka nel 1999. In Francia, l'editore dell'Encyclopædia Universalis ha iniziato a esplorare questo nuovo mezzo nel 1999, per gli abbonati istituzionali.

Nel gennaio 2001, Jimmy Wales e Larry Sanger hanno lanciato Wikipedia . Mettendo in pratica le idee del teorico del software libero Richard Stallman , questa enciclopedia è definita ad accesso aperto, multilingue, universale e liberamente riutilizzabile. Si basa sulla tecnologia wiki inventata nel 1995 , che permette di creare con estrema facilità nuove "pagine" e di conservare in archivio tutti gli stati di un testo. Il successo di Wikipedia è dovuto sia al suo funzionamento collaborativo deterritorializzato, sia ad alcuni principi fondamentali: la neutralità del punto di vista richiede che lo scrittore sia nel regno della conoscenza e non del credo; gli articoli sono scritti in modo collaborativo e possono essere modificati in qualsiasi momento; le interazioni tra i dipendenti sono regolate da regole di buona educazione e convivialità; il contenuto è liberamente riutilizzabile, secondo il principio della licenza libera ; essendo il progetto per definizione enciclopedico, esclude qualsiasi informazione non referenziata da fonti credibili e verificabili. Altro importante vantaggio è la barra multilingua, che permette all'utente di passare istantaneamente, per lo stesso articolo, alla sua trattazione in un'area linguistica e culturale diversa. Wikipedia ha quasi 6.000.000 di articoli nella sua versione inglese e 2.344.269 articoli in francese, fornendo una copertura molto più enciclopedica di qualsiasi altro progetto, attirando una media di oltre 20 milioni di visitatori al giorno nell'unica versione francese. In confronto, Encarta aveva 62.000 articoli nel 2008, mentre Universalis ne offre 34.400 online. Per quanto riguarda l' Enciclopedia Britannica , ne offre 120.000 online, insieme a un ricco dispositivo multimediale.

Essendo disponibile in circa 300 lingue e dialetti, Wikipedia consente alle comunità, anche piccole, di fare un inventario delle risorse della propria cultura e di farle conoscere, contribuendo a salvaguardare e sviluppare la memoria culturale che le è propria . è Hausa , Kikuyu , lingala o Papiamento . Nonostante un numero relativamente ridotto di parlanti, Wikipedia in svedese è stata nel settembre 2014 la seconda enciclopedia al mondo per numero di articoli.

In Cina , dove Wikipedia è stata bandita in modo selettivo prima di essere completamente bloccata nel 2019, due grandi enciclopedie costruite sullo stesso modello, Hudong ( 2005 ) e Baidu Baike ( 2006 ), hanno superato i cinque milioni di articoli. Nel mondo arabo, Marefa ( 2007 ) fornisce l'accesso gratuito a risorse enciclopediche online, nonché una vasta collezione di libri e manoscritti.

Le enciclopedie cartacee classiche trovano molto difficile competere con il digitale. Nel 2007, Quid ha pubblicato la sua ultima edizione. La Brockhaus Enzyklopädie , la principale enciclopedia tedesca, ha interrotto l'edizione cartacea nel 2009. La Britannica , la cui ultima edizione a stampa risale al 2010, annuncia15 marzo 2012che non pubblicherà più una versione cartacea. L'abbonamento alla sua versione online, che conta 120.000 articoli, costa 70 dollari all'anno. L' Enciclopedia Britannica , che ha pubblicato un 6 ° completamente rivisto edizione in 30 volumi nel 2008 e 7 ° nel 2012, ha annunciato a fine 2012 che lascia a sua volta la versione stampata.

Stanno emergendo numerose banche dati ed enciclopedie specializzate e l' elenco delle enciclopedie su Internet è in costante crescita.

Sviluppi correlati


Almanacco indù per gli anni 1871-1872.

Il desiderio di totalizzazione della conoscenza, che è alla base del progetto enciclopedico, può assumere altre forme, a seconda dell'oggetto da rappresentare e degli obiettivi perseguiti.

I primi tentativi enciclopedica appaiono come un elenco, come ad esempio il " Catalogo delle navi " nel Iliade ( IX ° secolo aC. ), Che elenca le forze durante la guerra di Troia . Un'altra forma di elenco, gli annali , registra gli eventi storici in ordine cronologico. Molte opere di questo tipo sono prodotte ancora oggi, come la Cronologia della storia universale , i fatti famosi o il popolare Guinness dei primati .

L' almanacco elenca varie informazioni relative alla vita quotidiana sotto forma di calendario: fasi lunari , alba e tramonto, stagioni alternate, ecc. Per lungo tempo è stato il repertorio delle conoscenze di base per importanti fasce della popolazione ed è stato addirittura pubblicato sotto forma di pittogrammi ad uso degli analfabeti .

La rappresentazione di tipo piano fornita dalla mappa è perfettamente adeguata per rappresentare le rispettive posizioni di vari oggetti in un insieme finito. Fin dall'antichità, la carta geografica era essenziale per commercianti e navigatori, nonché per i governanti che desideravano delimitare il loro impero. La metafora della mappa si è ora estesa alla mappatura genetica che determina le posizioni relative di una sequenza di DNA su un cromosoma .

La metafora dell'albero, che ha ispirato le prime procedure di classificazione con l' Albero di Porfido , è particolarmente adeguata a rappresentare l'evoluzione degli esseri viventi. Serve come struttura per il progetto web Albero della vita , che mira a riunire una raccolta di informazioni sulla biodiversità e ad identificare tutti gli organismi, siano essi ancora vivi o scomparsi.

L'avvento delle banche dati ha aperto nuove possibilità alla volontà di conoscere. Alcuni vedono il mondo come un "enorme problema di dati" che deve essere raccolto, classificato e offerto ai potenziali clienti. I metodi di data mining ( data mining ) consentono di estrarre configurazioni inattese e semiotiche valide da enormi pile di evidenze precedentemente ritenute prive di valore. Grazie alla loro presentazione in forma visiva, i risultati così ottenuti possono essere generalmente compresi a colpo d'occhio o esplorati a piacimento secondo le esigenze dell'utente. Lo sviluppo del web semantico consente inoltre di immaginare un modello di organizzazione di alcuni campi del sapere realmente transnazionale e translinguistico, come in Wikidata , che garantisce l'aggiornamento immediato dei dati di fatto in tutte le versioni di Wikipedia.

Caratteristiche

Organizzazione

Ordine tematico

Fino al XVII ° secolo , il progetto dell'enciclopedia aveva lo scopo di fornire una sintesi completa della conoscenza in un libro che il lettore avrebbe dovuto leggere dall'inizio alla fine in modo da assimilarla in profondità. L'organizzazione era quindi necessariamente tematica, al fine di facilitare nella mente del lettore l'instaurarsi di collegamenti tra i vari elementi. Poiché questa ambizione diventa irrealistica con l'allargamento del campo della conoscenza, il progetto enciclopedico lascerà finalmente il posto alla comodità offerta da una classificazione alfabetica , ma non senza suscitare molte critiche e polemiche.


Sistema figurativo della conoscenza umana nell'Enciclopedia.

Nel Consilium de Encyclopædia nova conscribenda methodo inventoria (1679), Leibniz , interessato alle regole combinatorie di Raimondo Lulle , rinuncia alla possibilità di applicarle alla scrittura di un'enciclopedia. Invece di una rigorosa organizzazione tematica che concatenerebbe insieme tutta la conoscenza assegnando a ciascun elemento di contenuto un posto unico, Leibniz paragona un'enciclopedia a una Biblioteca come un inventario generale di tutta la conoscenza [] Ricorda che l'enciclopedia dovrebbe avere molto di rimandi da un luogo all'altro, poiché la maggior parte delle cose può essere vista da prospettive diverse [] E chi riordina una Biblioteca spesso non sa dove mettere qualche libro, essendo appeso tra due o due.tre luoghi ugualmente adatti .

Il pensiero di Leibniz era noto al filosofo e matematico d'Alembert che concepì con Diderot l'organizzazione dell'Enciclopedia . Nel Prospetto dell'Enciclopedia , Diderot annuncia di voler "formare un albero genealogico di tutte le scienze e di tutte le arti, che segnerebbe l'origine di ogni ramo della nostra conoscenza, i legami che hanno tra loro e con la radice. comuni, e che usavamo per ricordare ai loro capi i vari articoli . Si è ritenuto comunque necessario offrire una visione sintetica della conoscenza ed è stato sicuramente utile per il project manager di un progetto così colossale avere dei parametri di riferimento per distribuire il lavoro di redazione tra i vari collaboratori secondo le rispettive competenze. Tuttavia, l' Enciclopedia si accontenta di presentare tale tabella (vedi immagine a lato) senza adottarla nell'esposizione degli articoli, che seguono un ordine alfabetico. Successivamente, il vecchio progetto di prioritizzazione delle conoscenze viene abbandonato, salvo che ai fini della classificazione . Non è più presente nella prima edizione della Britannica nel 1771:

Quando la prima edizione della Britannica non includeva una mappa scientifica, sembrava pigrizia; ma fin dall'inizio del XIX E secolo, ha prodotto in una successiva edizione una giustificazione filosofica per questa omissione, liquidando così un aspetto non trascurabile della visione enciclopedica, che ha guidato la Cyclopedia e l' Enciclopedia .

Anche se l'ordine alfabetico è largamente acclamato dai lettori della enciclopedia , enciclopedie tematiche continuano ad apparire nel XX ° secolo, tra cui l'Enciclopedia delle Pleiadi e l' Enciclopedia francesi .

Ordine alfabetico

L'ordine alfabetico, la cui adozione sta cominciando a diffondersi verso la fine del XVII ° secolo , è più adatto a leggere atteggiamenti che crescono e fioriscono nel secolo dei Lumi . Mentre l'enfasi è stata tradizionalmente su un modello intensivo di lettura, che implica la necessità per il lettore di assimilare in profondità il contenuto delle sue letture, assistiamo poi alla diffusione di un modello "estensivo" in cui il lettore preferisce ampliare la gamma delle sue letture piuttosto che rileggere sempre gli stessi testi.

Ansioso di agevolare il lavoro del lettore, Diderot precisa: abbiamo trattato le scienze e le arti in modo tale che non si presume alcuna conoscenza preliminare; che esponga ciò che è importante sapere su ciascun argomento; che gli articoli siano spiegati l'uno dall'altro. " È questa preoccupazione che gli ha fatto adottare un ordine alfabetico. Inoltre, ciò offre ai redattori una nuova flessibilità, consentendo loro di aggiungere nuove sezioni in base ai progressi scientifici senza doverne verificare la coerenza con una precedente organizzazione dell'insieme. L'idea che la disposizione alfabetica offre una maggiore facilità di accesso ad un ampio gruppo di lettori è essenzialmente un pulito idea del XVIII ° secolo.

Critica dell'ordine alfabetico

In The Pickwick Papers ( 1866 ), Charles Dickens cita una persona che avrebbe imparato tutto sulla metafisica cinese dall'Encyclopædia Britannica . Sorpreso il signor Pickwick, il suo interlocutore precisa: Ha letto sulla metafisica sotto la lettera M, e sulla Cina sotto la lettera C, poi ha combinato queste informazioni! "

L'adozione dell'ordine alfabetico viene così spesso denigrata come fonte di una conoscenza eterogenea, vana e superficiale. Ci sono molti critici che sono restii a vedere la conoscenza riversata in migliaia di articoli in ordine alfabetico e si preoccupano degli effetti che questa frammentazione della conoscenza potrebbe avere sulla formazione della mente. Come sottolinea uno storico, il passaggio da un sistema tematico a un sistema alfabetico può riflettere un cambiamento nella visione del mondo, una perdita di fiducia nella corrispondenza tra il mondo e la parola. A questo ovviamente corrisponde anche un cambio nella modalità di lettura .

Già nel 1771 , la prefazione all'Encyclopædia Britannica criticava Diderot e d'Alembert per aver adottato una classificazione alfabetica e la consideravano "follia". Ma quest'opera alla fine lo adotterà anche in un'edizione successiva, che scatenerà una feroce accusa da parte del poeta e critico Samuel Taylor Coleridge , che era nella redazione dell'Encyclopædia Metropolitana . Questo si attiene al vecchio ordine tematico, che causerà il suo fallimento commerciale intorno al 1840 , perché questo tipo di organizzazione era già considerato un anacronismo poiché era impossibile per un individuo abbracciare l'intera conoscenza.

La critica all'ordine alfabetico non è motivata solo da considerazioni teoriche, ma deriva anche dal fatto che, per la sua facilità di accesso, questo tipo di organizzazione mette la conoscenza alla portata delle masse, cortocircuitando così le tradizionali istituzioni di trasmissione di conoscenza. Agli occhi di alcuni, la conoscenza così ottenuta sarebbe alquanto illegittima. Flaubert fece eco a queste critiche nel suo Dizionario delle idee ricevute , pubblicato dopo la sua morte, dove troviamo queste voci: "DIZIONARIO: Dire: È fatto solo per gli ignoranti". " " ENCICLOPEDIA: Riderne con pietà, come se fosse un'opera rococò, e persino tuonarci contro. " Questa critica sarà spiegata in forma romanzesca in Bouvard e Pécuchet (vedi sotto "Enciclopedia e finzione").

Poco dopo la pubblicazione di queste recensioni, si sono levate voci contrapposte per sottolineare i vantaggi del "disordine alfabetico" non più come semplice convenienza ma come fattore di arricchimento intellettuale e scoperte inaspettate:

Cerchi il significato di un termine appartenente al linguaggio comune, il tuo sguardo cade su un articolo di filosofia o si perde, di sfuggita, su una dimostrazione matematica. Una questione di storia ti preoccupa, e pensi di risolverla; ma una spiegazione tecnica si frappone improvvisamente sulla tua strada, chiedendo la tua attenzione. Risultato forzato di una nomenclatura illimitata. La mente trova lì la sua doppia soddisfazione, poiché potrà subito soddisfare il primo oggetto della sua curiosità e raccogliere ulteriori nozioni che non aveva previsto. "

Organizzazione mista
Portale della cultura in Wikipedia (dettaglio).

Cercando una via di mezzo tra approcci alfabetici e tematici, l' Encyclopædia Britannica adotta per la sua 15 ° edizione ( 1974 ) un modello ibrido composto da tre insiemi: la Macropædia (17 volumi) che sviluppa in profondità alcune centinaia di elementi di base, la Micropædia (un comune Enciclopedia in 12 volumi contenente 65.000 articoli in ordine alfabetico) e la Propædia (un vol.) che organizza tematicamente e collega i contenuti degli altri due.

L'arbitrarietà del ordine alfabetico viene compensata in di Diderot Encyclopédie da quattro tipi di riferimenti interni , che possono essere comparati a collegamenti ipertestuali prima della lettera, grazie al quale "ogni lettore può [...] dalla conoscenza alla conoscenza, punto a punto, sviluppare il proprio percorso attraverso l'infinità di percorsi e possibili punti di vista. " Nell'articolo Enciclopedia , Diderot presenta un progetto molto lontano per conoscere il modello razionale e unificato Bacon. Dopo aver accennato all'inizio dell'articolo che "la parola enciclopedia significa catena della conoscenza " , espone una concezione della conoscenza sorprendentemente moderna: "L'universo, reale o intelligibile, ha un'infinità di punti di vista sotto i quali può essere rappresentato, e il numero dei possibili sistemi di conoscenza umana è grande quanto quello di questi punti di vista. " Tale disegno porta a una significativa riduzione delle dimensioni degli elementi a favore della moltiplicazione (71 818) e all'instaurazione di relazioni tra loro. Rispondendo aspettative chiaramente pubblici, questa divisione del sapere in piccole unità forzerà il XX ° secolo con le proposte di Wells e Neurath (vedi sotto). Porterà alle ipotesi premonitrici di Vannevar Bush , allo sviluppo dell'ipertesto e alla creazione del World Wide Web di Tim Berners-Lee .

Nelle enciclopedie online, la questione dell'ordine alfabetico è diventata irrilevante perché il visitatore naviga molto spesso utilizzando collegamenti ipertestuali che gli consentono di seguire le proprie reti associative e costruire una conoscenza che soddisfi i suoi interessi e le sue capacità, secondo i desideri di Diderot. È inoltre necessario mettere in atto vari mezzi per compensare la frammentazione inerente a questo modello e per consentire a chi lo desidera di avere una visione d'insieme di un dominio. La soluzione più semplice è quella dell'enciclopedia Universalis , che offre cascate di menù a tendina in cui gli argomenti sono raggruppati tematicamente, che permette, ad esempio, di scorrere l'elenco di tutti gli scrittori di un paese dato. La Britannica, da parte sua, offre un " time slider " molto sofisticato (in inglese: timeline ) che consente di esplorare ampie classi di argomenti ( architettura , arte , ecologia , vita quotidiana , letteratura , ecc.) attraverso il tempo facendo scorrere il cursore. Ad ogni argomento corrispondono date importanti alle quali sono allegate schede riassuntive sulle quali è possibile cliccare per andare all'articolo dettagliato.

In Wikipedia , ogni articolo è associato a una o più categorie in modo che il lettore possa trovare facilmente tutti gli articoli della stessa categoria così come quelli della categoria gerarchicamente superiore. Un certo numero di articoli è anche associato alla modalità di raggruppamento più flessibile dei portali . Queste, che nella Wikipedia francese sono 1.566, sono classi tematiche, raggruppate a loro volta in 11 grandi sezioni: Arte - Geografia - Storia - Tempo libero - Medicina - Politica - Religione - Scienze - Società - Sport - Tecnologie . Il lettore interessato può così esplorare un campo del sapere e coglierne immediatamente tutte le ramificazioni.

Tipi di contenuto

Il contenuto delle enciclopedie è soggetto allo spirito del tempo e ai limiti della conoscenza in vigore nelle società in cui compaiono. Così le enciclopedie medievali si preoccupavano di localizzare il Paradiso su una mappa del mondo, come fa Isidoro di Siviglia . Lo stesso autore presenta come provata l'esistenza di molteplici varietà di mostri: ciclopi , cinocefali , satiri , antipodi , lemnia (uomini senza testa, con occhi sul petto o sulle spalle), ecc. Questi dati verranno ripetuti più e più volte per secoli. Sempre nel 1771 , la prima edizione della Britannica afferma che l'uso del tabacco ha l'effetto di inaridire il cervello e di ridurlo ad una piccola massa nerastra; la stessa opera contiene anche un articolo dettagliato sulla natura e sui contenuti dell'Arca di Noè , probabilmente copiato/incollato da un'antica opera.

Scritte dagli intellettuali del loro tempo, le enciclopedie hanno a lungo privilegiato la conoscenza astratta a scapito dei mestieri e delle tecniche. La situazione cambiò radicalmente nel 1751 con l' Enciclopedia di Diderot. Allo stesso modo, le enciclopedie hanno a lungo bandito le biografie di persone viventi. Questi sono stati introdotti solo con il Lessico universale pubblicato in Germania dal 1731.

Scrittura e formattazione

Scrivere un articolo enciclopedico richiede il rispetto di uno stile adatto a un discorso scientifico popolare. Già nel 1666, la Royal Society di Londra aveva riconosciuto l'importanza di uno stile neutro per i testi destinati alla sua rivista Philosophical Transactions e bandito le figure retoriche per evitare che i testi stimolanti fossero invasi dall'emotività del loro autore, così facilmente innescato dal gioco del confronto, della metafora, dell'ironia o dell'iperbole.

Il principio di un discorso neutrale, però, si è imposto solo gradualmente nella stesura di un'enciclopedia e non era ancora una regola per i collaboratori dell'Enciclopedia e nemmeno per Pierre Larousse . Ma con questa eccezione, è stato accettato alla fine del XIX ° secolo, il testo enciclopedico deve essere il più rigoroso possibile, come indicato nella introduzione dei dizionari Dictionary :

Sappiamo quanto l'affettazione dell'arguzia, su tutto e irrilevante, abbia danneggiato il carattere della prima Enciclopedia . È pur vero che ogni suddivisione delle opere della mente ha le sue forme e che la scelta oculata delle parole, la condensazione sostenuta, la brevità senza siccità, il senso tecnico del valore dei termini, sono qualità di rigore in queste materiali. La misurata eleganza dell'espressione non è incompatibile con i dati della pura erudizione. Chiarezza, perfetto adattamento alla materia, totale oblio di se stessi, vanno egregiamente all'esposizione scientifica. "

Il discorso enciclopedico è caratterizzato oggi dalla cancellazione dell'enunciatore a favore del referente o delle svolte impersonali, dall'assenza di modalità apprezzative e da uno stile semplice, sobrio, chiaro, preciso e comprensibile del grande pubblico. Nelle grandi case editrici questo lavoro di omogeneizzazione stilistica è svolto da un team di revisori.

Anche i processi tipografici sono stati affinati nel corso dei secoli per consentire al lettore di distinguere rapidamente tra i tipi di informazioni fornite in un articolo. Così, la pratica di mettere i titoli dei libri in corsivo si sviluppò dal 1701. Successivamente, dizionari ed enciclopedie svilupparono segni tipografici usati per distinguere citazioni, sezioni di un articolo, riferimenti, ecc.

Firma


Firma di Freud e bibliografia alla fine di questo articolo "psicoanalisi" nella Britannica , 14 ° edizione, 1929.

Per contribuire all'Enciclopedia , Diderot ha chiamato personaggi famosi del suo tempo, i più noti dei quali sono Voltaire , Rousseau , Condorcet , Montesquieu , ecc. Tuttavia, la maggior parte di questi autori firma semplicemente i propri articoli con le iniziali. Successivamente, la pratica della firma varia. Gli articoli nelle enciclopedie tematiche sono generalmente firmati. Charles Babbage firma i suoi contributi alla Metropolitana . Nella sua edizione del 1926, la Britannica si rivolse a personalità di fama internazionale, come Albert Einstein per l'articolo Spazio-tempo , Freud ( Psicoanalisi ), Marie Curie , Léon Trotski ( Lenin ) o Henri Pirenne ( Belgio ). Allo stesso modo, l' Encyclopædia Universalis fa appello ai luminari, in particolare Roland Barthes ("Testo"). L' Enciclopedia italiana ha anche chiamato centinaia di esperti le cui iniziali riportate all'inizio del volume consentono di identificare l'autore di ciascun articolo.

La firma aggiunge indubbiamente al prestigio di un'opera e garantisce che le informazioni provengano da persone considerate esperte del settore. Come fa notare Collison alla fine del suo studio storico, un'enciclopedia che vuole essere rispettata deve chiamare degli specialisti per i suoi articoli e questi devono essere revisionati da specialisti a tempo pieno o part-time. Nel 1960 , la Britannica impiegò così 170 capi sezione scelti per la loro esperienza nei rispettivi campi e responsabili della supervisione di ciascuno circa 250.000 parole nella loro sezione. Tuttavia, la prima funzione del contributo degli specialisti è quella di associare un'opera al capitale culturale di personaggi famosi - il che non è necessariamente una garanzia di qualità, poiché lo specialista di alto livello rischia di affrontare un articolo di divulgazione senza entusiasmo o di utilizzarlo come piattaforma per risolvere i dibattiti sul campo.

Il fatto che Wikipedia accetti contributi da qualsiasi utente ha attirato molte critiche. In risposta a queste si è sostenuto che è sempre possibile rintracciare nella storia di un articolo i diversi strati della sua scrittura e individuare i punti controversi, il che permette anche di prendere coscienza del fatto che la conoscenza non è solo politico, ma anche sempre provvisorio. È importante sottolineare che l'obbligo di fare riferimento a dichiarazioni da fonti verificabili, come avviene nelle pubblicazioni scientifiche, aiuta a eliminare informazioni soggettive, fantasiose o errate. Nonostante ciò, di fronte allo scandalo provocato da articoli prevenuti o sfigurati da atti di vandalismo adolescenziale - a volte incoraggiati anche da persone che hanno legami con progetti editoriali concorrenti - diversi progetti concorrenti hanno scelto da parte loro di evidenziare il valore sia dei singoli articoli firmato dal loro autore, come Knol (creato nel 2008, chiuso nel 2012), o un sistema di convalida degli articoli da parte di esperti, come Citizendium : creato nel 2006, questo ultimo progetto ha avuto 159 articoli convalidati nel 2015.

fonti


Citazione delle fonti dell'articolo "Abdera", Dizionario storico e critico , 1697. Fonte: Gallica.

Poiché la funzione del genere enciclopedico non è quella di creare nuova conoscenza, il suo contenuto è necessariamente basato sulle fonti. Questi erano già citati in Plinio il Vecchio che, nella sua Storia naturale , cita 500 autori. I riferimenti sono tuttavia imprecisi, a causa della mancanza di riferimenti standardizzati nella maggior parte delle edizioni dell'epoca. Sarà lo stesso nel Medioevo, dove un autore come Vincent de Beauvais cita semplicemente l'autore di un'informazione senza fornire ulteriori dettagli. La situazione cambia man mano che avanziamo nel tempo. Pierre Bayle, nel suo Dictionnaire historique et critique (1697) indica le note con un asterisco che rimanda a precisi riferimenti a margine (autore, titolo, capitolo o pagina). Coronelli , che generalizza l'uso del corsivo nei titoli dei libri. Le enciclopedie moderne generalmente accompagnano i loro articoli con una bibliografia alla fine dell'articolo, come si può vedere nell'estratto dalla Britannica sopra.

Formato

Il formato di un'opera è stato a lungo direttamente correlato con il suo status nell'ordine della conoscenza. Fino alla fine del XVIII ° secolo, libri importanti, come quelli di filosofia e di teologia, sono stati pubblicati in formato folio e quarto , mentre i lavori "più leggeri", le cui opere letterarie è caduto, erano in-ottavo , in-12 , o in- 18.

Entrando nella categoria dei libri seri, le enciclopedie venivano naturalmente pubblicate in formato folio o quarto . Questa regola diventa flessibile con l'espansione del pubblico di lettura, con alcuni editori che optano per un formato più piccolo per attirare un pubblico più ampio. L' Encyclopédie de Diderot et d'Alembert è stata così pubblicata in vari formati: folio per le edizioni realizzate a Parigi, Lucca , Livorno e Ginevra ; in-quarto per quello di Neuchâtel (1778); in-ottavo per quelli di Berna e Losanna (1781). Essendo quest'ultimo formato più economico da produrre e distribuire, sarà scelto da Brockhaus per le Conversations-Lexikon , la cui prima edizione apparve nel 1812. Questo formato molto maneggevole sarà successivamente ripreso da altri editori, in particolare dall'enciclopedia Espasa (1908). C'erano anche qualche formato enciclopedie in-12 al XIX ° secolo. Il formato quarto resterà comunque di gran lunga il più diffuso, perché facilita il lavoro di impaginazione e permette l'inserimento di illustrazioni di buona qualità.

insidie

Pregiudizi ideologici e culturali

Mentre aspira a dire la verità su tutto, un'enciclopedia non è mai immune dai pregiudizi culturali o ideologici dei suoi editori. A volte questi pregiudizi sono chiaramente mostrati, come nell'Enciclopedia , ma faceva parte di questo progetto che Diderot aveva concepito come una macchina da guerra contro l'oscurantismo - con il risultato che quest'opera sarà condannata dalla Chiesa e che il Papa Clemente XIII ordinerà i cattolici a bruciare le copie in loro possesso. In questo lavoro, l'articolo "Human Species" offre un riassunto degli stereotipi dell'epoca sui popoli dei vari continenti, attribuendo le differenze etniche a caratteristiche geografiche e culturali e affermando l'origine unica del genere umano. . Dal secolo successivo comincia ad imporsi una maggiore neutralità di tono. Nonostante la notevole eccezione di Pierre Larousse , è ormai accettato che un'enciclopedia "deve essere un'opera di mostra" e non di combattimento, come scrivono gli autori de La Grande Encyclopédie nella loro prefazione . Nel XIX ° secolo, "il tempo non è la riflessione critica Bayle o Diderot : si adatta Enciclopedismo nelle esigenze di insegnamento della rivoluzione industriale " .

Anche in libri che subiscono un rigoroso processo editoriale, come Britannica , tuttavia, possono manifestarsi pregiudizi pronunciati nella stesura degli articoli. Gli articoli dell'edizione del 1958 dedicati a Freud , Durkheim e Keynes furono quindi denunciati come incompleti o superficiali . Questa stessa edizione ha ripreso nell'articolo sulla Malaysia i peggiori pregiudizi dell'era coloniale , al punto da provocare le reazioni indignate di un quotidiano di Singapore ; l'articolo sui Maasai presentava gli uomini di questa tribù africana mentre si estraevano i loro incisivi inferiori e si nutrivano principalmente di latte, carne e sangue - affermazioni che avevano suscitato un articolo estremamente critico del New Yorker . Questa stessa edizione non aveva alcuna voce sul marxismo - che, nel bel mezzo della Guerra Fredda ! Non ce n'erano nemmeno su Charles de Gaulle , anche se tornò al potere in Francia quello stesso anno. Quanto all'articolo sul Mar dei Caraibi , presentava il Canale di Panama come "un'estensione del confine meridionale degli Stati Uniti" . Questi pregiudizi culturali più o meno inconsci non sono unici. Allo stesso modo, l' Encyclopædia Universalis (1990) non dedicò una voce a Maurice Duplessis , che fu comunque Primo Ministro del Quebec dal 1944 al 1959, mentre dedicò lunghi articoli a parlamentari francesi di second'ordine. In questa stessa enciclopedia, la parola mapuche si riferisce a araucani , articolo che inizia con "Araucan è una parola coniata nel XVI ° secolo da Ercilla, poeta spagnolo, da un nome di luogo nativo" - come se i Mapuche non ha avuto il privilegio di denominazione loro stessi.

Tali pregiudizi sono riconducibili a una redazione centralizzata in una metropoli, dove lo sguardo alla periferia è facilmente guastato dai pregiudizi. Questi sono diventati più facili da rilevare in un'organizzazione decentralizzata e collaborativa in cui comunità di lettori di diversa estrazione intellettuale e geografica possono intervenire nello sviluppo degli articoli.

Contenuto scaduto

Poiché la conoscenza è in continua evoluzione, un'enciclopedia deve essere aggiornata regolarmente. Poiché questa operazione è costosa in termini di ricerca, tipografia e stampa, molti editori si sono accontentati, durante una nuova edizione, di apportare solo modifiche limitate.

Questa critica è stata rivolta in particolare all'enciclopedia spagnola Espasa, che ha continuato a ripubblicare articoli, spesso scritti diversi decenni prima, così come erano. Anche la prestigiosa Britannica non è immune da queste critiche. Nel 1958, gli avvisi su Gustav Mahler , Béla Bartók e Alban Berg erano indietro di una o due generazioni. L'articolo su Baudelaire rifletteva ancora i pregiudizi dell'epoca vittoriana ( "una selezione perversa di soggetti morbosi" ), così come quelli dedicati a Oscar Wilde e Paul Verlaine , che tacevano sulla loro omosessualità .

Inoltre, per fare spazio a nuovi dati, le enciclopedie a stampa erano spesso costrette a ridurre gli articoli dedicati ai personaggi storici. Ad esempio, l'articolo dedicato a papa Alessandro VI occupava due pagine e mezzo nell'edizione del 1910, una pagina nel 1958 e un quarto di pagina nel 1963.

ideologia di stato

Nella Grande Enciclopedia Sovietica , le figure disonorate furono censurate dalla successiva edizione dell'opera. Al fine di garantire una redazione immediata e completa, i funzionari hanno inviato un articolo sostitutivo agli abbonati , chiedendo loro di incollarlo al posto dell'articolo originale.

L'enciclopedia polacco Wielka nematode del pino ha dovuto essere completamente revisionato e ristampato ( 2001 - 2005 ) al fine di rimuovere le distorsioni contenute nella versione in vigore prima della caduta del muro di Berlino nel 1989 .

Queste manipolazioni dell'informazione non sono esclusive dei regimi comunisti . Durante la Guerra Fredda , la CIA riuscì a "collocare" articoli nell'Enciclopedia Britannica .

dogmatismo religioso

Il progetto enciclopedico può facilmente entrare in conflitto con una religione consolidata, entrambe aspiranti a dire la verità sull'insieme del reale. Nel mondo islamico , che, come il mondo cristiano , eredità di saperi disponibile nella cultura ellenistica e diede vita a lavori scientifici di grande qualità tra il VII ° e il XIV ° secolo, le discipline secolari non furono mai ammesse nelle scuole coraniche , i guardiani dell'ortodossia erano così diffidenti nei confronti di tutto ciò che non proveniva dal Corano o non si armonizzava precisamente con il suo insegnamento. Nella cristianità la situazione era diversa, perché è la stessa istituzione religiosa che ha il compito di fare la sintesi tra il dogma e la conoscenza lasciata in eredità dal mondo pagano, basandosi per questo sull'autorità di Agostino , che incoraggiava i cristiani a prendere sfruttare le scienze loro trasmesse dall'antichità secolare per metterli al servizio di una cultura cristiana e interpretare meglio la Sacra Scrittura . Questo Padre della Chiesa accettò la divisione dei saperi stabilita da Varrone , ma collocandoli, nella gerarchia, dopo questioni divine e teologiche, un piano che Raban Maur seguì fedelmente .

La Chiesa, tuttavia, ha acquisito un potente mezzo di controllo con l' Indice . Lo utilizzò prima per impedire la diffusione delle enciclopedie prodotte nel mondo protestante, in particolare quella di Zwinger , nonché della florilegia , come Polyanthea . Ha anche sancito l' Enciclopedia di Diderot e il Gran Dizionario di Pierre Larousse .

Ancora oggi, la mera presentazione oggettiva di dati scientifici è insopportabile per i fondamentalisti religiosi. Negli Stati Uniti , un gruppo ha lanciato Conservapedia, una pseudoenciclopedia modellata su Wikipedia nella forma, ma medievale nello spirito, che si oppone al controllo delle armi e difende il creazionismo mantenendo la necessità di una lettura letterale della Bibbia . Nel 1932, il prospetto della Katholieke Encyclopedie nei Paesi Bassi rigettava esplicitamente la tradizione di imparzialità in vigore dall'Illuminismo , escludendo la possibilità di un trattamento neutrale delle questioni spirituali e religiose.

Plagio

In quanto raccolta di conoscenze consolidate, un'enciclopedia si basa necessariamente su lavori precedenti. Questo approccio è perfettamente legittimo a condizione che siano indicate le fonti. Tuttavia, non è sempre così e capita che un'enciclopedia si conceda di riprendere compilazioni precedenti mascherandole. Secondo Charles Nodier , i dizionari sono generalmente plagi in ordine alfabetico .

Tale pratica, molto diffusa in passato, è attiva ancora oggi. Così, l'enciclopedia cinese online Baidu Baike è stata accusata nel 2007 di aver preso in prestito massicciamente da Wikipedia senza alcuna attribuzione, come richiesto dalla licenza, anche se gli articoli pubblicati nell'enciclopedia cinese sono protetti da copyright.

Impatti sociopolitici

Un nuovo rapporto con la conoscenza

Con la generalizzazione dell'accesso online, l'enciclopedia ha cambiato natura, riflettendo un nuovo rapporto con la conoscenza. Alcuni non nascondono la loro preoccupazione per questi sconvolgimenti:

"Nell'approssimazione e nella confusione, questo tipo di neo-enciclopedia [Wikipedia], per la sua gratuità e il fascino esercitato dallo schermo e dalla tastiera, può allontanarsi dalle enciclopedie professionali e controllate [] l'informatica e la tecnologia. 'Internet distrugge lo spirito enciclopedico incarnato da Aristotele , Sant'Agostino , Bacon , Locke , Leibniz [], che è quantomeno preoccupante. Nell'enciclopedia, il ciclo, il cerchio è diventato senza limiti, il suo centro è ovunque e la sua circonferenza da nessuna parte, e la pedagogia che dà origine alla paideia è il self-service più frettoloso. "

È vero che, da Diderot , un'enciclopedia non mira più a offrire una visione ordinata del mondo, ancorata a certezze filosofiche o religiose come nel Medioevo . Questa concezione ha certamente animato Raymond Lulle, che ne L'Arbre de la science ha proposto una Grande Catena dell'Essere attraverso una rappresentazione della catena della conoscenza . Una tale visione della conoscenza deriva da un'epoca passata. Ormai da diversi secoli, la crescita esponenziale della conoscenza ha escluso la possibilità che un individuo possa andare in giro ad assimilarla.

I domini "nobili" delle sette arti liberali che erano tradizionalmente coperti dall'enciclopedia dovevano essere estesi ai nuovi arrivati. Nel XVIII ° secolo, Diderot aveva rivoluzionato il pensiero enciclopedico, facendo un ampio mestieri e tecnica, con molti volumi di piatti. Con l'avvento della tecnologia digitale, la metafora organica dell'albero un tempo utilizzata per rappresentare l'unicità del sapere ha lasciato il posto a quella del labirinto. In tutti i campi le conoscenze si sono moltiplicate, allargando l'ambito dell'enciclopedia non solo alle discipline scientifiche, ma anche alle produzioni culturali, alle conoscenze necessarie alla vita sociale, nonché ad una moltitudine di informazioni di ordine tecnico e procedurale. Ogni giorno compaiono nuovi standard che devono poter essere applicati, acronimi che devono essere conosciuti per decodificare, eventi che devono essere compresi e di cui vogliamo poter trovare la cronologia esatta. Come già affermato a metà degli anni '70 in una pubblicità per l' Encyclopædia Universalis , "l'enciclopedia è il manuale della vita" . Il pubblico ha più che mai bisogno di informazioni aggiornate, supportate da fonti autorevoli, facilmente accessibili e la cui imparzialità è confermata dall'arbitrato di una pluralità di contribuenti nonché, se del caso, dalla possibilità di confrontare una versione nazionale con versioni in altre lingue.

Inoltre, la capacità di trovare istantaneamente informazioni su tutti i tipi di domande e in qualsiasi momento cambia il nostro rapporto con la memoria. Le arti della memoria , che hanno giocato un ruolo importante prima dell'invenzione della stampa, sono state ulteriormente erose a favore della conoscenza procedurale. Google e Wikipedia sono diventati sostituti della memoria.

Un'etica della condivisione

La decisione di realizzare un'enciclopedia è un progetto a lungo termine che richiede al suo autore di dedicarsi alla sintesi di conoscenze consolidate piuttosto che a crearne di nuove. Per Denis Diderot un'impresa del genere deve essere motivata dal desiderio di elevare il livello di conoscenza tra il pubblico. Vede gli Enciclopedisti come "vincolati solo dall'interesse generale dell'umanità" e l' Enciclopedia come "un libro [per] guidare coloro che avrebbero il coraggio di lavorare per l'istruzione degli altri" .

La stessa motivazione essenzialmente altruistica la ritroviamo in Pierre Larousse , la cui ambizione era quella di realizzare un libro "in cui troveremo, ciascuno nel suo ordine alfabetico, tutta la conoscenza che oggi arricchisce lo spirito umano" , e che si basa su 'indirizzerà non ad una élite, ma a tutti, per "educare tutti su tutte le cose" . Il motto della sua collezione è "Je sème à tout vent" .

La stessa dinamica è ovviamente anche al centro del progetto collaborativo di Wikipedia e Wikisource, che suscita l'ammirazione di un attento osservatore:

Anche preso dal compito di questi copisti anonimi. Chi non si aspetta nulla. Che non sono enciclopedisti ma wikipediani. Che non aumentano quella capacità la somma delle conoscenze disponibili. Che non cessano di aumentarlo, di stratificarlo, di ipercollegarlo, di de-consegnarlo. Nessuno ha dato loro un mandato. Si sono impossessati di ciò che ieri non era nemmeno un bisogno e che oggi, attraverso il loro lavoro, diventa evidente. "

Tutti questi progetti sono fondamentalmente utopie, nel senso positivo del termine. [] Mirano a un ideale: mettere insieme il maggior sapere possibile, metterlo in relazione, trasmetterlo, condividerlo, metterlo in discussione. "

universalismo


Lo scrittore HG Wells .

Secondo Lucien Febvre , il movimento enciclopedico passò dal "tempo delle certezze divine" rappresentato dallo Speculum maius al "tempo delle certezze secolari" con l' Enciclopedia di Diderot; oggi, saremmo ai tempi de "l'enciclopedia che sa di non sapere tutto" . Tuttavia, se il progetto enciclopedico non può più pensare di fornire una sintesi di conoscenza e allo stesso tempo una risposta al senso della vita, ha assunto un'altra dimensione con la rapida ascesa della consapevolezza globale. Secondo lo stesso autore Un'enciclopedia è, deve essere, il manifesto di una civiltà. "

Lo scrittore britannico HG Wells, verso la fine della sua vita, promosse un progetto per un'enciclopedia universale che per certi aspetti prefigurava le enciclopedie online: Ho immaginato un'organizzazione enciclopedica internazionale che archiviasse e aggiornasse in maniera continuativa qualsiasi conoscenza verificabile ponendo su microfilm e rendendolo universalmente accessibile. " Tornando al tema in 1938 in un contributo per l'articolo" Enciclopedia "della Enciclopedia francesi , dal titolo " Reverie su un tema enciclopedica " Wells sostiene la necessità di un" Permanent mondo Encyclopaedia "il nucleo " sarebbe una sintesi globale di bibliografia, documentazione e archivi classificati del mondo , grazie ai quali non dovrebbe più esistere un solo analfabeta nel mondo. Meglio ancora, la facilità di accesso a questa enciclopedia ne farebbe una sorta di cervello dell'umanità . Un'enorme massa di informazioni si trasforma così in un organismo vivente "che può avere sia la concentrazione di un animale intelligente che la vitalità diffusa di un'ameba" . Per l'anticipatore, una tale conquista non è un'utopia, ma sarebbe essenziale per la sopravvivenza dell'umanità perché «non avrà l'effetto di appianare le discordie arcaiche quanto di svuotarle, di scioglierle, ma impercettibilmente, della loro sostanza. » Queste idee concordano in tutto con una posizione difesa dal filosofo e sociologo Otto Neurath , che perorava l'unità della scienza e per la quale l'enciclopedia, per il suo carattere necessariamente incompiuto, è il vero modello della conoscenza, in contrapposizione all'idea di sistema.

Democratizzazione della conoscenza


Il cardinale de Richelieu non era favorevole alla diffusione della conoscenza.

Nella sua dichiarazione di intenti , la Wikimedia Foundation dichiara di lavorare per "un mondo in cui ogni essere umano possa liberamente ottenere e condividere la conoscenza" . Tale desiderio di rendere la conoscenza accessibile a tutti è lungi dall'essere sempre la norma. In linea con il racconto biblico della Caduta , la Chiesa considerava la curiosità intellettuale pericolosa e suscettibile al peccato mortale . Secondo alcuni storici, la Riforma ha fatto molto per promuovere l'idea che tutti gli strati della società dovrebbero avere accesso alla conoscenza. D'altra parte, nei paesi che non furono toccati dalla Riforma, la sfiducia nella diffusione del sapere rimase molto forte fino alla Rivoluzione francese . Così, Richelieu ( 1585 - 1642 ) scrisse nel suo Testamento politico :

Come la Conoscenza delle Lettere, è assolutamente necessaria in una Repubblica, quella, è certo che non debbano essere insegnate indifferentemente a tutti. Come un Corpo che avrebbe Occhi in tutte le sue Parti, sarebbe Mostruoso; allo stesso modo lo sarebbe uno Stato, se tutti i suoi sudditi fossero Sçavans; Vi si vedrebbe anche poca Obbedienza, che Orgoglio e Presunzione vi sarebbero ordinari. "

Questa sfiducia nei confronti della conoscenza era condivisa dai gesuiti , la cui vasta rete educativa copriva solo gli studi secondari. La costituzione di questa congregazione è molto esplicita sulla questione: Nessuno che si adopera nei servizi domestici per conto dell'azienda sappia leggere e scrivere, o, se lo sa, saperne di più; non sarà istruito senza il consenso del generale, perché gli basta servire Gesù Cristo, nostro maestro, con tutta semplicità e umiltà. "

In Cina le autorità sono sempre state attente al controllo della diffusione della conoscenza e questa sfiducia persiste oggi come dimostra il blocco di Wikipedia : inizialmente occasionale e selettivo, questo blocco è diventato completo da quando la piattaforma ha adottato il protocollo https , il che rende più censurata la censura. difficile. Wikipedia è stata anche censurata in tutto o in parte in vari paesi musulmani : Arabia Saudita , Iran , Pakistan , Siria , Uzbekistan . Nell'aprile 2017, la Turchia ha bloccato l'accesso a tutte le versioni di Wikipedia.

Aspetti economici

Medio Evo

Nel Medioevo i libri esistevano solo sotto forma di manoscritti che venivano copiati negli scriptoria , laboratori specializzati che si trovavano più spesso nei monasteri . A causa della loro portata, le opere di natura enciclopedica erano particolarmente costose da produrre, soprattutto se illuminate . Questi libri non potevano quindi diventare beni di consumo quotidiano, una Bibbia di grande formato che costava il reddito annuo di una signoria media. Nonostante ciò, alcune opere importanti sono state copiate più e più volte: vi erano dunque più di 1.000 manoscritti delle Etymologiae d'Isidore de Seville, ma questo è un caso eccezionale e molti manoscritti originali sono stati oggetto solo di poche copie . Quindi, c'erano solo nove copie del Liber floridus (1120).

Da Gutenberg al 1800

L'aspetto della macchina da stampa cambia radicalmente la situazione, permettendo la riproduzione di un libro identico in tutte le copie che vogliamo. Tuttavia, il commercio del libro enciclopedico rimane incerto perché richiede un capitale considerevole per garantire la composizione , la stampa e la distribuzione di un grande quarto , il formato normale di questo tipo di lavoro, e che spesso coinvolge caratteri greci ed ebraici . La tiratura media oscilla tra le 1.000 e le 1.500 copie e spesso molto meno. Per garantire il flusso delle opere, l'editore fa appello ai "postini", che si aggirano per le città, cercando di identificare i clienti.

Rispondendo ad un bisogno di conoscenza sempre più diffuso, certe opere enciclopediche conoscono però molte edizioni, segno di una fortissima redditività. Così la Polyanthea , imponente antologia dove abbondano le citazioni in greco ed ebraico, ha visto almeno 26 edizioni tra il 1503 e il 1686 ed è stata ritrovata nelle biblioteche di principi e prelati. Con la proliferazione delle scoperte scientifiche nel XVIII ° secolo, la domanda è in crescita per i libri di informazione, che renderà il Cyclopaedia delle Camere ( 1728 ) un vero e proprio successo finanziario, che rapidamente ha ispirato un progetto di traduzione francese.

Per aziende molto grandi, come l' Encyclopédie di Diderot e d'Alembert, l'editore lancia un bando di sottoscrizione , che fornisce capitale di partenza e garantisce il flusso dei volumi. Questo libro sarà stampato in 4.250 copie, una cifra considerevole per l'epoca. L'edizione in folio originale costava l'equivalente di 2.450 pagnotte da sette chili, mentre la successiva edizione in quarto ne valeva 960 e l' in-octavo 563 - il budget alimentare di una famiglia per un anno. o il salario di 17 settimane di lavoro per un artigiano , che pone l'edizione più economica ancora fuori dalla portata della classe operaia.

In tempi moderni, la produzione di un'enciclopedia richiede da un lato una redazione di altissimo livello e dall'altro una casa editrice ad alto capitale e una rete di distribuzione internazionale.

XIX ° e XX esimo secolo


Una serie di supplementi annuali dell'Enciclopedia Universalis .

La meccanizzazione delle tecniche di stampa , che porterà ad "una straordinaria egemonia della stampa" , permette di abbassare notevolmente il costo di un'enciclopedia, aprendo nuove prospettive per la sua diffusione. In Inghilterra, una società filantropica il cui programma era quello di diffondere la conoscenza alle classi lavoratrici lanciò la Penny Cyclopædia , che apparve tra il 1833 e il 1843 sotto forma di opuscoli. Rivolgendosi all'élite della società, l' Encyclopædia Britannica , di cui la settima edizione (1828) ha una tiratura di 30.000 copie, è diventata un'impresa finanziaria estremamente redditizia.

Questo successo commerciale del libro di riferimento fu ulteriormente accentuato nel secolo successivo. Nel 1960 , i ricavi della vendita di libri di consultazione negli Stati Uniti erano tre volte superiori alle vendite di libri per adulti nelle librerie. La sola Britannica ha venduto 150.000 set completi in questo paese ogni anno per 398 dollari . Durante i suoi 46 anni di esistenza, l' Encyclopædia Universalis ha venduto oltre 700.000 collezioni. Il successo commerciale delle enciclopedie non è da meno in un paese come la Norvegia dove, per una popolazione di quattro milioni di abitanti, sono state vendute 250.000 copie dello Store norske leksikon in 15 volumi tra il 1977 e il 2009. .

Per evitare costosi aggiornamenti, le grandi enciclopedie tentarono la distribuzione in opuscoli ( Encyclopédie Alpha ) o sotto forma di foglietti da inserire in una rilegatura ( Encyclopédie française ), ma questo sistema ebbe scarso successo. Il metodo utilizzato da Universalis è quello di pubblicare un supplemento annuale, ma ciò non consente di correggere gli articoli, che possono essere resi più o meno obsoleti. Per evitare queste insidie, Britannica ha fatto ricorso a un sistema di "revisione continua", che consiste nel ristampare l'intera enciclopedia ogni anno rivedendo circa il 10% degli articoli, che mantiene una redazione stabile e diffondendo le vendite.

L'accesso al mercato, tuttavia, è difficile e l' immagine del marchio e la rete di distribuzione sono fattori chiave. Le case editrici a volte possono ancora ricorrere alla sottoscrizione o alla vendita di opuscoli per posta, come ha fatto l' Enciclopedia Alpha . Ma il modello principale è la vendita diretta, porta- a-porta porta- a porta di vendita . Per questo, gli editori il più delle volte assumono un esercito di giovani laureati disoccupati che addestrano in tecniche di vendita che rispondono a "un bisogno implicito" . Il fenomeno è così diffuso che il venditore di enciclopedie è diventato un argomento che alimenta ancora programmi radiofonici o film. Molti scrittori cominciarono così ad essere venditori ambulanti di enciclopedie, come Jean Rouaud o David Liss . Poiché la vendita sotto pressione può facilmente portare ad abusi, la maggior parte dei paesi ha introdotto misure che consentono ai consumatori di interrompere una vendita forzata, misure che i giornali ricordano regolarmente ai propri lettori.

Enciclopedia e narrativa


Gustave Flaubert ha satirizzato la conoscenza raccolta da un'enciclopedia in Bouvard et Pécuchet .

Il concetto di enciclopedia ha ispirato diversi scrittori, che a volte ne hanno fatto una parte centrale della loro narrativa. In Bouvard e Pécuchet ( 1881 ), Flaubert mette in scena due rendita che, lasciata Parigi per ritirarsi in campagna, si dedicano a diverse attività (agricoltura, chimica, medicina, storia, filosofia, musica, ecc.). Non sapendo nulla in questi campi, ricorrono a libri di riferimento e in particolare all'Enciclopedia Roret nonché al Dizionario delle scienze mediche . Falliscono miseramente in tutti i loro sforzi, il che mostra la vanità di una conoscenza scarsamente assimilata. Lo stesso Flaubert ha dato a quest'opera un sottotitolo: enciclopedia della stupidità umana dopo averla inizialmente dato come titolo specie di enciclopedia critica in farsa .

In " La Biblioteca di Babele ", lo scrittore argentino Jorge Luis Borges immagina un universo composto da una gigantesca biblioteca i cui scaffali di libri si estendono all'infinito. L'umanità che il popolo cerca febbrilmente di decifrare milioni di libri, ma invano. Alcuni, però, mantengono la speranza che, con il gradimento delle variazioni casuali dei personaggi, si trovi da qualche parte «un libro che è la chiave e il riassunto perfetto di tutti gli altri: c'è un bibliotecario che ha letto questo libro e che è come un dio .

La classificazione della conoscenza è stata a lungo una grande sfida per il progetto enciclopedico e un notevole sforzo è stato dedicato alla ricerca di principi organizzativi, come mostra la sezione storica di questo articolo. In un racconto intitolato "The Analytical Language of John Wilkins" ( 1942 ), Borges offre una divertente riflessione sul carattere talvolta arbitrario delle classificazioni: "Queste categorie ambigue, superflue, carenti ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un certo cinese enciclopedia intitolata Il mercato celeste per la conoscenza volontaria . Nelle pagine lontane di questo libro è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'imperatore, (b) imbalsamati, (c) addomesticati, (d) maialini da latte, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani ruspanti, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che si muovono come matti, (j) innumerevoli, (k) disegnati con una finissima spazzola di pelo di cammello, ( l) et cætera, (m) che hanno appena rotto la brocca, (n) che da lontano sembrano mosche . Questa descrizione, che Michel Foucault riprende in apertura del suo libro Les Mots et les Choses , non è molto lontano da quello trovato nel Diderot propria enciclopedia , nell'articolo "Book", la cui scrittura è dovuto al Chevalier de Jaucourt : In relazione alle loro qualità, i libri si possono distinguere in (a) libri chiari e dettagliati, che sono quelli del genere dogmatico [], (b) libri oscuri, vale a dire le cui parole sono troppo generiche e che non sono definiti [], (c) libri prolissi [], (d) libri utili [], (e) libri completi, che contengono tutto ciò che concerne l'argomento trattato. Relativamente completo [] . Nessun enciclopedista è immune dalla trappola delle categorizzazioni arbitrarie.

In Tlön, Uqbar, Orbis Tertius , altro racconto di Borges pubblicato nel 1940 , il narratore racconta di aver scoperto un paese sconosciuto chiamato Uqbar grazie a un avviso nel volume XLVI dell'Anglo-American Cyclopedia pubblicato a New York nel 1917 e che l'opera sarebbe un facsimile dell'Encyclopædia Britannica del 1902 . Tuttavia, cercheremo invano quest'opera, perché sebbene all'epoca esistessero molte edizioni pirata della famosa Britannica negli Stati Uniti, nessuna porta questo titolo. Inoltre, la Britannica aveva solo 35 volumi all'epoca. La notizia segue sulla misteriosa Enciclopedia di Tlön , che sarebbe stata scritta da una società segreta che si sforzava di descrivere metodicamente e minuziosamente "un pianeta illusorio" . Il narratore aggiunge: i quaranta volumi che contiene (il lavoro più vasto che gli uomini abbiano mai intrapreso) sarebbero la base di uno più meticoloso, non più scritto in inglese, ma in una delle lingue di Tlön. Questa compilazione di un mondo illusorio si chiama provvisoriamente Orbis Tertius e potrebbe contare, nell'arco di un secolo, un centinaio di volumi.

La vena borgesiana di un'enciclopedia fittizia ha conosciuto vari successi: